You are on page 1of 2

Mitchell R M Perch una banconota da un dollaro, non un dollaro

PERCH UNA BANCONOTA DA UN DOLLARO, NON UN DOLLARO


di Rodger Malcolm Mitchell
09 lug 2015

Nessuno stampa dollari. I biglietti stampati dal Tesoro rappresentano dollari, allo stesso modo in
cui il titolo di possesso della casa rappresenta la vostra casa. Il Governo federale crea i dollari
(che non hanno consistenza fisica) per pagare i conti.
Per i pagamenti, le agenzie del governo federale inviano le istruzioni (non i dollari) alle banche
dei creditori affinch le banche aumentino i saldi nei conti correnti dei creditori.
Nel momento in cui le banche eseguono le istruzioni creano i dollari.
Non viene stampato nulla.
I dollari non sono dollari, sono solo dei titoli. Non avete mai visto, gustato odorato, ascoltato o
sentito un dollaro.
I lettori che sanno perch una banconota da un dollaro, non un dollaro, e di altre follie
economiche, sanno che un dollaro non esiste fisicamente. Non potrai mai vedere, toccare,
ascoltare, sentire, odorare o dare un dollaro.
Un biglietto da un dollaro nel portafoglio non un dollaro. Il biglietto rappresenta un dollaro,
proprio come un certificato di propriet rappresenta una macchina o una nota della banca
rappresenta un prestito. La banconota da un dollaro un impegno verso chi lo tiene cio dice al
mondo che al portatore di tale banconota dovuto 1 dollaro dal governo federale degli Stati
Uniti.
Per analogia, si considerino i numeri. Anche i numeri non hanno consistenza fisica. Il numero
sette non si pu vedere, toccare, ascoltare, sentire, odorare o dare. Potete vederne le
rappresentazioni come "7" e "VII" e "SETTE", ma di per se il numero non si pu vedere.
Potete darmi sette pipistrelli, 7 palle o VII scope, ma non mi possibile dare il numero sette.
Allo stesso modo, e contrariamente alla nostra intuizione, non potete mandarmi un dollaro,
anche se stiamo a discuterne tutto il tempo.
Puoi dare un biglietto da un dollaro, un pezzo di carta che rappresenta un dollaro. Oppure mi
potete dare il vostro assegno da 1 dollaro, che non altro che un insieme di istruzioni, per la
mia banca per aumentare il numero nel mio conto corrente di 1 (e per diminuire il numero del
vostro conto corrente).
Tutto il denaro misurato ha in comune una cosa: tutto il denaro esiste nel settore privato.
Il Governo federale non ha soldi. Perch dovrebbe averli? Il Governo crea la sua moneta sovrana,
il dollaro, ad hoc, cio quando deve pagare. Ogni volta che il Governo federale invia un assegno,
per il pagamento di un conto, lassegno non il denaro. Il Governo federale, non avendo soldi,
non pu inviare soldi.
Non vedrai mai un numero indicante quanti soldi il Governo federale possiede, ma vedrai sempre
quanto il Governo federale suppone di dover spendere.

www.retemmt.it

Mitchell R M Perch una banconota da un dollaro, non un dollaro

Quando John Boehner in una famosa dichiarazione ment dicendo, "Dobbiamo essere onesti,
abbiamo fallito", si riferiva al fatto che il governo presupponeva di essere indebitato per trilioni
di dollari ma non aveva soldi. In realt, questo sempre il caso di una nazione con la sua
moneta sovrana. Si crea la sua moneta sovrana ad hoc, cos che in qualsiasi momento, i suoi
debiti superano sempre di gran lunga le sue dotazioni di denaro perch il Governo non ha denaro
messo da parte.
Basta un semplice controllo del Governo federale per dare istruzioni alla banca di un creditore
ed aumentare i numeri del conto corrente del creditore. Il Governo non consegna dollari, dal
momento che i dollari, non avendo esistenza fisica, non possono essere consegnati.
Nello stesso momento in cui la banca aumenta i numeri del conto corrente del creditore, i
numeri dei conti federali sono diminuiti in modo corrispondente, ma senza che nessuno di questi
conti veda girare dei soldi. Quindi, quando si invia il denaro per pagare le tasse al Governo - o
pi propriamente, quando inviate le vostre istruzioni sotto forma di un assegno o bonifico - i
dollari che esistevano solo come numeri nel vostro conto corrente vengono cancellati.

traduzione di Stefano Sanna

www.retemmt.it