You are on page 1of 24

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Diocesi

Istruzione finanziaria 9

Gioved
17 dicembre 2015

Gioved 17 dicembre 2015

anno XLVIII (nuova serie)

numero 45
euro 1,20

45

Attualit

10

Accordo Cop 21

Gmg a Cracovia
Nuova tappa
del cammino

Crisi delle banche


Occorre pi
senso civico

Utero in affitto
No forte e chiaro
dalle femministe

Ambiente, a Parigi
firmato protocollo
tra 195 Paesi

ercoled 23 dicembre a
Cesena immagini delM
la Madonna di Loreto e del

econimista Becchetti:
Il salvataggio di Banca
L
Marche, CariFerrara, Cari-

ifiutiamo di considerare la maternit


R
surrogata un atto di liber-

n buon risultato. Da
passare, per, alla
U
prova dei fatti. Linterven-

Crocifisso di San Damiano.


Alle 21 Veglia in Cattedrale

Chieti e Banca Etruria


stato provvidenziale

t o di amore, si legge nel


testo di un manifesto

to di Buonomo, docente di
Diritto internazionale

Editoriale
Dove due o tre sono riuniti...

11

Domenica 13 dicembre aperta la Porta Santa della Cattedrale per il Giubileo della Misericordia

di Gianfranco Lauretano

recenti scandali interni allistituzione


ecclesiastica e soprattutto al Vaticano,
svelati da libri scandalistici chiss come
usciti con straordinario tempismo, ci stanno
mostrando quale danno immenso arrechino
la corruzione, la ricerca dei beni mondani
e la brama di un potere. Quadro ancora pi
desolante se unito a quello di outing sessuali
da parte di prelati, avvenuti anchessi con
misteriosa tempestivit alla vigilia del
Sinodo sulla famiglia, e delluso del denaro
destinato alla carit per cupidigie proprie,
persino di monsignori. un danno che
colloca il dubbio nel cuore di milioni di
credenti che tentano di vivere la fede giorno
per giorno.
dunque questa la Chiesa? A cosa serve cos
corrotta e meretrice? Non addirittura un
ostacolo alla fede in Cristo? Dobbiamo
ascoltare queste domande con coraggio,
perch inutile negare che si stanno facendo
strada nel cuore di tanti credenti
disorientati. La prima cosa da notare che il
protestantesimo fu causato cos: lo scisma di
Martin Lutero ebbe successo per la
vergognosa corruzione della Chiesa dei suoi
tempi. Oggi come allora, ci si dice, se tanto
mi d tanto, meglio vivere la propria fede
personalmente, leggere la Bibbia senza
mediatori e individualmente praticarne i
valori (rinunciando pure ai sacramenti, che
furono in gran parte aboliti) piuttosto che far
parte di uno degrado del genere.
La percezione di questo va oggi inserita in un
contesto mondiale di guerre, terrorismo e
tragedie insensate, per cui abbiamo tutti la
sensazione che il male stia vincendo. Ora,
lidea di separare la fede in Cristo dalla
Chiesa proprio una delle vittorie del male,
a cui non dovremmo sottometterci. vero
che membri della Chiesa fanno ancor oggi
(come sempre) errori scandalosi. Ma quella
della Chiesa rimane lunica strada perch
continui nel mondo la fede in Ges. Essa
non solo la custode del patrimonio della
dottrina cristiana, ma anche lambito in cui
Dio manifesta la Sua presenza viva e
contemporanea. Se davvero crediamo di
poter conservare la fede nel mondo solo con
la volont individuale del credente, ci
illudiamo: la memoria stessa del passaggio di
Cristo sulla terra si perderebbe. Il perdurare
nel mondo della fede cristiana dettato dal
Vangelo stesso, e si chiama Chiesa. Su di essa
le porte del male non prevarranno (anche
se sembra), ed essa si trova dove almeno due
sono riuniti nel Suo nome. Per saperlo non
serve teologia: basta pensare da chi abbiamo
ricevuto il dono della fede e chi, ancor oggi,
sa guardare ogni persona con lo stesso
sguardo che Cristo ebbe per chi incontr,
santo o peccatore che fosse.

A braccia aperte

CESENA, DOMENICA 13 DICEMBRE 2015:


IL VESCOVO DOUGLAS APRE LA PORTA SANTA IN CATTEDRALE
(AMPIA FOTOGALLERY SU WWW.CORRIERECESENATE.IT)

Dalla porta si entra e si esce, come ha ricordato monsignor Regattieri domenica


scorsa, in Cattedrale a Cesena, per lapertura della Porta Santa. In questo modo si
dato lavvio anche nella nostra Diocesi, come in tutte le Diocesi del mondo, allAnno
Santo straordinario che papa Francesco ha voluto dedicare alla Misericordia, per un
abbraccio a tutti gli uomini.
Domenica 20 dicembre sar la volta delle basiliche scelte come mete giubilari. Il
vescovo Douglas si recher alle 9,30 al Santuario del Santissimo Crocifisso di Longiano.
Alle 11 salir alla Basilica del Monte a Cesena e alle 17 sar nella Concattedrale di
Sarsina. Per tutte le celebrazioni e le informazioni sul Giubileo, la Diocesi ha predisposto
un opuscolo disponibile in parrocchia o presso il Centro pastorale.
Primo piano alle pagg. 4 e 5

Cesena

13

Dieci milioni
per fibra ottica
e telecamere

Bagno
Poca pioggia
Poca acqua
a Ridracoli

Montiano

16

Bilancio magro
Parla il sindaco
Molari

17

Solidariet

18

Il Consultorio
ha ricordato
don Adolfo Giorgini

Opinioni

Gioved 17 dicembre 2015

Straordinario questo Giubileo della misericordia


lta
La prima vo
PELLEGRINI ALLA PORTA SANTA DELLA BASILICA DI
SAN PIETRO, A ROMA (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

traordinario questo Giubileo della misericordia, e non solo perch si celebra


in un tempo non canonico dei venticinque anni. Straordinario perch il
primo di un Papa latinoamericano; il primo di Francesco. Straordinario
perch la prima volta che si apre la Porta Santa di San Pietro a Giubileo
iniziato, otto giorni prima, nella Repubblica Centroafricana. Straordinario
soprattutto perch sono due i Papi, uno emerito e laltro regnante, presenti
nellatrio della basilica vaticana: non era mai accaduto nella storia della Chiesa.
Anno Santo che fa memoria della conclusione del Concilio ecumenico Vaticano II, e
che si celebra sul sagrato della basilica, come avvenne per la cerimonia conclusiva
dellassise conciliare, cinquanta anni fa, con la consegna dei messaggi al mondo, ai
giovani, agli uomini di cultura, alle donne, ai governanti. unaltra porta che i padri
conciliari hanno voluto aprire, anzi spalancare verso il mondo, dice Francesco. Un
verbo, spalancare, che torna nelle parole di papa Wojtyla nellomelia dinizio
Pontificato, quando chiese di non aver paura di aprire, anzi spalancare le porte a
Cristo.

Perch il primo di un Papa latinoamericano... perch la prima


volta che si apre la Porta Santa di San Pietro a Giubileo iniziato,
otto giorni prima, nella Repubblica Centroafricana...
perch sono due i Papi, uno emerito e laltro regnante,
presenti nellatrio della basilica vaticana... perch fa memoria
della conclusione del Concilio ecumenico Vaticano II

Cronaca amara

La fotografia

La banca va in dissesto e brucia i tuoi risparmi?


Tutta colpa del povero pensionato
osa succede quando i buoi, imbizzarriti, scappano
dalla stalla? Travolgono chi per caso vi passi
davanti. E se si dovessero indicare i responsabili di
questa situazione, noi tutti diremmo: chi non ha
chiuso per tempo le porte della stalla. Invece per il
sistema legislativo e finanziario italiano supportato da
quello europeo
la colpa di chi rimane vittima dei buoi: dovevano
prestare pi attenzione, cribbio!
Sapere che qualcuno, rovinato dal dissesto di diversi
istituti finanziari italiani, addirittura si uccide dopo che gli
sono stati tolti i risparmi di una vita, da una parte non
crea stupore. Qualcuno avr mugugnato, tra gli azionisti e
i possessori di obbligazioni di Banca Etruria, Banca
Marche, CariChieti e CariFerrara che hanno visto svanire i
propri soldi dal dissesto di questi quattro istituti. Molti
stanno passando giorni per nulla felici, se su quei soldi ci
contavano. Ma pi duno stato completamente rovinato.
Certo, doveva stare pi attento
Ma a cosa? Al modulo di sottoscrizione di un bond della
propria banca, proposto dal proprio consulente di
fiducia? O doveva conoscere per filo e per segno le
malefatte di chi quelle banche ha portato alla rovina?
Qui si torna al punto: non solo questione di colpa, di
responsabilit. E comunque sia chiaro, la colpa
dellautista che porta il bus in fondo al burrone, non dei
passeggeri. Ma proprio un sistema intero che non va.
In questi giorni si parla del salvataggio di altre dieci
banche di credito cooperativo sparse per lItalia. Non
dovrebbe fare vittime, ma rimane la perplessit di come
certi istituti bancari siano stati gestiti per anni senza che
nessun dito si muovesse per chiudere le porte della stalla.
E peggio ancora viene da pensare dal tracollo di due
grandi banche popolari del Nord, VenetoBanca di
Montebelluna e Banca Popolare di Vicenza.
La prima ha visto il valore delle azioni stabilito dal
consiglio damministrazione, non sono quotate in Borsa
precipitare ad un decimo di quanto fissato fino a pochi
mesi fa. Un decimo: ma com stata gestita per anni una

Crocifisso donato al Santo


Padre in occasione della
visita apostolica a Cuba
del 20 settembre 2015. Donato da papa Francesco allarcidiocesi di Agrigento e
al cardinale don Franco
per il Giubileo e la Chiesa
locale di Lampedusa.
Un crocifisso e un regalo
davvero unici.
banca di simili dimensioni, soggetta ad una vasta platea di azionisti-soci, di
revisori dei conti, di consigli damministrazione vari, sottoposta in teoria a
diversi organi di controllo? Come una bocciofila, a quanto pare, dove pochi
sapevano, e godevano, e molti ora ne pagano il conto. Figuratevi che aria tira
nella vicina Vicenza, dove scontato che il valore delle azioni di migliaia di
piccoli risparmiatori precipiter agli stessi infimi livelli.
Ci sta che anche una banca fallisca, per carit. Ma il modo che ancor offende.
Direttori che se ne vanno con ricchissime buonuscite, presidenti immacolati,
organi di controllo cieco-sordo-muti, lEuropa che dopo aver permesso il
salvataggio pubblico di qualsiasi banca tedesca ora fa la virtuosissima sulle
spalle dellItalia e il nostro governo che dice: daremo un piccolo aiuto a quei
risparmiatori che dimostreranno di essere stati raggirati, perch quando si firma
un contratto si mette la croce sopra la propria tomba. Come si faccia a
dimostrare simili raggiri, cosa che fa ridere se non facesse piangere cos tante
persone.
Cos, ancora una volta, scopriamo che le nostre leggi sono ispirate ai grandi
principi del diritto romano; mentre la nostra giustizia, assieme a una politica che
approva norme a sua insaputa e a uneconomia che sembra Mangiafuoco, si
basa sullinscalfibile motto di stampo partenopeo: chi ha dato, ha dato; chi ha
avuto, ha avuto.
Nicola Salvagnin

E torna papa Bergoglio con questo


verbo, per ricordare che il Concilio
stato un incontro, un vero incontro tra
la Chiesa e gli uomini del nostro tempo.
Incontro segnato dalla forza dello
Spirito Santo che spingeva la chiesa ad
uscire dalle secche che per molti anni
lavevano rinchiusa in se stessa.
Il Papa delle periferie esistenziali, della
chiesa ospedale da campo, chiesa in
uscita, non poteva non partire da questo
concetto per dire che oggi, come
cinquanta anni fa, la chiesa deve
riprendere con entusiasmo il cammino
missionario.
Ed ecco il messaggio che viene da
questo passaggio attraverso la Porta
Santa: camminare sulle strade del
mondo, senza avere paura, avendo come
riferimento la misericordia del buon
samaritano, come desiderava papa
Paolo VI. Una porta che dono di pace:
la consegnarono a papa Pio XII i cattolici
svizzeri come voto di ringraziamento
per non aver subito le violenze del
conflitto mondiale. Donata dopo la
seconda guerra mondiale, si apre in un
tempo che Francesco dice segnato dalla
terza guerra mondiale, a capitoli.
Rimane limmagine di quella semplice
porta di legno a Bangui, capitale della
Repubblica Centroafricana, anticipo di
Anno Santo da una delle periferie del
mondo, luogo di emarginazione,
povert, violenza.
Quellaprire la porta africana
messaggio non solo per il continente,
ma per tutto il mondo, invito a compiere
quel passaggio da un prima a un dopo,
pi attento agli ultimi, ai dimenticati,
ma non da Dio.
Straordinario questo Giubileo, per
unaltra immagine simbolo, i due Papi
assieme nellatrio della basilica. Ma
forse limmagine pi forte, quei passi
lenti compiuti dallanziano Ratzinger,
con la tenacia di un Papa che ha guidato
la chiesa in un tempo non facile. La
stretta di mano con Francesco,
labbraccio tra i due; quel guardarsi negli
occhi, quel parlare sottovoce, che i
microfoni non hanno potuto cogliere:
sono tutti momenti che resteranno nella
memoria di questo appuntamento
giubilare. Quasi continuazione delle
parole che Francesco ha pronunciato in
aereo, tornando dallAfrica, quando
ricordando le parole dellallora cardinale
prefetto Ratzinger alla Via Crucis del
2005, e parlando della sporcizia nella
chiesa, papa Bergoglio ha detto:
Noi lo abbiamo eletto per questa sua
libert di dire le cose. E Francesco il
Papa che nella semplicit rimette in
primo piano proprio la misericordia,
come Giovanni XXIII che aprendo il
Concilio parl di medicina della
misericordia. Papa Bergoglio dice: Sar
un anno in cui crescere nella
misericordia di Dio.
Fabio Zavattaro

Primo piano

Gioved 17 dicembre 2015

Apertura del Giubileo | A Cesena tantissima gente ha gremito la Cattedrale

Foto Cris. Rici.


Ampia fotogallery su www.corrierecesenate.it

"Proseguite, andate avanti lateralmente, riempite anche il


corridoio centrale". Cos don Marco Muratori, uno dei
cerimonieri diocesani, domenica scorsa ha indirizzato i
fedeli a entrare in Cattedrale subito dopo lapertura della

Porta Santa. "Tanta, tantissima gente" ha commentato


mentre risaliva a fatica la Cattedrale. Gi al santuario
dellAddolorata (chiesa dei Servi) si era notato che questo
Giubileo stava partendo con il piede giusto. Da l la

processione si snodata per le vie del centro, sotto gli occhi


dei giovani della "movida" che gi affollavano i bar sotto i
portici. E per lingresso in Cattedrale ci sono voluti molti
minuti. La Porta Santa comunque ha accolto tutti.

Mentre i potenti chiudono le porte, il Papa le apre non solo simbolicamente


Davide Rondoni

l gesto con cui Papa Francesco ha


indicato come "porte sante" del
Giubileo della Misericordia tante
porte in giro per il mondo, nelle
Chiese e nelle carceri, potente e
semplice. Ha preso un segno e lo ha
strappato dalla ritualit che tende a
velare tutti i segni, anche importanti. E
ne ha richiamato il significato
Le porte sono mille, perch la porta
una. La porta Lui. Il gesto di Ges
verso la vedova Naim fu un gestoporta. Quello verso Giairo che
piangeva la sua piccola fu un gestoporta. Le parole con cui ferm le pietre
pronte contro ladultera furono paroleporta. Quando Andrea e Giovanni lo
incontrarono per la prima volta e lo
guardarono parlare con una
profondit e sapienza che li avvinse,
sentirono la loro vita aprire una nuova
porta. Le braccia spalancate sulla
croce ad accogliere tutto il dolore e
tutto il cielo furono i battenti divelti
del Suo cuore.
Il gesto con cui papa Francesco ha
indicato come "porte sante" del
Giubileo della Misericordia tante porte
in giro per il mondo, nelle Chiese e
nelle carceri, potente e semplice. Ha
preso un segno e lo ha strappato dalla
ritualit che tende a velare tutti i segni,
anche importanti. E ne ha richiamato
il significato. Le porte sono tante, la
porta una, perch la Porta lui.
Non sono un teologo. Non chiedetemi

La Porta
Cristo
Cattedrale di Cesena,
13 dicembre 2015,
il vescovo Douglas apre
la Porta Santa (foto
Pier Giorgio Marini)

disquisizioni troppo sottili. Ma so cosa


restare fuori da una porta, so cosa
posare la fronte sui battenti chiusi e
piangere, so cosa sono i battenti di un
cuore che si aprono. So che occorre
traversare spesso una porta che non si sa
bene cosa riserva.
Il simbolo della porta santa ha radici
antiche. Ma la radice primaria sta
nellesser una porta che si apre a chi cerca
Dio, segno della apertura del Sorriso
dell"Essere a chi lo cerca. Lunica porta
che conta. E il Papa ha detto: questa porta
vicina. Non sta in un Tempio lontano,
sul monte, ma vicino.

Piccolo dizionario per il Giubileo


Con la bolla Misericordiae Vultus papa Francesco ha indetto
il Giubileo straordinario della Misericordia: 8 dicembre 2015
(Immacolata Concezione, 50 del Vaticano II) - 20 novembre
2016 (Ges Cristo Signore delluniverso); con una rilevante
novit, lapertura della Porta Santa nella cattedrale di ogni
Diocesi (13 dicembre 2015) e la facolt dellOrdinario di scegliere altre chiese giubilari (il vescovo Douglas ha indicato
tre santuari: Santa Maria del Monte, Santissimo Crocifisso di
Longiano, San Vicinio di Sarsina). Con un gesto senza precedenti, domenica 29 novembre Francesco ha anticipato lAnno aprendo la Porta Santa nella Cattedrale di Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana. Ci attende dunque un tempo carico di significati particolari, innervato in sette secoli di
storia che hanno prodotto gesti, parole e tradizioni. Vediamone i principali, per coglierne senso e valore - come scrive
Francesco - di un "momento favorevole per cambiare vita!
Questo il tempo di lasciarsi toccare il cuore" (MV, 19). Duc
in altum! "Prendere il largo", avrebbe detto papa Wojtyla.
Anno Santo Il primo fu indetto da papa Bonifacio VIII (Benedetto Caetani, 1294-1303) nel 1300 e indica la durata del
tempo giubilare. La "grande perdonanza", inizialmente celebrata dopo 50 anni, poi stata accorciata a 33 e a met
Quattrocento fissata ogni 25 (a eccezione degli straordinari,
come quello della Redenzione nel 1983 di Giovanni Paolo II
o lattuale di Francesco).

