You are on page 1of 32

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova

Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Dinamica
Studia i nessi di causalit che esistono tra il moto dei corpi
e le grandezze fisiche che li generano.
Questi nessi sono contenuti negli enunciati dei
3 principi fondamentali della dinamica:
1.
2.
3.

Principio di Inerzia o legge di Galileo


Legge di Newton
Principio di azione e reazione

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Dallesperienza quotidiana: un corpo si muove solo se soggetto ad una spinta o


trazione.
Spinta per comprimere una molla o trazione per allungarla
Manovra a spinta per i treni
Una sfera perfetta, su piano orizzontale non si muove, se non le viene
applicata una spinta.
La stessa sfera, lasciata libera in aria, risente di una attrazione da parte della
terra che fa s che essa si muova verso la superficie terrestre.
La spinta implica una interazione tra due sistemi in generale.
2 tipi di spinte o interazioni:
a contatto ( reazioni vincolari normali o tangenziali )
a distanza ( Interazioni gravitazionale, elettrica o magnetica )

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Definiamo questa grandezza fisica

Forza
E la grandezza fisica che esprime e misura linterazione tra sistemi fisici

Primo principio
Enunciato di Galileo
Ciascun corpo persevera nel proprio stato di quiete o di
moto rettilineo ed uniforme eccetto che sia costretto a
mutare quello stato da forze impresse.
Parafrasi :

Ciascun corpo persevera nel proprio stato di quiete o di


moto rettilineo ed uniforme finch non interviene una
qualsiasi forza ad alterare il suo stato cinetico
3

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

F genera movimento, velocit. Se varia la velocit esiste un accelerazione .


Che legame c tra F ed a ? Il metodo sperimentale ci insegna:
bisogna misurare F per poter definire quantitativamente
ed analiticamente il legame tra F ed a .
Qualsiasi oggetto,sottoposto a forze di contatto si deforma.
Se si applica una forza F1 ad un sistema,
dovremo applicare un forza F2 in verso opposto ad F1
perch il sistema rimanga in equilibrio.
Se ci si verifica, assumiamo, come principio derivante
dallosservazione che

F1 ed F2 siano di intensit uguale.


Ad un corpo soggetto alla forza di attrazione della Terra
devo applicare una forza (muscolare ad esempio) verso lalto.
Se utilizzo una molla
questa si deforma generando una forza che mantiene in equilibrio il corpo.

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Se si appende un recipiente di massa m


si ottiene un allungamento x
Se appendiamo un recipiente di massa 2m
Otteniamo un allungamento pari a 2x
..

2x
m

La deformazione della molla lineare con la massa.


(La massa intuitivamente legata alla
forza con cui la Terra attira i corpi)

m
m

Dinamometro: misura le forze in modo primitivo

Si pu dimostrare che le Forze sono rappresentabili con vettori.

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

D1

D2

F2
F1
Fp

Esperimento di Varignon
Misurando F1 ed F2, conoscendo le inclinazioni delle funi dei due dinamometri rispetto
allasse orizzontale, si dimostra la validit della relazione:

Fp = F1 + F2
6

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Imponiamo che la condizione di equilibrio sia verificata contemporaneamente lungo le due


direzioni perpendicolari di un sistema di coordinate cartesiane:

F1x = - F1 cos
F2x = F2 cos
F1y = F1 sin
F2y = F2 sin

F1

F1y

F2

F2y

F1x

F2x

Fp
F1x - F2x = 0
- Fp + F1y + F 2y = 0

Se F rappresentabile con il formalismo vettoriale, allora ci


sar un sicuro legame con laccelerazione
7

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Una serie di misure eseguite su corpi costituiti da diversa quantit di materia, a cui
venga applicata la stessa Forza F,ci porta allenunciato della seconda legge della
dinamica o

Legge di Newton
Il cambiamento di moto ( a ) proporzionale alla forza motrice impressa ( F )
ed avviene secondo la linea retta lungo la quale la forza impressa.
Il rapporto tra la forza applicata ad un corpo e laccelerazione da esso
acquistata pari ad una costante di proporzionalit detta massa inerziale.
Rappresentiamo con:
F (causa) la forza che agisce su di un punto materiale;
a (effetto) laccelerazione acquistata dallo stesso;
m (massa inerziale) la costante di proporzionalit, la seconda legge si scrive:

F = m a
8

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

m
a

F
In questo esempio la componente della velocit
lungo lasse orizzontale non viene alterata dalla
Forza, che genera, invece, unaccelerazione lungo
lasse verticale e quindi una variazione di velocit
lungo questa direzione

La massa m esprime linerzia del punto materiale a variare il proprio stato cinetico.

Unit di misura
Sistema MKS
Abitualmente

1 N = 1 kgm 1 m/s2
1 kgp = 1 kgm g = 1 kgm 9.8 m/s2 = 9.8 N
9

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Assumiamo ora la legge di Newton come definizione di Forza.


