You are on page 1of 132

Marco Barlotti

Appunti di

per linsegnamento di
del corso di laurea triennale in Informatica
Vers. 2.0
Anno Accademico 2011-2012

In copertina un disegno originale ( Disney) di Keno Don Rosa.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. I

PERCHE QUESTI APPUNTI, E COME USARLI


(Prefazione alla vers. 2.0)

Questi appunti vogliono costituire un supporto scritto alle lezioni di algebra che tengo
per linsegnamento di Matematica discreta e Logica per il Corso di Laurea triennale in
Informatica presso la Facolt di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali allUniversit di
Firenze.
Anche se il materiale qui trattato corrisponde abbastanza fedelmente agli argomenti di
algebra svolti a lezione, si tratta ancora di un work in progress soggetto a ulteriori verifiche,
nel quale inevitabile la presenza di errori materiali; inoltre, per quanto mi sia sforzato di
conciliare il rigore con la chiarezza, alcuni brani del testo possono risultare poco
comprensibili. Sar grato a tutti coloro, e specialmente agli studenti, che vorranno segnalarmi
qualunque problema, dai pi banali errori di stompa alle oscurit nellesposizione.

Firenze, 26.04.2012

Marco Barlotti

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. II

BIBLIOGRAFIA
[1]

G. Devoto, G. C. Oli
Il dizionario della lingua italiana
Le Monnier, Firenze (1990)

[2]

P. R. Halmos
Naive set theory
Van Nostrand, Princeton NJ (1966)

[3]

P. R. Halmos
Teoria elementare degli insiemi
Feltrinelli, Milano (1970)

[4]

G. Peano
Aritmetica generale e algebra elementare
Paravia, Torino (1902)

AVVERTENZA
Tutti i diritti di questa pubblicazione sono dellautore.
consentita la riproduzione integrale di questa pubblicazione a titolo gratuito.
altres consentita a titolo gratuito lutilizzazione di parti di questa pubblicazione in altra
opera allinderogabile condizione che ne venga citata la provenienza e che della nuova opera
nella sua interezza vengano consentite la riproduzione integrale a titolo gratuito e
lutilizzazione di parti a queste stesse condizioni.
Luso di questa pubblicazione in quasiasi forma comporta laccettazione integrale e senza
riserve di quanto sopra.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. III

SOMMARIO

1. - Introduzione
1.1 - Limpostazione assiomatica . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2 - La teoria degli insiemi . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.3 - Prime notazioni sugli insiemi . . . . . . . . . . . . . . .
1.4 - Come si definisce un insieme: mediante elenco degli elementi . .
1.5 - Come si definisce un insieme: mediante una propriet caratteristica.
1.6 - Come si definisce un insieme: come unione di insiemi gi definiti
1.7 - Come si definisce un insieme: come insieme delle parti . . . . .
1.8 - Unione, intersezione, differenza . . . . . . . . . . . . . .
1.9 - Unione e intersezione di una famiglia di insiemi. Partizioni . . .
1.10 - Prodotto cartesiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.11 - 8-ple ordinate. Matrici . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.

1
2
3
3
4
6
6
6
8
8
9

2. - Il principio di induzione
2.1 - Gli assiomi di Peano per i numeri naturali. . . . . .
2.2 - Dimostrazioni per induzione: il teorema fondamentale
. .
2.3 - Dimostrazioni per induzione: partire da 8! !
.
2.4 - Dimostrazioni per induzione: altre formulazioni
. . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

pag.
pag.
pag.
pag.

11
12
13
15

3. - Funzioni
3.1 - Relazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.2 - Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.3 - Dominio. Immagine, immagine inversa.
. . . . . . .
3.4 - Iniettivit e suriettivit . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.5 - Restrizione a un sottoinsieme . . . . . . . . . . . . . . . .
3.6 - La funzione inversa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.7 - Composizione di funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.8 - Successioni definite per recursione
. . . . . . . . . . . . . . . . .
3.9 - Recursione lineare omogenea di primo grado sugli ultimi due termini
3.10 - Le successioni tipo Fibonacci . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.

17
18
18
19
20
21
21
23
24
28

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. IV

4. - Operazioni in un insieme
4.1 - Operazioni in un insieme . . . .
4.2 - Chiusura rispetto a unoperazione
4.3 - Associativit e commutativit . .
4.4 - Elemento neutro . . . . . . .
4.5 - Il simmetrico di un elemento . .
4.6 - La propriet distributiva . . . .
4.7 - Gruppi
. . . .
4.8 - Anelli
. . . .
4.9 - Anelli di matrici
. . . .

5. - Permutazioni
5.1 - Il gruppo simmetrico
5.2 - Il gruppo Sym(8)
5.3 - Cicli

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.

29
30
30
31
31
32
33
34
36

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 41
. . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 42
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 45

6. - Relazioni di ordine
6.1 - Definizioni . . . . . . . . . . . . .
6.2 - Relazioni di ordine . . . . . . . . . .
6.3 - Intervalli . . . . . . . . . . . . . .
6.4 - Minimo e massimo . . . . . . . . . .
6.5 - Elementi minimali ed elementi massimali
6.6 - Limitazioni inferiori e limitazioni superiori
6.7 - Estremo superiore . . . . . . . . . .
6.8 - Estremo inferiore . . . . . . . . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.
.
. . .
. . .
. . .

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.

47
48
49
49
50
51
52
52

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. V

7. - L'algoritmo di Euclide in
7.1 - Ancora su (, ) . . . . . .
7.2 - La divisione euclidea in . . .
7.3 - Una classe di equazioni diofantine
7.4 - Minimo comune multiplo in . .
7.5 - Divisibilit in
7.6 - Numeri primi in
7.7 - Numeri primi di Fermat . . .
7.8 - Numeri primi di Mersenne . .
7.9 - Numeri perfetti
. . . . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.

55
56
60
64
65
67
71
71
72

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

pag.
pag.
pag.
pag.
pag.

73
73
75
77
78

9. - Relazioni di equivalenza
9.1 - Definizione . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.2 - Classi di equivalenza . . . . . . . . . . . . .
9.3 - Insieme quoziente . . . . . . . . . . . . . .
9.4 - Le classi di resto . . . . . . . . . . . . . . .
9.5 - Lanello 8
. . . . . . . . . . . . . . .
9.6 - La notazione posizionale in base dieci e in altre basi
9.7 - I criteri di divisibilit per i numeri interi . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.

81
82
83
85
87
89
93

. .
. . . . . .
. . . . . .
. . . . . .

8. - Reticoli
8.1 - Definizione . . . . . . . . . . . .
8.2 - Unione e intersezione in un reticolo
8.3 - Una definizione alternativa di reticolo
. .
8.4 - Complementi in un reticolo . . . . . .
8.5 - Distributivit

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. VI

10. - Alcune equazioni in 8


10.1 - Equazioni di primo grado in 8 . . . . . . .
10.2 - Divisori dello zero ed elementi invertibili in 8
10.3 - La funzione : di Euler . . . . . . . . . .
10.4 - Il teorema di Fermat-Euler . . . . . . . .
10.5 - Cenni sul criptosistema RSA . . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

pag. 97
pag. 98
pag. 101
pag. 102
pag. 105

11. - Cardinalit
11.1 - Equipotenza.
. .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 107
11.2 - Cardinalit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 107
11.3 - Confronto tra cardinalit
. . . . . . . . . . . . . . . . pag. 109

12. - Elementi di calcolo combinatorio


12.1 - Introduzione . . . . . . . . .
12.2 - 5 -disposizioni con ripetizione . .
12.3 - 5 -disposizioni semplici . . . . .
12.4 - 5 -combinazioni semplici . . . .
12.5 - 5 -combinazioni con ripetizione . .
12.6 - Esercizi di ricapitolazione . . . .

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

pag. 111
pag. 111
pag. 113
pag. 116
pag. 121
pag. 122

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 1

1.- INTRODUZIONE

1.1 - Limpostazione assiomatica.


Ogni teoria matematica si sviluppa mediante definizioni e teoremi su cui poggiano a
cascata altre definizioni e altri teoremi. Ogni definizione spiega il significato di una parola, o
di un gruppo di parole, mediante altre parole. Ma possibile definire tutte le parole? O, forse,
alcuni termini matematici possono essere definiti con vocaboli non tecnici, cio del tutto
estranei alla teoria in esposizione, che quindi non hanno bisogno di spiegazione? La risposta
negativa per entrambe le domande.

Esempio 1.1.1
Si chiama dizionario della lingua italiana una raccolta di parole e locuzioni della lingua
italiana (generalmente disposte in ordine alfabetico) per ciascuna delle quali fornita una
spiegazione del significato. Tale spiegazione data usando soltanto parole della lingua
italiana.
Nella edizione 1990 de Il dizionario della lingua italiana di Giacomo Devoto e Gian Carlo
Oli [1] leggiamo:
UOMO Lindividuo di sesso maschile della specie umana.
UMANO Proprio delluomo, in quanto rappresentante della specie.
Questo non soddisfacente: infatti il lettore non pu comprendere la spiegazione del
sostantivo UOMO se non conosce il significato dellaggettivo UMANO; e non pu
comprendere la spiegazione dellaggettivo UMANO se non conosce il significato del
sostantivo UOMO.

Esempio 1.1.2
La pi antica opera oggi conosciuta in cui la geometria viene trattata non come un sistema di
regole pratiche e nozioni empiriche ma come una scienza razionale costituita dagli
Elementi di Euclide (matematico vissuto in Grecia nel III secolo a. C.). La teoria sviluppata
da Euclide costituisce ancor oggi uno strumento semplice e efficace per descrivere la realt
fisica 1 attorno a noi e per studiare fenomeni di varia natura.

1 almeno in prima approssimazione. Le descrizioni quantistico-relativistiche utilizzano una geometria


diversa, detta appunto non euclidea.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 2

Dovendo riferirsi a certi enti su cui costruire la geometria, Euclide ritenne necessario aprire la
sua opera con una serie di definizioni, ad esempio:
Un punto ci che non ha parti.
Una linea una lunghezza senza larghezza.
Una superficie ci che ha solo lunghezza e larghezza, ma non spessore.
Oggi queste definizioni non ci sembrano utilizzabili per sopportare il peso di una teoria.
Non si comprende infatti come si possa spiegare che cos un punto mediante la nozione di
parte senza poi precisare che cosa significhi parte; n come si possano definire linea e
superficie mediante le parole lunghezza, larghezza e spessore senza che queste
vengano a loro volta definite.

Lo sviluppo (nel diciannovesimo secolo) della critica ai fondamenti della matematica


(e in particolare della geometria euclidea) ha condotto a stabilire che una trattazione razionale
e rigorosa deve procedere assiomaticamente: ci significa che alla base della teoria non si
deve porre un sistema di definizioni; si assegnano invece certe parole (dette concetti primitivi)
e le regole precise (dette assiomi, o postulati) con le quali tali parole verranno utilizzate. In tal
modo anzich definire gli enti fondamentali si descrivono piuttosto le relazioni logiche che
intercorrono fra essi.

1.2 - La teoria degli insiemi.


La teoria degli insiemi pu essere utilizzata per una costruzione organica e coerente di
tutta la Matematica. Essa si venuta sviluppando a partire dalla seconda met del
diciannovesimo secolo grazie ai lavori di (fra gli altri) Georg Cantor (1845 1918), Friedrich
Ludwig Gotilds Frige (1848 1925) e Bertrand Russel (1872 1970), ed ha trovato una
sistemazione ormai classica ad opera di Ernst Friedrich Ferdinand Zermelo (1871 1953) e
Adolf Abraham Fraenkel (1891 1965).
Una rigorosa impostazione assiomatica (cfr. 1.1) esula certamente dalle nostre
possibilit 2. Noi utilizzeremo tuttavia il linguaggio degli insiemi; pur non formalizzandole
esplicitamente, cercheremo di stabilire regole del gioco chiare e precise che ci consentano di
utilizzare le parole primitive (insieme, elemento, appartiene, ...) senza cadere in formalismi
esasperati ma evitando imprecisioni che possano poi dar luogo a contraddizioni logiche.
Useremo dunque la parola insieme per indicare un ente completamente caratterizzato
dagli elementi che ad esso appartengono. Per sgombrare il campo da possibili fraintendimenti,
chiariamo subito che
si usa il termine elemento per indicare ci che appartiene ad un insieme, senza che
ci prefiguri due mondi distinti, quello degli elementi e quello degli insiemi: anzi, gli
elementi di un insieme possono benissimo essere essi stessi insiemi;
poich un insieme resta completamente caratterizzato dai propri elementi, si conviene in
particolare che: due insiemi sono lo stesso insieme (si dice anche che coincidono) se e solo se
hanno gli stessi elementi.

2 Il lettore interessato pu consultare utilmente [2], se necessario nella traduzione italiana [3].

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 3

1.3 - Prime notazioni sugli insiemi.


Siano A, B insiemi.
Se + un elemento di A (ci si esprime anche dicendo che + appartiene ad A),
scriveremo
+ A.
Se ogni elemento di A anche elemento di B, diremo che A un sottoinsieme di B
(oppure che incluso, o contenuto in B) e scriveremo
A B.
Se A B e B A, cio se A e B hanno gli stessi elementi, A e B sono lo stesso
insieme e scriveremo
AB
(osserviamo qui esplicitamente che intenderemo sempre luguaglianza nel senso leibniziano
di identit). In generale, se si deve provare che A B, il procedimento migliore appunto
quello di mostrare che A B e B A .
Le scritture
+ A, A
y B, A B
indicano la negazione rispettivamente di
+ A, A B e A B
(cio significano rispettivamente: + non un elemento di A, A non un sottoinsieme di B, A e
B non sono lo stesso insieme; questultimo fatto si esprime anche dicendo che A e B sono
diversi o distinti).
Se A B e A B (ci si esprime dicendo che A incluso propriamente in B, oppure
che A un sottoinsieme proprio di B), scriveremo anche
A
B .
Nel seguito supporremo noti dagli studi precedenti linsieme dei numeri naturali,
linsieme dei numeri interi relativi e linsieme dei numeri razionali, con le nozioni di
(minore o uguale), (somma), (differenza), (prodotto) e (divisione)
relative ai loro elementi. Sempre dagli studi precedenti riterremo noti alcuni insiemi di natura
geometrica, e in particolare certi sottoinsiemi dellinsieme dei punti del piano (rette, segmenti,
circonferenze, cerchi, triangoli, ecc. ecc.).

1.4 - Come si definisce un insieme: mediante elenco degli elementi.


Accetteremo di definire un insieme indicandone tra parentesi graffe tutti gli
elementi 3 separati da virgole (si ricordi che abbiamo stabilito che un insieme
completamente caratterizzato dai suoi elementi). Ad esempio, se +" , +# , , +8 sono tutti e soli
gli elementi dellinsieme A, scriveremo 4
A +" , +# , , +8 .
Postuliamo una volta per tutte lesistenza di qualsiasi insieme definito secondo questa
regola.

3 che possono essere elementi di insiemi gi definiti, oppure insiemi essi stessi.
4 Si noti che questo modo di definire un insieme pu essere utilizzato solo per gli insiemi che hanno un
numero finito di elementi (cfr. cap. 12).

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 4

Esempi
1.4.1 A ", &, #$, %*, (' ;
1.4.2 B , , (si osservi che B ma
y B) ;
1.4.3 C &, $(, , ;
1.4.4 D , . Gli insiemi , , , , sono tutti distinti fra loro.

1.5 - Come si definisce un insieme: mediante una propriet caratteristica.


Sia B un insieme. Accetteremo di definire un sottoinsieme A di B specificando una
propriet che ne caratterizza gli elementi fra tutti gli elementi di B. Precisamente, sia :(B) una
proposizione aperta con variabile libera B sullinsieme B (cosicch per ogni , B si ha che
:, vera oppure falsa). Scriveremo
A B B / :B
(si legge: A linsieme degli B appartenenti a B tali che :B)
per indicare il sottoinsieme di B formato da tutti e soli gli elementi per i quali :B vera.
Come vedremo (cfr. teorema 1.5.3), essenziale che A sia immerso in un insieme B gi
definito.
Postuliamo una volta per tutte lesistenza di qualsiasi insieme definito secondo questa
regola.

Esempio 1.5.1
Linsieme dei numeri naturali il cui quadrato non supera #!! pu essere indicato scrivendo
B / B# #!!.

Teorema 1.5.2
Esiste un (unico) insieme che non ha elementi; esso si dice insieme vuoto e si indica con g. Per
ogni insieme I, si ha g I .
Dimostrazione Sia A un qualunque insieme; allora linsieme
g B A / B B
esiste (perch definito come convenuto sopra) e non ha elementi (perch B B falso
qualunque sia B).

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 5

Sia ora I un insieme: dobbiamo provare che g I , cio che


aaB gbaB Ib .

Se tale affermazione fosse falsa, sarebbe vera la sua negazione; sarebbe cio vero che
abB gbaB Ib .

In particolare, esisterebbe un B in g; questo assurdo perch (come si appena dimostrato)


g non ha elementi.
Ricordiamo infine che abbiamo convenuto che un un insieme sia completamente caratterizzato
dai propri elementi: pertanto esiste un unico insieme privo di elementi (anche se pu essere
definito come sopra a partire da insiemi A diversi).

Un insieme distinto da g sar detto non vuoto.

Teorema 1.5.3
Non esiste un insieme di tutti gli insiemi, cio: non esiste un insieme di cui ogni insieme sia
elemento.
Dimostrazione Sia per assurdo U linsieme di tutti gli insiemi, e si consideri
A X U / X X.
Se fosse A A, per definizione di A sarebbe A A, e ci assurdo. Allora A A; ma
poich A U ne segue A A, ancora assurdo. Se si accetta il postulato di esistenza degli
insiemi definiti come in 1.5 (e se si accetta il principio aristotelico del terzo escluso),
bisogna dunque negare lesistenza dellinsieme U.
Lo stesso paradosso, dovuto a B. Russel, mostra perch nella definizione di A
mediante una propriet caratteristica abbiamo dovuto chiedere che A fosse sottoinsieme di un
insieme X.

Esercizio 1.5.4
Fissato un insieme B, si consideri A X B / X X. Perch non c contraddizione? Pu
essere A A? Pu essere A A? Pu essere A B?

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 6

1.6 - Come si definisce un insieme: come unione di insiemi gi definiti.


Sia \ un insieme di insiemi. Qualunque sia \ , postuliamo che esista un insieme i cui
elementi sono tutti e soli gli elementi degli insiemi che appartengono a \ .
Tale insieme si indica con \ e si dice unione degli insiemi che appartengono a \ : ci
torneremo sopra in 1.8.

1.7 - Come si definisce un insieme: come insieme delle parti.


Sia A un insieme. Qualunque sia A, postuliamo che esista un insieme i cui elementi
sono tutti e soli i sottoinsiemi di A .
Tale insieme si indica con c (A) e si dice insieme delle parti di A. Si osservi che, per
ogni insieme A, a c (A) appartengono g e A.
Esempio 1.7.1
Sia A ",#,$. Allora
c(A) A, ",#, ",$, #,$, ", #, $, g.

1.8 - Unione, intersezione, differenza.


Siano A, B insiemi.
Si dice unione di A e B, e si indica con
A B,
linsieme i cui elementi sono tutti e soli gli elementi di A e gli elementi di B. Con la notazione
introdotta in 1.6: A B A, B.
Si dice intersezione di A e B, e si indica con A B, linsieme degli elementi di A che
appartengono anche a B. Con la notazione introdotta in 1.5: A B B A / B B.
Se A B g, A e B si dicono disgiunti.
Si dice differenza di A e B, e si indica con AB, linsieme degli elementi di A che non
appartengono a B. Con la notazione introdotta in 1.5: AB B A / B B.
Se B A, linsieme AB viene detto anche complementare di B in A, ed indicato
(purch tale notazione non dia luogo ad equivoci) con Bc .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 7

Esempio 1.8.1
Siano A ", #, $, B #, %, ', ). Allora A B ", #, $, %, ', ), A B # e
AB ", $.

Esempio 1.8.2
Siano A linsieme dei triangoli e B linsieme dei rettangoli (entrambi sottoinsiemi del piano
euclideo). Allora A B g.

Esercizi
Siano A, B, C sottoinsiemi dellinsieme I. Si dimostrino le seguenti uguaglianze:
1.8.3 A B B A;
1.8.4 (A B) C A (B C);
1.8.5 A (B C) (A B) (A C);
1.8.6 A (A B) A;
1.8.7 (A B)c Ac Bc ;
1.8.8 (A B)(A B) (AB) (BA).
Valgono le uguaglianze che si ottengono dalle precedenti scambiando con ?

Esercizi
Siano A, B, C sottoinsiemi dellinsieme I. Si dimostrino le seguenti uguaglianze:
1.8.9 A Bc AB;
1.8.10 A(AB) A B;
1.8.11 A (BC) (A B)(A C);
Valgono le uguaglianza che si ottengono dalle precedenti scambiando con ?

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 8

1.9 - Unione e intersezione di una famiglia di insiemi. Partizioni.


Un insieme di insiemi si dice anche una famiglia di insiemi. Abbiamo definito in 1.6
lunione di una famiglia di insiemi; in modo analogo si definisce lintersezione di una famiglia
non vuota di insiemi (lesistenza dellinsieme intersezione garantita dal fatto che esso si pu
definire secondo la regola fissata in 1.5 come linsieme degli elementi di un insieme della
famiglia che appartengono anche a tutti gli altri insiemi della famiglia).
Sia A un insieme. Una famiglia di sottoinsiemi non vuoti di A si dice una partizione di
A se tali sottoinsiemi sono a due a due disgiunti e la loro unione A.
Esempio 1.9.1
Un fascio di rette parallele una partizione del piano.

1.10 - Prodotto cartesiano.


Siano A, B insiemi.
Se + A e , B, sappiamo (per quanto convenuto in 1.4) che possiamo considerare
linsieme +, , ( A B); spesso per opportuno considerare un ente che sia
caratterizzato non solo dai suoi elementi ma anche dallordine in cui si considerano: tale ente
si dice coppia ordinata 5 con prima componente + e seconda componente ,, e si indica con
+, ,.
Si noti che, se +, + A e ,, , B, si ha
+, , +, ,

se e solo se

+ + e , ,;

in particolare: se a b, si ha sempre
+, , ,, +.
Linsieme di tutte le coppie ordinate +, , con + A e , B si dice prodotto
cartesiano 6 di A per B e si indica con A B.

Esempio 1.10.1
Sia A ", #, $ e B !, ". Si ha A B ", !, ", ", #, !, #, ", $, !, $, ".

5 La definizione rigorosa di coppia ordinata la seguente: (a, b) a, a, b.


6 Tenendo conto della nota precedente, il lettore attento potr osservare che A B un sottoinsieme di
c (c (A B)), e quindi pu essere definito come in 1.5; ci ne garantisce lesistenza.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 9

1.11 - 8-ple ordinate. Matrici.


Come si fatto in 1.10 per la coppia ordinata, si pu definire un ente caratterizzato da
$, %, , 8 elementi, detti componenti (appartenenti a certi insiemi prefissati), e dallordine in
cui questi vengono considerati: si parla rispettivamente di terna ordinata, quaterna ordinata,
, 8-pla ordinata.
Si tratta in sostanza di iterare il procedimento di costruzione delle coppie ordinate.
Siano A" , A# , A$ insiemi e siano +" A" , +# A# , +$ A$ : la terna ordinata individuata da
+" , +# , +$ (in questo ordine) si indica con (+" , +# , +$ e non altro che lelemento (+" , +# , +$
dellinsieme (A" A# A$ (che, per semplicit, si indica a sua volta con A" A# A$ .
Particolare importanza rivestir per noi il caso delle 8-ple ordinate di elementi di uno stesso
insieme A (linsieme di tali 8-ple si indica con A8 ).
Sia A un insieme, e siano 7, 8 numeri interi positivi. Si dice matrice 7 8 a
elementi in A una 7-pla ordinata di 8-ple ordinate di elementi di A, ossia un elemento di
A8 7 . Una matrice 7 8 potrebbe essere identificata con una 78-pla ordinata; in pratica,
quando si parla di matrice gli elementi vengono scritti in una tabella
+","
+#,"

+7,"

+",#
+#,#

+7,#

+",8
+#,8

+7,8

nella quale si evidenziano le 8-ple ordinate +"," , +",# , , +",8 , , +#," , +#,# , , +#,8 , ,
+7," , +7,# , , +7,8 , dette righe della matrice, e le 7-ple ordinate +"," , +#," , , +7," , ,
+",# , +#,# , , +7,# , , +",8 , +#,8 , , +7,8 , dette colonne della matrice. Sinteticamente, la
matrice di termine generico +3,4 si indica con +3,4 ; le sue righe si indicano con +", , +#, , ,
+7, e le sue colonne con +," , +,# , , +,8 .
Linsieme di tutte le matrici 7 8 a elementi in A si indica con A7,8 .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 10

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 11

2.- IL PRINCIPIO DI INDUZIONE

2.1 - Gli assiomi di Peano per i numeri naturali.


Anche se, come si detto, noi diamo per conosciuto dagli studi della Scuola
Secondaria (se non addirittura della Scuola Primaria) linsieme dei numeri naturali 7, vale
la pena di accennare alla sua bella e semplice costruzione assiomatica proposta dal
matematico italiano Giuseppe Peano (1858 1932).
Riportiamo, con qualche irrilevante aggiornamento nei termini 8, la formulazione di
[4]; la prima esposizione del sistema di assiomi in un lavoro scientifico pubblicato nel 1891.
I concetti primitivi sono indicati con la locuzione numero naturale e le parole zero,
successivo, insieme e appartiene. Gli assiomi sono i seguenti:
P1 Zero un numero naturale.
P2 Ogni numero naturale ha un successivo, che anchesso un numero naturale.
P3 Sia A un insieme di numeri naturali. Supponiamo che zero appartenga ad A
e che per ogni numero naturale che appartiene ad A anche il suo successivo appartenga ad A;
allora ogni numero naturale appartiene ad A.
P4 Se due numeri naturali hanno lo stesso successivo, essi sono lo stesso
numero.
P5 Zero non il successivo di alcun numero naturale.
Questi concetti primitivi e questi assiomi sono sufficienti per definire tutte le usuali
nozioni relative ai numeri naturali e per dimostrarne le propriet. Ad esempio, si pu definire
il numero uno come il successivo di zero; il numero due come il successivo di uno; il
risultato della somma 7 8 come il successivo del successivo del successivo... (8 volte) di
7; il risultato del prodotto 7 8 come il risultato della somma di 8 numeri tutti uguali a 7;
ecc. ecc..
Lassioma P3 detto anche principio di induzione. Esso fornisce il sostegno teorico
a unimportante tecnica di dimostrazione, detta appunto dimostrazione per induzione, sulla
quale adesso ci soffermeremo.

7 assieme alle nozioni di somma, differenza, prodotto, elevamento a potenza, minore o uguale e alle
relative propriet.
8 ad esempio, Peano scrive classe anziche insieme, e scrive numero tout-court anziche numero
naturale.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 12

2.2 - Dimostrazioni per induzione: il teorema fondamentale.


Teorema 2.2.1
Sia P(8 una proposizione aperta con variabile libera 8 su . Se
P! vera
e

(a8 )aP(8 P(8 "b vera

(a8 )aP(8b .

allora vero che


Dimostrazione Sia

A 8 / P(8.
Le ipotesi del teorema ci dicono che ! appartiene ad A e che per ogni numero naturale
che appartiene ad A anche il suo successivo (cio 8 ") appartiene ad A.
Ma allora, per il principio di induzione (cio per il postulato (P3) di Peano) A
coincide con , e dunque P(8 vera per ogni 8 , come si voleva dimostrare.

Il teorema 2.2.1 fornisce una utilissima strategia per dimostrare teoremi che riguardano
i numeri naturali. Se si deve provare che
(a8 )aP(8b
per una certa affermazione P(8 sul generico numero naturale 8, si pu procedere come segue:
(3) si verifica che sia vera P(0;
(33) supposta vera P(8 (ci si esprime dicendo che si usa P(8 come ipotesi di
induzione), si dimostra che vera P(8 ".
Ci fatto, il teorema 2.2.1 garantisce che (a8 )aP(8b vera.

