You are on page 1of 9

www.libertasicilia.it mail: libertasicilia@gmail.

com Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987


Cronaca
Piantina di marijuana
nellaiuola del centrale
viale Teocrito
a pagina due
stato attinto al basso ventre
Gambizzo il vicino di casa
Spicuglia ai domiciliari
E durata poco pi
di un mese la deten-
zione in carcere per
Christian Spicuglia,
il siracusano, arresta-
to il 20 luglio scorso
perch accusato.
A pagine due
SOCIET CRONACA
INQUINAMENTO EDITORIALE
Cronaca
Minori immigrati non accompagnati
Lettera di protesta
delle comunit
a pagina sette
Troppi gli interessi e i soldi che girano per le stanze dei Palazzi del potere
Lamministrazione comu-
nale di Siracusa sar co-
stratta a risarcire con 480
mila euro la famiglia.
A pagine tre
Comune
risarcisce
480 mila euro
Ieri poco dopo le 15, nella zona alta, in via Giarre, un
uomo D. S. di 38 anni della zona, dipendente di una ditta
di pulizie, stato attinto al basso ventre da un colpo di
pistola esploso nei suoi confronti da un soggetto.
E Impossibile eliminare i miasmi nellaria
Quellodiosa e velenosa puzza
di gas prodotta dalle industrie
di Giuseppe Bianca
In Italia l'industria del
turismo rappresenta circa
il dieci per cento del Pil
e occupa oltre tremilioni
di addetti. Il suo sviluppo
incondizionatamente
legato all'identit cultu-
rale del territorio e alla
capacit di preservarne e
tramandare il patrimonio
storico, archeologico e
le tradizioni; Siracusa
uno dei territori, dove
tale siffatta condizione ,
realisticamente parlando,
davvero favorevole. Mare,
cristallino, monumenti ar-
cheologici d'inestimabile.
Sviluppo:
il Turismo
unica via
di Concetto Alota
Epraticamente impos-
sibile eliminare la puzza
e i miasmi provenienti
dalle raffnerie installate
nelle vicinanze dei cen-
tri abitanti, come Citt
Giardino, Belvedere,
Priolo, Melilli, Augusta e
la zona nord di Siracusa;
il rapporto diretto della
puzza irresistibile e l'aria
irrespirabile e percepita
dagli esseri umani ed
riferito alla quantit.
A pagina nove
A pagine quattro
domenica 31 agosto 2014 anno XXVii n. 199 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafca S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 0,50
Due persone sono state
arrestate a Belpasso dai ca-
rabinieri della Compagnia
di Patern .
A pagine cinque
Pizzo a ditta
arrestati
due di Noto
La sicurezza del lavoro ha
un costo. Le manutenzioni
degli impianti hanno un
costo. La tenuta effciente
dell'organizzazione del
lavoro nella generalit ha
un costo.
A pagine dodici
Impianti
troppo
vecchi
Agguato in via
Giarre, ferito
un 38enne
A pagine tre
Quotidiano della Provincia di Siracusa Sicilia
CRONACA DI SIRACUSA 2 Sicilia 31 agoSto 2014, doMenica
E durata poco pi
di un mese la deten-
zione in carcere per
Christian Spicuglia, il
siracusano, arrestato il
20 luglio scorso per-
ch accusato di tentato
omicidio ai danni del
vicino di casa Giovan-
ni De Simone. Linda-
gato ha potuto lasciare
la Casa Circondariale
di Cavadonna per il
meno affittivo regime
di arresti domiciliari a
cui lo ha destinato il
Giudice delle indagini
preliminari Alessandra
Gigi. Il Gip si con-
vinto a fare scarcerare
Christian Spicuglia
solo dopo che il di-
fensore dell'indagato,
avvocato Junio Cele-
sti, ha dato indicazioni
sull'abitazione in cui
verr ospitato il pro-
prio assistito, lontano
dalla residenza della
vittima, che dista po-
chi metri da quella dei
suoi genitori. Anche il
Pubblico Ministero di
turno ha dato parere
favorevole alla con-
cessione degli arresti
domiciliari, anche alla
luce del miglioramen-
to delle condizioni di
salute di Giovanni De
Simone.
De Simone, oltre ad
essere stato gambizza-
to, si visto colpire da
un proiettile alla vesci-
ca per il quale i sanitari
dellospedale Umberto
primo si sono riservata
la prognosi. Il reato di
tentato omicidio aggra-
vato dall'uso dell'arma
contestato dal Pubbli-
co Ministero nell'im-
mediatezza del fatto a
carico di Christian Spi-
cuglia resta comunque
in piedi. Per la con-
cessione degli arresti
domiciliari il Gip ha
tenuto in debita consi-
derazione il compor-
tamento dell'indagato
che, dopo aver esploso
quattro colpi di pistola
nei confronti del vici-
no di casa anche a cau-
sa di screzi mai sopiti,
si era spontaneamente
consegnato negli uffci
della Squadra Mobile.
In sede di udienza di
convalida, Spicuglia
ha sostenuto di avere
esploso i quattro colpi
di pistola contro il De
Simone per le parole
offensive pronunciate
ai suoi danni dal vicino
di casa. L'arrestato ha
detto che nella matti-
nata dell'attentato, ha
incontrato il De Si-
mone che, a suo dire,
l'avrebbe minacciato
per la velocit con cui
Spicuglia viaggiava
nel cortile condomi-
niale sulla sua auto,
mettendo a repenta-
glio lincolumit dei
condomini. Dopo un
primo scambio di re-
ciproche minacce e
insulti, un quarto d'ora
dopo si sono di nuovo
incontrati in via Im-
mordini e questa volta
Christian Spicuglia ha
preso la pistola e ha
sparato alle gambe del
malcapitato. Christian
Spicuglia, dopo aver
esploso i quattro colpi
di pistola si dato alla
fuga, ma, dopo aver
vagato per le vie del-
la citt e ritenendo di
essere ricercato dagli
agenti della Squadra
Mobile, a distanza di
quattro ore dall'epi-
sodio si costituito
presso gli uffci della
squadra mobile della
Questura di Siracusa.
Gambizz il vicino
di casa: concessi
i domiciliari
a Christian Spicuglia
Manto stradale
in corso Gelone,
consegna
il 5 settembre
Migliorano, intanto, le condizioni di Salute della vittiMa dellattentato
VIABILIT
Si allungano i tempi per
ultimare parte dei lavori di ri-
facimento del manto stradale
di corso Gelone. Ling. Ema-
nuele Fortunato, dirigente del
settore Mobilit e Trasporti
del Comune ha emesso una
nuova ordinanza con cui si
sposta a venerd prossimo il
termine delle modifche tem-
poranee al piano di sosta nel
viale centrale della citt. Fino
al prossimo venerd, dunque,
in base a quanto stabilisce
la nuova ordinanza, che ne
segue una precedente, dellal-
tro ieri, ogni giorno, dalle 7
alle 17 , in direzione viale
Teracati, sar vietato sostare
ai margini della strada, lungo
il tratto che da via Agatocle
arriva alla rotatoria di viale
Paolo Orsi. Vietata anche la
sosta sul lato opposto, in dire-
zione via Catania. Prevista, in
caso di violazioni, la rimozio-
ne forzata dei veicoli.
E stato il vento a trasportare i
semi oppure li ha piantati qual-
cuno, certo di poterla raccoglie-
re senza destare alcun sospetto?
Il dilemma si pone allindomani
del ritrovamento in unaiuola di
una via centralissima di Siracusa
di una piantina di canapa india-
na da cui si ricava la marijuana.
E bastato fermarsi su una pan-
china per scorgere nella vicina
aiuola una piantina della fami-
gerata cannabis, molto ricerca-
ta dagli spacciatori di droghe
leggere. I Carabinieri della Sta-
zione di Ortigia, nel corso di un
servizio con altre fnalit, sof-
fermatisi in viale Teocrito hanno
casualmente scorto una piantina
di canapa indiana, di circa quaran-
ta centimetri di altezza, cresciuta
vicino ad altre piante in unaiuola
pubblica in posizione pi deflata.
possibile ritenere che la pianta
sia cresciuta spontaneamente per
qualche seme portato dal vento,
anche perch i servizi di apposta-
mento svolti dai militari dellArma
per verifcare se qualcuno si recas-
se allaiuola per innaffare la pian-
tina hanno dato esito negativo. Ri-
mane il dubbio che la crescita non
sia casuale solo in considerazione
della sua posizione particolarmen-
Piantina di marijuana
nellaiuola del centrale
viale Teocrito
te nascosta, al riparo di una palma,
che sembrerebbe volutamente ri-
cercata, e del fatto che in unoc-
casione i Carabinieri hanno notato
tracce di acqua come se la pianta
fosse stata accuratamente bagna-
ta. In tal caso potrebbe trattarsi di
qualche abitante della zona che
ha pensato bene di approfttare di
unarea pubblica per coltivare una
piccola quantit di marijuana, qua-
si certamente da destinare alluso
personale, ritenendo in questo
modo di correre meno rischi. La
pianta stata estirpata dai milita-
ri dellArma per la successiva di-
struzione.
In foto, Christian Spicuglia.
31 agoSto 2014, doMenica Sicilia 3 CRONACA DI SIRACUSA
Lassociazione Ciao onlus, il centro interdisciplinare di ascolto onco-
logico cambia la guida. Nel ruolo di presidente dellassociazione stato
scelto Giovanni Moruzzi, da sempre una delle anime del Centro inter-
disciplinare di ascolto oncologico. La nomina a presidente di Moruzzi
arrivata dopo le dimissioni rassegnate da Giuseppe Bombaci che ha guidato
lassociazione fno a pochi giorni fa prima di lasciare lincarico.
Presidente dellassociazione
C.I.A.O. il dr. Giovanni Moruzzi
Pachino, controlli veicoli
nelle attivit commerciali
Poliziotti
in attivit
nella zona Sud
della provincia
di Siracusa
una PerSona denunciata Per SPaccio di droga
A seguito dellope-
razione di polizia de-
nominata Trinacria,
Agenti del Commis-
sariato di pubblica
sicurezza di Pachino
hanno effettuato un
servizio straordinario
di controllo del terri-
torio. Le pattuglie del
Commissariato, uni-
tamente a personale
della Polizia Munici-
pale hanno control-
lato alcuni obiettivi
sensibili della citt,
ed hanno identifca-
to alcune persone e
controllato i relativi
veicoli, contestando
delle sanzioni ammi-
nistrative. Sono state
effettuate attivit spe-
cifche per la preven-
zione di alcuni reati:
in particolare, lo spac-
cio di stupefacenti e i
reati predatori, specie
i furti in abitazione,
con controllo a cam-
pione dei soggetti sot-
toposti a limitazioni
della libert persona-
le. Attenzione specia-
le stata riservata al
contrasto allabusivi-
smo commerciale con
diffda dei venditori
ambulanti non auto-
rizzati. Inoltre sono
state espletate alcune
verifche negli eser-
cizi commerciali di
compro oro al fne di
impedire la ricettazio-
ne di preziosi rubati.
Le vie pi monitora-
te: Via Pascoli, Lin-
coln, Costa, Cavour,
Roma, Marzamemi,
aree rurali di Costa
dellAmbra e Granel-
le. Complessivamen-
te i controlli hanno
consentito il conse-
guimento dei seguenti
risultati:
Una persona M.L.
pachinese di 22 anni,
gi nota alle forze di
polizia, stata denun-
ciata per il reato di
detenzione ai fni di
spaccio di sostanza
stupefacente. In par-
ticolare, lo stesso, te-
neva occultate allin-
terno del porta oggetti
del proprio scooter
26 dosi di marijuana
confezionate in carta
stagnola per un peso
complessivo di gram-
mi 40. A seguito di
perquisizione, sono
state trovate due pian-
te di marijuana che il
giovane coltivava in
un terreno in localit
Marzamemi. La so-
stanza stupefacente
e le piante venivano
sottoposte a sequestro
penale ed il giovane
denunciato in stato di
libert.)
Controllate 13 perso-
ne e 6 veicoli; som-
ministrate 3 sanzioni
amministrative e al-
trettanti fermi di vei-
coli. I poliziotti hanno
anche eseguito quat-
tro perquisizioni e
controllato due eser-
cizi pubblici.
Lamministrazione comunale di
Siracusa sar costratta a risarcire
con 480 mila euro la famiglia
di Rosario Bocchieri. Il giovane
augustano aveva 17 anni quan-
do perse la vita il 26 aprile del
2007 a causa delle gravi lesioni
riportate in un incidente stradale
quando alla guida del suo scoo-
ter, cadde in via Columba a cau-
sa di una buca non vista in tempo
perch coperta da unauto che lo
Comune paga 480 mila euro di risarcimento
precedeva. Da allora prese il via
una battaglia giudiziaria che port
a febbraio al pronunciamento del
tribunale civile, che riconobbe la
responsabilit dellente al 50%
condannandolo al pagamento di
520.988,74 euro.
L'avvocato del Comune e la con-
troparte si sono infne accordati
per il pagamento di 480 mila euro
e cos non ci sar alcun ricorso
ulteriore.
roSario Bocchieri il giovane auguStano aveva 17 anni
una pattuglia della Polizia.
la ScoPerta fatta da una Pattuglia dei caraBinieri
Tutto si verifcata in po-
chi attimi la sparatoria che
si verifcata tra il viale
Santa Panagia e la via Giar-
re, nel primo pomeriggio di
oggi. Un 38enne
Poco dopo le 15, in via
Giarre, un uomo D.S. di 38
anni della zona, dipenden-
te di una ditta di pulizie,
stato attinto al basso ventre
da un colpo di pistola esplo-
so nei suoi confronti da un
soggetto avvicinatosi a bor-
do di un ciclomotore. Luo-
mo, con il volto coperto da
casco integrale, si dato ad
immediata fuga dopo leffe-
rato gesto facendo perdere
le proprie tracce. La vittima
stata prontamente soccor-
sa e trasportata allOspeda-
le Umberto I di Siracusa
dove rimane ricoverata per
gli accertamenti sanitari del
caso; non versa comunque
in pericolo di vita ed co-
sciente. Avviate le indagini
a 360 da parte dei Cara-
binieri della Compagnia
di Siracusa per cercare di
identifcare il responsabile.