Si pu utilizzare questa legge per la misura delle masse:
Detta m0 la massa di riferimento (unit di misura), applico una F ad m0 e misuro a0.
F = m0 a0
Applico ora la stessa F ad una massa incognita m1 e misuro a1
Facendo rapporto:

F = m1 a1
m1 = m0 a0 / a1

In modo analogo per la misura delle Forze. Se F0 lunit di misura:


F0 = m a0
F1 = m a1
F1 = F0 a1 / a0
10

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Alcune osservazioni:

Il tempo di caduta di un corpo in campo gravitazionale, non dipende dalla massa.


La relazione tra F ed a lineare, per cui a primo membro della legge di Newton
possiamo pensare di scrivere la risultante delle Forze applicate;
A secondo membro laccelerazione allora quella risultante.
Visto il carattere vettoriale della legge di Newton, in un sistema di coordinate cartesiane
ortogonali, possibile scrivere:
Fx = m ax

Fy = m ay

Fz = m az

11

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

a =

Ricordando che:

dv
dt

Si scrive la legge di Newton anche nella forma:

F=

d (mv)

(1)

dt
Alla grandezza fisica
si d il nome di

p = m v

quantit di moto.

Questa espressione tiene conto anche dei casi in cui


la massa del sistema variabile.
Dalla legge di Newton scritta in questa forma si ricava il teorema dellimpulso.
Integrando la (1) si ottiene:
f

dp = F dt

e integrando p = pf pi = I =

F dt
i

Questa espressione utile quando non si conosce la forma analitica della forza o
quando si hanno forze che agiscono per tempi molto brevi (forze impulsive).
12

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

La legge di Newton contiene in s la legge


di Galileo o di inerzia.
Infatti se F = 0, allora a = 0.
Per quale motivo viene allora enunciata
separatamente tale legge ?
Una risposta a questo quesito quando tratteremo i
sistemi di riferimento non inerziali.

13

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Terzo principio
( principio di azione e reazione )
Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria; ossia, quando
due corpi interagiscono le mutue azioni dei due corpi sono sempre uguali tra
loro e dirette verso parti opposte.

Considerazione:
il primo e secondo principio della dinamica riguardano leffetto generato
su di un solo corpo dalle forze.
Il terzo principio tratta della relazione tra due corpi o punti materiali.

14

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Per cercare di comprendere

F21

F12
m1

v1

m1

m2

m2 > m1

m2

v2

Supponiamo di trovarci su di una barca ;


spingiamo ora unaltra barca per allontanarla da noi;
avendo qualche punto di riferimento ci accorgeremo che sia noi sia laltra barca ci
allontaniamo dal punto iniziale in cui ci troviamo:
infatti se noi applichiamo una forza ad un oggetto (laltra barca in questo caso) loggetto
reagisce esercitando su di noi una forza uguale in modulo e di verso opposto, fintantoch
c interazione tra i due sistemi.
Cos, se ci troviamo su di un carrello mobile e lanciamo un corpo di massa m lontano
da noi, osserviamo che anche noi ci spostiamo dal punto in cui ci trovavamo inizialmente.
15

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

La Terra ci attira con la forza di gravit.


Per il terzo principio anche noi attiriamo la Terra con la stessa forza, uguale ed
opposta.

Fg
- Fg

Terra
16

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Se sono appoggiato ad un muro, o spingo il muro, sono soggetto ad una Forza che il
muro esercita su di me: per il 3 principio della dinamica,
il muro reagisce con una forza uguale e contraria.
A questa forza si d il nome di reazione vincolare
Si tratta di una Forza di contatto.

Fmuro = - F = N

17

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Un libro appoggiato su di un tavolo non si muove, pur essendo soggetto alla forza di
gravit.
Questo significa che la somma (risultante) delle forze che agiscono sul libro nulla, in
base ai due principi della dinamica.
Chi esercita la forza che annulla la forza di gravit ?

Fg

18

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

La situazione va interpretata nel modo seguente:


Il libro sottoposto alla forza di gravit; a causa della Fg il libro tende a cadere e quindi
spinge il tavolo verso il basso ed interagisce con esso con una forza NL
Iil tavolo reagisce con una forza NT

Fg Interazione libro Terra

Fg

NT Interazione libro tavolo

In definitiva sul libro agiscono le forze

Risulta quindi

NT

NL

Fg ed NT

Fg + NT = 0

19

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Forze interne ed esterne


ad un sistema
Definiamo sistema fisico,
un insieme di punti materiali contenuti in un ben determinato volume.
Tutti i punti che formano il nostro corpo costituiscono un sistema fisico;
un libro, un oggetto oppure un insieme di oggetti non necessariamente legati
tra loro, come ad esempio alcune biglie contenute in una scatola chiusa.
In questo caso il volume rappresentato dalla forma della scatola chiusa.
Definiamo Forze esterne
tutte le forze esercitate da punti materiali che non fanno parte del sistema
sul sistema stesso:
Definiamo Forze interne
tutte le forze che si esercitano tra punti dello stesso sistema
20