Esempio 2.2.2
Sia B un numero reale maggiore di ". Dimostriamo per induzione su 8 che
per ogni numero naturale 8,

a" Bb8 " 8B .

Dimostrazione Laffermazione vera per 8 ! : infatti


a" Bb! " " ! B .

Adesso supponiamo che (ipotesi di induzione) sia a" Bb8 " 8B, e dimostriamo che
a" Bb8" " a8 "bB .

In effetti, poich B " B " ! e quindi dallipotesi di induzione (moltiplicando


ambo i membri per B ") segue che
a" Bb8 a" Bb a" 8Bba" Bb " B 8B 8B# " B 8B " a8 "bB .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 13

Esempio 2.2.3
Dimostriamo per induzione su 8 che
per ogni numero naturale 8,
(ossia, esiste un numero naturale 5 tale che

*8" #'8"

multiplo di ""

*8" #'8" ""5 ).

Dimostrazione Laffermazione vera per 8 ! : infatti


*!" #'!" *" #" * # "" "" " .
Adesso supponiamo che (ipotesi di induzione) esista un numero naturale 5! tale che
*8" #'8" ""5! e dimostriamo che per un opportuno numero naturale 5 si ha
*(8")" #'(8")" ""5 .
In effetti,

*(8")" #'(8")" *8# #'8( * *8" #' #'8" * a""5! #'8" b #' #'8"

**5! * #'8" #' #'8" **5! #'8" a#' *b **5! && #'8" "" a*5! & #'8" b

come si voleva (5 *5! & #'8" ).

2.3 - Dimostrazioni per induzione: partire da 8! !.


Talvolta ci si trova a considerare un proposizione aperta P8 che non ha senso per
valori piccoli di 8 (tipicamente: valutare una somma di 8 addendi; che senso pu infatti
avere una somma di ! addendi, o anche di un solo addendo?) o che vero solo per 8 8! (per
un certo 8! , 8! !) mentre per 8 ! e per altri valori di 8 minori di 8! risulta falso (cfr.
esempio 2.3.x).
In questi casi si pu applicare ugualmente il principio di induzione. Per maggiore
chiarezza, riformuliamo opportunamente il teorema 2.2.1.
Teorema 2.$.1
Sia P(8 una proposizione aperta con variabile libera 8 su , e sia 8! . Se
P8! vera
e

(a8 )aP(8 P(8 "b vera

allora P(8 vera per ogni 8 8! .


Dimostrazione Sia

A 8 / P(8 8! .

Le ipotesi del teorema ci dicono che ! appartiene ad A e che per ogni numero naturale
che appartiene ad A anche il suo successivo (cio 8 ") appartiene ad A.
Ma allora, per il principio di induzione (cio per il postulato (P3) di Peano) A
coincide con , e dunque P(8 8! vera per ogni 8 ; in altre parole, P(8 vera per
ogni numero naturale 8 maggiore o uguale a 8! , come si voleva dimostrare.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 14

Applicando il teorema 2.3.1, se si deve provare che una certa affermazione P(8 sul
generico numero naturale 8 vera per ogni 8 maggiore o uguale a un fissato 8! , si pu
procedere come segue:
(3) si verifica che sia vera P(8! ;
(33) supposta vera P(8 (ci ancora una volta si esprime dicendo che si usa P(8 come
ipotesi di induzione), si dimostra che vera P(8 ".

Esempio 2.3.2
Dimostriamo per induzione su 8 che la somma dei numeri naturali non superiori a 8
8(8")
.
#

Dimostrazione Lasserto ha senso se 8 # ; pertanto procediamo per induzione


partendo dal valore iniziale 8! # . Si ha
"#$

#(#")
#

dunque per 8 # lasserto vero. Supponiamo ora (ipotesi di induzione) che sia
8(8")
#
(8")(8#)
! " # 8 (8 ")
.
#

!"# 8

e dimostriamo che
In effetti,

! " # 8 (8 ")

8(8")
8(8")#(8")
(8")(8#)
(8 ")

.
#
#
#

Esempio 2.3.3
Dimostriamo per induzione su 8 che la somma dei quadrati dei numeri naturali non superiori a
8
8(8")(#8")
.
'

Dimostrazione Lasserto ha senso se 8 # ; pertanto procediamo per induzione


partendo dal valore iniziale 8! # . Si ha
#(#")(##")

"# ## &
'
dunque per 8 # lasserto vero. Supponiamo ora (ipotesi di induzione) che sia
!# "# ## 8#

8(8")(#8")
'

e dimostriamo che
!# "# ## 8# (8 ")#

(8")(8#)(#8$)
.
'

In effetti,
!# "# ## 8# (8 ")#

8(8")(#8")
(8 ")#
'

8(8")(#8")'(8")#
(5")(#8# 8'8')
(8")(8#)(#8$)

.
'
'
'

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 15

Esercizio 2.3.4
Si dimostri che la somma dei cubi dei numeri naturali non superiori a 8

8# (8")#
.
%

2.4 - Dimostrazioni per induzione: altre formulazioni.


Riportiamo in questa sezione altre strategie di dimostrazione basate sul principio di
induzione che ci saranno utili pi avanti.

Teorema 2.4.1
Sia P(8 una proposizione aperta con variabile libera 8 su . Se
P! e P" sono vere
e

(a8 )aP(8) e P(8 ")) P(8 #b vera

allora vero che

(a8 )aP(8b .

Dimostrazione Sia
A 8 / P(8) e P(8 ").
Le ipotesi del teorema ci dicono che ! A e che per ogni numero naturale 8 che
appartiene ad A anche il suo successivo (cio 8 ") appartiene ad A.
Ma allora, per il principio di induzione (cio per il postulato (P3) di Peano) A coincide con
, e in particolare P(8 vera per ogni 8 , come si voleva dimostrare.

Sia 5 . Poniamo
J5 8 / 8 5.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 16

Teorema 2.4.2
Sia P(8) una proposizione aperta con variabile libera 8 su . Se per ogni 8 vero che
a(a5 J8 )P(5 )b P(8

allora vero che

(a8 )aP(8b .

Dimostrazione Sia
A 8 / P(5 ) vera per ogni 5 8.
Dimostriamo che A (da cui lasserto) applicando il principio di induzione (cio
il postulato (P3) di Peano).
Mostriamo in primo luogo che ! A . A tale scopo dobbiamo soltanto provare che
vera P(!). Osserviamo che J! g, quindi certamente vero che (a5 J8 )P(5 ) ; lipotesi del
teorema per 8 ! ci dice che P(!) deve essere vera, ossia che ! A.
Ora supponiamo che sia 8 A . Per definizione di A, deve essere vera P(5 ) per ogni
5 8, cio per ogni 5 J8" ; dallipotesi del teorema segue che anche P(8 ") deve essere
vera, ossia che 8 " A, come si voleva dimostrare.

Osservazione 2.4.3
A una prima, superficiale, lettura pu sembrare che lipotesi del teorema 2.4.2 differisca da
quelle dei teoremi 2.2.1, 2.3.1 e 2.4.1 in un punto chiave: il passo iniziale, cio la parte in
cui si chiede che sia vera P(!) (nel teorema 2.2.1) o che sia vera P(8! ) (nel teorema 2.3.1) o
che siano vere P(!) e P(") (nel teorema 2.4.1).
In realt, il passo iniziale, cio la verifica che sia vera P(!), presente anche nellipotesi del
teorema 2.4.2. Si chiede infatti che valga limplicazione
a(a5 J8 )P(5 )b P(8
per ogni 8 . Ma si valuti tale implicazione per 8 ! : poich J! linsieme vuoto,
certamente vera la premessa (cio (a5 J! )P(5 )); dunque, affinch limplicazione stessa
risulti vera, si deve dimostrare che vera P(! (senza disporre, per questo valore di 8, di
alcuna ipotesi di induzione, visto che la verit di (a5 J! )P(5 ) non ci fornisce alcuna
informazione).

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 17

3.- FUNZIONI
3.1 - Relazioni.
Siano A, B insiemi.
Si dice relazione tra A e B un sottoinsieme del prodotto cartesiano A B.
Sia 4 una relazione tra A e B, cio sia 4 A B; se +, , 4 , si dice che gli elementi + (di
A) e , (di B) sono in relazione, e si scrive +4 ,. In pratica si usa sempre la notazione
+4 ,
anzich +, , 4 .
Intuitivamente, una relazione tra A e B una legge che a ogni elemento di A associa
qualche elemento di B (eventualmente nessuno).

Esempio 3.1.1
Siano
A #, $, &, (, "", "$, "(, "*, #$, #*, $", $(, %", %$, %(, &$, &*, '", '(, (", ($, (*, )$, )*, *(, "!";
B 8 " 8 "!!.

Si ponga per : A e 8 B
:4 8 se e solo se : un divisore di 8.
Si cos definita una relazione 4 tra A e B; si noti che alcuni elementi di A sono in relazione
con un solo elemento di B ( quanto accade considerando : &$, &*, , *(), altri (: $(,
%", %$, %() con due, altri (: #*, $") con tre, ecc.. Lelemento # di A in relazione con &!
elementi di B; lelemento "!" di A non in relazione con alcun elemento di B. Inoltre: pi
elementi di A possono essere in relazione con gli stessi elementi di B (#, $, & sono tutti in
relazione con $!, '! e *!).

Esempio 3.1.2
Sia A un insieme, e si ponga per + A e X A
+4X se e solo se + X.
Si cos definita una relazione 4 tra A e c (A).

Esempio 3.1.3
Sia A un insieme, e si ponga per X, Y A
X4 Y se e solo se X Y .
Si cos definita una relazione 4 tra c (A) e c (A) (detta.inclusione).

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 18

3.2 - Funzioni.
Siano A, B insiemi.
Una relazione f tra A e B si dice una funzione (o applicazione) da A in B se per ogni + A
esiste esattamente un , B tale che + f ,, cio se ogni elemento di A in relazione (secondo f)
con esattamente un elemento di B. Ci si esprime scrivendo
f : A B.
Intuitivamente, una funzione da A in B una legge che a ogni di A associa uno e un solo
elemento di B .

Esempio 3.2.1
Sia A linsieme dei numeri razionali positivi, e sia B linsieme dei numeri naturali. La
legge che al numero razionale 7
8 associa il numero naturale 7 8 non una funzione

(si dice anche, impropriamente, che non ben definita come funzione). Infatti, ad
)
esempio, al numero razionale #$ (che si pu scrivere anche '% , *' , "#
, ecc.) vengono associati
non solo il numero naturale & # $) ma anche i numeri naturali "! % '), "&
' *), #! ) "#), ecc.. La legge considerata fornisce invece un esempio
significativo di relazione tra e ; oppure individua una funzione dallinsieme delle frazioni
in .

3.3 - Dominio. Immagine, immagine inversa.


Sia f una funzione da A in B .
Linsieme A si dice dominio di f, e si indica con W(f).
Per ogni + W(f), l(unico) elemento , di B tale che + f , si indica con f+; si dice che
, proviene da + (o anche che , limmagine di +) mediante f. Si scrive sempre
f+ ,
anzich + f ,.
Se A" A, si dice immagine di A" (mediante f) il sottoinsieme fA" di B formato
dalle immagini (mediante f) degli elementi di A" ; con la notazione di 1.5,
f A" , B / , f + per qualche + A" .
Limmagine f A di A si dice anche immagine di f.
Se B" B, si dice immagine inversa di B" (mediante f) il sottoinsieme f " B" di B
formato dagli elementi le cui immagini (mediante f) appartengono a B" ; con la notazione di
1.5,
f " B" + A / f+ B" .
Sia B A, cio sia f una funzione da A in A . Un elemento + di A si dice un punto
fisso per f se f+ +.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 19

Esempio 3.3.1
Sia f : la funzione che a ogni numero naturale 8 associa il suo doppio.
Ci si indica con lespressione
f(8) #8.
Si ha che:
( 3)

limmagine di f linsieme dei numeri pari;

(33)

posto A" &, (, "!, si ha f(A" "!, "%, #!;

(333)

posto B" "!, "", "#, "$, "%, "&, si ha f " (B" &, ', (.

Esercizi
Sia f:A B, e siano A" , A# A. Si dimostri che:
3.3.2 A" A# fA" fA# ;
3.3.3 fA" A# fA" fA# ;
3.3.4 fA" A# fA" fA# .
Si mostri inoltre con un esempio che pu essere fA" A#
fA" fA# .

3.4 - Iniettivit e suriettivit.


Siano A, B insiemi, e sia f:A B.
Se per ogni , B esiste almeno un + A tale che f+ , (cio se ogni elemento di
B proviene mediante f da almeno un elemento di A; ossia se fA B), f si dice suriettiva. In
tal caso, si dice che f una funzione da A su B.
Se comunque presi +, + A con + + f+ f+ (ossia se comunque presi
+, + A da f+ f+ segue a a; cio se ogni elemento di B proviene da al pi un
elemento di A), f si dice iniettiva.
Se f iniettiva e suriettiva si dice che f biiettiva (o anche che f una biiezione,
oppure che f una corrispondenza biunivoca tra A e B). Una funzione iniettiva sempre una
corrispondenza biunivoca tra il proprio dominio e la propria immagine.

Esempi
3.4.1 La funzione che ad ogni numero associa il suo triplo iniettiva ma non
suriettiva: f linsieme dei numeri naturali multipli di $ .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 20

3.4.2 La funzione f: definita da


8

se 8 pari
#
f ( 8)
$8"
#

se 8 dispari

suriettiva ma non iniettiva.

3.4.3 La funzione f: definita da


8 " se 8 dispari
f(8)
8 "

se 8 pari

biiettiva (e dunque una corrispondenza biunivoca tra e ) .

3.4.4 Per ogni insieme A, la funzione idA : A A che ad ogni elemento associa se stesso
una corrispondenza biunivoca detta funzione identica o anche identit di A . Ogni elemento di
A un punto fisso per idA .

3.5 - Restrizione a un sottoinsieme.


Siano A, B insiemi, sia f:A B e sia A" A . Si dice restrizione di f ad A" la
funzione fkA" : A" B cos definita: fkA" f (A" B)
(si ricordi che f un sottoinsieme di A B).
Questa definizione molto tecnica, perch nella sostanza fkA" opera esattamente
come f (lunica differenza che opera solo su A" ); certe propriet possono per essere
verificate da fkA" e non da f, e viceversa.

Esempio 3.5.1
La funzione che ad ogni numero associa il suo quadrato non iniettiva n suriettiva; la
sua restrizione a iniettiva ma non suriettiva.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 21

3.6 - La funzione inversa.


Siano A, B insiemi, e sia f : A B iniettiva. Per ogni b fA, f " , non vuoto
(per definizione di fA) ed formato da al pi un elemento (perch per ipotesi f iniettiva),
dunque formato da esattamente un elemento; la legge che associa a , tale elemento una
funzione fA A che si dice funzione inversa della f e si indica con f " . In altri termini, f "
si definisce ponendo, per ogni , fA,
f " , lunico elemento di f " ,
(il significato del simbolo f " nellespressione a destra quello fissato in 3.3).
facile vedere che f " una corrispondenza biunivoca tra limmagine di f e A ; ne
segue che, in particolare, linversa di una corrispondenza biunivoca A B una
corrispondenza biunivoca B A .

Esempio 3.6.1
&

"

Sia f : $ definita da

f(B) $B& .

facile verificare che f iniettiva (non invece suriettiva: ! f ). La funzione inversa si


pu esprimere scrivendo

f " (B)

"&B
$B

Wf " !.

e si ha

3.7 - Composizione di funzioni.


Siano A, B, C insiemi, e siano f : A B, g : B C funzioni.
Si dice composizione di f con g e si indica con
scrivono f e g!) la funzione A C definita ponendo

gf

g f+ gf+

(attenzione allordine in cui si

a+ A.

Esempi
"

3.7.1 Sia f : definita da f(8) 8" , e sia g : definita da g(B) B # . Si


ha
g f8

#8$
.
8

3.7.2 Sia f : definita da f8 8# , e sia g : definita da g(B) B " . Si ha


(g f)(8) 8# " ,

(f g)(8) 8# #8 ".

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 22

Teorema 3.7.3
Siano A, B insiemi, e sia f : A B iniettiva. Sia f " : f (A A la funzione inversa di f
definita in 3.6. Si ha
f " f idA

f f " id f (A .

Dimostrazione Sia + A, e sia f(+) , con , B.


Allora f " (,) +, e dunque
(f " f)(+) f " (f(+) f " (,) + idA (+) .
Per larbitrariet di + in A, si cos provato 9 che f " f idA .
Sia ora , fA, e sia + lelemento di A per il quale si ha f(+) ,. Allora f " (, ) +,
e dunque
(f f " (,) f(f " (,) f(+) , id fA (, )
cosicch lasserto completamente provato.

Teorema 3.7.4
Siano A, B, C, D insiemi, e siano f : A B, g : B C, h : C D funzioni. Si ha
(h g) f h (g f) .
Dimostrazione Sia + A. Allora
(h g) f)(+) (h g)(f(+) hgf+ hg f+ h g f+
e lasserto completamente provato.

Esercizio 3.7.5
Siano A, B, C insiemi, e siano f : A B, g : B C funzioni biiettive. Si provi che g f
biiettiva.

9 Che cosa significa per due funzioni essere uguali? Ricordiamo le definizioni date in 4.1 e 4.2: una
funzione un particolare insieme di coppie ordinate. Poiche (cfr. 1.3) due insiemi sono uguali (cio
coincidono) se e solo se hanno gli stessi elementi, due funzioni -in particolare- sono uguali se e solo se sono
costituite dalle stesse coppie ordinate, ossia operano allo stesso modo su ogni elemento dellinsieme di
partenza.
importante avere ben chiaro che questa non una definizione ad hoc di uguaglianza tra funzioni, ma
solo un modo specialistico di esprimere la nozione di uguaglianza tra insiemi.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 23

3.8 - Successioni definite per recursione.

Sia A un insieme.
Una funzione s : A si dice successione in A ; se non sorgono ambiguit,
limmagine s(8) del generico numero naturale 8 si indica con +8 e si dice 8 simo termine
della successione, mentre la successione s si indica con la scrittura (+8 ) .
Il principio di induzione fornisce anche un importante modo per definire successioni in
un insieme qualsiasi. Non entreremo nei dettagli della dimostrazione del seguente teorema,
che dovrebbe comunque risultare intuitivo alla luce di quanto si visto nel capitolo 2:

Teorema 3.8.1
Sia A un insieme. Sia ! A, e sia w : A A una funzione. Esiste una e una sola successione
(+8 ) in A tale che
+! ! ;
+8" w(+8 ) .

Esempio 3.8.2
Per il teorema 3.8.1 esiste (ed unica) la successione (+8 ) in tale che
+! " ;
+8" (8 ") +8 .
Per ogni 8 , l8 simo termine di questa successione si dice 8 fattoriale e si indica con
la scrittura
8x .

Esercizio 3.8.3
Si provi che, se 8 #, 8x (cfr. esempio 3.8.2) il prodotto di tutti i numeri naturali compresi
fra " e 8 .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 24

Analogo al teorema 3.8.1 (come il teorema 2.4.1 analogo al teorema 2.2.1) il


seguente risultato, del quale pure omettiamo la dimostrazione:
Teorema 3.8.4
Sia A un insieme. Siano !, " A, e sia w : A A A una funzione. Esiste una e una sola
successione (+8 ) in A tale che
+! ! ;
+" " ;
+8" w(+8" , +8 ) .

Le successioni di cui ai teoremi 3.8.1 e 3.8.4 si dicono definite ricorsivamente (o anche


definite per recursione) dai valori iniziali e dalle condizioni espresse negli enunciati di quei
teoremi.

3.9 - Recursione lineare omogenea di primo grado sugli ultimi due termini.
Teorema 3.9.1
Siano +! , +" , ,, - , e sia (+8 ) la successione in definita ricorsivamente dai valori iniziali
+! e +" e dalla condizione
+8" ,+8 -+8" .
Se lequazione
(*)

B# ,B - !

ha due soluzioni distinte ! e " , il termine generico della successione (+8 ) si pu esprimere
come
()

+8 2 ! 8 5 " 8

dove 2 e 5 verificano il sistema


2 5 +!
!2 " 5 +

"

Se invece lequazione (*) ha una sola soluzione !, il termine generico della successione (+8 ) si
pu esprimere come
()

+8 (2 85 )!8

dove 2 e 5 verificano il sistema


2 +!
(2 5 )! +

"

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 25

Dimostrazione Il teorema si prova, in entrambi i casi, per induzione su 8.


Supponiamo in primo luogo che lequazione (*) abbia due soluzioni ! e " . Per esse si ha che
!# , ! -

" # ," - .

Per 8 ! e 8 ", +! e +" sono espressi dalla () per come sono stati scelti 2 e 5 (10) .
Possiamo dunque supporre, per lipotesi dinduzione, che sia
+8 2 ! 8 5 " 8

+8" 2 !8" 5 " 8" .

Per come definita la successione,


+8" ,+8 -+8" , (2 !8 5 " 8 ) - (2 !8" 5 " 8" )
2!8" (,! - ) 5 " 8" (," - ) 2 !8" !# 5 " 8" " # 2 !8" 5 " 8"
come si voleva dimostrare.
Ora supponiamo che lequazione (*) abbia una sola soluzione !; ci significa che
,# %- !

e !

,
#

da cui , #! e infine %!# %- !, ossia


!# - ! .
Inoltre, come nel caso precedente,
!# , ! - .
Per 8 ! e 8 ", +! e +" sono espressi dalla () per come sono stati scelti 2 e 5 (11) .
Possiamo dunque supporre, per lipotesi dinduzione, che sia
+8 (2 85 )!8

+8" (2 (8 ")5 )!8" .

Per come definita la successione,


+8" ,+8 -+8" , (2 85 )!8 - (2 (8 ")5 )!8"
,(2 85 )!8 - (2 85 )!8" -5 !8"
(2 85 )!8" (,! - ) 5 !8" 5 !8" -5 !8"
(2 85 )!8" !# 5 !8" 5 !8" (!# - )
(2 85 )!8" 5 !8" (2 (8 ")5 )!8"
come si voleva dimostrare.

10

Per chi avesse confidenza con la teoria dei determinanti dei sistemi lineari, osserviamo che il sistema
lineare dal quale cerchiamo di ricavare 2 e 5 ha determinante ! " ( ! perch stiamo considerando il caso in
cui lequazione (*) ha due soluzioni) e quindi ha esattamente una soluzione.
11

Questa volta il sistema lineare dal quale cerchiamo di ricavare 2 e 5 ha determinante !.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 26

Esempio 3.9.2
Utilizzando il teorema 3.9.1, determiniamo il termine generico della successione (+8 ) definita
ricorsivamente dai valori iniziali +! $, +" & e dalla condizione
+8" +8 6+8" .
Si deve considerare lequazione
B# B 6 !
che ha le due soluzioni distinte ! # e " $. Il termine generico della successione (+8 ) si
pu esprimere come
+8 2( #)8 5$8
dove 2 e 5 verificano il sistema
25 $
#2 35 &
cosicch 2

%
&

e 5

+8

%
&

""
&

. Dunque si ha

( #)8

""
&

$8 .

Esempio 3.9.2
Determiniamo il termine generico della successione (+8 ) definita ricorsivamente dai valori
iniziali +! ", +" $ e dalla condizione
+8" #+8 +8" .
Lequazione
B# #B " !
ha come unica soluzione ! ". Dal sistema
2"
2 5 $
si ricava che deve essere 2 " e 5 # . Dunque il termine generico della successione
(+8 ) si pu esprimere come +8 (" #8)"8 ossia come
+8 " 28 .
Se avessimo cercato di applicare la formula trovata per il caso in cui lequazione di secondo
grado considerata ha due soluzioni distinte, ci saremmo imbattuti nel sistema
25 "
2 5 $
che non ha soluzione.

Esempio 3.9.3

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 27

Determiniamo il termine generico della successione (+8 ) definita ricorsivamente dai valori
iniziali
+ ! ",

+" #

e dalla condizione
+8" %+8 %+8" .
Lequazione
B# %B % !
ha come unica soluzione ! #. Dal sistema
2"
#(2 5 ) #
si ricava che deve essere 2 "
(+8 ) si pu esprimere come

5 ! . Dunque il termine generico della successione

+8 (" ! 8)28
ossia come
+ 8 28 .
Notiamo esplicitamente che in questo caso avremmo potuto anche applicare la formula trovata
per il caso in cui lequazione di secondo grado considerata ha due soluzioni distinte.
Infatti il sistema
25 "
#2 #5 #
questa volta ha soluzione: precisamente, ammette le infinite soluzioni che si possono
esprimere nella forma
2 qualsiasi, 5 " 2 .
Si ottiene dunque
+8 2#8 (" 2)#8 2#8 #8 2#8 #8
cio (inevitabilmente) la stessa espressione ricavata applicando la formula ad hoc.

3.10 - Le successioni tipo Fibonacci.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 28

Si dice successione di Fibonacci con valori iniziali +! e +" la successione definita


ricorsivamente dai valori iniziali +! e +" e dalla condizione
+8" +8 +8" .
Poich lequazione
B# B " !

(*)

ha le due soluzioni distinte : "# & e " : "# & , il termine generico della
successione di Fibonacci con valori iniziali +! e +" si pu esprimere come
+8 2:8 5 a" :b8

()

dove 2 e 5 verificano il sistema lineare


2 5 +!
2 : 5 (" : ) +

"

La successione di Fibonacci classica quella con valori iniziali " e ". Per lei deve essere
25 "
2 : 5 (" : ) "
da cui

:
&

:"
&

, cosicch

"
:

#
& "

si ottiene la suggestiva espressione


+8

:8"
&

a":b8"
&

:8"
&

a:ba8"b
&

:8"
&

+8

Osservando che
:"

#& "
%

a":b8"
&
"&
#

:8" a:ba8"b
&

":

Vale la pena di soffermarsi un po sul numero :, detto rapporto aureo. Esso risponde a
un classico problema: in che rapporto devono stare le due parti nelle quali si suddivide un
segmento se vogliamo che una delle due parti sia media proporzionale fra lintero segmento e
laltra?
Se indichiamo con j la lunghezza di una delle due parti e con B il loro rapporto, laltra
parte ha lunghezza Bj e lintero segmento ha lunghezza Bj j. Dunque deve valere la
proporzione
aBj jb:Bj Bj:j

ossia

aB "b:B B:"

da cui lequazione B# B " ossia B# B " !, che (come abbiamo visto) ha come
unica soluzione positiva :.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 29

4.- OPERAZIONI IN UN INSIEME

4.1 - Operazioni in un insieme.


Sia A un insieme non vuoto.
Si dice operazione (binaria, interna) in A una funzione da A A in A (cio,
intuitivamente, una legge che ad ogni coppia ordinata di elementi di A associa un elemento
di A).
Se unoperazione in A e +, , A, scriviamo +, anzich (+, , ): cos +, significa che - limmagine di (+, ,) mediante , ossia che associa alla coppia ordinata
(+, ,) di elementi di A lelemento - di A (risalendo alla definizione formale di funzione come
caso particolare di relazione: (+, ,), - .

Esempi
4.1.1 Le ordinarie operazioni di somma e prodotto sono operazioni in , , .
4.1.2 Per ogni insieme A, la composizione definita in 3.7 unoperazione nellinsieme di
tutte le funzioni A A .
4.1.3 Nellinsieme , la sottrazione unoperazione, la divisione non lo .
4.1.4 Nellinsieme unoperazione la definita come segue:
+, +(, ")
a+, , .
4.1.5 Nellinsieme +, ,, - unoperazione la definita come segue 12:
++ +, +, , , +- - , ,+ , , ,, +, ,- +, -+ - , -, +, -- , .
4.1.6 Sia A un insieme. Le operazioni (definite in 1.8) che a due sottoinsiemi di A associano
la loro unione e la loro intersezione sono operazioni in c (A) (nel senso definito in 4.1) che si
indicano rispettivamente con e .

