You are on page 1of 2

[]

Tutti gli altri animali vengono al mondo con le loro strutture molto pi organizzate
per funzionare secondo schemi piuttosto rigidi. Il loro sistema nervoso pi completo, e gli
schemi di connessione che dirigono l'attivit sono gi predisposti e quasi del tutto
inalterabili, ma pronti a entrare in azione subito.
L'Homo sapiens, invece, arriva nel mondo con una enorme parte della massa cerebrale
del tutto vergine, senza schemi precostituiti e senza connessioni, sicch ogni individuo, a
seconda del luogo in cui il caso lo fa nascere, pu organizzare il proprio cervello in modo
da adattarsi alle richieste dell'ambiente. Ci, il suo cervello lo impara.
La parte animale, che gi pronta alla nascita, pu fare solo ci che fanno altri animali. Il
cervello umano ha la capacit di imparare a fare in molti modi ci che altri animali sono in
grado di fare solo in un modo unico e fisso.
La libert di apprendere fin dall'inizio una grande responsabilit e un rischio, e al
tempo stesso una restrizione. Non vi libert di scelta n libera volont l dove esiste un
solo modo di agire. l'apprendimento a rendere possibile la scelta tra modi alternativi di
azione. La capacit di apprendere perci sinonimo di libert di scelta e di libera volont.
Ma una volta che si appreso, la scelta fatta, il dado tratto, e quella che era una tabula
rasa non pi vergine. In ci risiedono le responsabilit e i rischi, come pure le restrizioni.
Man mano che si evolveva e cresceva la sua consapevolezza di essere Homo
sapiens, molto lentamente sono cresciuti anche i modi di apprendimento dell'uomo,
gradualmente e naturalmente. Non esisteva alcun metodo appositamente escogitato ed
elaborato di educazione. Metodi di cura del bambino piccolo che venivano naturali
continuarono a essere trasmessi attraverso i tempi, essenzialmente invariati. All'et di due
anni, quando il nostro sistema nervoso ha raggiunto i quattro quinti delle sue dimensioni e
del suo peso definitivo, i giochi sono fatti, e l'apprendimento continuer secondo le regole
che si sono fissate in questo primo periodo e che, nella maggior parte dei casi, restringono
la libert sia di apprendimento, sia di scelta.
Anche se il futuro umano appare a molti sotto una luce infausta, io credo invece che
noi uomini siamo ancora lontani dall'aver raggiunto i limiti delle capacit di apprendimento
dell'Homo sapiens. troppo presto per condannare l'uomo solo sulla base della poca
consapevolezza che ha acquisito per caso, e non grazie alla sua straordinaria capacit di
ridurre le grandi complessit a una semplicit familiare, in altre parole: di imparare. Fino
ad ora, noi non abbiamo mai utilizzato la nostra fondamentale libert di scelta, e non
abbiamo quasi per nulla, ancora, imparato a imparare.
difficile scegliere un esempio adatto che illustri questa affermazione, ma eccone
uno molto semplice, che mostra che la nostra ignorante sapienza al tempo stesso una
responsabilit e una restrizione. Bendatevi gli occhi in casa vostra, in un ambiente che vi
familiare, e cominciate a vivere cos, da soli, per una mezz'ora. Vi renderete conto che la
vostra consapevolezza sempre limitata, e si riduce soprattutto a ci che riuscite a
vedere. Un individuo che dovesse assicurarsi con le sole proprie forze la propria
incolumit e sicurezza personale non potrebbe sopravvivere trascurando e lasciando al di
sotto del livello di consapevolezza i due terzi dello spazio che lo circonda. Quando
concentriamo l'attenzione su ci che vediamo, distogliamo la nostra attenzione dalla
maggior parte dello spazio. Senza la vigilanza del samurai (che sa che cosa accade anche
dietro di lui e al di sopra del suo capo), un animale selvaggio non pu sopravvivere molto
a lungo. Ora, anche voi ed io pos-siamo benissimo fare quello che un samurai addestrato
sa fare. Possiamo limitare, oppure ampliare la nostra consapevolezza per espanderla alla
realt oggettiva che ci circonda da ogni parte: ci che facevano i nostri orecchi prima
che le informazioni uditive cominciassero a essere parzialmente ignorate o trascurate, e
che la vista divenisse tirannica, anzich solo dominante.
Se continuate a fare l'esercizio di cui vi ho parlato, e se riuscirete a utilizzare solo gli

orecchi per un paio d'ore senza farvi male, vi renderete conto dell'uso mediocre che
facciamo di noi stessi, perfino quando i nostri occhi sono aperti. Non solo sentirete di
avere un'attenzione pi ampia, ma il tono di tutto il vostro essere si trover aumentato e
vivificato, dandovi una sensazione di energia, di elasticit e freschezza, sia della realt
soggettiva sia di quella oggettiva. Certe discipline esoteriche affermano che la coscienza
intera viene cos elevata a un livello superiore. Ovviamente la vostra memoria torner a
somigliare a quella che era duran-te la vostra infanzia, prima che imparaste a leggere.
Migliorer la vostra capacit di imparare e ricordare. Le persone pi avanti negli anni
imparano con difficolt essenzialmente perch prestano attenzione solo con una piccola
parte della loro consapevolezza: ci che imparano non coinvolge e non associato alla
totalit del loro essere, come avviene durante l'infanzia. la stessa differenza che corre
tra cercare di imparare a memoria il numero di telefono di un casuale conoscente, o quello
di qualcuno che amate.