Start Reading

Jimbo, l'Isis e la strategia del terrore

Ratings:
103 pages1 hour

Summary

Prendi uno che se ne sbatte di tutto, che va in giro su uno scooter scarcassato, che vive in una topaia, che ha i capelli che sembrano quelli di una rockstar anni Ottanta dopo un acquazzone e che per di più, così, per sport, si fa di metanfetamina. Ecco, prendi uno così, piazzalo in una sera d’estate che il caldo fa esplodere i termometri e l’afa è una corda alla gola e fallo rimanere a secco di roba sul più bello, quando è tra le cosce di una prostituta albanese che picchia come un lottatore di sumo. Prendi uno così e sparalo in città senza l’ombra d’un quattrino in tasca alla ricerca di una stramaledetta pasticchina. Solo che la città pullula d’individui strani, carabinieri con la prostata a pezzi e altri col cervello alle Hawaii, pizzaioli russi che filosofeggiano e spacciano droghe, ma soprattutto aspiranti terroristi che sognano le settantadue vergini del paradiso d’Allah in quella che è una serata speciale. Sì, perché Pisa è un tripudio di riflettori, la sicurezza è al livello del G8, Piazza del Duomo è gremita di manifestanti pro-governo e contestatori. Sta per arrivare il Presidente del Consiglio e le tv del mondo hanno puntato i riflettori. Ecco, ora prendi il tizio di prima, che si chiama Jimbo, ficcalo dentro questa serata con un ruolo di primo piano e vedi cosa viene fuori.

Read on the Scribd mobile app

Download the free Scribd mobile app to read anytime, anywhere.