You are on page 1of 323

Assessorato Territorio e ambiente

R. S. A.

Regione Siciliana
2 0 0 7

Relazione sullo stato dellambiente

Progetto Grafico a cura di: Carmelo DAgostino, TFA MATTM

R.

In copertina, lopera di:

Giovanna Music Il Pescespada


(Olio su tela 40x50) per gentile concessione della pittrice

2 0 0 7

R 0 RS SA A2 20 0 07 7

Realizzazione a cura di:


Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente Assessore: On.le Rossana Interlandi Dipartimento Territorio ed Ambiente Dirigente Generale: Arch. Pietro Tolomeo. Servizio 2 VAS- VIA Dirigente responsabile: Ing. Vincenzo Sansone Unit Operativa S. 2.2: Sviluppo sostenibile Monitoraggio e Relazione sullo stato dellambiente Dirigente responsabile: Dott. Guglielmo Loria Assistenza tecnica del Progetto Operativo Ambiente PON ATAS del Ministero dellambiente e della Tutela del Territorio e del Mare: dott.ssa Antonella Barbara, dott.ssa Anna Maria Beltrano, arch. Carla Colletta, dott. Carmelo DAgostino, dott. Domenico Galvano, dott. Antonino Genovesi, dott. Francesco Geremia, dott. Maurizio Lisciandra, dott. Giuseppe Messana, dott.ssa Elena Nasta, Avv. Ornella Navarra Tramontana, Avv. Federico Nucita, Arch. Mario Pantaleo, dott. Emilio Scilipoti.

Regione Siciliana

Coordinamento:
Guglielmo Loria

Autori:
Guglielmo Loria, Antonino Genovesi, Maurizio Lisciandra, Domenico Galvano, Giuseppe Messana, Anna Maria Beltrano, Antonella Barbara, Alfonso Modica, Andrea Santulli, Dominique Scilipoti, Federico Nucita, Emilio Scilipoti, Carmelo DAgostino, Fabrizio Cimino, Francesca Maini, Mario Pantaleo, Antonino Tumminello, Francesco Geremia, Ornella Navarra Tramontana, Danilo Colomela, Angelo Bonanno, Salvatore Mazzola, Gualtiero Basilone, Angela Cuttitta, Bernardo Patti, Giuseppa Buscaino, Salvatore Aronica, Ignazio Fontana, Giovanni Giacalone, Giorgio Tranchida, Francesco Placenti, Luca Caruana, Simona Genovese, Vincenzo Di Stefano, Marco Zora, Francesca Bulfamante, Antonio Bonanno, Carlo Patti, Iacopo Sorrentino, Franco Andaloro, Luca Castriota, Francesco Maria Passarelli.

Consulenze scientifiche:
Prof. Ing. Salvatore Amoroso - Universit degli studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Ing. Pietro Zito - Universit degli studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dott. Franco Andaloro Istituto Centrale per la Ricerca scientifica e tecnologica Applicata al Mare (ICRAM)

Ringraziamenti:
ARPA Sicilia ARRA Sicilia ARTA - D.R.T.A., Servizio 1 Interventi Infrastrutturali a Tutela delle Acque ARTA - D.R.T.A., Servizio 3 - Tutela dallinquinamento Atmosferico ARTA - D.R.T.A., Servizio 4 - Assetto del territorio e difesa del suolo ARTA - D.R.T.A., Servizio 5 Rifiuti ARTA - D.R.T.A., Servizio 6 - Protezione patrimonio naturale ARTA - D.R.T.A., Servizio 7 Qualit dei corpi idrici ARTA - D.R.T.A., Servizio 8 - Tutela dallinquinamento acustico - elettromagnetico ed industrie a rischio ARTA - D.R.T.A., Servizio 9 - Demanio marittimo ARTA - D.R.U., Servizio 1 Pianificazione Territoriale Regionale ARTA - D.R.U., Servizio 2 - Servizio cartografico ed informativo ARTA - D.R.U, Servizio 6 - Vigilanza urbanistica ARTA - Ufficio Speciale della Montagna ARTA - Ufficio Speciale Aree ad elevato rischio di crisi ambientale Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste Dipartimento Foreste - Servizi Tecnici U.O.B. 2 CNR - Mazara del Vallo (TP) C.R.A.M.B.R.A., Centro di Ricerca per lAnalisi, il Monitoraggio e le Metodologie di Minimizzazione del Rischio Ambientale - Universit degli studi di Catania

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e
ICRAM - Palermo Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia - Palermo Provincia Regionale di Messina, 1 Ufficio Dirigenziale: Tutela Aria Suolo, VIII Dipartimento Ambiente Riserva Naturale Orientata Lago Preola Gorghi tondi Mazara del Vallo (TP), Dott.ssa Stefania Dangelo Universit degli Studi di Palermo Dipartimento SE.N. FI. MI. ZO, Prof. Bruno Massa Wilderness Studi ambientali Snc, Bruno Zava.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

R 0 RS SA A2 20 0 07 7

Sommario

Introduzione

1. 2.

Presentazione - Cenni storici ................................................................................................... 8 Crescita sostenibile ................................................................................................................ 14


2.1 Economia, attivit produttive e servizi .......................................................................................................................... 15 2.2 Aspetti socioeconomici..................................................................................................................................................... 16 2.3 Tendenze ............................................................................................................................................................................. 17 Bibliografia essenziale di riferimento ........................................................................................................................................... 18 Glossario............................................................................................................................................................................................ 18 Sezione I - Fattori determinanti

3.

Agricoltura, selvicoltura e zootecnia...................................................................................... 20


3.1 Caratteristiche strutturali .................................................................................................................................................. 20 3.2 Normative di riferimento ................................................................................................................................................. 23 3.2.1 Ambito internazionale e comunitario 23 3.2.2 Ambito nazionale 23 3.2.3 Ambito regionale 24 3.3 Interazioni con lambiente................................................................................................................................................ 24 3.3.1 Aria, cambiamenti climatici ed energia 24 3.3.2 Natura, biodiversit e paesaggio 25 3.3.3 Suolo 26 3.3.4 Risorse idriche 33 3.4 Tendenze ............................................................................................................................................................................. 34 3.4.1 Vendita e distribuzione di fertilizzanti 34 3.4.2 Surplus di azoto di origine agricola 34 3.4.3 Vendita e distribuzione di fitofarmaci 34 3.4.4 Allevamenti ed effluenti zootecnici 35 3.4.5 Agricoltura a basso impatto ambientale 35 3.5 Impatto sulla salute della popolazione ........................................................................................................................... 36 3.5.1 Rapporto Nazionale Residui di prodotti fitosanitari nelle acque 36 3.6 Proposte e politiche di mitigazione ................................................................................................................................ 38 3.6.1 Programma dazione obbligatorio per le zone vulnerabili da nitrati di origine agricola 38 3.6.2 Misure agroambientali 39 3.6.3 Piano regionale per il controllo e la valutazione degli effetti derivanti dallutilizzazione dei prodotti fitosanitari sui comparti ambientali vulnerabili. 39 3.6.4 Programma di Sviluppo Rurale Sicilia 2007-2013 40 3.6.5 Produzione ed utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura 40 Bibliografia essenziale di riferimento ........................................................................................................................................... 41 Glossario............................................................................................................................................................................................ 41

4.

Pesca...................................................................................................................................... 44
4.1 Caratteristiche strutturali .................................................................................................................................................. 44 4.1.1 La situazione nazionale 44 4.1.2 La situazione regionale 47 4.1.3 Il quadro socio-economico 52 4.2 Normative di riferimento ................................................................................................................................................. 53 4.2.1 Quadro comunitario e nazionale 53 4.2.2 Normativa regionale 57 4.3 Interazioni con lambiente................................................................................................................................................ 58

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e
4.4 Tendenze.............................................................................................................................................................................. 59 4.5 Impatto sulla salute della popolazione ........................................................................................................................... 59 4.6 Proposte e politiche di mitigazione ................................................................................................................................ 60 Bibliografia essenziale di riferimento ........................................................................................................................................... 62 Glossario ............................................................................................................................................................................................ 63

5.

Acquacoltura ......................................................................................................................... 66
5.1 Caratteristiche strutturali................................................................................................................................................... 66 5.2 Normative di riferimento.................................................................................................................................................. 70 5.3 Interazioni con lambiente ................................................................................................................................................ 71 5.3.1 Impatto sulla colonna dacqua e sui sedimenti 72 5.3.2 Impatto sulle Comunit Meiobentoniche 74 5.3.3 Impatto sulle Comunit Macrobentoniche 74 5.3.4 Interventi di mitigazione Ambientale 75 5.3.5 Effetto F.A.D. 76 5.3.6 Impatto dellallevamento di Tonno rosso (Thunnus thynnus) in Sicilia 78 5.4 Tendenze.............................................................................................................................................................................. 79 5.5 Impatto sulla salute della popolazione ........................................................................................................................... 80 5.6 Proposte e politiche di mitigazione ................................................................................................................................ 83 Bibliografia essenziale di riferimento ........................................................................................................................................... 84 Glossario ............................................................................................................................................................................................ 85

6.

Attivit Industriali ed energia................................................................................................ 88


6.1 Caratteristiche strutturali................................................................................................................................................... 88 6.1.1 Attivit estrattive 89 6.2 Normative di riferimento.................................................................................................................................................. 90 6.3 Interazioni con lambiente ................................................................................................................................................ 93 6.3.1 Attivit industriali 93 6.3.2 Attivit estrattive 96 6.4 Tendenze.............................................................................................................................................................................. 98 6.4.1 Attivit estrattive 99 6.5 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 101 6.6 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 101 6.6.1 Attivit estrattive 101 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 102

7.

Edilizia ed urbanizzazione ................................................................................................... 104


7.1 Caratteristiche strutturali................................................................................................................................................. 104 7.1.1 Dinamica dellattivit edilizia post-censuaria ed ipotesi per una stima dellincidenza sul consumo di suolo 104 7.1.2 Analisi delle violazioni e delle sanatorie edilizie 107 7.2 Normative di riferimento................................................................................................................................................ 113 7.3 Interazioni con lambiente .............................................................................................................................................. 114 7.4 Tendenze............................................................................................................................................................................ 114 7.5 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 114 7.6 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 114 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 115 Glossario .......................................................................................................................................................................................... 115

8.

Trasporti ............................................................................................................................... 118


8.1 Caratteristiche strutturali................................................................................................................................................. 118 8.1.1 La rete stradale 118 8.1.2 La rete ferroviaria 119 8.1.3 La rete portuale 120 8.1.4 La rete aeroportuale 120 8.2 Normative di riferimento................................................................................................................................................ 121 8.3 Interazioni con lambiente .............................................................................................................................................. 122 8.3.1 Inquinamento Atmosferico 122 8.4 Tendenze............................................................................................................................................................................ 123 8.4.1 I consumi energetici ed emissioni 124 8.4.2 1.1.2 La domanda di mobilit passeggeri e merci 127 8.5 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 129 8.6 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 129 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 130

9.
9.1

Turismo ................................................................................................................................ 134


Caratteristiche strutturali................................................................................................................................................. 134

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P o o i Pr re es se en nt ta az zi i on ne e-C Ce en nn ni is st t or ri ic c i
9.2 Normative di riferimento ............................................................................................................................................... 136 9.3 Interazioni con lambiente.............................................................................................................................................. 138 9.4 Tendenze ........................................................................................................................................................................... 139 9.4.1 Pesca turismo e ittiturismo 140 9.5 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 140 9.6 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 140 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 142 Glossario.......................................................................................................................................................................................... 142

3 Cap. 1

10.

Fenomeni di dissesto territoriale - Rischi naturali .............................................................. 144


10.1 Caratteristiche strutturali ................................................................................................................................................ 144 10.1.1 Rischio idrogeologico (o geologico-idraulico) 145 10.1.2 Rischio sismico-tettonico 150 10.1.3 Rischio vulcanico 152 10.1.4 Rischio costiero 153 10.1.5 Rischio desertificazione 154 10.2 Normative di riferimento ............................................................................................................................................... 156 10.2.1 Normativa comunitaria 156 10.2.2 Normativa nazionale 156 10.2.3 Normativa regionale 157 10.3 Interazioni con lambiente.............................................................................................................................................. 157 10.4 Tendenze ........................................................................................................................................................................... 157 10.4.1 Impatto sulla salute della popolazione 158 10.5 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 158 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 160 Glossario.......................................................................................................................................................................................... 160 Sezione II - Elementi dinterrelazione

11.

Rifiuti................................................................................................................................... 164
11.1 Caratteristiche strutturali ................................................................................................................................................ 164 11.2 Normative di riferimento ............................................................................................................................................... 165 11.3 Interazioni con lambiente.............................................................................................................................................. 166 11.4 Tendenze ........................................................................................................................................................................... 166 11.5 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 169 11.6 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 170 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 171

12.

Siti contaminati ................................................................................................................... 174


12.1 Caratteristiche strutturali ................................................................................................................................................ 174 12.2 Normative di riferimento ............................................................................................................................................... 178 12.2.1 Normativa comunitaria 178 12.2.2 Normativa nazionale 178 12.2.3 Normativa Regionale 180 12.3 Interazioni con lambiente.............................................................................................................................................. 181 12.4 Tendenze ........................................................................................................................................................................... 181 12.5 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 182 12.6 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 182 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 183 Glossario.......................................................................................................................................................................................... 184

13.

Agenti Fisici - Radiazioni .................................................................................................... 186


13.1 Caratteristiche strutturali ................................................................................................................................................ 186 13.2 Normative di riferimento ............................................................................................................................................... 190 13.2.1 Normative Comunitarie 190 13.2.2 Normative Nazionali 191 13.2.3 Normative Regionali 191 13.3 Interazioni con lambiente.............................................................................................................................................. 192 13.4 Tendenze ........................................................................................................................................................................... 192 13.5 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 193 13.6 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 194 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 195 Glossario.......................................................................................................................................................................................... 196

A o g o o As ss se es ss so or ra at t oR Re e gi i on na al le eT Te er rr ri it to or ri i oe eA Am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e 14.
4

Popolazione, ambiente e Salute ........................................................................................... 198


14.1 Caratteristiche strutturali................................................................................................................................................. 198 14.1.1 Popolazione 198 14.1.2 Salute 200 14.2 Interazioni con lambiente .............................................................................................................................................. 200 14.2.1 Inquinamento atmosferico 201 14.2.2 Inquinamento acustico 203 14.2.3 Radiazioni 204 14.2.4 Inquinamento della catena alimentare - Sostanze chimiche 204 14.2.5 Rifiuti 205 14.2.6 Risorse Idriche 205 14.3 Tendenze............................................................................................................................................................................ 206 14.3.1 Popolazione 206 14.3.2 Salute 206 14.4 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 207 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 208 Glossario .......................................................................................................................................................................................... 208 Sezione III - Matrici ambientali

15.

Natura e diversit ambientale .............................................................................................. 212


15.1 Caratteristiche strutturali................................................................................................................................................. 213 15.1.1 Fauna 213 15.1.2 Flora 214 15.1.3 Patrimonio Forestale 214 15.1.4 Geodiversit 218 15.1.5 Aree protette e Siti Natura 2000 220 15.2 Strategie di tutela ed integrazione del quadro normativo......................................................................................... 221 15.3 Principali fattori di pressione e tendenze .................................................................................................................... 222 15.4 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 226 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 228 Glossario .......................................................................................................................................................................................... 229

16.

Ambiente marino e costiero ................................................................................................ 232


16.1 Caratteristiche strutturali................................................................................................................................................. 232 16.1.1 Caratteristiche Oceanografiche 234 16.1.2 Le specie non indigene 243 16.2 Normative di riferimento................................................................................................................................................ 246 16.3 Interazioni con lambiente .............................................................................................................................................. 247 16.4 Tendenze............................................................................................................................................................................ 248 16.5 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 249 16.6 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 251 16.6.1 Monitoraggio 251 16.6.2 Monitoraggio aspetti oceanografici 252 16.6.3 Piani e Programmi 252 16.6.4 Le azioni di tutela dellambiente marino costiero 252 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 254 Glossario .......................................................................................................................................................................................... 256

17.

Acque interne ...................................................................................................................... 258


17.1 Caratteristiche strutturali................................................................................................................................................. 258 17.2 Normativa di riferimento................................................................................................................................................ 259 17.2.1 Comunitaria 259 17.2.2 Nazionale 260 17.3 Interazioni con lambiente .............................................................................................................................................. 260 17.3.1 Acqua e cambiamenti climatici 260 17.3.2 Acqua e inquinamento 260 17.4 Tendenze............................................................................................................................................................................ 261 17.5 Gestione delle risorse idriche ......................................................................................................................................... 265 17.6 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 266 17.7 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 267 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 268 Glossario .......................................................................................................................................................................................... 268

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P o o i Pr re es se en nt ta az zi i on ne e-C Ce en nn ni is st t or ri ic c i 18. Atmosfera ............................................................................................................................ 272


18.1 Caratteristiche strutturali ................................................................................................................................................ 272 18.2 Normative di riferimento ............................................................................................................................................... 273 18.3 Interazioni con lambiente.............................................................................................................................................. 276 18.4 Tendenze ........................................................................................................................................................................... 276 18.5 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 281 18.6 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 281 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 282

5 Cap. 1

19.

Paesaggio e patrimonio culturale ........................................................................................ 286


19.1 Caratteristiche strutturali ................................................................................................................................................ 286 19.1.1 Normative di riferimento 291 19.2 Interazioni con lambiente (matrici interessate) ......................................................................................................... 292 19.3 Tendenze ........................................................................................................................................................................... 293 19.4 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 294 19.5 Proposte e politiche di mitigazione .............................................................................................................................. 294 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 295 Glossario.......................................................................................................................................................................................... 296

20.

Sistemi urbani e pianificazione ........................................................................................... 298


20.1 Caratteristiche strutturali ................................................................................................................................................ 298 20.1.1 Il sistema regionale e metropolitano 298 20.1.2 Il sistema provinciale 302 20.1.3 Il sistema comunale 303 20.2 Normative di riferimento ............................................................................................................................................... 307 20.2.1 Normativa comunitaria 307 20.2.2 Normativa nazionale 308 20.2.3 Normativa regionale 308 20.3 Interazioni con lambiente.............................................................................................................................................. 308 20.4 Tendenze ........................................................................................................................................................................... 309 20.5 Impatto sulla salute della popolazione ......................................................................................................................... 309 Bibliografia essenziale di riferimento ......................................................................................................................................... 309 Glossario.......................................................................................................................................................................................... 309 Conclusioni

21.

Quadro di riepilogo Considerazioni conclusive................................................................ 312


Appendice

Acronimi ......................................................................................................................................... 315

A o g o o As ss se es ss so or ra at t oR Re e gi i on na al le eT Te er rr ri it to or ri i oe eA Am mb bi ie en nt te e

Presentazione Cenni storici

Guglielmo Loria ARTA Sicilia

Ringraziamenti: Ufficio Speciale della Montagna, ARTA

Presentazione - Cenni storici

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

8 Cap. 1 Cap. 1

1. P Pr re es se en nt ta az zi io on ne e-C Ce en nn ni is st to or ri ic ci i

Le precedenti edizioni della Relazione sullo Stato dellAmbiente (R.S.A.), prodotte dalla Regione Siciliana, hanno fornito certamente un contributo sostanziale alla conoscenza ed allinterpretazione della situazione ambientale dellIsola ed altres un valido supporto e riferimento ai fini dellorientamento e delle scelte della programmazione e della pianificazione su scala vasta in ambito regionale. La presente nuova versione della R.S.A., predisposta nellanno 2007, offre un assetto per certi versi differente e trae spunti e benefici dalle analisi di contesto eseguite nellambito della Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) del Programma Operativo Regionale FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) 2007-2013, del PSR (Programma di Sviluppo Rurale) Sicilia 20072013 e del Programma Operativo FEP (Fondo Europeo Pesca) 2007-2013. Pur nel pieno apprezzamento del lavoro svolto nelle R.S.A. del passato, alcuni obiettivi essenziali da perseguire nella presente relazione, fra loro almeno in parte correlati, consistono, da un lato, nellacquisizione di ancora migliori capacit di sintesi e dinterpretazione dei fenomeni osservati nei diversi settori dindagine e dallaltro, nel raggiungimento di una pi articolata ed esplicita formulazione delle conclusioni finali, dalle cui evidenze opportuno possano anche scaturire dei suggerimenti mirati ad indirizzare gli interventi futuri. Tenuto conto della ragguardevole consistenza del testo e degli allegati delle precedenti R.S.A., si cercato di rendere la nuova edizione pi snella e concisa, ai fini di una pi agevole consultazione. Per quanto concerne i grafici e le tabelle, la relazione sar corredata unicamente da alcuni schemi fondamentali, per non appesantire eccessivamente lesposizione. Il suo contenuto integrale sar disponibile sia su supporto cartaceo che informatico (sul sito dellAssessorato Regionale Territorio ed Ambiente). Uno sforzo ulteriore stato compiuto poi verso una maggiore semplificazione e chiarezza nel linguaggio adoperato nel testo, evitando tecnicismi eccessivi ed approntando appositi glossari, nei quali gli autori spiegano il significato della terminologia adoperata. stata apprestata, inoltre, in chiusura, una legenda riguardante gli acronimi pi ricorrenti nella trattazione. Tutto ci dovrebbe comportare una lettura pi facile e una migliore comprensione del documento, oltretutto, per i non addetti ai lavori ed i non specialisti. Entrando nel merito dei contenuti effettivi della relazione, rispetto alle R.S.A. antecedenti, si giudicato conveniente concertare una ripartizione in parte differente delle materie affrontate, separando fra loro taluni argomenti ed aggregandone invece altri. Inoltre, si sono poste in risalto alcune problematiche significative meno sviluppate nelle versioni pregresse od ivi non individuate come temi indipendenti e quindi esaminate in maniera trasversale e non unitaria nellambito dei vari paragrafi. Passando a considerare adesso pi dettagliatamente le tematiche investigate, una prima impostazione seguita, ove possibile, ricalca sommariamente il criterio gi adottato nelle precedenti R.S.A., discendente dalla metodologia D.P.S.I.R. (Determinanti Pressioni Stato Impatti Risposte), largamente utilizzata nella V.A.S. ed in genere nelle analisi ambientali. La presente relazione, a parte i capitoli introduttivi Presentazione - Cenni storici e Crescita sostenibile, costituita per non da due, ma da tre sezioni principali, dedicate rispettivamente ai fattori determinanti, agli elementi di interrelazione ed allo stato delle matrici ambientali coinvolte (anzich i determinanti e le matrici soltanto), pi un capitolo conclusivo, dove viene sintetizzata la situazione attuale e vengono estrapolate le tendenze basilari. I capitoli sono distinti a loro volta in uno o
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P o o i Pr re es se en nt ta az zi i on ne e-C Ce en nn ni is st t or ri ic c i

pi paragrafi, usualmente organizzati in una prima parte introduttiva, nella quale sono richiamate le caratteristiche intrinseche della tematica in esame e la normativa in materia, una seconda parte centrale, dove sono descritte le interazioni con l ambiente e riportate le matrici interessate, lo stato attuale e le tendenze ed una parte conclusiva, in cui sono segnalati gli impatti sulla salute della popolazione (salvo che nel capitolo Natura e diversit ambientale), le necessit e le proposte per la mitigazione degli impatti negativi. In appendice sono poi inseriti i glossari e la bibliografia essenziale di riferimento. I fattori determinanti sono raggruppati in otto categorie fondamentali, successivamente menzionate: 1) Agricoltura, selvicoltura e zootecnia; 2) Pesca; 3) Acquacoltura; 4) Attivit industriali ed energia; 5) Edilizia ed urbanizzazione; 6) Trasporti; 7) Turismo; 8) Fenomeni di dissesto territoriale e rischi naturali. Si dato pertanto pi ampio spazio, ex novo, nel quadro della prima sezione, alle problematiche delledilizia civile, dellabusivismo edilizio ed dellurbanizzazione, le quali si del parere meritino uno svolgimento indipendente, viste le condizioni di compromissione ambientale, ad esse dovute, esistenti in molte zone della Sicilia, soprattutto in relazione alla sottrazione di aree naturali e/o seminaturali, alloccupazione di suolo ed allimpermeabilizzazione di vaste superfici. Lacquacoltura, stante la sua crescente importanza in Sicilia, stata considerata in un capitolo a parte, distaccato dalla pesca. Anche le tematiche legate al turismo sono state oggetto di particolare studio e parimenti vengono svolte autonomamente, tenuto conto della rilevanza di tale settore nelleconomia dellIsola e delle sue prospettive di sviluppo. Con un approccio, si ritiene, abbastanza innovativo, i fenomeni di degrado territoriale ed i rischi naturali vengono riuniti nellunico capitolo Fenomeni di dissesto territoriale e r ischi naturali, ove trovano posto esclusivamente, quindi, le tematiche inerenti gli elementi di minaccia per il territorio, che si manifestano sia sotto forma di processi di deterioramento a lenta evoluzione, spontanei o causati dallantropizzazione, quali desertificazione, dissesto idrogeologico progressivo e perdita di suolo, erosione ed arretramento delle coste, sia sotto forma di pericoli naturali incombenti generati da eventi calamitosi improvvisi, cio associati al rischio sismico, vulcanico ed idrogeologico (frane, esondazioni). Altra novit, la disamina delluso del suolo non viene condotta nello stesso contesto, poich la questione viene inquadrata volta per volta nei capitoli che passano in rassegna i diversi ambiti territoriali (zone agricole, centri urbani, aree industriali); cos pure stato scorporato da questa sede largomento delle attivit estrattive, illustrato invece nel capitolo Attivit industriali ed energia. I rischi di gravi incidenti di origine antropica, che per lambiente si riconducono essenzialmente ai rischi industriali, sono inglobati, similmente, nel capitolo appena richiamato. Nella sezione concernente gli elementi di interrelazione, vengono presi in esame alcuni fenomeni risultanti dalla stretta correlazione fra le attivit umane e lambiente di ricezione. La stessa verte quindi sulle categorie di base appresso indicate: 1) Rifiuti; 2) Siti contaminati; 3) Agenti fisici e radiazioni; 4) Popolazione, ambiente e salute. Il capitolo, di cui al punto 3), si occupa delle radiazioni (ionizzanti e non) emesse da fonti artificiali (impianti e dispositivi di vario genere) nellatmosfera, delle radiazioni provenienti da fonti naturali (solari e cosmiche) ed anche di quelle presenti sostanzialmente nel suolo e nel sottosuolo (principalmente ionizzanti e derivanti dal radon, un gas nobile radioattivo). Per ci che attiene i temi della salute umana e dei disturbi ai quali pu andare soggetta la popolazione, essi sono in primo luogo vagliati tra gli effetti indesiderati nel testo di tutti i capitoli delle tre sezioni (tranne che nel capitolo Natura e diversit ambientale) ed inoltre la corrispondente analisi riassunta altres, onde poter disporre di un quadro riepilogativo, allinterno del capitolo Popolazione ambiente e salute, che stato integrato nella seconda sezione sugli elementi di interrelazione, in quanto la pressione demografica costituisce, inversamente, un importante fattore di impatto sullambiente. La terza sezione rivolta, infine, alla verifica della situazione esistente nei vari comparti in cui pu essere scomposto il sistema ambientale in senso lato ed formata dai seguenti sei capitoli: 1) Natura e diversit ambientale; 2) Ambiente marino e costiero; 3) Acque interne; 4) Atmosfera; 5) Paesaggio e patrimonio culturale; 6) Sistemi urbani e pianificazione. Si giudicato necessario, in unottica di aumentata sensibilit ed attenzione per il mondo naturale, mettere a fuoco maggiormente i problemi afferenti la flora e la fauna selvatica, le aree forestali, la biodiversit, gli ecosi2 7 20 00 0 7

9 Cap. 1

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

10 Cap. 1 Cap. 1

stemi a rischio e lequilibrio biologico, nonch la cosiddetta geodiversit, termine coniato di recente (Sharples, 1993), che, parallelamente alla biodiversit per gli esseri viventi, attesta la variabilit degli elementi abiotici (denominati pi appropriatamente geositi, ulteriore neologismo, il quale ha sostituito il vocabolo geotopi, caduto ormai in d isuso), in un determinato contesto territoriale. I geositi sono stati considerati parte integrante del patrimonio naturale dallUNESCO, concezione ripresa anche in Italia dallAgenzia per la Protezione dellAmbiente e per i servizi Tecnici (APAT) e, pertanto, si dellavviso assumano pienamente il significato di autentici beni ambientali, significato che trascende il mero interesse accademico. Si ritenuto opportuno, perci, inserire la relativa trattazione nel capitolo sulla natura e la diversit ambientale. In altre parole, in armonia con il principio succitato, si giudicata prioritaria lesposizione degli argomenti strettamente concernenti la branca delle scienze ecologiche, sia dando prevalente rilevanza, in linea di massima, ai problemi correlati a questi campi, sia ampliando ed approfondendo, segnatamente, i capitoli tipicamente naturalistici, quali Natura e diversit ambientale, Ambiente marino e costiero, ed altri di diversa impronta, quali Pesca ed Acquacoltura della prima sezione, per le innegabili implicazioni ambientali connesse, ferma restando, chiaramente, limportanza primaria della tutela della sanit umana e della prevenzione degli effetti negativi sulla popolazione. Ad esempio, il problema degli incendi stato affrontato integralmente nel capitolo Natura e diversit ambientale e non stato trattato invece in altre sedi, poich esso riveste un ruolo essenziale tra i fattori dimpatto sugli ecosistemi naturali. Per la prima volta, poi, stata avviata, nel paragrafo sui fattori di pressione del capitolo nominato, unanalisi della situazione dei corsi dacqua sotto il profilo della perdita di naturalit, concepita come stima dellincidenza delle modifiche e del grado di cementificazione, indotti dalle opere e dai lavori realizzati lungo lalveo e le sponde, sugli ecosistemi originari. Lesercizio della caccia e le varie attivit e pratiche legali ed illegali correlate, tematiche finora abbastanza trascurate a paragone di altre, sono state oggetto di maggiore attenzione nella nuova R.S.A., specialmente nel campo delle proposte, giacch si dellavviso arrechino ripercussioni non secondarie sulla consistenza delle popolazioni animali stanziali e migratorie, in un contesto biologico regionale che mostra segni di notevole depauperamento rispetto alle epoche passate. In linea con un simile criterio di tipo ecologico puro, le formazioni forestali esistenti nel territorio siciliano, con lunica eccezione degli impianti di arboricoltura da legno, sono valutate in primo luogo quali ecosistemi naturali o seminaturali, piuttosto che come risorse da sfruttare per finalit produttive ed economiche: ragion per cui sono analizzate allinterno del capitolo sulla natura e la diversit ambientale e non in quello inerente agricoltura, selvicoltura e zootecnia, criterio peraltro gi osservato anche in passato. In modo analogo, nel capitolo Ambiente marino e costiero sono illustrati i parametri chimici, fisici e biologici delle acque marine che circondano la Sicilia, le caratteristiche oceanografiche generali ed i problemi inerenti la flora e la fauna marine, mentre non sono sviluppati gli aspetti pertinenti la sedimentologia e la fisiografia costiera, per i quali si rimanda per lappunto al capitolo sui fenomeni di dissesto territoriale e sui rischi naturali. Dopo aver sommariamente esposto gli scopi ed i contenuti della R.S.A. 2007, prima di concludere la presente introduzione, si dellavviso sia indispensabile evidenziare in questa sede come la Sicilia rappresenti, per la sua posizione al centro del Mediterraneo, i suoi connotati biogeografici di crocevia tra Europa, Asia ed Africa e la sua peculiare insularit non assoluta, data la vicinanza della costa calabrese e le vicende del passato geologico, una terra sicuramente unica nellambito del cosiddetto Mondo Antico. Altrettanto indispensabile appare, ci nondimeno, prendere atto pienamente della circostanza che la nostra regione ha subito, in realt, a partire dalle et pi remote e per molti secoli fino ad oggi, una pressione antropica assai notevole ed uno sfruttamento delle risorse intenso e continuativo, risultando adesso, perci, probabilmente unarea profondamente modificata dalluomo, come del resto gran parte del continente europeo. Basta pensare che gi nel periodo dellantichit classica, dopo la conquista dellIsola da parte delle legioni romane durante le Guerre Puniche, fu attuato un drastico disboscamento delle foreste naturali e degli ecosistemi a macchia mediterranea allora esistenti in buona parte del territorio siciliano, per
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P o o i Pr re es se en nt ta az zi i on ne e-C Ce en nn ni is st t or ri ic c i

far posto principalmente a colture cerealicole, che ben si adattavano alle condizioni pedoclimatiche dei luoghi: la Sicilia sarebbe diventata cos il primo celebre granaio di Roma. Da quei tempi lontani la trasformazione territoriale andata avanti incessantemente su scala globale, coinvolgendo pressoch tutti gli ecosistemi primitivi esistenti, con leliminazione di gran parte della vegetazione originaria, sostituita spesso su ampi spazi da monocolture, la conseguente erosione accelerata dei suoli e dei versanti, il graduale inaridimento del clima e lestendersi dei processi di desertificazione, la nascita e lespansione di numerosi centri abitati, lurbanizzazione di borghi e campagne, la costruzione di strade ed infrastrutture, la strage della fauna selvatica, per terminare questo elenco incompleto con le moderne problematiche della diffusione capillare dellabusivismo edilizio e del massiccio ricorso allimbrigliamento ed alla cementificazione dei corsi dacqua. Unindagine condotta in epoca borbonica (1847) rendeva noto che circa la met della copertura forestale dellIsola era stata cancellata nella prima parte del secolo, con innegabili ripercussioni sul clima, che portarono ad un evidente aumento della siccit. Nel 1925, allinizio del Ventennio, con la battaglia del grano propugnata dal fascismo, nel tentativo di rendere lItalia indipendente dalle importazioni di cereali dallestero, fu potenziata ancora forzatamente la produzione di frumento in Sicilia, talvolta a danno di differenti colture specializzate. Al medesimo periodo (1928 - 1940) risalgono le leggi sulle bonifiche, operanti a livello nazionale (grazie alle quali fu compiuta la famosa bonifica delle paludi pontine) e quella specifica sulla colonizzazione del latifondo siciliano. In base a tale impianto normativo, nella regione fu avviata da parte del governo una nuova fase di interventi di risanamento igienico, sistemazione idraulica, realizzazione di strade, infrastrutture, edifici e villaggi nelle campagne (tra cui i caratteristici Borghi Rurali), che avrebbe inciso in maniera non marginale sullo stato naturale dei luoghi. forse illuminante ricordare, a questo punto, uno degli eventi coevi tristemente pi emblematici del progressivo impoverimento biologico della regione ed inoltre della noncuranza, se non dellostilit, sovente dimostrate in passato dalla nostra specie verso il patrimonio naturale e gli altri esseri viventi, ossia lepisodio dellultimo abbattimento, di cui si ha notizia (1937), di un esemplare di lupo appenninico (Canis lupus italicus) allo stato selvaggio esistente in Sicilia; furono cos definitivamente annientate le popolazioni di uno dei pochissimi mammiferi autoctoni di taglia cospicua sopravvissuti nellIsola dopo le grandi estinzioni della fine del Pleistocene (Quaternario): una perdita irrimediabile, segno di una frattura profonda ed insensata tra il genere umano e lambiente che lo ospita. Di sicuro, non consola il fatto che il medesimo atteggiamento allepoca era riscontrabile anche in molte nazioni europee fra le pi progredite, come la Germania, dove, tanto per rimanere nel tema, lultimo lupo in libert fu ucciso appena undici anni pi tardi, nel 1948. certamente plausibile che nellIsola, per le ragioni che si sono succintamente riferite, non sussista pi oggigiorno alcuna area, tranne forse qualche luogo di difficile accesso, effettivamente vergine (nellaccezione comunemente usata per le grandi foreste primarie della biosfera), vale a dire intatta, allo stato naturale originario, che non sia, cio, mai stata soggetta ad una qualche interferenza da parte delluomo. attendibile comunque che altri paesi dEuropa abbiano seguito un destino molto simile, specialmente quelli dove in modo pi marcato si sono palesati i fenomeni connessi alla diffusione dellagricoltura, degli insediamenti stabili e della civilizzazione. Ancorch il territorio siciliano nel suo insieme sia rimasto esente da consistenti processi di industrializzazione, nella nostra regione, per, in misura maggiore che in gran parte dellEuropa continentale, la situazione dellambiente si ulteriormente aggravata negli anni susseguenti al secondo conflitto mondiale, per lo sviluppo smodato ed incontrollato di tanti centri abitati, labusivismo edilizio, la

11 Cap. 1

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

12 Cap. 1 Cap. 1

costruzione di numerose infrastrutture in aree vulnerabili, lagricoltura intensiva, la canalizzazione dei corsi dacqua, leccessivo uso di autoveicoli inquinanti, linstallazione in alcuni comprensori di stabilimenti petrolchimici ed energetici ad elevato impatto ambientale. Nello scenario indubbiamente non esaltante del dopoguerra, uno dei pochi fenomeni in controtendenza stato il deciso cambio di rotta degli indirizzi politici verso una generalizzata azione di rimboschimento in tutte le province, congiuntura che ha consentito un considerevole accrescimento della superficie boscata totale dellIsola nella seconda met del ventesimo secolo, passata da 100.000 ettari nellanno 1950 a pi di 300.000 ettari nel 2000 1; non sempre, comunque, sono state messe a dimora essenze autoctone, essendo stati sovente introdotti alberi estranei o non adatti ai luoghi dimpianto, come eucalipti e pini domestici. Tutto ci premesso, anche vero, tuttavia, che svariate zone della regione sono state risparmiate da alterazioni profonde ed irreversibili di matrice antropica e si presentano, in atto, in buono od in discreto stato di conservazione, mantenendo quindi concretamente condizioni di naturalit e di biodiversit soddisfacenti. Parecchi di questi siti rientrano ormai nel complesso sistema istituito di parchi regionali, riserve naturali, S.I.C., Z.P.S., I.B.A. e Zone Ramsar che la Sicilia vanta al suo attivo, per una percentuale totale di territorio protetto e/o vincolato, senza contare le aree marine, pari ad oltre 500.000 ettari, ossia a circa il 20% della superficie regionale, con fondate probabilit suscettibile di successivi incrementi. Tenuto conto di questi dati confortanti, dell articolato apparato normativo oggi vigente in campo ambientale a livello comunitario, nazionale e regionale e dellopinione pubblica, a paragone dei tempi passati, decisamente cambiata a favore del mondo naturale e di un ambiente pi sano, possiamo ancora sperare in un futuro migliore non solo per la nostra Isola, ma anche per lintero Pianeta. Si auspica, pertanto, che la presente relazione, oltre a conseguire gli scopi intrinseci assegnati, assuma finalit pi ampiamente divulgative e sia in grado di contribuire alla promozione dei valori ambientali nel contesto della societ siciliana.

Dati gentilmente forniti dallUfficio Speciale della Montagna dellA.R.T.A.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

Crescita sostenibile

Maurizio Lisciandra, TFA MATTM Antonino Genovesi, TFA MATTM

Crescita sostenibile

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

14 Cap. 2 Cap. 2

2. C Cr re es sc ci it ta as so os st te en ni ib bi il le e

"La crescita configura un aumento del prodotto senza modificazioni strutturali o di tipo qualitativo, mentre lo sviluppo presuppone unespansione accompagnata da cambiamenti sostanziali nellassetto socio-istituzionale e culturale.1 Lo sviluppo definito sostenibile quando soddisfa i bisogni presenti senza compromettere labilit delle future generazioni di soddisfare i propri. La sostenibilit di un sistema economico indica la capacit di contenere le pressioni sullambiente e sulle risorse naturali entro limiti che non danneggino il primo, privando lumanit di quelli che oggi si chiamano servizi ambientali, indispensabili per la vita. Sostenibilit significa anche ristabilire le condizioni di uso corretto delle risorse territoriali, idriche, energetiche e biologiche, al di sotto dei ratei di ricostituzione degli stock rinnovabili e al pareggio tra il consumo delle risorse non rinnovabili ed i ratei delle sostituzioni tecnologiche con risorse nuove. Crescita e sviluppo costituiscono un bisogno primario da soddisfare, a patto di essere sostenibili2: laffermazione fonte di una serie di contraddizioni; infatti, se per crescita economica sostenibile si intende un aumento del livello del PIL reale e stabile nel tempo, senza il rischio di effetti di ritorno dovuti alleccessivo sfruttamento delle risorse e se per sviluppo sostenibile si intende la realizzazione di una crescita sostenibile di un insieme di variabili, allora laumento di una di esse potrebbe, anche, ostacolare le altre. Ad esempio, laumento di una produzione industriale inquinante determiner da un lato lincremento del valore del PIL e allo stesso tempo labbassamento della qualit dellaria, diminuendo, cos, i valori di un altro indicatore che concorre alla determinazione dello sviluppo sostenibile. In definitiva, il problema la realizzazione un processo di sviluppo sostenibile senza sacrificare quello di crescita. La sostenibilit necessita di un approccio multidimensionale di immediata lettura, che possa essere di supporto per lorientamento politico, allo scopo di facilitare le azioni di indirizzo del governo. Questa visione viene fatta propria dalla Relazione sullo Stato dellAmbiente che, tra i propri obiettivi primari, annovera la fornitura di un quadro diagnostico semplice, sintetico ed efficace della struttura del sistema territoriale, delle sue risorse, dei vincoli e dei punti sensibili e di debolezza, dei processi di gestione, controllo, degli attori, delle cause e dellintensit dei processi di trasformazione e delle interferenze con lambiente. Le peculiarit regionali sono note e sono legate alla rilevanza della Sicilia nellarea mediterranea, allo straordinario patrimonio naturale, artistico e di cultura, alla ricchezza delle citt storiche, alla biodiversit, alla tipicit delle culture e delle colture regionali, alla fragilit del territorio, allesposizione al rischio di eventi naturali, in aggravamento per effetto dei cambiamenti climatici, alla lunghezza del profilo costiero, ai problemi dellimmigrazione, ai livelli perduranti di di-

1 2

Totola Vaccari M.G. (1988), Rivedere la gerarchia dei valori-guida: la qualit, rivista Verdevivo n.15. Per approfondimenti sul concetto di sostenibilit si veda: http://www.undp.org/.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

C i i Cr re es sc c it ta as so os st te en n ib bi il le e

soccupazione e di cattiva occupazione, al ritardo nel recupero dei differenziali sociali, in particolare di genere, ai problemi di coesione interna, allo squilibrio dei flussi turistici, allabusivismo edilizio, alla concentrazione di sistemi industriali in talune aree territoriali. In estrema sintesi, luomo ha assoggettato il territorio alle sue esigenze, lo sviluppo visto come bisogno primario, tutti gli aspetti economici e sociali indicano la necessit di crescita (quindi di impiego di risorse), mentre gli aspetti legati allambiente, al territorio e alla popolazione indicano lesigenza di assoggettare lo sviluppo a regole di sostenibilit. In questo contesto, lambiente visto come recettore delle conseguenze necessarie dello sviluppo economico e sociale della popolazione siciliana, anche se a livelli micro-territorali lambiente stesso pu rappresentare una fonte di reddito. In una visione pi ampia, sostenibile un utilizzo consapevole delle risorse, distinguendo tra fattori inquinanti necessari e fattori inquinanti non necessari; i primi si identificano con scarti di produzione necessari allo sviluppo ed alla crescita del paese, i non necessari sono la risultante della differenza tra ci che si produce (sempre in termini di inquinamento) e ci che sarebbe prodotto con una corretta gestione (dal punto di vista normativo o tecnico) degli inquinanti. I modelli di sviluppo e politica economica di una nazione indicano come necessario il sacrificio di alcune porzioni di territorio per la crescita dellintero sistema paese, perci gli effetti sullambiente devono essere valutati e costantemente monitorati. In questo capitolo si presenta unanalisi sintetica degli aspetti legati alla necessit di sviluppo, che non necessariamente devono avere influenze sullambiente, o per i quali il prezzo ambientale ritenuto necessario.

15 Cap. 2

2.1

Economia, attivit produttive e servizi

Nel concetto di sostenibilit insita la consapevolezza che il livello di ricchezza e di benessere raggiunto da una societ dovrebbero essere equamente distribuiti tra i suoi cittadini: la sostenibilit pu essere considerata un problema esclusivamente politico su attivit chiave, indispensabili al benessere sociale e alla competitivit economica. Conseguentemente, nel rispetto dellambiente, occorre ampliare il concetto di benessere oltre laspetto reddituale3. Secondo questa lettura, la centralit del problema si sposta dal welfare al well-being, ossia la capacit degli individui di realizzarsi liberamente e quindi di conseguenza concretizzare non solo il proprio benessere ma anche la propria felicit. Gli indicatori di performance economica sono spesso impiegati per identificare lo sviluppo; le conseguenze ambientali dello sviluppo necessario sono invece utili a definire lo sviluppo sostenibile. Da qui, linadeguatezza del PIL come indicatore atto a misurare il benessere e lo sviluppo evidente, quando si considerano le molte attivit che accrescono il PIL diminuendo il benessere4 e viceversa5. Tuttavia, unanalisi della sua composizione fornisce indicazioni fondamentali per il decisore politico. La composizione del PIL regionale si caratterizza per un forte peso dei consumi, della spesa pubblica e delle importazioni nette extra-regionali, che determina un disavanzo commerciale della regione anche pi ampio rispetto a quello che si registra complessivamente nel Mezzogiorno. La composizione settoriale del V.A. (Valore Aggiunto) evidenzia rispetto al resto del Paese un minore contributo del settore industriale ed una maggiore

P. Dasgupta, Valuation and evaluation: Measuring the quality of life and evaluating policy Londra, 1999, The Suntory Centre, London School of Economics and Political Sciences. 4 Lincremento del consumo di benzina legato allaumento del traffico produce un incremento di PIL, come pure le attivit di disinquinamento a seguito di incidenti ambientali, ed altres la spesa sanitaria come unit di ricchezza prodotta. 5 Attivit ricreative, sociali e di volontariato.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

16 Cap. 2 Cap. 2

componente di servizi e costruzioni. Il dato sullagricoltura, pari al 4,9%, circa doppio rispetto a quello nazionale ed indica la vocazione territoriale verso questo settore. In termini di modello di specializzazione, si evidenzia il forte peso dei prodotti combustibili, chimici e farmaceutici, che sono pari a circa il 26% del totale valore aggiunto manifatturiero. Segue il comparto dei prodotti alimentari, bevande e tabacco (18,2%), mentre il comparto dei beni strumentali e mezzi di trasporto ha un ruolo minore (posizionandosi al terzo posto con un peso del 15,5%, contro il 23,8% del Mezzogiorno). Il maggior peso sullexport complessivo della regione (+56,1%) da attribuirsi al settore dei prodotti petroliferi raffinati, le cui esportazioni sono aumentate del 15%. Simile anche la crescita delle esportazioni dei prodotti farmaceutici e chimici (+16,3%) e dei prodotti dellagricoltura, dellorticoltura e floricoltura (+9,4%). Lieve, invece, laumento che ha interessato i prodotti chimici di base (+1,5%). In diminuzione (-12,1%), inoltre, le esportazioni di valvole e componenti elettronici. Il rapporto tra consumi di energia elettrica e produzione di energia elettrica forniscono un indice pari a 0,74, ci sta a significare che la Sicilia esporta energia.6 La densit di imprese sul territorio piuttosto bassa, con 72,1 imprese per 1000 abitanti, confrontato con il dato nazionale, pari a 87 e quello del Mezzogiorno, pari a 76 imprese (dati 2006). Leconomia dipende fortemente dalla dotazione di infrastrutture; da questo punto di vista la Sicilia, tra le regioni italiane, una delle meno dotate. Il principale nodo costituito senzaltro dalle strozzature dei trasporti; il sistema produttivo locale risente della carenza di un sistema di trasporti su rotaia esteso ed efficiente. Esemplare e rappresentativa la situazione della provincia di Caltanissetta, che costituisce il baricentro territoriale della regione, la quale (come nelle limitrofe realt ennese ed agrigentina) risulta sotto dotata per quanto riguarda il sistema di trasporti su binario e gommato, avendo un sistema portuale (Gela), che prettamente specializzato nel trasporto di prodotti petroliferi. Tuttaltra la situazione infrastrutturale della provincia di Catania, che presenta un indice generale di infrastrutture superiore al dato medio nazionale, anche se si conferma la carente condizione viaria e ferroviaria, mentre i porti, aeroporti e relative infrastrutture sono superiori al dato nazionale. La banca dati indicatori regionali per le politiche di sviluppo DPS-ISTAT fornisce le seguenti indicazioni: Le famiglie che denunciano irregolarit nellerogazione dellacqua sono il 31,90%, contro il 13,8% del dato nazionale (2005). Le persone che hanno utilizzato il treno almeno una volta nellanno sul totale della popolazione di 14 anni e oltre sono circa l11,67% (29,26% Italia - 2005). I passeggeri sbarcati e imbarcati per via aerea sono 190,45 per 100 abitanti, mentre il dato nazionale si attesta a 183,12, e quello del mezzogiorno pari a 112,89. Il 14,90% del personale delle imprese (con pi di 10 addetti) dei settori industriali e dei servizi utilizzano computer connessi a Internet, contro il 25,84% del dato nazionale (2006).

2.2

Aspetti socioeconomici

Risulta ancora molto difficoltoso esprimere in termini quantitativi una misura sintetica dello sviluppo. Crescita e sviluppo sono concetti dinamici nel tempo, pertanto appare pi idoneo rap-

Dato 2005.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

C i i Cr re es sc c it ta as so os st te en n ib bi il le e

portare gli indicatori economici e sociali riferiti alla singola regione con quelli relativi al contesto nazionale: la distanza rappresenta lobiettivo di crescita minimo rispetto al resto del paese; pur tuttavia, bisogna sottolineare che lItalia ha allo stesso tempo la necessit di crescere in rapporto agli altri paesi europei. In Sicilia, alla fine del II trimestre 2006, il numero di occupati risultato pari a 1.511.000 unit, con un tasso di crescita su base annua pari al 3,4%. Il numero delle persone in cerca di occupazione diminuito, invece, da 288.000 a 236.000 unit, facendo registrare una flessione del 17,9% su base annua (contro una flessione del Mezzogiorno del 14,6%). Il tasso di attivit riferito al periodo gennaio-settembre 2006 pari al 52%, contro il 53,2% del Mezzogiorno e il 62,7% italiano. Il tasso per genere, calcolato sulla popolazione di 15-64 anni, evidenzia la disparit nellaccesso al mercato del lavoro, con 68,6% per gli uomini e 35,9% per le donne, mentre il dato nazionale per genere si posiziona a 74,7% per gli uomini e 50,7% per le donne. I dati relativi al tasso di disoccupazione riportano un valore pari al 13,6% (10,9% maschile e 18,4% femminile), mentre il dato nazionale si attesta al 6,7% (5,4% maschile e 8,8% femminile). Il reddito e i consumi della popolazione evidenziano un tenore di vita relativamente modesto. Il reddito pro-capite ( 16.555,85) cresce con incrementi trascurabili, lasciando invariato il ritardo in termini di ricchezza disponibile tra la Sicilia e il resto dItalia ( 24.152,13). I consumi procapite ( 10.831,14) risultano nel 2004 notevolmente pi bassi, rispetto al dato nazionale, che di oltre 14 mila euro, nonostante una crescita media annua dell 1% dal 2000 al 2004, contro lo 0,3% nazionale. Il dato relativo alla popolazione che vive in famiglie al di sotto della soglia di povert , per il 2005, il 34,55%, contro il 26,54% del Mezzogiorno ed il 13,05% nazionale. Tuttavia, bisogna tener presente che reddito e consumi sono solo due componenti del pi generale concetto di qualit della vita. Gli indicatori che seguono offrono una prospettiva pi ampia del concetto di sostenibilit sociale e quindi di qualit della vita di quanto possano offrirla il livello di reddito o il tasso di disoccupazione. Il 24,95% delle famiglie dichiara di avvertire molto o abbastanza il disagio legato al rischio di criminalit nella zona in cui vive, dato meno preoccupante che nel resto del Paese, dove lo stesso si attesta intorno al 31,32%. 7 La dispersione scolastica, attraverso lindicatore abbandoni su iscritti al primo anno del totale delle scuole secondarie superiori (ISTAT 2005), pari al 14,76%, contro il 10,87% del resto del paese. La popolazione di 3 anni e pi che esercita pratica sportiva in modo continuativo o saltuario, sul totale della popolazione di 3 anni e pi (ISTAT 2005), pari al 21,53%, contro il 24,20% del Mezzogiorno e il 31,26% nazionale. Anche rispetto al numero di biglietti venduti per attivit teatrali e musicali, si registra un dato molto basso e pari a 37,81 per 100 abitanti, contro 52,71 per 100 abitanti su scala nazionale.

17 Cap. 2

2.3

Tendenze

Gli aspetti puramente economici indicano una situazione di distanza tra la regione e il resto del Paese e, daltra, parte la Sicilia figura ancora tra quelle regioni a obiettivo convergenza. Nonostante lo sviluppo della dotazione infrastrutturale in termini assoluti, non stata colmata la distanza con il resto del Paese, che, seppure con curve di sviluppo differenti, ha continuato la sua crescita. Quindi, la Sicilia cresce lentamente a una velocit che consente di non perdere altro ter-

DPS-ISTAT, Banca dati indicatori regionali per le politiche di sviluppo (2006).

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

18 Cap. 2 Cap. 2

reno, ma che difficilmente permetter di raggiungere il livello di sviluppo degli altri territori italiani. I dati di PIL pro-capite e di consumo pro-capite vedono la popolazione siciliana svantaggiata e se utilizzati come variabili proxy della qualit della vita, la famiglia siciliana ha meno reddito a disposizione per soddisfare i propri bisogni. Per ci che concerne gli aspetti ambientali, una ridotta capacit di produzione del sistema economico siciliano e la paritetica situazione nei consumi non sono correlati ad un minore sfruttamento delle risorse naturali, in quanto industrie chimiche, raffinerie e il settore delle costruzioni contribuiscono in maniera rilevante alla formazione del Pil. Crescono le citt e le periferie in un modello di citt territorio, con elevato consumo di terreno e scarsezza di servizi come aree a verde, parchi attrezzati, marciapiedi, ecc. Quindi, la Sicilia ha la necessit di crescere, e considerato che le risorse naturali a disposizione non sono facilmente incrementabili, si rende necessario un loro utilizzo pi efficiente. Tra le tendenze positive, aumentato il numero di norme che regolano la fruizione delle risorse naturali, e, di conseguenza, il controllo del territorio attraverso il monitoraggio delle zone con maggiori criticit, perseguendo il rispetto ambientale nella localizzazione dei nuovi insediamenti produttivi. Si pu prevedere come risultato generale lappiattimento della curva di crescita della produzione non necessaria di inquinante.

Bibliografia essenziale di riferimento


DPEF Regione Siciliana, 2007. Annuario statistico, Regione Siciliana, 2007. ISTAT, ATLANTE STATISTICO DEI COMUNI, 2006. La sostenibilit ambientale del territorio - Teorie e metodi. UTET, (F. Ferlaino), Cap. 1 Valutazione della sostenibilit ambientale di un territorio e M. Monastero, A. Genovesi, B. Ricca, Cap.10 Sviluppo economico, ambiente e benessere: un indicatore multi-criteriale. M. Monastero, 2002, Una misura alternativa al PIL: il cruscotto della sostenibilit, XXXIX Riunione Scientifica SIEDS, Siena. P. Dasgupta, Valuation and evaluation: Measuring the quality of life and evaluating policy, Londra, 1999, The Suntory Centre, London School of Economics and Political Sciences.

Glossario
Prodotto Interno Lordo (PIL): il risultato finale dellattivit di produzione delle unit produttrici residenti, ai prezzi di mercato. Corrisponde alla produzione totale di beni e servizi dell economia, diminuita dei consumi intermedi ed aumentata dellI.V.A. gravante e delle imposte indirette sulle importazioni. Consumi finali: rappresentano il valore dei beni e servizi impiegati per soddisfare direttamente i bisogni umani, siano essi individuali o collettivi. Sono utilizzati due concetti: la spesa per consumi finali e i consumi finali effettivi. La differenza fra i due sta nel trattamento riservato ad alcuni beni e servizi che sono finanziati dalle amministrazioni pubbliche o dalle istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie, ma che sono forniti alle famiglie come trasferimenti sociali in natura; questi beni sono compresi nel consumo effettivo delle famiglie, mentre sono esclusi dalla loro spesa finale. Valore aggiunto ai prezzi base: il saldo tra la produzione e i consumi intermedi, in cui la produzione valutata ai prezzi base, cio al netto delle imposte sui prodotti e al lordo dei contributi ai prodotti. calcolato al lordo dei servizi di intermediazione finanziaria indirettamente misurati (SIFIM). Unit di lavoro: rappresenta la quantit di lavoro prestato nell anno da un occupato a tempo pieno, oppure la quantit di lavoro equivalente prestata da lavoratori a tempo parziale o da lavoratori che svolgono un doppio lavoro. In tal modo, si quantifica in modo omogeneo il volume di lavoro svolto da coloro che partecipano al processo di produzione realizzato sul territorio economico di un Paese a prescindere dalla loro residenza. Variabile Proxy: Indicatore statistico che descrive il comportamento di un determinato fenomeno non osservabile direttamente.

Sezione I - Fattori determinanti

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

Agricoltura, selvicoltura e zootecnia

Domenico Galvano, TFA MATTM Giuseppe Messana, TFA MATTM

Ringraziamenti: Dott. Angelo Di Lorenzo D.R.T.A., SERVIZIO 5 RIFIUTI

Agricoltura, selvicoltura e zootecnia

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

20 Cap. 3 Cap. 3

3. A Ag gr ri ic co ol lt tu ur ra a, ,s se el lv vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo oo ot te ec cn ni ia a

3.1

Caratteristiche strutturali

Il territorio regionale pu essere classificato sulla base del grado di ruralit (metodologia PSN su Indicazioni OCSE) in funzione della densit abitativa e di altri parametri (zona altimetrica, incidenza demografica, peso dellagricoltura). In Sicilia, si perviene, in tal modo, alla territorializzazione di cui in fig. 3.1 dividendo il territorio regionale in 4 zone: a) Aree rurali intensamente urbanizzate (corrispondenti ai poli urbani del PSN) b) Aree rurali ad agricoltura intensiva specializzata c) Aree rurali intermedie d) Aree rurali con problemi complessivi di sviluppo
fig. 3.1: Classificazione delle aree rurali in Sicilia

Fonte: PSR Sicilia 2007/2013 v 2.02 del 29 giugno 2007

Le Aree rurali intensamente urbanizzate comprendono 13 comuni con una notevole densit media (951,6 abitanti per kmq); in questi comuni ricadono quasi tutti i capoluoghi di provincia (ad eccezione di Enna e Caltanissetta), e alcuni comuni vicini a quelli metropolitani (tab. 3.1).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a tab. 3.1: Presenza delle aree rurali


Descrizione anno di riferimento u.m. a- aree rurali intensamente urbanizzate 13 3,3 174.392 6,8 1.642.592 32,7 941,9 33,00 b- aree rurali ad agricoltura intensiva 22 5,6 258.532 10,1 619.674 12,4 239,7 31,30 c- aree rurali intermedie d- aree rurali con problemi complessivi di sviluppo 133 34,2 994.628 38,7 753.479 15 75,8 30,50 Sicilia

21 390 100 2.570.302 100 5.017.212 100 195,2 31,50 Cap. 3

numero di comuni superficie totale popolazione residente densit demografica tasso di occupazione

2000 2000 2005 2005 2001

n. % ettari % n. % Ab/kmq %

222 56,90 1.142.750 44,50 2.001.467 39,90 175,14 30,80

Fonte: PSR SICILIA - elaborazioni su dati Istat

Le Aree rurali ad agricoltura intensiva comprendono aree di pianura specificatamente rurali. Riguardano 22 comuni che occupano il 10,1% della superficie territoriale siciliana: trattasi di aree densamente popolate (231,6 abitanti per kmq) e con un tasso di occupazione vicino al valore medio regionale. Le Aree rurali intermedie comprendono esclusivamente territori di collina specificatamente rurali con una certa differenziazione delle attivit economiche. Vi ricadono 222 comuni estesi su quasi la met della superficie territoriale regionale con una densit media pari a 170 abitanti per kmq ed un tasso di occupazione, di poco inferiore rispetto al dato medio siciliano. Le Aree rurali con problemi complessivi di sviluppo comprendono 133 comuni di cui 96 di montagna rurale e 37 di collina rurale. Vi fanno parte le aree con minore densit regionale e contraddistinte, nellultimo decennio da calo demografico. Tali zone rappresentano circa il 39% della superficie territoriale e presentano il minor tasso di occupazione tra le macroaree individuate. Il sistema agroalimentare ha contribuito alla formazione del PIL regionale per il 6,3% nel 2004 con una composizione che, in Sicilia, pi centrata verso la fase agricola piuttosto che verso lindustria alimentare e delle bevande. Nello stesso anno, la produzione agricola siciliana stata caratterizzata da una forte incidenza degli ortaggi e patate (24,1% della produzione agricola totale), degli agrumi (17,4%) e della vite (11,6%), seguono le produzioni di carni (7,9%), cereali (7,5%), olivo (5,7%), frutta (5,1%) e fiori e piante ornamentali (4,1%). In Sicilia, il settore agricolo concorre in maniera pi marcata alla produzione della ricchezza regionale nei confronti del dato nazionale, anche se il peso del valore aggiunto agricolo sul totale prodotto dalleconomia siciliana diminuito nel corso del tempo (dal 5,2% del 1995-1999 al 4,2% del 2000-2003, ma risalito nel 2004 al 4,9%). Considerando, poi, il parametro della redditivit della terra (valore aggiunto per ogni ettaro di terra), nel 2004 in Sicilia pari a 2.403 euro per ettaro, dato molto vicino alla media nazionale ed in aumento rispetto al 2000. Mentre la produttivit della terra (rapporto fra la produzione agricola e la SAU), con il valore di 3.600 euro ad ettaro nel 2004 lievemente inferiore rispetto alla media nazionale ma, pur sempre, in crescita nel tempo. Per quanto attiene il numero di aziende agricole in Sicilia al 2005 lo stesso pari a 249.030, (ossia il 14,4% delle aziende agricole italiane ed il 9,8% della SAU totale nazionale). La superficie media per azienda, in termini di SAU, nel 2005 pari a 5 ettari (4,3 ettari nel 2000). Il 31% delle aziende agricole (76.649 aziende) presenta una superficie minore ad un ettaro di SAU ma interessa tuttavia solamente il 3,2% della SAU regionale; il 48% una SAU compresa tra 1 e 5 ettari, e occupa il 22% della superficie agricola siciliana; il 20% delle aziende compreso nella classe tra 5 e 20 ettari, e solamente l1,3%, ossia 3.122 aziende, presenta unestensione maggiore a 50 ettari, interessando, tuttavia il 25% della SAU regionale. Per quanto concerne le UDE (unit di dimensione economica) in Sicilia presente una prevalenza di aziende di piccola dimensione; il 54,4% ha meno di quattro UDE (quindi 4.800 euro). La
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

22 Cap. 3 Cap. 3

dimensione in termini di media economica aziendale in UDE pari ad 8,1 nel 2005 (5 UDE nel 2000). Con riferimento alla zootecnia, la Sicilia presenta 17.073 (nel 2005) allevamenti (8 tra le regioni italiane per numero di aziende, il 5,6 % del totale nazionale). Gli allevamenti bovini e bufalini sono rappresentati, nel complesso, da circa 330 mila capi, quelli ovini da 545 mila capi e gli allevamenti avicoli da 2,3 milioni di capi. La conduzione delle aziende agricole riferita al 2003 prevalentemente diretta dal coltivatore e allinterno di questa forma prevalenti sono le aziende con sola manodopera familiare che, comunque, si riducono per numero rispetto al 1999. Dal confronto fra i dati degli ultimi due Censimenti emerge che le imprese dellindustria alimentare che hanno fatto registrare il maggior incremento numerico sono quelle impegnate nella lavorazione e conservazione di frutta ed ortaggi. Nel settore produttivo lattiero-caseario diminuisce il numero di imprese ma aumentano gli addetti. La gran parte delle industrie dedita alla prima trasformazione dei prodotti e sono prevalentemente a carattere artigianale e di piccole dimensioni (con meno di 9 addetti). Cos come evidenziato nel PSR Sicilia 2007-2013, la debolezza strutturale del settore agro-industriale regionale determinata dalla presenza di un contesto aziendale di piccole-medie dimensioni e da una scarsa concentrazione dellofferta. Grazie alle favorevoli caratteristiche pedoclimatiche ed alla specifica vocazione del territorio siciliano si riscontrano: una spiccata diversificazione dellofferta, lo sviluppo di metodi di produzione rispettosi dellambiente e della salute dei consumatori, oltrech produzioni destagionalizzate come le orticole (in pienaria ed in serra) ed alcune produzioni frutticole di eccellenza come l uva da tavola, la pesca extratardiva, ecc. Di particolare rilievo risultano essere le produzioni di alta qualit a forte immagine e vocazione allexport, con una importante presenza di prodotti a marchio DOP, IGP, DOC, IGT e tab. 3.2: Estensione degli impianti di arboricoltura da legno approvati e finanziati con i fondi del numerose produzioni tradizionali. P.S.R. 2000 / 2006 in Sicilia Il comparto dellagricoltura biologica si eProvincia Azione h1/ ha stende per 179.752 ettari di superficie1 e posi684,98 Agrigento ziona la regione Sicilia ai primi posti sia in 207,61 Caltanissetta Italia che in Europa. I produttori agricoli che 223,54 Catania si riconducono al sistema di produzione biolo270,25 Enna gico ammontano in Sicilia a pi di 8.500, 74,18 Messina comprendendo in tal numero anche le imprese 1.032,83 Palermo di trasformazione. 142,31 Ragusa 275,96 Siracusa Per quanto riguarda il patrimonio forestale 267,15 Trapani regionale sottoposto a tecniche colturali di TOTALE 3.178,81 tipo agronomico, lesame della situazione Fonte: Regione Siciliana, Assessorato Agricoltura e attuale fa riferimento allInventario Nazionale Foreste - Dipartimento Regionale delle Foreste delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio (INFC 2005), confrontata con i dati forniti dal Dipartimento Regionale Foreste. La superficie del bosco in Sicilia, secondo i dati riportati nellINFC 2005, si compone di impianti di arboricoltura da legno per una superficie pari ad

Fonte elaborazioni ARPA Sicilia Annuario 2005

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a

ettari 1.137. Si segnala che per tale classe inventariale si sono riscontrate le maggiori difficolt di riconoscimento da fotointerpretazione; pertanto il dato sottostimato. Difatti analizzando tale dato e confrontandolo con le superfici recentemente impiantate con i fondi PSR 2000 2006 risulta che le superfici interessate dallAzione H1 Imboschimenti per arboricoltura da legno dal 2000 al 2006 sono pari ad oltre 3.178 ettari (tab. 3.2); tali superfici comprendono le seguenti categorie di intervento: impianti di latifoglie a rapido accrescimento (pioppicoltura), impianti di resinose (pini, cipressi cedri ecc.) ed impianti di latifoglie o piantagioni miste contenenti almeno il 75% di latifoglie (arboricoltura da legno). Da tale analisi emerge che nellultima fase della programmazione PSR, fino al 2006 si sono approvati e finanziati progetti che interessano l arboricoltura da legno o limpianto di specie forestali transitorie su unestensione pari ad oltre 3.178 ettari, maggiormente concentrati nelle province di Palermo (ha 1.032,82) ed Agrigento (ha 684,98). Sulla superficie rimboschita, prima dellimpianto era attuata principalmente la coltura dei seminativi.

23 Cap. 3

3.2
3.2.1

Normative di riferimento
Ambito internazionale e comunitario

Comunicazione Commissione (COM/2005/658) sul riesame della strategia per lo sviluppo sostenibile: Una piattaforma dazione Comunicazione della Commissione (COM/2005/628) Piano dazione per le biomasse Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento (COM/2006/302) sul Piano dazione dellUE per le foreste Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento (COM/2005/85) sullattuazione della strategia forestale dellUnione europea Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento (COM/2005/670) sulla strategia tematica per luso sostenibile delle risorse naturali Comunicazione della Commissione (COM/2006/231) Strategia tematica per la protezione del suolo Comunicazione della Commissione Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio (COM/2006/372) che istituisce un quadro per lazione comunitaria ai fini dellutilizzo sostenibile dei pesticidi Direttiva 2006/11/CE concernente linquinamento provocato da certe sostanze pericolose scaricate nell ambiente idrico della Comunit Regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento Europeo e del Consiglio concernente i livelli massimi di residui di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi di origine vegetale e animale e che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio

3.2.2

Ambito nazionale

Decreto legislativo n. 152 del 3 Aprile 2006 Norme in materia ambientale Legge n. 96 del 20 febbraio 2006 Disciplina dellagriturismo Decreto Ministeriale del 16 giugno 2005 (MATT). Linee guida di programmazione forestale. Decreto Ministeriale del 25 marzo 2005: Elenco dei proposti siti di importanza comunitaria per la regione bio-geografica mediterranea in Italia ai sensi della direttiva 34/92/CEE. Decreto del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali 6 ottobre 2005 Individuazione delle diverse tipologie di architettura rurale presenti sul territorio nazionale e definizione dei criteri tecnico-scientifici per la realizzazione degli interventi, ai sensi della legge 24 dicembre 2003, n. 378, recante disposizioni per la tutela e la valorizzazione della architettura rurale. Decreto Ministeriale del 7 aprile 2006 (MIPAF) Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dell utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, di cui all art. 38 del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152. Legge 9 gennaio 2006, n. 14 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea sul paesaggio, fatta a Firenze il 20 ottobre 2000 . Decreto Ministeriale del 6 luglio 2005 (MIPAF) Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dellutilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e degli scarichi dei frantoi oleari, di cui all art. 38 del d.lgs. del 11 maggio 1999, n. 152. Decreto Legislativo n. 217/2006 Revisione della disciplina in materia di fertilizzanti Decreto Ministeriale n. 12541 del 21 dicembre 2006 (MIPAF) per la condizionalit anno 2007 (Anno 2006) Decreto Ministeriale n. 4432 del 15 dicembre 2005 (MIPAF) per la condizionalit anno 2006 (Anno 2005)

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

3.2.3
24 Cap. 3 Cap. 3

Ambito regionale

D.D.G. Dipartimento Interventi Strutturali Assessorato Reg.le Agricoltura e Foreste n. 138 del 23 febbraio 2006 D.D.G. Dipartimento Interventi Strutturali Assessorato Reg.le Agricoltura e Foreste n. 191 del 27 febbraio 2007 Piano Regionale per la difesa della vegetazione dagli incendi (Decreto del Presidente della Regione Siciliana, n. 5 del 12 gennaio 2005) D.D.G. Assessorato Reg.le dellAgricoltura e delle Foreste n. 193 del 25 Febbraio 2005 che definisce le norme di ecocondizionalit che gli agricoltori a livello regionale devono rispettare, specificate negli allegati al decreto n. 1 Elenco dei criteri di gestione obbligatori e n. 2 Elenco delle norme per il mantenimento dei terreni in buone condizioni agronomiche e ambientali D.D.G. interassessoriale (Assessorato Reg.le del Territorio e dellAmbiente ed Assessorato Reg.le dellAgricoltura e delle Foreste) n. 121 del 24 Febbraio 2005 che approva la nuova Carta regionale delle zone vulnerabili da nitrati di origine agricola, corredata dalle relative note esplicative e dallelenco dei fogli di mappa entro cui ricadono le zone vulnerabili, il nuovo Programma dazione obbligatorio per le zone vulnerabili da nitrati di origine agricola e revoca il D.D.G. n. 193 del 17 febbraio 2003 D.D.G. Dipartimento Interventi Strutturali Assessorato regionale Agricoltura e Foreste n. 191 del 27 febbraio 2007 (Decreto regionale della Condizionalit della PAC per l anno 2007) D.D.G. Dipartimento Interventi Strutturali Assessorato regionale Agricoltura e Foreste n. 138 del 23 febbraio 2006 (Decreto regionale della Condizionalit della PAC per l anno 2006) Piano regionale per il controllo e la valutazione degli effetti derivanti dall utilizzazione dei prodotti fitosanitari sui comparti ambientali vulnerabili.(G.U.R..S. parte I del 1.06.2007 n. 25) Programma dazione obbligatorio per le zone vulnerabili da nitrati di origine agricola: TESTO COORDINATO del programma dazione di cui al Decreto interassessoriale 53/2007, in attuazione della Direttiva 91/676/CEE e successivi decreti nazionali dattuazione, e delle disposizioni contenute nell ALLEGATO 2 del DDG 61 del 17/1/2007, che recepisce il Decreto 7 aprile 2006 del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali relativo a Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dell utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento.

3.3

Interazioni con lambiente

Attraverso le indicazioni ambientali delle fonti citate in bibliografia stato possibile identificare appositi indicatori ambientali in maniera tale da potere meglio analizzare le interazioni fra il settore oggetto del presente capitolo e lambiente. Tenendo conto dellanalisi di cui sopra le interazioni hanno riguardato le seguenti matrici ambientali: aria, cambiamenti climatici ed energia; natura, biodiversit e paesaggio; suolo; risorse idriche.
3.3.1 Aria, cambiamenti climatici ed energia

NellUnione Europea lagricoltura responsabile di circa il 10% delle emissioni di gas a effetto serra, causate dallattivit zootecnica, dalla fertilizzazione e dalla gestione dei reflui zootecnici. Tuttavia si pu, parallelamente, concorrere a contrastare efficacemente il cambiamento climatico attraverso una gestione sostenibile dellagricoltura (con pratiche quali la riconversione dei seminativi a prati e pascoli e lincremento di sostanza organica nel suolo) e della silvicoltura (produzione di bio-massa come fonte energetica rinnovabile e quindi nuovi impianti arborei, nonch utilizzo di legname meno pregiato).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a

Il settore agricolo, ed in particolare le aziende zootecniche e quelle di trasformazione e conservazione di prodotti lattiero-caseari, carne e ortofrutticoli, responsabile della produzione di due tra i principali gas ad effetto serra: il metano (CH4) ed il protossido di azoto (N2O), mentre presenta emissioni poco significative di anidride carbonica (CO2). Con riferimento al tema energetico nel settore agricolo, i consumi del settore Agricoltura sono complessivamente pari a 407,01GWh (a tal proposito si veda la tab. 6.9 di pag. 95), mentre si manifesta come problematica la presenza di alcune zone agricole male o per nulla collegate con la rete elettrica regionale. Sarebbe, pertanto, auspicabile promuovere lautoproduzione energetica attraverso pannelli fotovoltaici, mini eolico ed impianti di valorizzazione della biomassa.2 Nel corso degli ultimi anni linteresse per lutilizzo di biomasse forestali ad uso energetico cresciuto grazie alla messa in atto di azioni volte al contenimento delle emissioni di gas climaalteranti nellatmosfera (soprattutto CO2). Alcune disposizioni normative (come il D.M. dellIndustria n. 79/1999) hanno incoraggiato lutilizzo delle biomasse quale risorsa energetica. In Sicilia tuttora in corso di elaborazione il Piano Energetico Regionale (PER). In tale strumento viene indicato un programma di risparmio energetico per il settore agricolo con l utilizzo di biomasse agricole e forestali per la produzione di energia rinnovabile e la massimizzazione dei sink di carbonio con nuovi impianti forestali. Premesso questo, si riporta come, a tal proposito, alcuni strumenti di pianificazione come le Linee guida del Piano Forestale Regionale (2004) abbiano concentrato la loro attenzione verso popolamenti forestali gi presenti in Sicilia, quali gli eucalitteti, da considerare come fonte di biomassa forestale con possibile destinazione energetica, per lalimentazione di una o pi piccole centrali termoelettriche con potenza compresa fra 12 e 24 Mw.
3.3.2 Natura, biodiversit e paesaggio

25 Cap. 3

Una corretta e moderna prospettiva di pianificazione e gestione ecologica del territorio tende in principal modo al mantenimento della biodiversit. La biodiversit delle specie coltivate rappresenta in Sicilia un patrimonio di grande valore e comprende diverse specie e cultivar spesso collegate a tecniche di produzione oggi in disuso. Il mantenimento di tali tecniche e lapprontamento di arboreti e campi per la conservazione del germoplasma sono alcune delle strategie per la salvaguardia di questo patrimonio, unitamente al mantenimento delle aree in cui le specie sono diffusamente coltivate. Quest ultima azione riveste anche il ruolo di tutela dei valori storici e paesistici. La tutela della biodiversit naturale e del paesaggio forestale si pu attuare attraverso la pianificazione territoriale articolata sui seguenti elementi principali: la prevenzione dellinvasione di specie esotiche, la mitigazione degli effetti dellinquinamento, degli incendi e dei cambiamenti climatici, la prevenzione delleccessiva frammentazione, la rinaturalizzazione e il riordino strutturale e compositivo, la messa in atto di unadeguata rete di aree protette forestali, la prevenzione di pratiche di utilizzazione dei prodotti legnosi e non legnosi ad alto impatto, la crescita della consapevolezza pubblica della sostenibilit, il completamento degli strumenti d informazione sullintera filiera forestale a cominciare da carte e inventari per la pianificazione della gestione forestale sostenibile (GFS).

Attualmente, in Sicilia, non ci sono dati aggiornati inerenti gli impianti di produzione di energia rinnovabile da biomasse agricole e forestali; lo stesso per la quantit di superficie agricola utilizzata (SAU) adibita alla produzione di energia rinnovabile.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

3.3.3
26 Cap. 3 Cap. 3

Suolo

3.3.3.1 Uso del suolo


Levoluzione delluso del suolo si determina attraverso il confronto tra le mappe tratte dallelaborazione dei dati della Corine Land Cover 1990-2000 (APAT). A livello regionale si assiste ad un aumento della superficie artificiale (+2.354 Ha) a scapito delle superfici agricole (2.085 Ha), degli ambienti semi-naturali e dei corpi idrici, fanno eccezione le zone umide. Ci significa che lurbanizzazione tende sempre di pi ad utilizzare aree agricole, spesso di pianura e precedentemente destinate ad utilizzo agricolo intensivo.

3.3.3.2 Utilizzo di fertilizzanti


Lutilizzo dei fertilizzanti in agricoltura rappresenta una pratica che ha diversi risvolti nel campo ambientale. Infatti sia il codice di normale e buona pratica agricola di cui al D.M. MIPAF 19/04/99 e ss.mm.ii., sia il DLgs 152/06 ed il D.M. MIPAF 07/04/2006 disciplinano e pongono laccento su tale pratica agronomica e sulla sua sostenibilit. Secondo quanto indicato dallAnnuario regionale dei dati ambientali 2006 dellARPA Sicilia, attraverso il quantitativo di fertilizzanti (ad eccezione di ammendanti e correttivi) venduti e distribuiti per ettaro di SAU trattabile si proceduto ad una stima del grado di contaminazione dovuto alle attivit agricole. Questultimo deriva, sostanzialmente, dallimpiego intensivo dei fertilizzanti minerali inorganici in aree irrigue, con conseguenti processi di degradazione del suolo (salinizzazione e perdita di struttura) e di inquinamento delle acque interne e superficiali. Interessante, infine, appare la relazione tra i dati di seguito riportati e la recente applicazione delle norme di ecocondizionalit in agricoltura introdotte in Italia dal 2005. I dati di distribuzione di fertilizzanti nel territorio agricolo siciliano (graf. 3.1) mostrano come, dal 2000 al 2006, le tonnellate utilizzate in Sicilia siano diminuite, passando da un valore di 316.973 t (anno 2000) ad un valore di 205.208 t (anno 2006).
graf. 3.1: Tonnellate di fertilizzanti (t.q.) distribuiti in Sicilia dal 2000 al 2006
350,0 300,0 250,0 (.000) tonnellate

Fertilizzanti

200,0
150,0 100,0 50,0 0,0 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006

Fonte: ARPA Sicilia su dati ISTAT

Particolare attenzione va posta, anche, alla distribuzione unitaria di fertilizzanti nelle province siciliane (tab. 3.3). Si osserva, infatti, come la provincia di Ragusa sia quella dove si registra la maggiore quantit, con valori nettamente superiori rispetto alla altre province siciliane e punte di 847 Kg/Ha di SAU trattabile registrati nellanno 2002. Di contro, la provincia con i pi bassi impieghi per ettaro di SAU trattabile quella di Enna.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a tab. 3.3: Distribuzione unitaria di fertilizzanti (t.q. KgHa1 SAU trattabile) dal 2000 al 2006
PROVINCE 2000 2001 2002 2003 2004 2005 Trapani 238 175 186 149 125 Palermo 263 273 331 276 254 Messina 219 218 190 141 134 Agrigento 235 226 144 126 119 Caltanissetta 182 169 102 92 96 Enna 53 47 50 47 29 Catania 512 447 343 431 448 Ragusa 572 771 847 817 757 Siracusa 380 457 371 355 312 Sicilia 283 288 272 256 240 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati ISTAT (2001, 2002, 2003, 2004, 2005, 2006) 2006 125 198 81 122 103 25 320 481 269 184 120 162 133 98 87 33 361 687 225 202

27 Cap. 3

Riguardo limpiego unitario di principi attivi in Sicilia si registra il tetto massimo nella provincia di Ragusa (404 Kg/Ha di SAU trattabile nel 2006), con valori nettamente superiori rispetto al resto delle province siciliane (graf. 3.2).
graf. 3.2: Distribuzione degli impieghi di principi attivi contenuti nei fertilizzanti nelle province siciliane (2000-2006)

Fonte: Elaborazione Assistenza Tecnica PON ATAS P.O. A. su dati ARPA Sicilia - ISTAT

Sempre nel periodo tra il 2000 ed il 2006 si registra, invece, lincremento nellutilizzazione della sostanza organica rispetto allutilizzo di azoto minerale (graf. 3.3).

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

28 Cap. 3 Cap. 3

graf. 3.3: Trend dei macroelementi N-P-K e della S.O. (p.a. contenuti nei fertilizzanti) distribuiti in Sicilia (KgHa1 SAU trattabile) dal 2000 al 2006
N 6 0 ,0 P2O 5 K2O S .O .

5 0 ,0

K g H a 1 S A U tra tt.

4 0 ,0

3 0 ,0

2 0 ,0

1 0 ,0

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati ISTAT

Nel 2006, sempre la provincia di Ragusa (tab. 3.18: Impiego unitario di principi attivi contenuti nei fertilizzanti, per sostanza, province e annoKgHa1 SAU trattabile a pag. 42) manifesta il maggiore utilizzo di sostanza organica (138 Kg/ha), nonch il maggior impiego di azoto (134 Kg/Ha). Questultimo valore, se sommato a quello di 65 Kg/Ha relativo allazoto di origine zootecnica (tab. 3.4) raggiunge il valore di 200 Kg/Ha, valore superiore al limite (170 Kg/Ha di azoto) previsto dalla normativa sullinquinamento da nitrati provenienti dallagricoltura.
tab. 3.4: Unit di Bovini Adulti, produzione di azoto da allevamenti e relativa distribuzione per ettaro di SAU trattabile (2000, 2006)
Province UBA (n.) Prod. N da allevamenti (t) Distribuzione unitaria di N da allevamenti (KgHa1) UBA (n.) Prod. N da allevamenti (t) Distribuzione unitaria di N da allevamenti (KgHa1)

2000 2006 TP 18.948 1.611 13,78 16.742 1.423 11,54 PA 67.275 5.718 28,85 103.179 8.770 53,63 ME 94.622 8.043 108,45 105.427 8.961 114,66 AG 21.415 1.820 12,14 33.788 2.872 21,18 CL 13.166 1.119 10,03 19.161 1.629 17,30 EN 63.812 5.424 36,17 72.933 6.199 46,87 CT 27.856 2.368 20,00 46.855 3.983 37,86 RG 67.255 5.717 53,05 81.415 6.920 65,43 SR 28.043 2.384 25,65 39.437 3.352 43,67 Sicilia 402.391 34.203 30,54 518.937 44.110 43,47 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati ISTAT (vari anni) e Anagrafe Nazionale Zootecnica (2006-2007)

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a

3.3.3.3 Stato dei nitrati di origine agricola3


Si riporta, di seguito, la problematica inerente lo stato dei nitrati di origine agricola (DLgs 152/06 e D.M. MIPAF 07/04/2006 ed i D.D.G. congiunti ARTA, Agricoltura e Foreste, Sanit 53/07 e 61/07). A tal fine, si ricorda che s econdo quanto descritto nella Carta regionale delle zone vulnerabili da nitrati di origine agricola, in scala 1:250.000 (approvata con D.D.G. n. 121 del 24/02/05), le zone vulnerabili interessano una superficie di 138.012 ettari, pari a circa il 5,4% della superficie totale regionale ed al 8,5% della superficie agricola regionale, escluse le isole minori. Tale superficie vulnerabile ricade, in massima parte, nelle aree pianeggianti e nelle fasce costiere, in prossimit di aree irrigue interessate a frutticoltura ed orticoltura intensiva. In base ai dati dellAnnuario dei dati ambientali 2006 dellARPA Sicilia (successiva tab. 3.12), si evince che, in relazione alla problematica dei nitrati per la protezione delle falde acquifere, la stima del surplus di azoto per unit di superficie di 31,23 KgHa1 nel 2005. Infine, non risulta stimabile il surplus di fosforo per mancanza e/o disomogeneit dei dati.

29 Cap. 3

3.3.3.4 Utilizzo di fitofarmaci


Lutilizzo sostenibile dei fitofarmaci in agricoltura ribadito dallUE in vari documenti strategici. Allo stesso modo, con lo scopo di salvaguardare le falde acquifere occorrer valutare limpiego dei prodotti fitosanitari nelle aree ad essi sensibili, come specificato nel D.lgs. 152/06. Si segnala, inoltre, come una valutazione dellimpiego degli stessi vada effettuata anche alla luce del Piano regionale per il controllo e la valutazione di eventuali effetti derivanti dallutilizzazione dei prodotti fitosanitari sui comparti ambientali vulnerabili di cui al D.D.G. interassessoriale Agr. e For. ARTA e Sanit n. 357 del 03/05/2007. Lutilizzo dei prodotti fitosanitari comporta impatti sullagroecosistema, quali la contaminazione diffusa del suolo e delle acque superficiali e sotterranee, dovuta allalterazione degli equilibri chimico-biologici dellambiente pedologico. Attraverso una lettura su scala provinciale, si evince come sia larea della provincia di Ragusa ad avere una delle pi elevate concentrazioni di fitosanitari utilizzati per ettaro di SAU trattabile 4 a livello europeo. A livello nazionale, la Sicilia la seconda regione italiana per consumo di prodotti fitosanitari con 199.771 quintali venduti nel 2005 (tab. 3.5). Dalla stessa tabella si denota come i fungicidi rappresentino la categoria di fitofarmaci maggiormente venduta nel territorio siciliano (il 57% del totale di fitofarmaci venduti in Sicilia).

In linea generale, tutte le varie indagini pedologiche che hanno interessato il territorio siciliano non sono mai state effettuate con cadenza periodica, hanno interessato zone territoriali limitate e non sono state effettuate con scopi di monitoraggio della qualit ambientale. 4 Con la dizione di SAU trattabile si intende la sommatoria delle superfici coltivate a seminativi, di quelle arboree, di quelle foraggere (al netto del pascolo) escludendo le colture ortofloricole di pieno campo e protette.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

tab. 3.5: Quintali di fitofarmaci, per categoria, venduti in Sicilia (1996-2005)


30 Cap. 3 Cap. 3 Insetticidi e Erbicidi Altri (2) TOTALE acaricidi 13.184 42.362 897 569 1996 57.012 23.185 62.547 1.137 315 1997 87.184 18.884 64.646 1.310 336 1998 85.176 32.789 58.727 3.510 22.724 1999 117.750 37.922 28.645 13.659 31.939 2000 112.165 30.269 29.986 12.105 29.439 2001 101.799 130.100 26.690 22.304 33.262 2002 212.355 116.445 26.358 27.133 30.337 2003 200.272 115.473 28.233 13.452 48.680 2004 205.837 114.392 25.343 15.060 44.976 2005 199.771 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Gdl ANPA-ARPA-APPA (1996-1998), SIAN (1999), ISTAT (20002006) Anno Fungicidi (1)

Con particolare riferimento alla classe di pericolosit in funzione della normativa vigente, nellanno 2005 ben il 74% dei prodotti fitosanitari ricade nella categoria non classificabile (tab. 3.6). In ambito provinciale il comprensorio di Trapani (caratterizzato da unintensa viticoltura) mostra il valore pi elevato di impiego di fitofarmaci non classificabili (tra i quali ricade lo zo lfo, largamente usato nei vigneti).
tab. 3.6: Fitofarmaci distribuiti nelle province siciliane per classe di pericolosit (2004-2005)
Anno 2004 Prov. TP PA ME AG CL EN CT RG SR SICILIA TP PA ME AG CL EN CT RG SR Molto tossico e tossico q. % 587 303 68 861 2.564 203 998 14.205 2618 22.408 605 203 54 463 1.431 4 832 12.483 1.654 1,15 1,24 1,63 4,09 32,23 21,39 4,10 25,03 17,45 10,89 1,26 0,83 1,14 2,04 21,69 0,74 3,53 22,39 12,43 Nocivo q. 758 2881 252 1266 172 30 1583 23565 2991 33499 667 2.200 397 1.894 411 24 1.257 23.698 2.894 % 1,48 11,76 6,03 6,02 2,16 3,16 6,50 41,52 19,94 16,27 1,39 8,95 8,45 8,36 6,23 5,01 5,32 42,51 21,74 16,74 Non classificabile q. % 49751 21324 3856 18915 5219 716 21773 18984 9394 149931 46.808 22.179 4.244 20.312 4.755 457 21.516 19.568 8.762 148.600 97,37 87,01 92,34 89,89 65,61 75,45 89,40 33,45 62,61 72,84 97,35 90,22 90,41 89,60 72,08 94,25 91,15 35,10 65,83 74,39

2005

SICILIA 17.729 8,87 33.442 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati ISTAT (2005, 2006)

Lortofloricoltura di pieno campo e protetta, come noto, fa un elevato impiego di fitosanitari di notevole azione tossica e disinfestante. Tale tipo di coltivazione molto diffuso nella provincia di Ragusa (tab. 3.6 e tab. 3.7), che fa registrare la pi elevata concentrazione di prodotti classificati come Molto tossico e tossico, sia nel 2004 (14.205 quintali con 13,46 Kg/Ha da SAU trattabile) che nel 2005 (12.483 quintali con 12,01 Kg/Ha da SAU trattabile).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a tab. 3.7: Fitofarmaci distribuiti nelle province siciliane in base alla classe di pericolosit e relativo impiego per ettaro di SAU trattabile negli anni 2004 e 2005
PROV. Molto pericolosi e pericolosi (q) 2004 587 303 68 861 2.564 203 998 14.205 2.618 22.407 Impiego unitario (Kg/Ha) 0,45 0,16 0,09 0,59 2,61 0,14 0,88 13,46 3,42 2,07 Nocivi Impiego unitario (Kg/Ha) 758 2881 252 1266 172 30 1583 23565 2991 33.498,0 0,58 1,53 0,32 0,86 0,18 0,02 1,39 22,33 3,91 3,10 Molto pericolosi e pericolosi (q) 2005 605 203 54 463 1.431 4 832 12.483 1.654 17.729 Impiego unitario (Kg/Ha) 0,50 0,12 0,07 0,33 1,42 0,00 0,75 12,01 2,13 1,68 Nocivi Impiego unitario (Kg/Ha) 667 2.200 397 1.894 411 24 1.257 23.698 2.894 33.442 0,55 1,28 0,50 1,35 0,41 0,02 1,13 22,80 3,72 3,18 31 Cap. 3

(q)

(q)

TP PA ME AG CL EN CT RG SR Sicilia

Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati ISTAT (2005, 2006)

3.3.3.5 Attivit zootecnica


Lattivit zootecnica pu comportare effetti ambientali in considerazione della consistenza degli allevamenti e delle relative deiezioni prodotte ed immesse nellagroecosistema. Queste, infatti, producono effetti diversi anche in funzione del tipo di specie allevata e della distribuzione sul territorio dellallevamento stesso. Tale tematica posta in attenzione da alcuni provvedimenti normativi nazionali: il DLgs n. 152/06 ed il D.M. MIPAF 07/04/2006, che pongono in risalto la problematica dellinquinamento da nitrati provenienti dallattivit agricola e zootecnica, con particolare riferimento, rispettivamente, allindividuazione delle aree sensibili ai nitrati onde proteggere le falde acquifere ed alla regolamentazione dellimpiego agronomico delle deiezioni animali per ridurre la diffusione dei nitrati nellagroecosistema. Si segnalano anche i D.D.G. congiunti (ARTA, Agricoltura e Foreste, Sanit) 53/07 e 61/07 sempre relativi alla tematica dei nitrati di origine agricola. Ci premesso, occorre considerare che in Sicilia gli allevamenti bovini ed ovi-caprini sono prevalentemente di tipo estensivo, mentre quelli suini sono ben localizzati in limitate zone e quindi possono, potenzialmente, comportare rilevanti concentrazioni di inquinanti. Per cui, tenendo anche conto delle differenze tra le specie allevate, i dati vengono uniformati in UBA (Unit di Bestiame Adulto): unit standard di un bovino da latte di et superiore a 24 mesi. Si specifica che la SAU trattabile definita negli stessi termini utilizzati per il paragrafo relativo allutilizzo dei fitofarmaci. Nel 2006 gli allevamenti bovini sono quelli maggiormente rappresentati (11.362 aziende e 394.101 capi) seguiti da quelli ovini (9.448 aziende e 987.000 capi - tab. 3.8).

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

tab. 3.8 Aziende zootecniche in Sicilia, per tipologia di allevamento (1995-2006)


32 Cap. 3 Cap. 3 Allevamenti Bovinibufalini Suini Ovinicaprini Equini (*) Avicoli (**) Totale
1995 1996 1997 1998 1999 2000 2003 2004 2005 2006

12.113 4.811 17.178 3.656 6.373 44.131

12.890 5.370 15.399 3.102 16.223 52.984

11.369 2.752 12.586 2.715 3.738 33.160

12.448 4.255 12.651 2.252 9.056 40.662

12.637 2.606 12.348 2.414 4.736 34.741

9.054 2.416 8.978 2.575 6.771 29.794

7.826 1.595 8.361 2.633 1.255 21.670

12.489 1.520 9.049 1.967 1.815 26.840

12.367 1.567 10.480 2.373 2.375 29.162

11.362 1.577 9.448 2.411 6.446 31.244

(*) 1999 - dato mediato fra 1998 e 2000 (**) 2004 - dato mediato fra 2003 e 2004 Fonte: ARPA su dati ISTAT (vari anni), Anagrafe Nazionale Zootecnica (2006-2007)

Con riferimento allanno 2006, la maggior presenza di capi allevati si registra, in ordine decrescente, nelle province di Ragusa, Messina e Palermo, (tab. 3.9) ed il maggior numero di aziende zootecniche nelle province di Messina, Palermo ed Enna.
tab. 3.9: Capi di bestiame e numero di allevamenti per categoria animale (2000, 2006)
Prov. TP PA ME AG CL EN CT RG SR Sicilia Anni 2000 2006 2000 2006 2000 2006 2000 2006 2000 2006 2000 2006 2000 2006 2000 2006 2000 2006 2000 Bovini e bufalini Capi Az. 4232 206 6577 433 53362 1845 77701 66754 79700 9204 11958 7627 9044 51373 59031 18064 33391 69745 78279 27968 38420 308329 2614 2064 2438 383 625 247 269 1339 1484 420 684 1768 1805 782 1010 9054 Suini Capi 5476 119 3854 6506 8386 8932 1933 2580 326 494 4932 5421 2323 6118 12056 8017 1913 2298 41199 Az. 32 29 159 163 1155 369 44 67 15 33 482 76 75 147 345 517 109 176 2416 Ovi-caprini Capi Az. 86604 530 66.853 723 144441 1801 234.087 220984 182.795 85272 143.958 47538 75.986 134431 136.760 68377 98.958 14200 19.803 28485 27.998 830332 2179 3083 1833 684 1384 329 482 1451 1172 412 613 428 646 260 416 8978 Equini Capi Az. 154 48 397 45 2240 630 5779 2196 5665 532 1373 301 777 1181 3047 493 1272 716 1847 640 1651 8453 590 801 750 114 107 61 57 435 407 100 94 225 211 161 151 2575 Avicoli Capi 70798 136131 137556 264567 162870 313176 64777 124567 26277 50531 42994 82417 175072 336638 810289 1558038 187824 361154 1678457 Az. 108 103 692 659 3433 3268 258 246 72 69 1313 1250 117 111 557 530 221 210 6771

2006 394101 11362 40485 1577 987198 9448 21808 2411 3227220 6446 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati ISTAT (vari anni) e Anagrafe Nazionale Zootecnica (2006-2007)

Con particolare riferimento, poi, al numero totale di UBA nel territorio siciliano, si segnala come queste, nellanno 2006 siano 518.937, in aumento del 16% rispetto al valore del 2005 (tab. 3.10). Il valore pi elevato (tab. 3.4) si riscontra nella provincia di Messina (105.427), seguita da quella di Palermo (103.179) e da quella di Ragusa (81.415).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a tab. 3.10: SAU trattabile, UBA allevati, produzione totale di N, carico unitario di N e relativa produzione per specie allevata in Sicilia dal 2000 al 2006
Anni SAU trattabile (Ha) 2.000 2.002 2.003 2.004 2.005 2.006 1.119.808 1.093.519 1.093.491 1.083.840 1.053.224 1.014.697 UBA Produzione totale azoto da allevamenti t/anno 34.203 40.465 38.596 39.023 37.896 44.110 kg/ha SAU 30,54 37,00 35,30 36,00 35,98 43,47 Produzione azoto per specie allevata Bovini Suini OviEquini caprini % % % % 58,73% 53,32% 53,27% 52,69% 54,48% 58,98% 4,62% 4,48% 5,20% 5,01% 2,89% 1,75% 29,72% 31,68% 29,13% 31,05% 30,20% 28,54% 2,02% 4,84% 4,63% 4,46% 5,09% 4,20% Avicoli % 4,70% 5,68% 7,77% 6,79% 7,34% 6,53%

N 402.391 476.059 454.071 459.099 445.840 518.937

33 Cap. 3

Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati ISTAT (vari anni), Anagrafe Nazionale Zootecnica (2006-2007)

Per quanto specificatamente concerne la produzione di azoto, nella provincia di Messina si riscontra una produzione di 8.961 tonnellate di azoto derivante dallattivit zootecnica e di 114,66 kg di azoto per ettaro di SAU trattabile, mentre in quella di Ragusa 6.920 tonnellate di azoto derivante dallattivit zootecnica e 65,43 kg di azoto per ettaro di SAU trattabile. In ultima analisi, i dati relativi alla produzione di azoto per ettaro di SAU trattabile sono comunque inferiori rispetto al valore limite, in grado di provocare fenomeni dinquinamento idrico, fissato dalla normativa vigente (170 Kg/Ha di SAU trattabile / anno, D.L.vo 152/06).

3.3.3.6 Aree a forte rischio di abbandono


Le aree a forte rischio di abbandono, tra le quali rientrano paesaggi seminaturali (spesso terrazzati) equiparabili alle aree a forte valenza ambientale, presentano una sensibilit rilevante nei confronti della perdita di suolo. Gli interventi in agricoltura che hanno un impatto rilevante sul suolo sono anche rappresentati da forme di agricoltura intensiva con effetti a medio termine sul declino della sostanza organica del suolo. La conservazione del suolo e la lotta alla desertificazione vedono le misure forestali come strumento fondamentale di azione migliorativa nel caso in cui vengano applicate le buone pratiche forestali. I processi di degrado in ambito forestale sono innescati dai fattori di pressione antropica (sovrapascolamento, incendi, sovrasfruttamento delle produzioni legnose, ecc.) ed amplificati dalle caratteristiche fisiche e strutturali della nostra isola (aridit, suoli altamente erodibili derivanti da rocce calcaree o formazioni sedimentarie argilloso-sabbiose, etc.). Ci comporta spesso la diminuzione della copertura forestale, laumento dellerosione e, nel lungo periodo, la potenziale desertificazione, almeno nelle zone climaticamente pi sensibili. I soprassuoli forestali esercitano comunque un ruolo protettivo nei confronti del suolo, limitato spesso dallesposizione congiunta a fenomeni di pressione antropica.
3.3.4 Risorse idriche

Le pratiche agricole hanno una influenza diretta sulle risorse idriche in funzione delle specie coltivate, delle tecniche agronomiche adottate e delle modalit con cui avviene la distribuzione dellacqua. Si ritiene pertanto che un impiego sostenibile della risorsa irrigua debba comunque evitare il depauperamento della risorsa idrica stessa in termini quantitativi e qualitativi. La disponibilit irrigua assume nellagricoltura regionale il ruolo di fattore determinante per lesercizio di colture di pregio quali gli agrumi, le ortive da serra, le floricole, alcune colture frutticole e per gli impianti delle colture a ciclo primaverile-estivo. Tale analisi mette in evidenza che i consumi di acqua del settore agricolo rappresentano una quota maggiore della somma dei consumi idrici imputabili ai settori civile e industriale, mettendo in risalto un elemento di pressione significativa sul bilancio delle risorse idriche regionali. L uso di tale risorsa andrebbe adeguato alla capacit di ricarica dei corpi idrici, accoppiando sistemi di controllo dellefficienza irrigua alla definizione di aree omogenee per fabbisogno idrico.
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

34 Cap. 3 Cap. 3

Dallelaborazione dei dati ISTAT relativi allindagine sulla struttura e produzione delle aziende agricole (2003) la superficie effettivamente irrigata in Sicilia risulta complessivamente pari a 187.563 ettari, corrispondente a circa il 15 % della SAU.

3.4
3.4.1

Tendenze
Vendita e distribuzione di fertilizzanti

Riguardo alla distribuzione unitaria di fertilizzanti nelle province siciliane dal 2000 al 2006 si segnala (tab. 3.3 a pag. 27) come ci sia stata una progressiva diminuzione relativa (poco pi del 28%), passando dal valore complessivo di 283 Kg/ha SAU trattabile a 202 Kg/ha SAU trattabile. Sempre rispetto allo stesso periodo, si riscontra come limpiego unitario di principi attivi contenuti nei fertilizzanti (tab. 3.11), per tipologia di sostanza, distribuiti in Sicilia mostri una lieve diminuzione, passando da 123,79 Kg/ha SAU trattabile del 2000 a 118,95 Kg/ha SAU trattabile del 2006 (circa il 4% in meno).
tab. 3.11: Impiego unitario di principi attivi contenuti nei fertilizzanti, per tipologia di sostanza, distribuiti in Sicilia - KgHa1 SAU trattabile (2000-2006)
Anni N P2O5 K2O 48,13 33,67 18,79 2000 50,77 33,45 18,53 2001 42,42 28,61 20,24 2002 41,61 26,56 19,86 2003 36,91 24,11 21,38 2004 28,61 19,36 15,21 2005 34,12 18,48 18,41 2006 Fonte: ARPA su dati ISTAT CaO 0,02 0,03 1,46 1,85 2,32 3,42 0,52 MgO 0,29 0,28 1,21 0,96 1,34 1,07 1,07 SO3 0,80 1,00 10,49 12,17 10,84 14,43 7,38 Microel. 0,36 0,35 0,94 0,57 0,60 0,55 0,25 S.O. 21,73 21,06 36,41 40,19 40,99 37,51 38,72 TOTALE 123,79 125,46 141,79 143,77 138,50 120,15 118,95

3.4.2

Surplus di azoto di origine agricola

DallAnnuario dei dati ambientali 2006 dellARPA Sicilia(tab. 3.12) si evince una diminuzione del surplus di azoto in Sicilia per unit di superficie (relativo alla problematica dei nitrati per la protezione delle falde acquifere) che passato da 39,96 Kg/ha SAU trattabile del 2002 a 31,23 Kg/ha SAU trattabile nel 2005. Diversamente rispetto al valore dellanno 2000 (28,06 kg/ha SAU) si rileva un aumento del surplus medesimo
tab. 3.12 Surplus di azoto in Sicilia dal 2000 al 2005
Anno Surplus unitario di azoto (t) (t) (t) (Ha) (kg Ha1) 116.903 85.477 31.426 1.119.808 28,06 2000 119.999 76.307 43.692 1.093.519 39,96 2002 118.373 69.538 48.835 1.093.491 44,66 2003 112.508 68.829 43.679 1.083.840 40,30 2004 104.779 71.887 32.892 1.053.224 31,23 2005 Fonte: elaborazioni ARPA Sicilia su dati ISTAT (2000-2006) e Anagrafe Nazionale Zootecnica (2005-2006) Input azoto Output azoto Surplus azoto SAU trattabile

3.4.3

Vendita e distribuzione di fitofarmaci

Rispetto al dato del 2004, nel 2005 si riscontrata una diminuzione di circa il 3% dei fitofarmaci venduti in Sicilia ma, rispetto al 2003, la quantit totale non mostra variazioni di rilievo (tab. 3.5). Per quel che concerne limpiego dei fitofarmaci per ettaro di SAU trattabile, la tendenza pressoch costante, con una media di 18,92 kg/Ha nel periodo 2002-2005 (tab. 3.13). Si rappreR n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a

senta negativamente come, nello stesso periodo, le province di Ragusa e Trapani mostrino valori nettamente superiori alla media (rispettivamente 52,60 Kg/Ha e 42,62 Kg/Ha di SAU trattabile).
tab. 3.13: Fitofarmaci distribuiti ed impiego per ettaro di SAU trattabile (2002-2005)
Prov. Fitofarmaci (t) TP PA ME AG CL EN CT RG SR Imp. Unit. Kg/Ha 2002 5.896 2.376 444 2.433 952 49 1.863 5.728 1.493 48,50 12,46 5,44 16,36 9,09 0,33 15,90 54,92 19,75 Fitofarmaci (t) Imp. Unit. Kg/Ha 2003 5.404 2.291 439 2.275 823 62 2.078 5.002 1.652 43,29 11,99 5,39 15,13 8,21 0,42 17,81 48,06 21,70 Fitofarmaci (t) Imp. Unit. Kg/Ha 2004 5.110 2.451 418 2.104 795 95 2.435 5.675 1.500 20.583 39,30 12,97 5,38 14,31 8,10 0,65 21,35 53,79 19,61 18,99 Fitofarmaci (t) Imp. Unit. Kg/Ha 2005 4.808 2.458 469 2.267 660 48 2.360 5.575 1.331 19.977 39,40 14,26 5,90 16,14 6,53 0,34 21,20 53,64 17,12 18,97 35 Cap. 3

Sicilia 21.234 19,42 20.026 18,31 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati ISTAT

3.4.4

Allevamenti ed effluenti zootecnici

Nel periodo 2004-2006 cresciuto il numero di aziende zootecniche da 26.840 a 31.224, dato invece in diminuzione se si considera il periodo 1995 2003 (tab. 3.8). Per quanto, poi, attiene il numero totale di UBA in Sicilia, si segnala come queste nellanno 2006 siano 518.937, in aumento del 16% rispetto al dato dellanno precedente ed anche rispetto al valore del 2003 (tab. 3.10). Nel periodo 2000-2006 la produzione media di azoto per ettaro sia aumentata (anche a causa di una lieve diminuzione della SAU) passando da 30,54 a 43,47 kg di azoto per ettaro di SAU trattabile. La maggiore produzione di azoto dovuta allallevamento bovino ed ovi-caprino.
graf. 3.4: Incidenza media percentuale della specie animale allevata sulla produzione di azoto nel periodo 2000-2006
B o vin i S u in i O vi-c a p rin i E q u in i A vic o li

4%

6%

30%

56%

4%

Fonte: ARPA su dati ISTAT, Anagrafe Nazionale Zootecnica (2006-2007)

3.4.5

Agricoltura a basso impatto ambientale

Negli anni compresi tra il 2000 ed il 2006 si potuto constatare, da un lato, landamento decrescente della SAU siciliana e, dallaltro, uno sviluppo della superficie interessata dalle misure/azioni agroambientali. Il rapporto superficie regionale a basso impatto/SAU regionale sempre
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

36 Cap. 3 Cap. 3

al di sopra del 10%, ad esclusione dellanno 2004 (poco meno dell8%), anno in cui ricadeva lultima annualit del quinquennio di cui al reg. CEE 2078/92 (tab. 3.14).
tab. 3.14: SAU, misure/azioni agroambientali e agricoltura a basso impatto in Sicilia (2000-2006)
Misure Aziende Agricoltura a Incidenza agroambientali agroambientali. basso impatto sulla SAU (reg. 2078/92) (reg. 1257/99) 1.498.993 226.481 226.481 15,11% 2000 1.479.047 140.510 76.386 216.896 14,66% 2001 1.463.318 77.467 76.386 153.853 10,51% 2002 1.461.585 43.603 105.037 148.640 10,17% 2003 1.447.633 9.900 105.037 114.937 7,94% 2004 1.490.761 9.553 (*) 188.061 197.614 13,26% 2005 1.427.494 9.206 188.061 197.267 13,82% 2006 (*) media aritmetica fra il 2004 e il 2006 per mancanza di dati Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati: ISTAT (vari anni), Dip. Interventi Strutturali - Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste (vari anni) SAU

3.5

Impatto sulla salute della popolazione

Si pu determinare un rischio per la salute umana nel settore agricolo qualora si applichino metodi di gestione dellazienda agricola poco rispettosi dellagroecosistema, con ladozione di tecniche di gestione direttamente connesse alla diffusione di prodotti fitosanitari. Tra gli impatti positivi si pu auspicare il miglioramento qualitativo delle produzioni dal punto di vista igienicosanitario, la tutela della salute degli operatori e dei consumatori e la limitazione dei fattori dinquinamento delle acque e del suolo.
3.5.1 Rapporto Nazionale Residui di prodotti fitosanitari nelle acque

Nel periodo 2003 2005, in funzione di apposito accordo del maggio 2003 della Conferenza Stato-Regioni ed ai sensi del Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 194, lA.P.A.T. ha coordinato il piano nazionale di monitoraggio dei residui di prodotti fitosanitari nelle acque. stato cos possibile indirizzare le indagini sui principi attivi attualmente utilizzati in agricoltura ed individuare le priorit in riferimento ai rischi ambientali potenziali. Pur se con differenze tra la quantit di informazioni tra i territori settentrionali e quelli meridionali d Italia, le rilevazioni effettuate consentono una lettura complessiva abbastanza significativa. Negli anni 2003-2005, il monitoraggio ha riguardato complessivamente 29.074 campioni, con 602.340 determinazioni analitiche effettuate. Nel 2005 (ultimo anno del triennio previsto dallaccordo di cui sopra) le indagini hanno interessato 3.574 punti monitorati con 10.570 campioni raccolti per un totale di 282.774 misure analitiche. I dati del 2005 rivelano uno stato di contaminazione gi indicato negli anni passati. Alcune delle sostanze monitorate presentano una contaminazione diffusa e riguardano sia le acque superficiali, sia quelle sotterranee di diverse regioni, rappresentando, pertanto, la necessit di intervenire per mitigare limpatto dellutilizzo dei prodotti fitosanitari in agricoltura.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a fig. 3.2: Cartografia dei punti di monitoraggio con lindicazione dei livelli di contaminazione.