Le indagini dei Carabinie-
ri sono ancora in corso, si
stanno raccogliendo le te-
stimonianze da chi ha assi-
stito alla scena provando a
ricostruire laccaduto, ma il
38enne fnora non ha fornito
elementi utili ai militari, che
al momento non si sentono
di escludere alcuna pista.
Da una prima indagine, la
vittima, gi noto alle forze
dell'Ordine con precedenti
legati allo spaccio di stupe-
facenti, dopo aver avuto un
battibecco con l'individuo
in scooter, sarebbe successi-
vamente stato raggiunto da
questi che, estratta la pistola
avrebbe esploso un colpo.
Sul luogo non sono stati al
momento repertati bossoli.
Il ferito non ha saputo for-
nire ai militari operanti ele-
menti utili alle indagini.
Sparatoria
in viale Santa
Panagia, ferito
un 38enne nelle
parti intime
di Giuseppe Bianca
In Italia l'industria del
turismo rappresenta circa
il dieci per cento del Pil
e occupa oltre tremilioni
di addetti. Il suo sviluppo
incondizionatamente
legato all'identit cultu-
rale del territorio e alla
capacit di preservarne e
tramandare il patrimonio
storico, archeologico e
le tradizioni; Siracusa
uno dei territori, dove
tale siffatta condizione ,
realisticamente parlando,
davvero favorevole. Mare,
cristallino, monumenti ar-
cheologici d'inestimabile
valenza storica, culturale
e di grande bellezza ar-
chitettonica; ma da anni
tutto il comparto a livello
nazionale subisce una sta-
gnazione legata pi alle
proteste degli ambientalisti
e delle soprintendenze alle
Belle Arti, con giochi poli-
tici, che alla mancanza di
volont d'imprenditori che
vogliono investire.
Lo stato del disagio e
la preoccupazione degli
investitori del settore, si
basa sulla negazione per
partito preso da parte degli
ambientalisti. Associazio-
ni nate come funghi e che
il pi delle volte alimen-
tano la protesta per mera
pubblicit, che per logica
deduzione della protezione
dell'ambiente. Siracusa e il
suo territorio sono natural-
mente a vocazione turistica
espansiva, residenziale;
qui da noi la potenzialit
di sviluppo nel settore
infnita.
Abbiamo il mare, le coste,
le bellezze naturali, ma
mancano le infrastrutture.
Provate a pensare la citt di
Taormina senza tutti quegli
alberghi con spiagge diret-
tamente sul mare, i villaggi
turistici da sogno e tutto il
resto. Si tratta di scegliere
lo sviluppo possibile in
base alla materia prima
posseduta. L'esperienza in-
dustriale ci ha fatto sognare
l'Eldorado, ma alla fne ci
ha portato morte e dolore,
e ora disoccupazione e un
territorio compromesso per
sempre e che riusciamo
In foto, scorcio del Castello Maniace dallalto.
Il turismo: unico sviluppo
possibile per Siracusa
Basta con la demagogia e le favole dei pseudo
ambientalisti tutto rumore e niente pi
editoriale. SuBito una Progettualit di grande reSPiro Politico,
a risanare. Un errore dei
nostri padri, o "padrini",
politici.
Orbene. Un no secco al
rigassifcatore di Priolo,
quindi niente sviluppo
delle industrie legate all'e-
nergia; ma con il compor-
tamento del Signor "No",
niente possibile qui, in
questa terra sfortunata due
volte: la prima perch ci
siamo fatti fregare dagli
industriali senza scrupoli
in connubio con la politica
ladrona, la seconda perch
qualcuno, che si attaccata
una medaglietta da "am-
bientalista", dice sempre
"No", anche alle cose
positive, o a progetti validi
e diretti a preservare in pri-
mis Ambiente e Territorio
i cui si dice sentinella. No,
a questo gioco al massacro
non ci stiamo, e anzi insiste
la pretesa in generale della
pubblica opinione che le
forze economiche, politi-
che e sociali devono svi-
luppare incontri e tavoli di
concertazione, per arrivare
in tempo utile all'unico
possibile appuntamento di
sviluppo per questa citt,
che per natura turistica.
Altrimenti, il risultato sar
l'impoverimento totale,
generale, senza alcuna
speranza.
C' da chiedersi se a
Siracusa il settore del
turismo stato governato
da un direttorio valido e
competente, o se invece le
decisioni siano state dettate
da un quadro di facciata
politica o del rifesso me-
diatico. La risposta si trova
nella confusione creata da
tutti e nessuno, da chi solo
per aver registrato dal no-
taio uno statuto associativo
diretto alla salvaguardia
dell'Ambiente e del Terri-
torio, vuole avere tutti i ti-
toli ostativi, senza sapere di
che cosa stiamo parlando,
senza alcuna esperienza e
nessuna competenza.
Gli sforzi sono sempre ap-
parsi poco sinceri e diretti
al contrasto di principio;
ma la realt a volte si
scontra con la vita sociale
di un territorio e il pensiero
contorto di chi vede sem-
pre tutto nero e caviloso.
L'agricoltura al collasso,
l'industria stata solo un
grosso abbraccio mortale
collettivo, il terziario tira
a campare, l'edilizia in
profondo rosso, la pesca
agli sgoccioli, da dove dun-
que ricavare il necessario
reddito, il famoso monte
salari generale, che ci
consente di sopravvivere?
Oggi l'arena del Turismo
diffcile da gestire, dove
si richiedono adeguati
livelli di competitivit e
investimenti, ma se ogni
imprenditore che vuole
investire qui da noi co-
stretto a scappare al grido,
"al lupo, al lupo", dei pseu-
do - ambientalisti, allora
cominciamo a emigrare in
massa altrove, magari nel
Magreb in controtendenza,
poich qui non c' alcun
futuro per nessuno.
Tra i settori economici che
caratterizzano il nuovo
sviluppo e la moderna
economia, quello del tu-
rismo rappresenta il pi
rappresentativo e parte-
cipato, dove il numero di
soggetti coinvolti, tra loro
differenti per mansioni e
professione, il pi alto in
assoluto, nel rispetto delle
singole identit: ristoranti
e trattorie, parcheggi, al-
berghi, porti turistici, taxi,
pullman, piccole botteghe
e negozi in generale, dove
tutti concorrono insieme,
l'uno per l'altro, al com-
pletamento del prodotto
chiamato Turismo. Ma
senza le necessarie e valide
infrastrutture il tutto il
niente.
I turisti, di tutte le fasce
e categorie, esigono un
trattamento completo,
equiparato con altre realt
rinomate, svago, attrattive,
sicurezza, natura inconta-
minata, cultura e storia,
un'informazione puntuale
di tutti i servizi e nel com-
CRONACA DI SIRACUSA 4 Sicilia 31 agoSto 2014, doMenica
plessivo di qualit; e come
in una minifliera si deve
confrontare con un mer-
cato sempre pi esigente
e di classe.
Tutti questi fattori appa-
iono scontati e obbligati
e si prestano appieno alla
nostra naturale vocazione
turistica. Alla fatta dei con-
ti, abbiamo la possibilit
di attingere investimenti
dai tanti imprenditori
che si sono gi presentati
allo sportello e di tanti
altri in lista d'attesa, oltre
all'Unione europea che ha
messo in campo tanti bei
quattrini per l'incremento
del settore; ma non pos-
siamo aprire un conten-
zioso lungo e costoso solo
all'annuncio che Tizio o
Caio vogliono investire
in un villaggio turistico
alla "Pillirina", o all'ex
"Spero", o in altri posti che
si prestano alla realizza-
zione di strutture ricettive
d'interesse internazionale,
altrimenti piantiamo l
degli ombrelloni con tanti
carrettini pieni di meloni e
facciamoci i commercianti
di cocomeri in riva al mare
e buonanotte ai suonatori,
al futuro e tutto il resto.
Le regole del legislatore
devono essere chiare, sia
verso la salvaguardia del
territorio e dell'ambien-
te, sia verso lo sviluppo
economico sostenibile,
possibile. I vizi privati
non producono pubbliche
virt, ma un sistema, dove
tutto ritorna indietro e gira
attorno al semplice fagoci-
tare, e che ci impoverisce
senza condizioni. La rego-
la del contrasto del tutto
e del nulla non produce
niente e non costa una sola
lira a chi lo mette in campo,
ma produce un danno irre-
parabile per il territorio,
per la vita economica e
sociale, per i nostri fgli
e i nostri nipoti. Abbiamo
ora, e non domani, l'esi-
genza di pensare al futuro
della nostra economia, ma
i presupposti cos come
enunciati non ci porteran-
no tanto lontano, anzi ci
faranno ruzzolare presto
nel baratro pi profondo
e per sempre.
Di movimenti di semplice
protesta, tutti simili ma
con nomi diversi e sim-
boli collegati contro le
infrastrutture, giuste o sba-
gliate che siano, non abbia-
mo davvero pi bisogno.
Le soluzioni provvisorie
trovate quale territorio
degradato, come gli ap-
prodi per il diporto casba,
tipo Magreb, alla vecchia
Marina e allo Sbarcadero
Santa Lucia, non sono di
certo la soluzione che tutti
i siracusani si aspettano.
31 agoSto 2014, doMenica Sicilia 5 CRONACA DI SIRACUSA
Pizzo ad un imprenditore
del territorio di Belpasso,
Arrestati due uomini di Noto
angelo Monaco e Paolo MirMina SPatalucente
Due persone sono sta-
te arrestate a Belpasso
dai carabinieri della
Compagnia di Patern
mentre si facevano
consegnare cinque
assegni non intestati
da 10mila euro l'uno
da un imprenditore
edile che si rivolto ai
carabinieri dopo essere
stato costretto per sei
anni a pagare il pizzo. I
due arrestati, originari
di Noto ed ex soci della
vittima, sono accusati
di estorsione aggravata
dal metodo mafoso.
Da sei anni lo ves-
savano chiedendogli
continuamente soldi.
Alla fine esasperato
dalle vessazioni che
duravano dal 2008 un
imprenditore edile di
Belpasso ha denuncia-
to e fatto arrestare dai
anni fa, si era avvalso,
nellambito di un ap-
palto pubblico, della
societ di edilizia di
Monaco per alcuni
lavori in subappalto.
Monaco, che allepoca
aveva gi alle spalle
una condanna per as-
sociazione mafiosa,
era stato poi arrestato
nel luglio del 2008
e la vittima era stata
costretta ad interrom-
pere il rapporto di
collaborazione con
la ditta subappaltan-
te. Da quel momento
laltro socio, Mirmina
Spatalucente, avrebbe
cominciato a chiedere
denaro allimprendito-
re nonostante questul-
timo avesse gi saldato
limporto dovuto per le
opere compiute fno a
quel momento. Dalla
scarcerazione di Mo-
naco, avvenuta a met
del luglio scorso, i due
avrebbero cominciato
a chiedere pi denaro
alla vittima, minac-
ciando ritorsioni in
caso di rifuto. I due
arrestati sono stati as-
sociati nel carcere di
Bicocca.
I dipendenti del comune di Lentini non
hanno riscosso gli stipendi del mese di
agosto a causa del blocco delle somme
della tesoreria comunale su un atto di
pignoramento notifcato al comune di
Lentini e alla tesoreria comunale pres-
so la Banca Popolare di Ragusa, agenzia
di Lentini, per recuperare le somme per
estinguere un debito di oltre 4 milioni di
euro all'avvocato Federico De Geroni-
mo per gli espropri effettuati dal comune
alla fne degli anni 80. L'avvocato della
Lentini, pignorati 250 stipendi comunali
ditta De Geronimo ha consegnato al pro-
tocollo generale e al direttore della Banca
Monte Paschi il decreto di pignoramento
degli stipendi dei dipendenti che sono 250
per avviare le procedure di recupero credi-
ti. Il direttore avrebbe informato il sindaco
Alfo Mangiameli della vicenda, il quale
avrebbe comunicato che "gli stipendi sono
impignorabili". La vicenda del maxi de-
bito di quattro milioni e treentomila euro
che il comune di Lentini dovr pagare
ritornata alla ribalta: la giunta comunale
conSegnato al Protocollo il decreto
La sezione territoriale ANMIL di Siracusa (As-
sociazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati
ed Invalidi del Lavoro) sta mettendo in atto un
iniziativa gratuita a favore delle vedove e degli
orfani dei deceduti sul lavoro. Sono in realizza-
zione le Tavole della memoria, su cui verran-
LAnmil Siracusa
organizza le Tavole
della memoria
iniziativa gratuita Per le vedove e degli orfani dei deceduti Sul lavoro no riportati i nominativi dei lavoratori deceduti
sul lavoro a causa di una malattia professionale o
infortunio. Per tanto, qualora gli eredi fossero in-
teressati allinserimento del nominativo del pro-
prio caro allinterno di queste tavole, sono pregati
di recarsi, entro e non oltre il 12 settembre. presso
gli uffci ANMIL di Siracusa, siti in Via Brenta
n. 65 per sottoscrivere la richiesta o telefonare
al numero tel. 0931.1962002/334.6692013 per
eventuali informazioni. Le suddette Tavole ver-
ranno incise ed inserite nel monumento dedicato
agli invalidi sul Lavoro, ubicato in Piazza Carme-
lo Ganci a Siracusa, linaugurazione si svolger
in occasione della celebrazione della Commemo-
razione per le vittime degli incidenti sul lavoro
che si terr il 26 ottobre 2014.
Sopra, Mirmina Spatalucente e Angelo Monaco.
carabinieri due suoi ex
soci in affari, Angelo
Monaco, di 59 anni,
ed il genero, Paolo
Mirmina Spatalucen-
te, di 34.
Entrambi sono ac-
cusati di estorsione
aggravata dal metodo
mafoso. I due, origi-
nari di Noto sono stati
bloccati dai carabinieri
del Nucleo operativo
della compagnia di
Patern mentre si face-
vano consegnare dalla
vittima cinque assegni
non intestati da 10mila
euro luno. Secondo
la ricostruzione degli
investigatori limpren-
ditore di Belpasso, sei
da nove mesi impegnata per risolvere
la vicenda del debito con diverse azioni e
l'accantonamento presso la tesoreria del-
le somme per il pagamento del debito. I
dipendenti hanno manifestato all'ammi-
nistrazione comunale un forte disagio per
il mancato pagamento degli stipendi. Il
nostro uffcio legale - ha detto il sindaco
Alfo Mangiameli - impegnato a risolve-
re la vicenda degli stipendi dei dipenden-
ti, ma anche ad impugnare l'ultimo prov-
vedimento di pignoramento notifcato al
Comune luned scorso. Non possibile
pignorare gli stipendi e c' qualcuno che
sta giocando, perch alla tesoreria comu-
nale abbiamo gi accantonato le somme
per pagare il debito.
le auto passano regolar-
mente sotto il cavalcafer-
rovia in costruzione. E se
da quellaltezza cadesse
un tondino di ferro o una
trave, che cosa succede-
rebbe? Il rischio di incolu-
mit pubblica fortissimo.