Mentre i potenti chiudono le porte,


mentre tanti, troppi non sanno a che
porta bussare per avere pane e lavoro,
mentre le porte della solitudine si
chiudono su troppi giovani, su troppi
anziani, mentre infiniti dolori non sanno
a che porta picchiare con il silenzio delle
lacrime, papa Francesco dice la "Porta"
aperta, vicina. Dice quello che la fede
del popolo sa da sempre. Dice quel che la
fede del popolo cristiano, apritore di
porte, sa da sempre. Non siamo figli di un
Dio che sta seduto su un monte lontano,
dietro porte chiuse, raggiungibili solo a
costo di fatiche disumane. Siamo amici di

(prima parte)

Giubileo Il termine deriva dallAntico Testamento e corrisponde al corno di montone (yobel) al cui suono si apriva
sette volte sette anni, cio ogni cinquanta, il tempo sacro nel
quale gli uomini, nel nome di Dio, restituivano la terra, liberavano gli schiavi e condonavano i debiti: per riscoprire il
senso di uguaglianza, gratitudine e giustizia.
Indulgenza " la remissione dinanzi a Dio della pena temporale per i peccati, gi rimessi quanto alla colpa, che il fedele, debitamente disposto e a determinate condizioni, acquista per intervento della Chiesa, la quale, come ministra
della redenzione, autoritativamente dispensa ed applica il
tesoro delle soddisfazioni di Cristo e dei santi. Lindulgenza
parziale o plenaria secondo che libera in parte o in tutto dalla pena temporale dovuta per i peccati" (Manuale delle Indulgenze, 1-2). dunque la forma spirituale di concreto accesso al grande tesoro che la saggezza paterna e materna della Chiesa offre generosamente al fedele. Chi pu lucrarla?
"Chi battezzato, non scomunicato, in stato di grazia almeno al termine delle opere prescritte" (MI, 20,1). Come si acquista? " necessario che si abbia lintenzione almeno generale di acquistarla e si adempiano le opere ingiunte nel tempo e nel modo stabilito dalla concessione" (MI, 20,2).
Itineraria (o Descriptiones) Molto usati in et tardoantica e
medievale, sono veri e propri prontuari in pergamena destinati al pellegrino: elenchi di localit da attraversare e tappe

un Dio che ha aperto, che ha mandato


il suo Figlio, il suo pezzo di cuore, a
essere porta, a scardinare le serrature
della legge, a far saltare gli alti battenti
della morte. La porta santa, si dice, ma
santa perch un segno di Lui. Il rito
conta, ma non nulla se non
introduce a una carne, una casa, a una
comunit, a un luogo dove la vita
conosce il Volto buono del destino. Se
non introduce al cuore-porta di Ges.
I superficiali vedono in questo moltiplicarsi di porte per il Giubileo un banale
"decentramento". Come se il Papa e la
Chiesa fossero una assicurazione che
dissemina filiali. Come se la Chiesa fosse un ufficio. Non capiscono, questi piccoli commentatori, che non si tratta di
decentramento, ma la pi forte concentrazione.
Non per de-romanizzare la Chiesa.
Quelli che dicono cos forse non han
mai conosciuto la vita di comunit
cristiane sparse nei pi lontani angoli
del mondo, non han conosciuto la
Chiesa reale da sempre. La Chiesa
reale sa che il Papa non un
capufficio, non il capo della filiale
centrale. Quella che da sempre apre le
porte ai piccoli lasciati fuori da tutti.
Quella che non chiude i battenti ai pi
segnati dal dolore e dal male. Non
capiscono, questi piccoli osservatori o
forse voyeurs, che si tratta invece di un
gesto di accentramento, del pi grande
accentramento possibile: rivolgere i
cuori alla presenza di Ges, delluomoporta di Dio.

di Marino Mengozzi
da raggiungere - spesso con indicazione della distanza, di
monumenti da visitare o pericoli da rifuggire - per arrivare a
un luogo santo o a un santuario (anche con segnalazione di
luoghi di ricovero e cura, gli hospitalia).
Luoghi santi I pi famosi sono Roma (grande venerazione
per la tomba di Pietro e la Veronica), Santiago de Compostela in Galizia (tomba dellapostolo Giacomo) e Gerusalemme
nella Terra Santa (il Santo Sepolcro e gli altri loca sancta); ma
anche Monte SantAngelo sul Gargano, uno dei tre grandi
santuari micaelici insieme alla Sacra di San Michele in Val di
Susa e a Mont Saint-Michel in Normandia; o Lucca con il celebre Volto Santo; o Loreto e i maggiori santuari mariani.
Pellegrinaggio " un segno peculiare nellAnno Santo, perch
icona del cammino che ogni persona compie nella sua esistenza. La vita un pellegrinaggio e lessere umano viator,
un pellegrino che percorre una strada fino alla meta agognata. Anche per raggiungere la Porta Santa a Roma e in ogni altro luogo, ognuno dovr compiere, secondo le proprie forze,
un pellegrinaggio. Esso sar un segno del fatto che anche la
misericordia una meta da raggiungere e che richiede impegno e sacrificio. Il pellegrinaggio, quindi, sia stimolo alla
conversione: attraversando la Porta Santa ci lasceremo abbracciare dalla misericordia di Dio e ci impegneremo ad essere misericordiosi con gli altri come il Padre lo con noi"
(MV, 14).

Primo piano
Porta Santa
Da essa
si entra
e si esce

Pubblichiamo alcuni stralci dellomelia che il


vescovo Douglas ha pronunciato domenica
scorsa durante la celebrazione in Cattedrale.
Il testo integrale disponibile su
www.corrierecesenate.it
La porta un simbolo che ha una duplice valenza:
fa entrare e fa uscire. Essa permette di entrare e di
uscire a noi e a Cristo. ()
Chiediamoci: chi la porta? Allinizio ci siamo
domandati cosa fa la porta e ci siamo detti: fa
uscire e fa entrare. Ma chi la porta? E Cristo. La
porta Cristo. Lo afferma il Vangelo: "Io sono la

porta delle pecore se uno entra attraverso di


me, sar salvato; entrer e uscir e trover
pascolo" (Gv 10, 7.9). ()
Noi siamo la porta per far entrare non solo Cristo
ma anche i fratelli. Cosa signichi essere porta per
i fratelli ce lo dice chiaramente il vangelo che
abbiamo appena ascoltato
-essere porta per i fratelli signica ci che il
Battista dice alle folle: "Chi ha due tuniche ne dia
a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia
altrettanto" (Lc 3, 11). Cio fate le opere di
misericordia, come insiste la Bolla del Giubileo!

Gioved 17 dicembre 2015

-essere porta per i fratelli signica ci che il


Battista dice ai pubblicani: "Non esigete nulla di
pi di quanto vi stato ssato" (Lc 3, 13): cio
fate la giustizia!
-essere porta per i fratelli signica ci che il
Battista dice ai soldati: "Non maltrattate e non
estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle
vostre paghe" (Lc 3, 14): cio siate sobri!
Misericordia, giustizia, sobriet!: parole a cui
papa Francesco ci ha abituati; parole che devono
entrare nel nostro vissuto, specialmente in questo
straordinario anno giubilare.

Domenica 20

I prossimi appuntamenti

Apertura Porta Santa


a Longiano, al Monte
e a Sarsina

Il Giubileo in diocesi
entra nel vivo

Il vescovo Douglas celebrer


lEucaristia per lapertura dellAnno
Santo nei santuari diocesani e nelle
chiese giubilari:
alle 9,30 a Longiano, al santuario del
Santissimo Crocisso;

Giubileo degli ammalati


In preparazione al Natale, come ogni
anno, il vescovo Regattieri far visita ai
luoghi di degenza e cura degli
ammalati, e nelle case di accoglienza e
di riposo degli anziani, per portare il
conforto della preghiera e dei
sacramenti della fede cristiana.
Ammalati e anziani vivranno, cos, un
particolare giubileo. A loro si rivolge
papa Francesco: "Penso a quanti per
diversi motivi saranno impossibilitati a
recarsi alla Porta Santa, in primo luogo
gli ammalati e le persone anziane e
sole, spesso in condizione di non poter
uscire di casa. Per loro sar di grande
aiuto vivere la malattia e la sofferenza
come esperienza di vicinanza al
Signore che nel mistero della sua
passione, morte e risurrezione indica la
via maestra per dare senso al dolore e
alla solitudine. Vivere con fede e gioiosa
speranza questo momento di prova,
ricevendo la comunione o
partecipando alla Messa e alla
preghiera comunitaria, anche
attraverso i vari mezzi di
comunicazione, sar per loro il modo

di ottenere lindulgenza
giubilare".
Venerd 18 dicembre, alle 15,45,
presso la Casa di cura privata
"San Lorenzino" di Cesena, il
vescovo celebrer la Messa con i 13 dicembre, il vescovo ha appena
degenti e il personale medico e aperto la Porta santa. Il sagrato del
Duomo pieno di gente (foto Cr)
infermieristico della struttura.
Al Centro Residenziale per Anziani
della Fondazione "Opera Don Baronio"
monsignor Regattieri celebrer la
Cappuccine, come allOspedale
liturgia del Natale, nel pomeriggio di
Bufalini, prima di giungere in
gioved 24 dicembre, alle 16, nei primi
Cattedrale.
vespri della Solennit, intrattenendosi
In serata (alle 21 in Cattedrale) si
con i responsabili della Casa, gli ospiti e svolger la veglia di preghiera dei
gli operatori socio-sanitari.
giovani con il vescovo Douglas, si
ascolteranno testimonianze e canti, si
Giubileo dei Giovani
terr un momento di preghiera
Una tappa per i giovani della nostra
penitenziale e adorazione eucaristica.
Diocesi, nel cammino di preparazione
Ci sono tutti gli ingredienti per
alla Giornata mondiale della Giovent,
considerarlo un Giubileo dei giovani
sar quella di mercoled 23 dicembre.
della nostra Diocesi, mentre si avvicina
Le immagini del Crocifisso di San
il pellegrinaggio che li vedr partire
Damiano e della Beata Vergine di
insieme dalle Chiese della Romagna
Loreto giungeranno a Cesena dalle
per la Polonia, nellestate del prossimo
diocesi vicine e sosteranno presso i
anno. A Cracovia, infatti, incontreranno
Monasteri di vita claustrale delle
papa Francesco per il raduno mondiale
monache Benedettine e Clarisse
di tutti i giovani cristiani.

alle 11 a Cesena, presso la basilica


santuario di Santa Maria del Monte;

alle 17 a Sarsina, nella basilica


Concattedrale santuario di San Vicinio

Un sussidio-guida per il Giubileo


In occasione del Giubileo straordinario della
Misericordia, la Diocesi di Cesena-Sarsina ha
pubblicato un sussidio per la catechesi e la
preghiera che pu essere richiesto in
parrocchia o presso il Centro pastorale di
Palazzo Ghini a Cesena in corso Sozzi. Il
libretto stato distribuito domenica scorsa al
termine della solenne celebrazione in
Cattedrale.

Oltre alle indicazioni del Papa (confronta


anche con larticolo in fondo a questa pagina),
vi sono la guida per la preghiera e il calendario
diocesano dellAnno santo della Misericordia.
Dopo i primi appuntamenti (confronta articolo
qui sopra) da ricordare il pellegrinaggio
vocazionale alla basilica del Monte (ore 6,30
del 26 dicembre) e la Messa di ringraziamento
il 31 dicembre alle 18 in Cattedrale.

La Porta della Misericordia


aperta per tutti
Di seguito alcuni punti salienti riguardanti il Giubileo straordinario
della Misericordia (13 dicembre 2015 13 novembre 2016) secondo le disposizioni del Papa.
Mediante il dono dellindulgenza al
peccatore pentito condonata la pena
temporale per i peccati gi rimessi
quanto alla colpa. Colui che esprime
reale pentimento per tutti i peccati
commessi, comprese le colpe veniali,
impegnandosi a non commetterne pi
in futuro, pu ricevere con frutto il
dono dellindulgenza e progredire nel
cammino personale di conversione e
di santit. Il perdono, che Dio concede

gratuitamente al peccatore pentito,


implica come conseguenza un reale
cambiamento di vita, una progressiva
eliminazione del male interiore, un
rinnovamento profondo della propria
esistenza.
Desiderando che il Giubileo sia per
tutti i fedeli esperienza viva della
tenerezza di Dio Padre "perch la fede
di ogni credente si rinvigorisca e cos
la testimonianza diventi sempre pi
efficace", papa Francesco stabilisce
che lindulgenza giubilare possa essere
da tutti ricevuta e porti frutti di
autentica conversione nel cuore e
nella vita delle persone e delle
comunit.

Per vivere e ottenere lindulgenza i fedeli


sono chiamati a compiere un breve
pellegrinaggio verso la Porta Santa, aperta
in ogni Cattedrale o nelle chiese stabilite
dal Vescovo diocesano, e nelle quattro
Basiliche Papali a Roma, come segno del
desiderio profondo di vera conversione.
"Penso, inoltre - continua papa Francesco a quanti per diversi motivi saranno
impossibilitati a recarsi alla Porta Santa, in
primo luogo gli ammalati e le persone
anziane e sole, spesso in condizione di non
poter uscire di casa. Per loro sar di grande
aiuto vivere la malattia e la sofferenza
come esperienza di vicinanza al Signore
che nel mistero della sua passione, morte e
risurrezione indica la via maestra per dare
senso al dolore e alla solitudine. Vivere con
fede e gioiosa speranza questo momento di
prova, ricevendo la comunione o
partecipando alla santa Messa e alla
preghiera comunitaria, anche attraverso i
vari mezzi di comunicazione, sar per loro
il modo di ottenere lindulgenza giubilare".
Il pensiero del Papa va anche ai carcerati,
che sperimentano la limitazione della loro

libert. A tutti costoro giunga


concretamente la misericordia del Padre
che vuole stare vicino a chi ha pi bisogno
del suo perdono. Nelle cappelle delle
carceri potranno ottenere lindulgenza, e
ogni volta che passeranno per la porta
della loro cella, rivolgendo il pensiero e la
preghiera al Padre, possa questo gesto
significare per loro il passaggio della Porta
Santa, perch la misericordia di Dio,
capace di trasformare i cuori, anche in
grado di trasformare le sbarre in
esperienza di libert.
A tutti i sacerdoti data la facolt di
assolvere il peccato dellaborto.
Lindulgenza giubilare pu essere ottenuta
una sola volta al giorno, per s o anche per
quanti sono defunti.
Le ordinarie disposizioni per ricevere
lindulgenza plenaria sono: visita ad una
delle chiese giubilari, attraversando la
principale "Porta Santa della Misericordia";
celebrazione del Sacramento della
Penitenza; partecipazione alla
celebrazione eucaristica; professione di
fede o Credo; preghiera secondo le
intenzioni del Papa.

Vita della Diocesi

Gioved 17 dicembre 2015

NOTIZIARIO DIOCESANO IL GIORNO

Il vescovo Douglas nelle aziende


Messe pre Natalizie
In preparazione al Natale, il vescovo Douglas continua i
tradizionali appuntamenti con le celebrazioni eucaristiche nelle
aziende del territorio.
- venerd 18 dicembre alle 18: alla Cassa di Risparmio di Cesena
(corso Garibaldi, Cesena).
- luned 21 dicembre alle 17,15: alla Trevi, a Pievesestina di
Cesena.
- marted 22 dicembre alle 17: allOrogel, a Pievesestina di
Cesena.

Raccolta di Avvento per sostenere il progetto


Una casa-famiglia in Vescovado
Presso la segreteria della Caritas diocesana si possono fare
offerte per sostenere il progetto Una casa-famiglia in
Vescovado. Lindirizzo della Caritas diocesana via Martiri
dUngheria 1, Cesena, tel. 0547 22423; oppure si pu utilizzare
l Iban: It62B0612023901
C0010012130, specificando la causale Una casa-famiglia in
Vescovado.

Misericordia e verit
sincontreranno
(Sal 85,11)

DEL
SIGNORE

Portare Ges significa gioia piena


Domenica 20 dicembre
IV Domenica di Avvento - Anno C
Mi 5,1-4a; Salmo 79; Eb 10,5-10; Lc 1,39-45

l Vangelo della quarta domenica di


Avvento ci presenta la visita di Maria a
Elisabetta. La Vergine, gi informata
dallAngelo (v. 37) che Elisabetta al sesto
mese di gravidanza, si fermer dalla sua
parente per circa tre mesi (v. 56). Queste
specificazioni temporali lasciano supporre
che lo scopo della visita sia quello di recare
aiuto materiale alla futura mamma.
Visitando Elisabetta, Maria porta
soprattutto Ges, presente gi nel suo
grembo. un viaggio missionario. lamore
per il prossimo che spinge Maria ad alzarsi e
intraprendere, in fretta, un cammino
impegnativo. Portare Ges vuol dire portare
gioia piena, rendere colmi di Spirito Santo,
come succeder a Elisabetta. Maria un
modello di carit per la Chiesa e per
ciascuno di noi. Lo ha ricordato anche papa
Francesco nelludienza generale del 23
ottobre 2013: La Chiesa non unagenzia
umanitaria, la Chiesa non una Ong, la
Chiesa mandata a portare a tutti Cristo e il
suo Vangelo; non porta se stessa, porta Ges
e deve essere come Maria quando andata
a visitare Elisabetta.
La Chiesa deve portare la carit di Ges.
Questa la via privilegiata per annunciare
Cristo al mondo, perch, mentre conduce
ad amare l'uomo, apre allincontro con Dio,
principio e ragione ultima di ogni amore.