37 Cap. 3

Fonte: Rapporto Nazionale Residui di prodotti fitosanitari nelle acque 2007

Un dato interessante relativo alla contaminazione dovuta alla terbutilazina 5 rinvenuta in Italia nel 51,5% dei punti di campionamento delle acque superficiali (fig. 3.3). Dalla fig. 3.2 si evince la situazione siciliana, che presenta livelli superiori ai limiti per le acque superficiali in diversi punti monitorati.
fig. 3.3: Cartografia dei punti di monitoraggio con lindicazione dei livelli di contaminazione.

Fonte: Rapporto Nazionale Residui di prodotti fitosanitari nelle acque - 2007

Sostanza in fase di revisione a livello comunitario ed il cui uso in qualche Paese stato vietato.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

3.6
38

Proposte e politiche di mitigazione


Programma dazione obbligatorio per le zone vulnerabili da nitrati di origine agricola

3.6.1
Cap. 3 Cap. 3

Con la finalit di attivare pratiche in grado di garantire sia la produttivit delle colture sia la tutela delle risorse naturali si inserisce tutta la produzione normativa nazionale e regionale, di cui allapplicazione della direttiva CEE 1991/676 nitrati, in termini di corretta gestione dei reflui zootecnici e di contenimento delle immissioni di ingenti quantit di fertilizzanti minerali nellagroecosistema. Come conseguenza dellindividuazione delle zone vulnerabili da nitrati di origine agricola, divengono obbligatorie le misure del Codice di Buona Pratica Agricola approvato con decreto interministeriale del 19 Aprile 1999 (GURI n. 102 del 4/5/1999 Supplemento Ordinario) e le disposizioni contenute nellAllegato 2 Titolo VI del DDG n. 61 del 17 Gennaio 2007 e nel Programma dazione obbligatorio per le zone vulnerabili da nitrati di origine agricola predisposto nel 2003, aggiornato nel 2005 e riformulato con DDG n. 53 del 12 gennaio 2007 (GURS n. 10 del 2 marzo 2007), a seguito ed in adempienza alle osservazioni della Commissione Europea. In esso sono presenti le norme obbligatorie relative alla gestione dei fertilizzanti e ad altre pratiche agronomiche, le quali, ai sensi dellart. n. 22 del Decreto 7 aprile 2006, indicano una serie di divieti riguardanti limpiego, in zone determinate dallo stesso, del letame e di altri prodotti ad esso riconducibili, nonch dei concimi azotati e ammendanti organici, di cui alla Legge n. 748 del 1984. Il programma fornisce anche note per lutilizzo di questi prodotti, nonch i divieti di utilizzo dei fanghi di depurazione, di cui al D.Lvo n. 99 del 1992 in zone definite dallo stesso piano. Inoltre, per rendere minime le perdite di sostanze azotate nellagroecosistema, il Programma obbliga che la distribuzione delle stesse sia fatta in periodi indicati e tenendo sempre in considerazione le presumibili necessit di azoto delle colture agrarie e lapporto dello stesso che deriva dal suolo e dalla fertilizzazione. Comunque, i quantitativi massimi di azoto da apportare con la fertilizzazione non dovranno in ogni caso determinare valori superiori a quelli indicati dal programma stesso come livelli massimi di apporti nutritivi ammessi. In ogni caso ed in ogni singola azienda agricola lapporto di azoto non dovr superare i 170 kg per ettaro e per anno6. Ulteriori disposizioni sono, infine, previste per quanto attiene lo stoccaggio e il trattamento degli effluenti di allevamento. Allorquando le superfici agricole ricadono anche parzialmente nelle zone vulnerabili designate, le aziende dovranno predisporre un apposito Piano di Utilizzazione Agronomica, aderire al Programma regionale di miglioramento dellefficienza delle tecniche di fertilizzazionee tenere un apposito registro aziendale. Le tecniche di distribuzione dei fertilizzanti azotati dovranno, inoltre, tenere in considerazione una serie di prescrizioni atte a limitare eventuali dispersioni di nutrienti nelle acque superficiali e profonde. , infine, prevista la possibilit di aderire al Programma regionale di miglioramento dellefficienza irrigua, nonch dovranno essere osservati alcuni specifici divieti inerenti la tecnica irrigua.

Valore medio per azienda, derivato in base a dei valori della tabella 2 dellallegato I al DM decreto 7 aprile 2006 o, in alternativa, sulla base di altri valori derivanti da procedure di calcolo o di misura citati nella llegato stesso.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a 3.6.2 Misure agroambientali

Lapplicazione della normativa agroambientale ha fatto s che allagricoltura fosse riconosciuta anche la funzione di tutela dellambiente e del territorio. A tal fine, la normativa UE ha riguardato sia lapplicazione delle misure agroambientali, sia il sostegno agli agricoltori ricadenti in zone svantaggiate (di cui alla Dir. 268/75) sia lapplicazione delle misure di selvicoltura. Attraverso il reg. CEE 2078/92, sostituito a partire dal 2000 dal reg. CE 1257/99 (Azione F del PSR Regione Sicilia), si sono previsti interventi che, puntano allestensivazione delle colture, allimpiego di metodi di produzione pi sostenibili ed integrati, alla conservazione ed alla valorizzazione dellambiente naturale, alla gestione delle terre abbandonate, alla conservazione delle specie autoctone in via di estinzione ed alla diminuzione del carico di bestiame aziendale. Come indicato nella tab. 3.14: SAU, misure/azioni agroambientali e agricoltura a basso impatto in Sicilia (2000-2006) di pag. 36, , relativamente allanno 2006, la superficie agricola interessata da agricoltura a basso impatto ambientale di Ha 197.267 (pari a pi del 13% della SAU regionale). La provincia in cui maggiore lincidenza percentuale della superficie destinata a misure agroambientali rispetto al totale della SAU (tab. 3.15) quella di Enna (37,45%), mentre quella a minore incidenza quella di Trapani (3,49%).
tab. 3.15 - Ripartizione della SAU e delle misure/azioni agroambientali per provincia nel 2006
Prov. SAU Ettari TP PA ME AG CL EN CT RG SR Sicilia 154.577 252.088 161.460 175.003 124.831 159.450 159.251 128.690 112.145 1.427.494 Misure agroambientali (reg. 731,24 2078/92) 5455,64 751,47 925,09 293,89 325,16 52,65 426,80 243,87 9.206 Az. agroambient. (reg. 1257/99) 4.659 25.235 26.104 8.276 8.509 59.386 27.883 11.203 17.010 188.061 Agricoltura a basso impatto 5.390,38 30.690,29 26.855,76 9.200,99 8.803,05 59.711,37 27.935,68 11.629,88 17.254,05 197.267 Incidenza sulla SAU % 3,49% 12,17% 16,63% 5,26% 7,05% 37,45% 17,54% 9,04% 15,39% 13,82%

39 Cap. 3

Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati ISTAT (2007) e Dip. Interventi Strutturali - Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste (2007)

3.6.3

Piano regionale per il controllo e la valutazione degli effetti derivanti dall utilizzazione dei prodotti fitosanitari sui comparti ambientali vulnerabili.

Le attivit di utilizzazione dei prodotti fitosanitari influiscono, in maniera diretta, sulla tutela dei corpi idrici, contribuendo al raggiungimento e/o al mantenimento degli obiettivi di qualit di cui al decreto legislativo n. 152 del 2006. I vari adempimenti previsti dalla vigente normativa in materia di tutela delle acque prevedono come pi soggetti istituzionali concorrano, relativamente alle proprie competenze, al perseguimento degli obiettivi stabiliti dalle direttive comunitarie cos come recepite dalle norme statali e regionali. Il Centro regionale di documentazione sulle acque ha la funzione di raccogliere, catalogare e diffondere le informazioni relative alle caratteristiche dei bacini idrografici ed idrogeologici siciliani, con particolare riferimento agli elementi geografici, geologici, idrogeologici, fisici, chimici e biologici dei corpi idrici superficiali e sotterranei, e di fornire assistenza tecnica al Tavolo tecnico regionale sulle acque. Il tavolo di settore n. 3 Protezione zone vulnerabili da nitrati di origine agricola e da prodotti fitosanitari istituito allinterno del Tavolo tecnico regionale sulle acque, ha sviluppato lazione di coordinamento dei lavori relativi allapplicazione della normativa connessa, e in data 15 febbraio 2007 ha approvato il Piano regionale per il controllo e la valutazione degli effetti derivanti
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

40 Cap. 3 Cap. 3

dallutilizzazione dei prodotti fitosanitari sui comparti ambientali vulnerabili (G.U.R.S. parte I del 1.06.2007 n. 25). Tale strumento di pianificazione consente di dare seguito agli adempimenti previsti dalla normativa vigente al fine di individuare a livello regionale le aree vulnerabili, proteggendo le risorse idriche e gli altri comparti ambientali dall inquinamento derivante dalluso di prodotti fitosanitari. Tutte le attivit del piano saranno coordinate dal Tavolo tecnico regionale sulle acque, che si avvarr del supporto tecnico dellARPA Sicilia e dei servizi che afferiscono ai dipartimenti interessati.
3.6.4 Programma di Sviluppo Rurale Sicilia 2007-2013

Per ci che concerne la nuova programmazione comunitaria nel settore agricolo, il Programma di Sviluppo Rurale Sicilia 2007-2013 dovr perseguire, attraverso un equilibrato uso delle risorse, lobiettivo di migliorare la competitivit e lattrattivit delle zone rurali della Sicilia, garantendone al contempo la sostenibilit. Per contrastare i processi di esodo delle popolazioni dalle aree rurali e di senilizzazione degli operatori agricoli, il programma dovr sostenere linsediamento di agricoltori giovani e diversificare le attivit nel contesto rurale.
3.6.5 Produzione ed utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura

Lutilizzo diretto dei fanghi di depurazione su suolo agricolo disciplinato dalla Dir. 86/278/CEE e dai D.L.vi n. 99/92 e n. 22/97, nonch dalla Circolare dellAssessorato Regionale Territorio e Ambiente n. 38508 del 26/5/93. Le norme specificano apposite autorizzazioni per lutilizzo, il trasporto e il condizionamento dei fanghi, nonch adeguati limiti da tenere in considerazione nello spargimento degli stessi sul terreno coltivato. La riutilizzazione dei fanghi in agricoltura, qualora praticata rispettando la rigorosa regolamentazione delle quantit e modalit di utilizzo, pu rappresentare una pratica che comporta effetti positivi sul sistema produttivo agricolo, poich, oltre che limitare limpatto dei rifiuti organici di origine agroindustriale, promuove una rotazione di sostanza organica nel suolo agricolo che comporter un buon livello di fertilit dello stesso. Secondo quanto previsto sia dal comma 5, art. 6 del D.Lvo 99/92 (informativa sulla produzione ed utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura), sia dalle indicazioni emanate dal Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare, demandata alle Regioni la redazione annuale riassuntiva sui quantitativi di fanghi di depurazione prodotti dagli impianti di trattamento degli agglomerati urbani, Consorzi ASI e industrie agroalimentari ed eventualmente utilizzati in agricoltura,. A tal fine, lAssessorato Territorio ed Ambiente della Regione Siciliana dispone che gli enti interessati trasmettano una specifica comunicazione relativamente a: quantitativi di fanghi prodotti nellanno precedente in relazione alla diverse tipologie (da fognatura urbana, industriale, ecc.) espressi in tonnellate di sostanza secca per anno; quota smaltita in discarica; eventuale quota fornita quale ammendante per usi agricoli, previa autorizzazione; superficie dei terreni agricoli interessati al suddetto smaltimento; composizione media dei fanghi utilizzati in agricoltura; breve descrizione delle tecnologie di trattamento dei fanghi e delle caratteristiche dei terreni e delle colture interessate. Ci premesso, si rappresenta, di seguito, la situazione complessiva relativamente ai fanghi prodotti ed utilizzati in agricoltura per lanno 2006. Si specifica che la quantit riportata (tab. 3.16 e tab. 3.17) riferita sia alle ditte private che al 50% circa dei comuni della Sicilia.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i o v o n a Ag gr r ic c ol lt tu ur ra a, ,s se el l vi ic co ol lt tu ur ra ae ez zo o ot te ec c ni i a

tab. 3.16: Fanghi prodotti ed utilizzati in agricoltura, sost. secca, T/anno


Anno 2006 fanghi di depurazione prodotti fanghi utilizzati in agricoltura Quantit 168.698,57 307,4

tab. 3.17: Caratteristiche dei fanghi utilizzati, sostanza secca


Metalli cadmio rame nichel piombo zinco mercurio cromo azoto totale fosforo totale u.m. mg/kg mg/kg mg/kg mg/kg mg/kg mg/kg mg/kg % % quantit 1,5 89,2 10,3 15,8 187,16 0,11 5,82 2,4 1,04

41 Cap. 3

Fonte: Regione Siciliana, Assessorato Territorio e Ambiente, Servizio 5 Rifiuti

Bibliografia essenziale di riferimento


APAT Rapporto Nazionale Residui di prodotti fitosanitari nelle acque - 2007 ARTA Sicilia ARPA Sicilia - Rapporto ambientale PO FESR 2007 2013 (2007) ARTA Sicilia ARPA Sicilia - Rapporto ambientale Programma di Sviluppo Rurale Sicilia 2007 2013 (2007) Regione Siciliana, Assessorato Agricoltura e Foreste PSR Sicilia 2007/2013 v 2.02 del 29 giugno 2007 ARPA Sicilia (2007) Annuario dei dati ambientali 2006, Palermo. ARPA Sicilia (2006) Annuario dei dati ambientali 2005, Palermo. Piano regionale per il controllo e la valutazione degli effetti derivanti dall utilizzazione dei prodotti fitosanitari sui comparti ambientali vulnerabili (G.U.R.S. parte I del 1.06.2007 n. 25).

Glossario
Bestiame: si intendono tutti gli animali allevati per uso o profitto; Concime chimico, si intende qualsiasi fertilizzante prodotto mediante procedimento industriale; Composto azotato: qualsiasi sostanza contenente azoto, escluso lazoto allo stato molecolare gassoso; Effluente di allevamento: si intendono le deiezioni del bestiame o una miscela di lettiera e di deiezioni di bestiame, anche sotto forma di prodotto trasformato; Fertilizzante: si intende qualsiasi sostanza contenente uno o pi composti azotati, sparsa sul terreno per stimolare la crescita della vegetazione; sono compresi gli effluenti di allevamento, i residui degli allevamenti ittici e i fanghi di fognatura; Reddito lordo standard (RLS): differenza fra il valore standard della produzione e l importo standard di alcuni costi specifici; tale differenza viene determinata per ogni singola speculazione vegetale od animale in ciascuna regione. (Fonte: Decisione 85/377/CE della Commissione); Superficie totale: area complessiva dei terreni dellazienda, costituita dalla superficie agricola utilizzata, da quella coperta da boschi e arboricoltura da legno, dalla superficie agraria non utilizzata, nonch dalle aree occupate da parchi e giardini ornamentali, fabbricati, canali, cortili, ecc.; Superficie agricola utilizzata (SAU): insieme dei terreni investiti a seminativi, coltivazioni legnose agrarie, prati permanenti e pascoli e orti familiari. Essa costituisce la superficie investita ed effettivamente utilizzata in coltivazioni propriamente agricole. esclusa la superficie investita a funghi in grotte, sotterranei ed appositi edifici; Superficie agraria non utilizzata: insieme dei terreni dellazienda non utilizzati a scopi agricoli per una qualsiasi ragione (di natura economica, sociale od altra), ma suscettibili di essere utilizzati a scopi agricoli mediante lintervento di mezzi normalmente disponibili presso unazienda agricola. Sono compresi gli eventuali terreni abbandonati facenti parte dellazienda ed aree destinate ad attivit ricreative. Sono esclusi i terreni a riposo (che rientrano invece nei seminativi e quindi nella SAU). Unit di Dimensione Economica (UDE): pari a 1.200 euro di reddito lordo standard (RLS) totale. Quest ultimo ottenuto come somma dei redditi lordi standard di ciascuna attivit svolta dall azienda agricola. Il reddito lordo standard di ciascuna attivit stimato sulla base di coefficienti determinati localmente e sulla dimensione dell attivit stessa.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

42 Cap. 3 Cap. 3

tab. 3.18: Impiego unitario di principi attivi contenuti nei fertilizzanti, per sostanza, province e annoKgHa1 SAU trattabile (Fonte ARPA Sicilia su dati ISTAT)
Prov TP Anni 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 SAU Tratt.(Ha) 116.874 124.815 121.566 124.834 130.025 122.023 123.307 198.238 197.594 190.740 191.036 188.910 172.384 163.544 74.164 73.634 81.647 81.441 77.765 79.543 78.158 149.914 149.243 148.703 150.334 147.004 140.483 135.588 111.598 111.803 104.782 100.217 98.196 101.092 94.137 149.951 150.797 149.045 148.713 145.883 144.653 132.263 118.385 124.350 117.169 116.705 114.049 111.358 105.186 107.757 100.131 104.291 104.081 105.511 103.926 105.759 92.927 74.163 75.576 76.130 76.497 77.762 76.755 N 35,23 26,72 29,44 21,78 18,84 18,49 19,24 45,80 54,00 59,30 58,02 45,92 38,85 29,58 34,94 33,98 29,44 21,56 21,05 10,36 21,19 41,83 38,64 20,18 16,11 16,36 17,40 12,97 32,97 30,22 14,19 13,16 11,72 18,11 11,50 10,40 8,93 6,56 6,26 3,72 5,07 3,46 96,22 88,03 54,56 77,13 70,47 48,27 54,19 85,39 123,19 126,83 118,73 112,65 69,96 134,72 64,63 79,49 53,06 51,32 42,09 34,72 32,66 P2O5 30,09 23,80 19,96 16,49 14,35 16,95 13,98 33,16 32,94 41,90 31,90 26,62 25,65 17,11 29,62 27,84 22,06 16,91 16,53 7,89 16,76 30,01 28,12 12,75 9,43 11,13 14,28 8,77 27,10 25,82 9,96 10,05 10,48 11,77 10,09 12,76 10,70 5,02 4,50 3,83 5,03 4,00 52,55 45,06 38,84 57,78 54,46 30,24 38,66 63,06 82,11 80,71 73,46 63,40 39,21 43,98 31,85 39,92 31,89 26,71 23,93 24,55 19,97 K2O 18,19 12,65 11,93 11,69 9,55 7,39 8,79 17,67 15,00 22,65 15,67 23,15 13,51 13,41 15,08 13,32 12,80 9,19 10,84 7,40 11,57 11,51 11,96 10,91 11,16 10,36 8,96 8,73 8,27 7,88 7,92 7,13 7,58 6,08 7,82 0,38 0,16 2,26 2,25 1,68 0,49 3,41 32,81 28,34 29,07 35,10 36,48 32,34 33,97 49,14 63,21 66,21 67,83 76,29 45,12 66,29 25,91 32,89 29,37 34,52 26,12 25,25 20,14 CaO 0,01 0,01 1,63 0,91 1,14 1,18 0,25 0,00 0,00 0,17 0,23 0,13 1,14 0,05 0,00 0,00 1,35 0,60 0,60 1,44 0,46 0,01 0,00 1,04 0,96 1,19 2,12 0,21 0,02 0,02 1,11 0,87 1,28 1,43 0,14 0,00 0,00 0,16 0,11 0,38 0,05 0,00 0,01 0,01 1,76 3,26 2,88 8,15 1,23 0,13 0,23 4,41 10,48 13,95 15,28 1,74 0,00 0,00 3,90 1,21 1,77 2,57 1,30 MgO 0,11 0,10 1,14 0,69 0,68 0,47 0,47 0,01 0,01 1,62 0,61 2,17 1,30 1,33 0,00 0,01 0,30 0,30 0,41 0,36 0,33 0,10 0,12 0,66 0,78 0,90 0,72 0,70 0,17 0,16 0,30 0,32 0,45 0,40 0,31 0,00 0,00 0,02 0,06 0,07 0,04 0,06 0,77 0,63 1,93 1,65 2,12 1,80 1,80 1,47 1,50 3,23 3,00 3,11 2,94 3,26 0,27 0,37 2,13 2,14 2,15 2,11 1,60 SO3 0,62 0,66 6,54 7,51 6,86 11,87 4,82 0,03 0,44 12,92 12,92 12,30 13,53 7,74 0,01 0,01 4,26 4,77 6,30 5,97 4,14 0,41 0,54 4,09 6,02 6,80 9,10 4,32 0,15 0,22 3,50 3,35 3,64 6,15 2,61 0,00 0,00 0,13 0,28 0,53 1,19 0,31 1,73 2,37 14,09 22,28 22,47 29,68 13,89 4,09 4,23 35,28 38,77 25,62 32,68 15,13 1,04 1,57 20,34 21,01 17,59 27,88 17,82 Microel. 0,09 0,10 0,84 0,28 0,18 0,59 0,13 0,04 0,00 0,19 0,12 0,20 0,09 0,08 0,05 0,08 0,55 0,23 0,28 0,30 0,23 0,02 0,02 0,46 0,21 0,25 0,16 0,13 0,19 0,06 0,27 0,10 0,27 0,26 0,06 0,00 0,02 0,05 0,01 0,01 0,01 0,00 0,34 0,31 1,15 0,56 0,71 0,93 0,44 2,90 3,14 4,29 3,88 3,49 2,47 0,99 0,10 0,09 2,11 0,54 0,74 0,75 0,43 S.O. 21,90 14,27 36,27 33,44 25,81 28,36 41,28 7,19 4,79 12,75 14,46 18,67 13,55 11,19 24,80 25,17 32,28 33,59 23,90 23,06 15,95 3,53 4,76 26,13 28,89 20,04 19,05 17,02 4,86 6,30 11,97 14,15 21,45 18,82 18,41 0,68 1,14 6,87 8,42 2,26 2,21 1,52 34,92 32,08 54,82 67,97 95,17 73,31 71,71 111,32 114,51 132,47 132,33 127,57 127,76 137,92 13,02 22,66 52,15 72,96 78,28 71,12 61,92 Totale 106,25 78,31 107,75 92,79 77,41 85,29 88,96 103,90 107,19 151,49 133,94 129,17 107,63 80,49 104,50 100,41 103,04 87,15 79,91 56,77 70,63 87,42 84,16 76,23 73,57 67,02 71,79 52,86 73,73 70,68 49,21 49,13 56,88 63,01 50,94 24,22 20,93 21,07 21,88 12,48 14,08 12,77 219,35 196,82 196,22 265,73 284,76 224,72 215,89 317,51 392,12 453,42 448,47 426,08 335,42 404,03 136,82 176,99 194,95 210,41 192,67 188,95 155,83

PA

ME

AG

CL

EN

CT

RG

SR

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

Pesca

Antonella Barbara, TFA MATTM Anna Maria Beltrano, TFA MATTM

Consulenza scientifica: Dott. Franco Andaloro Istituto Centrale per la Ricerca scientifica e tecnologica Applicata al Mare (ICRAM)

Pesca

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

44 Cap. 4 Cap. 4

4. P Pe es sc ca a

Il quadro conoscitivo relativo al settore della pesca in Sicilia, ad oggi, risulta in parte carente a causa delle difficolt che emergono nel reperimento di dati attendibili, soprattutto per quanto riguarda le pressioni esercitate dalle attivit di pesca sullambiente marino ed i relativi impatti generati sul territorio regionale.

4.1
4.1.1

Caratteristiche strutturali
La situazione nazionale

4.1.1.1 Le caratteristiche della flotta italiana


La flotta italiana, al 31.12.2006, caratterizzata da 13.955 battelli, per un tonnellaggio complessivo di 162.562 (TSL) ed una potenza motore di 1.152.625 kW. Il settore contraddistinto da diverse tipologie di pesca: strascico, volante, circuizione, draghe idrauliche, piccola pesca, polivalenti, polivalenti passivi, palangari, le cui caratteristiche strutturali sono riportate in tab. 4.1. La pesca italiana caratterizzata da un alto livello di artigianalit, tanto che la piccola pesca costituisce il 65% dell'intera flotta in termini di unit, seguita dallo strascico che rappresenta il 20%, sebbene prevalga lo strascico in termini di tonnellaggio (58%) e potenza motore (49%). In particolare, lo strascico prevale soprattutto in due aree: Sicilia meridionale e Puglia adriatica. Le due tipologie di pesca, inoltre, assumono un carattere rilevante anche sotto il profilo occupazionale: gli operatori della piccola pesca superano di poche migliaia quelli dello strascico, costituendo rispettivamente il 44% e il 33% degli operatori dell intero comparto italiano. Infatti, la piccola pesca, caratterizzata da imbarcazioni con dimensioni inferiori a 12 m di lunghezza fuori tutto (LFT), rappresenta con circa 9.000 battelli, nel 2006, la quota prevalente della flotta italiana in termini numerici e di equipaggio (13.211 addetti). Le altre tipologie di pesca, sebbene localmente possano avere una valenza rilevante, sono generalmente marginali, rappresentando in totale il 14% in numero, il 27% in tonnellaggio, il 30% in potenza motore e il 24% in occupati (volante, circuizione, draghe idrauliche, polivalenti, polivalenti passivi e palangari). Levoluzione della consistenza della flotta nel tempo mostra un trend negativo se si considera il periodo compreso tra il 2000 e il 2006, in cui si verifica un ridimensionamento dellintero settore in termini di unit, tonnellaggio e potenza motore (tab. 4.2). Infatti, lanalisi dei principali indicatori di capacit, nel periodo considerato, mostra una riduzione di 4.435 battelli, 44.988 TSL, 252.304 kW. Questa tendenza , in parte, dettata dalla diminuzione dei rendimenti che ha indotto molti operatori alluscita dal settore ed in accordo con le disposizioni in atto a livello comunitario e nazionale, che si pongono come obiettivi il ridimensionamento della flotta da pesca per ridurre lo sforzo di pesca. A questi dati vanno aggiunti anche quelli relativi alla flotta oceanica italiana, anchessa soggetta ad un progressivo ridimensionamento negli ultimi anni, ed attualmente composta da 24 battelli, 12.056 GT e 26.780 kW. La flotta oceanica italiana esercita uno sforzo di pesca che non insiste sugli stock interni, ma unicamente allesterno dei confini europei ed regolato da accordi di pesca comunitari e privati, come ad esempio gli accordi stipulati con la Guinea Bissau e la Mauritania.
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P a Pe es sc c a

A tal proposito, rilievo particolare assume la pesca oceanica del tonno per l industria della trasformazione ittica italiana.1 In totale la flotta da pesca nazionale risulta composta quindi da 13.979 unit, 204.453 GT e 1.179.405 kW (Fonte: IREPA su dati Archivio Licenze di Pesca, MIPAF).
tab. 4.1: Caratteristiche tecniche ed equipaggio della flotta peschereccia italiana per sistemi di pesca, 2006
Sistemi di pesca Unit (N.) 2.845 145 309 705 9.107 79 444 321 13.955 Strascico Volante Circuizione Draghe idrauliche Piccola pesca Polivalenti Polivalenti passivi Palangari Totale Fonte: MIPAF - IREPA Tonnellaggio (TSL) 93.631 7.613 15.802 7.310 24.877 945 5.412 6.972 162.562 Gross tonnage (GT) 119.693 11.022 19.304 9.328 16.860 1.141 6.236 8.813 192.397 Potenza motore (kW) 566.142 50.536 83.620 75.883 244.999 10.502 64.130 56.814 1.152.625 Equipaggio (N.) 9.880 822 2.343 1.416 13.211 378 946 1.353 30.351 45 Cap. 4

tab. 4.2: Andamento della capacit di pesca della flotta nazionale, 2000-2006
Anno N. battelli var. % 18.390 -7,1 2000 16.636 -9,5 2001 15.915 -4,3 2002 15.602 -2,0 2003 14.873 -4,7 2004 14.304 -3,8 2005 13.955 -2,4 2006 Fonte: MIPAF - IREPA TSL 207.550 187.347 178.344 178.037 172.302 168.700 162.562 var. % -9,8 -9,7 -4,8 -0,2 -3,2 -2,1 -3,6 kW 1.404.929 1.300.256 1.253.177 1.253.825 1.212.532 1.184.130 1.152.625 var. % -8,4 -7,5 -3,6 0,1 -3,3 -2,3 -2,7

4.1.1.2 La produzione nazionale


La produzione complessiva della flotta da pesca nazionale operante nel Mediterraneo nel 2006 di circa 286.000 tonnellate e mostra un aumento del 6,5% rispetto al 2005 e una leggera diminuzione rispetto al valore del 2004 (-0,9%). A livello economico il valore del 2006 corrisponde ad un rendimento pari a 1500 Milioni di euro, rappresentando un aumento rispetto al 2005 e 2004 rispettivamente del 7,6% e dell8,4%. In particolare, analizzando la produzione in termini di cattura per unit di sforzo di pesca (kg/giorno; kg/battello), si pu osservare un trend positivo delle rese con valori differenti nei vari segmenti della flotta. Lanalisi della composizione degli sbarchi negli ultimi tre anni, dal 2004 al 2006, caratterizzata dalla prevalenza di alcune specie, che rappresentano una quota del totale sbarcato pari a circa l84% per lanno 2006 e l80% per gli anni 2005 e 2004 (tab. 4.3). Si pu distinguere un primo gruppo costituito da specie quali acciughe, vongole, naselli, sardine e gamberi bianchi ciascuna delle quali rappresenta, in tutti gli anni interessati, una quantit costantemente superiore

Attivit di pesca che interessa il tonno tropicale dellOceano Indiano e che comprende accordi, comunitari e privati, stipulati con paesi quali Seychelles, Mauritius, Madagascar, Comore, Somalia, Kenya, Chagos, Mozambico, Mayotte e Iles Eparses.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

46 Cap. 4 Cap. 4

a 10 mila tonnellate, costituendo nellinsieme il 50% del pescato complessivo nel 2006, il 43% nel 2005, il 44% nel 2004. Il secondo gruppo di specie, costituito da seppie, triglie di fango, pesce spada e pannocchie, si presenta con quantit comprese per singola specie tra 10 mila e 6 mila tonnellate, contribuendo al pescato totale con una quota pari al 12%. Infine, si pu evincere un terzo gruppo, comprendente specie quali sugarelli, triglie di scoglio, sgombri, boghe, lumachini, polpi, totani, moscardini muschiati, scampi, sogliole, etc., con valori compresi tra 3 e 5 mila tonnellate e con un contributo complessivo alle catture totali attestato intorno al 23% (Irepa, 2006). Inoltre si pu osservare nel graf. 4.1 il contributo rappresentato dalle catture di tali specie in Sicilia rispetto alle stesse catture a livello nazionale.
tab. 4.3: Specie prevalenti in termini di quantit sbarcate nel triennio 2004-2006 (tonnellate)
Specie 2004 2005 2006 Acciughe 58.599 60.924 78.051 Vongole 22.402 14.372 18.760 Naselli 12.741 14.788 17.856 Sardine 22.425 11.575 13.668 Gamberi bianchi 10.946 12.850 12.924 Seppie 8.925 8.704 10.428 Triglie di fango 9.979 9.067 8.876 Pesci spada 6.953 7.460 7.626 Pannocchie 8.865 6.374 6.367 Sugarelli 4.724 5.164 5.470 Lumachini e murici 4.043 4.077 5.040 Alalunghe 3.671 2.398 4.584 Scampi 4.163 4.320 4.389 Tonni rossi 4.067 4.272 4.292 Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati MIPAF - IREPA Specie Moscardini muschiati Triglie di scoglio Polpi altri Totani Veneridi Boghe Moscardini bianchi Sogliole Gamberi rossi Calamari Cefali Rane pescatrici Sgombri Menole e spicare 2004 3.241 4.269 5.495 4.251 3.780 4.641 1.945 3.211 1.748 2.441 3.314 2.181 3.023 3.309 2005 4.258 3.753 3.747 4.635 5.740 3.809 2.901 2.706 2.263 2.629 3.659 2.152 2.632 2.852 2006 4.201 4.091 3.958 3.895 3.043 3.042 2.948 2.605 2.492 2.360 2.322 2.137 2.045 1.711

graf. 4.1: Incidenza delle specie prevalenti in Sicilia rispetto all Italia.

80,0 70,0 60,0 50,0 % 40,0 30,0 20,0 10,0


Acciughe Sardine Sgombri Alalunghe Palamiti Pesci spada Tonni rossi Altri tonni Boghe Gallinelle o Menole e spicare Naselli Pagelli fragolino Raiformi Rane pescatrici Ricciole Squali Sugarelli Triglie di fango Triglie di scoglio Calamari Moscardini Polpi altri Seppie Totani Aragoste e astici Gamberi bianchi Gamberi rossi Gamberi viola Mazzancolle Scampi

0,0

Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati MIPAF - IREPA

Lanalisi della ripartizione della produzione per specifici sistemi di pesca nel 2006 mette in evidenza che lo strascico lattivit pi produttiva con una cattura pari a circa 100.000 tonnellate, che rappresenta il 35% delle catture totali e il 48% dei ricavi, pari a 716 milioni di euro, valore in crescita rispetto al 2005. Seguono, in ordine di produzione, la rete a circuizione, con una produzione pari a 50.000 tonnellate, le volanti a coppia (47.000 t) e la piccola pesca (45.000 t).
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P a Pe es sc c a

Le specie bersaglio dello strascico sono principalmente il nasello, il gambero bianco, la triglia di scoglio, la seppia, la triglia di fango, il gambero rosso e lo scampo. Il nasello, nel 2006, ha rappresentato la cattura pi consistente con valori prossimi a 14.000 t, in crescita di circa 5.000 t dal 2004 al 2006, la cui massima rappresentanza si raggiunge in Puglia. Il gambero bianco la seconda specie in termini di cattura con valori pari a circa 13.000 t, la cui cattura localizzata soprattutto in Sicilia meridionale. Seguono, la triglia di fango (8.876 t) e la seppia (10.428 t), in crescita soprattutto ad opera della flotta pugliese. La produzione ad opera dello strascico localizzata prevalentemente in due regioni: Sicilia meridionale e Puglia adriatica, che concentrano rispettivamente il 21,5% ed il 20% degli sbarchi ed il 26,5% ed il 16,8% dei ricavi. Seguono con rendimenti inferiori la flotta marchigiana, con il 10% sia delle catture che dei ricavi, ed ancora altre regioni con appena il 5%. I sistemi di pesca quali volante a coppia e rete a circuizione hanno entrambi come specie bersaglio principale i piccoli pelagici (acciughe e sardine). Nel 2006 la quantit di acciughe aumentata di quasi il 30%, raggiungendo le 78 mila tonnellate. La piccola pesca caratterizzata dalluso di attrezzi selettivi, quali reti da posta, ami, lenze, trappole e dalla gestione familiare e artigianale dellattivit. Le specie target della piccola pesca sono quindi estremamente variabili in termini di produzione; le pi rilevanti sono le seppie, con oltre 5.000 t, i naselli, i polpi (2.000 t), le sogliole (1.200 t) e le triglie di fango con circa 1.700 t. Si riporta un breve cenno della CPUE (cattura per unit di sforzo), in cui lo sforzo calcolato in termini di giorni di attivit in mare per dimensione media dei natanti (GT), analizzata per il sistema dello strascico relativamente ad alcune specie importanti, al fine di osservare landamento a livello nazionale e quindi lo stato della risorsa rispetto al 2005 e 2004. In generale, nel 2006, la CPUE mostra un andamento crescente in quasi tutti i comparti a livello nazionale, in particolare in Puglia, Abruzzo e Marche. Mentre valori negativi si osservano nella Sicilia meridionale, dove lincremento dello sforzo non ha trovato corrispondenza nellaumento delle catture che si sono mantenute stabili (IREPA, 2006). Se si analizza la CPUE per alcune specie importanti, si riscontra che in aumento rispetto al 2004 e al 2005. Gli scampi mostrano un incremento pari al 22% a livello nazionale, manifestandosi principalmente in Sicilia meridionale con una crescita dei valori di circa il 46%. Si registra, un aumento del 27% rispetto al 2005 per i gamberi bianchi, localizzato in particolare nella Sicilia meridionale e Puglia adriatica. Stesso andamento per i naselli, con un incremento del 55% rispetto al 2005 a livello nazionale (20% in Sicilia meridionale).
4.1.2 La situazione regionale

47 Cap. 4

4.1.2.1 Le caratteristiche della flotta siciliana


Lattivit di pesca in Sicilia riveste notevole importanza a livello nazionale, per consistenza della flotta, produzione e ricavi. Inoltre la pesca in Sicilia rappresenta una delle attivit produttive pi rilevanti della Sicilia non solo per gli aspetti economici, ma anche per le implicazioni sociali e le valenze storico-culturali. La flotta siciliana alla data del 31/12/2006 risulta caratterizzata da 3.330 battelli, per un tonnellaggio complessivo di 53.603 tsl e potenza motore pari a 282.064 kW (tab. 4.4). Dal 2000 al 2006 si riscontra un trend decrescente della consistenza della flotta (graf. 4.2). Infatti, rispetto al 2000, si assistito ad un ridimensionamento dellintero settore: si registrata luscita effettiva di circa 1000 battelli, seguita da una lieve riduzione in tonnellaggio e potenza motore; le catture sono diminuite di circa 36.959 t (graf. 4.2; tab. 4.5).
tab. 4.4: Caratteristiche della flotta peschereccia in Sicilia, 2006
Regione Battelli Tonnellaggio N. % TSL % Sicilia 3.330 23,86 53.603 32,97 Totale Italia 13.955 100 162.562 100 Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati MIPAF - IREPA GT 60.901 192.397 % 31,65 100 Potenza motore kW % 282.064 24,47 1.152.625 100

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

48 Cap. 4 Cap. 4

graf. 4.2: Andamento della capacit di pesca della flotta siciliana (TSL, battelli) e della cattura, 20002006.
120.000 5.000 4.000 3.000 2.000 1.000 0 2000 2001 2002 TSL 2003 Catture 2004 2005 Battelli 2006

Tonnellaggio (TSL)) Catture (Ton)

100.000 80.000 60.000 40.000 20.000 0

Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati MIPAF IREPA

tab. 4.5: Andamento della capacit di pesca della flotta siciliana, catture annue per battello, catture annue per TSL 2000-2006
Anni Battelli Tonnellaggio TSL 67.907,37 60.790,59 57.681,85 58.051,54 56.520,94 55.766,03 53.603,00 N 2000 4.329 2001 3.937 2002 3.762 2003 3.719 2004 3.514 2005 3.412 2006 3.330 Fonte: MIPAF IREPA Potenza motore kW 341.393 312.570 303.184 304.249 296.882 291.276 282.064 Catture ton 99.014,17 75.164,09 66.439,53 68.921,90 60.201,82 56.231,14 62.055,00 Catture/battello annue 22,87 19,09 17,66 18,53 16,1 15,7 18,64 Catture/TSL annue 1,46 1,24 1,15 1,19 1,07 1,01 1,16

Le analisi delle diverse tipologie di pesca che caratterizzano il settore (tab. 4.6), evidenziano il ruolo rilevante della piccola pesca (Lunghezza Fuori Tutto, LFT<12m) che prevale in termini numerici (67%), e dello strascico che prevale soprattutto in termini di tonnellaggio (63,4%) e di potenza motore (50,6%). Inoltre, lo strascico siciliano rappresenta in media il 21% dei battelli dell intero segmento italiano, il 35% del tonnellaggio (TSL) e il 24% della potenza motore (kW). Si distinguono due tipologie di pesca a strascico: la pesca costiera, che agisce entro la linea di mezzeria sui fondali pi prossimi alle coste meridionali della Sicilia, ricadenti nella sub area geografica (GSA) 16 della Commissione Generale della Pesca del Mediterraneo (CGPM) e quella daltura, che opera nelle acque internazionali al di l della linea di mezzeria, comprese nelle GSA 13, 14, 15 e 21. Lo strascico costiero, che fornisce prodotto per il consumo fresco e presenta le caratteristiche di multi-specificit, ha in Sciacca la sua marineria pi rappresentativa; quello alturiero, che congela direttamente a bordo la maggior parte del pescato, caratterizzato da una forte specializzazione, sia in termini di specie bersaglio che di modalit operative ed concentrato esclusivamente nel porto di Mazara del Vallo (Fiorentino et al, 2005). Un ruolo notevole riveste il segmento della flotta che nel corso dellanno utilizza mestieri diversi, attrezzi fissi (reti da posta, ami e trappole) e attrezzi mobili (reti da traino o da circuizione), e che classificata come polivalente. Questo sistema rappresenta in media il 51% del totale dei battelli nazionali dello stesso segmento, il 60% in termini di TSL e il 50% di kW. Ci conferma lelevato tasso di artigianalit della pesca siciliana, che opera strategie definite sulla base della stagionalit e delle diverse aree di pesca a distanza variabile dalla costa. Anche la flotta operante con palangaro risulta consistente, poich comprende in media il 63% dei battelli dellintero segmento italiano, l83% in termini di tonnellaggio (TSL) e il 72% di potenza motore (kW).
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

Battelli (N)

P a Pe es sc c a

Infine, la pesca esercitata con circuizione rappresenta in media il 38% dei battelli totali nazionali operanti con lo stesso sistema, il 35% del tonnellaggio e il 32% della potenza motore. Si sottolinea la presenza a Sciacca, nella costa meridionale, di 6-11 coppie di pescherecci di volante (reti pelagiche da traino a coppia) e 14 ciancioli o lampare (reti a circuizione) ; questi ultimi possono spostarsi anche in altri porti a seconda della stagione e della presenza di pesce. Questa tipologia di pesca ha come specie bersaglio i piccoli pelagici e vede nella marineria di Sciacca la pi rappresentativa, dove infatti viene sbarcata la pi alta percentuale delle catture di piccoli pelagici dellintera regione. Altri porti di sbarco di piccoli pelagici in Sicilia sono: Licata, Porto Empedocle, Pozzallo, Catania, Porticello, Terrasini e Trapani. Non tutte le imbarcazioni di cianciolo che sbarcano il pescato a Sciacca appartengono a tale porto, alcune infatti fanno parte dei compartimenti marittimi di Trapani e Palermo. Solitamente comunque durante la stagione di pesca esse risiedono stabilmente nellarea compresa fra i porti di Mazara del Vallo e Sciacca (Fiorentino et al, 2005).
tab. 4.6: Caratteristiche della flotta peschereccia in Sicilia per sistemi di pesca, 2006
Sistemi di pesca Strascico Circuizione Piccola pesca Polivalenti Polivalenti passivi Palangari Totale Unit N. 614 106 2.206 56 144 204 3.330 % 18,4 3,2 66,2 1,7 4,3 6,1 100 Tonnellaggio TSL 33.990 5.067 6.150 554 2.062 5.780 53.603 % 63,4 9,5 11,5 1 3,8 10,8 100 GT 40.405 6.097 4.093 584 2.484 7.238 60.901 % 66,3 10 6,7 1 4,1 11,9 100 Potenza motore kW 142.612 24.846 46.483 5.979 21.946 40.199 282.064 % 50,6 8,8 16,5 2,1 7,8 14,3 100

49 Cap. 4

Fonte: MIPAF - IREPA

I valori medi dei principali indicatori di capacit della flotta consentono di valutare la dimensione complessiva della flotta regionale rispetto a quella nazionale. Si pu osservare come in Sicilia i valori medi di alcuni sistemi di pesca siano superiori alla media nazionale, in particolare riguardo lo strascico, mettendo in evidenza il ruolo di grande rilievo che questo assume a livello nazionale (tab. 4.7).
tab. 4.7: Valori medi dei principali indicatori di capacit in Sicilia, 2006
Sistemi di pesca Sicilia TSL medio 55,4 47,8 2,8 9,9 14,3 28,3 16,1 GT medio 65,8 57,5 1,9 10,4 17,3 35,5 18,3 kW medio 232,3 234,4 21,1 106,8 152,4 197,1 84,7 Italia TSL medio 32,9 51,1 2,7 12 12,2 21,7 11,6 GT medio 42,1 62,5 1,9 14,4 14 27,5 13,8 kW medio 199 270,6 26,9 132,9 144,4 177 82,6

Strascico Circuizione Piccola pesca Polivalenti Polivalenti passivi Palangari Totale Fonte: MIPAF - IREPA

4.1.2.2 La produzione regionale


Per quanto riguarda la produzione della flotta, dal 2000 al 2005 si pu osservare un andamento decrescente delle catture, corrispondente allandamento decrescente della capacit della flotta, in accordo con landamento nazionale. Nel 2006, invece si osserva un modesto aumento delle catture in valore assoluto ed in particolare delle catture per battello e per TSL (graf. 4.3).

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

50 Cap. 4 Cap. 4

graf. 4.3: Andamento delle catture, delle catture/tsl e catture/battelli, 2000-2006


120,00 100,00 1,60 1,40 1,20 80,00 60,00 40,00 20,00 0,00 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 Catture/TSL 1,00 0,80 0,60 0,40 0,20 0,00

Catture (ton)/1000

Catture/battello annue

Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati MIPAF - IREPA

Per valutare la pressione esercitata dai differenti sistemi di pesca adottati e su quali gruppi di specie questa si esercita si sono analizzati entrambi gli aspetti, considerando il periodo compreso dal 2000 al 2006. In effetti, lassenza di un programma di monitoraggio delle risorse alieutiche e di unopportuna valutazione della Cattura Per Unit di Sforzo (Catch Per Unit of Effort, CPUE) per sistema di pesca non consente di valutare adeguatamente la pressione

Catture (ton)/1000 Catture/Battello

esercitata dai diversi sistemi di pesca sulle specie alieutiche. Landamento delle catture per sistemi di pesca mostra, in tale periodo, un decremento per tutti i sistemi, in accordo con landamento nazionale, sebbene nel 2006 si presenta un lieve aumento dei rendimenti relativi alla circuizione (16.165 t) e alla piccola pesca (10.000 t) (tab. 4.8), che non trova un aumento corrispondente nel numero di battelli (tab. 4.9) e nel tonnellaggio (tab. 4.10). In Sicilia, lo strascico concorre per circa il 25% alla produzione di tale sistema di pesca a livello nazionale e contribuisce per circa 1/3 al fatturato totale del comparto. La cattura proveniente dalla circuizione contribuisce per circa il 30% della cattura totale italiana effettuata con lo stesso sistema. Un altro segmento rilevante quello del palangaro, che contribuisce per circa il 70% alla relativa produzione complessiva nazionale. In particolare, i battelli siciliani sono specializzati nella pesca con il palangaro derivante; la produzione risulta caratterizzata soprattutto da pesce spada e da tonno alalunga, sebbene in quantit inferiori. Si possono individuare alcune marinerie che vantano una forte tradizione nella pratica di questo mestiere lungo le coste meridionali e orientali della regione e nella zona di Trapani.
tab. 4.8: Distribuzione delle Catture (ton) per sistema di pesca in Sicilia, 2000-2006
ANNO Strascico Circuizione 19.695 11.886 13.194 11.173 13.577 10.082 16.165 2000 39.242 2001 32.893 2002 29.278 2003 29.196 2004 23.885 2005 24.590 2006 24.307 Fonte: MIPAF - IREPA Piccola pesca 31.027 20.729 15.611 11.604 8.921 8.950 10.399 Polivalenti 9.050 9.656 8.357 5.677 5.175 3.541 2.133 Polivalenti passivi 2.442 1.883 2.045 2.323 Palangari 8.829 6.761 7.023 6.728 Totale 99.014 75.164 66.440 68.922 60.202 56.231 62.055

tab. 4.9: Distribuzione del numero di battelli per sistema di pesca, 2000-2006
ANNO Strascico Circuizione 89 85 119 131 119 108 106 2000 792 2001 698 2002 622 2003 629 2004 630 2005 625 2006 614 Fonte: MIPAF - IREPA Piccola pesca 2.856 2.507 2.409 2.076 1.972 2.244 2.206 Polivalenti 459 436 410 416 357 71 56 Polivalenti passivi 133 211 202 112 119 126 144 Palangari 355 317 238 204 Totale 4.329 3.937 3.762 3.719 3.514 3.412 3.330

Catture/TSL

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P a Pe es sc c a tab. 4.10: Distribuzione del tonnellaggio (TSL) per sistema di pesca, 2000-2006
ANNO Strascico Circuizione 5.451 4.548 6.402 5.732 5.227 5.058 5.067 2000 43.025 2001 38.510 2002 34.206 2003 34.806 2004 35.060 2005 35.602 2006 33.990 Fonte: MIPAF - IREPA Piccola pesca 7.793 6.660 6.249 4.958 4.740 6.128 6.150 Polivalenti 9.752 7.272 7.556 2.905 2.308 741 554 Polivalenti passivi 1.887 3.800 3.269 1.292 1.409 1.546 2.062 Palangari 8.359 7.777 6.690 5.780 Totale 67.907 60.791 57.682 58.052 56.521 55.766 53.603

51 Cap. 4

Inoltre, osservando la ripartizione delle catture per sistemi di pesca, nel periodo considerato, si evince lelevato potere di cattura dello strascico rispetto agli altri sistemi che si esprime mediamente intorno al 40%, mentre la piccola pesca e la circuizione rappresentano insieme una percentuale di cattura pari in media a circa il 20% della cattura complessiva (graf. 4.4). Lanalisi della quantit di pescato per gruppi di specie evidenzia un decremento dal 2000 al 2006 per tutti i gruppi, sebgraf. 4.4: Distribuzione percentuale dei valori medi di cattura per bene nel 2006 si possa ossersistemi di pesca nel periodo 2000-2006 vare un lieve aumento rispet10% to al 2005 per alcune specie 3% 8% (graf. 4.5). La composizione 39% del pescato, nel 2006, mostra la prevalenza di alcune specie, tra cui alici, sardine, pe21% sce spada, alalunghe, naselli, 19% triglie di fango, triglie di scoglio, seppie, gamberi bianchi, Strascico Circuizione Piccola pesca Polivalenti Polivalenti passivi Palangari gamberi rossi. Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati MIPAF - IREPA In particolare, nel 2006, alici e sardine, specie bersagraf. 4.5: Quantit di pescato per gruppi di specie e per anno nel glio della pesca a circuizione, hanno evidenziato un periodo 2000-2006 60.000 aumento delle catture pari a circa 4.884 ton rispetto al 50.000 2005. I gamberi rossi, insieme agli scampi, specie ber40.000 saglio dello strascico, mani30.000 festano un incremento che si 20.000 ritiene dovuto soprattutto al segmento dello strascico 10.000 localizzato a Mazara del Vallo. Diversamente accade 0 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 per specie quali gamberi bianchi e naselli, anche queAlici e Sarde Altri pesci Molluschi Crostacei ste specie bersaglio dello Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati MIPAF - IREPA strascico, che mostrano un decremento. Tale variazione nella composizione del pescato, relativa soprattutto alla Sicilia meridionale, potrebbe essere interpretata come una strategia attuata dagli operatori del settore, che opterebbero per aree di pesca meno sfruttate situate sempre pi distanti, verso il Mediterraneo orientale (Egitto). Il decremento delle catture per sistema di pesca, la riduzione della flotta in termini di unit, tonnellaggio e potenza motore, i cambiamenti della composizione delle catture dal 2000 al 2006, si potrebbero correlare sia ai cambiamenti della consistenza della risorsa, sia allapplicazione della
Ton

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

52 Cap. 4 Cap. 4

politica comunitaria finalizzata alla riduzione dello sforzo di pesca, che ha indotto molti operatori alluscita dal settore.
4.1.3 Il quadro socio-economico

Il fatturato conseguito dagli operatori ha subito una contrazione, dal 2000 al 2005, come diretta conseguenza del calo delle catture; tuttavia la riduzione del fatturato ha assunto una minore intensit grazie al rialzo dei prezzi che ha caratterizzato gli ultimi anni (graf. 4.6 e graf. 4.7). Nel 2006, i dati sui ricavi suddivisi per sistema di pesca mostrano come lo strascico contribuisca in misura maggiore alleconomia del settore, costituendo il 50% del ricavo complessivo, seguito dalla piccola pesca con il 21% (graf. 4.8). Si riportano inoltre i valori medi della produzione annua e giornaliera per battello nel periodo 2000-2006 (tab. 4.11 e tab. 4.12). Landamento della produzione, inoltre, risente dellaumento dei consumi intermedi e, in particolare, del costo del carburante, che rappresenta la voce pi rilevante e che si presenta in continua crescita dal 2004. Infatti, dal 2003 al 2005, il prezzo medio del gasolio usato nella navigazione marittima passato da 0,34 /litro a 0,52 /litro, con un incremento di oltre il 50%; unulteriore aumento si verificato anche nel corso del 2006 (0,59 /litro fino ad agosto). In media, tra il 2003 e il 2005, la spesa annua per il rifornimento di carburante per singolo battello passata da 13,27 mila a 18,64 mila (+40%). Sebbene gli effetti negativi del caro gasolio siano comuni a tutti i segmenti della flotta peschereccia, gli incrementi di spesa pi rilevanti riguardano soprattutto i battelli operanti a strascico, il cui consumo medio di carburante ha sfiorato i 60 mila euro (+30%); seguono la circuizione ed i polivalenti (MIPAF - IREPA).
graf. 4.6: Andamento dei ricavi (mln) nel Ricavi (ML ) periodo 2000-2006
460,00
Ricavi (ML Euro)

graf. 4.7: Andamento delle catture (ton) e dei ricavi (ML ) della flotta, 2000-2006.
460,00 440,00 420,00 400,00 380,00 360,00 340,00 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 120.000 100.000 80.000 60.000 40.000 20.000 0

440,00 420,00 400,00 380,00 360,00 340,00 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006

Ricavi (M L )

Catture

Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati MIPAF - IREPA

graf. 4.8: Ripartizione percentuale delle catture e dei ricavi per sistemi di pesca, 2006.
60 50 40

30 20 10 0 Strascico Circuizione Piccola pesca Catture Polivalenti Polivalenti passivi Palangari

Ricavi

Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati MIPAF - IREPA

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

Catture (Ton)

P a Pe es sc c a tab. 4.11: Produzione lorda vendibile annua per battello, 2000-2006 (valori espressi in migliaia di )
Anni Strascico Circuizione 345,8 272,6 321,3 300,7 320,4 260,1 390,0 Piccola pesca 48,1 41 36,2 38,7 33 33,7 41,7 Polivalenti 113,7 112,6 112,2 78,7 71,9 75,9 123,3 Polivalenti passivi 132,3 109 115 133,7 Palangari 164,3 187,3 187 243,2 Totale 102,9 95,5 100,1 116,2 101,5 110,9 130,0 2000 276,1 2001 275,4 2002 318 2003 328,5 2004 260,7 2005 308,3 2006 355,3 Fonte: MIPAF - IREPA

53 Cap. 4

tab. 4.12: Produzione lorda vendibile giornaliera per battello, 2000-2006 (valori espressi in )
Anni Strascico Circuizione 2.617,70 1.986,90 2.241,90 2.182,80 2.352,70 1.982,80 2.722,50 Piccola pesca 297,6 272 249,1 241,1 223,4 267,4 341,7 Polivalenti 684,5 758,3 824,2 524,9 640,7 709,1 1.129,00 Polivalenti passivi 983,3 912,4 964 903,2 Palangari 859,1 1.226,50 1.303,60 1.727,90 Totale 612,1 603,1 658,1 715,6 695,9 832,3 975,1 2000 1.398,30 2001 1.402,70 2002 1.652,20 2003 1.928,60 2004 1.584,70 2005 1.854,50 2006 2.104,50 Fonte: MIPAF - IREPA

Per quanto riguarda i mercati ittici, nel 2004, quello di Trapani ha fatto registrare un aumento in termini di pescato con circa 162 tonnellate (+60,8%). Il fatturato, rispetto al 2003, ha subito un aumento del 56,5%. Nel 2004, il mercato di Trapani ha fatto registrare aumenti in termini di produzione e fatturato per gli altri pesci, mentre per i molluschi ed i crostacei lincremento del fatturato stato inferiore rispetto alla crescita dei volumi, a causa della riduzione dei prezzi medi. Al contrario di Trapani, il mercato di Catania ha registrato, rispetto al 2003, un calo sia dei quantitativi commercializzati (-3,7%) che di fatturato, questultimo anche a causa della crescita del prodotto allevato2, che mantiene un prezzo medio inferiore rispetto al prodotto pescato. Sia gli altri pesci, sia i molluschi, hanno fatto registrare aumenti in termini di produzione, ma non di fatturato. Pesce azzurro e tonni hanno ridimensionato sia il volume delle trattative che i ricavi, mentre il settore dei crostacei ha incrementato i quantitativi del 36,5%.

4.2
4.2.1

Normative di riferimento
Quadro comunitario e nazionale

Dal punto di vista normativo, tra le maggiori novit che interessano il quadro comunitario di settore, vi lentrata in vigore del nuovo Fondo Europeo della Pesca (FEP)3, che sostituisce il precedente Strumento Finanziario di Orientamento alla Pesca (SFOP) per il nuovo periodo di programmazione comunitaria, che va dal 2007 al 2013.

2 3

Si tratta soprattutto delle specie marine allevate off shore e delle specie dacqua dolce allevate negli impianti a terra. COM (2004) 497 definitivo.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

54 Cap. 4 Cap. 4

La Politica Comunitaria della Pesca (PCP), entrata in vigore nellanno 2003, pone lattenzione in modo particolare sulla protezione delle risorse marine, sulla riduzione dello sforzo di pesca e sul rinnovo della flotta, nonch sullo sviluppo socio-economico del settore. Il periodo di programmazione 1994-1999 ha visto la maggior parte degli interventi volti allammodernamento delle flotte, alla riduzione dello sforzo di pesca, al sostegno dellindustria di trasformazione e commercializzazione dei prodotti derivanti dalla pesca e dallacquacoltura, alla nascita di nuovi porti ed ammodernamento dei preesistenti, alla protezione ed allo sviluppo delle zone costiere, alla ricerca di nuovi sbocchi di mercato, allassistenza tecnica. A partire dagli anni novanta, lo SFOP concentrava i fondi stanziati dalla Comunit soprattutto a favore degli interventi strutturali. Tale strumento era disciplinato dal Reg. (CEE) n. 2080/1993 e dal Reg. (CEE) n. 3699/1993. Alcune rilevanti novit nellambito delle strategie da attuare tramite la PCP, sono state apportate con ladozione di un documento di strategia politica dellUnione Europea per il periodo 20002006, e cio Agenda 2000, strumento grazie al quale il Reg. (CEE) n. 2080/1993 ed il Reg. (CEE) n. 3699/1993 hanno reso lo SFOP un fondo strutturale orientato al finanziamento di misure di accompagnamento alla politica comune della pesca e necessarie per lattuazione corretta della PCP nellambito dei territori dellUE. Nel 2001, la Commissione Europea ha adottato il Libro Verde sul futuro della Politica comune della pesca, dando cos maggiore risalto alle problematiche relative al depauperamento delle risorse e alleccessivo sforzo di pesca. Alcune nuove disposizioni, entrate in vigore nellanno 2003, sono contenute allinterno dei seguenti regolamenti: il Reg. (CE) n. 2369/2002 a modifica del Reg. (CE) 2792/99, il Reg. (CE) n. 2370/2002, il Reg.(CE) n. 2371/2002. Il Reg. (CE) n. 2370/2002 interessa la riduzione delleccessiva pressione esercitata sulle risorse marine, tramite lattuazione di misure comunitarie di emergenza finalizzate alla demolizione dei pescherecci. Il Reg. (CE) n. 2371/2002 del Consiglio, relativo alla conservazione e allo sfruttamento sostenibile delle risorse della pesca nellambito della Politica Comune della Pesca, tra le altre disposizioni, istituisce sette Consigli Consultivi Regionali4, con attribuzioni relative allattuazione della politica comunitaria di settore e alla gestione della pesca, finalizzati ad elaborare, a beneficio della Commissione e delle autorit nazionali competenti, raccomandazioni e suggerimenti su tutti gli aspetti relativi alla gestione della pesca nella zona o nel dominio di loro competenza. Nel 2003, la Commissione Europea ha proposto lelaborazione di un Codice Europeo di Buone Pratiche per una Pesca Sostenibile e Responsabile5, che richiama quello elaborato dalla FAO (CCRF - Code of Conduct for Responsible Fisheries - 1995) e fissa norme comportamentali per il settore della pesca, atte al rispetto dellambiente, alla conservazione degli stock e quindi mirate alla preservazione degli ecosistemi marini. Inoltre, a livello comunitario, tra gli obiettivi e scadenze contenuti nel Piano di Attuazione approvato dal vertice di Johannesburg, si ricorda: Protezione degli oceani e pesca Promozione dellapplicazione dellapproccio ecosistemico per la protezione della biodiversit marina. A-

4 5

CCR o RAC (Regional Advisory Committee). Elaborato dal Comitato Consultivo per la Pesca e lAcquacoltura (CCPA) in collaborazione con gli operatori del sett ore. Il codice stato adottato dal CCPA nella riunione plenaria dell11 settembre 2003.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P a Pe es sc c a

dottare le strategie e le misure necessarie per generalizzare le pratiche sostenibili della pesca entro il 2012. Avviare dal 2004 una regolare attivit di monitoraggio e valutazione dello stato dellambiente marino. Il nuovo Fondo Europeo per la Pesca, la cui proposta era stata stralciata allinterno del Libro Verde nel Luglio 2004, entrato ufficialmente in vigore il 4 settembre 2006. Il FEP articolato in cinque assi prioritari: Asse prioritario 1: misure per ladeguamento della flotta da pesca comunitaria; Asse prioritario 2: acquacoltura, pesca nelle acque interne, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca e dellacquacoltura; Asse prioritario 3: misure di interesse comune; Asse prioritario 4: sviluppo sostenibile delle zone di pesca; Asse prioritario 5: assistenza tecnica. Gli obiettivi fondamentali del FEP sono contenuti all interno del Reg. (CE) n. 1198/2006 del 27 luglio 2006, che li elenca allart. 4. Tali obiettivi sono volti a: sostenere la politica comune della pesca per assicurare lo sfruttamento delle risorse acquatiche viventi e sostenere lacquacoltura ai fini della sostenibilit dal punto di vista economico, sociale e ambientale; promuovere un equilibrio sostenibile fra le risorse e la capacit di pesca della flotta da pesca comunitaria; promuovere uno sviluppo sostenibile della pesca nelle acque interne; favorire la competitivit delle strutture operative e lo sviluppo di imprese economicamente vitali nel settore della pesca; rafforzare la tutela e il miglioramento dellambiente e delle risorse naturali laddove esiste una connessione con il settore della pesca; incoraggiare lo sviluppo sostenibile e il miglioramento della qualit della vita nelle zone in cui si svolgono attivit nel settore della pesca; promuovere le pari opportunit fra uomini e donne nello sviluppo del settore della pesca e delle zone di pesca. A marzo 2007, sono state approvate le Linee guida del FEP che forniscono un vademecum rispetto ai 5 assi prioritari di intervento in cui si articola lo strumento finanziario. A partire dalla strategia delineata allinterno del FEP, in ambito nazionale viene elaborato uno strumento di programmazione, il Piano Strategico Nazionale (PSN). Questo, in accordo con lArt. 15 del Regolamento del Consiglio sul FEP (Reg. (CE) n. 1198/2006), definisce per grandi linee i campi di applicazione, gli obiettivi ed i risultati attesi per effetto delle politiche nel settore della pesca. In particolare, il PSN tratta i seguenti punti: la gestione e ladeguamento della flotta da pesca comunitaria e, in particolare, ladeguamento dello sforzo e della capacit di pesca, tenuto conto dellevoluzione delle risorse della pesca, della promozione di metodi di pesca rispettosi dell ambiente e di uno sviluppo sostenibile delle attivit di pesca; lo sviluppo sostenibile del settore dellacquacoltura; lo sviluppo sostenibile della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti della pesca e dellacquacoltura; lo sviluppo sostenibile della pesca nelle acque interne; lo sviluppo sostenibile delle zone di pesca, inclusi i criteri di individuazione delle zone prioritarie; la competitivit del settore della pesca, incluso il miglioramento delle strutture, dellorganizzazione e del contesto operativo del settore; la preservazione delle risorse umane nel settore della pesca, in particolare attraverso laggiornamento delle competenze professionali, assicurando loccupazione sostenibile e rafforzando la posizione e il ruolo delle donne; la tutela e il miglioramento dellambiente acquatico connesso al settore della pesca.
2 7 20 00 0 7

55 Cap. 4

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

56 Cap. 4 Cap. 4

Inoltre, in coerenza con il PSN, a seguito di appropriate consultazioni con i partner regionali, locali, economici e sociali nel settore della pesca e con altri organismi interessati, ogni stato membro elabora un Programma Operativo (PO) per il periodo 2007-2013. Il PO contiene una descrizione degli aspetti della politica comune della pesca, delle strategie, delle priorit, degli obiettivi, delle risorse finanziarie pubbliche. Unattenzione particolare volta alla valutazione ed alla sorveglianza del FEP (Artt. 48, 49, 50 del regolamento). Il regolamento contiene, infatti, un sistema di verifica basato su tre fasi di valutazione: ex-ante, intermedia, ex-post. Inoltre, in attuazione della Direttiva 2001/42/CE sulla valutazione di piani e programmi (VAS), sono state avviate le fasi di Valutazione Ambientale Strategica relativamente al FEP 2007/2013. Tra i recenti documenti da evidenziare, si ricorda il Piano di comunicazione per la pesca e lacquacoltura per lanno 2007, approvato nel mese di agosto dello stesso anno. Le principali finalit del piano sono: contribuire alla tutela ed alla promozione dellimmagine del comparto, valorizzare i prodotti ittici di qualit, del prodotto fresco e dei prodotti di acquacoltura, favorire linformazione rivolta ai consumatori, favorire linformazione circa le specie ittiche meno commercializzate e circa le specie protette, contribuire alla lotta alle forme illegali di pesca e valorizzare i prodotti ittici provenienti da attivit di pesca sostenibili. Allinterno del piano, gli obiettivi volti alla sensibilizzazione sono diretti allopinione pubblica, con particolare riguardo agli operatori del ramo, alleducazione ed informazione diretta anche al mondo della scuola, allinformazione sulle attivit imprenditoriali di settore, come quelle di pescaturismo e di ittiturismo. Da menzionare, altres: la Proposta del Regolamento Mediterraneo (COM (2003) 589 def.), che rivede e sostituisce le misure stabilite dal Reg. n. 1626/94, tenendo conto delle raccomandazioni e dei pareri espressi dal Comitato Scientifico, Tecnico ed Economico per la Pesca della Commissione Europea (STECF), dalla Commissione Generale per la Pesca nel Mediterraneo (CGPM) e dallICCAT 6; il Reg. (CE) n. 1967/2006 del Consiglio del 21 dicembre 2006, relativo alle misure di gestione per lo sfruttamento sostenibile delle risorse della pesca nel Mar Mediterraneo, recante modifica del Reg. (CEE) n. 2847/93 e che abroga il Reg. (CE) n. 1626/94; il Reg. (CE) N. 643/2007 del Consiglio dell11 giugno 2007, che modifica il Reg. (CE) n. 41/2007 e che riguarda il piano di ricostituzione per il tonno rosso raccomandato dallICCAT. Inoltre, la Commissione Europea ha emanato il Reg. (CE) n. 999/2007 relativo al divieto di pesca del tonno rosso nellOceano Atlantico, ad est di 45 di longitudine ovest, e nel Mediterraneo per i pescherecci battenti bandiera italiana. Tale regolamentazione si resa necessaria sulla base dello stato delle catture di tonno rosso effettuate da parte di navi battenti bandiera degli stati coinvolti in tale attivit di pesca, che pare abbiano determinato lesaurimento del contingente assegnato per il 2007. Tale contingente fissato dal Reg. (CE) n. 41/2007 del Consiglio, che stabilisce le possibilit di pesca e le condizioni ad essa associate per alcuni stock o gruppi di stock ittici, applicabili nelle acque comunitarie. Il Reg. (CE) n. 999/2007, richiama il Reg. (CE) n. 2371/2002 del Consiglio, relativo alla conservazione e allo sfruttamento sostenibile delle risorse della pesca nell ambito della politica co-

ICCAT - International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas. Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dellAtlantico, organismo a cui lItalia ha recentemente aderito e che regola anche le attivit di pesca inerenti il pesce spada.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P a Pe es sc c a

mune della pesca, ed il regolamento (CEE) n. 2847/93 del Consiglio, che istituisce un regime di controllo applicabile nellambito della politica comune della pesca. Per quanto riguarda gli aggiornamenti nellambito della normativa nazionale, si ricordano i DLgs. n. 153/2004 e n. 154/2004, successivamente integrato dal DLgs. n. 100/2005 che mira rendere efficace il funzionamento ed a ridefinire il Fondo di solidariet nazionale della pesca e dellacquacoltura, finalizzato alla modernizzazione del settore, al potenziamento della vigilanza ed al controllo della pesca marittima. Tali provvedimenti vanno ad abrogare la legge 41/1982 e la legge 72/1992, nonch alcuni articoli della legge 963/1965 e del d.lgs. 226/2001. Il fondo di solidariet sociale nazionale rappresenta uno strumento di fondamentale importanza, in quanto va a coprire i rischi legati ai danni alle strutture, come l affondamento del natante a causa di calamit naturali ed avversit meteorologiche e meteomarine di carattere eccezionale, alle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime, etc. Inoltre, stato adottato il Programma nazionale della pesca e dellacquacoltura per lanno 2006. Il piano, in accordo con la strategia comunitaria, si prefigge di promuovere strategie di ricostituzione degli stock e la protezione delle risorse mediante ladozione di specifici piani e di rafforzare il ruolo delle aree di tutela biologica identificate nellambito dei piani di protezione. Le interruzioni delle attivit di pesca sono regolamentate in ambito nazionale dal decreto ministeriale del 4 agosto 2005 (che modifica un precedente decreto del 28 luglio 2005). Le regioni a statuto speciale, come la Sicilia, gestiscono le interruzioni di pesca in base alle rispettive legislazioni regionali. stato approvato il 24 Aprile 2006, dalla Commissione Consultiva Centrale della Pesca, il decreto sulle ferrettare. Questo modifica il D.M. 14 ottobre 1998, portando la misura della maglia delle reti ad un massimo di 180 mm, la lunghezza totale a 2,5 km e la distanza dalla costa per limpiego dellattrezzo a non oltre 10 miglia. Le ferrettare sono reti derivanti, il cui utilizzo stato oggetto di controversie, in quanto tali attrezzi di pesca possono rappresentare una minaccia per molte specie di mammiferi marini, per lo pi a causa delle catture accidentali. Le ferrettare venivano assegnate come attrezzo di compensazione in sostituzione delle spadare all interno dei piani di riconversione previsti dalla PCP. Il nuovo decreto approvato dalla Commissione rende meno restrittive le decisioni prese in merito allutilizzo di tale attrezzo, decisioni che pare penalizzassero, in termini di redditivit, alcuni compartimenti del Sud-Italia. Nel 2007, sono stati approvati dal Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali e dalla Conferenza Stato Regioni rispettivamente, il decreto recante interventi di protezione delle risorse acquatiche per lanno 2007 ed il Programma Triennale della Pesca e dellAcquacoltura per il periodo 2007-2009.
4.2.2 Normativa regionale

57 Cap. 4

Tra i principali provvedimenti normativi emanati in regione negli ultimi anni, figurano numerosi decreti, tra cui quelli relativi al Piano di protezione delle risorse acquatiche, alla regolamentazione della pesca del novellame e alla questione inerente ladeguamento del prezzo del carburante nelle isole minori rispetto alla Sicilia, tra cui: D.D.G. n. 28/Pesca del 8.03.05: il presente decreto andando ad integrare il D.D.G. n. 4/Pesca del 20.01.05, vieta lesercizio della pesca professionale del novellame di sardina e del rossetto nel tratto di mare che compreso tra Capo S. Marco e Capo Bianco; D.A. n. 52 del 21 aprile 2005 (integrato dallo schema di statuto del Consorzio di Ripopolamento Ittico): relativo allapprovazione ed adeguamento dello statuto dei consorzi di ripopolamento ittico; D.A. n. 93/Gab. del 22 luglio 2005: relativo alla concessione di un contribuito straordinario, di cui alla L.R. n. 17 del 28/12/04, per lacquisto del carburante; D.A. n. 169/Gab. del 22.12.05: relativo allavviso per la presentazione e selezione delle istanze in merito alla concessione annuale di incentivi a fondo perduto a favore degli operatori del settore della pesca, per lallineamento del costo del gasolio nelle isole minori rispetto alla Sicilia;
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

58 Cap. 4 Cap. 4

D.A. n. 103/Gab. del 21.04.06 (Piano di protezione delle risorse acquatiche anno 2006): prevede, nellanno 2006, ladozione di misure finalizzate alla protezione delle risorse acquatiche tramite lo sviluppo sostenibile di attivit di pesca nell ambito del Piano Triennale Nazionale della Pesca e dellAcquacoltura. Il presente decreto, inoltre, stabilisce i periodi di interruzione temporanea della pesca per il 2006, ne regolamenta le modalit, individua misure tecniche per la pesca a strascico e volante. Il decreto prevede, ai sensi dellart. 6 del Reg. CE n. 2371/2002, ladozione di un Piano di Gestione per le unit da pesca a strascico abilitate alla pesca mediterranea ed iscritte nei compartimenti siciliani. Inoltre, esso istituisce le Zone di Tutela Biologica (ZTB); in particolare, due ZTB nelle acque dello Stretto di Sicilia che sono interdette alla pesca a strascico per tre anni e finalizzate alla protezione di giovanili di merluzzo (Merluccius merluccius). Infine, il decreto omologa alle zone di tutela biologica, le aree di ripopolamento chiuse alla pesca a strascico con la L.R. del 7 agosto 1990 n. 25 presenti nel Golfo di Castellammare, nel Golfo di Patti e nel Golfo di Catania e ricadenti nelle acque territoriali siciliane; D.A. n. 149/Gab. del 09.08.06: in accordo con il D.A. n. 103/Gab. del 21.04.06, d attuazione alle misure di interruzione temporanea delle attivit di pesca a strascico e/o volante, cos come previsto dal Reg. (CE) n. 2369/02, che modifica il Reg. (CE) n. 2792/99; D.A. n. 257/Pesca del 10.11.06: approva il Programma di Promozione e Comunicazione nel settore della Pesca per lanno 2006; D.A. n. 01/Pesca del 9.01.07: modifica il Regolamento Pesca Sportiva abrogando gli articoli 9 e 10 del D.A. 26.01.1991. In termini di programmazione regionale per il periodo 2000-2006, la Regione Siciliana impegnata a dare completa attuazione ad entrambe le misure (4.16 e 4.17), che, allinterno del POR 2000-2006, erano dedicate al settore pesca e acquacoltura.

4.3

Interazioni con lambiente

Le principali interazioni tra pesca e ambiente riguardano gli impatti sugli stock che hanno un peso commerciale, ma anche specie coinvolte dalle catture accidentali, come mammiferi marini e tartarughe. Spesso proprio questi ultimi restano intrappolati dalle cosiddette reti fantasma, ossia reti lasciate in mare e che continuano a catturare pesci e cetacei senza essere pi raccolte. Molto spesso difficile avere la conoscenza esatta sulla presenza di tali reti in mare; altrettanto problematico laspetto che riguarda la quantificazione del danno causato agli organismi marini. Altro impatto negativo che resta tra i pi preoccupanti quello dovuto alla pesca a strascico che, diversamente dalla pesca artigianale, incide sul fondale marino alterando gli equilibri, sia a livello di sedimento, sia a livello di specie della flora e della fauna marine. La pesca non selettiva rimane, oggi, una problematica di difficile soluzione; questa danneggia soprattutto il novellame non permettendo il normale svolgimento dei cicli di riproduzione delle specie. Tra gli aspetti da considerare vi quello relativo agli scarti di pesca, che, sempre pi condizionati dai mercati, sono in aumento a dismisura. Si tratta di specie che vengono rigettate in mare, poich non commerciali o che costituiscono taglie non commerciabili. Solitamente gli scarti caratterizzano la pesca con lo strascico. Da uno studio (DISCARD) effettuato sulla flotta a strascico di Porto Palo di Capo Passero, tra il 1998 ed il 2000, si evinto che la frazione media dello scarto compresa tra il 15% e il 24% (Anonimo, 2000). Tale studio, che ha compreso anche la flotta di Mazara del Vallo, riporta che, escluso per i cefalopodi, in cui vengono trattenute quasi tutte le taglie delle specie commercializzabili, la maggior parte delle specie non bersaglio generalmente scartata. In particolare, la fragilit dei piccoli merluzzi unitamente al tempo di permanenza nel sacco, nel caso delle cale pi profonde (200-500 m), comporta un elevato tasso di scarto (32-86% e 9-31% in numero e peso).
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P a Pe es sc c a

Questazione deriva soprattutto dalla presenza di specie massive con basso o nullo valore commerciale. Tra le specie massive pi rilevanti, si annoverano: Lepidotrigla cavillone, Serranus hepatus e Arnoglossus spp., Macroramphosus scolopax, Lepidopus caudatus, Chlorophthalmus agassizi, Gadiculus argenteus, Nezumia sclerorhynchus, Galeus melastomus e Coelorhynchus coelorhynchus. Tra le taglie scartate vi sono specie, quali Boops boops, Eledone cirrhosa, Pagellus erythrinus, Parapenaeus longirostris, Scyliorhinus canicola, Trachurus mediterraneus, Trachurus trachurus, Spicara smaris (Fiorentino et al, 2005). Se si considera che lo scarto negli anni 80, nellarea dello Stretto di Sicilia, ammontava a circa il 60-70% delle catture dello strascico, si pu dedurre come ci possa comportare unalterazione della biodiversit sottraendo importanti elementi e la modificazione dellintera catena trofica, favorendo i detritivori e i necrofagi. Inoltre, la continua richiesta di specie pregiate ha causato una situazione di overfishing, dando luogo al depauperamento di alcuni stock. Ad oggi, la questione che riguarda linterazione tra attivit di pesca e ambiente e la quantificazione dei relativi impatti ambientali oggetto di continui dibattiti e ricerche scientifiche, in quanto restano ancora poco noti, sia gli effetti temporanei che duraturi della pesca sulle specie bersaglio e non bersaglio.

59 Cap. 4

4.4

Tendenze

In riferimento alle considerazioni trattate sopra, quindi al trend registrato negli ultimi anni, si denota un ridimensionamento della flotta siciliana, in termini di numero, tonnellaggio e potenza motore. Tra le diverse tipologie di pesca che caratterizzano il settore, si conferma il ruolo della piccola pesca in termini di numero di imbarcazioni e dello strascico che prevale soprattutto in termini di tonnellaggio e di potenza motore. Per le catture, landamento degli ultimi anni decrescente per tutti i gruppi di specie, fenomeno che, insieme a quello della riduzione del numero dei battelli, pu essere possibilmente correlato sia al depauperamento delle risorse marine, sia agli effetti dovuti all applicazione degli interventi della PCP volti a ridurre lo sforzo di pesca. Dal punto di vista economico, il settore regionale risente dellaumento dei consumi intermedi e in particolare dellaumento del costo del carburante che si ripercuote maggiormente nel comparto dello strascico.

4.5

Impatto sulla salute della popolazione

Tra i fattori dinterrelazione tra le attivit di pesca e la salute umana, c quello della eventuale tossicit del prodotto pescato e destinato al consumo umano. Alcune specie ittiche, infatti, risultano estremamente velenose per luomo. Secondo il Reg. (CE) n. 853/2004, poich tossici per luomo, non possono essere commercializzati i prodotti che derivano dai pesci delle famiglie Tetraodontidae, Molidae, Diodontidae e Canthigasteridae. Un altro aspetto allarmante per la salute umana riguarda il rispetto delligiene dei prodotti derivanti dalla pesca ed, in particolare, il fenomeno del bioaccumulo di sostanze pericolose da parte degli organismi marini. Alcuni metalli pesanti, tra cui cadmio, piombo, mercurio e cromo, sono considerati inquinanti pericolosi nellambiente acquatico; infatti, ormai nota la loro capacit di accumularsi nei tessuti degli organismi, inducendo effetti tossici che includono anche effetti genetici e cancerogeni. Tali metalli, derivanti dalle attivit antropiche, possono alterare le popolazioni di organismi acquatici, agendo anche sulla biodiversit. A tal proposito, assume grande importanza il monitoraggio delle matrici ambientali interessate dallaccumulo degli inquinanti e delle specie utilizzate come biomarcatori di tossicit e genotossicit, al fine di determinare gli impatti allinterno degli ecosistemi che queste occupano. Il fenomeno del bioaccumulo viene trattato in particolar modo per alcuni organismi marini tra cui, molluschi bivalvi, echinodermi, tunicati e gasteropodi marini.
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

60 Cap. 4 Cap. 4

Il Reg. (CE) n. 466/2001 ed il Reg. (CE) n. 78/2005 riguardano, in modo specifico, leventuale presenza di contaminanti chimici presenti nei molluschi bivalvi e nei pesci, ponendo i limiti che non devono essere superati in termini di concentrazione riscontrata allinterno del muscolo dellanimale per i seguenti metalli: piombo, cadmio, mercurio. Il Reg. (CE) n. 854/2004 prevede nellAllegato II quali siano i controlli ufficiali da eseguire sui molluschi bivalvi vivi provenienti dalle zone di produzione classificate ed i programmi per il monitoraggio delle aree destinate allallevamento. Tali controlli devono riguardare non solo leventuale presenza di inquinanti ambientali, ma anche di eventuali biotossine allinterno dei molluschi e devono prevedere il controllo della carica batterica. Grande attenzione posta anche alleventuale presenza di tossine nel plancton, dal momento che questo entra nella catena alimentare dei molluschi, giungendo poi sino ai pesci. Recentemente, lattenzione stata posta anche sul possibile rischio dovuto alla presenza di diossine e di composti diossino-simili allinterno dei prodotti ittici. La diossina classificata come agente cancerogeno per luomo dallAgenzia internazionale per la ricerca sul cancro e da altre organizzazioni internazionali. Tale problematica affrontata dal Reg. (CE) n. 2375/2001 del Consiglio del 29 novembre 2001, che modifica il regolamento (CE) n. 466/2001 della Commissione e definisce i tenori massimi di taluni contaminanti presenti nelle derrate alimentari. Unulteriore disamina degli aspetti legati alligiene alimentare presente allinterno del capitolo Acquacoltura (Impatto sulla salute della popolazione, a pag. 80).

4.6

Proposte e politiche di mitigazione

Tra le politiche che si attuano al fine di proteggere la salute del consumatore dai possibili rischi legati alla salubrit degli alimenti, vi sono alcuni recenti regolamenti comunitari a garanzia delligiene delle produzioni alimentari di origine animale. Recentemente sono stati emanati alcuni provvedimenti a seguito dellevoluzione che negli ultimi anni si sta verificando allinterno dei processi di analisi della filiera ittica. In particolare, si ricorda la pubblicazione de Il libro bianco sulla sicurezza alimentare da parte della Commissione Europea, la redazione nel 2006 delle Linee guida sui prodotti della pesca a cura del Ministero della Salute e delle Regioni e laggiornamento ed integrazione degli atti legislativi che costituiscono il cosiddetto Pacchetto Igiene.7 Oggi sono di estrema importanza le politiche volte alla protezione delle specie ittiche, tra cui quelle dirette alla ricostituzione degli stock in via desaurimento. Dallultimo rapporto biennale sullo Stato della pesca e dellacquacoltura nel mondo pubblicato dalla FAO, in occasione della XXVII riunione della sua Commissione Pesca, emerso che il 25% degli stock ittici monitorati sovrasfruttato. La situazione pi preoccupante pare essere quella delle specie pescate in alto mare, in particolare i grandi migratori, tra cui, squali e tonnidi. Il tonno rosso, infatti, oggi una risorsa a rischio, spesso a causa della pesca non autorizzata, che probabilmente non permette il naturale svolgimento dei cicli di riproduzione della specie, necessari a compensarne il prelievo. La Commissione Internazionale per la Conservazione dei Tonnidi in Atlantico regolamenta la pesca all interno dellUE fissando le cosiddette quote di

Si veda, per una trattazione pi ampia delle politiche relative alla qualit ed alla sicurezza alimentare, il capitolo Acquacoltura (Impatto sulla salute della popolazione, a pag. 80).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P a Pe es sc c a

cattura prelevabili da un determinato stock (TAC 8), per i sistemi di pesca utilizzati e cio tonnare fisse, palangari, circuizione, pesca sportiva. Come gi sottolineato nella parte riguardante la normativa di riferimento del presente capitolo, le ultime allarmanti informazioni sul tonno rosso, fornite dal Comitato Permanente per la Ricerca e le Statistiche dellICCAT, indicano che la risorsa in termini di stock riproduttore ha continuato a diminuire e che la mortalit attribuibile alla pesca aumenta. Inoltre, la pesca esercitata dagli stati coinvolti in tale attivit ha portato, per lappunto allesaurimento della quota assegnata per il 20079. Una recente raccomandazione dellICCAT mira a costituire un programma pluriennale per il tonno rosso dellest Atlantico e del Mediterraneo finalizzato a ricostruire lo stock attraverso delle misure orientate alla tutela degli individui riproduttori ed alla riduzione del prelievo delle forme giovanili. Il Consiglio UE ha cos approvato il Piano di protezione del Tonno rosso (Reg. (CE) n. 643/2007), recependo nellordinamento comunitario le relative raccomandazioni dellorganismo ICCAT. Un particolare divieto riguarda luso di mezzi aerei. LItalia, nellambito dellattuazione del Piano, ha ottenuto la possibilit di concedere compensazioni per gli armatori e gli equipaggi nei periodi di fermo obbligatorio per un totale di 12 mesi (estensibili a 24) nel periodo 2007-2013. Il Piano di protezione rappresenta uno strumento necessario alla tutela di una specie legata alla tradizione della pesca e che rischia oggi di depauperarsi, anche se non sono state poche le polemiche relative soprattutto alla possibilit di deroga concessa ad alcuni paesi dellUE in termini di taglia minima di prelievo. Sebbene in Sicilia la pesca del tonno tramite le tonnare fisse sia quasi totalmente in disuso, nei pressi dallIsola di Favignana, opera ancora una delle pi antiche tonnare fisse dItalia, che viene perci coinvolta dallattuazione del Piano di Protezione. Come gi accennato precedentemente, stato di recente approvato il Piano di protezione delle risorse acquatiche per lanno 2007. Il Piano fissa le modalit di attuazione delle interruzioni temporanee dellattivit di pesca a strascico e/o volante. Infine, il Programma Triennale della Pesca e dellAcquacoltura per il periodo 2007-2009, approvato anchesso nel 2007, si prefigge il recupero degli stock ittici in fase di depauperamento e la difesa degli ecosistemi marini. Altre misure finalizzate a mitigare le interazioni tra le attivit di pesca e lambiente sono quelle relative allintroduzione di attrezzi selettivi che limitino l impatto sulla frazione giovanile degli stock o su alcune specie protette. Ad esempio, tali misure riguardano le dimensioni minime della maglia delle reti e il divieto di utilizzo di particolari attrezzi come le reti derivanti, di cui si accennato sopra. Alcune misure inerenti la regolamentazione degli attrezzi da pesca sono desumibili nel Reg. 1626/94, che tratta la definizione delle taglie minime legali delle specie ittiche. Anche la Comunicazione della Commissione del 21 giugno 2004 Promuovere metodi di pesca pi rispettosi dellambiente: ruolo delle misure tecniche di conservazione riporta i seguenti obiettivi relativi alla conservazione: riduzione dello sforzo di pesca; ottimizzazione delle catture delle specie bersaglio; riduzione dellimpatto della pesca sugli habitat marini.

61 Cap. 4

8 9

TAC: Total Allowable Catch. Reg. (CE) n. 41/2007.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

62 Cap. 4 Cap. 4

Tra le proposte di mitigazione, si pu considerare il finanziamento di attivit di studio e ricerca finalizzate alla conoscenza dello stato delle risorse alieutiche e dellambiente, per la conservazione e il ripristino degli stock sovrasfruttati e dellecosistema; la cooperazione scientifica per lo studio delle risorse comuni; il finanziamento di attivit di ripopolamento, mirate nei confronti di determinate specie sottoposte ad eccessivo prelievo; la promozione nel mercato di specie sottoutilizzate, le cosiddette specie massive di basso valore economico, ma presenti localmente in quantit notevoli. Inoltre, la differenziazione della domanda di mercato su un numero di specie pi ampio potrebbe favorire la diminuzione dei prezzi delle specie pi sfruttate e laumento delle specie scartate o poco commercializzate. A tal proposito si fa presente, nellambito delle iniziative comunitarie a sostegno del settore, lavvio di un Progetto dal nome MESFIDE (Mediterranean Small Craft Fishery and Development), finanziato grazie allINTERREG III B ARCHIMED-Asse3-Misura1.3. Il progetto si pone lobiettivo di ricercare modelli innovativi basati sullesercizio della pesca artigianale come attivit tradizionale. Esso pone laccento principalmente sulle possibilit di sviluppo sostenibile della pesca, gli sbocchi professionali di settore e sullattivazione dei percorsi di qualit del prodotto ittico. Tra le azioni di protezione delle risorse ittiche, in Sicilia si ricorda la presenza di diversi consorzi di ripopolamento. Questi, tramite ladozione di piani di gestione delle aree costiere e listituzione di zone di ripopolamento, programmano le azioni di prelievo delle risorse, prevenendone leccessivo sfruttamento, anche attraverso azioni che limitino le attivit di pesca non sostenibile. Ad oggi, sono presenti sul territorio regionale 10 consorzi di ripopolamento, localizzati nelle seguenti aree: Agrigento, Golfo di Castellammare, Golfo di Catania, Golfo di Gela, Golfo di Siracusa, Golfo di Patti, Nebrodi, Peloritani, Taormina, Villafranca Pace del Mela. Il Consorzio del Golfo di Castellammare stato istituito con L.R. dell1 agosto 1974, n. 31, modificata ed integrata con L.R. del 27 Dicembre 1978, n. 70 e comprende i comuni di Castellammare del Golfo, San Vito Lo Capo, Balestrate, Trappeto, Terrasini, e la Provincia Regionale di Trapani. Analogamente, sono stati costituiti il Consorzio di Ripopolamento Ittico "Golfo di Catania" e quello "Golfo di Patti", concernenti iniziative per il riequilibrio del patrimonio ittico mediante opere di ripopolamento10. Infine, tra le recenti politiche regionali, finalizzate alla tutela delle specie, sono inserite lincentivazione e la promozione di attivit per la valorizzazione dei mestieri tradizionali della pesca, tra cui il pescaturismo e littiturismo (vedi pag. 140).

Bibliografia essenziale di riferimento


Annuario dati ARPA 2006. Anonimo, 2000. Towards Holistic Fisheries Management: A Mediterranean Perspective. Final Report UE contract Q5AM2000-00002. F. Fiorentino, S. Mazzola, G. Garofalo, B. Patti, M. Gristina, A. Bonanno, D. Massi, G. Basilone, G.B. Giusto, S. Gancitano, G. Sinacori, P. Rizzo, D. Levi, S. Ragonese, 2005. Lo stato delle risorse demersali e dei piccoli pelagici e le prospettive di pesca sostenibile nello Stretto di Sicilia. Istituto per lAmbiente Marino Costiero - Consiglio Nazionale delle Ricerche. Rapporto finale. Giovanardi O., 2000, Ecologia della Pesca, Biologia Marina Mediterranea, 7 (4): 124-129. Relazione presentata alla conferenza Le ricerche sulla pesca e sullacquacoltura nellambito della Legge 41/82, Roma, 15 -16 dicembre 1998.

10

http://www.consorzinretesicilia.it/

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P a Pe es sc c a
IREPA, 2006. Relazione Attivit di pesca 2006. IREPA, Informa Irepa, vari numeri, (www.irepa.org). ISMEA Il settore ittico in Italia e nel mondo: le tendenze recenti. Filiera Pesca e Acquacoltura, gennaio 2006 . ISMEA, Filiera della pesca e dellacquacoltura, aprile 2003. ISMEA, Filiera della pesca e dellacquacoltura, gennaio 2005. Programma Operativo (FEP) art. 19 del Regolamento 1198/2006 del Consiglio. Regione Siciliana, Relazione sullo Stato dellAmbiente in Sicilia 2002. Siti web: http://ec.europa.eu/fisheries/cfp/management_resources/environment_it.htm http://www.agci-pescasicilia.it http://www.federcoopesca.it http://www.iccat.es http://www.irepa.org http://www.ismea.it http://www.istat.it http://www.minambiente.it http://www.pescaturismosicilia.it http://www.politicheagricole.it http://www.provincia.trapani.it http://www.qualita.legapesca.it http://www.regione.sicilia.it/cooperazione/pesca

63 Cap. 4

Glossario
Battelli (N.): Battelli iscritti nellArchivio Licenze di Pesca, istituito presso la Direzione Generale Pesca del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, ai sensi dellart. 4 della Legge 41 del 1982. TSL, Tonnellate di stazza lorda; GT, Gross Tonnage: Misura volumetrica pari a 100 piedi cubici (cio metri cubi 2,832). Il GT indicato per la misurazione delle navi dalla Convenzione di Oslo (1946). GT, Gross tonnage: La misura della capacit di tutti i pescherecci appartenenti alle flotte comunitarie, dal 2004, espressa in GT (stazza lorda) anzich in tonnellate di stazza lorda (tsl) o in altre unit di stazza definite a livello nazionale. Il tonnellaggio lordo (GT), conformemente alle disposizioni della Convenzione di Londra (1969), definito come funzione del volume totale di tutti gli spazi interni della nave. kW: Misura che esprime la potenza in kW del motore utilizzato a bordo. CPUE, Catch Per Unit of Effort: definita come rapporto fra le catture totali e lo sforzo di pesca totale in un dato periodo di tempo o per una determinata tecnica di pesca ed indica lammontare di catture ottenuto dallutilizzo di una unit di sforzo. MIPAF: Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

2 7 20 00 0 7

Acquacoltura

Alfonso Modica, Laboratorio Ambientale Syndial di Priolo (Eni Group) Andrea Santulli, Istituto di Biologia Marina del Consorzio Universitario della Provincia di Trapani Dominique Scilipoti, libero professionista

Acquacoltura

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

66 Cap. 5 Cap. 5

5. A Ac cq qu ua ac co ol lt tu ur ra a

Sulla base dei dati pubblicati nel 2007 dallISMEA, la produzione ittica italiana, pari a circa 516 mila tonnellate, nel 2006 risultata composta per il 55% circa da prodotto pescato (con un totale di 282 mila tonnellate) e per il restante 45% da prodotto proveniente dallattivit di acquacoltura (pari a circa 243 mila t), che ha contribuito al 28,4% dei ricavi contro il 71,6% del prodotto pescato. Nel biennio 2005-2006 ha ripreso a salire la quota dellallevato sul totale, dopo il brusco calo registrato nel 2003 (-26,2%), tornando allincirca al livello del 2002 (45,2%). La produzione ittica proveniente dallattivit di acquacoltura risulta composta per il 70% circa da prodotti della molluschicoltura e per il restante 30% da pesci di allevamento, sebbene concorrano al valore della produzione allincirca in parti uguali. Il trend positivo ha subito unimprovvisa interruzione nel 2003 quando lallevato ha fatto registrare una flessione del 26,2%, coinvolgendo sia il comparto della piscicoltura (-4,2%) sia soprattutto quello della molluschicoltura (-34,2%), messo a dura prova dalle avverse condizioni climatiche di quellanno (scarsit di piogge ed elevate temperature). Lallevamento ittico ancora incentrato su tre prodotti, che incidono per oltre l84% sulla produzione totale di pesci: le trote sono al primo posto con circa 40.000 t, mentre la produzione di orate e di spigole si attesta intorno alle 20.000 t. La produzione di orate e di spigole, che nellanno in esame hanno inciso entrambe per oltre il 13% sul valore totale, stata pressoch stabile negli anni 2003 e 2004, mentre nel 2005-2006 ha evidenziato un andamento contrapposto: +5% la produzione di orate, -6,2% quella di spigole. Per queste specie il problema pi importante legato al prodotto importato da altri paesi rivieraschi mediterranei che offrono prodotti pi economici e di qualit sempre pi competitiva con quella italiana, sebbene negli ultimi anni la via che si sta percorrendo quella degli accordi di filiera per certificare e vendere prodotto certificato, proveniente esclusivamente da allevamenti nazionali. Riguardo le spigole, negli ultimi tre anni si registra un incremento delle importazioni in volume (del 13,8% nel 2004 e del 12,5% nel 2005) e una concentrazione (97% dellimport totale) degli approvvigionamenti in quattro paesi: Grecia, Turchia, Francia e Croazia. Lexport ha fatto segnare una flessione (-27%), dopo il pi che positivo andamento del 2004 (+35,5%), a causa soprattutto di riduzioni verso la Spagna (-50,5% nel 2005), la Slovenia (-44,2%) e la Francia (33,8%). Nello stesso periodo, le importazioni di orate sono aumentate rispettivamente del 6,2% e del 10,1%, con la Grecia che si confermata la principale fornitrice di questo prodotto, coprendo il 75% dellimport italiano, sebbene in sensibile aumento, negli ultimi due anni, sono risultate le importazioni dalla Turchia, divenuto cos il secondo paese fornitore dellItalia. Dal lato delle esportazioni, dopo un lieve aumento nel 2004, il 2005 ha fatto registrare una diminuzione del 19% delle richieste estere di orate, soprattutto quelle di Slovenia (-49,1%), Spagna (-56%) e Paesi Bassi (-93,7%).

5.1

Caratteristiche strutturali

Il comparto dellacquacoltura in Sicilia nel biennio 2005-2006 ha mostrato segni di ripresa, grazie anche allingresso dei nuovi finanziamenti relativi ai fondi comunitari POR 2000-2006
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q o Ac c qu ua ac c ol lt tu ur ra a

(sottomisura 4.16), riguardanti investimenti produttivi quali: ladeguamento strutturale e/o realizzazione di nuovi impianti e la diversificazione della produzione verso specie ittiche pregiate. In linea di massima, la situazione regionale appare sempre pi caratterizzata dalla presenza di due diverse tipologie di impianti: impianti di medio-grandi dimensioni, economicamente consolidati, con notevoli quantit di prodotto allevato e immesso sul mercato; impianti di piccole dimensioni, con ridotti investimenti, con limitate produzioni e spesso in difficolt economiche. Sulla base dei dati disponibili, la Sicilia continua a caratterizzarsi come la pi significativa realt produttiva italiana, per quanto riguarda lallevamento ittico in mare aperto, soprattutto, come accennato precedentemente, grazie allaumentata capacit produttiva di alcuni grandi impianti. Di seguito sono riportati i dati del Servizio Demanio Marittimo dellARTA, relativi alle concessioni per impianti di acquacoltura, per allevamento di spigole, orate, tonni, ricciola, saraghi mitili e ricci.
tab. 5.1: Impianti di acquacoltura (2006)
Provincia Agrigento Capitaneria di porto Porto Empedocle Messina Milazzo Comune Lampedusa Licata Messina Gioiosa Marea Lipari Venetico Leni Patti Addaura Pachino Augusta Mazara del Vallo Superficie mq 7.225 11.150 21.000 12.000 20.000 3.000 10.000 2.500 20.000 17.000 24.918 250.000 8.250 Specie allevate spigole, orate spigole, orate spigole, orate spigole, orate spigole, orate spigole, orate, sarago spigole, orate, sarago spigole, orate, sarago, ricciola spigole, orate, sarago ricci spigole, orate spigole, orate spigole, orate Numero gabbie 4 9 17 12 6 7 6 2 10 12 10 6

67 Cap. 5

Messina

Palermo Siracusa Augusta Mazara del Vallo Fonte: Assessorato Territorio e Ambiente Servizio Demanio marittimo Palermo Siracusa Siracusa Trapani

tab. 5.2: Impianti di allevamento di tonno (2006)


Provincia Superficie mq 1.000.000 1.500.000 122.500 Villafranca Tirrena Milazzo 150.000 Messina 480.000 S. Pier Niceto Milazzo Messina Fonte: Assessorato Territorio e Ambiente Servizio Demanio marittimo Comune Capitaneria di porto Numero 6 18 6 8 10

Palermo Palermo Trapani

Trabia Trappeto Castellammare

Palermo Palermo Trapani

tab. 5.3: Impianti di mitilicoltura (2006)


Provincia Superficie mq Messina (Torrefaro) 01 5.000 Messina 02 4.500 03 6.300 04 2.752 05 6.700 Porto Grande 06 1.500 Siracusa 07 1.500 08 1.500 09 1.500 Addaura 10 Palermo 937,53 Fonte: Assessorato Territorio e Ambiente Servizio Demanio marittimo Comune (localit) Numero impianti

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

68 Cap. 5 Cap. 5

Il capitolo segue con lanalisi effettuata sugli impianti attivi, come si pu rilevare dal graf. 5.1, rispetto al 2004, nel 2006 si registra un aumento del numero di impianti intensivi a mare, la riduzione degli impianti intensivi a terra e un aumento dei semi-intensivi in salina, con un significativo aumento della produzione, legata soprattutto alle specie tradizionali (spigola ed orata). Riassumendo, gli impianti in atto funzionanti sono 18 (uno in pi del 2004), di cui 11 dotati di gabbie a mare (tab. 5.4). In considerazione delle caratteristiche della corrente e del moto ondoso riscontrabili lungo le coste della Sicilia e delle isole minori, la scelta della tipologia costruttiva degli impianti in mare ha portato alladozione di differenti moduli di allevamento, che vanno dalle classiche gabbie galleggianti (sia in gomma che in polietilene), a quelle sommergibili e sommerse. In quasi tutti gli impianti, realizzati con strutture disponibili sul mercato, si assistito inoltre ad un progressivo adattamento di tecnologie provenienti da altri settori, che hanno portato allo sviluppo di nuove competenze, che rimangono purtroppo quasi sempre patrimonio esclusivo delle singole aziende. Sulla base della situazione rilevata dagli Autori tra il 2004 e il 2006, lanalisi del numero di impianti per tipologia di allevamento, distinguendo tra gli impianti estensivi ed intensivi a terra e a mare, evidenzia unincidenza di questi ultimi in termini di produttivit di oltre l80%, se si considerano, oltre alle gabbie utilizzate per lallevamento di spigola ed orata, anche gli intensivi per lallevamento del tonno. Il numero degli impianti di allevamento del tonno si ormai assestato a 2, sebbene almeno altri 2 impianti siano autorizzati alla eventuale installazione di gabbie per la stabulazione di questa specie. In valore assoluto la quantit di tonno stabulato prodotto supera le 1.300 t, quantitativamente si assistito ad un sensibile incremento della produzione delle specie tradizionali, rispetto al tonno (graf. 5.2).1 da rilevare, inoltre, che nonostante lallevamento di spigole e orate sia supportato in Sicilia ormai solo da 2 avannotterie, la produzione per il 2006 assai rilevante, con un totale di 22 milioni di individui, di cui il 46% orate ed il 54% spigole (dati degli Autori).

Santulli, 2007

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q o Ac c qu ua ac c ol lt tu ur ra a

graf. 5.1: Impianti di allevamento di specie ittiche marine attivi in Sicilia negli anni 2004-2006 (uno degli impianti, ubicato nella Provincia di Siracusa, possiede strutture sia a terra che a mare)
Variazione tipologia impianti 2004-2006
12

69 Cap. 5

10

N. Impianti

Tipologia

Intensivi mare Intensivi terra Semi_intensivi Intensivi mare tonno

Avannotterie

Totale 2004

Totale 2006

Fonte: Dati non pubblicati degli Autori

graf. 5.2: Produzione (t) degliimpianti impianti siciliani di- 2006 allevamento di specie ittiche marine negli anni Confronto produzione siciliani anni 2004 2004-2006, suddivisa tra totale delle specie tradizionali e tonno rosso
2500

2000

tonnellate

1500

1000

Specie Tradizionali Tonno

500

Produzione 2006

Produzione 2004

Fonte: Dati non pubblicati degli Autori

tab. 5.4: Numero di impianti di allevamento di specie ittiche marine esistenti in Sicilia, suddivisi per provincia, con indicazione delle specie allevate e della tipologia di allevamento.
Prov. Numero Impianti Attivi: In corso di attivazione 3 0 2 8 1 0 Specie allevata Tipologia allevamento

AG SR TP

PA 1 1 ME 5 1 RG 1 CT 0 Fonte: Dati non pubblicati degli Autori.

Spigola, orata, sarago pizzuto, dentice, sarago maggiore Spigola, orata, madai, ombrina, pagro, ricciola Spigola, orata, cefalo, sarago pizzuto, dentice, tonno Spigola, orata Spigola, orata, tonno. Spigola, orata.

Intensivo, Avannotteria Intensivo, Avannotteria Intensivo, Semi-Intensivo, Estensivo Intensivo, Semi-Intensivo Intensivo Intensivo

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

70 Cap. 5 Cap. 5

Ancora di un certo rilievo lincidenza del mercato regionale, al quale gli allevatori afferiscono, tramite il classico canale distributivo rappresentato dai grossisti o, in qualche caso, dai mercati ittici regionali. Le produzioni regionali, comunque, tendono sempre di pi a differenziare le taglie di vendita. In particolare tale produzione viene suddivisa in modo da ricercare canali distributivi rappresentati dalla Grande Distribuzione Organizzata (GDO), alla quale afferiscono in genere i pesci di taglia non AG SR TP PA ME CT RG superiore ai 350 g; diversamente, ai Impianti attivi al 2006 Impianti attivi al 2004 mercati del nord, economicamente Fonte: Dati non pubblicati degli Autori pi remunerativi, vengono riservate le taglie pi grandi, da 400 a oltre 1.000 g. Laccesso alla Grande Distribuzione per limitato a 2-3 impianti siciliani, che con la loro produzione possono soddisfare gli stringenti requisiti richiesti in termini di costanza di disponibilit di prodotto e pezzatura. Gli allevatori , per soddisfare i requisiti di legge in fatto di identificabilit (vedi paragrafo successivo), provvedono a contrassegnare ogni singolo pesce incassettato mediante unetichetta che individua il luogo di provenienza e limpianto di allevamento. Questa procedura, pur non garantendo la qualit della produzione, ne certifica la provenienza da impianti di acquacoltura siciliani, che rispettano in genere elevati standard qualitativi. Ci consente al prodotto di essere differenziato sia dal resto della produzione nazionale ed europea, che soprattutto, da quella proveniente dai paesi extra-comunitari. Lutilizzo di sistemi di certificazione, in cui il processo ed il prodotto siano costantemente e sistematicamente soggetti a controllo da parte di Enti esterni riconosciuti, consentirebbe lacquisizione di valore aggiunto da parte del prodotto medesimo e la collocazione in nicchie di mercato non ancora pienamente sfruttate dalla concorrenza. Si riassumono i principali problemi che affliggono il settore regionale, nel seguente elenco: Difficolt di accesso a prestiti bancari ed eccessiva dipendenza dai finanziamenti pubblici; Elevati costi tecnologici; Carenza di siti idonei; Difficolt nellingresso di piccole realt aziendali nel circuito della GDO; Mancanza di strutture e servizi di supporto allallevamento; Scarsa imprenditorialit delle piccole realt aziendali e limitate risorse economiche disponibili; Carenza di personale specializzato destinato a particolari fasi del processo produttivo Difficolt burocratiche in fase preliminare di rilascio della concessione Difficolt e costi eccessivi nella stipula di coperture assicurative.
graf. 5.3: Variazione numero di impianti di allevamento N. impianti per Provincia per singolaVariazione provincia negli anni 2004 2006
7 6 5

n. impianti

5.2

Normative di riferimento
Regolamento (CE) n. 2065/2001 della Commissione del 22 ottobre 2001 (G.U. n. 278 del 23.10.01). Modalit di applicazione del Reg. CE n.104/2000 del Consiglio per quanto concerne linformazione dei consumatori nel settore dei prodotti della pesca e dellacquacoltura.
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q o Ac c qu ua ac c ol lt tu ur ra a

Regolamento (CE) n. 2318/2001 della Commissione del 29 novembre 2001 (G.U. n. 313 del 30.11.01). Modalit di applicazione del Reg. CE n.104/2000 del Consiglio per quanto concerne il riconoscimento delle organizzazioni di produttori nel settore dei prodotti della pesca e dellacquacoltura. Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 (G.U. n. 31 del 01.02.02). Stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce lAutorit europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare. Decreto Legislativo n. 154 del 26 maggio 2004 (G.U. n. 146 del 24.6.04.) Modernizzazione del settore pesca e dellacquacoltura. Direttiva 2006/88/CE del Consiglio del 24 ottobre 2006 (G.U. n. 328 del 24.11.06). Relativa alle condizioni di polizia sanitaria applicabili alle specie animali dacquacoltura e ai relativi prodotti, nonch alla prevenzione di talune malattie degli animali acquatici e alle misure di lotta contro tali malattie. Direttiva 2006/113/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 12 dicembre 2006 (G.U. n. 376 del 27.12.06). Relativa ai requisiti di qualit delle acque destinate alla molluschicoltura. Decisione 2006/767/CE della Commissione del 6 novembre 2006 (G.U. n. 320 del 18.11.2006). Modifica le decisioni 2003/804/CE e 2003/858/CE per quanto riguarda le condizioni di certificazione applicabili a molluschi vivi e pesci vivi di acquacoltura e ai relativi prodotti, destinati al consumo umano. Regolamento (CE) n. 1664/2006 della Commissione del 6 novembre 2006 (G.U. n. 320 del 18.11.06). Modifica il Regolamento (CE) n. 2074/2001 per quanto riguarda le misure di attuazione per taluni prodotti di origine animale destinati al consumo umano e che abroga talune misure di attuazione. Regolamento (CE) n. 199/2006 della Commissione del 3 febbraio 2006 (G.U. n. 32 del 04.02.06). Modifica il Regolamento (CE) n. 466/2001, che definisce i tenori massimi di taluni contaminanti presenti nelle derrate alimentari per quanto riguarda le diossine e i PCB diossina simili.

