You are on page 1of 4

Lezione del 2 Marzo

Due domande di premessa


1) Che cos la filosofia ? e 2) Perch un corso su Nietzsche.
Per una legittimazione di un corso didattico ci si pu rifare ad unidea di filosofia per la quale
Nietzsche si presenta come una necessit. Con Heidegger interprete di Nietzsche si pu
intendere il posto preminente di questultimo, per quanto riguarda invece lidea di filosofia
da Hegel che bisogna ritrovarne una particolare: la filosofia il proprio tempo
appreso nel concetto, definizione che si pu rinvenire nel detto antico veritas filia
temporis, questo il paradigma ermeneutico del corso. (Lineamenti di filosofia del diritto
di Hegel)
Di fatto nel 23 con il corso sullOntologia ed ermeneutica indicher la storia nelleffettivit
dellesserci di volta in volta, loggi la tematizzazione, esso da ricercare allinterno della
domanda sul senso dellessere in relazione al niente in luce di un ente particolare che
luomo, che soggettivit, loggi quello della tecnica, il mondo della tecnica
lessenza della contemporaneit. La situazionalit storico-fattizia dellesserci diviene mezzo
e tematizzazione della domanda dellessere e delloggi - non si devono usare termini come
uomo o soggetto - la domanda sullessere si risolve come questione sulla tecnica, misurarsi
con il proprio tempo.
Questo oggi, questo tempo si mostra come irrimediabilmente cos, noi siamo gettati in questo
tempo, in questo oggi. Heidegger in questo senso si muove allinterno della filosofia
hegeliana per quanto riguarda la risposta sul senso della filosofia, risoluzione della
prima domanda.
Per la seconda domanda si pu rispondere in conseguenza con la prima, Nietzsche un
esempio di chi ha interpretato il proprio tempo lesempio della risposta della
prima domanda, pensatore del potenziamento dellindividualit, idea che continua tuttora.
Nietzsche si presenta ancora come interprete delloggi heideggeriano, il suo tempo ancora
il nostro nella parte essenziale.
Heidegger: anche la filosofia figlia del suo tempo, lespressione
del proprio tempo espresso tramite il concetto. ( come per Hegel )

Quella di Nietzsche la domanda sulla sostenibilit dellindividualit dellindividuo


moderno ha prestato a se stesso, ci invita a vedere come noi siamo figli di questo tempo.
La domanda che unisce e chiude le prime due :Cosa significa essere unindividualit
oggi, in questa modernit, nella storicit-fattizia? Perch allora siamo ancora
allombra di Nietzsche? (Io vi racconto i prossimi due secoli)
Lapparenza nietzschiana come destino, non nel suo senso soggettivo, questa
autoenunciazione deve essere vista non nel suo senso riduttivo come destino a
posteriori, ma un destino necessario a priori, vede ci che ci era stato predestinato, ecco
la categoria del nichilismo, egli un destino perch nel suo pensiero scorgiamo il mondo che
egli ci annunciava ed in cui siamo ancora oggi, diagnostico della cultura per cui
bisognava trovare le forme, da qui la grecia e la cultura wagneriana, la prima far ponte fra il
mito greco e lepoca tedesca contemporanea tedesca.
La prognosi nietzschiana infausta se non si fossero riattivate delle fonti vitali alla ragione
tedesca, la cultura tedesca di met ottocento era a rischio di perire per eccesso di razionalit.
In questa diagnosi utile prestare attenzione al pensiero sociologico di Ulrich Beck di cui La
societ del rischio, verso una seconda modernit, studioso della societ, questa societ, come
piena epifania dellindividuo, esso il nuovo totem sociale e sociologico della
societ post-industriale, elemento essenziali di questa societ la panindividualizzazione, ma il s si pu ridurre al selfie - esso, il s, andrebbe ripensato alle
sue radici comunitarie (senso ultimo del tema del corso)? Nellavanzata
dellindividualit si riscontra una democratizzazione che le parallela e
Nietzsche ne un grande analista e precursore di analisi.
Nietzsche che letto come anti-hegeliano per il suo mettere in discussione il sistema e la
criticit dello stesso.
La societ del rischio di Beck la modernit riflessiva, non nel senso di una riflessione su
stessa, ma una modernit speculare, si guarda nello specchio con un occhio di
perplessit, una societ che vive il disincanto del disincanto, il modernismo con la
rivoluzione industriale il primo disincantamento dal pre-moderno - esempio della morte di
Dio nietzscheiana - la nuova modernit vive il secondo disincanto, ligenua fede della
scienza divenuta la domanda sulla questione ecologica, la domanda sulla crisi di
senso delle nuove libert, sulle questioni eticamente sensibili, da qui la nuova