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Esempio:
dati i due blocchi in figura, applichiamo una forza F (esterna) al corpo di massa m1.
Supponiamo che i due blocchi poggino su di un cuscino daria, in modo che non ci sia resistenza allo
strisciamento sulla superficie del tavolo.
Individuiamo le forze che agiscono sul blocchi:
su m1 la forza F, la forza di gravit Fg1 , la reazione vincolare del tavolo N1
su m2 la forza di gravit Fg2, la reazione vincolare del tavolo N2.
sappiamo che esistono anche le due forze F12 ed F21:
La prima la spinta che il blocco di massa m1 genera sul blocco m2.
La seconda la forza di reazione dovuta al terzo principio della dinamica.
Cerchiamo di stabilire quali di queste forze sono interne e quali quelle esterne.

F21
F
N1

F12

m1

m2

N2

Fg1
Fg2

21

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Il sistema fisico:
decidiamo che il nostro sistema costituito dalle masse { m1 + m2 }
Le forze esterne allora saranno tutte quelle citate ad esclusione delle F12 ed F21,
in quanto, secondo la definizione data si tratta di
forze che si esercitano tra punti dello stesso sistema.
Nel calcolo della risultante delle forze che agiscono sul sistema, potremo
trascurare questa coppia di forze, in quanto
la loro somma uguale a zero per definizione.
La legge di Newton si scrive:

F + Fg1 + Fg2 + N1 + N2 = (m1 + m2) a


F21
F

(1)

F12
m1

m2
N2

N1

Fg1
Fg2

22

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Decidiamo ora che il nostro sistema costituito dalla sola massa { m1 }


Le forze esterne su m1 allora saranno:

F,

Fg1, N1 ed F21

In questo caso m2 un punto materiale esterno.


La seconda legge della dinamica si scriver:

F + Fg1 + N1 + F21 = m1 a1

(2)

F21
F
N1

m1

m2

Fg1
23

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Decidiamo ora che il nostro sistema costituito dalla sola massa { m2 }


Le forze esterne su m2 allora saranno:

Fg2, N2 ed F12
In questo caso m1 un punto materiale esterno.
La seconda legge della dinamica si scriver:

Fg2 + N2 + F12 = m2 a2
N2

m1

(3)

F12

m2

Fg2

24

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

F21

F12

F
y

m1

N1

m2

N2

Fg1
Fg2

F + Fg1 + Fg2 + N1 + N2 = (m1 + m2) a

(1)

Per l equazione (1) , lungo gli assi verticale ed orizzontale:

x
(1)

F = (m1 + m2) a

y
- Fg1 - Fg2 + N1 + N2 = 0
25

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

F21
F
N1

N2

m1

m1

m2

F12

m2

Fg1
O
F + Fg1 + N1 + F21 = m1 a1

(2)

Fg2

Fg2 + N2 + F12 = m2 a2

(3)

(2)

F - F21 = m1 a1

- Fg1 + N1 = 0

(3)

F12 = m2 a2

- Fg2 + N2 = 0

Possiamo scrivere le due equazioni ricordando la relazione che


In modulo F12 = F21 = N e che a1 = a2 = a

26

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

Per le equazioni (2) e (3), lungo gli assi verticale ed orizzontale:

(2)

F - N = m1 a

Fg1 - N1 = 0

(3)

N = m2 a

Fg2 - N2 = 0

Per l equazione (1) , lungo gli assi verticale ed orizzontale:

(1)

F = (m1 + m2) a

Fg1 + Fg2 - N1 - N2 = 0

Cos, definendo come sistema fisico la Terra, su di essa agiranno come


forze esterne (in prima approssimazione, trascurando leffetto degli altri
pianeti) le forze di gravit del Sole e della Luna.
Considerando Terra + Luna lunica forza esterna la forza gravitazionale dovuta al
Sole.
Considerando Terra + Luna + Sole non esistono forze esterne.
27

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

La fune: un elemento che trasmette la forza applicata ad essa


parallelamente a se stessa.

TF2 = - TF1
TM

TF1

TF2

y
TF2 - TM = 0

- TF1 + F = 0

TF1

dm

28

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

La fune: un elemento che trasmette la forza applicata ad essa parallelamente a


se stessa.

T1
Forze esterne sul blocco m2

m1

m2g , T2

m1 g
T2

-T2

m2

Forze esterne sul blocco m1


m1g , T1 , - T2

m2 g
29

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

La fune: un elemento che trasmette la forza applicata ad essa


parallelamente a se stessa.

T1

m1

m1 g

m2

m2 g
30

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

La fune: un elemento che trasmette la forza applicata ad essa parallelamente a


se stessa.

T1

m1
m1 g
-T2

m2

31

Paolo Sartori Dipartimento di Fisica Universit degli studi di Padova


Lezioni di Fisica 1 per Ingegneria Civile 1a - 2a squadra

La fune: un elemento che trasmette la forza applicata ad essa parallelamente a


se stessa.

m1
T2

m2
m2 g
32