71 Cap. 5

5.3

Interazioni con lambiente

Lacquacoltura, come tutte le pratiche zootecniche, tende a trasformare lenergia contenuta negli alimenti a basso costo utilizzati in proteine di elevato valore; la perdita di energia che si verifica durante questo trasferimento ha un impatto sullambiente circostante. Tra le pratiche di acquacoltura, lallevamento in gabbie galleggianti quello che desta le maggiori preoccupazioni, per le difficolt di controllo determinate dalla tipologia di impianto. Negli impianti di maricoltura in gabbie galleggianti, la biomassa, presente nelle gabbie di allevamento, attraverso lalimento non consumato, i residui non digeriti ed i prodotti di escrezione, immette nellambiente acquatico composti solubili e determina laccumulo di residui organici ed inorganici sui fondali sottostanti. Il grado e lestensione di questo impatto dipendono da numerosi fattori, tra i quali: la specie allevata, la tipologia dellalimento distribuito, il tipo di fondali, la velocit e la direzione della corrente, lesposizione del sito, ecc. La quantit di alimento non utilizzato, inoltre, dipende dallefficienza di alimentazione, che principalmente influenzata dalla composizione dellalimento, dalla metodologia di somministrazione, dalle correnti presenti nel sito e dalla configurazione delle reti di recinzione. Lentit degli impatti dipende principalmente dal corpo recettore: infatti, pi significativa in aree gi eutrofiche o in corpi acquatici confinati e/o poco profondi, dove sono pi evidenti gli effetti sulla colonna dacqua. In aree con un elevato regime idrico, la dispersione del materiale organico pi efficiente e i tempi di rimineralizzazione della materia organica accumulata nei sedimenti risultano pi rapidi. Quando limmissione nellambiente di materia organica particolata si interrompe, infatti, si assiste al ripristino dellequilibrio ambientale preesistente.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

72 Cap. 5 Cap. 5

Generalmente, la zona interessata dallaccumulo di ma teria organica limitata ad unarea immediatamente circostante allimpianto stesso. Linfluenza dellallevamento sui sedimenti stata riportata a 15 m, 25 m, 20/50m, 60m, 90 m, 165m2 e fino ad una distanza massima di 200/250 metri dalle gabbie3. Recentemente stato dimostrato che i sedimenti intorno ad un impianto risultano arricchiti sino ad una distanza massima di 165m dal centro delle gabbie 4. In un solo caso, i residui dellimpianto sono stati ritrovati ad una distanza massima di 1 km, in una situazione, va tuttavia sottolineato, caratterizzata da un basso ricambio idrico 5. Limpatto pu essere minimizzato e reso sostenibile con ladozione di severe misure di controllo sui processi di allevamento e interventi per la salvaguardia ambientale che includano procedure di regolazione, controllo e monitoraggio accurate e costanti. Tuttavia, ogni impianto di allevamento in gabbie galleggianti, in base alle proprie peculiari caratteristiche, ha un proprio impatto sullambiente, che non pu essere estrapolato empiricamente, ma va valutato direttamente sul campo con un adeguato programma di monitoraggio. 6 Negli ultimi 20 anni lacquacoltura marina mediterranea, con le due specie principali, la spigola (Dicentrarchus labrax) e lorata (Sparus aurata), andata incontro ad una crescita esponenziale7. Questo rapido sviluppo, non sempre accompagnato da una gestione oculata, ha determinato linsorgere di conflitti per luso delle zone di mare e preoccupazioni per gli effetti ambientali dellallevamento. La letteratura scientifica ricca di contributi che riguardano lo studio delleffetto dellallevamento di salmonidi in Nord Europa ed in Nord America e, soltanto negli ultimi anni, sono stati portati contributi scientifici allo studio delleffetto dellacquacoltura in Mediterraneo. La messa a punto di mangimi ad elevata digeribilit, di tecniche di distribuzione controllate dellalimento e la riduzione e leliminazione di composti chimici e farmacologici durante lallevamento, hanno contribuito a ridurre dal punto di vista quantitativo e a localizzare dal punto di vista spaziale limpatto di questa attivit. Al fine di fornire un quadro aggiornato della letteratura disponibile sull argomento, si riporta di seguito una raccolta dei principali impatti indotti dalle pratiche di maricoltura sullambiente marino.
5.3.1 Impatto sulla colonna dacqua e sui sedimenti

In acquacoltura, a causa dei cataboliti prodotti dagli animali e dellalimento non consumato, possono verificarsi dei cambiamenti sia nella colonna dacqua, con laumento della concentrazione dei nutrienti, che nel sedimento con laccumulo di materia organica. I nutrienti derivanti dalle attivit di maricoltura possono modificare la qualit dellacqua. I composti dellazoto (ammoniaca, nitriti e nitrati) e i composti del fosforo, i solidi sospesi e la loro capacit di consumare ossigeno sono la principale fonte di impatto sullecosistema marino. Queste sostanze derivano dal materiale di escrezione o sono solubilizzate dalla materia organica accumu-

In ordine di distanza: Brown et al., 1987, Hansen et al., 1991, Beveridge, 1996, Ye et al., 1991, Weston, 1990, Brooks et al., 2003b 3 Johannessen et al., 1994; Molina Dominguez et al., 2001 4 Pawar et al., 2001 5 Wu et al., 1994 6 Santulli, 2005; 2007b 7 Uriarte e Basurco, 2001

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q o Ac c qu ua ac c ol lt tu ur ra a

latasi sul fondo. Il loro accumulo nellacqua pu dare origine a fenomeni di ipertrofizzazione, con conseguenti bloom algali, sia a carico dei popolamenti algali planctonici che bentonici. Questo tipo di impatto notevolmente influenzato dallidrodinamismo dellarea in cui ubicato limpianto. In zone di mare confinate, a scarso ricambio idrico, laccumulo di nutrienti determinato dallattivit di acquacoltura pu indurre alterazioni a carico delle comunit fitoplanctoniche. Sebbene lalimento non consumato e le escrezioni rappresentino, come gi osservato, le forme dominanti di input organici nei sedimenti presso gli impianti di maricoltura, tuttavia anche la mortalit degli individui allevati e le comunit fouling possono contribuire al carico organico, ancorch in modo meno rilevante. 8 In seguito ad un eccessivo accumulo di materia organica sul fondale, nel sedimento si ha una maggiore richiesta di ossigeno, utilizzato dai batteri aerobi per la mineralizzazione del materiale organico depositato. Lossigeno rappresenta energeticamente il migliore accettore di elettroni nella respirazione microbica. Nei sedimenti con elevato carico organico, i processi di catabolismo batterico della materia organica possono creare una significativa richiesta di ossigeno biologico (BOD biological oxygen demand) lungo percorsi aerobici. Quando il BOD eguaglia la diffusione e lintroduzione dellossigeno dalla colonna dacqua sovrastante, i sedimenti raggiungono la loro capacit assimilativa per la materia organica. Un ulteriore incremento del carico organico, porterebbe ad una diminuzione dei livelli di ossigeno (nellambiente e quindi nel sedimento) e possibili ripercussioni ai danni di alcuni taxa della fauna bentonica.9 I sedimenti marini sono ambienti usualmente ridotti, coperti solo da un sottile strato aerobico superficiale. Nelle acque costiere produttive, i sedimenti sono generalmente caratterizzati da una profondit di penetrazione dellossigeno di pochi millimetri, rispetto ai centimetri o decimetri dei sedimenti oceanici, dove la colonna dacqua sovrastante presenta condizioni oligotrofiche 10. Ad una certa profondit tutti i sedimenti si riducono per laumentare della distanza dai processi di diffusione e introduzione meccanica dellossigeno: la conseguente riduzione dei solfati in condizioni anaerobiche porta alla formazione di solfuri ferrosi che conferiscono ai sedimenti ridotti il loro tipico colore nero. La profondit alla quale si riscontrano condizioni riducenti, caratterizzata da una discontinuit di colore, nota come discontinuit del potenziale redox11. Il processo di solfato-riduzione, per via delle concentrazioni relativamente alte di solfato delle acque marine, generalmente considerato il percorso anaerobico dominante per la mineralizzazione del materiale organico, una volta che lossigeno stato consumato dai batteri aerobi. Conseguentemente, la presenza di solfuri pu essere selezionata come un buon parametro per monitorare larricchimento organico dei fondali marini attorno alle gabbie. Il prodotto finale della solfato-riduzione, i solfuri, sono estremamente tossici per gli organismi acquatici. 12 Appare evidente che da solo questo parametro non pu fornire un quadro preciso della situazione ambientale, ma deve essere integrato con altri dati, quali il contenuto totale di materia organica (TOM) e la sua composizione (proteine, carboidrati, lipidi), per consentire di formulare un giudizio pi completo e puntuale dello stato di salute dellambiente oggetto di studio. La determi-

73 Cap. 5

8 9

Brooks e Mahnken, 2003 Brooks e Mahnken, 2003; Santulli, 2007b 10 Reimers et al., 1986; Glud et al., 1994 11 Weston, 1986 12 Persia et al.; 2004, Santulli, 2007b

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

74 Cap. 5 Cap. 5

nazione elettrochimica dei solfuri rappresenta, comunque, un parametro sintetico in grado di fornire delle indicazioni sullarricchimento organico di un fondale marino sottostante un impianto di maricoltura. Si tratta, inoltre, di una metodica rapida ed economica, che ha gi dato risultati ripetibili con varie specie di pesce.
5.3.2 Impatto sulle Comunit Meiobentoniche

La meiofauna, grazie alle ridotte dimensioni, alla vita bentonica, alla sedentariet ed ai brevi cicli vitali, si sta rivelando uno dei pi importanti strumenti nel biomonitoraggio degli ecosistemi marini13; a questo scopo, solitamente, vengono valutate le variazioni della struttura della comunit a livello di taxa principali, con studi pi approfonditi su uno o due di questi. Gruppi tassonomici di elezione risultano Nematodi e Copepodi Arpatticoidi, generalmente i taxa meiobentonici pi abbondanti14. I Copepodi sembrano essere infatti pi sensibili dei Nematodi ai fenomeni di inquinamento organico, e ci consente di esprimere il livello di inquinamento in proporzione al rapporto Nematodi/Copepodi15; tuttavia, come fatto notare originariamente da Coull et al. (1981), lutilizzo di questo semplice indice non pu essere generalizzato. Gran parte degli studi effettuati sulla risposta della meiofauna allarricchimento organico hanno preso in esame principalmente gli effetti degli scarichi fognari (vedi Coull e Chandler, 1992), anche se non pochi sono gli studi rivolti agli effetti degli allevamenti ittici sul meiobenthos, diversi dei quali condotti anche nel bacino del Mediterraneo16. La sensibilit della comunit meiobentonica ai cambiamenti ambientali suggerisce che si possano evidenziare relazioni con l estensione spazio-temporale degli allevamenti ittici17. Lelevato turnover che caratterizza gli organismi della meiofauna, consente, inoltre, di rilevare la velocit di recupero dellambiente bentonico in seguito alla cessazione delle attivit dellallevamento.
5.3.3 Impatto sulle Comunit Macrobentoniche

Tra i vari indicatori dello stato di qualit ambientale dei fondali marini, la macrofauna bentonica (organismi che intrattengono relazioni pi o meno strette con il fondo) riveste una notevole importanza, in quanto le comunit bentoniche, analizzate nella loro composizione e trasformazione nel tempo e nello spazio, rivestono il ruolo di "indicatori biologici", intesi come "spia" di condizioni ambientali complesse da interpretare, essendo la risultante di interazioni tra molteplici fattori, a volte difficilmente misurabili. I popolamenti bentonici presentano dinamiche tali da consentire una lettura fortemente integrata delle variazioni spazio-temporali del mondo fisico, rappresentando la memoria biologica dellecosistema. Effettivamente, in molte occasioni stato affermato il primato della lettura biologica di un ecosistema, sulla base dellassunto che il descrittore biologico conservi una memoria degli eventi passati del sistema e, in quanto tale, sia rilevante alla comprensione del suo comportamento attuale e consenta previsioni. La comunit bentonica presenta la cosiddetta capacit di omeostasi: in grado di reagire con "aggiustamenti" interni ai diversi fattori stressanti che agiscono dall esterno, mantenendo una

13

Higgins e Thiel, 1988; Balsamo e Todaro, 1995; Kennedy e Jacoby, 1999; Todaro et al., 2001; Danovaro et al., 2003; Santulli, 2007b 14 Giere, 1993 15 Raffaelli e Mason, 1981 16 e.g., Mazzola et al., 2000; La Rosa et al., 2001b; Santulli, 2007b 17 Duplisea e Hargrave, 1996

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q o Ac c qu ua ac c ol lt tu ur ra a

condizione di equilibrio. Se per tali sollecitazioni superano le capacit omeostatiche dei singoli organismi, la comunit non pi in grado di tornare alla sua condizione di equilibrio e la sua struttura subisce modificazioni qualitative e quantitative. Il ruolo di indicatore attribuito allintera comunit (animale o vegetale) va quindi interpretato alla luce delle capacit insite a detta comunit di reagire alla situazione ambientale globale. Dallo studio delle modificazioni quali-quantitative nella struttura della comunit, si possono infatti trarre informazioni sufficientemente complete circa la qualit dellambiente. Il quadro di una data situazione ambientale il risultato delle interazioni di un gran numero di fattori altrimenti non rilevabili o difficilmente misurabili senza limpiego di un alto numero di mezzi, di un lungo lasso di tempo e con costi contenuti entro la finalit dellindagine18. Nellambito delle comunit zoobentoniche, quelle dei macroinvertebrati (organismi trattenuti da un setaccio di maglia di 1 mm) si sono rivelate, per varie ragioni, tra cui quelle di ordine pratico, le pi idonee in questo tipo dindagine. I gruppi sistematici (taxa) maggiormente rappresentati, sia come numero di specie che come numero di individui, nelle comunit bentoniche marine di acque costiere, sono (escludendo quelli coloniali) gli Anellidi Policheti, i Molluschi, i Crostacei Malacostraci (tra i quali soprattutto Anfipodi e Decapodi), gli Echinodermi. In particolare stato pi volte dimostrato come i Policheti, occupando nicchie alimentari notevolmente diversificate ed inserendosi quindi a differenti livelli trofici nelle comunit macrobentoniche, ne rappresentino "efficaci descrittori" sia in termini funzionali che strutturali. Anche i Molluschi rappresentano un "efficace descrittore" delle condizioni ecologiche globali di ecosistemi marini costieri19. Nellambito dei Crostacei, gli Anfipodi in particolare si sono rivelati una componente importante della fauna mobile in vari ambienti20. Diversi studi hanno evidenziato limportanza e lidoneit delle comunit bentoniche a definire limpatto che le attivit di maricoltura hanno sul sedimento e sugli organismi che vi vivono21.
5.3.4 Interventi di mitigazione ambientale

75 Cap. 5

Lutilizzo di tecnologie biologiche ed eco-compatibili per il trattamento degli ambienti in cui sono insediati gli allevamenti ittici sta rapidamente diffondendosi in tutto il mondo, sulla spinta di una nuova filosofia per luso razionale della risorsa rappresentata dal mare. Nelle piscicolture con impianti a terra, gli obiettivi sono finalizzati principalmente alla depurazione dellacqua utilizzata per lallevamento prima della restituzione di questultima al corpo idrico recettore; negli impianti off-shore, invece, lobiettivo primario degli interventi di mitigazione ambientale (bioremediation) mira alla riduzione dellimpatto ambientale prodotto nellarea utilizzata dallimpianto e in quella circostante22. Laccumulo di materia organica determina, sotto le gabbie, unalterazione delle strutture delle comunit bentoniche, con una modifica della biodiversit. Le comunit macrobentoniche, infatti, possono essere influenzate dai cambiamenti delle caratteristiche fisico-chimiche del sedimento. Questaccumulo nel sedimento pu provocare una riduzione nei livelli dossigeno con conseguente anossia. Larricchimento di materia organica dei fondali, in assenza di ossigeno, stimola la pro-

18 19

Stirn, 1981 Gambi et al., 1982 20 Scipione e Fresi, 1983 21 Karakassis et al., 2000; Messina et al., 2002; Pawar et al., 2002; Santulli, 2002; 2003; 2004; Santulli et al., 2003; 2004; Santulli, 2005; 2007 22 Santulli, 2007b

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

76 Cap. 5 Cap. 5

liferazione di batteri solfato riduttori anaerobici con relativa produzione di solfuri 23. Il sedimento risultante generalmente anossico e presenta delle caratteristiche geochimiche specifiche come valori di potenziale redox negativi e alti contenuti di solfuri, carbonio, azoto e fosforo. 24 In questi ultimi anni sono stati condotti numerosi studi che hanno dimostrato le potenzialit del bioremediation per il recupero degli ecosistemi impattati. Per bioremediation si intende il processo tecnologico che utilizza i sistemi biologici per il recupero ambientale, accelerando sostanzialmente la degradazione delle sostanze inquinanti. I problemi legati allarricchimento organico delle acque e dei sedimenti possono trovare una soluzione nel bioremediation. Infatti lo sviluppo delle biotecnologie ha permesso di ottenere delle comunit batteriche complesse che rilasciate in situ contribuiscono alla rimozione della materia organica, favorendo la mobilizzazione degli elementi (C, P, N) dalle aree di accumulo 25.
5.3.5 Effetto F.A.D.

Limpatto ambientale degli impianti di maricoltura off-shore sullecosistema marino costiero stato oggetto di numerosi studi e pubblicazioni scientifiche. Tuttavia gli impatti che questo tipo di strutture hanno sulle varie specie di pesci selvatici, in particolare su quelle che si aggregano nelle immediate vicinanze delle gabbie di allevamento, sono stati relativamente poco discussi e documentati. Allo scopo di integrare le conoscenze acquisite sullimpatto ambientale di un impianto di allevamento in gabbie galleggianti, si scelto di focalizzare lattenzione sulleffetto che le strutture dellimpianto e le attivit di allevamento hanno nei confronti degli stock ittici selvatici. noto infatti che gli impianti di maricoltura possono influenzare la presenza, labbondanza, la dieta e i tempi di residenza dei pesci in una data area. Qualsiasi oggetto capace di galleggiare, rilasciato in mare, diviene attrattore di una grande quantit di specie, sia bentoniche (fitobenthos, zoobenthos), che trovano un substrato utile dattacco, sia, soprattutto, pelagiche (pascolatori e predatori), garantendo loro rifugio dai rispettivi predatori e risorse alimentari26. Queste strutture sono note con lacronimo inglese FAD (fish aggregating devices) e il fenomeno che spinge i pesci ad aggregarsi attorno ai FAD conosciuto come tigmotropismo. Strutture di questo tipo sono state introdotte nei mari di tutto il globo con lintento di attrarre pesci per fini di cattura27. Ad esempio FAD derivanti sono alla base della pesca industriale del tonno negli oceani Atlantico, Pacifico e Indiano. In Italia FAD, conosciuti dalla piccola pesca artigianale siciliana come cannizzi (agglomerati di foglie di palma galleggianti ancorati al fondo, distanti dalla costa da 6 a 60 km), vengono utilizzati per attrarre le specie pelagiche che costituiscono lobiettivo della piccola traina e delle reti a circuizione. Gli impianti di allevamento in gabbie galleggianti costituiscono una forte attrattiva per diverse specie ittiche sia attraverso le strutture che costituiscono limpianto28, che a causa dellalimento

23 24

Holmer e Kristensen, 1992; Kristensen, 2000; Heijs et al., 2000 Brown et al., 1987; Gowen e Bradbury, 1987; Gowen et al., 1990; Holby e Hall, 1991; Foy e Rosell, 1991 a,b; Hall et al., 1990, 1992; Hargrave et al., 1993, 1997; Karakassis et al., 1998, 1999; Pearson e Black, 2001; Santulli, 2005; 2007b 25 Fabiano et al., 2003; Santulli, 2007b 26 Kojima, 1965; Fron e Misund, 1999 27 Gomes et al.,1997; Dempster et al., 2004 28 Dempester et al., 2002; Boyra et al., 2004

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q o Ac c qu ua ac c ol lt tu ur ra a

che non viene utilizzato dai pesci in gabbia 29 e della possibilit di predazione su organismi sessili che sfruttano le strutture dellimpianto come substrati colonizzabili. Leffetto combinato di questi fattori, insieme ad una possibile attrazione chimica da parte dei pesci allevati, pu influenzare in maniera significativa le specie selvatiche che si associano agli impianti di maricoltura. Le specie di pesci che caratterizzano la comunit intorno agli impianti galleggianti differiscono da quelle presenti intorno ai sistemi FAD artificiali e naturali. Sparidi come Boops boops e Oblada melanura sono particolarmente abbondanti intorno alle gabbie, ma praticamente assenti intorno ai FAD. I carangidi mostrano una particolare associazione con FAD. In Mediterraneo soltanto Trafoto 5.1: FAD fish aggregating devices churus sp. associato sia ai FAD, che agli impianti galleggianti. Banchi di giovanili di Trachurus sp. evitano la predazione sostando tra gli interstizi che le strutture galleggianti formano. La presenza di questi pesci intorno alle gabbie ha un effetto positivo sullimpatto complessivo dellattivit di allevamento sullambiente marino. Gli stock ittici selvatici insediati intorno alle gabbie degli impianti di maricoltura, alimentandosi dellalimento disperso che ragFonte: foto di Anna Maria Beltrano giunge il fondo, contribuiscono a ridurre gli effetti determinati dallaccumulo di materia organica nei fondali sottostanti limpianto. Le strutture galleggianti di un impianto di maricoltura, grazie al forte effetto attrattivo che hanno sui pesci e sulla loro permanenza per periodi di settimane o mesi e per via, inoltre, delle restrizioni sulla pesca che vengono applicate nelle zone circostanti limpianto, possono rappresentare delle piccole aree marine protette pelagiche (MPA). Lestensione delleffetto di protezione dipende dal comportamento di ogni singola specie, per cui le specie che sostano pi a lungo nelle immediate vicinanze delle strutture, chiaramente ricevono una maggiore protezione 30. Per altre specie, come Coryphaena hippurus, che risulta essere in frequente associazione con le strutture galleggianti, sebbene con intervalli di vicinanza diversi rispetto ad altre specie, lattrazione determinata dalla disponibilit di prede, rappresentate dalle specie che trovano rifugio intorno allimpianto. Gli impianti di maricoltura possono, quindi, avere risvolti socioeconomici sulle marinerie per lazione combinata di attrazione di pesci selvatici adulti e per la protezione dalla pesca. Lo sfruttamento delle risorse provenienti dallimpianto da parte degli stock selvatici e il conseguente accrescimento di questi ultimi sfociano in una maggiore efficienza riproduttiva, con ovvi risvolti positivi a vantaggio delle marinerie locali 31.

77 Cap. 5

29 30

Bjordal e Skar, 1992 Santulli, 2005; 2007b 31 Dempster et al., 2004

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

5.3.6
78 Cap. 5 Cap. 5

Impatto dellallevamento di Tonno rosso (Thunnus thynnus) in Sicilia

Con lintroduzione dellallevamento del tonno rosso mediterraneo, nella percezione comune si sviluppata lequazione pesce grande = inquinamento grande. Ed proprio questa equazione errata il punto di partenza delle discussioni su questo argomento. I risultati ottenuti da programmi di monitoraggio dimpatto dellallevamento del tonno effettuati in Italia 32, in altri paesi del Mediterraneo33, e nel Pacifico34, consentono di affermare che lattivit di allevamento del tonno determina un impatto sullambiente limitato nello spazio allarea sottostante le gabbie e immediatamente circostante. Inoltre, il ciclo di allevamento, che si protrae per soli 5 mesi lanno (da giugno a dicembre), consente un recupero delle condizioni ambientali preesistenti nel periodo (dicembre/gennaio) in cui le gabbie restano vuote35. A conferma dei risultati raccolti sul campo, dalla misura del particolato organico che viene prodotto da esemplari di tonno rosso in allevamento, si dimostrato che tale flusso minore e qualitativamente differente rispetto a quello prodotto da altre specie ittiche allevate. Nella tab. 5.5 vengono riportati i valori di rilascio di particolato di azoto e fosforo misurati per il tonno rispetto a quelli misurati per la spigola 36. Le differenze osservate tra le due specie sono ascritte alla diversa consistenza delle feci, che nei tonni sono colloidali e pi solubili rispetto a quelle di altre specie di pesce37 e al fatto che nel protocollo di allevamento del tonno rosso la perdita di alimento nellambiente quasi totalmente inesistente38.
tab. 5.5: Produzione in mg di azoto (N) e fosforo (P) particolato da parte di esemplari di tonno rosso e spigole allevati in gabbie galleggianti.
Descrizione u.m. Tonno Spigola mg x kg pesce/giorno 5,8 68,7 Azoto (N) mg x kg pesce/giorno 9,2 16,0 Fosforo (P) Fonti: per il tonno rosso Vita et al., 2004 e per le spigole Lemari et al., 1998

Durante lalimentazione, infatti, un operatore subacqueo sorveglia le fasi di alimentazione per sospendere la distribuzione non appena i tonni smettono di alimentarsi. Alla fine della distribuzione, operatori subacquei provvedono al recupero dei pesci non consumati accumulati sul fondo delle gabbie39. Come accennato precedentemente, larea siciliana rappresenta circa il 20% del volume dallevamento nazionale di specie eurialine. Le caratteristiche climatiche e la morfologia delle coste siciliane, hanno determinato lo sviluppo di unattivit di allevamento in gabbie galleggianti, con tipologie molto varie, da quelle a basso costo a gabbie galleggianti sommergibili a pi elevato contenuto tecnologico (CEOM, 2002). Allo scopo di garantire lo sviluppo sostenibile dellattivit, lAssessorato Reg.le Territorio ed Ambiente ha, inoltre, individuato i punti di forza di questa realt produttiva della regione e i punti

32

Messina et al., 2002; Mirto, 2003; Reale, 2003; Ottolenghi et al., 2004; Santulli, 2002; 2003; 2004; 2005; 2007b; Santulli et al., 2003; 2004; Fernandes et al., 2007; Vita e Marin, 2007 33 Belmonte et al., 2000; Belmonte et al., 2001; Belmonte, 2002; Marn et al., 2002; Vita et al., 2004; Aguado e Garcia, 2005; Vita e Marin, 2007 34 Cheshire et al., 1996a; 1996b 35 Messina et al., 2002; Santulli, 2002; 2003; 2004; 2005; 2007b; Santulli et al., 2003; 2004 36 Lemari et al., 1998 37 Vita et al., 2004 38 Santulli, 2007; Belmonte 2002; 2003 39 Belmonte 2002; 2003; Messina et al., 2002; Santulli, 2002; 2003; 2004; 2005; 2007b; Santulli et al., 2003; 2004

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q o Ac c qu ua ac c ol lt tu ur ra a

di debolezza, che possono essere superati. Una corretta politica regionale di gestione della fascia costiera e delle sue risorse non pu prescindere da un intervento dellAmministrazione Reg.le nel controllo delleffetto di questattivit sullambiente marino. Per tale motivo, la Regione ha gi individuato le linee guida che indirizzino gli allevatori verso una corretta politica di monitoraggio e gestione degli impianti. I risultati raccolti in questi ultimi anni40 consentono di descrivere in maniera dettagliata il rilascio di materia organica dagli impianti di allevamento di tonno. Tali risultati potranno essere determinanti per definire le linee guida per lallevamento del tonno, che, come dimostrato, presenta notevoli peculiarit rispetto allallevamento delle specie tradizionali. Va, tuttavia, sottolineato, che a nostro avviso, gli sforzi economici, degli Enti finanziatori e scientifici, degli Enti di ricerca, dovrebbero essere rivolti verso la definizione di interventi di mitigazione ambientale, che come dimostrato41, possono contribuire a limitare limpatto di questo tipo di attivit sullambiente marino.

79 Cap. 5

5.4

Tendenze

Sulla base dei dati pubblicati dallISMEA (2007), nel 2005 oltre la met dei consumi delle famiglie (circa 218 mila tonnellate) ha riguardato i prodotti ittici freschi e decongelati naturali sfusi, continuando a indicare un trend positivo di circa il 3% annuo. Laumento della domanda ha interessato per circa il 10% soprattutto il pesce dacqua dolce (trote, anguille, i salmoni, gli storioni), mentre stabili sono risultati gli acquisti di pesce di mare (+0,2% in volume). Nel 2006, per, a fronte di una flessione dei consumi di prodotti ittici dello 0,9%, quelli di prodotti freschi e decongelati naturali sfusi hanno fatto segnare un calo di circa il 3%, con la sola eccezione del pesce di mare (+0,5%). Riguardo i canali di vendita, nel 2006, delle 161 mila tonnellate circa di prodotti ittici freschi e decongelati sfusi naturali acquistati dalle famiglie, circa la met stato venduto dai banchi del fresco di ipermercati e supermercati, un terzo dalle pescherie (con una flessione delle vendite in volume del 7% rispetto allo stesso periodo del 2005) e il 14% dagli ambulanti/mercati rionali (con un incremento dell1%). Confrontando le quote di mercato in volume detenute nel 2000 e nel 2005 da questi tre canali per i quattro raggruppamenti del fresco e decongelato naturale sfuso pesce di mare, pesce dacqua dolce, molluschi e crostacei si rileva che le pescherie hanno perso il primato nella vendita dei pesci di mare, dei molluschi e dei crostacei alle famiglie (nel 2000 le pescherie detenevano oltre il 50% del mercato domestico per i molluschi e per i crostacei e il 45% circa per i pesci di mare) e che, contemporaneamente, si avuto un forte rafforzamento della quota di mercato di ipermercati e supermercati nella vendita del pesce dacqua dolce (da 59% a 70%). Nel 2006 ipermercati e supermercati hanno ulteriormente rafforzato la loro posizione nella vendita del pesce di mare e di quello dacqua dolce (rispettivamente con una quota di mercato detenuta del 45 e del 70%). Sensibile incidenza hanno avuto sulle vendite alcuni prodotti prevalentemente allevati, quali orate, spigole, trote, trote salmonate, salmoni, mitili e vongole, che sono risultati nei primi venti posti dei prodotti freschi e decongelati pi venduti da ipermercati e supermercati con il 44% delle vendite in volume. Per le pescherie lincidenza stata pari al 30% mentre per gli ambulan-

40 41

Messina et al., 2002; Santulli, 2002; 2003; 2004; 2005; 2007b; Santulli et al., 2003; 2004 Santulli, 2007b

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

80 Cap. 5 Cap. 5

ti/mercati rionali stata pari al 25%, indicando una preferenza per gli ipermercati e supermercati per la certezza nelle consegne e dellomogeneit nellaspetto e nelle pezzature. Levoluzione degli acquisti di prodotti ittici freschi negli ultimi anni va inquadrata in un cambiamento che ha coinvolto sia lo stile di vita e di consumo delle famiglie italiane - sempre pi attente non solo alla qualit e alla sicurezza degli alimenti consumati, ma anche alla ridotta disponibilit di tempo da dedicare agli acquisti - e, sia il sistema distributivo moderno. Infatti, la spesa delle famiglie ormai sempre pi concentrata in uno o due giorni alla settimana e la crescente presenza nei punti di vendita della distribuzione moderna dei reparti dei prodotti freschi (servizio pescheria assistito da personale), ha favorito lacquisto di questi prodotti nellambito della normale spesa del grocery confezionato, grazie anche alla fidelizzazione alla marca di vendita. In questo contesto trovano spazio gli accordi di filiera che sempre pi allevatori ittici e distributori stanno sviluppando per offrire al consumatore prodotti non solo allevati (come trote bianche, spigole e orate), ma in qualche caso anche certificati e rintracciabili (ISMEA, 2007).

5.5

Impatto sulla salute della popolazione

La richiesta di grandi quantitativi, costanti nel tempo, portata avanti soprattutto dalla Distribuzione Organizzata, almeno per quanto concerne le produzioni ittiche mediterranee, sembra attualmente esauribile solo attraverso lacquacoltura. Per lo sviluppo di questo settore sembra oggi sempre pi improcrastinabile laggancio a rami di mercato nuovi come quello dei prodotti pronti alluso o condizionati a regime di freddo in grado di consentire, superando il problema della deperibilit del prodotto, il raggiungimento di tutti i mercati. Infatti, la produzione locale del tradizionale refrigerato pare soffrire ancora troppo del problema dei trasporti. Il prevalere della vendita attraverso la grossa distribuzione ha indotto, inoltre, una trasformazione nel rapporto tra consumatore e fornitore di prodotto, venendo a mancare, infatti, il conforto operato fino a questo momento dallimmagine del negoziante di fiducia, stato necessario sviluppare norme il pi possibile omogenee allinterno del mercato in grado di salvaguardare il consumatore da frodi di natura igienico-sanitaria e/o qualitativa. Allo scopo di fornire la credibilit e laffidabilit richiesti per gli aspetti igienico-sanitari, si cercato, pertanto, di uniformare a livello normativo e legislativo, quanto previsto dai diversi paesi che compongono UE, individuando una linea comune anche per i prodotti di provenienza extracomunitaria sempre pi numerosi sui nostri mercati. Tali interventi sono stati indirizzati, tanto a livello orizzontale, utilizzando come riferimento criteri validi ed applicabili a qualunque tipo di alimento, che in modo specifico per i diversi tipi di prodotto. Per quanto attiene i prodotti ittici le norme di riferimento per gli operatori sono ad oggi: il Reg. 853/2004 che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale, allinterno del quale la Sez. VII si riferisce nello specifico ai prodotti della pesca, il Reg. 852/2004 (entrato in vigore il 1/01/2006 in sostituzione del precedente D. Lvo 155/97), il Reg. 882/2004 relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la conformit alla normativa in materia di mangimi e di alimenti alle norme sulla salute e sul benessere degli animali ed il Reg. 2076/2005 che fissa le disposizioni transitorie per lattuazione dei Reg.(CE) 853-854-882/2004 e che modifica i regolamenti n. 853-854(CE)/2004. In base al Reg. 852/2004 il processo primario (e tra queste ai sensi del Reg. 178/2002 dobbiamo considerare tanto lattivit di allevamento che quella di pesca) rientra a pieno titolo tra le parti della filiera produttiva che deve essere preso in considerazione nellanalisi del rischio e nellapplicazione di azioni preventive atte a ridurre il pericolo. Il Regolamento, infatti, non pone obbligo di applicare il sistema per i processi primari, ma obbliga ad adottare procedure ed effettuare registrazioni per garantire la sicurezza degli alimenti. Tali procedure basate sui principi del sistema HACCP, unitamente allapplicazione di una corretta prassi igienica, dovrebbero accrescere la responsabilit degli operatori del settore alimentare (art.1). Gli operatori possono riferirsi ai manuali di corretta prassi, prezioso strumento di aiuto allosservanza delle norme digiene a tutti i livelli della catena alimentare e nellapplicazione dei principi del sistema HACCP (punto e). Tali documenti devono contenere informazioni adeguate alla gestione dei pericoli (All. I parte B del
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q o Ac c qu ua ac c ol lt tu ur ra a

Reg. 852/04), che possono insorgere fin dalla produzione primaria fornendo gli strumenti minimi che consentono allazienda di operare con misure preventive una riduzione del rischio associata alle diverse fasi del ciclo produttivo. Prendendo spunto dalle considerazioni di cui sopra interviene uno dei documenti elaborati nello scorso dicembre dalla DG SANCO (Direzione Generale della salute e della tutela del consumatore, 2005), una sorta di linea guida orientativa alladozione delle procedure atte a garantire la sicurezza alimentare42. Il documento della DG SANCO definisce prescrizioni di igiene alimentare di base quelle procedure e requisiti che costituiscono comunque la base necessaria per una corretta applicazione del sistema HACCP: procedure e requisiti che corrispondono a quelli in passato da alcuni denominati come prerequisiti(infrastrutture ed attrezzature; materie prime; manipolazione sicura degli alimenti; trattamento dei rifiuti alimentari; procedure di lotta contro gli animali infestanti; procedure sanitarie; qualit dellacqua; mantenimento di una catena fredda; salute del personale; igiene personale; formazione del personale. Allallegato I del Reg. 852/2004 previsto che gli operatori che effettuano la produzione primaria: 1) rispettino i requisiti di igiene dei prodotti di origine animale; 2) osservino la corretta tenuta delle registrazioni dei prodotti indicati. Il Reg. prevede una certa flessibilit nellapplicazione dello stesso, proprio per consentire una maggiore diffusione (nei termini di unapplicazione pi diffusa dei principi) (art. 15). In tale passaggio viene riconosciuto che in alcune imprese non possibile identificare punti critici di controllo e che talvolta le corrette prassi igieniche sono in grado di sostituire la sorveglianza dei CCP. Si rimanda quindi allallegato I Parte A (cap. II Requisiti in materia di igiene) per le indicazioni che possono interessare gli allevamenti ittici. Inoltre, viene affermato che i limiti critici non devono necessariamente essere limiti numerici e che una certa flessibilit deve essere applicata anche relativamente al requisito della conservazione di documenti per un periodo congruo rispetto al tipo di attivit (considerabile non inferiore comunque ai 12 mesi). Tra le registrazioni richieste rientrano quelle necessarie a garantire la rintracciabilit del prodotto (ai sensi del Reg. 178/2002), che devono essere custodite per almeno 90 giorni (Accordo 28/7/2005 della conferenza Stato Regioni riportanteLinee guida ai fini della rintracciabilit degli alimenti e mangimi per fini di sanit pubblica). Lattivit di registrazione risulta ancora pi importante alla luce di quanto previsto dal Reg. 882/2004 per gli aspetti legati al controllo ufficiale. In base allart. 18 del Reg. 178/2002, gli operatori del settore alimentare devono predisporre delle procedure che garantiscano la possibilit di conoscere in qualunque momento chi ha fornito il prodotto e a chi stato fornito il prodotto (con la sola esclusione del consumatore finale). Nel caso dei pescatori ci significa che essi devono essere in grado di individuare da dove viene il loro prodotto (in quale area di pesca stato pescato) e a chi stato venduto. Tale legge ribadisce la responsabilit delloperatore del settore alimentare riguardo gli eventuali rischi alimentari connessi al mancato ritiro o alle procedure di allerta ricollegandosi a quanto

81 Cap. 5

42

Tra i diversi documenti prodotti occorre menzionare: Progetto di guida allapplicazione delle procedure basate sui principi del sistema HACCP e alla semplificazione dellattuazione dei principi del sistema HACCP in talune imprese alimentari, DG SANCO/1955/2005, Rev. 3 (PLSPV/2005/1955/1955R3-EN.doc) .Documento di orientamento sullapplicazione di talune disposizioni del regolamento CEE n. 852/2004 sulligiene dei prodotti alimentari, DG SANCO, 21 dicembre 2005. Guida allattuazione di alcune disposizioni del Regolamento CE n. 8 53/2004 in materia digiene degli alimenti di origine animale, DG SANCO, 21 dicembre 2005 .

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

82 Cap. 5 Cap. 5

gi in parte previsto dalla normativa in atto riguardo letichettatura del prodotto ittico (vedi Regg. 2406/96, 104/2000 e 2065/2001 e successive nota 21229 del MIPAF 21/12/2001 e Dec. MIPAF 27/5/2002). Lapplicazione delle norme sulletichettatura ha in buona parte costretto gli operatori della filiera ittica ad apportare diversi cambiamenti nelle proprie modalit operative costringendo gli operatori a fornire il prodotto in fase di vendita di unetichetta contenente: nome comune o commerciale della specie ed eventuale nome scientifico metodo di produzione (indicando se allevato, pescato o pescato in acque dolci) origine (nome dellallevamento o zona di pesca FAO per i prodotti pescati in mare, per i prodotti pescati in acque dolci la menzione del paese dorigine, per i prodotti allevati deve essere indicato il paese in cui avvenuta la fase finale dell allevamento). Se per la parte che concerne gli allevamenti come acquirenti di materia prima (gli avannotti) tali procedure erano gi abbondantemente in uso come sistema di garanzia nei confronti degli eventuali fornitori, lintroduzione di tale norma per la vendita del prodotto finito ha in un primo momento determinato qualche resistenza da parte degli allevatori, che vedevano nel prodotto selvatico un competitore e nellobbligatoriet unulteriore forma di vessazione che si aggiungeva a quelle gi imposte da un mercato sempre pi competitivo in termini di prezzo. La battaglia condotta dagli allevatori stata indirizzata tutta al recupero dellimmagine del prodotto allevato per gli aspetti inerenti la salubrit dello stesso e la qualit oltre che organolettiche soprattutto di quelle legate alle caratteristiche nutrizionali che si richiama agli aspetti connessi all ambiente in modo sempre pi prepotente soprattutto per i prodotti ottenuti con allevamenti in off-shore. Per gli aspetti igienico-sanitari indicazioni specifiche per il settore della pesca, sono contenute nel Reg. 853/2004 che riprende quanto gi previsto dalla Dir 91/493/CE (D. Lvo 531/92) semplificando alcuni passaggi del testo di legge ed allargando lapplicazione di alcuni principi prima previsti solo per le navi officina, a tutte le tipologie di imbarcazione. Nella sezione VIII dellAllegato III vengono definiti: i requisiti strutturali che devono essere applicati dai vari tipi di imbarcazione ed i requisiti applicabili in materia di igiene (CAP I), i requisiti applicabili durante e dopo le operazioni di sbarco (CAP. II), i requisiti applicabili agli stabilimenti, incluse le navi, per la lavorazione dei prodotti della pesca (CAP III), i requisiti per i prodotti della pesca trasformati ( CAP IV), le norme sanitarie per i prodotti della pesca (CAP V), il confezionamento ed limballaggio dei prodotti della pesca (CAP VI) le modalit di conservazione (CAP VII) le modalit di trasporto (CAP VIII). In particolare per quanto concerne le norme sanitarie, viene ribadita la responsabilit degli operatori delle pesca i quali oltre a garantire la conformit ai requisiti microbiologici adottati ai sensi del regolamento (CE) n. 853/2004, devono garantire il soddisfacimento dei successivi requisiti relativi alle Caratteristiche Organolettiche dei Prodotti della Pesca, al contenuto di Istamina e Azoto Volatile Totale alla presenza di Parassiti e per ultimo, il contenuto di Tossine Nocive per la Salute Umana. Questultimo caso non riguarda i prodotti ittici allevati dal momento che si riferisce a specie non allevate. Inoltre, al fine di garantire un elevato livello di protezione della salute sono stati fissati con lemissione del Reg. 2073/2005 i criteri microbiologici per alcuni organismi e le relative norme attuative, abrogando la Decisione 93/51/CEE. Per quanto attiene le caratteristiche organolettiche, queste, come noto dipendono, tanto dalle modalit di allevamento utilizzate (impianti a terra, in off-shore o in salina) quanto dalle modalit con cui gli animali vengono manipolati nelle fasi immediatamente successive alla pesca, oltre che dal tempo intercorso tra la cattura ed il consumo. A tutela del consumatore interviene il Reg. 2046/96/CE, modificato dai successivi Reg. 323/97/CE e dal Reg. 2578/2000/CE, che stabilisce le modalit con cui procedere allattribuzione delle categorie di freschezza dei prodotti ittici. Il vuoto promozionale rilevato a livello territoriale per le referenze ittiche provenienti dallattivit di pesca e da quella di maricoltura Siciliane e che riguarda quindi anche la riconosciR n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q o Ac c qu ua ac c ol lt tu ur ra a

bilit e caratterizzazione delle referenze stesse, stato in parte colmato negli ultimi anni dalle attivit promosse a livello territoriale da numerosi Comuni e Province nellambito delle iniziative finanziate nellambito del POR Sicilia, Misura 4.17 sottomisura a) Promozione, che hanno sicuramente contribuito seppure talvolta con qualche ridondanza alla promozione dei prodotti ittici siciliani, sia in ambito locale che nazionale e internazionale.

83 Cap. 5

5.6

Proposte e politiche di mitigazione

Nellultimo decennio, con lo sviluppo della maricoltura europea si sono parallelamente sempre pi evidenziati i conflitti con gli altri fruitori dellambiente marino, sia per gli spazi utilizzati (pescatori) che altre attivit (prime tra tutti, il turismo e diportismo). Le pressioni esercitate dai gruppi ambientalisti porteranno a breve listituzione di regole per il monitoraggio degli effluenti prodotti dagli impianti di acquacoltura, mentre alcune Agenzie Governative Internazionali (US EPA, SEPA, CFIA) hanno gi provveduto a tracciare le linee guida che regolano questa attivit, allo stesso tempo, varie Associazioni di Produttori, Agenzie Governative, Organizzazioni di sviluppo internazionali, organizzazioni ambientaliste non governative (FAO, UE, API, Fundacion Chile, SEACAM, GESAMP, FAO, etc.), hanno formulato Codici di condotta per lacquacoltura e Linee Guida, che delineano le corrette modalit di gestione di questa attivit, in armonia con gli attuali orientamenti di sostenibilit ambientale. Limpiego di queste Linee Guida , di norma, volontaria e prevede lapplicazione di una serie di pratiche per prevenire impatti ambientali denominate buone pratiche di gestione (GMP) o migliori pratiche di gestione (BM P). In linea di massima, tutte le indicazioni concordano sullobiettivo di minimizzare gli effetti dellimpatto, sia per preservare lambiente, ma anche per garantire la qualit del prodotto allevato stesso. necessario, quindi, prima di autorizzare qualsiasi attivit di allevamento, verificare e studiare la capacit portante ambientale nei siti individuati lungo la fascia costiera, e istituire regolamenti relativi al monitoraggio da applicare in fase pre e post-realizzazione, per armonizzare le pratiche colturali con la stabilit ambientale locale (APAT, 2004). Alcune indicazioni generali43, per garantire la sostenibilit ambientale dellacquacoltura in gabbie galleggianti, potrebbero essere le seguenti: lattivit deve essere localizzata; gli effetti devono essere circoscritti; limpatto negativo non deve essere significativo; limpatto deve essere reversibile; limpatto deve essere misurabile. Sempre pi utilizzato, infine, dalle aziende che praticano lallevamento lo strumento gestionale offerto dalle applicazione della norma ISO 14001 (Sistemi di Gestione Ambientale - SGA). Tale norma non ha lo scopo di valutare lImpatto Ambientale di una attivit produttiva, ma di individuare quei processi e quegli aspetti che sono sotto controllo dellazienda e per i quali esiste un margine di miglioramento quantificabile e raggiungibile in un dato margine di tempo. Gli obiettivi di un SGA relativi ad un impianto di allevamento si possono cos riassumere: identificare e quantificare gli Aspetti Ambientali (elemento di unattivit, prodotto o servizio di una organizzazione che pu interagire con lambiente) che da una analisi sui dati disponibili risultano i pi significativi;

43

Pearce, 2001, Santulli, 2005; 2007b

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

84 Cap. 5 Cap. 5

identificare i margini di miglioramento esistenti per ciascun Aspetto; individuare i mezzi tecnologici e gestionali di cui dispone lazienda per migliorare laspetto; identificare gli Obiettivi di miglioramento che si pu porre lAzienda per ciascun Aspetto e i relativi Indicatori quantificabili con i quali monitorare nel tempo detto miglioramento. La definizione di un documento di riferimento regionale, basato ad esempio, sulla identificazione delle aree idonee alle attivit di allevamento, sulle regole da rispettare e i criteri da adottare per assicurare la sostenibilit dellambiente nel quale incidono gli impianti e sulla valutazione della capacit portante, sarebbe sicuramente di ausilio sia per il controllo dellattivit da parte degli Enti preposti che degli operatori e degli imprenditori che vogliono investire nel settore. Va sottolineato, infine, la necessit di mettere a punto metodologie e tecniche che consentano agli impianti in attivit di mitigare e limitare spazialmente l impatto da essi eventualmente prodotto.

Bibliografia essenziale di riferimento


Progetto Potenziamento e sviluppo articolato delle linee guida per la valutazione degli effetti sullambiente dellacquacoltura in gabbie galleggianti: impatto ambientale di impianti di allevamento in gabbie galleggianti nel Golfo di Castellammare, finanziato in ambito POR Sicilia 2000-2006 (a cura del Cons. Universitario di Trapani).AEA (Agenzia Europea dellAmbiente), 2000. Stato e pressioni sullambiente marino e costiero del Mediterraneo. Copenhagen, pp. 44. Balsamo M. e Todaro M.A., 1995. La meiofauna: una risorsa per lacquacoltura ed uno strumento per il controllo ambientale. Agribusiness Management & Ambiente, 2: 28-42. Belmonte A., Ruiz J.M., Uriarte A. and Gimnez F., 2001. Methodological approach to the study and the follow-up of an environmental impact study (EIS) of aquaculture in the open sea. In Environmental impact assessment of Medite rranean aquaculture farms. (Uriarte A. e Basurco B., Eds.). Cahiers Options Medit., 55: 91-100. Belmonte A., 2002. Environmental impact produced by the farming of red tuna fish. In: Domestication of Thunnus thynnus, the bluefin tuna (DOTT). Strategies for European Development in the Context of a Global Market. Cartagena, Spagna, 3-8 febbraio 2002. Belmonte A. 2003. Valutazione di impatto ambientale dell allevamento di tonno rosso mediterraneo lesperienza spagnola. Tonno rosso mediterraneo: gestione della risorsa e allevamento. Castellammare del Golfo, 25/10/2003. Black K.D. (Ed), 2001. Environmental impacts of aquaculture. Academic Press Sheffield, U.K., pp. 214. Black K. D. and Neil MacDougall N., 2002. Hydrography of four Mediterranean marine cage sites. J. Appl. Ichthyol. 18; 129133. CEOM, 2002. Studio di impatto ambientale nei nodi operativi di allevamento off-shore in Sicilia di Castellammare del Golfo (TP), Porto Palo di Menfi (AG) e Capo dOrlando (ME). Proposta di Protocollo di Studio di Impatto Ambientale. Relazione finale del Progetto: Sviluppo e sperimentazione di tecniche e tecnologie di maricoltura off -shore, condotto dal CEOM su incarico del Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia SCpA su finanziamento del (MIUR). Danovaro R., Gambi C., Mirto S., Sandulli R. e Seccherelli V.U., 2003. Meiofauna. In: Gambi, M. C., Dappiano, M., (eds), Manuale di metodologie di campionamento e studio del benthos marino mediterraneo. Biol. Mar. Medit., 10 (suppl.): 61-108. Gallizia I., Pezzulli L. e Fabiano M., 2005. Evaluation of different bioremediation protocols to enhance decomposition of organic polymers in harbour sediments. Biodegradation, 16: 569-579. ISMEA, 2007. Il mercato dei prodotti ittici freschi in Italia. Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio. Studi di Settore. Karakassis I., 2001. Ecological effects of fish farming in the Mediterranean. In: Environmental impact assessment of Med iterranean aquaculture farms (Uriarte A. and Basurco B., eds.), Cahiers Options Mditerranennes, 55: 15-22. La Rosa T., Mirto S., Favaloro E., Savona B., Sar G., Danovaro R. e Mazzola A., 2001a. Impact on the water column biogeochemistry of a Mediterranean mussel and fish farm. Water Research, 36 (3): 713-721. La Rosa T., Mirto S., Mazzola A. e Danovaro R. 2001b. Differential response of benthic microbes and meiofauna to fishfarm disturbance in coastal sediments. Environmental Pollution, 112: 427-434. La Rosa T.; Mirto, S.; Marino, A.; Alonzo, V.; Maugeri, T.L.; Mazzola, A., 2001c. Heterotrophic bacteria community and pollution indicators of mussel farm impact in the Gulf of Gaeta (Tyrrhenian Sea). Mar. Environm. Res., 52 (4): 301-321 Mazzola A., Favaloro E. and Sar G., 2000a. Cultivation of the Mediterranean amberjack, Seriola dumerili (Risso, 1810), in submerged cages in the Western Mediterranean Sea. Aquaculture 181: 257-268. Mazzola A.; Mirto, S.; La Rosa, T.; Fabiano, M.; Danovaro, R., 2000b. Fish-farming effects on benthic community structure in coastal sediments: analysis of meiofaunal recovery. ICES J. Mar. Sc., 57 (5): 1454-1461.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q o Ac c qu ua ac c ol lt tu ur ra a
Messina C.M., Bertolino F., Lombardo S., E., La Barbera L., Porrello S., Santulli A., 2002. Nutrition, quality and environmental impact of mediterranean blue fin tuna (Thunnus thynnus) farmed in Castellammare del Golfo, Western Sicily (Italy). International conference Seafarming - Today and Tomorrow October 16-19, 2002 Trieste, Italy Mirto S., 2003. Valutazione di impatto ambientale dellallevamento di tonno rosso mediterraneo di Pozzallo (Siracusa). Tonno rosso mediterraneo: gestione della risorsa e allevamento. Castellammare del Golfo, 25/10/2003. Mirto S., Fabiano M., Danovaro R., Manganaro A. e Mazzola A., 1999a. Use of meiofauna for detecting fish farming disturbance in coastal sediments: preliminary results. Biologia Marina Mediterranea, 6 : 331-334. Mirto S., La Rosa T., Danovaro R. e Mazzola A., 2000. Microbial and meiofaunal response to intensive mussel-farm biodeposition in coastal sediments of the Western Mediterranean. Marine Pollution Bulletin, 40 (3): 244-252. Mirto S., La Rosa T., Gambi C., Danovaro R. e Mazzola A., 2002. Nematode community response to fish-farm impact in the Western Mediterranean. Environmental Pollution, 116 (2): 203-214. Persia E., Bianchi J., Gennaro P., La Valle P., Mercatali I., Tomassetti P. e Porrello S., 2004. Applicazione di un metodo rapido per la determinazione dello stato di arricchimento di un sedimento marino in un area in cui presente un impianto di maricoltura. Biol. Mar. Medit. 11 (2): 393-396. Porrello S., Tomassetti P., Manzueto L., Finoia M.G., Persia E., Mercatali I. e Stipa P., 2005. The influence of marine cages on the sediment chemistry in the Western Mediterranean Sea. Aquaculture, 249: 145-158. Santulli A., 2002. Monitoraggio dellimpatto ambientale dellimpianto di allevamento di tonno rosso del Golfo di Castellammare, Campagna 2001. Consorzio Universitario, Trapani, pp. 76. Santulli A., 2003. Monitoraggio dellimpatto ambientale dellimpianto di allevamento di tonno rosso del Golfo di Castellammare, Campagna 2002. Consorzio Universitario, Trapani, pp. 116 Santulli A., 2004. Definizione ed applicazione di una metodologia per il controllo dell impatto ambientale di un allevamento in gabbie galleggianti di tonno rosso. Consorzio Universitario, Trapani, pp. 108. Santulli A., 2005. Monitoraggio di un impianto industriale per lallevamento del tonno rosso (Thunnus thynnus): accrescimento, qualit della dieta, qualit del prodotto e impatto ambientale Min. Politiche Agricole e Forestali, VI Piano triennale della pesca e dellacquacoltura in acque marine e salmastre. Pp. 119. Santulli A. 2007a. Relazione Finale: Acquacoltura in salina: promozione protezione e valor izzazione: definizione ed applicazione di una metodologia a impatto ridotto per l allevamento semi intensivo in saline ricadenti all interno di riserva naturale. POR Sicilia 2006. Misura 4.17 b, n 1999.IT.16.1.PO.011/4.17b/8.3.7./0063. Consorzio Universi tario Trapani, pp 326. Santulli A. 2007b. Relazione Finale: Potenziamento e sviluppo articolato delle linee guida per la valutazione degli effetti sullambiente dellacquacoltura in gabbie galleggianti: impatto ambientale di un impianti di allevamento in gabbie galleggianti nel Golfo di Castellammare PO.R. Sicilia 2000 -2006 Misura 4.17 b, Codice progetto N1999.IT.16.1.PO.011/4.17B/8.3.7./0064, Consorzio Universitario Trapani, pp 322. Santulli A., Bertolino F., Asaro E., Lombardo S., Modica A., Porrello S., Mistretta G., Arena R., Messina C.M., 2004 Impatto ambientale di un allevamento commerciale di tonno rosso mediterraneo (Thunnus thynnus) ubicato nel Golfo di Castellammare (Trapani): risultati preliminari. Biol. Mar. Medit., 10(2): 477-481. Santulli A., Porrello S., Tomassetti P., Lombardo S., Asaro E., Modica A., Scilipoti D., Mistretta G. e Messina C.M., 2003. Two year monitoring of the environmental impact of a Mediterranean blue fin tuna (Thunnus thynnus) farm in Castellammare del Golfo, Western Sicily (Italy). Aquaculture Europe 2003, August 9-12, 2003 Trondheim, Norway. Sar, G.; Scilipoti, D.; Mazzola, A.; Modica, A., 2004. Effects of fish farming waste to sedimentary and particulate organic matter in a southern Mediterranean area (Gulf of Castellammare, Sicily): a multiple stable isotope study (13C and 15N). Aquaculture, 234: 199-213 Scipione M.B., Fresi E. (1983-84) - Distribution of Amphipod Crustaceans in Posidonia oceanica (L.) Delile Foliar Stratus. International Workshop on Posidonia oceanica Beds, Boudouresque C. F., Jeudy de Grissac A. e Olivier J. edit., GIS Posidonie pubbl., France, 1: 319-329. Vita R., Marn A., Jimnez-Brinquis, B. Cesar A., Marn-Guirao e Borredat M., 2004. Aquaculture of Bluefin tuna in the Mediterranean: evaluation of organic particulate wastes. Aquaculture Res., 1,4:1-4.

85 Cap. 5

Glossario
US EPA: United States Environmental Protection Agency SEPA: Scottish Environmental Protection Agency CFIA: Canadian Food Inspection Agency API: Associazione Piscicoltori Italiani GESAMP: Joint Group of Experts on the Scientific Aspects of Marine Environmental Protection SEACAM: Secretariat for Eastern African Coastal Area Management FAO: Food and Agriculture Organization

2 7 20 00 0 7

Attivit Industriali ed energia

Federico Nucita, TFA MATTM Emilio Scilipoti, TFA MATTM Domenico Galvano1, TFA MATTM

Ringraziamenti: Dott. Geol. Salvo Maugeri - D.T.A., Servizio 2 VIA-VAS Dott.ssa Geol. Cristina Aiello - D.T.A., Servizio 2 VIA-VAS

Attivit Industriali ed energia

Sono da attribuire al dott. Galvano le parti relative alle Attivit estrattive.

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

88 Cap. 6 Cap. 6

6. A At tt ti iv vi it t I In nd du us st tr ri ia al li ie ed de en ne er rg gi ia a

6.1

Caratteristiche strutturali

Le principali interazioni tra le attivit industriali e lambiente evidenziate allinterno delle precedenti relazioni sullo stato dellambiente in Sicilia, trovano una sostanziale conferma nei dati registrati nella presente stesura. Il tratto essenziale rimane la sproporzione che esiste, da un lato, tra il peso limitato dellindustria nella produzione di ricchezza e dal punto di vista occupazionale e, dallaltro, le notevoli pressioni esercitate sullambiente. A titolo meramente esemplificativo e per rappresentare sotto il profilo quantitativo tale caratteristica, basti pensare al fatto che lindustria di raffinazione siciliana fornisce circa il 40% degli idrocarburi utilizzati in Italia. Questo capitolo inizia con una panoramica dedicata al settore industriale nel suo complesso, cui segue un approfondimento incentrato sullindustria energetica che, per dimensioni e impatti sullambiente, rappresenta sicuramente il settore pi rilevante. Gli impianti di maggiori dimensioni del sistema industriale siciliano sono situati nelle province di Siracusa, Caltanissetta, Palermo e Messina ed operano nei settori dellenergia e nel settore petrolchimico. Le restanti attivit industriali presenti nel territorio siciliano sono principalmente industrie manifatturiere (con una netta preponderanza del settore agroalimentare) ed industrie del settore delle costruzioni. Il numero delle imprese attive non presenta variazioni di rilievo rispetto al dato riferito allanno 2001, ma evidenzia una costante crescita nel tempo, come si pu notare nella tab. 6.1.
tab. 6.1: Numero di imprese attive
2001 2004 n n 36.836 37.538 Manifatturiere 38.654 41.342 Costruzioni 481 479 Estrattive 230 245 Produzione e distribuzione energia elettrica, gas e acqua Totale 76.201 79.604 Fonte: Elaborazione su dati Regione Siciliana, situazione economica 2006 2005 n 38.143 42.471 479 244 81.337 2005 % / tot 46,90 52,22 0,59 0,30 100,00 Var. % 2005-2004 0,76 1,42 0,00 0,00

tab. 6.2 Numero di dichiarazioni INES e attivit IPPC dichiarate in Sicilia per province
2002 2003 2004 2 2 AG 2 3 2 CL 2 2 2 CT 2 0 1 EN 1 4 4 ME 4 5 4 PA 4 3 3 RG 3 11 10 SR 12 2 2 TP 2 Totale 32 30 32 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2005)

Per quanto riguarda la ricchezza prodotta, lindustria ha subito unulteriore flessione nellanno 2005: il valore aggiunto prodotto dallindustria si ridotto rispetto allanno precedente del 3,6%. Confrontando i dati siciliani con quelli nazionali e del Mezzogiorno si nota come lindustria in generale abbia subito una contrazione: infatti, il valore aggiunto diminuito per lItalia dell1,7% e per il Mezzogiorno di una percentuale pari allo 0,9%. Gli occupati del settore in esame, nel 2005, sono pari a 145 mila unita, 2 mila in pi rispetto al 2004 (+1,5%), a fronte delle riduzioni osservate nel Mezzogiorno (0,7%) ed in Italia (-0,2%).
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A v a At tt ti i vi it t I In nd du us st tr ri ia al li ie ed de en ne er rg gi i a

La tab. 6.2 rappresenta, per il triennio 2002-2004, la distribuzione a livello provinciale degli stabilimenti di maggiori dimensioni, che rientrano nellambito di applicazione della Direttiva 96/61 in materia di Autorizzazione integrata ambientale (Integrated Pollution Prevention Control - IPPC). La provincia in cui presente il maggior numero di impianti Siracusa, che nel 2004 arriva a 12. Dal punto di vista della tipologia di attivit, tali stabilimenti operano per la maggior parte nel settore dellenergia, dei minerali e dei metalli. Per ci che concerne la produzione di energia elettrica, di seguito si riporta la situazione al 2005.
tab. 6.3: Produzione di energia elettrica, anno 2005
Impianti Idroelettrici Termoelettrici Eolici e fotovoltaici Totale Fonte: GRTN-Terna Produttori MW 721,2 4.296,1 301,7 5.319 n. 19 28 Autoproduttori MW 727,7 727,7 n. 5 Totale MW 721,2 5.023,8 301,7 6.046,7

89 Cap. 6

La tabella seguente mostra il dettaglio relativo agli impianti termoelettrici di maggiori dimensioni.
tab. 6.4: Impianti termoelettrici, anno 2005
Societ ENEL Produzione ENEL Produzione ENEL Produzione ENEL Produzione Edipower Endesa Edison Isab Energy Fonte: GRTN Impianto Termini Imprese Priolo Gargallo Augusta Porto Empedocle S. Filippo del Mela Trapani TE- Milazzo Priolo Gargallo Prov. PA SR SR AG ME TP ME SR Potenza (MW) 1.130 790 210 140 1.280 168 157 595

6.1.1

Attivit estrattive

Lanalisi dei flussi dimportazione e di esportazione nel settore minerario in Sicilia mostra una dinamica comune a tutto il comparto industriale siciliano, con una prevalenza delle importazioni sulle esportazioni. Questo scenario riflette la crisi, verificatasi negli ultimi decenni, dei filoni produttivi tradizionali del settore minerario siciliano (zolfo e sali alcalini) e la prevalenza della produzione di minerali energetici nellattivit estrattiva mineraria attuale (idrocarburi liquidi e gassosi). Con riferimento alle cave, le attivit di estrazione che maggiormente riguardano il contesto economico specifico siciliano sono quelle inerenti i materiali inerti (calcare, marne, sabbie e ghiaie) e le pietre ornamentali. I primi rappresentano la tipologia estrattiva maggiormente presente sul territorio regionale, nonch la prima fonte di approvvigionamento dellindustria delle costruzioni. Per quanto, invece, attiene le miniere siciliane propriamente dette, sono in decremento le concessioni per la coltivazione di salgemma (presenti, soprattutto, nella porzione centromeridionale dellIsola). Da segnalare come le miniere dismesse di salgemma mostrano, generalmente, problematiche inerenti di frane e crolli da imputare allazione delle acque meteoriche sulle zone di giacimento non pi utilizzate. Riguardo poi le miniere di zolfo dismesse (Serie Gessoso-Solfifera) ricadenti nei territori delle province di Agrigento, Caltanissetta ed Enna, queste costituiscono dei siti di elevato interesse storico-culturale del territorio siciliano.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

90 Cap. 6 Cap. 6

Si sottolinea inoltre come i giacimenti minerari dismessi, poich siti potenzialmente contaminati (come da D.M. n. 471/99), possono essere soggetti ad eventuali azioni di bonifica. Infine, occorre specificare come le informazioni inerenti le attivit minerarie dismesse non risultano facilmente reperibili, poich tali dati spesso si trovano presso vari enti e soggetti preposti.

6.2

Normative di riferimento

Particolare importanza dal punto di vista delle politiche ambientali in materia di industria riveste listituto dellAutorizzazione integrata ambientale, introdotto dalla Direttiva 61/96/CE. Lattuazione di tale direttiva in Italia avvenuta con il DLgs 4 agosto 1999, n. 372 che prevede misure intese ad evitare oppure, qualora non sia possibile, ridurre le emissioni di inquinanti nellaria, nellacqua e nel suolo, comprese le misure relative ai rifiuti e per conseguire un livello elevato di protezione dellambiente nel suo complesso. Rispetto a quanto previsto a livello comunitario, tuttavia, il DLgs n. 372/99 costituisce recepimento solo parziale, se si considera che, mentre la Direttiva 61/96/CE destinata ad impianti esistenti e ad impianti di nuova realizzazione, il suddetto decreto disciplina il rilascio, il rinnovo e il riesame dellautorizzazione integrata ambientale degli impianti esistenti, nonch le modalit di esercizio degli impianti medesimi. Nessun riferimento fatto agli impianti da realizzare ex novo. Per gli impianti esistenti, che rientrano nellAllegato I del DLgs n. 372/99, entro il 30/10/2004 contemplato il rilascio dellautorizzazione integrata ambientale, contenente le prescrizioni e le misure necessarie a conseguire un elevato livello di protezione dell ambiente nel suo complesso, con effetto sostitutivo nei confronti di tutti gli altri provvedimenti autorizzativi discendenti dalle leggi vigenti in materia ambientale (ad eccezione delle autorizzazioni previste dalle norme emanate in attuazione della Direttiva 96/82 Seveso I e II). Lautorizzazione rilasciata dallAutorit competente deve contenere le indicazioni e le prescrizioni che garantiscono la conformit dellimpianto ai requisiti previsti dalla legge e la data, comunque non successiva al 30/10/2007, entro la quale le prescrizioni devono essere attuate. Al DLgs n. 372/99 ha fatto seguito il D.M. 23 novembre 2001, concernente Dati, formato e modalit della comunicazione di cui allart. 10, comma 1, del decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 372. Con esso si sono definite le basi per la realizzazione dellInventario Nazionale delle Emissioni e loro Sorgenti (cd.: INES), destinato a raccogliere, in un apposito Registro nazionale, i dati relativi alle emissioni inquinanti confluenti in aria, acqua e suolo, provenienti dagli impianti industriali IPPC, individuati dal citato DLgs. n. 372/99. Il Registro nazionale (INES) ed il Registro Europeo delle Emissioni Inquinanti (EPER), di origine industriale, rappresentano indubbiamente una significativa novit in campo ambientale, trattandosi di strumenti scaturiti da una strategia integrata per la prevenzione e riduzione dellinquinamento. Strategia incamminatasi, ormai, verso un approccio unitario al problema delle emissioni, ed avente lo scopo di eliminare le tendenze al trasferimento dellinquinamento tra i vari settori ambientali, utilizzando come fondamento del progetto la visione essenziale dellaria e dellacqua come un insieme unico ricettore delle emissioni inquinanti. Successivamente stato pubblicato il D.M. 26 aprile 2002 rubricato Modifiche al decreto ministeriale 23 novembre 2001 in materia di dati, formato e modalit della comunicazione di cui allart. 10 del decreto legislativo n. 372 del 1999., con cui il Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio ha inteso andare incontro ai gestori dei complessi aziendali IPPC, sulla scorta della obiettiva impossibilit e, comunque, delle difficolt logistiche che questi avrebbero incontrato nelleffettuare, entro il 31 maggio 2002, la rilevazione dei dati sulle emissioni relative allanno 2001. Questo decreto, inoltre, fornisce una definizione di Autorit competenti in materia di comunicazione e stabilisce che: per gli impianti sottoposti a procedura di VIA nazionale, la comunicazione trasmessa al Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio (Servizio VIA) e allAgenzia Nazionale per la Protezione dellAmbiente;
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A v a At tt ti i vi it t I In nd du us st tr ri ia al li ie ed de en ne er rg gi i a

per gli altri impianti, la comunicazione deve essere trasmessa alla regione interessata, o alle Province autonome di Trento e Bolzano, cos come allAgenzia Nazionale per la Protezione dellAmbiente. Il nuovo D.M. allart. 1, comma 4, prevede: Tutti i gestori dei complessi IPPC, che superano i valori di soglia di cui alle tabelle 1.6.2. e 1.6.3. dell allegato 1 del presente decreto, entro 1 giugno 2002 devono comunicare allautorit competente di cui allart. 2, comma 1, numero 8, del decreto legislativo n. 372/1999 ed allAgenzia Nazionale per la Protezione dell Ambiente solo i dati identificativi dei complessi industriali, mentre entro il 30 aprile 2003 devono comunicare i dati sulle emissioni relativi allanno 2002. Dal nuovo testo chiaro che i soggetti individuati con lespressione Tutti i gestori non sono pi effettivamente tutti, bens sono solo e soltanto tutti quelli nei cui complessi IPPC si superano i valori di soglia; quindi soltanto una parte dei gestori di tutti i complessi IPPC italiani. Va segnalata inoltre la c.d. Seveso III, ossia la Direttiva 2003/105/CE del 16 dicembre 2003 di modifica della precedente sul controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi a determinate sostanze pericolose, recepita in Italia con il DLgs. n. 238 del 21/9/2005. Con questo decreto vengono introdotte alcune modifiche: Viene abrogato lart 5, comma 3, del DLgs n. 334/99, che prevedeva a carico di alcuni gestori lobbligo di presentazione di una relazione; ampliato il campo di applicazione, introducendo attivit nuove che comportano limpiego delle sostanze pericolose di cui allAllegato I, quali operazioni di preparazione chimica o termica connesse alle attivit minerarie, impianti operativi di smaltimento degli sterili e porti commerciali; Viene modificato lelenco delle sostanze pericolose presenti nellAllegato I, Parte 1a, introducendo nuove sostanze e modificando le categorie di sostanze pericolose, di cui allAllegato I, Parte 2a; Il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco individuato come ulteriore destinatario della notifica e della scheda di informazione per i cittadini e i lavoratori; introdotto, in materia di pianificazione di emergenza interna, lobbligo di formazione sullemergenza interna di tutto il personale, compreso quello dipendente da imprese subappaltatrici, e lobbligo di consultazione dei dipendenti di imprese subappaltatrici a lungo termine, che lavorano nello stabilimento in occasione della redazione dei piani di emergenza interni; Sono introdotti, anche per le attivit, di cui allArt. 6, lobbligo di pianificazione di emergenza esterna e lobbligo generalizzato di divulgazione delle informazioni sulla pianificazione di emergenza esterna alla popolazione; rafforzato il diritto allinformazione della popolazione rendendo linventario delle sostanze pericolose detenute disponibile al pubblico; affidato al Comitato Tecnico Regionale, e non pi al Ministero dellAmbiente, il compito di accertare che i gestori si scambino le informazioni, per gli stabilimenti per i quali probabile leffetto domino. Per quanto concerne in particolare la Regione Siciliana, lart. 132 della L.R. n. 6 del 3/5/2001 individua nellAssessorato Regionale del Territorio e dellAmbiente lAutorit competente al rilascio dellAutorizzazione Integrata Ambientale. Con successivo D.A. n. 633 del 7/8/2002, lAssessorato ha stabilito il calendario per la presentazione delle istanze di autorizzazione ambientale integrata, ai sensi del DLgs n. 372/99. Nella Finanziaria 2003 (L.R. n. 4 del 16/4/2003), invece, viene fatto esplicito richiamo agli impianti nuovi; nel suo testo si legge: Sono soggetti ad autorizzazione integrata ambientale statale (IPPC) tutti gli impianti esistenti, nonch quelli di nuova realizzazione, relativi alle attivit industriali di cui allarticolo 1, comma 1 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 Agosto 1988, n. 377, rientranti nelle categorie elencate nellallegato I della Direttiva 96/61/CE del Consiglio del 24 Settembre 1996.
2 7 20 00 0 7

91 Cap. 6

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

92 Cap. 6 Cap. 6

LAssessorato Regionale Territorio e Ambiente (ARTA), con D.A. n. 414 del 3/4/2003, modificando il precedente D.A. n. 633, aveva stabilito un calendario per la presentazione delle istanze di autorizzazione integrata ambientale di competenza regionale; tuttavia, il 27 febbraio 2004 stata emanata la legge nazionale n. 47, che allart. 9, prevede che il termine stabilito dal DLgs n. 372 sia prorogato al 30 Aprile 2005 e invita le Autorit Competenti a definire o adeguare conseguentemente i propri calendari. In considerazione della nuova scadenza, lARTA il 21/5/2004 ha emanato il decreto n. 556, che ha stabilito il calendario di presentazione delle istanze di autorizzazione integrata ambientale alla luce della nuova scadenza. Nellambito degli impegni stabiliti dal Trattato di Kyoto e in attuazione della Direttiva 2003/87/CE, in data 25/11/2005 il Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio ha pubblicato lo Schema di assegnazione della quote di CO2 per il triennio 2005-2007, per settore industriale e per singolo impianto. In questo modo vengono individuati i tetti massimi di emissione di CO2. Di seguito si riportano i dati relativi alla Regione Siciliana, in comparazione con i dati nazionali. Questi ultimi, riportati allinterno della tabella, si riferiscono esclusivamente ai settori industriali, per i quali sono stati riscontrati impianti in Sicilia ed infatti essi sono leggermente inferiori al dato complessivo.
tab. 6.5: Schema di assegnazione quote emissioni CO2 Valori Assoluti
2005 Settore Sicilia Italia 10.198.488 126.817.214 Impianti termoelettrici cogenerativi e non 1.061.465 13.524.147 Altri impianti di combustione 8.914.666 23.760.156 Impianti di raffinazione 15.403 108.954 Impianti di produzione acciaio 2.134.308 25.500.626 Impianti di produzione di cemento 72.216 3.010.086 Impianti di produzione del vetro 25.558 3.013.507 Impianti di produzione di ceramica e laterizi Totale 22.422.104 195.734.690 Fonte: Elaborazione TFA su dati MATT. 2006 Sicilia 7.928.039 Italia 113.781.528 2007 Sicilia 7.757.974 Italia 111.867.608

1.061.465 8.914.666 15.403 2.134.308

13.524.147 23.760.156 108.954 25.500.626

1.061.465 8.914.666 15.403 2.134.308

13.524.147 23.760.156 108.954 25.500.626

72.216

3.010.086

72.216

3.010.086

25.558

3.013.507

25.558

3.013.507

20.151.655

182.699.004

19.981.590

180.785.084

tab. 6.6: Schema di assegnazione quote emissioni CO2 Valori percentuali (Sicilia)
Settore Impianti termoelettrici cogenerativi e non cogenerativi Altri impianti di combustione Impianti di raffinazione Impianti di produzione acciaio Impianti di produzione di cemento Impianti di produzione del vetro Impianti di produzione di ceramica e laterizi Totale Fonte: Elaborazione TFA su dati MATT. 2005 8,04 7,85 37,52 14,14 8,37 2,40 0,85 11,46 2006 6,97 7,85 37,52 14,14 8,37 2,40 0,85 11,03 2007 6,93 7,85 37,52 14,14 8,37 2,40 0,85 11,05

Le normative di riferimento a carattere ambientale, del settore delle attivit estrattive in ambito internazionale e comunitario sono: Dir. 94/22/CE, COM/2003/319 e COM/2006/231 Strategia tematica per la protezione del suolo .
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A v a At tt ti i vi it t I In nd du us st tr ri ia al li ie ed de en ne er rg gi i a

A livello nazionale, si riportano: il R.D. n. 1443/1927; il D.P.R. n. 2/1972; il D.P.R. n. 616/1977, la Legge n. 752/1982; il D.M. Ambiente 23/12/1991; il DLgs n. 105/1992; DLgs n. 625/1996; oltre che la Parte terza e quarta del DLgs n. 152/2006. In ambito regionale, le normative di riferimento a carattere ambientale sono: la L.R. n. 54/1956; la L.R. n. 127/1980; la L.R. n. 24/1991; la L.R. n. 19/1995; la L.R. n. 25/1999; la L.R. n. 14/2000 ed infine la L.R. n. 10/2004 (Interventi urgenti per il settore lapideo e disposizioni per il riequilibrio del prezzo della benzina nelle isole minori ).

93 Cap. 6

6.3
6.3.1

Interazioni con lambiente


Attivit industriali

Le pressioni delle attivit industriali sullambiente sono riconducibili a: emissioni in atmosfera consumi (energetici, idrici, di materie prime) rifiuti industriali incidenti rilevanti inquinamento del suolo. Analizzando i singoli fattori di pressione, per le emissioni, vengono di seguito riportati i dati relativi alle emissioni di anidride carbonica (CO2), ossidi di azoto (NOx), particolato (PM), protossido di azoto (N2O) e metano (CH4).
tab. 6.7: Emissioni industria (Mg)
Inquinante 1990 1995 2000 variazione % 2000-1990 25,83 -48,86 -4,62 -17,52 -43,47 25.084.863,09 26.321.347,44 31.564.210,44 CO2 75.815,65 58.790,41 38.774,56 NOX 9.086,21 9.495,94 8.666,42 CH4 1.264,51 886,62 1.042,92 N2O 8.983,30 8.664,27 5.078,37 PM Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati APAT, 2004

Dalla tabella emerge una situazione differenziata a seconda del tipo di inquinante. Solo per lanidride carbonica si registra nel decennio considerato un decisivo aumento pari al 25,83%, imputabile al settore Combustione nellindustria e impianti energetici (si tratta delle emissioni originate da processi di trasformazione dell energia, sia nelle centrali elettriche e/o adibite al teleriscaldamento, sia nelle raffinerie, sia negli impianti di trasformazione dei combustibili solidi e sia nelle miniere di carbone). In calo sono invece le emissioni di CO2 derivanti dagli altri settori. Cos come gli altri inquinanti, i quali registrano un decremento, che in alcuni casi arriva quasi al 50%.
tab. 6.8: CO2 equivalente settore industria (Mg)
Inquinante 1990 1995 2000 26.675.563,70 181.994,89 323.305,79 27.180.864,39 variazione % 2000-1990 42,57 -4,62 -17,52 40,89 18.709.960,56 21.747.277,84 CO2 190.810,32 199.414,75 CH4 391.998,63 274.853,53 N2O Tot 19.292.769,51 22.221.546,12 Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati APAT, 2004

Situazione analoga si registra in relazione alle emissioni di CO2 equivalente. Per quanto attiene al profilo della qualit dellaria, nellanno 2004 si sono registrati nelle aree industriali superamenti dei limiti fissati dalla normativa di settore solo per il biossido di zolfo (SO 2), per lozono (O3) e per il particolato (PM10). Analizzando il secondo fattore di pressione, i consumi, emerge subito lassenza di dati significativi relativamente ai consumi idrici nellindustria, mentre buona la disponibilit dei dati con2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

94 Cap. 6 Cap. 6

cernenti i consumi di energia e di materie prime. Per una stima del consumo di materie prime da parte dellindustria siciliana, utile esaminare i dati (ARPA 2005) relativi alle cave e alle miniere, per i quali si rinvia al Capitolo Suolo e sottosuolo. Per quanto riguarda gli impatti del settore industriale in termini di inquinamento del suolo, si rinvia a quanto illustrato allinterno del Capitolo Siti contaminati. I consumi energetici in Sicilia nellanno 2005 si sono attestati complessivamente a 18.638 milioni di kWh. Ovviamente il settore industriale quello che assorbe la quantit maggiore di energia (40,4% del totale), mentre il settore domestico ed il terziario si attestano rispettivamente al 31,8% ed al 25,6% ed il settore primario consuma solo il 2,2% del totale. Dall analisi dei dati, emerge che, a fronte di un aumento del consumo di energia per il settore domestico e terziario (mediamente del 1,4% annuo), negli ultimi sei anni il settore industriale mostra un andamento in controtendenza: dal 2003 ad oggi, infatti, complessivamente in Sicilia i consumi energetici mostrano una flessione dello 0,4%. Il grafico seguente mostra landamento dei consumi di energia del settore industria, che fa registrare nellanno 2005 una diminuzione del 2,34% rispetto ai valori dellanno 2000.
graf. 6.1: Consumi di energia del settore industriale (2000-05).

Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati GRTN.

Anche per lanno 2005 i consumi complessivi di energia elettrica si sono concentrati prevalentemente nelle province di Siracusa, Catania, Palermo e Messina. Nella tabella seguente sono rappresentati i consumi di energia per categoria di utilizzatori e provincia per lanno 2005. Questi sono riferibili per il 40,4% al settore industriale, per il 31,8% al settore domestico, per il 25,62% a quello terziario e soltanto per il restante 2,18% al settore agricolo. Limitando lanalisi territoriale al solo settore industriale viene ancora evidenziato il primato di consumi nella provincia di Siracusa, con oltre 2.800 milioni di kWh, consumi dovuti principalmente al polo petrolchimico di Priolo. Per quanto riguarda le province di Caltanissetta e Messina, grazie ai poli industriali di Gela e Milazzo, esse arrivano a consumi complessivi di 1.043 mln di kWh e 964 mln di kWh. Con questi consumi le tre province si trovano ai vertici della graduatoria provinciale dei consumi energetici in Sicilia.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A v a At tt ti i vi it t I In nd du us st tr ri ia al li ie ed de en ne er rg gi i a tab. 6.9: Consumi per categoria di utilizzatori e provincia (GWh) al 31 dicembre 2005.
Province Agricoltura Industria Terziario* Agrigento 23,7 242,7 355,2 Caltanissetta 14,6 1.043,5 216,5 Catania 106,6 1.081,3 1.110,7 Enna 9,9 55,6 128,9 Messina 23,0 963,8 694,0 Palermo 27,9 501,6 1.197,5 Ragusa 97,4 485,7 281,5 Siracusa 79,4 2.893,7 407,1 Trapani 24,7 261,5 383,9 Totale 407,1 7.529,5 4.775,3 % sul totale 2,18% 40,40% 25,62% * Al netto consumi FS per trazione pari a 145,2 GWh. Fonte: Terna S.p.A. Rete Elettrica Nazionale (2005). Domestico 510,0 299,1 1.219,1 170,7 789,8 1.535,1 369,9 488,5 544,9 5.927,1 31,80% Totale * 1.131,5 1.573,7 3.517,8 365,2 2.470,7 3.262,0 1.234,5 3.868,7 1.215,0 18.639,0 100%

95 Cap. 6

Altro indicatore importante a questo proposito quello dellintensit energetica, che misura il rapporto tra consumi energetici e ricchezza prodotta: si tratta di un parametro molto significativo, in quanto consente di determinare la quantit di energia associata alla produzione di ununit di valore aggiunto. Il dato siciliano relativo allindustria2 pari (2004) a 260,6 (migliaia di TEP3 per milioni di euro di valore aggiunto prodotto dallindustria), un valore superiore tanto a quello nazionale (139,1) quanto a quello delle regioni Obiettivo 1 (221). Il dato (rappresentato nel grafico che segue) mostra un andamento discontinuo, con una flessione notevole negli anni 2001 e 2002, per poi riattestarsi grosso modo ai livelli di partenza nel 2004.
graf. 6.2: Intensit energetica del PIL (2000-04)

Fonte: Elaborazione su dati ISTAT

Sul versante dei rifiuti, si riportano di seguito i dati relativi ai rifiuti speciali, che includono i rifiuti provenienti da utenze diverse. Non sono, infatti, disponibili dati dettagliati afferenti i rifiuti del settore industria propriamente detto, che tuttavia si stimano come prevalenti rispetto alle altre categorie. Il dato (2004) pari a t 1.090.632, distribuito tra le province nel modo illustrato dal graf. 6.3.

Indicatori di contesto chiave e variabili di rottura per la valutazione del QCS 2000-06 (http://www.istat.it/ambiente/contesto/infoterr/azioneB.html). 3 Tonnellate equivalenti di petrolio.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

graf. 6.3: Distribuzione dei rifiuti speciali per provincia (2004)


96 Cap. 6 Cap. 6
Siracusa Agrigento Trapani Agrigento Caltanissetta Catania Enna Ragusa Palermo Messina Caltanissetta Catania Enna Messina Palermo Ragusa Siracusa Trapani

Per quanto, invece, attiene gli incidenti rilevanti, si rinvia al Capitolo Rischio antropogenico.

Fonte: Elaborazione TFA su dati APAT

6.3.2

Attivit estrattive

Si riporta unanalisi dellattuale situazione delle attivit estrattive e della relativa evoluzione (paragrafo 6.4 Tendenze), attraverso landamento degli appositi indicatori di pressione ambientale (Annuario dei dati ambientali 2006 dellARPA Sicilia).

6.3.2.1 Siti di estrazione di minerali di seconda categoria (cave)


La diffusione sul territorio di siti di estrazione di minerali di II categoria (ossia le cave, appositamente definiti dalla L.R. n. 54/56) fornisce unidea di quelli che sono gli utilizzi delle risorse non rinnovabili come i giacimenti minerari di cava ed anche dei possibili impatti sul contesto paesaggistico ed idrogeologico dellattivit estrattiva sia in termini diretti, che indiretti (causati, per esempio, da attivit di scavo e sbancamento, rumore, polveri, ecc.). Con particolare riferimento al contesto siciliano, le attivit di cui sopra riguardano lestrazione di inerti (pietrisco, ghiaia, sabbia) e di materiali lapidei da taglio. Le cave in esercizio al 2006 (vedi tab. 6.10) sono 580, di cui: calcare e marna (37% del numero totale di cave attive in Sicilia), marmo (16%), sabbia e ghiaia (12%), arenaria e calcarenite (11%), lava (9%), argilla (5%), quarzarenite (3%), gesso, rosticci di zolfo e tufo vulcanico (2% per ciascuna categoria) e metamorfiti (1%).
tab. 6.10: Numero di cave attive per provincia e per tipologia di materiale estratto al 2006
Tipologia di materiale AG CL CT EN ME PA RG 25 3 0 0 0 0 0 14 4 0 0 46 SR 30 1 0 0 1 0 0 2 12 0 1 47 TP 8 0 78 0 1 0 0 5 21 0 1 114 Calcare e marna 46 28 8 15 13 33 Argilla 5 3 6 2 5 4 Marmo 0 0 0 0 7 9 Metamorfiti 0 0 0 0 4 0 Lava 0 0 53 0 0 0 Tufo vulcanico 0 0 10 0 0 0 Rosticci di zolfo 7 4 0 2 0 0 Sabbia e ghiaia 13 10 3 11 9 5 Arenaria e calcarenite 2 4 5 17 1 0 Quarzarenite 0 0 0 8 8 2 Gesso 2 4 3 0 0 2 Totale 75 53 88 55 47 55 Fonte: Regione Siciliana - Dipartimento Corpo Regionale delle Miniere Sicilia 206 29 94 4 55 10 13 72 66 18 13 580

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A v a At tt ti i vi it t I In nd du us st tr ri ia al li ie ed de en ne er rg gi i a graf. 6.4: Cave attive per tipologia di materiale estratto al 2006 11% 12% 2% 2% 10% 1% 5% 16% 3% 2% 36%
Calcare e marna Argilla Marmo Metamorfiti

97 Cap. 6

Lava
Tufo vulcanico Rosticci di zolfo Sabbia e ghiaia Arenaria e calcarenite

Fonte: Regione Siciliana - Dipartimento Corpo Regionale delle Miniere

6.3.2.2 Siti di estrazione di minerali di prima categoria (miniere)


La presenza in Sicilia dei siti di estrazione di minerali di prima categoria (ossia le miniere, appositamente definiti dalla L.R. n. 54/56) anche indicativa delle possibili zone che possono comportare la diffusione delle sostanze inquinanti, che derivano da scarti delle lavorazioni o dalle modalit con le quali le stesse vengono effettuate. Il tutto pu comportare probabili fenomeni di contaminazione idrica (superficiale e sotterranea) e del suolo. Si ricorda, inoltre, che anche le stesse attivit antropiche collegate alle miniere possono implicare perdita di suolo e modificazioni della morfologia del terreno, con conseguenze in termini di minore stabilit dei versanti e di eventuali aree di degrado.
tab. 6.11: Produzione annuale di minerali di I categoria per Distretto Minerario e per tipologia di minerale estratto al 2006
Tipologia di minerale D.M. Caltanissetta D.M. Catania D.M. Palermo Totale 17.162.810 503.280.939 75.868.011 Acque Minerali (l) 596.311.760 65.000.000 21.560.000 85.973.000 Acque Termali (l) 172.533.000 693.652 0 337.903 Salgemma (t) 1.031.555 1.080 0 0 Bentonite (t) 1.080 0 0 Anidride Carbonica (t) 0 0 0 Rocce Asfaltiche e Bituminose (t) 0 Fonte: Regione Siciliana Dipartimento Corpo Regionale delle Miniere Annuario ARPA 2006

In Sicilia, le attivit minerarie di cui sopra sono assimilabili alle attivit di estrazione di minerali non metalliferi per utilizzi industriali. Dalla tab. 6.12 si evince come siano preponderanti sul totale i siti di estrazione di acque minerali e termominerali con 28 concessioni diffuse nel territorio regionale, che, nellinsieme, rappresentano il 75% del totale delle concessioni in vigore allanno 2006.
tab. 6.12: Numero di concessioni di coltivazione per provincia e per tipologia di minerale estratto al 2006
Tipologia di minerale AG CL CT EN ME PA RG SR TP Sicilia 2 0 0 0 0 1 0 0 0 salgemma 3 0 0 0 0 0 0 0 0 0 sali alcalini misti 0 0 0 0 0 0 0 4 0 0 rocce asfaltiche e 4 bituminose 0 1 0 0 0 0 0 0 0 bentonite 1 0 0 1 0 0 0 0 0 0 anidride carbonica 1 3 0 6 0 11 5 1 0 2 acque minerali e ter28 mominerali Totale 5 1 7 0 11 6 5 0 2 37 Fonte: Regione Siciliana Dipartimento Corpo Regionale delle Miniere - Annuario ARPA 2006

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

6.3.2.3 Siti di estrazione di risorse energetiche


98 Cap. 6 Cap. 6

Di seguito sono descritte le attivit estrattive di estrazione di risorse energetiche, che in Sicilia riguardano gli idrocarburi liquidi e gassosi. Trattasi di operazioni comunque impattanti sul contesto ambientale in genere e alcune di queste, come la creazione di discariche per materiali di perforazione, d anche unidea del fatto che le stesse attivit siano responsabili, nel tempo, anche dellemissione di sostanze impattanti negativamente sullambiente e sul paesaggio, qualora non smaltite secondo le normative vigenti. Il resto dei possibili impatti, cos come espresso per le attivit estrattive inerenti cave e miniere, rappresentato da contaminazione idrica (superficiale e sotterranea) e del suolo. Relativamente allanno 2006 (tab. 6.13), le concessioni di idrocarburi del territorio siciliano interessano una superficie di 567 km2 (prevalentemente nelle province di Enna, Catania, Ragusa e Caltanissetta), mentre i permessi di ricerca una superficie di 2.529 km2 (soprattutto Caltanissetta, Catania, Ragusa, Enna, Agrigento e Palermo).
tab. 6.13: Numero e superficie occupata da concessioni di coltivazione e permessi di ricerca in terraferma di idrocarburi liquidi e gassosi, vigenti in Sicilia al 2006
Titoli idrocarburici % della superficie totale regionale Concessioni di coltivazione 13 567 2,2% Permessi di ricerca 4 2529 9,8% Totale titoli 17 3096 12,0% Fonte: Regione Siciliana Dipartimento Corpo Regionale delle Miniere Ufficio Idrocarburi e Geotermia Numero Superficie (Km2)

Sempre nello stesso anno (tab. 6.14) sono state prodotte 593.932 tonnellate di idrocarburi liquidi e 323.559.477 normal metri cubi di idrocarburi gassosi.
tab. 6.14: Produzione annuale delle attivit estrattive di idrocarburi liquidi e gassosi in Sicilia dal 1976 al 2006
Anno Produzione Anno Produzione Produzione annuale di olio annuale di gas annuale di olio (t) (Nmc) (t) 1976 358.183.802 831.552 1992 346.679.468 871.066 1977 366.898.694 654.327 1993 244.891.742 911.742 1978 382.104.904 733.620 1994 226.922.726 850.331 1979 368.177.529 758.558 1995 230.284.654 822.928 1980 321.032.123 843.135 1996 246.092.638 768.430 1981 258.972.361 821.877 1997 250.139.563 764.900 1982 201.014.569 774.075 1998 236.814.239 780.953 1983 236.975.033 740.511 1999 227.631.764 719.634 1984 240.603.180 791.795 2000 324.943.179 688.959 1985 225.965.573 770.778 2001 371.002.897 687.998 1986 220.248.041 844.942 2002 359.506.741 783.095 1987 237.160.893 965.527 2003 372.056.444 801.878 1988 241.121.649 985.544 2004 352.929.835 763.040 1989 349.372.262 823.885 2005 357.481.472 697.951 1990 427.253.471 816.997 2006 323.559.477 593.932 1991 395.949.357 835.011 2007 N.D. N.D. Fonte: Regione Siciliana Dipartimento Corpo Regionale delle Miniere Ufficio Idrocarburi e Geotermia Produzione annuale di gas (Nmc)

6.4

Tendenze

La struttura del sistema industriale siciliano caratterizzata dalla presenza, da un lato, di industrie molto pesanti e impattanti sullambiente (settore energetico, petrolchimico e costruzioni), dallaltro dalla presenza di industrie del settore agroalimentare.
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A v a At tt ti i vi it t I In nd du us st tr ri ia al li ie ed de en ne er rg gi i a

Lindustria siciliana, quindi, e le sue capacit di rinnovamento nella direzione della sostenibilit ambientale sono condizionate dal peso rivestito allinterno del sistema energetico nazionale, sia in termini di capacit di raffinazione, che di produzione di energia elettrica. Ci crea delle rigidit, che possono essere superate solo nellottica di una programmazione a scala nazionale. Allo stesso tempo, tuttavia, tali rigidit non possono essere assunte come immodificabili. La politica ambientale, difatti, ha proprio il compito di governare questi processi e individuare le opportune soluzioni e misure di compensazione e mitigazione degli effetti negativi sullambiente. In tal senso, occorre sottolineare che la Regione non si ancora dotata di unadeguata pianificazione energeticoambientale. Il Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR), oltre ad essere strumento di pianificazione per gli obiettivi specifici a esso assegnati, dovrebbe assumere il valore di cornice di regole, strumenti e obiettivi per promuovere lo sviluppo locale, da perseguire a livello di territori omogenei (soprattutto quelli pi deboli e svantaggiati), dal punto di vista ambientale, sociale ed economico, al fine di assicurare che lutilizzo delle risorse per la produzione di energia mantenga la qualit ambientale e sociale dello sviluppo. Nel breve periodo, comunque, dovrebbero essere incentivate sia l adozione delle migliori tecniche disponibili (BAT), che la nascita di nuove filiere, che tesaurizzino le potenzialit ambientali (ad esempio, nel settore delle energie rinnovabili) e culturali offerte dal territorio regionale.
6.4.1 Attivit estrattive

99 Cap. 6

Di seguito, si propone una valutazione della sostenibilit ambientale delle attivit estrattive contesto siciliano, attraverso lanalisi della tendenza degli indicatori ambientali, di cui alla tabella allegata, nel periodo tra la Relazione sullo Stato dellAmbiente in Sicilia - 2002 e quella attuale.

6.4.1.1 Siti di estrazione di minerali di II categoria (cave)


Dallelaborazione grafica (graf. 6.5) dei dati dell Annuario dei dati ambientali 2006, si nota come la produzione annuale totale dei materiali di cava in Sicilia abbia avuto un andamento crescente (+79% dal 2000 al 2006), soprattutto per calcare, gesso, marmo colorato, sabbia silicea, calcarenite (graf. 6.6). La produzione diminuita, invece, per arenaria e marna, mentre cessata lestrazione della pomice. Nel complesso, quindi, secondo quanto rappresentato dal dato relativo al totale della produzione, non si pu non considerare una maggior pressione ambientale sul territorio siciliano.
graf. 6.5: Trend della produzione annuale totale dei materiali di cava in Sicilia dal 2000 al 2006 (tonnellate)

Fonte: Regione Siciliana Dipartimento Corpo Regionale delle Miniere Annuario ARPA 2006

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

graf. 6.6:Trend della produzione annuale dei materiali di cava in Sicilia dal 2000 al 2006
alabastro calc., basalto, sabbia e gh., sabbie sil., calcaren., quarzaren., marmo col., gneiss, gesso, tufo vulc., pomice, marna, aren. e tufo calc. (tonnellate) 1.000.000 36.000.000 31.000.000 800.000 26.000.000 600.000 21.000.000 16.000.000 11.000.000 200.000 6.000.000 0 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 1.000.000 marmo bianco, argilla, sabbie calcaree rosticci e conglomerati, lava, calcare (tonnellate)

100 Cap. 6 Cap. 6

400.000

Alabastro calcareo Sabbie silicee Quarzarenite Gneiss Tufo vulcanico Marna Marmo bianco Sabbie calcaree, rosticci e conglomerati Calcare

Sabbia e Ghiaia Calcarenite Marmo colorato Gesso Pomice Arenaria e Tufo calcareo Argilla Lava

Fonte: Regione Siciliana Dipartimento Corpo Regionale delle Miniere Annuario ARPA 2006

6.4.1.2 Siti di estrazione di minerali di I categoria (miniere)


Attraverso unanalisi del graf. 6.7 ,si pu notare come il numero di concessioni di coltivazione di minerali di I categoria in Sicilia, dal 2003 al 2006, siano in crescita. Nel complesso, si pu parlare anche di un aumento dello sfruttamento delle acque minerali, con un picco nel 2005.
graf. 6.7: Trend della produzione annuale di minerali di I categoria in Sicilia dal 2000 al 2006
1.500.000.000

1.200.000 1.000.000

Acque Minerali (l) Acque Termali (l)

litri

1.000.000.000

800.000 600.000

tonnellate

Salgemma (t) Bentonite (t) Rocce Asfaltiche e Bituminose (t) Anidride Carbonica (t)

500.000.000

400.000 200.000

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

Fonte: Regione Siciliana Dipartimento Corpo Regionale delle Miniere Annuario ARPA 2006

6.4.1.3 Siti di estrazione di risorse energetiche


Le estrazioni di idrocarburi gassosi e di idrocarburi liquidi, nel periodo 2000-2006, hanno fatto registrare valori pressoch costanti (tab. 6.14 a pag.98), ad eccezione del dato relativo allanno 2006, che fa registrare una contrazione del 15% circa rispetto al valore del 2005. Pertanto, nel periodo di tempo considerato, si valuta poco significativa la variazione in termini di pressione ambientale sul territorio, da parte di tali attivit produttive.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A v a At tt ti i vi it t I In nd du us st tr ri ia al li ie ed de en ne er rg gi i a

6.5

Impatto sulla salute della popolazione

Come emerge dallintero capitolo, il settore industria influisce sulla qualit dellambiente in generale visto che consuma risorse e produce scarichi idrici, emissioni atmosferiche e rifiuti. ormai evidente che c una correlazione diretta tra la qualit dellambiente e la qualit della vita della popolazione. Va sottolineato che la concentrazione delle aziende nei grossi poli industriali fa s che soprattutto in quelle aree siano pi evidenti gli impatti sulla salute.

101 Cap. 6

6.6

Proposte e politiche di mitigazione

Sul piano delle criticit, occorre rilevare innanzitutto lassenza di una organica rete di rilevamento e controllo per un efficace monitoraggio delle refluenze sull ambiente del settore, nonch lassenza di strutture di Inventario delle Emissioni Locali per il calcolo delle emissioni. Questi aspetti sono ancora pi importanti, laddove si consideri lincidenza prevalente del settore industriale sul contributo di emissione di CO 2, SO2 e NOx. Stessa situazione si riscontra in relazione allassenza di un organico censimento degli scarichi industriali. Sulla scorta di quanto riferito, appare chiaro che la politica energetica regionale dovrebbe perseguire lobiettivo della riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera, di una migliore efficienza energetica del tessuto industriale, di un incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, dellutilizzazione delle migliori tecnologie disponibili, nonch della riduzione dellinquinamento dei reflui e della produzione di rifiuti pericolosi. Il superamento delle criticit rilevate potrebbe essere favorito dagli investimenti previsti nel quadro della politica strutturale comunitaria inerente il ciclo 2007-2013. Il Programma Operativo relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), infatti, si pone lobiettivo generale di Innalzare e stabilizzare il tasso di crescita medio delleconomia regionale attraverso il rafforzamento dei fattori di attrattivit di contesto e della competitivit di sistema delle attivit produttive in un quadro di sostenibilit ambientale e territoriale e di coesione soc iale. Conseguentemente, esso dedica una notevole quantit di risorse ( 801.101.625, pari al 24,5% del totale) allAsse prioritario 2 Uso efficiente delle risorse naturali. La dotazione finanziaria prevista per gli interventi sul settore energia ammonta a circa il 9% del valore dellintero P.O. Le linee di intervento previste sono: OBIETTIVO SPECIFICO 2.1: Promuovere la diffusione delle fonti rinnovabili e favorire la razionalizzazione della domanda di energia, adeguare e monitorare gli impianti di produzione e le reti di distribuzione. Obiettivo operativo 2.1.1: Favorire la produzione di energia da fonti rinnovabili, attivando filiere produttive di tecnologie energetiche, agroenergetiche e biocarburanti. Obiettivo operativo 2.1.2: Sostenere lincremento dellefficienza energetica negli usi finali e la riduzione delle emissioni climalteranti Obiettivo operativo 2.1.3: Adeguare e completare le reti di distribuzione metanifere ed attivare sistemi di monitoraggio delle reti di trasporto e di distribuzione dellenergia elettrica e del gas.
6.6.1 Attivit estrattive

Le attivit estrattive ricadono tra le opere da sottoporre alle procedure di verifica e/o valutazione di impatto ambientale previste dal DLgs n. 152/2006. Un miglioramento del quadro conoscitivo della materia in Sicilia (considerando il limite delle informazioni fino ad oggi disponibili) auspicabile venga raggiunto, attraverso ladozione del Piano Regionale dei Materiali di Cava.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

Bibliografia essenziale di riferimento


102 Cap. 6 Cap. 6 Tullio Pagano (NVVIP), Federico Nucita (Task Force Ambiente ARTA Sicilia), Contributo alle Linee Guida della programmazione economico-finanziaria regionale per il periodo 2007-2013 - Settore Energia, Dipartimento Programmazione della Regione Siciliana. Claudio Basso (a cura di) Rapporto sulla filiera dellenergia Produzione, Trasporto, Distribuzione, Assessorato Industria della Regione Siciliana, Ufficio Speciale per il coordinamento delle iniziative energetiche. Gestore Nazionale della Rete di Trasmissione, Dati statistici sullenergia elettrica in Italia, On-line su http:www.grtn.it Regione Siciliana. Assessorato Bilancio e Finanze, Dipartimento Bilancio e Tesoro, Servizio Statistica, Relazione sulla situazione economica della Regione Siciliana 2004. On-line su http://www.regione.sicilia.it Regione Siciliana. Assessorato Bilancio e Finanze, Dipartimento Bilancio e Tesoro, Servizio Statistica , Annuario statistico regionale Sicilia 2004. On-line su http://www.regione.sicilia.it/bilancio/index.htm Regione Siciliana. Assessorato Bilancio e Finanze, Dipartimento Bilancio e Tesoro, Servizio Statistica, Conti economici della Sicilia. On-line su http://www.regione.sicilia.it/bilancio/index.htm ARPA Sicilia, Annuario dei dati ambientali Sicilia 2006. Ernst & Young Aggiornamento valutazione intermedia POR Sicilia 2000-2006, dicembre 2005. ENEA, Energia e Ambiente (vari anni). ARTA Sicilia - ARPA Sicilia, Rapporto ambientale PO FESR 20072013 (2007). ARTA Sicilia - ARPA Sicilia, Rapporto ambientale Programma di Sviluppo Rurale Sicilia 2007 2013, (2007). ARPA Sicilia, Annuario dei dati ambientali 2006, Palermo (2007). ARPA Sicilia, Annuario dei dati ambientali 2005, Palermo (2006). http://www.artasicilia.it http://www.arpasicilia.it http://www.minambiente.it http://www.istat.it/dati/db_siti/contesto/info02.html

Siti Web:

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

Edilizia ed urbanizzazione

Carmelo DAgostino, TFA MATTM Guglielmo Loria, ARTA Sicilia1 Francesca Maini, ARTA Sicilia (DRU) Mario Pantaleo, TFA MATTM Antonino Tumminello, ARTA Sicilia (DRU)

Edilizia ed urbanizzazione

Per la parte introduttiva

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

104 Cap. 7 Cap. 7

7. E Ed di il li iz zi ia ae ed du ur rb ba an ni iz zz za az zi io on ne e

Il presente capitolo costituisce per certi versi una novit rispetto al passato, in quanto nel suo ambito sono studiati, in maniera unitaria e separatamente dagli altri argomenti sviluppati in questa RSA, ledilizia ed i processi di urbanizzazione quali fattori determinanti e di pressione sullambiente (modello DPSIR), in maniera tale da poterne valutare pi concretamente l impatto. Pi esattamente sono considerate le problematiche ed i relativi risvolti ambientali attinenti ledilizia regolare, le violazioni e le sanatorie edilizie, con riferimento sia alle abitazioni civili che agli edifici di diversa destinazione. Si tenter, nei limiti del possibile, di estrapolare e di combinare i dati disponibili, scaturiti da fonti differenti e non omogenee, onde fornire un quadro di larga massima in ordine alla realt territoriale dellIsola per il periodo di riferimento.

7.1

Caratteristiche strutturali

Al fine di descrivere le caratteristiche strutturali inerenti ledilizia e i processi di urbanizzazione, si proceduto ad unanalisi della dinamica dellattivit edilizia post-censuaria ed alla formulazione di ipotesi per una stima dellincidenza sul consumo di suolo (a cura del DRU, Servizio 2, U.O. 2.1. - Statistiche territoriali), ad unanalisi delle violazioni edilizie tramite la disamina delle schede quindicinali riepilogative per il periodo 01/03/2003-28/02/2006 ed infine allesame dei dati relativi allistruttoria delle pratiche di sanatoria edilizia, di cui alle Leggi 47/85, 724/94 e 326/03 (a cura del DRU, Servizio 6, U.O. 6.4 - Abusivismo edilizio).
7.1.1 Dinamica dellattivit edilizia post-censuaria ed ipotesi per una stima dellincidenza sul consumo di suolo2

Questo paragrafo, si propone di fornire alcune prime ipotesi circa gli andamenti relativi alle costruzioni di nuovi fabbricati e agli impatti sul consumo netto di suolo, attraverso un analisi in merito alla costruzione di nuovi fabbricati residenziali e non, e sugli ampliamenti di fabbricati gi esistenti, utilizzando la banca dati dellISTAT sulle statistiche dellattivit edilizia per gli anni 1999-2005.

Redatto con il contributo del DRU, Servizio 2, U.O. 2.1 - Statistiche territoriali Dott. Tumminello

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

E a i z z o Ed di il li iz zi i ae ed du ur rb ba an n iz z za a zi i on ne e tab. 7.1: Fabbricati di nuova costruzione per tipologia(2000-2006) Valori assoluti e volumi
Valori assoluti Volumi Fabbricati Fabbricati Totale Fabbricati Fabbricati residenziali non resiresidenziali non residenziali denziali 2.351 1.178 3.376.250 1.923.090 Valori effettivi 1999 3.529 2000 2.299 1.226 3.231.999 3.242.651 3.525 2001 2.398 1.061 3.262.553 2.625.585 3.459 2002 3.204 1.683 5.142.004 5.691.137 4.887 2003 3.926 1.991 5.924.138 6.457.628 5.917 2004 3.978 1.780 6.050.765 5.971.622 5.758 2005 3.747 1.808 6.337.888 5.932.161 5.555 2006 4.134 1.857 7.215.661 7.594.439 Valori stimati 5.991 2007 4.302 1.873 7.829.377 8.355.767 6.175 2008 4.470 1.889 8.443.092 9.117.096 6.360 2009 4.638 1.906 9.056.807 9.878.424 6.544 2010 4.806 1.922 9.670.523 10.639.753 6.729 Fonte: Regione Siciliana, ARTA, DRU, U.O. 2.1. - Statistiche territoriali su dati ISTAT. Anno Totale 105 Cap. 7

5.301.339 6.476.650 5.890.139 10.835.143 12.383.769 12.024.391 12.272.054 14.810.100 16.185.144 17.560.188 18.935.232 20.310.276

Dallanalisi dei dati della tab. 7.1 si rileva come, in termini di valore assoluto, la costruzione di nuovi fabbricati registratasi nel periodo post-censuario 2002-2005 stata di 22.117 unit, con un incremento medio annuo di 5.529 unit. Tale crescita rappresentata per poco pi di 2/3 dalla realizzazione di nuovi fabbricati di tipo residenziale e per il resto da fabbricati non residenziali. Si altres stimato che, ove la tendenza alla crescita osservata nel quadriennio 2002-2005 fosse confermata si avrebbe un ulteriore espansione di fabbricati di 31.798 unit dal 2006 al 2010. Si evidenzia, inoltre, che la dinamica della crescita del numero di fabbricati denota la presenza di due andamenti di crescita nettamente diversificati per intensit. Infatti, mentre i tassi di incremento nei primi e negli ultimi due anni del periodo considerato (1999-2005) si attestano su valori medi di poco superiori al 3%, nel periodo centrale (2001-2003), che la fase subito precedente alla data di emanazione della Legge. 326/03, si sono avuti tassi di crescita annua dei fabbricati superiori fino a 10 volte, e in particolare del 33,6% nel 2001-2002 e del 22,5% nel 2002-2003. La presenza di tali andamenti di crescita diversificata per intensit ancora pi evidente dal graf. 7.1, relativo ai numeri indice a base fissa (Base 1999=100).
graf. 7.1: Andamento della costruzione di nuovi fabbricati nel periodo 1999-2005 e proiezioni per il 2006-2010 (n. di fabbricati). Numeri indice base fissa - Base 1999=100
250

204 197 200 Fabbricati residenziali Fabbricati NON residenziali 169 167 150 143 136 100 100 100 98 90 104 102 151 153 158 159 160 162 169 159 163 183 176 190

50

0 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010

Fonte: Regione Siciliana, ARTA, DRU, U.O. 2.1. - Statistiche territoriali.