12 Come si definisce unoperazione? Ricordiamo che operazione in A una particolare funzione


A A A, cio una particolare relazione tra A A e A, cio un particolare sottoinsieme di (A A) A; i
criteri per definire unoperazione sono dunque gli stessi che abbiamo stabilito nel capitolo 1 per definire un
insieme.
In particolare, loperazione dellesempio 3.1.5 definita come in 1.4; quella dellesempio 3.1.4 come in
1.5.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 30

4.2 - Chiusura rispetto a unoperazione.


Sia A un insieme nel quale definita unoperazione .
Un sottoinsieme B di A si dice chiuso rispetto a se comunque presi ,, , B
anche ,, B .

Esempi
4.2.1 chiuso rispetto alla somma e al prodotto.
4.2.2 Il sottoinsieme di formato dai numeri dispari chiuso rispetto al prodotto ma non
rispetto alla somma.
4.2.3 Siano I un insieme e A linsieme di tutte le funzioni da I in I . Il sottoinsieme di A
costituito dalle corrispondenze biunivoche (cfr. sez. 3.4) chiuso rispetto alla composizione.

4.3 - Associativit e commutativit.


Sia A un insieme.
Unoperazione in A si dice associativa se
+(,- ) (+,)-

a+, , , - A .

Unoperazione in A si dice commutativa se


+, ,+

a+, , A .

Esempi
Le operazioni considerate in 4.1.1 e 4.1.6 sono associative e commutative (cfr. anche 4.6.3 e
4.6.4); quella considerata in 4.1.2 associativa ma in generale non commutativa; quella
considerata in 4.1.5 commutativa ma non associativa (infatti ,,- ,,-); quella
considerata in 4.1.4 non n associativa n commutativa.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 31

4.4 - Elemento neutro.


Siano A un insieme e unoperazione definita in A.
Un elemento 8 di A si dice elemento neutro per se a8 8+ + a+ A .
Se loperazione detta somma, lelemento neutro si indica con ! e si chiama zero; se
detta prodotto, si indica con " e si chiama uno oppure unit.

Teorema 4.4.1
Siano A un insieme e unoperazione definita in A. Se esiste un elemento neutro per ,
questo unico.
Dimostrazione Siano 8, 8 elementi neutri per . Allora 8 88 8, come si
voleva.

Esempi
4.4.2 Loperazione considerata in 4.1.4 non ha elemento neutro. Si noti che +! + per
ogni + , ma in generale !+ +.
4.4.3 Loperazione somma in , e ha come elemento neutro il numero !.
4.4.4 Loperazione prodotto in , e ha come elemento neutro il numero ".
4.4.5 Loperazione considerata in 4.1.5 ha come elemento neutro lelemento + .
4.4.6 Le operazioni unione e intersezione considerate in 4.1.6 hanno come elemento
neutro rispettivamente g e A .
4.4.7 Loperazione composizione considerata in 4.1.2 ha come elemento neutro la
funzione idA definita in 3.4.4 .

4.5 - Il simmetrico di un elemento.


Siano A un insieme e unoperazione definita in A per la quale esiste lelemento
neutro 8.
Per ogni + A, si dice simmetrico di + (rispetto a ) un elemento
+ A tale che sia

++
+ + 8 .
Se loperazione detta somma, il simmetrico di + si dice opposto di +, e si indica con +;
se detta prodotto, si dice inverso di +, e si indica con +" .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 32

Teorema 4.5.1
Siano A un insieme e unoperazione associativa definita in A per la quale esiste lelemento
neutro 8. Per ogni + A, se esiste un simmetrico questo unico.
Dimostrazione Siano
+ ,
+ simmetrici di + . Allora
+
8+

++
+
+ 8
+ ++
+ .

Esempi
4.5.2 Rispetto alloperazione definita in 4.1.5 (che non associativa), lelemento , ha due
distinti simmetrici: se stesso e lelemento - .
4.5.3 In , per ogni elemento esiste lopposto (cio, il simmetrico rispetto alla somma) ma
solo per +" e " esiste linverso (cio, il simmetrico rispetto al prodotto).
4.5.4 Rispetto alle operazioni di unione e intersezione considerate in 4.1.6, non esiste in
generale il simmetrico di un elemento di c (A).
4.5.5 Rispetto alloperazione di composizione considerata in 4.1.2 non esiste in generale il
simmetrico di una funzione. Tuttavia, se f una corrispondenza biunivoca di A in s la
funzione f " definita in 3.6 il simmetrico di f rispetto alla composizione.

4.6 - La propriet distributiva.


Siano A un insieme e , due operazioni definite in A .
Si dice che distributiva rispetto a se
+ (,- ) (+ ,)(+ - )

(+, ) - (+ - )(, - )

a +, , , - A .

Esempi
4.6.1 Negli esempi 4.1.1, il prodotto distributivo rispetto alla somma ma la somma non
distributiva rispetto al prodotto.
4.6.2 Ciascuna delle due operazioni considerate in 4.1.6 distributiva rispetto allaltra (cfr.
anche 1.8.5).

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 33

4.7 - Gruppi.
Siano G un insieme e unoperazione in G .
Si dice che G un gruppo rispetto a , oppure (pi correttamente!) che la coppia
G, un gruppo, se valgono le seguenti propriet:
G.1 loperazione associativa;
G.2 esiste in G lelemento neutro per ;
G.3 per ogni 1 G esiste il 13 simmetrico di 1 rispetto a .

Se inoltre
G.4 loperazione commutativa
il gruppo si dice commutativo (o abeliano).

Esempi
4.7.1 e sono gruppi commutativi rispetto alla somma.
4.7.2 non un gruppo rispetto alla somma (non esiste in generale lopposto di un
elemento).
4.7.3 e non sono gruppi rispetto al prodotto (non esiste linverso di !).
4.7.4 ! e sono gruppi commutativi rispetto al prodotto.
4.7.5 Per ogni insieme A, linsieme delle corrispondenze biunivoche tra A e A (cfr. sez. 3.4)
un gruppo (in generale non commutativo) rispetto alla composizione di funzioni definita in
4.7.

Siano G, e H, gruppi.
Una funzione f : G H si dice un omomorfismo tra G, e H, (o anche, pi
semplicemente, tra G e H) se
f(BC) f(B) f(C )

aB, C G .

Un omomorfismo che sia anche una corrispondenza biunivoca si dice isomorfismo.

13 cfr. G.1 e il teorema 3.5.1.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 34

4.8 - Anelli.
Sia A un insieme con almeno due elementi, e siano , due operazioni in A (che
chiameremo rispettivamente somma e prodotto).
Si dice che A un anello rispetto a e , oppure (pi correttamente!) che la terna
A, , un anello, se
A.1 A, un gruppo commutativo;
A.2 il prodotto associativo;
A.3 il prodotto distributivo rispetto alla somma.

Se inoltre
A.4 esiste in A un elemento neutro per il prodotto
oppure
A.5 il prodotto commutativo
si dice rispettivamente che A un anello con unit (e lelemento neutro si dice lunit di A, e
si indica con ") oppure che A un anello commutativo. Naturalmente, se valgono sia la A.4
che la A.5 si dice che A un anello commutativo con unit.

Ricordiamo che, come convenuto in 4.4, gli elementi neutri per la somma e il prodotto
si indicano rispettivamente con ! e "; qualora possa esservi confusione con i numeri
naturali ! e ", si usano le notazioni !A e "A . Inoltre, secondo quanto stabilito in 4.5,
lopposto di un elemento B si indica con B, linverso di un elemento B si indica con B" .

Esempi
4.8.1 e sono anelli commutativi con unit rispetto alle ordinarie operazioni di somma e
prodotto.
4.8.2 Linsieme dei polinomi a coefficienti in (oppure in ) nellindeterminata B un
anello commutativo con unit rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.
4.8.3 Linsieme dei numeri interi pari (cio della forma #5 con 5 ) un anello
commutativo senza unit rispetto alle ordinarie operazioni di somma e prodotto.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 35

Osservazione 4.8.4
Sia A, , un anello. Per ogni + A, si ha + ! ! + !.
Dimostrazione Ricordiamo che abbiamo convenuto in 4.4 di indicare con !
lelemento neutro di A rispetto alla somma. Si ha
+ ! + (! !) + ! + !
da cui (sommando ad ambo i membri lopposto di + !) si ricava che ! + !. Allo stesso
modo si trova che ! + !.

Sia A, , un anello, e siano +, , A. Se + ! oppure , !, allora +, ! per


loss. 4.8.4; ma pu essere +, ! anche se + ! e , ! (vedremo degli esempi in 4.9.6,
9.5.3, 9.5.4 e soprattutto nella sez. 10.2).

Sia A, , un anello. Un elemento + A si dice un divisore dello zero se


( 3) + !
e
(33) esiste , A tale che , ! e +, ! oppure ,+ ! .

Il fatto che in , o non ci siano divisori dello zero (ossia, come siamo abituati a
dire: se un prodotto zero, almeno uno dei fattori deve essere zero) esprime una propriet del
tutto particolare (e certamente non intrinseca alla struttura di anello di e ) generalmente
nota col nome di legge di annullamento del prodotto.

Osservazione 4.8.5
Sia A, , un anello con unit. Si ha

"!

ossia, lelemento neutro per il prodotto necessariamente distinto dallelemento neutro per la
somma.
Dimostrazione Se fosse " !, per ogni + A sarebbe
++"+!!
e dunque in A esisterebbe solo lelemento !, contro lipotesi che A sia un anello (e che dunque
appartengano ad A almeno due elementi).

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 36

Osservazione 4.8.6
Sia A, , un anello con unit. Non esiste in A linverso di !.
Dimostrazione Se + A, + ! ! per losservazione 4.8.4, e dunque (per
losservazione 4.8.5) non pu essere + ! ".

Osservazione 4.8.7
Sia A, , un anello con unit. Si ha
") " ) " ;
inoltre, per ogni + A, si ha
") + + .
Dimostrazione Per losservazione 4.8.4 si ha (applicando la propriet distributiva)
! ! ") " " " " " " " " ") ")
e dunque, sommando " ad ambo i membri, la prima parte dellasserto. Inoltre, sempre
applicando losservazione 4.8.4 e la propriet distributiva,
") + + " ) + " + " " ) + ! + !
e, analogamente, + ") + ! , cosicch ") + lopposto di + .

Siano A, , e B, , anelli.
Una funzione f : A B si dice un omomorfismo tra A, , e B, , (o anche,
pi semplicemente, tra A e B) se
f(B C) f(B) f(C )

f(B C ) f(B) f(C )

aB, C A .

Un omomorfismo che sia anche una corrispondenza biunivoca si dice isomorfismo.


Vedremo nella sez. 9.5 un importante esempio di omomorfismo fra anelli.

4.9 - Anelli di matrici.


Sia A un insieme nel quale definita unoperazione detta somma, e sia 8 un
numero intero positivo. Se X B3,4 e Y C3,4 sono due matrici 8 8 a elementi in A, si
dice somma di X e Y e si indica con X Y la matrice 8 8 a elementi in A D3,4 per la quale
si ha
D3,4 B3,4 C3,4 .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 37

Esempio 4.9.1
Sia A , 8 $,

"
X %
(

$
' ,
*

#
&
)

"&
Y ")
#"

"(
#! .
#$

"'
"*
##

Allora
" "&
X Y % ")
( #"

$ "( "'
' #! ##
* #$ #)

# "'
& "*
) ##

")
#%
$!

#!
#' .
$#

Esempio 4.9.2
Sia A , 8 $,
X

Allora

"
%
(

#
&
)

$
' ,
*

!
!
!

!
! .
!

!
!
!

" !
XY %!
( !

#!
&!
)!

$ ! "
'! %
* ! (

#
&
)

$
' X
*

! "
YX !%
! (

!#
!&
!)

! $ "
!' %
! * (

#
&
)

$
' X.
*

Sia ora A, , un anello. Sia ancora 8 un numero intero positivo, e siano


X B3,4 e Y C4,5 due matrici 8 8 a elementi in A . Si dice prodotto righe per colonne
di X per Y e si indica con XY la matrice 8 8 a elementi in A D3,5 per la quale si ha
D3,5 ! B3,4 C4,5 .
8

4"

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 38

Esempio 4.9.3
Sia A , 8 $,

"
X %
(

$
' ,
*

#
&
)

"&
Y ")
#"

"'
"*
##

"(
#! .
#$

Allora

XY

" "& # ") $ #" " "' # "* $ ## " "( # #! $ #$


% "& & ") ' #" % "' & "* ' ## % "( & #! ' #$
( "& ) ") * #" ( "' ) "* * ## ( "( ) #! * #$

""%
#('
%$)

#
&
)

$
' ,
*

"#!
#*"
%'#

"#'
$!'
%)'

Esempio 4.9.4
Sia A , 8 $,
X

"
%
(

"
!
!

!
"
!

!
! .
"

Allora
" " # ! $ !
XY % " & ! ' !
( " ) ! * !

"!#"$!
%!&"'!
(!)"*!

"
%
(

#
&
)

"!#!$"
%!&!'"
(!)!*"

$
' X
*

YX

" " ! % ! (
!""%!(
! " ! % " (

"#!&!)
!#"&!)
!#!&")
"
%
(

#
&
)

"$!'!*
!$"'!*
!$!'"*

$
' X.
*

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 39

Esempio 4.9.5
Sia A , 8 $,

Allora
XX

!
X "
!

! ! " " ! !
"!!"!!
! ! ! " " !

"
!
!

!""!!!
""!!!!
!"!!"!

"
!
!

!
"
!

!
! .
"
!!"!!"
"!!!!"
!!!!""
!
! .
"

Esempio 4.9.6
Sia A , 8 $,

"
X !
"

!
"
"

"
!
,

"

" " "


Y ! ! ! .
" " "

Allora

" " ! ! " "


!""!!"
XY
" " " ! " "

" " ! ! " "


!""!!"
" " " ! " "

!
!
!

!
!
!

" " ! ! " "


!""!!"

" " " ! " "

!
!
!

YX

" " " ! " "


!"!!!"
" " " ! " "

"""!""
!""!!"
"""!""
#
!
#

#
!
#

"""!""
!"!!!"
"""!""
#
! .
#

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 40

Osservazione 4.9.7
Si pu dimostrare che per ogni anello A e per ogni numero intero positivo 8 linsieme A8,8
delle matrici 8 8 a elementi in A un anello (se 8 " non commutativo) rispetto alle
operazioni di somma e prodotto (righe per colonne) definite in questa sezione; lelemento
neutro rispetto alla somma la matrice che ha tutti gli elementi uguali a zero. Lesempio 4.9.6
mostra che nellanello A$,$ ci sono sempre divisori dello zero.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 41

5.- PERMUTAZIONI

5.1 - Il gruppo simmetrico.


Sia A un insieme. Una corrispondenza biunivoca A A (cfr. sez. 3.4) si dice una
permutazione su A . Linsieme delle permutazioni su A si dice gruppo simmetrico su A e si
indica con Sym(A).

Teorema 5.1.1
Sia A un insieme, e sia la composizione di funzioni definita in 3.7 . Sym(A), ) un
gruppo.
Dimostrazione Lo si gi osservato in 4.7.5. La composizione di funzioni
associativa in generale (teorema 3.7.4); la funzione identica definita in 3.4. lelemento
neutro per (lo si gi osservato in 4.4.7); la funzione inversa f " definita in 3.6 il
simmetrico di f Sym(A) rispetto a (teorema 3.7.3, cfr. oss. 4.5.5).

Sia A un insieme, e sia 5 Sym(A). Si dice supporto di 5 linsieme


supp(5 ) {+ A / 5 (+) +} .
Due permutazioni 5 , 7 si dicono disgiunte se sono disgiunti i loro supporti, cio se
supp(5 ) supp(7 ) g .

Teorema 5.1.2
Due permutazioni disgiunte commutano.
Dimostrazione Sia A un insieme, e siano 5 , 7 Sym(A) con
supp(5 ) supp(7 ) g .

Sia + A, e proviamo che 5 a7 (+)b 7 a5 (+)b .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 42

Per ipotesi, si verifica una e una sola delle tre seguenti situazioni:
( 3)

+ supp(5 ) ;

(33)

+ supp(7 ) ;

(333)

+ supp(5 ) e + supp(7 ) .

Nel caso (3), osserviamo che deve essere anche 5 (+) supp(5 ) ; infatti, se fosse
5 (5 (+)) 5 (+), gli elementi + e 5(+) (per ipotesi distinti, perch siamo nel caso (3))
avrebbero la stessa immagine 5 (+), contro liniettivit di 5. Allora, poich 5 e 7 sono
disgiunte, + supp(7 ) e 5 (+) supp(7 ), cio 7 (+) + e 7 a5 (+)b 5 (+), da cui infine
5 a7 (+)b 5 (+) 7 a5 (+)b

come si voleva.

Nel caso (33), ragionando esattamente allo stesso modo si trova che 7 (+) supp(7 ) e quindi
che + supp(5 ) e 7 (+) supp(5 ), cio 5 (+) + e 5 a7 (+)b 7 (+), da cui infine
5 a7 (+)b 7 (+) 7 a5 (+)b

come si voleva.

Infine, nel caso (333) si ha che 5 (+) + 7 (+) cosicch


5 a 7 ( + ) b 5 (+ ) +

7 a5 (+)b 7 (+) +

cio ancora una volta 5 a7 (+)b 7 a5 (+)b e lasserto completamente provato.

Nel seguito chiameremo prodotto la composizione di due permutazioni, e non


seguiremo la particolare notazione introdotta nella sez. 3.7 per la composizione di funzioni ma
useremo la semplice giustapposizione che indica abitualmente il prodotto: dunque, se 5 ,
7 Sym(A) scriveremo 57 anzich 7 5 per indicare la permutazione ottenuta applicando
prima 5 e poi 7 .

5.2 - Il gruppo Sym(8).


Se A {", #, , 8} con 8 (8 !), il gruppo simmetrico su A si indica con
Sym(8) (o anche con S8 ).
Sia 8 , 8 !. Se 5 Sym(8), 5 si pu rappresentare con una matrice (73,4 ) 2 8
(cfr. sez. 1.11) (che si denota ancora con 5 ) in cui:
nella prima riga compaiono tutti i numeri naturali da " a 8 ;
nella seconda riga compaiono in corrispondenza le loro immagini mediante 5, cio
7#,4 5(7",4 ) .
Generalmente, si preferisce che nella prima riga i numeri naturali da 1 a 8 compaiano
in ordine crescente, cio che sia 7",4 4 per 4 ", , 8 ; se non cos, comunque sempre
possibile riordinare le colonne della matrice in modo che questa condizione resti verificata.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 43

Esempio 5.2.1
Sia 8 * . La permutazione 5 Sym(*) tale che
5 (") $ ;

5 (#) % ;
5 (') * ;

5 ($) ( ;

5 (() " ;

5(%) # ;

5 ()) ) ;

5(&) ' ;

5(*) &

si rappresenta scrivendo
5

"
$

#
%

$
(

%
#

&
'

'
*

(
"

)
)

*
&

*
&

%
.
#

ma si potrebbe rappresentare anche (ad esempio) scrivendo


5

#
%

(
"

'
*

"
$

$
(

&
'

)
)

La permutazione 7 Sym(*) tale che


7 (") & ;

7 (#) " ;
7 (') ) ;

7 ($) % ;

7 (() ( ;

7 (%) $ ;

7 ()) ' ;

7 (&) * ;

7 (*) #

si rappresenta scrivendo
"
7
&

#
"

$
%

%
$

&
*

'
)

(
(

)
'

*
#

)
'

(
.
(

ma si potrebbe rappresentare anche (ad esempio) scrivendo


'
7
)

$
%

"
&

#
"

&
*

*
#

%
$

Si ha
"
57
%

#
$

$
(

%
"

&
)

'
#

(
&

)
'

*
*

75

#
$

$
#

%
(

&
&

'
)

(
"

)
*

*
%

e
"
'

cosicch, in particolare, il gruppo Sym(9) non commutativo.

Osservazione 5.2.2
Se la matrice (73,4 ) rappresenta la permutazione 5 , la permutazione 5 " (cio linversa di 5 ) si
rappresenta con la matrice che si ottiene da (73,4 ) scambiando le due righe.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 44

Esempio 5.2.3
Per indicare la permutazione inversa della 5 considerata nellesempio 5.2.1 si pu scrivere
$
5 "
"

%
#

(
$

#
%

'
&

*
'

"
(

)
)

&
*

#
%

$
"

%
#

&
*

'
&

(
$

)
)

*
.
'

ma anche (riordinando le colonne)


"
5 "
(

Per indicare la permutazione inversa della 7 considerata nellesempio 5.2.1 si pu scrivere


&
7 "
"

"
#

%
$

$
%

*
&

)
'

(
(

'
)

#
*

#
*

$
%

%
$

&
"

'
)

(
(

)
'

*
.
&

ma anche (riordinando le colonne)


"
7 "
#

Esempio 5.2.4
Gli elementi del gruppo simmetrico Sym($) sono:
id

"
"
#

"
"

#
#
#
"

$
;
$

$
;
$

"
#

#
$

"
!"
"

#
$

$
;
"

"
!#
$

$
;
#

"
!# "
$

$
;
#

#
"
#
#

$
.
"

La struttura del gruppo Sym($) si pu esprimere con la sua tavola moltiplicativa, che
allincrocio tra la riga contrassegnata con lelemento B e la colonna contrassegnata con
lelemento C riporta il risultato del prodotto BC :

id
!
!#
"
!,
!# "

id
id
!
!#
"
!"
!# "

!
!
!#
id
!# "
"
!"

!#
!#
id
!
!"
!# "
"

"
"
!"
!# "
id
!
!#

!"
!"
!# "
"
!#
id
!

!# "
!# "
"
!"
!
!#
id

Il fatto che la tabella non sia simmetrica rispetto alla diagonale che va dalla casella in
alto a sinistra alla casella in basso a destra esprime il fatto che il gruppo Sym($) non
commutativo.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 45

5.3 - Cicli.
Sia 8 , 8 !. Una permutazione 5 su {", #, , 8} (cio un elemento di Sym(8))
si dice un ciclo (di lunghezza 5 ) se esistono 3" , 3# , , 35 {", #, , 8} tali che:
5 (3" ) 3# , 5 (3# ) 3$ , 5 (3$ ) 3% , , 5 (35" ) 35 , 5 (35 ) 3" ;
5 (3 4 ) 3 4

se 4 5 .

Per i cicli si usa una notazione pi compatta ed efficiente di quella introdotta nella sez.
5.2 per le permutazioni. Il ciclo 5 tale che 5(3" ) 3# , 5(3# ) 3$ , 5 (3$ ) 3% , , 5 (35" ) 35 ,
5 (35 ) 3" e 5 (34 ) 34 se 4 5 si indica con la scrittura
a 3"

3#

3$

#
(

$
&

%
%

&
#

35 b .

Esempio 5.3.1
Sia 8 * . Il ciclo
5

"
$

a"

si rappresenta con la scrittura

&

'
"
(

(
'

*
*

)
)

'b.

Teorema 5.3.2
Ogni permutazione si pu scrivere come prodotto di cicli disgiunti.
Dimostrazione Sia 5 Sym(8) , e sia 3" un elemento del supporto di 5 (cfr. sez.
5.1). Sia 3# 5 (3" ), sia 3$ 5(3# ) e cos via finch limmagine di 35 mediante 5 uno degli
elementi gi considerati (questo avviene dopo al pi 8 passaggi): tale elemento non pu che
essere 3" , perch se fosse 34 con 4 " lelemento 34 sarebbe immagine sia di 34" sia di 35 ,
contro liniettivit di 5. Si ottenuto cos un ciclo a 3" 3# 3$ 35 b . Se 3" , 3# , , 35
esauriscono il supporto di 5, 5 essa stessa un ciclo; altrimenti si considera un elemento del
supporto di 5 distinto da 3" , 3# , , 35 e si procede allo stesso modo finch non si esaurisce il
supporto di 5 : a questo punto 5 espressa come prodotto di cicli disgiunti.

Esempio 5.3.3
Sia 8 *, e siano 5 , 7 le permutazioni considerate nellesempio 5.2.1. Si ha
5 a"

57 a "

5 " a "

( ba #

% ba #
(

% ba &

$ ba #

&

% ba &

*b;

'
)
*

'b;

'b;

7 a"

&

75 a "

7 " a "

*
'

# ba $

)
#

*
*

% ba '

& ba $

( ba #

)b;

% ba '

$b;

)b.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 46

Un ciclo di lunghezza # si dice una trasposizione (o, anche: uno scambio).

Teorema 5.3.3
Ogni permutazione si pu scrivere come prodotto trasposizioni.
Dimostrazione Per il teorema 5.3.2, basta verificare che ogni ciclo si pu scrivere
come prodotto di trasposizioni; e in effetti
a 3"

3#

3$

3%

35 b a 3"

3# ba 3"

3$ ba 3"

3% b a 3"

35 b .

Esempio 5.3.4
Sia 8 *, e siano 5 , 7 le permutazioni considerate nellesempio 5.2.1. Si ha
5 a"

5 " a "

$ ba "

( ba "

( ba #

% ba &

57 a "

75 a "

$ ba #

' ba &

% ba #

' ba "

% ba &

*b;

$ ba #

) ba "

* ba &

7 a"

( ba #

* ba "

& ba "

& ba #

% ba "

' b ; 7 " a "

* ba "

) ba #

( ba #

# ba "

' b;

$b;

* ba "

# ba $
& ba $

% ba '
% ba '

)b;
)b.

Teorema 5.3.5
Se una permutazione si pu scrivere come prodotto di un numero pari di trasposizioni, ogni
sua espressione come prodotto di trasposizioni consta di un numero pari di trasposizioni. Se
una permutazione si pu scrivere come prodotto di un numero dispari di trasposizioni, ogni
sua espressione come prodotto di trasposizioni consta di un numero dispari di trasposizioni.
Dimostrazione Omettiamo la dimostrazione di questo teorema.

Una permutazione si dice pari se si pu esprimere (in almeno un modo) come prodotto
di un numero pari di trasposizioni. Per il teorema 5.3.5, se una permutazione pari ogni sua
espressione come prodotto di trasposizioni consta di un numero pari di trasposizioni.
Una permutazione si dice dispari se non pari. Per il teorema 5.3.3 (e ancora per il
teorema 5.3.5), se una permutazione dispari ogni sua espressione come prodotto di
trasposizioni consta di un numero dispari di trasposizioni.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 47

6.- RELAZIONI DI ORDINE

6.1 - Definizioni.
Sia A un insieme.
Si dice relazione in A una relazione tra A e A (cio un sottoinsieme del prodotto
cartesiano A A).
Sia 4 una relazione in A. Essa si dice
riflessiva
simmetrica

+4 +

sse

a+ A ;

+4 , , 4 +

sse

a+, , A ;

antisimmetrica sse +4 , e ,4 + + ,
transitiva sse

+4 , e ,4 - +4 -

a+, , A ;
a+, , , - A .

Sia 4 una relazione in A. Due elementi +, , A si dicono confrontabili (secondo 4 ) se


si verifica almeno una delle seguenti situazioni: +4 ,, ,4 +. La relazione 4 si dice totale sse
comunque presi +, b A essi sono confrontabili.

Esempi
6.1.1 Per ogni insieme A, la relazione vuota (secondo la quale nessun elemento in
relazione con alcun elemento: si tratta di g pensato come sottoinsieme di A A) simmetrica,
antisimmetrica e transitiva (ma non riflessiva).
6.1.2 La relazione 4 in definita ponendo
simmetrica ma non transitiva.

+4 ,

sse

+, "

riflessiva e

6.1.3 La relazione 4 nellinsieme dei cerchi del piano definita ponendo


V" 4V# sse larea di V" minore o uguale allarea di V#
riflessiva, transitiva e totale ma non simmetrica n antisimmetrica. Per questultima
affermazione, si osservi che se V" e V# hanno la stessa area essi sono congruenti ma non in
generale V" V# , cio non sono in generale uguali!.
6.1.4 La relazione 4 in definita ponendo
+4 ,

sse

+, , sono entrambi pari

simmetrica e transitiva ma non riflessiva (non infatti, ad es., "4 ").

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 48

6.2 - Relazioni di ordine.


