Start Reading

Trilogia del tempo che muore

Ratings:
188 pages1 hour

Summary

La trilogia del tempo che muore, è un’opera poetica che si compone in tre raccolte di liriche: “L’esilio del tempo”, “Oltre il silenzio”, “Il tramonto dei sogni”. La sua poetica è stata la condizione esteriore e interiore della vita d’un uomo e il suo intimo cammino attraverso il tempo, il tempo della vita e del suo disvelarsi. (Vita d’uomo - Giuseppe Ungaretti). In un mondo totalmente impoetico, privo d’ogni razionalità umana se non quella del dio denaro la poesia è l’essenza della vita umana. Se come scrisse Shakespeare “siamo fatti della stessa pasta che sono stati fatti i sogni” chi più della poesia ha interpretato il sogno umano da quando è apparso sulla terra. La poesia è la parte più sublime dell’anima umana può attraversare i misteri dell’universo e denudare gli aspetti più fragili e cupi intrinseci nella natura umana, ma può anche riscattarli sublimandoli. Lo sapevano bene gli antichi Greci che ne fecero un canto che si perde nell’eterno e i tragici con il loro teatro insegnarono ai posteri la vanità della vita. La trilogia del tempo che muore è un inno alla vita e alla sessualità della donna come mistero della natura, dove il tempo che passa si frantuma nello scorrere lento delle stagioni e si rinnova come in uno specchio nella ricerca della memoria, la dolorosa memoria, dove tutto si riassume come in un montaggio d’un film (Pier Paolo Pasolini). La mia poesia è una poesia di memoria come quella del Petrarca e del Leopardi che hanno tentato nel loro disperato grido di fermare il tempo, il tempo che fugge nel baratro del nulla. Mi sono fatto una domanda attraversando il tempo e il passare della mia vita: è valso vivere per la poesia? Sì, è stato uno dei sogni più belli della vita, con essa mi sono ubriacato di luce.

Read on the Scribd mobile app

Download the free Scribd mobile app to read anytime, anywhere.