Nello stesso grafico, attraverso lapplicazione di un metodo di regressione lineare semplice, si riporta, infine, la stima delle previsioni dei fenomeni in esame fino al 2010.
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

106 Cap. 7 Cap. 7

Altro elemento importante dellanalisi sicuramente quello che riguarda le variazioni annue dei fabbricati di nuova costruzione distinti per tipologia (tab. 7.2).
tab. 7.2: Variazione annua dei fabbricati di nuova costruzione per tipologia (valori assoluti)
SICILIA Variazione dei valori effettivi (1999-2005) 2000-2001 2001-2002 2002-2003 2003-2004 Fabbricati residenziali 99 806 722 52 Fabbricati non residenziali - 165 622 308 - 211 Totale - 66 1.428 1.030 - 159 Variazione dei valori stimati (2006-2010) 2005-2006 2006-2007 2007-2008 2008-2009 2009-2010 Fabbricati residenziali 387 168 168 168 168 Fabbricati non residenziali 49 16 16 16 16 Totale 436 185 185 185 185 Fonte: Regione Siciliana, ARTA, DRU, U.O. 2.1. - Statistiche territoriali. 1999-2000 - 52 48 -4 2004-2005 - 231 28 - 203

La disamina della dinamica dei volumi (tab. 7.4), invece, ci consegna un quadro pi ricco di elementi di cognizione. Infatti sotto questo profilo, landamento della crescita dei volumi edificati presenta caratteri distintivi ancora pi marcati rispetto a quelli riscontrati per la dinamica dei singoli fabbricati.
tab. 7.3: Volumi dei fabbricati di nuova costruzione per tipologia (m3 v/p)
SICILIA residenziali non residenziali Totale Valori effettivi (1999-2005) 1999 2000 3.376.250 3.231.999 1.923.090 3.242.651 2001 3.262.553 2.625.585 5.890.139 2002 5.142.004 5.691.137 10.835.143 2003 5.924.138 6.457.628 12.383.769 2004 6.050.765 5.971.622 12.024.391 2005 6.337.888 5.932.161 12.272.054

2008 2009 2010 residen8.443.092 9.056.807 9.670.523 ziali non resi7.594.439 8.355.767 9.117.096 9.878.424 10.639.753 denziali Totale 14.810.100 16.185.144 17.560.188 18.935.232 20.310.276 Fonte: Regione Siciliana, ARTA, DRU, U.O. 2.1. - Statistiche territoriali.

5.301.339 6.476.650 Valori stimati (2006-2010) 2006 2007 7.215.661 7.829.377

Dallanalisi dei dati si evince come, per i valori effettivi 1999-2005, vi sia un incremento maggiore nei tassi annuali di crescita dei volumi con la variazione 2001-2002, anno nel quale vi stata una crescita complessiva dell84%, che risultata minore per i fabbricati residenziali (+57,6%) ma molto pi intensa per quelli non residenziali (+116,8% - graf. 7.2). Altro elemento importante sta nel fatto che i volumi realizzati per i fabbricati residenziali, mediamente, si equivalgono a quelli dei ai fabbricati non residenziali, e in tre dei sette anni di osservazione (2000, 2002 e 2003) questi ultimi hanno superato i primi in volumetria realizzata.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

E a i z z o Ed di il li iz zi i ae ed du ur rb ba an n iz z za a zi i on ne e graf. 7.2: Andamento della costruzione di nuovi fabbricati nel periodo 1999-2005 e proiezioni per il 2006-2010. Volumi realizzati (m3 v/p). Numeri indice base fissa - Base 1999=100
600 553 500 Fabbricati residenziali Fabbricati NON residenziali 400 395 336 300 296 311 308 232 214 200 169 100 100 100 96 97 137 152 175 179 188 268 250 286 434 474 514

107 Cap. 7

0 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010

Fonte: Regione Siciliana, ARTA, DRU, U.O. 2.1. - Statistiche territoriali.

Altro aspetto fondamentale, infine, quello inerente il consumo di suolo (tab. 7.5). Attualmente non esistono, per quanto a nostra conoscenza, studi e/o elaborazioni che in modo sistematico abbiano affrontato la problematica dellimpatto dellattivit edilizia sul consumo di suolo. Ci anche se lattenzione su questi aspetti dellanalisi ambientale sta crescendo, grazie alla consapevolezza/necessit di elaborare quadri di conoscenza che rendano conto dellincidenza sui territori, in termini di carrying capacity, delle attivit umane, ai fini dellindividuazione di soglie di sostenibilit per le predette attivit.
tab. 7.4: Stima del consumo di suolo derivante dalla realizzazione di nuovi fabbricati nel periodo postcensuario 2002-2010 Valori assoluti (Ha)
SICILIA 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 Fabbricati resi49 48 50 67 82 83 79 denziali Fabbricati non 25 26 22 35 42 37 38 residenziali Totale 74 74 73 103 124 121 117 Fonte: Regione Siciliana, ARTA, DRU, U.O. 2.1. - Statistiche territoriali. 2006 87 39 126 2007 90 39 130 2008 94 40 133 2009 97 40 137 2010 101 40 141

Dallesame dei dati si evince una stima complessiva del consumo di suolo nel quadriennio 2002-2005 di 464 Ha, pari ad un tasso annuo di copertura di 116 Ha. Si precisa inoltre che il dato da considerarsi sottostimato, in quanto si attribuito lo stesso coefficiente di copertura dei fabbricati residenziali anche a quelli non residenziali. Va inoltre sottolineato che, per quanto riguarda le proiezioni per il quinquennio 2006-2010, effettuate mantenendo lo stesso andamento tendenziale osservato nel periodo 2002-2005, si prevede che il suolo coperto dai nuovi fabbricati sar di ulteriori 667 Ha, per un incremento medio annuo di 133 Ha di suolo coperto.
7.1.2 Analisi delle violazioni e delle sanatorie edilizie

Il presente paragrafo, redatto con il contributo del DRU, Servizio 6, U.O. 6.4 Abusivismo edilizio, si propone di fornire un quadro di massima sullo stato delle violazioni edilizie e delle sanatorie edilizie in Sicilia che, come noto, rappresenta uno dei principali fattori di pressione sullambiente. Le attivit di monitoraggio in questo ambito sono sv olte dallU.O. 6.4 con il supporto dellOsservatorio Regionale delle Violazioni Edilizie e Sanatorie, istituito con D.D.R. n. 172 del 9/03/05 e successivo D.D.R. n. 36 del 15/02/08, allinterno del Dipartimento Urbanistica dellARTA Sicilia.
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

108 Cap. 7 Cap. 7

Per la trattazione del fenomeno violazioni edilizie si fatto riferimento ai dati provenienti dalle schede quindicinali per il periodo 01/03/2003-28/02/2006, che i Comuni siciliani hanno trasmesso alla Regione per gli adempimenti previsti dallart. 13, comma 1, della L.R. n. 17/1994 provvedimenti per la prevenzione dellabusivismo edilizio e per la destinazione delle costruzioni edilizie abusive esistenti. La scheda tipo di rilevamento di cui sopra, informatizzata e ad incremento continuo dei dati, elaborata in via sperimentale dallU.O. 6.4 e trasmessa a tutti i Comuni dellIsola, comprende, per il periodo in oggetto, lelenco degli abusi accertati, quelli oggetto di sanatoria , di cui alla Legge 326/03 (entrata in vigore nello stesso periodo di osservazione dei dati) e quelli oggetto di sanatoria con Legge n. 47/1985 e n. 724/1994, che nel periodo predetto sono stati completati con provvedimenti definitivi. Va comunque sottolineato che alcuni Comuni, con particolare riferimento a quelli medio-grandi, non sempre hanno riportato nella scheda gli abusi oggetto di sanatoria di cui alla Legge n. 326/2003. La scheda contiene tre tipi di informazioni: dalla colonna 2 alla colonna 11 vengono riportate le informazioni riguardanti i provvedimenti amministrativi sanzionatori relativi allabuso; dalla colonna 12 alla colonna 17 vengono riportate le informazioni relative ai caratteri distintivi e dimensione dellabuso, ed infine, nella colonna 18, vengono riportate le informazioni relative ai provvedimenti che hanno causato la sospensione del procedimento sanzionatorio e/o altre informazioni attinenti labuso. Il metodo ad incremento continuo dei dati ha consentito, inoltre, una verifica del periodo in osservazione attraverso lultimo elenco quindicinale. Nello specifico i 390 Comuni siciliani hanno trasmesso le schede in formato cartaceo; tuttavia soltanto 127 di questi hanno trasmesso le stesse anche per via telematica. Pertanto, ai fini di una corretta interpretazione della corrispondente analisi, va specificato che si fatto riferimento esclusivamente alle 127 schede pervenute telematicamente (pari a 136 Comuni) e tenendo conto delle discrasie gi evidenziate dovute alla parziale trascrizione da parte dei Comuni dei dati relativi agli abusi oggetto di istanze di sanatoria Legge n. 326/03 (tab. 7.5).
tab. 7.5: Numero e consistenza volumetrica delle violazioni edilizie per ogni provincia, tratte dagli elenchi quindicinali (periodo 1/03/03-26/02/06) relative a n. 127 comuni, di cui si ha la trasmissione telematica delle schede di rilevamento.
Provincia N. comuni 15 11 12 2 58 26 4 3 5 N. abusi 1.782 569 1.672 101 2.915 1.714 282 301 940 N. violazioni senza volumetria 322 107 295 42 657 165 94 88 101 Mc. violazioni con volumetria 210.941,5 43.209,9 192.628,5 13.323,2 343.865,4 215.130,6 53548,8 11.164,3 44.744,4 Volume totale delle costruzioni a cui riferito labuso (Mc.) (%) 307.920,0 68,5 27.898,8 154,9 101.491,9 21.612,1 595.091,3 114.493,8 32712,0 47.185,6 61.116,7 189,8 61,6 57,8 187,9 168,7 23,7 73,2

Agrigento Caltanissetta Catania Enna Messina Palermo Ragusa Siracusa Trapani

Totale 136 10.276 1871 1.128.556,6 1.309.522,2 86,2 Fonte: ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6- UO 6.4 - Abusivismo edilizio (Banca dati al 31/12/2006 - 4^ rilevazione)

Da una prima elaborazione dei dati provenienti dalle schede, si desume che complessivamente i Comuni hanno accertato n. 10.276 violazioni edilizie, di cui n. 1.871 violazioni senza nuova volumetria (cambio di destinazione duso, modifiche interne, insegne, modifica di prospetti, etc.), e n. 8.405 con volumetria, per un totale di 1.128.556,6 metri cubi. Per quanto riguarda invece la trattazione del fenomeno sanatorie edilizie, si fatto riferimento al monitoraggio sullo stato dei lavori in merito allistruttoria delle pratiche di sanatoria ed ilizia, di cui alle Leggi 47/85, 724/94 e 326/03, elaborato dallUnit Operativa 6.4 con il supporto dellOsservatorio delle violazioni edilizie e sanatorie e del referente statistico.
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

E a i z z o Ed di il li iz zi i ae ed du ur rb ba an n iz z za a zi i on ne e

Tale banca dati, attiva a decorrere dal 2003 (data del primo monitoraggio), stata avviata con la finalit di raccogliere informazioni sullo stato delle procedure relative alle pratiche di sanatoria, di cui alle Leggi n. 47/85 e n. 724/94. Nellanno 2004 stato fatto un primo aggiornamento dati. Nellanno 2005 lattivit di monitoraggio ha consentito di acquisire un aggiornamento sulle due leggi di sanatoria n. 47/85 e n. 724/94 e nel contempo un quadro conoscitivo di base sulle istanze di sanatoria, di cui alla sopravvenuta Legge n. 326/03. La rilevazione redatta per lanno 2006 risulta, in ordine di tempo, il quarto aggiornamento dati sullattivit dei Comuni in merito alle sanatorie edilizie, e fa seguito allentrata in vigore della L.R. 17/04, che ha dato lopportunit a tutti i Comuni dellIsola di redigere un Programma Operativo (art. 12 della suddetta legge), finalizzato allincentivazione, da parte dei Comuni, dellattivit di definizione delle pratiche di sanatoria edilizia (tab. 7.6), di cui alle leggi n. 47/85 e n. 724/94, per laccesso alla premialit nella spart izione delle risorse (da realizzarsi entro la data del 31/12/06, termine differito al 31/12/07 per effetto dellart. 49 della L.R. 2/07).
tab. 7.6: Pratiche di sanatoria presentate a livello regionale - Andamento delle pratiche presentate nellanno ed esitate nel periodo 2004-2006
Leggi di sanatoria (2003) 1 Rilevazione istanze presentate (n.) 499.574 178.637 90.512 (2004) 2a Rilevazione - pratiche esitate (n.) 159.684 37.669 (2005) 3a Rilevazione - pratiche esitate (n.) 175.539 41.955 2.094 (2006) 4a Rilevazione - pratiche esitate (n.) 199.857 50.524 6.092 256.473 Var. 3a e 4a Rilevazione (n.) (%)

109 Cap. 7

Legge 47/85 Legge 724/94 Legge 326/03

24.318 8.569 3.998 36.885

4,9 4,8 4,4 4,8

Totale 768.723 197.353 219.588 Fonte: ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6, UO 6.4 - Abusivismo edilizio

Si rileva che i privati in Sicilia, per il periodo di riferimento, hanno presentato in totale ai comuni 768.723 istanze di sanatoria e che al 2006 risultano definite n. 273.597 pratiche (pari al 33,4%). Nella successiva tab. 7.7 vengono riportati, nello specifico, i dati a livello provinciale.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

110 Cap. 7 Cap. 7

tab. 7.7: Pratiche di sanatoria presentate in ogni provincia per ogni legge di sanatoria - Andamento delle pratiche presentate nellanno 2003 ed esitate nel periodo 2004-2006
Istanze (2004) (2005) (2006) Var. 3a e 4a Ril. a a a presen2 Ril. 3 Ril. 4 Ril. (n.) (%) tate (n.) (n.) (n.) 1 Ril. (n) PA Legge 47/85 120.953 31.302 33.560 37.059 3.499 2,9 Legge 724/94 45.284 7.129 7.906 9.088 1.182 2,6 Legge 326/03 25.194 370 972 602 2,4 Totale 191.431 38.431 41.836 47.119 5.283 2,8 ME Legge 47/85 41.618 16.107 17.021 19.969 2.948 7,1 Legge 724/94 21.985 5.523 6.100 7.544 1.444 6,6 Legge 326/03 15.203 325 1.076 751 4,9 Totale 78.806 21.630 23.446 28.589 5.143 6,5 AG Legge 47/85 70.494 20.434 21.837 25.318 3.481 4,9 Legge 724/94 20.491 3.811 4.261 5.398 1.137 5,5 Legge 326/03 6.835 226 641 415 6,1 Totale 97.820 24.245 26.324 31.357 5.033 5,1 CL Legge 47/85 28.652 9.349 10.047 11.331 1.284 4,5 Legge 724/94 12.836 2.395 2.635 3.397 762 5,9 Legge 326/03 4.084 117 325 208 5,1 Totale 45.572 11.744 12.799 15.053 2.254 4,9 CT Legge 47/85 88.527 25.860 28.168 32.676 4.508 5,1 Legge 724/94 36.101 7.029 7.503 9.453 1.950 5,4 Legge 326/03 15.900 264 743 479 3,0 Totale 140.528 32.889 35.935 42.872 6.937 4,9 EN Legge 47/85 15.837 9.560 10.151 10.915 764 4,8 Legge 724/94 6.666 2.805 3.418 3.591 173 2,6 Legge 326/03 3.156 148 549 401 12,7 Totale 25.659 12.365 13.717 15.055 1.338 5,2 RG Legge 47/85 34.915 13.662 15.454 16.697 1.243 3,6 Legge 724/94 8.125 2.492 2.727 3.109 382 4,7 Legge 326/03 4.045 238 553 315 7,8 Totale 47.085 16.154 18.419 20.359 1.940 4,1 TP Legge 47/85 59.067 20.255 22.649 27.009 4.360 7,4 Legge 724/94 16.380 3.983 4.353 5.200 847 5,2 Legge 326/03 10.202 101 468 367 3,6 Totale 85.649 24.238 27.103 32.677 5.574 6,5 SR Legge 47/85 39.511 15.325 16.652 18.883 2.231 5,6 Legge 724/94 10.769 2.896 3.052 3.744 692 6,4 Legge 326/03 5.893 305 765 460 7,8 Totale 56.173 18.221 20.009 23.392 3.383 6,0 Fonte: ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6, UO 6.4 - Abusivismo edilizio (dati 2a , 3a e 4a rilevazione) Pro v Leggi sanatorie

Si desume che le province che hanno fatto registrare un incremento maggiore nella definizione delle pratiche esitate sono, nellordine, la provincia di Enna, con il 58%, quella di Ragusa con il 43,2% e di Siracusa con il 41,6%, mentre la provincia che in assoluto ha avuto un minore incremento, al di sotto della media regionale (33,4%), Palermo, con il 24,6 %. Nella tab. 7.8 sono riportate le informazioni richieste con la scheda di rileva mento dati (Leggi n. 47/85 e n. 724/94).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

E a i z z o Ed di il li iz zi i ae ed du ur rb ba an n iz z za a zi i on ne e tab. 7.8: Dati complessivi al 31/12/06 riferiti alle leggi di sanatoria n. 47/85 e n. 724/94, secondo le informazioni richieste con la scheda di rilevamento dati (Banca dati al 31/12/2006 - 4^ rilevazione)
Esiti istanze Legge 47/85 n. 499.574 19.943 190.373 244 2.828 799 % 100,0 4,0 38,1 0,0 0,6 0,2 1,0 0,1 0,3 4,3 40,0 44,2 0,6 0,0 Legge 724/94 n. % 178.637 100,0 6.515 3,6 47.224 26,4 154 0,1 1.327 0,7 261 0,1 1.484 122 484 7.052 50.519 92.899 189 17 0,8 0,1 0,3 3,9 28,3 52,0 0,1 0,0

Istanze presentate al 2006 Istanze esitate positivamente (concessioni) anno 2006 Istanze esitate positivamente (concessioni) fino al 2006 Istanze esitate negativamente (dinieghi) anno 2006 Istanze esitate negativamente (dinieghi) fino al 2006 Istanze che hanno avuto esito diverso (accorpamenti, archiviazioni, ecc.) anno 2006 Istanze che hanno avuto esito diverso 5.186 (accorpamenti, archiviazioni, ecc.) fino al 2006 Autorizzazioni edilizie esitate anno 2006 294 Autorizzazioni edilizie esitate complessivamente fino al 2006 1.470 Pratiche esitate nellanno 2006 21.280 Pratiche di sanatoria definite complessivamente al 31/12/2006 199.856 Istanze in attesa di atti integrativi 220.587 Silenzio assenso equivalente a concessioni edilizie 2.951 Silenzio assenso equivalente ad autorizzazioni edilizie 1 Fonte: ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6- UO 6.4 - Abusivismo edilizio

111 Cap. 7

Dallanalisi dei dati delle due Leggi n. 47/85 e n. 724/94, sommati in quanto le informazioni richieste con la scheda sono le stesse, si osserva che, su un totale di n. 678.211 istanze presentate, sino al 2006 risultano esitate positivamente n. 237.597 (35%) pratiche, esitate negativamente n. 4.155 (0,6%) pratiche, mentre 6.670 pratiche (1,0%), hanno avuto esito diverso (accorpamenti, archiviazioni, etc.) ed infine 313.486 pratiche (46,2%) sono state istruite sino alla richiesta di atti integrativi. Si evidenzia di seguito (tab. 7.9) landamento delle pratiche esitate annualmente con le due leggi citate.
tab. 7.9: Dati richiesti dalla scheda di rilevazione per le Leggi 47/85 e 724/94
1a Rilevazione (2003) 2a Rilevazione (2004) n. Esitate % n. Esitate % Legge 47/85 502.353 141.538 28,2 502.341 159.684 31,8 Legge 724/94 179.611 30.652 179.614 37.669 21,0 17,1 Totale 681.964 172.190 25,2 681.955 197.353 28,9 3a Rilevazione (2005) 4a Rilevazione (2006) n. Esitate n. Esitate n. Esitate Legge 47/85 500.066 178.072 500.066 178.072 500.066 178.072 Legge 724/94 179.525 41.946 179.525 41.946 179.525 41.946 Totale 679.591 220.018 679.591 220.018 679.591 220.018 Fonte: ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6- UO 6.4 - Abusivismo edilizio (Banca dati al 31/12/2006 - 4^ rilevazione) Leggi di sanatoria

Si rileva che la media percentuale delle pratiche esitate nellanno 2003 era del 25,2%, nel 2004 era del 28,9%, nel 2005 del 32,4% e nel 2006 del 36,9%, con una crescita tendenzialmente costante. Nella tab. 7.10 sono riportati i dati richiesti con la scheda di rilevazione per la Legge n. 326/03.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

112 Cap. 7 Cap. 7

tab. 7.10: Dati richiesti dalla scheda di rilevazione, riferiti alla Legge n. 326/03 (Banca dati al 31/12/2006 - 4^ rilevazione)
Esiti istanze Istanze presentate al 2006 Istanze esitate positivamente (titolo abilitativo) anno 2006 Istanze esitate positivamente (titolo abilitativo) fino al 2006 Istanze esitate negativamente (dinieghi) anno 2006 Istanze esitate negativamente (dinieghi) fino al 2006 Istanze che hanno avuto esito diverso (accorpamenti, archiviazioni, ecc.) - anno 2006 Istanze che hanno avuto esito diverso (accorpamenti, archiviazioni, ecc.) - fino al 2006 Pratiche esitate nellanno 2006 Pratiche di sanatoria definite complessivamente al 31/12/2006 Istanze in attesa di atti integrativi Silenzio assenso equivalente a titolo abilitativo in sanatoria Fonte: ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6- UO 6.4 - Abusivismo edilizio Legge 326/03 n. % 90.512 100,0 3.168 3,5 5.341 5,9 257 0,3 364 0,4 249 0,3 387 0,4 3.673 4,1 6.092 6,7 57.069 63,1 17 0,0

Dalla suddetta tabella, si rileva che, su un totale di 90.512 istanze presentate al 2006, risultano esitate n. 6.092 (6,7%) pratiche, di cui 5.341 (5,9%) con esito positivo (titolo abitativo), 364 (0,4%) con esito negativo (dinieghi) e 57.069 (62%) sono in attesa di atti integrativi. Questultimo dato risulta significativo dellefficacia delle incentivazioni previste per la definizione delle pratiche di sanatoria, presentate ai sensi della Legge n. 326/03, nel primo biennio di attuazione. Nella tab. 7.11 si confrontano i dati, in valore assoluto e percentuale, concernenti il numero di pratiche esitate rispetto a quelle presentate nelle tre rilevazioni disponibili.
tab. 7.11: Pratiche esitate rispetto a quelle presentate
Leggi di sanatoria Legge 47/85 Legge 724/94 Legge 326/03 Istanze presentate n. 499.574 178.637 90.512 2a Ril. (2004) n. 159.684 37.669 3a Ril. (2005) n. 175.539 41.955 2.094 4a Ril. (2006) n. 199.857 50.524 6.092 256.473 Var. 3a e 4a Rilevazione n. 24.318 8.569 3.998 36.885 % 12,2 17,0 65,6 14,4

Totale 768.723 197.353 219.588 Fonte: ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6- UO 6.4 - Abusivismo edilizio

palese un costante incremento delle pratiche esitate. Si rileva infatti che per il 2004 sono state esitate 197.353 pratiche (va ricordato che il dato riferito alle Leggi 47/85 e 724/94), mentre per il 2005 e il 2006, per le tre sanatorie, sono state esitate rispettivamente 219.588 (28,6%) e 256.473 (33,4%) pratiche, con un incremento pari al 4,8%. Inoltre, dal confronto tra la terza rilevazione e la quarta, si evidenzia, per le tre sanatorie, un incremento annuale di 36.885 (16,8%) pratiche esitate. Si rileva, infine, che lincremento di gran lunga pi consistente stato quello registrato per lultima Legge n. 326/03, il cui esame delle pratiche si incrementato in un anno del 190%. Ulteriori informazioni possono essere ricavate dalla tab. 7.12 seguente.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

E a i z z o Ed di il li iz zi i ae ed du ur rb ba an n iz z za a zi i on ne e tab. 7.12: Stato di istruttoria delle istanze di sanatoria edilizia: dinamica dellattivit istruttoria relativa alle pratiche in attesa di atti integrativi
Leggi di sanatoria Istanze presentate 3a Rilevazione (2005) Pratiche di sanatoria definite al 31/12/05 n. 175.539 41.955 2.094 Pratiche istruite in attesa di atti integrativi n. 165.133 70.262 35.170 4a Rilevazione (2006) Pratiche di sanatoria definite al 31/12/06 n. 199.857 50.524 6.092 Pratiche istruite in attesa di atti integrativi n. 220.587 92.899 57.069 370.555 Pratiche istruite in attesa di atti integrativi (var. 2005-2006)

113 Cap. 7

n. Legge 47/85 Legge 724/94 Legge 326/03 499.574 178.637 90.512

Assol. 55.454 22.637 21.899 99.990

% 33,6 32,2 62,3 37,0

Totale 768.723 219.588 270.565 256.473 Fonte: ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6- UO 6.4 - Abusivismo edilizio

Dalla tabella si desume che nellanno 2006 le pratiche in attesa di atti integrativi ammontano complessivamente a 370.555, con una differenza tra le due rilevazioni di circa 100.000 pratiche istruite in pi, pari al 37%. Quanto rilevato risulta un dato di grande interesse, in quanto evidenzia la maggiore operosit dei Comuni nellespletamento delle pratiche di sanatoria, senzaltro da a ttribuire sia alle disposizioni previste dalla L.R. n. 17/04, il cui mancato obiettivo determina il mancato accesso alla premialit, sia anche agli incentivi previsti dalla Legge n. 326/03. Per quanto riguarda la partecipazione dei comuni al Programma Operativo ex art. 12 L.R. n. 17/04, finalizzato alla completa definizione delle pratiche di sanatoria edilizia, si evince che 22 comuni (5,4%) non hanno partecipato, 53 comuni (13,6%) non hanno fornito alcuna informazione, mentre i due terzi dei comuni (66,9%) hanno predisposto il suddetto programma. Si rileva altres che 47 Comuni (12,1%) hanno interpretato, erroneamente, che la trasmissione di richiesta di atti integrativi costituiva definizione della pratica di sanatoria, per cui nella scheda di rilevamento risulta completato il predetto Programma Operativo. Inoltre, sul totale di 390 comuni solo n. 7 hanno definito tutte le istanze di sanatoria relative alle leggi n. 37/85 e n. 724/94, mentre un solo comune (Floresta), in assoluto, non ha in carico pratiche di sanatoria, in quanto privo di abusivismo edilizio. In definitiva, nel complesso le pratiche comunque trattate dai Comuni ammontano a circa l82% di quelle presentate e di queste per il 33% risulta rilasciata concessione edilizia in sanatoria e/o con autorizzazione edilizia. Invece, poco meno della met, cio il 48% delle istanze, risulta istruito sino alla richiesta di atti integrativi; ne rimane soltanto una quota residua, di circa il 18%, per la quale il sistema adottato (scheda di rilevamento) non ha potuto evidenziare la procedura istruttoria, non rientrando questa nellobiettivo della rilevazione. Tale procedura di tipo preliminare, tuttavia, potrebbe essere stata gi in parte attivata dai Comuni riducendo pertanto, ulteriormente, detta quota residua di pratiche da istruire. Altro aspetto molto importante, infine, quello inerente la stima dei tempi occorrenti alla mministrazione competente per esitare le pratiche di sanatoria rimaste. Si rileva oltretutto che, per completare tutte le pratiche, lamministrazione, stante la situazione attuale avrebbe bisogno di 12 anni di tempo per le pratiche della Legge n. 47/85, di 15 anni per quelle della Legge n. 724/94 e di 21 anni per quelle della Legge n. 326/03.

7.2

Normative di riferimento

Si elencano di seguito i principali riferimenti normativi: Legge n. 326/03; Legge n. 724/94; Legge n. 47/85; L.R. n. 17/94; L.R. n. 17/03.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

7.3
114 Cap. 7 Cap. 7

Interazioni con lambiente

Il fenomeno dellurbanizzazione, specialmente quello incontrollato, concernente in particolare le costruzioni di nuovi fabbricati e le violazioni edilizie, tra i primi elementi capaci di generare forti ripercussioni su tutte le tematiche ambientali. Appare quindi necessario regolamentare e monitorare costantemente tale fenomeno attraverso il completa mento e/o laggiornamento della pianificazione di settore, al fine di migliorare le condizioni di vita dei cittadini e innalzare gli standard di qualit ambientali nelle aree urbane.

7.4

Tendenze

La Regione Siciliana, attraverso il lavoro del DRU, U.O. 6.4, U.O. 2.1. e dellOsservatorio delle violazioni edilizie e sanatorie, rilevazione dopo rilevazione, sta migliorando le metodologie di raccolta, elaborazione e catalogazione dei dati sul monitoraggio di tale fenomeno. Va sicuramente segnalato, come gi osservato, inoltre che, in generale, la legislazione di incentivazione ha svolto la sua funzione di base nellaccelerare lespletamento delle pratiche di sanatoria

7.5

Impatto sulla salute della popolazione

Non semplice rilevare in maniera diretta gli impatti sulla salute della popolazione dovuti ai processi alledilizia ed ai processi di urbanizzazione3. Nello specifico va per sottolineata limportanza del rispetto delle regole dettate dagli strumenti urbanistici e dalle buone pratiche costruttive (rispetto delle distanze dagli argini dei fiumi, dai crateri dei vulcani, ecc). In caso contrario potrebbe finanche avvenire (anche a causa di eventi naturali) la perdita di numerose vite umane. Altro aspetto importante connesso alla salute, in senso lato dato dalla presenza di spazi verdi, piste ciclabili, isole pedonali e pi in generale, di zone e strutture destinate a migliorare le condizioni di vita della popolazione (asili nido, ecc.). Gli elementi di utilit sociale ed arredo urbano e hanno certamente un effetto sulla percezione della qualit della vita e quindi sul benessere della popolazione. Come evidente, per, questi effetti sono difficilmente valutabili e quantificabili.

7.6

Proposte e politiche di mitigazione

Gli elementi in grado di mitigare gli effetti delle violazioni e degli abusi edilizi nei confronti dellambiente sono le norme, gli strumenti e i programmi che dalllivello europeo a quello locale devono essere coerenti, aggiornati ed in linea con quelli che sono i reali problemi ambientali, in modo tale da rendere partecipi i cittadini nelle scelte da intraprendere per lo sviluppo presente e futuro delle citt.

Al fine di evitare duplicazioni, si richiama quanto indicato nel capitolo Popolazione e salute rispetto alla presenza di radon allinterno delle abitazioni.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

E a i z z o Ed di il li iz zi i ae ed du ur rb ba an n iz z za a zi i on ne e

Bibliografia essenziale di riferimento


ARTA Sicilia, DRU, Servizio 2, U.O. 2.1 Statistiche territoriali, Relazione di sintesi sulla dinamica dellattivit edilizia postcensuaria ed ipotesi per una stima della dell incidenza sul consumo di suolo; ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6, U.O. 6.4 - Abusivismo edilizio, Schede quindicinali riepilogative per il periodo 01/03/2003 28/02/2006; ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6, U.O. 6.4 - Abusivismo edilizio, Relazione sulla prima rilevazione (al 31/12/03) finalizzata allaggiornamento dei dati delle istanze di sanatoria edilizia di cui alle Leggi 47/85, 724/94 e 326/03 ; ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6, U.O. 6.4 - Abusivismo edilizio, Relazione sulla seconda rilevazione (al 31/12/04) finalizzata allaggiornamento dei dati delle istanze di sanatoria edilizia di cui alle Leggi 47/85, 724/94 e 326/032; ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6, U.O. 6.4 - Abusivismo edilizio, Relazione sulla terza rilevazione (al 31/12/05) finalizzata allaggiornamento dei dati delle istanze di sanatoria edilizia di cui alle Leggi 47/85, 724/94 e 326/03 ; ARTA Sicilia, DRU, Servizio 6, U.O. 6.4 - Abusivismo edilizio, Relazione sulla quarta rilevazione (al 31/12/06) finalizzata allaggiornamento dei dati delle istanze di sanatoria edilizia di cui alle Leggi 47/85, 724/94 e 326/03 ; ARTA Sicilia, Relazione sullo stato dell ambiente in Sicilia (2002); ISTAT, Annuario Statistico Italiano (2006); ISTAT, Statistiche dellattivit edilizia (1999-2005); Regione Siciliana, Annuario statistico regionale (2006).

115 Cap. 7

Glossario
Abitazione: uno o pi vani utili, destinati all abitare, con un ingresso indipendente su strada, pianerottolo, cortile, terrazza, ballatoio e simili; Ampliamento (del fabbricato): ulteriore costruzione, in senso orizzontale o verticale, di vani in un fabbricato gi esistente, con incremento di volume del fabbricato stesso; Concessione edilizia: autorizzazione onerosa alla realizzazione o trasformazione di manufatti edilizi rilasciata dal sindaco dietro presentazione di progetto; Fabbricato: costruzione coperta, isolata da vie o spazi vuoti, o separata da altre costruzioni mediante muri maestri che si levano, senza soluzione di continuit, dalle fondamenta al tetto, che disponga di uno o pi liberi accessi sulla via, con una o pi scale autonome; Fabbricato non residenziale: fabbricato o parte di esso destinato, prevalentemente o esclusivamente, a uso diverso da quello residenziale; Fabbricato residenziale: fabbricato o parte di esso destinato, prevalentemente o esclusivamente, a uso abitativo; Nuovo fabbricato: fabbricato costruito ex novo dalle fondamenta al tetto. Sono da considerare nuovi fabbricati anche quelli interamente ricostruiti; Vano (di abitazione): spazio coperto, delimitato da ogni lato da pareti (in muratura, legno o vetro), anche se qualcuna non raggiunge il soffitto. La parete interrotta da notevole apertura (arco e simili) considerata come divisorio di due vani, salvo che uno di essi, per le piccole dimensioni, non risulti parte integrante dell altro; Volume di un fabbricato (v/p vuoto per pieno): volume totale dello spazio compreso tra le pareti esterne, il pavimento pi basso e la copertura misurata dallesterno.

2 7 20 00 0 7

Trasporti

Carmelo DAgostino, TFA MATTM Mario Pantaleo, TFA MATTM

Consulenza scientifica: Prof. Ing. Salvatore Amoroso - Universit degli studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Ing. Pietro Zito - Universit degli studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti

Trasporti

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

118 Cap. 8 Cap. 8

8. T Tr ra as sp po or rt ti i

8.1

Caratteristiche strutturali

La Regione Siciliana dispone di una rete infrastrutturale che occupa il 4% dei circa 125.000 Ha di superfici artificiali, attestandosi al 5 posto a livello nazionale dopo la Lombardia, lEmilia Romagna, il Piemonte e il Veneto. La rete stradale esistente caratterizzata dai seguenti indicatori di dotazione infrastrutturale: 63,8 km/100 km2 di rete stradale per la Sicilia contro 57,2 per lItalia, 326 km/100.000 abitanti di rete stradale per la Sicilia contro i 293 per lItalia, e una densit abitativa di 197 abitanti/ km2 per la Sicilia contro 192 per lItalia. La rete ferroviaria siciliana si estende per 1.490 km e di conseguenza presenta un valore di 5,8 km/100 km2 inferiore rispetto al 6,6 per lItalia (dati ISFORT 2006). Tali dati, che da un punto di vista quantitativo non emergono scoraggianti, non sono per rappresentativi dello stato qualitativo di tale rete infrastrutturale in termini di funzionalit rispetto alla domanda. Il territorio regionale risulta infatti fortemente penalizzato in termini di accessibilit ai nodi centrali di produzione e servizi e, soprattutto, in termini di accessibilit alle aree interne. La causa principale di tutto ci deriva principalmente dal processo di urbanizzazione diffuso sul territorio che ha generato uno sviluppo insediativo e produttivo insufficientemente connesso da reti di collegamento. Ne deriva che i maggiori volumi di traffico vengono a concentrarsi soprattutto lungo le autostrade e nei tratti di strade statali prossime alle tre aree maggiormente urbanizzate (Palermo, Messina e Catania) e nelle zone costiere. La rete stradale appare spesso strutturalmente non adeguata in termini di sicurezza e conformit alla normativa europea.
8.1.1 La rete stradale

La Regione Siciliana persegue lo sviluppo ed il miglioramento del sistema del trasporto regionale e riconosce al trasporto pubblico locale un ruolo fondamentale per assicurare ai cittadini e alle imprese la migliore accessibilit e fruibilit del territorio, promuovendo interventi finalizzati al riassetto organizzativo del sistema in un ottica di miglioramento qualitativo e quantitativo dei servizi, alla salvaguardia dellambiente, alla riduzione dei consumi energetici ed alla vivibilit delle aree urbane. Nel 2005, in Sicilia, operavano 136 aziende tra pubbliche e private di cui 30 effettuavano servizio urbano, 77 servizio extraurbano e 27 servizio misto. La maggior parte di queste aziende possiede un numero di addetti e mezzi compreso tra 1 e 5 (42,5%) e solo il 5,2% dispone di un numero di addetti e mezzi superiore a 100 unit. La distribuzione provinciale dei dati sul trasporto pubblico locale mostra differenze in funzione della tipologia di servizio. Nel servizio urbano, ad esempio, il 54,6% dei passeggeri trasportato nel capoluogo, mentre nel servizio extraurbano le province con maggior traffico passeggeri sono quelle di Palermo ed Enna, che insieme coprono il 64% circa dellintero traffico extraurbano. Le principali problematiche connesse al trasporto pubblico locale (inquinamento atmosferico ed acustico, incidenti, problemi alla salute umana, danni agli ecosistemi e al patrimonio architettonico), riguardano in maniera particolare le aree densamente urbanizzate (aree metropolitane, industriali e commerciali), in quanto caratterizzate da unelevata densit di mobilit. Per tali aree auspicabile la messa a punto o lapplicazione di un processo di pianificazione e programmazione integrata ai fini del miglioramento della qualit della vita in ambito urbano e dellefficacia dei
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

T Tr ra as sp po or rt ti i

servizi (sincronia tra gli orari dei mezzi pubblici, miglioramento dellaccessibilit nei punti di interscambio e azioni di integrazione tariffaria con azioni finalizzate anche allottimizzazione del prelievo tariffario). Per il sistema stradale il Piano Direttore prevede interventi mirati al riassetto e al miglioramento dei livelli di servizio mediante interventi di completamento e ammodernamento, al fine di incrementare il livello di connettivit della rete stradale, velocizzando i collegamenti tra nodi urbani e tra aree costiere e dellentroterra, per migliorare laccessibilit alle grandi direttrici autostradali e favorire scambi produttivi e la mobilit delle persone e delle merci, allo scopo di ottimizzare i flussi di interscambio, locale ed extraregionali, ed i collegamenti tra i principali distretti produttivi e le aree metropolitane.
fig. 8.1: Interventi infrastrutturali sul sistema stradale

119 Cap. 8

Fonte: Stralcio Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilit (Piano Direttore)

8.1.2

La rete ferroviaria

La Regione Siciliana possiede una rete ferroviaria che si estende per 1.400 km, di cui circa 780 elettrificati o doppiamente elettrificati. Entrando nel merito dell adeguatezza tecnologica della dotazione, essa appare non adeguata (60,5) rispetto alla media nazionale a fronte del 119,1 del Centro-Nord e del 72,3 del Mezzogiorno. Nello specifico si rileva un significativo deficit per le linee a binario doppio elettrificato con un valore pari al 27,5 della media nazionale rispetto al 54,2 del Mezzogiorno. Per il sistema ferroviario il Piano Direttore prevede interventi mirati a migliorare la connettivit della rete ferroviaria nellIsola e il livello di integrazione con gli altri modi di trasporto, sia nel settore del trasporto passeggeri, per il ruolo che il sistema ferroviario andr a svolgere nell ambito del trasporto pubblico locale (in connessione con il sistema di trasporto pubblico su gomma), sia nel settore del trasporto merci, in vista del potenziamento dellintermodalit, anche attraverso la costruzione di centri di interscambio merci (interporti) in punti strategici del territorio regionale. Riguardo agli interventi sui sistemi metropolitani e urbani di Palermo, Catania e Messina si conferisce alla linea ferroviaria la necessaria funzione di asse di riferimento per il complessivo assetto della mobilit dei comprensori attraversati, e pertanto di elevata utilit ai fini della preservazione dellambiente e della decongestione delle reti stradali urbane ed extraurbane. In aggiunta a questi viene inoltre valutata lopportunit di eseguire interventi su ulteriori linee ferroviarie, definite di bacino in quanto a prevalente servizio di ambiti circoscritti ma non per
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

120 Cap. 8 Cap. 8

questo necessariamente a domanda debole, le quali potrebbero, se adeguatamente potenziate e ammodernate, svolgere un ruolo significativo nel sistema dei trasporti regionale.
fig. 8.2: Interventi infrastrutturali di raddoppio e di velocizzazione sul sistema ferroviario

Fonte: Stralcio Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilit (Piano Direttore)

8.1.3

La rete portuale

La Regione Siciliana dispone di un articolato sistema portuale che, per quanto riguarda il traffico merci, si suddivide in porti monoprodotto, polivalenti, e generici. Il porto di Palermo il principale porto polivalente seguito da quello di Catania. Il primo porto petrolchimico della Sicilia quello di Augusta con un traffico di circa 14,5 milioni di tonnellate di greggio e 11 di prodotti chimici annui. Infine, i porti di Gela e di Milazzo, di tipo petrolchimico, hanno un traffico annuo rispettivamente di 6 milioni di tonnellate annue tra greggio e prodotti chimici e di 6 milioni di tonnellate annue di prodotti petroliferi. Il comparto dei trasporti passeggeri trova a Messina il porto al quale fanno capo i principali servizi di collegamento continentali con Napoli, Salerno, Reggio Calabria, Villa San Giovanni ed Isole Eolie; al porto di Palermo fanno capo, invece, i collegamenti per Cagliari, Napoli, Genova, Livorno, Tunisi e Ustica.
8.1.4 La rete aeroportuale

La dotazione di infrastrutture aeroportuali si rileva anch essa soddisfacente sia in termini numerici (con un valore di 119 fatta 100 la media nazionale) che di superficie e numero di piste (rispettivamente 133,8 e 129,1 rispetto alla media nazionale). Per le dotazioni di servizio come larea di sedime ed i parcheggi, si segnalano invece degli indici significativamente al di sotto di quello nazionale (rispettivamente pari a 68,2 e 69). In Sicilia il maggior flusso di traffico aereo di persone si registra presso laeroporto di Catania, che nel 2004 ha gestito 51.227 voli (di cui 8.217 in traffico internazionale), corrispondente ad un traffico complessivo di passeggeri pari a 5.075.433 (di cui 936.505 per voli internazionali). Segue laeroporto di Palermo con 42.049 voli (di cui 7.190 in traffico internazionale) e 3.758.285 passeggeri (di cui 702.279 per voli internazionali). A livello regionale i passeggeri sono cresciuti del 22,3% nel biennio 2002-2004 (portando lincidenza complessiva sul flusso di passeggeri nazionale all8,9%) a fronte di una crescita nazionale meno sostenuta e pari al 18,1%. Da notare anche come il trasporto aereo di merci abbia
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

T Tr ra as sp po or rt ti i

unincidenza rispetto al flusso complessivo di merci su base nazionale molto pi bassa (1,8%), con una quota in calo nel periodo 2002-04 anche a seguito del notevolissimo incremento realizzatosi su scala nazionale. Per il sistema aeroportuale il Piano Direttore prevede interventi mirati al miglioramento dei collegamenti della Sicilia con lesterno, migliorandone laccessibilit, favorendo la mobilit di persone e di merci, innalzando gli standard di qualit del servizio con ladozione di sistemi di controllo del traffico aereo e la dotazione di infrastrutture per la sicurezza del volo e a terra e linterconnessione con le altre reti di trasporto a livello locale e regionale, con particolare riferimento ai collegamenti tra gli aeroporti e i principali centri urbani.

121 Cap. 8

8.2

Normative di riferimento

8.2.1.1 Normativa UE
La normativa europea di riferimento nel settore dei trasporti essenzialmente riconducibile a: Libro Bianco. La politica europea dei trasporti fino al 2010: il momento delle scelte, COM(2001) 370 Bruxelles, 12/09/2001; Quadro Comunitario di Sostegno. Approvato dalla Commissione delle Comunit Europee C(2004) 4689 del 30/11/2004; Transeuropea dei trasporti (TEN-T) sugli orientamenti comunitari per lo sviluppo della rete con decisione n. 884/2004/CE del Parlamento europeo e del Consiglio in data 29 aprile 2004, modifica la decisione n. 1692/96/CE.

8.2.1.2 Normativa nazionale


La normativa nazionale fa riferimento a: Piano Generale dei Trasporti e della Logistica approvato dal governo nel gennaio 2001; Programma Operativo Nazionale Trasporti approvato nel settembre 2001 ed adeguato nel giugno 2004;

8.2.1.3 Normativa regionale


La Regione Siciliana, a norma dellart. 17 dello Statuto, dotata di una competenza legislativa concorrente con quella dello Stato nel settore dei trasporti. Questo significa che a livello centrale si individua il quadro delle regole generali, mentre la Regione emana la disciplina di dettaglio e attuazione. La Legge costituzionale n. 3 del 18.10.2001 ha parzialmente modificato questa distribuzione di competenze, in quanto il nuovo testo dellart. 117 della Costituzione prevede che rientrino nellambito della legislazione concorrente solo le grandi reti di trasporto e di navigazione mentre spetta alle Regioni la potest legislativa in riferimento ad ogni materia no n espressamente riservata alla legislazione dello Stato. Conseguentemente, il nuovo assetto delle competenze nel settore dei trasporti risulta essere il seguente1: le grandi reti di trasporto e di navigazione sono oggetto di legislazione concorrente; tutti gli altri settori rientrano nella competenza legislativa esclusiva della Regione. Le leggi fondamentali che disciplinano il settore a livello regionale sono:

Lart. 10 della L. cost. n. 3 stabilisce, infatti, che Sino alladeguamento dei rispettivi Statuti, le disposizioni della presente legge costituzionale si applicano anche alle Regioni a statuto speciale per le parti in cui prevedono forme di autonomia pi ampie rispetto a quelle gi attribuite.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

122 Cap. 8 Cap. 8

il D.P.R. 17/12/1953 n. 1113, modificato ed integrato con il D. Lgs. n. 296 dell11/09/2000; Norme di attuazione dello Statuto Speciale della Regione Siciliana recanti modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 17 dicembre 1953, n. 1113, in materia di Comunicazioni e Trasporti; la legge regionale 04/06/1964 n. 10, concernente il decentramento di attribuzioni regionali in materia di trasporti e provvidenze per favorire la municipalizzazione degli autoservizi municipalizzati di linea; la legge regionale 14/06/1983 n. 68 recante norme per la predisposizione del Piano Regionale dei Trasporti, per la ristrutturazione ed il potenziamento dei trasporti pubblici locali nel territorio siciliano e per il collegamento con le isole minori; la legge regionale 32/2000 Disposizioni per lattuazione del POR 2000/2006 e di riordino dei regimi di aiuto alle imprese. Occorre inoltre segnalare che la Giunta di G overno della Regione Siciliana ha gi approvato un articolato Disegno di Legge di riforma del Trasporto Pubblico Locale, in coerenza con il D. Lgs n. 422/97 e sue successive modifiche ed integrazioni, che prevede, oltre che il confronto concorrenziale per laffidamento dei servizi, un complessivo riassetto delle attuali linee al fine di ottimizzare il sistema sottraendo quote consistenti alla domanda del trasporto su gomma privato; Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilit; Piano Direttore, adottato con D.A. n 237 16/12/2002; Piano Trasporto Merci e Logistica, adottato con D.A. n 33 23/02/2004; la legge regionale n. 11 del 5 luglio 2004, provvedimenti per favorire in Sicilia il trasporto combinato strada-mare delle merci. La Regione Siciliana intende perseguire cos lo sviluppo, il miglioramento e il superamento degli assetti monopolistici del trasporto pubblico per assicurare ai cittadini e alle imprese il diritto alla mobilit, laccessibilit e la fruibilit del territorio regionale, la salvaguardia dellambiente e il miglioramento della qualit della vita.

8.3

Interazioni con lambiente

La componente dei trasporti e mobilit costituisce un fattore determinante di pressione che interagisce su diverse tematiche ambientali, quali: atmosfera e cambiamenti climatici, energia, popolazione e salute umana, suolo, natura e biodiversit, paesaggio e patrimonio storico-culturale.
8.3.1 Inquinamento Atmosferico

Nel 2006 i capoluoghi di provincia registrano un tasso di motorizzazione (numero di autovetture per mille abitanti) crescente (graf. 8.1). Palermo la citt dove aumenta maggiormente il numero di autovetture (+1,8%); segue Catania (+1,5%). In tutti i capoluoghi esaminati aumentato il ricorso al motociclo come mezzo di trasporto sostitutivo per fronteggiare i problemi relativi al traffico urbano ed alle sempre maggiori limitazioni inerenti alla circolazione veicolare. Nel 2006 (graf. 8.2) il maggiore incremento nel numero di motocicli per mille abitanti si registra a Palermo (+9,8%) e Catania (+8,9%) .

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

T Tr ra as sp po or rt ti i graf. 8.1: Tasso di motorizzazione dei comuni capoluoghi di provincia siciliani


Autovetture per 1.000 abitanti
800
123 Cap. 8

700

600

500

400
2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006

Trapani Agrigento Catania

Palermo Caltanissetta Ragusa

Messina Enna Siracusa

Fonte: Elaborazione su dati ISTAT 2007 graf. 8.2: Consistenza dei motocicli per i comuni capoluoghi di provincia siciliani
Motocicli per 1.000 abitanti
200
160

120 80
40

0 2000
Trapani Agrigento Catania

2001

2002

2003
Palermo Caltanissetta Ragusa

2004

2005
Messina Enna Siracusa

2006

Fonte: Elaborazione su dati ISTAT 2007

I capoluoghi di Trapani, Enna e Ragusa non hanno una rete di centraline fisse per il monitoraggio della qualit dellaria . Per quanto riguarda gli inquinanti, Messina presenta un elevato numero di giornate di superamento del limite per le polveri sottili (PM10), mentre Palermo e Caltanissetta non superano il limite di 35 giornate annue di superamento del limite delle polveri sottili. Probabilmente, Messina paga lelevato traffico privato e merci di attraversamento da e per la Sicilia. Inoltre, Siracusa presenta un alto numero di superamenti dei biossido di azoto e dellozono per la presenza nelle sue vicinanze del polo petrolchimico.

8.4

Tendenze

Gli interventi previsti nei trasporti in Sicilia dalla pianificazione di settore e dalla programmazione economica, in particolare quelli connessi ai Fondi Strutturali 2007-2013, se non opportuna2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

124 Cap. 8 Cap. 8

mente valutati dal punto di vista della sostenibilit ambientale in fase di attuazione, potranno produrre impatti significativi in termini di consumo e frammentazione di suolo, aumento delle superfici artificiali ed antropizzate che esercitano pressione sul suolo, immissioni ed emissioni in atmosfera e in acqua, produzione di rifiuti e modifiche del paesaggio.
8.4.1 I consumi energetici ed emissioni

I consumi energetici del settore dei traporti in Sicilia sono stati messi in relazione al PIL ed alla popolazione; poich la domanda di trasporto ed i relativi consumi energetici sono determinati fondamentalmente da fattori economici e sociali. Lanalisi dei dati dei consumi energetici nel settore dei trasporti in Sicilia, consente di estrapolare landamento dei consumi energetici allorizzonte temporale del 2012. A partire dai dati relativi al consumo totale di fonti energetiche e attraverso lanalisi statistica delle serie storiche si definito il fabbisogno energetico per gli anni fino al 2012, ipotizzando che nessun intervento possa cambiare il trend dei consumi.
graf. 8.3: Relazione temporale tra consumi energetici e prodotto interno lordo).
(V a lo re d i rife rim e n to : 2 4 0 8 .9 ke p t co n sid e ra to p a ri a l 1 0 0 % )

1981

1991

2001

1982

1984

1990

1992

1983

1986

1987

1988

1989

1993

1994

1996

1997

1998

1985

P IL a p re z z i 1 9 9 5 s e c o n d o il S E C 9 5 (v a lo re d i rife rim e n to : 2 9 ,2 9 m il. c o n s id e ra to p a ri a l 1 0 0 % )

P IL a i p re z z o d i m e rc a to (v a lo re d i rife rim e n to : 3 7 .4 5 m il. d i c o n s id e ra to p a ri a l 1 0 0 % )

1995

1999

2000

2002

120% 115% 110% 105% 100% 9 5% 9 0%

120% 115% 110% 105% 100% 95% 90%

1981

1980

1982

1983

1984

1985

1986

1987

1988

1991

1990

1992

1989

1993

1994

1995

1996

1997

1998

Fonte: Elaborazione DITRA

Il graf. 8.3 mostra la relazione temporale tra consumi energetici nel settore dei trasporti e prodotto interno lordo. Si nota che ad ogni variazione del PIL corrisponde nell anno successivo unuguale variazione percentuale dei consumi di energia nel settore dei trasporti.
graf. 8.4: Consumi energetici nel settore dei trasporti (R2 = 0.89).

Fonte: Elaborazione DITRA

Nel graf. 8.4 mostrato landamento tendenziale dei consumi energetici nel settore dei trasporti, estrapolato a partire dai dati dei consumi relativi agli anni 1988 1999; la bont del metodo di stima confermata dal valore del coefficiente di determinazione R 2 pari a 0,89. La previsione di variazione dei consumi energetici nel periodo 2006 - 2012 si attesta su un incremento di circa l8%.
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

1999

2000

2001

C o n s u m i d i e n e rg ia (e s c lu s o B u n k e ra g g i in te rn a z )

T Tr ra as sp po or rt ti i

Un importante punto di riflessione il netto divario tra consumi relativi ai prodotti petroliferi rispetto ai consumi di energia elettrica nel settore dei trasporti.
graf. 8.5: Consumi energetici percentuali in Sicilia nel 2006 per tipologia di energia
125

Cunsumi Prod. Petroliferi, 99,37%

Consumi Energia Elettrica, 0,63%

Cap. 8

Fonte: Elaborazione DITRA

Infatti, graf. 8.5 evidenzia che nel settore in esame i consumi di energia elettrica sono assolutamente irrisori rispetto ai consumi di prodotti petroliferi. Da ci si desume che il trasporto merci e passeggeri intraregionale avviene, prevalentemente, su strada a scapito del trasporto su rotaia, penalizzato dal mancato sviluppo strategico delle linee ferroviarie della regione siciliana, soprattutto di quelle elettrificate. Dato peraltro confermato dai consumi energetici per le diverse tipologie di trasporto relativi allanno 2006 (graf. 8.6).
graf. 8.6: Consumi energetici in Sicilia nel 2006 per tipologia di trasporto Stradale; 84%

Bunkeraggi; 4% Ferroviari e Urbani; 1%

Navigazione aerea; 4%
Fonte: Elaborazione DITRA

Navigazione int.; 7%

Si pu notare che il trasporto su strada responsabile di circa l84% dei consumi energetici totali nel settore dei trasporti. Questo un dato cruciale per il rilevante impatto, sia in termini di consumi che di emissioni inquinanti, prodotto dal trasporto stradale legato, esclusivamente, ai combustibili di origine fossile. Per lo scenario tendenziale, caratterizzato da nessuna politica di intervento, stata considerata levoluzione del parco veicolare distinto per tipologia di alimentazione fino allanno 2012.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

graf. 8.7: Composizione del parco veicolare in Sicilia nell anno 2006
126 Cap. 8 Cap. 8

Motocarri, 1.56% Motrici, 0.36% Autocarri, 7.81% Autobus, 0.24% Motocicli, 8.19% Altri, 1.35%

Autovetture, 80.48%
Fonte: Elaborazione DITRA

Dal graf. 8.7 emerge che circa l80% del parco veicolare composto da autovetture, mentre sia i motocicli che gli autocarri si attestano solamente intorno all8%; di scarsa entit le altre tipologie veicolari. Il graf. 8.8 mostra i consumi di carburante per provincia in Sicilia (anno 2005). evidente come le province di Catania, Palermo e Messina sono quelle che consumano la maggior quantit di combustibili e di conseguenza presentano le maggiori criticit in termini di impatto ambientale connesso al trasporto.
graf. 8.8: Consumi provinciali di carburante in Sicilia - Anno 2005 900000 800000 700000 600000 500000 400000 300000 200000 100000 0

[ton]

GPL
Fonte: Elaborazione ARPA 2006

Gasolio

Benzina

Le emissioni inquinanti sono state stimate attraverso levoluzione temporale della densit della flotta veicolare (numero di auto/1000 abit., graf. 8.9). Questultima stata divisa per tipologia di veicolo (autovetture, autocarri, motocicli, autobus, altri); a sua volta le autovetture sono state suddivise per tipologia di alimentazione (benzina, diesel, GPL, metano).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

T Tr ra as sp po or rt ti i graf. 8.9: Densit di autovetture 700,00 600,00 500,00 400,00 300,00 200,00 100,00
127 Cap. 8

0,00 1994 2000 2006 2012


1990 1992 1996 1998 2002 2004 2008 2010

Stime
Fonte: Elaborazione DITRA

Valori reali

La densit per tipologia di veicoli stata stimata attraverso la procedura di adattamento dei minimi quadrati; la bont della stima confermata dal coefficiente di determinazione dei dati, che risulta pari a 0,93. stata ipotizzata una percorrenza media annua per ogni tipologia di veicolo (sorgente dati: Amici della terra 2005). Inoltre, in base alla velocit media sono stati determinati i relativi fattori di emissione secondo la segmentazione della flotta veicolare voluta (sorgente dati: CORINAIR database 2006). stata simulata levoluzione della flotta veicolare considerando un tasso di radiazione e di sostituzione dei vecchi veicoli con quelli nuovi, avendo come riferimento il tasso di radiazione caratteristico di ogni categoria di veicoli. Lanalisi dello scenario tendenziale dei consumi e delle emissioni (SO x, PM10, VOC, NOx, CO, e CO2), relativo al settore dei trasporti ha evidenziato diversi punti di criticit: 1. il settore dei trasporti caratterizzato, quasi esclusivamente da consumi di prodotti petroliferi rispetto ai consumi di energia elettrica (le proiezioni indicano un incremento dei consumi totali nel periodo 2006-2012 dell8%); 2. i consumi energetici per modalit di trasporto evidenziano che al solo trasporto stradale attribuibile l84% dei totali consumi nel settore dei trasporti contro meno dell1% per il sistema ferroviario; 3. le autovetture private, i mezzi commerciali leggeri e pesanti sono responsabili della maggior parte delle emissioni inquinanti in atmosfera; la simulazione evidenzia un progressivo aumento globale di tutti gli inquinanti.
8.4.2 1.1.2 La domanda di mobilit passeggeri e merci

Le caratteristiche di mobilit in Sicilia sono riassunte in tab. 8.1: Caratteristiche della mobilit in Sicilia. Si pu notare che la durata e la lunghezza media dello spostamento sono, rispettivamente pari a circa 19 minuti e 12 km. Il dato scoraggiante risiede nel valore relativo all uso dellauto privata che complessivamente si attesta sull87% per la Sicilia contro l82% per lItalia, mentre la quota di trasporto pubblico del 4,8% per la Sicilia contro il 7,8% per lItalia (graf. 8.10).

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

128 Cap. 8 Cap. 8

graf. 8.10: Numero di passeggeri annui trasportati per abitante dei comuni capoluoghi di provincia siciliani
160
Pax annui per abitante

120

80

40

0 2000 2001 2002 2003 Palermo Caltanissetta Ragusa 2004 2005 Messina Enna Siracusa 2006 Trapani Agrigento Catania
Fonte: Elaborazione su dati ISTAT 2007

Il trasporto merci e passeggeri per via marittima mostra un andamento altalenante su valori comunque modesti che costituiscono rispettivamente il 19% e il 21% del totale traffico merci e passeggeri nazionale. Nel settore aereo, la prevalenza del traffico si riferisce al trasporto passeggeri, essendo la quota relativa alle merci assolutamente marginale. Il trasporto ferroviario infraregionale copre appena 1% del traffico merci su strada, mentre quello da e per la Sicilia copre appena il 4,2% di quello su strada.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

T Tr ra as sp po or rt ti i tab. 8.1: Caratteristiche della mobilit in Sicilia


Indicatore
Popolazione residente in et compresa tra 14 e 80 anni % popolazione sul totale Italia (14-80 anni) Persone che sono uscite di casa (in un giorno feriale) % di persone che sono uscite di casa Tempo medio pro-capite dedicato alla mobilit N. medio di spostamenti giornalieri

Anno
2006 2006 2006 2006 2006 2006

Unit di misura
mgl % mgl % minuti N

Italia 48.293,00 100,00 40.439,00 83,70 62,00 2,96 39,80 30,80 29,40

Sud e isole 16.932,00 35,10 13.725,00 81,10 60,00 3,07 36,70 31,30 32,10

Sicilia 4.069,00 8,40 3.246,00 79,80 58,60 3,10 36,40 29,10 34,50 129 Cap. 8

% di spostamenti per tipo di attivit (con esclusione di quelli verso la propria abitazione) lavoro/studio gestione familiare/personale tempo libero/intrattenimento 2006 2006 2006 % % %

% di tempo dedicato a spostamenti per tipo di attivit (con esclusione di quelli verso la propria abitazione) lavoro/studio 2006 % 47,20 44,00 gestione familiare/personale tempo libero/intrattenimento Durata media totale dello spostamento Lunghezza media dello spostamento % di spostamenti effettuati almeno una volta al giorno Velocit media dello spostamento % di spostamenti che non si generano o non terminano nella propria abitazione % di spostamenti per modalit utilizzate: a piedi o in bicicletta mezzi di trasporto a motore di cui: moto/scooter/ciclomotore auto privata (come conducente) auto privata (come passeggero) mezzo pubblico combinazione di mezzi altro 2006 2006 2006 2006 2006 2006 % % % % % % 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 % % minuti km % km/h %

42,50 25,40 32,20 18,90 11,70 49,80 26,50 6,40

24,00 28,80 21,00 11,70 52,10 28,00 7,00

25,80 30,10 19,50 11,20 50,80 27,20 7,40

2006 2006

% %

22,00 78,00 5,30 73,40 9,50 7,80 3,80 0,10

21,50 78,50 5,00 74,00 12,10 6,60 2,20 0,10

19,00 81,00 6,70 75,00 12,10 4,80 1,40 0,00

Fonte: AUDIMOB ISFORT 2007

8.5

Impatto sulla salute della popolazione

Gli impatti potenziali sulla salute della popolazione si possono ricondurre essenzialmente agli effetti nocivi derivanti dallaumento delle emissioni inquinanti prodotti dal trasporto stradale legato, esclusivamente, ai combustibili di origine fossile. Altri fattori di impatto sono dovuti ai disagi e alle patologie determinate allaumento dellinquinamento acustico, in particolare nei centri urbani, e alla crescita degli incidenti automobilistici.

8.6

Proposte e politiche di mitigazione

Per migliorare la sostenibilit del sistema di trasporto in Sicilia, le politiche regionali devono necessariamente perseguire prioritariamente i seguenti obiettivi: minimizzare il costo generalizzato della mobilit; favorire la sostenibilit ambientale dei trasporti;

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

130 Cap. 8 Cap. 8

garantire la coerenza con i piani di riassetto urbanistico e territoriale e di sviluppo socio-economico nel rispetto della qualit ambientale; garantire la coerenza con le esigenze di protezione civile; favorire nei centri urbani e metropolitani il riequilibrio tra trasporto privato e pubblico, anche attraverso la realizzazione di sistemi di trasporto in sede propria nellobiettivo di ridurre congestione, inquinamento ed incidentalit; realizzare un sistema integrato ed equilibrato di mobilit, favorendo la sinergia delle singole modalit nello spazio (nodi di interscambio) e nel tempo (integrazione orari), sviluppando il sistema ferroviario come vettore per i collegamenti caratterizzati da una consistente domanda di trasporto e i vettori su gomma come adduttori e per il deflusso ai nodi di interscambio ed alle direttrici principali; assicurare la funzione sociale del trasporto pubblico soprattutto nelle zone interne e montane, soddisfacendo le esigenze di mobilit dei pendolari e delle categorie disagiate e i collegamenti con i poli terminali; favorire lo sviluppo di modelli organizzativi e finanziari congruenti con i programmi di intervento e di politica dei trasporti di interesse regionale e locale; migliorare lorganizzazione del trasporto merci intermodale, attraverso la realizzazione di un sistema logistico distribuito, adeguato alla consistenza dei flussi di merci; promuovere lapplicazione dellICT (Information Communication Technologies) nella gestione della mobilit urbana.

Bibliografia essenziale di riferimento


Regione siciliana - Dipartimento trasporti e comunicazioni - REMOMED Rseau europen intermodal pour un dveloppement intgr des espaces de la mditerrane occidentale Interreg IIIB mediterrane occidentale, luglio 2006. Ministero delle Infrastrutture - Programma Operativo nazionale "Reti & Mobilit 2007-2013". Agenzia per la protezione dellambiente e per i servizi tecnici (2005c), Qualit dellambiente urbano II Rapporto APAT Edizione 2005 Roma Agenzia per la protezione dellambiente e per i servizi tecnici (2005d), La mobilit in Italia: indicatori su trasporti e ambiente. Dati di sintesi Anno 2005 Roma Automobile Club dItalia (ACI) (2005), Annuario statistico 2005 Roma, giugno 2005 A.N.P.A. (2000) Analisi e validazione metodologie per il calcolo delle emissioni inquinanti dei trasporti ; Roma; Contaldi, De Laurentis, Picini. ARPA Sicilia (2007) Annuario dei dati ambientali 2006, Palermo. Assessorato Regionale al Territorio e all Ambiente (ARTA), 2002: Relazione sullo stato dell ambiente in Sicilia. Palermo. Assessorato Regionale ai Trasporti, Dipartimento trasporti e comunicazioni, Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilit, PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. Palermo, Regione Siciliana 2004. Assessorato Regionale ai Trasporti, Dipartimento Trasporti e Comunicazioni, Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilit. Piano Direttore: Indirizzi strategici ed interventi prioritari del sistema di trasporto e della mobilit generale in Sicilia, Palermo, Regione Siciliana, 2003. Contaldi M., Pignatelli R. (2002), Mobilit sostenibile Una proposta metodologica ANPA, Roma EMEP/CORINAIR (1999): "Atmospheric Emission Inventory Guidebook", second edition, september 1999. European Commission (2001a), European Transport Policy for 2010: time to decide COM(2001)270 White Paper of the Commission of the European Communities Brussels,Belgium European Commission (2001b), A sustainable Europe for a better world: a European Union strategy for sustainable deve lopment COM(2001)263 final Communication from the Commission of the European Communities Brussels, Belgium European Commission (2001c), Environment 2010: our future, our choice The Sixth Environmental Action Programme COM(2001)31 final Communication from the Commission to the Council, the European Parliament, the Economic and Social Committee and the Committee of the Regions Brussels, Belgium European Commission (2005), TransEuropean Transport Network TENT priority axes and projects 2005 European Communities, Belgium European Environment Agency (2004b), EEA Signals 2004 A European Environment Agency update on selected issues Office for Official Publications of the European Communities, Luxembourg European Environment Agency (2004c), Transport price signals Monitoring changes in European transport prices and

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

T Tr ra as sp po or rt ti i
charging policy in the framework of TERM Copenhagen, Denmark EUROSTAT (2002), Transport and environment: statistics for the Transport and Environment Reporting Mechanism (TERM) for the European Union, data 19802000 Unpublished electronic update Federtrasporto (2005), Indicatori congiunturali sul settore dei trasporti n. 20 I semestre 2005 Roma, luglio 2005 Istituto nazionale di statistica (2001), I trasporti su strada e lambiente Roma Istituto nazionale di statistica (2005), Statistiche degli incidenti stradali Anni 20032004 Roma ISTAT, Statistiche degli incidenti stradali. Anno 2000. Roma, ISTAT, 2003. ISTAT, Statistiche dei trasporti. Anno 1999. Roma, ISTAT, 1999. Liburdi, R. (2004), La stima delle emissioni da trasporto stradale dal 1990 al 2000 APAT, Roma Organisation for Economic Cooperation and Development (2004), OECD Key Environmental Indicators 2004 OECD Environment Directorate Paris, France Servizio Statistica della Regione Siciliana (2005), Annuario Statistico della Regione 2004. ACI, Autoritratto, Roma, Anni vari ACI, Annuario statistico 2006, Roma, 2006 APAT, Italian Greenhouse Inventory 1990-2004, National Inventory Report 2006, Roma, 2006 European Commission, European Transport Policy for 2010: Time to Decide - COM(2001)370 - White Paper of the Commission of the European Communities - Brussels, Belgium, 2001a European Commission, A Sustainable Europe for a Better World: a European Union Strategy for Sustainable Development - COM(2001)263 final - Communication from the Commission of the European Communities - Brussels, Belgium, 2001b European Commission, Environment 2010: Our Future, Our Choice - The Sixth Environmental Action Programme COM(2001)31 final - Communication from the Commission to the Council, the European Parliament, the Economic and Social Committee and the Committee of the Regions - Brussels, Belgium, 2001c E. E. A., Emission Inventory Guidebook - Road Transport, Copenhagen, 1996 European Environment Agency, Transport and Environment: Facing a Dilemma - TERM 2005: Indicators Tracking Transport and Environment in the European Union - EEA Report No 3/2006 - Copenhagen, 2006 EUROSTAT, Statistics in Focus - Transport - 9/2006 E. C. - Luxembourg, 2006 INFRAS, External Costs of Transport - Update Study, Zurich/Karlsruhe, 2004 ISFORT, Audimob: Osservatorio sulla mobilit degli italiani, Roma, 2006 ISTAT, Indicatori ambientali urbani - Anni 2002-2003, Roma, 2005 ISTAT, Statistica degli incidenti stradali - Anni 2003-2004, Roma, 2005 ISTAT, Annuario statistico 2006, Roma, 2006 M. Contaldi - R. Pignatelli, La mobilit in Italia: indicatori su trasporti e ambiente - Dati di sintesi - Anno 2005 APAT, Roma, 2005 Ministero delle Attivit Produttive, Bilancio energetico nazionale, Roma, Anni Vari Ministero delle infrastrutture - Ministero dei Trasporti, Conto nazionale delle infrastrutture e dei trasporti - Anno 2004, Roma, 2006 OCSE, Rapporto sulle performance ambientali - Italia, Parigi, 2002 Ufficio Statistico Regionale annuario 2006 Unione Petrolifera, Relazione Annuale 2006, Roma, 2006.

131 Cap. 8

2 7 20 00 0 7

Turismo

Maurizio Lisciandra, TFA MATTM Antonino Genovesi, TFA MATTM Antonella Barbara1 TFA MATTM Anna Maria Beltrano2 TFA MATTM

Turismo
Ringraziamenti: Domenico Cavarretta, Ufficio Speciale per la Montagna, Regione Sicilia

1 2

Per la parte relativa a Pescaturismo e Ittiturismo Per la parte relativa a Pescaturismo e Ittiturismo

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

134 Cap. 9 Cap. 9

9. T Tu ur ri is sm mo o

Il turismo un fattore di pressione ambientale e s inserisce, in alcuni contesti territoriali, tra le tematiche pi rilevanti di sostenibilit ambientale. Il concetto di turismo sostenibile risponde alle esigenze di sviluppo dei territori ad alta vocazione naturalistico - culturale e alla tutela di tali ricchezze in unottica di mantenimento e conservazione di lungo periodo. Il World Travel and Tourism Council ha elaborato una definizione univoca di turismo sostenibile, inteso come quel tipo di turismo che soddisfa le esigenze attuali dei turisti e delle regioni daccoglienza, tutelando al contempo e migliorando le prospettive per il futuro. Esso deve integrare la gestione di tutte le risorse in modo tale che le esigenze economiche, sociali ed estetiche possano essere soddisfatte, mantenendo allo stesso tempo lintegrit culturale, i processi ecologici essenziali, la diversit biologica e i sistemi viventi.

9.1

Caratteristiche strutturali

Il turismo, per la Sicilia, ritenuto uno dei fattori trainanti per lo sviluppo; ciononostante lofferta di accoglienza turistica risulta carente rispetto al resto dItalia. Ma la rilevanza del settore destinata a crescere in futuro, a seguito delle specifiche politiche adottate dalla Regione nellambito degli strumenti di programmazione europei. Nel 2005 erano presenti 964 alberghi (il 2,9% del totale nazionale) e 1.774 strutture complementari di cui 102 campeggi e villaggi turistici (il 2,2% dellintero paese). I posti letto offerti dagli alberghi nella regione sono 91.669, il 4,5% del dato nazionale, in calo rispetto al 2004 di oltre 6.000 unit. La maggior parte degli esercizi alberghieri si trova nella provincia di Messina (34% del dato regionale). Seconda in graduatoria Palermo in cui opera quasi 1/5 degli alberghi dellIsola, seguita da Trapani con il 14%, mentre si trovano in coda le province di Enna e Caltanissetta, le quali insieme dispongono di 30 strutture in totale. Il 40% delle strutture complementari siciliane si concentra a Messina (Arcipelago Eoliano, Taormina, Capo dOrlando) e Palermo (Cefal). Un aspetto non secondario della ricettivit dato, per lappunto, dalle strutture complementari. Si tratta dei campeggi, degli agriturismo, degli ostelli, dei bed & breakfast e delle case vacanza. Questa tipologia di strutture ha unofferta di circa 60.000 posti letto. In generale, la dimensione e la tipologia delle strutture complementari e la dispersione sul territorio fanno pensare ad una maggiore sostenibilit del turismo non alberghiero, da un punto di vista paesaggistico e di uso del suolo, ma anche in questo caso restano le pressioni derivanti dalla maggiore presenza di popolazione sul territorio.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

T Tu ur ri is sm mo o

La domanda turistica riguardante un determinato territorio caratterizzabile essenzialmente in termini di presenze (numero di notti trascorse dai clienti negli esercizi ricettivi) e di arrivi (numero di turisti in arrivo sul territorio di riferimento). Il rapporto tra presenze e arrivi quantifica la permanenza media dei turisti. A tal proposito, nel 2005 sono stati 4.297.716 gli arrivi in Sicilia, con 13.746.663 presenze registrate, la permanenza media pari a 3,20. Il rapporto tra presenze e numero di posti letto teorici per anno 3, indica percentuali di utilizzo pari al 25%: tale dato non manifesta un sovradimensionamento dellofferta, ma piuttosto la dimostrazione della stagionalit della richieste. Questi dati, cos come presentati, offrono poche intuizioni sullimpatto che il turismo pu avere sul territorio siciliano. Per questo scopo, vi sono degli indici che forniscono una visione pi completa del fenomeno turistico e dellinterazione con lambiente. Ad esempio, un indice che misura la concentrazione delle strutture ricettive in rapporto alla superficie l indice di densit territoriale del turismo pari a D = L/S, dove Lct sono i posti letto totali4 ed S la superficie del territorio in km2. Questo indice rappresenta una stima dellimpatto delle strutture ricettive sullambiente, a valori maggiori dellindice corrisponde un maggiore impatto territoriale del settore turistico-ricettivo. In Sicilia per 350 comuni questo indice inferiore a 30, sono solo 40 i comuni con un indice superiore. I risultati mostrano valori elevati per il comprensorio dei comuni che gravitano attorno a Taormina (481), Sant Alessio (194), Letojanni (362), Giardini Naxos (1203); per ci che riguarda le isole minori: Lipari (50), Leni (47), Ustica (125), Lampedusa e Linosa (61), Favignana (72). I valori rimangono superiori alla media negli altri territori ad elevato impatto turistico, quali Isola delle Femmine (272), Cefal (101) e San Vito lo Capo (83). Un indicatore della pressione antropica che esercita il turismo in un determinato territorio dato dallindice di funzione turistica di Defert (1967), pari a F = L/P 1000 dove L il totale dei posti letto e P la popolazione residente nel territorio analizzato. A valori pi grandi dellindicatore vengono associate realt territoriali in cui il comparto turistico-ricettivo maggiormente presente nelleconomia locale, ma produce anche maggiore pressione antropica. Lindice mostra le maggiori pressioni nei comuni di San Vito lo Capo (1218), Letojanni (936), Sant Alessio Siculo (886), Ustica (781), Giardini Naxos (698), Favignana (627), Leni (600), Taormina (577), Cefal (488), Pollina (485), Piraino (450) e Lipari (411). La distribuzione territoriale disomogenea dei flussi turistici si affianca alla stagionalit dei flussi stessi, creando sovraffollamento in specifici periodi di piccole porzioni territoriali. Gli stranieri che scelgono la Sicilia per trascorrere le proprie vacanze determinano un flusso con punte di maggiore concentrazione nel periodo aprile/ottobre, mentre i turisti italiani si concentrano, per scelta o per vincolo, nel mese di agosto e di aprile. Si ritiene di dover segnalare che vi sono flussi che sfuggono alle rilevazioni, come il turismo nautico, lecoturismo ed il turismo che si avvale delle seconde case e dellospitalit presso parenti o amici. Uno dei principali determinanti di fenomeni di congestione e degrado di alcune aree il turismo interno, il quale caratterizzato da una mobilit di breve raggio e dalluso di mezzi propri con destinazione verso le seconde case ed strettamente legato alle problematiche tipiche dellurbanizzazione del territorio. Il fenomeno dellurbanizzazione delle coste, dovuto alla concentrazione di abitanti lungo tali zone e al conseguente aumento di attivit produttive quali pesca, trasporti marittimi, edilizia e turismo in misura non sostenibile per il territorio, comporta in

135 Cap. 9

3 4

Capienza teorica: Posti letto totali per numero di giorni anno 151.669*365= 55.359.185. Sono considerati i posti letto di tutte le strutture ricettive, inclusi i campeggi.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

136 Cap. 9 Cap. 9

molti casi danni ambientali irreparabili. Lungo le coste siciliane si addensano insediamenti residenziali, nei quali non si distinguono le localit urbane dai villaggi turistici. A tal proposito i dati relativi al censimento delle abitazioni indicano un rapporto fra n abitanti e abitazioni particolarmente basso sia nei comuni rurali a causa degli abbandoni 5, sia nei comuni costieri dai litorali pi appetibili6, sia nelle isole minori di Pantelleria, Favignana e Lipari, le quali hanno indici pari circa ad 1,2 abitanti per abitazione. Questi dati sono indicativi di quanto questi luoghi soffrano di problemi di stagionalit stanziale, con la conseguenza che lurbanizzazione, la carenza di pianificazione e gli abusi edilizi hanno creato un vulnus sullambiente di notevole entit. Se allurbanizzazione, legata alla stagionalit stanziale, si associa la costruzione indiscriminata7 di edifici turistici per la ricettivit o lattrazione turistica in genere ci si rende conto di come tale pressione ambientale possa superare le capacit di carico degli ecosistemi. Un ulteriore pressione da turismo sullambiente marino e costiero pu essere dovuta alla presenza di porti turistici, sia per le mere presenze turistiche su territori tipicamente naturalistici sia per le attivit antropiche legate al turismo nautico-marino quali le immersioni con autorespiratore, gli ancoraggi, il calpestio (trampling), la navigazione e la balneazione. Come fatto in precedenza, occorre considerare la quota di turismo interno al quale si associano le imbarcazioni destinate al turismo lungo-costa e gli spostamenti nel raggio di poche miglia dal porto di partenza. Il turismo interno causa in alcuni periodi dellanno il sovraffollamento di alcune aree e le inevitabili conseguenze di inquinamento da carburante e rumore, e porta con s vantaggi economici ridotti. A tal proposito in Sicilia sono registrate 4.598 imbarcazioni da diporto 8, che rappresentano il 4,9% del totale nazionale, 10.6859 sono i posti barca totali disponibili lungo i 1.473 km di litorale siciliano, con unofferta pari all8,2% sul totale nazionale; lindice di affollamento10 pari a 43, contro il 71,8 del resto del Paese, il numero di posti barca per km di litorale 7,3, contro il 16,3 del resto del Paese.

9.2

Normative di riferimento

Nel contesto comunitario, il turismo non rientra tra le materie per le quali lUE pu definire una politica propria anche se pu adottare misure di orientamento e sviluppo; tipicamente si demanda alle singole nazioni la disciplina del turismo e degli aspetti legati allo sviluppo. In Italia il quadro normativo di riferimento costituito dalla legge 135 del 2001 e dalla riforma del Titolo V della Costituzione (artt. 117 e 118), che prevede il trasferimento della materia alla

5 6

Ad esempio Tripi (ME), Butera (CL), Novara di Sicilia (ME) hanno rapporti inferiori ad 1. Ad esempio, Santa Marina di Salina (ME), San Vito lo Capo (TP) ed Oliveri (ME) con un rapporto pari circa ad 1. 7 Per costruzione indiscriminata si intende la costruzione di strutture alberghiere, o ricettive in genere, la cui ricettivit (numero di stanze e/o dimensione della struttura) sono sovradimensionate rispetto alle zone nelle quali sono collocate e ci si pu riferire anche alla relativa costruzione in particolari aree di rilevanza ambientale. 8 Unit iscritte nei registri marittimi e della MCTC al 31.12.2005. 9 Il numero di posti barca deve risultare maggiore del parco nautico circolante, in considerazione della necessit di accogliere unit da diporto provenienti da altri Paesi al fine di valorizzare ed accrescere lofferta di strutture turistiche del Paese. Allo stesso tempo, il posto lasciato libero da unimbarcazione o nave da diporto pu essere occupato d a pi unit di piccola dimensione. 10 Numero di unit iscritte per ogni 100 posti barca offerti.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

T Tu ur ri is sm mo o

competenza esclusiva delle regioni, riservando allo Stato la definizione dei principi e dei progetti di sviluppo, nel rispetto della sussidiariet. Le Regioni hanno pertanto piena potest normativa ed amministrativa. Di fatto, la Sicilia, come Regione a statuto speciale, gi esercita nellambito del proprio territorio le funzioni amministrative degli organi centrali e periferici dello Stato in materia di turismo, vigilanza alberghiera, tutela del paesaggio, conservazione delle antichit e delle opere artistiche, a norma dellart. 20, in relazione allart. 14, lettere (d) (n), dello Statuto ed in conformit al D.P.R. 9.4.1956 (G.U. 15.8.1956 n. 147), modificato ed integrato con DPR 30.8.75 n. 640 (G.U. 18.12.75 n. 333) relativo alle norme di attuazione dello Statuto della Regione Siciliana in materia di Turismo e Vigilanza Alberghiera. Nelle competenze dei Comuni rientrano invece tutte le materie che riguardano la promozione e il sostegno di manifestazioni e di iniziative artistiche, culturali, sportive e di spettacolo, di interesse comunale. La legge 135/01 prevede la creazione dei sistemi turistici locali (STL), cio contesti turistici omogenei caratterizzati dallofferta integrata di beni culturali, ambientali e di attrazione turistica, compresi i prodotti tipici dellagricoltura e dellartigianato locale, o dalla presenza diffusa di imprese turistiche singole e associate. Gli STL rappresentano uno strumento di sostegno per la co llaborazione tra enti differenti per la gestione integrata del territorio mutuandone il modello dai distretti industriali. Purtroppo tali strumenti non sono ancora stati recepiti dalla legislazione regionale. In ambito nazionale gli Enti che si interessano di turismo sono essenzialmente due: il Dipartimento del Turismo e lEnte Nazionale per il Turismo (ENIT). Il Dipartimento del Turismo funge da punto di riferimento nazionale per quegli aspetti che sono al di sopra delle competenze regionali. Le sue funzioni sono quelle di programmazione, di collegamento con la Comunit Europea, di coordinamento delle azioni delle Regioni (anche in unottica di promozione dellimmagine dellItalia allestero), di raccolta e gestione di dati, di controllo sugli Enti gi vigilati dal Ministero, di sostegno allo sviluppo di un turismo per disabili. L ENIT opera al servizio di Stato, Regioni e operatori privati come ente di indirizzo, di programmazione e di coordinamento tecnico operativo. Ha il compito principalmente di promuovere allestero limmagine dellItalia e le compete anche il coordinamento delle Regioni per la promozione turistica dellItalia allestero. Con il decreto legge n. 35 del 14 marzo 2005, convertito nella legge n. 80 del 14 maggio 2005, stato istituito il Comitato nazionale per il turismo con compiti di orientamento e coordinamento delle politiche turistiche nazionali, delle regioni e delle categorie per il rilancio del settore turistico in Italia e allestero. La Regione esercita quindi tutte le sue funzioni in ordine agli enti provinciali del turismo, alle aziende autonome di cura, soggiorno e turismo ed agli altri enti, istituzioni ed organizzazioni locali operanti nel settore. Per ci che riguarda la propria attivit promozionale turistica all estero, invece, la Regione utilizza per lappunto le strutture dellENIT. La legislazione turistica si nel tempo arricchita di un quadro normativo composito per le certificazioni di qualit dei servizi turistici delle imprese. Infatti, le imprese che operano in tale ambito hanno oggi a disposizione diversi strumenti: Gli standard EN UNI ISO 14001. Sono uno strumento di certificazione in ambito internazionale disciplinato dallInternational Organization for Standardization (ISO), organismo di natura privatistica. La norma EN UNI ISO 14001 del settembre 1996, recepita in Italia nel novembre 1996 e successivamente integrata e modificata nel 2000, fornisce i requisiti di un sistema di gestione ambientale che permette a unorganizzazione di formulare una politica ambientale e stabilirne gli obiettivi, tenendo conto delle prescrizioni legislative e delle informazioni riguardanti gli impatti ambientali significativi. Le certificazioni ISO 14001 possono essere utilizzate da qualsiasi organizzazione aziendale pubblica o privata. Il regolamento europeo EMAS. un sistema di gestione ambientale applicabile a qualsiasi organizzazione pubblica o privata per il miglioramento delle prestazioni ambienta2 7 20 00 0 7

137 Cap. 9

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

138 Cap. 9 Cap. 9

li. stato adottato nel 1995 e successivamente revisionato (2001) per integrare la norma ISO 14001. Lapplicazione dellEMAS nel settore turistico utilizzata dalle singole attivit ricettive ed particolarmente apprezzata negli STL. Il sistema di etichettatura europeo Eco-label. un sistema al quale si aderisce su base volontaria, esteso anche ai servizi. stato istituito nel 1992 e successivamente modificato dal regolamento 1980/2000. Con decisione della Commissione 2003/287/CE sono stati stabiliti i criteri per lassegnazione del marchio comunitario di qualit ecologica ai servizi di ricettivit turistica. Liniziativa per la definizione dei criteri per lEco-label europeo stata condotta dallItalia, che stata indicata come Paese leader per lo sviluppo dei criteri ecologici dei campeggi. LEco-label per il turismo in vigore dal 1 maggio 2003.

9.3

Interazioni con lambiente

Lambiente, come ingrediente fondamentale del prodotto turistico, viene inevitabilmente cambiato o modificato sia per promuovere il turismo sia durante il processo turistico. Il turismo contribuisce alla protezione e conservazione del patrimonio ambientale attraverso la valorizzazione delle risorse naturali. Allo stesso tempo, un turismo concentrato in aree limitate e in brevi periodi pu comportare notevoli impatti negativi sull ambiente, quali, ad esempio, problemi nel funzionamento degli impianti di depurazione (dimensionati per la sola popolazione residente), eccessiva produzione di rifiuti rispetto al carico sopportabile, aumento di traffico automobilistico e quindi di inquinamento atmosferico, interferenze con le aree naturali protette, in generale un aumento del consumo di beni primari e risorse (consumi alimentari, energetici, idrici, inquinamento acustico, etc.). La vocazione economica di un territorio a fini turistici determina pressioni sull uso del suolo per la creazione di infrastrutture, la modificazione e la possibile perdita di biodiversit. Lo sfruttamento a fini turistici di aree a valenza paesaggistico-archeologica, comporta i problemi gi indicati, ai quali aggiungere la pianificazione per la fruizione dei beni. Il trasporto privato associato al turismo provoca impatti in termini di energia usata e di emissione di gas serra. La stagionalit del fenomeno, caratteristica molto diffusa in Sicilia, concentra gli spostamenti in automobile in determinati periodi dellanno, provocando congestione e sovraffollamento e richiedendo la realizzazione di infrastrutture stradali e di parcheggi. Il problema delluso delle risorse idriche specialmente nel periodo estivo, aggravato dall incremento della densit di popolazione dovuto al turismo. Un turista consuma mediamente oltre 300 litri di acqua al giorno e produce 180 litri di acque reflue al giorno.11 Per ci che riguarda la pressione del turismo sullambiente marino e costiero, si possono notare labbassamento delle falde idriche che vengono progressivamente invase da acqua salata, laccelerazione dellerosione delle coste e limpoverimento delle risorse ittiche. Pi in generale, si pu affermare che nessuna delle matrici ambientali considerate allinterno di questa RSA pu prescindere dai flussi turistici, ci significa che in talune porzioni di territorio, i fenomeni di inquinamento ambientale sono soggetti ad andamenti correlati con i flussi turistici. Il turismo ritenuto unattivit a basso impatto ambientale, ma che in alcune zone del territorio

11

EEA, Europes Environment: The Third Assessment, 2001.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

T Tu ur ri is sm mo o

dellIsola rischia di compromettere gli ecosistemi vigenti, in particolare negli arcipelaghi delle isole minori ed in talune aree quali Taormina, San Vito lo Capo, Cefal ed altri poli di attrazione turistica. In queste aree, gli effetti derivanti dall urbanizzazione sono certamente mitigati dalle regolamentazioni delle aree SIC (Siti di Interesse Comunitario), ZPS (Zone Protezione Speciale) e Rete Natura 2000.

139 Cap. 9

9.4

Tendenze

Il turismo, come stato descritto nelle precedenti pagine, in grado di esercitare pressioni sul contesto ambientale e di generare fenomeni di compromissione territoriale. Negli anni, in nome della vocazione del territorio siciliano a fare turismo e a prescindere da precipue richieste del mercato, sono state numerose le concessioni per complessi residenziali ed alberghi sullintero territorio siciliano. I dettami e le normative a salvaguardia della qualit dellambiente sono percepiti come opportunit di crescita anche economica e non solo come imposizioni. Le imprese si trovano ad affrontare un numero crescente di richieste legate alla qualit ambientale dei propri prodotti e servizi, alla necessit di un ambiente ben conservato dove vivere a contatto con la natura e allesigenza di un maggior rispetto dei luoghi dove le vacanze vengono consumate. Ci ha fatto s che le normative introdotte a tutela dellambiente sia a livello nazionale sia a livello comunitario trovassero campo fertile nel dar luogo a nuovi mercati turistici emergenti. La domanda di servizi eco-compatibili cresciuta in ogni campo delleconomia turistica, in particolar modo nel settore alberghiero, nel quale le scelte iniziano a indirizzarsi tenendo conto del fattore qualit ambientale. Nuovi marchi e certificazioni ambientali, quali EMAS, Eco-label e UNI EN ISO 14001, attirano lattenzione di turisti e aziende. Le tendenze terranno quindi in considerazione le migliorie apportate dalla normativa: ci significa che diminuir la quota di conseguenze non necessarie ai fini dello sfruttamento delle risorse naturali per scopi turistici. Si stanno sviluppando, a tal proposito, nuove tendenze turistiche che salvaguardano lambiente e offrono maggiore attenzione al territorio, alimentando nuovo sviluppo economico. A tal proposito ci si pu riferire al turismo naturalistico, al geoturismo (legato alla conoscenza dei luoghi), al turismo responsabile, al turismo geologico (ad esempio, viste le caratteristiche geologiche della Sicilia, vi sono gi degli itinerari geologici di rilievo come il parco delle Madonie (geoparchi), il parco dellAlcantara e il parco dellEtna). Per dipingere uno scenario del turismo siciliano del prossimo futuro si dovr tenere conto di alcune dinamiche. In primo luogo il cambiamento demografico (nei prossimi 50 anni in Europa la quota degli ultrasessantenni passer da un quinto ad un terzo), la crescita della domanda relativa al turismo culturale, stanziale, sanitario, termale e del benessere fisico, con la conseguente integrazione dei prodotti turistici; la crescita della mobilit verso l estero per lavoro o formazione, indotta dallaffermazione della cultura dellapprendimento permanente, potrebbe anche interessare il turismo siciliano; ipotizzabile un maggiore utilizzo della rete di trasporto pubblico, con incrementi significativi del trasporto su rotaie.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

9.4.1
140 Cap. 9 Cap. 9

Pesca turismo e ittiturismo12

Tra le recenti politiche regionali, finalizzate alla tutela delle specie, sono inserite lincentivazione e la promozione di attivit per la valorizzazione dei mestieri tradizionali della pesca, tra cui il pescaturismo e littiturismo. Il pescaturismo pu essere considerato unattivit alternativa, che si basa sulla pesca artigianale, fornendo la possibilit di svolgere attivit turisticoricreative a bordo delle imbarcazioni. Lattivit di pescaturismo, istituita con la legge 21 maggio 1998 n. 164, attualmente regolamentata dal decreto ministeriale del 13 aprile 1999, n. 293 (G.U. n. 197 del 23 agosto 1999). Tra i vantaggi del pescaturismo vi la possibilit di diversificare le attivit di pesca nellottica del turismo sostenibile, di favorire la divulgazione della cultura del mare, di permettere lintegrazione del reddito degli operatori del settore. Spesso le imbarcazioni che svolgono il pescaturismo praticano anche littiturismo. Questultimo si basa sulla possibilit da parte dei pescatori professionisti di dare ospitalit presso le proprie abitazioni, offrendo dei servizi di ristorazione e degustazione dei prodotti tipici derivanti dalla pesca. L ittiturismo permette la valorizzazione delle attivit tradizionali che si svolgono presso i borghi marinari. Sul territorio regionale si trovano diverse cooperative dedite al pescaturismo e allittiturismo; alcune operano sulla costa, altre nei pressi delle piccole isole (Isole Egadi e Isole Eolie).

9.5

Impatto sulla salute della popolazione

Gli impatti potenziali sulla salute della popolazione dovuti alle pressioni sullambiente delle attivit correlate al turismo non sono direttamente rilevabili, necessario fare riferimento agli altri tematismi ambientali correlati al turismo, come rifiuti, ambiente urbano, acque di balneazione, aria, ecc.

9.6

Proposte e politiche di mitigazione

Il turismo sostenibile quando non eccede la capacit di carico dellecosistema e le attivit turistiche si sviluppano in modo tale da mantenersi vitali in unarea turistica per un tempo illimitato, senza alterare lambiente (naturale, sociale e culturale) e senza ostacolare lo sviluppo di altre attivit sociali ed economiche. 13 Il turismo sostenibile pu contribuire alla protezione e conservazione del patrimonio ambientale attraverso la valorizzazione delle risorse naturali. Un esempio in tal senso costituito dalle ippovie. In particolare, il progetto Ippovia Sicilia 2005 rappresenta un itinerario che attraversa i quattro parchi regionali (Alcantara, Etna, Nebrodi e Madonie) con un percorso che va da Cefal a Taormina e pu costituire un proposito di sviluppo sostenibile della montagna. Questi percorsi hanno una valenza di grande rilievo perch, da un lato, riattivano le vecchie vie, i sentieri, le trazzere e i fabbricati rurali storicamente legati allagricoltura e alla montagna e, dallaltro, creano nuove economie, occupazione e valorizzazione del territorio in unottica di conservazione dello stato dellambiente.14 Ogni territorio di questa ippovia ricchissimo di flora e di fauna e conserva ancora microambienti incontaminati, relitte formazioni forestali e esemplari vegetali di ere passate. Particolare rilevanza ha l aspetto forestale naturale, lungo questi percorsi a cavallo perch esso prevale nei paesaggi montani

12 13

Paragrafo a cura di A.M. Beltrano e A. Barbara. I Libri bianchi del Touring Club Italiano n. 13, Sviluppo sostenibile e competitivit del settore turistico, 2005. 14 Societ Italiana del Cavallo e dellAmbiente Onlus, Ippovia Sicilia, 2005.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

T Tu ur ri is sm mo o

attraversati e perch, laltitudine ed il clima hanno determinato il mantenimento di formazioni vegetali che testimoniano la complessit e la ricchezza e la naturalit dell isola.15 Dal punto di vista della valorizzazione si evidenzia che il territorio regionale caratterizzato dalla presenza di aree che necessitano di una forte rivitalizzazione e miglioramento qualitativo del turismo locale. Insieme a queste, sono presenti ambiti locali, soprattutto costieri, in cui lafflusso turistico molto impattante maggiormente nella stagione estiva e che quindi necessitano di una gestione pi improntata alla sostenibilit ambientale. Nella dichiarazione dintenti sono riportati alcuni principi fondanti della sostenibilit e degli effetti che il turismo pu avere sullambiente e sulle comunit ospitanti, tra i quali: proteggere lambiente naturale e il patrimonio culturale; collaborare con le comunit locali ed i residenti, assicurando loro i benefici derivanti dal turismo e promuovendo il rispetto del modo di vivere locale; rispettare la biodiversit e le aree protette; rispettare lintegrit delle culture locali e le loro istituzioni sociali; rispettare le leggi locali, nazionali ed internazionali; scoraggiare forme inquinanti, abusive o illegali di turismo; lavorare a stretto contatto con autorit locali ed aziende, governi ed amministrazioni regionali, nazionali ed internazionali per sostenere lo sviluppo del turismo sostenibile; fornire informazioni sul lavoro svolto dagli aderenti alliniziativa per incoraggiare lo sviluppo e la gestione sostenibile del turismo; comunicare e promuovere linformazione sui progressi fatti dagli aderenti nel campo del turismo sostenibile; incentivare la pesca turismo, attivit che presenta un modesto impatto sulle risorse del mare, contribuisce alla diversificazione del reddito delle famiglie dei pescatori attraverso unattivit coerente con la loro identit sociale e culturale e concorre contestualmente alla diversificazione di modalit di fruizione delle risorse del territorio; incentivare parchi archeologici marini. La soluzione pi adeguata sembra quella di adottare ed estendere allintero territorio regionale una strategia di marketing turistico-ambientale al fine di proteggere i siti pi vulnerabili allimpatto turistico. Pertanto bisognerebbe regolare i flussi nelle localit ai limiti della capacit di carico turistica e incentivare e promuovere i flussi verso le aree interne, le quali sono attualmente marginali rispetto ai circuiti turistici pi sfruttati. Riqualificare il turismo pu significare indirizzare i viaggiatori verso strutture che abbiano optato per unofferta eco-turistica, ad esempio sfruttando le potenzialit del turismo nei parchi con la conseguenza di sostenere lo sviluppo ecocompatibile e la salvaguardia ambientale. Poich la concentrazione di turisti in alcuni periodi dellanno rende alcuni ecosistemi particolarmente fragili, bisognerebbe agire sulla cosiddetta destagionalizzazione dellofferta turistica, cio una strategia basata sulla distribuzione del flusso dei viaggiatori lungo lintero anno solare e sullintero territorio: una maggiore distribuzione dei visitatori nellarco dellintero anno apporterebbe un afflusso pi regolare di reddito alle aree maggiormente dipendenti dal settore turistico e, quindi, un maggiore beneficio per le comunit locali. Per la programmazione di interventi sul settore si deve differenziare tra:

141 Cap. 9

15

Domenico Cavarretta, Ippovie Sicilia 2005 pag. 60, op. cit..

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

142 Cap. 9 Cap. 9

piani di dinamizzazione per destinazioni emergenti, in cui necessario valorizzare le risorse locali prestando estrema attenzione alla capacit di carico del territorio ed al pericolo di un sovrasfruttamento delle risorse, frequente in caso di turismo di massa; per cui il fenomeno delle aziende agrituristiche, sviluppatosi a cavallo degli anni 90, un primo esempio di turismo alternativo a quello alberghiero, il primo sforzo di diversificazione dellofferta turistica e di dispersione territoriale degli utenti stessi. piani di eccellenza turistica, da attuarsi nelle destinazioni mature, che hanno la necessit di consolidare la propria posizione con estrema attenzione nei riguardi delle risorse locali, a causa di forme di turismo di massa stagionalizzato che mettono duramente alla prova la loro capacit di carico. Una possibile mitigazione perseguibile nel breve periodo fornita dallinteresse per i marchi e le certificazioni di qualit ambientale, che costituiscono una referenza sul mercato internazionale e per il turista rappresentano un sicuro punto di riferimento. La Sicilia accusa un grosso ritardo in materia di certificazione ambientale e risulta a tuttoggi solo unazienda siciliana operante nel settore turistico che abbia aderito ad ISO 14001 e nessuna allEMAS.

Bibliografia essenziale di riferimento


Rapporto sul turismo in Sicilia 2004-2005 - I flussi dellincoming nazionali ed internazionali 2004-2005 - Assessorato Regionale al Turismo. Piano strategico per lo sviluppo della nautica da diporto in Sicilia. Statistiche on line giugno 2005 Servizio Statistica Regione Siciliana. ALBERGHI DI SICILIA - Vademecum della ricettivit alberghiera ed extra-alberghiera in Sicilia. 2005-2006, Regione Siciliana Assessorato Turismo Comunicazioni e Trasporti. Istat Statistiche del turismo - 2005.

Glossario
Arrivi: numero di clienti, italiani e stranieri, ospitati negli esercizi ricettivi (alberghieri o complementari) nel periodo considerato. Presenze: numero delle notti trascorse dai clienti negli esercizi ricettivi. Permanenza media: rapporto tra numero di notti trascorse (presenze) e numero di clienti arrivati nella struttura ricettiva (arrivi). Turista: chi si reca in un luogo diverso da quelli solitamente frequentati (ambiente abituale) e trascorre almeno una notte nel luogo visitato.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

Fenomeni di dissesto territoriale Rischi naturali

Francesco Geremia, TFA MATTM Domenico Galvano1, TFA MATTM

Ringraziamenti: ARTA, Servizio 4 - Assetto del territorio e difesa del suolo - Dott. Diego Greco ARTA, Servizio 6 - Protezione patrimonio naturale - Dott. Francesco Gendusa -

Fenomeni di dissesto territoriale - Rischi naturali

Sono da attribuire al dott. Galvano le parti relative al rischio di desertificazione.

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

144 Cap. 10 Cap. 10

10. F Fe en no om me en ni id di id di is ss se es st to ot te er rr ri it to or ri ia al le e-R Ri is sc ch hi in na at tu ur ra al li i

I rischi naturali sono generalmente definiti come la probabilit che le conseguenze economiche e sociali dovute ad un certo fenomeno o evento superino una determinata soglia. La severit di tali rischi dipende dallentit, dal tipo e dalla probabilit della pericolosit naturale, dalle varie componenti della vulnerabilit territoriale e dai rapporti fra questi fattori. I rischi non possono essere eliminati completamente, ma solo ridotti, pertanto il rischio zero non esiste. Non si pu mitigare un rischio naturale intervenendo sulla pericolosit naturale, cio sulla probabilit che un fenomeno di una determinata intensit si verifichi in un certo periodo di tempo ed in una data area, ma si pu intervenire sulla vulnerabilit e sul valore esposto, intesi come linsieme complesso della popolazione, delle infrastrutture, del patrimonio ambientale e culturale, delle attivit economiche e dellorganizzazione sociale, ovvero tutto ci che esiste di antropico in un certo territorio e che direttamente o indirettamente suscettibile di un danno materiale. In questo capitolo sono trattati sia i rischi naturali ad evoluzione rapida, causati principalmente da eventi estremi naturali (frane, alluvioni, terremoti, eruzioni vulcaniche, ecc.), talvolta indotti indirettamente da attivit umane (disboscamento e cementificazione), sia quelli ad evoluzione pi lenta (erosione dei litorali e desertificazione), provocati da processi naturali (cambiamenti climatici, innalzamento del livello del mare, ecc.) e dallincremento della pressione antropica.

10.1 Caratteristiche strutturali


La singolare struttura geologica e morfoclimatica della Sicilia, insieme alluso e gestione del territorio, non sempre razionali e sostenibili, soprattutto lungo la fascia costiera, fanno s che gran parte del territorio regionale sia interessato da diverse situazioni di rischio naturale. Tra queste, le principali sono: rischio idrogeologico (o geologico-idraulico),da associare al complesso assetto morfologico-strutturale della Sicilia ed alla suscettivit propria al dissesto idrogeologico di diversi litotipi affioranti nellisola; rischio sismico-tettonico, da collegare allattivit sismogenetica di alcuni settori crostali dellIsola, alle diffuse fagliazioni e dislocazioni del terreno, ed alle strette relazioni genetiche/evolutive fra i fenomeni e le attivit sopra citate; rischio vulcanico, in concomitanza di eventi eruttivi ed attivit secondarie dei vari apparati vulcanici siciliani; rischio costiero ed erosione dei litorali, da collegare sia ad eventi estremi ed improvvisi, come tsunami, mareggiate ed alluvioni in prossimit dei litorali, sia ad attivit antropiche, che hanno degradato e modificato lassetto naturale di estesi tratti costieri e di diversi apparati fociali; rischio desertificazione, dovuto a diverse cause, tra cui un ruolo fondamentale giocano i cambiamenti climatici ed in genere lantropizzazione.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

F e i a h i F en no om me en ni id di id d is ss se es st to ot te er rr ri it to or ri i al le e-R Ri is sc c h in na at tu ur ra al li i 10.1.1 Rischio idrogeologico (o geologico-idraulico)

Il rischio idrogeologico , tra i rischi naturali, il pi ricorrente e diffuso su gran parte del territorio regionale ed di estrema gravit per il suo potenziale impatto socio-economico, legato allazione devastante che in grado di svolgere sulle aree pi vulnerabili ed antropizzate. Con il termine di rischio idrogeologico, sintende il rischio derivante dal verificarsi di eventi meteorici estremi, che inducono a tipologie di dissesto tra loro strettamente interconnesse, quali frane (rischio geomorfologico) ed esondazioni o piene (rischio idraulico), caratterizzate da unelevata ripetitivit spaziale, oltre che da una non ancora ben definita ricorrenza temporale. Le cause di tale dissesto idrogeologico sono determinate dalla coesistenza di pi fattori, tra cui lassetto geomorfologico, la suscettivit al dissesto dei terreni affioranti, il regime pluviometrico, le condizioni climatiche, la riduzione della copertura vegetale, specie di quella boschiva indotta dagli incendi, e linsufficiente programmazione delle attivit antropiche (ARPA Sicilia, 2007). LAssessorato Territorio e Ambiente della Regione Siciliana (ARTA), dopo aver pubblicato con D.A. n. 298/2000 il Piano Straordinario per lAssetto Idrogeologico, ai sensi del D.L. n. 180/98 e successive modificazioni ed integrazioni, ed averne successivamente aggiornato i contenuti, nel 2003 ha avviato lelaborazione del Piano stralcio di bacino per lAssetto Idrogeologico (PAI), il primo strumento pianificatorio di settore, redatto ai sensi della Legge n. 493/93, con funzione conoscitiva, normativa e prescrittiva. Il PAI ha lo scopo di conoscere approfonditamente lo stato di dissesto idrogeologico del territorio regionale, tramite lindividuazione delle pericolosit idrauliche, idrologiche e connesse ai dissesti sui versanti, di valutare le situazioni di rischio, sviluppare una politica di gestione degli scenari di pericolosit, programmare indagini conoscitive e monitoraggio dei dissesti, pianificare interventi specifici per le diverse situazioni, infine valutare, in modo puntuale, dove intervenire con opere finalizzate alla mitigazione e/o eliminazione del rischio (ARTA, 2004). A Febbraio 2007 (fig. 10.1), 39 PAI risultano approvati in via definitiva con decreto del Presidente della Regione, 49 sono stati esitati con parere favorevole in Conferenza Programmatica e 19 sono stati trasmessi agli Enti Locali per le osservazioni di competenza. La superficie complessivamente interessata dai PAI di Ha 2.570.700, di cui Ha 111.023 relativi ai 25.502 dissesti censiti. Inoltre sono state individuate n. 25.565 aree a pericolosit geomorfologica, per una superficie di Ha 124.475, n. 1.433 aree a pericolosit idraulica, per una superficie di Ha 55.134, n. 11.010 aree a rischio geomorfologico, pari a Ha 4.201 del territorio regionale e n. 3.057 aree a rischio idraulico, per una superficie di Ha 37.248.