I cittadini sono stanchi di
dovere sopportare questi
lunghi disagi, tra laltro
questa opera faraonica si
poteva realizzare con un
cronoprogramma: bastava-
no due mesi e non sei per
realizzarla. Il cavalcafer-
rovia ha spezzato in due
parti Rosolini ed ha para-
lizzato il traffco sulla Sta-
tale 115, strada che collega
le province di Siracusa e
Ragusa. Tra laltro ag-
giunge Gennuso - le ordi-
nanze le emette il Comune
e non lex Provincia regio-
In foto, momenti suggestivi della serata.
di Arturo Messina
LVIII edizione della
LatomiArte si chiude
in bellezza con il Trio
del famoso chitarrista
Franco Cerri, il clou
degli incontri cultu-
rali stato mercoled
scorso, con la presen-
tazione di due opere
riguardanti Tommaso
Gargallo, il personag-
gio pi famoso della
nobile famiglia nel
mondo della cultura
classica, da cui nac-
que Mario Tommaso
Gargallo, il personag-
gio pi famoso per la
fondazione delle Rap-
presentazioni Classi-
che, di cui questanno
ricorre il centenario.
Se Federico Gargallo,
nipote di Mario
Gargallo aveva rac-
contato allagenzia
Adnkronos le memo-
rabili pagine di storia
patria che riguardano
la nascita delle Rap-
presentazioni Classi-
che quando decise
tutto nel 1913 , ad
appena 25 anni il de-
gno nipote del grande
conte Tommaso che
fu il pi apprezzato
traduttore di Orazio
e uno dei pi famo-
si classicisti. Lidea
gli venne , come egli
stesso raccontava,
dallavere assistito
alle rappresentazioni
classiche nei teatri ro-
mani, come quello di
Fiesole, vicino Firen-
ze, dove si era tratte-
nuto diverso tempo a
contatto con i pi in-
signi personaggi ita-
liani del mondo della
cultura del tempo. Lo
pot fare perch a lui
e al fratello che era
il suo braccio destro
anche nella condu-
zione di quelleroica
impresa, la posizione
economica della sua
famiglia se lo pote-
va permettere: infat-
ti non ricorse affatto
allamministrazione
pubblica, cos come
solevano fare i nobi-
li dellantica Grecia,
mentre questanno per
la ministagione non
lirica, se si eccettua
lAida, al teatro greco
c stata liniziativa
e lardire dun intra-
prendente impresario
e della buona volont
degli stessi artisti...
Tutto questo e tanto
altro ancora stato
ricordato nell In-
In memoria del grande
siracusano Mario
Tommaso Gargallo
contro con lauto-
re mercoled scorso
nellottica dellVIII
edizione della Lato-
miArte, voluta, orga-
nizzata e diretta dalla
dinamica perspicacia
di Franca Maria De
Monti. Infatti vi sta-
ta la presentazione di
due libri riguardanti
appunto la fgura di
due personaggi della
nobile famiglia dei
conti Gargallo: il pri-
mo stato Viaggio
in Italia, di Anna
Gargallo, che pur-
troppo non ha avuto
la possibilit della
sua presenza, come
era stata predisposta.
Il libro stato curato
e presentato da Dario
Scarf, il quale fra lal-
tro ha detto di esservi-
si dedicato appassio-
natamente per ben 14
anni e di volere de-
dicare altrettanto per
unaltra pubblicazione
riguardante il prosie-
guo dellargomento.
LAltro libro stato la
ristampa dei Discorsi
di Mario Tommaso
Gargallo, che riguar-
da appunto la fonda-
zione dellINDA.
La presentazione,
oltre a Dario Scarf
lhanno fatta la dott.
ssa R. Russo, che pur
nella sua venerabi-
le et, ha dimostra-
to la freschezza , la
lucidit, lacutezza,
leleganza che fanno
invidia anche a un
giovane. Il prof. Enzo
Papa e la dott.ssa Be-
atrice Basile, il cui
ritorno alla Sovrin-
tendenza auspicata,
anzi reclamata da tutti
i Siracusani, che ben
conoscono le rare sue
qualit di archeologa,
fn da quando colla-
borava con lindimen-
ticabile sovrintenden-
te Luigi Bern Brea,
personaggio di rara
cultura ed encomiabi-
le correttezza, che la
stessa dott.ssa Basile
ha assimilato...
A presentare i presen-
tatori stata - more
solito- lorganizza-
trice e direttrice arti-
ch pochi mesi dopo
- il 16 ottobre - nac-
que il mio primo fglio
maschio Seby (il pi
autentico dei falsari
vien detto per la sua
eccezionale tecnica
e sensibilit nel ri-
produrre i capolavori
dei pi famosi pittori,
come Raffaello, Mi-
chelangelo, Caravag-
gio) e a battezzarlo
fu proprio quello che
poi doveva diventare
il pi famoso baritono
italiano, con ben 16
stagioni liriche a La
Scala! Franca Monti
ha tenuto ad avvertire
i numerosi intervenu-
ti che questa sera alle
ore 19 nella sala del
Caravaggio del Museo
di Piazza Duomo, si
sarebbe inaugurata la
mostra che documen-
ta tutto ci che av-
venuto, di spettacoli,
musica, teatro alle
Latomie, che vennero
inaugurato il 26 aprile
del 1914 con Il carro
di Dioniso di Ettore
Romagnoli, che prima
era stato dato al teatro
greco:
E una data, un avve-
nimento - ha aggiunto
la stessa direttrice e
organizzatrice artisti-
ca - un avvenimento
della massima impor-
tanza perch vuol dire
che questo un luogo
che ha accompagnato
la vita di questa citt
per un numero danni
veramente lungo, at-
traverso le guerre, at-
traverso tutti gli episo-
di dolorosi e lieti che
sono avvenuti durante
un intero secolo. Ha
quindi passato la paro-
la allultimo rampollo
dei Gargallo, il pi vi-
vace e simpatico che
io abbia conosciuto,
che ha fatto una breve
ma incisiva carrellata
sulla storia della sua
famiglia, presentan-
dosi subito con una
vivace battuta: Sono
un vecchio militare,
contadino e uomo di
sport: lungi da me
tutto questo mondo di
personaggi in cottura,
pardon, di ci cultura;
ma faccio pure io parte
di questa famiglia che
fra due anni compie
sei secoli di staziona-
mento a Siracusa che
da quando ci furono i
Gargallo, gente darmi
prima e poi di cultura,
non vide pi assalti dei
pirati!.
stica Franca Maria De
Monti che, fra laltro,
ha tenuto a far pre-
sente che lultimo in-
contro di LatomiArte
sarebbe stato stasera,
alle ore 21, con il fa-
moso chitarrista Fran-
co Cerri, proveniente
dalla Liguria, dove
ha tenuto lultimo
suo concerto in que-
sti giorni; ha aggiunto
che egli le ha afferma-
to di venire a Siracusa
molto volentieri e di
regalare ai Siracusani
questo concerto con il
suo Trio perch la citt
aretusea gli rimasta
nel cuore dallestate
del ben lontano 1967
: egli era gi da allora
molto famoso sia in
Italia che allestero.
Fu per questo che il
fschietto mondiale,
Concetto Lo Bello,
gli confer il Dia-
pason doro: era lo
stesso anno in cui il
nostro concittadino
Lino Puglisi organiz-
z la pi memorabile
stagione lirica proprio
alle Latomie dei Frati
Cappuccini, per cui
lanno successivo rice-
vette lo stesso ambito
riconoscimento. Infat-
ti egli riusc a portare
a Siracusa i migliori
artisti dellIugoslavia,
che misero in scena Il
principe Igor, in edi-
zione originale, il ver-
diano Trovatore e il
balletto Giselle, non
con meno duna die-
cina di ballerini, ma
con tutto il grandioso
corpo di ballo della
stessa Iugoslavia!
Lo ricordo bene per-
LVIII edizione
di Latomi
Arte chiude
in bellezza con
il Trio
del famoso
chitarrista
Franco Cerri,
cui Lo Bello
diede
il Diapason
doro
nel 1967
CRONACA DI SIRACUSA 6 Sicilia 31 agoSto 2014, doMenica 31 agoSto 2014, doMenica Sicilia 7 CRONACA DI SIRACUSA
Minori immigrati non accompagnati
Lettera di protesta delle comunit
hanno scritto
al Sottose-
gretario agli
interni per
lamentare
il mancato
pagamento
delle rette
e' l'allarme lanciato dal presidente
dell'associazione dei gestori delle comunit
Le comunit si-
ciliane aderenti al
CICAM (Coordina-
mento italiano co-
munit accoglienza
minori) dimetteran-
no i minori stranieri
non accompagnati,
consegnandoli diret-
tamente al Ministero
del Lavoro, se entro
due settimane il Mi-
nistro non convo-
cher il tavolo, come
promesso, con l'Anci
e i rappresentanti del
Ministero del La-
voro per porre fne
ad una situazione di
massima gravit ed
emergenza, l'abban-
dono dei minori nelle
nostre comunit che
non vengono retribu-
ite da gennaio 2013
e che sono ormai ri-
dotte al collasso". E'
l'allarme lanciato dal
presidente dell'asso-
ciazione dei gestori
delle comunit che
ospitano i minori
immigrati non ac-
compagnati in Italia,
Antonio di Pinto, che
ha accolto in partico-
lare le lamentele dei
90 istituti aderenti
all'associazione pre-
senti in Sicilia.
In una lettera invia-
ta al sottosegretario
con delega all'Im-
migrazione del Mi-
nistero del Lavoro
e delle Politiche
Sociali Biondelli, i
gestori lamentano il
mancato rispetto de-
gli accordi e la lun-
ghissima attesa dei
pagamenti dovuti, la
drammatica situazio-
ne in cui si trovano
le comunit ridotte
al collasso, che non
ricevono ascolto n
dai Comuni n dalla
Regione.
"Comunico che se
entro sette giorni
dal ricevimento del-
la presente, non sa-
remo convocati ad
un tavolo risolutivo
- dice Di Pinto nella
lettera - al quale de-
vono prendere parte
anche il Ministero
dellInterno e lAn-
ci in rappresentanza
dei Comuni al no-
stro pari coinvol-
ti, provvederemo a
dimettere i minori
non accompagnati
non richiedenti asilo,
accompagnandoli e
consegnandoli di-
rettamente presso il
Vostro Ministero".
Al contrario di
quanto abbiamo po-
In foto, un gruppo
di adolescenti
migranti
tuto apprezzare ri-
spetto alla disponibi-
lit e responsabilit
mostrata da parte del
Ministero dellInter-
no ed in particolar
modo del Capo Di-
partimento Prefetto
Morcone scritto
nella missiva - nel
voler congiunta-
mente trovare una
soluzione alla ormai
vergognosa situazio-
ne venutasi a creare
, con quanta indiffe-
renza e poca consi-
derazione siano state
accolte le nostre suc-
cessive richieste e
contatti da parte del
suo Ministero. Tanto
premesso, nel ritene-
re la situazione cre-
atasi assolutamente
insostenibile e pa-
radossale, in consi-
derazione anche del
fatto che le Comuni-
t di accoglienza non
possono continuare
a sostituirsi alle Isti-
tuzioni, mentre lo-
pinione pubblica
totalmente all'oscu-
ro di quanto sta ac-
cadendo e dei danni
che sta producendo
lindifferenza sino
ad ora mostrata, a
nome delle 90 co-
munit di accoglien-
za (e delle centinaia
di operatori) che il
C.I.C.A.M. rappre-
senta, e dalle quali lo
scrivente stato de-
legato, le comunico
che se entro giorni
sette (7) dal ricevi-
mento della presen-
te, non saremo con-
vocati ad un tavolo
risolutivo al quale
devono prendere
parte anche il Mini-
stero dellInterno e
lAnci in rappresen-
tanza dei Comuni al
nostro pari coinvol-
ti, provvederemo a
dimettere i Minori
non accompagnati
non richiedenti asi-
lo, accompagnandoli
e consegnandoli
direttamente presso
il Vostro Ministero.
E bene capire una
volta per tutte, che
le comunit di ac-
coglienza, non sono
pi nelle condizio-
ni di andare avanti
indebitandosi e fal-
lendo, per sostituirsi
alle responsabilit
delle Istituzioni dal-
le quali vengono
ripagate con indiffe-
renza e arroganza.
Il Commissario sulla questione
del cavalcaferrovia
si era tirato fuori
non Si fa attendere la reazione dellex dePutato di roSolini, PiPPo gennuSo-
La risposta che mi ha
dato pubblicamente il
commissario al Comune
di Rosolini, conferma la
mia opinione: il dottor
Filippo Gagliano nomi-
nato dalla Regione al
posto di sindaco, giun-
ta e Consiglio, non in
grado di amministrare la
citt.
Non si fa attendere la
reazione dellex depu-
tato di Rosolini, Pippo
Gennuso, alla replica del
Commissario, che, sulla
questione del cavalca-
ferrovia, si era tirato fuori
dalle competenze essendo
unopera voluta dallex
Provincia regionale di
Siracusa. Gagliano aveva
detto che il Comune pu
solo vigilare sulla sicurez-
za dei cittadini per quanto
riguarda lopera pubblica.
Questa mattina mi sono
documentato e personal-
mente ho scattato una foto
che dimostra tuttaltro. La
sicurezza in quel tratto di
strada che tanto decanta il
Commissario, inesistente
e lo dimostra il fatto che
nale. Il Commissario stra-
ordinario in questa vicen-
da, cos come tante altre,
si vuole sottrarre alle pro-
prie responsabilit, ma i
rosolinesi sono stanchi ed
hanno gi avviato una rac-
colta di frme per chiedere
al presidente della Regione
Crocetta di rimuoverlo per
la sua inoperosit. Pippo
Gennuso ribatte a Gaglia-
no pure sulle inopportu-
ne affermazioni politiche.