Sia A un insieme.
Una relazione in A si dice una relazione di ordine in A se riflessiva, antisimmetrica e
transitiva. Una relazione di ordine in A si indica spesso con oppure con (questultimo
simbolo, in caso di ambiguit, riservato allusuale relazione di minore o uguale in , e
).
Sia una relazione di ordine in A, e siano +, , A. Se + ,, si dice che + precede ,
(secondo ); si usa anche la scrittura , +, che si considera equivalente.
Se una relazione di ordine in A non totale e si vuol mettere in rilievo questo fatto, si
dice che parziale. In tal caso, esistono in A almeno due elementi che non sono confrontabili.

Esempi
6.2.1 Lusuale relazione (detta minore o uguale) una relazione di ordine totale in e
in .
6.2.2 Sia A un insieme con una operazione (detta prodotto). Se +, , A, si dice che
+ divide ,

(e si scrive +l,)

se esiste ; A tale che , + ; . La l una relazione in A, detta divisibilit.


La divisibilit una relazione di ordine (parziale) in ma non in .
6.2.3 La relazione di inclusione tra sottoinsiemi di un dato insieme A (cfr. esempio 3.1.3)
una relazione di ordine (parziale) nellinsieme c (A) definito nella sez. 1.7.

Una relazione 4 in A si dice una relazione di ordine stretto in A se transitiva e inoltre


comunque presi +, , A si verifica al pi una delle seguenti due situazioni: +4 ,, oppure ,4 + .
Se una relazione di ordine in A, la relazione in A definita ponendo
+,

sse + , e + ,

una relazione di ordine stretto, che si dice associata a . Analogamente, se una


relazione di ordine stretto in A, la relazione in A definita ponendo
+,

sse + , oppure + ,

una relazione di ordine, che si dice associata a .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 49

Sia una relazione di ordine in A, e sia la relazione di ordine stretto associata a


: la relazione di ordine associata a coincide con . Viceversa, sia una relazione di
ordine stretto in A, e sia la relazione di ordine associata a : la relazione di ordine stretto
associata a coincide con . Ci si esprime dicendo che il concetto di relazione di
ordine e il concetto di relazione di ordine stretto sono equivalenti.

6.3 - Intervalli.
Siano A un insieme e una relazione di ordine in A. Introduciamo qui una notazione
che sar molto utile in diverse occasioni.
Siano +, , elementi di A tali che + ,. Si dicono intervalli (limitati) di estremi +, , i
seguenti sottoinsiemi di A :
+, , B A / + B ,

(intervallo aperto)

+, ,] B A / + B ,

(intervallo chiuso a destra)

[+, , B A / + B ,

(intervallo chiuso a sinistra)

[+, ,] B A / + B ,

(intervallo chiuso)

Si dicono intervalli illimitati i seguenti sottoinsiemi di A :


_, , B A / B ,

(intervallo aperto, illimitato a sinistra)

_, ,] B A / B ,

(intervallo chiuso, illimitato a sinistra)

+, _ B A / + B

(intervallo aperto, illimitato a destra)

[+, _ B A / + B

(intervallo chiuso, illimitato a destra)

_, _ A

(intervallo aperto, illimitato a sinistra e a destra)

6.4 - Minimo e massimo.


Siano A un insieme, una relazione di ordine in A, e X un sottoinsieme di A.
Un elemento m di X si dice il minimo di X, e si indica con min X, se
mB

aB X .

Analogamente, un elemento M di X si dice il massimo di X, e si indica con max X, se


BM

aB X .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 50

Teorema 6.4.1
Siano A un insieme, una relazione di ordine in A, e X un sottoinsieme di A. Se X ha un
minimo [un massimo], questo unico.
Dimostrazione Siano m, m minimi di X. Poich m minimo e m X, m m;
poich m minimo e m X, m m . Per la propriet antisimmetrica, m m come si
voleva.
Analogamente si prova che se X ha un massimo questo unico.

Esempi

6.4.2 Nellinsieme dotato dellordinaria relazione di minore o uguale, linsieme


X #!, $!, '!, )!, "!!
ha per minimo #! e per massimo "!!.

6.4.3 Nellinsieme dotato della relazione di divisibilit (cfr. esempio 6.2.2), linsieme
X #!, $!, '!, )!, "!!
non ha minimo n massimo.

6.4.4 Nellinsieme dotato dellordinaria relazione di minore o uguale, linsieme


X B / B 8" , con 8 \!
non ha minimo; il suo massimo ".

6.5 - Elementi minimali ed elementi massimali.


Siano A un insieme, una relazione di ordine in A, e X un sottoinsieme di A .
Un elemento m di X si dice minimale in X se
(B m) B m aB X
cio se in X non esiste alcun elemento che precede strettamente m .
Analogamente, un elemento M di X si dice massimale in X se
(M B) B M aB X
cio se in X non esiste alcun elemento preceduto strettamente da m .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 51

Teorema 6.5.1
Siano A un insieme, una relazione di ordine in A, e X un sottoinsieme di A . Se X ha un
minimo [un massimo], questo lunico elemento minimale [massimale] di X .
Dimostrazione Sia 7 il minimo di X, e sia 7! un elemento minimale di X ;
proveremo che 7! 7, da cui lasserto.
Poich 7 il minimo di X, deve essere 7 7! ; poich 7! minimale in X, ne
segue che 7 7! , come si voleva.
Analogamente si prova che se X ha un massimo questo lunico elemento massimale
di X .

Esempio 6.5.2
Nellinsieme dotato della relazione di divisibilit (cfr. esempio 6.2.2), linsieme
X #!, $!, '!, )!, "!!, "#!
ha come elementi minimali #! e $! e come elementi massimali )!, "!! e "#! .

6.6 - Limitazioni inferiori e limitazioni superiori.


Siano A un insieme,
non vuoto di A .

una relazione di ordine in A , e X un sottoinsieme

Un elemento + di A si dice limitazione inferiore (o minorante) di X se


+B

aB X ;

si dice invece limitazione superiore (o maggiorante) di X se


B a aB X.
Il sottoinsieme non vuoto X di A si dice inferiormente [superiormente] limitato se
esiste in A una limitazione inferiore [superiore] per X.

Esempi
6.6.1 Nellinsieme dotato dellordinaria relazione di minore o uguale, il sottoinsieme
formato dai multipli di &( non superiormente limitato.
6.6.2 Nellinsieme dotato dellordinaria relazione di minore o uguale, ogni sottoinsieme
inferiormente limitato (da !).

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 52

6.7 - Estremo superiore.


Siano A un insieme, una relazione di ordine in A, e X un sottoinsieme non vuoto di
A superiormente limitato.
Se linsieme delle limitazioni superiori di X ha minimo, tale minimo si dice estremo
superiore di X, e si indica con sup X. Dal teorema 6.4.1 segue subito che lestremo superiore,
qualora esista, unico.

Teorema 6.7.1
Siano A un insieme, una relazione di ordine in A, e X un sottoinsieme non vuoto di A. Se
X ha un massimo, questo anche estremo superiore per X.
Dimostrazione Sia 7 il massimo di X. Per definizione di massimo, 7 una
limitazione superiore per X; dobbiamo provare che per ogni limitazione superiore + di X si ha
7 + : ma ci ovvio (poich 7 X) per definizione di limitazione superiore.

Teorema 6.7.2
Siano A un insieme, una relazione di ordine in A, e X un sottoinsieme non vuoto di A
dotato di estremo superiore. Se sup X appartiene a X, esso il massimo di X.
Dimostrazione Sia x! lestremo superiore di X. Poich x! una limitazione
superiore per X, si ha che x x! per ogni x X; poich per ipotesi x! X, si ha lasserto.

I teoremi 6.7.1 e 6.7.2 suggeriscono che lestremo superiore di X pu essere assunto


come surrogato del massimo di X quando tale massimo manca.

6.8 - Estremo inferiore.


Siano A un insieme, una relazione di ordine in A, e X un sottoinsieme non vuoto di
A inferiormente limitato.
Se linsieme delle limitazioni inferiori di X ha massimo, tale massimo si dice estremo
inferiore di X, e si indica con inf X. Ancora dal teorema 6.4.1 segue che lestremo inferiore,
qualora esista, unico.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 53

Teorema 6.8.1
Siano A un insieme, una relazione di ordine in A, e X un sottoinsieme non vuoto di A. Se
X ha un minimo, questo anche estremo inferiore per X.
Dimostrazione La dimostrazione analoga a quella del teorema 6.7.1, e si lascia al
lettore come esercizio.

Teorema 6.8.2
Siano A un insieme, una relazione di ordine in A, e X un sottoinsieme non vuoto di A
dotato di estremo inferiore. Se inf X appartiene a X, esso il minimo di X.
Dimostrazione La dimostrazione analoga a quella del teorema 6.7.2, e si lascia al
lettore come esercizio.

Esempio 6.8.3
Nellinsieme dotato dellordinaria relazione di minore o uguale, linsieme
X B / B 8" , con 8 \!
ha per estremo inferiore il numero !. (Cfr. esempio 6.4.4).
Dimostrazione chiaro che ! una limitazione inferiore per X ; resta da provare
che ogni limitazione inferiore per X minore o uguale a !, ossia che nessun numero razionale
positivo C limitazione inferiore per X .
7
Sia dunque C . Possiamo scrivere C 8 , con 7, 8 !; allora
7

#7

"

"

C 8 #8 #7 #8 #8
"
con #8 X, come si voleva.

Esercizio 6.8.4
Nellinsieme dotato della relazione di divisibilit (cfr. esempio 6.2.2), si consideri
l insieme
X #!, $!, '!, )!, "!!, "#!
(cfr. esempio 6.4.2).
Determinare (qualora esistano) estremo inferiore ed estremo superiore per X.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 54

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 55

7.- LALGORITMO DI EUCLIDE IN

7.1 - Ancora su (, ).
Teorema 7.1.1
Ogni insieme non vuoto superiormente limitato di numeri naturali ha massimo.
Dimostrazione Proviamo (per induzione su 8) che:
se g A e + 8 per ogni + A, allora A ha massimo.
Se 8 !, deve essere A {!} e quindi A ha per massimo lo zero. Supponiamo
dunque che lasserto sia vero per 8 .
Sia g A tale che
massimo. Distinguiamo due casi:
( 3)

+ 8"

per ogni + A,

e proviamo che A ha

8 " A ; in questo caso, immediato che 8 " il massimo di A ;

(33)
8 " A ; in questo caso + 8 " (e dunque
quindi otteniamo che A ha massimo per lipotesi di induzione.

+ 8 per ogni + A,

Teorema 7.1.2
Ogni insieme non vuoto di numeri naturali ha minimo.
Dimostrazione Sia g A . Se ! A, ! il minimo di A (infatti ! B per
ogni B , dunque in particolare ! B per ogni B A). Se ! A, poniamo
S {8 8 A e (8 + per ogni + A)} .
Linsieme S non vuoto (infatti ! S) e (per come definito) superiormente
limitato (da ogni + A): per il teorema 7.1.1, S ha un massimo 7 . Poich 7 S,
7 A e 7 + per ogni + A .
In effetti, poich 7 A, addirittura 7 + per ogni + A , cosicch
7 " + per ogni + A .
Dunque 7 " A , (altrimenti sarebbe 7 " S, assurdo perch 7 il massimo di S) e
quindi 7+1 il minimo di A .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 56

7.2 - La divisione euclidea in .

Teorema 7.2.1
Comunque presi +, , con , ! esiste ununica coppia ordinata ; , < di numeri naturali
tale che
(3) + ,; < ;
e
(33) ! < , .
Dimostrazione Sia
S {B B ,8 con 8 e B +} .
Linsieme S non vuoto (perch ! S, essendo ! , ! e ! +) ed superiormente
limitato da +, dunque per il teorema 7.1.1 ha massimo B! (che, per definizione di S, della
forma ,; con ; ). Poich ,; +, possiamo calcolare < + ,; e ottenere la (3) . Se
fosse < ,, potremmo calcolare <" < ,, da cui < , <" e quindi
+ ,; < ,; , <" ,; " <"
assurdo perch ,; " sarebbe un elemento di S strettamente maggiore di B! (essendo per
ipotesi , !) .
Dunque per ogni scelta di + e , in (con , !) esiste una coppia ordinata ; , < di
numeri interi che verifica sia la (3) che la (33). Resta da provare che tale coppia unica.
Supponiamo che sia
+ ,;" <" ,;# <#
(con ! <" ,, ! <# ,) e proviamo che ;" ;2 e <" <2 . Poniamo, per fissare le
idee, ;" ;2 (altrimenti nel ragionamento che segue si scambia il ruolo di ;" con quello di
;2 e il ruolo di <" con quello di <2 ). Non pu essere <" <# (altrimenti non varrebbe la seconda
uguaglianza) dunque possiamo scrivere
,(;" ;# ) <# <" .
Se fosse ;" ;# , sarebbe ;" ;# " e dunque il primo membro sarebbe , ; ma allora
sarebbe anche
<# ,(;" ;# ) <" , <" ,
contro la (33). Dunque ;" ;# e di conseguenza anche <" <# , e lasserto completamente
provato.

Siano +, , , con , ! . I due numeri interi ; e < di cui al teorema 7.2.1 si dicono
rispettivamente quoziente e resto della divisione euclidea di + per , .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 57

Osservazione 7.2.2
Siano +, , . Condizione necessaria e sufficiente affinch , divida + che il resto della
divisione euclidea di + per , sia ! .

Osservazione 7.2.3
Siano +, , . Un numero . divide sia + che , se e soltanto se divide sia , che il resto
della divisione euclidea di + per , .
Dimostrazione Se < il resto della divisione euclidea di + per ,, si ha che
+ ,; < .
Se + .2 e , .5 , ne segue che < + ,; .2 .5; . (2 5; ) cosicch .
divide (sia , che) < .
Se , .5 e < .> ne segue viceversa che + ,; < .5; .> . (5; >)
cosicch . divide (sia , che) + .

Siano +, , . Si dice massimo comun divisore di + e , e si indica con MCD(+, ,) (o


anche, quando ci non dia luogo ad equivoci, semplicemente con (+, ,)) lestremo inferiore di
{+, ,} rispetto alla relazione l (essere divisore di), cio un $ tale che $ l+, $ l, e per ogni
. tale che .l+ e .l, si ha anche .l$ . Se MCD(+, , ) ", si dice talvolta che + primo con
, oppure che + e , sono primi fra loro.
Se + e , sono confrontabili (cio +l, oppure ,l+), MCD(+, , ) il minimo di {+, , }
rispetto alla relazione l , cio quello dei due che divide laltro.

Osservazione 7.2.4
Siano +, , , e sia $ MCD(+, ,) .

MCD( +$ ,

,
$

) ".

Dimostrazione Dobbiamo provare che se 5 divide sia

+
$

che

,
$

5 " . Sia allora

+
$

,
5;" (ossia + 5 $ ;" )
e
(ossia , 5 $ ;# ) .
$ 5;#
Allora . 5 $ divide sia + che ,, quindi deve dividere $ ; e ci possibile soltanto se 5 " .

Losservazione 7.2.3 ci permette di provare che il massimo comun divisore di due


numeri naturali esiste sempre: per essa infatti MCD(+, ,) MCD(,, <) dove < il resto della
divisione euclidea di + per , : se + e , non sono confrontabili ci si pu dunque sempre
ricondurre alla ricerca del massimo comun divisore fra altri due numeri (+, ,) con , , , e
cos via finch il resto ! (e dunque il precedente resto il massimo comun divisore cercato).
Questa strategia di fatto costituisce anche un veloce algoritmo (il cosiddetto algoritmo di
Euclide) per calcolare il massimo comun divisore fra due numeri naturali.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 58

Teorema 7.2.5 (algoritmo di Euclide per calcolare il MCD in )


Siano +, , , con , ! . Posto <! ,, e indicato con <" il resto della divisione euclidea
di + per ,, definiamo induttivamente <3" come il resto della divisione euclidea di <3" per <3
finch <3 !, <3" ! se <3 ! . Allora:
(1) esiste 3! tale che <3! ! ma <3 ! per 3 3! ;
(2) <3! MCD(+, ,) ;
(3) per ogni 3 , esistono !3 , "3 tali che <3 !3 + "3 , .
Dimostrazione Poich per ipotesi <! ( ,) !, e poich <3" <3 quando <3 !,
(per il teor. 7.2.1), c un numero finito ( ") di valori di 3 per i quali <3 ! , da cui la (1).
Applicando ripetutamente losservazione 7.2.3, si trova che
MCD(+, ,) MCD(<3" , <3 ) per ogni 3 3! .
Daltro lato, MCD(<3! " , <3! ) <3! perch <3! divide <3! " (essendo <3! " !), da cui la (2).
Proviamo infine la (3) procedendo per induzione su 3 . Per 3 !,
<! , ! + " ,
cio la (3) con !! ! e "! " . Dalla

+ ,;! <"

si deduce subito che

<" + ( ;! ),
cio la (3) per 3 " con !" " e "" ( ;! ) .
Supponiamo adesso di sapere che <3" !3" + "3" , con !3" , "3" e
<3 !3 + "3 , con !3 , "3 e proviamo la (3) per 3 " . Poich
<3" <3 ;3 <3"
si ha
<3" <3" <3 ;3 !3" + "3" , a!3 + "3 , b;3 a!3" !3 ;3 b+ a"3" "3 ;3 b,

con !3" !3 ;3 , "3" "3 ;3 e dunque anche la (3) provata


La (3) del teorema 7.2.5 per 3 3! si dice identit di Bzout.

Esempio 7.2.6
Sia + "(*%, , "*$) . Si ha
"*$) " "(*% "%% ;
'' & "# ' ;

"(*% "# "%% '' ;


"# # ' ! .

"%% # '' "# ;

Dunque MCD("(*%, "*$)) ' . Inoltre:


"%% "*$) "(*% ;
'' "(*% "# a"*$) "(*%b "$ "(*% "# "*$) ;
"# "%% # '' "*$) "(*% # a"$ "(*% "# "*$)b #& "*$) #( "(*% ;
' '' & "# "$ "(*% "# "*$) & a#& "*$) #( "(*%b "%) "(*% "$( "*$) .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 59

Esempio 7.2.7
+ #"$ %%$, , "(& %(( . Si ha
#"$ %%$ " "(& %(( $( *'' ;
$( *'' " #$ '"$ "% $&$ ;
"% $&$ " * #'! & !*$ ;
& !*$ " % "'( *#' ;

"(& %(( % $( *'' #$ '"$ ;


#$ '"$ " "% $&$ * #'! ;
* #'! " & !*$ % "'( ;
% "'( % *#' %'$ ;
*#' # %'$ ! ;

Dunque MCD(#"$ %%$, "(& %(() %'$ . Inoltre:


$( *'' #"$ %%$ "(& %(( ;
#$ '"$ "(& %(( % a#"$ %%$ "(& %((b & "(& %(( % #"$ %%$ ;
"% $&$ $( *'' #$ '"$ #"$ %%$ "(& %(( a& "(& %(( % #"$ %%$b
& #"$ %%$ ' "(& %(( ;
* #'! #$ '"$ "% $&$ & "(& %(( % #"$ %%$ a& #"$ %%$ ' "(& %((b
"" "(& %(( * #"$ %%$ .
& !*$ "% $&$ * #'! & #"$ %%$ ' "(& %(( a"" "(& %(( * #"$ %%$b
"% #"$ %%$ "( "(& %(( .
% "'( * #'! & !*$ "" "(& %(( * #"$ %%$ a"% #"$ %%$ "( "(& %((b
#) "(& %(( #$ #"$ %%$ .
*#' & !*$ % "'( "% #"$ %%$ "( "(& %(( a#) "(& %(( #$ #"$ %%$b
$( #"$ %%$ %& "(& %(( .
%'$ % "'( % *#' #) "(& %(( #$ #"$ %%$ % a$( #"$ %%$ %& "(& %((b
#!) "(& %(( "(" #"$ %%$ .

Teorema 7.2.8
Siano +, ,, - . Se MCD(+, , ) ", allora
+l,-

se e soltanto se

+l- .

Dimostrazione chiaro che se +l- allora + divide ogni multiplo di - e quindi anche
,- (qui la condizione MCD(+, ,) " non serve).
Supponiamo ora che + divida il prodotto ,- ; esister # tale che ,- +# . Per
lidentit di Bzout, esistono !, " tali che
" !+ " ,
e quindi

- !+- " ,- !+- " +# +a!- "# b

cio + divide - , come si voleva dimostrare.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 60

7.3 - Una classe di equazioni diofantine.


Si parla di equazioni diofantine (o diofantee) (in onore del matematico greco
?+:!/7 96 , vissuto probabilmente nel terzo secolo) quando si considera una uguaglianza fra
polinomi (generalmente in pi indeterminate) con coefficienti in e ci si chiede quali
elementi di (o di ) vadano sostituiti alle indeterminate dei polinomi affich luguaglianza
risulti vera. Lidentit di Bezout vista nella sezione 7.2 consente si studiare e risolvere una
importante classe di equazioni diofantine.

Teorema 7.3.1
Siano +, ,, - con + ! e , ! . Esiste una soluzione in dellequazione
+B ,C se e soltanto se - multiplo di MCD(+, ,) .
Dimostrazione Se esiste una soluzione (B! , C! ) dellequazione considerata,
+B! ,C! - . Posto $ MCD(+, , ), esistono +! , ,! tali che + +! $ e , ,! $ ,
cosicch
- +B! ,C! +! $ B! ,! $ C! $a+! B! ,! C! b ;
poich - , $ , deve essere anche +! B! ,! C! e quindi si provato che - multiplo di $ .
Viceversa, se - multiplo di $ sar - -! $ con -! ; per lidentit di Bzout
esistono !, " tali che $ !+ " ,, quindi
- - ! $ - ! a! + " , b - ! ! + - ! " ,
cio (-! !, -! " ) soluzione in dellequazione considerata.

Teorema 7.3.2
Siano +, ,, - , e sia $ MCD(+, , ) . Se (B! , C! ) soluzione in dellequazione
+B ,C $ ,
allora (-B! , -C! ) soluzione in dellequazione
+B ,C -$ .
Dimostrazione Infatti dalluguaglianza
+B! ,C! $
segue la

a-B! b ,a-C! b - $ .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 61

Osservazione 7.3.3
Siano +, ,, - , e sia $ MCD(+, , ) . Non tutte le soluzioni in dellequazione
+B ,C -$
sono della forma (-B! , -C! ) con (B! , C! ) soluzione soluzione in dellequazione
+B ,C $ .
Ad esempio, lequazione
#B $C &
ha la soluzione (", ") oltre a tutte le soluzioni della forma (&($2 "), &(" #2 )) con
2 (come vedremo col teorema 7.3.4, le coppie della forma ($2 ", " #2 ) con 2
sono tutte le soluzioni dellequazione #B $C ").

Teorema 7.3.4
Siano +, ,, - , con + !, , ! e - multiplo di $ MCD(+, ,) . Se (B! , C! ) una
soluzione in dellequazione
+B ,C - ,
tutte le soluzioni di tale equazione in sono della forma
al variare di 2 .

B B! 2 $, , C C! 2

+
$

Dimostrazione Se +B! ,C! - , anche


+B! 2 $, ,C! 2 +$ +B! 2

e dunque anche (B! 2 $, , C! 2

+
$

+,
$

,C! 2

+,
$

+B! ,C! - .

) soluzione dellequazione considerata.

Viceversa, sia (B" , C" ) tale che +B" ,C" - . Sottraendo membro a membro
dalla
+B! ,C! la
+B" ,C" -

si trova che
ossia

+aB! B" b ,aC! C" b !


+aB! B" b ,aC" C! b .

Ricordando che si posto $ MCD(+, ,), possiamo scrivere + +$ , , ,$ con


MCD(+, , ) " e dunque, dividendo per $ ambo i membri dellultima uguaglianza,
+aB! B" b ,aC" C! b .

Supponiamo per il momento che sia B! B" , cosicch anche C" C! e stiamo
lavorando in .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 62

ossia

Poich MCD(+, , ) ", per il teorema 7.2.8 + divide aC" C! b e , divide aB! B" b,
C" C! 2+,

B! B" 5,

per opportuni 2 , 5 .

Ne segue che
C" C! 2+ C! 2

+
$

B" B! 5, B! 5

,
$

Poich (B" , C" ) soluzione dellequazione data, deve essere

- +B" ,C" +B! 5 $, ,C! 2 +$ +B! ,C! 5

+,
+,
$ 2 $

a2 5 b +,
$ !

da cui

.
- a2 5 b +,
$

e quindi (poich per ipotesi + ! e , !) 2 5 .


+aB! B" b ,aC" C! b

Se invece nella

B" C! , cosicch anche C! C" , la scriviamo come

+aB" B! b ,aC! C" b

per lavorare ancora in . Ragionando esattamente come sopra, si trova che


B" B! 2

,
$

C" C ! 2

+
$

per un opportuno 2 in

e ci completa la dimostrazione del teorema.

Esempio 7.3.5
Risolviamo in lequazione
)%B '!C "&! .
Vediamo in primo luogo se ci sono soluzioni. Applichiamo lalgoritmo euclideo per
trovare MCD()%, '!); se lequazione data risulter avere soluzioni, i passaggi che facciamo
adesso ci faranno comodo per calcolarle.
)% '! " #% ;
'! #% # "# ;
#% "# # ! .

Quindi MCD()%, '!) "# .


Poich "&! "# "# ' (cio "&! non multiplo di "#) lequazione data non ha
soluzioni.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 63

Esempio 7.3.6
Risolviamo in lequazione
'"'B %*!C #"! .
Vediamo in primo luogo se ci sono soluzioni. Applichiamo lalgoritmo euclideo per
trovare MCD('"', %*!); se lequazione data risulter avere soluzioni, i passaggi che facciamo
adesso ci faranno comodo per calcolarle.
'"' %*! " "#' ;
%*! "#' $ ""# ;
"#' ""# " "% ;
""# "% ) ! .

Quindi MCD('"', %*!) "% . Poich #"! "% "& (cio #"! multiplo di "%)
lequazione data ha soluzioni. Cerchiamo in primo luogo una soluzione dellequazione
'"'B %*!C "% .
Dai calcoli effettuati per trovare MCD('"', %*!) si ricava che:
"#' '"' %*! ;
""# %*! "#' $ %*! a'"' %*!b $ % %*! $ '"' ;
"% "#' ""# '"' %*! a% %*! $ '"'b % '"' & %*! .

Quindi, (%, &) una soluzione di '"'B %*!C "% ; e di conseguenza ('!, (&) una
soluzione di '"'B %*!C #"! . Le soluzioni dellequazione sono, per il teorema 7.3.4, tutte
e sole le coppie ordinate ('! $&2, (& %%2) .

Esempio 7.3.7
Per risolvere in lequazione
#)!B $)&C "(& .
andiamo a considerare lequazione
#)!B $)&C "(& .
Vediamo in primo luogo se ci sono soluzioni. Applichiamo lalgoritmo euclideo per
trovare MCD($)&, #)!); se lequazione data risulter avere soluzioni, i passaggi che facciamo
adesso ci faranno comodo per calcolarle.
$)& #)! " "!& ;

#)! "!& # (! ;

"!& (! " $& ;

(! $& # ! .

Quindi MCD($)&, #)!) $& . Poich "(& $& & (cio "(& multiplo di $&)
lequazione a cui ci siamo ricondotti ha soluzioni. Cerchiamo in primo luogo una soluzione
dellequazione
#)!B $)&C $& .
Dai calcoli effettuati per trovare MCD($)&, #)!) si ricava che:
"!& $)& #)! ;
(! #)! # "!& #)! # a$)& #)!b $ #)! # $)& ;
$& "!& (! $)& #)! a$ #)! # $)&b $ $)& % #)! .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 64

Dunque ( %, $) una soluzione di #)!B $)&C $& ; e di conseguenza ( #!, "&)


una soluzione di #)!B $)&C "(& . Le soluzioni di tale equazione sono, per il teorema
7.3.4, tutte e sole le coppie ordinate ( #! ""2, "& )2) .
Pertanto, le soluzioni dellequazione proposta sono tutte e sole le coppie ordinate
( #! ""2, )2 "&) .