145 Cap. 10

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

fig. 10.1: Stato di attuazione al 12 Febbraio 2007 del PAI in Sicilia


146 Cap. 10 Cap. 10

Fonte: Assessorato Territorio e Ambiente - Regione Siciliana

Inoltre, dallinventario predisposto dal Servizio IV Assetto del Territorio e Difesa del Suolo dellARTA, che individua 14.154 dissesti legati a fenomeni franosi, su 29 bacini idrografici, risu lta che il bacino del Fiume Simeto e larea compresa tra i bacini dei fiumi Simeto e San Leonardo e dei laghi di Pergusa e Maletto, presenta il pi alto numero di fenomeni di dissesto geomorfologico, su una superficie di 134,62 km2 (tab. 10.1). Invece, il pi alto indice di franosit (22,95%) stato riscontrato nel bacino del Torrente Timeto, dove sono stati rinvenuti n. 666 dissesti in un territorio esteso complessivamente 95,89 km2 (ARPA Sicilia, 2007).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

F e i a h i F en no om me en ni id di id d is ss se es st to ot te er rr ri it to or ri i al le e-R Ri is sc c h in na at tu ur ra al li i tab. 10.1: Numero di dissesti e superfici soggette a dissesto per i bacini idrografici, per i quali sono stati approvati e pubblicati i relativi PAI. al 2006
Bacino idrografico N. dissesti Superficie del bacino (km2) 506,00 483,00 129,20 739,90 342,00 125,92 114,10 952,00 81,72 235,41 450,80 584,36 1777,36 357,74 64,97 81,26 120,24 4.168,92 % Superficie bacino/ Superficie regionale 1,97% 1,88% 0,50% 2,88% 1,33% 0,49% 0,44% 3,70% 0,32% 0,92% 1,75% 2,27% 6,91% 1,39% 0,25% 0,32% 0,47% 16,22% Superficie aree in dissesto (km2) 98,00 3,70 7,90 44,40 0,87 6,11 123,54 10,26 7,29 0,57 7,29 136,77 0,48 8,57 9,31 9,25 134,62 Indice di franosit 147 19,37% 2,86% 1,07% 12,98% 0,69% 5,35% 12,98% 12,56% 3,10% 0,13% 1,25% 7,70% 0,13% 13,20% 11,46% 7,70% 3,23% Cap. 10

Fiume S. Leonardo (PA) Fiume S. Leonardo (SR-CT) Fiume Lenzi-Baiata (TP) Fiume Acate Dirillo (CL-CT-RG-SR) Fiume Imera Settentrionale (PA) Fiume Asinaro e area compresa tra i Bacini del F. Asinaro e del F. Tellaro Torrente Termini ed area compresa tra i bacini del Termini e del Mazzarr Fiume Belice (AG-PA-TP) Fiumara di Niceto e centro abitato di Rometta Fiume Eleuterio ed area compresa tra i Bacini dellEleuterio e dellOreto Fiume Anapo Fiume Ippari ed aree comprese tra il bacino del F. AcateDirillo e il bacino del F. Irminio Fiume Platani Area territoriale tra il Bacino del Fiume San Leonardo e il Bacino del fiume Anapo Torrente Mela e centro abitato di S. Lucia del Mela Torrente Inganno ed area compresa tra i bacini del F. Rosmarino e del T. Inganno Torrente Elicona ed aree contigue Fiume Simeto, area compresa tra i bacini del F. Simeto e del F. San Leonardo, lago di Pergusa e lago di Maletto Fiume Jato Area territoriale tra il Torrente di Modica e Capo Passero Fiume Tellaro ed area compresa tra il bacino del F. Tellaro e Capo Passero Torrente Timeto Fiume Naro Torrente Furiano ed area compresa tra i bacini del T. Inganno e del T. Furiano Fiume Palma ed area compresa tra i bacini del F. Palma e del F. Naro Fiume Cassibile ed aree comprese tra i bacini dei F. Cassibile e del F. Asinaro e tra i bacini del F. Anapo e del F. Cassibile Fiume Irminio e Torrente Modica ed area intermedia Fiume Milicia ed aree comprese tra i bacini dei Fiumi Milicia, S. Leonardo ed Eleuterio Area territoriale tra il Bacino del T. Fiumedinisi e Capo Peloro Totale

863 36 17 79 749 36 100 907 251 101 32 42 2706 37 231 134 248 5.264

105 55 25 666 232 85 292 32

195,00 362,25 473,04 95,89 262,30 154,81 152,50 262,65

0,76% 1,41% 1,84% 0,37% 1,02% 0,60% 0,59% 1,02%

6,19 0,62 0,31 22,01 10,44 12,01 10,57 0,87

3,17% 0,17% 0,07% 22,95% 3,98% 7,76% 6,93% 0,33%

134 421 274 14.154

410,98 241,10 174,50 14.099,91

1,60% 0,94% 0,68% 55%

14,16 22,08 3,66 711,85

3,45% 9,16% 2,10% 5,05%

Fonte: Assessorato Territorio e Ambiente - Regione Siciliana

Poich i fenomeni di dissesto hanno spesso carattere ciclico e tendono a ripetersi con le stesse modalit, anche dopo lunghi periodi di quiescenza, lanalisi degli eventi estremi del passato (frane
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

148 Cap. 10 Cap. 10

e piene) riveste un ruolo fondamentale, ai fini dellindividuazione delle aree a rischio idrogeologico (adempimento del D.L. n. 180/98), e per la prevenzione degli effetti calamitosi sul territorio. Con riferimento ai dati disponibili dei 29 bacini idrografici investigati (ARPA Sicilia, 2007), si riscontra la presenza di 2.729 aree a rischio idrogeologico elevato e molto elevato, di cui il 36% costituito da aree a rischio molto elevato (33% a rischio geomorfologico e 3% a rischio idraulico) ed il 64% da aree a rischio elevato (62% a rischio geomorfologico e 2% a rischio idraulico). Il bacino idrografico del fiume Simeto ed il territorio compreso tra i bacini dei fiumi Simeto e San Leonardo e dei laghi di Pergusa e Maletto presenta il maggior numero di aree a rischio geomorfologico (n. 293 aree R4 e n. 274 aree R3), mentre il bacino idrografico con il maggior numero di aree a rischio idraulico quello del fiume Lenzi Baiata, dove sono state perimetrate n. 29 aree R3 e n. 10 aree R4 (tab. 10.2). Per un quadro completo ed aggiornato sui fenomeni franosi che interessano il territorio regionale, si possono anche considerare i risultati conseguiti dal Progetto IFFI (Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia), realizzato dallAPAT, in collaborazione con il Dipartimento Territorio ed Ambiente dellARTA. Tale inventario, affiancato da un servizio di consultazione online della cartografia, rappresenta un importante strumento conoscitivo per la valutazione della pericolosit da frane, per la pianificazione territoriale e la programmazione degli interventi di difesa del suolo (APAT, 2007). Il censimento dei fenomeni franosi in Sicilia basato essenzialmente sulle informazioni fornite dal PAI, ma anche sugli archivi storici realizzati nellambito dei Progetti AVI e SCAI (CNRGNDCI, 1998). Queste informazioni hanno permesso di censire nel territorio siciliano 3.657 fenomeni, corrispondenti a circa 500 km2 di area in frana, escludendo i fenomeni di erosione accelerata e le forme calanchive che, invece, vengono riportate nel PAI. Per ci che concerne le tipologie di movimento, le pi diffuse sono quelle di tipo complesso (27%), di colamento lento (26%) e di scivolamento rotazionale-traslativo (16%), mentre le aree soggette a crolli e frane superficiali diffuse costituiscono rispettivamente circa il 12,7% e l 8,6% dei casi considerati (Lucchesi & Agnesi, 2007).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

F e i a h i F en no om me en ni id di id d is ss se es st to ot te er rr ri it to or ri i al le e-R Ri is sc c h in na at tu ur ra al li i tab. 10.2: Numero e superficie di aree a rischio geomorfologico ed idraulico elevato e molto elevato per i bacini, per i quali sono stati approvati e pubblicati i relativi PAI al 2006
Bacino idrografico Aree a rischio geomorfologico
Rischio elevato (R3) N. Fiume S. Leonardo (PA) Fiume S. Leonardo (SR-CT) Fiume Lenzi-Baiata (TP) Fiume Acate Dirillo (CL-CT-RG-SR) Fiume Imera Settentrionale (PA) Fiume Asinaro e area compresa tra i bacini del F. Asinaro e del F. Tellaro Torrente Termini ed area compresa tra i bacini del Termini e del Mazzarr Fiume Belice (AG-PA-TP) Fiumara di Niceto e centro abitato di Rometta Fiume Eleuterio ed area compresa tra i bacini dellEleuterio e dellOreto (2006) Fiume Anapo Fiume Ippari ed aree comprese tra il bacino del F. AcateDirillo e il bacino del F. Irminio Fiume Platani Area territoriale tra il Bacino del Fiume San Leonardo e il bacino del fiume Anapo Torrente Mela e centro abitato di S. Lucia del Mela Torrente Inganno ed area compresa tra i bacini del F. Rosmarino e del T. Inganno Torrente Elicona ed aree contigue Fiume Simeto, area compresa tra i bacini del F. Simeto e del F. San Leonardo, lago di Pergusa e lago di Maletto Fiume Jato Area territoriale tra il Torrente di Modica e Capo Passero Fiume Tellaro ed area compresa tra il bacino del F. Tellaro e Capo Passero Torrente Simeto Fiume Naro Torrente Furiano ed area compresa tra i bacini del T. Inganno e del T. Furiano Fiume Palma ed area compresa tra i bacini del F. Palma e del F. Naro Fiume Cassibile ed aree comprese tra i bacini del F. Cassibile e del F. Asinaro e tra i bacini del F. Anapo e del F. Cassibile Fiume Irminio e Torrente Modica ed area intermedia Fiume Milicia ed aree comprese tra i bacini dei Fiumi Milicia, S. Leonardo ed Eleuterio Area territoriale tra il bacino del T. Fiumedinisi e Capo Peloro Totale Ha Rischio molto elevato (R4) N. Ha

Aree a rischio idraulico


Rischio elevato (R3) N. Ha Rischio molto elevato (R4) N. Ha

149 Cap. 10

148 6 9 20 63 11 11 153 27 35 7 2 205 15 15 11 48 274 9 36 14 70 22 72 10 27 183 141 38


1.682

50,00 5,57 29,20 7,33 16,55 8,01 2,28 86,37 7,25 10,08 4,90 0,93 51,88 4,98 4,35 1,01 12,63 66,67 1,67 3,79 3,08 11,47 4,43 9,77 2,62 5,05 24,22 80,83 3,24
520,16

25 9 1 12 29 5 11 58 27 22 14 15 74 11 6 11 28 293 8 19 16 21 18 23 11 14 30 26 47
884

20,00 11,51 0,90 4,85 14,75 2,71 4,79 40,02 6,68 15,30 4,40 19,79 84,71 1,87 0,69 1,16 15,01 48,32 1,98 2,33 1,12 7,78 14,35 4,57 3,65 2,69 28,40 9,62 8,74
382,69

9 2 29 0 2 2 0 12 0 0 12 0 1 0 0 0 6 55 0 0 9 0 0 0 0 3 0 0 11
72

289,00 12,94 300,04 0,00 7,60 0,04 0,00 2,00 0,00 0,00 9,02 0,00 6,67 0,00 0 0 7,53 383,84 0,00 0,00 57,36 0,00 0,00 0,00 0,00 0,20 0,00 0,00 2,35
627,51

3 1 10 0 2 5 1 28 0 0 5 3 17 3 0 2 0 89 4 0 1 0 2 0 4 9 0 3 10
91

0,30 13,65 6,81 0,00 1,10 13,80 0,83 24,50 0,00 0,00 28,46 7,73 7,87 92,69 0 7,03 0,00 419,40 5,08 0,00 1,23 0,00 65,00 0,00 0,58 50,76 0,00 6,96 51,84
256,04

Fonte: ARTA

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

10.1.2
150 Cap. 10 Cap. 10

Rischio sismico-tettonico

La Sicilia una regione complessa e dinamica da un punto di vista geologico-strutturale, caratterizzata da 443 faglie attive e potenzialmente capaci di produrre fenomeni di fratturazione e di dislocazione superficiale2. Sul territorio regionale tali faglie, cartografate sulla base dei dati bibliografici, storici, sismici e paleosismici disponibili e dei dati acquisiti tramite telerilevamento e sistemi GPS (ARPA Sicilia, 2007), risultano per lo pi concentrate nel settore orientale dellIsola, ed, in particolare, in corrispondenza dellarea etnea e del settore ibleo. Inoltre, sono stati indiv iduati sistemi di fagliazione superficiale anche in corrispondenza dei rilievi nord-orientali dei Monti Peloritani, della costa ionica messinese, dellarea trapanese (ivi compresa la zona del Bel ice) e della scarpata ibleo-maltese (fig. 10.2).
fig. 10.2: Mappatura delle faglie capaci in Sicilia (2006)

Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT

In Sicilia sono presenti sistemi di sorveglianza sismica evoluti, sia sotto il profilo dellinnovazione tecnologica, sia della copertura spaziale del sistema, che forniscono informazioni aggiornate in continuo, su localizzazione ed entit degli eventi sismici e consentono agli organi

Nel database ITHACA (ITaly HAzard from CApable faults), nato nellambito dellomonimo progetto, per iniziativa di ANPA (oggi APAT) e del GNDT (Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti), sono stati inseriti i relativi parametri descrittivi di 243 faglie attive (ARPA Sicilia, 2007).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

F e i a h i F en no om me en ni id di id d is ss se es st to ot te er rr ri it to or ri i al le e-R Ri is sc c h in na at tu ur ra al li i

preposti di intervenire sui piani della prevenzione e della gestione delle emergenze (ARPA Sicilia, 2007). A scala regionale, le zone a maggiore concentrazione di epicentri sono quelle localizzate in corrispondenza del settore orientale dellIsola, una delle aree maggiormente sismiche dellintero territorio nazionale (fig. 10.3).
fig. 10.3: Distribuzione della sismicit strumentale registrata dalla rete INGV in Sicilia nel 2006, classificata in base alla magnitudo del sisma
#

151 Cap. 10

# #
# # # ## # #
#
#
#

# # # # #
#

# # #
# # #

# #

#
#

## #
#

# #

# #

# # # # # #
#

# # #
# ## # # # #
#

#
# #
#

# ## # # # # # # # # # # # # # ## #
#

## # # # # ##
#

# ## ## # # #

# #

##

#
# # #

# # ## # # # ## # # #
##

# #

#
# #

## # # #
# ## #
#

#
##

## #

#
# #

# # # ## # # ## # ## # # # # # ## ## ## # ## # # # # # # # # # ## #
#

# # #

# #

#
#
# #

# # ## #

#
#

#
# #
# #

#
# # # # # ## #

#
#

# # #

# # #
# #

#
# # # # ## #

#
# #

## # # #

# #

# #

# #
#

## #

# #

## # # ## ## # # # # # # ## #

#
# #
#
#

# # # # # # #
#

#
#

#
#

# # ## # # # # # # # # # # # ## # # # ## # # # ## ## # # # # # # # # # # # # # # # # # ### # ## # ## # # # # ##

#
# # # # #

## #
# #

# # ## # # # # ## # # #

# # # # # # #
# # # # # #

# # # #
#
# # # # #

# #
#

#
#
#

# # ##

# ##

# #
#

# #

# # # #

#
# #

# # #
# # # #

#
#

# # # # # # # # # # ## # # # # # ## # # # # # # # # # # # ## # # # # # # # # # # ## ## # ## # # # # # # # # # # # # # # # # # ## # ## ## # # # ## # # # # # # # # # # # # ## # # # # # # # # # # ## # # # # # ## # # # # # # ## # # # # # # ## # # # # # ## #
# #

# #
#

# #
#

#
#

#
#
# # #

#
# #

# ## ##

#
#

#
#

# #

# # # # # # # # # # # ## # ## # # ### # ## # ## #
#

#
#

# #

# # #
#
#

# #

## ##
# #

#
#
#

## ## # ## # ## ## # # # ## # # # # # # # # # # ## # # # # ## # # # # # # ## # ## # # # # # ## # # # # # # # # # # # # # # # # ## # # # # # # # # # ### # # # # # #
# #

# #

#
#

# # #
#

# # ##
#

# #

#
#
#

##
# # #

#
#

M ag nitud o 0.6 - 1 .6 1.6 - 2 .1 2.1 - 2 .6 # 2.6 - 3 .3 # 3.3 - 5 .7 Pr ovin c e


#

# # # ## # # # #
# #

# ##
#

50

10 0 K ilo m e te rs

Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati INGV

Per quanto riguarda la sismicit di rilievo (magnitudo 4,2), la rete sismica nazionale dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha registrato, nel periodo 2003-2006, 5 eventi sismici, di cui 4 con epicentro nei mari circostanti il territorio regionale ed uno solo con epicentro nella Sicilia centrale, in provincia di Caltanissetta, con magnitudo pari a 4,7 (fig. 10.3).
tab. 10.3: Eventi sismici di rilievo registrati in Sicilia nel periodo 2003-2006
N. 1 2 3 Mese maggio novembre maggio Giorno 5 21 30 Anno 2004 2005 2006 Area epicentrale Isole Lipari Sicilia centrale Mar Ionio Latitudine 38,530 37,597 37,630 35,883 36,232 Longitudine 14,870 14,105 16,519 12,679 15,796 Magnitudo 5,3 4,7 4,2 4,7 4,6

4 novembre 23 2006 Mar di Sicilia 5 novembre 24 2006 Mar Ionio Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati INGV

Tra gli strumenti pi efficaci nel campo della prevenzione da rischio sismico, vi la nuova classificazione sismica del territorio, che recepisce la proposta di riclassificazione formulata nel 1998, dal Gruppo di Lavoro disposto dalla Commissione Nazionale per la Previsione e per la Prevenzione dei Grandi Rischi. Essa fornisce un quadro aggiornato sulla suddivisione del territorio nazionale in zone caratterizzate da differente pericolosit sismica, per le quali sono state introdotte adeguate norme antisismiche, relative alla costruzione di edifici ed altre opere pubbliche (APAT, 2006).
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

152 Cap. 10 Cap. 10

Le province di Messina (11 comuni passano alla zona sismica 1) e Caltanissetta (5 comuni passano da non classificati alle zone sismiche 2 e 3) registrano le maggiori variazioni nel passaggio dalla vecchia alla nuova classificazione. Con la nuova classificazione non esistono pertanto territori comunali classificati come non sismici o non classificati, ma sono tutti caratterizzati da differenti livelli di pericolosit sismica, dal livello pi alto (zona 1) al livello pi basso (zona 4), conformemente ai criteri generali stabiliti dallOPCM n. 3274/2003 (tab. 10.4).
tab. 10.4: Confronto fra vecchia e nuova classificazione delle zone sismiche in Sicilia
Categorie/Zone sismiche Categoria/zona 1 Categoria/zona 2 Categoria/zona 3 Categoria/zona 4 Non classificato Totale Vecchia classificazione 18 comuni (5%) 336 comuni (86%) 36 comuni (9%) 390 comuni (100%) Nuova classificazione 27 comuni (7%) 329 comuni (85%) 5 comuni (1%) 29 comuni (7%) 390 comuni (100%)

Fonte: DDG del Dipartimento Reg. Protezione Civile del 15/1/04 (G.U.R.S. del 13/02/04 - Parte I - n. 7)

10.1.3

Rischio vulcanico

Lintensa attivit geodinamica interna della Sicilia si manifesta in superficie anche attraverso fenomeni vulcanici, presenti in diverse zone dellIsola: il vulcano Etna, caratterizzato da attivit prevalentemente effusiva, con elevata frequenza di eruzione; lo Stromboli, caratterizzato da unattivit effusiva/esplosiva intermittente (detta stromboliana); il Cono di La Fossa (isola di Vu lcano) e Panarea (compresa larea di Lisca Bianca a largo dellisola), contraddistinti da fenomeni di intenso degassamento e rilascio di fluidi; inoltre, Lipari, Pantelleria e lIsola Ferdinandea (ed ificio vulcanico sottomarino situato nel Canale di Sicilia, poco al largo della costa di Sciacca). Nelle aree vulcaniche la vulnerabilit delle persone e degli edifici sempre elevata, pertanto, il rischio minimo solo quando la pericolosit o il valore esposto sono trascurabili (vulcani estinti o in zone non abitate). Nel periodo 2002-2006, lattivit vulcanica dellEtna stata contrassegnata da periodi di quiete alternati ad eventi eruttivi di tipo effusivo, associati ad attivit di degassamento pi o meno intense e continue dai crateri sommitali, sismicit di modesta intensit ed attivit stromboliana con emissione di getti di lava incandescente e di ceneri, che hanno causato incendi boschivi e danneggiamenti ad infrastrutture e ad alcune strutture turistiche, nonch disagi alla popolazione. Lordinaria attivit tipica del vulcano Stromboli, data da esplosioni nei crateri sommitali, con una frequenza media di circa un evento ogni 20-30 minuti, durante il periodo 2002-2006 stata interrotta da alcuni eventi esplosivi anomali. In particolare, sono stati osservati due eventi dintensa attivit eruttiva, caratterizzati da una forte esplosione con emissione e ricaduta di ceneri e balistici di dimensioni fino a 40 cm (tab. 10.5).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

F e i a h i F en no om me en ni id di id d is ss se es st to ot te er rr ri it to or ri i al le e-R Ri is sc c h in na at tu ur ra al li i tab. 10.5: Eruzioni vulcaniche con effetti ambientali significativi, verificatesi in Sicilia nel periodo 2002-2006
Vulcano Etna Periodo dattivit Dal 26 ottobre 2002 al 29 gennaio 2003 Tipo dattivit Esplosiva ed effusiva con associata attivit sismica Effetti ambientali Colate di lava, incendi boschivi, emissione di gas in atmosfera, deposizione di ceneri, danni a persone, edifici, infrastrutture Emissione di gas in atmosfera, deposizione di ceneri, colate di lava 153 Cap. 10

Dal 7 settembre 2004 al 8 marzo 2005

Effusiva con associata attivit sismica

dicembre 2005

Attivit di degassamento

12 gennaio 2006 Da marzo ad aprile 2006

Episodio esplosivo di origine freatica Attivit di degassamento

Emissione di gas in atmosfera, deposizione di ceneri, emissioni gassose miste a fango ed acqua in corrispondenza della zona delle Salinelle dello Stadio di Patern (CT) Emissione di ceneri, lapilli e blocchi Emissione di CO2 e di altri gas vulcanici, alterazione del chimismo delle falde idriche, effetti tossici delle esalazioni di CO2 su alcuni organismi animali Colate di lava, emissione di gas in atmosfera, ceneri, brandelli lavici e bombe Frane, maremoto, danni a persone ed edifici Ricaduta di ceneri e balistici di grosse dimensioni, incendi della vegetazione Ricaduta di ceneri e balistici di grosse dimensioni lungo la Sciara del Fuoco

Stromboli

Da luglio a dicembre 2006 28 dicembre 2002 21 luglio 2003 5 agosto 2005

Attivit effusiva e stromboliana Effusiva con emissioni gassose e sporadiche esplosioni Esplosiva con emissione di ceneri e materiale grossolano incandescente Evento esplosivo intenso con emissione di gas, ceneri e materiale grossolano incandescente

16 ottobre 2006

Fonte: ARPA Sicilia su dati INGV e Dipartimento Protezione Civile

10.1.4

Rischio costiero

La configurazione morfologica delle coste siciliane articolata e complessa. Secondo EUROSION (2004), programma finanziato dalla Commissione Europea e mirato a quantificare limpatto e le condizioni dellerosione costiera in Europa, i processi erosivi costieri in Sicilia int eressano una fascia di circa 900 km2 ed una popolazione locale di quasi 900 mila abitanti, mentre le aree di alto valore ecologico sotto linfluenza dellerosione costiera corrispondono a circa 315 km2. Secondo una recente elaborazione del Servizio Difesa delle Coste dellAPAT, la lunghezza t otale delle coste siciliane (incluse le Isole minori) di circa 1.623 km: il 93% (circa 1.509 km) delle quali naturale (26% costa alta e 74% costa bassa) ed il 7% (circa 114 km) artificiale o fittizia; di queste il 49% risulta stabile, mentre il 27% in arretramento; solo il 20% risulta in avanzamento e il 4%, infine, non valutabile. Inoltre, significativo evidenziare la presenza in Sicilia di circa 580 km (52,5%) di spiagge, da sabbiose a ciottolose, limitate da rilievi, scarpate di terrazzi, falesie, piattaforme di abrasione o infrastrutture; tali depositi sedimentari, a causa delle loro dimensioni ridotte e circoscritte, vengono spesso considerati parte delle retrostanti coste alte e basse rocciose, generando lalta variabilit delle stime descrittive, che contraddistinguono le cara tterizzazioni morfosedimentarie delle coste siciliane (GNRAC, 2006). La predisposizione naturale di alcuni tratti costieri siciliani allerosione connessa allassetto morfologico e litologico dei tratti costieri e dei bacini idrografici sottesi, al regime pluviometrico ed agli apporti sedimentari dei bacini, allorientazione delle coste rispetto alla direzione prevalen2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

154 Cap. 10 Cap. 10

te delle onde ed alle caratteristiche mareografiche, correntometriche ed ondametriche dei tratti costieri. Negli ultimi decenni, altres, lungo le coste siciliane, si assistito ad un forte processo di urbanizzazione che ha portato ad unalta concentrazione antropica lungo tutto lambiente costiero sic iliano. Questa situazione, aggravata anche da interventi di protezione litoranea con opere rigide, talvolta erroneamente posizionate e dimensionate, ha aumentato lesposizione della propriet pubblica e privata a situazioni di elevato rischio costiero. Tra laltro, i pi recenti studi del settore confermano che i principali punti di debolezza nella mitigazione di siffatto rischio sono: la frammentazione degli interventi; la scarsa accessibilit ai recenti progressi scientifici per le Autorit e gli imprenditori locali; la scarsa partecipazione delle comunit costiere alle scelte politiche locali; la programmazione di interventi di difesa costiera non sempre idonei ed utili a causa di una non corretta analisi del rischio. La Regione Siciliana una delle poche ad avere avviato la redazione di un Piano stralcio di bacino per lAssetto Idrogeologico Difesa delle coste. Allo stato attuale, sono in corso di approvazione e pubblicazione i PAI relativi alle 21 unit fisiografiche costiere della Sicilia. Dallanalisi parziale dei dati gi pubblicati dallARPA Sicilia (2007), lunit fisiografica costiera con la maggiore estensione lineare di spiagge in erosione lunit di Cefal - Capo DOrlando, seguita dallunit di Capo Milazzo - Capo Peloro e dallunit di Capo Calav - Capo Milazzo; questultima costituisce anche lunit con la maggiore incidenza percentuale di fenomeni di er osione, dovuti prevalentemente a fenomeni di arretramento di spiagge e secondariamente a crolli in costa alta (tab. 10.6).
tab. 10.6: Lunghezza dei tratti di spiaggia in erosione, dei tratti di costa alta soggetta a crolli e dei tratti costieri non in erosione, per le unit fisiografiche costiere, di cui sono stati approvati e pubblicati i relativi PAI Difesa delle coste, al 2006
Unit fisiografiche costiere Province Lunghezza tratti costieri (entro il limite dellunit) Lunghezza totale (m) Lunghezza tratti di spiaggia in erosione (m) 18.985 10.573 12.578 0 25.838 10.803 18.595 97.372 Lunghezza tratti di costa alta soggetta a crolli (m) 1.026 273 273 9.305 1.840 1.186 4.242 18.145 Lunghezza tratti non in erosione (m) 29.266 31.789 24.268 65.148 47.960 5.831 28.265 232.527

U.F.1. Capo Milazzo - Capo Peloro U.F.2. Capo Peloro Capo Scaletta U.F.3. Capo Scaletta Capo Schis U.F.16-17. Capo Rama - Capo Mongerbino U.F.19. Cefal - Capo DOrlando U.F. 20. Capo DOrlando - Capo Caval U.F.21. Capo Calav Capo Milazzo Totale Fonte: ARTA

Messina Messina Messina Palermo Messina Palermo Messina Messina

49.277 42.635 37.119 74.453 75.638 17.820 51.102 348.044

10.1.5

Rischio desertificazione

Il fenomeno della desertificazione (definito dalla Convenzione delle Nazioni Unite come il degrado dei terreni coltivabili in aree aride, semi-aride e asciutte sub-umide in conseguenza di numerosi fattori, comprese variazioni climatiche e attivit umane) interessa in maniera rilevante anche la Sicilia. Questo fenomeno si esplicita con una pi o meno graduale perdita di capacit produttiva del suolo, dovuta sia a cause naturali che antropiche. LAmministrazione Regionale (con il D.P.Reg. n. 171/Gr. VII S.G. del 20/7/2000) ha istituito il Comitato di Coordinamento per la definizione del Programma Regionale per la lotta alla siccit ed alla desertificazione. Successivamente, stata approvata (con D.D.G. del Dipartimento Reg.le Territorio ed Ambiente n. 908 del 24/7/2003) la Carta della Vulnerabilit al rischio di
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

F e i a h i F en no om me en ni id di id d is ss se es st to ot te er rr ri it to or ri i al le e-R Ri is sc c h in na at tu ur ra al li i

desertificazione in Sicilia, scala 1:250.000 (fig. 10.4). In base ai dati esistenti, circa la met del territorio siciliano rientra nelle categorie di rischio medio e medio-elevato di desertificazione. Il 7%, invece, rientra nella categoria a rischio elevato. Tale risultato riflette determinate configurazioni di fattori fisici e geolitologici (aridit, siccit, orografia, morfologia, erodibilit, presenza di suoli marginali argillosi poco evoluti e poveri di sostanza organica ed elevate temperature estive). La valutazione del rischio di desertificazione in Sicilia deriva dallo studio di tre differenti indici (indice di aridit, indice di siccit ed indice di perdita del suolo, secondo quanto riportato nella Metodologia per la redazione di una carta in scala 1:250.000 delle aree vulnerabili al rischio di desertificazione in Sicilia, pubblicata dalla Regione Siciliana (2002) nellambito del Progetto Interreg IIC MEDOCC - Rete Lab. In Sicilia lerosione idrica ha un ruolo importante fra le cause responsabili della degradazione dei suoli; causata, soprattutto, dallaggressivit delle piogge, nonch dalla insufficiente copert ura vegetale, pendenza dei terreni, ecc. Da non sottovalutare nellambito del processo di desertif icazione, la problematica della salinizzazione dei suoli, riscontrabile prevalentemente nelle zone costiere del Siracusano e del Ragusano, a causa dellelevato emungimento degli acquiferi per es igenze irrigue ed intrusione del cuneo di acqua marina nelle falde. Nella Sicilia centromeridionale, la salinizzazione provocata, in modo particolare, dalle formazioni geologiche della Serie Gessoso-Solfifera, le cui rocce, sotto lazione chimico-biologica delle acque, generano elevati tenori di salinit alle interconnesse risorse idriche superficiali e sotterranee. Influiscono sulla salinizzazione anche pratiche irrigue poco razionali, fra le quali si ricorda lirrigazione con acqua salmastra.
fig. 10.4: Carta della Vulnerabilit al rischio di desertificazione in Sicilia alla scala 1:250.000

155 Cap. 10

Fonte: ARTA (2003)

La Carta delle aree sensibili alla desertificazione (ENEA, 2002), stata redatta, invece, attraverso il modello MEDALUS (MEditerranean Desertification And Land USe), con la finalit di quantificare lindice ESA (Environmentally Sensitive Areas), riguardante le zone sensibili alla desertificazione ricavato dallaggregazione di quattro indici (clima, suolo, vegetazione e gesti one del territorio).
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

156 Cap. 10 Cap. 10

Ci premesso, lARTA ed il Dipartimento di Geologia e Geodesia dellUniversit di Palermo, in collaborazione con lINGV (Sezione di Palermo) hanno realizzato la convenzione Piano stralcio di bacino per lassetto idrogeologico e per lindividuazione di taluni processi geologici connessi ai processi di desertificazione e, nellambito della stessa, hanno deciso la realizzazione di una cartografia tematica del rischio di desertificazione regionale, basandosi su una metodologia (che costituisce unimplementazione del modello DESERT), che integra, attraverso una sovra pposizione pesata alcuni indicatori descrittivi del clima, della vegetazione, dellincidenza antrop ica, dei processi erosivi e di alcune caratteristiche geologiche.

10.2 Normative di riferimento


10.2.1 Normativa comunitaria

A livello comunitario, tra i principali documenti strategici e normativi, cui si fa riferimento per la prevenzione e gestione dei rischi naturali, si segnalano: la Convenzione delle Nazioni Unite per la Lotta alla Siccit ed alla Desertificazione (UNCCD), adottata il 17 giugno 1994, in vigore dal 29 dicembre 1996, che prevede listituzione di un Comitato Nazionale per la lotta alla siccit ed alla desertificazi one; la Comunicazione della Commissione del 12/7/04 Gestione dei rischi di inondazione: prevenzione, protezione e mitigazione delle inondazioni; la Comunicazione della Commissione del 21/12/05 (COM/2005/670), Strategia tematica per luso sostenibile delle risorse naturali, che definisce un quadro dazione int eso a ridurre le pressioni ambientali derivanti da produzione e consumo di risorse naturali, senza penalizzare lo sviluppo economico; la Comunicazione della Commissione del 22/9/06 (COM/2006/231), Strategia tematica per la protezione del suolo, che propone degli obiettivi comuni per prevenire il degrado del suolo; la Direttiva 2007/60/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23/10/07, relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni, che ha lo scopo di istituire un quadro per la realizzazione dei piani di gestione del rischio di alluvioni, volto a ridurre le conseguenze negative, connesse alle alluvioni, per la salute umana, lambiente, il p atrimonio culturale e le attivit economiche, allinterno della Comunit.
10.2.2 Normativa nazionale

Si ritiene utile citare i principali riferimenti alla normativa nazionale del settore, con particolare riguardo a quelli relativi alla situazione della Regione Siciliana: con la Legge n. 183 del 18/5/89 Legge Quadro sulla difesa del suolo, si impongono norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo, integrate successivamente con la Legge n. 253/90 e con il D.L. n. 398/93, convertito in Legge n. 493/93; con il D.L. n. 180 del 11/6/98 Misure urgenti per la prevenzione del rischio idrogeologico ed a favore delle zone colpite da disastri franosi nella regione Campania (detto anche Decreto Sarno) e successive modifiche ed integrazioni, si disciplina il settore, con lobiettivo di accelerare le procedure previste dalla Legge Quadro sulla difesa del suolo; il DLgs n. 152 del 3 aprile 2006 Norme in materia ambientale, Sezione I, Parte terza Norme in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione, si enunciano i principi generali e si stabiliscono competenze, strumenti ed interventi, volti ad assicurare la tutela ed il risanamento del suolo e del sottosuolo, il risanamento idrogeologico
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

F e i a h i F en no om me en ni id di id d is ss se es st to ot te er rr ri it to or ri i al le e-R Ri is sc c h in na at tu ur ra al li i

del territorio, tramite la prevenzione dei fenomeni di dissesto e la messa in sicurezza delle situazioni a rischio; con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5/10/07, si forniscono gli ultimi indirizzi operativi, per prevedere, prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici e idraulici.
10.2.3 Normativa regionale

157 Cap. 10

A livello regionale, sono diverse le disposizioni e le ordinanze che si integrano con la normativa nazionale sulla materia: con il D.A. n. 298 del 4/7/2000 dellAssessorato Regionale Territorio e Ambiente adottato il Piano straordinario per lAssetto Idrogeologico (PAI), con il quale vengono individuate le aree del territorio regionale soggette a rischio molto elevato o elevato; con il Decreto del Presidente della Regione n. 171/Gr. VII S.G. del 20/7/2000, si istituisce il Comitato di Coordinamento per la definizione del Programma Regionale per la lotta alla siccit ed alla desertificazione; con la Circolare dellARTA n. 57596 del 22/11/2000, si aggiorna il piano straordinario adottato con il precedente decreto n. 298/2000; con la L.R. n. 7 del 7/5/03, art. 32, si disciplina la prevenzione del rischio sismico; con il D.D.G. del Dipartimento Regionale Territorio ed Ambiente n. 908 del 24/7/2003, si approva la Carta della Vulnerabilit al rischio di desertificazione in Sicilia, scala 1:250.000; con il D.D.G. del Dipartimento Regionale Protezione Civile del 15/1/04, si ha lindividuazione, formazione ed aggiornamento dellelenco delle zone sismiche e sono prescritti gli adempimenti connessi al recepimento ed allattuazione dellOPCM n. 3274/2003 e successive modificazioni ed integrazioni; in particolare, la Regione Siciliana suddivide il territorio regionale in 4 zone, di cui le prime tre corrispondono alle zone di sismicit alta (S=12), media (S=9) e bassa (S=6); sulla quarta zona, introdotta dallo stesso OPCM, lasciando facolt alle Regioni di imporre in essa lobbligo della progettazione antisismica, la Regione Siciliana ha scelto di imporre tale obbligo.

10.3 Interazioni con lambiente


I rischi naturali determinano evidenti interazioni con lambiente; nel caso specifico, le princ ipali matrici ambientali interessate sono: suolo e sottosuolo, acque superficiali e sotterranee, salute pubblica, patrimonio culturale e paesaggio.

10.4 Tendenze
La nuova direttiva comunitaria relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni (2007/60/CE) insieme alle recenti norme in materia di difesa del suolo nazionale (Sezione I a, Parte terza, DLgs n. 152/06) hanno di recente modificato la normativa di settore, con listituzione delle nuove Autorit di Distretto e la disposizione di competenze e strumenti di pianificazione, mirati ad assicurare il risanamento idrogeologico del territorio. Il nuovo quadro legislativo consente interventi pi incisivi per la prevenzione dei fenomeni di dissesto e la messa in sicurezza delle situazioni a rischio, e, soprattutto, fornisce, a livello comunitario, le linee guida per la realizzazione dei piani di gestione del rischio di alluvioni. Gli Stati Membri sono chiamati ad attuare la direttiva 2007/60/CE, rispettando i principi di trasparenza e coinvolgimento dei cittadini, in tre fasi: valutazione preliminare del rischio di alluvione nei vari bacini idrografici e nelle zone costiere a essi associate entro il 2011; preparazione di mappe della pericolosit e del rischio di alluvione entro il 2013; predisposizione di piani di gestione del rischio di alluvione entro il 2015. Tali provvedimenti dovranno incentrarsi sulla pre2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

158 Cap. 10 Cap. 10

venzione di pratiche non sostenibili di utilizzo del territorio, ad esempio, disincentivando le attivit edilizie nelle zone soggette a inondazioni. In Sicilia, per attuare adeguati piani di mitigazione e prevenzione del rischio idrogeologico, si gi intervenuto, ai sensi del DLgs n. 180/98 e successive modificazioni ed integrazioni e della Legge n. 183/89, attraverso la misura 1.07 del POR Sicilia 2000-2006. Dei 447 interventi programmati sul territorio regionale per la riduzione del rischio idrogeologico, ben 132 ricadono nel territorio della provincia di Messina. Per quanto riguarda, invece la tipologia di dissesto oggetto di intervento, i maggiori importi sono stati destinati agli interventi di difesa dalle frane (78% sul totale degli interventi programmati); alle opere di difesa dalle alluvioni stato destinato il 15% sul totale e ad altri interventi non strettamente connessi con la difesa dai dissesti idrogeologici il 7%, ivi compresi gli interventi di monitoraggio delle aree in frana (ARPA Sicilia, 2007). Inoltre, in tema di previsione e prevenzione dei rischi naturali e specialmente di soccorso e superamento dellemergenza, il Dipartimento Regionale della Protezione Civile della Presidenza Regione Siciliana dispone di un Servizio sismico regionale e di un Servizio rischi idrogeologici ed ambientali; questultimo ha redatto delle linee guida per la predisposizione dei piani di pr otezione civile provinciali e comunali, ai sensi dellart. 108 del DLgs n. 112/98. Da segnalare anche il Progetto EDURISK dellINGV, finanziato dal Dipartimento della Protezione Civile Nazionale ed in collaborazione con il Dipartimento Regionale della Protezione Civile, di durata biennale (agosto 2005 - luglio 2007) finalizzato alla realizzazione di strumenti formativi per le scuole, a partire dalle esperienze sviluppate negli ultimi anni e con il contributo di competenze specialistiche.
10.4.1 Impatto sulla salute della popolazione

Nellambito dei fattori dinterrelazione tra attivit umane e ambiente, evidente che lantropizzazione ha in molti casi condizionato e modificato lequilibrio naturale del paesaggio, determinando un incremento significativo del livello di rischio nelle aree a maggiore pericolosit naturale. A parit di pericolosit, unarea densamente popolata avr un rischio elevato, mentre unaltra dove non sono presenti risorse economiche e naturali avr rischio nullo. Dunque elevata pericolosit naturale non corrisponde ad alto rischio naturale, in quanto vi un terzo fattore, lesposizione (o valore esposto). Il fattore citato si riferisce alla quantit e qualit dei beni esposti, che in Sicilia possono raggiungere valori altissimi, in considerazione dellalta densit abitativa e della presenza di un patrimonio storico, artistico e monumentale unico al mondo.

10.5 Proposte e politiche di mitigazione


Il PO FESR Sicilia 2007-2013, sulla base delle indicazioni fornite dal Quadro Strategico Nazionale (QSN) per la politica regionale di sviluppo 2007-2013 e dal Documento Strategico Regionale Preliminare (DSRP) della Regione Siciliana per la politica di coesione 2007-2013, include azioni ed interventi strutturali (opere di difesa) e non strutturali (pianificazione ed informazione), per il miglioramento dellassetto idrogeologico e per la prevenzione e mitigazione dei rischi nat urali. Per attuare adeguati interventi, volti alla difesa del territorio ed alla mitigazione dei rischi naturali, sarebbe opportuno diffondere la cultura della prevenzione dei rischi in materia di catastrofi di natura geologica (terremoti, eruzioni vulcaniche, tsunami) ed idraulica (inondazioni, smottamenti, tempeste ed altri eventi estremi) e delle loro conseguenze, anche nellambito di un approccio integrato e multi-rischio. Occorre migliorare, altres, sempre pi, il grado di comprensione degli eventi e/o processi naturali potenzialmente pericolosi, prerequisito indispensabile per una corretta gestione delle procedure di emergenza e di salvaguardia della salute pubblica. Per ci che concerne la prevenzione ed attenuazione del rischio di desertificazione in Sicilia, gli eventi siccitosi degli ultimi decenni hanno posto in risalto come sia importante lefficace m onitoraggio dei parametri idrologici che caratterizzano il ciclo idrogeologico, soprattutto, per quanR n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

F e i a h i F en no om me en ni id di id d is ss se es st to ot te er rr ri it to or ri i al le e-R Ri is sc c h in na at tu ur ra al li i

to attiene il depauperamento delle risorse idriche superficiali e profonde. Ci premesso, attraverso i progetti di Iniziativa Comunitaria SEDEMED e SEDEMED II (Scheresse et Dsertification dans le bassin Mditerrane), coordinato dallUfficio Idrografico della Regione Siciliana (oggi Osservatorio delle acque), sono stati effettuati studi e ricerche sui fenomeni di siccit e di desertificazione. Con il progetto SEDEMED II, stato avviato un sistema mirato a valutare e mitigare il fenomeno della siccit su scale spaziali che vanno dallintera area del Bacino del Mediterraneo a quella di bacino idrografico, di regione o di piccola isola (questultima, spesso, caratterizzata da una risorsa idrica il cui approvvigionamento , oltre che scarso, anche distante). I risultati del progetto sono riassunti in tre volumi: Rilevamento, trattamento ed elaborazioni dei dati idrometeorologiciche trattano: le caratteristiche degli strumenti di misura, le reti e le stazioni di osservazione, la misurazione dei parametri idrometeorologici; la progettazione, lorganizzazione e la gestione di un sistema di monitoraggio idrometeorologico; i metodi e gli strumenti per lanalisi e la gestione del la siccit e quindi anche la previsione di eventi siccitosi, la gestione delle risorse idriche sotterranee e superficiali, nonch le misure di mitigazione del fenomeno siccitoso. Il Dipartimento Regionale delle Foreste opera come responsabile dellazione p ilota attuata dalla Regione Siciliana nellambito del Progetto Desertnet II. Il partner scientifico del progetto la Sezione di Idraulica del Dipartimento di Tecnologie Agroforestali (ITAF) dellUniversit di P alermo. Lattivit realizzata stata la segu ente: Studio dei processi di erosione e definizione di linee guida per lutilizzazione sostenibile del territorio in aree ad elevata sensibilit - Monitoraggio del processo di erosione nellarea pilota di Sparacia (Agrigento). Studio della vulnerabilit del territorio alla desertificazione dal punto di vista climatico. Di seguito si riportano gli obiettivi perseguiti dallo studio medesimo: validazione del Modello di Wishmeier W.H. e Smith D.D. e calcolo del coefficiente di erodibilit per parcelle di dimensioni differenti; realizzazione di misure di erosione da microparcelle e determinazione del fattore di erodibilit di interrill; valutazione del contributo allerosione totale delle due aliquote di rill e interrill attr averso il confronto delle misure di perdita di suolo effettuate alle differenti scale spaziali di riferimento. Si , inoltre, portata avanti unattivit di analisi a scala regionale secondo una logica rispo ndente a quella del modello ESAs: nellambito del processo di caratterizzazione cli matica del territorio, per lindividuazione delle zone sensibili alla desertificazione, sono stati presi in consider azione gli indicatori rappresentativi dellaridit e dellerosione idrica superficiale. Il progetto DESERTNET II (durata 2005 - 2008), finanziato dal programma Interreg IIIB, implementa una Piattaforma di Servizi per la lotta contro la siccit e la desertificazione, mediante una serie di azioni pilota nelle regioni del Mediterraneo. La Regione Siciliana punta ad un miglioramento dellanalisi dei processi di erosione, per potere meglio definire linsieme dei fattori e degli indicatori utili ad identificare le aree sensibili al processo di desertificazione nellIsola. Il tutto finalizzato, quindi, ad un perfezionamento del processo di monitoraggio e di pianificazione delle azioni nelle zone sensibili. Le fasi previste da attuare sono: identificare le aree vulnerabili al processo di desertificazione a livello regionale (scala 1:25.000), prendendo in specifica considerazione gli indicatori del processo erosivo; individuare fra tali aree, quelle da sottoporre potenzialmente ad intervento e quelle soggette ad incendio; caratterizzare le aree campione a differente scala; monitorare nellarea pilota di Sparacia (AG) i processi erosivi, sia a scala di bacino che a scala di parcella.

159 Cap. 10

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

Bibliografia essenziale di riferimento


160 Cap. 10 Cap. 10 APAT (2006), Annuario dei dati ambientali. Edizione 2005-2006. APAT (2007), Rapporto sulle frane in Italia. Il Progetto IFFI Metodologia, risultati e rapporti regionali. Rapporti 78/2007, Roma. ARPA Sicilia, Annuario dei dati ambientali. Sicilia. Anni 2004-2007 CNRGNDCI (1998), Progetto AVI (Aree vulnerate da calamit idrogeologiche): Regione Sicilia, Relazione Finale ed Allegati. ENEA (2002), Carta delle aree sensibili alla desertificazione (scala 1 : 250.000). EUROSION (2004), Living with Coastal Erosion in Europe: Sediment and space for Sustainability. Results from the Eurosion Study. Luxembourg: Office for Official Publications of European Communities, 40 pp. GNRAC (2006), Libro blu sullo stato dei litorali italiani. Ed. Gruppo Nazionale per la Ricerca sullAmbiente Costiero, Roma. INGV (2006), Report sullattivit di monitoraggio geochimico dei vulcani. ISTAT, Annuario statistico nazionale, Anni vari. Lucchesi T. & Agnesi V. (2007), Analisi del dissesto da frana in Sicilia. Da: Rapporto APAT 78/2007 (Rapporto sulle frane in Italia), pp. 633-650, Roma. Regione Siciliana, (2002), Relazione sullo stato dellAmbiente in Sicilia, Assessorato Territorio ed Ambiente, Palermo. Regione Siciliana, (2002), Metodologia per la redazione di una carta in scala 1:25.000 sulle aree vulnerabili al rischio di desertificazione in Sicilia, Assessorato Agricoltura e Foreste - Assessorato Territorio ed Ambiente, Palermo. Regione Siciliana, (2003), Carta della vulnerabilit al rischio di desertificazione in Sicilia Assessorato Territorio ed Ambiente. Servizio 4 - Assetto del territorio e difesa del suolo, U.O. PIR desertificazione . Regione Siciliana (2004), Piano Stralcio di Bacino per lAssetto Idrogeologico della Regione Siciliana. Relazione generale. Assessorato Territorio ed Ambiente, Palermo. Regione Siciliana, (2006). Piani di Assetto Idrogeologico - Focus di Approfondimento - Allegato alla Relazione sullo stato di attuazione POR Sicilia 2000-2006. Assessorato Territorio ed Ambiente Presidenza, Dipartimento Regionale della Programmazione, Comitato di Sorveglianza, 26/9/6, Palermo. Regione Siciliana, Presidenza - Dipartimento Protezione Civile (2007). Linee guida per la predisposizione dei piani di protezione civile provinciali e comunali in tema di rischio idrogeologico, Palermo. Regione Siciliana, Assessorato Territorio ed Ambiente - ARPA Sicilia (2007). Rapporto ambientale PO FESR 2007 2013. Regione Siciliana, Assessorato Territorio ed Ambiente - ARPA Sicilia (2007). Rapporto ambientale Programma di Sviluppo Rurale Sicilia 2007 2013. Regione Siciliana, Presidenza - Dipartimento Protezione Civile (2006). Edurisk. Itinerari per la riduzione del rischio, Palermo. Agenzia Regionale per i Rifiuti e le Acque Osservatorio delle acque: PROGETTO SEDEMED II, Scheresse et Dsertification dans le bassin Mditerrane II . 2006 Siti internet: www.desertnet.org www.minambiente.it

Glossario
Alluvione: Allagamento temporaneo di aree che abitualmente non sono coperte dacqua; ci include le inondazioni causate da fiumi, torrenti di montagna, corsi dacqua temporanei mediterranei, e le inon dazioni marine delle zone costiere e pu escludere gli allagamenti causati dagli impianti fognari. Instabilit geomorfologica: morfologia del terreno instabile, non in equilibrio con lambiente naturale e che tende quindi a raggiungere questo equilibrio modificandosi. Livelli di rischio (da R1 a R4): Essi dipendono dalla possibilit di arrecare danni a persone (morti: R4, feriti: R3), infrastrutture ed edifici (danni funzionali: R3, danni minori: R2), ai servizi ed alle attivit socioeconomiche (danni funzionali: R3, distruzione: R4), ai beni ambientali (danni minori: R2, danni rilevanti: R3, perdita totale: R4). Pericolosit: Indica la probabilit che un certo fenomeno od episodio di instabilit, naturale o indotta pi o meno direttamente dallantropizzazione (alluvioni, frane, valanghe, terremoti ed eruzioni vulcaniche), si verifichi, con una data energia, in un certo punto del territorio in un determinato intervallo di tempo. Prevenzione: Consiste nelle attivit volte ad evitare o ridurre la possibilit che si verifichino danni conseguenti agli eventi calamitosi. Previsione: E linsieme delle attivit dirette allo studio ed alla determinazione delle cause dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi ed alla individuazione delle zone del territorio soggette ai rischi stessi. Rischio naturale: La probabilit che le conseguenze economiche e sociali di un certo fenomeno di pericolosit superino una determinata soglia, ovvero il prodotto della pericolosit naturale per la vulnerabilit territoriale e per il valore inteso come esposizione al rischio (organizzazione sociale o valore economico). Rischio sismico: Si stabilisce su base statistica e rappresenta la probabilit che, entro un certo periodo di anni, si verifichi

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

F e i a h i F en no om me en ni id di id d is ss se es st to ot te er rr ri it to or ri i al le e-R Ri is sc c h in na at tu ur ra al li i
una scossa di terremoto di una certa intensit. Rischio di alluvioni: Combinazione della probabilit di un evento alluvionale e delle potenziali conseguenze negative per la salute umana, lambiente, il patrimonio culturale e lattivit economica, derivanti da tale evento. Sensibilit ambientale: Lattitudine di unarea a subire modifiche in conseguenza di pressioni esterne di un determinato tipo (ad esempio: sensibilit alle mareggiate, alle alluvioni, ecc.). Unit fisiografica costiera: Unit territoriale di riferimento utilizzata nellambito della pianificazione costiera, ovvero tratto di litorale entro cui i movimenti dei sedimenti risultano confinati e gli scambi con le unit adiacenti sono nulli o quasi nulli.

161 Cap. 10

Sezione II - Elementi dinterrelazione

2 7 20 00 0 7

Rifiuti

Federico Nucita, TFA MATTM Emilio Scilipoti, TFA MATTM

Rifiuti

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

164 Cap. 11 Cap. 11

11. R Ri if fi iu ut ti i

11.1 Caratteristiche strutturali


La gestione dei rifiuti in Sicilia fa registrare un ritardo sia nell attuazione della normativa di settore, sia nella realizzazione degli obiettivi ambientali: un dato su tutti, la raccolta differenziata nellanno 2005 fa registrare appena un 5%1 sul totale dei rifiuti smaltiti. I ritardi sono da attribuire principalmente alla mancanza di impianti alternativi alla discarica, idonei a trattare e smaltire tutti i rifiuti prodotti in Sicilia. La tab. 11.1 mostra tutti gli impianti in esercizio in Sicilia, suddivisi per tipologia. Osservando la tabella, non stupisca la lett era z) Discarica che fa riferimento, non alle discariche di rifiuti urbani, ma alle discariche di inerti.
tab. 11.1: Capacit impiantistica siciliana (2006)
Tipologia di impianto A) Stoccaggio B) Deposito preliminare/Trattamento chimico-fisico C) Deposito preliminare/Tratt. chimico-fisico-biologico D) Deposito preliminare/Tratt. chimico-fisico/Recupero E) Deposito preliminare/Recupero F) Deposito preliminare/Compostaggio/Recupero G) Compostaggio H) Inceneritore I) Termovalorizzatore L) Stazione Trasferenza M) Trattamento chimico-fisico-biologico N) Trattamento chimico-fisico O) Trattamento biologico P) Tratt. chimico-fisico/CDR Q) Tratt. chimico-fisico/Recupero R) Tratt. chimico-fisico/Recupero/CDR S) Recupero T) Recupero/CDR U) Rottamazione/Autodemolizione V) Impianto Mobile Z) Discarica Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati dellAgenzia Acque e Rifiuti Numero 16 3 0 1 3 1 2 1 0 0 0 1 1 1 1 1 18 1 78 23 2

La L.R. n. 2 del 8.2.2007 prevede al 31.12.2007 una quota minima di raccolta differenziata pari al 20%.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

R Ri if fi iu ut ti i

11.2 Normative di riferimento


Con lintroduzione del DLgs n. 152/2006, stata varata una nuova normativa per i diversi settori ambientali. Allinterno del decreto, viene disciplinata la gestione dei rifiuti e la bonifica dei siti inquinati. In particolare, sono trattati i seguenti aspetti: Definizione dei criteri di priorit della gestione attraverso lintroduzione di sistemi di recupero e di smaltimento; Ripartizione delle competenze tra Stato, Regioni, Province e Comuni; Definizione degli obiettivi di raccolta differenziata In ogni ambito territoriale ottimale deve essere assicurata una raccolta differenziata dei rifiuti urbani pari alle seguenti percentuali minime di rifiuti prodotti: a) almeno il trentacinque per cento entro il 31 dicembre 2006; b) almeno il quarantacinque per cento entro il 31 dicembre 2008; c) almeno il sessantacinque per cento entro il 31 dicembre 2012. Con la L.R. 8 febbraio 2007, n. 2: Disposizioni programmatiche e finanziarie per lanno 2007, allart 45 (Individuazione dei nuovi ambiti territoriali ottimali per la gestione dei rifiuti urbani), si prevede che, entro 90 giorni dalla sua entrata in vigore, lAgenzia per i rifiuti e le acque (ARRA) provveda ad individuare nuovi ambiti territoriali ottimali (ATO), sulla base di uno studio che tenga conto della necessit di assicurare lefficacia, lefficienza, leconomicit e la funzionalit, nonch la continuit dei servizi. La legge prevede inoltre che i nuovi ATO siano individuati in numero non superiore a 14 (pari al 50 per cento di quelli attualmente esistenti). Gli ambiti territoriali ottimali cos individuati potranno non coincidere con il territorio della provincia e verranno organizzati in consorzi, di cui faranno parte obbligatoriamente gli enti locali ricadenti nellambito dei singoli ATO. La L.R. n. 2/2007 stabilisce inoltre degli obiettivi di raccolta differenziata parzialmente discordanti rispetto a quelli individuati allinterno del DLgs 3 aprile 2006, n. 152. La percentuale di raccolta differenziata, secondo quanto stabilito dal legislatore regionale, infatti non potr essere inferiore al 20 per cento per lanno 2007, al 30 per cento per lanno 2008, al 50 per cento per lanno 2009 e al 60 per cento per lanno 2010, nel rispetto dellintesa di cui allarticolo 205, comma 6, del DLgs. n. 152 del 2006. Per semplificare, nella tab. 11.2 vengono schematizzati gli obiettivi previsti dalle due norme a confronto. Il DLgs 149/2006 sui veicoli fuori uso tab. 11.2: Confronto tra gli obiettivi di raccolta cerca di mettere ordine in un settore decisadifferenziata del DLgs 152/2006 e della L.R. 2/2007 mente caotico e deregolamentato; infatti, per Anni DLgs L.R. n. 152/2006 2/2007 le amministrazioni competenti, risulta essere 35% -2006 sempre problematico identificare un veicolo -20% 2007 fuori uso e tramite questa norma il legislato45% 30% 2008 re cerca di fornire ulteriori strumenti utili sia -50% 2009 ad identificare semplicemente un veicolo -60% 2010 fuori uso, sia a stabilire delle regole pi --2011 certe sulle caratteristiche che deve possedere 65% -2012 un impianto autorizzato a trattare questa Fonte: Elaborazione TFA Sicilia tipologia di rifiuto. Unaltra norma, che assume una notevole importanza, il DLgs 25 Settembre 2007 n. 185, che integra il DLgs n. 151/2005, relativo ai rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE); esso stabilisce la tempistica e le modalit per liscrizione obbligatoria al Registro, da parte dei produttori di AEE (apparecchiature elettriche ed elettroniche). Lo stesso decreto istituisce due importanti organi coinvolti nella gestione dei RAEE: il Centro di coordinamento per lottimizzazione delle attivit di competenza dei sistemi collettivi ed il Comitato di indirizzo sulla gestione dei RAEE; introduce altres un regime transitorio, per rendere efficace ed operativa la nuova disciplina ex DLgs n. 151/2005 sulla gestione dei RAEE, prescrivendo che, fino al 31 dicembre 2007, siano Comuni a garantire la corretta gestione dei rifiuti, con oneri finanziari a
2 7 20 00 0 7

165 Cap. 11

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

166 Cap. 11 Cap. 11

carico dei produttori; mentre a partire dal gennaio 2008, la responsabilit dellintero sistema passa (secondo gli obblighi sanciti dal DLgs. 151/2005) nelle mani di produttori e distributori.

11.3 Interazioni con lambiente


Analizzando il settore dei rifiuti, si possono individuare interazioni ambientali con le seguenti matrici: Acqua; Aria; Suolo. Nel dettaglio, si pu affermare che il problema pi rilevante relativo alle ripercussioni dei rifiuti sulla matrice Acqua consiste in due possibili interazioni: la prima la possibilit che il percolato, prodotto dalla degradazione dei rifiuti, possa finire nelle falde acquifere, sia aumentando il contenuto organico dellacqua, sia portando una serie di inquinanti che possono essere dispersi nel percolato medesimo; la seconda deriva dal contatto diretto tra i rifiuti e lacqua, contatto che pu avvenire sia attraverso il dilavamento prodotto dalla pioggia sui rifiuti, sia dalla possibilit che i rifiuti vengano scaricati illegalmente nei letti di torrenti e fiumi o direttamente in mare, facendo cos in modo che essi possano rilasciare direttamente agenti inquinanti in acqua. Linterazione tra i rifiuti ed il suolo sicuramente riconducibile sia alloccupazione del suolo, dovuta alla realizzazione e gestione di impianti di trattamento, in special modo le discariche, sia dalla possibilit derivante dalle sostanze nocive contenute nei rifiuti, che essi, venendo abbandonati illegalmente sul suolo o nel suolo, potrebbero liberare, provocando un inquinamento diretto, grazie allazione degli agenti atmosferici ovvero a causa dei microrganismi presenti nel terreno. Analizzando le eventuali interferenze tra la matrice aria ed il settore dei rifiuti, si possono evidenziare due effetti fondamentali, il primo relativo alla possibilit di emissione di sostanze volatili direttamente dai rifiuti, il secondo legato alla fase di trattamento dei rifiuti, durante la quale possono essere emesse sostanze nocive sia per luomo che per lambiente: un esempio su tutti lincenerimento dei rifiuti con o senza recupero energetico, che pu portare allemissione di sostanze tossiche, quali: mercurio, diossine, polveri sottili (fly ash) e altri inquinanti, come ossidi di azoto e zolfo, ecc.

11.4 Tendenze
Confrontando i dati concernenti la produzione di rifiuti per gli anni dal 2001 al 2005, si registrato un leggero aumento nella produzione di rifiuti urbani, arrivata a 2,6 milioni di tonnellate, a cui vanno aggiunte circa un milione di tonnellate di rifiuti pericolosi. Nonostante questo accrescimento nella produzione totale, nellultimo anno si segnala una leggera diminuzione dei rifiuti smaltiti in discarica: infatti, la percentuale dei rifiuti urbani conferiti in discarica, rispetto a quella dei rifiuti urbani prodotti scesa, tra il 2004 ed il 2005, dal 95% al 90%. Lo smaltimento in discarica a tuttoggi il principale metodo di trattamento dei rifiuti, anche se bisogna evidenziare che il numero di discariche per RSU in continua diminuzione, essendo passato nellultimo triennio analizzato da 55 a 29. Positivo anche il risultato dellattuazione dei programmi per la decontaminazione e lo smaltimento dei policlorobifenili (PCB), operata dai detentori degli stessi, che ha portato nellultimo biennio ad una diminuzione di circa il 27% degli apparecchi ancora in uso. Per quanto riguarda, infine, la quantit di rifiuti raccolti in modo differenziato ed il conseguente recupero di rifiuti da imballaggio, si riscontra da anni un trend positivo, ma non ancora sufficiente a rispettare gli obiettivi fissati dalle normative. Nella tab. 11.3 e nel graf. 11.2 vengono evidenziati i dati relativi alla raccolta differenziata.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

R Ri if fi iu ut ti i tab. 11.3: Rifiuti da raccolta differenziata.


FRAZIONE 2004 2005 t % t 26.148,20 18,91 17.687,62 Organico 240,34 0,17 10.255,24 Sfalci e Pot. 14.298,72 10,34 17.328,49 Vetro 8.139,52 5,89 8.793,08 Plastica 3.825,16 2,77 1.446,22 Legno 60.253,89 43,58 61.601,30 Carta 3.787,01 2,74 1.497,78 Metalli 41,03 0,03 643,46 Alluminio 2.056,97 1,49 2.509,28 Tessili 8.067,62 5,83 5.171,71 RAEE 9.771,80 7,07 13.137,59 Ingomb. a recupero 536,8 0,39 405,28 Selettiva 1.098,87 0,79 2.655,63 Altro Totale 138.266 100,00 143.133 Fonte: Elaborazioni TFA Sicilia su dati ARPA Sicilia % 12,36 7,16 12,11 6,14 1,01 43,04 1,05 0,45 1,75 3,61 9,18 0,28 1,86 100,00 var. % 2004-2005 -0,35 40,22 0,17 0,04 -0,63 -0,01 -0,62 14,15 0,18 -0,38 0,30 -0,27 1,33

167 Cap. 11

graf. 11.1: Categorie merceologiche e percentuali derivanti dalla raccolta differenziata per l anno 2005
Ingomb. a recupero Selettiva Altro

Organico Sfalci e Pot.

RAEE Alluminio Metalli Plastica Tessili Legno Vetro

Carta
Organico Legno Tessili Altro Sfalci e Pot. Carta RAEE Vetro Metalli Ingomb. a recupero Plastica Alluminio Selettiva

Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati ARPA Sicilia

Il DLgs n. 36/2003 ha previsto obiettivi di progressiva riduzione del conferimento in discarica di rifiuti urbani biodegradabili, da raggiungersi a livello di ATO. A tal proposito, per ci che riguarda gli impianti di compostaggio di rifiuti selezionati (compost di qualit), nellanno 2005 in Sicilia si sono autorizzati impianti per 245.500 t/a, con tecnologia CR(cumuli per rivoltamento) ed i rifiuti trattati sono pari a 61.577 t, mentre loutput prodotto pari a 38.193 t. La produzione complessiva dei rifiuti speciali in Sicilia, nel 2004, ammonta a poco pi di 3,2 milioni di tonnellate, i rifiuti pericolosi sono pari a 156.663 t. I rifiuti speciali gestiti sono costituiti, per il 95% da rifiuti non pericolosi e per il restante 5% da rifiuti pericolosi. Per ci che attiene lo smaltimento, in Sicilia l80% dei rifiuti speciali stato avviato ad operazioni di recupero e il 20% stato sottoposto a smaltimento. La forma di gestione prevalente, 54,5% del totale di rifiuti speciali, il recupero di materia, cui sono state avviate 1,8 milioni di tonnellate di rifiuti. I rifiuti speciali sottoposti ad altre operazioni di smaltimento, pari a circa 273 mila tonnellate, costitu iscono l8,2% del totale dei rifiuti gestiti. Sono incluse, in tale terminologia, le operazioni di trattamento biologico e trattamento fisico-chimico, a cui stato destinato un quantitativo complessivo
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

168 Cap. 11 Cap. 11

di rifiuti pari a 257.847 t; invece alle operazioni di trattamento in ambiente terrestre e di ricondizionamento preliminare, stato sottoposto un totale di 14.687 t di materiali. I rifiuti speciali conferiti in discarica, che ammontano, complessivamente, a circa 377 mila tonnellate, costituiscono l11,3% del totale, mentre la quota dei rifiuti sottoposti a messa in riserva (532.000 t) risulta pari al 16%. Il recupero di energia uguale al 9,5%; lincenerimento, invece, registra una percentuale dello 0,4%. Nella tab. 11.4 e nel graf. 11.2 vengono evidenziati i dati relativi alla produzione dei rifiuti urbani e degli speciali pericolosi e non pericolosi, escludendo per i rifiuti derivanti da attivit di costruzione e demolizione (C&D).
tab. 11.4: Produzione regionale di rifiuti totale e per tipologia (2001-2004) (t x 1000)
Anno di riferimento Produzione di rifiuti urbani. Totale 2.423 2.521 2.540* 2.544 Produzione di rifiuti speciali non pericolosi esclusi i C&D 1.106 903 1.040 921 Produzione di rifiuti speciali pericolosi 60 99 234 157 Produzione di rifiuti speciali esclusi i C&D. Totale 1.166 1.002 1.275 1.077 Produzionetotale di rifiuti esclusi i C&D. Totale 3.589 3.523 3.815 3.622

2001 2002 2003 2004

*- Dati modificati rispetto a quelli pubblicati nellAnnuario dei dati ambientali Edizione 2004. Fonte: APAT, ARPA Sicilia (2007)

Per affrontare meglio largomento discariche, si presenta un excursus che parte non dalla dichiarazione dello stato pericolosi di emergenza in Sicilia del 1999, per arrivare sino ai nostri giorni. rifiuti urbani Nel 1999 le discariche rappresentavano lunico sistema di pericolosi smaltimento degli RSU; sul territorio regionale erano attivi 325 impianti. Alla data del Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati ARPA Sicilia 30.6.2002, rimanevano in attivit 114 discariche, a seguito della chiusura di molti impianti per esaurimento o per non idonee condizioni tecnico-ambientali. Successivamente il numero dimpianti attivi ulteriormente diminuito, fino ad arrivare a 72 nellanno 2003. La situazione relativa agli impianti attivi aggiornata allanno 2006 e, come si vede nella tab. 11.5, il numero di discariche dallanno 2004 allanno 2006 si riduce a 29 impianti attivi.
graf. 11.2: Produzione di rifiuti urbani pericolosi e non pericolosi, 2005

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

R Ri if fi iu ut ti i

Allinterno del Piano di Gestione dei Rifiuti (PGR), a regime si prevede un numero di discariche Provincia 2004 2005 2006 attive pari a 25. Agrigento 8 5 4 Dallosservazione della situazione impiantistica Caltanissetta 3 2 2 del settore, appare evidente che occorre dare impulso Catania 4 3 2 nel pi breve tempo possibile a tutte le azioni necesEnna 6 4 3 sarie allentrata a regime della gestione integrata dei Messina 11 7 2 rifiuti, sia dal punto di vista infrastrutturale, che da Palermo 7 4 3 quello organizzativo e gestionale. Ragusa 4 3 3 Sembra opportuno fare una ulteriore riflessione, Siracusa 7 5 5 anche alla luce della L.R. n. 2/2007, sulla realizzaTrapani 5 5 5 zione degli impianti, considerando che, entro breve, SICILIA 55 38 29 il numero di ambiti territoriali sar diminuito e conFonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati siderando che linvestimento per la realizzazione e la Commissario Delegato per lEmergenza Rifiuti in Sicilia (2007) gestione-manutenzione degli impianti rappresenta un onere significativo, che finisce per riversarsi sulla tariffa. Potrebbe essere utile, a tale proposito, ripensare il dimensionamento e la localizzazione degli impianti che ancora si devono realizzare.
tab. 11.5: Numero di discariche per anno

169 Cap. 11

11.5 Impatto sulla salute della popolazione


Per poter affrontare i problemi connessi alla salute e legati al settore rifiuti, bisogna tenere conto della complessit dellargomento. Sembra necessario prendere in considerazione sia gli aspetti puramente sanitari, connessi alla possibile esposizione a sostanze nocive direttamente presenti nei rifiuti od eventualmente liberate, in seguito a reazioni chimico-biologiche, che avvengono allinterno della matrice rifiuti; sia gli aspetti di tipo psicologico: infatti devono essere considerati problemi quali il disagio psicologico, sociale ed estetico, oltre a quelli propriamente biologici, dovuti magari alla presenza di qualche impianto di trattamento in prossimit di centri abitati. Nel campo delle problematiche pi prettamente sanitarie, si evidenzia che i rifiuti sono una matrice complessa, costituita da una notevole variet di composti chimici, soggetti ad agenti fisici e biologici; i composti iniziali mutano molto rapidamente, originando altre sostanze chimiche e la loro tossicit potenziale pu variare nel tempo ed in funzione delle procedure di trattamento/smaltimento. Gli effetti biologici per le persone, che possono derivare dallesposizione, dipendono dal tempo, dalla modalit di gestione del rifiuto ed in ultimo dalla tipologia di trattamento. La capacit dei rifiuti di trasformarsi nel tempo rende pi complesso prevedere le differenti vie di esposizione; per tentare una semplificazione, le possiamo cos schematizzare: Inalazione Ingestione Contatto cutaneo. Va detto che probabilmente la via pi pericolosa quella per inalazione, in quanto ci si espone in maniera pi subdola ad agenti chimici, che, nella grande maggioranza dei casi, si rivelano sostanze cancerogene (IPA, COV, fly ash, metalli pesanti). Se vogliamo mettere in relazione il ciclo dei rifiuti con la possibilit di essere esposti ad un rischio, possiamo effettuare la seguente schematizzazione: 1. Produzione 2. Conferimento al cassonetto 3. Raccolta 4. Stoccaggio 5. Trattamento/Smaltimento finale. Consideriamo per semplicit di trattazione soltanto il ciclo dei rifiuti urbani. Quando si parla di produzione, si intende quella fase in cui il comune cittadino si disfa dei rifiuti possibilmente sepa2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

170 Cap. 11 Cap. 11

rati nelle diverse frazioni merceologiche. Possiamo dire che in questa fase i rischi sono minimi, soprattutto tenuto conto del fatto che le quantit in gioco non sono elevate, che la tipologia di rifiuti ha sicuramente basse concentrazioni di sostanze tossiche e che i tempi di esposizione sono relativamente brevi. Ricordiamo che la produzione pro-capite in Sicilia per lanno 2005 di 521 Kg. Il conferimento al cassonetto non comporta di per s alcun rischio. Gli eventuali inconvenienti possono essere ascritti alla permanenza dei rifiuti allinterno dei cassonetti, soprattutto in una regione come la Sicilia, che presenta temperature medie abbastanza alte, in grado di favorire rapidi fenomeni di trasformazione chimico-biologica degli stessi. La fase di raccolta avviene tramite mezzi meccanici appositamente realizzati, che dovrebbero minimizzare qualunque rischio. Lo stoccaggio normalmente si esplica a seguito di raccolta differenziata, riguardando, quindi, normalmente, materiali inerti, come vetro, plastica ecc. Se per, per motivi durgenza e di necessit, si dovesse ricorrere allo stoccaggio dei rifiuti urbani indifferenziati, potrebbero insorgere dei rischi, connessi con la possibile formazione di sostanze organiche volatili e/o di biogas, con pericolo di esplosioni, con la formazione di percolato, che andrebbe necessariamente recuperato e smaltito adeguatamente, onde evitare che possa finire nel sistema fognario, non adatto a trattare un materiale cos ricco in sostanze organiche. In ultimo, la fase di trattamento-smaltimento, caratterizzata dai maggiori rischi sanitari, poich nel corso del suo svolgimento, si possono sprigionare sostanze nocive. Basti pensare, per esempio, al ciclo di recupero del piombo dalle batterie delle autovetture: durante la fase di fusione, che si realizza allinterno di forni, possono essere liberate polveri sottili e quantitativi significativi di piombo, mercurio e bismuto, sotto forma di composti aeriformi, che tendono a contaminare sia lambiente di lavoro, che le aree circostanti limpianto. Concludendo, si pu asserire che, applicando una corretta gestione del ciclo dei rifiuti, si possono ridurre e controllare i rischi per la salute pubblica. Unaltra conseguenza importante discenderebbe dallacquisizione di un quadro certo delle attivit, correlate alla gestione, che presentano i maggiori pericoli e quindi si potrebbero studiare delle procedure capaci di valutare i livelli di inquinanti, limitando al minimo gli effetti indesiderati.

11.6 Proposte e politiche di mitigazione


emerso dalla descrizione del settore che la Sicilia si trova in ritardo nel raggiungimento degli obiettivi previsti dalla normativa vigente, circostanza cui si aggiunge il fatto che la prossima rimodulazione degli ATO2 Sicilia rivoluzioner il settore. In questo momento di transizione difficile individuare azioni tali da risultare utili alla mitigazione degli impatti derivanti dal comparto. Sicuramente, una prima attivit potrebbe consistere nelladeguamento del piano di gestione dei rifiuti alla moderna realt ed alle nuove leggi del settore. Inoltre, indispensabile realizzare tutti gli impianti funzionali alla gestione integrata. Si ritiene necessaria, a questo punto, una riflessione particolare sui 4 termovalorizzatori previsti nellambito del territorio regionale. I progetti dei termovalorizzatori sono localizzati uno a Bel-

Si fa presente che la L.R. n. 2/2007 prevede un numero massimo di ambiti non superiore al 50 per cento di quelli esistenti, pari a 14.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

R Ri if fi iu ut ti i

lolampo (Palermo), uno ad Augusta (Siracusa), uno a Patern (Catania) ed, infine, uno a Casteltermini (Agrigento). Il sistema complessivo dei quattro impianti dovrebbe conseguire il duplice risultato di incenerire i rifiuti e di ottenere una potenza elettrica netta producibile complessiva di 184,45 MW. Infatti, contemplato che i singoli termovalorizzatori potranno raggiungere i seguenti livelli di potenza: 55 MW - Bellolampo 51,6 MW - Augusta 45,2 MW - Patern 32,65 MW - Casteltermini. Nel predisporre questo sistema, per, sorge un interrogativo, ossia se possibile alimentare i 4 termovalorizzatori, considerando che la produzione di rifiuti solidi urbani in Sicilia si attestata intorno ai 2,6 milioni per lanno 2005 e considerando altres gli obiettivi, in termini di quote di raccolta differenziata, fissati allinterno del DLgs 152/2006. Si sottolinea al riguardo che gi i soli impianti di Palermo e Catania necessitano di circa 950.000 tonnellate di materiale.

171 Cap. 11

Bibliografia essenziale di riferimento


ARPA Sicilia , Annuario 2006 APAT Rapporto rifiuti 2006 Siti web: www.regione.sicilia.it/presidenza/ucomrifiuti/ www.ecoserver.it www.reteambiente.it www.ambientediritto.it

2 7 20 00 0 7

Siti contaminati

Francesco Geremia, TFA MATTM

Ringraziamenti: C.R.A.M.B.R.A. Centro di Ricerca per lAnalisi, il Monitoraggio e le Metodologie di Minimizzazione del Rischio Ambientale - Universit degli studi di Catania Dott. Angelo di Lorenzo - Dipartimento territorio ed ambiente Servizio 5 Rifiuti

Siti contaminati

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

174 Cap. 12 Cap. 12

12. S Si it ti ic co on nt ta am mi in na at ti i

Tra i principali fattori dimpatto su ambiente e salute pubblica in Sicilia, allo stato attuale ed in termini di rischio futuro, vi sono i siti potenzialmente ed effettivamente contaminati da fonti puntuali. Da un punto di vista tecnico ed economico, il loro risanamento un processo dinamico e complesso, che stato disciplinato per diversi anni dal decreto legislativo n. 22 del 5/2/97 e dal decreto ministeriale n. 471 del 25/10/99. Di recente, tali decreti sono stati sostituiti dal Titolo V Bonifica di siti contaminati, Parte Quarta del decreto legislativo n. 152 del 3/4/06, che disciplina gli interventi di bonifica e ripristino ambientale dei siti contaminati in coerenza con strategie e norme comunitarie e con particolare riferimento al principio chi inquina paga. I temi della gestione e bonifica dei siti contaminati costituiscono una priorit a livello nazionale ed europeo e rivestono una sempre maggiore rilevanza a livello regionale. Per molti di questi siti stato gi avviato o completato liter tecnico-amministrativo per lapprovazione del progetto di bonifica, che si articola secondo la nuova normativa in diverse fasi di lavoro (misure di prevenzione, indagine preliminare di caratterizzazione, piano di caratterizzazione, analisi di rischio, progetto operativo).

12.1 Caratteristiche strutturali


I siti effettivamente contaminati sono aree limitate in cui presente, a causa di attivit antr opiche svolte o in corso, unaccertata alterazione delle condizioni naturali del suolo da parte di un qualsiasi agente inquinante presente in concentrazione superiore a determinati valori massimi stabiliti dalla normativa in vigore. Invece, affinch un sito possa ritenersi potenzialme nte contaminato occorre che si realizzi la presenza contemporanea di una sorgente di contaminazione, di percorsi di migrazione degli inquinanti attraverso le matrici ambientali, e di bersagli o recettori della contaminazione nel sito.1 A differenza della contaminazione diffusa, collegata prevalentemente ad attivit agricole e zootecniche ed alla deposizione atmosferica degli inquinanti derivanti dalle grandi aree metropolitane e dagli impianti industriali, la contaminazione da fonti puntuali legata prevalentemente allabbandono o smaltimento improprio di rifiuti (discariche incontrollate e provvisorie), presenza di attivit minerarie o di altre attivit industriali, in esercizio o dismesse, scarichi e depositi abusivi, rilasci accidentali (incidenti e sversamenti) e perdite da serbatoi e condotte interrate di sostanze

De Fraja Frangipane et al., 1994

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

S o t Si it ti ic c on nt ta am mi in na a ti i

inquinanti. La presenza nel territorio di siti contaminati deve essere accertata mediante appropriate indagini geologiche e chimiche da eseguire secondo le indicazioni tecniche fornite dall APAT.2 Negli ultimi anni sono state perfezionate nuove e pi efficaci procedure di biomonitoraggio e stima del rischio associato ai siti contaminati, come pure aggiornate tecniche di bonifica ambientale, distinguibili in: tecniche di isolamento, soluzioni temporanee per il controllo e contenimento dei rischi a breve-medio termine per luomo e/o lambiente delle discariche incontrollate e dei vecchi siti di scarico, classificabili in sistemi attivi di natura idraulica e sistemi passivi di isolamento superficiale o del fondo o di cinturazione perimetrale; tecniche di trattamento, soluzioni permanenti (chimico-fisiche, biologiche e termiche) finalizzate alla rimozione della contaminazione, classificabili in trattamenti ex situ con estrazione del terreno contaminato e trattamento dello stesso in un impianto mobile o trasportabile in loco (on site), oppure in un impianto fisso localizzato altrove (off site); trattamenti in situ quando il terreno contaminato trattato direttamente in loco, senza essere escavato. Da una rassegna qualitativa sulle tecnologie impiegate in Italia per la bonifica dei siti contaminati, ancorch sia osservata lapplicazione di una gran parte degli interventi disponibili nello stato dellarte, si registra tuttavia la netta prevalenza di interventi di tipo ex situ, principalmente scavo e smaltimento per i suoli e pump and treat per le acque, approcci tradizionali talvolta inevitabili ma non particolarmente efficaci sotto il profilo della sostenibilit3. In Sicilia il problema dei siti contaminati legato non soltanto alle ben note ed estese realt dei Siti di Interesse Nazionale (SIN) di Priolo, Gela, Biancavilla e Milazzo, come conseguenza di attivit industriali prolungate nel tempo, ma anche ad una serie di aree circoscritte del territorio dove presente una effettiva o potenziale contaminazione di suoli e corpi idrici sotterranei e superficiali. Per avviare un processo di eliminazione di tali condizioni potenziali di rischio sanitarioambientale, e soprattutto per individuare e contenere le condizioni di pericolo create dalla inosservanza e/o dalla violazione di norme e regolamenti, nel 2002 stato predisposto dal Commissario delegato per lemergenza rifiuti in Sicilia4 il Piano regionale delle bonifiche in Sicilia (ARRA, 2002). Il Piano suddiviso nelle seguenti sezioni: censimento e mappatura delle aree potenzialmente inquinate con valutazione dellindice di rischio del sito; definizione delle priorit; descrizione dei criteri regionali per gli interventi di bonifica; siti di interesse nazionale; criteri tecnici di priorit; oneri finanziari; descrizione delle modalit di attuazione del piano di bonifica; modalit di aggiornamento della lista dei siti. Per avere un quadro della situazione regionale si pu fare riferimento ad alcuni indicatori di pressione e di risultato, elaborati da ARPA ed APAT 5. Annualmente si rinvengono nuovi siti contaminati, tuttavia la mancanza di indagini approfondite determina spesso una sottostima dei dati; secondo quanto riportato nellAnnuario dei dati ambientali 2006 dellARPA Sicilia, in Sicilia si registrano 569 siti potenzialmente contaminati,

175 Cap. 12

2 3

APAT, 2006 Majone et al., 2006 4 Dal dicembre 2005, lufficio del Commissario Delegato per lemergenza rifiuti e per la tutela delle acque in Sicilia stato sostituito dallAgenzia Regionale per i Rifiuti e le Acque (ARRA). LAgenzia lAutorit della Regione Siciliana di regolazione dei servizi idrici, di gestione integrata dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati. 5 ANPA, 2000a; ARPA-Sicilia, 2006; APAT, 2006b

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

176 Cap. 12 Cap. 12

la cui origine legata prevalentemente ad attivit di abbandono e deposito incontrollato e provvisorio di rifiuti sul suolo. A livello di distribuzione territoriale, il maggior numero di siti potenzialmente contaminati censito nelle province di Messina e Palermo, mentre le province di Ragusa e Caltanissetta sono quelle con meno aree potenzialmente contaminate (tab. 12.1).
tab. 12.1: Numero di siti potenzialmente contaminati per tipologia e per provincia al 2005
Tipologia di sito Abbandoni e depositi incontrollati Discariche abusive Discariche provvisorie Discariche pre D.P.R. 915/82 Discariche autorizzate ex artt. 27 e 28 D.Lgs. 22/97 Siti industriali dismessi Siti industriali e commerciali attivi Tipologia non individuata Totale AG 9 3 32 3 1 3 0 2 53 CL 5 1 13 0 0 1 0 1 21 CT 15 0 12 3 0 0 0 1 31 EN 35 1 9 3 0 1 0 0 49 ME 12 4 110 4 1 3 0 10 144 PA 75 9 31 3 2 2 4 11 137 RG 17 1 4 0 1 2 0 0 25 SR 23 0 21 2 0 1 3 2 52 TP 40 4 4 0 8 0 1 0 57 SICILIA 231 23 236 18 13 13 8 27 569

Fonte: Elaborazioni ARPA Sicilia (2006) su dati del Commissario per l Emergenza Rifiuti in Sicilia

Per quanto riguarda lo stato di avanzamento dell iter di bonifica, come previsto dal D.M. 471/99, al 2005, su 488 siti effettivamente contaminati, 21 sono bonificati, 22 messi in sicurezza permanente, 28 sono in stato di messa in sicurezza di emerenza, e 112 sono in corso di bonifica (tab. 12.2)
tab. 12.2: Numero di siti bonificati e messi in sicurezza permanente per provincia al 2005
Provincia Siti bonificati Siti con messa in sicurezza permanente 0 0 5 1 11 1 0 1 3 22 Totale siti con accertata contaminazione 40 42 54 38 74 99 44 60 37 488

AG CL CT EN ME PA RG SR TP SICILIA

0 0 3 1 12 4 1 0 0 21

Fonte: Elaborazioni ARPA Sicilia (2006) su dati del Commissario per l Emergenza Rifiuti in Sicilia

Secondo le relazioni trasmesse al Dipartimento Territorio e Ambiente dellAssessorato Territorio e Ambiente dalle imprese che svolgono attivit di smaltimento o bonifica dellamianto, cos come previsto dallart. 9 della legge n. 257 del 27/03/92, il quantitativo di amianto smaltito nellanno 2006 pari a circa 7.276 tonnellate, a cui occorre aggiungere lastre e coperture per una superficie complessiva pari a 7.470 metri quadrati. I Siti di Interesse Nazionale (SIN) sono individuati, ai sensi dellart. 252 del D.L.vo 152/06, in relazione alle caratteristiche del sito inquinato (estensione e densit di popolazione dellarea interessata, quantit e pericolosit degli inquinanti presenti, rischi sanitari ed ecologici). Allindividuazione dei SIN si provvede con decreto del Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), dintesa con le regioni interessate. Ai fini della perimetraR n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

S o t Si it ti ic c on nt ta am mi in na a ti i

zione del sito sono sentiti gli enti locali, assicurando la partecipazione dei responsabili, nonch dei proprietari dellarea da bonificare, se diversi dai soggetti responsabili. La tipologia degli interventi prevede bonifica e ripristino ambientale di aree industriali, di discariche ed aree urbane e suburbane inquinate da amianto, di aree marine antistanti, zone umide e corpi idrici superficiali. In Sicilia vi sono quattro aree SIN: Gela , istituita con legge 426/98 e perimetrata con decreto ministeriale del 10/01/00, data da un importante polo industriale (raffineria, stabilimento petrolchimico, aree di estrazione di greggio e reti di trasporto, centri di stoccaggio, discariche di rifiuti industriali) ed unarea marina antistante compresa tra la foce del fiume Gattano e quella del torrente Acate-Dirillo; Priolo , istituita con legge 426/98 e perimetrata con decreto ministeriale del 10/01/00, data da un polo industriale costituito da grandi insediamenti produttivi (raffinerie, stabilimenti petrolchimici, centrali di produzione di energia elettrica e cementerie, con numerose discariche di rifiuti anche pericolosi ed uno stabilimento dove si producevano manufatti in cemento-amianto) ed unarea marina antistante comprensiva delle aree portuali di Augusta e Siracusa; Biancavilla , istituita con decreto 468/01 e perimetrata con decret o ministeriale del 18/07/02, data da unarea di cava di Monte Calvario (localit attualmente inclusa nel tessuto urbano di Biancavilla, dalla quale si estraeva del pietrisco lavico contaminato da una fibra asbestiforme) e dallarea urbana di Biancavilla (dove molti edifici sono stati costruiti utilizzando malte ed intonaci prodotti attraverso la macinazione della roccia proveniente dalla cava citata); Milazzo , istituita con legge n. 266 del 23/12/05 e perimetrata con decreto 308/06, caratterizzata da unarea industriale con arenile ed area marina antistante. Al 2005, nei SIN Priolo e Gela si rilevano, rispettivamente, 23 e 7 siti con bonifica in corso, mentre a Biancavilla vi lunico sito gi bonificato e sottoposto ad interventi di messa in sicurezza permanente (tab. 12.3).
tab. 12.3: Stato davanzamento degli interventi di bonifica nei siti di interesse nazionale al 2005
Siti di importanza Nazionale Siti con bonifica in corso Siti bonificati e messi in sicurezza permanente 0 0 1 1 Siti non bonificati Siti con situazione non nota 1 0 0 1 4 2 0 6 TOTALE

177 Cap. 12

Priolo Gela Biancavilla Milazzo TOTALE

23 7 0 30

28 9 1 38

Fonte: Elaborazioni ARPA Sicilia (2006) su dati del Commissario per lEmergenza Rifiuti in Sicilia

Inoltre, la Sicilia la regione con il pi alto numero di siti minerari dismessi in Italia (765 siti per lestrazione di zolfo, salgemma e sali alcalini misti pari al 25% del totale nazionale) prevalentemente concentrati tra le province di Agrigento, Caltanissetta ed Enna (tab. 12.4).
tab. 12.4: Numero di siti industriali dismessi per provincia al 2005
Tipologia di sito Siti di estrazione di minerali Siti di attivit manifatturiere Altro Tipologia non individuata Totale siti industriali dismessi AG 298 0 0 1 299 CL 173 1 0 1 175 CT 16 1 0 0 17 EN 182 1 0 0 183 ME 13 0 5 2 20 PA 56 1 0 1 58 RG 25 2 2 0 29 SR 1 2 0 0 3 TP 1 0 0 0 1 SICILIA 765 8 7 5 785

Fonte: Elaborazioni ARPA Sicilia (2006) su dati del Commissario per l Emergenza Rifiuti in Sicilia

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

12.2 Normative di riferimento


178

12.2.1
Cap. 12 Cap. 12

Normativa comunitaria

A livello comunitario, tra i principali documenti strategici e normativi per la gestione e la bonifica dei siti contaminati, si segnala: la decisione 1600/2002/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22/07/02 intitolata Sesto Programma comunitario di azione in materia di ambiente , che individua gli obiettivi generali da perseguire e le azioni prioritarie della politica ambientale dellUnione Europea per il periodo 2002-2010; la direttiva 2004/35/CE del 21/04/04 sulla responsabilit ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale, che istituisce un quadro per la responsabilit ambientale basato sul principio chi inquina paga; la comunicazione della Commissione del 13/12/05 (COM/2005/658) sul riesame della strategia europea per lo sviluppo sostenibile, che fissa tra i suoi quattro obiettivi chiave da perseguire, quello della tutela ambientale; la comunicazione della Commissione del 21/12/05 (COM/2005/670) intitolata Strategia tematica per luso sostenibile delle risorse naturali, che definisce un quadro dazione inteso a ridurre le pressioni ambientali derivanti da produzione e consumo di risorse naturali, senza penalizzare lo sviluppo economico; la comunicazione della Commissione del 22/09/06 (COM/2006/231) intitolata Strategia tematica per la protezione del suolo, che propone un quadro e degli obiettivi comuni per prevenire il degrado del suolo, preservare le funzioni che esso svolge e ripristinare i suoli degradati; la direttiva 2006/118/CE del 12/12/06 sulla protezione delle acque sotterranee dallinquinamento e dal deterioramento, che istituisce misure specifiche per prevenire e controllare linquinamento delle acque sotterranee, ai sensi dellarticolo 17 della direttiva 2000/60/CE.
12.2.2 Normativa nazionale

A livello nazionale, si ritiene utile citare i principali riferimenti normativi del settore, in particolare quelli relativi alla Regione Siciliana: con decreto legislativo n. 22 del 05/02/97 (noto anche come Decreto Ronchi), integrato ed in parte modificato dal D.L.vo n. 389 dell 08/11/97, si affronta negli artt. 1721 pi specificatamente il problema della bonifica e ripristino ambientale di siti inquinati; con decreto del 22/01/99 il Presidente del Consiglio dei Ministri ritiene necessario accogliere la richiesta del Presidente della Regione Siciliana (nota del 02/12/1998) e dichiara lo stato di emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti urbani nella Regione Siciliana, dotando lo stesso Presidente della Regione degli strumenti e dei poteri indispensabili a fronteggiare lo stato di grave crisi socio-economica ed ambientale in atto; con ordinanza n. 2983 del 31/05/99, nominato il Presidente della Regione Siciliana Commissario Delegato per predisporre un piano demergenza nel settore della gestione

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

S o t Si it ti ic c on nt ta am mi in na a ti i

dei rifiuti in Sicilia; in particolare, a seguito della relativa modifica ed integrazione con successive ordinanze (n. 3048 del 31/03/00, 3072 del 21/07/00, 3136 del 25/05/01 e 3190 del 22/03/02), il Commissario Delegato, in caso di inadempimento dei competenti enti locali, provvede sia alla redazione del Piano Regionale di Bonifica dei Siti Inquinati6, sia allapprovazione delle misure di messa in sicurezza demergenza, dei piani di caratterizzazione e dei progetti preliminari e definitivi; con decreto ministeriale n. 471 del 25/10/99 Regolamento recante criteri, procedure e modalit per la messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati si applica lart. 17 del D.L.vo 22/97 con successive modificazioni ed integrazioni e si stabiliscono i limiti di concentrazione massima ammissibili delle sostanze inquinanti nel suolo e sottosuolo (escluso quelli ad uso agricolo) e nelle acque superficiali e sotterranee; inoltre, tale decreto prevede che le Regioni, ai fini della predisposizione dei Piani Regionali per la Bonifica delle Aree Inquinate, provvedano ad aggiornare i Censimenti dei Siti Potenzialmente Contaminati di cui al D.M. 185/89 e predispongano lAnagrafe dei Siti da Bonificare; con decreto ministeriale n. 468 del 18/09/01 Programma nazionale di bonifica e ripristino ambientale si definiscono priorit, fonti di finanziamento ed aspetti procedurali degli interventi di interesse nazionale; con legge n. 179 del 31/07/02 Disposizioni in materia ambientale si regolamenta lattuazione di interventi nelle aree da risanare e si modifica ulteriormente il D.L.vo 22/97 in tema di bonifica di siti inquinati; con decreto ministeriale n. 127 del 02/05/05 si modifica lart. 15 del D.M. 471/99 in materia di realizzazione di interventi di bonifica dei siti inquinati; con legge n. 266 del 23/12/05 si istituisce un altro SIN in Sicilia con larea industriale di Milazzo; con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29/12/05 si riporta la proroga dello stato di emergenza in materia di bonifica e di risanamento ambientale dei suoli, delle falde e dei sedimenti inquinati, nonch in materia di tutela delle acque superficiali e sotterranee e dei cicli di depurazione nella Regione Siciliana; con il titolo V Bonifica di siti contaminati, parte quarta del d.lvo n. 152 del 03/04/06 Norme in materia ambientale si ridefiniscono le fasi delliter tecnico-procedurale, si ridistribuiscono le competenze degli Enti pubblici, si prevede attraverso la creazione delle Anagrafi regionali dei siti da bonificare un nuovo sistema di raccolta ed aggiornamento dati7, ed infine si definiscono procedure e modalit per eliminare le sorgenti dinquinamento e ridurre le concentrazioni di sostanze inquinanti. A tale decreto sono associati ben 5 allegati: Allegato I, contenente i criteri generali per lanalisi di rischio sanitarioambientale sito-specifica da applicare nella procedura di analisi di rischio inversa da utilizzare per il calcolo delle concentrazioni soglia di rischio (CSR), in modo da rispettare i criteri di accettabilit del rischio cancerogeno e dellindice di rischio assunti nei punti di conformit prescelti;

179 Cap. 12

Lelaborazione del Piano regionale in funzione del Censimento dei Siti Potenzialmente Contaminati in Sicilia (disc ariche autorizzate e non pi attive, discariche abusive e siti contaminati da amianto). 7 Secondo il D.L.vo 152/06 lAnagrafe dei Siti da Bonificare dovr includere un elenco dei siti sottoposti ad intervento di bonifica, individuare i soggetti a cui compete la bonifica e gli Enti Pubblici di cui la Regione intende avvalersi, in caso di inadempienza dei soggetti obbligati.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

180 Cap. 12 Cap. 12

Allegato II, contenente i criteri generali per la caratterizzazione dei suoli e delle acque di falda di un sito al fine di ricostruire i fenomeni di contaminazione a carico delle matrici ambientali e prendere decisioni realizzabili e sostenibili per la messa in sicurezza e/o bonifica del sito; Allegato III, contenente i criteri generali per la selezione e lesecuzione degli interventi di bonifica e ripristino ambientale, di messa in sicurezza (durgenza, operativa o permanente), nonch per lindividuazione delle migliori tecniche dintervento a costi sopportabili; Allegato IV, contenente i criteri generali per lapplicazione delle procedure semplificate con le quali gestire situazioni di rischio concreto o potenziale di superamento delle soglie di contaminazione; Allegato V, contenente la concentrazione soglia di contaminazione (CSC) nel suolo, sottosuolo ed acque sotterranee in relazione alla specifica destinazione duso dei siti; con decreto del 09/06/06 il Presidente del Consiglio dei Ministri proroga lo stato di emergenza in materia di bonifica e di risanamento ambientale dei suoli, delle falde e dei sedimenti inquinati; con ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3528 del 30/06/06 si convengono disposizioni urgenti di protezione civile in materia di bonifica e di risanamento ambientale di suoli, falde idriche e sedimenti inquinati, nonch in materia di tutela di acque superficiali e sotterranee e dei cicli di depurazione in Sicilia; infine, con decreto ministeriale n. 308 del 28/11/06 si predispone un nuovo regolamento recante integrazioni al D.M. 468/01 concernente il Programma nazionale di bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati; inoltre, si completa liter tecnicoamministrativo per la perimetrazione del SIN Milazzo.

12.2.3

Normativa Regionale

A livello regionale sono diverse le disposizioni e le ordinanze che si integrano con la normativa nazionale sullargomento: con disposizione n. 641 del 23/07/01 il Presidente della Regione Siciliana nomina un Vice-commissario, conferendo allo stesso tutte le competenze afferenti il Commissario Delegato, nonch tutte le attribuzioni amministrativo-contabili scaturenti dallordinanza 2983/99 e dalle successive ordinanze modificative ed integrative; con ordinanza commissariale n. 1166 del 18/12/02, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 12 del 14/03/03, si adotta il Piano di gestione dei rifiuti in Sicilia ed il Piano regionale delle bonifiche in Sicilia, con cui si inquadrano gli interventi di carattere infrastrutturale e di bonifica da realizzare sul territorio regionale; con decreto n. 1053 del 22/09/03 lAssessorato Regionale Territorio e Ambiente definisce le competenze per lapprovazione dei progetti di recupero ambientale delle aree degradate; con decreto assessoriale n. 1174 del 21/10/03 si istituisce lAnagrafe dei siti inquinati della Regione siciliana; con decreto assessoriale del 31/03/05 si dispongono le procedure semplificate per la realizzazione degli interventi di bonifica e ripristino ambientale ai sensi dellart. 13 del decreto ministeriale n. 471/99; con Delibera di Giunta di Governo n. 306 del 29.06.05 stato istituito lUfficio Speciale per le aree ad elevato rischio di crisi ambientale della Sicilia presso lAssess orato Regionale Territorio ed Ambiente con lart. 7 della Legge Regionale n. 19 del 22/12/05 si designa lAgenzia Regionale per i Rifiuti e le Acque (ARRA) come dipartimento responsabile della misura 1.15 del POR Sicilia 2000-2006;
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

S o t Si it ti ic c on nt ta am mi in na a ti i

con decreto assessoriale n. 19 del 12/02/07 (GURS parte I n. 15 del 06/04/07) si annulla lart. 4 del decreto assessoriale n. 1174 del 21/10/03 e si designa il Servizio competente dellAssessorato Regionale Territorio e Ambiente per il formale inserimento dei siti da bonificare nellAnagrafe; con nota n. 18663 del 08/03/07 lAssessorato Regionale Territorio e Ambiente chiede a tutti i soggetti coinvolti: Comuni, Province, ARPA ed ARRA, la trasmissione dei dati in loro possesso secondo i criteri stabili dallANPA8.

181 Cap. 12

12.3 Interazioni con lambiente


La presenza nel territorio di siti potenzialmente ed effettivamente contaminati genera evidenti interazioni con lambiente; nel caso specifico, le principali matrici ambientali interessate sono: suolo e sottosuolo, acque superficiali e sotterranee, salute pubblica. In Sicilia, il maggior numero di contaminazioni rinvenute da fonti puntuali riguarda la matrice suolo (315 siti); seguono i siti in cui la contaminazione ha riguardato il sottosuolo (180), le acque superficiali (117) e le acque sotterranee (55). Da tale analisi emerge lesigenza di valutare quanto e come linquinamento rilevato nelle matrici ambientali interessate influenza lo stato della salute della popolazione residente, soprattutto nei siti di interesse nazionale.

12.4 Tendenze
In Sicilia, nonostante lelevato numero di siti contaminati, la percentuale di aree bonificate relativamente bassa rispetto ad altre regioni. La Regione Siciliana impegnata a contrastare il problema dei siti contaminati utilizzando le risorse finanziarie messe a disposizione dalla misura 1.15 Riduzione della compromissione ambientale da rifiuti del POR Sicilia 2000-06. Tra gli interventi previsti, oltre agli interventi di bonifica e di messa in sicurezza, vi il censimento dei siti potenzialmente inquinati e delle discariche abusive, la realizzazione di un progetto di rilevamento e monitoraggio dei siti inquinati, ed il completamento dellanagrafe dei siti da bonificare9. Dallefficace ed efficiente impiego di tali risorse economiche, dipende il risanamento ambientale dei siti contaminati in Sicilia, soprattutto per quelli storici, dove purtroppo molte entit legalmente responsabili sono scomparse o il responsabile della contaminazione non stato identificato oppure insolvente. Anche con la nuova programmazione PO FESR Sicilia 2007-2013 (Obiettivo operativo 2.4.4) sono previsti interventi di bonifica dei siti contaminati, di messa in sicurezza operativa e di riqualificazione ambientale, con priorit per i siti dotati di piani di caratterizzazione e investigazione, come previsto dalla pianificazione vigente. Per quanto riguarda la tipologia d intervento, di recente si registrano progressi nelluso di tecnologie in situ di tipo biologico, pi sostenibili da un punto di vista ambientale ed economico, e di tipo chimico-fisico per la bonifica di quei siti con inquinanti non biodegradabili.

La normativa di riferimento e gli allegati di pertinenza sono disponibili sulla rete web nella pagina relativa alle Aree tematiche Dipartimento Territorio ed Ambiente - Servizio 5 - Rifiuti allindirizzo http://www.artasicilia.it/web/serv_5/gest_ana.htm. 9 La banca dati dellAnagrafe, conformemente alla documentazione tecnica predisposta dallAPAT (ANPA, 2000b), organizzata in 5 sezioni (anagrafica, tecnica; procedurale, finanziaria, interventi di bonifica e controlli sul sito) e risiede al momento presso gli Uffici dellAssessorato Regionale Territorio e Ambiente.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

182 Cap. 12 Cap. 12

Secondo il D.L.vo 152/06, si dovrebbe privilegiare il ricorso a tecnologie che comportino la riduzione della movimentazione dei materiali inquinati, il trattamento in situ e il riutilizzo delle matrici ambientali sottoposte a bonifica; in tale ottica particolare enfasi meritano, rispetto ad altre soluzioni, luso delle barriere permeabili reattive, il biorisanamento aerobico ed anaerobico e lossidazione chimica in situ (Majone et al., 2006; Caiazzo & Viselli, 2007).

12.5 Impatto sulla salute della popolazione


Negli ultimi anni in Italia sono stati pubblicati numerosi studi epidemiologici sui residenti in aree a elevato rischio di crisi ambientale; in Sicilia, secondo recenti dati di mortalit e ricoveri ospedalieri si arriva a stimare un eccesso di mortalit e di malattia per cause cardiovascolari, respiratorie e tumorali (polmone, colon-retto e pleura) nelle aree SIN di Priolo, Biancavilla, Gela e Milazzo. Secondo il nuovo D.L.vo 152/06, lo strumento pi avanzato di supporto alla gestione dei siti contaminati che consente di valutare quantitativamente i rischi per la salute umana connessi alla presenza di inquinanti nelle matrici ambientali lanalisi di rischio sanitario-ambientale (APAT, 2006c). Tale analisi pu essere applicata in modo diretto stimando il rischio associato allo stato di contaminazione rilevato nel sito, oppure in modo inverso, a partire dai criteri di accettabilit del rischio per la determinazione degli obiettivi di bonifica per il sito in esame (APAT, 2005; 2006c). I criteri metodologici per lapplicazione dellanalisi assoluta di rischio ai siti contaminati ed alle discariche (APAT, 2005; 2006c), elaborati da un gruppo di lavoro coordinato dallAPAT, regolano il calcolo del rischio secondo lo standard RBCA (Risk Based Corrective Action) in quattro fasi: raccolta dati ed identificazione del pericolo; valutazione tossicologica; valutazione dellesposizione; caratterizzazione e stima del rischio. Punto di partenza per lapplicazione di tale analisi lo sviluppo di un Modello Concettuale del Sito (MCS), basato sullindividuazione e parametrizzazione dei 3 elementi principali: una sorgente o fonte di contaminazione, ovvero unarea che attualmente o in passato stata utilizzata per attivit produttive, soprattutto nel settore della produzione di energia, dellindustria chimica, metallurgica e petrolifera, stoccaggio e trattamento dei rifiuti, insediamenti militari, attivit estrattive ed infrastrutture di servizi (oleodotti, metanodotti, linee e scali ferroviari, aree portuali ed autostrade); uno o pi percorsi di effettiva migrazione attraverso i quali gli agenti contaminanti possono diffondersi nellambiente interessando diverse matrici ambientali; alcuni bersagli o ricettori, viventi e non, intercettati dai percorsi di migrazione e dunque minacciati dalla diffusione dei contaminanti; questi sono riconoscibili in popolazione umana, animali, vegetali, risorse naturali (corsi d acqua, laghi, mare ed aree protette) ed economiche (edifici, infrastrutture e suoli potenzialmente coltivabili o edificabili). Si pu determinare un rischio per la salute umana unicamente nel caso in cui in un dato sito i 3 elementi siano presenti e collegati tra loro; in tal caso la popolazione pu essere esposta al pericolo di contaminazione attraverso le seguenti tre principali modalit (AA.VV., 2001): ingestione diretta di liquidi, carni, latticini e prodotti vegetali provenienti dal suolo contaminato o da animali nutriti con alimenti cresciuti sul suolo contaminato; inalazione di polveri o vapori rilasciati dal suolo contaminato, di gas emanati a seguito di esplosioni ed incendi originati nel sito contaminato; contatto dermico negli adulti impegnati per lavoro e nei bambini durante il gioco in un sito contaminato.

12.6 Proposte e politiche di mitigazione


La situazione regionale del risanamento dei siti contaminati legata al quadro europeo, ancora caratterizzato da frammentazione e scarso trasferimento delle informazioni nella pratica comune.
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

S o t Si it ti ic c on nt ta am mi in na a ti i

Al fine di superare tale condizione, che rende problematica la sostenibilit e competitivit delle tecnologie europee nelle azioni di risanamento dei siti (Spira, 2006), la Commissione Europea ha finanziato negli ultimi anni diversi progetti comunitari10, che si propongono come punti centrali di contatto e di informazione sul risanamento di suoli ed acquiferi contaminati, mettendo in evidenza gli aspetti socio-economici e le difficolt degli interventi con tecnologie innovative ed a basso impatto (Ferguson, 1999; Quercia, 2006; Van Dujine H. et al., 2006). Dal Gennaio 2004, lUnione Europea ha adottato un piano dazione per le tecnologie ambientali nellUnione Europea (COM/2004/38). Obiettivo del piano dazione (ETAP) eliminare gli ostacoli che impediscono di realizzare tutte le potenzialit delle tecnologie ambientali e garantire che lUnione europea assuma la leadership nella loro applicazione. Inoltre, dal Gennaio 2005 partita lAzione di Coordinamento Europea EURODEMO (European Coordination Action for Demonstration of Efficient Soil and Groundwater Remediation), finanziata dalla Commissione Europea nellambito del VI Programma Quadro, con lo scopo di promuovere la diffusione e lapplicazione di tecnologie innovative per le bonifiche dei siti contaminati, e dare cos un impulso positivo alloccupazione delle professionalit tecniche ed alla ricerca scientifica e tecnologica. In attesa del completamento del quadro normativo, necessario attenersi ai risultati delle esperienze di bonifica gi effettuate in Sicilia ed in Europa in modo da dare indirizzi efficaci e perseguibili al settore emergente della bonifica dei siti contaminati e contribuire concretamente alla riduzione della percentuale di popolazione esposta a rischi di natura sanitaria. Tra laltro sarebbe opportuno valutare quanto e come linquinamento rilevato nelle matrici ambientali (suolo e a cque) influenza lo stato di salute della popolazione soprattutto nei SIN

183 Cap. 12

Bibliografia essenziale di riferimento


AA.VV. (2001). La Bonifica dei siti contaminati. A cura di Giampietro F., Giuffr Editore. ANPA (2000a). Sviluppo di indicatori per il suolo e i siti contaminati , RTI CTN SSC 1. ANPA (2000b). Criteri per la predisposizione dell anagrafe dei siti da bonificare, ex D.M. 471/99. APAT (2003). Proposta di Guida tecnica sui metodi di analisi dei suoli contaminati , Rapporti 37/2003. APAT (2005). Criteri metodologici per lapplicazione dellanalisi assoluta di rischio alle discariche. Rev. 0, Giugno 2005. APAT (2006a). Manuale per le indagini ambientali nei siti contaminati, Manuali e Linee guida n. 43. APAT (2006b). Annuario dei dati ambientali 2005-2006. APAT (2006c). Criteri metodologici per lapplicazione dellanalisi assoluta di rischio ai siti contaminati. Rev. 1, Luglio 2006. ARPA-Sicilia (2006). Annuario dei dati ambientali 2005. ARPA-Sicilia (2007). Annuario dei dati ambientali 2006. ARRA (2002). Piano delle bonifiche delle aree inquinate in Sicilia, Ordinanza commissariale n. 1166 del 18/12/02. Caiazzo M. & Viselli R. (2007). Rapporto Bonifiche 2007, Edizione Federambiente. De Fraja Frangipane E., Andreottola G., Tatno F. (1994). Terreni contaminati: identificazione, normative, indagini, trattamento, Collana Ambiente, vol. 5, C.I.P.A. Editore, Milano. Ferguson C.C. (1999). Assessing Risks from Contaminated Sites: Policy and Practice in 16 European Countries. Land Contamination & Reclamation, 7(2), 1999, EPP Publications.

10

Tra i pi significativi progetti comunitari, dal 1996 ad oggi, si possono citare: CARACAS (Concerted Action on Risk Assessment for Contaminated Sites); CLARINET (Contaminated Land Rehabilitation Network for Environmental Technologies); EUGRIS (European Portal for Soil and Water Management); NICOLE (Network for Contaminated Land in Europe); REACH IT (Remediation and Characterization Innovative Technologies).

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

184 Cap. 12 Cap. 12

Majone M., Beretta G.P., Raffaelli L., Musmeci L., Mininni G. (2006). Lo stato dellarte della bonifica di siti contaminati. Quaderni Ecomondo, pp. 193-198, Maggioli Editore. Quercia F. (2006). Perspectives for an EU policy on the assessment and management of contaminated sites . Quaderni Ecomondo, pp. 252-258, Maggioli Editore. Spira Y. (2006). State-of-the-art of remediation of contaminated sites in Europe. Quaderni Ecomondo, pp. 203-207, Maggioli Editore. Van Duijne H., Staps S., Rijnaarts H. (2006). EU EuroDemo project: aims and expected impact on improving the use of innovative technologies for remediation of contaminated sites of Europe. Quaderni Ecomondo, pp. 208-211, Maggioli Editore.