Stia sereno il Commis-
sario, perch il ritorno al
voto per il 5 ottobre non
mi rende affatto nervoso.
Dico solo che Rosolini
sempre stata abituata ad
amministrazioni in grado
di affrontare i problemi,
probabile che in altre realt
della Sicilia le cose vadano
diversamente.
ASTE GIUDIZIARIE 8 Sicilia 31 agoSto 2014, doMenica
TRIBUNALE DI SIRACUSA
PROSSIMA INSERZIONE:
03/09/2014
Le Vendite giUdiZiaRie
Tutti possono partecipare alle vendite giudiziarie, tranne
il debitore esecutato - art.579 cpc - Non occorre lassi-
stenza di un legale o altro professionista. Ogni immobile
stimato da un perito del Tribunale. Oltre al prezzo si
pagano i soli oneri fscali (IVAo Imposta di Registro), con
le agevolazioni di legge (1 casa, imprenditore agricolo
ecc.). La vendita non gravata da oneri notarili o di
mediazione. Il decreto di trasferimento dellimmobile
viene emesso dal giudice dopo 60 giorni - ex art.585 cpc
- dal versamento del prezzo che va fatto entro 30 giorni
dallaggiudicazione defnitiva. La trascrizione nei registri
immobiliari a cura del Tribunale. Di tutte le ipoteche e
i pignoramenti, se esistenti, ordinata la cancellazione.
Le spese di trascrizione, cancellazione e voltura cata-
stale sono interamente a carico della procedura. Per gli
immobili occupati dai debitori o senza titolo opponibile
allaproceduradel Giudice, ordinalimmediataliberazione.
Lordine di sfratto immediatamente esecutivo e le-
secuzione non soggetta a proroghe o a graduazioni.
Eventuali spese legali sino a euro 516,46 sono a carico
della procedura. Le aste giUdiZiaRie saranno
inserite dalla data di pubblicazione del ban-
do fno alla data prevista per l'asta sul sito:
www.astetribunale.com
VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI
COME PARTECIPARE
Domanda in carta legale (euro 10,33) con indicazione del bene, del prezzo offerto e dai termini di pagamento, da presentare in
busta secondo i tempi e le modalit stabilite dallorgano che procede alla vendita e pu essere presentata anche nella stessa data
dellesperimento di vendita; nella busta va inserito anche un assegno circolare non trasferibile di importo pari al 10% del prezzo
offerto, quale cauzione, che verr trattenuta in caso di revoca dellofferta. Nel caso di pi lotti di tipologia omogenea nella stessa
procedura, linteressato allacquisto di un solo lotto pu formulare offerte dacquisto per pi lotti allegando un solo assegno circolare
corrispondente alla cauzione richiesta per il lotto di maggior valore, espressamente subordinato alleffcacia delle offerte relative ai
lotti, la cui gara si svolge successivamente, alla mancata aggiudicazione a loro favore del lotto precedentemente posto in vendita.
Nella domanda lofferente deve indicare le proprie generalit (allegando fotocopia doc. identit ovvero visura camerale per le
societ), il proprio cod. fscale, se intende avvalersi dellagevolazione fscale per la 1 casa e, nel caso in cui sia coniugato, se si
trova in regime di separazione o comunione dei beni. Sulla busta deve essere indicato solo lo pseudonimo o motto dellofferente
(che consenta allo stesso lidentifcazione della propria busta al momento dellapertura della gara) la data della vendita e il nome
del giudice senza nessuna altra indicazione (n nome del debitore o del fallimento, n bene per cui stata fatta lofferta). Prima di
fare lofferta leggere la perizia e lordinanza del giudice. Achi intestare lassegno: a nome di Procedura aggiungendo le parole in
calce ad ogni annuncio dopo lindicazione Rif (per es. Procedura RGE 100/99 Rossi). Dove presentare al domanda: in Tribunale
alluffcio Vendite Immobiliari. Come visitare limmobile: rivolgersi al curatore o al custode giudiziario indicati in calce allannuncio;
se non indicati inviare richiesta per la visita dellimmobile alluffcio vendite immobiliari per posta al Tribunale di Siracusa - Uffcio
Vendite Immobiliari - Viale Santa Panagia 96100 Siracusa, indicando limmobile, il n. di Rif., la data della vendita, il proprio nome e
recapito tel. Luffcio comunicher la richiesta allAvvocato ceditore affnch presenti istanza al Giudice per la nomina del Custode.
La partecipazione allincanto disposta dal giudice dellesecuzione con lordinanza di vendita, cui viene data adeguata pubblicit
sul quotidiano di Siracusa Libert. Le vendite giudiziarie possono essere disposte: o dal giudice della esecuzione del Tribunale
di competenza; o, su delega di questultimo, da un notaio; oppure dal giudice del fallimento.
inseRZioni gRatUite
EDITORIA
DIZIONARIO siciliano-
italiano,ottime condizioni,
prezzo affare + dizionario
etimologico, di Giovanni
Devoto, ottimo stato Tel.
349/2101096
ENCICLOPEDIA Univer-
sale Le Garzantine in 4
volumi,mai utilizzati,come
nuova,ottima per studenti
Tel. 349/2101096
INSEGNANTE offre pic-
cola bibliotechina gratuita
per bambini e ragazzi E 1
lora Tel. 340/1255208
LIBRO di Mondiali di Cal-
cio 1990, prezzo da con-
cordare Tel. 327/9933040
- 333/3789293
OCCASIONISSIMA ven-
desi come nuova, grande
enciclopedia universale
Rizzoli - La Rousse,volumi
19 ampi, validissimi per
ricerche, aggiornamenti,
studio, analisi e consulta-
zioni. Scuola media, ist. su-
periori e universit.Prezzo
interessante E 150 invece
di E 1500. No perditempo
Tel. 342/5160807
VOLUME Lavvocato di
fiducia, guida giuridica
molto pratica, per la vita
quotidiana e facile da con-
sultare. Il volume nuovo
poich doppione. Mai
utilizzato.Prezzo affare Tel.
349/2101096
OLTRE REGIONE
ALMANACCHI del calcio
1962-2009 Guerin spor-
tivo 1979-2009, Hurr
Juventus 1963-2009,Forza
Milan 1969-2010, riviste
calcio illustrato e sport il-
lustrato 1945-1967,vendo
Tel. 347/2303761
AUTOSPRINT 1968-2010,
motosprint 1976-2009,
motociclismo 1962-2010,
auto italiana 1957-1969,
quattroruote 1956-2009,
vendo Tel. 347/2303761
CALCIO e ciclismo de-
poca: ricerco materiale
tipo riviste, almanacchi,
biglietti, maglie, album f-
gurine,cartoline etc,cerco
anche fumetti (Renato) Tel.
333/2493694
ATTIVITA' INVENDITA
E GESTIONE
AFFITTASI gestione pizze-
ria/ristorante tra Floridia e
Canicattini,con sala chiusa
da 100 posti e sala aperta
estiva da 600 posti.Ampio
parcheggio, 3000 mq, prati
e verande, semi arredato e
con tutte le licenze.Incluso
alloggio 4 posti.Richiesta E
3000 di cauzione ed E 1000
mensili Tel. 392/5824490
CEDESI in comodato duso
(gratis), vigneto di 13.000
mq di nero dAvola da
mosto,ubicato nei pressi di
Pachino Tel.0931/492256 -
340/0914511
AFFARE vendesi attivit
di pasticceria, gelateria,
zona alta, prezzo modi-
co quasi simbolico.Tel.
0931/759065 Chiamare
ore negozio escluso mer-
coled Tel. 0931/759065
VENDESI caffetteria in Via-
le Teocrito Tel.0931/21273
CEDESI atti vi t com-
merciale, gas e materiale
elettrico (zona Zecchi-
no). Prezzo ribassato Tel.
0931/32463 - 339/2217711
CERCO da acquistare
rivendita di tabacchi con
enalotto, super enalotto,
giornali ecc. Max seriet,
no perditempo, tratt. pri-
vate . In Sr o provincia Tel.
347/9040347
LAVANDERIA self service
a gettoni, reddito dimo-
strabile, no perditempo
Tel. 333/4962757
VENDESI attivit comm.
le di materiale elettrico
ben avviata dal 2001, sita
in Siracusa. Per info Tel.
339/1942301
VENDESI attivit di par-
rucchiere per uomo o
donna con tre posti di
lavoro, bagno per disabili,
mq 46, con due aperture,
canone mensile sotto i
300 euro. Zona centrale
Tel. 347/2722471
VENDESI avviata attivit
di cartoleria, articoli da
regalo, gadgets, zona Zec-
chino. Tel. solo interessati
e disponibilit economica.
Trattative riservate Tel.
349/8395965
ARREDAMENTO E
ATTREZZATURA
ATTREZZATURA da fale-
gname: una sega a nastro
da 70, una troncatrice e
vari trapani avvitatori e
morsetti stringenti Tel.
366/3247959
PELAPATATE Zanussi, kg
10,con supporto wolt 3,80
E 600 Tel. 328/1183632
PIASTRA per panini dop-
pia, rigata, ancora nuova,
mai utilizzata E 500 Tel.
328/1183632
ATTREZZATURA e arre-
damento x casa del pesce
con centro surgelati in
ottime condizioni, affare
pag. contanti E 3700 tratt
Tel. 328/1183632
ATTREZZATURA e arre-
damento per pasticceria-
bar-pub, in ottime condi-
zioni, ancora in garanzia,
imballato. Solo contanti.
Prezzo affare E 3600 tratt
Tel. 328/1183632
ATTREZZATURA per
negozio: scaffalatura, illu-
minazione, banco vendita
e cassa Tel. 0931/759208
- 327/8246513
CAUSA cessata attivit:
scrivania, armadi, fotoco-
piatori professionali, fax
laser prof., centr. telef.,
personalizzabili, apparec-
chi telef.vari colori,insegna
luminosa,scaffali in metallo
laccato, calcolatrici prof.
da scrivania, plafoniere
varie. Ottimo stato duso,
affare.In blocco E 2500 Tel.
331/8880119
DOZER per carrozzeria.
Prezzo da concordare Tel.
329/0868899
I MPASTATRI CE 40l t,
dacciaio a spirale Tel.
339/5018529
MACCHINA da cucire
professionale,adatta anche
per la pelle. Pass Singer Tel.
347/8634425
PER chiusura attivit ven-
do mobili e attrezzature
per uffcio in ottime con-
dizioni: n.1 tavolo/scriva-
nia in legno, a penisola,
laminato rovere,completo
di cassettiera con ruote
a 4 cassetti E 200 Tel.
348/7211110 Angelo
PER chiusura attivit vendo
tavolo in legno e piedi in
metallo color grigio E 40 +
tavolinetto in legno rovere
con ruote E 40 + 2 sedie
in tessuto con poltroncina
con ruote color rosso E 60
+ 2 sedie in similpelle con
poltroncina regolabile con
ruote, marrone E 80 + fo-
tocopiatrice Ricoh Ft 4014
E 80.Vendesi in blocco Tel.
348/7211110 Angelo
REGISTRATORE di cassa,
marca Sweda, pratica-
mente nuovo, usato solo
6 mesi, con regolatore di
documenti E 200 non tratt
Tel. 324/0525382
TAVOLINO porta compu-
ter + sedia ergonomica E
50 Tel. 320/4964202
VAPORIERA a due ripia-
ni E 15 intrattabile Tel.
392/7740187
VENDESI casco per par-
rucchiere con poltrona
professionale E 100 Tel.
368/3458428
SOLARINO
REGALASI edicola a Sola-
rino sito in C.so Vittorio
Emanuele Tel.0931/921043
TV - HI FI
AUTORADI O nuova
Kenwood mp3 e usb ven-
doE 60,00,e autoradio JVC
mp3 200w usb E 55,00 Tel.
338/5810382
PARABOLA completa di
convertitore,staffa e deco-
der Sky E 60.In ottime con-
dizioni Tel. 392/7740187
STEREO Panasonic 45x4
con cassetta. Buone con-
dizioni E 40 tratt. Tel.
320/0289050
TELEVISORE Philips 29,
5 anni di vita, usato po-
chissimo, come nuovo.
Prezzo da concordare Tel.
338/5810382
TELEVISORI n. 2 da 14
pollici E 50 in blocco Tel.
331/5785079
TV 14 schermo piatto
con dvd incorporato +
antenna parabolica E 150
Tel. 329/0112990
TV 20 schermo piatto,
marca Lg, usato poche
volte, schermo lcd, senza
digitale terrestre E 70 non
tratt Tel. 346/3198738
VENDESI radio stereo
shaider con telecomando
+ video registratore toshi-
ba + decoder satellitare
goltbox pioner TeLEFO-
NARE 348/9007995
tRiBUnaLe di siRacUsa
Procedura esecutiva n. 226/12 R.g.esec.
il giorno 07.11.2014 alle ore 12.00, presso il tri-
bunale di Siracusa, lavv. luciano Strazzeri, quale
professionista delegato, proceder alla vendita
senza incanto, e in caso di esito negativo, il giorno
14.11.2014 alle ore 12,00 proceder alla vendita
con incanto delle unit immobiliari facenti parte
del fabbricato sito in francofonte alla via cesare
Battisti n. 18-22 e precisamebte a) locale garage
dellestensione catastale di mq 28 b) locale garage
dellestensione catastale di mq 17 c) appartamento
al piano primo composto da due vani ed accessori
e un vano, accessori e terrazza al piano secondo,
confnanti nellinsieme con via c. Battisti con
propriet Politino Salvatore, con propriet Belfore
gaetano e con propriet cunsolo Maria o loro eredi
o aventi causa, censiti al n.c.e.u.di francofonte:
foglio 57 part 411 sub 3 (gi particella 192 sub 3)
ctg c/6 classe 2 mq 28 r.c. euro 91,10 il garage di
via cesare Battisti 22 p.t.;
foglio 57 part 5827 sub 3 (gi particella 194 sub
3) ctg c/6 classe 2 mq 17 r.c. euro 55,31 il garage
di via cesare Battisti n. 20 p.t.;
foglio 57 part 411 sub 4 aggraffata con particella
5827 sub 4 (gi particella 192 sub 4 aggraffata
con part. 194 sub 4) ctg a/4 classe 3 vani 4,5
euro 199,87 il garage di via cesare Battisti n. 18
piano 1-2-3.
il pignoramento si estende ad ogni accessorio
pertinenza, dipendenza e ai frutti.