Esercizio 7.3.8
Risolvere in lequazione
%!'B "%(C )( .

Esercizio 7.3.9
Risolvere in lequazione
"##B $!&C ")! .

Esercizio 7.3.10
Risolvere in lequazione
$&(B #&&C #!% .

Esercizio 7.3.11
Risolvere in lequazione
"!#B "(%C "&! .

7.4 - Minimo comune multiplo in .


Siano +, , . Si dice minimo comune multiplo di + e , e si indica con mcm(+, ,)
lestremo superiore di {+, ,} rispetto alla relazione l (essere divisore di), cio un . tale
che +l., ,l. e per ogni 7 tale che +l7 e ,l7 si ha anche .l7 .
Se + e , sono confrontabili (cio +l, oppure ,l+), mcm(+, , ) il massimo di {+, , }
rispetto alla relazione l , cio quello dei due che laltro divide.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 65

Teorema 7.4.1
Siano +, ,, - . Si ha

mcm(+, ,)

+,
MCD(+, ,)

Dimostrazione Sia $ MCD(+, , ) ; allora + +$ e , , $ per opportuni +,


, , con MCD(+, , ) " per losservazione 7.2.4.
+,
+,
Poniamo . MCD(
+, ,) $ +, +, . Come si appena visto, sia + che ,
dividono .. Resta da provare che se 7 tale che +l7 (cio 7 +7" con 7" ) e
,l7 (cio 7 ,7# con 7# ) si ha anche .l7 . Dalle uguaglianze

+7" 7 ,7#
segue che

+$ 7" ,$ 7#

e quindi

+7" ,7# .

Poich MCD(+, ,) ", per il teorema 7.2.8 , divide 7" , cio esiste ," tale che
7" ,," ; si pu cos concludere che
7 +7" +,," .,"
ossia .l7 come si voleva dimostrare.

7.5 - Divisibilit in .
Il teorema 7.2.1 si pu estendere senza difficolt al caso in cui + e , :
Teorema 7.5.1
Comunque presi + e , , esiste ununica coppia ordinata ; , < di numeri interi tale
che
(3) + ,; < ;
e
(33) ! < , .
Dimostrazione Proviamo innanzi tutto lesistenza di una coppia (; , <) che verifica
le (3) e (33). Se + (e quindi +, , si possono pensare appartenenti a ), tale esistenza segue
direttamente dal teorema 7.2.1. Se + , possiamo applicare il teorema 7.2.1 al dividendo
+ e al divisore ,, trovando una coppia (;! , <! ) tale che
+ ,;! <!

! <! , .

Se <! !, ne segue che


+ , ;! ) !
come si voleva. Se <! !,
con

! <! ,

e quindi si pu scrivere

+ , ;! ) <! , ;! ") a, <! b


! , <! ,

come si voleva.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 66

La dimostrazione dellunicit della coppia (; , <) che verifica le (3) e (33) procede esattamente
come nel teorema 7.2.1.
Supponiamo che sia
+ ,;" <" ,;# <#
(con ! <" ,, ! <# ,) e proviamo che ;" ;2 e <" <2 . Poniamo, per fissare le
idee, ;" ;2 (altrimenti nel ragionamento che segue si scambia il ruolo di ;" con quello di
;2 e il ruolo di <" con quello di <2 ). Non pu essere <" <# (altrimenti non varrebbe la seconda
uguaglianza) dunque possiamo scrivere
,(;" ;# ) <# <" .
Se fosse ;" ;# , sarebbe ;" ;# " e dunque il primo membro sarebbe , ; ma allora
sarebbe anche
<# ,(;" ;# ) <" , <" ,
contro la (33). Dunque ;" ;# e di conseguenza anche <" <# , e lasserto completamente
provato.

Anche la nozione di divisore si estende al caso in cui +, , , ponendo


,l+

se e soltanto se

+ ,;

con ; .

Si noti che per l ( divisore di) non una relazione di ordine in perch non vale
la propriet antisimmetrica ($l( $) e ( $)l$, ma $ $).

Teorema 7.5.2
Siano +, , , con + ! e , ! . Se +l, e ,l+, si ha + , .
Dimostrazione Per ipotesi, esistono ;" , ;# tali che , +;" e + ,;# . Dunque,
, ,;# ;"
da cui ;# ;" " . Necessariamente, ;" ;# " oppure ;" ;# " . Nel primo caso si ha
+ ,, nel secondo caso si ha + , .

Si pu estendere al caso in cui +, , anche la nozione di massimo comun divisore


di + e ,, intendendo con tale espressione un $ tale che $ l+, $ l, e per ogni . tale che
.l+ e .l, si ha anche .l$ . Naturalmente, in non c pi un solo massimo comun divisore di
due numeri dati: sia $ che $ sono massimo comun divisore di ' e "& in . Col teorema
7.5.2 facile vedere che due numeri interi (entrambi non nulli) hanno sempre esattamente due
massimo comun divisore che differiscono per il segno.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 67

Allo stesso modo, si estende al caso in cui +, , la nozione di minimo comune


multiplo di + e ,, intendendo con tale espressione un . tale che +l., ,l. e per ogni
7 tale che +l7 e ,l7 si ha anche .l7 . Naturalmente, in non c pi un solo minimo
comune multiplo di due numeri dati: sia ' che ' sono minimo comune multiplo di # e $
in . Col teorema 7.5.2 facile vedere che due numeri interi (entrambi non nulli) hanno
sempre esattamente due minimo comune multiplo che differiscono per il segno.

7.6 - Numeri primi in .


Sia : \{!, "} . Si dice che : primo quando
se : divide il prodotto +, (con +, , ) e : non divide + allora : divide , .

Sia : \{!, "} . Si dice che : irriducibile quando


gli unici numeri naturali che dividono : sono " e : .

Teorema 7.6.1
Sia : \{!, "} . Sono fatti equivalenti:
( 3)

: primo;

(33)

: irriducibile.

Dimostrazione (3) (33).


Sia : un numero primo, e dimostriamo che gli unici divisori di : sono " e : . Sia 8 un divisore
di : ; allora : 82 con 2 (e anche 2 un divisore di :) . Se : divide 8 allora 8 : (per
la propriet antisimmetrica della relazione divide); se : non divide 8, poich : primo e
divide il prodotto 82 necessariamente : divide 2, e quindi : 2 (ancora per la propriet
antisimmetrica della relazione divide), dunque 8 ", come si voleva.
(3) (33).
Sia : irriducibile, e supponiamo che : divida il prodotto +, (con +, , ) ma non divida +.
Allora MCD(:, +) " (lunico altro divisore di :, cio : stesso, per ipotesi non divide +), e
dunque per il teorema 7.2.8 : divide , , come si voleva.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 68

Lemma 7.6.2
Siano :, ;" , ;# , ..., ;= numeri primi. Se : divide il prodotto ;" ;# ... ;= , esiste 3 {", #, ..., =} tale
che : ;3 .
Dimostrazione Procediamo per induzione su = . Se = ", non c niente da
dimostrare. Supponiamo vero il teorema per = e dimostriamolo per = " .
Supponiamo che : divida il prodotto ;" ;# ... ;=" .
Se : divide ;" , deve essere : ;" ; infatti ;" primo e quindi (per il teorema 7.6.1) non
ha altri divisori che " e ;" , ma : " perch : primo. Se : non divide ;" , poich : divide il
prodotto fra ;" e ;# ;$ ... ;=" , per definizione di numero primo deve dividere ;# ;$ ... ;=" ; ma
questi sono = numeri primi, e per lipotesi di induzione : deve coincidere con uno di essi.

Teorema 7.6.3 (Teorema fondamentale dellaritmetica)


Ogni numero naturale (tranne ! e ") si pu esprimere come prodotto di numeri primi
(eventualmente uno solo), e tale espressione unica (a meno dellordine).
Dimostrazione Proviamo, procedendo per induzione su 8, che
(*) ogni numero naturale # e 8 si pu esprimere come prodotto di numeri primi
(eventualmente uno solo).
Il primo valore di 8 per cui provare la (*) # . Se 8 #, lunico numero naturale da
considerare # ; poich # irriducibile (e quindi primo, per il teorema 7.6.1) la (*) vera per
8 #.
Ora supponiamo di aver provato la (*) per 8, e proviamola per 8 " . Tutti i numeri
# e 8 si possono esprimere come prodotto di numeri primi (eventualmente uno solo) per
lipotesi di induzione; resta da considerare 8 " . Se 8 " primo, non c altro da provare;
se 8 " non primo, per il teorema 7.6.1 ha un divisore + diverso da " e da 8 ", cio
8 " +,
con + ", 8 " e quindi necessariamente anche , 1, 8 ". In particolare, sia + che , sono
# e 8, quindi per lipotesi di induzione ciascuno di essi si pu esprimere come prodotto
di numeri primi (eventualmente uno solo); di conseguenza anche +, si pu esprimere come
prodotto di numeri primi.
Proviamo infine, procedendo per induzione su 8, che
() ogni numero naturale # e 8 si pu esprimere in un solo modo come prodotto
di numeri primi.
Osserviamo preliminarmente che ogni numero primo (per il teorema 7.6.1) non si pu
esprimere come prodotto di numeri primi diversi da lui.
Il primo valore di 8 per cui provare la () # . Se 8 #, lunico numero naturale da
considerare # ; poich # primo, la () vera per 8 # .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 69

Ora supponiamo di aver provato la () per 8, e proviamola per 8 " . Tutti i numeri
# e 8 si possono esprimere in un solo modo (a meno dellordine) come prodotto di
numeri primi per lipotesi di induzione; resta da considerare 8 " . Se 8 " primo, non c
altro da provare; sia allora 8 " :" :# ...:2 ;" ;# ...;5 con 2, 5 # e i :3 e i ;4 numeri primi.
Poich il numero primo :" divide il prodotto ;" ;# ... ;5 , :" deve coincidere con uno dei ;4 ;
riordinandoli, possiamo supporre che sia :" ;" . Allora :# :$ ...:2 ;# ;$ ...;5 8, quindi per
lipotesi di induzione 2 " 5 " e :# , :$ , ..., :2 coincidono con ;# , ;$ , ..., ;2 a meno
dellordine. Dunque la () provata per 8 " e con essa il teorema.

Esercizio 7.6.4
Esprimere come prodotto di numeri primi i seguenti numeri naturali:
$! !$" ; $!& '"$ ; &"! &"" ##$ '*$

Lemma 7.6.5

Sia 8 \{!, "} . Se 8 non un numero primo, ha un divisore non superiore a 8 .


Dimostrazione Se 8 non un numero primo, per il teorema 7.6.1 8 non
irriducibile e quindi si pu scrivere
8 +,

con +, , ", 8. Se + e , fossero entrambi strettamente maggiori di 8 , si avrebbe la


contraddizione
8 +, 8 8 8
dunque almeno uno dei divisori di 8 8 .

Osservazione 7.6.6 (il crivello di Eratostene)


Sia 8 . Un efficiente algoritmo per ottenere tutti i numeri primi compresi tra # e 8
dovuto al matematico libico (ma di cultura greca) Eratostene (Cirene, 280 a.C. Alessandria
195 a.C.).
(3) sia _ {B # B 8} ;
(33) si ponga : # ;
(333) si ripeta
si cancellino da _ tutti i multipli di : (eccetto : stesso), e sia : il primo numero
rimasto in _ dopo : (nellusuale ordinamento di ) ;
si ponga : : ;
finch : 8 .
Ad ogni iterazione del ciclo descritto in (333), : risulta irriducibile (e quindi primo, per il
teorema 7.6.1) perch non multiplo di nessun numero che lo precede nellusuale
ordinamento di . Lalgoritmo termina quando : 8 per il lemma 7.6.5 .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 70

Teorema 7.6.7
Esistono infiniti numeri primi.
Dimostrazione Procediamo per assurdo. Se esistessero soltanto = numeri primi :" ,
:# , ..., := , il numero
:" : # : = "
non si potrebbe esprimere come prodotto di numeri primi, perch il resto della sua divisione
euclidea per ciascuno dei numeri :" , :# , ..., := " . Ma ci contraddirebbe il teorema
fondamentale dellaritmetica (7.6.3).

Osservazione 7.6.8
Se :" , :# , ..., := sono numeri primi, il numero :" :# ...:= " non in generale primo. Ad
esempio, & e ( sono numeri primi, ma & ( " $' e $' non un numero primo.

Osservazione 7.6.9
Per ogni 8 , si possono facilmente trovare 8 numeri naturali consecutivi nessuno dei quali
primo: basta considerare (8 ")! #, (8 ")! $, (8 ")! %, , (8 ")! 8 "
(cfr. esempio 3.8.2) . Il 4 simo di questi numeri infatti divisibile per 4 ".

Osservazione 7.6.10
Sono numeri primi
"" ;
" """ """ """ """ """ """ ;
"" """ """ """ """ """ """ """ .
Non noto se esistano altri numeri primi che si scrivano(14) usando soltanto la cifra ".

Esercizio 7.6.11
Sia 8 un numero primo che si scrive ripetendo 5 volte la cifra ". Si dimostri che 5 un
numero primo.

14Naturalmente

ci riferiamo a una scrittura in base "!. Questo concetto sar chiarito nella sez. 9.6.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 71

7.7 - Numeri primi di Fermat.


Il giurista francese Pierre de Fermat (Beaumont-de-Lomagne, 17.8.1601 Castres,
12.1.1665) era un grande appassionato di matematica, e fra le altre cose si dedic allo studio
dei numeri primi che si possono scrivere nella forma #5 " con 5 .
Osserviamo preliminarmente che: se #5 " (con 5 ) irriducibile, 5 non pu avere
divisori dispari maggiori di " (e quindi 5 deve essere della forma #8 con 8 ).
Lemma 7.7.1
Sia 5 . Se 5 .2 con . numero naturale dispari maggiore di ", #5 " non irriducibile.
Dimostrazione Infatti se . un numero naturale dispari maggiore di " si ha
#.2 " a#2 b " a#2 "ba#2 b
.

."

a# 2 b

.#

#2 " .

Sia 8 . Si dice numero di Fermat relativo a 8 il numero


8

F8 ## " .
Avendo osservato che F! , F" , F# , F$ e F% sono primi, Fermat congettur che tutti gli F8
fossero primi. In realt si ha che
F! #" " $,
e

F" ## " &,

F% #"' " '& &$(

F# #% " "(,

F$ #) " #&(

sono davvero tutti numeri primi, ma

F& #$# " % #*% *'( #*(


divisibile per '%", e finora non si trovato nessun altro numero di Fermat che risulti primo.

7.8 - Numeri primi di Mersenne.


Il monaco francese Marin Mersenne (Oiz-in-Maine, 8.9.1588 Parigi, 1.9.1648) si
dedic allo studio dei numeri primi della forma #5 ", che in suo onore sono detti di
Mersenne.
Osserviamo preliminarmente che: se #5 " (con 5 ) irriducibile, 5 deve essere a
sua volta irriducibile.

Lemma 7.8.1
Sia 5 . Se 5 +, con " +, , 5 , #5 " non irriducibile.
Dimostrazione Infatti se + " e , 5 si ha

#+, " a#+ b, " a#+ "ba#+ b," a#+ b,# #+ " .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 72

Esistono numeri irriducibili : per i quali #: " non irriducibile: ad esempio, per
: "" si ha #"" " #!%( #$ )* .
per nota una caratterizzazione dei numeri primi : per i quali #: " un numero
primo:
Teorema 7.8.2 (Franois Lucas Derrick Lehmer)
Sia S8 la successione di numeri naturali definita ricorsivamente per 8 # dalle condizioni
S# % ;
S8" S#8 #
Per ogni numero primo : #, #: " un numero primo se e soltanto se #: " divide S: .
Dimostrazione Omettiamo la dimostrazione di questo teorema. Si noti che
# " $ un numero primo ma non divide S# .
#

Osservazione 7.8.3
Vale la pena di osservare che la successione S8 definita nel teorema 7.8.2 cresce molto
velocemente, quindi il criterio espresso dal teorema non di facile applicazione.

7.9 - Numeri perfetti.


Un numero naturale si dice perfetto se uguale alla somma dei propri divisori diversi
da lui. Ad esempio, sono numeri perfetti: 6 ( " # $) e 28 ( " # % ( "%). Si
noti che $ non un numero perfetto.

Teorema 7.9.1
I numeri perfetti pari sono tutti e soli i numeri naturali della forma
#8" (#8 ") con #8 " numero primo.
Dimostrazione Omettiamo la dimostrazione di questo teorema.

Si ignora se esistano numeri perfetti dispari.

Esercizio 7.9.2
Sia 8 un numero perfetto, e siano ." , .# , , .5 tutti i divisori di 8 (incluso 8). Si dimostri che
"
."

"
.#

"
.5

#.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 73

8.- RETICOLI

8.1 - Definizione.
Sia L un insieme, e sia una relazione di ordine in L (cfr. 6.2) .
Si dice che L un reticolo rispetto a , oppure (pi correttamente!) che linsieme
ordinato (L, ) un reticolo (in inglese: lattice), se
8.1.R1

comunque presi B, C L , esistono in L sup B, C e inf B, C (cfr. 6.7 e 6.8) .

Esempi
Sono esempi di reticoli:
8.1.1 Qualunque insieme in cui sia data una relazione di ordine totale, rispetto ad essa (quindi
ad esempio , , rispetto allusuale relazione ). Si tratta per di esempi banali, perch in
tutti questi casi sup B, C uno dei due elementi B, C e inf B, C laltro.
8.1.2 Linsieme rispetto alla relazione l (divide, cfr. esempio 6.2.2). In questo caso, sup
B, C il minimo comune multiplo fra B e C , e inf B, C il massimo comun divisore fra B e
C.
8.1.3 Se I un qualsiasi insieme (non vuoto), linsieme c (I) dei sottoinsiemi di I rispetto alla
relazione (di inclusione, cfr. esempio 6.2.3). In questo caso, sup B, C B C , e
inf B, C B C .

8.2 - Unione e intersezione in un reticolo.


Ricordiamo che, in conseguenza del teorema 6.4.1, se esistono lestremo superiore e
lestremo inferiore di un sottoinsieme essi sono unici (lo si gi osservato in 6.7 e 6.8).
Dunque, se (L, ) un reticolo restano definite in L due operazioni come segue:
B C sup B, C ;
B C inf B, C .
La si dice unione (in caso di ambiguit: unione reticolare), e la si dice
intersezione (in caso di ambiguit: intersezione reticolare). Si noti che nellesempio 8.1.3 le
operazioni e coincidono proprio con lusuale unione tra insiemi e lusuale
intersezione tra insiemi .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 74

Lemma 8.2.1
Sia (L, ) un reticolo, e siano , le operazioni di intersezione e unione definite in L .
Comunque presi B, C , D L,
( 3)
(33)
(333)
(3@)

se
se
se
se

B C e B D , allora B (C D ) ;
B (C D ), allora B C e B D ;
B D e C D , allora (B C) D ;
(B C) D , allora B D e C D .

Dimostrazione Proviamo la (3) : se B C


inferiore per C, D e dunque B inf C , D C D .

B D,

una limitazione

Proviamo la (33) : poich C D in particolare una limitazione inferiore per C , D, si


ha che (C D ) C e (C D ) D ; dalla propriet transitiva di segue lasserto.
Proviamo la (333) : se B D
dunque B C sup B, C D .

e C D , D una limitazione superiore per C , B e

Proviamo infine la (3@) : poich B C in particolare una limitazione superiore per


B, C, si ha che B (B C ) e C (B C ) ; dalla propriet transitiva di segue
lasserto.

Lemma 8.2.2
Sia (L, ) un reticolo, e siano , le operazioni di intersezione e unione definite in L .
Comunque presi B, C , D L,
( 3)
(33)

B C B se e soltanto se B C,
B C C se e soltanto se B C,

aB, C L ;
aB, C L .

Dimostrazione
Proviamo la (3). Sia B C B ; allora B lestremo inferiore dellinsieme B, C,
dunque in particolare una limitazione inferiore per linsieme B, C: in particolare, B C
come si voleva dimostrare. Viceversa, sia B C : poich (per la propriet riflessiva) anche
B B, ne segue che B una limitazione inferiore per linsieme B, C; se D una qualsiasi
limitazione inferiore per linsieme B, C, in particolare D B e dunque B la massima
limitazione inferiore per B, C, ossia B B C come si voleva dimostrare.
Proviamo la (33). Sia B C C ; allora C lestremo superiore dellinsieme B, C,
dunque in particolare una limitazione superiore per linsieme B, C: in particolare, B C
come si voleva dimostrare. Viceversa, sia B C : poich (per la propriet riflessiva) anche
C C , ne segue che C una limitazione superiore per linsieme B, C; se D una qualsiasi
limitazione superiore per linsieme B, C, in particolare C D e dunque C la minima
limitazione inferiore per B, C, ossia C B C come si voleva dimostrare.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 75

Teorema 8.2.3
Sia (L, ) un reticolo. Le operazioni e definite in L godono delle seguenti propriet:
( 3)
(idempotenza) B B B e B B B,
aB L ;
(33)
(propr. commutativa) B C C B e B C C B,
aB, C L ;
(333) (propr. associativa)
(B C) D B C D ) e (B C ) D B (C D ),
aB, C L ;
(3@) (legge di assorbimento) (B C ) B B e (B C ) B B,
aB, C L .
Dimostrazione
La (3) immediata perch B sia il minimo che il massimo (dunque, per i teoremi
6.7.1 e 6.8.1, sia lestremo inferiore che lestremo superiore) per linsieme B .
Anche la (33) immediata, perch B, C C , B aB, C L .
Proviamo la (333) per loperazione lasciando per esercizio la dimostrazione (del
tutto analoga) relativa alloperazione . Poniamo, per fissare le idee, 2 (B C ) D e
5 B C D ) . Poich 2 2 , per la (33) del lemma 8.2.1 deve essere 2 (B C ) (da cui
ancora 2 B e 2 C) e 2 D : dunque 2 B, 2 C e 2 D ; per la (3) del lemma 8.2.1
deve essere allora 2 (C D ) e infine 2 B (C D ) 5 . Viceversa, poich 5 5 , per la
(33) del lemma 8.2.1 deve essere 5 B e 5 (C D ) (da cui ancora 5 C e 5 D ): dunque
5 B, 5 C e 5 D ; per la (3) del lemma 8.2.1 deve essere allora 5 (B C ) e infine
5 (B C ) D 2 . Abbiamo cos provato che 2 5 e 5 2 , cosicch (per la propriet
antisimmetrica) 2 5 come si voleva dimostrare.
Infine, poich B C B, la prima delle (3@) segue immediatamente dalla (33) del
lemma 8.2.2; e, poich B B C , la seconda delle (3@) segue (dalla propriet commutativa e)
dalla (3) del lemma 8.2.2.

8.3 - Una definizione alternativa di reticolo.


Le operazioni e e le loro propriet (3), (33), (333) e (3@) espresse nellenunciato
del teorema 8.2.3 caratterizzano completamente un reticolo. In questa sezione dimostriamo
infatti che: se in un insieme L sono definite due operazioni e idempotenti, commutative,
associative e assorbenti, a partire da esse si pu definire in L una relazione di ordine tale
che
( 3)

(L, ) un reticolo;

(33)

sup B, C B C e inf B, C B C

aB, C L .

Teorema 8.3.1
Sia L un insieme, e siano , operazioni in L tali che
(idempotenza)
(propr. commutativa)
(propr. associativa)
(legge di assorbimento)

B B B e B B B,
aB L ;
B C C B e B C C B,
aB, C L ;
(B C) D B C D ) e (B C ) D B (C D ), aB, C , D L ;
( B C ) B B e (B C ) B B ,
aB, C L .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 76

Allora si ha
(*)
B C B se e soltanto se B C C
aB, C L ;
Inoltre, posto
()
B C se e soltanto se B C B
aB, C L
si ha che
( 3)
la una relazione di ordine in L
(33)
comunque presi B, C L, esistono inf B, C e sup B, C e si ha
inf B, C B C ,
sup B, C B C .
Dimostrazione
Proviamo in primo luogo la (*). Siano B, C L . Se B C B, allora, tenendo conto
della propriet commutativa di , per la legge di assorbimento
B C (B C ) C (C B) C C .
Se, viceversa, B C C , allo stesso modo si ha che
B C B (B C ) (B C ) B B .
Adesso proviamo che la relazione definita mediante la () una relazione di ordine
in L . riflessiva per lidempotenza di e antisimmetrica per la commutativit di ; se poi
B C (cio B C B) e C D (cio C D C ), si ha (ricordando la propriet associativa)
B D (B C ) D B (C D ) B C B
e dunque B D , cosicch vale anche la propriet transitiva.
Proviamo ora che, comunque presi B, C L, B, C ha estremo inferiore e
inf B, C B C .
Per la legge di assorbimento si ha che (B C) B B e (tenendo conto anche della
propriet commutativa) (B C) C C; dunque (B C ) B e (B C ) C , cosicch B C
una limitazione inferiore per B, C . Se D una qualsiasi limitazione inferiore per B, C,
deve essere D B (ossia D B D ) e D C (ossia D C D ), cosicch
D (B C ) (D B) C D C D
ossia D (B C ); dunque B C la massima limitazione inferiore di B, C, come si voleva
dimostrare.
Proviamo infine che, comunque presi B, C L, B, C ha estremo superiore e
sup B, C B C .
Per la legge di assorbimento (e la propriet commutativa) si ha che B (B C ) B e
C (B C ) C ; dunque B (B C ) e C (B C ), cosicch B C una limitazione
superiore per B, C . Se D una qualsiasi limitazione superiore per B, C, deve essere B D
(ossia B D D ) e C D (ossia C D D ), cosicch
(B C ) D B (C D ) B D D
ossia (B C) D ; dunque B C la minima limitazione superiore di B, C, come si voleva
dimostrare.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 77

8.4 - Complementi in un reticolo.


Sia (L, ) un reticolo, e siano , le operazioni di intersezione e unione definite
in L .

Teorema 8.4.1
Sia (L, ) un reticolo. Se in L c un elemento minimale, esso il minimo di L . Se in L c
un elemento massimale, esso il massimo di L .
Dimostrazione Sia 7 un elemento minimale di L ; proviamo che 7 il minimo di
L . Se B un elemento di L, B 7 7 (per definizione di ) e dunque 7 B 7
(perch 7 un elemento minmale di L); dunque 7 B (per la (3) del teorema). Ci prova
che 7 il minimo di L .
In modo del tutto analogo si prova che: se in L c un elemento massimale, esso il
massimo di L ; questa dimostrazione si lascia per esercizio.
In questa sezione supporremo che L abbia minimo ! e massimo " .

Osservazione 8.4.2
Bench luso di ! e " per indicare rispettivamente il minimo e il massimo di un reticolo sia
abbastanza standard, ci sono occasioni in cui pu essere fuorviante. Il reticolo ricordato
nellesempio 8.1.2 ha minimo e massimo, ma il suo minimo il numero naturale " e il suo
massimo il numero naturale !.
Sia B L . Si dice complemento di B un elemento B- L tale che sia
B B- !

B B- " .

Osservazione 8.4.3
Gli elementi ! e " hanno sempre uno e un solo complemento (rispettivamente " e !).

Esempio 8.4.4
Nel reticolo definito in dalla relazione divide (cfr. esempio 8.1.2) nessun elemento (tranne
il minimo e il massimo) ha complemento.

Esempio 8.4.5
Sia I un insieme non vuoto. Nel reticolo definito in c (I) dalla relazione di inclusione (cfr.
esempio 8.1.3) il minimo g, il massimo I, e ogni elemento ha per complemento il suo
complementare (in senso insiemistico) rispetto a I .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 78

Esempio 8.4.6
Sia L !, B, C, D , " e sia la relazione in L definita ponendo
! !, ! B, ! C, ! D , ! ", B B, B ", C C, C ", D D , D ", " ".
Ognuno dei tre elementi B, C , D ha per complemento ciascuno degli altri due.

8.5 - Distributivit.
Teorema 8.5.1
Sia (L, ) un reticolo, e siano , le operazioni di intersezione e unione definite in L .
Sono fatti equivalenti:
( 3)

B (C D ) (B C ) (B D )

aB, C , D L ;

(33)

B (C D ) (B C ) (B D )

aB, C , D L .