Dallesperienza di Maria impariamo


cosa vuol dire concretamente essere
cristiani: donare la propria vita per
gli altri. Lincontro fra Maria ed
Elisabetta anche un invito a
rinvigorire la nostra fede sulla verit
di Ges, il Figlio di Dio, che si fa
carne nel seno della Vergine per
abitare tra gli uomini. Le parole di
Elisabetta (v. 35) ci ricordano che la
Vergine beata proprio perch
allannuncio dellangelo, messaggero
della volont di Dio, ha creduto alla
Parola del Signore. la prima
beatitudine che incontriamo nel
Vangelo di Luca: la beatitudine della
fede. Sar anche lultima beatitudine
che incontreremo nei Vangeli,
quando Ges dir a Tommaso (Gv
20,29) Beati quelli che non hanno
visto e hanno creduto!.
La liturgia, in questi giorni che
precedono il Natale, ci invita a
metterci alla scuola di Maria ed
Elisabetta per imparare ad accogliere
Ges nella fede, a testimoniarlo con
la nostra vita ai fratelli nellattesa del
suo ultimo avvento. Portando il
Signore si pu contagiare il mondo di
gioia. La gioia del Vangelo riempie il
cuore e la vita intera di coloro che si
incontrano con Ges. [...] Con Ges
Cristo sempre nasce e rinasce la
gioia (Evangelii gaudium, 1).
Marco Castagnoli

La Parola
di ogni giorno
luned
21 dicembre
san Pietro Canisio
Ct 2,8-14; Sal 32;
Lc 1,39-45
marted 22
santa Francesca
Cabrini
1Sam 1,24-28;
cant. 1Sam 2,1.4-8;
Lc 1,46-55
mercoled 23
san Giovanni da Kety
Ml 3,1-4.23-24;
Sal 24; Lc 1,57-66
gioved 24
sante Adele e Irmina
2Sam 7,1-5.8b12.14a.16; Sal 88;
Lc 1,67-79
venerd 25
Natale del Signore
Is 52,7-10; Sal 97;
Eb 1,1-6; Gv 1,1-18
sabato 26
santo Stefano
primo martire
At 6,8-10.12; 7,54-60;
Sal 30; Mt 10,17-22

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche,
Santa Maria della Speranza
8.30 Madonna delle Rose,
San Domenico, San Rocco,
SantEgidio, capp. cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
16.00 Ponte Pietra
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza, SantEgidio
18.30 San Pietro, Santa Maria
della Speranza, Cappuccini,
San Bartolo
19.00 Tipano
20.00 San Giovanni Bono,
San Pio X,
Torre del Moro, Gattolino
20.30 Villachiaviche

Sabato
e vigilie
15.00 Cappella cimitero Cesena,
Formignano
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
16.00 Ponte Pietra
17.00 Cappella
ospedale Bufalini
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
Santuario dellAddolorata
San Vittore
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Osservanza,
Convento Cappuccini,
Osservanza, Santo Stefano,
San Paolo, SantEgidio,
Madonna delle Rose,
Villachiaviche,
Case Finali, Diegaro,
Torre del Moro, Borello,
San Mauro in Valle,
San Giorgio
18.30 San Pietro, San Rocco,
Santa Maria della Sper.
Bulgarn

19.00 Tipano
20.00 San Giovanni Bono,
Bulgaria, Ruffio, Pioppa,
Pievesestina, Calisese,
Gattolino, San Pio X

Messe festive
7.00 Cattedrale, Basilica del
Monte
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche, Martorano
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro,
San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Capannaguzzo,
Ronta, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Tipano,
San Cristoforo,
Gattolino, Roversano
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
Bulgaria, San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.15 San Martino in Fiume
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
SantEgidio,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale, Case Finali,
San Rocco, Santa Maria
della Speranza,
Torre del Moro, Carpineta,
Cappuccini, San Pio X,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
10.45 Ronta, Capannaguzzo

11.00 Santuario Addolorata,


Basilica del Monte,
Osservanza,
San Domenico, Santo
Stefano, San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,
SantEgidio, San Giorgio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,
Gattolino, Madonna del
Fuoco, San Mauro in Valle,
Martorano, San Demetrio,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone
11.10 Torre del Moro
11.15 Diegaro, Madonna
delle Rose
11.30 Cattedrale, San Rocco,
Istituto Lugaresi,
San Pietro, San Pio X,
Case Finali, Santa Maria
della Speranza
12.30 Torre del Moro (in inglese,
comunit nigeriani)
15.00 Cappella del cimitero
17.00 Cappella dellospedale
Bufalini
18.00 Cattedrale,
San Domenico, Osservanza
18.30 San Pietro, Cappuccini
19.00 San Bartolo, Villachiaviche

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9, 11
(19 sabato)

Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina;
16,30 San Giuseppe;
17,30 Conv. Cappuccini,
Santa Maria Goretti;
18 San Giacomo;
20 Sala; 20,30 Villalta
Festivi:8 San Giacomo, Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
8,30 Sala, Boschetto;
9 Cappuccini;
9,15 San Pietro;
9,30 Valverde;
9,45 Cannucceto;
10 Villalta, Villamarina;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Sala;
11,15 Bagnarola,
Santa Maria Goretti,
Gatteo Mare;
17,30 Cappuccini;
18 San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10/ 11,15 / 17.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11,15 / 17
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo a Mare:
festivi: 8 / 11,15
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso;
19 Crocetta; 20 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;
11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in
Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso

Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero
di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe);
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30;
San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 18 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30

Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 18; Casa di Riposo:
ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15
(domenica); Balze (chiesa
parrocchiale): 11,15;
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16;
Alfero: ore 17 (sabato);
11,15; Riofreddo: 10
Corneto: 11; Pereto: 10

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Queste cose vi scriviamo, perch la vostra gioia sia piena (1Gv 1,4)
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 45;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 44 del 10 dicembre 2015: 7.984 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 18 di marted 15 dicembre 2015

Vita della Diocesi

Celebrazioni natalizie
in Cattedrale a Cesena
l primo appuntamento per venerd 18 dicembre:
Iorganizzato
alle 16, presepio vivente per le vie della citt
dalla scuola Fondazione Sacro Cuore
di Cesena.
Gioved 24 dicembre: ore 7, 8, 10 Messe (non sar
celebrata la Messa delle 18). A mezzanotte: Messa
solenne nella Notte Santa, presieuta dal vescovo
Douglas.

Gioved 17 dicembre 2015

Venerd 25 dicembre, Natale del Signore: alle 18


Messa solenne presieduta dal vescovo. Sar eseguita
la Messa Dominus in Gloria a quattro voci miste,
organo e tromba del maestro Gianni Della Vittoria.
Sabato 26 dicembre, Santo Stefano: orario festivo.
Domenica 27 dicembre: Festa della Santa Famiglia.
Gioved 31 dicembre: alle 18 celebrazione per
ringraziare il Signore di tutti i beneci elargiti
nellanno 2015, presieduta dal vescovo Douglas.
Canto del Te Deum.
Dal 25 dicembre all8 gennaio tutti sono invitati a
visitare lartistico presepio allestito dalla famiglia
Gualtieri di Montiano nella cripta della Cattedrale.

La Madonna di Loreto e il Crocifisso di San Damiano a Cesena, mercoled 23 dicembre, ai monasteri


delle suore benedettine e cappuccine e allospedale Bufalini. Alle 20,45 Veglia in Cattedrale

In breve
Convegno Maria Cristina
di Savoia
Nuovo appuntamento culturale promosso dal
Convegno Maria Cristina di Savoia. Luned 21
dicembre alle 16, il professor Marco Vallicelli
relazioner sul tema La pittura in rosa.
Lappuntamento presso la sala Lignea della
Biblioteca Malatestiana. Lincontro aperto a tutti.

Invito a fare attenzione


Caritas, nessun operatore
stato incaricato
per la raccolta di offerte
ei giorni scorsi presso la
N
segreteria della Caritas
diocesana sono giunte notizie

Lungo le nostre strade


in cammino verso Cracovia
I

giovani (e non solo!) della Diocesi di


Cesena-Sarsina sono invitati a vivere il
prossimo appuntamento di avvicinamento
alla Giornata mondiale della Giovent (Gmg)
che si terr a luglio 2016 a Cracovia, in Polonia.
Le immagini della Madonna di Loreto e del
Crocifisso di San Damiano - anchesse in
cammino verso la capitale polacca mercoled 23 dicembre faranno sosta nella
nostra Diocesi.

Diversi le soste di preghiera previste, a cui


tutti sono invitati a partecipare: alle 10,30 le
immagini sosterranno a Cesena al Monastero
dello Spirito Santo, presso le monache
benedettine (via Celincordia 185).
Successivamente (alle 11,30), tappa dalle
monache clarisse cappuccine presso il
Monastero del Corpus Domini, di fronte al
cimitero urbano. Alle 17, nuova tappa nella
cappella dellospedale Bufalini di Cesena.

Alle 20,45 le immagini arriveranno


in Cattedrale a Cesena, dove il
vescovo Douglas presieder la
Veglia di preghiera, con
testimonianze. Dalle 22,30 alle 24
confessioni e adorazione
eucaristica.

Informazioni utili per partecipare alla Gmg 2016 a Cracovia (Polonia)


Pacchetto A (dal 19 luglio all1 agosto 2016): viaggio in pullman Gt, vitto e alloggio a Tarnow e Cracovia, Pass di entrata agli eventi,
kit degli italiani e assicurazione. Costo: 495 euro (secondo fratello: 395 euro). Pacchetto B (dal 24 luglio all1 agosto 2016)
viaggio in pullman Gt, vitto e alloggio a Cracovia, pass di entrata agli eventi, kit degli italiani e assicurazione. Costo: 410 euro (secondo fratello: 310 euro).
A chi rivolta la Gmg? Possono iscriversi i giovani dai 16 ai 30 anni. Le iscrizioni possono essere effettuate da novembre a febbraio
versando una caparra di 215 euro (entro il 28 febbraio 2016). Per i minorenni, in fase di iscrizione occorre una delega dei genitori.
PER INFO: Serviziodiocesano per la pastorale giovanile, delegato: don Marcello Palazzi presso il Seminario diocesano: via del
Seminario, 85, Cesena (Fc), www.pg-x.org. Contatti: serviziopgx@gmail.com; cell. 346 3008218 (Pastorale giovanile).

25 aprile 2016

Pellegrinaggio
diocesano
a Roma
Il programma

Roma in occasione del Giubileo della Misericordia. LUfficio


A
pellegrinaggi ha denito il programma del pellegrinaggio
diocesano che si terr luned 25 aprile 2016 a Roma.
Il programma della giornata prevede la partenza dal piazzale
dellIppodromo, a Cesena, alle 4,30 di luned 25 aprile. Arrivo in
prima mattinata in piazza San Giovanni in Laterano, ingresso in
processione nella Basilica di San Giovanni in Laterano attraverso la
Porta Santa e celebrazione della Messa presieduta dal vescovo
Douglas Regattieri. Pranzo libero. Nel primo pomeriggio,
trasferimento a Santa Maria Maggiore, ingresso attraverso la Porta
Santa e momento di preghiera guidato dal vescovo. Alle 17 circa
partenza e arrivo a Cesena in serata.
Quota individuale di partecipazione: 50 euro. La quota comprende:

riguardo a persone che


vendevano oggetti al mercato
ambulante o passavano per le case a chiedere
offerte in denaro per conto della Caritas.
La Caritas diocesana dichiara che non ha mai
autorizzato alcuno a tali iniziative.
Chiunque volesse fare unofferta pu farlo nelle
seguenti modalit:
- versamento diretto presso la Segreteria
Caritas in via Martiri dUngheria, 1, Cesena
(tel. 0547 22423)- Offerte detraibili scalmente: Erogazioni
liberali onlus a favore di Associazione Mater
Caritatis, effettuate con assegno o con
bonico: Codice IBAN
IT94G0612023901CC0010032034, Cassa di
Risparmio di Cesena.
- Offerte non detraibili scalmente: c/c postale
n. 13243472 intestato alla Caritas Diocesana
Cesena-Sarsina, codice IBAN
IT62B0612023901CC0010012130, Cassa di
Risparmio di Cesena.

Preghiera del Rinnovamento


nello Spirito
Domenica 20 dicembre nella chiesa parrocchiale di
Pievesestina di Cesena, ritiro del Gruppo del
Rinnovamento nello Spirito Santo. Alcuni fratelli
riceveranno la preghiera del Battesimo nello
Spirito Santo. Alle 9,30 accoglienza; alle 10
preghiera carismatica e a seguire insegnamento e
condivisione. Alle 12,30 pranzo insieme e alle
14,30 ritrovo e preghiera del Roveto Ardente; alle
16,15 Messa.

pullman Gt da Cesena, kit del pellegrino (libro delle preghiere, pass


identicativo, borsa shopper in cotone, segnalibro).
Per info e prenotazioni rivolgersi presso la propria parrocchia,
oppure a: Ufficio diocesano pellegrinaggi, via Papa Giovanni XXIII,
Cesena, tel. 0547 610280 ufficio.pellegrinaggi@cesenasarsina.chiesacattolica.it; Centro Pastorale di Palazzo Ghini, corso
Sozzi 39, Cesena, tel. 0547 611001.
LUFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI a disposizione per le
parrocchie che desiderassero organizzare un pellegrinaggio di due
o tre giorni ed essere presenti il 25 aprile in comunione con tutta
la Diocesi, ricordando che necessario richiedere al pi presto la
disponibilit alberghiera per la grande affluenza prevista a Roma
per il ponte di aprile.

Organizzazione Tecnica Ariminum Viaggi e Robintur Viaggi, IOT e Brevivet - Polizza assicurava R.C. Allianz n. 74372043

TERRA SANTA sui primi passi della Chiesa e della sua Missione
dal 26 dicembre al 2 gennaio 2016 (8 giorni):
Volo direo da Rimini. Pellegrinaggio presieduto da monsignor Francesco Lambiasi, vescovo di
Rimini. Hotel 4 stelle, pensione completa, accompagnatore, radioguide
Quota di partecipazione: 1.200 euro

ROMA
- Giubileo della Misericordia
PELLEGRINAGGIO DIOCESANO presieduto dal vescovo Douglas Regaeri (un giorno, 25 aprile 2016)
- PELLEGRINAGGIO con le parrocchie di Budrio e di Longiano (due giorni, 24 e 25 aprile 2016)

50 euro
150 euro

PROGRAMMI IN PREPARAZIONE
LOURDES: 3 giorni, dal 26 al 28 maggio 2016 - in aereo, con la parrocchia di San Domenico
LISIEUX: 6 giorni (inizio luglio 2016), in pullman - La sant femminile in Francia e in parcolare Santa Teresa di Ges Bambini e i suoi
san genitori Luigi e Zelia Marn - Visite a Caen, Alenon, Nevers, Paray Le Monial

TERRA SANTA: 8 giorni, dal 6 al 13 oobre 2016 - in aereo - Nazareth, Monte Carmelo, Cafarnao, Lago di Tiberiade, Gerico, Betlemme, Gerusalemme

Vita della Chiesa

Gioved 17 dicembre 2015

Sacro Convento
di Assisi,
concerto
con Bakanova,
Noa e Campbell

La domenica
di papa Francesco

l soprano Ekaterina Bakanova, la cantante Noa


Iprotagoniste
e la violinista Caroline Campbell saranno le
del Concerto di Natale che, per il
trentesimo anno, sar eseguito nella basilica
superiore di San Francesco dAssisi. Il concerto
verr registrato sabato 19 dicembre alle 11 e
trasmesso la mattina di Natale, su Rai 1, subito
dopo la benedizione Urbi et Orbi di papa
Francesco.
Ad accompagnare le tre artiste sar lOrchestra
sinfonica nazionale della Rai, diretta da Steven
Mercurio, il coro di voci bianche I piccoli musici

e il coro Coenobium vocale, guidati dai maestri


Mario Mora e Maria Dal Bianco. Al concerto
assisteranno, con il custode del Sacro convento
di Assisi padre Mauro Gambetti, il presidente del
Senato Piero Grasso, il presidente del Ponticio
Consiglio della cultura cardinale Gianfranco
Ravasi, il ministro dellAmbiente Gian Luca
Galletti e il ministro della Difesa Roberta Pinotti.
Le immagini e le musiche che da Assisi
giungeranno nelle case degli italiani vogliono
arricchire i sentimenti di serenit, di pace e di
amore che ispira il Natale - ha dichiarato il

Come Giovanni Battista,


chi ha due tuniche
ne dia una a chi non ne ha

ROMA, 13 DICEMBRE 2015:


PAPA FRANCESCO
APRE LA PORTA SANTA
DELLA BASILICA
DI SAN GIOVANNI IN LATERANO
(FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

onversione, gioia. Sono le due


parole, gli atteggiamenti
dominanti di questo tempo di
Avvento. Conversione la sintesi
del messaggio di Giovanni Battista, al
quale viene rivolta per tre volte, nel
Vangelo di questa domenica, la
domanda: che cosa dobbiamo fare? la
domanda attorno alla quale papa
Francesco riflette nellomelia in San
Giovanni in Laterano, aprendo per la
terza volta la Porta Santa, mentre nel
mondo, in una sorta di Giubileo delle
periferie, si aprivano le Porte Sante delle
cattedrali, anche l dove i cristiani
conoscono sofferenze e privazioni, dove i
popoli sono feriti da violenze, guerre,
povert e fame; anche nelle carceri e
nelle mense Caritas, e il Papa lo far alla
Stazione Termini.
Nel Vangelo di Luca, Giovanni,
rispondendo alla domanda, non invita
gli uomini a fuggire nel deserto, non
chiede di fare sacrifici e olocausti, o
particolari digiuni, ma indica un
cammino possibile, quotidiano,
potremmo dire, di conversione. Il luogo
della conversione la vita in cui la Parola
di Dio prende forma, nella solidariet,
condivisione, giustizia e lealt.
Il Giubileo della misericordia per
Francesco inizio del tempo del grande
perdono; tempo in cui bisogna
cambiare direzione di marcia e
intraprendere la strada della giustizia,
della solidariet, della sobriet. Ecco
linvito a rivolgere lo sguardo verso il
Natale, perch non possiamo lasciarci
prendere dalla stanchezza; non ci
consentita nessuna forma
di tristezza, anche se ne
avremmo motivo per le
tante preoccupazioni e per
le molteplici forme di
violenza che feriscono
questa nostra umanit.
Cosa dobbiamo fare, allora?
Attraversando la Porta Santa, dice
Francesco, ci viene chiesto di essere
strumenti di misericordia, consapevoli
che saremo giudicati su questo. Con le
parole di Giovanni Battista siamo invitati

direttore della Sala stampa del Sacro Convento,


padre Enzo Fortunato -. Sentimenti che ci fanno
aprire agli altri, ai tanti fratelli che in questo
momento stanno soffrendo: pensiamo ai poveri,
agli emarginati, ai migranti, ai rifugiati.
pensando a loro che, sul sagrato della basilica,
stata adagiata, accanto allalbero natalizio, una
barca giunta a Lampedusa in uno dei tanti
viaggi della speranza al cui interno la comunit
francescana ha realizzato il suo presepe. una
nativit che invita allincontro, allaccoglienza,
alla misericordia.