Prezzo base unico lotto: e 83.754,85 aumento
minimo: e 5.000,00. immobile costruito anteceden-
temente al 1967, sanato con concessione edilizia
in sanatoria rilasciata dal Sindaco del comune di
lentini in data 29.05.1990 n. 79.
Sono tuttavia difformi allo strumento urbanistico
1) il solaio che forma il vano ammezzato sovra-
stante la rimessa pi piccola; 2) il servizio igienico
rinvenuto allinterno del vano ammezzato sovra-
stante la rimessa pi grande; 3) la parete che oggi
impedisce il passo carraio daccesso alla rimessa
pi piccola. le spese per la cui rimozione valutate
in complessivi e 1.500,00 sono state gi detratte
dal prezzo base; lappartamento nella materiale
disponibilit del custode.
offerte presso lo studio del professionista, in car-
lentini, via Archimede 100, entro le ore 19.30 del
giorno non festivo precedente la vendita. cauzione
del 10% e fondo spese del 20% prezzo proposto
con assegni circolari non trasferibili intestati al
professionista delegato. Saldo entro 60 giorni
dallaggiudicazione, con versamento su libretto
intestato alla procedura. Saldo entro 60 giorni
dallaggiudicazione, con versamento su libretto
intestato alla procedura. Per quanto qui non espres-
samente previsto, si rimanda allavviso integrale
di vendita, allordinanza di vendita e delega, alla
relazione dellesperto ed allegati, tutti disponibili,
con modulistica di partecipazione, sul sito WWW.
astegiUdiZiaRie.it e presso lo studio del
professionista delegato.
il professionista delegato
avv. luciano Strazzeri
31 agoSto 2014, doMenica Sicilia 9 VITA DI QUARTIERI
Industria, impossibile eliminare
la puzza dei gas nellaria
negli anni
Settanta con-
cetto lo Bello
in consiglio
comunale si
oppose alla re-
alizzazione del
Pontile a Sca-
la Greca ma
non fu n capi-
to n ascoltato
Troppi gli interessi e i soldi che girano
per le stanze dei Palazzi del potere
Eprat i cament e
impossibile elimi-
nare la puzza e i
miasmi provenien-
ti dalle raffnerie
installate nelle vi-
cinanze dei centri
abitanti, come Citt
Giardino, Belvede-
re, Priolo, Melilli,
Augusta e la zona
nord di Siracusa; il
rapporto diretto del-
la puzza irresistibile
e l'aria irrespirabi-
le e percepita dagli
esseri umani ed
riferito alla quanti-
t di gas immerso
nell'atmosfera, nella
percentuale di rife-
rimento e alla gran-
dezza della nube
che si forma prima
di diluirsi nell'atmo-
sfera.
L'ultima fuoriusci-
ta di gas da idro-
carburi in ordine di
tempo, nella zona
di Scala Greca e
dintorni, potrebbe
essere stata causata
dal necessario svuo-
tamento del gas-aria
contenuto nelle ci-
sterne delle petro-
liere o delle gasiere
attraccati nel pontile
cosiddetto dell'Isab
durante le operazio-
ni di carico e sca-
rico. Infatti, in un
contenitore vuoto,
nel nostro caso la
cisterna di una nave
attraccata al ponti-
le, di un serbatoio
della raffneria, o di
una bombola-sfera
di grande dimensio-
ni dove stoccato il
Gpl, gas di petrolio
liquefatto, per ri-
empirlo (principio
della fsica) occorre
lasciar fuoriuscire
l'aria gi contenu-
ta al suo interno,
altrimenti sarebbe
impossibile far en-
trare l'altro prodot-
to. Operazione che
deve essere fatta con
dei criteri tecnici an-
tinquinamento, con
dei fltri e meccani-
smi adatti all'opera-
zione, ma non sem-
pre tutto ci pu o
vuole essere rispet-
tato, specie quando
si tratta di piccole
quantit, come nel
caso di una cisterna
di una nave.
A volte si avver-
te chiaramente un
boato tonfo, chia-
ro e netto, simile
allo scoppio di un
pneumatico di un
camion che esplode
perch al suo inter-
no la temperatura
si scaldata fno a
farlo saltare del tut-
to disintegrandolo,
proveniente proprio
dal pontile dell'I-
sab di Targia. una
delle tante valvole
di sfato che esegue
il proprio lavoro in
maniera automatica
o comandata dalla
mano dell'uomo.
Occorre rassegnar-
si, vi piaccia oppu-
re no, questa una
realt logica che la
tecnica industriale
impone. come non
voler sentire i puz-
za e miasmi abitan-
do nelle vicinanze
di una discarica di
spazzatura. Non si
possono assoluta-
mente nascondere.
Il pontile della Tar-
gia di propriet
dell'Isab, fu realiz-
zato agli inizi degli
Anni Settanta; un'o-
pera satellite per la
raffneria, e insosti-
tuibile per il funzio-
namento degli im-
pianti, in quanto da
l arriva il petrolio
da raffnare e da l
partono le benzine,
il gas, il gasolio e
via dicendo, quindi
le navi cisterna da e
per tutto il mondo.
La storia del pontile
dell'Isab, impiantato
in contemporanea
con l'omonima raf-
fneria a Marina di
Melilli nella Baia di
santa Panagia, o Tar-
gia che dir si voglia,
a ridosso della zona
nord di Siracusa, in
localit denominata
Scala Greca, trov
Asinistra inquina-
mento dellaria
un oppositore di tut-
to rispetto, Concetto
Lo Bello. Arbitro
internazionale sira-
cusano di nascita e
conosciuto in tutto il
mondo del calcio e
non solo, per la sua
rettitudine, onest e
orgoglio siracusano;
all'epoca Concetto
Lo Bello si trova-
va sui banchi del
consiglio comunale
di Siracusa con la
carica di consiglie-
re comunale, eletto
nelle liste della De-
mocrazia Cristiana,
da dove da l a poco
fu eletto alla camera
dei deputati, e du-
rante la discussione
in Consiglio comu-
nale per il necessa-
rio nulla osta alla
costruzione del pon-
tile dell'Isab, con
una mozione d'ordi-
ne chiese ai colleghi
consiglieri di votare
contro quel ponti-
le proprio a ridosso
della citt, dove gi
si era cominciato a
costruire i palazzi
oggi esistenti dove
tante famiglia sareb-
bero state disturbate
dai rumori d'attrac-
co delle navi e dalla
puzza. La sua tesi
era, oltre che d'or-
dine paesaggistico
ambientale, diretta
verso la difesa del-
la salute della gen-
te che da l a poco
sarebbe venuta ad
abitare in quella
zona che si affac-
cia sulla Baia di
Santa Panagia con
la sgradevole vista
di quel mostro di
metallo chiamato
"Pontile dell'Isab".
Il nulla osta per la
costruzione del pon-
tile pass per pochi
voti, ma l'onorevole
Concetto Lo Bello
scoppi in lacrime
per la delusione,
perch non era stato
ceduto, vinto dalla
logica dei numeri e
dalla ragione poli-
tico-sociale; aveva
proprio ragione, ma
non fu n creduto
n ascoltato. Troppo
gli interessi econo-
mici e politici, trop-
pi anche i soldi che
giravano nelle stan-
ze fredde del Palaz-
zo. Chi non pensa
prima, piange dopo.
Concetto Alota
Ultimi due ap-
puntamenti per il
viaggio notturno
all'interno della
catacomba di San
Giovanni.
Stasera e domani
sera (prima visita
alle 21; seconda
visita alle 22.30)
si conclude Stre-
pitus Silentii
&hellip le notti
delle catacombe.
Anche la decima
edizione del pro-
getto della socie-
t Kairs ha fatto
registrare il tutto
esaurito, e pur-
troppo non stato
possibile accon-
tentare tutte le ri-
chieste. Siracusani
e turisti sono ri-
masti affascinati
dalle catacombe,
la pi cospicua
testimonianza mo-
numentale del-
la fede cristiana
delle origini. Il
visitatore non
semplicemente ac-
compagnato lungo
il percorso ma la
forma
teatralizzata con-
sente momenti di
rifessione e medi-
tazione sul percor-
so della vita cri-
stiana. Una visita
alle catacombe con
maggior consape-
volezza che crea
stimoli e domande
sul senso della vita
cristiana agli albo-
ri del cristianesi-
mo. Ogni angolo
della Catacomba
un'immersione
nella storia. A di-
stanza di secoli, il
silenzio profondo
di questo luogo
"grida" con il suo
linguaggio
altamente evoca-
tivo. Gli scavi ar-
cheologici hanno
messo in luce per-
corsi affascinanti,
che si prestano alla
t eat ral i zzazi one
delle vicende del
primo Cristianesi-
mo, ma anche alle
testimonianze de-
gli archeologi che
hanno scavato con
frutto il sito.
Anche quest'anno
il ricavato di Stre-
pitus Silentii &hel-
lip le notti delle
catacombe, pro-
mosso dallUffcio
per la Pastorale del
Turismo dellArci-
diocesi di Siracusa
e dalla Custodia
della Catacomba
di San Giovanni,
dalla Pontifcia
Commissione di
Archeologia Sacra
e dallIstituto Su-
periore di Scien-
ze Religiose San
Metodio e con il
patrocinio del Co-
mune di Siracusa
e dell'Assessorato
regionale all'agri-
coltura, sar devo-
luto in benefcien-
za, in particolare
ad un progetto de-
dicato agli immi-
grati che a migliaia
sbarcano da mesi
sulle coste sicilia-
ne e soprattutto ai
tanti minori non
accompagnati.
Voci recitanti sono
Lorenzo Maria
Faletti, Marinella
Scognamiglio e
Doriana La Fauci,
accompagnati dal
fauto da Romual-
do Trionfante.
"Strepitus Silentii"
termina a Siracusa
ma continua a
Roma. La Pontif-
cia Commissione
di Archeologia Sa-
cra ha chiesto alla
Kairos di trasferire
il progetto per tre
serate eccezionali
alla catacomba di
San Callisto. L'ap-
puntamento per
il 19-20-21 set-
tembre.
Notte Rosa 2014
eventi al femminile
La Consulta di Rosolini ha organiz-
zato la manifestazione Notte Rosa
2014 eventi al femminile cheha avuto
luogo ieri sera nel centro storico di
Rosolini che si articolata:
Ore 21,00 Zona A- Verde a valle
esibizione di scuole di ballo
Ore 22,00 Zona B - piazza Europa
Donne in rosa
Ore 23,00 Zona B - Premiazione
Concorso fotografco Una foto per
dire NO alla violenza
Ore 22,00 - Zona C piazza Garibaldi
Yes woman No violence
Orgnizzata dalla dinamica e infati-
cabile Sandra Caschetto, proprio
questultima liniziativa che costituisce
il cuore pulsante della manifestazione.
Non per caso, infatti, vanta due ospiti
illustri: la dott.ssa Francesca Petrassi
del Ministero della salute, e il dott.
Peppe Pantano, addetto al Ministero
degli esteri. Protagonista della serata
il Coordinamento Donne Siciliane
che aggrega 26 Associazioni sparse
sul territorio siciliano, tutte impegnate
sul fronte del contrasto alla violenza
di genere. Il Coordinamento sar rap-
presentato dalla presidente regionale
Raffaella Mauceri e da alcune delle
numerose volontarie che si spendono
nella difesa di donne e bambini vittime
di maltrattamenti e abusi. La serata
infatti espressamente fnalizzata ad ac-
crescere la sensibilizzazione pubblica e
stimolare la partecipazione collettiva,
BeLVedeRe
Belvedere
sotto
le stelle...
ca spiranza
can
un chiovi
Sar presentata martedi
prossimo presso gli uffci
della circoscrizione di Bel-
vedere, siti in p.zza Eurialo
la manifestazione Bel-
vedere sotto le stelle.....ca
spiranza ca nun chiovi,
che si terra' nei giorni 5 e
6 settembre dalle ore 19
sempre a Belvedere tra Via
De Gasperi e P.zza Fratelli
Bandiera.
Eccoci di nuovo qua, ad
un mese dalla Non Notte
Bianca ci riproviamo.
Belvedere sotto le stel-
le.ca spiranza can un
chiovi, questo il nome
delle 2 nuove serate che
si terranno a Belvedere il
5 ed il 6 settembre; oltre
alla gia' conosciuta colla-
borazione tra Associazione
Group Music Service 2000,
Alessandro Di Paola ed i
commercianti di Belvedere
questa volta vede accanto
a noi anche il Consiglio di
Circoscrizione. Qualcuno
chiede perche, la Nostra
risposta semplice- ri-
sponde Giusy Minissale ,
presidente dell'associazio-
ne- si racchiude in una sola
parola Vivere, Vivere il
quartiere, perche abitare
vuol dire anche viverci,
conoscere, assaporare tut-
to cio che il tuo quartiere
puo darti. Vero ci sono
tanti punti da sistemare,
ma insieme possiamo mi-
gliorare; In queste 2 sere,
(come abbiamo dimostrato
un mese fa) unendoci pos-
siamo Svegliare Belvede-
re, unendoci, volendo pos-
siamo ottenere anche cio
di cui abbiamo bisogno...
Saranno 2 serate allinse-
gna della musica, del di-
vertimento e della solida-
rietaaggiungendo anche
lintrattenimento per i piu
piccoli Avremo nomi piu
o meno noti, ci sara Ange-
la Nobile, i Tv Mars, voci
nuove che arrivano diretta-
mente da spettacoli come
Facce di Faro; non possono
mancare esibizioni spor-
tive e di ballo, perche la
musica tutto, perche con
la musica si riesce a mette-
re tutti daccordo.
TreUna discarica
abusiva di rifuti specia-
li. Ecco come ridotto
lex carcere borbonico
di Ortigia. Lo ha detto
Carlotta Zanti, compo-
nente dellesecutivo
provinciale del Partito
Democratico e consi-
gliere circoscrizionale
di Ortigia. Basta re-
carsi nella zona dellex
carcere ha detto Zanti
per rendersi conto che
allo stato di abbando-
no si aggiunge adesso
anche il malcostume
di chi ritiene che larea
possa essere adibita a
discarica.
