You are on page 1of 2

Zago Mattia

Appunti di Fisica I

A.A. 2009/2010

Moto Circolare
In queste due lezioni riprenderemo il Moto circolare uniforme, ed il Moto circolare in notazione vettoriale compatta, poi affronteremo il moto periodico con particolare attenzione al Moto Armonico Semplice (o M.A.S.)
O x , y : r = r (t ) x = R cos (t ) y = R sin (t )

(t ) =

0 + 0 t Moto Uniforme 0 + 0 t + 0 t 2 Moto Uniformemente Accelerato


1 2

Dove la velocit angolare istantanea, R il raggio, langolo minore formato dal vettore r e lasse x. Sapendo che

=
e che:

V a S ; = ; = , R R R

S (t ) R (t ) d & (t ) &(t ) S (t ) = S R dt d2 d & &&(t ) R &&(t ) S (t ) = S (t ) = S 2 dt dt

Possiamo affermare che: d d d d V x (t ) = x(t ) [R cos (t )] R cos (t ) R [ sin (t )] d dt dt dt dt v = r (t ) = = d d d d dt V y (t ) = y (t ) [R sin (t )] R sin (t ) R [cos (t )] dt dt dt dt &(t ) V x (t ) = R sin (t ) = &(t ) V y (t ) = R cos (t )
& pu essere sia dipendente che indipendente dal tempo t, quindi pi indicato indicare comunque &(t ) .

Sappiamo poi che: r v = r (t ) v (t ) = x (t ) V x (t ) + y (t ) V y (t ) , ricaviamo quindi sostituendo in questa i risultati delle equazioni precedenti e svolgendo i calcoli: &(t ) + R 2 cos (t ) sin (t ) &(t ) r v = R 2 cos (t ) sin (t ) I due termini sono uguali e contrari. Otteniamo quindi un risultato molto importante! Se il prodotto scalare di due vettori 0 necessariamente i due vettori sono ortogonali: r v = 0 r v

-1-

Zago Mattia

Appunti di Fisica I

A.A. 2009/2010

Analogamente possiamo fare lo stesso ragionamento per laccelerazione: d d &(t ) R sin (t ) a x (t ) = V x (t ) d dt dt = a = V (t ) = d d dt & a y (t ) = V y (t ) R cos (t ) (t ) dt dt

d d & &&(t ) sin (t ) R &(t ) cos (t ) &(t ) R (t ) sin (t ) R &(t ) sin (t ) R dt dt = = d d & &(t ) &&(t ) cos (t ) + R &(t ) [ sin (t )] &(t ) R (t ) cos (t ) + R cos (t ) + R dt dt = &&(t ) sin (t ) R &(t ) 2 cos (t ) R
2

[ ] &&(t ) cos (t ) R [ &(t )] R

sin (t )

Se ora svolgiamo il prodotto V (t ) a(t ) otteniamo (per comodit tralasceremo la notazione (t ) ):

V (t ) a(t ) = Vx a x + V y a y = & sin R && sin R & 2 cos + R & cos + R && cos R & 2 sin = + R & && sin 2 + R 2 & && cos 2 = R 2

[ [

] ]

& && sin 2 + cos 2 = = R 2 & && = R 2


Questo risultato generalmente diverso da 0. Eccezione: Nel moto circolare uniforme la derivata seconda dellangolo uguale a 0 quindi i due vettori sono ortogonali. Possiamo poi notare che il vettore a costituito in modo unico come somma di una componente Normale e una Tangenziale, definendo il vettore accelerazione in coordinate intrinseche:
2 2 a = ax + ay =

[ R &&(t ) sin (t ) R [&(t )] cos (t )] + [ R &&(t ) cos (t ) R [&(t )] sin (t )]


2 2 2

&&2 + R 2 &4 = K = R 2
2 2 && 2 + R &2 a 2 = ax + ay = R 2 2 2 2 a 2 = ax + ay = aN + aT

) (

) = [R ] + [R ]
2 2

2 2 = aN + aT

-2-