Glossario
Analisi di rischio sanitario e ambientale sito specifica : Analisi sito specifica degli effetti sulla salute umana derivanti dallesposizione prolungata allazione delle sostanze presenti nelle matrici ambientali contaminate, condotta con i criteri indicati nellAllegato 1 alla Parte Quarta del Decreto Legislativo n.152/ 2006. Bonifica: linsieme degli interventi atti ad eliminare le fonti d inquinamento e le sostanze inquinanti o ridurre le concentrazioni delle stesse presenti nel suolo, nel sottosuolo e nelle acque sotterranee ad un livello uguale o inferiore ai valori delle concentrazioni soglia di rischio (CSR). Concentrazioni soglia di contaminazione (CSC): i livelli di contaminazione delle matrici ambientali che costituiscono valori al di sopra dei quali necessaria la caratterizzazione del sito e l analisi di rischio sito specifica. Concentrazioni soglia di rischio (CSR): i livelli di contaminazione delle matrici ambientali, da determinare caso per caso con lapplicazione della procedura di analisi di rischio sito specifica (Allegato 1, Parte IV, D.L.vo 152/06) e sulla base dei risultati del piano di caratterizzazione, il cui superamento richiede la messa in sicurezza e la bonifica. Inquinamento diffuso: la contaminazione o le alterazioni chimiche, fisiche o biologiche delle matrici ambientali determinate da fonti diffuse e non imputabili ad una singola origine. Messa in sicurezza demergenza (MISE): ogni intervento necessario ed urgente per rimuovere le fonti inquinanti, contenere la diffusione degli inquinanti e impedire il contatto con le fonti inquinanti presenti nel sito, in attesa degli interventi di bonifica e ripristino ambientale o degli interventi di messa in sicurezza permanente. Messa in sicurezza permanente: insieme degli interventi atti a isolare in modo definitivo le fonti inquinanti rispetto alle matrici ambientali circostanti qualora le fonti inquinanti siano costituite da rifiuti stoccati e non sia possibile procedere alla rimozione degli stessi pur applicando le migliori tecnologie disponibili a costi sopportabili, secondo i principi della normativa comunitaria. Modello Concettuale del Sito (MCS): il risultato dellidentificazione e caratterizzazione del collegamento esistente tra sorgenti di contaminazione individuate e i recettori potenzialmente esposti; senza questa possibilit di collegamento necessaria la contemporanea presenza di tutti gli elementi e che il collegamento sia continuo. Pertanto devono essere acquisiti i dati relativi alle sostanze contaminanti, ai percorsi e ai bersagli; inoltre, a seconda dei casi, le vie di esposizione possono essere attive o inattive. Ripristino ambientale: gli interventi di riqualificazione ambientale e paesaggistica, anche costituenti complemento degli interventi di bonifica o messa in sicurezza permanente, che consentono di recuperare il sito all effettiva e definitiva fruibilit per la destinazione duso conforme agli strumenti urbanistici. Sito: larea o porzione di territorio, geograficamente definita e determinata, intesa nelle diverse matrici ambientali (suolo, sottosuolo ed acque sotterranee) e comprensiva delle eventuali strutture edilizie e impiantistiche presenti. Sito contaminato: un sito nel quale i valori delle concentrazioni soglia di rischio (CSR), determinati con l applicazione della procedura di analisi di rischio di cui all Allegato 1 alla parte quarta del DLgs 152/06 sulla base dei risultati del piano di caratterizzazione, risultano superati. Sito dismesso: un sito in cui sono cessate le attivit produttive. Sito inquinato: un sito che presenta secondo il D.M. 471/99, livelli di contaminazione o alterazioni chimiche, fisiche o biologiche del suolo o del sottosuolo o delle acque superficiali o delle acque sotterranee tali da determinare un pericolo per la salute pubblica o per lambiente naturale costituito. Sito potenzialmente contaminato: un sito nel quale uno o pi valori di concentrazione delle sostanze inquinanti rilevati nelle matrici ambientali risultino superiori ai valori di concentrazione soglia di contaminazione (CSC), in attesa di espletare le operazioni di caratterizzazione e di analisi di rischio sanitario e ambientale sito specifica, che ne permettano di determinare lo stato o meno di contaminazione sulla base delle concentrazioni soglia di rischio (CSR). Siti di Interesse Nazionale (SIN): aree del territorio nazionale definite in relazione alle caratteristiche del sito, alla quantit e pericolosit degli inquinanti presenti, allimpatto sullambiente circostante in termini di rischio sanitario ed ecologico e di pregiudizio per i beni culturali ed ambientali. Tali aree differiscono dagli altri siti contaminati anche perch la loro procedura di bonifica attribuita al Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

Agenti Fisici Radiazioni

Ornella Navarra Tramontana, TFA MATTM Antonino Genovesi, TFA MATTM

Ringraziamenti: Dott.ssa Stefania La Grutta ARPA Sicilia ARTA, D.R.T.A., Servizio 8 - Tutela dallinquinamento acustico - elettromagnetico ed industrie a rischio

Agenti Fisici - Radiazioni

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

186 Cap. 13 Cap. 13

13. A Ag ge en nt ti iF Fi is si ic ci i-R Ra ad di ia az zi io on ni i

13.1 Caratteristiche strutturali


Gli agenti fisici sono, generalmente, classificati in radiazioni ionizzanti e radiazioni non ionizzanti o elettrosmog; si tratta di fenomeni non visibili allocchio umano, le onde si propagano in atmosfera e vengono a contatto con la biosfera dove viviamo. Lelettromagnetismo un fenomeno presente in natura, poich la terra, latmosfera e il sole sono le fonti di generazione del fondo elettromagnetico naturale. Al naturale livello di fondo si sono aggiunti, come conseguenza del progresso tecnologico, i campi prodotti dalle sorgenti legate allattivit antropica, campi che hanno provocato un innalzamento del fondo naturale. In figura sono rappresentate le fonti antropiche di generazione di onde elettromagnetiche, la frequenza e la lunghezza donda relative.
fig. 13.1: Radiazioni - Fonte di produzione, lunghezza donda e frequenza

Fonte: ANPA - 2000

Dalla figura si evince la suddivisione dello spettro elettromagnetico in radiazioni non ionizzanti e radiazioni ionizzanti, radiazioni che, rispettivamente, non comportano o comportano ionizzazione della materia. Le ionizzanti possiedono energia sufficientemente elevata (maggiore di circa 10 eV - elettronVolt), per strappare un elettrone da una delle orbite dellatomo, trasformando atomi o molecole, neutri dal punto di vista elettrico, in particelle atomiche cariche elettricamente, chiamate ioni. Si definiscono radiazioni non ionizzanti tutte le forme di radiazione elettroma-

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i i i a z n Ag ge en nt t iF F is si ic c i-R R ad di ia a zi io o ni i

gnetica, la cui lunghezza donda superiore a 100 nm (nanometri) e che possiedono unenergia inferiore a 12 eV e che di conseguenza non producono ionizzazione. Linquinamento da radiazione una problematica i cui effetti su ambiente e popolazione sono ancora in fase di studio e per la quale, laddove non diversamente indicato, vale il principio di precauzione1, anche se alcune ricerche epidemiologiche hanno riscontrato una forte correlazione tra esposizione ai campi elettromagnetici generati da impianti a bassa frequenza e leucemia infantile. Per ci che riguarda le radiazioni ionizzanti, sono note e scientificamente dimostrate le evidenze della connessione tra lesposizione a sorgenti radioattive e laumento di casi di alcune tipologie di neoplasie. Le sorgenti di radioattivit ionizzante naturale sono: Radioisotopi cosmogenici, prodotti dallinterazione tra latmosfera ed i raggi cosmici. Si tratta di emissioni delle reazioni nucleari stellari, la cui intensit sulla Terra dipende principalmente dallaltitudine rispetto al livello del mare. Radioisotopi primordiali, presenti fin dalla formazione della Terra nellaria, nellacqua, nel suolo e quindi nei cibi e nei materiali da costruzione. Si tratta dellUranio-238, dellUranio-235 e del Torio-232, che decadono in radionuclidi a loro volta instabili fino alla generazione del Piombo stabile. Tra di essi rilevante il Radon222, gas nobile radioattivo, che fuoriesce continuamente dalla matrice di partenza, in modo particolare dal terreno e da alcuni materiali da costruzione, disperdendosi nellatmosfera, ma accumulandosi in ambienti confinati; in caso di esposizioni elevate, rappresenta un rischio sanitario per lessere umano. LOMS nel 1988, attraverso lAgenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), ha classificato il radon nel Gruppo 1, nel quale sono elencate le 95 sostanze per le quali si ha la massima evidenza di cancerogenicit per luomo. Le sorgenti di radioattivit artificiale sono elementi radioattivi entrati in atmosfera a seguito di esperimenti atomici (Sr-90, Pu-240, Pu-239, Pu-238), emissioni dellindustria dellenergia nucleare e attivit di ricerca, residui dellincidente di Chernobyl o altri incidenti (Cs-137, Cs-134) in alcune regioni dEuropa, irradiazione medica a fini diagnostici e terapeutici (I-131, I-125, Tc99m, Tl-201, Sr-89, Ga-67, In-111). Le attivit di monitoraggio condotte dallARPA Sicilia dimostrano che le sorgenti di radioatt ivit artificiale non destano particolare preoccupazione in Sicilia, in quanto non vi sono fonti di generazione ad eccezione delle apparecchiature ospedaliere. Il dato sullo stoccaggio di rifiuti radioattivi per il 20052, conferma la bassa probabilit per la popolazione di venire a contatto con radiazioni generate da azioni umane. Il dato nazionale pari a 26.137 m3 di cui solo 2,64 m3 stoccati in Sicilia ed, in Giga Bq 5.839.077, per lItalia, dei quali 0,83 Giga Bq per la Sicilia.

187 Cap. 13

NellUnione Europea vige il principio precauzionale o cautelativo, formulato dallOMS (Organizzazione Mondiale della Sanit), in base al quale non si deve attendere la dimostrazione a posteriori degli effetti nocivi dellesposizione ad agenti sospetti, ma bisogna assumere, da subito, i provvedimenti necessari a garantire condizioni di sicurezza, anche a fronte di rischi ipotetici. 2 APAT 2005.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

188 Cap. 13 Cap. 13

tab. 13.1: Stoccaggio di rifiuti radioattivi, sorgenti dismesse, combustibile irraggiato per regione Anni 2004 e 2005
Rifiuti radioattivi Attivit (Giga Bq) Sicilia (2004) Sicilia (2005) ITALIA (2004) ITALIA (2005) Fonte: APAT 8 0,83 7.234.661 5.839.077 Volume (m3) 22 2,64 26.137 24.964 Sorgenti dismesse (Giga Bq) 0 1.371.273 1.141.655 Combustibile irraggiato (Tera Bq) 0,001 2.131.534 1.674.622 Totale Attivit (Tera Bq) 2.140.140 1.681.602

La radioattivit di carattere naturale merita una diversa attenzione: il suolo la principale sorgente di radon, gas che si disperde rapidamente allaperto, mentre nei luoghi chiusi (come scantinati e seminterrati) si accumula, raggiungendo in alcuni casi concentrazioni particolarmente elevate e pericolose per la salute. La concentrazione di radon molto variabile sia nel breve (ore, giorni), che nel medio-lungo (settimane, mesi) periodo, a causa delle forti differenze nelle condizioni atmosferiche e climatiche che governano i meccanismi di ingresso del radon negli edifici. Allesposizione al radon associata la seconda causa di tumore polmonare; in Italia si stima che il 520% dei circa 30.000 casi di tumore ai polmoni rilevati ogni anno sia attribuibile al radon. 3 Lattivit di mappatura del territorio, prevista dal DLgs. n. 230/95 e condotta dallARPA, mirata allindividuazione delle aree in cui vi maggiore probabilit di elevate concentrazioni al fine di razionalizzare le risorse, predisponendo interventi sul territorio per la prevenzione e la riduzione del rischio relativo, tuttora in corso. In Italia la concentrazione media di radon registrata di 70 Bq/m3, ben pi alta rispetto alla media mondiale di 40 Bq/m3. La Sicilia nel suo complesso risulta tra le regioni italiane a pi bassa esalazione di radon (35 Bq/m3)4, i dati di campionamento delle citt metropolitane siciliane non presentano in media grosse preoccupazioni. Il Registro Tumori segnala, nei soggetti residenti nella Sicilia orientale, dati di incidenza e prevalenza significativi per il carcinoma tiroideo. La provincia di Catania negli anni 2002-2004 presentava un tasso dincidenza standardizzato del carcinoma tiroideo nelle donne, pari a 38,4, a fronte di una media siciliana pari a 21.5 Nella eziopatogenesi del carcinoma tiroideo, il 222Rn ha un ruolo come carcinogeno ambientale; infatti, in alcune aree alle falde dellEtna, si registrano livelli che superano il riferimento normativo di 400 Bq/m3 per le abitazioni esistenti, superato il quale, si raccomanda di intraprendere azioni di rimedio atte a ridurre la concentrazione al di sotto dei valori indicati (Raccomandazione CE 90/143/Euratom). Le misure effettuate nel Comune di Santa Venerina (CT) hanno rilevato in tre siti dei superamenti del valore di 400 Bq/m3 ed in otto siti dei superamenti del valore di 200 Bq/m3 ed in taluni seminterrati si sono misurati valori superiori a 3500 Bq/m3. Inoltre, in uno studio riguardante la stessa area etnea, per 119 campioni di acqua analizzati, il 222Rn supera il livello massimo (11 Bq/l) proposto dallUSEPA (US Environmental Protection Agency), con valori di media di 11,8 Bq/l e valore massimo di 52,7 Bq/l. Le radiazioni non ionizzanti, comunemente note con il termine di elettrosmog, identificano le onde prodotte da emittenti radiofoniche, cavi elettrici percorsi da correnti alternate di forte inten-

3 4

Piano Sanitario Nazionale, 1998-2000. G. Torri, V. Innocenzi, Livello di esposizione al radon nelle principali aree metropolitane italiane, ANPA. 5 G. Pellegriti, Epidemiologia del Tumore Tiroideo.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i i i a z n Ag ge en nt t iF F is si ic c i-R R ad di ia a zi io o ni i

sit (come gli elettrodotti della rete di distribuzione), reti per telefonia cellulare, e dagli stessi telefoni cellulari. Le radiazioni non ionizzanti non hanno il potenziale mutageno e cancerogeno delle radiazioni ionizzanti; la IARC ha classificato i campi elettromagnetici ELF (Extremely Low Frequency) nella classe 2B6 degli agenti cancerogeni, a termine di paragone in questa classe sono inclusi il caff, la saccarina, il lavaggio a secco. Il principio di precauzione dovuto agli effetti termici, dal momento che le onde elettromagnetiche possono innalzare la temperatura corporea di un essere umano (si pensi, ad esempio, al funzionamento di un forno a microonde). Ai fini di una corretta interpretazione dei dati, si riporta la nomenclatura dettata dalla legge quadro (L. 36/2001): esposizione: la condizione di una persona soggetta a campi elettrici, magnetici, elettromagnetici, o a correnti di contatto, di origine artificiale; limite di esposizione: il valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, considerato come valore di immissione, che non deve essere superato in qualsiasi condizione di esposizione della popolazione e dei lavoratori, al fine di assicurare la tutela della salute degli stessi dagli effetti dellesposizione a determinati livelli di campo elettromagnetico (CEM); valore di attenzione: il valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, considerato come valore di immissione, che non deve essere superato negli ambienti abitativi, scolastici e nei luoghi adibiti a permanenze prolungate, secondo i risultati che saranno emanati per le ricerche svolte; obiettivi di qualit: sono i criteri localizzativi, gli standard urbanistici, le prescrizioni e le incentivazioni per lutilizzo delle migliori tecnologie disponibili. Lelettrosmog fonte di preoccupazione per la popolazione, poich vi una grande diffusione a livello territoriale di strutture dedicate alla trasformazione ed al trasporto di energia elettrica o alla trasmissione e/o ricezione di trasmissioni radio. Lo sviluppo tecnologico si basa sulle onde elettromagnetiche e comporta un continuo incremento di fonti di generazione, avvicinando la produzione di elettrosmog alle aree abitate. Gli elettrodotti rappresentano una realt consistente in alcuni comuni, giacch il passaggio della corrente elettrica induce, nelle adiacenze delle linee di trasporto, dei CEM, che sono in costante aumento soprattutto nelle aree urbane. La Sicilia ha una pressione territoriale di 69 metri per km2 di linee elettriche, a cui si sommano le elettrificazioni della ferrovia, mentre il dato italiano di 74 m/km2. Questo indice di pressione, tuttavia, non misura in modo corretto lesposizione della popolazione a onde elettromagnetiche generate da elettrodotti.

189 Cap. 13

Nella classe 2B le evidenze inducono a ritenere che l'agente non sia cancerogeno, anche se non si pu escludere che lo sia.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

190 Cap. 13 Cap. 13

Un altro fattore di pressione particolarmente indicativo costituito dalla presenza sul territorio degli impianti radiotelevisivi (RTV), per telefonia mobile e delle stazioni radio-base (SRB), con relative potenze di emissione. I dati ARPA indicano per la Sicilia una potenza complessiva installata di impianti SRB pari a 240.558 W, distribuita su 3.394 impianti. I superamenti riscontrati si riferiscono nella maggior parte dei casi a siti con impianti radiotelevisivi (RTV). Rispetto al 2004 Fonte: GRTN 2006 il numero di superamenti rimasto praticamente costante. Infatti, si passati dai 30 superamenti del 2004 ai 31 superamenti nellanno 2005. Nellarea di Catania si registra un trend positivo di rientro di due dei quattro superamenti presenti nel 2004 e nella provincia di Messina il superamento registrato nel comune di Giardini Naxos nel 2004 anchesso rientrato nei limiti prescritti. Di converso, si registra un aumento in alcuni comuni delle province di Palermo, Siracusa e Trapani dove avvenuto un superamento dei limiti di legge.
fig. 13.2: Elettrodotti Sicilia tab.13.2: Risultati dei controlli
Impianti Superamenti rileRisanamenti vati 2002-2005 Programmati RTV 38 20 SRB 21 3 ELF n.d n.d Fonte: Osservatorio NIR- Sinanet7 Risanamenti in corso 1 2 n.d Risanamenti conclusi 5 4 n.d Nessun azione di risanamento 12 12 n.d

13.2 Normative di riferimento


13.2.1 Normative Comunitarie

Decisione del Consiglio 87/600/Euratom del 14 dicembre 1987, concernente le modalit comunitarie di uno scambio rapido dinformazioni in caso di emergenza radioattiva. Raccomandazione della Commissione 90/143/Euratom, del 21 febbraio 1990, sulla tutela della popolazione contro lesposizione al radon in ambienti chiusi. Draft proposal for a Council Recommendation - Commission of European Communities - Bruxelles, 11.06.98 COM (1998) 268 final - 98/0166 (CNS). Raccomandazione del Consiglio del 12 luglio 1999 - Relativa alla limitazione dellesposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0 Hz a 3000 GHz (1999/519/CE). Raccomandazione 2000/473/Euratom dell8 giugno 2000, sullapplicazione dellArt. 36 del trattato Euratom, riguardante il controllo del grado di radioattivit ambientale allo scopo di determinare lesposizione dellinsieme della popolazione.

Il dato non copre l'intera regione.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i i i a z n Ag ge en nt t iF F is si ic c i-R R ad di ia a zi io o ni i

Raccomandazione della Commissione Europea, sulla tutela della popolazione contro lesposizione al radon nellacqua potabile, n. 4580/C2001 del 20.12.01. Raccomandazione 2003/274/CE della Commissione, del 14 aprile 2003, sulla protezione e linformazione del pubblico per quanto riguarda lesposizione risultante dalla continua contaminazione radioattiva da cesio di taluni prodotti di raccolta spontanei, a seguito dellincidente verificatosi nella centrale nucleare di Chernobyl. Rettifica della Direttiva 2004/40/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sulle prescrizioni minime di sicurezza e di salute, relative allesposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici) XVIII Direttiva particolare ai sensi dellarticolo 16, paragrafo 1, della Direttiva 89/391/CEE. Direttiva 2004/40/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 29/4/2004, sulle prescrizioni minime di sicurezza e di salute, relative allesposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici).
13.2.2 Normative Nazionali

191 Cap. 13

D.P.R. n. 185 del 13/2/1964 e decreti applicativi ancora in vigore Sicurezza degli impianti e protezione sanitaria dei lavoratori e delle popolazioni contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti derivanti dallimpiego pacifico dellenergia nucleare. Circolare n. 2 del 3 febbraio 1987 del Ministero della Salute: Direttive agli organi regionali per lesecuzione di controlli sulla radioattivit ambientale. D.M. n. 449 del 13/7/1990, Regolamento concernente le modalit di tenuta della documentazione relativa alla sorveglianza fisica e medica della protezione dalle radiazioni ionizzanti. DLgs n. 475 del 4/12/1992, di attuazione della direttiva comunitaria relativa a dispositivi di protezione individuale. DLgs n. 626 del 19/9/1994, di attuazione delle direttive CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro. DLgs n. 230 del 17/3/1995 di attuazione delle direttive Euratom 80/386, 84/467, 84/466, 89/618, 90/641 e 92/3, in materia di radiazioni ionizzanti, come integrato e parzialmente modificato dal DLgs 241/00. Ministero dellAmbiente D. M. 10 settembre 1998, n. 381, regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. Linee guida applicative L. 22 Febbraio 2001, n. 36 Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni ai campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. DLgs n. 31 del 2 febbraio 2001, Attuazione della direttiva 98/83 CE relativa alla qualit delle acque destinate al consumo umano, come integrato dal DLgs n. 57/02. DPCM 28 marzo 2002 Modalit di utilizzo dei proventi derivanti dalle licenze UMTS. DLgs 4 settembre 2002, n. 198. DPCM 8 luglio 2003 Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualit per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz. Decreto 22 luglio 2003 Modalit per lacquisizione dei dati necessari per la tenuta del catasto delle infrastrutture delle reti radiomobili di comunicazione pubblica . DLgs 1 agosto 2003, n. 259 Codice delle comunicazioni elettroniche.
13.2.3 Normative Regionali

Circolare 12 Agosto 1999, n. 1004: Attuazione D.M. n. 381/98 - Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana.
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

192 Cap. 13 Cap. 13

D.A. n. 35/GAB del 21 febbraio 2007 Procedura per il risanamento dei siti nei quali viene riscontrato il superamento dei limiti di esposizione e dei valori di attenzione dei campi elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz (in riferimento alle soglie riportate nella seguente tabella)
tab. 13.3: Limiti di esposizione e dei valori di attenzione dei campi elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz
Intensit di campo elettrico E (V/m) 0,1< f 3 MHz 60 3 < f 3000 MHz 20 3< f 300 GHz 40 Valori di attenzione Intensit di campo elettrico E (V/m) 0,1 MHz< f 300 GHz 6 Obiettivi di qualit Intensit di campo elettrico E (V/m) 0,1 MHz< f 300 GHz 6 Fonte: D.A. n. 35/GAB del 21 febbraio 2007 Limiti di esposizione Intensit di campo magnetico H (A/m) 0,2 0,05 0,01 Intensit di campo magnetico H (A/m) 0,016 Intensit di campo magnetico H (A/m) 0,016 Densit di potenza D (W/m2) 1 4 Densit di potenza D (W/m2) 0,10 (3 MHz - 300 GHz) Densit di potenza D (W/m2) 0,10 (3 MHz - 300 GHz)

13.3

Interazioni con lambiente

Le emissioni dipendono in generale dalla produzione e dal consumo di energia. A causa delle loro caratteristiche fisiche le radiazioni si propagano nellatmosfera ed attraverso la materia, int eragendo con qualsiasi altra matrice ambientale. Le attivit di monitoraggio sono principalmente rivolte allatmosfera, allacqua, alla catena alimentare (latte, carni, cereali e derivati, pesci, ortaggi e frutta), allambiente urbano.

13.4 Tendenze
Rispetto alle radiazioni ionizzanti ed in particolare al radon, nella impossibilit di controllare le emissioni che dipendono da fattori assolutamente naturali, lincremento delle attivit di monit oraggio, la migliore conoscenza del fenomeno, le tecniche di progettazione delle abitazioni e linnalzamento della soglia di attenzione, sono indice di un progressivo calo di quota di popolazione esposta in maniera costante a tali fonti. Infatti, in presenza di radon le azioni da intraprendere sono facilmente attuabili: favorire il ricambio daria nei locali, aumentando la ventilazione naturale attraverso porte e finestre; isolare ledificio dal suolo, al fine dimpedire lingresso del radon nellabitazione (sigillatura di crepe, fessure, tubazioni, rivestimento in cemento del pavimento in cantina, ecc.); dotare labitazione di impianti di ventilazione artificiale; aumentare la pressione allinterno dei locali; ventilare naturalmente o artificialmente i vespai. Per quanto riguarda invece lelettrosmog, in generale, il progressivo aumento di atti normativi emanati e di attivit di controllo sul territorio, testimoniano una crescente attenzione degli enti territoriali in relazione alla problematica dei campi elettromagnetici. Lintroduzione della Valutazione dImpatto Ambientale nella costruzione di impianti ad emi ssione di onde elettromagnetiche limita la possibilit di realizzare dispositivi potenzialmente pericolosi nelle vicinanze di zone abitate. In particolare, si istituito l Osservatorio Regionale dellEnergia, che implementer il Sistema Informativo Territoriale dellEnergia, mediante aggiornamento delle banche dati e dei supporti cartografici GIS.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i i i a z n Ag ge en nt t iF F is si ic c i-R R ad di ia a zi io o ni i

13.5 Impatto sulla salute della popolazione


Nel corso della trattazione si fatto riferimento al principio di precauzione per queste tematiche ed alcune ricerche epidemiologiche hanno riscontrato una forte correlazione tra esposizione ai campi elettromagnetici generati da impianti a bassa frequenza e leucemia infantile. Ulteriori studi e ricerche sono in corso per mettere in relazione l esposizione ai campi elettromagnetici e linsorgere di possibili neoplasie. Ad eccezione di studi epidemiologici su microaree, non si possono riportare collegamenti tra i dati sulla mortalit e la presenza sul territorio di onde radianti, tuttavia, si ritiene opportuno fornire una breve informazione in merito ai possibili effetti sulla salute della popolazione. Gli eventuali effetti biologici connessi allesposizione a campi elettromagnetici non sono necessariamente indice di patologie, alterazioni e modificazioni dannose per la salute umana. A tal proposito, lOrganizzazione Mondiale della Sanit (OMS) ha formulato le seguenti definizioni: Effetti biologici: una qualsiasi risposta fisiologica allesposizione a campi elettromagnetici. Effetti rischiosi per la salute umana: qualsiasi effetto biologico eccedente i limiti tollerati dai meccanismi di compensazione del corpo umano. Un campo elettromagnetico a radiofrequenza trasferisce energia ad un sistema biologico irradiandolo; per capire come ci avvenga bisogna esaminare il tessuto a livello microscopico. Il campo elettromagnetico assorbito in un tessuto biologico induce in una parte delle molecole un moto oscillatorio, dipendente dalla frequenza del campo e le cui caratteristiche sono strettamente legate al tipo di tessuto. Trasferendosi dalle molecole in movimento a quelle ferme, il moto diventa disordinato, comportando generazione di calore e un conseguente aumento della temperatura; tale aumento avviene traendo lenergia dal campo assorbito. Da ci segue che tanto maggiore lintensit del campo, tanto maggiore sar il possibile innalzamento di temperatura. Si parla quindi di effetto termico. Il possibile rischio associato a questo aumento di temperatura, indotto dal campo elettromagnetico, stato esaminato in numerosi studi ed esperimenti. Organismi nazionali ed internazionali hanno valutato tale rischio. Le linee guida ICNIRP8 riportano che i dati relativi alla risposta delluomo a campi elettromagnetici di elevata frequenza sono di pieno supporto alle concl usioni che effetti biologici avversi possono essere causati da incrementi di temperatura nei tessuti superiori a 1 C; e ancora la soglia per effetti termici irreversibili, anche nel pi sensibile dei tessuti, maggiore di 4 W/kg9. I livelli di campo indotto allinterno dei tessuti, capaci di provocare questo incremento di temperatura, vengono, quindi, presi come riferimento per la stesura di norme che regolano i valori di campo elettromagnetico emessi a radiofrequenza. Per assicurare comunque una tutela, che tenga conto delle caratteristiche individuali dei soggetti esposti (come lavoratori, anziani, bambini, donne in gravidanza, ecc.), siffatti livelli di campo vengono ridotti ulteriormente (usualmente di 10 volte per i lavoratori professionalmente esposti e di 50 volte per la popolazione). Le cellule e i tessuti esposti a radiazioni ionizzanti subiscono lesioni, che possono essere temporanee o permanenti a seconda della dose, della via di esposizione (irraggiamento esterno, inalazione, ingestione), della radiazione assorbita e della sensibilit del tessuto irradiato.

193 Cap. 13

8 9

ICNIRP, Health physics, Vol. 74, n. 4, 1998. Valore mediato sullintero corpo ed equivalente allincremento di temperatura corporea minore di 1 C .

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

194 Cap. 13 Cap. 13

Lesposizione a dosi di radiazioni insufficienti a causare la distruzione immediata delle cellule pu comunque portare lesioni rilevabili dopo alcuni anni. I tessuti pi sensibili alle radiazioni sono quelli ad elevato ricambio cellulare, come il midollo osseo, la pelle, le mucose, gli spermatozoi. I danni pi gravi derivano dallinterazione delle radiazioni ionizzanti con i cromosomi del DNA. Lesposizione protratta, a parit di dose di radiazioni ionizzanti, meglio tollerata dai tessuti, rispetto alla stessa quantit assorbita in tempi brevi. Alcuni danni, infatti, possono essere riparati mentre lesposizione ancora in corso, tuttavia, se la dose di radiazioni assorbita sufficiente a provocare gravi lesioni, i meccanismi di riparazione diventano insufficienti. Gli effetti provocati da radiazioni ionizzanti possono essere somatici e genetici. I primi interessano i diversi tessuti dellorganismo, i secondi colpiscono le cellule deputate alla riproduzione, causando alterazioni genetiche nei discendenti dellindividuo irradiato. I danni possono verificarsi in conseguenza di irradiazioni acute o di effetti cronici derivanti da esposizioni continuate. Lirradiazione acuta corrisponde a dosi elevate di radiazioni generate a causa di eventi eccezionali, come catastrofi ecologiche o esplosioni nucleari. Le radiazioni interessano tutto il corpo e provocano lesioni e quadri clinici caratteristici. Lunit di misura utilizzata per quantificare la dose di radiazioni assorbita il gray (Gy). Per dosi superiori a 5-6 Gy, la sopravvivenza impossibile, la morte interviene nel 100% dei casi nel giro di pochi giorni, per diarrea emorragica grave e disidratazione o perch viene colpito in maniera rilevante il sistema nervoso centrale. Tra i 2 e i 4,5 Gy la mortalit rimane elevata. Si manifestano gravi danni alle cellule del sangue a livello del midollo osseo che le produce e compaiono emorragie, infezioni, anemia, danni allapparato gastrointestinale con vomito e diarrea, perdita di peso, lesioni alla pelle e ad altri tessuti, sterilit, danni fetali. Tra 1 e 2 Gy i sintomi sono attenuati e la mortalit bassa, mentre per dosi inferiori a 1 Gy, i disturbi acuti sono reversibili e la mortalit quasi nulla. Lassorbimento di radiazioni da parte di piccole parti del corpo provoca un danno localizzato ai tessuti. colpita soprattutto la pelle, con lesioni di diversa gravit, fino a ulcerazioni a lenta guarigione. Gli effetti cronici sono tardivi e provocati da unesposizione continua e permanente di piccole dosi di radiazioni ionizzanti con elevato accumulo delle stesse. Comportano un accorciamento dellaspettativa di vita e unalta probabilit di ammalarsi di tumori soprattutto del sangue (leucemie) e delle ossa (osteosarcoma), che possono manifestarsi gi a due anni dallesposizione. Statisticamente frequenti sono i tumori alla mammella, alla tiroide, al polmone e alla pelle, i quali insorgono dopo un periodo di latenza pi lungo, superiore ai 5 anni. Non stata dimostrata ad oggi unevidenza che le radiazioni ionizzanti possano indurre leucemia linfatica cronica, linfoma di Hodgkin e carcinoma del collo uterino. Si possono accusare anche danni cronici localizzati, che colpiscono la pelle (radiodermite) o locchio (cataratta).

13.6 Proposte e politiche di mitigazione


La tendenza futura va verso ladozione di nuove tecnologie, che modificheranno lassetto ambientale e paesaggistico principalmente dei siti urbani. Il ricorso a tecnologie a basso impatto e una corretta pianificazione territoriale consentiranno di raggiungere un buon compromesso tra la diffusione delle sorgenti impattanti e la tutela dellambiente. La riduzione dellimpatto dei campi elettromagnetici pu avvenire innanzitutto: realizzando una pianificazione territoriale ambientale fondata sulle conoscenze acquisite attraverso lattivit di controllo, che incorpori, nei piani urbanistici, le indicazioni di salvaguardia, al fine di meglio localizzare gli impianti di trasmissione e trasporto dellenergia; sviluppando le migliori tecnologie industriali nella produzione di apparecchi, reti, impianti a minore consumo, minore potenza, maggiore rendimento e maggiore sicurezza;
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A i i i a z n Ag ge en nt t iF F is si ic c i-R R ad di ia a zi io o ni i

orientando gli investimenti sulla base di rilevamenti e analisi scientificamente fondate; migliorando le strutture di mitigazione e avviando lattivit di bonifica, ove necessaria, studiando in via preventiva il contesto ambientale alternativo pi favorevole. Come si vede, necessaria una pluralit di azioni tecnico-scientifiche, che si muovano sulla linea dellintegrazione tra diversi strumenti di politica ambientale, sanitaria, industriale, infrastrutturale. Le attivit di controllo sono funzionali al perseguimento di questi obiettivi ed opportuno oggi rilevare che, a livello territoriale, con lintroduzione del DLgs. n. 259 del 2003 Codice delle comunicazioni elettroniche, interamente recepito dalla Regione Siciliana, 10 ...linstallazione di infrastrutture per impianti radioelettrici e la modifica delle caratteristiche di emissione di questi ultimi autorizzata dagli Enti locali, previo accertamento, da parte dell ARPA, della compatibilit del progetto con le prescrizioni fissate dalla Legge quadro n. 36/2001 e dai relativi provvedimenti di attuazione. Gli Enti locali che autorizzano linstallazione di cui sopra, dovranno far obbligo, nellatto autorizzativo, ai concessionari di apporre delle targhe identificative dandone comunicazione sia al competente Dipartimento Regionale Territorio e Ambiente che all ARPA Sicilia di carenze quantitative e qualitative nellattivit tecnica di controllo, nellanalisi epidemiologica e soprattutto nel lavoro per tradurre la conoscenza dei fenomeni in provvedimenti coerenti su scala locale: autorizzazioni alle installazioni, pianificazione e prevenzione. Il sistema di controllo della radioattivit ambientale nel nostro Paese regolato dal DLgs n. 230 del 17 marzo 1995 e dalle sue successive modifiche ed integrazioni. I controlli si sviluppano attualmente attraverso le reti di sorveglianza regionali, gestite dalle singole regioni, e nazionali, che si avvalgono dei rilevamenti e delle misure radiometriche delle Agenzie regionali e provinciali per la protezione dellambiente e di altri enti, istituti e organismi specializzati. Le funzioni di coordinamento tecnico delle attivit di rilevamento e di controllo della qualit dei risultati sono affidate allAPAT. La Fondazione Ugo Bordoni, attraverso il sito http://www.monitoraggio.fub.it/areadati, fornisce i dati relativi alle rilevazioni dei campi elettromagnetici per singolo sito analizzato e per comune. In Sicilia sono state effettuate 309.084 ore di osservazione e rilevate 3.153.356 misure in 545 siti, di cui 169 scuole, 66 edifici pubblici, 300 abitazioni private, 10 strutture sanitarie.

195 Cap. 13

Bibliografia essenziale di riferimento


Bochicchio, Campos et al, 1999. Results of the national survey on radon in all the 21 italian regions . International Workshop Radon in the Living Environment. 19-23 April, Athens, Greece. G. Torri, V. Innocenzi, Livello di esposizione al radon nelle principali aree metropolitane italiane , APAT - Dipartimento Stato dellAmbiente e Metrologia Ambientale, Servizio Controllo Radiazioni Ambientali. ANPA. Reti Nazionali di Sorveglianza della radioattivit ambientale in Italia, Anno 1993. ANPA. Reti Nazionali di Sorveglianza della radioattivit ambientale in Italia. Anno 1998. APAT. La gestione dei rifiuti radioattivi, Guida tecnica, n. 26. IARC, Monographs: Radon and its decay products. Vol. 43, 1988. ICRP (International Commission on Radiological Protection). Recommendations of the 60th International Commission on Radiological Protection. Publication 60, 1991. ICRP, Protection Against Radon-222 at Home and at Work, Pergamon press 23(2): 1-65, ICRP Publication. 1993.

10

D.A. n. 35/GAB - Allegato 1.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

Glossario
196 Cap. 13 Cap. 13 Onde a frequenza estremamente bassa (lunghezza donda oltre 1000 km): sono emesse da campi elettrici e magnetici a frequenze estremamente basse (ELF), generati da impianti per la produzione o trasmissione dell energia elettrica per uso civile o industriale; Onde radio (lunghezza da 1 m a 1000 km) e microonde (lunghezza d onda da 1 mm a 1 m): sono emesse da campi elettromagnetici ad alta frequenza estremamente diffusi nei diversi ambienti sia industriali che domestici (stazioni emittenti radio e televisive, impianti di telecomunicazione, sistemi radiomobili, telefoni cellulari, sistemi radar, diverse apparecchiature industriali, varchi magnetici di controllo all ingresso di uffici pubblici, apparecchiature per attivit di ricerca in astronomia, fisica nucleare, radiospettrografia, apparati terapeutici per ipertermia, diatermia, marconiterapia, radarterapia); Radiazione ottica: generata principalmente dal sole ed suddivisa in radiazione infrarossa (lunghezza donda da 780 nm a 1 m), radiazione visibile (lunghezza donda da 400 nm a 780 nm) e radiazione ultravioletta (lunghezza d onda da 100 nm a 400 nm). Questultima, classificata a propria volta in UV-A, UV-B e UV-C, pericolosa per la cute e per gli occhi, se la sua lunghezza donda inferiore a 290 nm; il filtro che ci protegge la fascia di ozono stratosferico (da non confondere con lozono che si forma a strati pi bassi per smog fotochimico), il cui assottigliamento permette larrivo al suolo di una maggior componente di UV pericolosi, in grado di incrementare il numero di carcinomi in maniera non proporzionale; la riduzione dello strato di ozono dell 1% comporterebbe infatti un aumento (detto amplificazione) dei carcinomi, che pu andare dall1,7% al 3%, a seconda delle caratteristiche istologiche del tessuto reso neoplastico; Radioattivit: propriet di alcune sostanze di emettere radiazioni corpuscolari (raggi alfa e beta) ed elettromagnetiche (raggi gamma). Pu essere naturale, cio propria di sostanze radioattive che si trovano in natura, o artificiale, cio indotta, ad esempio da bombardamento atomico (DLgs n. 230/95); Radiazioni: emissione e propagazione di energia sotto forma di particelle o di onde che possono attraversare lo spazio o penetrare allinterno di un mezzo. Per quanto riguarda le radiazioni corpuscolate, vedere alla voce radioattivit. Esistono radiazioni che si propagano tramite onde meccaniche (come le onde sonore, elastiche, termiche, ecc.), che sono in grado di viaggiare solo attraverso la materia, mentre le onde elettromagnetiche possono muoversi anche nel vuoto. In base ai loro effetti sulla materia, le radiazioni si distinguono in radiazioni ionizzanti e non ionizzanti, a seconda che possiedano o meno la capacit di interagire con atomi e molecole con formazione di ioni. Il livello di energia che discrimina le radiazioni ionizzanti dalle non ionizzanti dellordine dei 10 eV; Radiazioni elettromagnetiche: Le radiazioni elettromagnetiche (EM), generate da variazioni periodiche di un campo elettrico e di un campo magnetico, rappresentano una particolare modalit di propagazione nello spazio e nel tempo dellenergia, secondo un moto oscillatorio sinusoidale. Esse si spostano alla velocit della luce (circa 300.000 km al secondo) nel vuoto o a differenti velocit quando attraversano un mezzo; Rifiuti radioattivi: qualsiasi materia radioattiva di scarto, ancorch contenuta in apparecchiature o dispositivi in genere, di cui non previsto il riciclo o la riutilizzazione (DLgs n. 230/95).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

Popolazione, ambiente e salute

Antonino Genovesi, TFA MATTM Maurizio Lisciandra, TFA MATTM

Popolazione, ambiente e salute


Ringraziamenti: Dott.ssa Stefania La Grutta, ARPA Sicilia Dott. Domenico Cavarretta, Ufficio Speciale per la Montagna Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, Palermo

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

198 Cap. 14 Cap. 14

14.

P Po op po ol la az zi io on ne e, ,a am mb bi ie en nt te ee es sa al lu ut te e

In questo capitolo si presentano le influenze delle dinamiche demografiche della popolazione sullambiente in termini di uso del suolo, produzione di rifiuti, e inquinamento in generale; sono altres presentate, a partire da quanto specificatamente indicato nel Piano Sanitario Nazionale (PSN) 2006-2008, le possibili influenze dei diversi aspetti ambientali sulla salute della popolazione.

14.1 Caratteristiche strutturali


14.1.1 Popolazione

La consistenza e la struttura della popolazione rappresentano due parametri importanti per la caratterizzazione della medesima, che dipendono a loro volta da caratteristiche demografiche1, socioeconomiche2 e delle abitazioni3. Inoltre, poich i due parametri sono modificati da componenti naturali (nascite e morti) e da componenti sociali (immigrazioni ed emigrazioni), le modifiche apportate vengono definite come dinamiche demografiche. Le dinamiche demografiche rappresentano un elemento di valutazione di estrema importanza qualunque sia il tema affrontato: la localizzazione di particolari impianti, la costruzione di infrastrutture ferro-stradali, e cos via. Questi interventi possono modificare le dinamiche migratorie interne alla regione, mentre gli impatti in termini di emissione ambientale determinano risvolti sulla salute della popolazione (reale o percepita). In primo luogo, la densit demografica diviene un indicatore proxy di pressione ambientale; ossia, laddove vi una maggiore concentrazione di abitanti vi maggiore inquinamento atmosferico e da rumore, una maggiore produzione di rifiuti, un maggiore sfruttamento e inquinamento del suolo, e infine una maggiore cementificazione del territorio ( soil sealing)4: in sintesi, una crescente alterazione e/o depauperamento delle risorse naturali.

Popolazione residente totale, per genere e per classi di et, popolazione con cittadinanza straniera, distribuzione dello stato civile della popolazione maggiorenne, percentuale di famiglie di un componente e percentuale di famiglie con 5 o pi componenti. 2 Tasso di non conseguimento della scuola dellobbligo, tasso di disoccupazione, tasso di disoccupazione giovanile, % di occupati di basso livello, % di occupati di alto livello, % di lavoratori a tempo determinato, condizione professionale per genere, % di impiegati part-time per genere. 3 % famiglie in affitto e in case di propriet, % di famiglie con basso affollamento abitativo, % di famiglie con alto affollamento abitativo, % di abitazioni senza riscaldamento, ecc.. 4 Il soil sealing, impropriamente impermeabilizzazione del suolo, causato dalla copertura del suolo con materiali impermeabili o comunque dal cambiamento delle caratteristiche del suolo tanto da renderlo impermeabile in modo irreversibile o difficilmente reversibile.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P z o Po op po ol la a zi i on ne e, ,a am mb bi ie en nt te ee es sa al lu ut te e

In Sicilia la densit pi bassa si rileva nel comune di Sclafani Bagni (PA) con 3,67 ab./km2, mentre il picco massimo 5.551,98 ab./km2 ha luogo nel comune di Gravina di Catania (CT). chiaro che gli indici di densit devono essere pesati con altre informazioni quali lorografia del territorio e la destinazione economica delle aree. La forbice molto elevata e trova ai suoi estremi un comune rurale (Sclafani Bagni), distante dal centro di attrazione rappresentato dal capoluogo, ed un comune (Gravina di Catania) che diviene la rappresentazione stessa del concetto di citt diffusa, dove i comuni limitrofi ai grandi centri divengono periferia degli stessi. L ISTAT, nel censimento del 2001, ha definito il grado di urbanizzazione dei comuni: 5 il 49% (elaborazione TFA) dei comuni siciliani si trova in aree a bassa urbanizzazione, in questa tipologia di aree vive il 17% della popolazione. Sono ad elevata urbanizzazione il 9% dei comuni, che ospitano il 38% della popolazione siciliana, fanno parte di questa tipologia le aree attigue alle grandi citt (Palermo, Catania e Messina). Ad unanalisi della pressione demografica si deve accompagnare uninvestigazione delle principali caratteristiche della mobilit in Sicilia. Infatti, la concentrazione di fattori inquinanti potenzialmente dannosi per la salute discende dalle dinamiche demografiche e da quelle relative allintensit delluso dei mezzi di trasporto. Gli impatti socio-ambientali dellinquinamento atmosferico delle aree urbane sono una delle priorit della Politica Comunitaria anche sotto il profilo quantitativo: circa l80% della popolazione europea vive in ambiente urbano con trend di urbanizzazione piuttosto stabili e con estensione suburbana spesso non pianificata. Dalle statistiche sulla mobilit degli individui emerge che in Sicilia vi un autobus 6 (immatricolato 7) ogni 687 abitanti, mentre vi un autoveicolo ogni 1,79 abitanti. Emerge come nella provincia di Catania vi la pi alta pressione veicolare sulla superficie disponibile, ed 5 volte superiore rispetto al numero di veicoli che insistono sulla superficie totale della provincia di Enna. Se il dato numerico dei veicoli viene rapportato alla popolazione, la provincia di Catania rimane quella col pi alto numero di veicoli per abitante. Unosservazione pi interessante che se si limita il campo alla classe di et tra i 16 ed i 65 anni (possibili utilizzatori di veicoli) si arriva a un autoveicolo ogni 1,13 abitanti. Tuttavia, la situazione rappresentata non dissimile da altre regioni italiane dove resta valida lipotesi di un autoveicolo ogni due persone (unica eccezione data dalla Valle dAosta dove vi pi di un autoveicolo per abitante). La provincia di Messina caratterizzata dal pi basso degli indici di natalit e dal pi elevato indice di mortalit. Tali valori possono essere spiegati sinteticamente da una disamina su dati disaggregati a livello comunale. Le dinamiche sociali (urbanizzazione e abbandono delle aree rurali) hanno progressivamente invecchiato la popolazione delle aree interne. Ad esempio il tasso di mortalit a Novara di Sicilia pari a 23,91 per mille abitanti, e ci spiega anche perch si registrano meno nascite nei comuni ad elevata mortalit. Il tasso di mortalit solo uno degli outcome di salute8; diventano parametri sempre pi importanti anche nella cultura del mondo medico e sanitario la diffusione di malattie croniche, la disabilit o, in generale, la qualit della sopravvivenza. L analisi della mortalit consente di tracciare un quadro generale delle condizioni di salute e sanitarie di un paese; ci di grande

199 Cap. 14

Il grado di urbanizzazione si basa sulla densit di popolazione e sulla contiguit fra aree. Inoltre, la definizione di area urbanizzata o meglio ad alta densit demografica, non corrisponde al numero di servizi o alla vivibilit e quindi una informazione scarsamente utilizzabile a fini programmatori. 6 Autoveicolo stradale destinato al trasporto di persone, con pi di 9 posti a sedere (incluso il conducente). 7 Dati ACI 2004. 8 Laccezione, ormai universalmente riconosciuta e condivisa, prevede un impiego multidimensionale di i ndicatori.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

200 Cap. 14 Cap. 14

utilit anche per fini comparativi. ben noto ad esempio che i tassi di mortalit infantile vengono utilizzati per misurare il livello di benessere complessivo di cui gode la popolazione.
14.1.2 Salute

Il Piano Sanitario Nazionale 2006-2008, nella trattazione degli aspetti ambientali con influenze sulla salute in linea con gli obiettivi dellOMS e dello sviluppo sostenibile, approfondisce i collegamenti fra problemi ambientali e la salute, per ridurre gli effetti avversi collegati a fattori ambientali. Gli intendimenti di questo capitolo sono quelli di migliorare la catena dellinformazione per comprendere i collegamenti tra le fonti di inquinamento, trattate con un maggiore livello di dettaglio nel resto della relazione, e gli effetti sulla salute. Tra le matrici ambientali quelle, individuate dal Piano Sanitario Nazionale 2006-2008, con effetti sulla salute sono: Inquinamento atmosferico e qualit dellaria: con particolare riferimento a polveri ultrafini (PM10, PM2.5), emissioni di gas (NO2, SO2, ecc.); Eventi climatici estremi: ondate di calore, picchi di freddo, siccit, inondazioni e tempeste; Sostanze chimiche: pesticidi, sostanze chimiche industriali, metalli pesanti; Radiazioni: ionizzanti (radon) e non ionizzanti (inclusa la radiazione ultravioletta di origine solare e artificiale); Risorse idriche: qualit dellacqua per consumo umano (accesso, sicurezza e potabilit); Acque di balneazione: valori-limite di una serie di parametri microbiologici e chimicofisici, immissione di acque reflue urbane ed inquinamento da nitrati provenienti da fonti agricole; Rifiuti: fasi della gestione dei sistemi di smaltimento nelle quali possono verificarsi fenomeni di rilascio ambientale di sostanze chimiche in aria, nel suolo, e nell acqua, oltre che di contaminazione microbiologica; Gli ambienti confinati: qualit dellaria negli ambienti interni, radon e radiazioni gamma, radiazioni elettromagnetiche, utilizzo sostanze e preparati pericolosi. Tra gli studi sugli esiti dellesposizione ad inquinanti sulla salute, occorre ricordare quelli sulle malformazioni congenite (MC), in merito alle quali in Sicilia erano stati segnalati eccessi statisticamente significativi di ipospadie e di anomalie dellapparato digerente nellarea di Augusta-Priolo-Melilli, rispetto a quanto osservato nel resto della provincia di Siracusa, in Sicilia ed in Italia.9

14.2 Interazioni con lambiente


Gli impatti ambientali degli aspetti socio-demografici sin qui analizzati sono stati la progressiva perdita di suoli fertili, lo sviluppo di fenomeni di inquinamento delle matrici ambientali, linterruzione di corridoi naturali di comunicazione e di migrazione, lalterazione

Bianchi F., Bianca S., Linzalone N., et al. Surveillance of congenital malformations in Italy: an investigation in the province of Siracusa. Epidemiol Prev 2004; (2): 87-93.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P z o Po op po ol la a zi i on ne e, ,a am mb bi ie en nt te ee es sa al lu ut te e

degli habitat originari e dei biotopi naturali o semi-naturali, lincremento dei rischi di dissesto territoriale e infine gli scostamenti dovuti alla diversa dinamica produttiva del territorio. Affinch ci siano i presupposti di potenziale impatto sulla salute da parte di fattori inquinanti devono essere soddisfatte le condizioni di un ciclo completo di esposizione, ovvero: rilascio e trasporto in concentrazioni efficaci del contaminante/patogeno in una matrice (acqua, aria, suolo) o recettore ambientale; assunzione di contaminante patogeno da parte delluomo attraverso le vie desposizione classiche: contatto dermico, inalazione, ingestione di acqua o di cibo. Il ciclo dellesposizione deve essere completo in ogni sua fase, in qualunque altra condizione di incompletezza della sequenza non sussistono rischi per la salute umana. Altres rimane il limite scientifico e metodologico della valutazione degli effetti multipli e sinergici dell esposizione a bassi livelli di contaminante per lunghi periodi. La valutazione dellesposizione finalizzata alla definizione dellaumento di rischio sanitario non pu quindi prescindere da una caratterizzazione del sito, dei recettori e dal ciclo di esposizione, dalla determinazione delle concentrazioni del contaminante e dalla stima dellesposizione.
14.2.1 Inquinamento atmosferico

201 Cap. 14

Gli incrementi della mortalit giornaliera totale, di quella specifica per malattie cardiovascolari e respiratorie a breve termine, nonch di ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie sono stati correlati ad un aumento delle concentrazioni di alcuni inquinanti atmosferici tossici quali: monossido di carbonio (CO), biossido di zolfo (SO2), biossido di azoto (NO2), ozono (O3), e particolato (PM10).10 Potenziali effetti sanitari sono ascrivibili anche allesposizione ad altri inquinanti gassosi quali: idrogeno solforato (H2S), IPA (idrocarburi policiclici aromatici), idrocarburi non metanici, benzene (C6H6), COVNM e alcuni metalli quali il piombo11. Per ci che riguarda il sistema di monitoraggio di tali inquinanti atmosferici, le province di Trapani, Ragusa ed Enna sono ancora del tutto sprovviste di centraline di monitoraggio, per cui i dati forniti successivamente devono tenere conto di questa parzialit di investigazione. Inoltre, anche in presenza di centraline di rilevamento, la localizzazione delle stesse non segue piani di posizionamento definiti in base a regole certe e condivise su tutto il territorio. La realizzazione di mappature mediante georeferenziazione delle fonti di emissioni e degli impianti di rilevamento, nonch dei soggetti esposti soddisfa i requisiti di qualit nella raccolta del dato e nella corretta valutazione della correlazione tra esposizione ed effetto sanitario. La principale sorgente di produzione di CO rappresentata dai gas di scarico dei veicoli, soprattutto funzionanti a bassi regimi, come nelle situazioni di traffico intenso. Un altra sorgente importante lemissione di CO da processi industriali come la raffinazione del petrolio. Secondo lelaborazione ARPA Sicilia non si registrano superamenti della media massima giornaliera per la protezione umana di 10 mg/m3 su 8 ore nelle province e nei comuni monitorati. 12 Il biossido di azoto (NO2) un inquinante secondario, generato dalla reazione tra il monossido di azoto (NO) e le sostanze ossidanti. strettamente connesso al traffico veicolare, che genera

10

Si veda lIPCS (International Programme on Chemical Safety), che un programma di collaborazione internazionale delle Nazioni Unite, dellOMS e dellILO attivo dal 1980, centrato sulle sostanze chimiche, il quale produce dei dossier informativi sulle sostanze chimiche, quali le schede ICSC (International Chemical Safety Cards). 11 Fonte Ministero della Salute I determinanti della salute 2005. 12 Elaborazione ARPA Sicilia su dati enti gestori reti pubbliche (2006).

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

202 Cap. 14 Cap. 14

lNO in atmosfera. Le altre sorgenti principali sono gli impianti di riscaldamento civile ed industriale e le centrali di produzione di energia. Sono stati registrati durante lanno 2005 superamenti dei valori soglia di protezione della salute umana nei comuni di Catania, Palermo e nella Provincia di Siracusa e Caltanissetta. I valori pi alti si registrano nelle citt di Palermo e Catania in postazioni ubicate nelle zone centrali e pertanto pi soggette allinquinamento. Per il 2006, rispetto ai dati del 2005, si nota un leggero peggioramento per la citt di Palermo. Il biossido di zolfo (SO2) il prodotto dellossidazione dello zolfo contenuto nei combustibili fossili, si forma nei processi di combustione di carbonio, olio combustibile e gasolio, in particolare per il funzionamento delle centrali termoelettriche, nonch, in misura pi ridotta, per gli impianti non metanizzati. Si pu notare come le concentrazioni medie annuali di biossido di zolfo in aree metropolitane come quella di Catania si mantengano ad un livello basso; stessa cosa non pu dirsi per il comune di Palermo. Per il 2006, rispetto ai dati del 2005, ove erano assenti i dati di diversi gestori, si nota comunque un peggioramento generale. Si sono verificati tre superamenti della soglia di allarme di 500 g/m3 nel comune di Pace del Mela nel 2006. Bisogna comunque considerare che a livello regionale la maggiore fonte di emissione di ossidi di zolfo di origine naturale, ed dovuta allattivit vulcanica. Il particolato (PM10) materiale particellare con diametro uguale o inferiore a 10 m. Si sviluppa abbondante nelle vie di grande traffico urbano, 13 ed particolarmente dannoso per le vie respiratorie delle fasce suscettibili della popolazione (bambini ed anziani, cardiopatici e pneumopatici). Le sorgenti emissive antropiche principali in ambiente urbano sono costituite dagli impianti di riscaldamento civile e dal traffico veicolare. opportuno ricordare che sono fonti di particolato le eruzioni vulcaniche, gli incendi boschivi, la risospensione delle polveri e l aerosol marino. I dati ARPA del 2006 mostrano come, rispetto ai dati del 2005, vi sia un peggioramento dello stato di qualit dellaria concernente le concentrazioni di PM10. Il valore limite della media giornaliera viene superato diverse volte e in postazioni di misura differenti sia nel comune di Palermo che di Messina e Siracusa; lo stesso si ripete nelle stazioni posizionate nel comune di Porto Empedocle. Solo nel caso del comune di Catania non si riscontrano superamenti dei limiti di legge, con dati in miglioramento rispetto allanno precedente. 14 Gli idrocarburi non metanici derivano da fenomeni di evaporazione delle benzine (benzene, toluene, ecc.) e sono presenti pertanto in atmosfera nelle aree urbane in proporzione direttamente correlabile al traffico veicolare e nelle zone di stoccaggio e movimentazione di prodotti petroliferi. Gli effetti dannosi sulla salute umana si riscontrano soprattutto sulle prime vie respiratorie. Per quanto riguarda il benzene (C 6H6) in Sicilia, le concentrazioni medie annue risultano, per lanno 2006, inferiori al valore limite di 9 g/ m3. Nelle aree urbane si raggiungono tuttavia picchi orari di concentrazione di alcune decine di microgrammi al metro cubo. Lozono (O3) un inquinante secondario, generato dalla trasformazione degli ossidi di azoto e dai composti organici volatili reattivi in presenza di radiazione solare anche a distanze notevoli dalle sorgenti primarie. strettamente correlato alle condizioni climatiche, infatti, tende ad aumentare durante i mesi pi caldi dellanno e durante le ore di maggiore irraggiamento solare. Lozono, inoltre, responsabile, insieme ad altre sostanze foto-ossidanti, del fenomeno dellinquinamento fotochimico. Per quanto concerne il superamento delle soglie di ozono, si nota un peggioramento con superamenti della soglia di attenzione e della soglia di allarme. Il comune

13 14

Soprattutto per i veicoli funzionanti con un ciclo diesel. Annuario Regionale dei Dati Ambientali 2006 - ARPA.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P z o Po op po ol la a zi i on ne e, ,a am mb bi ie en nt te ee es sa al lu ut te e

di Palermo in controtendenza fa registrare un netto miglioramento, azzerando il numero di superamenti riscontrati nel 2005. Rimane grave la situazione relativa allarea a rischio di Priolo, dove la presenza di unelevata concentrazione di precursori, nonch delle particolari condizioni atmosferiche causa linnalzamento dei valori di concentrazione dellozono. Le principali sorgenti dellidrogeno solforato (H2S) sono i prodotti della degradazione batterica di proteine animali e vegetali. Altre fonti di produzione di idrogeno solforato possono essere la raffinazione del petrolio, la rifinitura di olii grezzi ed altri procedimenti industriali oltre che le fonti naturali. caratterizzato da una soglia olfattiva decisamente bassa 0,7 g/m3. Infine, gli IPA15 sono principalmente prodotti da emissioni di motori diesel e da centrali termiche alimentate da combustibili solidi e liquidi pesanti. Lo IARC (International Agency for Research on Cancer) ha definito gli IPA come probabili (2A) o possibili (2B) cancerogeni per luomo.
14.2.2 Inquinamento acustico

203 Cap. 14

Occorre precisare che gli effetti da esposizione al rumore sulluomo sono dipendenti da numerose variabili, come le caratteristiche fisiche del fenomeno, i tempi e le modalit di manifestazione dellevento sonoro, la specifica sensibilit del soggetto esposto. Il rumore, specialmente quello esistente in ambito urbano, a componenti multiple, quali traffico stradale, ferroviario e aereo, attivit industriali e artigianali, discoteche e locali musicali e altro (esercizi commerciali, impianti di condizionamento e frigoriferi commerciali). La Regione Siciliana non ha ancora legiferato in materia, rimanendo una delle poche regioni italiane inadempienti rispetto alla legge n. 447/1995. Lelaborazione APAT/CTN-AGF su dati ARPA/APPA al 2002 riporta per la Sicilia che l1% dei comuni (che comprende il 3% della superficie regionale ovvero il 7,3% della popolazione) ha una classificazione acustica approvata. Relativamente ai comuni capoluogo di provincia nessuna progettazione stata ancora avanzata per Trapani ed Enna, mentre Messina e Caltanissetta risultano provviste di piani di zonizzazione acustica. Secondo i dati Istat-Osservatorio ambientale sulle citt, non si rilevano interventi di bonifica da rumore per i comuni capoluogo di provincia siciliani negli anni che vanno dal 2002 al 2005. Tra i fattori inquinanti si possono distinguere le emissioni da impianti di produzione, che hanno impatto sulla popolazione residente nei pressi delle aree industriali, le emissioni da attivit di servizio, che hanno maggiore impatto nelle aree urbane e le emissioni dovute al traffico. Si osservi che il rumore ambientale, in particolare quello urbano, caratterizzato da una certa variabilit nel tempo e nello spazio: la molteplicit di sorgenti presenti, le diverse modalit di funzionamento delle stesse, la presenza degli edifici, costituiscono alcuni degli elementi che determinano lestrema complessit dellambiente sonoro. La realizzazione di mappature acustiche mediante georeferenziazione dei livelli sonori soddisfa i requisiti di qualit nella raccolta del dato. Dal 2005 al 2006 aumentato sia il numero complessivo di sorgenti controllate che il numero complessivo dei superamenti dei limiti stabiliti per legge. Vi sono percentuali significative di

15

Per gli IPA non si possono fornire dati siciliani di rilevamento

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

204 Cap. 14 Cap. 14

popolazione esposta16 a livelli superiori a quelli presi a riferimento (65 dBA, Leq diurno; 55 dBA, Leq notturno). Nel 2006 si intensificata lattivit di controllo di sorgenti nei settori delle attivit produttive artigianali, delle manifestazioni temporanee ricreative e delle infrastrutture stradali. I controlli sulle sorgenti relative alle infrastrutture stradali, che nel 2005 erano limitati alle province di Messina e Ragusa, nel 2006 sono stati allargati alle province di Agrigento, Catania, Palermo, Ragusa e Siracusa. Infine risulta che la maggior parte delle sorgenti sono controllate a seguito di esposti e segnalazioni da parte di amministrazioni pubbliche.
14.2.3 Radiazioni

Rispetto alla salute della popolazione, per le radiazioni non ionizzanti vale il principio di precauzione. Vi sono diversi studi su micro-aree che mettono in relazione lesposizione ai campi elettromagnetici e linsorgere di possibili neoplasie. Per una trattazione approfondita sullargomento si rimanda al capitolo Agenti Fisici - Radiazioni. Inoltre, vi sono fattori, quali i cambiamenti climatici e le radiazioni UVA che provocano impatti sulla salute della popolazione. In particolare, il sole rappresenta certamente la fonte naturale pi significativa di esposizione alle UVA. Gli effetti dannosi dipendono dalla dose accumulata dallindividuo nel corso della sua vita e assumono maggiore rilevanza quanto pi elevata let media della popolazione. Inoltre, lesposizione eccessiva alle UVA in grado di accelerare molti processi degenerativi sia a carico della cute (melanomi, carcinomi spinocellulari e basaliomi, nonch invecchiamento precoce del tessuto cutaneo) sia nei confronti delle strutture dellocchio, anche con manifestazioni patologiche precoci.
14.2.4 Inquinamento della catena alimentare - Sostanze chimiche

Linquinamento alimentare strettamente legato allimpiego in agricoltura sia di concimi chimici che di prodotti fitosanitari, e pi in particolare ai rilievi di residui su frutta e verdura. da rimarcare che il superamento di una soglia tossicologicamente accettabile e non il superamento occasionale di un limite legale a comportare un pericolo per la salute. Secondo studi recenti del Ministero della Salute, 17 la tendenza alle irregolarit decrescente e la situazione della sicurezza dei prodotti alimentari in miglioramento. Gli studi indicano che i residui dei singoli pesticidi ingeriti ogni giorno dal consumatore rappresentano una percentuale molto modesta dei valori delle dosi giornaliere accettabili delle singole sostanze attive e molto al di sotto del livello di guardia. Il numero dei controlli dei prodotti fitosanitari garantito dai laboratori pubblici e da laboratori di riferimento regionale attrezzati per la ricerca dei residui di antiparassitari. Ci serve a valutare lesposizione del consumatore agli effetti cronici ed acuti degli antiparassitari, ed in particolare a studiare i possibili sinergismi di azione di pi sostanze attive negli alimenti. Come riportato nel rapporto ISTISAN 06/19, linquinamento della catena alimentare comprende anche prodotti ittici che fungono da bioaccumulatori di metalli pesanti come ad esempio il mercurio, la cui esposizione prolungata stata associata ad interessamento

16

Le metodologie per la costruzione dellindicatore, non essendo ancora completamente standardizzate, non consentono la perfetta comparabilit dei dati che, pertanto, hanno un carattere indicativo (APAT 2004). 17 Ministero della Salute Direzione Generale della Sanit Veterinaria e degli Alimenti. Rapporto Controllo ufficiale sui residui di prodotti fitosanitari negli alimenti di origine vegetale Risultati in Italia per lanno 2003. Luglio 2004.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P z o Po op po ol la a zi i on ne e, ,a am mb bi ie en nt te ee es sa al lu ut te e

multisistemico (polmonare, renale, intestinale, encefalico). opportuno quindi realizzare campagne di monitoraggio del contenuto di metalli pesanti in campioni ittici pescati nelle acque prospicienti le aree ad elevato rischio di crisi ambientale come larea di Gela e Augusta. La valutazione della concentrazione di attivit di radionuclidi in matrici alimentari permette di verificare il livello della eventuale contaminazione che, dallambiente, pu venire trasferita alle matrici alimentari o a seguito di accumulo dei radionuclidi naturali o a seguito di diffusione dei radionuclidi di origine artificiale trasferiti allambiente in conseguenza di eventi accidentali non controllati. Lattivit di monitoraggio dellARPA ha dato un quadro abbastanza rassicurante per quanto riguarda la presenza dei radionuclidi (in particolare il 137Cs) negli alimenti. Fenomeni dinquinamento del suolo hanno anche origini naturali. La zona etnea infatti risulta ricca di SO2 e H2S, sostanze per cui ipotizzato un ruolo carcinogenetico. I soggetti residenti nel comprensorio (Catania, Bronte, Troina) presentano concentrazioni urinarie di tiocianati pari a circa il doppio rispetto a quelle riscontrate nei residenti di altre aree della Sicilia. 18
14.2.5 Rifiuti

205 Cap. 14

I rifiuti sono miscele complesse di composti chimici, agenti fisici e biologici; la loro tossicit potenziale pu variare nel tempo ed in funzione delle procedure di trattamento/smaltimento. Per questi motivi le operazioni di valutazione degli effetti biologici correlati alla qualit e allintensit dellesposizione dipendono anche dalle modalit di gestione dei rifiuti (discariche, incenerimento, compostaggio, acque reflue, ecc.). Si possono prevedere differenti vie di esposizione (inalazione, ingestione attraverso il cibo o lacqua potabile, contatto cutaneo), le quali possono modificare le caratteristiche tossicologiche di un dato xenobiotico19. Inoltre gli effetti immediati che preoccupano la popolazione, soprattutto se residente nelle vicinanze di impianti di smaltimento, sono dei disturbi, quali maleodore e rumore. Limpatto sulla salute dovr quindi includere elementi quali disagio psicologico, sociale ed estetico oltre a quelli biologici. In Sicilia unindagine specifica (mortalit 1995-2000 e ricoveri ospedalieri 2001-2003) ha stimato eccessi di mortalit e di morbosit per cause tumorali, quali quelle al polmone, colon-retto e pleura e per malattie cardiovascolari e respiratorie nelle aree di Augusta-Priolo, Biancavilla, Gela e Milazzo (per una popolazione residente complessiva al 2001 di 234.714 abitanti20).
14.2.6 Risorse Idriche

Oltre a quanto specificatamente indicato nel capitolo 17 Acque interne (pag. 258), esiste anche un inquinamento intrinseco delle falde acquifere da vanadio, che nella zona dellEtna comporta un elevato rischio di esposizione per oltre 650.000 abitanti, i quali ricevono acqua con concentrazioni di vanadio superiori (140 mcg/L) rispetto a quelle consentite (50 mcg/L). Il Vanadio nella classificazione IARC considerato Grado 2B, cio possibile carcinogeno per luomo, in quanto aumenta lattivit del recettore per i fattori di crescita.

18

Delange F., Vigneri R., Trimarchi F., Filleti S., Pezzino V., Squatrito S. Etiological factors of endemic goiter in North-Eastern Sicily. J Endocrinol Invest 2: 137, 1978. 19 Si intende per xenobiotico, una sostanza non presente naturalmente in un determinato ambiente ed estranea alle normali funzioni metaboliche degli organismi. 20 Fabrizio Bianchi, Annibale Biggeri, Ennio Cadum, Pietro Comba, Francesco Forastiere, Marco Martuzzi, Benedetto Terracini Epidemiologia ambientale e aree inquinate in Italia. - Epidemiologia & Prevenzione. Anno 30 (3). Maggiogiugno 2006.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

14.3 Tendenze
206

14.3.1
Cap. 14 Cap. 14

Popolazione

Negli anni la Sicilia si caratterizzata per lurbanizzazione nei dintorni delle vie di comunicazione. Lungo le strade nazionali ed attorno alle stazioni ferroviarie sono nate frazioni che oggi superano per numerosit della popolazione i centri originari. Un allarme in tale senso stato lanciato dallUfficio Speciale della Montagna che ha stilato e pubblicato la Lista rossa dei comuni montani a rischio scomparsa e spopolamento . Secondo questo studio, i comuni a maggiore rischio sono quelli con una popolazione fino a 3.000 abitanti, che hanno perso negli ultimi 35 anni circa la met della loro popolazione. Quelli con una riduzione maggiore del 35% sono: Fondachelli Fantina (ME), San Marco D Alunzio (ME), Casalvecchio Siculo (ME), Raccuja (ME), Ucria (ME), Novara di Sicilia (ME), Roccella Valdemone (ME), Mongiuffi Melia (ME), Malvagna (ME), San Salvatore di Fitalia (ME), Resuttano (CL), Bompietro (PA), Tripi (ME), Montalbano Elicona (ME), Cesar (ME), Floresta (ME), Gratteri (PA), San Mauro Castelverde (PA), Sclafani Bagni (PA), Isnello (PA), Limina (ME), Motta Camastra (ME), Basic (ME), Alimena (PA). Tra i comuni con popolazione che va tra i 3.000 e i 5.000 abitanti, hanno perso una quota di popolazione superiore al 30% i comuni di Castiglione di Sicilia (CT), Polizzi Generosa (PA), San Fratello (ME). Sono comunque molti i casi di piccole frazioni che sono gi interamente abbandonate e diventate memorie ruderali di precedenti micro comunit fragili, abbandonate a s stesse proprio dai comuni di appartenenza.21 In unanalisi per classi di et, se i paesi rurali e montani distanti dai centri urbani sono caratterizzati dalla popolazione pi anziana, sembrano essere le periferie dei centri vicini alle aree metropolitane ad avere la popolazione pi giovane. Il fenomeno di crescita delle periferie noto come sub-urbanizzazione e indica la tendenza della popolazione ad una localizzazione fuori dai centri metropolitani a favore dei comuni della cintura, secondo raggi sempre pi ampi e direttrici preferenziali variabili in relazione ai diversi contesti geografici e ai diversi gradi e tipologie di gravitazione (servizi amministrativi, sanit, tempo libero, eventi, ecc.). Il tessuto urbano, quindi, assume caratteri riconducibili al modello della citt diffusa, caratterizzata da un elevato consumo di suolo (per la prevalenza di modelli residenziali a bassa densit), da elevati costi di gestione e da consistenti flussi di pendolarismo. Una spiegazione plausibile potrebbe essere che landamento del mercato immobiliare stia obbligando i giovani ad abitare le periferie dei grandi centri, anche per garantirsi una certa vicinanza ai luoghi di lavoro. Questo spinge le residenze verso luoghi in cui la combinazione costo-qualit del vivere appare pi conveniente, specie se il sistema dei collegamenti asseconda queste esigenze.
14.3.2 Salute

Linnalzamento della speranza di vita alla nascita, certamente una indicazione del miglioramento generale della qualit della vita della popolazione.

21

Dott. Domenico Cavarretta, direttore dell Ufficio speciale per la montagna, nota di tramissione prot. N 259 del 12 aprile 2007, avente oggetto allarme montagna pubblicata la 1 lista rossa dei comuni a rischio estinzione e spop olamento.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P z o Po op po ol la a zi i on ne e, ,a am mb bi ie en nt te ee es sa al lu ut te e

Mentre, da un punto di vista pi strettamente ambientale lintroduzione di concetti come il principio di precauzione (limitazione di rischi ipotetici o basati su indizi) 22 in sostituzione del principio di prevenzione (limitazione di rischi oggettivi e provati) hanno modificato le modalit di scelta delle politiche pianificatorie che devono necessariamente prestare maggiore attenzione agli aspetti relativi alle correlazioni ambiente-salute. Per altri versi, in generale, il miglioramento tecnologico a parit di condizioni e di utilizzo di risorse riduce lemissione di alcuni inquinanti (in particolare di quelli ritenuti maggiormente impattanti) o consente risparmi in termini di risorse o di scarti. La comunicazione e linformazione mantengono alto il livello di attenzione della popolazione sui rischi ambientali, lintroduzione di norme restrittive e di controllo sugli effetti ambientali indicano la possibilit di tendenze positive in merito alla riduzione di effetti ambientali sulla salute della popolazione.

207 Cap. 14

14.4 Proposte e politiche di mitigazione


Oggi ormai consolidato il concetto della necessit della prevenzione primaria in campo ambientale che, nel corso degli ultimi anni, ha prodotto numerosi risultati positivi, sia nel campo ambientale propriamente detto, sia nel campo della salute umana. Gli interventi preventivi possono essere diretti verso lesposizione (ossia verso la collettivit), riducendo o eliminando gli inquinanti interessati, oppure verso gli effetti sulla salute con la prevenzione o lindividuazione tempestiva degli effetti patologici. Gli interventi, infine, possono essere rivolti ai singoli individui, aumentando la consapevolezza del rischio e incoraggiando comportamenti e stili di vita che contribuiscono a diminuire il livello di esposizione. Tra le proposte di mitigazione indicate dal Piano Sanitario Nazionale 2006-2008, sono considerati come obiettivi da raggiungere: garantire il miglioramento della qualit dellaria nei centri urbani, come fattore determinante per la prevenzione attiva di patologie cardio-respiratorie, allergie, asma, tumori, mettendo in atto tutte le misure disponibili nel settore dei trasporti, dellindustria e dellenergia, per far rispettare gli obiettivi di qualit fissati nelle direttive comunitarie recepite dalle norme nazionali vigenti; le misure devono riguardare, tra le altre cose, i trasporti sostenibili; garantire il miglioramento della qualit dellaria in prossimit di scuole e di luoghi pubblici frequentati da bambini, limitando la circolazione di mezzi pesanti e alimentati a diesel, la realizzazione di distributori di carburanti, grandi garage e altre fonti di inquinamento ambientali; garantire la riduzione dei costi sociosanitari ed economici legati allinquinamento dellaria; garantire per tutti i cittadini un facile accesso a informazioni chiare e comprensibili riguardo limpatto dellinquinamento atmosferico sulla salute, per poter fare delle scelte sui propri comportamenti;

22

A seguito della Conferenza sull'Ambiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite (Earth Summit) di Rio de Janeiro del 1992 che recita: al fine di proteggere l'ambiente, un approccio cautelativo dovrebbe essere ampiamente utilizzato dagli Stati in funzione delle proprie capacit. In caso di rischio di danno grave o irreversibile, l assenza di una piena certezza scientifica non deve costi tuire un motivo per differire ladozione di misure adeguate ed effettive, anche in rapporto ai costi, dirette a prevenire il degrado ambientale.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

208 Cap. 14 Cap. 14

promuovere un coordinamento adeguato tra i gestori delle informazioni sulle concentrazioni degli inquinanti ambientali, ossia chi si occupa di salute pubblica, chi si occupa di ricerca epidemiologica e tossicologica, chi deve prendere decisioni a livello nazionale e locale. Sulla base dellutilizzo di indicatori di salute ricavati dal Sistema Informativo Sanitario Regionale, gli obiettivi di miglioramento continuo di sorveglianza e prevenzione degli impatti ambientali sulla salute sono: laggiornamento dellanalisi dei dati correnti di mortalit e di morbosit nella popolazione residente; il consolidamento di strumenti di monitoraggio per la valutazione sistematica degli effetti sanitari delle esposizioni ambientali, dellimpatto sulla salute delle misure di protezione ambientale e dellefficacia degli interventi di sanit pubblica e di bonifica adottati.

Bibliografia essenziale di riferimento


Aci, Osservatorio mobilit, www.Aci.it. APAT. Qualit dellambiente urbano - II Rapporto APAT- Edizione 2005. Bianchi F., Biggeri A.,et al. Epidemiologia ambientale e aree inquinate in Italia. Epidemiologia & Prevenzione. Anno 30 (3). Maggio-giugno 2006. Biggeri A. et al. (2002). Stima degli effetti a breve termine degli inquinanti atmosferici in Italia . Epidem Prev 26 (4): 202205. Biggeri A. e Baccini M. (2003). Health Impact Assessment and Decision Making. Dipartimento di Statistica G. Parenti, Universit di Firenze. Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio (2004). Programma nazionale per la progressiva riduzione delle emissioni nazionali annue di biossido di zolfo, ossidi di azoto, composti organici volatili ed ammoniaca, comunicato dal MA alla Commissione Europea con nota prot. n. UL/7071, del 22 settembre 2003 e successivamente integrato con decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 171. Ministero della salute. Piano sanitario nazionale 2006-2008. Ministero della Salute (2003). Piano Sanitario Nazionale 2003-2005, (Gazzetta Ufficiale n. 139 del 18 giugno 2003, Decreto del 23 maggio 2003). OECD. Health at a glance: OECD Indicators - OECD 2005. UNECE (2002a). WHO Regional Office for Europe, Transport, Health and Environment Paneuropean Programme (THE PEP). Adopted by the High-level Meeting, Geneva, 5 July 2002. UNECE (2002b). WHO Regional Office for Europe, Declaration adopted by the second high-level meeting on transport, environment and health, Geneva, 5 July 2002. WHO (1997). WHO Regional Office for Europe, Twenty step for developing a Healty Cities project, 3rd edition, 1997: http://www.who.dk/eprise/main/WHO/Progs/HCP/Home. WHO (1999a). WHO Regional Office for Europe, European Centre for Environment and Health - Il Centro europeo ambiente e salute dellOrganizzazione Mondiale della Sanit sostiene la promozione del trasporto pubblico come una importante misura per un trasporto pi salubre e sostenibile, 1 dicembre 1999. WHO (1999b). WHO Regional Office for Europe, Charter on Transport, Environment and Health. Copenhagen, 1999 (Document EUR/ICP/EHCO 02 02 05/9 Rev.4). WHO (2000). World Health Organization, Regional Office for Europe, Transport, Environment and Health- WHO Regional Publications, European series, n. 89, 2000.

Glossario
Activities of daily living (Adl): lista di 17 quesiti (stabiliti dallOrganizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico - Ocse) rivolti ad accertare il grado di autonomia individuale. Essi misurano le capacit di eseguire alcune attivit e funzioni ritenute essenziali nella vita quotidiana e sono utilizzati per lo studio delle disabilit. Tali quesiti consentono di ricostruire tre dimensioni cruciali della disabilit: la dimensione delle funzioni della vita quotidiana, che comprende le attivit di cura della persona (lavarsi, vestirsi, fare il bagno o la doccia, mangiare); la dimensione fisica, sostanzialmente relativa alle funzioni della mobilit e della locomozione (camminare, salire e scendere le scale, raccogliere oggetti da terra) che, nelle situazioni limite, si configura come confinamento, cio costrizione permanente dellindividuo in un letto, in una sedia o in una abitazione; l a dimensione della comunicazione, che comprende le

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P z o Po op po ol la a zi i on ne e, ,a am mb bi ie en nt te ee es sa al lu ut te e
funzioni della parola, della vista e delludito. LIstat definisce disabile la persona che ha segnalato una difficolt grave in almeno una delle tre dimensioni considerate. Anagrafe della popolazione: il sistema continuo di registrazione della popolazione residente che viene aggiornata tramite iscrizioni per nascita da genitori residenti nel Comune, cancellazioni per morte di residenti e iscrizioni/cancellazioni per trasferimento di residenza da/per altro Comune o da/per l'Estero. Classificazione internazionale delle malattie (Cim): rappresenta l'edizione italiana della International classification of diseases, basata sulle raccomandazioni dellOrganizzazione mondiale della sanit formulate in occasione dell a IX Conferenza di revisione tenutasi a Ginevra nel 1975. Costituisce lo strumento fondamentale per la codifica degli eventi morbosi. Speranza di vita alla nascita: vedi Vita media. Speranza di vita allet x: il numero medio di anni che restano da vivere ai sopravviventi allet x. Speranza di vita in buona salute allet x: il numero medio di anni che restano da vivere ai sopravviventi allet x in co ndizioni di buona salute. Si considerano in buona salute le persone che in occasione dellindagine sulle Condizioni di salute della popolazione e ricorso ai servizi sanitari hanno dichiarato di sentirsi bene o molto bene. Speranza di vita libera da disabilit allet x: il numero medio di anni che restano da vivere ai sopravviventi allet x in assenza di disabilit. Vita media: il numero medio di anni che sono da vivere per un neonato.

209 Cap. 14

Sezione III - Matrici ambientali

2 7 20 00 0 7

Natura e diversit ambientale

Guglielmo Loria, ARTA Sicilia Giuseppe Messana, TFA MATTM Danilo Colomela, TF Rete ecologica, referente regionale CIRF1

Ringraziamenti: Prof. Bruno Massa Universit degli studi di Palermo Dipartimento SE.N. FI. MI. ZO Dott.ssa Stefania Dangelo Direttore RNO Lago Preola Gorghi tondi Mazara del Vallo (TP) Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste Dipartimento Foreste - Servizi Tecnici U.O.B. 2 Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia - Palermo

Natura e diversit ambientale

Ling. Colomela ha contribuito per la parte riguardante le condizioni degli ecosistemi fluviali.

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

212 Cap. 15 Cap. 15

15. N Na at tu ur ra ae ed di iv ve er rs si it t a am mb bi ie en nt ta al le e

Lo sconcertante caso della possibile avvenuta estinzione del delfino bianco baiji (Lipotes vexillifer), la dea dello Yang-tze del folklore popolare, endemico del fiume Yang-tze-kiang in Cina, a causa dello sfruttamento eccessivo del grande corso dacqua, dovuto alla pesca ed allinquinamento, ha riportato improvvisamente alla ribalta quest anno (2007) la tragedia della perdita irrimediabile di una specie animale emblematica e di notevoli dimensioni, che non si trova in nessun altra parte del nostro pianeta. Il fatto che si tratta di un delfino dacqua dolce, ossia di una creatura assai evoluta e dotata di considerevole intelligenza e la circostanza che lavvenimento interessa la Repubblica Popolare Cinese, il gigantesco paese asiatico in tumultuoso sviluppo e rapida modernizzazione (spesso a discapito dellambiente naturale e al di fuori dei controlli della Comunit Internazionale), conferiscono particolare drammaticit e significato allaccaduto. Se la notizia sar definitivamente confermata, a dispetto di tutti i trattati e di tutte le convenzioni internazionali ratificate, luomo, per la prima volta nella sua storia, avr provocato direttamente la scomparsa di una specie di cetaceo, evento di una gravit estrema e mai verificatosi finora, neanche ai tempi del capitano Achab e di Moby Dick evocati nel celebre romanzo di Herman Melville. Nella speranza (purtroppo assai fievole) che ci non si avveri, limpegno per la conservazione della natura e della biodiversit dovr essere rafforzato giorno per giorno in ogni nazione del mondo, onde evitare che simili assurdit non possano pi ripetersi. In questa direzione sicuramente non poco stato messo in atto nellultimo periodo in Sicilia, soprattutto a seguito delle direttive comunitarie e nazionali, ma anche, in certa parte, per laumentata sensibilit dellopinione pubblica e delle Istituzioni dellIsola verso le tematiche dellecologia e dellambiente. Certo, la situazione non appare ancora rassicurante, specialmente per il divario ancora rilevante esistente, da un lato, tra gli obblighi introdotti ed i provvedimenti adottati in virt della normativa di settore e, dallaltro, le condizioni reali degli ecosistemi e del territorio. Non sempre poi, perfino le azioni intraprese in passato con fini almeno in parte meritori, come ad esempio la reintroduzione, a partire dal diciannovesimo secolo, di mammiferi di grandi dimensioni estinti, quali il daino ed il cinghiale, ha sortito sovente gli effetti desiderati, in assenza di una corretta programmazione, causando talvolta una serie di problemi agli ambienti naturali ed allagricoltura. Il sensibile incremento nel numero e nellestensione delle aree protette e vincolate a partire dal 1981, anno di emanazione della legge regionale n. 98 di istituzione dei parchi e delle riserve naturali, ad oggi, rappresenta pertanto, probabilmente, il maggiore successo conseguito nella tutela dellambiente in Sicilia. Il patrimonio naturalistico dellIsola costituisce, sia per lItalia che per il continente europeo stesso, davvero un unicum in ordine ad endemismi, specie di interesse comunitario ed associazioni di taxa di differente origine. A tale proposito, lapplicazione dei metodi dellanalisi genetica del DNA principale e mitocondriale negli studi delle popolazioni (contributi essenziali sono stati di recente forniti da queste tecniche nella classificazione dellerpetofauna e nella distinzione ed identificazione delle specie criptiche), ha dischiuso ultimamente orizzonti inaspettati in relazione allindividuazione di nuove entit sistematiche, lasciando intravedere per la nostra regione una ricchezza biologica ancora superiore a quella che si desume dalle attuali conoscenze scientifiche.

N i Na at tu ur ra ae ed di iv ve er rs si it t a am mb b ie en nt ta al le e

15.1 Caratteristiche strutturali


Nel presente paragrafo saranno illustrate le variazioni riscontrate nella consistenza del patrimonio naturalistico siciliano rispetto alla situazione constatata nella R.S.A. del 2005, tralasciando la descrizione dettagliata delle sue componenti, per la quale si rimanda alle versioni precedenti della relazione medesima.
15.1.1 Fauna

213 Cap. 15

In merito agli aspetti zoologici, da evidenziare in primo luogo la presenza di tre nuove specie di uccelli nidificanti nel territorio regionale, ossia l Airone guardabuoi, la Cinciarella algerina ed il Grifone (ARPA 2006). Tra questi, il grande rapace, a seguito del progetto realizzato, di concerto con la L.I.P.U., dallEnte Parco dei Nebrodi, stato reintrodotto con esito favorevole nel Parco omonimo ed attualmente annovera almeno sei coppie di individui in fase di riproduzione. La nostra erpetofauna si arricchita di una nuova forma, il rospo smeraldino africano, probabilmente di assai recente introduzione, mentre non sono pi avvenuti avvistamenti di esemplari di Agama comune (Agama agama), anchessa presumibilmente introdotta in passato; tuttavia non sussistono conferme effettive circa leventuale estinzione della piccola popolazione insediata. Inoltre, a seguito di analisi del DNA mitocondriale, stata identificata in Sicilia nel 2005 una nuova specie di testuggine palustre: la Emys trinacris, le cui popolazioni erano state in un primo tempo riferite alla specie Emys orbicularis, abbastanza diffusa in Italia. Tale attribuzione, ancorch ufficiale, per ancora oggetto di discussione, poich questo taxon viene tuttora stimato da alcuni studiosi soltanto come una sottospecie della specie principale.
fig. 15.1 Testuggine palustre siciliana (Emys trinacris)

Fonte: www.naturasicilia.org

Non si segnalano cambiamenti invece in ordine al numero di specie di mammiferi selvatici esistenti nellIsola. Ricapitolando, il numero totale di vertebrati (esclusi i pesci) dellIsola ammonta a 233 specie, cos suddivise: 47 mammiferi, 147 uccelli, 31 rettili ed 8 anfibi (ARPA 2006). Includendo con buona probabilit la testuggine Emys trinacris, la nostra regione vanta inoltre ben 21 specie endemiche soltanto di vertebrati, tra i quali i Rettili con 15 specie raggiungono il tasso di endemismo pi elevato, vicino al 50%; riguardo alle altre classi, i mammiferi presentano 3 specie endemiche, gli uccelli 3, gli anfibi nessuna. Tra le scoperte di taxa sconosciuti di invertebrati terrestri effettuate ultimamente, si verificato un singolare ritrovamento allinterno della riserva naturale delle Saline di Trapani, dove, in unarea molto ristretta di poche centinaia di metri quadrati, il Prof. Bruno Massa dell Universit degli Studi di Palermo ha rinvenuto alcune grosse locuste mai osservate in precedenza e non ascrivibili a nessuna forma gi classificata, che sono state attribuite alla nuova specie Platycleis (Decorana) drepanensis. In relazione alle categorie di minaccia IUCN, per i vertebrati terrestri emergono i seguenti dati (ARPA 2006): i rettili costituiscono la classe con il maggior numero di categorie tassonomiche minacciate, corrispondente approssimativamente al 71% del totale, seguono gli uccelli con circa il
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

214 Cap. 15 Cap. 15

56,20 %, quindi gli anfibi con il 50% (4 specie su 8 registrate) ed infine i mammiferi con circa il 44,7%. In base allultimo aggiornamento disponibile, effettuato dallUniversit degli Studi di Palermo (Lo Valvo, 2005), non emergono variazioni nel numero complessivo di forme soggette a minaccia sia per i mammiferi che per gli anfibi in Sicilia. In generale, lo stato di rischio per la fauna siciliana appare oltremodo grave ed occorrono provvedimenti urgenti per una sua pi efficace tutela.
15.1.2 Flora

Nellarco temporale compreso tra il 2002 ed il 2007, sono state individuati nellIsola 12 nuovi taxa di piante, la maggior parte dei quali endemici, compresi nel successivo elenco, che include qualche informazione sintetica relativa: Allium agrigentinum Brullo et Pavone (2002): aglio endemico delle praterie xeriche dei terreni argillosi e marnoso-argillosi della serie gessoso-solfifera (Ag, Cl, En); Ophrys gackiae P. Delforge (2004): orchidea del gruppo di Ophrys fusca, probabilmente endemica dei massicci calcarei della Sicilia meridionale; Ophrys sabulosa P. Delforge (2004): orchidea del gruppo di Ophrys fusca, probabilmente endemica dei massicci calcarei della Sicilia; Pyrus vallis-demonis Raimondo et Schicchi (2004): pero endemico dei Nebrodi; Hieracium pignattianum Raimondo et Di Grist. (2004): microspecie del ciclo di Hieracium racemosum Willd., localizzato nei valloni freschi delle alte Madonie; Ptilostemon greuteri Raimondo et Domina (2006): macroendemita localizzato sulle rupi ombrose di M. Inici (TP); Pyrus sicanorum Raimondo et Schicchi (2006): pero endemico dei Monti Sicani; Centaurea giardinae Raimondo et Spadaro (2006): microspecie del ciclo di Centaurea parlatoris Heldr., endemica dellEtna; Pyrus castribonensis Raimondo, Mazzola et Schicchi (2007): pero endemico delle Madonie; (Pollina, Castelbuono, Isnello, Collesano, Geraci Siculo e Gangi) e dei Nebrodi (Caronia); Hieracium madoniense Raimondo et Di Grist. (2007): microspecie del ciclo di Hieracium schmidtii Tausch.; Centaurea sicana Raimondo et Spadaro (2007): microspecie del ciclo di Centaurea parlatoris Heldr., endemica di M. Cammarata; Helianthemum sicanorum Brullo, Giusso Del Galdo et Sciandrello (2007): microendemita ad affinit nordafricana. Ci considerato, la flora siciliana comprende oltre 3.250 piante vascolari, per la maggioranza angiosperme e circa 600 briofite (considerando specie e sottospecie ed includendo le forme esotiche naturalizzate, in conformit alla metodologia differente impiegata nellAnnuario ARPA 2006 rispetto alla precedente edizione), possedendo quindi una biodiversit fra le pi alte di tutte le regioni dItalia. In un simile contesto il tasso di endemismo raggiunge il 13% della somma complessiva delle entit botaniche sopra riportata ed pari al 41,50 % del totale degli endemismi presenti in territorio italiano. Per quanto riguarda lanalisi dello stato di rischio, dalle informazioni aggiornate al 2006, includendo le nuove specie individuate sino a tale anno, risulta che il 27% dellintera flora dellIsola (eccetto le Alghe ed i Licheni) in qualche modo minacciato. Alcuni gruppi tassonomici, come muschi, epatiche e gimnosperme, oltretutto, mostrano una percentuale di taxa soggetti a minaccia superiore al 50% del totale relativo. Anche la situazione del patrimonio vegetale in Sicilia quindi veramente preoccupante, tenuto conto altres che 31 angiosperme e 4 pteridofite sono da ritenersi ormai estinte.
15.1.3 Patrimonio Forestale

Passando al settore forestale, lanalisi della situazione attuale fa riferimento allInventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio (INFC 2005); si tiene conto cos della

N i Na at tu ur ra ae ed di iv ve er rs si it t a am mb b ie en nt ta al le e

multifunzionalit del bosco, nonch della protezione e salvaguardia delle risorse forestali, legate alla loro gestione e valorizzazione in chiave sostenibile, riconoscendo, tra le nuove funzioni attribuite alle foreste, quella strategica del contenimento dei gas ad effetto serra. La definizione di bosco adottata nellINFC 2005 quella della FAO per il Forest Resources Assessment (FRA 2000). Linventario ha previsto una prima fase di fotointerpretazione, condotta in ambiente GIS mediante il Sistema Informativo per la Montagna (SIM) del Corpo Forestale dello Stato, eseguendo la verifica del rispetto delle soglie minime dimensionali del punto inventariale per l attribuzione delluso: estensione > 5.000 m2 e larghezza > 20 m. Per alcuni usi stata verificata anche la soglia di copertura arborea, arbustiva o erbacea: per le formazioni forestali una copertura arboreo-arbustiva > 10%; per le formazioni forestali rade una copertura arboreo-arbustiva compresa tra 5% e 10%; per le praterie, i pascoli e gli incolti una copertura erbacea > 40%. La superficie forestale nazionale totale stata stimata in 10.467.533 ha, ripartita in bosco e altre terre boscate secondo un rapporto percentuale rispettivamente dell 83,7% e del 16,3%. La percentuale di bosco rispetto alla superficie forestale totale inferiore nelle regioni meridionali (Puglia, Basilicata, Calabria) e nelle isole (Sicilia e Sardegna), dove le altre terre boscate, ed in particolare gli arbusteti, rappresentano una parte consistente della superficie forestale. Il coefficiente di boscosit, calcolato con riferimento alla superficie forestale totale, pari al 34,7 % a livello nazionale. Secondo la definizione FRA 2000, la superficie del bosco in Sicilia pari ad ettari 256.303, con le altre terre boscate che occupano una superficie pari ad ettari 81.868; la superficie forestale totale pari ad ettari 338.171, su una superficie territoriale complessiva pari ad ettari 2.570.282. Le regioni meno ricche di boschi risultano essere la Puglia (7,5%) e la Sicilia (10,0%). La superficie del bosco in Sicilia si compone di boschi alti per una superficie di 253.708 ettari, impianti di arboricoltura da legno per una superficie pari ad ettari 1.137 ed aree temporaneamente prive di soprassuolo per una superficie pari ad ettari 1.459.
tab. 15.1: Estensione delle categorie forestali dei boschi alti in Sicilia
Categorie forestali Boschi alti di faggio Boschi alti di rovere, roverella e farnia 62.016 24,44% Boschi alti di cerro Boschi alti di castagno Boschi alti di carpino nero e orniello 2.884 1,14% Boschi alti igrofili Boschi alti di altre caducifoglie 15.509 6,11%

215 Cap. 15

Superficie (ha) Rappresentativit Categorie forestali

15.162 5,98%

24.227 9,55%

9.476 3,74%

6.444 2,54%

Boschi alti di leccio

Boschi alti di sughera

Boschi alti Altri boschi di latifoglie sempreverdi

Boschi alti - Pinete di pino nero, laricio e loricato 7.170 2,83%

Boschi alti Pinete di pini mediterranei

Superficie 18.195 (ha) Rappresen7,17% tativit Fonte: INFC 2005

15.541 6,13%

29.849 11,77%

41.168 16,23%

Boschi alti - Altri boschi di conifere pure o miste 6.065 2,39%

Totale

253.706 100,00%

Le categorie forestali maggiormente rappresentate nel patrimonio forestale siciliano consistono nei boschi alti di rovere, roverella e farnia, oltre che nelle pinete di pini mediterranei. La superficie delle altre terre boscate in Sicilia, pari ad ettari 81.868, si compone di boschi bassi per una superficie di 11.751 ettari, boschi radi per una superficie pari ad ettari 7.988, bosca-

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

216 Cap. 15 Cap. 15

glie per una superficie di 3.412 ettari, arbusteti per una superficie pari ad ettari 51.307 ed aree boscate inaccessibili o non classificate per una superficie pari ad ettari 7.411. Riguardo la ripartizione del bosco in Sicilia, calcolata per grado di mescolanza del soprassuolo, il bosco puro di conifere ricopre una superficie pari a 40.757 ha (15,90 % dell intera superficie boscata), mentre il bosco puro di latifoglie occupa una superficie di ha 172.424 (67,27 %). Il bosco misto di conifere e latifoglie ricopre una superficie pari a 22.711 ha (8,86%), mentre 20.411 ettari (7,96 %) la superficie non classificata per il grado di mescolanza. Complessivamente il 49,58 % della superficie forestale boscata risulta di propriet privata, il 50,27 % di propriet pubblica, mentre quasi lo 0,15 % della superficie non stata classificata per tale carattere. Per le altre terre boscate la percentuale di boschi privati sale al 69,26%, mentre il 21,68 % di propriet pubblica. La superficie boscata siciliana in cui presente unappropriata pianificazione risulta essere pari all89,73% del totale (2.299,82 ettari), mentre quella in cui assente pari al 10,12% (259,43 ettari). La superficie non classificata per tale informazione risulta pari allo 0,15% (7,79 ettari). Se si considera la macrocategoria altre terre boscate, tale aliquota arriva al 70,31 %, mentre le aree con assenza di pianificazione risultano pari a 16.898 ettari, che rappresentano il 20,64 % della categoria. Si osserva che la superficie di altre terre boscate non classificata per lo stato della pianificazione forestale corrisponde a 7.411 ettari, pari ad oltre il 9%. Per ci che concerne i vincoli e le aree protette ricadenti sul soprassuolo forestale, il vincolo idrogeologico interessa gran parte della superficie forestale totale della Sicilia (l89,38 %), riguardo la macrocategoria del bosco, esso presente su una superficie pari a 229.087 ettari, mentre per le altre terre boscate interessa il 67,07 % (per una superficie pari a 54.906 ettari). La presenza di vincolo naturalistico sulle superfici boscate ricadenti in aree naturali protette, oppure in aree sottoposte a tutela per accordi o iniziative internazionali (aree Ramsar, siti NATURA 2000), riguarda il 54,48 % della superficie forestale regionale, pari a 144.759 ha, e il 45,10 % della macrocategoria altre terre boscate, corrispondente a 36.924 ha. LINFC 2005 indica inoltre la disponibilit al prelievo legnoso delle aree forestali, intendendo per disponibile al prelievo una superficie forestale non soggetta a limitazioni significative delle attivit selvicolturali dovute a norme o vincoli (es. riserve integrali) o a cause di tipo fisico (aree inaccessibili). A livello nazionale l81,3 % della superficie forestale totale risulta disponibile al prelievo legnoso. Per lambito territoriale siciliano laliquota di superficie boscata potenzialmente utilizzabile per la produzione di legname pari a 234.318 ettari, corrispondente al 91,42 % dell intera superficie boscata regionale. Relativamente alle altre terre boscate, la superficie interessata dalla disponibilit al prelievo risulta pari a 50.230 ha, corrispondenti al 61,35 % della categoria inventariata. Siffatti valori appaiono senzaltro eccessivi, considerato che buona parte delle aree forestali rivestono un elevato interesse naturalistico e conservazionistico. In merito allo stato di salute dei soprassuoli forestali, i risultati riguardanti la seconda fase dellINFC 2005 si riferiscono esclusivamente ad una prima stima quantitativa delle superfici interessate da danni evidenti e non forniscono indicazioni sullintensit del danno e sulle eventuali conseguenze in termini di vitalit degli ecosistemi forestali. Lo schema di classificazione adottato coerente con quello utilizzato dalla FAO per il Forest Resources Assessment (UN-ECE/FAO, 1997) e si riferisce alla causa del danno. Sono state distinte le seguenti tipologie di danni o patologie evidenti, sotto elencate per la macrocategoria inventariale Bosco:

N i Na at tu ur ra ae ed di iv ve er rs si it t a am mb b ie en nt ta al le e tab. 15.2: Danni alla macrocategoria inventariale: Bosco


Descrizione danni da selvaggina o pascolo danni da parassiti danni da eventi meteorici o climatici intensi danni da incendio del soprassuolo danni da incendio del sottobosco danni da intervento selvicolturale danni da inquinamento danni da cause complesse o ignote superficie non classificata assenza di danni o patologie evidenti Fonte: INFC 2005 u.m ha ha ha ha ha ha ha ha ha ha superficie 22.332 12.130 16.678 23.173 3.791 1.137 379 5.686 20.790 150.208 Quota % 8,71% 4,73% 6,51% 9,04% 1,48% 0,44% 0,15% 2,22% 8,11% 58,61%

217 Cap. 15

La maggior parte dei boschi siciliani (58,6%) non presenta danni o patologie evidenti; quelli interessati assommano complessivamente a 85.306 ha (33,28 %). Tra le patologie e i danni pi comuni a livello regionale si annoverano gli incendi del soprassuolo, che interessano il 9,04 % dei boschi, seguiti dai danni provocati da selvaggina o da pascolo per il 8,71 % (dati INFC 2005). La macrocategoria inventariale Altre terre boscate registra i dati nella tabella che segue:
tab. 15.3: Danni alla macrocategoria inventariale: Altre terre boscate
Descrizione danni da selvaggina o pascolo danni da parassiti danni da eventi meteorici o climatici intensi danni da incendio del soprassuolo danni da incendio del sottobosco danni da intervento selvicolturale danni da inquinamento danni da cause complesse o ignote superficie non classificata assenza di danni o patologie evidenti Fonte: INFC 2005 u.m. ha ha ha ha ha ha ha ha ha ha superficie 8.275 379 2.274 10.107 2.242 0 379 379 27.468 30.363 Quota % 10,11% 0,46% 2,78% 12,35% 2,74% 0,00% 0,46% 0,46% 33,55% 37,09%

Per le Altre terre boscate maggiore la quota di superficie per la quale non si dispone di informazioni sulla presenza di danni o patologie (33,55%). Dai dati rilevati risulta che il 37,09% della superficie di questa macrocategoria non presenta danni o patologie evidenti; tra le superfici per le quali invece tali fenomeni sono stati osservati, quelle coinvolte da danni da incendio di soprassuolo sono le pi rappresentate (12,35%), seguite da quelle in cui sono stati osservati danni da selvaggina o da pascolo (10,11%). Le rimanenti classi sono poco rappresentate. I dati sopra esposti, frutto di una recente analisi inventariale, probabilmente non tengono in considerazione i recenti impianti forestali approvati dallAssessorato Reg.le Agricoltura e Foreste e finanziati con i fondi del P.S.R. 2000/2006, misura H2; ci in quanto lINFC si basa su fotointerpretazione di foto del 2002. Lazione H2 - Imboschimento a carattere permanente ai fini della conservazione del suolo prevede i seguenti interventi: imboschimento, con prevalente funzione di conservazione del suolo, di miglioramento paesaggistico e di rinaturalizzazione, di latifoglie o piantagioni miste contenenti almeno il 75% di latifoglie; impianti, a carattere permanente con fini di protezione dal dissesto e dallerosione e di consolidamento di pendici instabili, di piantagioni miste con essenze arbustive ed arboree. Con tali misure si sono finanziati in totale 1.561,43 ettari, dei quali quasi 480 nella provincia di Palermo e oltre 190 nella provincia di Messina. Tale intervento ha visto interessare superfici poco rilevanti nella provincia di Trapani, appena 7,26 ettari (tab. 15.4).
tab. 15.4: Estensione degli impianti di forestazione a carattere permanente approvati e finanziati con i fondi del P.S.R. 2000 / 2006 in Sicilia al 2006
Provincia AG CL CT EN ME PA RG SR TP Azione H2/ha 292,17 196,73 148,04 135,66 198,29 478,98 53,30 51,00 7,26 Fonte: Regione Siciliana, Assessorato Agricoltura e Foreste - Dipartimento regionale delle Foreste. TOTALE 1.561,43

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

218 Cap. 15 Cap. 15

Ulteriori informazioni sullevoluzione del patrimonio forestale siciliano si possono attingere considerando gli impianti forestali finanziati con lattuazione delle misure 1.09 e 4.10 del P.O.R. Sicilia 2000 2006. La misura 1.09 - Mantenimento delloriginario uso del suolo - mira alla ricostituzione del potenziale produttivo silvicolo danneggiato da incendi e altri disastri naturali ed all introduzione di adeguati strumenti di prevenzione finalizzati anche al miglioramento dell equilibrio ecologico e della difesa dellambiente. La misura si articola su 4 linee di intervento, che prevedono la realizzazione di investimenti pubblici, ossia: la ricostituzione dei boschi e degli ecosistemi danneggiati da incendi o da eventi naturali, con interventi sostenibili ed eco-compatibili, atti a favorire la biodiversit; investimenti atti a prevenire gli incendi boschivi e la riduzione del rischio da innesco e propagazione del fuoco, nonch lammodernamento ed il potenziamento delle strutture, delle attrezzature e dei mezzi per la prevenzione degli stessi; investimenti di carattere silvo-colturale atti a ridurre lerosione e la desertificazione miranti, nellambito di un bacino, al recupero di una efficiente funzione idrogeologica e alla difesa del suolo nei sistemi forestali; investimenti rivolti alla costituzione del sistema informativo territoriale (SIT) finalizzato alla prevenzione dei disastri naturali e degli incendi per la salvaguardia del suolo e del patrimonio silvicolo in ambiti forestali. Le azioni previste nella misura 1.09 del POR sono in sinergia con altre misure previste nel POR e nel PSR che concorrono al conseguimento degli stessi obiettivi. Questa misura si trova in connessione con le altre misure dellasse I del POR ed, in particolare, con le misure 1.11 e 1.12 Sistemi territoriali integrati ad alta naturalit e 2.01 Recupero e fruizione del patrimonio cult urale ed ambientale ed in forte sinergia con la misura 4.10 del POR Sostegno e tutela alle attivit forestali. La misura stessa rappresenta una naturale evoluzione degli interventi effettuati con la misura 9.1 del POP Sicilia 1994/99. La misura 4.10 Sostegno e tutela delle attivit forestali del POR Sicilia 2000/2006 attiva un regime di aiuti per gli investimenti nel settore forestale, mirante al mantenimento e sviluppo delle funzioni economiche, ecologiche e sociali delle foreste nelle zone rurali, attraverso la gestione di uno sviluppo sostenibile della selvicoltura, in sintonia con gli obiettivi e le finalit indicati nel QCS ed in sinergia con gli interventi nel settore forestale previsti nel P.S.R. della Regione Sicilia.
15.1.4 Geodiversit

Onde completare il quadro conoscitivo delle risorse ambientali dellIsola, si ritiene opportuno inserire in questa sede la trattazione afferente la geodiversit, che assieme alla biodiversit, con cui si integra completamente secondo una visione olistica della materia, concorre a formare la diversit ambientale in senso lato (ecodiversit). I componenti della geodiversit sono i geositi, che corrispondono ai luoghi in possesso di unimportanza geologica tale da meritare la tutela e la valorizzazione. Siffatta rilevanza geologica deve essere intesa nellaccezione pi ampia, seguendo linterpretazione recata dallo IUGS (International Union Geological Sciences) nel Progetto GEOSITES ed investe quindi tutti gli aspetti che sono pertinenti alle scienze della terra: litologia, geologia stratigrafica, geomorfologia, idrologia, idrogeologia, sedimentologia, paleontologia, vulcanologia, petrografia, speleologia, giacimenti minerari e cos via; pu riguardare inoltre sia strutture di genesi prettamente naturale, che di origine antropica, come per esempio le miniere (le quali ultime, per tale motivazione, non fanno parte propriamente del patrimonio naturale). Nell ambito

N i Na at tu ur ra ae ed di iv ve er rs si it t a am mb b ie en nt ta al le e

degli studi preparatori ai fini della predisposizione del Piano Urbanistico Regionale, stata stipulata nel 1999 una convenzione tra lAssessorato Regionale Territorio ed Ambiente ed il Dipartimento di Scienze della Terra dellUniversit di Messina, che contempla altres la redazione di una Carta di prima attenzione dei geotopi (geositi) della Sicilia, su scala 1:250.000. A seguito delle attivit di ricognizione inerenti, sono stati censiti nel territorio dellIsola 203 geositi, ripartiti in 5 distinte categorie2: Geositi di interesse mineralogico-petrografico, geologico, paleontologico, vulcanologico (GE) - 66 siti; Grotte, cavit, inghiottitoi, doline ed assimilabili (GR) 105 siti; Isole e/o ambienti insulari (IS) 12 siti; Laghi naturali anche se da crollo e lagune costiere (LA) 6 siti; Attivit minerarie dismesse, cave abbandonate di interesse geologico-geomorfologico (MI) 14 siti. Il Centro Regionale per la Progettazione ed il Restauro dell Assessorato Reg.le Beni Culturali ed Ambientali ha inoltre avviato recentemente (2004) una collaborazione con l Ordine Regionale dei geologi per lidentificazione dei geositi nel territorio siciliano. Limportanza dei geositi stata da tempo riconosciuta in Sicilia con la creazione di numerose aree protette destinate specificamente alla salvaguardia di emergenze geologiche, quali la Riserva Naturale Integrale Macalube di Aragona, la Riserva Naturale Orientata La Timpa e la Riserva Naturale Integrale geologica di Contrada Scaleri.
fig. 15.2: Localizzazione dei Geositi censiti nella Regione Siciliana

219 Cap. 15

Fonte: Rapporto APAT 51/2005

Rapporto APAT 21/2005, a cura di M. Panzica La Manna

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

15.1.5
220 Cap. 15 Cap. 15

Aree protette e Siti Natura 2000

Le riserve naturali regionali istituite dal 1981 al 2005 ammontano a 76, per una superficie complessiva di 85.181 ettari, pari al 3,3 % della superficie regionale. I quattro parchi regionali (Alcantara, Etna, Madonie e Nebrodi), ricadono nelle province di Catania, Enna, Messina e Palermo; tali aree occupano una superficie di 185.824 ettari, pari al 7,2% della superficie regionale, articolata in quattro zone con diverso grado di protezione: Zona di riserva integrale (A); Zona di riserva generale (B); Zona di protezione (C); Zona di controllo (D). L8 marzo 2005, con Decreto Assessorato Territorio e Ambiente n. 67, il Parco dei Nebrodi stato ampliato di 273 ettari, passando da 85.587 a 85.860 ettari ed interessando due nuovi comuni: Acquedolci e Troina. Di recente, a seguito di iniziative mirate in tal senso, stata presa in considerazione, da parte del Parlamento nazionale, la proposta concernente la creazione di quattro nuovi Parchi Nazionali in Sicilia: Pantelleria, Egadi, Eolie e degli Iblei. Alcune riserve hanno subito delle modifiche riguardanti la loro perimetrazione. Con Decreto del 4 marzo 2005 dellAssessorato Regionale Territorio e Ambiente stata modificata la perimetrazione della Riserva Naturale Orientata Saline di Trapani e Paceco, ricadente nei territori dei comuni di Trapani e Paceco. Nella stessa data lAssessorato Territorio e Ambiente ha emesso il decreto di nuova perimetrazione e zonizzazione della Riserva Naturale Orientata Capo Rama, ricadente nel territorio del comune di Terrasini. La nuova perimetrazione (e zonizzazione) include anche lo spazio di mare antistante. Con Decreto Assessorato Territorio e Ambiente del 29 novembre 2006 si modificata la perimetrazione della Riserva Naturale Capo Gallo, ricadente nel comune di Palermo. La tutela di alcuni tratti di costa siciliana affidata anche alla istituzione di Riserve Naturali Marine (RNM) e di Aree Marine Protette (ANMP), argomento trattato nel capitolo Ambiente marino e costiero (pag. 252). La Carta della Natura regionale, uno degli strumenti basilari finalizzati al rafforzamento della Rete Ecologica Siciliana (R.E.S.), stata approvata nella versione definitiva con un decreto di prossima pubblicazione. La Regione Siciliana con Decreto dellAssessorato Territorio e Ambiente del 21 febbraio 2005 ha individuato i siti dimportanza comunitaria e le zone di protezione speciale e con successivo Decreto del 5 maggio del 2006 ha approvato le cartografie delle aree di interesse naturalistico SIC e ZPS, nonch le schede aggiornate dei siti Natura 2000 ricadenti nel territorio della Regione. Queste ultime schede sono in corso di revisione. Lattuazione della redazione dei Piani di gestione dei Siti Natura 2000 gi iniziata e fa riferimento al Decreto del Dirigente Generale (DDG) n. 502 del 6 giugno 2007 dellAssessorato Territorio ed Ambiente, mediante il quale, in conformit alla scheda di Misura 1.11 del Complemento di Programmazione al POR Sicilia 2000 2006 Sistemi territoriali integrati ad alta naturalit, programmata la fase di attuazione dei Piani di gestione per mezzo dei vari soggetti beneficiari. Tali piani dovranno essere redatti entro il maggio del 2008. In Sicilia sono presenti 218 SIC tutelati ai sensi della Direttiva 92/43/CEE. Di questi, 14 sono anche stati identificati come ZPS e dunque tutelati ai sensi della Direttiva 79/409/CEE. Le ZPS che coincidono con i SIC oggi sono 29, di cui 14 per lappunto coincidono perfettamente con dei SIC, 10 contengono uno o pi SIC e 5 sono parzialmente sovrapposte a dei SIC. La nuova definizione delle ZPS, in adeguamento alle identificate IBA (Important Bird Areas), ha elevato la superficie complessiva della Rete regionale Natura 2000 ad un valore pari a 547.076 ettari, contro i 384.889 ettari segnalati sino allanno 2004. Le ultime modifiche che concernono le sotto citate ZPS hanno ulteriormente ampliato la suddetta superficie totale: La ZPS ITA010029, denominata Monte Cofano, Capo San Vito e Monte Sparagio, ha subito una variazione da 10.208,62 ha a 15.255 ha;

N i Na at tu ur ra ae ed di iv ve er rs si it t a am mb b ie en nt ta al le e

La ZPS ITA020048 Monti Sicani, Rocca Busambra e Bosco della Ficuzza, stata interessata da una variazione da 44.002,99 ha a 58.508 ha. La Sicilia comprende 14 IBA (Important Bird Areas), che occupano una superficie complessiva pari a 442.401 ettari. La superficie interessata dalle IBA ricade per il 76% a terra e per il r estante 24% a mare. Le ZPS, considerato che sino allanno 2004 interessavano solamente il 24% della complessiva superficie IBA, sono state estese sino a ricoprire il 75% della superficie IBA.