Considerato che si trat-
ta di un ex carcere nel
quale diffcile acce-
dere, ipotizzabile che
gran parte dei rifuti
speciali, soprattutto gli
scarti di edilizia, come
intonaci, grandi pezzi
di cemento armato e
non, laterizi e bidoni di
vernice, siano il risul-
tato di lavori eseguiti
in passato allinterno
della stessa area. Non
mancano per le con-
taminazioni esterne,
Foto eloquente sul degrado che insiste sul vecchio carcere borbonico.
Il carcere Borbonico invaso
da una montagna di rifuti
Occorre intervenire subito perch si tratta di un
edifcio storico che attrae lattenzione dei turisti
iPotizzaBile che Sia in gran Parte dei rifiuti SPeciali
essendo presenti anche
rifuti urbani. Bottiglie
di plastica e vetro, lat-
tine, brick, una sedia,
contenitori di detersi-
vi, una porta, cassette
di frutta e verdura e
pneumatici. Occorre
intervenire subito ha
concluso Zanti perch
si tratta di un edifcio
storico che attrae lat-
tenzione dei turisti,
essendo inoltre in una
zona molto frequentata
tra il parcheggio Talete
e il mercato, e la loro
delusione, nel vedere
lo stato dei luoghi,
una macchia per tutto
il centro storico. Ma
una simile discarica
abusiva rappresenta
soprattutto un grave di-
sagio dal punto di vista
igienico per i residenti
della zona che devono
fare i conti con odori
nauseabondi. Carlotta
Zanti, sulla questione,
ha presentato un ordine
del giorno che stato
discusso e approvato
allunanimit dal Con-
siglio circoscrizionale
di Ortigia.
VITA DI QUARTIERI 10 Sicilia 31 agoSto 2014, doMenica
ProtagoniSta della Serata a roSolini il coordinaMento donne Siciliane
Strepitus Silentii & hellip
le notti delle catacombe
Tra la ca-
tacomba di
San giovan-
ni a Siracusa
e la cata-
comba di
San callisto
Roma
In foto, contrada
Arenella.
Conclusa la 27^ edizione
dellOperazione Nettuno
Un momento della manifestazione.
Dopo la riuscita manifestazione di chiusura
della 27^ edizione dellOperazione Nettuno,
i responsabili di Nuova Acropoli Massimo
Lionti, Coordinatore Regionale, ed Emanuele
Salerno, Responsabile Nazionale dellArea di
Volontariato, si sono recati presso la Capita-
neria di Porto Guardia Costiera di Siracusa
dove sono stati cordialmente ricevuti dal
Comandante in 2^, Ernesto Cataldi, e dal
Tenente Amalia Mugavero.
Una visita per sottolineare loramai con-
solidato rapporto di collaborazione esi-
stente fra lEnte di Piazzale IV Novembre e
lAssociazione che proprio con il servizio di
sorveglianza costiera dellOperazione Net-
tuno, mette in campo sul litorale siracusano
i propri qualifcati volontari, offrendo, su
pi fronti (non ultimo quello legato ai fussi
di migranti), un importantissimo supporto
alla diuturna opera svolta dagli uomini della
Guardia Costiera.
Il Comandante Cataldi ha espresso stima
per il valore educativo delle iniziative di
Nuova Acropoli, che rappresenta laspetto
pi signifcativo al di l degli interventi e del
grande dispiegamento di forze e di mezzi e
per lesempio di cittadini consapevoli che si
prendono cura della loro citt, senza facili
e sterili critiche ma con proposte attive di
coinvolgimento della comunit, di maggiore
consapevolezza, di riscoperta del senso co-
mune e di appartenenza.
Per quanto riguarda i numeri di questanno
dellOperazione Nettuno, i 150 volontari che
si sono alternati dal 9 al 18 agosto alla Costa
del Sole hanno svolto 9 interventi su incendi,
in appoggio ai Vigili del Fuoco e su richiesta
del Dipartimento Regionale Protezione Civile,
5 interventi ambientali di bonifca del territo-
rio e raccolta rifuti sugli arenili di Costa del
Sole, Arenella e Fanusa, anche in appoggio
allArea Marina Protetta del Plemmirio, 55
interventi di primo soccorso di lieve entit,
per escoriazioni, punture dinsetti, colpi di
calore, ferite.
Inoltre, su richiesta della Capitaneria di
Porto Guardia Costiera di Siracusa, hanno
collaborato ad unattivit di ricerca in mare,
nella zona del Plemmirio, ed a due interventi
pianifcati alle prime luci del mattino per
agevolare lo sgombero di alcune tende nelle
notti di Ferragosto e San Lorenzo.
31 agoSto 2014, doMenica Sicilia 11 VITA DI QUARTIERI
soprattutto quella delle istituzioni: co-
muni, forze dellordine, scuole, sanit
NOTTE ROSA si onora cos della
presenza di Raffaella Mauceri dice
la Caschetto nota fondatrice di tutti i
centri antiviolenza che operano in que-
sta provincia e formatrice di centinaia
di volontarie che operano sul territorio
siciliano. La serata si articoler in
alcune performance a cura di giovani
donne che leggeranno brani contro la
violenza di genere, saranno proiettati
spot e clip sul tema e sar diffuso ma-
teriale informativo su come diventare
operatrici dei centri antiviolenza, come
sostenerli, come schierarsi dalla parte
delle vittime e imparare a condividerne
il dolore e la resurrezione.
Petrolchimico: Impianti vecchi,
obsoleti che rasentono lillegalit
Costretti a ingerire idrocarburi per gli interessi
delle Lobby della Raffnazioni da troppi anni
nell'iMPatto con un forte terrreMoto le conSeguenze PotreBBero eSSere davvero diSaStroSe
di Concetto Alota
La sicurezza del la-
voro ha un costo. le
manutenzioni degli im-
pianti hanno un costo.
la tenuta efficiente
dell' organizzazione
del lavoro nella gene-
ralit ha un costo. il
costo abbassa quindi
il proftto, ed ecco per-
ch occorre abbassare
i costi per aumentare il
guadagno.
nella cosiddetta logica
del profitto si vede
nell'invenzione del-
le macchine e nella
loro applicazione ai
processi produttivi,
qualcosa che sta in
radicale contrasto con
l'universalit del lavoro
umano e col suo domi-
nio spirituale sull'intera
natura. introducen-
do le macchine, gli
impianti di produzio-
ne in generale come
mediatore fra s e la
natura, l'uomo in un
certo senso mette in
atto un'astuzia contro
la logica della stessa
natura. Ma questo
inganno gli si ritorce
contro, perch egli si
avvantaggia sulla lo-
gica naturale, quanto
pi l'assoggetta, tanto
pi egli diventa sotto-
messo. Attraverso gli
impianti di produzione
industriale a ciclo con-
tinuo, l'uomo fa lavo-
rare per s l'energia
della natura, il petrolio,
il gas, l'acqua, l'aria,
eccetera. Ma cos egli
non volge pi a essa
in modo vivente, come
una qualcosa che vive,
e il lavoro diventa sem-
pre pi meccanico,
escludendo sempre
pi addetti dai cicli
industriali. Si capisce
come, quale frantuma-
zione e parcellizzazio-
ne di esso, appaiano
come la pi completa
negazione del suo
carattere sociale e
universale, e dunque
come qualcosa che
deve semplicemente
essere tenuto sotto
controllo da altri uomini
per limitarne gli effetti
negativi, nocivi.
l'utile dunque rap-
portato alle parti in cau-
sa. l'utile economico
ricavato dall'attivit
imprenditoriale, inteso
come eccedenza del
totale dei ricavi dei
costi che si raffronta
con l'intera gestione in
generale dell'azienda.
la premessa insiste su
tutta la tematica degli
incidenti nel Petrol-
chimico siracusano,
cos come in tutti si siti
industriali. la manu-
tenzione degli impianti
costa e come, e pi
sono vecchi, sempre
pi aumentano i costi
e i rischi d'incidenti;
cos le squadre della
manutenzione interna
sono scomparse e non
ci sono pi perch i
lavori concessi in ap-
palto a ditte esterne
con prezzi risicati,
quindi a rischio, sia per
la poca conoscenza
degli impianti stessi,
sia per la specifica
specializzazione e la
mancata esperienza.
Tutto, secondo logica,
quello che ha un costo
deve essere eliminato,
o perlomeno portarlo
al minimo consentito
che diffcile stabilire,
poich si scontra con la
logica della sicurezza
degli impianti, e quindi
della vita umana.
la crisi del mercato
mondiale e la sua
globalizzazione, gli
impianti vecchi e su-
perati, dal punto di vi-
sta tecnico-produttivo,
con continue manuten-
zioni, l'adeguamento
delle normative di sicu-
rezza che gli standard
europei impongono,
portano a pensare
che in una logica del
profitto, eliminando
tutto ci che poteva
sembrare una spesa
inutile, stato giusto
attuare. cos nel giro
di pochi anni furono
el i mi nati manuten-
zioni e personale, e
le offcine interne del
Petrolchimico, terzia-
rizzando cos tutti i
lavori a ditte esterne,
come manutenzioni e
servizi, ma anche tanti
altri lavori.
e se da un lato il ri-
sparmio era visibile,
la sicurezza divent
un'opzione. tutto di-
vent indiretto, com-
presa la responsabilit
civile e penale per certi
aspetti. Ma gli incidenti
cominciarono a farsi
sentire presto e con
un ritmo incalzante:
due morti e nove feriti.
Qualcuno gettava ac-
qua sul fuoco e si parl
di pura casualit, ma
la magistratura ordin
le perizie tecniche che
provarono che l'inci-
dente era da ricercare
nella cattiva manuten-
zione degli impianti. il
sostituto procuratore,
Maurizio Musco, ti-
tolare dell'inchiesta
sull'incidente all'icam
(enichem) accert,
attraverso una doppia
perizia tecnica, che
la valvola che caus
l'incendio all'impianto
era difettosa, senza
alcun dubbio.
non era stata esegui-
ta la manutenzione
periodica secondo,
la scheda tecnica di
riferimento.
la logica di risparmia-
re sulle manutenzioni
aveva dato la sua
risposta negativa nel
volgere di un tempo
relativamente breve.
Pagare meno soldi in
salari e stipendi, tec-
nici e ricambi, mentre
prima erano presenti
all'interno degli sta-
bilimenti, reperibilit
compresa, era un af-
fare apparente solo
per le aziende, ma la
sicurezza era stata
ridotta sotto il minimo
consentito dalla logica.
i Black-out e i fuori ser-
vizio diventarono pi
frequenti e a seguire
prima nella centra-
le elettrica dell'agip
Petroli, e poi dell'e-
nel, che coinvolse gli
impianti dell'isab-erg
in un fuori servizio
abbastanza copioso,
per fortuna senza in-
cidenti, ma con tanta
paura per le popola-
zioni dei paesi viciniori
agli impianti.
neanche la logica del-
la manutenzione degli
impianti per tenerli eff-
cienti diventa una favo-
revole condizione, ma
il gioco divent come
una scommessa con
il destino: tutto rimase
invariato e all'insegna
del risparmio. Gli inci-
denti dal punto di vista
statistico aumenta-
rono di circa il 25%,
ma evidentemente il
risparmio era rappor-
tato per le aziende
in positivo, tanto da
decidere di continuare
nella strada intrapresa,
anche perch dal pun-
to di vista giuridico, il
tema rimane sempre
quello dell'impunit per
le leggi permissive che
il legislatore in materia
ha lasciato in favore
degli industriali senza
scrupoli, tutto proftto
e niente cuore.
Gli incidenti si sono
verificati a un ritmo
quasi costante, ma in
questo Stato di diritto,
tanto elogiato, esiste
una reale mancanza
d'identit che si proiet-
ta verso altre regole e
logiche, che investono
direttamente gli addetti
alla sicurezza nei due
fronti: quello aziendale
e quello sindacale.
Per la legge si devono
nominare i rispettivi
rappresentanti della
sicurezza nei luoghi di
lavoro, questo stato
fatto. Quello che non si
capisce il tempo tra-
scorso in modo "tran-
quillo" dal momento in
cui le aziende hanno
cominciato a invertire
la rotta sulle manu-
tenzioni. Si parl. Si
discusse. Si denunci,
ma le proteste del sin-
dacato rimasero carta
straccia, una voce nel
deserto. Gli industriali
diventarono arroganti
pi che mai, riducendo
le relazioni sindacali,
un monologo, sotto la
minaccia di licenzia-
menti, chiusura degli
impianti, cassa inte-
grazione, mobilit e via
dicendo.
in quelle condizioni,
neanche ai sensi di
legge il problema si po-
teva risolvere. Ombre
e dubbi tracciarono il
cielo della zona indu-
striale siracusana. un
impianto che funziona
male uccide gli esseri
umani e in diversi modi:
inquina l'aria e produce
il cancro, pu causare
un incidente con in-
fortuni multipli, e nel
caso dei serbatoi sfon-
dati avvelena i pozzi
dell' acqua potabile
e costringe i cittadini
ignari a bere acqua
diluita con la benzina,
il gasolio e i veleni. in-
dustriali padroni della
terra, del cielo e del
mare, compresa l'ac-
qua potabile che ci ha
avvelenato sapendo di
colpirci, come confer-
mano le inchieste della
magistratura inqui-
rente. Sapevano che
si potevano verifcare
infortuni anche mortali
con scoppi e incendi
negli impianti, ma tutto
rimaneva nel segreto
del proftto.
la vita dei lavoratori
nelle fabbriche della
morte non vale niente.
Occorre riprendersi
la dignit perduta,
attivando le norme di
legge, e quando oc-
corrono le proteste in
piazza; ma la crisi ci
costringe a continua-
re a fare le pecore e
i conigli, a renderci
umili di fronte alla
potenza del denaro
delle multinazionali
della chimica e della
raffnazione. il governo
nazionale nell'ambito
della sicurezza sui
luoghi di lavoro stan-
zi nell'anno duemila
circa 600 miliardi per
favorire le imprese nei
programmi necessari
per aumentare la si-
curezza nei luoghi di
lavoro, tutto fn, come
il solito, a tarallucci e
vino.
