You are on page 1of 2

Its the same game - survival. The great mass play a waiting game.

Embalmed, crippled, dying in fear of pain. All sense of freedom gone

FREE PRODUCT FOR VOICI LA BOMBE Aprile 2012

www.movimentoemancipazionepoesia.tk

Luke Chueh The Alchemist

http://voicilabombe.altervista.org

cont@ct: voicilabombe@gmail.com

Wheeeeeee! Wooldoor Soockbat Umanit, mi stai sul cazzo da sempre. Ecco il mio motto. Henry Charles Bukowski Is there anyway I can get this popular guy to get me PREGNANT? STACY from Yahoo! Answers All governments are lying cocksuckers Bill Hicks

CONATO
I A cazzotti ho limato il mio dolore livellato il disgusto la rabbia innata la suprema estasi di un bacio il mangiar bene il bere male lodio la fatica le opinioni. In questa retta entropica ho caoticamente ordinato la mia vita, le mie smorfie, la mia noia. Ribellati paranoia! Ribellati ora! Ribellati e traduci in sinusoide questo niente alla rinfusa apatico niente apatico terrore di reagire e rifondami terreno di speranza - figlio fertile esteta del rimorso.

Dead Can Dance Black Sun

Scende in campo l'Italia che lavora contro quella che chiacchiera. L'Italia che produce contro quella che spreca. L'Italia che risparmia contro quella che ruba. Silvio Berlusconi
Copertina:

F A S T I D I O
II La mia mente rinata materia informe e compiaciuta ha bastonato le sinapsi - rami cerebrali - vene violente del pensiero - creatrici di pensiero bastonate con gusto, metodica violenza a scardinare il mio poco ordine mentale. Ho covato tenie di angoscia nel mio cranio, vermi solitari di tristezza a mangiare tutto ci che mi circonda, a rendere me solo, verme solitario di attenzioni. Che la mia carne trovi pace in un banco di macellaio a tranci - carne tenerissima affumicata in quindici anni di tabagismo. Esorcismo intellettuale. Ti prego stuprami per questa affermazione - per liberare lanima dai vincoli del desiderio - per diventare il desiderio stesso - per fondersi con il mare con il cielo con la ghiaia con il letame con i panettoni natalizi che brava gente mangia placida in memoria dellamore.
M.02

Se
Se solo avessi forza coraggio volont mi innalzerei sul mondo e brucerei anche il mare. Invece eccomi qua - lo so non mi vedete rannicchiato in un angolo sperando di sparire.

Ho vomitato i miei ricordi dentro un cesso. Ho provato con la mano a far qualcosa ma la sbornia non aiuta cos -alla fineho rinunciato e tirato lo sciacquone. Con violenza ho vomitato e non ho sentito rumori. Mi hanno detto il silenzio non vomita mai.

Si riparte dalla nausea come un fiore germogliato nella pancia. Le sue radici affondano nel senso di vuoto che percepisco ogni momento, apatico languore a divorare organi interni. Mastico rabbia, deglutisco frustrazione. Perso in un momento come un vuoto a rendere - a chi, non si sa.

Ho gettato gin liscio a infiammare il mio spirito, E vodka Sperando riuscisse a bruciarlo. Mi sono umiliato perch questo secolo ci vuole sconfitti e nella sconfitta ho visto il trionfo imperitura fiamma scintillante del riscatto contro questa carneficina chiamata vita contro la teologia del massacro che forgia i vincenti di oggi. (ho brindato una volta a questo empio mondo Una volta ho perfino sognato un futuro)

Siamo nati su un patibolo. Fermi come rocce ci siamo lasciati aprire il torace per farci asportare la poca dignit rimasta incrostata alle budella. Ci siamo lasciati stuprare gli occhi e bruciare l'anima. Immobili ci siamo lasciati evirare la fantasia e infibulare la libert attendendo che la corda ci cinga il collo. Fermi come rocce giusto per vedere poi cosa succede.

Ci hanno insegnato a sorridere eppure lorrore la fuori e non sta risparmiando nessuno. Sembra quasi che uccidano a caso per sport in allegria tra un brunch e un barbecue mentre bevono birra ridendo e scherzando sognando i culi delle mogli degli altri sognando i cazzi degli altri nel proprio culo ma sempre con quel sorriso che ci urla che tutto va bene. Ci hanno insegnato il dolore e noi lo abbiamo imparato a memoria e a pappagallo lo ripetiamo senza davvero averlo compreso.
*

Non possiamo aggrapparci al niente Non si scorgono luci intorno -monocromia grigio nebbiaE davvero si afferma Di aver visto Speranza in volto? Ti hanno stuprato e ne hai goduto. -mescolavi affanno e saliva, piangevi. Ricordi?Ad occhi chiusi hai urlato -impietoso fu Il seguente silenzioPermutando il dolore in piacere Accogliendo lorrore Come germe di rinnovamento. Cos che andr meglio? Aprire gli occhi -con una lama a incideree piangere sangue per ci che si vede.

Solo 9 ore di lavoro


Solo 9 ore di lavoro (compresa pausa pranzo) Prima di godere Degli sguardi annebbiati Dalla mediocrit Del non vorrei perch non posso, Delle rivoluzioni -che certo un giorno si farannoPiene di se a far marcire i ma. Solo 9 ore di inerzia emotiva Prima di poter tornare A disprezzare questo mondo.