In altri termini: in un reticolo, distributiva rispetto a se e soltanto se distributiva


rispetto a .
Dimostrazione (3) (33):
3

(B C) (B D ) ((B C ) B) ((B C ) D )
comm.

idemp.

idemp.

B (D (B C )) B ((D B) (D C ))
B (D C )

comm.

assoc.

B ((B C ) D )

comm.

(B (D B)) (D C )

idemp.

B (C D ) .

(33) (3):
33

(B C) (B D ) ((B C ) B) ((B C ) D )
comm.

idemp.

33

idemp.

B (D (B C )) B ((D B) (D C ))
B (D C )

comm.

B (C D ) .

assoc.

B ((B C ) D )

comm.

(B (D B)) (D C )

idemp.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 79

Un reticolo si dice distributivo se in esso valgono le (3) e (33) del teorema 8.5.1.

Teorema 8.5.2
Sia (L, ) un reticolo, e siano , le operazioni di intersezione e unione definite in L .
Comunque presi B, C , D L, si ha:
( 3)

(B C ) (B D ) B (C D ) ;

(33)

B (C D ) (B C ) (B D ) .

Dimostrazione Proviamo la (3) . Per definizione di , (B C ) B e (B C ) C ;


per definizione di , C (C D ) . Per la propriet transitiva di , (B C ) (C D ) . Per
la (3) del lemma 8.2.1, (B C) B (C D ) .
Analogamente, per definizione di si ha che (B D ) B e (B D ) D ; per
definizione di , D (C D ) . Per la propriet transitiva di , (B D ) (C D ) . Per la (3)
del lemma 8.2.1, (B D ) B (C D ) . Infine, per la (333) del lemma 8.2.1,
(B C) (B D ) B (C D )
cio la (3) .
Proviamo adesso la (33) . Per definizione di , B B C
per la (3) del lemma 8.2.1 si ha che B (B C ) (B D ) .

e B B D : dunque,

Per definizione di , C D C ; per definizione di , C B C : per la propriet


transitiva di , C D B C . Analogamente, per definizione di , C D D ; per
definizione di , D B D : per la propriet transitiva di , C D B D . Applicando
ancora una volta la (3) del lemma 8.2.1, si ottiene che C D (B C) (B D ) . Infine, per
la (333) del lemma 8.2.1,
B (C D ) (B C ) (B D )
cio la (33) .

Teorema 8.5.3
Sia (L, ) un reticolo, e siano , le operazioni di intersezione e unione definite in L .
Sono fatti equivalenti:
(+ )
(, )
(- )

B (C D ) (B C ) (B D ) ;
(B C ) (B D ) B (C D ) ;
(L, ) un reticolo distributivo.

Dimostrazione Se vale la (+), per la (3) del teorema 8.5.2 vale la (3) del teorema
8.5.1; ma allora vale anche la (33) del teorema 8.5.1 e quindi vale la (,) .
Se vale la (,), per la (33) del teorema 8.5.2 vale la (33) del teorema 8.5.1; ma allora vale
anche la (3) del teorema 8.5.1 e quindi vale la (- ) .
Se vale la (- ), per definizione vale la (3) del teorema 8.5.1 e quindi vale la (+) .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 80

Teorema 8.5.4
Sia (L, ) un reticolo distributivo con minimo ! e massimo ", e siano , le operazioni
di intersezione e unione definite in L . Ogni elemento di L ha al pi un complemento.
Dimostrazione Sia B L ; supponiamo che C e D siano entrambi complementi di B,
e dimostriamo che C D .
Per ipotesi, C B " , B C ! (perch C complemento di B), D B " ,
B D ! (perch D complemento di B) . Allora
D D ! D (B C ) (D B) (D C ) " (D C ) D C
ossia C D . Analogamente
C C ! C (B D ) (C B) (C D ) " (C D ) C D
ossia D C . Dunque (per la propriet antisimmetrica) C D , come si voleva dimostrare.

Si dice algebra di Boole un reticolo distributivo nel quale ogni elemento ha


(esattamente un) complemento.

Teorema 8.5.5
Sia (B, ) unalgebra di Boole con minimo ! e massimo ", e siano , le operazioni di
intersezione e unione definite in B . Valgono le cosiddette leggi di De Morgan:
( 3)

( B C ) - B- C - ;

(33)

( B C ) - B- C - .

Dimostrazione Proviamo la (3); la dimostrazione della (33) del tutto analoga, e si


lascia per esercizio.
Per provare la (3), dobbiamo verificare che
(B C) (B- C - ) !

(B C ) (B- C - ) " .

In effetti,
(B C) (B- C - )
assoc. e commut.

distribut.

(B (B- C - )) (C (B- C - ))

assoc. e commut.

((B B- ) C - ) ((C C - ) B- ) (! C - ) (! B- )

!! !
e allo stesso modo
(B C) (B- C - )
assoc. e commut.

" " ".

distribut.

((B C ) B- ) ((B C ) C - )

assoc. e commut.

((B B- ) C) (B (C C - )) (" C ) (B ")

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 81

9.- RELAZIONI DI EQUIVALENZA

9.1 - Definizione.
Sia A un insieme.
Una relazione in A riflessiva, simmetrica e transitiva si dice una relazione di
equivalenza in A .

Esempi
Sono esempi di relazioni di equivalenza:
9.1.1 La relazione di equiscomponibilit nellinsieme dei poligoni piani.
9.1.2 La relazione di similitudine nellinsieme delle figure piane.
9.1.3 La relazione di parallelismo nellinsieme delle rette del piano, definita come segue:
due rette sono parallele sse coincidono oppure non hanno punti in comune.
9.1.4 In ogni insieme A, la relazione (di misantropia?) che ad ogni elemento di A associa
lui stesso e nessun altro (cio: se +, , A, + in relazione con , sse + ,).
9.1.5 In ogni insieme A, la relazione (di amore universale?) che ad ogni elemento di A
associa tutti gli elementi di A (cio: comunque si prendano +, , A, + in relazione con ,).

Esempio 9.1.6
Sia Y linsieme delle frazioni 15. La relazione 4 in Y definita ponendo per +, , .- Y
+
, 4 . sse +. , una relazione di equivalenza. Infatti:
4 riflessiva: +, 4 +, per ogni +, Y , perch +, ,+ (propr. commutat. del prodotto);
4 simmetrica: +, 4 .- .- 4 +, , perch +. ,- -, .+;
4 transitiva: sia infatti +, 4 .- e .- 4 0/ , cio +. ,- e -0 ./; dalla prima
uguaglianza segue +.0 ,-0 e da qui, tenendo conto della seconda, +.0 ,./; dividendo
infine ambo i membri per . (che diverso da ! per ipotesi) si deduce che +0 ,/ ossia che
+
/
, 4 0 come si voleva.
15 Ricordiamo che si dice frazione una coppia ordinata (cfr. 1.10) di numeri interi in cui la seconda
componente sia diversa da !; si conviene di scrivere +, anziche (+, , ).

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 82

9.2 - Classi di equivalenza.


Siano A un insieme e una relazione di equivalenza in A .
Se + A, si dice classe di equivalenza di + (o anche, quando ci non dia luogo
ad equivoci, classe di equivalenza di +) il sottoinsieme [+] di A definito come segue:
[+] B A / + B.

Osservazione 9.2.1
Per ogni + A, si ha + [+].
Dimostrazione Infatti + +, perch riflessiva.

Osservazione 9.2.2
Comunque presi +, , A, si ha [+] [,] se e solo se + , .
Dimostrazione Se [+] [,], poich , [, ] (per 9.2.1) si ha , [+] e dunque + ,
(per definizione di [+]).
Viceversa, sia + ,; dobbiamo provare che [+] [,] e che [, ] [+] .
Sia B [+]; allora + B . Ma , + (perch + , per ipotesi, e simmetrica) e dunque
, B (perch transitiva), cio B [,]. Per larbitrariet di B in [+], si provato che
[+] [,].
Sia ora B [,]; allora , B . Poich + , per ipotesi, e poich transitiva, si ha + B,
cio B [+]. Per larbitrariet di B in [,], si cos anche provato che [,] [+] e dunque che
[+] [,] .

Osservazione 9.2.3
Sia + A . Per ogni B [+], [B] [+].
Dimostrazione Per definizione di [+], se B [+] + B ; dunque [+] [B] per
losservazione 9.2.2.

Sia + A . Per ogni B [+], si dice che B rappresenta [+], o anche che B un
rappresentante di [+]. Ci giustificato da quanto si visto nellosservazione 9.2.3.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 83

Osservazione 9.2.4
Comunque presi +, , A, se [+] [,] [+] [, ] g.
Dimostrazione Sia [+] [,]. Procediamo per assurdo, supponendo che esista
B [+] [,]. In tal caso + B (perch B [+]) e , B (perch B [,]); per 9.2.2 si ha
allora [+] [B] [,], contro lipotesi.

Osservazione 9.2.5
Linsieme delle classi di equivalenza di A una partizione di A.
Dimostrazione Le classi di equivalenza sono a due a due disgiunte per 9.2.4; per
9.2.1 esse sono non vuote e la loro unione A.

9.3 - Insieme quoziente.


Siano A un insieme e una relazione di equivalenza in A .
Linsieme delle classi di equivalenza di A si dice insieme quoziente di A rispetto
A
A
a , e si indica con
. La funzione (suriettiva) 1 : A
che ad ogni elemento di A
A
associa la sua classe di equivalenza si dice proiezione canonica di A su
.
Se mette in relazione tra loro gli elementi di A che hanno in comune una certa
propriet astratta, linsieme quoziente rappresenta intuitivamente linsieme di tali propriet
astratte, e la proiezione canonica associa ad ogni elemento di A la specifica propriet che gli
pertinente. Vediamo meglio in che senso ci avviene, riesaminando gli esempi gi considerati
in 9.1.

9.3.1
Sia A linsieme dei poligoni del piano, e sia la relazione di equiscomponibilit.
La propriet astratta comune a una classe di poligoni equiscomponibili la superficie(16):
tale concetto, in effetti, pu essere definito per i poligoni appunto per questa via. La
A
proiezione canonica A
associa a ogni poligono la sua superficie.

16

Non si confonda la nozione di superficie con quella di area (un numero reale che esprime la
misura della superficie secondo una teoria matematica niente affatto elementare).

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 84

9.3.2
Sia A linsieme delle figure piane, e sia la relazione di similitudine.
La propriet astratta comune a una classe di figure piane simili la forma. Nellinsieme
A
quoziente
troviamo elementi che rappresentano i concetti di triangolo equilatero,
quadrato, cerchio, ecc.

9.3.3
Sia A linsieme delle rette del piano, e sia la relazione di parallelismo definita in 9.1.3.
Linsieme quoziente

si dice insieme delle direzioni.

9.3.4
Sia A un insieme, e sia la relazione di misantropia definita in 9.1.4.
Linsieme quoziente (in corrispondenza biunivoca con) A .

9.3.5
Sia A un insieme, e sia la relazione definita in 9.1.5.
Linsieme quoziente A.

9.3.6
Sia Y linsieme delle frazioni, e sia 4 la relazione definita in 9.1.6.
Linsieme quoziente Y4 (in corrispondenza biunivoca con) . In effetti, i numeri razionali si
definiscono appunto con questo procedimento a partire dallinsieme degli interi.
La proiezione canonica associa a ogni frazione il numero razionale che essa rappresenta.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 85

9.4 - Le classi di resto.


In tutta la sezione 9.4 supporremo fissato un numero intero positivo 8.
Siano +, , ; si dice che + congruo , modulo 8 e si scrive
+ , mod 8
sse b5 + , 58, ossia sse + , multiplo di 8.
Si cos definita una relazione in , detta congruenza modulo 8. Tale relazione
stata studiata fin dallantichit: sono celebri le opere in proposito del matematico ellenista
?+:!/7 96 , che abbiamo gi citato nella sez. 7.3.

Teorema 9.4.1
La congruenza modulo 8 una relazione di equivalenza in .
Dimostrazione In primo luogo, la congruenza modulo 8 riflessiva, ossia
+ + mod 8)
per ogni + .
Infatti, + + ! 8 con ! .
Inoltre, la congruenza modulo 8 simmetrica: siano +, , tali che + , mod 8)
e proviamo che , + mod 8). In effetti, se + , mod 8) esiste 5 tale che
+ , 58; ma allora , + 5 )8 con 5 , e dunque , + mod 8).
Infine, la congruenza modulo 8 transitiva: siano +, , , - tali che + , mod 8)
e , - mod 8), e proviamo che + - mod 8). In effetti, se + , mod 8) esiste
5" tale che + , 5" 8; se , - mod 8) esiste 5# tale che , - 5# 8; ma allora
+ - (+ , ) (, - ) 5"8 5#8 (5" 5# 8
con 5" 5# , e dunque + - mod 8).

Per quanto provato nel teorema 9.4.1, se + , mod 8) si pu dire che +, , sono
congrui modulo 8 senza porre attenzione allordine in cui si citano + e ,.

Esercizio 9.4.2
Trovare due numeri interi che sono congrui modulo & ma non sono congrui modulo "!.
Esistono due numeri interi che siano congrui modulo "! ma non siano congrui modulo &?

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 86

Teorema 9.4.3
Sia + , e sia < il resto della divisione euclidea di + per 8. Allora + < mod 8).
Dimostrazione Per la nozione di divisione euclidea estesa al caso in cui il
dividendo appartiene a (cfr. teorema 7.5.1), esiste ; tale che
+ ;8 <
e dunque + < ;8 con ; , da cui lasserto.

Le classi di equivalenza rispetto alla relazione di congruenza modulo 8 si dicono classi


di resto modulo 8. Linsieme delle classi di resto modulo 8 (cio linsieme quoziente di
rispetto alla relazione di congruenza modulo 8) si indica con 8 .

Teorema 9.4.4
Linsieme 8 ha 8 elementi, precisamente: [!], ["], , [8 "].
Dimostrazione Per il teorema 9.4.3, ogni numero intero appartiene a una delle
classi [!], ["], , [8 "]. Resta da provare che tali classi sono tutte distinte.
Se fosse [3] [4] con ! 3 4 8, per losservazione 9.2.2 sarebbe 3 4 mod 8) ossia
esisterebbe 5 tale che 4 3 58.
Ma 4 3 ! (perch 4 3) e 4 3 8 (perch 4 8 e 3 !), dunque 4 3 non pu
essere multiplo di 8. Abbiamo cos ottenuto una contraddizione; ne segue che le classi
[!], ["], , [8 "] sono tutte distinte, come si voleva.

Esercizio 9.4.5
Si deduca dai teoremi 9.4.3 e 9.4.4 che due numeri interi +, , sono congrui modulo 8 se e solo
se la divisione euclidea di + per 8 e la divisione euclidea di , per 8 danno lo stesso resto.

Esercizio 9.4.6
Si studi la congruenza modulo ", la congruenza modulo #, la congruenza modulo $, la
congruenza modulo "!, la congruenza modulo "# e la congruenza modulo #%; in particolare,
per ciascuna di tali relazioni si scrivano esplicitamente le classi di resto e si precisi come
opera la proiezione canonica.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 87

9.5 - Lanello 8 .
In tutta la sezione 9.5 supporremo fissato un numero intero positivo 8.
Definiamo nellinsieme 8 (cfr. 9.4) due operazioni: le indicheremo con e , e
le chiameremo rispettivamente somma e prodotto. Se [+], [,] 8 , poniamo
[+] [,] [+ ,]
[+] [,] [+ ,].

Si noti che con lo stesso simbolo abbiamo indicato a sinistra loperazione che
stiamo definendo in 8 e a destra la ben nota operazione di somma in ; analogamente per il
spesso si omette, proprio come in ). Ci usualmente non d
simbolo (che, per di piu,
luogo ad ambiguit n a confusione. Di fatto, per come abbiamo definito la somma e il
prodotto in 8 , la proiezione canonica (cfr. sez. 9.3) risulta immediatamente essere un
omomorfismo tra lanello e lanello 8 (cfr. sez. 4.8).
Si noti inoltre che abbiamo definito la somma (e il prodotto) di due classi di resto
mediante la somma (o, rispettivamente, il prodotto) dei loro rappresentanti: poich tali
rappresentanti non sono univocamente determinati, importante assicurarsi che la definizione
sia ben posta, ossia dipenda solo dalle classi considerate e non dai rappresentanti scelti in
esse (cfr. lesempio 3.2.1 e, pi avanti, lesempio 9.5.2). Ci avviene mediante il

Teorema 9.5.1
Siano +, ,, +, , . Se [+] [+] e [, ] [, ], allora [+ , ] [+ , ] e [+, ] [+, ].
Dimostrazione Per losservazione 9.2.2, se [+] [+] e [,] [,] deve essere
+ + mod 8)

, , mod 8),

ossia devono esistere 2, 5 tali che


+ + 28

, , 58.

Allora
+ , + , + + , , 28 58 2 58
e dunque

+ , + , mod 8)

ossia, ancora per losservazione 9.2.2, [+ ,] [+ , ] come si voleva dimostrare.


Inoltre,
+, +, +, +, +, +, +, , , + + +58 , 28 +5 , 58
e dunque

+, +, mod 8)

ossia, ancora per losservazione 9.2.2, [+,] [+,] come si voleva dimostrare.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 88

Esempio 9.5.2
Sia 8 $.
Si ha [#] [&], tuttavia [## ] ["] [#] [#& ]. Non sarebbe dunque possibile definire,
analogamente a come si fatto per somma e prodotto, un elevamento a potenza in 8
ponendo [+][,] [+, ].
Analogamente, per 8 &, si ha [$] [)], tuttavia [#$ ] [)] [$] ["] [#&'] [#) ].

Esempio 9.5.3
Sia 8 '.
Si ha [#] [$] [# $] ['] [!], cio gli elementi [#] e [$] di ' sono divisori dello zero
(cfr. sez. ). Dunque in ' non vale la legge di annullamento del prodotto.

Esempio 9.5.4
Sia 8 %.
Si ha [#] [#] [# #] [%] [!]; dunque in % lelemento [#] ! ha per quadrato !. In
particolare, lelemento [#] di % un divisore dello zero; e in % non vale la legge di
annullamento del prodotto.

Esempio 9.5.5
Sia 8 $.
Il polinomio B$ [#]B si annulla per ogni elemento di $ , ma non il polinomio nullo.

Esempio 9.5.6
Sia 8 '.
Si ha [%] [%] [%] [%] [%] [%] [%] [%] [%].

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 89

Esercizio 9.5.7
Sia 8 '.
Risolvere, se possibile, le seguenti equazioni in ' nellincognita B:
[$] B [#];
[%] B [#];
[&] B ["];
B# [#];
B# ["] [!];

[$] B [$];
[%] B [$];
[&] B [#];
B# [$];
B# [#] [!];

B& [$] B% B$ [$] B# [%] B [!].

Esercizio 9.5.8
Sia 8 (.
Risolvere, se possibile, le seguenti equazioni in ( nellincognita B:
[$] B [#];
[%] B [$];
[&] B ["];
[&] B [#];
B# [#];
B# [$];
B# ["] [!].

9.6 - La notazione posizionale in base dieci e in altre basi.


Come si chiamano i numeri naturali? Come si indicano, oltre che col loro nome?
In base agli assiomi di Peano, c un numero che si chiama zero; inoltre, ogni
numero ha un successivo, e questo ci permette di assegnare nomi ad altri numeri: si decide
cos di chiamare uno il successivo di zero, due il successivo di uno, ecc. ecc. . Questi
nomi dipendono dalla lingua che si usa: zero, uno, due sono nomi di numeri nella lingua
italiana ma non nella lingua tedesca o in altre lingue.
Per superare le barriere linguistiche, ma anche per poter utilizzare efficaci algoritmi di
calcolo, comodo indicare i numeri naturali con opportuni simboli grafici: ad esempio
pressoch universale luso dei simboli ! e " per indicare rispettivamente i numeri zero e
uno .
In questa sezione descriviamo la cosiddetta notazione posizionale per i numeri
naturali: si tratta di una convenzione (straordinariamente efficace per lo sviluppo di algoritmi
di calcolo) che dipende da un numero naturale , fissato, detto base, e consente di esprimere
qualsiasi numero naturale mediante luso (eventualmente ripetuto) di al pi , simboli. La pi
diffusa, e comunque quella adottata ovunque in questi appunti, la notazione posizionale in
base dieci, chiamata anche notazione decimale ; ma nel mondo scientifico sono utilizzate
altre notazioni posizionali: quella in base due (detta anche binaria), e quella in base sedici
(detta anche esadecimale) .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 90

Teorema 9.6.1
Sia , un numero naturale maggiore di " .
(3) Per ogni 8 esistono 5 , -! , -" , , -5 tali che
(*)

8 -5 ,5 -5" ,5" -" , -!

con

0 -3 , e -5 0 se 5 ! ;

(33) Se vale la (*), detto ;4 il quoziente della divisione euclidea di 8 per ,4 , -4 il resto
della divisione euclidea di ;4 per ,, per 4 ", , 5 .
In particolare, i numeri naturali 5 , -! , -" , , -5 per i quali vale la (*) sono univocamente
determinati da 8 e da ,
Dimostrazione Proviamo la (3) per induzione su 8, applicando il teorema 2.4.2 . Se 8 , si pu
prendere 5 ! e -! 8; supponiamo dunque che la (3) valga per ogni numero naturale
8 8 e proviamola per 8 . Come si osservato, possiamo supporre che sia 8 ,; sia allora
(per il teorema )
8 ;, -!

con

! -! , .

Poich , ", ; 8 e dunque applicando a ; lipotesi di induzione devono esistere 5 , -" , -# ,


, -5 tali che
; -5 ,5" -5" ,5# -# , -"

con

0 -3 , e -5 0 se 5 " ! ;

allora immediato che

8 ;, -! a-5 ,5" -5" ,5# -# , -" b, -!

-5 ,5 -5" ,5" -" , -!

con

0 -3 , e -5 0 se 5 !

cio la (*), come si voleva.


Per provare la (33), basta scrivere la (*) nella forma

8 a-5 ,54 -5" ,54" -4" , -4 b, 4 -4" , 4" -" , -!

e osservare che
il quoziente della divisione euclidea di 8 per ,4
-5 ,54 -5" ,54" -4" , -4
(bisogna soltanto provare che -4" ,4" -" , -! , 4 , e lo si lascia per esercizio: si
tenga presente che i -= sono tutti numeri naturali strettamente minori di ,, e si proceda per
induzione su 4);
il resto della divisione euclidea di tale quoziente per , -4 .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 91

Sia , un numero naturale maggiore di 1 . Sia 8 un numero naturale, e sia


8 !- 3 , 3
5

con 0 -3 , (cfr. teor. 9.6.1) ..

3!

I numeri -! , -" , , -5 si dicono le cifre della rappresentazione di 8 in base , .

Per scrivere effettivamente i numeri naturali si scelgono innanzitutto dei simboli


grafici per indicare quelli minori di , . convenzione ormai diffusa utilizzare i simboli
!, ", #, $, %, &, ', (, ), *, E, F , G , H, I , J
per indicare, nellordine, i numeri naturali da zero a quindici (di questi, come si gi
detto, si usano solo i primi ,) .
Se 8 !-3 ,3 con 0 -3 , , la notazione posizionale in base , di 8 consiste nello
5

3!

scrivere in sequenza i simboli che rappresentano (nellordine) le cifre -5 , -5" , , -" , -! . Se 8


diverso da zero, si scelgono inoltre -5 , , -! in modo che sia -5 ! ; mentre, come si
gi detto, il numero zero si indica col simbolo !.

Esempio 9.6.2
Sia , dieci. Si ha
quattromilacinquecentosei quattro ,></ cinque ,.?/ zero , sei ;
pertanto quattro, cinque, zero e sei sono (nellordine) le cifre della rappresentazione
in base dieci di quattromilacinquecentosei, che quindi in tale base si indica appunto con la
scrittura %&!' .
Queste cifre si determinano facilmente mediante la (33) del teorema 9.6.1. Infatti
quattromilacinquecentosei quattrocentocinquanta dieci sei ;
quattrocentocinquanta quarantacinque dieci zero ;
quarantacinque quattro dieci cinque ;
quattro zero dieci quattro.

Sia , due. Si ha
quattromilacinquecentosei
uno ,
zero ,?8.3-3 uno , .3/-3 uno , 89@/
9>>9
uno ,
uno ,=/>>/ zero , =/3 zero , -38;?/
uno ,;?+>><9 uno ,></ zero , .?/ uno , zero ;
pertanto uno, zero, uno, uno, uno, uno, zero, zero, uno, uno, zero,
uno e zero sono (nellordine) le cifre della rappresentazione in base due di
quattromilacinquecentosei, che quindi in tale base si indica appunto con la scrittura
"!""""!!""!"! .
.9.3-3

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 92

Queste cifre si determinano facilmente mediante la (33) del teorema 9.6.1. Infatti
quattromilacinquecentosei duemiladuecentocinquantatr due zero ;
duemiladuecentocinquantatr millecentoventisei due uno ;
millecentoventisei cinquecentosessantatr due zero ;
cinquecentosessantatr duaecentoottantuno due uno ;
duecentotottantuno centoquaranta due uno ;
centoquaranta settanta due zero ;
settanta trentacinque due zero ;
trentacinque diciassette due uno ;
diciassette otto due uno ;
otto quattro due uno ;
quattro due due uno ;
due uno due zero ;
uno zero due uno .

Sia , otto. Si ha
quattromilacinquecentosei uno , ;?+>><9 zero , ></ sei , .?/ tre , due ;

pertanto uno, zero, sei, tre e due sono (nellordine) le cifre della rappresentazione
in base otto di quattromilacinquecentosei, che quindi in tale base si indica appunto con la
scrittura "!'$# .
Queste cifre si determinano facilmente mediante la (33) del teorema 9.6.1. Infatti
quattromilacinquecentosei cinquecentosessantatr otto due ;
cinquecentosessantatr settanta otto tre ;
settanta otto otto+sei ;
otto uno otto zero ;
uno zero due " .

Sia , sedici. Si ha
quattromilacinquecentosei uno ,></ uno ,.?/ nove , dieci ;
pertanto uno, uno, nove e dieci sono (nellordine) le cifre della rappresentazione in
base 16 di quattromilacinquecentosei, che quindi in tale base si indica appunto con la
scrittura ""*E .
Queste cifre si determinano facilmente mediante la (33) del teorema 9.6.1. Infatti
quattromilacinquecentosei duecentoottantuno sedici dieci ;
duecentoottantuno diciassette sedici nove ;
diciassette uno sedici uno ;
uno zero sedici uno .

Esempio 9.6.3
Sia , dieci. Allora:
nove si scrive * ; dieci si scrive "! ; trentuno si scrive $" ; trentasette si scrive $( .
Sia , due. Allora:
nove si scrive "!!" ; dieci si scrive "!"! ; trentuno si scrive """"" ; trentasette si
scrive "!!"!" .
Sia , otto. Allora:
nove si scrive "" ; dieci si scrive "# ; trentuno si scrive $( ; trentasette si scrive %& .
Sia , sedici. Allora:
nove si scrive * ; dieci si scrive E ; trentuno si scrive "J ; trentasette si scrive #& .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 93

9.7 - I criteri di divisibilit per i numeri interi.


Come applicazione della teoria sviluppata nella sez. 9.5, dimostriamo i classici criteri
di divisibilit per i numeri interi.

In tutta questa sezione, indichiamo con 7 un numero intero e con 8 un numero intero
positivo. Ci proponiamo di stabilire condizioni necessarie e sufficienti affinch 7 sia
divisibile per 8, ossia (cfr. teorema 9.4.3 ed esercizio 9.4.5) affinch si abbia
7 ! mod 8).
Poich numeri opposti hanno gli stessi divisori, possiamo supporre che sia 7 !.
I nostri criteri faranno riferimento alle cifre della rappresentazione posizionale di 7 in
base "! (cfr. sez. 9.6); sia dunque
7 -5 "!5 -5" "!5" -$ "!$ -# "!# -" "! -! .
Per ogni numero intero +, indicheremo con [+] la classe di resto modulo 8 a cui
appartiene +; possiamo scrivere

[7] [-5 ] ["!]5 [-5" ] ["!]5" [-$ ] ["!]$ [-# ] ["!]# [-" ] ["!] [-! ].