religione della cultura contemporanea che la religione dellindividuo, il totem


dellindividuo.
Il problema di Beck : lindividuo massa nella sua evoluzione diviene la grande individualit
sviluppata quasi romanticamente, (fuori testo Mazzarella dice: il ritratto non sar allora fatto
solo pi a Wagner ma anche al portiere del camerino di Wagner).
Il rischio nellet globale, lanalisi di Beck potrebbe diventare unanalisi sulla questione
umana, intesa filosoficamente, << nel mondo occidentale ed aldil di esso - fuori testo di
Mazzarella: caratterizzazione di questa epoca come epoca della globalizzazione, il mondo
occidentale il paradigma delloccidentalizzazione del mondo globale, la
classifa economica il terreno delloccidente - non c un desiderio pi diffuso che quello di
condurre una vita propria, chi oggi viaggia in Europa, ovviamente gli Stati Uniti, ma anche
in Sud America e chiede cosa muove persone si sentir rispondere: soldi, lavoro, potere,
amore, Dio, ma costater anche quanto siano forti le suggestioni del suo
individualismo spazio significa il proprio spazio, amore significa il legame
di singole biografie che tendono a separarsi.
Avere una vita propria, domanda contemporanea, ma questa non vi stata da sempre e per
sempre, questa divenuta storicamente uninvenzione della modernit, si staccata
storicamente dallidea contraria conquistarsi una vita propria ha significato
staccarsi da schemi sociali dove lenfasi sullindividuo stata vista come una devianza
anticomunitaria, qualcosa che mette a rischio il legame sociale, lindividualit era per
pochi, il valore contrario lidea dellomologazione. Vi una tensione fra
lelemento conformistico, non in senso deteriore, senza giudizio di valore, un legame
del doppio vincolo, lautocentratura, e cio lindivudalit, e dallaltro la compatibilit
di questo legame delle individualit.
Con il romanticismo avanza la democratizzazione dellindividualit, lappartenenza
alluniversale contestata, il passaggio da unessere-assieme-degli-uomini, il tessuto
della comunit, al vantaggio delle reti autonome degli individui, lidea di associazione,
personale scelta che si costruisce, il paradigma la societ per azioni, questa valorizzazione
dellindividualit, e cio la sacralit terrena ottenuta dallautonomia dellindividuo come
principio base XXXX, la sociologia di Beck in termini non ostili, senza una scelta fra i
paradigmi, al contrario di Baumann, cerca di comprendere le positivit di questo paradigma e
le sue negativit.

Il passaggio delleconomia legata alla terra alleconomia di fabbrica ti richiedeva


uno sganciamento dai vincoli del primo, il lavoro diviene un libero mercato,
luomo si deve sganciare da una serie di legami fondamentali, un rapporto di
stanziariet e da qui unimplementazione del valore dellindividualit che poi in
rapporto al genere delluomo che implementa una vita propria, lessenza di
questultima era nelle mani soltanto dei mantenitori di famiglia, un uomo; la catena di
montaggio poi il paradigma del lavoro industriale con tutto ci che ne comporta. Ma il
privilegio delluomo visto come dimezzamento, (esempio del neo-realismo
cinematografico), la famiglia tradizione muta nel mutare del processo prima di lavoro poi di
individualizzazione, lindividuo uomo del libero lavoro ha ancora dietro delle reti
tradizionali che poi vengono rotte nella societ post-industriale, che la seconda
modernit, in questo ultimo sviluppo anche la donna ha il suo libero lavoro e rompe il
legame tradizione che restava alluomo del primo modernismo industriale, saturando
lindividualizzazione, la distinzione di genere finisce con la seconda modernit,
nasce laspettativa modernizzante di una vita propria. Il nucleo naturale
antropologico ora viene demandato alla decisione dellindividuo, a partire
dagli anni ottanta, si pensi allomosessualit, questa la diagnosi di Beck.
La domanda da porsi allora , cos allora lindividualizzazione nella modernit che
abitiamo? Lunit di produzione sociale lindividuo affidato al suo mondo alle sue scelte,
questo il compimento dellindividualizzazione.
Vi sono dei costi a questa individualizzazione? Essa sostenibile? Qual modello di
individualit in cui siamo?