timore perch non si addice a chi


amato, ricordando che attraversare la
Porta Santa significa partecipare al
mistero di amore e di tenerezza. Dio
protegge il suo popolo e in un contesto
storico di grandi soprusi e violenze, ad
opera soprattutto di uomini di potere,
Dio fa sapere che lui stesso regner sul
suo popolo, che non lo lascer pi in
balia dellarroganza dei governanti, e che
lo liberer da ogni angoscia.
E allora cosa dobbiamo fare? A San
Pietro aveva evocato limmagine del
buon Samaritano; allAngelus ricorda la
risposta del Battista: chi ha due tuniche
ne dia una a chi non ne ha, cos per il
cibo; ai pubblicani, gli esattori delle
tasse, ricorda di non esigere nulla di pi
della somma dovuta, cio, precisa
Francesco, questo significa non fare
tangenti; ai soldati, di accontentarsi delle
loro paghe senza estorcere nulla a
nessuno.
Il mondo assillato da tanti problemi e il
futuro gravato da incognite e timori.
Ecco la gioia che accompagna il
cristiano, che sa guardare oltre ci che ci
circonda; che accompagna limpegno di
accogliere e testimoniare un amore che
va oltre la giustizia, un amore che non
conosce confini. Gioia che non un
qualcosa di effimero o superficiale, ma
profondo e stabile, perch dono del
Signore che riempie la vita.
Forse solo una coincidenza, ma
laccordo sul clima raggiunto a Parigi
proprio in questo tempo della
misericordia, come non leggerlo in un
cammino di cambiamento, dopo le tante
resistenze che, negli anni,
hanno impedito qualsiasi
accordo? Quanto
in queste conclusioni ha
influito il pensiero di papa
Francesco contenuto nella
Laudato si? Accordo
storico stato detto, e Francesco invoca
una particolare attenzione ai poveri, alle
popolazioni pi vulnerabili, nel segno di
una solidariet che diventi sempre pi
fattiva.
Fabio Zavattaro

Farsi strumenti di misericordia


ad agire con giustizia e guardare alle
necessit di quanti sono nel bisogno. La
Porta Santa, ancora, invito a non lasciar
cadere le braccia a causa del dubbio,
dellimpazienza, della sofferenza. A
Bangui aveva parlato di persone ferite

dalla vita, disperati che non hanno pi


nemmeno la forza di agire, uomini che
devono abbandonare la tentazione della
vendetta e la spirale delle rappresaglie
senza fine. A San Pietro aveva chiesto di
abbandonare ogni forma di paura e di

ZONA MULINI (Cesena): su un lotto di circa 380 mq casa indipendente da ristrutturare con ampio giardino privato. Limmobile composto al piano rialzato da soggiorno/pranzo, cucina, due camere da letto, bagno, ripostiglio e al piano seminterrato
da cantine e servizi. Possibilit di sopraelevare e di realizzare tre unit abitative con
progetto gi approvato. 320.000 / Rif. 1590
ADIACENZE OSSERVANZA E CENTRO CITT (Cesena): In piccola palazzina con spese
condominiali contenute appartamento ristrutturato completamente 4 anni fa con materiali moderni. Limmobile si trova al secondo e ultimo piano ed composto da luminoso soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno,
balcone verandato, cantina e posto auto in corte condominiale. 169.000 / Rif. 1614
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina
di nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 1 balcone,
tavernetta, cantina, garage doppio e giardino di propriet. Ottime finiture, aspirazione centralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. 340.000 Rif. 1334-3
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde allultimo piano appartamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico
composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, camera da letto matrimoniale, 2 bagni, 3 logge, ampio sottotetto diviso in 3 vani, piccolo ripostiglio,
cantina e garage. NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI
A TITOLO ONEROSO. 425.000 / Rif. 0121-2
CENTRO STORICO (Cesena, via Cesare Battisti fronte via Chiaramonti): in elegante
palazzo appartamento al primo piano servito da ascensore composto da ingresso,
soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con finestra e cantina.
Limmobile gode di eccezionale luminosit e si distingue per gli spazi comodi e
ben disposti. 240.000 / Rif. 1563

PONTE PIETRA (Cesena): in zona residenziale porzione di casa da ristrutturare con ingresso indipendente, cortile privato, garage e ripostigli esterni. Limmobile composto
al piano rialzato da soggiorno e cucina abitabile; al piano primo da 2 camere da letto,
bagno e balcone; al piano seminterrato da cantina. 150.000 / Rif. 1578
ZONA SAN VITTORE (Cesena): in palazzina di 9 unit appartamento in discrete condizioni all'ultimo piano composto da soggiorno, cucina, abitabile, veranda, 2 camere da
letto, 2 bagni, finestrati, balcone, cantina e garage. 150.000 / Rif. 1321
ZONA CENTRALE (vicinanze Giardini di Serravalle, Cesena): in condominio servito da ascensore al primo piano appartamento recentemente ristrutturato composto da ampio ingresso, cucina, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali,
bagno, balcone e cantina. 210.000 / Rif. 1542
ZONA VIGNE (Cesena): In fabbricato costruito all'inizio degli anni 80 vicino al centro e ai servizi appartamento al secondo piano con ascensore composto da soggiorno con cucina a vista, bagno, 2 camere da letto, 2 balconi, garage al piano
interrato. 167.000 / Rif. 2028

Attualit

arine Le Pen stravince


(una settimana fa).
Marine Le Pen ha perso
(questa settimana). Dopo il
ballottaggio delle elezioni
regionali in Francia,
commentatori, politici e mass
media smorzano i toni o
addirittura tornano sui propri
passi, non di rado
contraddicendo se stessi. Cos se
alla luce dei risultati del primo
turno il Front National era
diventato il simbolo della
vittoria dei nazionalisti, in grado
di guidare la riscossa
euroscettica in tutto il Vecchio
continente, ora viene decretato
come perdente, incapace di
sfondare rispetto al fronte
repubblicano che ha
consegnato 7 regioni al
centrodestra gollista di Nikolas
Sarkozy, 5 ai socialisti e alleati di
Franois Hollande, mentre la
Corsica resta fieramente in
mano ai regionalistiindipendentisti.
La destra estrema, xenofoba, noeuro, no-Europa, rappresentata

Gioved 17 dicembre 2015

ELEZIONI IN FRANCIA: SCONFITTA MARINE LE PEN |

di Gianni Borsa

La democrazia mette allangolo il Front National


Ma resta lallarme nazionalista
dalla dinastia Le Pen, resta
allasciutto. Discorso chiuso,
dunque? Nientaffatto.
Il Fn conserva al ballottaggio i
suoi 6 milioni di voti, e ne
aggiunge alcune migliaia. Forza
il tradizionale bipolarismo
francese - gollisti contro
socialisti - e si inserisce come
terza forza stabile e diffusa in
tutto il Paese e in tutte le classi
sociali, pescando molti dei
propri voti fra le giovani
generazioni, distanti da una
politica ritenuta incapace di
fornire risposte alle legittime
attese degli under30. Laccordo
di desistenza tra destra
moderata e socialisti (voluto pi
da questi ultimi che non dai

gollisti, guidati da un opaco


Sarkozy), laffluenza alle urne in
crescita, e un sistema elettorale
ritagliato in chiave maggioritaria
e con la garanzia dei ballottaggi,
hanno consentito di mettere
allangolo il Front National; ma
la leader Marine Le Pen pu
argomentare che il regime
comunque in agonia. Nel senso
che - provando a interpretarne le
parole - la politica, a lungo
chiusa nei palazzi del potere,
sembra aver perso il contatto
con lelettorato, che invece
lancia, attraverso il consenso al
Fn, i suoi messaggi di
insoddisfazione, paure
profonde, attese disattese, nuove
speranze.

La Francia non pu che ripartire


da l. E lo sanno bene sia roi
Hollande che il suo ipotetico
rivale alle presidenziali del 2017,
Sarkozy. Ugualmente non
possono sottovalutare il
messaggio che arriva dalle urne
francesi i vari Merkel, Renzi,
Cameron, Rajoy (che il 20
dicembre si gioca il futuro con le
elezioni parlamentari in Spagna)
e gli altri leader europei, che si
ritroveranno questa settimana a
Bruxelles per il Consiglio
europeo. Nellagenda del vertice
del 17-18 dicembre non a caso
sono inscritti i tre grandi temi
che da tempo stanno
alimentando la marea
europerplessa e a tratti razzista

che sta attraversando lEuropa:


ossia terrorismo e sicurezza,
emergenza-profughi e controllo
delle frontiere, crisi e nuova
governance economica.
Lennesimo campanello
dallarme suonato in Francia
non pu rimanere inascoltato. I
politici europei devono fare la
loro parte, costruendo risposte
coerenti e condivise alle sfide in
atto. Cos come la societ civile,
lopinione pubblica, i mass
media, le agenzie educative sono
chiamate a portare un
contributo di valori e di progetti
perch lEuropa possa evitare la
temuta, pi volte annunciata e
ora sfiorata, deriva dei nuovi
muri e delle barriere di cui
Marine Le Pen divenuta alfiere.

Il salvataggio di Banca Marche, CariFerrara, CariChieti e Banca Etruria stato provvidenziale, afferma leconomista
Leonardo Becchetti,perch ha evitato che possessori di obbligazioni ordinarie
FOTO SIR
e correntisti per la quota di deposito superiore ai 100mila euro fossero coinvolti

La crisi delle banche insegna


che ci vogliono comportamenti civici

lla fine, dopo la grave crisi di quattro banche di


medie dimensioni (Banca Marche, CariFerrara,
CariChieti e Banca Etruria) di fatto fallite e sulle
cui ceneri sono nati quattro nuovi istituti ripuliti dei
crediti inesigibili, arrivata nei giorni scorsi la decisione del
governo. stato varato un fondo di solidariet da 100
milioni di euro, alimentato non da denaro pubblico bens
dalle banche italiane tramite il Fondo interbancario di tutela
dei depositi. Al momento non si conoscono le modalit
operative e si attende un decreto del ministero dellEconomia
e finanze in tale senso. Il fondo verr in soccorso solo di
persone fisiche, imprenditori individuali e agricoli e non di
societ che avessero investito in obbligazioni subordinate.
Sui 12.500 clienti colpiti per un totale di 431 milioni di euro, ne
verranno salvati di fatto uno su quattro, a partire dai 1.010
clienti pi piccoli (per un totale di 27 milioni).
Difficile dire al momento cosa possa succedere agli altri clienti
che hanno o una concentrazione di tali obbligazioni inferiori al
30 per cento del patrimonio totale, oppure che pur avendole in
misura pi alta dispongono di patrimoni superiori a 100mila
euro. Perderanno invece tutto il loro capitale i 130mila
azionisti che detenevano titoli delle quattro banche fallite. Ma
come stato possibile arrivare a questo e ora cosa ci attende
per il 2016 con il bail-in voluto dallUnione Europea? Lo
abbiamo chiesto alleconomista Leonardo Becchetti,
delluniversit Roma Tor Vergata.
Col primo gennaio entrer in vigore il bail-in, cio il salvataggio di banche in crisi a carico di azionisti, obbligazionisti e
clienti. Si apre una nuova era, di che tipo?
unera in cui i proprietari di azioni, obbligazioni subordinate,
obbligazioni ordinarie e conti correnti per la parte eccedente i
100mila euro saranno chiamati a coprire nellordine indicato le
perdite in caso di fallimento bancario. Non rischiano nulla,
invece, i correntisti con depositi sotto i 100mila euro.
Cosa insegna il caso delle quattro banche italiane, di fatto fallite?
Lintervento stato provvidenziale in quanto ha evitato che
possessori di obbligazioni ordinarie e correntisti per la quota
di deposito superiore ai 100mila fossero coinvolti. E si evitato
questo grazie ad una colletta delle altre banche che hanno
versato tre anni di quote dovute al fondo di garanzia, costruito
per far fronte a problemi di questo tipo.

Gli errori di chi nelle banche ha venduto le obbligazioni


subordinate e di chi le ha comprate senza diversificare i
propri risparmi.Nel nostro Paese il livello di istruzione
finanziaria molto basso, aggiunge il professore
La decisione del governo di dar vita a un fondo di salvataggio ha un senso, oppure costituisce un brutto precedente per il quale la gente penser che tanto se succede
qualcosa, lo Stato ci aiuta?
Forse il governo poteva battersi di pi nei confronti
dellUe. Subito dopo la crisi sono stati spesi miliardi e
miliardi pubblici per salvare le banche nel Nord Europa e il
governo italiano non ha speso nulla. Ma non abbiamo
accumulato un credito e ora che c stata la difficolt delle
nostre quattro banche il sistema cambiato e i salvataggi
pubblici non sono pi possibili.
Perch a pagare sono azionisti e possessori di obbligazioni e non primariamente i vertici delle banche, che hanno
provocato le perdite?
Bisogna tornare secondo me ai fondamentali e capire
cos unattivit economica. Ogni attivit economica porta
con s un rischio. Il fallimento pu avvenire per
circostanze non previste e non necessariamente una
colpa. Chi finanzia attivit economiche con azioni e
obbligazioni deve sapere che corre un rischio. I veri errori
sono due. Se chi ha venduto il prodotto non ha avvisato
correttamente del rischio. E se chi ha comprato non ha
diversificato il suo portafoglio. Non si puntano tutti i
propri averi su un solo cavallo. La diversificazione del
rischio il principio basilare dellinvestimento che
insegniamo in universit. Purtroppo il livello di
educazione finanziaria del Paese molto basso. E oggi
nostra responsabilit di cittadini avere un livello di
educazione finanziaria pi elevato.
Un cliente inesperto da noi pu essere indotto, artatamente, a sottoscrivere un titolo rischioso, con la scusa
che ha firmato la Mifid. Perch non separare la profilazione di rischio dallinvestimento vero e proprio tramite
un ente indipendente da tutte le banche e finanziarie?
Questo un punto fondamentale. I risparmiatori trovano
normale andare a chiedere consiglio sugli investimenti a

un dipendente di una determinata banca come se


parlassero con il loro padre spirituale. Ma se io vado in una
concessionaria di una certa marca e chiedo un consiglio su
quale macchina comprare quale consiglio pensa che
ricever? Muovere verso consulenti indipendenti
fondamentale.
Non si potrebbe pensare a una legge che obblighi alla diversificazione degli investimenti cos da abbassare il rischio per la clientela minuta?
un argomento interessante. Sarebbe un intervento paternalistico e un limite alla libert di scelta, ma senzaltro una
regola utile per evitare i casi pi dolorosi. In fondo anche il
sistema pensionistico nato nel dopoguerra ha seguito la
stessa logica: obbligare il lavoratore ad accantonare somme
che saranno conferite solo alla fine della vita lavorativa per
evitare che la mancanza di autodisciplina nel risparmio
impedisse di mettere da parte il necessario per il periodo
della pensione.
Ora si parla anche di una altra decina di banche di credito
cooperativo piccole che potrebbero fare la stessa fine. E in
arrivo unaltra mazzata sul sistema bancario?
Il sistema del credito cooperativo ha meccanismi di
solidariet interna dove le banche migliori contribuiscono
in caso di dissesto di quelle peggiori. La verit che
esistono banche ben gestite e banche mal gestite e che
molto dipende dalla qualit dei vertici.
Che morale si pu trarre da queste ultime vicende: che
non possibile applicare i valori etici agli affari finanziari?
Se continuiamo a pensare che in economia letica la
debbano avere le sole istituzioni; che noi cittadini non
possiamo essere che soggetti passivi, inconsapevoli, da
proteggere, quasi dei minus habens senza possibilit di
crescita e di apprendimento stiamo freschi, allora vuol dire
che siamo fermi a un modello a due mani (mercato e
istituzioni) che non potr mai funzionare. Letica nel
sistema va alimentata dai comportamenti civici di tutti noi.
Attraverso le scelte di consumo e risparmio responsabile.
Se i cittadini partecipano, si informano e votano col
portafoglio per le banche migliori nel creare valore
economico in modo sostenibile, il sistema migliora.
Luigi Crimella

10

Attualit

Gioved 17 dicembre 2015

Si muove
luniverso
femminista
e dice un no
forte e chiaro

Utero in affitto

Oltre 200 personalit del mondo femminista, della


cultura, dellarte, del cinema, della letteratura e del
sociale hanno preso posizione con un manifesto

nche le femministe (o almeno una parte di esse)


scendono in campo contro la maternit
surrogata. Un problema in pi per i sostenitori di
questa pratica. E, forse, ancor pi per chi vuol
lucrare su questo nuovo e redditizio mercato in
sviluppo.
Un manifesto di protesta. Unonda di protesta montante
che si cristallizzata pochi giorni fa nella pubblicazione
(sul sito www.cheliberta.it) del manifesto contro la
pratica dellutero in affitto, con la firma di oltre 200
personalit del mondo femminista, della cultura,
dellarte, del cinema, della letteratura, del sociale. Alcuni
tra i firmatari: Dacia Maraini, Livia Turco, Cristina
Comencini, le suore orsoline di Casa Rut a Caserta, Anna
Pozzi di Slaves no more; ma anche uomini, come
Giuseppe Vacca, presidente della Fondazione Gramsci,
Aurelio Mancuso, esponente di spicco
dellassociazionismo gay, il giurista Carlo Cardia, lattore
Claudio Amendola.
Un sostegno del tutto trasversale, dunque, per un
obiettivo comune. Noi rifiutiamo di considerare la
maternit surrogata un atto di libert o di amore - si
legge nel manifesto -. In Italia vietata, ma nel mondo in
cui viviamo laltrove qui: committenti italiani possono
trovare in altri paesi una donna che porti un figlio per
loro.
Non possiamo accettare, solo perch la tecnica lo rende
possibile, e in nome di presunti diritti individuali, che le
donne tornino a essere oggetti a disposizione: non pi del
patriarca ma del mercato.
Vogliamo che la maternit surrogata sia messa al bando.
I promotori della protesta. A promuovere liniziativa il
network femminile Se non ora quando? (Snoq), nato in
Italia nel 2011 per riequilibrare limmagine femminile
ferita dallo scandalo Olgettine. Oggi il network si
schiera contro la maternit surrogata a fianco del pi
vasto movimento femminista internazionale.
Un impegno civile che ha radici variegate e pi lontane
nel tempo. Gi nellaprile 2011, ad esempio, una
risoluzione del Parlamento europeo, che condannava
tutte le forme di sopraffazione sulla donna, invitava gli

Noi rifiutiamo
di considerare
la maternit
surrogata
un atto di libert
o di amore - si
legge nel testo
del manifesto -.
In Italia vietata,
ma nel mondo
in cui viviamo
laltrove qui:
committenti
italiani possono
trovare in altri
Paesi una donna
che porti
un figlio per loro.