Teorema 9.7.1
Sia -! lultima cifra di 7. Si ha
7 -! mod #)
7 -! mod &)
e
7 -! mod "!).
Pertanto: 7 divisibile per # sse lultima cifra di 7 !, #, %, ' oppure ); 7 divisibile per &
sse lultima cifra di 7 ! oppure &; 7 divisibile per "! sse lultima cifra di 7 !.
Dimostrazione Se 8 # oppure 8 & oppure 8 "!, ["!] [!] e quindi
dalla si ricava che
[7] [-! ]
ossia (cfr. osservazione 9.2.2)

7 -! mod 8).

Le uniche cifre divisibili per # sono !, #, %, ' e ); le uniche cifre divisibili per & sono !
e &; e lunica cifra divisibile per "! !. Lasserto cos completamente provato.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 94

Teorema 9.7.2
Siano -# , -" e -! le ultime tre cifre di 7. Si ha
7 -" ["!] -! mod %)
7 -# ["!]# -" ["!] -! mod )).

Pertanto: 7 divisibile per % sse divisibile per % il numero formato dalle ultime due cifre di
7; 7 divisibile per ) sse divisibile per ) il numero formato dalle ultime tre cifre di 7.
Dimostrazione Dalla si ricava che
[7] [2! ] ["!!!] [-# ] ["!]# [-" ] ["!] [-! ]
[2" ] ["!!] [-" ] ["!] [-! ].
Se 8 ), ["!!!] [!] e quindi
[7] [-# ] ["!]# [-" ] ["!] [-! ];
Se 8 %, ["!!] [!] e quindi
[7] [-" ] ["!] [-! ]
come si voleva.

Teorema 9.7.3
Sia 7 un numero intero, e siano -5 , -5" , -# , -" e -! le cifre di 7. Si ha
7 (-5 -5" -# -" -! mod $)
e

7 (-5 -5" -# -" -! mod *)

Pertanto: 7 divisibile per $ [risp.: per * sse divisibile per $ [risp.: per *] la somma delle
sue cifre.
Dimostrazione Se 8 $ oppure 8 *, ["!] ["] e quindi dalla si ricava
che
[7] [-5 ] ["]5 [-5" ] ["]5" [-# ] ["]# [-" ] ["] [-! ]
[-5 ] [-5" ] [-# ] [-" ] [-! ] [-5 -5" -# -" -! ].
Dallosservazione 9.2.2 segue lasserto.

Osservazione 9.7.4
Sia 8 *.
Per il teorema 9.5.11, se + , - allora anche [+] [, ] [- ]; se + , - allora
anche [+] [,] [- ]; se + , - allora anche [+] [,] [- ]; se + ,; < allora
anche [+] [,][; ] [<]. Attenzione: non vale il viceversa!
Il teorema 9.7.3 giustifica la cosiddetta prova del * per la somma, la sottrazione, la
moltiplicazione e la divisione euclidea.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 95

Esercizio 9.7.5
Sia 8 *.
Si trovino dei numeri interi +, , e - tali che + ,; < ma [+] [, ][; ] [<], mostrando
cos che la prova del * fornisce una condizione necessaria ma non sufficiente per lesattezza
del calcolo.

Esercizio 9.7.6
Si enunci una prova del $ analoga a quella del *. Si pu enunciare analogamente una
prova del # ? E una prova dell ) ? E una prova del "! ? E una prova del ' ?
Perch la pi diffusa la prova del * ?

Teorema 9.7.7
Siano -5 , -5" , , -# , -" e -! le cifre di 7, e supponiamo 5 pari (ponendo -5 ! qualora 7
abbia un numero pari di cifre). Si ha
7 -5 -5" -# -" -! mod "")
ossia
7 -5 -5# -# -! -5" -5$ -" mod "".
Pertanto: 7 divisibile per "" sse divisibile per "" la differenza tra la somma delle sue cifre
di posto dispari e la somma delle sue cifre di posto pari.
Dimostrazione Se 8 "" si ha ["!] ["], da cui (per il teorema 9.5.11)
["!]2 ["]

se 2 dispari

["!]2 ["]

se 2 pari.

Ancora per il teorema 9.5.11, e ricordando che abbiamo scelto -5 in modo che 5 sia
pari, dalla si ricava che
[7] [-5 ] ["]5 [-5" ] ["] [-# ] ["] [-" ] ["] [-! ]
[-5 ] [-5" ] [-# ] [-" ] [-! ] [-5 -5" -# -" -! ].
Dallosservazione 9.2.2 segue lasserto.

Esercizio 9.7.8
Si enunci una prova dell"" analoga a quella del *, discutendone in raffronto vantaggi e
svantaggi

Esercizio 9.7.9
un utile (e facile) esercizio la riformulazione dei criteri di divisibilit visti in questa sezione
con riferimento a basi diverse dalla base dieci (cfr. sez. 9.6). Si enuncino e dimostrino i criteri
di divisibilit per due, tre, quattro, sei, undici, dodici e tredici quando il numero da dividere
scritto in base dodici Si enuncino e dimostrino i criteri di divisibilit per due, quattro, sette,
otto e nove quando il numero da dividere scritto in base otto.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 96

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 97

10.- ALCUNE EQUAZIONI IN 8

In tutto il capitolo 10 supporremo fissato un numero intero positivo 8 ", e per ogni
z indicheremo con [z] la classe di resto modulo 8 a cui appartiene z.

10.1 - Equazioni di primo grado in 8 .


Chi avesse provato a risolvere (procedendo per tentativi, come era ragionevole fare
visti i pochi elementi coinvolti) gli esercizi 9.5.7 e 9.5.8 si dovrebbe essere accorto che
lanello 8 presenta situazioni piuttosto diverse rispetto allanello , del quale peraltro
immagine mediante un omomorfismo fra anelli (come si osservato nella sez. 9.5). Alcune di
queste possono essere facilmente descritte, ed chi che faremo in questo capitolo.
Iniziamo osservando che la risoluzione delle equazioni di primo grado in 8 pu essere
facilmente affrontata applicando le tecniche studiate nella sez. 7.3.

Teorema 10.1.1
Siano +, , , e sia $ MCD(+, 8). Lequazione
[+]B [,]
ha soluzione in 8 se e soltanto se $ divide ,.
In tal caso essa ha esattamente $ soluzioni in 8 , della forma B [B! 2 8$ ] dove 2
varia in tra ! e $ " e (B! , C! ) una qualsiasi soluzione in dellequazione diofantina
+B 8C , .
Dimostrazione Posto B [B], per come si definito il prodotto in 8 si ha
[+]B [,] (cio [+][B] [,] ) se e soltanto se [+B] [,], ossia (per loss. 9.2.2) se e
soltanto se +B , (mod 8); ci equivale a chiedere che esista C tale che +B , 8C
ossia tale che
+B 8C , .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 98

Questa unequazione diofantina le cui soluzioni differiscono da quelle di


+B 8C ,
soltanto per il segno della C. Poich a noi interessa soltanto la B possiamo considerare
questultima equazione: per quanto osservato sopra, dunque, [B! ] soluzione di [+]B [,] se
e soltanto se esiste C! tale che (B! , C! ) soluzione di +B 8C , .
Possiamo applicare adesso i teoremi 7.3.1 e 7.3.4: dal primo deduciamo che lequazione data
ha soluzione in 8 se e soltanto se $ divide ,; dal secondo, che se (B! , C! ) una soluzione
dellequazione
+B 8C , ,
tutte le soluzioni di tale equazione in sono della forma B B! 2 8$ , C C! 2
al variare di 2 e dunque tutte le soluzioni in 8 di [+]B [,] sono della forma
B [B! 2

8
$

+
$

al variare di 2 in . Resta solo da osservare che per 2 !, ", , $ " i numeri della
forma B! 2 8$ danno luogo a $ classi di resto a due a due distinte, mentre per ogni altro
valore intero di 2 si ottiene nuovamente una di tali classi di resto.

10.2 - Divisori dello zero ed elementi invertibili in 8 .


Come si osservato negli esempi 9.5.3 e 9.5.4, in generale negli anelli 8 non vale la
legge di annullamento del prodotto, cio esistono divisori dello zero. Daltro lato, chi avesse
provato a svolgere (per tentativi) gli esercizi 9.5.7 e 9.5.8 si sarebbe accorto che, sempre in
generale, nellanello 8 molti elementi hanno linverso (ossia il simmetrico rispetto al
prodotto, cfr. sez. 4.5) a differenza di quanto accade in (cfr. esempio 4.5.3). Grazie al
teorema 10.1.1 possiamo precisare questa situazione, descrivendo con esattezza in funzione di
8 gli elementi invertibili e i divisori dello zero di 8 .

Teorema 10.2.1
Sia + , e sia [+] [!]. Sono fatti equivalenti:
( 3)

[+] non invertibile in 8 ;

(33)

MCD(+, 8) " ;

(333)

[+] un divisore dello zero in 8 .

Dimostrazione (3) (33).


Baster provare, trattandosi di affermazione equivalente, che se MCD(+, 8) " allora
[+] invertibile in 8 , cio lequazione [+]B [,] ha soluzione in 8 : ma questo segue subito
dal teorema 10.2.1.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 99

(33) (333).
Sia $ MCD(+, 8). Poich $ ", esistono + + e 8 8 tali che + +$ e 8 8$ .
Allora +8 +$ 8 +8, cosicch
[+][8] [+8] [+8] [!]
ma [+] [!] (per ipotesi) e [8] [!] (perch altrimenti sarebbe 8 85 con 5 e dunque
8 8$ 85 $ da cui 5 $ ", assurdo in poich per ipotesi $ "): ci significa appunto
che [+] un divisore dello zero in 8 .
(333) (3).
Sia [,] 8 tale che [,] [!] e [+][,] [!]. Se, per assurdo, [+] fosse
invertibile in 8 , esisterebbe [- ] 8 tale che [- ][+] ["]; allora (ricordando loss. 4.8.4)
si avrebbe che
[,] ["][,] ([- ][+])[,] [- ]([+][,]) [- ][!] [!]
contro quanto ipotizzato su [,].

Corollario 10.2.2
Sia + . Sono fatti equivalenti:
( 3)

[+] invertibile in 8 ;

(33)

MCD(+, 8) "

Dimostrazione (3) (33).


Come sappiamo, questa implicazione equivale al fatto che dalla negazione di (33) si possa
dedurre la negazione di (3); cio al fatto che (33) (3) nel teorema 10.2.1.
(33) (3).
Come sappiamo, questa implicazione equivale al fatto che dalla negazione di (3) si possa
dedurre la negazione di (33); cio al fatto che (3) (33) nel teorema 10.2.1.

Corollario 10.2.3
In 8 esistono divisori dello zero se e soltanto se 8 non un numero primo.
Dimostrazione Se 8 non un numero primo, per il teorema 7.6.1 esistono +,
, diversi da " e da 8 tali che 8 +,. Allora

[+][,] [+,] [8] [!]


con [+], [,] [!], e dunque [+] e [,] sono divisori dello zero in 8 . Infatti se fosse, ad
esempio, [+] [!], sarebbe + 85 con 5 e dunque 8 +, 85, da cui 5, " e
quindi , ", assurdo perch per ipotesi , e , " .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 100

Viceversa, se 8 un numero primo, per nessun + pu accadere che [+] sia un divisore
dello zero. Infatti se [+] fosse un divisore dello zero dovrebbe essere per definizione [+] [!];
inoltre per il teorema 10.2.1 ((333) (33)) sarebbe MCD(+, 8) " ossia (essendo 8
irriducibile per il teorema 7.6.1) MCD(+, 8) 8; ma allora + sarebbe un multiplo di 8 e
quindi avremmo la contraddizione [+] [!].

Corollario 10.2.4
Ogni elemento diverso da [!] di 8 invertibile se e soltanto se 8 un numero primo.
Dimostrazione Se 8 non un numero primo, per il corollario 10.2.3 esistono in 8
divisori dello zero; e nessuno di questi invertibile, per il teorema 10.2.1 ((333) (3)).
Viceversa, supponiamo che 8 sia un numero primo, e sia + tale che [+] !.
Allora + non multiplo di 8, dunque (poich 8 irriducibile per il teorema 7.6.1)
MCD(+, 8) " e quindi [+] invertibile per il corollario 10.2.2.

Corollario 10.2.5
Siano 3, 4, 5 . Se MCD(5 , 8) ", allora
[3][5 ] [4][5 ]

[3] [4] .

Dimostrazione Per il corollario 10.2.2, [5 ] invertibile in 8 , quindi esiste 5


tale che [5 ][5 ] ["]. Dunque dalluguaglianza
[3][5 ] [4][5 ]
moltiplicando a destra ambo i membri per [5 ] si trova che

a[3][5 ]b[5 ] a[4][5 ]b[5 ]

ossia, per la propriet associativa del prodotto,

[3][5 ][5 ] [4][5 ][5 ]

da cui
[3]["] [4]["]
e infine
[3] [4]
come si voleva.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 101

10.3 - La funzione : di Euler.


Questa una sezione tecnica, nella quale definiamo (e in pare studiamo) una
importante funzione \{!}p che svolger un ruolo essenziale nella sez. 10.4.
Sia 8 , 8 ". Si indica con :(8) il numero dei numeri naturali minori di 8 che
sono primi con 8 (cfr. sez. 7.2). La funzione : : \{!}p cos definita nota col nome di
funzione : di Euler in onore del matematico svizzero Leonhard Euler (1707 1783).

Nel resto di questo capitolo, col simbolo : indicheremo sempre la funzione : di Euler.

Esempi
10.3.1 :($) # . Infatti i numeri naturali minori di $ sono: !, " e 2; di questi, due (per la
precisione: " e 2) sono primi con 3.
10.3.2 :(') # . Infatti i numeri naturali minori di ' sono: !, ", 2, $, % e &; di questi, solo
due (per la precisione: " e &) sono primi con '.
10.3.3 :()) % . Infatti i numeri naturali minori di ) sono: !, ", 2, $, %, &, ' e 7; di questi,
quattro (per la precisione: ", $, & e () sono primi con ).
10.3.4 :("&) ) . Infatti i numeri naturali minori di "& sono: !, ", 2, $, %, &, ', (, ), *, "!, "",
"#, "$ e "%; di questi, otto (per la precisione: ", #, %, (, ), "", "$ e "%) sono primi con "&.
10.3.5 :(")) ' . Infatti i numeri naturali minori di ") sono: !, ", 2, $, %, &, ', (, ), *, "!, "",
"#, "$, "%, "&, "' e "(; di questi, soltanto sei (per la precisione: ", &, (, "", "$ e "() sono primi
con ").

Teorema 10.3.6
Se : un numero primo, allora per ogni numero intero positivo 2 si ha
:(:2 ) :2" (: ").
Dimostrazione Contiamo quanti dei numeri naturali minori di :2 non sono primi
con :2 (cio, poich : primo, sono multipli di :). I multipli di : sono tutti e soli i numeri
naturali della forma 5: con 5 ; sono minori di :2 se e soltanto se 5 :2" ", dunque i
valori possibili per 5 vanno da ! a :2" ", cio sono in numero di :2" .
Daltra parte, i numeri naturali minori di :2 vanno da ! a :2 ", cio sono in numero
di :2 .Si cos provato che :(:2 ) :2 :2" :2" (: "), come si voleva.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 102

Teorema 10.3.7
Siano +, , {!}. Se MCD(+, ,) ", si ha
:(+,) :(+):(,).
Dimostrazione Omettiamo la dimostrazione di questo teorema. Questo risultato si
esprime talvolta dicendo che la funzione : di Euler moltiplicativa.

Osservazione 10.3.8
Siano +, , {!}. Se MCD(+, , ) ", non si ha in generale :(+,) :(+):(, ), come si
visto negli esempi 10.3.1, 10.3.2 e 10.3.5. Tuttavia il teorema 10.3.7, grazie al teorema 10.3.6,
consente di calcolare :(8) per ogni numero naturale 8 del quale sia nota lespressione come
prodotto di fattori primi (tale espressione peraltro esiste sempre, in base al teorema 7.6.3).

Esempi
10.3.9 :("&) ) . Infatti "& $ & con MCD($, &) " e dunque per il teorema 10.3.7
:("&) :($) :(&)

teor. 10.3.6

# % ).

10.3.9 :(#(!) (# . Infatti #(! # $$ & e dunque per il teorema 10.3.7


:(#(!) :(#) :($$ ) :(&)

teor. 10.3.6

" ") % (# .

10.3.10 :("(" #(&) (# . Infatti "(" #(& &# "$ "( $" e dunque per il teorema 10.3.7
:("(" #(&) :(&# ) :("$) :("() :($")

teor. 10.3.6

#! "# "' $! ""& #!! .

10.4 - Il teorema di Fermat-Euler.


In questa sezione studiamo lequazione esponenziale
[+]B "
nellincognita B {!}. Notiamo esplicitamente che lesponente B non pu essere un
elemento di 8 : infatti in 8 la scrittura [+][,] non ha senso, come si visto nellesempio 9.5.2.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 103

Osservazione 10.4.1
Sia + . Se lequazione [+]B " ha soluzione in {!}, deve essere MCD(+, 8) " .
Dimostrazione Se esiste B! {!} tale che [+]B! ", anche
[+]B! " [+] [+][+]B! " "
cio [+] invertibile in 8 : dunque per il corollario 10.2.2 deve essere MCD(+, 8) " .

Teorema 10.4.2 (Fermat-Euler)


Sia + . Se MCD(+, 8) ", allora
[+]:(8) " .
Dimostrazione Posto 5 :(8), sia
J { 3" , 3 # , , 3 5 }
linsieme dei numeri naturali minori di 8 che sono primi con 8 .
Posto
X {[3" ], [3# ], , [35 ]}
e
Y {[+3" ], [+3# ], , [+35 ]},
osserviamo in primo luogo che X Y .
Gli elementi di Y sono a due a due distinti: infatti, se [+3= ] [+3> ], cio
[+][3= ] [+][3> ], dal corollario 10.2.5 deduciamo che [3= ] [3> ] e quindi = > perch gli
elementi di X sono a due a due distinti per definizione. Pertanto Y ha 5 elementi, cio tanti
quanti ne ha X: per provare che X Y baster mostrare che Y X.
Sia dunque [+34 ] Y, sia < il resto della divisione euclidea di +34 per 8 (cosicch
[+34 ] [<] per il teorema 9.4.3 e loss. 9.2.2) e sia $ MCD(<, 8). Se fosse $ ",
esisterebbe un numero primo : che divide $ e quindi sia < che 8; per loss. 7.2.3, :
dividerebbe +34 e quindi (essendo : primo) dividerebbe + oppure dividerebbe 34 : assurdo in
ogni caso, perch sia + che 34 sono primi con 8 . Dunque < primo con 8; anche minore di 8
(perch il resto della divisione euclidea di +34 per 8) e quindi appartiene a J, cosicch
[+34 ]( [<]) Y come si voleva dimostrare.
Dunque X Y. Ma allora anche il prodotto di tutti gli elementi di X uguale al
prodotto di tutti gli elementi di Y, cio (ricordando la definizione di prodotto in 8 )
[3" ] [3# ] [35 ] [+3" ] [+3# ] [+35 ] [+] [3" ] [+] [3# ] [+][35 ]
[+]5 [3" ] [3# ] [35 ]
e infine, applicando il corollario 10.2.5,
" [+]5
come si voleva.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 104

Osservazione 10.4.3
Per il teorema 10.4.2, se MCD(+, 8) " allora :(8) una soluzione in {!} dellequazione
[+]B ". Vale la pena di notare che non solo non lunica soluzione ( ovvio infatti che ogni
multiplo di :(8) ancora soluzione) ma in generale non nemmeno la pi piccola. Ad
esempio, per 8 (, si ha [#]$ " con $ ' :(() .

Corollario 10.4.4
Sia 8 un numero primo. Per ogni + ,
[+]8 [+] .
Dimostrazione Se MCD(+, 8) ", lasserto segue dal teorema di Fermat-Euler
moltiplicando per [+] ambo i membri.
Se invece MCD(+, 8) ", deve essere MCD(+, 8) 8 (e quindi + deve essere
multiplo di 8) perch per ipotesi 8 un numero primo. In questo caso, [+] [!] e lasserto
ovvio.

Osservazione 10.4.5
Nel corollario 10.4.4, essenziale lipotesi che 8 sia un numero primo. Ad esempio, per
8 ', si ha che
[#]' [#' ] ['%] [%] [#] .

Esempio 10.4.6
Applicando il teorema di Fermat-Euler, calcoliamo le ultime due cifre della rappresentazione
in base "! di (*'$ . In sostanza, dobbiamo trovare il resto della divisione per "!! di (*'$ , cio il
rappresentante compreso fra ! e ** per la classe di resto modulo "!! a cui appartiene (*'$ .
Lavoriamo dunque in "!! e (poich MCD((, "!!) ") applichiamo il teorema 10.4.2 per
8 "!!. Poich "!! ## &# , :("!!) %! (per i teoremi 10.3.6 e 10.3.7), cosicch
sappiamo che [(%! ] [(]%! " . Poich per a noi interessa [(*'$ ], conviene effettuare la
divisione euclidea di *'$ per %!, ottenendo *'$ #% %! $ . Dunque
[(*'$ ] [(]*'$ [(]%!#%$ [(]%!#% [(]$ ([(]%! )#% [(]$ "#% [($ ] " [(]$ [$%$] [%$] .
Pertanto, la rappresentazione in base "! di (*'$ termina con %$ .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 105

Esempio 10.4.7
Applicando il teorema di Fermat-Euler, calcoliamo il resto della divisione per "" di #'(( . In
sostanza, dobbiamo trovare il rappresentante compreso fra ! e "! per la classe di resto modulo
"" a cui appartiene #'(( .
Lavoriamo dunque in "" e (poich MCD(#, "") ") applichiamo il teorema 10.4.2 per
8 "". Poich "" un numero primo, :("") "! (per il teorema 10.3.6), cosicch sappiamo
che [#"! ] [#]"! " . Poich per a noi interessa [#'(( ], conviene effettuare la divisione
euclidea di '(( per "!, ottenendo '(( '( "! ( . Dunque
[#'(( ] [#]'(( [#]"!'(( [#]"!'( [#]( ([#]"! )'( [#]( "'( [#]( " [#( ] ["#)] [(] .
Pertanto, #'(( diviso "" d resto ( .

10.5 - Cenni sul criptosistema RSA.


Accenniamo in questa sezione al sistema crittografico RSA, che utilizza come
fondamento teorico quanto descritto nelle sezioni precedenti.
Lidea che il signor B. desideri ricevere in sicurezza (cio senza che il significato
venga intercettato da terzi) messaggi da chiunque: ciascun messaggio dovr dunque essere
trasformato (codificato) utilizzando un algoritmo disponibile a tutti; ma lalgoritmo deve
essere tale che nessuno, tranne ovviamente il signor B., possa risalire dal messaggio
modificato al messaggio originale (una tale operazione si dice anche decrittazione del
messaggio).
Questo algoritmo, di fatto lunico finora conosciuto ed efficace con tali caratteristiche,
noto come criptosistema RSA dalle iniziali dei cognomi dei suoi ideatori: Ronald Rinn
Rivest (1947 ), Adi Shamir (1952 ) e Leonard Max Adleman (1945 ), che lo hanno
sviluppato nel 1977 al Massachusets Institute of Technology.
Possiamo supporre che i messaggi da ricevere siano numeri naturali non superiori a un
certo 8! . Il signor B. sceglie due numeri primi :" , :# entrambi maggiori di 8! (e
comunque molto grandi, nel senso che il prodotto :" :# non possa essere fattorizzato in
tempo ragionevole; generalmente si considera adeguato un ordine di grandezza di "!(& ) e un
numero naturale = primo con :(:" :# ) (cio con (:" ")(:# ")). Poich il signor B. conosce
:" e :# , pu calcolare linverso > di = in :(:" :# ) (tale inverso esiste per il corollario 10.2.2). Egli
rende pubblici il prodotto :" :# e il numero naturale =; da queste informazioni, gli altri non
hanno modo di ricavare :" e :# , quindi :(:" :# ), e quindi nemmeno >.
Adesso vediamo come pu operare chi desidera inviare in sicurezza al signor B. un
messaggio, cio un numero naturale + minore di 8! (che possiamo identificare con la classe di
resto modulo 8! che esso rappresenta). Semplicemente, il mittente calcola (e trasmette)
+= (mod :" :# ) .
Il signor B. non deve far altro che elevare il numero ricevuto alla potenza >.
Ricordiamo che > linverso di = in :(:" :# ) , cio

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 106

ossia esiste 5 tale che => :(:" :# ) 5 " . Ne segue che in :(:" :# ) (e quindi anche in
8 ) si ha
!

a+= b> +=> +:(:" :# )5" +:(:":# )5 + a+:(:":# ) b + "5 + +


5

ricordando che + minore di 8! e quindi sia di :" che di :# (entrambi primi), cosicch
certamente MCD(+, :" :# ) " .
.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 107

11.- CARDINALIT

11.1 - Equipotenza.
Siano A, B insiemi.
Si dice che A equipotente a B se esiste una corrispondenza biunivoca tra A e B.

Osservazione 11.1.1
Ogni insieme equipotente a se stesso.
Dimostrazione Sia A un insieme: la funzione idA definita in 3.4.3 una
corrispondenza biunivoca tra A e A.

Osservazione 11.1.2
Siano A, B insiemi. Se A equipotente a B, allora B equipotente ad A.
Dimostrazione Se f:A B una corrispondenza biunivoca, f " :B A una
corrispondenza biunivoca (cfr. 3.6).

Osservazione 11.1.3
Siano A, B, C insiemi. Se A equipotente a B e B equipotente a C, allora A equipotente a
C.
Dimostrazione Se f : A B e g : B C sono corrispondenze biunivoche, g f :
A C una corrispondenza biunivoca (cfr. esercizio 3.7.5).

11.2 - Cardinalit.
Per quanto osservato in 11.1.1, 11.1.2 e 11.1.3, in ogni insieme i cui elementi siano
insiemi la relazione di equipotenza (definita in accordo con 11.1) una relazione di
equivalenza. Questo fatto suggerisce intuitivamente che tutti gli insiemi tra loro equipotenti
abbiano in comune una propriet astratta, che diremo cardinalit. Osserviamo esplicitamente

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 108

Per misurare la cardinalit di un insieme dovremo considerare degli


insiemi campione a due a due non equipotenti. Per ogni numero naturale 8, sia
I8 B / 1 B 8.
Gli insiemi I8 , linsieme e linsieme sono tutti a due a due non equipotenti (cfr. teorema
11.3.3).

Sia A un insieme. Se A equipotente a I8 per un certo numero naturale 8, diremo che


ha cardinalit 8 e scriveremo |A| 8. Se A equipotente a , diremo che ha cardinalit i!
(si legge: aleph con zero) oppure che numerabile e scriveremo |A| i! . Se A equipotente
a , diremo che ha la potenza del continuo e scriveremo |A| - .
Linsieme A si dice finito se equipotente a I8 per un certo numero naturale 8; si dice
infinito se non finito.

Esempio 11.2.1
Il sottoinsieme di costituito dai numeri pari ha cardinalit i! .
Dimostrazione La funzione definita in 3.4.1 una corrispondenza biunivoca tra e
linsieme dei numeri naturali pari.

Raccogliamo qui di seguito alcuni importanti risultati sulla cardinalit degli insiemi; si
vedano anche i teoremi 11.3.2, 11.3.3 e 11.3.5.

Teorema 11.2.2
| | i! .
Dimostrazione Omettiamo la dimostrazione di questo teorema.

Teorema 11.2.3
Se |A| 8 con 8 , si ha |c (A)| 28 .
Dimostrazione Si veda il teorema 12.4.7.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 109

Teorema 11.2.4
Siano A, B insiemi finiti, con |A| 8 e |B| 7 (8, 7 ). Si ha
|A B| |A| |B| |A B|

|A B| 87 .

