Start Reading

Consolazione ad Apollonio Plutarco

Ratings:
194 pages

Summary

L’opera del Cheroneo, pur tanto dibattuta per la paternità e l’autenticità, nel giardino letterario classico e moderno è l’esempio di un albero sempreverde, carico di umanità, denso di riflessioni di saggezza pratica, oltre che di dottrina filosofica e letteraria. Essa ci permette di entrare nell’universo del dolore antico, ci fa riscoprire simili, a volte sorprendentemente uguali, e ci meraviglia come anche gli uomini del I secolo d.C., quando ancora la religione cristiana nella fase della sua fanciullezza si stava diffondendo e affermando, abbiano cercato a loro modo di consolare uno dei dolori più grandi e insopportabili. E’ interessante osservare infatti come anche la civiltà pagana, priva della speranza cristiana, sia stata in grado di accettare con naturalezza e dare un senso anche alla mortalità umana, al suo destino caduco e circoscritto al solo viaggio terreno. E non da ultimo lo scritto documenta la ricca eredità che questa cultura classico-pagana ha lasciato anche nello stesso cristianesimo che, dal suo canto ha assorbito tante argomentazioni e principi inerenti all’esistenza e all’escatologia. D’altra parte ancora oggi nella preghiera che si recita per i defunti si ripete “Requiem aeternam dona eis Domine … requiescant in pace”: un eterno riposo … esattamente come aveva ipotizzato già Socrate nel V secolo a.C.

Read on the Scribd mobile app

Download the free Scribd mobile app to read anytime, anywhere.