Gli impianti rimangono
vecchi e obsoleti, pe-
ricolosi e fuori da ogni
regola di sicurezza.
inoltre, insiste la de-
licata questione della
sismicit della zona
industriale siracusana,
mentre gli impianti
non sono in sicurezza
sismica, perch vecchi
e realizzati con il solito
metodo di "costruisci
e poi regoliamo". l'a-
deguamento sismico
degli impianti indu-
striali nel Petrolchimi-
co, cos come in tutte
le zone industriali ad
alta concentrazione
di fabbriche, diventa
obbligatorio.
n caso di un terremoto
distruttivo, niente si po-
tr salvare. le conse-
guenze del crollo e del
danneggiamento degli
impianti chimici con
forti reagenti nell'atmo-
sfera, della raffnazio-
ne con forti esplosioni,
i serbatoi d'idrocarburi
con migliaia di ton-
nellate di benzina e
gasolio e quelli del
gas liquido da petrolio
liquefatto a forma di
sfera, con l'effetto do-
mino per chilometri e
chilometri potrebbero
colpire facilmente i
paesi viciniori di Me-
lilli, Priolo Gargallo,
citt giardino, Belve-
dere, Siracusa nord,
Augusta, con con-
seguenze disastrose
per uomini e cose, e
la nube sprigionata
potrebbe espandersi
in mezza Sicilia.
una distruzione a ca-
tena e senza scampo
per niente e nessuno,
con una forte esala-
zione nell'aria, l'av-
velenamento totale
delle falde acquifere,
del mare, e della terra.
l'adeguamento sismi-
co degli impianti oggi
pi che necessario, ma
per quell'ammasso di
rottami che a stento
girano ancora lenta-
mente, nessuna indu-
stria vuole spenderci
pi una sola lira. e se i
mercati della chimica e
della raffnazione non
riprenderanno a galop-
pare, allora nemmeno
le bonifiche annun-
ciate vedranno pi la
luce, con il risultato che
perderemo quei pochi
posti di lavoro ancora
in piedi (un tozzo di
pane amaro) e reste-
remo a vivere in una
zona ad alto rischio per
un disastro ambientale
perpetuo, dove i gas
velenosi e gli agenti
chimici multi potenti e
a forte rischio cancro
per gli esseri viventi ci
perseguiteranno per il
resto della vita.
la teoria economica
non accetta i dati come
valori umani, e le pre-
ferenze sono sempre
rapportate al maggiore
guadagno dei singoli
soggetti. Al riparo di
questa metodologia,
si vuole introdurre taci-
tamente certi enunciati
valori nascosti, e fra
questi il pi importante
che bisogna tenere
conto soltanto dei valo-
ri che il mercato offre ai
suoi protagonisti, per
il maggior guadagno
che si pu realizzare
e nel pi breve tempo
possibile.
i morti e i feriti non
sapranno mai il perch
della loro disgraziata
conclusione. Paura
e allarme sociale a
ogni scoppio, sono
i freni al diritto alla
serenit personale e
familiare auspicata
dalla carta costitu-
zionale e dai principi
dell' uguaglianza di
tutti i cittadini di fronte
alla vita e alla legge.
Quello industriale un
sogno gi passato per
generazione, e oggi
diventato un brutto e
indesiderato incubo. i
processi penali e civili
presso i tribunali della
Repubblica forse si
faranno, ma i morti non
ritorneranno, i feriti ri-
marranno storpiati per
tutta la vita, mentre gli
industriali si godranno
la logica del proftto ac-
cumulato in barba alla
legge dello stato, alla
vita distrutta di tante fa-
miglie e dell'ambiente
inquinato per sempre,
senza condizioni e
senza le regole in uno
Stato che si defnisce
per costituzione de-
mocratico.
Sul fronte occupa-
zionale i timori dei
sindacati sono pi che
fondati. Tutto lascia
supporre che gi da
qualche tempo, come
gli "accordi" sono ri-
masti sommersi dalle
menzogne degli indu-
striali.
i meccanismi perversi
messi i n campo e
fnalizzati allo "sfolti-
mento" degli addetti
nelle fabbriche sicilia-
ne di Priolo e Gela, non
sono del tutto nuovi, e
anzi negli ultimi tempi
la strategia sembra
essere pi machiavel-
lica del solito "brodo"
della trattativa, seria
e presente; oggi tutto
appare blindato, e le
dichiarazioni dall'oggi
al domani appaiono
come incensate, con-
dizionate, dal tenore
della risposta della
politica e dei sindacati.
il piano enunciato ieri
non ha pi alcun valore
oggi, mentre il domani
sar tutto da capire.
Ma se da una parte
si vogliono tagliare i
rami secchi, dall'altra si
grida alla ripresa delle
attivit produttive con
ingenti investimenti.
il caso di isab (lu-
koil), che con i doppi
annunci poco chiari
del programma con-
fermato delle manu-
tenzioni per il 2014 e
della fermata del 2015,
confonde le idee e
sembra confusamente
proiettata su due fronti
diversi: il primo insiste
su investimenti per
l ' ammodernamento
degli impianti, quindi
verso una produzione
per equilibrare le per-
dite, portando il tasso
di utilizzo dei nuovi
impianti nella soglia di
sicurezza minima per il
giusto proftto, ma tutto
lascia presagire che il
mercato mondiale va
verso una pressante
contrazione, facendo
fallire, forse, i progetti.
la fermata program-
mata per il 2015 po-
trebbe essere oggi
confermata come un
periodo di fermo ne-
cessario alle manu-
tenzioni obbligate degli
impianti, ma potrebbe
diventare un sinistro
perno su cui fare leva,
a fronte di una crisi di
mercato, avanzare la
fatidica richiesta dello
"sfoltimento" dei livelli
occupazionali e con-
fermare la regola della
condotta parallela a
quella dell'eni verso
i sindacati dei lavo-
ratori, con proposte
capziose.
viviamo da mezzo se-
colo vicino alla morte
acquattata nell'om-
bra degli impianti del
Petrolchimico e delle
ciminiere che vomita-
no veleni e miasmi di
continuo.
Questa l'apocalisse
dove sono rimasti la
sofferenza, la disoc-
cupazione, la fame, il
dolore, la morte fsica
e morale. il sogno
dell'eldorado svanito
per sempre. Trovare
un altro destino la
parola d'ordine.
Secondo l o studi o
dell'aPat, agenzia per
la Protezione dell'am-
biente e per i Servizi
Tecnici, sulla messa
in sicurezza dell'area
Priolo-Augusta sui ri-
schi di terremoto e
maremoto, "... i recenti
forti terremoti che han-
no interessato zone
particolarmente indu-
strializzate in Turchia
e in india (terremoto
del 17.8.1999, Kocaeli,
turchia, Mw = 7.4; e
terremoto di Guyarat,
india, del 26.01.2001,
Mw =7.7), hanno mes-
so in evidenza che al
danno prodotto dal
terremoto si pu ag-
giungere quello dovuto
alle conseguenze d'in-
cidenti e/o rotture negli
impianti, cosiddetti, a
rischio d'incidente rile-
vante. il rischio totale
nellarea pu quindi
assumere valori eleva-
ti in termini economici,
ambientali, e talvolta
con perdita di vite
umane. Ad esempio,
nel caso del terremoto
in Turchia,
il danneggi amento
della raffneria tupras
di izMit ha provocato
lincendio della stessa
e la fuoriuscita di una
quantit rilevante di
olio".
" stata realizzata
unanalisi per mettere
in evidenza lentit e la
frequenza dei fenome-
ni naturali (come terre-
moti e maremoti) che
possono determinare
signifcativi impatti sia
sullambiente fsico sia
su quello antropizzato
(infrastrutture) nella-
rea di Priolo-Augusta.
il progetto ha avuto
come obiettivo ini-
ziale la valutazione
dei carichi dovuti a
fenomeni naturali che,
trasformati in termini
ingegneristici rappor-
tano il risultato. i siti in
oggetto sono esposti
a un elevato rischio si-
smico la cui defnizione
ha richiesto ladozione
delle metodologie pi
avanzate disponibili".
"larea industriale di
Priolo si sviluppa lungo
il Golfo di Augusta, tra
le citt di Siracusa e
Augusta. Questo set-
tore della Sicilia Sud
orientale noto per
essere stato interes-
sato storicamente da
terremoti fra i pi ener-
getici mai registrati sul
territorio italiano".
la pr ovi nci a di
Siracusa, e in parti-
colare il territorio del
pol o petrol chi mi co
di Siracusa, Melilli,
Priolo, augusta, si-
tuato su una zona
identifcata come ter-
ritorio con pericolosit
sismica elevata: "Ri-
schio uno". la stessa
identica cosa riguarda
la totalit dei comuni
della Sicilia orientale,
classifcate dallingv
come un territorio ad
altissima pericolosit
sismica secondo la pi
recente classifcazione
dellordinanza n. 3519
PcM del 28 aprile
2006.
come si ricorder, il 13
dicembre 1990 alle h
1,24 ci fu una scossa
di terremoto intorno al
ix grado della scala
Mercalli. Per ben qua-
rantacinque secondi
fece tremare tutta la
Sicilia sud-orientale.
Oggi sappiano che
subito dopo l'evento
lepicentro del sisma
fu individuato in mare,
a largo del golfo di
augusta, ma per quasi
un anno fu dichiarato
ufficialmente che si
trovava pi a sud di
55 km, prima a noto
e poi a nella zona
lentini-carlentini. il
terremoto passato
alla storia come il ter-
remoto di Santa lucia,
per la coincidenza del
giorno della festa della
Patrona di Siracusa.
un sisma largamente
previsto, per la natura
geologica del territorio,
ma dalle autorit non fu
mai presa sul serio la
possibilit di un sisma,
e non era, per fortuna,
di forte intensit.
(3-continua)
SPECIALE DISASTRO AMBIENTALE 12 Sicilia 31 agoSto 2014, doMenica 31 agoSto 2014, doMenica Sicilia 13 SPECIALE DISASTRO AMBIENTALE
Sono stati fnanziati dal Dipar-
timento regionale della Prote-
zione Civile, per un importo di
La mobilitazione di associa-
zioni, genitori e insegnanti la
risposta migliore a un atto vile
e da condannare fortemente".
L'assessore regionale al Ter-
ritorio e Ambiente Mariarita
Sgarlata ha voluto partecipa-
re all'iniziativa "Ripuliamo la
Chindemi" che ha coinvolto
decine di cittadini dopo gli atti
vandalici che hanno devasta-
to l'istituto scolastico situato
nel cuore della Mazzarrona, a
Siracusa. Proprio sul recupero
e la riqualifcazione della Maz-
zarrona ha puntato Sgarlata
quando da assessore ai Beni
Il Comune avvia limportante iniziativa di do-
tare pi alberi in citt. Per ogni nuovo nato del
2014 un nuovo albero in citt. Il progetto stato
gi avviato e secondo i dati forniti dallanagrafe
arriveremo a piantare almeno 600 nuovi alberi.
Lassessore comunale alla Polizia municipale
e verde pubblico Antonio Grasso deciso a
portare avanti liniziativa. Gli uffci hanno gi
preparato le lettere per le famiglie che hanno
gioito dellarrivo di un bambino - dice Grasso -
famiglie che verranno quindi coinvolte in prima
persona in un progetto che punta non solo a
celebrare la vita, a riconoscere il valore di un
bambino ma che contribuisce anche ad arricchire
il nostro patrimonio verde. Alcune zone in cui
concentrare la piantumazione di nuovi alberi
sono state gi individuate. Altre lo saranno man
mano che il progetto andr articolandosi. Tra
le aree da valorizzare c pure lo spazio tra via
Lentini e viale Scala Greca dove stata allestita
una zona attrezzata con giochi per i bambini ma
che va completata. Nellarea in questione che
risultata particolarmente frequentata e quindi
apprezzata dagli abitanti del quartiere - ha detto
lassessore - saranno piantati vari alberi del
tipo falso pepe. Ma anche essenze foreali. Agli
alberi sar poi applicata una targhetta col nome
del bimbo a cui dedicato e la data di nascita.
Altre aree in cui procedere sono quelle del parco
di via Ozanam e la zona di via Algeri tanto per
citarne alcune. Abbiamo gi pronto lacquisto
di 300 nuovi alberi - ha aggiunto lassessore - di
varia tipologia come platani, ulivi, carrubi ed
altro. Ed a seconda la zona si sceglier cosa
piantumare. Un ulteriore contributo per in-
crementare la presenza di verde in citt potr
arrivare anche dalle donazioni volontarie di
cittadini che per ricorda- re ad esempio un lutto
in famiglia e rendere omaggio ad una persona
cara scomparsa potranno chiedere al Comune
di offrire un albero e quindi provvedere alla
piantumazione.
La riqualifcazione
passa dal
coinvolgimento
del quartiere
atti vandalici alla Scuola chindeMi
In foto, un gruppo di lavoro per ripristare la scuola.
Grasso, pronti 300 alberi da piantumare
Per ogni nuovo nato del 2014 un nuovo alBero in citt lo dice laSSeSSore
culturali, lo scorso mese di
marzo, ha deciso di coinvolge-
re Antonio Presti in un proget-
to che punta sulla bellezza per
far rinascere il quartiere. "Sono
convinta che a Siracusa si pos-
sa ripetere la felice esperienza
di Librino - ha detto Sgarlata -.
Questo percorso di riqualifca-
zione della Mazzarrona potr
per avere un esito felice solo se
si coinvolger la gente che abita
nel quartiere. Non sar certa-
mente un cammino semplice o
senza ostacoli ma tutti quanti,
istituzioni e cittadini, dobbia-
mo comprendere che ognuno
deve fare la propria parte e con-
tribuire a questa rinascita. Da
assessore ai Beni culturali ho
sbloccato il progetto per il com-
pletamento della pista ciclabile
con un investimento di 650 mila
euro e il piano di recupero della
Tonnara di Santa Panagia per un
importo di 10 milioni e 340 mila
euro. Rispetto alla pista cicla-
bile ritengo debba essere mag-
giormente integrata con il resto
del quartiere e non rimanerne
estranea e in questo senso invi-
to Antonio Presti a diventare il
direttore artistico del progetto di
installazioni di arte contempo-
ranea previsto nell'ambito degli
interventi di recupero della pista
ciclabile".