221 Cap. 15

15.2 Strategie di tutela ed integrazione del quadro normativo


A partire dagli anni 80 le problematiche relative alla progressiva perdita di biodiversit causata dalle attivit umane hanno indotto la stipula di numerose convenzioni internazionali. Va evidenziato come lapproccio conservazionistico ad oggi in uso parte dal presupposto che la tutela della diversit biologica mira alla tutela delle varie componenti, cio degli ecosistemi e non delle singole specie. Difatti, secondo quanto previsto nella Convenzione di Rio sulla Biodiversit, tutti gli stati Membri della Comunit Europea hanno riconosciuto come priorit la necessit della conservazione in situ degli ecosistemi e degli habitat naturali, elemento gi caratterizzante le direttive comunitarie Habitat e Uccelli. Queste ultime rappresentano i principali strumenti innovatori della legislazione in materia di conservazione della natura e della biodiversit. Per far fronte a tali priorit si costituita la rete Natura 2000, finalizzata anche ad assicurare la continuit degli spostamenti migratori, dei flussi genetici delle varie specie e a garantire la vitalit a lungo termine degli habitat naturali. Anche il Protocollo di Kyoto (che obbliga la riduzione delle emissioni e contabilizza assorbimenti ed emissioni nei bilanci nazionali), attribuisce un ruolo nuovo agli ecosistemi vegetali. Questi possono offrire una serie di opzioni di mitigazione dei cambiamenti climatici ed hanno una grande importanza nelle strategie di contenimento dellaccumulo di gas-serra nellatmosfera, legato alla capacit delle piante di assorbire anidride carbonica, sottraendola allatmosfera e fissandola nelle diverse componenti che costituiscono un ecosistema vegetale. Si riporta di seguito lelenco dei principali atti normativi e di indirizzo pubblicati nellultimo biennio in merito al comparto in esame: Decisione della Commissione della Comunit Europea del 19 luglio 2006, che adotta, a norma della direttiva n. 92/43/CEE del Consiglio, lelenco dei siti di importanza comunitaria per la regione biogeografica mediterranea. Decisione 2006/944 della Commissione Europea del 14 dicembre 2006 sulla determinazione dei livelli di emissione rispettivamente assegnati alla Comunit ed a ciascuno degli Stati membri nellambito del protocollo di Kyoto ai sensi della decisione 2002/358/CE del Consiglio. Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento (COM/2005/85) sullattuazione della strategia forestale dellUnione Europea. Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento (COM/2005/670) sulla strategia tematica per luso sostenibile delle risorse naturali. Comunicazione della Commissione del 22 maggio 2006 (COM/2006/216) Arrestare la perdita di biodiversit entro il 2010 e oltre - Sostenere i servizi ecosistemici per il benessere umano. Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento (COM/2006/302) sul Piano dazione dellUE per le foreste. Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 e s.m.i. Decreto del Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 17 ottobre 2007. Criteri minimi uniformi per la definizione di misure di conservazione relative a Zone speciali di conservazione (ZSC) e a Zone di protezione speciale (ZPS).

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

222 Cap. 15 Cap. 15

Decreto dellAssessorato Regionale del Territorio e dellAmbiente del 5 maggio 2006 Approvazione delle cartografie delle aree di interesse naturalistico SIC e ZPS e delle schede aggiornate dei siti Natura 2000 ricadenti nel territorio della Regione. L.R. n. 14/2006. Modifiche ed integrazioni alla Legge Regionale n. 16 del 6 aprile 1996. L.R. n. 3 del 1/2/2006. Disciplina della raccolta, commercializzazione e valorizzazione dei funghi epigei spontanei. L.R. n. 13 dell8 maggio 2007. Disposizioni in favore dellesercizio di attivit economiche in siti di importanza comunitaria e zone di protezione speciale. Norme in materia di edilizia popolare e cooperativa. Decreto dellAssessorato Regionale del Territorio e dellAmbiente del 30 marzo 2007. Prime disposizioni durgenza relative alle modalit di svolgimento della valutazione di incidenza ai sensi dellart. 5, comma 5, del D.P.R. 8 settembre 1997, n. 357 e successive modifiche ed integrazioni. Decreto dellAssessorato Regionale del Territorio e dellAmbiente del 3 aprile 2007. Disposizioni sulle aree naturali protette. Decreto del 26/10/2007 dellAssessorato Reg.le Agricoltura e Foreste, Istituzione del Centro provinciale di recupero per la fauna selvatica di Messina.

15.3 Principali fattori di pressione e tendenze


La flora, la fauna e gli ecosistemi siciliani risentono oggi di numerosi fattori di pressione, che determinano spesso ripercussioni ambientali di notevole consistenza in una situazione globale di vulnerabilit, associata a condizioni di equilibrio biologico assai precario, se non di reale squilibrio, in diverse zone naturali e seminaturali dellIsola. Le cause fondamentali dimpatto in questo settore rimangono sostanzialmente le medesime desumibili dalle R.S.A. del passato e consistono negli incendi, nella trasformazione degli habitat, consumo di suolo ed urbanizzazione, nella caccia e bracconaggio, nei cambiamenti climatici con i conseguenti processi di desertificazione, nellagricoltura intensiva e nella diffusione di specie vegetali ed animali estranee. Altre cause di una certa rilevanza, che si reputa tuttavia incidano complessivamente in misura minore in Sicilia, sono linquinamento atmosferico, dovuto soprattutto ai mezzi di trasporto, nonch, in talune aree, alle industrie petrolchimiche ed energetiche, linquinamento delle acque interne, la regimazione dei corsi dacqua, lo smaltimento dei rifiuti ed i prelievi idrici, i quali risultano spesso eccessivi in rapporto alle capacit di ricarica e di immagazzinamento dei bacini superficiali e degli acquiferi sotterranei. Non semplice quantificare il contributo di ognuno degli elementi sopra indicati ai fenomeni di degrado, di regressione e persino di distruzione che investono il patrimonio naturale dell Isola, essendo alcuni di essi stimabili tramite appropriati indicatori, altri, diversamente, assumendo una elevata complessit e dando luogo a varie concatenazioni di causa-effetto la cui valutazione si rivela particolarmente difficile. Non sono reperibili, poi, dati ed informazioni attinenti fenomeni, sovente di primaria importanza, che influenzano direttamente e possono arrecare danni assai ingenti alla ricchezza biologica della regione, quali il numero totale di esemplari abbattuti a causa dellattivit venatoria, la pressione arrecata dal bracconaggio, la cattura ed il prelievo illegale di esemplari animali e vegetali, la diffusione di specie alloctone nocive, la trasmissione di malattie dal bestiame domestico alle forme selvatiche. Si tralasceranno alcuni dei fattori di pressione sopra nominati, che concernono problematiche da approfondire in altri capitoli e si esamineranno invece quelli direttamente correlati allambiente naturale i cui indicatori siano popolati da dati fruibili. Il numero degli incendi e lestensione della superficie bruciata, sia coperta da formazioni boschive che non (Annuario ARPA 2006), hanno manifestato un andamento altalenante negli ultimi ventanni (1986-2006), con una contrazione nellanno 2005 (0,34 % della superficie totale regionale) ed un aumento nel 2006 (0,52% del tota-

N i Na at tu ur ra ae ed di iv ve er rs si it t a am mb b ie en nt ta al le e

le). Rispetto alla situazione registrata nella R.S.A. del 2005, sempre dai dati pubblicati nellAnnuario ARPA 2006, gli incendi in aree protette mostrano invece un trend crescente dal 2002 al 2006, dopo una lunga fase di diminuzione iniziata nel 1986. Siffatti fenomeni, di solito provocati intenzionalmente o accidentalmente dalluomo, pertanto, si confermano come uno dei fattori dimpatto ambientale pi gravi nella nostra regione, interessando migliaia di ettari di territorio. Altri parametri esaminati nel citato Annuario, che invece mostrano un andamento pi incoraggiante, sono rappresentati dal numero e dalla superficie delle tagliate forestali (che rientrano nella trasformazione degli habitat), entrambi decrescenti nel periodo compreso dal 1995 al 2005 (anno dellultima rilevazione). Una novit anchessa positiva dellultimo biennio stata lentrata in vigore di un provvedimento legislativo, atteso da molto tempo dalle associazioni specializzate,che regolamenta in maniera organica ed integrata il settore micologico nellIsola. Con la L.R. n. 3/2006, infatti, sono state per la prima volta disciplinate la raccolta, la commercializzazione e la valorizzazione dei funghi epigei spontanei in Sicilia. La promulgazione di siffatta norma dovrebbe assicurare, pertanto, una maggiore attenzione ed una pi efficace tutela di questa risorsa, a livello regionale. Ulteriore nota di segno positivo, per la salvaguardia della natura, stata listituzione, con D ecreto del 26/10/2007 dellAssessorato Reg.le Agricoltura e Foreste, del Centro provinciale di r ecupero per la fauna selvatica di Messina. Sulla scorta delle licenze venatorie regolarmente rilasciate, il numero dei cacciatori e la densit venatoria sono leggermente diminuiti in Sicilia nel triennio 2002-03-04 (dati pi recenti disponibili), come illustrato nella tabella allegata:
tab. 15.5: Numero di cacciatori e densit venatoria nel triennio 2002-2004 in Sicilia
Anno Numero totale di Densit venatoria per 1000 cacciatori ha. di territorio 2002 53.649 35,7% 2003 53.164 35,3% 2004 53.005 35,0% Fonte: ISTAT, Dati annuali sulla caccia, Anni 2000-2005

223 Cap. 15

Il calendario venatorio 2007-08 (approvato con Decreto Assessoriale n. 1186 del 14/6/2007 dellAssessorato Regionale Agricoltura e Foreste) non ha apportato modifiche rispetto al pregresso calendario venatorio 2006-07 in merito al numero massimo di esemplari abbattibili, pari ad un totale di 15 capi di selvaggina al giorno per ogni cacciatore. Sempre in tema di caccia, il D.A. del 30/3/2007 dellAssessorato Regionale Agricoltura e Foreste, introducendo lindice di densit venatoria massima accettabile, equivalente per la nostra regione a 0,0294 cacciatori per ettaro (ovvero, inversamente, a 34,01 ha. per singolo cacciatore), ha stabilito su tale base il numero massimo ammissibile di cacciatori non residenti per ambito territoriale di caccia nella stagione 2007-08. Si evidenzia altres che il Piano Regionale FaunisticoVenatorio 2006-2011, discendente dalle previsioni della L.R. n. 33/97, ossia lo strumento programmatico fondamentale che disciplina lintera materia dellattivit venatoria in Sicilia, approvato in via provvisoria con Decreto Presidenziale n. 39/S.6/S.G. dell1.03.2007 (GURS n. 16 del 13.04.2007), per entrare in vigore in maniera definitiva, dovr essere assoggettato alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), ai sensi della Direttiva 2001/42/CE e norme successive vigenti. A questo proposito, date la rilevanza e la delicatezza della materia, nonch tenuto conto degli obblighi discendenti dalla normativa accennata, appare necessario che qualsiasi intervento in questo campo debba essere supportato da adeguati strumenti di programmazione (almeno il Piano faunistico-venatorio in corso di validit), che siano stati regolarmente sottoposti a V.A.S. ed abbiano superato con esito favorevole siffatto procedimento. Come del resto si gi anticipato allinizio del paragrafo, si dellavviso, in conclusione, che lesercizio, ancorch autorizzato, dellattivit venatoria, a maggior ragione in assenza di idonea regolamentazione vigente, influenzi in misura rimarchevole la dimensione delle popolazioni animali esistenti nellIsola, tenuto conto del ragguardevole numero di cacciatori abilitati nella regione, della lunghezza della stagione di caccia, del numero giornaliero di capi abbastanza elevato che ad ogni cacciatore concesso di
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

224 Cap. 15 Cap. 15

sopprimere ed, infine, delle odierne condizioni di vulnerabilit della compagine naturale nel suo insieme. Una tematica non adeguatamente investigata e per la prima volta adesso presa in esame in sede di R.S.A., probabilmente perch sussiste tuttora una particolare carenza di informazioni al riguardo, consiste nella cementificazione di molti ecosistemi fluviali e torrentizi in Sicilia, cagionata principalmente dalle opere di regimazione e di trasformazione realizzate lungo il letto e le sponde. La maggioranza dei corsi dacqua dellIsola di una certa dimensione sono stati oggetto di interventi di sbarramento, canalizzazione, costruzione di argini artificiali, variazione planoaltimetrica dellalveo, modifica della sezione dello stesso, laminazione, sottrazione di inerti e simili, perdendo parzialmente o completamente le connotazioni di naturalit originarie e gli habitat riparali, fondamentali per le interconnessioni con gli ecosistemi circostanti. Di recente, nellambito dei Piani di Assetto Idrogeologico (PAI), sono stati portati avanti dei progetti per il riassetto idrogeologico di alcuni fiumi e torrenti siciliani, che contemplano spesso tecniche di ingegneria naturalistica e comunque evitano solitamente lintroduzione di strutture in conglomerato cementizio, utilizzando materiali che maggiormente si armonizzano con le condizioni dei luoghi. Tali progetti non sono mirati, per, in realt, alla rinaturalizzazione degli ecosistemi dacqua dolce. Giova a questo punto sottolineare che i corsi dacqua ricoprono un ruolo fondamentale in seno al territorio, essendo la loro funzione non solo ambientale, ma anche sociale ed economica. In particolare, gli ecosistemi fluviali funzionalmente intatti e biologicamente complessi sono capaci di fornire diversi servizi utili alla societ, in rapporto allapprovvigionamento idrico, allautodepurazione degli scarichi, al godimento del paesaggio, alle attivit di ricreazione, ecc. La valutazione dellintegrit ecologica di un ecosistema fluviale, che indica ecosistemi in grado di sostenersi e regolarsi da soli, viene generalmente effettuata attraverso metodi che considerano lintensit di deviazione dallo stato naturale di quel dato ecosistema, stato che rappresenta il punto di partenza per determinare una scala con diversi gradi di scostamento da esso. In unanalisi in corso condotta dal Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale (CIRF), si messa in risalto la deviazione da condizioni di naturalit di corsi dacqua con sottobacini maggiori di 50 km2, per un totale di circa 2.500 km di reticolo idrografico analizzato. Il lavoro stato eseguito attraverso indagini di campo e fotointerpretazione delle ortofoto IT 2000. Per stabilire il grado di naturalit dei diversi tratti fluviali sono stati adottati i seguenti criteri, distinguendo tre classi di naturalit: Alta: sono stati considerati naturali i tratti di corsi dacqua che presentano andamento non rettificato, privi di arginature ed altre opere di sistemazione idraulica e con vegetazione ripariale; Media: sono stati considerati seminaturali i tratti di corsi dacqua che, sebbene non presentino evidenti opere idrauliche e rettificazioni, hanno l alveo costretto da attivit antropiche; Bassa: sono stati considerati artificiali i tratti di corsi dacqua manifestamente rettificati e con evidente presenza di opere idrauliche. Il grafico sottostante mostra che gran parte dei corsi dacqua siciliani esaminati risulta distante da situazioni dintegrit ecologica, che si conservata, come si nota, soltanto nel 16% di tali ambienti. Siffatta situazione comporta perdita di biodiversit e di benefici umani, in termini di risorse, fruizione e sicurezza idraulica, che un corso dacqua in buone condizioni riesce di norma ad offrire.

N i Na at tu ur ra ae ed di iv ve er rs si it t a am mb b ie en nt ta al le e graf. 15.1: Grado di naturalit, ripartito in tre classi, dei corsi dacqua in Sicilia

16% 31%

225 Cap. 15

53%

Bassa

Media

Alta

Fonte: Elaborazione CIRF

La riqualificazione fluviale pu e deve avere, perci, un ruolo strategico nelle politiche di gestione del territorio finalizzate alla tutela della natura e della biodiversit. In base a tale presupposto, la Direttiva quadro sulle acque 60/2000 della Comunit Europea raccomanda che, nellanalisi dello stato ecologico dei fiumi, sia tenuto conto non solo dei parametri chimico-fisici e biologici, ma anche della situazione relativa di alterazione e di modifica dellassetto del letto e delle sponde. E indispensabile, pertanto, siano concepiti ed ufficialmente introdotti nelle campagne di rilevamento degli indicatori cumulativi appropriati, quali ad esempio il FLEA ( Fluvial Ecosystem Assessment), approntato dal CIRF, i quali siano in grado di descrivere sinteticamente lo stato ambientale dei corsi dacqua da tutti i punti di vista essenziali. Sarebbe opportuno, per concludere largomento, che fossero oltretutto prefigurate delle misure di tutela degli habitat riparali, fino ad oggi scarsamente salvaguardati e spesso interessati da lavori e da attivit umane. Considerando adesso il problema dellingresso e della diffusione di taxa animali alloctoni nocivi, necessario segnalare linsediamento, nellultimo quinquennio, di due specie di insetti, anche per la gravit delle conseguenze negative che ne sono derivate: la zanzara tigre ( Aedes albopictus) ed il punteruolo rosso della palma (Rhynchophorus ferrugineus). La zanzara tigre, cos chiamata per la caratteristica pigmentazione a strisce bianche e nere del suo corpo, proveniente dal continente asiatico (si presume sia arrivata tramite il commercio su larga scala di copertoni usati) e gi presente in Italia (Genova) dal 1990, stata osservata per la prima volta nellautunno del 2003 allinterno dellarea metropolitana di Palermo3 e da allora non ha cessato di espandersi nel territorio siciliano. Sembra essersi adattata egregiamente alle nuove condizioni ambientali dellIsola ed divenuta spesso un vero flagello per la popolazione, poich punge in pieno giorno, anche attraverso gli indumenti. Nei Paesi dorigine costituisce un vettore per diverse pericolose malattie, sebbene ci non sia stato ancora provato per l Italia. Oltre ai precipui aspetti medico-sanitari, non si possono escludere eventuali effetti negativi sull ambiente naturale. Si ritiene indispensabile, quindi, concertare una strategia di lotta maggiormente efficace di quelle fino ad ora adottate, onde debellare od almeno limitare la diffusione di questo insetto.

First monitoring of Aedes albopictus (Diptera: Culicidae) in Palermo, Sicily - Torina A., Sole M., Longo R., Romi R.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

foto 15.1: Zanzara tigre Aedes albopyctus).


226 Cap. 15 Cap. 15

Fonte: Wikipedia

Il punteruolo rosso, un coleottero curculionide, parimenti di origine asiatica, dal Medio Oriente penetrato in Europa probabilmente attraverso limportazione di piante ornamentali. giunto in Sicilia nellanno 2005, infestando e danneggiando, fino alla morte degli esemplari, vari tipi di palme esotiche assai comuni nei giardini, lungo le strade e nei parchi urbani; ultimamente ha attaccato la palma nana autoctona Chaemaerops Humilis, minacciando cos pure la flora naturale. LAssessorato Reg.le Agricoltura e Foreste, mediante il decreto del 6 marzo 2007, ha diramato opportune disposizioni per il controllo e leradicazione di questa specie nellambito del territorio siciliano.
foto 15.2: Punteruolo rosso (Rhynchophorus ferrugineus) foto 15.3: Esemplare di palma infestata da Punteruolo rosso

Fonte: http://giardinaggio.efiori.com Fonte: http://giardinaggio.efiori.com

15.4 Proposte e politiche di mitigazione


In primo luogo si ritiene essenziale, come gi enunciato nella R.S.A. 2005, sia data piena attuazione alle principali strategie mirate alla difesa ed alla valorizzazione del patrimonio naturale, in armonia con le direttive comunitarie. In tale prospettiva, occorrer assicurare la compiuta realizzazione della Rete Ecologica Regionale, tramite limplementazione delle reti di monitoraggio

N i Na at tu ur ra ae ed di iv ve er rs si it t a am mb b ie en nt ta al le e

ambientale, lo sviluppo della cartografia tematica regionale ed il perfezionamento entro i tempi prefissati dei piani di gestione per i Siti di Rete Natura 2000. Sar necessario altres verificare lapplicazione integrale delle misure di tutela ambientale prefigurate nei programmi operativi comunitari inerenti il periodo 2007-2013, tra cui soprattutto P.O. FESR, PSR e FEP. Oltre al consolidamento ed al potenziamento di siffatti strumenti programmatori e dintervento, sulla base delle necessit individuate, si ritiene di dover proporre i seguenti ulteriori provvedimenti ed azioni, al fine di migliorare la situazione delle risorse ambientali e dellecodiversit in Sicilia: In ordine al problema degli incendi, si giudica indispensabile: Siano interamente osservate e messe in atto le disposizioni discendenti dal Piano di Difesa Antincendio; Sia contemplato un aggravamento delle sanzioni per i responsabili degli incendi dolosi o colposi; Sia concepito un dispositivo normativo che, in ragione della diminuzione o dellincremento degli incendi, preveda rispettivamente lelargizione di premialit ovvero la decurtazione dei contributi previsti per gli addetti alla gestione forestale. Riguardo alla caccia ed alle attivit collegate, si ritiene necessario: Sia definitivamente sancito lobbligo per il quale qualsiasi intervento in questo campo sia conforme alle previsioni del piano faunistico-venatorio regionale approvato ed in vigore, che sia stato preventivamente assoggettato a V.A.S.; In conformit alle direttive comunitarie e nazionali, venga al massimo limitata lattivit venatoria allinterno dei Siti di Rete Natura 2000; Sia regolarmente prodotto lelenco complessivo degli esemplari abbattuti per ogni stagione venatoria (almeno per le specie e le sottospecie faunistiche d interesse comunitario); Sia prefigurato un consistente incremento del contingente regionale di guardie venatorie, stante lesiguo numero di addetti oggi in servizio; Sia introdotto lobbligo, per ragioni di sicurezza, per i cacciatori che intendano esercitare lattivit venatoria allinterno dei fondi privati, di ottenere apposita autorizzazione da parte dei relativi proprietari; Venga diminuito il numero massimo di animali abbattibili complessivamente per singolo cacciatore, sia riducendo il tetto massimo giornaliero prefigurato (15 esemplari nel calendario venatorio 2007-08), sia anche stabilendo per tutte le specie cacciabili un tetto massimo di esemplari abbattibili, da parte di ogni cacciatore, relativo allintera stagione venatoria annuale. In merito agli interventi di modifica del patrimonio forestale esistente, appare fondamentale: Predisporre e perfezionare il Piano Forestale Regionale, a partire dalle Linee Guida esistenti; Fissare a livello regionale sia unaliquota massima di superficie boscata assoggettabile annualmente a taglio, che un quantitativo totale massimo annuale di legname asportabile; Nelle aree naturali, eliminare progressivamente gli eucalipteti e le altre formazioni vegetali alloctone e prevederne la sostituzione con messa a dimora di essenze arboree autoctone. Lazione potr interessare inoltre singoli alberi isolati; Limitare il pascolo del bestiame domestico nelle zone di foresta ad elevato interesse naturalistico; Eliminare le barriere di recinzione nelle zone boscate, ove non sussistano valide controindicazioni al riguardo. Con riferimento alla presenza di specie aliene e dannose ed alla reintroduzione di specie estinte, si dellavviso sia opportuno: Stabilire adeguate modalit di intervento allo scopo di limitare la diffusione di specie alloctone animali introdotte nocive allambiente ed alla biodiversit;
2 7 20 00 0 7

227 Cap. 15

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

228 Cap. 15 Cap. 15

Predisporre azioni di controllo e di riequilibrio delle popolazioni animali reintrodotte in passato senza adeguata programmazione; Valutare ed avviare progetti di graduale reintroduzione di specie estinte in maniera controllata ed ecocompatibile; Vietare lintroduzione di specie ittiche esotiche e/o estranee nei bacini lacustri e nei sistemi fluviali dellIsola; Prevedere misure per limitare la diffusione delle specie animali infestanti od invasive, caratterizzate da un numero sovrabbondante di individui (ratti, topi, piccioni, blatte, mosche domestiche, zanzare tigre, pulci, cimici, pidocchi, zecche), dannose sotto il profilo della sanit umana ed animale e sovente anche sotto il profilo della competizione con le specie selvatiche meno resistenti e meno prolifiche. In tema di aree protette e vincolate, si reputa essenziale: Potenziare il sistema delle aree protette, istituendo nuove riserve naturali lungo le aste fluviali e torrentizie in possesso di caratteristiche di pregio naturalistico e paesaggistico; Inaugurare idonee misure di protezione ambientale e di conservazione per tratti di litorale di particolare valore, non sufficientemente tutelati; Individuare e garantire delle zone di protezione per le rotte di migrazione degli uccelli; Ultimare in tempi brevi le procedure di affidamento agli enti gestori delle riserve naturali, per le 8 riserve che in atto ne sono prive. Si propongono infine le ulteriori misure appresso elencate, concernenti varie problematiche del settore: Programmazione di specifici interventi per la rinaturalizzazione dei corsi dacqua; Istituzione lungo tutte le aste fluviali di una fascia di rispetto ai due lati delle sponde, come pure attorno alle rive dei laghi, nella quale sia proibito qualsiasi genere di intervento o di attivit, ivi compresa lagricoltura; Adozione di provvedimenti per evitare il contagio della fauna e della flora selvatiche con germi e parassiti provenienti dalle forme domestiche; Predisposizione di interventi a tutela della fauna esistente nelle acque interne siciliane o la cui sopravvivenza dipende da questi ambienti (segnatamente pesci ed anfibi); Affidamento ad Universit o ad Enti di ricerca accreditati dellincarico di determinare la struttura del DNA e di formare il relativo data base della totalit degli endemismi (specie e sottospecie) presenti tra i vertebrati in Sicilia; Creazione di passaggi per la fauna nelle infrastrutture lineari (ecodotti), onde consentire lattraversamento degli animali, dove ci sia ostacolato o rischioso per gli stessi; Inasprimento delle sanzioni gi previste nel caso di cattura delle specie selvatiche con trappole od altri sistemi illegali.

Bibliografia essenziale di riferimento


ARTA Sicilia ARPA Sicilia - Rapporto ambientale PO FESR 2007 2013 (2007) ARTA Sicilia ARPA Sicilia - Rapporto ambientale Programma di Sviluppo Rurale Sicilia 2007 2013, (2007) ARPA Sicilia Annuario dei dati Ambientali, Anni Vari APAT - Annuario dei dati ambientali. Edizione 2005-2006 (2006) ARTA, Relazione sullo state dellambiente in Sicilia, Sicilia 2002. POR Sicilia 2000-2006. Complemento di programmazione al POR Sicilia 2000-2006 POP Sicilia 1994-1999 Inventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio (INFC 2005). Rapporto APAT 51/2005. Massoli Novelli R. Geoturismo ed itinerari geologici in Italia. Torina A., Sole M., Longo R., Romi R. - First monitoring of Aedes albopictus (Diptera: Culicidae) in Palermo, Sicily.

N i Na at tu ur ra ae ed di iv ve er rs si it t a am mb b ie en nt ta al le e
CIRF, 2006 La riqualificazione fluviale in Italia. Linee guida, strumenti ed esperienze per gestire i corsi dacqua e il territorio. A. Nardini, G. Sansoni (curatori) e collaboratori, Mozzanti Editori, Venezia. Lo Valvo M. , Fauna vertebrata terrestre in Sicilia e nelle Isole Minori: status e lista rossa, Palermo.

Glossario
Alloctone (specie): specie non appartenenti al luogo di residenza, perch si sono originate ed evolute in un altra area; Autoctone (specie): specie originatesi ed evolutesi nel territorio in cui si trovano attualmente; Biodiversit: concetto che comprende la variet delle specie e delle sottospecie esistenti ed anche la diversit genetica e la diversit degli ecosistemi; Criptiche (specie): due o pi specie le cui differenze reciproche non sono distinguibili esternamente; Endemismi: specie animali o vegetali che sono esclusive di un dato territorio, qualora lo stesso possieda unestensione limitata; Erpetofauna: parte della fauna comprendente i rettili e gli anfibi; Microspecie: Categoria tassonomica inferiore alla specie con caratteri fenotipici distintivi, corrispondente ad una popolazione originatasi in maniera asessuata da un solo individuo, ragion per cui tutti i suoi componenti assumono il medesimo corredo genetico; Mitocondri: organuli cellulari di forma generalmente allungata, presenti, con alcune eccezioni, in tutti gli organismi dotati di cellule nucleate (eucarioti); Taxon (plurale taxa): detto anche unit tassonomica, un gruppo di organismi reali e distinguibili dagli altri, riconoscibile come unit sistematica e situato allinterno della classificazione scientifica.

229 Cap. 15

2 7 20 00 0 7

Ambiente marino e costiero

Antonella Barbara, MATTM Anna Maria Beltrano, MATTM

Istituto per lAmbiente Marino Costiero - Consiglio Nazionale delle Ricerche (IAMCCNR). Mazara del Vallo (TP) :
Angelo Bonanno, Salvatore Mazzola, Gualtiero Basilone, Angela Cuttitta, Bernardo Patti, Giuseppa Buscaino, Salvatore Aronica, Ignazio Fontana, Giovanni Giacalone, Giorgio Tranchida, Francesco Placenti, Luca Caruana, Simona Genovese, Vincenzo Di Stefano, Marco Zora, Francesca Bulfamante, Antonio Bonanno, Carlo Patti, Iacopo Sorrentino

Istituto Centrale per la Ricerca scientifica e tecnologica Applicata al Mare (ICRAM). Palermo:
Franco Andaloro, Luca Castriota, Francesco Maria Passarelli

Ringraziamenti: Bruno Zava, Wilderness Studi ambientali Snc

Ambiente marino e costiero

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

232 Cap. 16 Cap. 16

16. A Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in no oe ec co os st ti ie er ro o

Le molteplici azioni antropiche che agiscono lungo la fascia costiera e le implicazioni che queste hanno sullambiente marino rappresentano una considerevole minaccia per gli ecosistemi e per le risorse naturali dellambiente costiero e marino, per cui necessaria unattenta attivit di monitoraggio, affinch si possano fornire indicazioni per una gestione ottimale delle risorse, razionale, integrata e sostenibile. Negli ultimi tempi, infatti, si delineano sempre pi precise politiche di tutela in ambiente marino, che impongono lapplicazione di misure, azioni e strategie aventi come obiettivo generale quello di promuovere luso sostenibile dei mari e la conservazione degli ecosistemi marini.

16.1 Caratteristiche strutturali


Una delle informazioni fondamentali che riguardano lambiente marino-costiero quella relativa alla qualit delle acque marino-costiere. Queste sono monitorate dal 2003 grazie ad programma del Ministero dellAmbiente che indaga, in otto aree, l acqua, il sedimento ed il biota, con la conseguente elaborazione dellindice di Classificazione delle Acque Marine (CAM). Il Progetto del Monitoraggio per la prima caratterizzazione dei corpi idrici superf iciali della Regione Siciliana sulla base di quanto previsto dal D. Lgs. 152/99 (All.1) individua 1: 1200 km di acque marino-costiere con 95 transetti; Le indagini dei corpi idrici superficiali (corsi dacqua, laghi e acque di transizione e acque marino costiere) sono state affidate dal Commissario Delegato per lEmergenza Rifiuti e la Tutela delle Acque ad ARPA Sicilia. Nel 2006, lARPA Sicilia, nellambito del Progetto di prima caratterizzazione dei corpi idrici superficiali della Regione Siciliana, ha svolto con il CISAC (Centro Interdipartimentale per lo Studio dellEcologia degli Ambienti Costieri) dellUniversit di Palermo, unindagine delle acque marino-costiere considerate significative e cio quelle dellintero perimetro regionale e delle isole minori, comprese entro i 3000 m dalla costa e comunque entro la batimetrica dei 50 m. (Annuario Dati Ambientali, 2006). Sono stati cos identificati i tratti costieri in funzione di alcuni criteri tra cui, linsularit per le isole minori e la presenza di Golfi e/o di zone costiere in cui incidono attivit antropiche. Allinterno dei tratti costieri omogenei, inoltre, sono stati individuati fattori simili abiotici e bioecologici, rispettivamente: geomorfologia, sedimentologia, correntometria dominante, esposizione geografica e distribuzione delle biocenosi e facies bentoniche, morfobatimetria dei fondali ecc.

A tal proposito si veda il capitolo Acque interne - Tendenze - a pag. 182

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o

In funzione di tali indagini che hanno consentito la classificazione degli ambienti marini siciliani in 24 aree bio-geografiche e 14 unit territoriali omogenee corrispondenti alle 14 isole minori (Eolie, Egadi, Pelagie, Ustica e Pantelleria), si giunti alle definizione di 38 tratti costieri omogenei, allinterno dei quali sono stati posizionati 95 transetti costa-largo. Ai sensi del D. Lgs. 152/99, sono stati identificati anche i fondali, in tre tipologie utili ai fini dei campionamenti e allinterno di ciascuna tipologia sono state posizionate tre stazioni di prelievo per transetto ortogonali alla linea di costa. La frequenza dei prelievi stagionale per i parametri ambientali fondamentali, annuale per i sedimenti e semestrale per il biota. Una delle informazioni fondamentali per lutilizzo delle acque marine, fornita dal monitoraggio, quella relativa alla balneabilit. Le acque di balneazione sono sottoposte a controlli secondo quanto stabilito dal DPR 470/82, che attua la direttiva (CEE) n. 76/160 relativa alla qualit delle acque di balneazione. La balneabilit delle acque legata alleventuale inquinamento dovuto, per lo pi, agli scarichi urbani ed industriali. La figura seguente mostra in percentuale e con dettaglio provinciale, la costa balneabile, quella non campionata e quella vietata.
fig. 16.1: Costa balneabile Siciliana rapportata a quella controllata (2006)

233 Cap. 16

Costa Balneabile (%) Costa insufficientemente campionata e/o non controllata (%) Costa vietata temp. o perm. per inquinamento (%) Costa vietata per motivi indipendenti dall'inquinamento (%)

Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati del Ministero della Salute, 2007. Annuario dati ARPA 2006

Lanalisi delle informazioni fornite da ARPA evidenziano che i valori di costa balneabile (su quella controllata) passano da circa il 98% nel 2002 a circa il 100% nel 2006. Inoltre, le zone non balneabili sono anche quelle in cui non sono stati effettuati i controlli in accordo con la normativa vigente o che non sono mai state monitorate e spesso ricadenti nelle isole minori. Il rapporto costa-vietata/costa-totale, sia per motivi dipendenti che indipendenti dallinquinamento, dal 2002 al 2006, evidenzia una percentuale maggiore nelle province di Siracusa e Palermo, dato correlabile alla forte insistenza di attivit antropiche sulla costa. Per quanto riguarda, invece, lanalisi dellindice CAM, questo fornisce informazioni relative al rischio igienico-sanitario legato alla qualit delle acque. Lungo la costa siciliana sono individuate, ai fini del programma ministeriale di monitoraggio, otto aree, suddivise nelle seguenti aree critiche: area antistante il Golfo di Palermo Vergine Maria (PA), area antistante il Golfo di Milazzo (ME), area antistante il Golfo di Augusta comune di Augusta (SR), area antistante la foce del fiume Irminio (RG), area antistante il Golfo di Gela (CL), area antistante il Golfo di Castellammare del Golfo (TP) e aree di riferimento, cos dette bianchie individuate nelle AMP Ciclopi e Isola di Maraone. Queste ultime due dovrebbero presentare condizioni ambientali poco disturbate dalle pressioni antropiche. Lanalisi di alcuni parametri (nitrati e nitriti, ammoniaca, fosfati, silicati, salinit, trasparenza, clorofilla a), permette di ottenere una classificazione delle acque in classi di appartenenza, che esprimono lo stato di qualit delle acque marine. Come mostra la tab. 16.1, le acque oligotrofiche
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

234 Cap. 16 Cap. 16

sono classificate come acque di alta qualit, le acque diversamente eutrofiche, ma ecologicamente integre sono di media qualit, mentre quelle eutrofizzate per causa antropica e quindi ecologicamente alterate sono considerate di bassa qualit.
tab. 16.1: Rappresentazione dellindice CAM
Qualit globale delle acque MEDIA acque con diverso grado di eutrofizzazione, ma Acque oligotrofiche ecologicamente produttive e quindi funzionalmente integre Fonte: Annuario dati ARPA 2006 ALTA BASSA acque eutrofizzate con evidenze di alterazioni ambientali anche di origine antropica

La maggior parte di costa monitorata rientra in classe alta, per le stazioni sotto costa (54,4%) e intermedie (43%), e il 42,4% in classe media per le stazioni al largo. Il 35% delle acque marinocostiere rientra in classe alta, quindi classificate come acque oligotrofiche e la restante percentuale (circa l8%) rientra nella classe pi bassa (graf. 16.1).
graf. 16.1: Distribuzione percentuale delle Classi di Indice CAM nelle acque marino-costiere della Sicilia (2006)
100% 19,9 2,2 80% 23,5 37,5 60% 42,4 40% 54,4 41,9 20% 25,9 19,9 0,7 30,6 1,2 Non determinata Qualit Bassa Qualit Media Qualit Alta

0% Sottocosta Intermedia Al largo

Fonte: Elaborazioni ARPA Sicilia su dati del Si.Di.Mar. (2006).

Lanalisi dellindice TRIX ha rilevato una buona qualit media delle acque costiere, per quanto riguarda lo stato trofico. Infatti, oltre il 95% delle stazioni esaminate si collocano nello stato elevato. Nel periodo autunnale (II campagna) ed invernale (III campagna), nelle zone di Palermo e Catania, sono state rilevate stazioni in stato buono. In autunno a Trappeto (Golfo di Caste llammare) ed in inverno alla Foce del Simeto sono state riscontrate stazioni in stato mediocre.
16.1.1 Caratteristiche Oceanografiche2

Si riporta di seguito un quadro delle caratteristiche oceanografiche intorno alla Sicilia, che ha il fine di individuare luoghi o condizioni che regolano fasi fondamentali dei processi biologici

Autori: Angelo Bonanno, Salvatore Mazzola, Gualtiero Basilone, Angela Cuttitta, Bernardo Patti, Giuseppa Buscaino, Salvatore Aronica, Ignazio Fontana, Giovanni Giacalone, Giorgio Tranchida, Francesco Placenti, Luca Caruana, Simona Genovese, Vincenzo Di Stefano, Marco Zora, Francesca Bulfamante, Antonio Bonanno, Carlo Patti, Iacopo Sorrentino - Gruppo Interdisciplinare di Oceanografia dellIstituto per lAmbiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IAMC-CNR). Mazara del Vallo (Tp)

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o

(zone di nursery, aree di upwelling, etc.), ed altres aiutare a comprendere come le pressioni antropiche, a livello della costa o nellimmediato entroterra, possano avere ripercussioni in acque marine costiere e pelagiche, quindi come le correnti marine possano veicolare e diffondere gli effetti degli inquinanti.

16.1.1.1 Cenni sulla Circolazione del Mediterraneo e dei mari intorno alla Sicilia
Il Mar Mediterraneo un sistema termodinamico che trasforma lacqua Atlantica in entrata attraverso lo Stretto di Gibilterra in acqua pi densa mediante linterazione con latmosfera, in particolare durante linverno, quando lelevata evaporazione causa convezione. La differenza di densit tra il Mar Mediterraneo e lOceano Atlantico favorisce e sostiene la circolazione termo-alina del Mar Mediterraneo, che simile a quella mondiale. Il modello di circolazione pi semplice distingue nel Mediterraneo tre strati con profondit differenti: lo strato superficiale (range di profondit circa 0-200 m) costituito da acqua atlantica modificata (Modified Atlantic Water, MAW), quello intermedio (200-500 m) da acqua di origine Levantina (Levantine Intermediate Water, LIW) e lultimo da acqua profonda (Deep Water, DW). Attraverso lo Stretto di Gibilterra le acque dellAtlantico entrano nel Mediterraneo e, bench pi fredde, presentano una salinit pi bassa tanto da risultare pi leggere. La corrente superficiale presenta un ramo principale che si dirige verso Est, segue la costa algerina, entra nel bacino ionico attraverso lo Stretto di Sicilia e si dirige verso il bacino levantino (verso le coste di Israele). In corrispondenza delle isole Egadi il flusso principale si biforca e un ramo secondario si dirige verso il Mar Tirreno seguendo la costa settentrionale della Sicilia. Nel loro movimento verso Est, le acque superficiali incontrano temperature medie pi elevate e venti dominanti caldi e secchi provenienti dai deserti africani; si determina cos un progressivo aumento della salinit superficiale che ha valori minimi di 36.5 presso lo Stretto di Gibilterra e supera 39 nel bacino di Levante. Le acque dello strato intermedio si formano nel bacino Levantino nel periodo invernale quando, a causa del raffreddamento, la densit dell acqua degli strati pi superficiali aumenta fino ai mesi di Febbraio e Marzo durante i quali si manifestano eventi di mixing profondo. In tale periodo lacqua superficiale viene miscelata allacqua sottostante fino a profondit di 200 500 m dando luogo alla ben nota acqua intermedia levantina (LIW). Tale strato caratterizzato da valori di salinit di circa 38.7 e da una temperatura media di circa 14 C. Il movimento generale delle acque levantine o intermedie diretto verso ovest e, in tale movimento, tendono a seguire traiettorie cicloniche nei vari bacini. Le acque dello strato profondo del Mediterraneo sono originate, specie nei mesi invernali, dallaffondamento delle acque superficiali divenute bruscamente pi dense per lazione dei venti freddi e secchi settentrionali (Tramontana, Maestrale e Bora). La recente letteratura scientifica individua tre particolari regioni quali siti di formazione delle acque profonde: il Golfo del Leone ed il Mar Ligure; il Mare Adriatico meridionale; la zona Cipro - Rodi. La circolazione media nel Mar Tirreno nel complesso ciclonica lungo le coste nord della Sicilia, la costa occidentale italiana e quella orientale sarda, con tre celle di circolazione anticiclonica situate rispettivamente sul lato nord della Sicilia (14E 39N), al largo di Napoli (14E 41.5N) e tra lisola Elba e la Corsica (10.5E 42.5N). Nel Mar Tirreno meridionale sia la MAW che la LIW hanno la stessa direzione di spostamento; in particolare, lungo le coste settentrionali della Sicilia la direzione principale comune ai due strati, superficiale ed intermedio, quella da ovest verso est. Le regioni dello Stretto di Sicilia e dello Ionio sono state maggiormente studiate, soprattutto in questi ultimi anni, sia per ci che riguarda gli aspetti strettamente oceanografici e sia per quanto riguarda lo studio dellinfluenza dei forzanti oceanografici sulle risorse marine. La circolazione superficiale nello Stretto di Sicilia e nello Ionio occidentale interessata dallAtlantic Ionian Stream (AIS), una corrente che trasporta acqua atlantica, pi calda e meno salata, verso il bacino di levante. LAIS entra nello Stretto di Sicilia da ovest, descrive un largo meandro ciclonico sul Banco Avventura e si avvicina alla costa meridionale della Sicilia; si separa dalla costa non appena incontra la piattaforma di Malta e si dirige verso il Mar Ionio. Lungo la sua traiettoria lAIS circonda due larghi vortici ciclonici (fig. 16.2): il primo sul Banco Avventura
2 7 20 00 0 7

235 Cap. 16

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

236 Cap. 16 Cap. 16

(fig. 16.2, ABV) ed il secondo intorno alla piattaforma maltese poco a sud di Capo Passero (fig. 16.2, ISV). Naturalmente, il percorso dellAIS presenta unelevata variabilit a causa di forzanti esterne la cui scala temporale pu variare da alcuni giorni (effetti di marea e fluttuazioni atmosferiche) a periodi pi lunghi di carattere stagionale (ciclo solare) o interannuale. Nello Stretto di Sicilia e nello Ionio occidentale le variazioni dinamiche dominanti sono principalmente associate a cinque strutture: il summenzionato Vortice sul Banco Avventura, la Cresta nel Canale di Malta (fig. 16.2, MCC), il Vortice in corrispondenza del margine della piattaforma nello Ionio (fig. 16.2, ISV), il Vortice corrispondente al limite della piattaforma poco a sud di Messina, e i fronti di temperatura e salinit della scarpata nello Ionio. Queste strutture, e le variazioni associate, sono collegate al tortuoso percorso della corrente Atlantico Ionica (AIS). Trasportata dallAIS verso est, la fig. 16.2: Schematizzazione delle caratteristiche della MAW circola tortuosamente e si miscecircolazione superficiale individuate da Robinson et al. 3 la nello Stretto di Sicilia prima di rag(1998) nello Stretto di Sicilia giungere lo Ionio. Negli strati intermedio e profondo, al di sotto dellAIS, la LIW, pi salata della MAW, entra nello Stretto dallo Ionio, tipicamente allinterno delle soglie a sud di Malta. Il core della LIW allinterno di questa regione stato registrato ad un range di profondit di 250450 m, e si muove lentamente verso ovest. Lungo le coste meridionali della Sicilia, vengono spesso osservati eventi di upwelling, ovvero la risalita in superficie di acque fredde provenienti da strati a maggiore profondit. La dinamica di tali upwelling da attribuire a differenti Fonte: De Agostini, 1998 cause. Una di queste il classico fenomeno di upwelling costiero indotto dal vento di maestrale. Inoltre, altri fenomeni di upwelling sono causati dai vortici ciclonici e, pi in generale, dalla circolazione tortuosa dellAIS. Infatti, anche se il filamento freddo e le strutture frontali osservate nel periodo estivo sono soggetti a forti variabilit, tali strutture sono state evidenziate anche nel periodo invernale. A titolo di esempio la fig. 16.3 mostra il campo delle correnti nello strato superficiale e in quello intermedio. Tali immagini sono state ottenute per gentile concessione del IAMC-CNR di Oristano e della Fondazione IMC. 4

Lo schema sovrapposto ad unimmagine da satellite della temperatura superficiale del m are acquisita il 25 Agosto 1996 (Saclantcen). 4 http://www.imc-it.org/progetti/mfstep/mfs_SCRMresults.htm

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o fig. 16.3: Circolazione nello strato superficiale (5 m) ed intermedio (280 m) nelle regioni del Tirreno meridionale, dello Stretto di Sicilia e dello Ionio occidentale.

237 Cap. 16

Fonte: IAMC-CNR di Oristano e della Fondazione IMC

16.1.1.2 Le campagne oceanografiche nello Stretto di Sicilia


LIstituto per lAmbiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IAMCCNR) di Mazara del Vallo (Tp) conduce da diversi anni campagne oceanografiche e di valutazione delle risorse ittiche con lo scopo di investigare le possibili influenze dei fenomeni oceanografici sulle popolazioni ittiche presenti nelle acque che circondano la Sicilia. Per gli aspetti puramente oceanografici, lIstituto acquisisce dati con una certa regolarit a partire dal 1998. La principale area di studio quella dello Stretto di Sicilia per cui nel seguito verranno presentati alcuni dei risultati ottenuti nello studio della circolazione proprio in tale area.

16.1.1.3 Temperatura superficiale


La fig. 16.4 mostra il campo della temperatura superficiale rilevato nel corso dei survey oceanografici a bordo della N/O Urania del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

238 Cap. 16 Cap. 16

fig. 16.4: Campo della temperatura superficiale rilevata nel corso di otto campagne oceanografiche nello Stretto di Sicilia nel periodo 1998 2005.

Fonte: IAMC-CNR, Mazara del Vallo

Fatta eccezione per la campagna oceanografica JUVENILE09-99, svolta nel mese di ottobre, le campagne sono state tutte condotte nel periodo estivo. La figura mette in evidenza la notevole variabilit dei pattern di temperatura. La tipica zona di upwelling costiero interessa la maggior parte della costa meridionale Siciliana e pu essere individuata tenendo conto anche dei pattern di salinit stimati nelle stesse campagne e riportati nella fig. 16.5. Nei survey del 2000 e del 2005 larea con temperature pi basse localizzata lungo quasi tutta la costa, mentre in quelli del 2001, 2003 e 2004 le temperature pi basse sono individuate solo nella parte nord-occidentale dellarea di studio che corrisponde al banco Avventura. Nei survey del 1998 e del 2002 insieme allarea pi fredda sul Banco Avventura, presente una seconda area in corrispondenza della piattaforma siculo-maltese.

16.1.1.4 Variabilit nella traiettoria dellAIS


La traiettoria dellAIS il principale fattore in grado di controllare la dinamica dello Stretto di Sicilia. I pattern di temperatura sopra presentati corrispondono ad uno degli effetti prodotti dalla variabilit della traiettoria dellAIS. In fig. 16.5 viene riportato, in corrispondenza dei periodi del-

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o

le campagne oceanografiche effettuate dal 1998 al 2005, il pattern dell AIS sovrapposto al campo della salinit stimato alla profondit di 10 m a partire dai dati della sonda multiparametrica (CTD).
fig. 16.5: Percorso dellAIS sovrapposto al campo della salinit stimato alla profondit di 10 m nei periodi delle campagne oceanografiche dal 1998 al 2005.
239 Cap. 16

Fonte: IAMC-CNR, Mazara del Vallo

Per ciascuna campagna oceanografica la stima della traiettoria stata eseguita facendo uso del metodo del minimo di salinit (legato al fatto che lacqua atlantica modificata che circola nello strato superficiale meno salata di quella circostante) e delle mappe di velocit della corrente ottenute con il bilancio geostrofico (non mostrate nel presente rapporto). La figura evidenzia lelevata variabilit del percorso che in alcuni periodi si avvicina molto alla costa Siciliana (campagne oceanografiche Bansic 2005, Ansic 2004, Ansic 2002 e Bansic 1998), mentre in altri periodi lAIS circola in aree decisamente lontane dalla costa (Ansic 2003, Bansic 2001, Bansic 2000 e Juvenile 1999). Garca Lafuente et al. (2002) hanno evidenziato limportanza dellAIS come meccanismo di trasporto di uova e larve presenti nelle principali aree di deposizione verso larea di nursery individuata nei pressi di Capo Passero. Tra laltro, lanalisi dei pattern dellAIS nei periodi di deposizione di alcune specie ittiche permette di individuare la lunghezza della costa meridionale Sicilia2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

240 Cap. 16 Cap. 16

na spazzata; informazione questa molto utile proprio per lo studio del fenomeno di avvezione verso la zona sud-orientale della costa meridionale siciliana. Il secondo aspetto strettamente legato alla variabilit della traiettoria dellAIS lestensione dellarea di upwelling. Quando lAIS circola lontano dalla costa, nelle aree occidentale e centrale dellarea di studio, come nel caso delle campagne Ansic 2003, Bansic 2001, Bansic 2000 e Juvenile 1999, larea interessata da upwelling si allarga. Al contrario, quando lAIS si avvicina alla costa, la zona interessata da upwelling diminuisce (Ansic 2004 e Bansic 1998). Dal momento che lupwelling implica input di nutrienti nella colonna dacqua, ad esso corrisponde anche una maggiore disponibilit di cibo per le specie ittiche.

16.1.1.5 Variabilit del sistema frontale a sud di Capo Passero


Lincontro tra lAIS e le masse dacqua del mar Ionio forma un fronte di densit che favorisce la concentrazione delle aggregazioni di plancton. In tal modo si crea un ambiente favorevole allo sviluppo delle larve di diverse specie ittiche grazie proprio alla disponibilit di cibo. Lo scarto di temperatura tra AIS e masse dacqua nello Ionio pu essere talvolta cos ridotto da non far apprezzare il sistema frontale in termini di temperatura superficiale del mare (SST, Sea Surface Temperature) stimata da immagini da satellite o dai dati CTD. Al contrario, i campi di salinit a diverse profondit pongono in chiara evidenza la netta differenza tra la pi elevata salinit delle masse dacqua nello Ionio e quella dellAIS. Tale ragione induce ad analizzare la variabilit del sistema frontale proprio facendo riferimento alla fig. 16.5. Nelle otto campagne oceanografiche qui analizzate il fronte a sud di Capo Passero disposto secondo una direzione media NOSE. Solo nel corso della campagna del 1998 il fronte, meno evidente, ha assunto una direzione allincirca parallela alla costa meridionale siciliana. Le fluttuazioni ambientali interannuali hanno influenze sullintensit del fronte ma non sulle sue caratteristiche di sistema in grado di fungere da nursery per diverse specie ittiche. Il gradiente di temperatura indicativo dellintensit del fronte e la variazione interannuale di tale intensit sar, in una certa misura, responsabile delle fluttuazioni legate alla disponibilit di cibo.

16.1.1.6 Variabilit dellarea di upwelling


La variabilit dellestensione dellupwelling, principalmente nel periodo estivo, pu essere valutata in maniera qualitativa analizzando le mappe di temperatura e salinit riportate in fig. 16.4 e fig. 16.5. In questa sezione stata utilizzata una seconda procedura che ha permesso di stimare quantitativamente lestensione dellarea di upwelling a partire dalle immagini SST acquisite da satellite. Come sottolineato in precedenza, la circolazione superficiale nel bacino occidentale del mare Mediterraneo, nello Stretto di Sicilia e nello Ionio principalmente rappresentata dal movimento verso est dellacqua Atlantica modificata (MAW). Lungo il suo percorso, dallo Stretto di Gibilterra verso il bacino orientale, lacqua Atlantica viene riscaldata e miscelata con l acqua del Mediterraneo cosicch la MAW diviene sempre pi calda e salata man mano che procede verso est. Il processo non trova riscontro solo in quelle aree interessate da fenomeni di risalita di acque pi profonde. Tali zone, tipicamente costiere o in corrispondenza di aree con circolazione ciclonica, evidenziano una temperatura superficiale dellacqua decisamente inferiore rispetto a quella della MAW. A partire da tali considerazioni, stata implementata una procedura automatica che sulle mappe di SST media mensile ha stimato lestensione dellarea interessata da upwelling lungo la costa Siciliana. Lapplicazione di tale procedura mostrata, a titolo di esempio, fig. 16.6, nella quale lestensione delle aree stimate lungo la costa Siciliana valutata a partire da mappe medie mensili di SST relative ai soli mesi di luglio (periodo 2003 2006).

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o

fig. 16.6: Risultato dellelaborazione effettuata sulle mappe SST per la stima dellestensione dellarea di upwelling (periodo 2003-2006). 5

In tab. 16.2 vengono riportati (in km2) le estensioni stimate per lintera area nello Stretto di Sicilia per il periodo 1997 2006.
tab. 16.2: Stima dellarea interessata da upwelling a partire dalle mappe SST medie mensili acquisite via satellite.
Mese Area di upwelling (km2) 7243.60 lug-97 8335.69 lug-98 14509.11 lug-99 8133.62 lug-00 7090.60 lug-01 9684.84 lug-02 17347.77 lug-03 9675.16 lug-04 17038.01 lug-05 8309.07 lug-06 Fonte: IAMC-CNR, Mazara del Vallo 241 Cap. 16

Fonte: IAMC-CNR, Mazara del Vallo

16.1.1.7 Campagna oceanografica Bansic 2005


In questo paragrafo si fa riferimento allunica campagna oceanografica che ha avuto la maggiore copertura spaziale nelle acque che circondano la Sicilia (fig. 16.7 e fig. 16.8). Il campo di temperatura alla profondit di 5 m evidenzia unampia area caratterizzata da bassi valori della temperatura lungo la costa meridionale, da Marsala al Golfo di Gela; condizione che facilmente collegabile al fenomeno di upwelling. evidente nella fig. 16.7 la notevole differenza tra le temperature superficiali nelle zone costiere dello Stretto di Sicilia e quelle lungo le coste ioniche e tirreniche. Il campo di salinit alla profondit di 5 m (fig. 16.8) evidenzia alcune delle tipiche strutture connesse alla circolazione dellacqua superficiale: larea circostante lisola di Pantelleria interessata dai pi bassi valori della salinit, a testimonianza del fatto che il nucleo principale dellacqua atlantica modificata si trova intorno alla stessa isola; le acque lungo la costa meridionale della Sicilia sono caratterizzate da valori pi elevati della salinit (38 ) rispetto a quelli rilevati al largo. Valori da mettere in relazione a lla risalita di acqua sub-superficiale (upwelling); il tipico fronte di salinit in corrispondenza di Capo Passero si sviluppa, a partire dalla costa, in direzione sud-est; nellarea dello Ionio occidentale sono stati registrati i valori pi elevati di salinit superficiale mentre valori intermedi sono stati rilevati nel Tirreno meridionale.

In ciascuna immagine sono state evidenziate le sole aree interessate da upwelling colorando in maniera omogenea le rimanenti aree

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

242 Cap. 16 Cap. 16

Per le tre zone i profili di temperatura e salinit sono stati riportati sul piano TS di fig. 16.9 (temperatura potenziale vs. salinit) con colori differenti. Le coste della Sicilia (Tirrenica, Ionica e sullo Stretto di Sicilia) sono interessate da circolazioni di masse dacqua decisamente differenti. Per quanto riguarda la circolazione dell acqua atlantica modificata (MAW), la fig. 16.9 evidenzia per lo Stretto di Sicilia la MAW con valori pi bassi di salinit, corrispondente al ramo principale di acqua atlantica che si dirige verso est. Per la costa Tirrenica la MAW ha una salinit maggiore a causa del rimescolamento del ramo secondario di acqua atlantica con le acque del Tirreno. Lungo le coste Ioniche della Sicilia la MAW ha valori di salinit decisamente pi elevati e risente della circolazione ciclonica tipicamente individuata nello Ionio occidentale.
fig. 16.7: Campo della temperatura alla profondit di 5 m. Campagne oceanografiche Bansic 2005 e MedSudMed 2005 fig. 16.8: Campo della salinit alla profondit di 5 m. Campagne oceanografiche Bansic 2005 e MedSudMed 2005.

Fonte: IAMC-CNR, Mazara del Vallo

Fonte: IAMC-CNR, Mazara del Vallo

Per quanto riguarda lacqua levantina, corrispondente nei profili di fig. 16.9 alle zone con i valori pi elevati di salinit e densit potenziale ( 0), la stessa figura mette in evidenza come la LIW abbia valori simili nello Ionio e nello Stretto di Sicilia ( 0 = 29.17 kg/m3), mentre nel Tirreno meridionale lacqua levantina assuma valori minori di salinit e densit potenziale ( 0 = 29.1 kg/m3).
fig. 16.9: Piano TS con tutti i profili acquisiti nel corso delle campagne ocea nografiche Bansic 2005 e MedSudMed 2005
Blu: Tirreno meridionale Verde: Ionio Rosso: Stretto di Sicilia Nero: isolinee di densit potenziale (0).

Fonte: IAMC-CNR, Mazara del Vallo

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o 16.1.2 Le specie non indigene6

Il fenomeno dellintroduzione, della migrazione e dellinsediamento di specie marine non i ndigene (NIS, Non Indigenous Species) o specie aliene invasive (IAS, Invasive Alien Species) oggi un problema di scala mondiale con gravi ripercussioni sulla biodiversit, leconomia e la salute umana delle aree interessate. Il Mediterraneo con 973 specie non indigene sino ad oggi ritrovate (Zenetos et al., 2006) il mare europeo pi invaso poich alle vie di introduzione volontaria (acquacoltura, acquariologia, importazione di NIS vive) ed involontaria (acque di zavorra, fouling, patologie) si aggiunge limmigrazione attraverso vie naturali (Stretto di Gibilterra) ed artificiali (Canale di Suez). Il f enomeno stato, negli ultimi anni, accelerato dal cambiamento climatico (Andaloro & Rinaldi, 1998) e amplificato dallo stress di molte specie ed ecosistemi mediterranei a causa del sovrasfruttamento delle risorse e dellinquinamento. Lintroduzione di NIS pu alterare gli ecosistemi naturali, la catena trofica, i rapporti preda predatore. Nel bacino orientale del Mediterraneo, in particolare in Libano, linsediamento degli erbivori lessepsiani Siganus rivulatus e Siganus luridus incide sulla popolazione dellerbivoro nativo Sarpa salpa. In Sicilia si assiste a fenomeni di partizione delle risorse tra Siganus luridus e Sarpa salpa (Azzurro et al., 2007). Nei mari europei la problematica ha assunto una rilevanza tale da diventare obbiettivo primario delle azioni del countdown 2010 (SEBI 10, WG5) e della nuova convenzione di Barcellona. Nel bacino orientale del Mediterraneo, in particolare lungo le coste israeliane, molte specie lessepsiane hanno assunto un ruolo importante per la pesca rivestendo valore commerciale, fenomeno che si verifica anche in Turchia e in Grecia. In questi luoghi, tra le NIS commercializzate, sono rilevanti in termini di biomassa Upeneus pori, Upeneus moluccensis e Siganus luridus, questultima potrebbe in futuro assumere anche qui importanza alimentare, cos come gi acc aduto per Seriola fasciata (Andaloro et al., 2005), specie insediata e commercializzata, sebbene confusa con la congenere indigena Seriola dumerili. Anche per Fistularia commersonii, le catture in Sicilia risultano sempre pi frequenti e se ne comincia a testare ledibilit. Particolare rilievo stanno assumendo in Mediterraneo anche le NIS tossiche da un punto di vista alimentare come Sphoeroides pachygaster e pi recentemente Sphoeroides marmoratus e Lagocephalus sceleratus, questultimo nel 2007 ha causato vittime in Egitto. In questa edizione della Relazione sullo Stato dellAmbiente (RSA) si riporta un aggiornamento alla versione precedente delle NIS ritrovate in Sicilia dal 2005. Le fonti prevalenti sono i rapporti elaborati dal gruppo di lavoro WGITMO ( Working Group on Introductions and Transfers of Marine Organisms) dellICES (International Council for the Exploration of the Sea) e la banca dati dellICRAM (Istituto Centrale per la Ricerca scientifica e tecnologica Applicata al Mare). LICRAM conduce dal 2000, nellambito di una convenzione stipulata con il Minis tero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il programma Identificazione e distrib uzione nei mari italiani di specie non indigene. Nellambito di questo programma, lICRAM ha anche realizzato un atlante biologico ed ecologico delle NIS con la cartografia georeferenziata della loro distribuzione, la rete di esperti nazionali per il loro monitoraggio, la chek-list delle specie ittiche non indigene importate in Italia per acquacoltura ed acquariologia, la banca dei tessuti

243 Cap. 16

In collaborazione con ICRAM: Franco Andaloro, Luca Castriota, Francesco Maria Passarelli.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

244 Cap. 16 Cap. 16

delle specie NIS, e lapplicazione dei protocolli internazionali sulle acque di zavorra. Inoltre, lICRAM opera anche in collegamento con alcune banche dati internazionali come DAISIE ( Delivering Alien Invasive Species Inventories for Europe), ERNAIS (European Research Network on Aquatic Invasive Species), ISSG (Invasive Species Specialist Group) IUCN (the International Union for the Conservation of Nature and Natural resources), SEBI 2010 (Streamlining European 2010 Biodiversity Indicators ), RAC/SPA. Di seguito sono riportate le informazioni riguardanti i ritrovamenti e la distribuzione delle NIS nei mari siciliani relative agli ultimi anni.
Simbolo Fonte di segnalazione Castriota L., Falautano M., ICRAM, Palermo ICRAM Zava B. Wilderness Studi Ambientali s.n.c. G. Insacco. Museo Civico di Storia Naturale di Comiso.

^ *

16.1.2.1.1 Pesci ossei


Tra le segnalazioni di pesci nei mari siciliani, vi un esemplare di ricciola atlantica, Seriola rivoliana (foto 16.1), la cui prima segnalazione per il Mediterraneo avvenuta a Lampedusa nel 2002, nuovamente avvistata, nelle acque di Lampedusa* (Castriota et al., 2004). Tali catture sono definite occasionali considerato che non vi sono altre segnalazioni di questa specie in tutto il Mediterraneo, per cui possibile che non vi sia stato ancora un suo insediamento nei nostri mari.
foto 16.1: Seriola rivoliana.

Fonte: ICRAM

Un esemplare di clupeide indopacifico, Etrumeus teres (Falautano et al, 2006) stato catturato a Lampedusa; anche questa specie oggi da ritenersi occasionale nelle nostre acque, sebbene si sia gi bene insediata nelle acque greche e non escluso possa ricomparire anche nelle nostre.
foto 16.2: Etrumeus teres

Fonte: ICRAM

In Sicilia si riscontra sempre pi frequente la cattura di Fistularia commersonii (fig. 16.10); diversi esemplari sono stati catturati lungo la costa meridionale presso Porto Palo di Capo Passero (2006), Scoglitti (2007), Selinunte (Milazzo et al., 2006) (2007)^, Sciacca (20052007)^(2007), Isole Pelagie^; lungo la costa occidentale, presso le Isole Egadi (2006)^(2007), lungo la costa settentrionale presso Punta Raisi (2007), Capo Gallo (2007), Mondello (2007).

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o

Siganus luridus, un lessepsiano insediato nelle isole Pelagie, stato recentemente segnalato anche nella costa settentrionale siciliana (Castriota & Andaloro, 2005). Sphoeroides pachygaster, un pesce di origine fig. 16.10: Distribuzione di Fistularia comatlantica ormai molto frequente in tutto il Meditermersonii in Sicilia raneo (Psomadakis et al., 2006) continua ad essere catturato frequentemente. Questo pesce, appartenente alla famiglia Tetrodontidae, produce una tossina, la tetrodotossina, localizzata principalmente nel fegato. Sono riportate catture sporadiche di Seriola carpenteri e Stephanolepis diaspros nelle acque lampedusane. Nello Stretto di Sicilia vengono segnalati come NIS gli indopacifici Upeneus moluccensis e Leiognathus klunzingeri, e gli atlantici Beryx splendens, Chaunax suttkusi, Gephyroberyx darwini, Pisodonophis semicinctus, Solea (Microchirus) boscanion, Psenes pellucidus, Solea senegalensis, Trachyscorpia cristulata echinata (BianFonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati: ICRAM; chini & Ragonese, 2007; Messina, 2002, Navarra Zava B.; Insacco G. et al., 2007)

245 Cap. 16

16.1.2.1.2 Molluschi
Le ultime segnalazioni di molluschi non indigeni nei mari siciliani, pervenute dal 2005 ad oggi, riguardano il gasteropode Cerithium scabridum, segnalato lungo la costa settentrionale siciliana nel golfo di Castellammare, nel golfo di Carini, a Capo Gallo (Scotti G.*, Chemello R.*); gli opistobranchi Aplysia dactylomela a Capo Milazzo e Bursatella leachi a Baia Taormina (Scotti G. & Antioco S.*), i bivalvi Brachidontes pharaonis e Crassostrea gigas nel porto di Milazzo. Queste specie sono state segnalate precedentemente in altre aree della Sicilia.

16.1.2.1.3 Policheti
Tra i policheti non indigeni, nel 2006 stata trovata la specie Lysidice collaris nel fouling dei piloni dei pontili antistanti il porto di Milazzo, destinati allattracco delle petroliere (Castriota L.). Questo polichete era gi noto nella Sicilia settentrionale ed orientale (Cantone et al., 1993).

16.1.2.1.4 Alghe
Tra le alghe si segnala la diffusione lungo le coste siciliane della specie Ostreopsis ovata, la cosiddetta alga killer, una microalga che appartiene alla famiglia delle Ostreopsidaceae ( foto 16.3). Si tratta di una specie tipica delle aree subtropicali e tropicali, che negli ultimi anni presente sulle coste italiane. Infatti, negli ultimi anni si verificato un forte incremento delle fioriture algali tossiche (HAB Harmful Algal Bloom) in cui una delle specie pi frequentemente coinvolta Ostreopsis ovata che produce tossine del gruppo della palitossina, una delle pi potenti biotossine marina. Le fioriture di tale alga, che avvengono in condizioni meteomarine stabili ed alta temperatura, rappresentano un vero e proprio fattore di rischio oltre che per la salute umana anche per le risorse marine; infatti elevate concentrazioni causano massive morie di benthos, sia sessile che mobile.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

foto 16.3: Aggregati di colore scuro di Ostreopsis ovata.


246 Cap. 16 Cap. 16

Fonte: ARPAT

In particolare, le manifestazioni ambientali correlate alle fioriture algali da Ostreopsis sono: formazione di schiume in superficie di colore marrone e di membrane o di materiali gelatinosi in sospensione e nella colonna dacqua; effetti di tossicit riscontrati in pesci, molluschi ed echin odermi.

16.2 Normative di riferimento


Per il quadro legislativo di riferimento si elencano le integrazioni delle normative inerenti la tematica a livello regionale, nazionale e comunitario, rispetto a quanto riportato nella RSA 2005: Direttiva 2006/44/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 settembre 2006, sulla qualit delle acque dolci che richiedono protezione o miglioramento per essere idonee alla vita dei pesci (Testo rilevante ai fini del SEE); Direttiva 2006/7/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 febbraio 2006 relativa alla gestione della qualit delle acque di balneazione e che abroga la direttiva 76/160/CEE; Direttiva 2006/11/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 febbraio 2006, concernente linquinamento provocato da certe sostanze pericolose scaricate nellambiente idrico della Comunit (Versione codificata) (Testo rilevante ai fini del SEE); 2007/697/CE: Decisione della Commissione, del 22 ottobre 2007, relativa alla concessione di una deroga richiesta dallIrlanda a norma della direttiva 91/676/CEE del Consiglio relativa alla protezione delle acque dallinquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole; Decisione quadro 2005/667/GAI del Consiglio, del 12 luglio 2005, intesa a rafforzare la cornice penale per la repressione dellinquinamento provocato dalle navi; Regolamento (CE) n. 93/2007 della Commissione, del 30 gennaio 2007, che modifica il regolamento (CE) n. 2099/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un comitato per la sicurezza marittima e la prevenzione dellinquinamento provocato dalle navi (comitato COSS) (Testo rilevante ai fini del SEE); Il Mandato di Jakarta sulla Biodiversit Marina e Costiera , il cui Programma di lavoro pluriennale sulla diversit biologica marina e costiera, adottato nel 1998 stato revisionato e aggiornato nel 2004. Tale programma concentra la sua attenzione sulla gestione integrata delle aree marine e costiere, sull'uso sostenibile delle risorse, sulle aree protette marine e costiere, sulla maricoltura e sulle specie aliene. COM(2005)504 def.: Strategia tematica per la protezione e la conservazione dellambiente marino {SEC(2005)1290};

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o

COM(2005)505: Direttiva sulla strategia per l'ambiente marino, adottata il 12/12/2007, che istituisce un quadro per l'azione comunitaria nel campo della politica per l'ambiente marino. COM(2006)216 def. Arrestare la perdita di biodiversit entro il 2010 e oltre - Sostenere i servizi ecosistemici per il benessere umano {SEC(2006) 607} {SEC(2006) 621}. COM(2006)275: Libro verde Verso una futura politica marittima per l'Unione. Decreto del ministero dellambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 5 Luglio 2007 Elenco dei siti di importanza comunitaria per la regione biogeografica mediterranea in Italia, ai sensi della direttiva 92/43/CEE; Decreto del ministero dellambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 5 Luglio 2007 Elenco delle zone di protezione speciale (ZPS) classificate ai sensi della direttiva 79/409/CEE; Direttiva del Consiglio n. 91/493/CEE, GURI n. 88 del 14 novembre 1991 2a serie speciale, prevede che Prima dell'immissione sul mercato per il consumo umano i pesci e i prodotti ittici devono essere sottoposti ad un controllo visivo per campionatura per la ricerca dei parassiti visibili. Circolare 11 marzo 1992, n. 10. Direttive e raccoma ndazioni in merito alla presenza di larve di Anisakis nei pesci. GU. n. 62 del 14 marzo 1992. Tra i principali riferimenti a livello comunitario per le specie aliene vi la COM/2006/0216 def., con specifici punti dedicati quali il Controllo delle specie esotiche e Ridurre sensibilme nte limpatto delle specie esotiche invasive e dei genotipi esotici sulla biodiversit. Sono sta te prodotte, inoltre, negli ultimi due anni, su questa problematica, numerose raccomandazioni tra le quali le linee guida delICES, i piani dazione del RAC -SPA, le indicazioni di SEBI 10, le raccomandazioni comunitarie sullintroduzione di specie non indi gene in acquacoltura. Tra i pi rilevanti orientamenti legislativi in ambito marino-costiero si evidenziano, il Sesto programma comunitario di azione in materia ambientale dellUE, la Strategia tematica per la pr otezione e la conservazione dell'ambiente marino, la Direttiva sulle acque 2000/60/CE e la Direttiva sulla strategia per l'ambiente marino. Disposizioni finalizzate a supportare la formulazione di strategie marine che dovranno contenere una valutazione dettagliata dello stato dell'ambiente e la definizione di chiari obiettivi ambientali nonch programmi di monitoraggio. Tra tali normative si sottolinea la Direttiva sulla strategia per l'ambiente marino, che si pu considerare una pietra miliare della costruzione della politica ambientale per lambiente marino. LUE, mediante tale direttiva, dispone misure affinch ciascuno Stato membro, in stretta cooperazione/partenariato con gli altri Stati membri interessati e i paesi terzi allinterno di una regione marina, elabori strategie per la salvaguardia dellambiente marino. In ambito regionale, si ricorda lemanazione, ogni anno e prima dellinizio della stagione ba lneare, da parte della Regione Siciliana, di un Decreto Assessoriale che fornisce indicazioni circa la balneabilit delle zone al 1 aprile (inizio del monitoraggio), determinata sulla base dei controlli effettuati nel corso della stagione precedente (art. 6 D.P.R. 470/82 e ss.mm. e ii.).

247 Cap. 16

16.3 Interazioni con lambiente


I principali impatti ambientali che interessano lambiente marino sono legati a lle modifiche degli habitat marini e costieri a seguito di attivit antropiche quali: insediamenti urbani (scarichi di rifiuti, reflui, sostanze pericolose, rimodellamento delle coste, modifica delle correnti), processi industriali (scarichi, emissioni di contaminanti, vernici, metalli pesanti), agricoltura (pesticidi, antiparassitari, concimi chimici trasportati dalle acque di dilavamento dei terreni agricoli), turismo, trasporti marittimi e da diporto (sversamenti accidentali di sostanze tossiche, vernici antivegetative, trasferimento di organismi alloctoni), pesca (eccessivo prelievo di pesce, uso di attrezzi di pesca che danneggiano il fondale), acquacoltura (difffusione di nutrienti, antibiotici, nuove specie di organismi). I danni principali si manifestano sotto forma di compromissione di habitat e di zone ad alto pregio naturalistico, perdita di diversit biologica, alterazione della linea di costa, inquinamento delle acque marine, perdite economiche.
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

248 Cap. 16 Cap. 16

In merito allinquinamento industriale, non vanno dimenticate realt difficili come quelle degli insediamenti produttivi di Gela, Priolo e Milazzo, le cui attivit insistono pesantemente sul territorio con il rilascio di sostante nocive e tossiche sullambiente terrestre, marino e conseguentemente sulla salute umana di chi abita nelle aree circostanti. Una trattazione relativa ai siti di Gela, Priolo e Milazzo inserita allinterno del capitolo Siti contaminati della presente relazione. Attenzione particolare volta alla problematica dellerosione dell e coste, per la trattazione della quale si rimanda al capitolo Rischi naturali. Le cause dellerosione costiera sono differenti e concorrono insieme a dar luogo al fenomeno. Le principali sono legate allazione delluomo, come nel caso delle costruzioni marittime che alterano le dinamiche delle correnti e degli insediamenti urbani insistenti sulle coste. Tuttavia, oggi, sono da considerare anche quelle cause che sono legate ai mutamenti globali, come per esempio, i cambiamenti climatici. Riguardo le specie non indigene, lintroduzione di tali specie pu causare effetti a differenti livelli di organizzazione biologica: a livello individuale (introducendo parassiti o altri organismi patogeni), a livello di popolazione (genetico), di comunit (strutturale), di habitat (condizioni chimico-fisiche biocenosi) e dellecosistema (alterazione dei flussi energetici e organici). Tutto ci pu avere ripercussioni a livello economico. Per tali ragioni lintroduzione di specie aliene recentemente stata definita inquinamento biologico o bioinquinamento. Un esempio di interazione con lambiente sono le fioriture algali ( harmfull algae) che provocano alterazione dei livelli di ossigeno, di nutrienti, pH, trasparenza, causando moria di pesci. In particolare, le fioriture di O. ovata, rappresentano un fattore di rischio per le risorse marine, poich le elevate concentrazioni dellalga nelle acque causano massive morie del benthos, sia sessile che mobile. Altri effetti sono stati segnalati in organismi che vivono nel piano mesolitorale e nellinfralitorale e cio, Patella sp., Monodonta turbinata, Actinia equina, per le quali si sono registrate modifiche a livello di popolazione. Per altre specie, come Mitylus galloprovincialis, Paracentrotus lividus, Octopus vulgaris, sono state registrate morie e alterazioni morfofunzionali. Riguardo laspetto oceanografico, la caratterizzazione della circolazione nello strato superf iciale (0 200 m) pu influire sulle strategie riproduttive e sul reclutamento delle risorse marine. In bibliografia sono riportati riferimenti ad alcuni studi relativi allinfluenza dei processi oceanografici sullecologia delle specie alieutiche. In particolare, nello Stretto di Sicilia, area in cui lIAMC-CNR ha svolto e svolge studi e ricerche con una certa regolarit, si osservato che alcune specie ittiche come le sardine, le acciughe, le triglie di fango e i totani sono particolarmente influenzate dal regime della circolazione e dai campi di temperatura. In particolare la circolazione Atlantico-Ionica influirebbe l trasporto delle uova e delle larve dalla parte nord-occidentale della piattaforma meridionale siciliana sino allarea antistante Capo Passero, riducendo la mortal it di uova e larve, permettendo un accrescimento veloce e quindi una buona riuscita del reclutamento alla pesca. Tale caratteristica nelle specie ittiche a vita breve sinonimo di accrescimento nella biomassa complessiva se si considera che i piccoli pelagici costituiscono inoltre la base della piramide alimentare nellecosistema marino determinando il passaggio di energia dai livelli pi bassi autotrofici e consumatori primari (fitoplankton e zooplankton) ai livelli pi alti quali i grandi pelagici (tonni, ricciole, etc.) ed infine luomo stesso come consumatore finale

16.4 Tendenze
La migrazione di NIS indopacifiche mostra un incremento sia attraverso il Canale di Suez che dallAtlantico. Lincremento di migranti lessepsiani amplificato dai cambi di salinit del Canale (dilavamento dei laghi amari) e del delta del Nilo (diga di Assuan). I riscaldamento globale e lo stress di molte popolazioni ed ecosistemi mediterranei favoriscono la penetrazione e linsediamento di NIS. Riguardo le condizioni oceanografiche lanalisi dei dati raccolti dallIAMC -CNR mette in evidenza una elevata variabilit delle condizioni oceanografiche soprattutto nello Stretto di Sicilia,

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o

area in cui da diversi anni vengono monitorate le variabili ambientali. Poche informazioni sono disponibili per le aree costiere del basso Tirreno e dello Ionio per cui non possibile osservare alcuna tendenza.

16.5 Impatto sulla salute della popolazione


Una delle problematiche emerse negli ultimi anni che riguarda la salute umana quella relativa alla proliferazione delle microalghe marine potenzialmente tossic he per luomo. Leccessiva proliferazione delle alghe che si manifesta sotto forma di vere esplosioni (o bl oom) algali dovuta spesso alleccessivo carico di nutrienti provenienti dagli scarichi di reflui u rbani ed industriali a mare. Chiaramente, tali fenomeni sono influenzati dalle caratteristiche chimico-fisiche e idrodinamiche dei corpi idrici. Le zone a basso ricambio idrico sono, in generale, quelle a maggior rischio di accumulo di nutrienti e conseguentemente, quelle in cui si verificano pi frequentemente le fioriture algali, che sono da mettere in relazione con stati eutrofici delle acque. La frequenza di tali fenomeni ed il presunto impatto sulla salute umana, hanno indotto nel 2003, lOrganizzazione Mondiale della Sanit (OMS) ad occuparsi della problematica nellambito delle Guidelines for safe recreational water environments, sulla base delle quali stata elaborata la nuova Direttiva Europea (2006/7/CE del 15 febbraio 2006) e relativa alla gestione della qualit delle acque di balneazione. Luso ricreativo delle acque marine stato associato alla presenza di disturbi a carico dellapparato respiratorio, probabilmente dovuti allinalazione di aerosol marino in cui erano pr esenti frammenti di alghe marine nocive. Un caso eclatante quello avvenuto nel Golfo del Messico, in cui si verificarono delle maree rosse (red tides) associate alla proliferazione di Karenia brevis che produce brevetossine. La sintomatologia associata allesposizione da Karenia brevis si mostrata molto simile a quella attribuita allesposizione da Ostreopsis ovata. una microalga (genere Ostreopsis, ordine Gonyaulacales, classe Dinoficeae) la cui distribuzione tropicale-sub tropicale. Le alghe del genere Ostreopsis, tra cui O.ovata. O. siamensis, O. lenticularis, O. heptagona, O. mascarenensis, O. labens sono alghe potenzialmente tossiche Dal punto di vista sanitario, limportanza del fenomeno dovuta, non solo alla possibilit di inalazione di aereosol contenente le tossine prodotte dalle alghe, ma anche al possibile accumulo delle stesse tossine nei prodotti ittici destinati al consumo umano. L OMS, esistendo un rischio per la salute umana associato alla presenza di alghe tossiche marine, ha ritenuto opportuno suggerire la messa in atto di piani di monitoraggio per il controllo delle potenziali alghe tossiche. Altre fioriture algali, che possono creare danni alla salute umana, dovute alle alghe potenzialmente tossiche Prorocentrum lima (microalga epifita bentonica) e Coolia monotis (alga dinoflagellata bentonica) che producono rispettivamente acido okadaico e tossine, sono ancora oggetto di studio. Le regioni italiane in cui si sono stati segnalati disturbi respiratori nell uomo sono quelle indicate in rosso nella cartina sottostante (fig. 16.11).

249 Cap. 16

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

250 Cap. 16 Cap. 16

I primi fenomeni dintossicazione umana probabilmente attribuibili alla presenza dellOstreopsis, si sono verificati in concomitanza con delle fioriture algali avvenute a Genova nel 2005. Fenomeno di intossicazione verificatosi nello stesso anno in Sicilia contemporaneamente alla segnalazione di Ostreopsis spp. Nei nostri mari. Molte persone, infatti, erano entrate in contatto con lacqua senza immergersi in mare, presentando disturbi tra i pi disparati, tra cui stati febbrili, tosse, dispnea, cefalea, nausea, rinorrea, congiuntivite, dermatite, dolori muscolari e articolari, etc. Lo Sphoeroides pachygaster se consumato pu dare gravi intossicazioni sino alla morte Un altro fenomeno sempre pi diffuso il verificarsi di manifestazioni morbose nelluomo, soprattutto a carico dellapparato gastroenterico, che possono verificarsi in seguito ad ingestione di pesce contenente larve vive del parassita Anisakis.
fig. 16.11: Distribuzione di Ostreopsis e relativi disturbi respiratori. foto 16.4: Anisakis foto 16.5: Larve di Anisakis sulla superficie esterna dellintestino di un pesce sci abola (Lepidopus caudatus)

Fonte: Wikipedia

Fonte: CNR - Roma

L'infestazione da parassiti del genere Anisakis riguarda alcune specie ittiche quali laringa (Clupea harengus), lo sgombro (Scomber scombrus), il tracuro (Trachurus trachurus), il mel (Gadus potassou), il pesce sciabola (Lepidopus caudatus), il merluzzo (Merluccius merluccius), le acciughe (Engraulis enchrasicolus), la sardina (Sardina Pilchardus) e le triglie (Mullus spp) ed ha una variabilit stagionale con prevalenza nel tardo autunno e nell'inverno. Nella Circolare 11 marzo 1992, n. 10 Direttive e raccomandazioni in merito alla presenza di larve di Anisakis nei pesci (GU n. 62 del 14 marzo 1992) si possono trovare indicazioni a riguardo.

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o

16.6 Proposte e politiche di mitigazione


16.6.1 Monitoraggio
251 Cap. 16

In merito alle problematiche legate ai possibili effetti tossici dovuti alle fioriture algali, dal punto di vista sanitario, la regione siciliana ha provveduto ad attivare delle misure di prevenzione da intossicazione dovuta alla presenza nelle coste siciliane della microalga appartenente al genere Ostreopsis. In particolare, lARPA ha avviato, in accordo con le Linee guida per la gestione del rischio a ssociato alle fioriture di Ostreopsis ovata nelle coste italiane, emanate dal Ministero della Salute, un programma di monitoraggio delle fioriture algali. Le aree indagate sono quelle in cui, lanno scorso, si sono registrati i casi di malessere e cio: Aspra, Isola, Capaci, Erice e Trapani. Le attivit di monitoraggio saranno estese, in via preventiva, anche alle zone non interessate dal fenomeno. Inoltre, stata emanata una circolare contenente le linee guida di indirizzo sanitario e per lattivazione del sistema di allerta, che viene gestito sia dallArpa , che dai laboratori di Sanit pubblica. Inoltre, stato istituito in Regione un Tavolo tecnico di settore sulle Fioriture di cianobatteri nei corpi idrici superficiali di cui fanno parte il Dipartimento Regionale Territorio e Ambiente, lArpa, il Commissario Delegato per lEmergenza Rifiuti e Tutela delle Acque e quello per lEmergenza Idrica, lUfficio Idrografico Regionale, lIspettorato Regionale Sanitario e quello veterinario, il Dipartimento Regionale Interventi Strutturali in Agricoltura e quello per i Lavori Pubblici, lAgenzia Regionale per i Rifiuti e le Acque e lUfficio Speciale della Montagna. Il t avolo rientra allinterno del preesistente Tavolo tecnico regionale sulle acque, istituito al fine di condividere le informazioni del settore delle acque e per individuare linee guida comuni. Allinterno dello stesso, si prevede anche attivit di ricerca che mira a indagare leventuale impa tto che lalga pu avere sui pesci (www.arpa.sicilia.it). Si ricorda che in Italia il monitoraggio per il riconoscimento delle micro-alghe messo in atto dal Ministero della Salute attraverso le Regioni, in adempimento del Regolamento CE 853/2004. Esistono appositi piani di sorveglianza algali in riferimento allattivit di balneazione (DL 13 apr ile 1993 n. 109, convertito con modificazioni nella Legge 12 giugno 1993 n. 185), nonch programmi di monitoraggio dellambiente marino-costiero svolti dal Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare, in adempimento alla L.979/82, per le analisi quali-quantitative delle microlaghe pelagiche. Proprio le politiche preventive che riguardano la qualit delle acque marine sono attuate tramite il Programma Ministeriale di Monitoraggio della qualit delle acque marino-costiere della Regione Siciliana, avviato nel marzo 2003 ai sensi della legge 31/12/1982 n.979. Le informazioni raccolte tramite il monitoraggio confluiscono nella banca dati del Sistema Difesa Mare-Si.Di.Mar. (www.sidimar.ipzs.it). Inoltre, le indagini riguardano anche la caratterizzazione della profondit e della tipologia del limiti inferiore della prateria di Posidonia oceanica. In merito alla lotta dallinquinamento in mare, il Ministero dellAmbiente ha attivato un serv izio pubblico che, con lutilizzo di imbarcazioni specializzate, finalizzato alla prevenzione e alla lotta allinquinamento marino lungo la costa italiana. Il servizio si prefigge di prevenire i danni dovuti soprattutto agli sversamenti da idrocarburi e da altre sostanze tossiche. Le imbarcazioni utilizzate sono unit di altura, unit litoranee/alturiere ed unit costiere. Le unit costiere monitorano soprattutto le aree di mare in cui ricadono aree marine protette o comunque zone ad alto pregio ambientale. Il servizio ha un duplice r uolo, in quanto mira, sia a prevenire linquinamento lungo le rotte programmate in mare, sia a intervenire nelle situazioni di emergenza causate dallo sversamento accidentale di idrocarburi.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

16.6.2
252 Cap. 16 Cap. 16

Monitoraggio aspetti oceanografici

Da alcuni anni vengono effettuati, in diversi Paesi del mondo, studi e ricerche mirati alla valutazione dellinfluenza delle variabili ambientali sulle fluttuazioni delle risorse biologiche del mare. Per poter fornire dati e analisi utili allinterpretazione di tali fluttuazioni, ne cessario monitorare con una certa regolarit sia le variabili ambientali e sia le risorse alieutiche in generale. In tale contesto, la proposta che pu essere avanzata riguarda lattivazione, nelle acque siciliane, di piani pluriennali di monitoraggio delle risorse biologiche del mare e dello stato (oceanografia, inquinamento, ecc.) dellambiente in cui tali risorse vivono.
16.6.3 Piani e Programmi

In merito alle problematiche legate allerosione costiera, allinterno del nuovo Programma Operativo Regionale FESR, nellambito del Quadro Strategico Nazionale per le regioni italiane dellobiettivo Convergenza 2007-2013 (Fondi strutturali Regolamento (CE) n. 1083 del 2006), la Regione Siciliana ha previsto alcuni interventi al fine di contrastare tale fenomeno. In particolare, allinterno dellasse 2 dello stesso programma, dedicata alluso efficiente delle risorse naturali, lobiettivo operativo 2.3.1-Realizzazione di interventi infrastrutturali prioritari previsti nei PAI approvati, nella pianificazione di protezione civile e per la prevenzione e mitigazione dei rischi, anche ad integrazione di specifiche azioni del PRSR Sicilia, prevede la messa in opera di 15 interventi per la protezione delle coste. Tale obiettivo, declina l obiettivo specifico 2.3 - Attuare la pianificazione nel settore del rischio idrogeologico, sismico, vulcanico, industriale e ambientale e attuare i piani di prevenzione del rischio sia antropogenico che naturale. Inoltre, la Regione Siciliana coinvolta nei programmi rientranti nellObiettivo Cooperazione Territoriale Europea, tra cui il PO ENPI Mediterraneo, per mezzo del quale la regione si impegna allattuazione di azioni comuni nellarea della cooperazione riguardanti la lotta al degrado a mbientale come ad es. lerosione delle coste, la prevenzione dei rischi, la protezione e la lotta contro linquinamento marino. Altro aspetto di grande rilievo quello che riguarda i flussi turistici, soprattutto quelli poco destagionalizzati, che incidono negativamente sullo stato di qualit dellambiente marino, andando a modificare la qualit delle acque e lo stato ambientale delle coste. A tal proposito, la Regione Siciliana, ha individuato sempre allinterno del PO FESR ed in coerenza con il FEP, una strategia tesa alla valorizzazione delle iniziative di diversificazione e destagionalizzazione turistica, includendo anche quelle legate al settore del mare e della pesca. In particolare, lObiettivo Operativo 3.3.2 Valorizzare le iniziative di diversificazione e destagionalizzazione turistica al fine di sviluppare la competitivit dellofferta regionale nei mercati rilevanti, dedicato alla diversificazione ed alla destagionalizzazione dellofferta turistica regionale, basata anche su pesca-turismo, ittiturismo e diportismo nautico. Lobiettivo 3.3.2, allinterno dellasse 3 Valorizzazione delle identit culturali e delle risorse paesaggistico-ambientali per lattrattivit turistica e lo sviluppo, declina lobiettivo specifico Rafforzare la competitivit del sistema turistico siciliano attraverso la mpliamento, la riqualificazione e la diversificazione dellofferta turistica ed il potenziamento di investimenti produttivi delle filiere turistiche.
16.6.4 Le azioni di tutela dellambiente marino costiero

Le politiche di conservazione favoriscono, mediante l applicazione di diverse azioni di tutela, la salvaguardia dellambiente, ma ancor pi svolgono un importante ruolo nellambito dello sv iluppo sostenibile in quanto oltre alla protezione dellambiente promuovono la crescita culturale e socio-economica dellarea. Infatti, i vincoli di tutela, oltre ad avere lobiettivo di proteggere gli habitat e le specie in una determinata area marina e costiera, conservare quindi la biodiversit ed i vari processi ecologici,

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o

sono finalizzate ad incentivare luso sostenibile delle risorse, tramite la gestione e la regolamentazione delle attivit realizzabili allinterno, quali ad es. la pesca, la navigazione, il turismo, pr omuovendo quindi attivit compatibili con lambiente, leducazione ambientale, storico e culturale dellarea e di conseguenza la ricerca. Sulla base della Legge Quadro sulle aree protette 394/91 (art. 2), si distinguono due tipologie di aree. Le Aree Marine Protette, sono definite ai sensi del Protocollo di Ginevra relativo alle aree del Mediterraneo particolarmente protette di cui alla L. 5 marzo 1985, n. 127, mentre le Riserve Naturali Marine sono definite ai sensi della L. 31 dicembre 1982 n. 979 (Disposizioni per la difesa del mare). La superficie delle acque costiere nazionali tutelata, rispetto alla superficie totale, risulta pari a circa il 30%, se si comprende il Santuario per i Mammiferi marini. Senza tale area, nonostante il leggero aumento del numero di aree marine protette istituite negli ultimi anni (quasi l1% rispetto al 2000), la superficie a mare tutelata ancora molto bassa, rappresentando soltanto il 2,8% delle acque costiere nazionali. Le Aree Naturali Protette Marine e le Riserve Naturali Marine in Sicilia sono sei (tab. 16.3). Con la recente istituzione dellArea Marina Protetta Plemmirio (proposta con il nome di Penisola Maddalena - Capo Murro di Porco) istituita con decreto del 15 settembre 2004 del Ministero DellAmbiente e della Tutela del Terr itorio (G. U. n. 32 del 9 febbraio 2005), la superficie protetta a mare si estende per circa 78.569 ettari. Le Aree Marine di Reperimento sono cinque, inoltre, in corso liter istruttorio per istituire le aree marine dellIsola di Pantelleria e delle Isole Eolie (tab. 16.4).
tab. 16.3: Aree Naturali Marine Protette (ANMP) e Riserve Naturali Marine (RNM) in Sicilia (2006)
Denominazione Tipologia Anno distituzione 12/11/1986 07/12/1989 Provincia Comune/i interessati Ustica Aci Castello Superficie a mare (ha) 15.951 623

253 Cap. 16

Isola di Ustica Isole Ciclopi (Ciclopi,Lachea, Faraglione Grande e Faraglioni Piccoli) Isole Egadi (Marettimo, Levanzo, Favignana, Formica, Maraone) Isole Pelagie

RNM RNM

Palermo Catania

RNM ANMP

27/12/1991 21/10/2002

Trapani Agrigento

Favignana Lampedusa e Linosa Palermo Siracusa

53.992 3.230

Capo Gallo Isola delle Femmine ANMP 24/07/2002 Palermo 2.173 Plemmirio ANMP 15/09/2004 Siracusa 2.600 TOTALE 78.569 Fonte: Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio EUAP 5 aggiornamento (2003), Assessorato Territorio e Ambiente della Regione Siciliana - Servizio 6 "Protezione del Patrimonio Naturale", Consorzio Plemmirio (Ente gestore dell omonima area marina protetta)

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

tab. 16.4: Elenco aree marine di prossima istituzione e di reperimento 2006


254 Cap. 16 Cap. 16 Denominazione Isola di Pantelleria Isole Eolie Provincia Trapani Messina Comune Pantelleria Lipari, Leni, Malfa, Santa Marina Salina Aci Castello Leggi istitutive L. 394/91 L. 979/82 Iter Istitutivo Istruttoria tecnica in corso Istruttoria tecnica in corso

Area marina di reperimento Siracusa Noto L. 394/91 Area marina di Pantani di Vendicari (isolotto di Venreperimento dicari) Siracusa Portopalo di Capo L. 394/91 Area marina di Capo Passero Passero reperimento (isola di Capo Passero) Trapani Marsala L. 394/91 Area marina di Stagnone di Marsala reperimento (Isole Grande, S. Maria, S.Pantaleo) Trapani Custonaci L. 394/91 Area marina di Promontorio Monte di Cofano-Golfo reperimento Custonaci Fonte: Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio - Direzione per la Protezione della Natura, Assessorato Territorio e Ambiente della Regione Siciliana - Servizio 6 "Protezione del Patrimonio Naturale" Rielaborazione ARPA Sicilia Grotte di Acicastello

Catania

L. 394/91

Tra le azioni di tutela in ambiente marino costiero si ricordano i Siti dImportanza Comunitaria approvati e proposti (SIC/pSIC), designati ai sensi della Direttiva 92/43/CEE e le Zone di protezione speciale (ZPS), individuati ai sensi della Direttiva 79/409/CEE. In riferimento alle specie NIS, coerentemente con le raccomandazioni della COM/2006/0216 def. e degli strumenti internazionali le azioni possono essere riassunte in prevenzione, mitigazione e adattamento: Prevenzione. Tra le principali azioni vanno considerate il controllo delle vie di introduzione volontarie ed involontarie come il trattamento delle acque di zavorra, il trattamento per la rimozione del fouling, lapproccio precauzionale nellimportazione di sp ecie non indigene in acquicoltura, in acquariologia e per altri scopi. Mitigazione: tra le azioni prioritarie vi la rimozione delle cause di stress degli ecosistemi e delle specie indigene, il ripristino ambientale, la pesca responsabile, la tutela delle risorse, la creazione e lampliamento di aree marine protette, il monitoraggio delle NIS e dello stato delle invasioni, la messa a punto di tecniche di non diffusione giungendo, se necessario alla lotta biologica ed alleradicazione. Adattamento: tra le misure di adattamento di rilevante importanza la creazione di sistemi di primo allarme (early warning) per le specie pericolose per la salute umana come O. ovata e tetraodontidi (pesci palla e affini), la formazione di personale qualificato e medico per fronteggiare le emergenze, linformazione presso la popolazione ed i mercati. Studi sulledibilit delle NIS, la messa a punto di tecniche di cattura. E stato sviluppato, in Mar Baltico, un metodo, che utilizza un indice a 5 classi, per valutare limpatto delle specie aliene sulle specie native, sulla comunit, sugli habitat, sul funzionamento degli ecosistemi, basandosi su schemi esistenti per valutare la qualit delle acque ai sensi della direttiva europea (WFD Directive, 2000/60/EC) (Olenin et al., 2007). Questo metodo permetterebbe di valutare quali misure di gestione attuare nei confronti delle specie NIS e lef ficacia delle proposte di gestione applicate.

Bibliografia essenziale di riferimento


Andaloro F. & Rinaldi A., 1998 - Fish biodiversity change in Mediterranean Sea as tropicalisation phenomenon indicator. In: Indicator for Assessing Desertification in the Mediterranean. E. G. DAngelo and C. Zanolla (eds.). pp. 201 -206. Rome, A.N.P.A Andaloro F., Falautano M., Sinopoli M., Passarelli F.M., Pipitone C., Addis P., Cau A., Castriota L., 2005 - The lesser amberjack Seriola fasciata (Bloch, 1793) (Perciformes: Carangidae) in the Mediterranean: a recent colonist?. Cybium 29(2): 141-145

A o o t Am mb bi ie en nt te em ma ar ri in n oe ec c os s ti ie er ro o
ARPA Sicilia, Annuario dei dati ambientali 2006. ARPA Sicilia, Annuario dei dati ambientali 2005. Assessorato Territorio e Ambiente Regione Siciliana, Palermo. Azzurro E., Fanelli E., Mostarda E., Catra M. e Andaloro E. 2007. Resource partitioning among early colonizing Siganus luridus and native herbivorous fish in the Mediterranean: an integrated study based on gut-content analysis and stable isotope signatures. JMBA UK 87: 991998. Basilone G., Guisande C., Patti B., Mazzola S., Cuttitta A., Bonanno A., Vergara A.R., Maneiro I. (2006). Effect of habitat conditions on reproduction of the European anchovy (Engraulis encrasicolus) in the Strait of Sicily. Fisheries Oceanography, Fish. Oceanogr. 15:4, 271280. Bianchini M.L. & S. Ragonese, 2007. Presenze di specie ittiche esotiche come possibili indicatori di cambiamenti climatici: il caso dello Stretto di Sicilia. In: Clima e cambiamenti climatici: le attivit di ricerca del CNR . A cura di Bruno Carli, Giuseppe Cavarretta, Michele Colacino, Sandro Fuzzi. www.dta.cnr.it Cantone, G., 1993. Censimento dei policheti dei mari italiani: Eunicidae Berthold, 1827. Atti Soc. Tosc. Sci. Nat. Mem Serie B, 100: 229-243. Castriota L. & Andaloro F. 2005. First record of the lessepsian fish Siganus luridus (Osteichthyes: Siganidae) in the Tyrrhenian Sea. JMBA2-Biodiversity Records Published online.: http://www.mba.ac.uk/jmba/jmba2biodiversityrecords.php?5122 Castriota L., Falautano M., Greco S., Andaloro F. 2004. Second record of Seriola rivoliana Valenciennes, 1833 (Carangidae) in the Mediterranean. Cybium, 28(3): 265-266. CNR, Roma 2001, La gestione della pesca marittima in Italia. Fondamenti tecnici biologici e normativa vigente , Monografie scientifiche, Serie scienze e tecnologie dellambiente. Cuttitta A., Carini V., Patti B., Bonanno A., Basilone G., Mazzola S., Garcia Lafuente J., Garcia A., Buscaino G., Aguzzi L., Rollandi L., Morrizzo G., Cavalcante C. (2003). Anchovy eggs and larval distribution in relation to biological and physical oceanography in the Strait of Sicily. Hydrobiologia 503: 117-120. Falautano M., Castriota L., Andaloro F. 2006. First record of Etrumeus teres (DeKay, 1842) in the central Mediterranean Sea. Cybium, 30(3): 287-288. Garcia Lafuente J., Garcia A., Mazzola S., Quintanilla L., Delgado A., Cuttitta A., Patti B. (2002). Hydrographic phenomena influencing early life stages of Sicilian Channel anchovy. Fish. Oceanogr. 11: 31-44. Jereb P., Massi D., Norrito G., Fiorentino F. (2001). Preliminary observations of environmental effects on spatial distribution and abundance of Eledone cirrosa and Illex coindetii in the Strait of Sicily (Central Mediterranean Sea). ICES CM2001/K:34. Lermusiaux, P.F.J., Robinson, A.R. (2001). Features of dominant mesoscale variability, circulation patterns and dynamics in the Strait of Sicily. Deep-Sea Research I 48 1953-1997. Levi D., Andreoli M.G., Bonanno A., Fiorentino F., Garofano G., Mazzola S., Norrito G., Patti B., Pernice G., Ragonese S., Giusto G.B., Rizzo P. (2003). Embedding sea surface temperature anomalies into the stock recruitment relationship of red mullet (Mullus barbatus L. 1758) in the Strait of Sicily. Scientia Marina, vol. 67 suppl. 1, pp. 259-268. Linee guida Gestione del rischio associato alle fioriture di Ostreopsis ovata nelle coste italiane (Ministero della salute) Lo stato delle conoscenza di alcune biotossine marine prodotte da microalche bentoniche lungo le coste italiane, Cesenatico 15-17 maggio2007, Roberto Poletti - Centro Ricerche Mare-Laboratorio Nazionale di Riferimento per il Monitoraggio delle Biotossine Marine Milazzo A., Barraco B., Beltrano A.M., Cannizzaro L., Puleo M., Rizzo P., Salvo G., Vitale S. 2006. Cattura di Fistularia commersonii, Rppel, 1838 (Pisces: Fistularidae) nelle acque costiere di Selinunte (Sicilia sud-occidentale). Biol. Mar. Medit. 13 (1): 890-891. Navarra E., Cavallaro M., Morabito A., Di Natale A., 2007. Psenes pellucidus Ltken, 1880 (Pisces: Nomeidae): segnalazione di una cattura nello Stretto di Messina e del suo mantenimento in acquario 38SIBM, Santa Margherita Ligure (Ge), 28 maggio - 2 giugno 2007. Olenin S., Minchin D., Daunys D. 2007. Assessment of biopollution in aquatic ecosystems. Marine Pollution Bulletin 55: 379-394. Programma Operativo Regionale-FESR 2007-2013-Quadro Strategico Nazionale per le regioni italiane dellobiettivo Convergenza (2007-2013), 2 Agosto 2007 Psomadakis P. N., Ceddia P. and M. Vacchi, 2006. Additional record of Sphoeroides pachygaster (Pisces: Tetraodontidae) in the Tyrrhenian Sea and notes on the distribution of the species in the Mediterranean. JMBA2 - Biodiversity Records. Published online. Regione Siciliana Commissario Delegato per lEmergenza Rifiuti e Tutela delle Acque, Piano di Tutela delle Acque in Sicilia Pianificazione, Definizione degli scenari, Programma delle Misure, dicembre 2005. Robinson, A.R., Sellschopp, J., Warn-Varnas, A., Leslie, W.G., Lozano, C.J., Haley Jr., P.J., Anderson, L.A., Lermusiaux, P.F.J. (1999). The Atlantic Ionian Stream. Journal of Marine Systems 20, 129-156. Regione Siciliana, Relazione sullo Stato dellAmbiente in Sicilia 2002 Zenetos A., Cinar M.E., Pancucci M.A., Papadopulo, J.G. Harmelin, G.Furnari, F.Andaloro, N. Bellou, N.Streftaris And H. Zibrowius, 2006 Annotaded list of marine alien species in Mediterranean with records of the worste invasive species (Mediterranean marine sciences vol 6/, 63 118.)

255 Cap. 16

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

256 Cap. 16 Cap. 16

Siti web http://eea.europa.eu http://eur-lex.europa.eu/it http://www.apat.gov.it http://www.arpa.emr.it http://www.arpa.sicilia.it/ http://www.arpat.toscana.it/ http://www.euroinfosicilia.it http://www.minambiente.it http://www.ministerosalute.it http://www.regione.sicilia.it http://www.sinanet.apat.it http://www.tutelamare.it

Glossario
ASPIM: Aree Specialmente Protette di Importanza Mediterranea. ENPI: Strategy Paper on European Neighbourhood and Partnership Instrument FEP: Fondo Europeo per la Pesca FESR: Fondo Europeo Sviluppo Regionale OMS: Organizzazione Mondiale Sanit PAI: Piano Assetto Idrogeologico RAC/SPA: Regional Activity Centre for Specially Protected Areas

Acque interne

Ornella Navarra Tramontana, TFA MATTM Antonino Genovesi, TFA MATTM

Acque interne

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

258 Cap. 17 Cap. 17

17. A Ac cq qu ue ei in nt te er rn ne e

Lacqua una risorsa fondamentale sia per la crescita e lo sviluppo di un paese (per soddisfare i bisogni primari e le necessit connesse allo svolgimento delle attivit antropiche), sia come veicolo per allontanare e reintrodurre nellambiente i residui del metabolismo umano e dei cicli produttivi. Nel primo caso, lo sfruttamento idrico (civile, agricolo ed industriale) pu essere tale, per modalit ed entit di prelievo, da determinare limpossibilit di ricarica degli acquiferi, la riduzione del livello di qualit delle stesse acque o la modifica dellambiente idrico fluviale. I prelievi a fini produttivi, inoltre, costituiscono un problema, quando limitano la disponibilit dellacqua potabile per gli usi civili, soprattutto quando tale risorsa tende a diventare scarsa per effetto dellinquinamento e del venire meno del bilanciamento del ciclo idrico. Nel secondo caso, lutilizzo dei corpi idrici, in particolare dei corsi dacqua superficiali, come ricettori degli scarichi dei reflui industriali e civili, spesso non sufficientemente depurati o commisurati alle capacit di assorbimento del carico inquinante, allorigine della perdita di qualit delle acque e delle limitazioni alluso delle stesse, anche a fini balneabili, nonch della compromissione dellecosistema, con riduzione della possibilit di vita dei pesci. In questo capitolo si cercato di fornire un quadro generale sullo stato delle acque interne della Sicilia, in termini di sostenibilit che, considerando la complessit dellargomento trattato e leterogeneit degli aspetti ad esso connessi, non ha pretesa di essere esaustivo, rimanendo pur tuttavia un utile punto di partenza per la futura programmazione degli interventi nel settore idrico.