(FOTO
ARCHIVIO SIR)

Stati membri a riconoscere il grave


problema della maternit surrogata, che
costituisce uno sfruttamento del corpo
femminile e dei suoi organi riproduttivi.
Qualche anno dopo, nel luglio 2014, un
gruppo di intellettuali della sinistra francese,
- tra cui Jaques Delors, Lionel Jospen, la
femminista Sylviane Agacinsky, Jos Bov,
Jaques Testart e Ren Frydman - inviava al
presidente Hollande una lettera aperta
(pubblicata su Libration), a sostegno del
divieto normativo per la maternit
surrogata. Solo un mese dopo, in Gran
Bretagna, la femminista Julie Bindel,
fondatrice di Justice for women,
intervenendo sul caso di Gammy (il
bambino thailandese nato da utero in affitto
e rifiutato dalla coppia committente perch
Down), dichiarava: La maternit surrogata
commerciale favorisce sfruttamento, abuso e
povert. Come femminista e attivista per i
diritti umani, io auspico la fine della
maternit surrogata e una discussione seria
e onesta sulleticit di tutte le forme di
gravidanza surrogata, specie in un mondo
pieno di neonati e bambini indesiderati e
trascurati. Non sono mancate neanche in
Svezia le proteste del gruppo femminista
Sveriges Kvinnolobby, che in un proprio
documento ha chiesto al governo di mettere
al bando la pratica della maternit surrogata.
Stop surrogacy now. Nel maggio di
questanno, infine, stata la volta di Stop
surrogacy now, il network nato negli Usa cui partecipano, ad oggi, oltre 160
personalit e associazioni appartenenti a 18
Paesi -, che sta promuovendo una petizione
internazionale per ottenere il divieto globale
della maternit surrogata. Gli aderenti
alliniziativa si ritroveranno il 2 febbraio
prossimo allAssemblea nazionale di Parigi,
per sostenere lapprovazione della petizione.
Avere un approccio femminista alla

maternit surrogata - si legge nel documento


- significa rifiutare lidea che le donne
possano essere usate come contenitori e che
le loro capacit riproduttive possano essere
comprate.
Ecco allora che anche figure storiche del
femminismo, come Sylviane Agacinski
(Francia) e Luisa Muraro (Italia) si ritrovano
in campo per portare avanti con decisione
quella che considerano una vera battaglia di
civilt. Insomma, il fronte anti utero in
affitto sta progressivamente ingrossando le
sue fila, anche col lapporto convinto di
settori sociali e culturali in parte inattesi.
Un fenomeno di cui, da tempo - bisogna
dargliene atto - il quotidiano dei vescovi
italiani, Avvenire, continua a dare
puntualmente conto, allinterno della
campagna informativa sulla surrogazione di
maternit, gi avviata nellagosto 2013.
La contro protesta. Ma va anche rilevato
come unaltra parte delluniverso
femminista, almeno in Italia, abbia
manifestato insofferenza e rivolto aspre
critiche a queste iniziative, perorando la
causa della maternit surrogata (per lo meno
di quella a titolo gratuito), considerata
come espressione della libert individuale e,
soprattutto, come parte del pi complesso
cammino di affermazione dei diritti per il
mondo omosessuale, tra cui annoverano
anche il tanto controverso diritto al figlio.
Ne testimonianza il contro-appello,
pubblicato in queste ore sul blog del Corriere
della Sera 27ma ora, ad opera di un gruppo
dissidente di personalit di spicco di Snoq,
che pongono come priorit assoluta
lapprovazione del ddl Cirinn sulle unioni
civili, disposte di conseguenza a
soprassedere alla questione della maternit
surrogata per non ritardare lapprovazione
in Parlamento di quel disegno di legge.
Maurizio Calipari

La sindrome dellX fragile, o sindrome di Martin-Bell, una malattia genetica ed ereditaria. Il racconto dellesperienza della famiglia Pietroni diViterbo

Valentina e Valerio, un tuffo al cuore che d speranza


M

ia figlia Valentina - afferma Patrizia


Pietroni - la mia pi grande forza.
Quando sono preoccupata, quando perdo
il coraggio, lei mi viene vicino e mi dice: forza
mamma ci sono io ad aiutarti. Parole che quasi
commuovono la sua voce squillante e combattiva.
Patrizia e il marito Biagio vivono a Fabrica di Roma in
provincia di Viterbo. Li incontro in occasione del
convegno sul progetto Le buone X prassi per le
famiglie che si svolto a Rimini nei giorni
scorsi.Hanno tre figli: Valentina, Veronica e Valerio.
Nel 2012 facendo fare degli accertamenti a Valerio, il
figlio pi piccolo, perch mostrava delle difficolt
nello sviluppo, scoprirono che aveva la sindrome di X
Fragile. Una notizia terribile. Un colpo al cuore racconta Patrizia -. Scopriamo che anche Valentina,
che nel 2012 aveva 26 anni, e che per anni avevamo
mandato dallo psicologo perch era molto chiusa
caratterialmente e non riusciva ad apprendere alcune
autonomie trasversali come lutilizzo del denaro,
aveva la stessa sindrome. stata una scoperta

dolorosa, ma anche una spiegazione a tutte quelle


anomalie che vedevamo nei nostri figli. Una scoperta
che ci ha permesso di offrire loro gli aiuti pi efficaci
per farli diventare pi autonomi possibile.
La sindrome dellX fragile, o sindrome di Martin-Bell,
una malattia genetica ed ereditaria causata dalla
mutazione del gene Fmr1 sul cromosoma X. Questa
sindrome la causa pi frequente del ritardo mentale
ereditario. Si accompagna normalmente a un lieve
dimorfismo, disturbi del comportamento e
macrorchidismo nei maschi, disturbi dello spettro
autistico. Lincidenza della patologia di circa 1 su
1.250 soggetti di sesso maschile, 1 su 2.500 di sesso
femminile. Le donne portatrici sane di sindrome
dellX fragile sono circa 1 su 259.
Valentina ha gli occhi che brillano quando si
racconta. Quando dice che serena nellessere venuta
a conoscenza della sua sindrome. Ora capisce perch
quando frequentava la scuola superiore faceva fatica
ad apprendere le nuove nozioni, perch se qualcuno
la guarda negli occhi porgendole un quesito fatica a

rispondere in modo diretto senza andare in


agitazione. Oggi Valentina ha 29 anni, assunta da
una cooperativa sociale che a Fabrica di Roma
gestisce le mense scolastiche comunali, prende il suo
stipendio, da poco ha deciso con il suo fidanzato di
sposarsi e hanno acquistato attraverso un mutuo la
loro futura casa. Questo lesempio pi concreto di
come una persona che ha una disabilit possa trovare
la sua realizzazione. Fondamentale stato l aiuto
trovato allinterno dallassociazione italiana X Fragile
- conclude Patrizia -. Labbiamo conosciuta a ottobre
2013, quando al centro Airri di Viterbo (Associazione
italiana riabilitazione reinserimento invalidi) dove
portiamo due volte a settimana Valerio ci hanno dato
il contatto dellassociazione. stato il nostro punto di
riferimento. Non ci sentivamo pi soli, ci siamo
subito sentiti accolti scoprendo attraverso i gruppi di
auto mutuo aiuto che quello che stavamo vivendo
apparteneva anche ad altri genitori. L abbiamo
trovato la forza per affrontare tutto ci.
Arianna Maroni

Attualit
QUESTIONE AMBIENTE
Otto: questo ilvotocheVincenzo Buonomo,
docente di diritto internazionale allUniversit
Lateranense, nominato da papa Francesco
consigliere dello Stato vaticano, d allaccordo
finale della Cop21.
riuscito a far convergere 195 Paesi del
mondo. Oltre non era possibile andare.
Ma ci sono punti deboli e la questione del
finanziamento tutta da verificare.
Il ruolo diadvocacye distakeholder
di papa Francesco

Gioved 17 dicembre 2015

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

TUTTE LE STRADE (DIGITALI)


PORTANO A ROMA

Accordo Co
p 21 a

Parigi

Un buon risultato
Da passare, per, alla prova dei fatti

tto: questo il voto, su una


scala da uno a dieci, che il
professore Vincenzo Buonomo,
docente di diritto
internazionale allUniversit
Lateranense, nominato da papa
Francesco consigliere dello Stato
vaticano, d allaccordo finale della
Cop21. Otto perch - spiega - se
consideriamo il punto di partenza e
quello di arrivo si capisce che
sullaccordo si riusciti a far convergere
195 Paesi con posizioni diverse in base
ai due principi dellart. 2: equit e
responsabilit comune ma
differenziata.
Oltre non era possibile andare.
Ci sono almeno cinque punti rilevanti
nel documento finale di Parigi. La
prima questione la decisione di
mantenere la temperatura del pianeta
non solo al di sotto dei 2 gradi, ma di
sforzarsi in tutti i modi per non
superare 1,5 gradi. Fino a cinque anni
fa - osserva il professore - lobiettivo dei
2 gradi era un traguardo molto lontano,
vuol dire che c stato un passaggio
importante nella Conferenza. Significa
anche che allinterno degli Stati c una
opinione pubblica che fa una pressione
non indifferente sui governi. Laltro
aspetto il consenso che c stato
sullaccordo. Paesi come India, Cina,
gli Stati Uniti e lEuropa - fa notare
Buonomo - sono partiti con posizioni
completamente divergenti. Alla fine si
arrivati a un consenso che mette
insieme 195 Paesi che emettono il 93
per cento dei gas serra. C poi la

il Periscopio

11

questione dei controlli: laccordo


afferma che sono volontari ogni cinque
anni. vero - osserva Buonomo - ma
anche negli altri trattati in materia
ambientale il controllo parte sempre
dalla volont degli Stati.
Pensare a strutture di controllo esterne
agli Stati unidea ancora irrealistica.
Almeno oggi, ma a breve sar una
necessit.
La questione del finanziamento.
Nellaccordo si dice soltanto che
bisogna finanziare gli obiettivi. La
promessa dai Paesi sviluppati di 100
miliardi di dollari a partire dal 2021 e
nel 2025 la cifra dovr essere rivista.
Questo elemento - spiega il professore
- pu significare che c stato un
cambio di atteggiamento nei confronti
dei paesi in via di sviluppo. Sono stati
loro a bloccare una buona parte dei
lavori della Conferenza. Dicevano:
perch noi oggi non possiamo
utilizzare fonti di energia che hanno
fatto ricchi i paesi del Nord del
mondo?. Riguardo ai finanziamenti
previsti nellaccordo, il professore mette
le mani avanti: Bisogner vedere nei
fatti concreti se questo finanziamento
ci sar e in che modo ci sar. Anche per
eliminare la fame si dice che bastano
267 miliardi di dollari fino al 2030, ma
questi fondi per il momento non si sono
visti. Per questo dico che bisogner
vedere cosa succeder, partendo dalle
promesse e arrivando alla concretezza.
I punti deboli dellaccordo sono
almeno tre. Ecco lelenco del professore

Buonomo: Il primo che non c una


proibizione nelluso del carbone come
invece si era pensato allinizio; il
secondo che non si tocca il tema
agricoltura che rappresenta uno dei
settori dove c un forte impatto dal
punto di vista delle emissioni ed un
settore strategico per la sopravvivenza
del genere umano.
Il terzo punto debole quello di aver
escluso le emissioni degli aerei e delle
navi per una impossibilit di
controllo.
Il ruolo del Papa. A dirla con il
linguaggio di diritto internazionale,
stato di advocacy e di stakeholder.
Di advocacy perch ha saputo
provocare una riflessione pi ampia,
anche di autocritica, tra i decisori, da
cui sono emerse soluzioni concrete. Di
stakeholder perch se pensiamo
allimpatto della sua Enciclica sui lavori
della Conferenza, negli aspetti della
protezione della casa comune,
possiamo veramente dire che il Papa ne
stato protagonista. Ha seguito la
Conferenza in tutte le sue fasi, tanto da
parlarne allAngelus del 6 dicembre e
allAngelus del 13 dicembre. Allora
possiamo stare tranquilli per il futuro
dei nostri figli da qui a 50 anni? No risponde deciso Buonomo - la
tranquillit sul piano internazionale
non esiste. Esiste la volont e la buona
fede. Se vengono esercitate abbiamo
risultati positivi. Non pu esistere
tranquillit perch, molto spesso,
significa solo immobilismo.
Maria Chiara Biagioni

stato gi definito il
Giubileo 3.0 della
Misericordia. Per la
sua apertura in mondovisione, l8 dicembre scorso, il Centro
Televisivo Vaticano
ha messo in campo
19 telecamere, 3
mezzi mobili di produzione, un formato tecnologico altamente sofisticato l'Ultra HD
4K, ossia la frontiera della definizione televisiva e la consulenza di un regista come Wim
Wenders. Senza contare il suggestivo spettacolo notturno ad altissima tecnologia con le
immagini della natura minacciata proiettate
sulla basilica di San Pietro.
Daltra parte, come ricorda spesso monsignor
Rino Fisichella, responsabile vaticano per
lanno santo, il Giubileo della Misericordia il
primo dellera di internet e dei social media. E
non a caso ai pellegrini che intendono varcare
la Porta Santa chiesto di registrasi nellapposita sezione del sito ufficiale (www.im.va), disponibile in sette lingue.
Un altro portale pensato per loccasione vatimecum.com, piattaforma digitale che permetter a tutti di seguire gli eventi del
Giubileo anche a distanza, mentre per chi si
accinge a raggiungere Roma ci sono informazioni su dove alloggiare o mangiare, come
muoversi e cosa visitare.
Non meno ricca lofferta di applicazioni per
smartphone e tablet. Si va da Tv2000#Giubileo, realizzata dalla tv digitale della Cei, a Iubitinera, curata dallOpera romana
pellegrinaggi, entrambe ottimizzate sia per
Apple che per Android.
Questultima, in particolare, accompagna il
pellegrino lungo i vari cammini del Giubileo,
descrivendo i luoghi di interesse e fornendo
ampie descrizioni di carattere storico, artistico e spirituale. Non mancano naturalmente
gli orari di apertura delle chiese e delle Messe,
informazioni sulla disponibilit di confessori
e sui momenti di preghiera. Iubitinera dice
anche la distanza percorsa e quanto manca
prima di giungere alla Porta Santa, tiene traccia del cammino compiuto e offre la possibilit di condividerlo attraverso i principali
social network.
A ventanni dallinaugurazione del sito vatican.va, quando internet era appena entrato
nelle nostre case, la presenza nel web parte
integrante della vita della Chiesa. Il Giubileo
ne unulteriore conferma. La sfida oggi afferma in proposito il gesuita Antonio Spadaro
non quella di usare la Rete per diffondere
un messaggio come se fosse in qualche modo
uno strumento. La Rete un ambiente di vita,
in cui condividere la propria esperienza!
Quindi quello che mi sembra importante in
questo Giubileo, per esempio, condividere
esperienze di misericordia, condividere la parola chiave nella Rete. Appunto, la fede si fa
social. Si fa sociale, perch in grado di dare
una testimonianza.

di Zeta

Lad di Finmeccanica, il riminese Mauro Moretti,


ha aperto il 365esimo anno dellAccademia dei Filopatridi

Europa sempre pi marginale

stata una vera e propria sferzata. Lha portata domenica scorsa a Savignano
sul Rubicone il romagnolo doc Mauro Moretti (terzo da sinistra nella foto),
ingegnere e amministratore delegato di Finmeccanica. In occasione
dellapertura del 365esimo anno accademico, a uno dei riminesi pi illustri,
nonch socio onorario dellAccademia, stata affidata la lectio magistralis per
linaugurazione.
Moretti ha parlato di filato, e sarebbe andato avanti per ore, della situazione Italia
nel nuovo e mutato contesto internazionale che non ammette pi un localismo
fine a se stesso. Quando si pensa a un nuovo progetto per il territorio, occorre
avere un occhio sempre attento al mondo: questo in sintesi il suo messaggio. S,
perch la globalizzazione ha portato al mutamento dei soliti paradigmi. Ormai
siamo tutti interconnessi.
Rispetto al nostro Paese, Moretti ha detto che nessuno va a investire in uno Stato
in cui le leggi non sono comprensibili. Gi sono redatte in italiano e poi sono
scritte in un italiano feroce. Una tirata dorecchi alla classe politica che non in
grado di mettersi in linea con i cambiamenti repentini avvenuti nel mondo.
LEuropa, secondo Moretti, sta perdendo sempre pi di peso politico ed
economico. un continente chiuso in difesa. Ci sono 500 milioni di abitanti ha
chiosato lad di Finmeccanica vecchi, molto viziati e con poca fame. E poi
teniamo presente ha aggiunto che lItalia lunica nazione al mondo che vive

agli apici da duemila anni.