Dimostrazione Omettiamo la dimostrazione di questo teorema.

Teorema 11.2.5
Il sottoinsieme (0, 1) di equipotente a .
Dimostrazione facile verificare che la funzione
f(x) 1x 12
una corrispondenza biunivoca tra (0, 1) e ( 12 , 12 ). Daltro lato, noto dallo studio della
trigonometria che la funzione tg(x) (tangente trigonometrica) una corrispondenza
biunivoca tra ( 12 , 12 ) e . Per losservazione 11.1.3 si ha lasserto.

11.3 - Confronto tra cardinalit.


Siano A, B insiemi.
Se A equipotente a un sottoinsieme di B, scriveremo A B (si dice talvolta in
questo caso che B domina A). Se A B e A non equipotente a B, scriveremo A B.
In ogni insieme i cui elementi siano insiemi, definisce una relazione evidentemente
riflessiva e transitiva. Tale relazione non pu in generale essere per antisimmetrica; infatti, se
A, B sono insiemi distinti equipotenti si ha A B e B A ma A B. Vale comunque il
seguente famoso teorema, la cui dimostrazione esula dai limiti di questi appunti:
Teorema 11.3.1 (Schroder-Bernstein)

Siano A, B insiemi. Se A B e B A, allora A e B sono equipotenti.

Teorema 11.3.2
Se A un insieme infinito, e B un insieme tale che B A, si ha |A B| |A B| |A|.
Dimostrazione Omettiamo la dimostrazione di questo teorema.

Teorema 11.3.3
|c ()| - .

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 110

Mostriamo ora che esistono infinite cardinalit infinite.

Teorema 11.3.4 (Cantor)


Per ogni insieme A, A c (A).
Dimostrazione - La funzione che allelemento x di A associa lelemento x di c (A)
evidentemente una corrispondenza biunivoca tra A e un sottoinsieme di c (A); dunque,
A c (A). Resta da provare che A non equipotente a c (A).
In effetti, non pu esistere alcuna funzione suriettiva da A a c (A). Sia infatti f :
A c(A). Posto
X a A / a f(a)
non esiste alcun elemento x in A per il quale si abbia f(x) X. (Per un tale x non potrebbe
essere x X, perch ne seguirebbe x f(x) X, n x X, perch -essendo X f(x)- ne
seguirebbe x X).

Teorema 11.3.5
.
Dimostrazione - Lasserto segue immediatamente dai teoremi 11.3.3 e 11.3.4.

Esiste un insieme A tale che A ? La supposizione che un tale insieme non


esista nota come ipotesi del continuo. Lipotesi generalizzata del continuo afferma che per
nessun insieme infinito X esiste un insieme A tale che X A c (X).

Esercizio 11.3.6
Siano A, B insiemi, e siano A, B insiemi equipotenti rispettivamente ad A e B. Si provi che
A B se e solo se A B. Se ne deduca che lecito convenire di scrivere |A| |B| quando
A B.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 111

12.- ELEMENTI
DI CALCOLO COMBINATORIO

12.1 - Introduzione.
Sia dato un numero finito 8 di oggetti (8 ). A partire da questi, si possono con vari
criteri individuare raggruppamenti (espressione volutamente vaga, che potremo precisare
solo caso per caso) di 5 oggetti (5 ). Ad esempio:
scegliere 5 oggetti, anche ripetuti;
scegliere 5 oggetti tutti distinti fra loro (in questo caso dovr essere 5 8);
come sopra, e inoltre stabilire un ordinamento degli oggetti scelti.
In ciascuno di questi casi, fissato cio un certo criterio di formazione dei
raggruppamenti, ha interesse chiedersi quanti distinti raggruppamenti si possono formare col
criterio dato (che cosa si debba intendere per distinti dipende dal criterio di formazione
scelto). Il calcolo combinatorio risponde a questa domanda, fornendo in funzione di 8 e 5 il
numero dei raggruppamenti distinti che si possono formare in base a ciascuno dei criteri
sopra elencati.
In tutto questo capitolo, supporremo fissato un insieme finito A8 +" , +# , , +8 .
ovvio, e lo osserviamo una volta per tutte, che quanto diremo non dipende in alcun modo dalla
natura degli elementi +" , +# , , +8 ma solo dal numero naturale 8; in particolare, non
perdiamo in generalit nel ragionamento etichettando gli elementi di A8 con i numeri
naturali da " a 8 (come abbiamo fatto apponendovi lindice).

12.2 - 5 -disposizioni con ripetizione.


Il Totocalcio un concorso a premi istituito in Italia nel 1946, il cui obiettivo la
previsione degli esiti di 14 partite di calcio riportate, ogni settimana, nel tagliando di gioco
denominato schedina. Per ogni partita si deve marcare 1 se si prevede la vittoria della
squadra che gioca in casa, X se si prevede un pareggio, 2 se invece si prevede la vittoria della
squadra ospite. La sequenza di 14 previsioni detta un pronostico.
Quanti pronostici bisogna giocare per essere sicuri di indovinarli tutte e 14 le
previsioni? Tutti quelli possibili, ovviamente. E quanti sono?

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 112

Abbiamo qui un insieme di tre oggetti (i simboli ", X, #: usandoli anche


ripetutamente dobbiamo formare tutti i possibili raggruppamenti di "% oggetti ordinati in tutti i
modi possibili. Il primo oggetto pu essere scelto in tre modi diversi. Poich ogni oggetto pu
apparire anche pi volte, per ciascuna di queste tre scelte ve ne sono tre possibili per il
secondo oggetto; per ciascuna delle nove $ $) possibilit cos ottenute ve ne sono tre per
la scelta del terzo oggetto; e cos via, ottenendo in tutto $ $ $ $"% %.()#.*'*)
possibili colonne del Totocalcio. Formalizziamo ora questo ragionamento per il caso
generale.

Sia 5 un numero naturale.


Si dice 5 -disposizione (con ripetizione) di +" , +# , , +8 (o anche disposizione di
+" , +# , , +8 a 5 a 5 ) ogni 5 -pla ordinata di elementi di A8 (cio ogni elemento del prodotto
cartesiano (A8 5 .

Naturalmente lespressione con ripetizione (che infatti abbiamo scritto fra parentesi)
sta ad indicare la possibilit, non lobbligatoriet che qualche elemento di A8 compaia pi
volte nella 5 -pla; le ripetizioni sono forzate solo se 5 8 (come nellesempio sopra).

Teorema 12.2.1
Sia 5 un numero intero positivo.
Il numero delle 5 -disposizioni (con ripetizione) di +" , +# , , +8 85 .
Dimostrazione Si tratta di provare che |(A8 5 | 85 . Ci si prova facilmente per
induzione su 5 osservando che per due insiemi finiti A, B si ha |A B| |A| |B|.

Esercizio 12.2.2
Il codice di accesso a una banca dati una sequenza ordinata di cinque caratteri alfanumerici
(lettere dellalfabeto inglese e cifre). Quanti sono i codici possibili?
Soluzione Sono tanti quante le disposizioni con ripetizione di $' #' "!)
oggetti a & a &, cio $'& '!.%''."('.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 113

Esercizio 12.2.3
In una nazione, le automobili sono targate con sequenze ordinate di sei cifre; in unaltra, con
sequenze ordinate di cinque caratteri alfanumerici escludendo le lettere I, O, Q, B che
possono dar luogo ad ambiguit di lettura da lontano. Quante auto possono essere targate con
questi metodi?
Soluzione Col primo metodo si possono targare "!' ".!!!.!!!) auto; col
secondo, $#& $$.&&%.%$#.

12.3 - 5 -disposizioni semplici.


Supponiamo che ad una gara di atletica partecipino otto atleti. Quante sono le possibili
disposizioni degli atleti sul podio al termine della gara? Prescindiamo naturalmente dalle
capacit agonistiche degli atleti.
Abbiamo qui un insieme di otto elementi (gli atleti) con i quali dobbiamo formare tutti
i possibili raggruppamenti costituiti da tre elementi distinti ordinati in tutti i modi possibili. Il
primo atleta pu essere scelto in otto modi diversi; per ciascuna di queste otto scelte ve ne
sono sette possibili per il secondo; per ciascuna delle &' ( )) possibilit cos ottenute ve
ne sono ' per la scelta del terzo atleta. Si ottengono in tutto ) ( ' $$' possibili
disposizioni.
Le disposizioni che abbiamo considerato con questo esempio sono particolari
5-disposizioni: in esse infatti gli elementi che compaiono sono tutti distinti; esse si dicono
5-disposizioni semplici. Ne diamo adesso la definizione precisa.

Sia 5 un numero naturale minore o uguale a 8.


Si dice 5 -disposizione semplice di +" , +# , , +8 (o anche disposizione semplice di
+" , +# , , +8 a 5 + 5 ) ogni 5 -pla ordinata di elementi di A8 tutti distinti fra loro.
Quante sono le 5 -disposizioni semplici di 8 oggetti? A differenza di quanto avviene
per le disposizioni con ripetizione, nel formare una 5 -disposizione semplice si pu scegliere in
8 modi diversi soltanto il primo elemento; per la scelta del secondo si hanno 8 " possibilit,
per quella del terzo 8 #, e cos via fino al 5 -simo per il quale si hanno soltanto 8 (5 ")
possibilit. Esistono perci in tutto 8 (8 ") (8 5 ") 5 -disposizioni semplici di 8
oggetti. Questo ragionamento pu essere formalizzato procedendo per induzione, come adesso
vedremo.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 114

Teorema 12.3.1
Sia 5 un numero intero positivo minore o uguale a 8.
Il numero delle 5 -disposizioni semplici di +" , +# , , +8 8 (8 ") (8 5 ").
Dimostrazione Indichiamo con D5 il numero delle 5 disposizioni semplici degli
8 oggetti dati. Osserviamo in primo luogo che per ogni 5 8 si ha
(*)
D5" (8 5 ) D5
Basta osservare che da ogni 5 disposizione semplice di +" , +# , , +8 si pu ottenere
una (5 ") disposizione semplice aggiungendo uno dei restanti 8 5 elementi: con
questa costruzione, ogni 5 disposizione semplice d luogo a 8 5 (5 ") disposizioni
distinte; daltro lato, 5 disposizioni semplici distinte danno certamente luogo a
(5 ") disposizioni semplici distinte, perch differiscono in uno dei primi 5 elementi.
Resta cos provata la (*).
Proviamo allora lasserto procedendo per induzione su 5 . Se 5 ", immediato che le
"-disposizioni semplici di +" , +# , , +8 sono 8. Supponiamo allora (ipotesi di induzione) che
le 5 disposizioni semplici siano 8 (8 ") (8 5 "); per quanto sopra osservato,
le 5 disposizioni semplici di +" , +# , , +8 sono (8 (8 ") (8 5 ") (8 5 ),
come si voleva.

Esercizio 12.3.2
Quante bandiere tricolori (formate da tre bande verticali colorate) si possono formare con
cinque colori assegnati?
Soluzione La risposta & % $ '!.

Particolare importanza riveste il caso 5 8: il problema non in questo caso quello di


scegliere gli elementi (vanno presi tutti! ma quello di ordinarli. Il numero dei modi distinti in
cui ci si pu fare
8 (8 ") $ # ", cio il prodotto dei primi 8 numeri naturali:
tale numero si indica con
8! (leggi: 8 fattoriale.

Osservazione 12.3.3
Ricordiamo (cfr. 2.4) che si dice permutazione su A8 ogni corrispondenza biunivoca
A8 A8 . Ogni permutazione 1 di A8 individua una 8-disposizione semplice di +" , +# , , +8 ,
precisamente la
1(+" , 1(+# , , 1(+8 ;

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 115

Con la notazione sopra introdotta, e ponendo per comodit !! ", possiamo


riformulare lenunciato del teorema 12.3.1:

Teorema 12.3.4
Sia 5 un numero intero positivo minore o uguale a 8.
Il numero delle disposizioni semplici di 8 oggetti a 5 a 5

8!
(85 )! .

In particolare, il numero delle permutazioni su 8 oggetti 8!.

Esercizio 12.3.5
Quante sono le possibili classifiche finali di un campionato di calcio a #! squadre?
Naturalmente prescindiamo, anche qui, dalle capacit agonistiche delle squadre.
Soluzione La risposta : #!! #,%$$ "!") .

Esercizio 12.3.6
Una certa emittente televisiva privata trasmette solo film. In quanti modi diversi pu
organizzare un palinsesto di & film scegliendoli tra ( titoli?
(!

Soluzione La risposta #! ( ' & % $ #.&#!).

Esercizio 12.3.7
Quanti anagrammi (a prescindere dal senso) si possono ottenere dalla parola ramo? E quanti
dalla parola mamma?
Soluzione Gli anagrammi di ramo sono tanti quante le permutazioni su % oggetti,
ossia %! #%). Se anagrammiamo la parola mamma, non ha senso distinguere fra loro gli
anagrammi che differiscono per una permutazione sulle tre m, o quelli che differiscono per
una permutazione sulle due a.
&!

Si ottengono dunque $!#! anagrammi distinti.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 116

12.4 - 5 -combinazioni semplici.


Il Superenalotto un concorso a premi istituito in Italia nel 1997, il cui obiettivo la
previsione di 6 numeri interi estratti senza reimbussolamento (17) fra quelli dellintervallo
[", *!] (cfr. 4.3). I 6 numeri vanno riportati nel tagliando di gioco, usualmente denominato
schedina. Linsieme dei 6 numeri riportati su ciascuna schedina detto un pronostico.
Quanti pronostici bisogna giocare per essere sicuri di indovinare tutti e 6 i numeri
estratti? Tutti quelli possibili, ovviamente. E quanti sono?
Si noti che i numeri su ciascuna schedina vengono disposti in ordine strettamente
crescente: ci significa che dobbiamo formare tutti i possibili raggruppamenti di 6 numeri
distinti (scelti tra " e *!) senza poterli distinguere in base allordine in cui vengono scritti
(perch tale ordine resta univocamente determinato dalla scelta dei numeri).
Sia 5 un numero naturale minore o uguale a 8.
Si dice 5 -combinazione semplice di +" , +# , , +8 (o anche combinazione semplice di
+" , +# , , +8 a 5 a 5 ) ogni 5 -pla ordinata (+3" , +3# , , +38 per la quale sia 3" 3# 35 .
utile (lo vedremo pi avanti) formalizzare la definizione di 5 -combinazione semplice
utilizzando, come abbiamo fatto, la nozione di 5 -pla ordinata; bisogna per aver ben chiaro
che lordinamento determinato dagli elementi, e quindi le 5 -combinazioni semplici sono
individuate solo dalla scelta degli elementi, e non dal loro ordinamento. Lo ribadiamo col
seguente teorema:

Teorema 12.4.1
Le 5 -combinazioni semplici di +" , +# , , +8 sono in corrispondenza biunivoca con i
sottoinsiemi di +" , +# , , +8 che hanno cardinalit 5 .
Dimostrazione Sia V linsieme delle 5 -combinazioni semplici di +" , +# , , +8 , e
sia f linsieme dei sottoinsiemi di A8 formati da 5 elementi.
Sia f : V f la funzione che alla 5 -combinazione semplice (+3" , +3# , , +35 associa
linsieme +3" , +3# , , +35 (poich per ipotesi 3" 3# 35 , gli elementi +3" , +3# , , +35
sono tutti distinti e dunque effettivamente +3" , +3# , , +35 f ).
Proviamo che f suriettiva: se +4" , +4# , , +45 f , riordinando opportunamente i
suoi elementi possiamo ottenere una 5 -combinazione semplice, la cui immagine mediante f
proprio +4" , +4# , , +45 .
Proviamo infine che f iniettiva: 5 -combinazioni semplici che hanno la stessa
immagine mediante f sono formate dagli stessi elementi; poich tali elementi possono essere

17

Ci significa che il primo numero viene estratto fra i 90 numeri interi compresi nellintervallo [", *!],
il secondo fra gli 89 numeri interi restanti, il terzo fra gli 88 numeri interi restanti, e cos via. In particolare, i 6
numeri interi estratti sono a due a due diversi fra loro.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 117

Teorema 12.4.2
Sia 5 un numero naturale minore o uguale a 8.
n!

Il numero delle 5 -combinazioni semplici di +" , +# , , +8 k!(85 )! .


Dimostrazione Sia W linsieme delle 5 -disposizioni semplici di +" , +# , , +8 .
Definiamo in W la seguente relazione:
(+3" , +3# , , +35 (+4" , +4# , , +45
se e solo se esiste una permutazione 1 su 3" , 3# , , 35 tale che
1(3" 4" , 1(3# 4# , , 1(35 45 .
Si verifica facilmente che una relazione di equivalenza su W, e che ogni 5 -combinazione
semplice appartiene ad una e una sola classe di equivalenza. Ogni classe di equivalenza ha 5 !
elementi (perch le permutazioni su 5 oggetti sono 5 !, cfr. 12.3.4), dunque le classi di
equivalenza sono
|W |
8!
5 ! 5 !(85 )! .

Questo anche il numero delle 5 -combinazioni semplici di +" , +# , , +8 .

Sia 5 un numero naturale minore o uguale a 8. Il numero


8!
5 !(85 )!

si indica con 5 (leggi: 8 su 5 . Tutti i numeri della forma 5


coefficienti binomiali.
8

(con 5 8) si dicono

Possiamo cos riformulare il teorema 12.4.2:


Teorema 12.4.3
Sia 5 un numero naturale minore o uguale a 8.
Il numero delle 5 combinazioni semplici di +" , +# , , +8

85 .

Esempio 12.4.4
Il numero delle possibili estrazioni senza reimbussolamento di 6 numeri interi nellintervallo
[", *!]

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 118

Il teorema che segue espone le relazioni pi importanti che intercorrono fra i


coefficienti binomiali: su di esse, fra laltro, fondata la regola pratica per il calcolo dei
coefficienti binomiali.

Teorema 12.4.5
8
85 85
;

Sia 5 un numero naturale minore o uguale a 8. Si ha


(+ )

(- ) 5 5

(, )

8 8"

5" ;

8
5

(. )

8"
5

8"
5"

8! ".

Dimostrazione Si tratta di semplici verifiche.


8
85

Proviamo la (+).

8!
8!
8!
(85 )!(8(85 )! (85 )!5 ! 5 !(85 )!

8"
8"

5
5"

85 .

Proviamo la (,). Si ha

(8")!
(8")!
5 !(85")! (5")!(85 )! .

Riduciamo allo stesso denominatore le due frazioni al secondo membro; a tale scopo,
85

moltiplichiamo la prima per 85 e la seconda per 5 .


Si ottiene
(8")!(85 )
(8")!5
(8")!(855 )
8!
5 !(85 )!
5 !(85 )! 5 !(85 )!
5 !(85 )!

5 5

(8")!
8!
8!
8"
5 !(85 )! (5")!(85 )! 8 (5")!(85 )! 8 5"

Proviamo la (- ). Si ha
8

85 .

Proviamo infine la (. ). Si ha

8!

8!
8!
!!(8!)! 8! ".

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 119

Applicando le relazioni espresse dal teorema 12.4.5 si costruisce il triangolo di


Tartaglia (detto anche triangolo di Pascal), riportando su righe successive i coefficienti
binomiali 85 in modo che (numerando le righe con !, ", #, la riga 8-sima consista
nellordine dei numeri 8! , 8" , , 88 .
Precisamente:
Il primo e ultimo numero di ogni riga " (per la (- ) del teorema 12.4.5, tenendo conto
della (+);
Ogni numero di ciascuna riga, eccetto il primo e lultimo, la somma dei due numeri
immediatamente soprastanti (per la (,) del teorema 12.4.5);
Lo schema simmetrico rispetto a un asse di simmetria verticale (per la (+) del teorema
12.4.5).
"
"
"
"
"
"
"

#
$

&
'

"
$
'

"!
"&

"
"
%
"!

#!

"
&

"&

"
'

"

.................................

Teorema 12.4.6
Se +, , e 8 !, si ha

8 8"
(+ ,)8 8! +8 8" +8" , 8"
+,
88 , 8 !
8

5!

8
5

+85 , 5 .

Dimostrazione Valutiamo (+ ,) . Si ha
(+ ,)8 (+ ,) (+ , ) (+ , )

(8 volte).

Lespressione al secondo membro si sviluppa nella somma di prodotti ottenuti scegliendo uno
dei due termini +, , per ciascuno degli 8 fattori in tutti i modi possibili. Tali prodotti, per la
propriet commutativa della moltiplicazione, si possono scrivere tutti nella forma +5 ,85
(notiamo che la somma degli esponenti deve essere 8).
Fissiamo lattenzione su un particolare valore di 5 : quante diverse scelte dei termini +, ,
danno luogo al prodotto +5 ,85 ? Etichettiamo ogni fattore (+ ,) con un +3 (3 ", , 8);
ogni scelta che comprende esattamente 5 volte + corrisponde a un sottoinsieme di A8 di
cardinalit 5 (formato da quei 5 elementi che etichettano i fattori dai quali stato scelto
+: dunque (per 12.4.1 e 12.4.3) nello sviluppo di (+ , )8 vi sono esattamente 85
termini della forma +5 ,85 . Da ci segue lasserto.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 120

Dimostrazione alternativa Possiamo in alternativa procedere per induzione su 8 .


Lasserto ovvio se 8 ", dunque supponiamo sia vero per 8 e proviamolo per 8 " . Si ha
che
(+ ,)8" (+ , )8 (+ , ) ! 85 +85 , 5 (+ , )
8

5!

! 85 +85" ,5 ! 85 +85 ,5"


8

5!

5!

Posto 2 5 ", da cui 5 2 ", si ha


! 8 +85 ,5" ! 8 +82" ,2
5
2"
8

8"

5!

2"

e scrivendo di nuovo 5 in luogo di 2 si trovato che


8 85" 5
(+ ,)8" ! 85 +85" ,5 ! 85 +85 ,5" ! 85 +85" ,5 ! 5"
+
,
8

8"

5!

5!

5!

5"

8 85" 5
8! +8" ,! ! 85 5"
+
, 88 +! ,8"
8

5"

(per la (,) del teorema 12.4.5)


+85" ,5 88 +! ,8" ! 85 +8"5 ,5
8! +8" ,! ! 8"
5
8

8"

5"

5!

cio lasserto per 8 ", come si voleva.


I numeri della forma 85 con 8, 5 e 5 8 si dicono coefficienti binomiali
proprio perch compaiono come coefficienti nello sviluppo della potenza 8-sima del binomio
+,.

Teorema 12.4.7
|c (A8 | #5 .

Dimostrazione Per ogni numero naturale 5 8, esistono esattamente 85


sottoinsiemi di A8 aventi cardinalit 5 (cfr. 12.4.1 e 12.4.3). Dunque,
8
|c (A8 | ! 8 .
5!

Daltro lato, applicando il teorema 13.4.6 con + , ", si ottiene

! 8 ! 8 "85 "5 (" ")8 #8 .


5
5
8

5!

5!

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 121

13.5 - 5 -combinazioni con ripetizione.


Supponiamo di avere a disposizione una quantit illimitata di palline di tre colori:
rosso, verde, azzurro. Quanti sacchetti diversi di sette palline possiamo formare? (Due
sacchetti si considerano diversi se differiscono per il numero delle palline di uno almeno dei
tre colori). chiaro che questo non pu essere interpretato come un problema di disposizioni
dei tre colori dati (lordine delle palline non conta!; non si tratta per nemmeno di
combinazioni semplici, perch i colori possono (in questo esempio, devono) essere ripetuti.
Se lesempio delle palline colorate sembra troppo frivolo, si pensi a questaltro
problema: quanti termini ha il polinomio omogeneo generale di grado sette nelle tre
indeterminate x, y, z? La risposta data dal numero dei monomi diversi della forma x! y" z#
con !, " , # e ! " # (; ciascuno di questi monomi un sacchetto di sette lettere
scelte tra x, y, z. Questo problema ha dunque la stessa soluzione del precedente.
Sia 5 un numero intero positivo.
Si dice 5 -combinazione con ripetizione di +" , +# , , +8 (o anche combinazione con
ripetizione di +" , +# , , +8 a 5 a 5 ) ogni 5 -pla ordinata (+3" , +3# , , +35 per la quale sia
3" 3 # 3 5 .
Notiamo che in questa definizione, come gi in quella di 5 -combinazione semplice, la
scelta degli elementi +34 determina il loro ordinamento; solo tale scelta caratterizza dunque le
5-combinazioni.

Teorema 13.5.1
Sia 5 un numero intero positivo.
Il numero delle 5 -combinazioni con ripetizione di +" , +# , , +8

85"
.
5

Dimostrazione Sia V r linsieme delle 5 -combinazioni con ripetizione di


+" , +# , , +8 , e sia ^ linsieme delle 5 -combinazioni semplici di ", #, , 8 5 ".
Per provare lasserto, sar sufficiente dimostrare che la funzione f : (A8 5 5 che alla 5 -pla
ordinata (+3" , +3# , , +35 associa la 5 -pla ordinata (3" , 3# ", 3$ #, , 35 5 ") una
corrispondenza biunivoca tra V r e ^.
Osserviamo in primo luogo che f(V r ^. In effetti, se
" 3" 3 # 3 $ 3 5 8 ,
si ha certamente
" 3" 3 # " 3 $ # 3 5 5 " 8 5 " .
Inoltre, f iniettiva (se due 5 -combinazioni con ripetizione differiscono per la 4-sima
componente, ci avviene anche per le corrispondenti (8 5 ")-combinazioni). Resta da
provare che f suriettiva. Sia (4" , 4# , , 45 ^; allora
" 4" 4# 45 8 5 ",
da cui
" 4" 4# " 4$ # 45 5 "
e quindi
(+4" , +4# " , +4$ # , , +45 " V r ;

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 122

Siamo in grado ora di risolvere il problema (anzi, i due problemi) da cui eravamo
partiti.

$("
*( $'.
(

La risposta

Esercizio 12.5.2
Quanti sono i numeri di ' cifre nei quali ogni cifra maggiore o uguale alla successiva? (Sono
esempi di tali numeri: (&&%#!, &&&&&&, '&%$"".
Soluzione I numeri considerati restano individuati dalle '-combinazioni con
ripetizione delle "! cifre (bisogna escludere la (!, !, !, !, !, !), che non corrisponde a un
numero di sei cifre); sono dunque

"!'"
" "&
" &!!%.
'
'

12.6 - Esercizi di ricapitolazione.


12.6.1
dato un insieme finito X. Se il numero dei sottoinsiemi di X che hanno cardinalit & uguale
al numero dei sottoinsiemi di X che hanno cardinalit $, qual la cardinalit di X?
Soluzione Sia |X| 8. Per ipotesi, &

8$ , ossia

8(8")(8#)(8$)(8%)
8(8")(8#)

&%$#
$#

da cui

(8 $) (8 %) #!.

Tale equazione di secondo grado nellincognita 8 ha la sola radice positiva 8 ). Dunque


X ).

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 123

12.6.2
Sono dati nel piano "! punti, fra i quali non ve ne sono tre allineati. Quante rette si ottengono
congiungendoli a due a due? Quanti triangoli hanno tutti i vertici fra quei punti?
Soluzione Due punti individuano una retta; poich fra i punti dati non ve ne sono
tre allineati, coppie distinte di punti individuano rette distinte. Dunque si ottengono

"!
%&
#

rette.

"!
"#!.
$

I triangoli sono individuati dalla scelta dei vertici; il loro numero quindi

12.6.3
Quanti sono gli ambi che si possono giocare al lotto? Quanti di essi vengono estratti su ogni
ruota? E i terni? E le cinquine?
%!!&. Di questi ne
Soluzione Gli ambi che si possono giocare sono *!
#
&
vengono estratti su ogni ruota # "!.

""(.%)!. Di questi ne vengono estratti su ogni


I terni che si possono giocare sono *!
$
&
ruota $ "!.
%$.*%*.#'). Di queste ne viene estratta una
Le cinquine che si possono giocare sono *!
&
su ogni ruota.

M. Barlotti appunti di Algebra per linsegnamento di Matematica discreta e Logica v. 2.0 Pag. 124