SLa prima cosa che risalta, per
chi si addentra a leggere La ve-
rit del pentito - Le rivelazioni di
La Verit del
Pentito presente
lautrice
giovanna Montanaro racconta
Gaspare Spatuzza sulle stragi ma-
fose (Sperling&Kupfer, novem-
bre 2013), il libro inchiesta della
sociologa Giovanna Montanaro
(studiosa del fenomeno mafoso,
collaboratrice di Libera e per anni
consulente della Commissione
Nazionale Antimafa) sulle rive-
lazioni del pentito Gaspare Spa-
tuzza, che lautrice riuscita ad
intervistare, il taglio giornalisti-
ATTUALIT 14 Sicilia 31 agoSto 2014, doMenica
giUsePPe Bianca
Direttore Responsabile
Direzione e Redazione
uffci amministrativi:
via Mosco 51 Siracusa Tel. 0931 46.21.11
Fax 0931 60.006 libertasicilia@gmail.com
Pubblicit diretta: Poligrafca S.r.l.
via Mosco 51 Siracusa Tel. 0931 46.21.11
Per la pubblicit sono previsti sconti
editrice e Stampa: Poligrafca S.r.l.
registrazione tribunale di Siracusa
n.17 del 27.10.1987
Sicilia
In foto, lassessore Antonio Grasso.
co dalla scrittura immediata, che
si legge dun fato, quasi fosse un
romanzo, anche per le sue storie
ricche di umanit, quando invece
un saggio che, confrontandosi
con rigorosit degli atti processua-
li, ricostruisce le stragi mafose del
1992-1994, attraverso le parole del
pentito che riuscito a dividere la
politica e il Paese.
Il libro di Giovanna Montanaro
stato presentato lo scorso luned 25
agosto.
31 agoSto 2014, doMenica Sicilia 15 SPORT SIRACUSA
Entusiasmo e pre-
occupazione non
sono neanche lonta-
ni parenti fra di loro.
Eppure fno alla de-
cisione della Com-
missione di Vigilan-
za sugli Spettacoli,
giunta solo nel primo
pomeriggio di ieri,
sono stati costretti a
convivere dando vita
ad un singolare gioco
delle parti che ha f-
nito col disorientare
anche il pi smalizia-
to degli osservatori.
Da una parte la Com-
missione di Vigilan-
za che ha preferito
per ragioni di oppor-
tunit di soprassede-
re ad una decisione
che, se presa a caldo,
avrebbe sicuramente
comportato la scelta
di un terreno di gioco
alternativo, dallaltra
lo stato dei lavori al
De Simone, con la
fase di rizollatura
appena ultimata e le
condizioni generali
di uno stadio che ri-
sente dei troppi ram-
mendi in attesa di
una risistemazione
strutturale dignito-
sa che prima arriva
e meglio. Dallaltra
ancora due squadre,
il Siracusa e il Ro-
solini, che fno alla
vigilia dellincontro
di ritorno dei sedi-
cesimi di Coppa non
erano a conoscenza
del campo sul qua-
le avrebbero dovu-
to giocare. Quando
per ci si aspettava
che fosse il Comu-
ne a giustifcare gli
eventuali ritardi
venuta invece fuori
la societ a spegnere
sul nascere ogni pur
piccolo accenno di
polemica e ad affer-
mare che i restauri
stanno procedendo
secondo i piani pre-
stabiliti e che i rap-
porti fra Comune e
Societ meglio di
cos non potrebbero
andare. Cosa che a
chi come noi valuta
i fatti senza pregiu-
dizi di sorta non pu
fare altro che pia-
cere, nella speranza
che le rassicuranti
parole della societ
non siano un atteg-
giamento di facciata
e rifettano invece la
situazione reale che,
vista in questottica,
non pu che giovare
alla causa sposata da
tutti e che ha come
obiettivo il bene del
Siracusa e il salto di
categoria. Con que-
sto clima rasserenato
si apre uffcialmente
una stagione che pu
segnare il punto di
partenza per raggiun-
gere nel medio termi-
ne grossi traguardi e
che vedr la simpati-
ca squadra di Orazio
Trombatore conten-
dere un passaggio al
turno successivo che,
salvo sempre possi-
bili sorprese, sembra
ormai ipotecato da-
gli azzurri di Beppe
Anastasi che partono
favoriti dal pronosti-
co, forti della vitto-
ria per tre a uno con-
seguita allandata.
Uno sguardo ai due
schieramenti ci con-
sente infne di rile-
vare come il Rosolini
abbia sostanzialmen-
te mantenuto los-
satura dello scorso
anno, rafforzandola,
semmai, con larrivo
dellesperto Ulma e
con quello probabi-
le di Gigi Calabrese,
mentre il Siracusa
al 99% nuovo di zec-
ca con un Mascara
in grande spolvero e
con i compagni che
faranno a gara per di-
mostrare tutto il loro
valore. Un vernissa-
ge, dunque, ricco di
promesse che avrebbe
per meritato una vi-
gilia meno tribolata.
Armando Galea
Ottavi in cassaforte
Rosolini
permettendo
come avvertiva per giovanni trapattoni: Mai dire gatto
se non ce lhai nel sacco. Si gioca al de Simone (inizio
alle 17,30) per un vernissage ricco di promesse
Bando per il direttore tecnico-sportivo
Scade marted prossimo (2 settembre) alle 10 il termine di presen-
tazione delle domande per la selezione pubblica di un Direttore Tec-
nico Sportivo che affancher il Dirigente delluffcio Politiche dello
Sport in ordine alla conduzione tecnica del Campo scuola Pippo Di
Natale. Lincarico avr natura di consulenza gratuita, durata di un
anno ed riservato a diplomati ISEF o laureati in scienze moto-
rie o maestri dello sport del Coni. I soggetti interessati dovranno far
pervenire la loro richiesta, sul modello disponibile on line sul sito
www.comune.siracusa.it, allUffcio Protocollo del Comune, in piaz-
za Duomo n. 4. Allistanza di partecipazione dovr essere allegato il
proprio curriculum.
Il dirigente dellUffcio Politiche dello Sport valuter le istanze per-
venute ed i curricula secondo lordine decrescente di importanza dei
seguenti criteri,
fno ad un massimo di 100 punti attribuibili:
direzione impianti sportivi: punti 4 per ogni anno di direzione aff-
data, fno ad un massimo di 40 punti.
responsabile tecnico ed organizzatore di eventi e manifestazioni
sportive di livello regionale e nazionale,coerenti con le attivit che
vengono praticate nella struttura (atletica leggera e calcio ): punti 2
per ogni evento organizzato fno ad un massimo di punti 20.
partecipazioni a corsi di formazione sportiva legata alle discipline
che si praticano allinterno della struttura (atletica leggera e calcio):
punti 1 per ogni corso fno ad un massimo di punti 20.
pubblicazioni attinenti materie sportive: punti 1 per ogni pubblica-
zione fno ad un massimo di punti 10.
riconoscimenti sportivi di livello nazionali o regionali: punti 1 per
ogni riconoscimento fno ad un massimo di punti 10.
Il soggetto individuato dovr affancare il Dirigente dellUffcio Po-
litiche dello Sport nella gestione della struttura sportiva, dovr espri-
mere il proprio nulla osta alle concessione degli spazi interni, vigilare
sul rispetto delle norme previste dal regolamento duso dellimpian-
to, e redigere ogni quattro mesi una relazione sullo stato degli im-
pianti, delle attrezzature e dei locali accessori, indicando gli eventuali
interventi di manutenzione da effettuare. Lindividuazione del Diret-
tore, prima della formalizzazione della nomina, verr comunicata
alla Provincia Regionale, che potr esprimere il proprio dissenso.
E arrivato alle 13.30 di ieri il defnitivo
ok dalla Commissione di vigilanza sui
pubblici spettacoli. La gara in programma
domani, 31 agosto, tra Citt di Siracusa
e Citt di Rosolini, valevole come sfda
di ritorno del primo turno di Coppa Italia
Eccellenza, si disputer regolarmente al
Nicola De Simone. Soltanto il settore
Gradinata rester momentaneamente
chiuso per motivi di sicurezza.
Soddisfatto l'amministratore delegato Ga-
etano Albergamo. Siamo contenti perch
fnalmente giocheremo tra la nostra gente.
E' stata una corsa contro il tempo ma
siamo riusciti nell'intento. Giusto giocare
davanti i nostri tifosi che spero verranno
in tanti. Non possiamo che ringraziare il
Sindaco Garozzo, l'Assessore Cavarra,
l'uffcio tecnico e l'amministrazione co-
munale tutta per la disponibilit mostrata
e soprattutto per la volont di risolvere il
problema. Insieme si possono fare grandi
cose.
Fischio d'inizio fssato alle ore 17.30. I
tagliandi potranno essere acquistati diretta-
mente al botteghino. Prezzo unico 5,00
(sia per le Curve che per la Tribuna centra-
le). Ingresso gratuito per gli under 12.
Il Citt di Siracusa
oggi gioca
al De Simone
LAssociazione Na-
zionale ANDDOS
aderisce alliniziativa
promossa dalla Poli-
sportiva Le Formiche
di Siracusa sulla cam-
pagna di sensibilizza-
zione sia nella lotta
contro lomofobia nei
confronti delle per-
sone Lgbt e sia nella
campagna mondiale
Ice Bucket Challen-
ge in favore della
ricerca per sconfgge-
re la sclerosi laterale
amiotrofca (SLA)
Apprezziamo e lo-
diamo la lotta contro
la piaga dellomofobia
spiega il Presidente
Nazionale Mario Mar-
co Canale dellAND-
DOS intrapresa
dalla Polisportiva Le
Formiche e prima an-
cora dallAssociazio-
ne GLBT Stonewall
di Siracusa che aveva
avviato nei mesi scor-
si.
LANDDOS
a favore della
Polisportiva
Le Formiche
SPORT Pagina 16 31 agoSto 2014, doMenica
Sicilia
Esordio in Coppa Italia per i granata
Leonfortese-Noto, gara a porte chiuse
Raggiunto
l'accordo per
la riconferma
con alcuni
calciatori che
hanno vestito
la maglia gra-
nata la scor-
sa stagione
Serie d. Si gioca alle ore 16.00 allo stadio
"enzo valsi" di gliaca di Piraino (Me)
Belvedere
fuori
dalla
Coppa
Italia
Palazzolo
Belvedere 3-0
Palazzolo: Aglian
G., Saraceno M.,
Accardo, Quarto
(26 st Accaputo),
Gallo A., Ricca, Sol-
lano (24 Linares),
Nastasi, Sirugo, Mi-
raglia, Germano (23
st Arena). A disp.
Caruso, Salvadori,
Gallo L., Lentini.
All. Attardo
Belvedere: Aglia-
n G., Saraceno C.,
Spada (20 st Gam-
bino), Messina, Ros-
sitto, Conti, Pincio
(20 st Saraceno M.),
Failla, Carrabino,
Gatto, Al (1 st Spo-
to). A disp. Cerruto,
Infantino, Barba-
gallo, Giardina. All.
Bonarrivo
Arbitro: Orlandi di
Siracusa (Speranza e
Scrofani di Siracusa)
Reti: 13 pt Sirugo,
5 st Sollano, 11 st
Ricca
Note: violento nu-
bifragio poco prima
del fschio dinizio,
che ha fatto ritar-
dare lavvio di gara
di 10 minuti. Al 47
pt espulso Rossitto
del Belvedere per
proteste. Ammoniti
Saraceno, Pincio e
Messina del Belve-
dere, Accaputo del
Palazzolo.
Il Belvedere saluta
la Coppa Italia ma
non ha demeritato
al cospetto della pi
quotata formazione
di casa. Il match,
infatti, si compli-
cato per la squadra
di Bonarrivo al ter-
mine del primo tem-
po, quando gli aretu-
sei, sotto di un gol,
si sono trovati con
luomo in meno per
lespulsione di Ros-
sitto. Sirugo ha fatto
la differenza, realiz-
zando un gol e pro-
piziando il secondo
di Sollano.
LU.s.d Noto
Calcio raggiunge
laccordo il cal-
ciatore Giuseppe
Rizza si legato
ai colori granata.
Difensore, classe
1987, Rizza nato
e cresciuto a Noto
e ha mosso i pri-
mi passi calcistici
nelle squadre del-
la citt barocca.
Cresciuto nelle
giovanili della Ju-
ventus, Giuseppe
Rizza ha sempre
giocato in cate-
gorie professioni-
stiche: in Serie B
con il Livorno, in
Lega Pro I Divi-
sione con Arezzo,
Juve Stabia, No-
cerina e Pergocre-
ma. Il difensore
netino ha anche
vestito la maglia
della Nazionale
italiana di Serie
C. Il nuovo cal-
ciatore granata ha
raggiunto l'accor-
do con la societ
del Noto calcio
alla presenza del
Presidente Gra-
ziano Zani che ha
espresso soddisfa-
zione per il primo
colpo di mercato.
Inoltre stato rag-
giunto l'accordo
per la riconferma
con alcuni cal-
ciatori che hanno
vestito la maglia
granata la scorsa
stagione. Il por-
tiere di esperienza
Gabriele Ferla, i
giovani difensori
Pasquale Sgamba-
to e Daniel Sako si
sono legati all'Usd
Noto calcio anche
per la stagione
2014/15.
Raggiunto l'ac-
cordo anche con il
difensore Angelo
D'Angelo, classe
1987, profondo
conoscitore della
categoria per aver
trascorso diverse
stagioni in Serie
D militando in al-
cune squadre, tra
cui Nissa, Citt di
Messina e Vibone-
se, raccogliendo
positivi risultati e
realizzando otti-
me prestazioni.
Intanto oggi il
Noto calcio esor-
dir nella gara di
Coppia Italia Se-
rie D contro la Le-
onfortese. Si gio-
ca alle ore 16.00
allo stadio "Enzo
Valsi" di Gliaca
di Piraino (ME),
a causa dell'in-
disponibilit del
campo della Le-
onfortese, chiuso
per lavori.
La gara sar diret-
ta dal Sig. Matteo
Guddo della se-
zione di Palermo,
coadiuvato dagli
assistenti di linea
Sig. Luca Cacia e
Carlo Bellini en-
trambi della sezio-
ne di Palermo.
La Questura di
Messina ha noti-
fcato alla societ
la comunicazione
che, per motivi di
ordine pubblico,
l'incontro si svol-
ger senza la pre-
senza di pubblico.
A sinistra, Giuseppe
Rizza, in basso Angelo
Dangelo

Related Interests