C n stato anche per la recente esposizione
universale svoltasi a Milano. Con lExpo bisognava
stare pi sullindustria che sul food. Occorre
investire nellalta tecnologia. Non si battono pi le
lamiere. Occorre stare nella competizione giocando
in attacco. Per questo occorrono politiche di lungo
termine passando per prodotti di altissima qualit,
anche perch lItalia, e lEuropa, non sono pi in
grado di determinare le caratteristiche di quelli di
largo consumo.
Moretti ha riservato un accenno anche alla recente
crisi delle banche italiane, alcune delle quali stanno

portando notevoli perdite


per i risparmiatori. Non
vorrei che ci possa essere
un effetto domino per le
piccole banche, ha
ammonito nello sgomento
quasi generale. Poi ha
dettato le sue regole. Prima
di tutto, favorire le fusioni,
le associazioni in filiere
strategiche delle piccole e
medie aziende, le imprese
che investono in tecnologia. Meglio le grandi
universit delle piccole: Un errore pensare
allateneo sotto casa ha detto -. Almeno una
volta si doveva andare a Bologna e si imparare a
fare da soli.
E poi ancora, regole stringenti, chiare e forti per
proteggere i brevetti. Infine un auspicio: grandi
citt competitive e attraenti. In un mondo
globale, ognuno di noi si deve vedere cittadino
dellintero pianeta, anche perch, ha chiuso, le
culture orientali influenzeranno quelle europee
e vi sar di certo un riequilibrio. Insomma, se si
vuole capire (909)

12

Cesena

Gioved 17 dicembre 2015

Convegno regionale di neonatologia

Foto Giuseppe Mariggi

Bimbi prematuri
Aumentano le speranze
n Emilia Romagna aumenta la
Oltre cento esperti si sono riuniti
sopravvivenza di piccoli nati
il 5 dicembre allospedale Bufalini
prematuri. E quanto emerso
dal XX convegno regionale
La sopravvivenza dei nati
della societ italiana di
con un peso inferiore a 1500
Neonatologia che ha visto riuniti il
5 dicembre a Cesena 120 esperti
grammi arrivata all88 per cento
del settore, tra i quali i direttori
delle neonatologie emiliano
romagnole, oltre a ricercatori di
dei nati) viene alla luce con un peso molto basso,
fama internazionale.
Dal 2005 al 2013, la sopravvivenza dei piccoli nati con cio inferiore ai 1500 grammi: al Bufalini ne
assistiamo 50 allanno".
un peso inferiore ai 1500 grammi passata dall81
Alcuni decenni fa per un bimbo nato intorno alla
per cento all88 per cento. "Un dato lusinghiero 24esima settimana di gestazione era difficilissima la
commenta Augusto Biasini, direttore del reparto di
sopravvivenza.
Pediatria e terapia intensiva neonatale-pediatrica
"Negli ultimi decenni - specifica il dottor Biasini, il
dellospedale Bufalini - che supera la media
progresso tecnologico e culturale in questo campo ha
registrata dai grandi network internazionali come il
alzato notevolmente le possibilit di vita di questi
Von (Vermont Oxford), al quale sono iscritti tutti i
piccoli e ha ridotti gli esiti di malattia: ovvero oggi i
Centri di terapia intensiva neonatale dellEmilia
bambini nati prematuri sono pi numerosi e pi
Romagna".
sani".
Ogni anno nella Terapia intensiva neonatale e
Il percorso di assistenza al neonato prematuro inizia
Pediatrica di Cesena vengono ricoverati circa 240
in sala parto, dove si trova unisola neonatale. Si tratta
bambini, di cui circa 200 sono prematuri su un totale
di una culla attrezzata per essere una vera e propria
di circa 2200 nuovi nati. "La maggior parte di essi piccola terapia intensiva neonatale trasportabile, in
spiega Biasini - nasce con una leggera prematurit
grado di assistere in ogni funzione un neonato con
gi prevista per parto programmato. Solo una
difficolt respiratorie. E un vero e proprio salvagente
piccolissima minoranza dei bambini (l1 per cento

ANNIVERSARIO
14.12.1981 - 14.12.2015

ANNIVERSARIO
20.12.2012 - 20.12.2015

ANNIVERSARIO
21.12.2011 - 21.12.2015

per le situazioni inattese: consente di riscaldare il


bambino, ventilarlo e aspirare le secrezioni delle vie
respiratorie. Solo dopo il parto, il bimbo viene
trasportato in reparto, dove viene assistito e
costantemente monitorato in ambiente protetto che
tende a ricreare il pi possibile la condizione fetale
che ha dovuto abbandonare prima del tempo
fisiologico.
Un elemento fondamentale la vicinanza dei
genitori che comunicano con il bambino il prima
possibile sia con il contatto diretto sia usando lutile
strumento della lettura di un libro: storie brevi, che
possono essere ripetute e che facilitano linizio di un
rapporto che pu essere estremamente difficile; ci
che nasce e persiste al di l delle parole questo
dialogo totalmente "empatico" fra genitori e figlio,
che ci si augura contribuisca a sanare la profonda
ferita psichica della nascita prematura.

ANNIVERSARIO
22.12.2009 - 22.12.2015

Quelli che ci hanno lasciato


non sono assenti, ma solo
invisibili

Nel trentaquattresimo
anniversario
della morte di

LELE ZANOTTI
la moglie
Maria Vittoria Paolucci
e i figli Laura
e Francesco con le loro
famiglie lo ricordano
con la preghiera
del suffragio cristiano
e con la celebrazione
di una Messa
domenica 20 dicembre alle
9,45 nella chiesa
parrocchiale di Bulgarn
di Cesena

Il Vangelo della gioia


su Teleromagna con
il vescovo Castellucci

GIUSEPPE MERLONI
Cara ARIANNA
a tre anni dal ritorno
alla Casa del Padre ti ricordiamo
con infinita tenerezza anche nella
Santa Messa di domenica 20
dicembre alle 10 nella chiesa
di Santa Maria della Speranza
(zona ippodromo)

Tu conoscevi il linguaggio della musica


e dicevi che quello dellanima, l
dove le parole ci ingannano con mille
significati la musica libera di volare
in Paradiso, di scendere nelle viscere
dellinferno o di starsene a galleggiare
nel limbo. Tu ora canti in Paradiso con
gli angeli. Noi ti udiamo e il nostro
cuore palpita
Franca, Benedetta, Alessandro

I genitori Ivana e Daniele Pedrelli,


la sorella Letizia, i nonni, gli zii
ringraziano chi vorr unirsi a loro

La Santa Messa sar celebrata


alle 20 nella chiesa di San Pio X
alle Vigne

FERRUCCIO SACCHETTI
Con profonda nostalgia
e amore
babbo, mamma, Vera
Una Messa di suffragio
sar celebrata marted 22
dicembre alle 18 nella chiesa
cattedrale di Cesena

Sar monsignor Erio Castellucci,


forlivese, attuale vescovo di ModenaNonantola, a commentare il Vangelo
della domenica e delle principali
festivit per tutto lanno liturgico
2015-2016 in una trasmissione
televisiva dal titolo Il Vangelo della
gioia. Sar trasmessa da
Teleromagna il venerd alle 9,30 e in
replica il sabato alle 18,15 e la
domenica alle 7,15 sul canale 14
del digitale terrestre. Partecipano alla
trasmissione anche i forlivesi
Pierangelo Laghi, Cassiano Fabbri e
Lorella Guadagnani.

Cesena

Gioved 17 dicembre 2015

13

Videosorveglianza e reti veloci Presentato il progetto che, dal 2016, interesser a stralci
la citt e le frazioni. Costo totale attorno ai 10 milioni di euro di cui due a carico del Comune

Telecamere e fibra ottica ovunque


Michelangelo Bucci

elecamere in tutta la
citt di Cesena, 400
occhi elettronici dal
centro fino alle frazioni
pi remote. Eppure questo
"Grande fratello" della
sicurezza solo la punta
delliceberg. Il grosso, infatti,
sta sotto. Sotto terra per
lesattezza, l dove
correranno i cavi in fibra
ottica.
"Quella delle telecamere spiega lassessore
allInnovazione Tommaso
Dionigi - sola una, la prima,
delle applicazioni possibili.
Linvestimento importante
quello sullinfrastruttura, che
vedr in futuro altre
realizzazioni".
Il progetto stato presentato
dalla Giunta la settimana
scorsa, nellaula del Consiglio
comunale, alle 4 commissioni
consiliari, alla presenza del
prefetto, del questore e del
vice comandante provinciale
dei Carabinieri.
Il Comune ipotizza per
lopera un costo complessivo
pari a una decina di milioni di
euro. Una cifra eccessiva se si
tiene conto delle sole
telecamere, un costo
ragionevole se si inquadra il
progetto nel suo insieme, con
la posa di 140 chilometri di
rete dal centro alle frazioni. A
questo sistema saranno
collegate le 400 telecamere di
videosorveglianza, pensate
per dare un supporto attivo

alle Forze dellordine.


Smart city e super Internet
Come detto, limitarsi alle
telecamere sarebbe riduttivo.
Pensiamo a una localit
remota che viene raggiunta,
finalmente, in modo comodo
e veloce dagli autoarticolati
(in questo caso le telecamere
di videosorveglianza). Come
ci arrivano i Tir in quel luogo?
Per mezzo di una nuova
autostrada (nel nostro caso la
fibra ottica). Ma la stessa
autostrada pu portare anche
auto, furgoncini, pullman di
turisti, semplificando la vita
in molti modi alle persone e

alle imprese.
"La rete a fibra ottica
linfrastruttura di cui
necessitiamo per fare di
Cesena una smart city continua Dionigi -. In futuro
pensiamo di collegarvi
semafori intelligenti,
cassonetti dellimmondizia,
tutto ci che pu beneficiare
di un controllo remoto, oltre
allattivazione di ulteriori
servizi evoluti".
Le condutture dove correr la
fibra ottica saranno invece
aperte agli operatori di
telecomunicazione, che
potranno posare i propri cavi
abbattendo quasi del tutto le

La qualit al vostro servizio

I primi lavori
Le prime telecamere di
videosorveglianza troveranno
spazio attorno al centro
storico e in parte del
quartiere Cesuola. Partire
dalle frazioni sarebbe
impossibile, dal momento
che bisogna collegare il tutto
alla rete ad alta velocit gi

Si confezionano cesti natalizi

spese. In questo modo le


connessioni Internet ad alta
velocit (Vdsl) potrebbero
arrivare anche l dove oggi gli
operatori non ritengono sia
possibile per motivi
economici. Mentre la fibra
ottica pubblica potr essere
offerta anche alle imprese, in
modo diretto da Lepida
(societ della Regione EmiliaRomagna) oppure per mezzo
di operatori Tlc locali.
La realizzazione del progetto
si attuer in pi stralci a
partire dal 2016. Per
quellanno il bilancio
comunale ha messo sul piatto
due milioni di euro, un
quinto del costo stimato per
lintera opera. A questi
potrebbero aggiungersi altri
fondi dalla Regione EmiliaRomagna, dal momento che
il piano di cablaggio cittadino
sar illustrato allassessore
regionale alle Infrastrutture
Raffaele Donini: "Siamo
convinti - ha affermato il
sindaco Paolo Lucchi - che
abbia le carte in regola per
diventare un caso pilota
allinterno del panorama
regionale".

Buone feste

esistente: "Si realizzer un


primo anello attorno al
centro - spiega lassessore
Dionigi - dal quale partiranno
le radiali alla volta delle
diverse frazioni. In questa
fase cambieremo le vecchie
telecamere di sorveglianza
installate anni fa in zona
stazione e stadio, non
adeguate e a bassa
risoluzione, con mezzi
moderni in grado di
supportare la tecnologia IP".
Alle telecamere da sostituire,
un 60ina in tutto, se ne
aggiungeranno altre 50 tra il
centro e la via Emilia, pi
unaltra decina sulle
principali vie di scorrimento:
"Saranno utili non solo per
fare indagini a posteriori puntualizza Dionigi - ma pure
per prevenire i crimini. I
computer potranno rilevare
in tempo reale lingresso in
citt di unauto rubata,
allertando le forze di polizia.
Allo stesso modo si potranno
anche intercettare flussi
anomali di veicoli nelle ore
notturne e nelle zone pi
sperdute".
Di pari passo con
linstallazione delle
telecamere saranno effettuati
altri lavori: "Collegheremo a
Internet ad alta velocit tutte
le scuole elementari e medie
ancora scoperte, cos come le
sedi di quartiere. Larrivo
della fibra nei quartieri, poi,
permetter lestensione del
servizio Wi-Fi gratuito a
nuove piazze e nuovi parchi".

14

Gioved 17 dicembre 2015

Cesena

Chiesta la messa in sicurezza dellarteria dove le auto corrono veloci

Presepi in chiesa

Incidente
sulla Romea (foto
darchivio)

Via Romea, la petizione


parte in parrocchia

i sicurezza sulla via Romea.


Ecco la richiesta di un gruppo
di cittadini, membri del
comitato civico Cesenattiva
che, dopo aver segnalato pi volte i
rischi di questo tratto di strada, ha
deciso di scendere in campo e ha
organizzato una raccolta firme per
sollecitare lAmministrazione
comunale a investire per la messa in
sicurezza della via Romea. Il tratto
incriminato quello che attraversa

le frazioni di San Mauro in Valle e


Borgo Paglia.
"Vogliamo pi sicurezza sulle strade
- spiega Mirko Collina, uno dei
promotori della petizione -.
Vogliamo poter transitare e uscire o
rientrare a casa senza rischi.
Chiediamo la messa in sicurezza di
via Romea, al pi presto, prima che
sia troppo tardi. E una strada ad alta
percorrenza, la via prediletta per
raggiungere il centro dalla zona di

San Vittore | Diritti dei bambini

San Vittore. Allaltezza di Borgo


Paglia, dove abito, abbiamo anche
luscita dellE45. Forse lunico
svincolo dellE45 che va a sfociare
proprio di fronte a un centro abitato,
senza che vi sia una rotonda, mentre
presente un incrocio
pericolosissimo. Una sera inoltre prosegue Collina - ho ripreso il
passaggio delle auto e vi assicuro che
sono tanti quelli che compiono
sorpassi azzardati, forti accelerazioni
e hanno un comportamento
deplorevole alla guida. Noi non
chiediamo tanto: vogliamo una
messa in sicurezza strutturale della
via Romea e in questo la
realizzazione della rotonda per
luscita e limbocco dellE 45 il
primo passo da compiere".
La raccolta di firme si terr il 18
dicembre a partire dalle 20.30 presso
la parrocchia di San Mauro in Valle
dove il parroco don Guido Rossi,
sensibile alle richieste di sicurezza, si
reso subito disponibile.
La petizione consentir di dare voce
alle idee e di raccogliere anche altre
ipotesi utili per garantire la sicurezza
della via Romea, non solo nel tratto
di Borgo Paglia, ma anche in altri
come quello che dallEconomy arriva
a Torre del Moro, dove spesso la
velocit delle auto esagerata.
Barbara Baronio

Lassociazione Conoscere Cesena


ripropone la quarta edizione di
Celincordia dei Presepi.
Nella piccola Chiesa di Celincordia,
dedicata a San Mauro, vescovo di Cesena,
ubicata sulla strada dei Gessi, stato
allestito in forma permanente il presepe
di Padre Severino dellOsservanza, morto
il 1 novembre 2011.
Della sua realizzazione sono stati
recuperati i 14 diorami della storia della
Nativit, le statue della grotta e le scritte
luminose delle profezie. Questa parte
originale stata integrata da una
nuova ambientazione, realizzata da
Milvia e Otello Amaducci, che ogni anno
viene arricchita da nuovi elementi di
paesaggio e figure, sempre tratti dalla
realta cesenate. Cos sulle colline del
presepe si elevano la Rocca, lAbbazia del
Monte, il Convento dei Cappuccini.
In aggiunta a questa opera di recupero e
integrazione, lAssociazione espone
anche una collezione di Nativit dal
Mondo, in rappresentanza di diversi paesi
dei vari continenti, e nel cortile esterno
un presepe realizzato in sagome a
grandezza quasi naturale, dagli studenti
del Liceo Scientifico Righi nei primi anni
Novanta. Il presepe rester aperto al
pubblico fino al 10 gennaio 2016 col
seguente orario: fino al 23 dicembre nel
pomeriggio dei giorni prefestivi e festivi
dalle 15 alle 18. Dal 24 dicembre al 10
gennaio tutti i giorni dalle 15 alle 18.
Chi volesse visitarlo in altri giorni e orari,
preferibilmente per gruppi, pu
richiedere lapertura telefonando al
3488972301.

Roversano | Presepe in paese

"I diritti dei bambini hanno la precedenza". La scuola PrimariaG.Pascoliha cos


ricordato, nelle scorse settimane, la Giornata internazionale dei diritti dei bambini.
Diritto alla famiglia, alle favole, allaria buona, ad essere amati: diritti scritti sul vaso di
una viola del pensiero per ciascun bambino. Solo se questi piccoli saranno rispettati,
saranno poi in grado di rispettare gli altri da adulti. Diritti che diventano un dovere per
ciascuno di noi.

Oltresavio | Un bosco per la citt


LAUREA

La nonna Maria Vittoria,


insieme a tutti i familiari,
si congratula vivamente
col dottor
EMANUELE ZANOTTI
per la Laurea Magistrale
in Politiche europee e internazionali
conseguita con lode
il 14 dicembre scorso presso
l'Universit Cattolica di Milano
La nonna augura a Emanuele
di ottenere nel mondo del lavoro
i medesimi eccellenti risultati
che hanno contraddistinto
il suo percorso universitario

Celincordia

Si rinnova la tradizione del


presepe di Roversano, paese
collinare che fa capo,
pastoralmente, alla
parrocchia di San Carlo.
Lopera stata inaugurata
l8 dicembre alla presenza
del vescovo Douglas
Regattieri, del sindaco Paolo
Lucchi e del parroco don
Giovanni Savini. E possibile
visitarlo tutti i giorni dalle 9
alle 23. Lingresso a offerta
libera. Lambientazione
scenica richiama il mondo
rurale romagnolo. Domenica
3 gennaio ci ar un
momento di festa con i
Pasquaroli di Capocolle.

Foto Elio Zammarchi

Presepe vivente
Venerd 18 dicembre
Il prossimo appuntamento natalizio
promosso dalle scuole del Sacro Cuore
sar il presepe vivente che si svolger
venerd 18 dicembre, con partenza
dalla Cattedrale alle 16.30. Le scene si
svolgeranno nel centro di Cesena per
concludersi in piazza del Popolo.

Per promuovere i Diritti dei bambini e degli adolescenti, gli alunni della
scuola dellinfanzia e della scuola primaria "M. Moretti" hanno concluso il
progetto "Un bosco per la citt", con un evento pubblico in cui, alla
presenza delle autorit, hanno piantumato piccole querce nella zona nuova
del parco per Fabio allOltresavio, per renderlo pi verde ed alberato.