17.1 Caratteristiche strutturali


Lidrosfera occupa due terzi della superficie del pianeta e permette lo scambio di sostanze ed energia tra tutti gli ecosistemi, attraverso il ciclo dellacqua che si sviluppa tra la terra e gli strati bassi dellatmosfera. Lacqua esercita una fondamentale azione di modellamento del paesaggio e la presenza delle masse dacqua condiziona e caratterizza le situazioni dinamiche locali e regionali. Attraverso gli apporti meteorici, lacqua si distribuisce in una variet di corpi idrici che, nel complesso, possono essere raggruppati in alcune classi: i corsi dacqua, rappresentati da fiumi e torrenti; i laghi e gli invasi; le acque di transizione, rappresentate dalle zone di foce dei fiumi, dai laghi, dalle lagune e dagli stagni costieri, in cui si verifica uninterazione tra acque dolci e salate; le acque marine e le acque sotterranee. Il fiume un corso dacqua che nasce dallaffioramento di acquiferi sotterranei alimentati da precipitazioni piovose o dallo scioglimento di nevi o ghiacciai. Dal punto dellaffioramento, che si chiama sorgente, il fiume comincia con un percorso in discesa, con pendenza variabile, su un tracciato (anchesso variabile nel tempo), che determina un solco, detto letto, che costituisce anche il fondo di una valle, che non altro che il risultato del lavoro derosione compiuto dal fiume stesso nel corso di secoli. Il torrente un corso dacqua caratterizzato, rispetto ad un fiume, da una scarsissima alimentazione da nevai o altre sorgenti regolari e costanti, da una notevole pendenza dellalveo a monte e da unalternanza marcata fra le magre estive e le piene autunnali e primaverili. In generale, i torrenti si originano a monte in un bacino a forma dimbuto, che termina in un canale
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q Ac c qu ue ei in nt te er rn ne e

di scolo, dove si incanalano le acque meteoriche ed i materiali alluvionali. I torrenti, a causa della loro forte azione erosiva e delle piene improvvise, possono provocare danni ai centri abitati e alle vie di comunicazione. Il lago una grande massa dacqua dolce naturale raccolta nelle cavit terrestri. Linvaso un bacino naturale o artificiale, con una determinata capacit, con riferimento sia al volume dacqua effettivamente contenuto sia a quello che potrebbe contenere. Le acque di transizione costituiscono corpi idrici superficiali, spesso in prossimit della foce di un fiume, parzialmente di natura salina, a causa della loro vicinanza alle acque costiere, ma sostanzialmente influenzati dai flussi di acqua dolce. Le acque dolci sono distribuite sulla superficie terrestre nei fiumi, nei laghi e nei corpi idrici artificiali (invasi e canali). Il bacino imbrifero la porzione di territorio che convoglia, attraverso i corsi dacqua (torrenti e fiumi), costituenti il reticolo idrografico, le acque meteoriche ad un determinato corpo dacqua. E delimitato dalla linea spartiacque. Le acque drenate al di l di essa sono convogliate verso altri corpi idrici. Il bacino imbrifero influisce enormemente sugli ecosistemi acquatici: la sua superficie determina il volume delle acque raccolte, la sua composizione mineralogica influenza il chimismo di base dei laghi, la sua copertura vegetale influisce nella ripartizione delle acque di ruscellamento e di evapotraspirazione. Le acque drenate si caricano poi di sostanze organiche ed inorganiche e di inquinanti in funzione delluso prevalente (agricolo, industriale, urbano) del territorio attraversato. Da quanto esposto, chiaro che la fisiologia e levoluzione a breve e lungo termine degli ecosistemi acquatici dipende dalle caratteristiche del territorio che li circonda. Anche nelle acque dolci, come in tutti gli ecosistemi, si instaurano relazioni complesse tra la componente abiotica e quella biotica e vengono articolati i vari livelli della catena trofica, a seconda della disponibilit delle fonti energetiche: gli organismi autotrofi producono sostanze organiche che vengono utilizzate dagli erbivori, come, ad esempio, molluschi, larve di insetti e alcuni pesci. I detritivori (vermi, crostacei, larve di insetti, ecc.) si nutrono di frammenti vegetali, spoglie di animali morti e residui delle attivit umane, che sono trasportati dallazione dilavante delle piogge e dagli scarichi urbani. Sia gli erbivori che i detritivori rappresentano il cibo per i carnivori; infine, per ultimi, ma non meno importanti, ci sono i batteri e i funghi decompositori, che, grazie alla degradazione e trasformazione dei resti animali e vegetali, rimettono nel ciclo della materia le sostanze mineralizzate e utilizzabili, cos, da tutti gli organismi autotrofi. Nel ciclo delle acque, la risorsa idrica soggetta a modificazioni di composizione per cause naturali e per effetto delle attivit umane; queste ultime spesso determinano fenomeni di inquinamento sempre pi rilevanti e talvolta irreversibili.

259 Cap. 17

17.2 Normativa di riferimento


17.2.1 Comunitaria

Direttiva 2000/60/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2000, che istituisce un quadro per lazione comunitaria in materia di acque (Direttiva Acque); Direttiva 2006/118/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, sulla protezione delle acque sotterranee dallinquinamento e dal deterioramento; Direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche (Direttiva Uccelli); Direttiva del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche (Direttiva Habitat); Regolamento (CE) n. 1367/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 6 settembre 2006, sullapplicazione alle istituzioni e agli organi comunitari delle disposizioni

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

260 Cap. 17 Cap. 17

della Convenzione di Aarhus, sullaccesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e laccesso alla giustizia in materia ambientale.
17.2.2 Nazionale

DLgs n. 284/2006 Disposizioni correttive e integrative del DLgs n. 152/2006, recante norme in materia ambientale; DLgs n. 152/2006, Norme in materia ambientale; DLgs n. 152/1999 Disposizioni sulla tutela delle acque dallinquinamento e recepimento della Direttiva 91/271/CEE, concernente il trattamento delle acque reflue urbane e della Direttiva 91/676/CEE, relativa alla protezione delle acque dallinquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole; DPR n. 357/1997, Regolamento recante attuazione della Direttiva 92/43/CEE, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonch della flora e della fauna selvatiche; DPR n. 120/2003, Regolamento recante modifiche ed integrazioni al Decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, concernente lattuazione della Direttiva 92/43/CEE, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonch della flora e della fauna selvatiche; Legge Galli, n. 296/2006, Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2007); Legge n. 394/1991, Legge quadro sulle aree protette; Legge n.183/1989 (abrogata da Dlgs 152/2006) Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo.

17.3 Interazioni con lambiente


17.3.1 Acqua e cambiamenti climatici

I cambiamenti climatici sono ormai chiaramente riconosciuti dalla comunit scientifica e non solo come variazioni, attribuibili, direttamente o indirettamente, alle attivit dell uomo che creano alterazioni nella composizione dellatmosfera globale. La stima dei cambiamenti climatici si basa sulle valutazioni delle concentrazioni di gas serra in atmosfera, il cui incremento porta ad un aumento della temperatura terrestre. Tale aumento implica una serie di cambiamenti che vanno ad influire in maniera diretta sugli ecosistemi, modificando sensibilmente le strategie di sopravvivenza degli organismi, e ampliando (o riducendo) la biodiversit propria degli ambienti naturali. Scioglimento dei ghiacciai, innalzamento del livello delle acque e riscaldamento del mare, desertificazione, incremento delle precipitazioni, eventi alluvionali, aumento delle temperature stagionali della maggior parte degli ecosistemi fluviali, tropicalizzazione, desertificazione, salinizzazione (progressivo aumento di sali nel terreno, per il regresso delle falde acquifere) sono alcune delle conseguenze a cui porter il riscaldamento del pianeta.
17.3.2 Acqua e inquinamento

Per inquinamento dellacqua si intende qualsiasi cambiamento chimico, fisico o biologico nella qualit dellacqua. Linquinamento dellacqua causato solitamente dalle pi svariate attivit umane. Centri abitati, fabbriche, stabilimenti di trattamento delle acque reflue, miniere sotterranee, pozzi petroliferi, serbatoi per olio ed agricoltura scaricano sostanze inquinanti in punti specifici allinterno di condutture o fognature nellacqua di superficie. Esistono anche sorgenti che non hanno un singolo luogo di scarico: alcuni esempi possono essere i depositi acidi provenienti
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q Ac c qu ue ei in nt te er rn ne e

dallaria, le sostanze inquinanti sparse nei fiumi o quelle che entrano nelle acque superficiali attraverso la falda freatica. Le tipologie principali dinquinamento acquatico sono: inquinamento da uso civile; inquinamento da uso agricolo, industriale e termico; inquinamento da idrocarburi; inquinamento atmosferico da piogge acide. Linquinamento di origine civile deriva dallo scarico dei liquami di fogna contenenti alte quantit di sostanze organiche e di saponi che si riversano generalmente nei corsi dacqua superficiali, raggiungendo a volte anche le falde acquifere, dunque il sottosuolo. Tale tipo di inquinamento usualmente prodotto dagli scarichi delle citt o da qualsiasi altro comportamento che contamini lacqua, poi riversatasi senza alcun trattamento di depurazione nei fiumi o direttamente a mare. Nei sistemi di scarico urbani confluiscono pure le acque di scolo domestiche, con una buona dose di sostanze organiche biodegradabili e agenti patogeni. I reflui urbani possono contenere anche prodotti chimici di vario genere provenienti da lavorazioni artigianali, commerciali e industriali, come detersivi e solventi che spesso contaminano le falde acquifere sotterranee. Linquinamento di origine agricola e zootecnica causato dallimmissione, a causa di un utilizzo eccessivo e scorretto, nei corsi dacqua e nel terreno degli scoli dei campi contenenti fertilizzanti chimici (ricchi di fosfati e nitrati), pesticidi (insetticidi e diserbanti) e liquami provenienti dagli allevamenti. Queste sostanze essendo generalmente idrosolubili, penetrano nel terreno e contaminano le falde acquifere. Lo scarico dei fertilizzanti chimici in fiumi, laghi e mari va ad aumentare il fenomeno delleutrofizzazione, ovvero larricchimento, per cause naturali o artificiali, in nutrienti delle acque. Pi grave limmissione dei pesticidi che, essendo poco biodegradabili, si depositano e si concentrano nei corsi dacqua, arrivando a distruggere ogni forma di vita. Linquinamento industriale dovuto allo scarico nel terreno, o direttamente in fiumi e mari, di acque contenenti sostanze tossiche e non biodegradabili, provenienti dalle diverse lavorazioni. Unaltra forma dinquinamento quello termico, che si verifica quando le industrie riversano nel mare o nei fiumi tonnellate di acqua calda utilizzata per i loro cicli produttivi. Nella maggior parte dei processi di lavorazione viene prodotto molto calore, che viene rilasciato nellambiente, perch calore di scarto. Il modo pi economico di ottenere ci prelevare acqua in prossimit della superficie, utilizzarla allinterno dellimpianto e restituire acqua riscaldata al corpo acquatico superficiale. Il calore liberato ha effetti negativi sulla vita nellacqua superficiale di ricezione. Il fenomeno delle piogge acide, ossia la contaminazione dellacqua piovana da parte delle sostanze presenti nellatmosfera (anidride carbonica, anidride solforosa, biossido di azoto, acido cloridrico, ecc.), ha effetti devastanti su laghi, fiumi e flora in generale, che possono comportare una riduzione dellattivit di fotosintesi. Le principali sostanze ritenute responsabili delle precipitazioni acide sono rappresentate dallanidride solforosa e dagli ossidi di azoto: la prima emessa soprattutto da impianti industriali, aerei e in tutti quei casi in cui si abbia combustione di carbone e di derivati del petrolio; i secondi legati al funzionamento dei motori degli autoveicoli e, in minor misura, alla combustione del metano.

261 Cap. 17

17.4 Tendenze
Le attivit inerenti il Progetto del Monitoraggio per la prima caratterizzazione dei corpi idrici superficiali della Regione Siciliana, avviate nel luglio 2005, hanno permesso, sulla base dei criteri previsti nellAllegato I del DLgs 152/99, di individuare: 39 corsi dacqua superficiali con 63 stazioni di campionamento; 34 laghi naturali ed artificiali; 12 corpi idrici di transizione con 20 stazioni di campionamento; 14 bacini idrogeologici con 70 corpi idrici sotterranei. Ad ARPA Sicilia stato affidato il monitoraggio dei corpi idrici superficiali (corsi dacqua, laghi, acque di transizione e acque marino-costiere), mentre il progetto per la prima caratterizza-

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

262 Cap. 17 Cap. 17

zione delle acque sotterranee, finalizzato alla redazione del Piano di Tutela delle Acque, stato affidato allI.N.G.V. (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia). Relativamente ai corsi dacqua, lo stato di qualit stato valutato mediante lelaborazione degli indici SECA e SACA, ossia in base allo stato ecologico (SECA) e allo stato ambientale (SACA), riguardanti la complessit degli ecosistemi acquatici, della natura fisica e chimica delle acque e dei sedimenti, delle caratteristiche del flusso idrico e della struttura fisica del corpo idrico e di alcuni inquinanti inorganici (metalli pesanti) ed organici, considerando comunque prioritario lo stato degli elementi biotici dellecosistema. Rispetto agli anni passati, il numero di corsi dacqua che stato possibile classificare, seguendo i criteri del DLgs n. 152/99 senzaltro cresciuto: basti pensare che nel 2001 il valore SECA era stato determinato in 12 stazioni, nel 2002 in 18 e nel 2003 in 19. Ad oggi sono ben 63 le stazioni di monitoraggio, in cui stato possibile calcolare lindice SECA e di conseguenza anche lo stato ambientale, ossia il SACA. Lo stato ecologico dei corsi dacqua (SECA) deriva dagli impatti dei principali inquinanti di origine antropica, provenienti da scarichi civili, industriali e zootecnici, nonch da fonti diffuse e da alterazioni fisiche e morfologiche dei corsi dacqua, che si riflettono sulla qualit delle acque, dei sedimenti e del biota. Il SECA comprende cinque classi diverse (dalla I, la migliore, alla V, la peggiore); il graf. 17.1 mostra la distribuzione percentuale delle stazioni monitorate nelle 5 classi di qualit dellindice SECA; da esso si evince che nessuna stazione rientra in I classe e che le altre sono variamente ripartite.
graf. 17.1: Distribuzione delle stazioni monitorate nelle 5 classi di qualit dellindice SECA (2006)
SECA

33%

39% 14% 14%


Classe dell'Indice SECA:

0%
V

II

III

IV

Fonte: Elaborazione dati ARPA SICILIA

Nella figura che segue si riporta la rappresentazione cartografica del medesimo indice.
fig. 17.1: Rappresentazione cartografica dellindice SECA (2006)

Fonte: Elaborazione dati ARPA SICILIA

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q Ac c qu ue ei in nt te er rn ne e

Lo Stato Ambientale dei Corsi dAcqua (SACA) deriva dalla presenza di microinquinanti pericolosi, siano essi organici o metalli pesanti. A confronto degli anni passati, nel 2006 stato possibile elaborare lindice SACA in 64 fiumi; da ci emerso, come si evince nel graf. 17.2, che il 14% delle stazioni di monitoraggio presenta uno stato buono, il 35% uno stato sufficiente, il 37% rientra in uno stato scadente e infine il 14% in uno stato pessimo.
graf. 17.2: Distribuzione delle stazioni nelle 5 classi di qualit dell indice SACA (2006)
SACA

263 Cap. 17

37%

35% 14% Stato Ambientale dei corsi d'acqua: Elevato Buono Sufficiente Scadente 0%

14%

Pessimo

Fonte: Elaborazione e dati dellARPA Sicilia

Relativamente ai laghi, lo stato ambientale valutato mediante il SAL (Stato Ambientale dei Laghi), un indice sintetico, derivante dalla determinazione dello stato ecologico. da evidenziare che in Sicilia quasi tutti i laghi sono invasi artificiali, sfruttati per lo pi a scopo potabile. Gli unici laghi naturali sono rappresentati dal Lago di Pergusa, dal Biviere di Cesar e dal Biviere di Gela. I dati analitici prodotti dallattivit di monitoraggio dei laboratori delle singole province dellARPA Sicilia, svolta nel periodo luglio 2005 - giugno 2006 nellambito del Progetto del Monitoraggio per la prima caratterizzazione dei corpi idrici superficiali della Regione Siciliana. Dal graf. 17.3 si evince che la maggior parte (il 53%) degli invasi mostra uno stato ambientale sufficiente e il 9% presenta un stato ambientale buono.
SAL graf. 17.3: Distribuzione dei laghi siciliani nelle 5 classi di qualit dellindice SAL (2006) 53% 26%

0% 9% Stato Ambientale dei Laghi: 0% 12%

Elevato

Buono

Sufficiente

Scadente

Pessimo

N.D.

Fonte: Elaborazione e dati ARPA Sicilia

Nella fig. 17.2 si riporta la rappresentazione cartografica dellindice SAL.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

fig. 17.2: Rappresentazione cartografica dellindice SAL (2006)


264 Cap. 17 Cap. 17

Fonte: Elaborazione e dati ARPA Sicilia

Lo stato ambientale dei corpi idrici di transizione valutato attraverso i giorni di anossia, che interessano oltre il 30% della superficie del corpo idrico e che costituiscono il fenomeno pi preoccupante per la componente biologica degli ecosistemi, vista anche la limitatezza di questi ambienti ed il ricambio idrico generalmente scarso. Il corrispondente indicatore serve per la classificazione delle acque lagunari e degli stagni costieri e comprende tre classi di qualit. I dati analitici derivano dallattivit di monitoraggio dei corpi idrici superficiali dei laboratori delle province e dellARPA Sicilia, svolta nel periodo luglio 2005 giugno 2006, nellambito del progetto sopra menzionato. Il piano di monitoraggio per i 12 corpi idrici di transizione scelti in Sicilia ha previsto 20 stazioni di campionamento. In generale la classificazione assegna a siffatti corpi idrici una classe buona: solo una laguna, il lago di Faro della provincia di Messina, mostra uno stato di qualit ambientale sufficiente (2 giorni di anossia/anno, su di un totale di 11 campionamenti allanno).
fig. 17.3: Stato di qualit ambientale delle acque di transizione (2005 - 2006).

Fonte: Elaborazione e dati ARPA Sicilia

Per quanto riguarda infine le acque sotterranee, come mostra la graf. 17.4, su 70 acquiferi monitorati e classificati con lindice SAAS (Stato Ambientale delle Acque Sotterranee), il 56% dei corpi idrici sotterranei presenta uno stato ambientale buono, in conformit con quanto
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q Ac c qu ue ei in nt te er rn ne e

richiesto dal DLgs n. 152/99. Nessuno vanta uno stato ambientale elevato, il 4% e il 29% degli acquiferi considerati manifesta uno stato ambientale rispettivamente sufficiente e scadente (per essi necessario attuare adeguate misure di risanamento). Il rimanente 11% presenta uno stato ambientale definito particolare, che si riferisce ad acquiferi con caratteristiche qualitative e/o quantitative non determinate da un significativo impatto antropico, ma dovute al naturale contenuto di peculiari specie chimiche e/o ad una capacit potenziale ridotta, tali da comportare limitazioni nelluso della risorsa. I dati riportati derivano dal Progetto Caratterizzazione e monitoraggio delle Acque Sotterranee in Sicilia,dellINGV, Sezione di Palermo (2005).
graf. 17.4: Ripartizione dei corpi idrici sotterranei classificati secondo lindice SAAS (2005)

265 Cap. 17

Fonte: INGV - Tavolo Tecnico regionale sulle acque

17.5

Gestione delle risorse idriche

Lassetto di sistema del Servizio Idrico Integrato (SII) prescelto dalla Regione organizza il servizio degli acquedotti in due segmenti: il sovrambito, costituito dalle grandi infrastrutture inizialmente gestite dallEAS, e gli ambiti (delimitati dai confini amministrativi), costituiti dagli approvvigionamenti, dalle reti acquedottistiche e fognarie comunali e dai depuratori. Lanalisi delle risultanze del monitoraggio al 30 Giugno 2007 ed il confronto con la situazione esistente alla stipula del nuovo Testo coordinato ed integrato dellAccordo Idrico, avvenuta circa due anni fa, evidenziano un quadro attuativo molto rallentato ed una contestuale difficolt a conseguire le previsioni di avanzamento e di realizzazione, risultanti dai piani economici dei singoli interventi. Il percorso istituzionale di attuazione della riforma del settore del ciclo integrato dell acqua presenta, negli ATO siciliani, quattro specifiche condizioni operative: ATO (Caltanissetta, Catania, Enna, Agrigento e Palermo), che hanno completato liter di affidamento del SII ed hanno attualmente raggiunto la piena operativit, con la sottoscrizione della convenzione di gestione e lavvio da parte del soggetto gestore; ATO che hanno completato le fasi di gara per laffidamento del SII, pervenendo allaggiudicazione ad un soggetto gestore, ma che non hanno provveduto alla stipula della convenzione con laggiudicatario (Siracusa), poich si stanno valutando le capacit economiche dellaggiudicatario ad adempiere gli obblighi previsti dalla convenzione; ATO che non hanno completato le procedure di gara per l affidamento del SII. (Messina e Ragusa), in quanto essi si trovano in una complessa situazione legata a difficolt interne di funzionamento (decisioni demandate a organi dellATO e pendenze giudiziarie; ATO che hanno bandito la gara pi recentemente e le relative procedure sono tuttora in corso (Trapani). Per le considerazioni sin qui esposte, risulta evidente lintroduzione di elementi di variabilit nel quadro della programmazione dellAccordo Idrico; da ci consegue che gli ATO che hanno raggiunto la piena operativit dovrebbero effettuare una verifica puntuale delle scelte di investi2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

266 Cap. 17 Cap. 17

mento e di realizzazione di ciascun intervento, fissando precise scadenze per leventuale rinegoziazione e revisione dei Piani di Ambito.

17.6 Impatto sulla salute della popolazione


Lacqua rappresenta la componente principale (73,2%) della massa magra del nostro organismo ed essenziale per la vita e per un buono stato di salute. La scarsit di acqua e una sua eventuale contaminazione da parte di microrganismi costituiscono due delle cause principali di malattia per luomo. Il problema del rapporto tra risorse idriche e malattie non confinato al solo aspetto alimentare. Se vero che molte sono le condizioni patologiche direttamente collegate al consumo alimentare di acqua inquinata, occorre anche tenere presente che la scarsit dacqua in molte parti del mondo condiziona radicalmente il livello igienico della popolazione, favorendo lo sviluppo e la diffusione di molte malattie, attraverso il circuito della contaminazione oro-fecale, ossia del passaggio dei germi da materiale contaminato da feci e residui organici, attraverso le mani sporche, fino alla bocca. Lacqua, infatti, il principale e pi efficace detergente meccanico della cute. Linnalzamento delle condizioni igieniche ambientali appare direttamente correlato alla quantit di acqua pulita disponibile. Inoltre i bacini e i corsi dacqua dolce con scarso ricambio idrico rappresentano lhabitat ideale per la proliferazione di alcune specie di organismi, soprattutto vermi, patogeni per luomo. La presenza di acque stagnanti e di impianti dirrigazione poco efficienti pu favorire altres la crescita di alcune specie di insetti in grado di fungere da vettori, ossia ospiti di parassiti che verranno successivamente trasmessi alluomo attraverso la puntura. Dal quadro generale ancor pi evidente come la qualit delle acque utilizzate ad uso idropotabile ha un effetto potenziale sulla salute della popolazione. Occorre tuttavia precisare che la qualit delle acque per uso civile in Sicilia, come nel resto dItalia, pu essere definita come sicura, mentre per ci che riguarda la quantit disponibile esistono ancora zone nelle quali lerogazione non regolare. Le acque distribuite a scopo idropotabile provengono tradizionalmente1 da sorgenti e da pozzi di subalveo, ma ormai necessaria lintegrazione delle acque sotterranee con acque superficiali, che, per converso, nella quasi totalit dei casi, devono essere sottoposte a trattamenti. Ci significa che si hanno maggiori volumi di acqua potabilizzata nelle regioni dove maggiore il prelievo di acque superficiali. A tal proposito, in Sicilia nel 2005 (ISTAT) 2, lacqua immessa nelle reti di distribuzione stata pari a 560.756.000 m3, la quota erogata il 68,7% (oltre 385 milioni di m3). La quantit di acqua potabilizzata di 161.664.000 m3 (29,2% sul totale). Tale quota leggermente inferiore rispetto al resto dItalia (31,1%), dove a fare maggiore uso di sistemi di potabilizzazione sono le regioni del Nord-Ovest (44,5%), mentre la media regionale del Sud pari al 21,7%. Laltro aspetto del settore, a potenziale effetto sulla salute relativo allutilizzo dei corpi idrici, come ricettori degli scarichi dei reflui industriali e civili, spesso in misura maggiore alle capacit di assorbimento del carico inquinante; ci allorigine della perdita di qualit delle acque e delle

Le acque sotterranee, di norma sono di migliore qualit e non richiedono processi di potabilizzazione, tranne nei casi di inquinamento antropico o di presenza naturale di sostanze tossiche. 2 ISTAT, Sistema delle indagini sulle acque, 2005.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q Ac c qu ue ei in nt te er rn ne e

limitazioni alluso delle stesse, anche a fini balneabili. La situazione regionale dello smaltimento delle acque e della loro depurazione presentata, in estrema sintesi, nelle tabelle che seguono.
tab. 17.1: Comuni e popolazione residente secondo la presenza del servizio di fognatura e il grado di depurazione delle acque reflue convogliate nella rete fognaria per regione - Anno 2005
Descrizione Comuni con depurazione completa n. Pop. Comuni con depurazione parziale n. Pop. Comuni con depurazione assente n. Pop. Comuni privi del servizio di fognatura N Pop. Totale n. Pop. Fonte: ISTAT, Sistema delle indagini sulle acque Sicilia 234 1.896.924 108 2.777.558 35 189.817 14 152.913 390 5.017.212 Sicilia% 60 37,8 27,6 55,4 8,9 3,8 3,5 3 100 100 Italia 4.567 32.530.898 3.013 23.969.143 467 1.904.624 54 347.046 8.101 58.751.711 Italia% 56,4 55,4 37,2 40,8 5,8 3,2 0,7 0,6 100 100

267 Cap. 17

Per ci che concerne la tipologia di impianti a livello regionale, il carico inquinante proveniente dalle acque reflue urbane trattato dagli impianti di depurazione pari a 3.526.864 abitanti equivalenti (contro gli oltre 5 milioni residenti), di cui il 57,3 per cento depurato da impianti di tipo secondario, il 22,46 per cento da impianti di tipo terziario ed il 20,31 per cento subisce un trattamento di tipo primario. A tal proposito nel resto del Paese il trattamento in impianti di tipo primario avviene solo per il 6,4%.
tab. 17.2: Impianti di depurazione delle acque reflue urbane in esercizio e Abitanti Equivalenti Serviti (AES) effettivi per tipologia di trattamento (valori assoluti) - Anno 2005
Primario Secondario REGIONI Numero AES Numero AES Sicilia 143 716.171 167 2.018.423 ITALIA 8.416 4.439.968 5.515 33.863.306 Fonte: ISTAT, Sistema delle indagini sulle acque Terziario Numero AES 56 792.270 1.692 30.925.703 Totale Numero AES 366 3.526.864 15.623 69.228.977

Per una scelta di semplicit e sintesi, il quadro generale esposto non tiene nel dovuto conto le peculiarit dei singoli bacini idrografici e levoluzione continua della situazione impiantistica.

17.7 Proposte e politiche di mitigazione


Con lespansione della popolazione del globo e col miglioramento delle condizioni di vita, la domanda di acqua va rapidamente aumentando e la sua disponibilit sta diventando sempre pi problematica. Il pericolo forte quello di una crisi idrica qualitativa e quantitativa; per questo che le programmazioni e le strategie relative dei prossimi anni devono avere necessariamente come unico obiettivo la buona gestione del patrimonio idrico e nuovi strumenti di analisi che possono consentire la riduzione degli sprechi. In particolare lattenzione deve essere rivolta a limitare: leccessivo sfruttamento quantitativo delle risorse, che altera il ripristino naturale dellammontare di acqua disponibile nelle diverse categorie di corpi idrici; limmissione di inquinanti di origine antropica non completamente biodegradabili, in particolare, nutrienti azotati (nitrati, nitriti e ammoniaca) e fosforici (fosfati), e di sostanze organiche degradabili, che, singolarmente o in associazione, alterano i cicli di sviluppo della biomassa (eccessivo sviluppo algale, anossie);
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

268 Cap. 17 Cap. 17

limmissione di organismi dannosi alla salute; limmissione di sostanze inquinanti pericolose, naturali e sintetiche. Dal punto di vista attuativo, occorre considerare la parziale realizzazione del sistema di gestione integrata della risorsa idrica e la carenza dei sistemi depurativi. Segnatamente, riveste fondamentale importanza lincompleta pianificazione del settore in esame, assenza che dovrebbe essere, a breve, colmata, con ladozione del Piano di Tutela delle Acque. Per questo motivo, al fine di evitare di finanziare interventi al di fuori di un contesto organico, sarebbe opportuno prevedere due fasi operative: la prima (di breve durata, ad es. 1 anno), in cui spendere i fondi anche in assenza della pianificazione regionale di settore, indirizzando gli interventi dove sono state evidenziate le maggiori criticit in termini di popolazione servita e di disfunzione delle reti; la seconda che, invece, subordini la possibilit di finanziare gli interventi allapprovazione del Piano di Tutela. Si tratta, in sostanza, di adottare la soluzione gi utilizzata nel periodo 2000 2006, per la realizzazione di infrastrutture relative alla gestione delle acque.

Bibliografia essenziale di riferimento


APAT, Annuario dei dati ambientali. 2005. ARPA Sicilia, Annuario dei dati ambientali, 2006. European Environment Agency, Europes water: an indicator-based assessment Topic report. Regione Siciliana - Commissario Delegato per lEmergenza Rifiuti e Tutela delle Acque e Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) Prima caratterizzazione e monitoraggio delle Acque Sotterranee finalizzati alla redazione delPiano di tutela delle acque della Regione Siciliana, INGV, Sezione di Palermo, giugno 2005. Legambiente, Dossier Acqua e.... ambiente, Marzo 2007. ARRA, Settore I, Regolamentazione Acque e Attuazione SII, Palermo.

Glossario
AES - Abitanti Equivalenti Serviti: Rappresentano lunit di misura con cui viene convenzionalmente espresso il carico inquinante organico biodegradabile in arrivo allimpianto di depurazione, secondo lequivalenza: 1 abitante equivalente = 60 grammi/giorno di BOD5. Gli AES si definiscono effettivi quando misurano il carico inquinante effe ttivamente defluito nellimpianto di depurazione, di progetto, quando misurano il carico inquinante per il quale limpianto di depurazione stato progettato. Acqua erogata: lacqua effettivamente consumata dai diversi utenti. Acqua immessa nella rete di distribuzione: E costituita dallacqua addotta dagli acquedotti e/o da apporti diretti da pozzi, sorgenti, autobotti, navi cisterna. Acqua potabilizzata: lacqua prelevata a scopo potabile che, non avendo i requisiti di qualit richiesti dalla legislazione vigente, deve essere sottoposta a trattamento. Non si considera potabilizzata l acqua sottoposta al semplice trattamento di clorazione. Acqua prelevata: E lacqua sottratta allambiente attraverso le diverse tipologie di fonti di prelievo (sorgenti, pozzi, fiumi, laghi naturali, bacini artificiali, acque marine o salmastre di superficie). Pu alimentare lacquedotto o direttamente la rete di distribuzione comunale dellacqua potabile. Acquedotto: E il complesso delle opere di captazione e adduzione dellacqua ad uso potabile, con qualsiasi portata, dalle fonti alla vasca di accumulo (serbatoio, vasca di carico), che alimenta la rete di distribuzione dell abitato e degli altri luoghi di consumo. Trattamento primario: Trattamento di depurazione che realizza la rimozione di buona parte dei solidi sospesi sedimentabili per decantazione meccanica nei bacini di sedimentazione, con o senza uso di sostanze chimiche (flocculanti). Trattamento secondario: Trattamento di depurazione costituito da un processo di ossidazione biologica della sostanza organica biodegradabile sospesa e disciolta nelle acque di scarico, che utilizza batteri aerobi. Si distingue in processo a biomassa sospesa o a biomassa adesa. Richiede la presenza di biodischi, letti percolatori e vasche di aereazione nelle unit che costituiscono la linea acque dell impianto. Trattamento terziario: Trattamento di depurazione che consente di rimuovere efficacemente sostanze non eliminate completamente con i trattamenti di tipo primario e secondario, quali microrganismi, sali nutritivi, sostanze organiche. Pu includere processi quali la nitrificazione-denitrificazione, la precipitazione del fosforo, la clorazione e altri trattamenti chimico-fisici ATO Ambito Territoriale Ottimale: Costituisce una specifica delimitazione del territorio nazionale definita dalle Autorit regionali, con lo scopo di organizzare lerogazione dei servizi idrici di competenza delle regioni, in base alla Legge

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A q Ac c qu ue ei in nt te er rn ne e
Galli (L. n. 36/1994). I suoi confini sono individuati principalmente in base ai seguenti criteri: a) rispetto dell unit del bacino idrografico, nonch della localizzazione delle risorse e dei loro vincoli di destinazione, anche derivanti da consuetudine, in favore dei centri abitati interessati; b) superamento della frammentazione delle gestioni del servizio idrico; c) conseguimento di adeguate dimensioni gestionali, definite sulla base di parametri fisici, demografici, tecnici e sulla base delle ripartizioni politicoamministrative; d) creazione di un sistema tariffario, che garantisca la copertura integrale dei costi di esercizio e di investimento per i servizi idrici.

269 Cap. 17

2 7 20 00 0 7

Atmosfera

Federico Nucita, TFA - MATTM Emilio Scilipoti, TFA - MATTM

Atmosfera
Ringraziamenti: Provincia Regionale di Messina, 1 Ufficio Dirigenziale: Tutela Aria Suolo, VIII Dipartimento Ambiente

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

272 Cap. 18 Cap. 18

18. A At tm mo os sf fe er ra a

18.1 Caratteristiche strutturali


Il decreto legislativo 152/2006 tra le sue definizioni inserisce quella relativa allinquinamento atmosferico: ogni modificazione dellaria atmosferica, dovuta allintroduzione nella stessa di una o di pi sostanze in quantit e con caratteristiche tali da ledere o da costituire un pericolo per la salute umana o per la qualit dellambiente oppure tali da ledere i beni materiali o compromettere gli usi legittimi dellambiente. Le principali fonti dinquinamento atmosferico in Sicilia sono legate a due fattori: l industria ed i trasporti. Entrambi questi settori sono trattati in maniera approfondita allinterno dei capitoli Attivit industriali e Trasporti. Questo capitolo cerca di fornire una visione d insieme della tematica, cercando di focalizzare lattenzione sugli aspetti pi rilevanti non trattati nei capitoli specifici. Nella tab. 18.1 sono riportate le informazioni relative alla rete di monitoraggio attiva in Sicilia, i luoghi in cui sono posizionate le centraline e gli inquinanti monitorati da ogni singola centralina.
tab. 18.1: Stazioni di monitoraggio e inquinanti monitorati (Anno 2006)1
RETE PROVINCIALE DI AGRIGENTO Porto Empedocle_1: HC, NOx, O3, PM10 Licata: HC, NOx, O3, PM10, CO, SO2 Porto Empedocle_3: NOx, PM10 Raffadali: C6H6, NOx, PM10, CO Agrigento (Centro): HC, NOx, O3, PM10, CO, SO2 Cammarata: O3 Agrigento (Monserrato): NOx, PM10, SO2 Bivona: O3 Agrigento (Valle dei templi): NOx, PM10, SO2 Siculiana: O3 Sciacca: NOx, PM10, CO Lampedusa: O3 Canicatt: NOx, PM10, CO, O3 RETE PROVINCIALE DI MESSINA Condr: NOx, PTS, SO2 Pace del Mela (Mandravecchia): HC, NOx, PTS, SO2 Messina (Archimede): C6H6, CO, NOx, PM10, PTS S. Filippo del Mela: NOx, PTS, SO2 Messina (Caronte): C6H6, CO, NOx, PM10, O3, SO2 S. Lucia del Mela: NOx, PTS, SO2 Messina (Minissale): CO, NOx, PM10, PTS, SO2 Messina (Boccetta): C6H6, CO, NOx, PM10 Milazzo (Capitaneria di Porto): NOx, PTS, SO2 Messina (Universit): C6H6, CO

Segue>>>

Per una maggiore informazione relativa alle stazioni di monitoraggio e alla loro relativa ubicazione consultare www.brace.sinanet.apat.it.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A o At tm m os sf fe er ra a
RETE PROVINCIALE DI CALTANISSETTA Agip mineraria: PM10, SO2 Agip Pozzo 57: SO2 Cimitero Farello: SO2 Corso Vittorio Emanuele: C6H6, CO, HC, NOx, O3, PM10, PTS Liceo scientifico: SO2 Minerbio: CO, PTS, SO2 Ospedale V. Emanuele: C6H6, CO, HC, NOx, O3, PM10, PTS Cavour: CO, O3, PTS, SO2 Gori: CO, NOx, PTS Venezia: CO, HC, NOx, O3, PTS, SO2 PROVINCIA DI SIRACUSA RETE INDUSTRIALE RETE URBANA Augusta: HC, H2S, NOx, PM10, PTS, SO2 Scala Greca: HC, CO, H2S, NOx, O3, PTS, SO2, PAN Belvedere: HC, H2S, NOx, PM10, PTS, SO2 Acquedotto: HC, CO, NOx, O3, IPA, PM10, PTS, SO2 San Cusmano: BTX, HC, H2S, NOx, PM10, PTS, SO2, O3 Bixio: HC, NOx, IPA, PM10, SO2 Specchi: BTX, NOx, PM10, SO2 Melilli: HC, H2S, NOx, PM10, PTS, SO2, O3 Teracati: BTX, CO, IPA, PM10 Priolo: HC, H2S, NOx, PM10, PTS, SO2, O3 Tisia: CO, NOx, SO2 Floridia: CO, NOx, SO2 RETE COMUNALE DI CATANIA Turati: CO, PTS P. Europa: HC, CO, NOx, SO2, PM10 Capuana: CO, NOx P. Gioeni: HC, CO, NOx, SO2, PM10 Librino: BTX, HC, CO, NOx, O3, PM10 P. Michelangelo: HC, CO, NOx, SO2, PM10 P. Giovanni XXIII: HC, CO, NOx, SO2, PM10 P. Stesicoro: BTX, HC, CO, NOx, SO2, PM10 V. Messina: HC, CO, PM10 V. Giuffrida: BTX, HC, CO, NOx, SO2, PM10 P. A. Moro: HC, CO, NOx, O3, PM10 Ospedale Garibaldi: HC, CO, NOx, SO2, PM10 V. Passo Gravina: HC, CO, NOx, SO2 Zona Industriale: HC, CO, NOx, SO2, PM10 V.le F. Fontana: HC, CO, NOx, SO2, PM10 P. Risorgimento: HC, CO, NOx, SO2, PM10 V.le Vittorio Veneto: HC, CO, NOx, SO2, PM10 V.le della Regione: HC, CO, NOx, SO2, PM10 Fonte: ARPA Sicilia su dati BRACE, 2007 RETE COMUNALE DI PALERMO Belgio: HC, CO, NOx, PM10, PTS, Pb, SO2 Boccadifalco: BTX, CO, Cd, Ni, NOx, O3, Pb, PM10, SO2 Giulio Cesare: HC, CO, NOx, PM10,PTS, SO2, metalli pesanti Indipendenza: CO, NOx, PM10, PTS, SO2, metalli pesanti Torrelunga: CO, NOx, PM10, PTS, Pb, SO2 Unit dItalia: CO, NOx, PM10, PTS, Pb, SO2 Castelnuovo: BTX, HC, CO, NOx, PM10/2,5, O3, PTS, SO2, met. pes. Di Blasi: BTX, CO, NOx, PM10/2,5, PTS, As, Cd, Ni, Pb, SO2

273 Cap. 18

18.2 Normative di riferimento


Dal punto di vista normativo, la novit maggiore rappresentata dal DLgs n. 152/2006, che suddiviso in tre parti: TITOLO I Prevenzione e limitazione delle emissioni in atmosfera dimpianti e at tivit TITOLO II Impianti termici civili TITOLO III Combustibili. Il citato decreto riordina lintero settore ed abroga alcune norme o parti di esse; infatti, allinterno dellarticolo 280 si legge che: 1. Sono abrogati, escluse le disposizioni di cui il presente decreto preveda lulteriore vigenza e fermo restando quanto stabilito dallarticolo 14 del decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 351: a) il Decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 203; b) lArticolo 4 della Legge 4 novembre 1997, n. 413; c) lArticolo 12, comma 8, del Decreto Legislativo 29 dicembre 2003, n. 387; d) il Decreto del Ministro dellAmbiente 10 marzo 1987, n. 105; e) il Decreto del Ministro dellAmbiente 8 maggio 1989; f) il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 21 luglio 1989; g) il Decreto del Ministro dellAmbiente 12 luglio 1990; h) il Decreto del Presidente della Repubblica 25 luglio 1991;
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

274 Cap. 18 Cap. 18

il Decreto del Ministro dellAmbiente 21 dicembre 1995; il Decreto del Ministro dellAmbiente 16 maggio 1996; il Decreto del Ministro dellAmbiente 20 gennaio 1999, n. 76; il Decreto del Ministro dellAmbiente 21 gennaio 2000, n. 107; il Decreto del Ministro dellAmbiente e della Tutela del Territorio 16 gennaio 2004, n. 44. Allinterno dellArt. 271 vengono definiti i limiti di emissione, dettagliati allinterno degli allegati relativi al Titolo V del decreto. Come esempio, si riportano alcune delle tabelle previste: i) j) k) l) m)
tab. 18.2: Valori di emissione per le sostanze ritenute cancerogene e/o tossiche per la riproduzione e/o mutagene
Classe I Classe II Classe III Soglia di rilevanza (espressa come flusso di massa) 0,5 g/h 5 g/h 25 g/h Valore di emissione (espresso come concentrazione) 0,1 mg/Nm3 1 mg/Nm3 5 mg/Nm3

tab. 18.3: Classe I - Valori di emissione per le sostanze ritenute cancerogene e/o tossiche per la riproduzione e/o mutagene
Asbesto (crisotilo, crocidolite, amosite, antofillite, actinolite e tremolite) Benzo(a)pirene Berillio e i suoi composti espressi come Be Dibenzo(a,h)antracene 2-Naftilammina e suoi sali Benzo(a)antracene Benzo(b)fluorantene Benzo(j)fluorantene Benzo(k)fluorantene Dibenzo(a,h)acridina Dibenzo(a,j)acridina Dibenzo(a,e)pirene Dibenzo(a,h)pirene Dibenzo(a,i)pirene Dibenzo(a,l)pirene Cadmio e suoi composti, espressi come Cd 2 Dimetilnitrosamina Indeno(1,2,3-c,d)pirene 3 5-Nitroacenaftene 2-Nitronaftalene 1-M etil-3-Nitro-1Nitrosoguanidina

Il valore di emissione e la soglia di rilevanza previsti dal presente punto si applicano a decorrere dalla data indicata nelle autorizzazioni rilasciate, ai sensi dellArt. 281, comma 1. 3 Il valore di emissione e la soglia di rilevanza previsti dal presente punto si applicano a decorrere dalla data indicata nelle autorizzazioni rilasciate, ai sensi dellArt. 281, comma 1.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A o At tm m os sf fe er ra a tab. 18.4: CLASSE II - Valori di emissione per le sostanze ritenute cancerogene e/o tossiche per la riproduzione e/o mutagene
Arsenico e suoi composti, espressi come As Cromo (VI) e suoi composti, espressi come Cr Cobalto e suoi composti, espressi come Co 3,3-Diclorobenzidina e suoi sali Dimetilsolfato Etilenimmina Nichel e suoi composti espressi come Ni 4 4- Aminobifenile e suoi sali Benzidina e suoi sali 4,4-M etilen bis (2-cloroanilina) e suoi sali Dietilsolfato 3,3-Dimetilbenzidina e suoi sali Esametilfosforotriamide 2-M etilaziridina M etil ONN Azossimetile Acetato Sulfallate Dimetilcarbammoilcloruro 3,3-Dimetossibenzidina e suoi sali 275 Cap. 18

tab. 18.5: CLASSE III - Valori di emissione per le sostanze ritenute cancerogene e/o tossiche per la riproduzione e/o mutagene
Acrilonitrile Benzene 1,3-Butadiene 1-Cloro-2,3-epossipropano (epicloridrina) 1,2-Dibromoetano 1,2-Epossipropano 1,2-Dicloroetano Vinile cloruro 1,3-Dicloro-2-propanolo Clorometil (M etil) Etere N,N-Dimetilidrazina Idrazina Ossido di etilene Etilentiourea 2-Nitropropano Bis-Clorometiletere 3-Propanolide 1,3-Propansultone Stirene ossido

tab. 18.6: Sostanze di tossicit e cumulabilit particolarmente elevate


Classe I Classe II Soglia di rilevanza (espressa come flusso di massa) 0,02 g/h 0,5 g/h Valore di emissione (espresso come concentrazione) 0,01 mg/N Nm3 0,5 mg/N Nm3

Riferiti ad emissioni in atmosfera nella forma respirabile ed insolubile.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

tab. 18.7: Valori di emissione riferiti ad un tenore di ossigeno nell effluente gassoso dell11%.
276 Cap. 18 Cap. 18 Inquinanti polveri totali (mg/Nm3) carbonio organico totale monossido di carbonio ossidi di azoto espressi come NO2 ossidi di zolfo espressi come SO2 potenza termica installata >0,15 3 >3 6 100 30 xx 350 500 200 xx 300 500 200 >6 20 30 30 250 150 400 300 200 >20 30 20 10 200 100 400 200 200

LArt. 274 (raccolta e trasmissione dei dati sulle emissioni dei grandi impianti di combustione) istituisce un sistema di comunicazione tra lo Stato e la Comunit Europea; infatti lo Stato predisporr con diverse scadenze temporali apposite relazioni inerenti gli impianti e/o le emissioni di biossido di zolfo, ossidi di azoto e polveri.

18.3 Interazioni con lambiente


Gli inquinanti atmosferici possono esercitare la loro azione sia a livello locale che a livello globale, interessando potenzialmente tutte le popolazioni della Terra. I meccanismi di aggressione degli inquinanti possono essere da estremamente rapidi a prolungati nel tempo. Le interazioni con lambiente sono dovute ad effetti diretti e indiretti delle sostanze inquinanti presenti nellatmosfera. Tra i primi, rientrano gli effetti direttamente riconducibili alla presenza di sostanze inquinanti (patologie respiratorie, contaminazione di acque e suoli, etc.). Gli effetti dellinquinamento atmosferico, tuttavia, si manifestano anche indirettamente sullecosistema complessivamente considerato, in termini di cambiamento climatico, progressiva acidificazione con degradazione dei suoli, infiltrazione salina nelle falde e modificazione dellattivit agricola, aumento della frequenza delle inondazioni e dellerosione delle coste, ed infine aumento delle precipitazioni estreme, con conseguenti eventi alluvionali. Lazione prodotta dallinquinamento atmosferico sullambiente si manifesta con il declino del patrimonio animale, forestale ed agricolo, la degradazione degli ecosistemi, l usura delle strutture metalliche e delle opere darte, i danni ai fabbricati, alle fibre tessili ed in genere ai diversi materiali usati dalluomo. Tutte queste azioni rappresentano aspetti evidenti del complesso problema generato dallinquinamento atmosferico derivante dallopera delluomo. Gli agenti inquinanti vengono trasportati dal vento e si depositano al suolo tramite la pioggia (a causa della forza di gravit) e penetrano anche allinterno degli organismi viventi, esseri umani compresi, attraverso la catena alimentare. Tutto ci pone con evidenza la prioritaria necessit di migliorare la qualit dellaria e di rafforzare le misure di contrasto alla produzione di gas climalteranti, tramite una sostanziale rimodulazione e innovazione delle politiche sia produttive che energetiche fino ad ora perseguite. Gli scenari tracciati mettono altres in luce lurgenza di prefigurare le possibili conseguenze derivanti dalla variabilit delle condizioni ambientali e di programmare politiche di crescita, che prevedano modelli di adattamento finalizzati a mitigarne le ricadute distruttive.

18.4 Tendenze
Allinterno di questo paragrafo sono forniti i dati riguardanti le emissioni di gas climalteranti e degli inquinanti che incidono sulla qualit dellaria. Lultimo dato disponibile (APAT 2004), relativo alle emissioni di CO2eq, si assesta per lanno 2000 a t. 50.552.048. Tale dato eccede i livelli di emissioni individuati come obiettivo dal Protocollo di Kyoto.
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A o At tm m os sf fe er ra a

Le emissioni di CO2 fanno registrare per lanno 2000 un totale di t. 46.136.072, dato che supera i livelli di emissioni individuati come obiettivo regionale, in base al Protocollo di Kyoto (vedi graf. 18.1). A questo totale contribuiscono principalmente il settore combustione dellindustria e degli impianti energetici (57,82%) ed il settore trasporti (30% circa).
graf. 18.1: Livelli di emissioni individuati come obiettivo in base al Protocollo di Kyoto
60.000.000 50.000.000 40.000.000 30.000.000 20.000.000 10.000.000 0 1990 CO2eq 1995 2000 Ob. Kyoto Sicilia*

277 Cap. 18

Fonte: Elaborazione TFA Sicilia su dati APAT 2004

Le emissioni di PM10 sono pari a t. 25.865,50 (APAT 2003) e sono prodotte principalmente dal macrosettore trasporti, dalluso di solventi, da attivit naturali generate dallerosione dei suoli da parte di agenti atmosferici, dal trasporto di sabbia proveniente dal deserto del Sahara, dalle emissioni vulcaniche e dalla produzione di aerosol (marino e biogenico). In particolare, di seguito si fornisce il dettaglio delle emissioni dinquinanti, tratte dal registro INES ERPA, che raccoglie le schede, fornite dai produttori, relative agli impianti industriali di grosse dimensioni. Sono inoltre disponibili i dati relatab. 18.8: Sicilia INES - Emissioni gas climalteranti (2004) tivi ai superamenti delle soglie masAgente inquinante Mg/a sime, registrati dalle centraline collo29.195.000,00 Carbon dioxide, CO2 5.588,00 cate sul territorio siciliano, ai sensi Methane, CH4 1,01 Hydrofluorocarbons (HFCs) del D.M. n. 60/02 e del DLgs n. 9,21 Perfluorocarbons (PFCs) 183/04. La principale sorgente di pro0,60 Sulphur hexafluoride (SF6) duzione di CO rappresentata dai gas Fonte: INES-ERPA di scarico dei veicoli, soprattutto funzionanti a bassi regimi, come nelle situazioni di traffico intenso. Unaltra sorgente importante lemissione di CO da processi industriali, come la raffinazione del petrolio. Secondo lelaborazione ARPA Sicilia non si registrano superamenti della media massima giornaliera per la protezione umana, pari a 10 mg/m3 su 8 ore, nelle province e nei comuni monitorati.5 Il biossido di azoto (NO2), prodotto da processi combustivi, parimenti connesso al traffico veicolare, agli impianti di riscaldamento civile ed industriale ed agli impianti di produzione di energia. Sono stati registrati durante lanno 2005 superamenti dei valori soglia di protezione della salute umana nei comuni di Catania, di Palermo e nella Provincia di Siracusa.

Elaborazione ARPA Sicilia su dati Enti Gestori reti pubbliche (2005).

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

278 Cap. 18 Cap. 18

tab. 18.9: Biossido di azoto (NO2) - Superamenti del valore limite orario per la protezione della salute umana - Anni 2005 e 2006
Zona di riferimento Comune di Catania Comune di Palermo Provincia di Siracusa Provincia di Caltanissetta* Provincia di Messina Provincia di Agrigento** 20056 3 (piazza Giovanni XXIII Terminal Bus extraurbani e capolinea AMT) 1 (CEP) 4 (Scalagreca) Non disponibile Non disponibile 20067 3 (Michelangelo) 1 (Boccadifalco), 3 (Castelnuovo), 2 (Di Blasi), 1 (Unit dItalia) 5 (Scalagreca), 9(Specchi) 1 (V. Venezia) 0 0

* Escluse le citt di Caltanissetta e San Cataldo, dati non pervenuti in tempo utile ** Nel 2005 la rete non stata attivata Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Enti Gestori (2005)

Il biossido di zolfo (SO2) prodotto dellossidazione dello zolfo contenuto nei combustibili fossili ed originato dai processi di combustione del carbone, dellolio combustibile (OCD) e del gasolio, in particolare per il funzionamento delle centrali. Il graduale passaggio al metano ed a combustibili con un basso tenore di zolfo (da OCD a BTZ), sia per uso civile che industriale, ha prodotto una graduale diminuzione dellimportanza del biossido di zolfo come inquinante, portando le concentrazioni su valori piuttosto modesti, sebbene si siano evidenziati superamenti per la protezione della salute umana nella provincia di Siracusa (area industriale). Bisogna comunque considerare che, a livello regionale, una rilevante fonte di emissione di ossidi di zolfo di origine naturale e coincide con lattivit vulcanica.
tab. 18.10: SO2 - Superamenti del limite orario per la protezione della salute umana 8
Zona di riferimento Comune di Catania Comune di Palermo Provincia di Siracusa Provincia di Messina 2005 0 0 2 (Melilli); 18 (San Cusmano); 1 (Specchi) Non disponibile 2006 0 6 (Castelnuovo) 1 (Melilli); 21 (San Cusmano); 1 (Scala Greca) 44 (Pace del Mela - Mandravecchia - 3 superamenti soglia allarme); 19 (San Filippo del Mela), 1 (Santa Lucia del Mela) 4 (Agip Mineraria) 0 7 C.da Gabbia (ME)

Provincia di Caltanissetta* Provincia di Agrigento** ARPA Sicilia (rete Envireg)

Non disponibile -

* Escluso le citt di Caltanissetta e San Cataldo, dati non pervenuti in tempo utile ** Rete non attivata Fonte: ARPA Sicilia

Il particolato (PM10) costituito da polveri sottili che possono essere sia di origine naturale (erosione dei suoli, aerosol marino, produzione di aerosol biogenico, emissioni vulcaniche, trasporto a lunga distanza di sabbia), sia di origine antropica, originato da processi di combustione (centrali

6 7

Per lanno 2005 il valore limite pari a 250 g/m3 (max 18 volte) Per lanno 2006 il valore limite pari a 240 g/m3 (max 18 volte) 8 Per lanno 2005 il valore limite pari a 350 g/m3 (max 24 volte)

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A o At tm m os sf fe er ra a

termiche, processi industriali, traffico veicolare, riscaldamento domestico, inceneritori industriali). Dal punto di vista fisico, il particolato costituito da materiali inerti che, attraverso fenomeni di adsorbimento e/o condensazione, portano alla formazione di particelle solide con diametro variabile dal decimo di micron al centinaio di micron. In queste particelle possono essere presenti una vasta gamma di materiali, come: Carbonio elementare ed organico; Metalli (piombo, arsenico, mercurio, cadmio, cromo, nichel, vanadio); Idrocarburi policiclici aromatici; Silicati; Alluminati; Sali; Sostanze organiche. Il pericolo maggiore causato dal particolato insito nella tipologia di sostanze adsorbite sulla superficie delle particelle e nelle dimensioni relative (diametro medio di pochi micron); questultima caratteristica consente agli agenti (inquinanti ed allergenici) potenzialmente pericolosi per la salute umana di penetrare attraverso le vie aeree superiori fino ai bronchi, dando eventualmente origine a fenomeni patologici, che vanno dallaggravamento dei sintomi asmatici fino allinsorgenza di neoplasie.
tab. 18.11: PM10, numero di superamenti del valore limite della media giornaliera (anni 2005 e 2006)9
Zone Comune di Palermo 2005 Boccadifalco: 10 (7); Indipendenza: 13 (11); Giulio Cesare: 65 (58), Castelnuovo: 37 (30); Unit dItalia: 54 (47); Torrelunga: 9 (7); Belgio: 48 (42); Di Blasi: 80 (73); CEP: 31 (26) Veneto: 36,8 (16); Europa: 29,32 (4); Stesicoro: 31,26 (9); Giuffrida: 42,49 (29); Zona Ind.le: 21,15 (1); Risorgimento: 36,56 (18) Rete non attivata 2006 Bocca di falco: 18 (17); Indipendenza: 38 (33); Giulio Cesare: 65 (61); Castelnuovo: 57 (53); Unit dItalia: 80 (75); Torrelunga: 27 (26); Belgio: 89 (84); Di Blasi: 210, CEP: 49 (47) Europa: 22; Stesicoro: 2; Giuffrida: 12; Regione: 8; Zona Industriale: 1; Risorgimento: 2 Agrigento (Giardino Botanico): 2; Canicatt: 13; Licata: 24; Monserrato: 7; Porto Empedocle_1: 61; Porto Empedocle_3: 42; Raffadali: 6; Sciacca: 2 Augusta: 8; Ciapi: 51; Priolo: 15; Melilli: 16; San Cusmano: 13; Belvedere: 16 Acquedotto: 10; Teracati: 282; Bixio: 154; Specchi: 109 Ospedale-Gela: 25 (per le citt di Caltanissetta e San Cataldo, i dati non sono pervenuti in tempo utile) Caronte: 7; Archimede: 53; Boccetta: 1

279 Cap. 18

Comune di Catania

Provincia di Agrigento

Provincia di Siracusa Rete Ind. Provincia di Siracusa Rete Urb. Provincia di Caltanissetta Provincia di Messina Fonte: ARPA Sicilia

Augusta: 1; Ciapi: 3; Priolo: 3; Melilli: 3; San Cusmano: 2; Belvedere: 3 Acquedotto: 1; Teracati: 196; Bixio: 31; Specchi: 55 Non disponibile

Non disponibile

Gli idrocarburi non metanici (benzene, toluene, ecc.) derivano prevalentemente da fenomeni di evaporazione dei prodotti combustibili come la benzina e, quindi, sono maggiormente presenti nelle aree urbane e nelle zone di stoccaggio e movimentazione di prodotti petroliferi. Queste sostanze sono responsabili delle malattie che colpiscono principalmente le prime vie respiratorie.

N superamenti del valore limite della media giornaliera (50 g/m3) per il 2005, da non superare per un max di 35 volte. Per i comuni di Palermo e Catania, tra parentesi indicato il numero dei superamenti al netto degli eventi eccezionali.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

280 Cap. 18 Cap. 18

Per quanto riguarda le concentrazioni di benzene (C 6H6), in Sicilia i dati sono molto limitati e lunico superamento si registrato nella provincia di Siracusa; le altre province monitorate dichiarano di non aver mai superato il limite di legge (tab. 18.12).
tab. 18.12: Benzene - Numero di superamenti del valore limite (anni 2005 e 2006)
Zona di riferimento Comune di Palermo Comune di Catania Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta* Provincia di Messina Provincia di Siracusa Provincia di Siracusa (ENVIREG) 200510 0 0 rete non attivata 0 Non disponibile 1 (Specchi); 11 (Teracati) Non disponibile 200611 0 0 0 0 0 0 0

* Escluse le citt di Caltanissetta e San Cataldo, dati non pervenuti in tempo utile. Fonte: ARPA Sicilia

Lozono (O3) troposferico risulta di origine sia antropica che naturale ed un inquinante cosiddetto secondario, in quanto prodotto per effetto della radiazione solare in presenza di inquinanti primari, quali gli ossidi dazoto (NOX) e di composti organici volatili, derivanti in larga parte dai motori a combustione e dalluso di solventi organici. Il complesso fenomeno, che porta a elevate concentrazioni di ozono, viene denominato smog fotochimico. Il ruolo svolto dalla radiazione solare spiega il tipico andamento temporale, giornaliero e stagionale, delle concentrazioni dellozono, che si attestano sui valori pi elevati nelle ore pi calde del pomeriggio. Nella tab. 18.13 vengono evidenziati i dati relativi ai superamenti registrati dalle centraline siciliane negli anni 2005 e 2006.
tab. 18.13: Ozono (O3) - Numero di superamenti della soglia di attenzione (concentrazione media oraria: 180 g/m3 - anni 2005 e 2006)12
2006 Moro: 1 0 Cammarata: 4 Ospedale V. Emanuele: 1; Via Venezia: 3 Provincia di Messina Non disponibile 0 Provincia di Siracusa Priolo: 1; Melilli: 19; San CuPriolo: 11 (2); Melilli: 81 (17); smano: 14; Acquedotto: 3 San Cusmano: 51 (5); Acquedotto: 3; C.da Fusco: 33 * Escluse le citt di Caltanissetta e San Cataldo, dati non pervenuti in tempo utile. Zona di riferimento Comune di Catania Comune di Palermo Provincia di Agrigento Provincia di Caltanissetta* 2005 0 Boccadifalco: 10 Rete non attivata 0 Fonte: ARPA Sicilia

10 11

Valore limite per lanno 2005 pari a 10 g/m3. Valore limite per lanno 2006 pari a 9 g/m3. 12 Tra parentesi indicato il numero dei superamenti al netto degli eventi eccezionali.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A o At tm m os sf fe er ra a

18.5 Impatto sulla salute della popolazione


Linquinamento atmosferico pu provocare numerose conseguenze a carico della salute, specialmente quando si registra un forte aumento delle concentrazioni dei pi comuni contaminanti dellaria (inquinamento acuto). Infatti, lesposizione ai vari irritanti atmosferici (che possono agire in maniera sinergica) pu provocare riduzione della funzionalit polmonare, aumento delle malattie respiratorie nei bambini, attacchi acuti di bronchite ed aggravamento dei quadri di asma; inoltre, pu comportare un incremento nel numero dei decessi nelle categorie di soggetti pi sensibili, come gli anziani o le persone affette da malattie respiratorie e/o cardiovascolari. Lesposizione prolungata a bassi livelli di contaminanti risulta pi subdola e difficile da individuare. Si ritiene, dagli studi fino ad oggi effettuati, che, fra gli effetti di una lunga esposizione a basse concentrazioni dinquinanti, vi sia la comparsa di malattie polmonari croniche aspecifiche (come la bronchite cronica, lasma e lenfisema), la formazione di varie neoplasie maligne (cancro polmonare, leucemie) ed un aumento della mortalit per malattie cardiovascolari e respiratorie. Un aspetto molto rilevante, da tenere sotto controllo, rappresentato dallinsorgenza di stati di ansiet e paura. Infatti, linquinamento, soprattutto se correlato a situazioni di emergenza, pu dare luogo alla percezione di una minaccia per la popolazione, determinando stati di ansiet e paura, che portano talora allinsorgenza di malattie psicosomatiche.

281 Cap. 18

18.6 Proposte e politiche di mitigazione


Con la Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo del 21 settembre 2005: Strategia tematica sullinquinamento atmosferico [COM(2005) 446], lUnione Europea fissa obiettivi di riduzione di taluni inquinanti e rafforza il quadro legislat ivo di lotta allinquinamento atmosferico secondo due assi principali: il miglioramento della leg islazione comunitaria in materia di ambiente e lintegrazione del problema qualit dellaria nelle pertinenti politiche. La strategia prescelta definisce obiettivi in materia di salute e di ambiente e di riduzione delle emissioni degli inquinanti principali. Tali obiettivi saranno realizzati in fasi diverse e permetteranno di proteggere i cittadini dellUE dallesposizione al particolato ed allozono presenti nellaria, mentre gli ecosistemi europei saranno pi tutelati contro le piogge acide, leccesso di azoto nutriente e lozono. Nel corso dellelaborazione della strategia, non stato possibile definire un livello di esposizione al particolato e allozono troposferico che non presenti alcun rischio per l uomo. Tuttavia, una riduzione significativa di tali sostanze avr effetti benefici per la salute, oltre che per gli ecosistemi. Sulla base della situazione accertata nel 2000, la strategia fissa obiettivi per il lungo termine (2020): una riduzione del 47% della perdita di speranza di vita dovuta all esposizione al particolato; una riduzione del 10% dei casi di mortalit acuta dovuti allozono; una diminuzione delle eccessive deposizioni acide nelle foreste (74%) e sulle superfici di acqua dolce (39%); una riduzione del 43% delle zone i cui ecosistemi sono soggetti a eutrofizzazione. Per conseguire siffatti target necessario ridurre dell82% le emissioni di SO2, del 60% le emissioni di NOx, del 51% le emissioni di composti organici volatili (COV), del 27% quelle di ammoniaca e del 59% quelle del PM2,5 primario (le particelle immesse direttamente nellaria), rispetto ai dati del 2000. Lattuazione degli interventi previsti potrebbe comportare dei costi aggiuntivi che dovrebbero ammontare a 7,1 miliardi di euro per anno a partire dal 2020, pi che compensati tuttavia dai risparmi realizzabili in termini di spesa sanitaria (stimabili in 42 miliardi di euro allanno).

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

282 Cap. 18 Cap. 18

difficile quantificare i risparmi economici che derivano direttamente dall ambiente, in quanto non esiste ancora un sistema univoco di monetizzazione dei danni causati agli ecosistemi. Le ricadute positive dovrebbero comunque essere notevoli, per via della riduzione delle piogge acide e delleutrofizzazione, fattori che dovrebbero consentire, tra laltro, di proteggere meglio la biodiversit. Uno degli elementi essenziali per la corretta attuazione della strategia consiste nella semplificazione della legislazione. La strategia prevede anche di rivedere la legislazione sui limiti di emissione nazionali, di prorogare, a condizioni rigorose, alcuni termini di attuazione delle disposizioni legislative, di modernizzare la comunicazione dei dati e di aumentare la coerenza con le altre politiche ambientali. Il settore energetico deve contribuire analogamente alla riduzione delle emissioni pericolose. Sono importanti, segnatamente, alcuni obiettivi gi fissati per la produzione di energia ed elettricit da fonti rinnovabili (rispettivamente il 12% e il 21% del totale entro il 2010). La strategia prefigura altres leventuale estensione della direttiva IPPC e della direttiva sul rendimento energetico alledilizia ed agli impianti di combustione di piccole dimensioni. contemplata oltretutto lelaborazione di norme per i piccoli impianti di riscaldamento, nellambito della nuova direttiva sugli apparecchi che consumano energia. Si prevede, infine, leventualit di esaminare le modalit di riduzione delle emissioni di COV nelle stazioni di servizio. Nel settore dei trasporti la strategia introduce nuove proposte in materia di riduzione delle emissioni delle autovetture e dei mezzi pesanti, come pure la possibilit di imporre tariffe differenziate, riguardanti anche i veicoli stradali obsoleti. Per quanto concerne il traffico aereo, la Commissione preconizza la riduzione del corrispondente impatto sui cambiamenti climatici, mentre in ordine al settore marittimo, intende proseguire i negoziati in seno allOrganizzazione marittima internazionale, per lincentivazione della fornitura di elettricit da terra alle navi ormeggiate in porto e tenere conto dei problemi dinquinamento atmosferico, nel caso di finanziamento di programmi quali Marco Polo. La strategia invita infine a tenere conto delle problematiche attinenti la qualit dellaria nelle sedi internazionali e nelle relazioni bilaterali. Quella sullinquinamento atmosferico una delle sette strategie tematiche previste dal Sesto programma dazione per lambiente del 2002 e la prima a essere formalmente adottata dalla Commissione. Essa il risultato delle ricerche eseguite nellambito del programma Aria pulita per lEuropa (Clean Air For Europe - CAFE) e dei programmi quadro di ricerca successivi ed stata adottata dopo un lungo processo di consultazione con il Parlamento Europeo, le organizzazioni non governative, le industrie e i singoli cittadini.

Bibliografia essenziale di riferimento


APAT, 2007 Annuario dei dati Ambientali 2005-2006. Roma. APAT, 2007 - Qualit dellambiente urbano III Rapporto APAT Edizione 2006 Roma. ARPA Sicilia, 2005 Annuario regionale dei dati ambientali, Palermo. ARPA Sicilia, 2004 Annuario regionale dei dati ambientali, Palermo. ARPA Sicilia, 2003 Annuario regionale dei dati ambientali, Palermo. EEA Technical report No 5/2004a Air pollution and climate change policies in Europe: exploring linkages and the added value of an integrated approach. EEA Technical report No 5/2004b - Air pollution and climate change policies in Europe: exploring linkages and the added value of an integrated approach. EEA Technical report No 3/2005 Air pollution by ozone in Europe in summer 2004. EEA Topic report No 4/2003 Air pollution in Europe 19902000. EMEP Corinair emission inventory guidebook -Third edition, September 2004 update. Technical report No 30. IPCC/OECD Revised 1996 IPCC Guidelines for National Greenhouse Gas Inventories, 1997. Ministero delle Attivit Produttive, ora Ministero dello Sviluppo Economico (anni vari) , Bilancio energetico nazionale Roma. Regione Siciliana, 2007 Annuario Statistico 2006.

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

A o At tm m os sf fe er ra a

Siti WEB: www.ecoserver.it www.eper.sinanet.apat.it/site/it-IT/ www.nonsoloaria.it http://europa.eu/scadplus/leg/it/lvb/l28159.htm

283 Cap. 18

2 7 20 00 0 7

Paesaggio e patrimonio culturale

Carmelo DAgostino, TFA MATTM Mario Pantaleo, TFA MATTM

Paesaggio e patrimonio culturale

A o g o o As ss se es ss so or ra at t or re e gi i on na al le et te er rr ri it t or ri io oe ea am mb bi ie en nt te e

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

286 Cap. 19 Cap. 19

19.P Pa ae es sa ag gg gi io oe ep pa at tr ri im mo on ni io oc cu ul lt tu ur ra al le e

Il patrimonio culturale, che comprende i beni culturali ed i beni paesaggistici (vengono cos ridenominati i beni ambientali), rappresenta senza dubbio il pi importante carattere identitario della Regione Siciliana. Il territorio regionale, infatti, ricco di valori naturalistici di grande rilevanza paesaggistica e di testimonianze archeologiche, architettoniche, storico-artistiche e storicotestimoniali di livello nazionale ed internazionale che hanno anche ricevuto il riconoscimento di patrimonio dellumanit dallUNESCO. Il governo e la tutela di tale patrimonio, a livello regionale, di competenza del Piano Territoriale Paesistico Regionale (che viene ridenominato e codificato come Piano Paesaggistico Regionale dal DLgs n. 42 del 22.01.2004), che ha il compito di dotare la Regione Siciliana di uno strumento volto a definire opportune strategie mirate alla tutela attiva ed alla valorizzazione del patrimonio naturale e culturale dellIsola.

19.1 Caratteristiche strutturali


Per descrivere la caratteristiche strutturali del paesaggio siciliano indispensabile evidenziare lintima fusione fra il patrimonio culturale ed il patrimonio naturale dellisola. Si ritenuto utile procedere ad una descrizione del paesaggio per caratteri identitari ed ambiti territoriali, al fine di delineare una sintetica visione complessiva del territorio siciliano che permetta di evidenziarrne qualit, criticit e potenzialit di sviluppo. Il paesaggio della Regione siciliana caratterizzato da una estrema diversificazione dei caratteri naturali e dei segni delle culture che si sono avvicendate nella storia e che si intrecciano con quelli della cultura del nostro tempo: un sistema complesso in continua evoluzione a causa dei processi naturali e delle azioni antropiche le quali modificano il paesaggio e troppo spesso lo degradano ma possono anche aggiungere nuovi valori e significati, dando vita ad un processo evolutivo costante ed inarrestabile. Il processo evolutivo legato ai fattori antropici potrebbe tendere al mantenimento e/o al rinnovamento della qualit dei paesaggi siciliani, mediante una pianificazione paesaggistica che, in attuazione della Convenzione Europea del Paesaggio, rivaluti limportanza della percezione del paesaggio da parte delle popolazioni dellisola. I caratteri morfologici sono il risultato delle interazioni ecologiche tra le componenti abiotiche dei paesaggi siciliani: la storia geologica dellisola spiega la conformazione di una regione che non ha origine unitarie, essendo costituita dalla saldatura di tanti pezzi in una unit geografica che si articola in paesaggi, sia terrestri che sommersi, notevolmente compositi. Questi fattori formali hanno influenzato nella storia e continuano ad influenzare le modalit insediative e la percezione dei paesaggi da parte delle popolazioni, evidenziando i risultati delle relazioni tra caratteri morfologici ed apprezzamento estetico-visivo del paesaggio. Il paesaggio vegetale costituisce laspetto prevalente del paesaggio siciliano. La prima delle sue componenti costituita dalla vegetazione semi-naturale e artificiale. Tra le formazioni forestali naturali spiccano le associazioni del Teucrio Siculi-Quercetum ilicis, Thalic-tro-Quercetum pubescentis e lalleanza del Geranio-Fagion, con dominanza rispettivamente di leccio, roverella e cerro. Seguono le formazioni a prevalenza di Quercus suber (Genisto Aristatae-Quercetum suberis) e le faggete (Aquifolio-Fagetum). Importante, inoltre, la presenza di corpose formazioni di sugherete, specialmente lungo i versanti settentrionali delle Madonie e dei Nebrodi. La superficie forestale artificiale composta prevalentemente da Pinus halepensis, Pinus pinea, Pinus nigra e da specie esotiche del genere Eucalyptus (Camaldulensis, Globulus, Occidentalis, GonphocephaR n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P i o o u Pa ae es sa ag gg g io oe ep pa at tr ri im m on ni i oc c ul lt tu ur ra al le e

la), utilizzate per opere dimboschimento. I boschi naturali di conifere, invece, sono costituiti pr evalentemente da formazioni di Pinus laricio ( Pino-Juniperetea) e da popolamenti rari di pino marittimo (Pinus pinaster) e pino daleppo (Pinus halepensis). Ancora vanno ricordate le praterie Termo-xerofile e Meso-xerofile, originate dalla regressione della foresta e della macchia mediterranea. La seconda componente del paesaggio vegetale costituita dal paesaggio agrario, formato prevalentemente da colture erbacee (aree interne o svantaggiate), colture arboree (sistema collinare interno), mosaici colturali (prevalentemente in prossimit dei centri urbani), vigneti e agrumeti (nelle superfici pianeggianti in prossimit delle zone costiere), che contribuiscono da un lato allo sviluppo delleconomia regionale e dallaltro alla conservazione e alla difesa del suolo; di recente si avuto un notevole sviluppo delle coltivazioni in serra, localizzate prevalentemente sulle pianure costiere meridionali. Il paesaggio agrario comprende il complesso sistema delle pertinenze agricole (viabilit rurale, sistemi di irrigazione, masserie, magazzini, stalle, muretti, abbeveratoi, etc.), che connota i caratteri identitari del territorio rurale. Soprattutto nelle pianure costiere ed intorno agli insediamenti urbani i paesaggi vegetali ed in particolare quelli agrari sono interessati da rapidi processi di trasformazione provocati dalle economie del mercato agricolo e dalla diffusione insediativa che provoca un consumo di suolo sempre pi ingovernabile. Si ritiene opportuno segnalare il fatto che il Piano di Sviluppo Agricolo della Regione esclude lagricoltura periurbana dai benefici della nuova PAC, con cui la UE finanzia gli operatori agricoli, a condizione che essi forniscano servizi ambientali utilizzando a tal fine la multifunzionalit dellagricoltura, servizi particolarmente necessari proprio nei contesti agricoli periurbani. Per quanto riguarda il patrimonio culturale bisogna sottolineare che il territorio regionale, in virt delle vicende storiche e della posizione centrale nel bacino del Mediterraneo, ospita il 10% dellofferta di beni culturali attualmente fruibili sullintero territorio nazionale e la percentuale sale al 30% se si limita la stima alle sole aree archeologiche (a cui vanno aggiunte le aree archeologiche sommerse). Inoltre ben 5 dei totali 35 siti italiani iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale dellUNESCO ricadono nella Regione, per una percentuale pari all11,42%. Sul territorio regionale, inoltre, localizzato il 27,9% dei musei del Mezzogiorno (6,2% dei musei italiani), che conservano il 24,6% del materiale raccolto dai musei meridionali. Nella tab. 19.1 viene riportata la fruizione dei beni culturali per provincia riferita allanno 2006.
tab. 19.1: Fruizione beni culturali in Sicilia relativa allanno 2006
Provincia Paganti interi Paganti ridotti Gratuiti Totale 460.813 30.657 342.127 833.597 AG 3.178 849 10.897 14.924 CL 17.190 3.033 42.044 62.267 CT 249.173 20.396 163.795 433.364 EN 603.894 51.081 320.529 975.504 ME 429.086 35.618 276.955 741.659 PA 12.774 1.297 17.149 31.220 RG 394.120 30.975 283.716 708.811 SR 441.544 27.353 308.334 777.231 TP Totale 2.611.772 201.259 1.765.546 4.578.577 Fonte: Regione Siciliana, Assessorato Beni Culturali, Ambientali e Pubblica Istruzione. Incasso 2.955.739 9.652 55.177 1.525.989 3.475.790 2.404.046 32.915 2.418.225 2.662.650 15.540.185

287 Cap. 19

Nel graf. 19.1 viene riportata la fruizione dei beni culturali in Sicilia per il periodo 2000-2006

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

graf. 19.1: Serie storica del n. di fruitori dei beni culturali in Sicilia per il periodo 2000-2006
288 Cap. 19 Cap. 19
1.200.000

1.000.000

AG 800.000 CL CT EN 600.000 ME PA RG 400.000 SR TP

200.000

0 ANNO 2000 ANNO 2001 ANNO 2002 ANNO 2003 ANNO 2004 ANNO 2005 ANNO 2006

Fonte: Elaborazioni TFA Sicilia su dati Assessorato Regionale Beni Culturali, Ambientali e Pubblica Istruzione.

Fra le componenti del paesaggio culturale assume notevole importanza la componente rappresentata dai paesaggi urbani: alla qualit di questi paesaggi, che dipende dalla presenza e qualificazione del sistema degli spazi non costruiti che comprendono spesso rilevanti valori culturali (come i parchi ed i giardini storici), affidato il miglioramento della qualit della vita delle popolazioni, non solo da un punto di vista psico-fisico ed estetico ma soprattutto in relazione alla necessit di preservare la propria identit e la unicit dei luoghi che spesso viene minacciata da incontrollati mutamenti radicali delleconomia, della societ e della stessa cultura, di cui il paesaggio urbano espressione. Per la trattazione di tale componente non pu bastare il rimando al capitolo Pianificazione e sistemi urbani, perch il diritto delle popolazioni alla bellezza del proprio ambiente di vita, affermato nel Preambolo della Convenzione Europea del Paesaggio, non pu ess ere affidato ad una pianificazione locale esclusivamente urbanistica, come avviene in Sicilia; opportuno ricordare inoltre che, laddove a livello locale un programma per il paesaggio (che riguarda il sistema degli spazi aperti) viene affiancato al piano urbanistico, vengono conseguiti quei risultati cui finalizzata la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) dei Piani Regolatori Comunali. Unultima considerazione riguarda il paesaggio costiero sia emerso che sommerso, il sistema paesaggistico pi delicato dellintero territorio dellisola, con le sue qualit naturalistiche, storico culturali e con i suoi valori estetico-percettivi, ma anche quello pi soggetto da alcuni decenni a processi di trasformazione che ne hanno compromesso gli equilibri naturali e la qualit paesaggistiche; nel Documento Strategico per le politiche di coesione 2007/2013 si afferma che il contesto costiero sar la principale risorsa territoriale per rilanciare leconomia della Regione, con il pote nziamento del settore turistico. Inevitabilmente la qualit dei paesaggi costieri dovr essere considerata la precondizione per conseguire un tale obiettivo. Per il governo e la tutela del patrimonio paesaggistico sono state formulate le Linee Guida del Piano Territoriale Paesistico Regionale (D.A. n. 6080 del 21/05/1999), che identificano i 18 ambiti territoriali per i quali sono in corso di formazione i Piani Paesistici da parte delle Soprintendenze Provinciali, in attuazione delle Linee Guida. (tab. 19.2).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P i o o u Pa ae es sa ag gg g io oe ep pa at tr ri im m on ni i oc c ul lt tu ur ra al le e tab. 19.2: Ambiti territoriali del Piano Territoriale Paesistico Regionale


Ambiti territoriali Ambiti territoriali 1) Area dei rilievi del trapanese 10) Area delle colline della Sicilia centro-meridionale 2) Area della pianura costiera occidentale 11) Area delle colline di Mazzarino e Piazza Armerina 3) Area delle colline del trapanese 12) Area delle colline dell ennese 4) Area dei rilievi e delle pianure costiere del palermitano 13) Area del cono vulcanico etneo 5) Area dei rilievi dei monti Sicani 14) Area della pianura alluvionale catanese 6) Area dei rilievi di Lercara, Cerda e Caltavuturo 15) Area delle pianure costiere di Licata e Gela 7) Area della catena settentrionale (Monti delle Madonie) 16) Area delle colline di Caltagirone e Vittoria 8) Area della catena settentrionale (Monti Nebrodi) 17) Area dei rilievi e del tavolato ibleo 9) Area della catena settentrionale (Monti Peloritani) 18) Area delle isole minori. Fonte: Linee Guida Piano Territoriale Paesistico Regionale (1999)

289 Cap. 19

Le Linee Guida, inoltre, riportano tutti le aree soggette a vincolo paesaggistico (ai sensi della Legge n. 1497 del 1939 e della Legge n. 431 del 8/8/1985, successivamente modificate nel DLgs. n. 42/2004) ed al vincolo di in trasformabilit temporanea (ai sensi della Legge Regionale n. 15/1991), o almeno quelle finora individuate dallAssessorato Regionale dei Beni Culturali ed Ambientali e della Pubblica Istruzione; tali vincoli sono riportati nella seguente fig. 19.1.
fig. 19.1: Carta dei vincoli paesaggistici

Fonte: Linee Guida del Piano Territoriale Paesistico Regionale (1999).

Attualmente i piani territoriali paesistic i redatti e approvati sino allanno 2006 ai sensi dellart. 5 della legge 29 giugno 1939, n. 1497 e dellart. 1 bis della legge 8 agosto 1985, n. 431 dallAssessorato Regionale Beni Culturali e Ambientali, restano invariati rispetto allanno 2004 e 2005. In particolare si fa riferimento a cinque piani paesistici, che interessano le isole minori (ad eccezione delle isole Pelagie) ed il territorio comunale di Santa Flavia, mentre il Piano Paesistico dell ambito territoriale n. 1 non risulta ancora approvato con Decreto Regionale (tab. 19.3). Si fa notare che i territori dei Parchi Naturali e quelli dei Parchi Archeologici sono sottoposti a vincolo paesaggistico, per cui i relativi strumenti di pianificazione assumono una valenza paesaggistica. Inoltre la L.R. n. 20/2000 che istituisce in Sicilia lEnte Parco Archeologico, prevede la formazione del Piano del parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento, attualmente in fase di approvazione.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

tab. 19.3: Piani paesistici approvati (2006)


290 Cap. 19 Cap. 19 Piano Territoriale Paesistico Ustica Pantelleria Isole Eolie Area dei rilievi del trapanese Prov. PA TP ME TP Comuni Ustica Pantelleria Lipari, Leni, Malfa, Santa Maria Salina Buseto Palizzolo, Castellammare del Golfo, Custonaci, Erice, San Vito Lo Capo, Valderice Favignana Riferimento normativo D.A. n. 6293 del 28/05/97 D.A. n. 8102 del 12/12/1997 e s.m.i. D.A. n. 5180 del 23/02/2001 nota n. 985/VII del 27/07/2004

Arcipelago TP D.A. n. 5172 del 01/02/1996 e nota n. 987 del delle Egadi 28/07/2004 Fonte: Regione Siciliana, Assessorato Beni Culturali, Ambientali e Pubblica Istruzione (2006)

La Regione Siciliana, ai sensi della Direttiva CEE/75/268, ha individuato le zone agricole svantaggiate, distinte in tipologie, sulla base della natura degli svantaggi: zone svantaggiate di montagna (art. 3, par. 3), con copertura del suolo pari al 33% del territorio siciliano. Tali zone sono considerate di particolare interesse sia per la conservazione dellambiente naturale e della biodiversit, sia per la protezione di questi territori dai fenomeni erosivi. zone svantaggiate (art. 3, par. 4), con copertura del suolo pari al 20,78% del territorio siciliano. Le zone svantaggiate risultano generalmente caratterizzate da fenomeni di spopolamento, dovuti alla presenza di terreni agricoli poco produttivi o poco adatti alle coltivazioni intensive. zone con svantaggi specifici (art. 3, par. 5), con copertura del suolo pari all1,04% del territorio siciliano, che non supera il limite del 2,5% previsto dalla norma comunitaria le zone svantaggiate ove ricorrono svantaggi specifici sono le isole minori della Sicilia, laddove il mantenimento dellattivit agricola necessario per assicurare la conservazione dellambiente naturale e la vocazione turistica o per esigenze di protezione delle coste. Il saldo migratorio delle aree svantaggiate rappresenta il 56% del saldo migratorio regionale, con forte incidenza della provincia di Palermo, che da sola ne intercetta il 29%. Si distingue da tutte le altre la provincia di Ragusa, dove nel 1998 stato registrato un saldo migratorio positivo sia nelle zone svantaggiate sia nel complesso della provincia. Fra le azioni volte ad orientare i processi di sviluppo e la qualit dei paesaggi importante citare il livello di attuazione della Rete Ecologica Siciliana (fig. 19.2: Carta della Rete Ecologica Sicilianafig. 19.2). La Carta della Rete Ecologica Siciliana elaborata a livello regionale individua la struttura della Rete (nodi, zone cuscinetto ed elementi di connessione); inoltre vengono raccolti e gestiti in maniera coordinata i dati relativi alle aree protette. Il coordinamento delle diverse esperienze sul territorio diventa lo strumento necessario a evidenziare i valori naturali ed i profili di vulnerabilit delle aree di rilevanza naturalistica che appartengono al patrimonio paesaggistico dellIsola. Lattuazione della rete ecologica risulta importante ai fini della gestione e dello sviluppo del territorio protetto, per il recupero e la valorizzazione degli ambiti territoriali marginali che presentano condizioni di sottoutilizzazione delle risorse e per la conservazione delle peculiarit del patrimonio paesaggistico negli ambiti territoriali soggetti ad uneccessiva pressione antropica. Se mbra opportuno segnalare che la rete ecologica siciliana, cos come delineata, assolve alla principale finalit interconnessione di differenti habitat di cui conservare la biodiversit. La sua attuazione dovr essere sostenuta da interventi diretti ad assicurare la presenza di specie utili al recupero della qualit ecologica del territorio, eliminando i fattori di mortalit diretta o indiretta delle specie. Sar poi necessario completare ed arricchire il sistema reticolare, facendo riferimento alla gamma di definizioni di rete ecologica proposte dallA.P.A.T. Infatti, le ulteriori finalit indicate per la rete fanno riferimento ad un sistema di relazioni che restano ecologiche, pur partendo da una prospettiva che non si limita al mondo della natura, ma include importanti aspetti di ecologia umana e dunque privilegia esigenze ed opportunit di coinvolgimento del contesto locale nella
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P i o o u Pa ae es sa ag gg g io oe ep pa at tr ri im m on ni i oc c ul lt tu ur ra al le e

costruzione del sistema reticolare finalizzato alla conservazione delle risorse naturali e culturali ed allo sviluppo economico e culturale delle popolazioni. Il sistema di relazioni descritto potr essere individuato sia a livello provinciale che a livello locale, utilizzando in questo caso il sistema degli spazi aperti (la rete verde) che rappresenta il sistema strategico di ogni ipotesi di costruzione di rete ecologica urbana; il cuore della rete verde, su cui si fonda anche ogni prospettiva di qualificazione dei paesaggi urbani, costituito proprio dagli spazi agricoli periurbani che dovrebbero essere conservati e valorizzati anche ai fini della connettivit ecologica tra paesaggi urbanizzati e paesaggi aperti.
fig. 19.2: Carta della Rete Ecologica Siciliana

291 Cap. 19

Fonte: ARTA Sicilia, Servizio 6 - Protezione Patrimonio Naturale (Febbraio 2005)

19.1.1

Normative di riferimento

Tra i principali riferimenti normativi a livello europeo, si menzionano: Convenzione europea del Paesaggio, firmata a Firenze nel 2002 e ratificata in Italia con Legge n.14/2006. Tra i principali riferimenti normativi a livello nazionale, si riportano: DLgs n. 42 del 22.1.2004, Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dellarticolo 10 della legge n. 137 del 6.7.2002 (GU n. 45 del 24.02.2004 - Supplemento Ordinario n. 28), dove si tutela e si valorizza il patrimonio culturale, inteso come insieme dei beni culturali e dei beni paesaggistici. Al Capo III la legge rinnova e specifica la disciplina della pianificazione paesaggistica La Legge Nazionale n. 431/85, che concedeva alle regioni la facolt di opzione tra la redazione di uno strumento a valenza urbanistico-territoriale con specifica considerazione dei valori del paesaggio ed il Piano Paesistico, questultimo allora disciplinato dallart. 5 della L. 1497/39. Tra i principali riferimenti normativi a livello regionale, vanno ricordati:

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

292 Cap. 19 Cap. 19

la L.R. n. 116/1980, che definisce lorganizzazione dellAmministrazione dei Beni Culturali ed Ambientali. la Legge Regionale n. 20/1987, che istituisce le Soprintendenze Provinciali Unificate come uffici decentrati dell Assessorato Regionale dei Beni Culturali ed Ambientali (non pi uffici periferici del Ministero dei Beni e delle Attivit Culturali). la L.R. n. 20/2000, che istituisce un sistema di parchi archeologici in Sicilia (art.20) per la salvaguardia, la gestione, la conservazione e la difesa del patrimonio archeologico regionale e per consentire migliori condizioni di fruibilit a scopi scientifici, sociali, economici e turistici dello stesso. la Nota Assessoriale prot. n. 9 del 5/06/2007, Dichiarazione di importante interesse storico artistico di opere di architettura contemporanea (art. 3 L.r. 15/06), con la quale si invitano tutti i sindaci dei comuni a trasmettere lelenco delle opere darchitettura contemporanea esistenti nel territorio di competenza, affinch possa avviarsi unattivit di screening e verifica, finalizzata ad ottimizzare liter per laccesso alla dichiarazione di qualit.

19.2 Interazioni con lambiente (matrici interessate)


Forman e Godron (Pignatti, 1994) identificano il paesaggio come unarea territoriale eterogenea, composta da un gruppo di sistemi interagenti, che si ripete in forma simile in zone contigue. Si tratta quindi di una nozione complessa che difficilmente pu essere analizzata studiando le singole variabili del sistema, in quanto sfugge lo stato di i ntegrazione, lunit di ordine superiore, vale a dire lo stesso paesaggio (Pignatti, 1994). La Convenzione Europea del Paesaggio, firmata a Firenze il 20 ottobre 2000, e ratificata con Legge n. 14 del 9 gennaio 2006, definisce Paesaggio una determinata parte di territorio, cos come percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall'azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni. Allo stato attuale, alcune indicazione sulla trasformazione e sulla tutela del paesaggio, si possono r icavare dallindicatore relativo al Territorio coperto da Piano territoriale paesistico. Questo indicatore di risposta permette di verificare lesistenza di piani con valenza sovraordinata e di coordinamento pianificatorio, in particolare per ci che concerne la specifica tematica dei piani paesistici. Lindicatore evidenzia i territori che hanno portato a termine liter legislativo per lapprovazione dei piani paesistici ( fig. 19.3).

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P i o o u Pa ae es sa ag gg g io oe ep pa at tr ri im m on ni i oc c ul lt tu ur ra al le e fig. 19.3: Territorio regionale coperto da pianificazione paesistica

293 Cap. 19

Fonte: Elaborazione TFA su dati Regione Siciliana, Assessorato Beni Culturali, Ambientali e Pubblica Istruzione (2006)

Detti piani definiscono in ciascun ambito territoriale, coerentemente con le linee guida del Piano Territoriale Paesistico, adottate con D.A. n. 6080 del 21.05.1999, obiettivi di qualit. Tali obiettivi perseguono in particolare: il mantenimento delle caratteristiche, dei valori costitutivi e delle morfologie, nonch il rispetto delle tipologie architettoniche, delle tecniche e dei materiali costruttivi tradizionali; la previsione di sviluppo compatibile con i diversi livelli di valori paesistici riconosciuti, tale da non diminuire il pregio paesistico del territorio, con particolare attenzione alla salvaguardia delle aree agricole; la riqualificazione delle parti compromesse o degradate, per il recupero dei valori preesistenti ovvero per la creazione di nuovi valori paesistici coerenti ed integrati.

19.3 Tendenze
Fra le strategie per la valorizzazione del patrimonio culturale, architettonico e paesaggistico, individuate dal Quadro Strategico Nazionale, vi la promozione di poli culturali di eccellenza, che dovrebbero svolgere una funzione propulsiva in tema di conservazione, tutela, fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico, e di attivit ed eventi culturali a scala regionale, multiregionale e internazionale, in grado di mobilitare significativi flussi di visitatori e destagionalizzare il turismo. Il DSR sottolinea, inoltre, la necessit di intervenire nel settore dei beni culturali, non tanto in relazione ad interventi di restauro e ricostruzione del patrimonio esistente, quanto in connessione ad interventi che creino valore aggiunto e diano luogo alla formazione di imprenditoria in grado di sfruttare i vantaggi competitivi sul piano della fruizione dei beni archeologici e monumentali. Il Tavolo 3 Ambiente, risorse naturali e culturali, mercato dei servizi, territorio ha definito gli obiettivi di sviluppo per il 2007-2013, che mirano a potenziare il vantaggio comparato che il
2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

294 Cap. 19 Cap. 19

patrimonio culturale rappresenta per lItalia, puntando sulla tutela e valorizzazione delle risorse e sul consolidamento dellindotto, assicurando la stretta connessione con i sistemi turistici e per il miglioramento della qualit della vita dei cittadini, attraverso lintegrazione tra i diversi strumenti di pianificazione economica, territoriale e ambientale. A livello regionale, lobiettivo della nuova programmazione 2007-2013 deve riguardare il mantenimento della tutela e lintelligente valorizzazione delle risorse paesaggistico-culturali, attraverso la realizzazione di interventi di restauro, manutenzione e recupero del patrimonio esistente, in stretta connessione con i sistemi turistici e con i servizi idonei al miglioramento della qualit della vita dei cittadini. Gli interventi sui beni culturali e sui beni paesaggistici in genere, potranno cos essere in grado di produrre un impatto positivo su numerose attivit economiche ad essi correlate, soprattutto sul turismo e sulle piccole economie territoriali legate alle emergenze diffuse sul territorio, in modo da contribuire concretamente alla riduzione dello squilibrio fra aree congestionate ed aree marginali soggette a spopolamento e degrado.

19.4 Impatto sulla salute della popolazione


Gli impatti potenzialmente negativi sul paesaggio e sul patrimonio storico culturale si possono ricondurre al consumo di uso del suolo, allincremento della frammentazione territoriale, allaumento della pressione antropica determinata dai processi di urbanizzazione diffusa e dallinsediamento di nuove attivit produttive che potrebbero concorrere ad incrementare probl ematiche paesaggistiche specie in aree periurbane e costiere. In particolare per le popolazioni che abitano questi territori, la distanza tra societ ed apprezzamento del proprio ambiente di vita, cio per il paesaggio, determina un impoverimento della vita di tutti i giorni ed un conseguente degrado di questi paesaggi. Recuperare le connessioni tra la vita quotidiana ed i paesaggi attorno alle citt, consentirebbe alle popolazioni di prendersene cura, contribuendo al loro mantenimento, recupero e/o rinnovamento, anche al fine di migliorare il proprio benessere psico-fisico.

19.5 Proposte e politiche di mitigazione


La valorizzazione del paesaggio e dei beni culturali passa attraverso la realizzazione di un sistema organico di risorse, strutturato in reti, circuiti, itinerari e sistemi o poli culturali. Questo per strutturare e qualificare lofferta, diversificandola e inserendola sul mercato della fruizione sociale e del turismo culturale e naturalistico. Le strategie di sostenibilit ambientale che interessano la componente del paesaggio nel Rapporto Ambientale del P.O. FESR 2007-2013, prevedono la valorizzazione e il rafforzamento dellintegrazione di filiera con interventi sui principali poli attrattori, per contribuire al potenzi amento dellofferta ed alla sua organizzazione in rete attraverso il collegamento ad itinerari integrati locali o minori. In tal modo le risorse naturali di rilevanza paesaggistica e le risorse culturali, spesso localizzate in aree interne o marginali e scarsamente utilizzate, potranno venire recuperate e valorizzate in modo da consentire di promuovere ed attrarre particolari segmenti della domanda turistica ed attivare occasioni di sviluppo economico e sociale duraturo per le collettivit locali. In termini di valorizzazione delle risorse naturali, si ritiene fondamentale il sostegno ad un approccio sistemico nella valorizzazione delle aree ad alta naturalit, a partire da una strategia di area vasta nella conservazione della biodiversit da coniugare allo sviluppo economico e sociale ed in tal modo massimizzare il beneficio che il patrimonio culturale rappresenta per la Sicilia, in una logica di sistema produttivo e contribuendo, in ultima analisi, al miglioramento della qualit della vita dei cittadini. Tendenzialmente, le azioni del P.O. FESR 2007-2013 dovranno avere impatti positivi poich rivolte a:

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

P i o o u Pa ae es sa ag gg g io oe ep pa at tr ri im m on ni i oc c ul lt tu ur ra al le e

conservazione dellidentit e della leggibilit dei paesaggi, attivando processi di trasformazione controllati e finalizzati alla tutela e alla promozione della qualit paesaggistica e architettonica; recupero dellalto grado di naturalit degli ambiti paesaggistici, tutelando e ripristinando le caratteristiche morfologiche e vegetazionali dei luoghi; riqualificazione della qualit paesaggistica delle aree degradate; protezione della qualit del patrimonio paesaggistico e storico-culturale; recupero e conservazione dei segni delle trasformazioni antropiche, che costituiscono patrimonio dellidentit dei luoghi; consolidamento, estensione e qualificazione del patrimonio culturale e paesaggistico. I piani paesistici, istituiti con lart. 5 della L. 1497/39 per tutelare le aree costituenti bellezze dinsieme gi sottoposte a vincolo paesaggistico, successivamente, con la L. 431/85, divennero obbligatori per lintero territorio regionale. La disciplina in materia di Beni Culturali e Paesaggistici stata in ultimo modificata mediante il DLgs 42/04 Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, che recepisce la Convenzione Europea del Paesaggio; viene denominato Piano Paesaggistico il precedente Piano Paesistico e vengono precisati gli obiettivi, i contenuti, le fasi ed i livelli di efficacia del Piano, introducendo anche lobbligo di individuare progetti prioritari e relative misure incentivanti. Il nuovo piano paesaggistico diventa lo strumento con i l quale definire le trasformazioni compatibili con i valori paesaggistici, le azioni di recupero e riqualificazione degli immobili e delle aree sottoposti a tutela, nonch gli interventi di valorizzazione del paesaggio, anche in relazione alle prospettive di sviluppo sostenibile.

295 Cap. 19

Bibliografia essenziale di riferimento


http://www.clc2000.sinanet.apat.it http://www.minambiente.it http://www.sinanet.apat.it http://www.regione.sicilia.it/beniculturali/dirbenicult/info/urp/fruizione - 2006.htm

ARPA Sicilia, Annuario dei dati ambientali Palermo, 2007. Assessorato territorio e ambiente Regione Siciliana, La relazione sullo stato dellambiente in Sicilia 2002. Palermo, 2003. S. Gelardi (a cura di) Linee Guida dei Parchi Archeologici Siciliani - Assessorato Regionale dei Beni Culturali Ambientali e della Pubblica Istruzione della Regione Siciliana 2001. Regione Siciliana, Assessorato Territorio ed Ambiente, Istituto Nazionale di Urbanistica (INU), Rapporto dal territorio 2003. Roma, 2003. Pignatti S., Ecologia del Paesaggio. UTET, 1994. G. Campeol, S. Crollo, Modelli di valutazione ambientale per gli strumenti di pianificazione urbanistica. Dagli indicatori ecologici a quelli paesaggistici, in Garano, Zoppi, Valutazione ambientale strategica nella pianificazione territoriale, Gangemi, Roma, 2003. A. Caspari, Dalla Landschaftsplannung alla VAS Landschaftsplan come valutazione ambientale di piani e programmi territorialiurbanistici in Germania, in Garano, Zoppi, Valutazione ambientale strategica nella pianificazione territoriale, Gangemi, Roma, 2003. Associazione Analisti Ambientali, Manuali dellAAA degli indicatori per la valutazione dimpatto ambientale - Vol. 5, Indicatori del paesaggio, 1999. Vallega A. Paesaggio come prassi e rappresentazione, in Politiche europee per il paesaggio: proposte operative (a cura di A. Ghersi), Gangemi, Roma, 2007. P. Panuccio, Paesaggio e piani urbanistici, Gangemi, Roma, 2001. G. Maciocco, Il progetto ambientale dei territori esterni, in urbanistica, 112. P. Pittaluga, I. Steinguit, Il modello di cooperazione tra sapere tecnico e sapere comune nel Piano Territoriale di Coordinamento della provincia di Cagliari, in Garano, Zoppi, Valutazione ambientale strategica nella pianificazione territoriale , Gangemi, Roma, 2003. Regione siciliana, Assessorato Beni Culturali e Ambientali, Linee Guida PTPR, 1999. Baldi M.E., Per una cultura del paesaggio, Grafil, Palermo, 2007. Regione Siciliana, Assessorato Territorio ed Ambiente, Istituto Nazionale di Urbanistica (INU), Rapporto dal territorio 2003.

2 7 20 00 0 7

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

296 Cap. 19 Cap. 19

Roma, 2003. Regione siciliana, Assessorato Beni Culturali e Ambientali, Linee Guida del PTPR, Palermo, 1999. Vallega A., Paesaggio come prassi e rappresentazione, in Ghersi A. (a cura di), Politiche europee per il paesaggio: proposte operative, Gangemi, Roma, 2007. Siti Web: http://www.clc2000.sinanet.apat.it http://www.minambiente.it http://www.sinanet.apat.it http://www.regione.sicilia.it/beniculturali/dirbenicult/info/urp/fruizione_2006.htm

Glossario
Patrimonio culturale (Codice) costituito dai beni culturali e dai beni paesaggistici. Beni culturali (Codice) sono beni culturali le cose immobili e mobili che, ai sensi degli art.icoli 10 e 11, presentano interesse artistico, storico, archeologico, etnoantropologico, archivistico e bibliografico e le altre cose individuate dalla legge o in base alla legge quali testimonianze aventi valore di civilt. Beni paesaggistici (Codice) sono beni paesaggistici gli immobili e le aree indicati allarticolo 134, costituenti espressione dei valori storici, culturali, naturali, morfologici ed estetici del territorio (art. 136), le aree di interesse paesaggistico tutelate per legge (art. 142) e gli altri beni individuati dalla legge o in base alla legge mediante i Piani Paesaggistici. Paesaggio (C.E.P.) - designa una determinata parte di territorio, cos come percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dallazione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni. Paesaggio (Codice) designa parti di territorio i cui caratteri distintivi derivano dalla natura, dalla storia umana o dalle reciproche interrelazioni; il paesaggio esprime valori che vanno tutelati e salvaguardati come manifestazioni identitarie percepibili. Pianificazione dei paesaggi (C.E.P.) si intendono le azioni fortemente lungimiranti, volte alla valorizzazione, al ripristino o alla creazione di nuovi paesaggi. Pianificazione paesaggistica (Codice) le Regioni assicurano che il paesaggio sia tutelato e valorizzato: sottopongono a specifica normativa duso il territorio, approvando Piani Paesaggistici ovvero Piani urbanistico-territoriali con specifica considerazione dei valori paesaggistici, concernenti lintero territorio regionale, entrambi denominati Piani Pa esaggistici Aree verdi: si considerano le superfici di aree verdi a gestione comunale, per le seguenti tipologie: Verde attrezzato: costituito dal verde delle circoscrizioni attrezzato con giochi per bambini, campi polivalenti, piste ciclabili, ecc.; Parchi urbani: aree tutelate a norma delle disposizioni dell'art. 136, Capo II Titolo I Parte III, del D. Lgs 22 gennaio 2004, n. 42, "Codice dei beni culturali e del paesaggio": ville, giardini e parchi, non tutelati dalla Parte II del presente decreto, che si distinguono per la loro non comune bellezza. Aree sottoposte precedentemente ai vincoli delle Leggi 1497/39, 431/85 e del D. Lgs. 490/99; Verde storico: aree tutelate a norma delle disposizioni dell'art. 10, Capo I Titolo I Parte II, del D. Lgs. 22 gennaio 2004, "Codice dei beni culturali e del paesaggio": ville, parchi e giardini che abbiano interesse artistico o storico. Aree sottoposte precedentemente ai vincoli della Legge 1089/39 e del D. Lgs. 490/99); Aree di arredo urbano:sono costituite dalle aree verdi create per fini estetici e/o funzionali, quali ad esempio, zone alberate, rotonde, aree di sosta, ecc. Aree speciali: fanno riferimento alle aree verdi che hanno particolari modalit di fruizione come: giardini scolastici, orti botanici e vivai, giardini zoologici, cimiteri ed, inoltre, includono categorie residuali di verde. * (Codice = Codice dei Beni culturali e del paesaggio; C.E.P. = Convenzione Europea del Paesaggio

R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

Sistemi urbani e pianificazione

Fabrizio Cimino, ARTA Sicilia (DRU) Carmelo DAgostino, TFA MATTM Mario Pantaleo, TFA MATTM

Sistemi urbani e pianificazione

R o o a Re el la az zi i on ne es su ul ll lo os st ta at t od de el ll l am mb bi ie en nt te e

298 Cap. 20 Cap. 20

20.

S Si is st te em mi iu ur rb ba an ni ie ep pi ia an ni if fi ic ca az zi io on ne e

Larticolo 14 dello Statuto Speciale della Regione Siciliana prevede il potere di legislazione esclusiva su diverse materie, tra cui lurbanistica (punto f) e i lavori pubblici (punto g). In tal senso, e nellattesa che la Regione Siciliana emani unorganica disciplina regionale, la legislazione statale e regionale in materia urbanistica si applica con le modifiche e le integrazioni della Legge Regionale n. 71 del 27/12/1978, recante Norme integrative e modificative della legislazione vigente nel territorio della Regione Siciliana in materia urbanistica . Tale legge, nello specifico, si propone di: a) potenziare il ruolo delle comunit locali nella gestione del territorio; b) favorire la crescita della conoscenza del territorio in tutti i suoi aspetti fisici, storici, sociali ed economici, da realizzare anche mediante unopportuna attivit promozionale della Regione; c) salvaguardare e valorizzare il patrimonio naturale e ambientale; d) favorire la piena e razionale utilizzazione delle risorse valorizzando e potenziando il patrimonio insediativo e infrastrutturale esistente, evitando immotivati usi del suolo. Alla luce delle nuove tendenze e delle nuove sfide nel settore, la Regione Siciliana ha elaborato il Disegno di Legge di riforma denominato Norme per il Governo del Territorio. Tale Disegno di Legge, nello specifico, si prefigge obiettivi di governo, gestione, tutela, disciplina delluso e delle trasformazioni del territorio, anche nelle sue implicazioni di natura paesistica e si ispira ai principi di sussidiariet (orizzontale e verticale), sostenibilit ambientale, sociale ed economica, partecipazione delle scelte, flessibilit del piano, semplificazione normativa e delle procedure, copianificazione fra piani di settore, concertazione fra attori ed enti territoriali e perequazione.

20.1 Caratteristiche strutturali


La descrizione delle caratteristiche strutturali stata effettuata scindendo le tematiche in questione a livello regionale-metropolitano, provinciale e comunale.
20.1.1 Il sistema regionale e metropolitano

Il principale strumento di governo del territorio a livello regionale il Piano Territoriale Urbanistico Regionale (PTUR) di competenza del Dipartimento Regionale Urbanistica dellAssessorato Regionale Territorio e Ambiente ( la Legge Regionale n. 28 del 29/12/1962, tra le altre competenze, aveva ad esso attribuito il compito di formare il Piano Urbanistico Regionale, PUR). La Legge Regionale n. 71 del 27/12/1978 prevede listituzione di un Comitato Tecnico Scientifico (CTS), al fine di collaborare con lAssessorato Regionale del Territorio e dellAmbiente nelle attivit preparatorie necessarie per la redazione del Piano Urbanistico Regionale. Nel Dicembre 2001, inoltre, allinterno del Dipartimento Regionale dellUrbanistica stato istituito il Servizio 1 Pianificazione Territoriale Regionale, con il compito di implementare il Piano Urbanistico Regionale come processo interattivo, iterativo e dialogico.
R n i a Re eg gi io o ne eS Si ic c il li ia an n a

S i i a z o Si is st te em mi iu ur rb ba an n ie ep pi ia an n if fi ic c a zi i on ne e

Il CTS ha elaborato un primo documento di lavoro contenente i principi, le strategie ed i rapporti tra istituzioni e con gli altri strumenti di pianificazione. Allo stesso tempo stato elaborato un quadro metodologico ed operativo necessario per lavvio del PTUR articolato in fasi e momenti che compongono il processo di formazione, verifica e gestione dello stesso. Limportanza di tale piano data dal fatto che oltre a proporsi come piano strutturale e strategico per lo sviluppo locale, diventi strumento di prescrizioni e di indirizzo per un coordinamento delle molteplici occasioni di pianificazione attuali e future della Regione Siciliana e strumento di messa in ordine del patrimonio conoscitivo del territorio siciliano e di ordinamento delle strutture operative e amministrative delle Istituzioni preposte al governo del territorio1. Le aree metropolitane (Palermo, Catania e Messina) sono state individuate e territorialmente definite con Decreto del Presidente della Regione del 1995, ai sensi della L.R. n. 9 del 1986, ancor prima che la Legge n. 142 del 1990 individuasse le nove aree metropolitane appartenenti alle regioni a statuto ordinario. Tali aree, proprio perch costituiscono il sistema dei maggiori pesi demografici dellIsola e la continuit del rapporto tra le capitali storiche ed il territorio siciliano, vanno misurate in ragione delle opportunit che possono esprimere come sistemi integrati di servizi ed attivit complesse. Esse, per, non si sono mai tradotte in soggetti di natura istituzionale, tecnica e politica, e di conseguenza la relativa pianificazione metropolitana viene effettuata dalle Province Regionali. La perimetrazione dellarea metropolitana di Palermo muove dalla considerazione che gli scambi nel sistema palermitano interessano unampia area che va dal territorio del comune di Termini Imerese al territorio del comune di Partinico, coinvolgendo anche i comuni pi interni delle prime pendici dei monti di Palermo. Larea in esame si compone di 27 comuni, per una popolazione complessiva di 1.031.579 abita nti (DemoISTAT residente all1.1.2006), di cui 670.820 risiedono nel comune di Palermo, che, oltre ad essere capoluogo di provincia, anche capoluogo di regione, e di conseguenza eroga i principali servizi e possiede le maggiori attivit commerciali. Ulteriori attivit consolidate nellarea metropolitana sono quelle industriali localizzate nel nucleo urbano di Carini e nel territorio di Termini Imerese. Il patrimonio abitativo dei comuni costieri dellaarea , altres, caratterizzato dalla presenza di seconde case utilizzate pochi mesi allanno. La perimetrazione dellarea metropolitana di Catania interessa un ampio territorio del sistema dei comuni sud-etnei, che ha come principali capisaldi, oltre al polo industriale di Catania, il centro turistico di Acireale a nord e quello agricolo di Patern a ovest. Essa si compone di 27 comuni per una popolazione complessiva di 748.152 abitanti (DemoISTAT residente all1.1.2006) , di cui 304.144 residenti nel comune di Catania. Larea caratterizzata dalla concent