Cesenatico

Gioved 17 dicembre 2015

Finanziamenti

LAvis nella parrocchia di Boschetto

Progetti turistici

In 122 hanno puntato


sulla prevenzione

a prevenzione si gioca anche


in parrocchia. Lobiettivo
dellAvis di Cesenatico quello
di incrementare il numero
delle donazioni, sia di sangue intero
ma anche di plasma, per far fronte
alle sempre maggiori richieste degli
ospedali in relazione alla cura delle
malattie, agli interventi chirurgici e
le prestazioni sanitarie.
"Teniamo a far sapere - spiega
Giancarlo Paganelli, presidente della
sezione di Cesenatico dellAvis - che
come tutti gli anni la popolazione ha
risposto calorosamente nel
partecipare a un evento da noi
organizzato, ovvero la giornata di
prevenzione per la prova del
colesterolo, pressione arteriosa e
massa corporea. Si tenuta
domenica 13 dicembre presso la
chiesa parrocchiale di Boschetto,
dove personale medico qualificato si
dedicato a questa iniziativa. Le
persone che vi hanno aderito sono
state circa 122. Ringraziamo
sentitamente tutti quelli che vi
hanno partecipato, e confidiamo in

Il presidente Paganelli
esprime soddisfazione
per il buon numero
di donazioni nel 2015,
ma occorre continuare
a sensibilizzare
un altrettanto riscontro positivo
quando riproporremo liniziativa".
La prevenzione la cura migliore per
tutte le patologie. I donatori di
sangue sono costantemente
monitorali e il loro dono funge
anche da controllo periodico sulla
salute. Il lavoro svolto dallAvis di
Cesenatico, fino al novembre scorso,
positivo in quanto sono state
raccolte 1.484 donazioni, di cui 1.133
di sangue intero e 351 di plasma.
"Si tratta di dati molto confortanti continua Paganelli - che potranno
allargarsi ulteriormente anche
perch ogni anno che passa segna
una striscia positiva registrando un
incremento di soci anche giovani,

15

segno evidente di una sensibilit


sempre pi forte da parte della
gente, unita anche alla voglia di
progredire ulteriormente e,
soprattutto, di partecipare con
entusiasmo a questa piccola-grande
impresa sempre pi stimolante e
utile per gli abitanti dellintero
territorio cesenate".
Vale la pena ricordare il fatto che i
donatori di sangue non ricevono
compensi per la donazione, segno
evidente che i donatori sono
sensibili e generosi e dedicano con
soddisfazione parte del loro tempo
in attivit sociali. Tutto questo anche
per tutelare sempre al meglio la
salute dei cittadini.

Finanziamenti dellUnione di Costa per


progetti turistici: il Comune ci spera.
Spiega il sindaco Roberto Buda: Nel
quadro degli interventi di sostegno alle
iniziative turistiche promosse dai soci
pubblici, lUnione di Prodotto Costa ha
pubblicato un avviso pubblico per
lassegnazione di fondi a progettualit
che si svolgano nel periodo gennaiogiugno 2016. A cura del Settore servizi
alla persona turismo sport e cultura, a cui
va il mio ringraziamento per lottimo
lavoro svolto, stata messa a punto una
proposta che si articola su distinte azioni
suddivisibili in tre linee di indirizzo
progettuali".
Nel dettaglio si tratta delle linee: famiglie
con bambini con percorsi di promozione
alla lettura e attivit ricreative artistiche
per bambini e ragazzi, spiagge
archeologiche, proiezioni di
cortometraggi e cartoni animati,
laboratori innovativi di attivit motorie ed
espressive per una richiesta di 4.000 euro;
- vacanza attiva in collaborazione con
alcune associazioni sportive del territorio,
impegnate nelle discipline della vela, del
ciclismo, del podismo particolarmente
attive nellavviamento dei giovani a questi
sport, che trovano a Cesenatico la loro
base ideale con un finanziamento
richiesto di 2.000 euro;
-comarketing estero con azioni di
consolidamento su mercati domestici
europei, in particolare la Germania e la
Francia per una richiesta di 20.000 euro
"Contiamo con questi tre progetti conclude il sindaco - di poterci
aggiudicare i finanziamenti dellUnione
prodotto costa.

Cannucceto | Pranzo solidale con lAc

Villlata | Presepe in strada

Anche questanno la parrocchia di Cannucceto ha rinnovato ladesione allAzione Cattolica l8 dicembre, festa
dellImmacolata Concezione. Lassociazione, che in parrocchia si avvia a compiere i ventanni di ritrovata
presenza, ha valorizzato il tradizionale pranzo, aperto a tutta la comunit parrocchiale, in un prezioso
momento per raccogliere fondi da devolvere alla Caritas parrocchiale per aiutare le famiglie in difficolt.

E stato inaugurato l8 dicembre il presepe artistico di Villalta,


promosso, come ogni anno, dal Comitato Il Mulino. Lopera,
situata nel giardino del monumento ai caduti, ben visibile
dalla via Cesenatico. Anche questanno il presepio stato
realizzato a mano con statue a grandezza naturale.

Vendita illecita
di tonno rosso
Si conclusa la scorsa settimana
una complessa operazione di polizia
che ha visto impegnato in stretta
collaborazione il personale della
Guardia Costiera di Cesenatico e
quello della Squadra Mobile della
Questura di Forl, e che ha
consentito di individuare una banda
dedita al mercato nero del tonno
rosso. Il gruppo faceva capo a un
diportista residente a Savio di
Cervia il quale, con il concorso di
almeno un suo concittadino,
prendeva contatti con noti ristoranti
della riviera per rifornirli del pregiato
prodotto a prezzi inferiori rispetto a
quelli di mercato, ma senza
laccompagnamento di alcun
documento di
trasporto/commercializzazione e
senza il minimo controllo sanitario.
Il tonno rosso, da tempo indicato
come specie ittica a rischio
estinzione, sottoposto ad una
rigida regolamentazione dallUnione
Europea. Il venditore abusivo e un
ristoratore di Cesenatico sono stati
sanzionati.

16

Valle del Rubicone

Gioved 17 dicembre 2015

Il sindaco Molari si dichiara soddisfatto dellUnione dei comuni


Molari vicino al murales di mattonelle
in ceramica realizzato a Montiano dai
bambini nei pressi del centro culturale
San Francesco. Sar inaugurato
alle 20,30 di venerdi 18 dicembre

Montiano tira le somme


di un anno molto difficile

ilancio di un anno "molto


difficile" per il Comune di
Montiano. A farlo il sindaco
Fabio Molari, che spiega: "I
trasferimenti dello Stato sono sempre di
meno. Mai avrei previsto un anno cos
magro".
Nel 2015 Montiano passato allUnione
Valle Savio. "Da una parte - dice il sindaco
- ho trovato persone con cui condividere
questa nuova esperienza, come il
presidente Paolo Lucchi. Dallaltra c

stato il problema del passaggio di energie,


competenze e responsabilit, unito a un
aumento della burocrazia. stato un
anno di ferma. Abbiamo sforato il patto di
stabilit e non abbiamo potuto fare
investimenti".
Nonostante le difficolt, Molari guarda
con fiducia allUnione dei Comuni: "Sta
iniziando a funzionare. Abbiamo
rinnovato lufficio tecnico ed nato un
ufficio per realizzare progetti europei
nella nostra Unione. Da alcuni mesi

Montiano fa parte del Gal (Gruppo di


azione locale), unassociazione pubblicoprivata che seguiva i Comuni delle varie
comunit montane. Ora ne fanno parte
anche alcuni Comuni della fascia
collinare. Il Gal - spiega il sindaco - ha il
compito di reperire fondi europei per
finanziare progetti di innovazione
pubblici o privati legati allagricoltura e
alla valorizzazione ambientale".
Fra i problemi dellanno che si sta
chiudendo non si possono non
annoverare le frane. "Le piogge torrenziali
del febbraio scorso - ricorda Molari hanno provocato un grave dissesto con
varie strade interrotte. Non ci siamo
scoraggiati. La soddisfazione pi grande
di aver creato, grazie allaiuto della
Regione e del Servizio tecnico di Bacino,
le condizioni per sistemare le cinque
grosse frane che avevamo. Rimane da
ripristinare solo via Merlara, la corta che
collega Montiano a Montenovo, e
contiamo di farlo in primavera".
"Mi approccio al Natale - conclude il
sindaco - con la speranza che il 2016 sia
un anno migliore. Spero che arrivino un
po di fondi per la cura del territorio e per
riprendere in mano il progetto della
scuola materna di Montenovo. In questo
momento sono preoccupato perch
abbiamo alcune famiglie molto in
difficolt che non hanno i soldi per
pagare il riscaldamento".
Matteo Venturi

Lions Club, iniziativa solidale

Villamarina Gatteo Mare


Gli angeli del catechismo

Iniziativa natalizia a Villamarina Gatteo Mare.


Sabato 19 dicembre dalle 14,30 gli angeli del
catechismo porteranno gli auguri di Natale
alle famiglie della parrocchia. I bambini, con
la supervisione del parroco don Mirco Bianchi
e dei catechisti, partiranno dalla chiesa di
Villamarina per raggiungere quella di Gatteo
Mare e ritorno. Una Messa sar celebrata alle
16,30

Il Lions del Rubicone continua il


sostegno al progetto per aiutare 96
bambini malati di diabete. Il club
prosegue a raccogliere fondi per
lacquisto di apparecchiature che
permettono un monitoraggio continuo
dello stato glicemico, tramite sensori
sottocutanei. Si tratta del Dexcom G4
platinum, un sensore sottocutaneo che

24 ore su 24 consente ai familiari, di un


bambino con diabete, di comprendere
come lalimentazione, lattivit fisica, il
gioco ed i farmaci, influiscano sui livelli
glicemici giornalieri, permettendo di
migliorare le cure del proprio figlio.La
raccolta si svolta a Savignano e
continua le prossime domeniche a
Longiano.

Longiano
A Balignano
le campane
tornano a suonare
Tornano a suonare, dopo anni di stop, le
campane della chiesa di Balignano.
Realizzate dalla fonderia Brighenti di
Bologna nel 1864, le campane sono quattro,
di diverse dimensioni, con un peso che va da
uno a quattro quintali luna.
"Sono state fuse con materiali pregiati che
garantiscono unalta qualit del suono"
sottolinea Pierluca Turchi, persona di spicco
della frazione longianese.
Su ogni campana si legge il nome del
donatore: Domenico Turchi. La campana
maggiore dedicata a santAndrea apostolo,
patrono di Balignano. Le altre sono
intitolate alla Madonna, a san Giuseppe e a
San Rocco.
"Erano sostenute da un castello di legno spiega Pierluca Turchi - . Col tempo si era

ammalorato, tanto che da oltre un decennio


le campane non si potevano pi suonare a
mano perch la struttura non avrebbe retto.
Lo scorso settembre il telaio di legno stato
sostituito con uno di acciaio realizzato dalla
ditta Capanni di Reggio Emilia. Attualmente
solo i suoni standard sono battuti
elettronicamente. Gli altri sono suonati a
mano. Per il futuro contiamo in una
completa elettrificazione dellimpianto".
"Il lavoro - conclude Turchi - costato
qualche migliaio di euro ed stato possibile
grazie al contributo dei parrocchiani e degli
amici di Balignano. Per una realt piccola
come la nostra stato uno sforzo notevole e
siamo ancora alla ricerca di fondi. La nostra
comunit molto viva. A inizio dicembre
stata organizzata una cena a base di
baccal, i cui proventi sono andati per
sostenere questi lavori".
Mv

Un evento in teatro domenica 20 dicembre. In parrocchia il 23 si esibisce il Coro voci bianche

Gambettola si anima di presepi e concerti

Foto Carlo Lastrucci

Con linaugurazione di sabato scorso del


Grande presepe animato, meccanico, allestito in piazza Foro Boario e la contemporanea accensione delle luci dellalbero
di Natale in piazza Pertini, sono entrate
nel vivo le manifestazioni di "Natale Insieme 2015". Nella rassegna di eventi natalizi organizzati dalle associazioni culturali del territorio con la collaborazione del
Comune tempo di concerti musicali.
Nel teatro comunale in piazza II Risorgimento, domenica 20 dicembre alle 21,
Concerto di fine anno del corpo bandistico "Citt di Gambettola" diretto da Mauro Ricci, seguito da rinfresco e brindisi per
tutti.
Nella chiesa parrocchiale di SantEgidio
abate, mercoled 23 dicembre alle 21, il
coro polifonico voci bianche "Citt di
Gambettola", diretto da Mauro Rediano

Cacchi, offrir il Concerto natalizio in ricordo della piccola Emma Bianchi con la
partecipazione, nellinsolita veste di cantante solista, di Francesca Angelini, dirigente dellIstituto comprensivo scolastico
gambettolese.
Oltre al presepe di piazza Foro Boario, fino al 10 gennaio 2016 sar possibile visitare le altre installazioni di Presepi sparse
nel territorio in via Montanari 1471, in via
Verdi angolo via Costa, lungo largine del
Rigossa angolo via Udine, in via Trieste 19,
in via Gramsci davanti alle scuole elementari e nel cortile del centro sociale in
via Ravaldini (adiacente alla chiesa parrocchiale). Fino al 20 dicembre, nella sala
mostre "Massimo Guidi" nel centro Fellini di via Mazzini 73, possibile visitare la
mostra personale di pittura dellartista cesenate Romano Buratti.

La chiesa parrocchiale ospiter, sabato 26


dicembre dalle 18, il Concerto di Natale
della corale "Antonio Vivaldi" di Gambettola, diretta da Rosita Pavolucci, accompagnata al pianoforte da Marco Lombardi e da un trio darchi composto da Cristian Zangheri (violino), Serena Bernardeschi (viola), Daniele Luzi (violoncello)
e con la partecipazione del soprano Margherita Pieri.
Il Teatro del Drago, attuale gestore della
"Baracca dei Talenti/teatro comunale di
Gambettola, invita, venerd 1 gennaio
2016 alle 18, al concerto di Capodanno
dellorchestra caratterizzata da sette chitarre, diretta da Pier Luigi Colonna, che si
concluder con un brindisi benaugurante.
Tutti gli spettacoli sono a ingresso libero.
Piero Spinosi

Valle del Savio

Gioved 17 dicembre 2015

Nel territorio di Bagno di Romagna

Foto archivio C. Frasca

Dal prossimo mese di gennaio ogni


cittadino maggiorenne, al momento
della richiesta o del rinnovo della carta
didentit, avr la possibilit di
esprimere la propria volont in merito
alla donazione degli organi.
La dichiarazione, registrata dallUfficio
Anagrafe, sar poi inviata alla banca
dati del Sistema informativo trapianti
(Sit), cos da poter essere consultabile
24 ore su 24 dai Centri per i trapianti.
La scelta espressa potr essere, a
richiesta, riportata anche sul
documento di identit.
Sar comunque possibile in ogni
momento modicare la propria volont,
recandosi presso le Aziende
ospedaliere, le Asl, gli ambulatori dei
medici di base, i centri regionali per i
trapianti o, sempre in occasione del
rinnovo della carta didentit, presso i
Comuni.

Non si tratta comunque


di un evento eccezionale
Linverno romagnolo
irregolare, con annate molto
piovose seguite da altre
con poche precipitazioni
senza timore di essere
smentiti che dai rubinetti
fuoriesce quasi
esclusivamente acqua dei
pozzi e ben poca di Ridracoli. Daltra
parte Romagna Acque deve dosare
lerogazione e potr riprendere a
immettere nella rete acqua "buona"
solo quando la riserva sar integrata.
Al momento le previsioni meteo non
sono ottimistiche sul fronte
precipitazioni. MeteoRomagna
luned 14 dicembre ha pubblicato
queste considerazioni: "Lalta
pressione che staziona sul nostro
territorio quasi indisturbata da due
mesi non sembra voler cedere il
passo allinverno. Previste ancora

Sarsina
Il Comune incoraggia
la donazione di organi

Poca acqua nella diga


Si spera nella pioggia
n inverno senza inverno e con
ben poche precipitazioni. A
risentire di questo andamento
climatico un po anomalo la
diga di Ridracoli che, in questi giorni,
contiene circa 15 milioni di metri
cubi di acqua, contro una capienza
massima pari a 33 milioni. Il lago si
trova in buona parte nel territorio
comunale di Bagno di Romagna.
Analizzando le statistiche, negli
ultimi 10 anni una situazione analoga
a met dicembre stata registrata nel
2006 (9 milioni di metri cubi), nel
2007 (13 milioni), nel 2009 (12
milioni) e nel 2011 (8 milioni di metri
cubi di acqua).
Ben diversa la situazione nelle altre
annate: a met dicembre del 2008 la
diga conteneva 27 milioni di metri
cubi di acqua; nel 2010 il lago
artificiale era pieno con 33 milioni.
Nel 2012 i metri cubi erano 29 milioni
e 26 nel 2013. Lanno scorso infine, di
questi tempi, la diga poteva contare
su 25 milioni di metri cubi.
La penuria di acqua si rispecchia
nellerogazione: si pu affermare

17

nebbie diffuse e qualche timida


schiarita nelle ore centrali del giorno
anche per il medio periodo.
Difficilmente assisteremo a
cambiamenti significativi nei
prossimi 6/8 giorni e probabilmente
fino a Natale. Impossibile al
momento tracciare una previsione su
ci che avverr per il Capodanno e
per i primi giorni di gennaio. Resta il
fatto che quello che stiamo vivendo
, per la seconda volta consecutiva,
un inverno senza inverno".
Cristiano Riciputi

Mercato Saraceno
Prove di turismo

La Confesercenti ha proposto
allamministrazione comunale di Mercato
Saraceno, alla Pro Loco e lassociazione
"Fogli Volanti di mettere a punto un
progetto di valorizzazione del territorio
attraverso la creazione di punti di
informazione turistica diffusa con il
coinvolgimento dei negozi e dei pubblici
esercizi del territorio.

Ritrovo in un ristorante di Montecastello per una quarantina di nati nel 1965

A Mercato Saraceno rimpatriata dei 50enni


Si appena svolto il tanto atteso ritrovo dei nati nel 1965 per festeggiare tutti insieme il traguardo del mezzo secolo.
Lallegria stata il filo conduttore della
serata, svoltasi al ristorante "Da Elena"
a Montecastello, dove allappello sono
risultati presenti 40 ex scolari provenienti anche da fuori provincia.
Vecchie foto di classe, quaderni dellepoca sul banco di scuola, i nomi
scritti alla lavagna, hanno fatto rivivere
momenti passati, facendo da cornice a
sketch divertenti, balli e confessioni
damore postume, il tutto condito dalla musica di Graziano Frini.
Limmancabile torta, la consegna di
una penna appositamente realizzata
per ricordare questi "50 anni appena
scritti..." e i fuochi dartificio hanno

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi


di novit e voglia di scoprire sapori particolari.
Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente
secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc)
Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636
pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

concluso la scoppiettante serata.


Nella foto i partecipanti: Roberto Babbi, Antonella Bagagli, Denise Battistini,
Daniela Beleffi, Alberto Bettini, Enrica
Bolognesi, Maddalena Brusaporci, Mirna Caini, Paola Cola, Antonella Comandini, Luca Comandini, Nevio Corbara, Patrizia Ercolani, Manuela Faeti,
Mauro Fabbri, Monica Fusai, Giovanna
Fusaroli, Roberta Galante, Rita Giangrandi, Monica Giannini, Sonia Gianpreti, Manuela Giordani, Dean Gori,
Sergio Laurentini, Marilena Marinelli,
Antonella Nucci, Claudio Nucci, Maria
Teresa Paci, Procaccini Stefano, Elena
Ricci, Andrea Riceputi, Stefano Romagnoli, Lorena Sensini, Mirella Serra,
Sandra Serra, Mauro Tani, Anna Toni,
Gilberto Zammarchi, Fabio Zampa, Milena Zani.

18

Solidariet

Gioved 17 dicembre 2015

Il progetto nato dalla collaborazione traComunit Papa Giovanni XXIII e Grazia e Pace. Dal 18 al 20 dicembre, nella sede di Macerone di Cesena, ilMercatino dellusato di Natale

La solidariet del Mantello di San Martino


L

a solidariet fatta soprattutto di


piccoli gesti, come quello di
donare vestiti e oggetti
inutilizzati a chi si trova in difficolt.
la filosofia de Il mantello di San
Martino di Cesena, progetto nato sei
anni fa dalla collaborazione tra le
associazioni Comunit Papa
Giovanni XXIII e Grazia e pace.
Entrambe promuovono forme di
accoglienza e condivisione volte a
migliorare il benessere di vita delle
persone attravreso un sistema
integrato di interventi, esperienze e
progetti.
Il mantello di San Martino raccoglie,
da chiunque voglia donarli, abiti e oggetti di uso quotidiano, soprattutto per
famiglie e bambini, per poterli poi dare gratuitamente a chi ne ha bisogno.
Raccogliamo indumenti per ogni et e accessori per linfanzia, puliti e in
buono stato, distribuiamo il materiale e prepariamo corredini per neonati per
fornire la possibilit a ciascuno di avere il necessario per vivere. Da qualche

tempo abbiamo allestito uno spazio in cui


possibile per tutti visionare, scegliere e
acquistare gratuitamente ci di cui si ha
necessit, spiega Giulia Riguzzi.
La sede al centro sociale I Maceri, a
Macerone (in via Cesenatico n. 5735) ed
aperta il marted e il gioved dalle 9 alle 12.
I volontari sono disponibili anche per il
ritiro. Sono circa una trentina gli accessi
giornalieri: in particolare si tratta di
famiglie straniere, ma anche tanti single,
uomini e giovani mamme - prosegue -.
Raccogliamo anche passeggini, trio e
carrozzine: sono le cose che costano di pi
nel corredino dei bambini e quelle pi
difficili da reperire.
Nel week end dal 18 al 20 dicembre (dalle
9 alle 13 e dalle 15 alle 18) i volontari
allestiranno il Mercatino dellusato di
Natale al fine di raccogliere fondi per le
spese delle utenze e provvedere

allacquisto, in particolare, di pannolini, di


cui c molta richiesta.
Il mantello di San Martino si ispira alla
storia del cavaliere francese che tagli con
la spada il proprio mantello di lana,
dandone la met a un povero infreddolito
che aveva incontrato in un giorno
dautunno. Vogliamo educarci a essere
custodi di tutto ci che ci viene donato,
rimettendo in circolo i beni e cercare di
non sprecare quello che abbiamo in pi,
unendoci allinvito di papa Francesco conclude Giulia Riguzzi -. Siamo una
ventina di volontari coinvolti. Inoltre, due
attivit commerciali, un bar e un forno di
Cesena, ci donano linvenduto del giorno
prima che recapitiamo a domicilio alle
famiglie bisognose.
Per informazioni: Tania 338 1630062,
Giulia 328 0868 639.
Francesca Siroli

Consultorio per la famiglia


40 anni di consulenze
coniugali e familiari

Gabriele Turci, direttore del Consultorio aiutato da alcuni professionisti come Remo
Roncuzzi, Gilberto Benelli, Giorgia
Bazzocchi Andreucci e altri, il contesto
sociale e culturale non certo pi
tranquillo di quello odierno. Lo scontro
culturale e politico sui temi del divorzio
(1970), sulla successiva battaglia
referendaria, sulle crescenti istanze
abortiste e rivendicazioni femministe
stimolano sacerdoti e laici illuminati e
preparati a dar vita a strutture educative e
di consulenza coniugale e familiare per
sostenere le famiglie in difficolt e
accompagnarle nelle loro esperienze pi
significative. Qui a Cesena, attraverso il
susseguirsi nel tempo di operatori sempre
pi qualificati, lattivit di consulenza
coniugale ha visto per molti anni un
numero di utenti significativo per un
servizio di volontariato.
A questa specifica attivit se ne aggiunto
pochi anni dopo un ostetrico ginecologico
gratuito dedicato prevalentemente alla
gravidanza, lorganizzazione di corsi di
preparazione alla nascita di un figlio e

listituzione dei corsi Billings che dal 1978


fino ad oggi sono proposti alle coppie di
fidanzati o di coniugi nellottica di
uneducazione alla conoscenza e gestione
della propria fertilit e gestiti da Manuela
Scarpellini e Cinzia Bagnoli, dottoresse e
membri dellAmber (associazione metodo
Billings Emilia Romagna).
Ad oggi, riferiscono i volontari del
consultorio, rispetto allinizio della nostra
attivit, quando la finalit prevalente
nellapprendimento del Mob era di
rinviare una gravidanza, diventata pi
urgente la ricerca della gravidanza, anche
in relazione a situazioni sempre pi diffuse
di infertilit e di fronte alle quali si
rivelato sempre uno strumento efficace di
conoscenza e in tanti casi ha portato buoni
risultati.
Oltre a tutti questi servizi gratuiti, in
programma anche un corso mamma e
figlia, rivolto alle adolescenti per affiancare
la famiglia e la giovane ad affrontare il
delicato passaggio delladolescenza.
Per info: tel. 0547 333300.
Barbara Baronio

A Cesena, operatori e volontari animano diverse proposte


e corsi. intitolato al fondatore don Adolfo Giorgini

onsultorio per la famiglia, unopera che


dura da oltre quarantanni. Proprio per
commemorarne il fondatore, don
Adolfo Giorgini, di cui il prossimo anno
ricorre il 25esimo anniversario della morte, si
sono ritrovate oltre un centinaio di persone lo
scorso 11 dicembre presso i Cappuccini di
Cesena.
Quando nel novembre del 1972 don Adolfo
d vita al Consultorio per la famiglia - spiega

Domenico Forte:
Pi equit per i pensionati
La situazione politica-sindacale e del
futuro del sindacato: ecco il tema al centro
dellassemblea della Lega Distrettuale di
Cesena Valle Savio e Rubicone-Costa che si
tenuta lo scorso 10 dicembre presso la
sala della Cisl di Cesena.
La crisi economica che da diversi anni
affligge il nostro Paese ha portato a
cambiamenti che ovviamente toccano i
lavoratori come i pensionati, le vecchie e le
giovani generazioni. Roberti Renato,
segretario amministrativo della Fnp Cisl
Romagna e responsabile dellarea
territoriale di Cesena, aprendo i lavori ha
sottolineato come in un mondo in rapida
evoluzione il sindacato non pu restare
fermo. Il Governo Renzi vorrebbe far
credere che il sindacato sia un ostacolo
alla crescita del Paese, ma da sempre la
Cisl si dimostrata propositiva e aperta al
dialogo, per il bene dei lavoratori, dei
pensionati e delle giovani generazioni.
Anche la Federazione dei pensionati della
Cisl ha deciso di rendere le proprie
strutture sempre pi vicine alla gente, in
modo da essere i primi ricettori di problemi
ed esigenze.
La creazione della Cisl Romagna lunicazione di un territorio che include
Cesena, Forl, Rimini e Ravenna - stata
unesperienza unica che gli altri sindacati
non hanno ancora voluto compiere. Ma,
come ha affermato Roberti le politiche
territoriali sempre pi su area vasta, dalla
sanit ai trasporti, ha reso tale
cambiamento necessario per essere sempre
presenti e vicini al cambiamento.
Il passaggio alla Fnp Cisl Romagna stata
unesperienza importante, ma non si va
avanti guardando indietro. Come pi volte
emerso nei confronti durante le Assemblee
organizzative sia territoriale che nazionale
appena concluse, necessario avere un

NOTIZIARIO PENSIONATI
programma chiaro per il futuro, e la
creazione delle Rls un passo in questa
direzione. Come spiegato dal
rappresentante della Lega distrettuale di
Cesena, Alfredo Burgini, la trasformazione
delle Leghe in Rls, rappresentante locale
sindacale, ha proprio questo scopo: avere
una struttura pi territoriale che
comunichi e lavori pi velocemente.
Domenico Forte, da ottobre 2015
segretario generale Fnp Romagna, tra i
vari temi in discussione, ha subito
affrontato i pi ostici: la perequazione e la
legge di stabilit.
Le pensioni sono sempre pi considerate
dal Governo un bancomat, senza
considerarle invece quali sono, un salario
differito. Lo scontro generazionale
alimentato da diverse forze politiche negli
ultimi anni ha portato i pensionati ad
essere considerati colpevoli delle basse
pensioni future, senza minimamente
considerare che la met dei pensionati in
Italia ha una pensione inferiore a 1.000
euro mensili e che continuano ad essere
colonna portante del welfare italiano,
aiutando le famiglie in difficolt e i
giovani senza lavoro. I soldi trattenuti ai
pensionati tra il 2012 e il 2013 circa 18
miliardi, sono stati restituiti solo in parte
(12 per cento), ma questi soldi dove sono
niti? Se fossero stati usati dal Governo
per i nostri giovani, ad esempio per la
creazione di un fondo integrativo per le
loro future pensioni, tutti noi pensionati
ne saremmo stati felici, ma cos non
stato. La Fnp Cisl da sempre vicino ai
giovani, attraverso diverse iniziative come
il Festival delle Generazioni o il Progetto
Raggio Verde, che ha portato

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Enel, tagli ai benefici accessori


Durante il mese di ottobre lEnel ha comunicato che la crisi economica che ha colpito anche il settore
elettrico, ha portato a un taglio dei fringe benefit, cio ai benefici accessori corrisposti agli ex
lavoratori in busta paga in aggiunta alla retribuzione monetaria. Ci ha determinato la cessazione,
a partire dal 31 dicembre 2015, dellapplicazione della riduzione dellenergia elettrica che era fino ad
ora riservata a tutti i pensionati ex dipendenti Aziende Elettriche. Da tali benefici erano gi stati da
tempo esclusi anche gli attuali dipendenti.
A tale riguardo si sono svolti incontri tra azienda e sindacati, ed stato sottoscritto un verbale con la
definizione degli importi per una possibile transazione tra Enel ed ex dipendenti con lassistenza dei
rappresentanti sindacali.
Si ricorda che tale azione una scelta personale. Ogni pensionato quindi libero di accettare la
transazione o adire le vie legali; in entrambi i casi la Fnp e la Flaei sono a disposizione degli iscritti
per offrire lassistenza necessaria ed eventualmente chiarire dubbi sulla vicenda.
Nei prossimi giorni lEnel invier una lettera di disdetta, come indicato nel verbale di accordo
sottoscritto, dando la possibilit di procedere o alla firma dellaccordo o allazione legale.
allassunzione nelle nostre sedi di
personale under 35 a tempo
indeterminato. E continueremo sempre a
lottare per le nostre pensioni e per quelle
dei nostri nipoti.
Forte Domenico ha anche affrontato il
tema della Legge di stabilit, nella quale
il sindacato dei pensionati ha chiesto
maggiore equit e progressivit.
Tanti altri i temi approfonditi durante
lAssemblea: liste di attesa; Ausl
Romagna; risorse destinate al sostegno
per gli anziani over 75; povert. Tutti temi
sui quali la Fnp attenta e sui quali
continuer la sua azione di controllo
attraverso la contrattazione sociale a
livello comunale e distrettuale.
Trasparenza, controllo e rinnovamento.
Queste le parole che concludono
lAssemblea e che fanno guardare avanti
al futuro dei pensionati, oltre la crisi e

scorso anno, portando a una riduzione


complessiva delle risorse di 63 milioni di
euro.
Patronati, presidio contro i tagli
Il Governo accusato dai sindacati,
Una manifestazione per protestare contro accusato di intascare, con questi tagli,
i provvedimenti contenuti nella Legge di soldi non suoi ma dei lavoratori. Un
stabilit che, se confermati,
atteggiamento, afferma il segretario
metterebbero a rischio laccesso alla
regionale della Cisl Giorgio Graziani,
tutela previdenziale e socio-assistenziale con cui ci vogliono costringere a una
gratuita per i cittadini, nonch migliaia di scelta: o non offrire pi i servizi che
posti di lavoro per lintero sistema. Ecco
nora abbiamo dato gratuitamente,
la ragione della manifestazione che si
oppure far pagare questi servizi.
svolta lo scorso 10 dicembre in piazza
Una scelta, chiosa Graziani, del tutto
Nettuno a Bologna. Secondo i sindacati,
inaccettabile, che per potrebbe essere
potrebbe essere il risultato dei 28 milioni tranquillamente evitata. Oltre a
di euro di tagli al Fondo patronati
scendere in piazza, i sindacati hanno
previsto nella nuova legge di stabilita.
consegnato al prefetto Ennio Mario
I nuovi interventi di Stabilit 2016, ora
Sodano, che lo girer allesecutivo,
allesame della Commissione Bilancio
un documento in cui chiedono di
della Camera, seguono e si sommano al
cancellare i tagli previsti dalla legge di
taglio di 35 milioni di euro operato lo
stabilit.

oltre le accuse dei Governo.

Cultura&Spettacoli

Cesena, esposizione aperta fino al 3 gennaio

Rino Maraldi
alla Galleria
comunale

stata inaugurata sabato 5 dicembre,


a Cesena presso la Galleria comunale darte del Palazzo del Ridotto,
la personale del pittore cesenate Rino Maraldi.
Alla vernice, presente il critico darte Orlando Piraccini, curatore della mostra e del
catalogo, sono intervenuti numerosi amici ed estimatori dellartista.
In galleria sono esposte oltre trenta opere
che percorrono esaurientemente liter artistico del pittore, che pu essere diviso in
due periodi ben precisi: quello degli anni
Sessanta e Settanta, cui fa seguito una interruzione dellattivit di circa venti anni, e

Gioved 17 dicembre 2015

19

Cinema
di Filippo Cappelli

quello con il ritorno alla pittura allinizio


del 2000.
Nella prima fase lartista, con slancio giovanile, alla ricerca di un linguaggio personale, di una sua tavolozza, e si muove in
un ambito prettamente figurativo, cercando nei suoi paesaggi e nature morte lessenzialit delle cose.
Nella seconda fase il linguaggio di Maraldi,
pur sempre legato al reale, denota, nella irruenza e nella foga con cui il pittore trascura sempre pi i particolari, il desiderio
di costruire sulla tela delle rispondenze pittoriche del proprio mondo interiore.
Questo avviene con assoluta libert, escludendo qualsiasi preciso riferimento alla realt esterna: una ricerca che Maraldi vuole risolvere puntando soprattutto sul valore espressivo del colore, come si pu vedere nei dipinti riguardanti I giardini e Il
Montello.
In queste opere si sente vivissima lesigenza di tradurre la vitalit e gli umori di certi
paesaggi naturali a lui cari, nonch la loro
pi intima e nascosta poesia.
La mostra rester aperta fino al 3 gennaio

sena
e
C
i
d

t
r
a
g
AlBo
na nuova e sempre entusiasmante edizione della rassegna canora per
bambini e ragazzi Stellina di Natale andr in scena sabato 19
dicembre alle 21 al teatro Bogart di SantEgidio di Cesena.
A interpretare le sedici canzoni Tributo allo Zecchino dOro saranno i
bambini e ragazzi (tra i 6 e i 12 anni) che animano il Coro della Stellina e
che dal settembre scorso, con passione e impegno, stanno preparando uno
spettacolo per grandi e piccini. I cinquanta bambini e ragazzi coinvolti, del
quartiere SantEgidio e non solo, sono preparati e diretti da Anna Maria
Baldan, Emanuela Rapetti e Gian Paolo Curr.
Saranno presentate sedici canzoni gi partecipanti allo Zecchino dOro
dellAntoniano di Bologna, con brani di vecchie edizioni (1963), fino alle pi
recenti ascoltate questanno.
Verranno interpretate canzoni come 44 gatti, Il valzer del moscerino,
Cocco e Drilli, Il coccodrillo come fa?, Le tagliatelle di Nonna Pina, fino

Christmas Card, a Natale


la proposta-regalo del Bonci
l Teatro Bonci di Cesena festeggia il Natale con una speciale offerta
Icoloro
dedicata agli appassionati dello spettacolo dal vivo e anche a tutti
che sono in cerca di unidea regalo originale, economica e di
qualit: Christmas Card un pacchetto del costo di 54 euro che d
diritto a tre ingressi per altrettanti spettacoli in programma tra gennaio
e marzo 2016.
Ecco i titoli: 21-24 gennaio 2016, La pazza della porta accanto, di
Claudio Fava; uno spettacolo di Alessandro Gassmann, con Anna

Multisala Aladdin (Cesena)


Uci (Savignano sul Rubicone)

REGRESSION

prossimo con il seguente orario: 10-13 e 16-19;


luned e gioved chiuso (tranne il 24 e 31 dicembre); marted e venerd apertura pomeridiana.
Enrico Guidi

Stellina
di Natale
Bambini e ragazzi
protagonisti

STELLINA DI NATALE
EDIZIONE 2013
(FOTO ARCHIVIO)

IL MONTELLO, 2013

ad arrivare a Un sogno leggerissimo, La mia Casa


e Il domani dellultima edizione.
Le canzoni sono state arrangiate dal gruppo
musicale I Jackpot che accompagneranno i
bambini sul palco. Presentatori della serata
Samuele Casadei (Sammy) e Giacomo Cangini (il
panda).
La rassegna canora organizzata dalla parrocchia di
SantEgidio di Cesena, con il patrocinio del Comune
di Cesena. Gli sponsor delliniziativa sono gli stessi
che fedelmente accompagnano la manifestazione:
Banca di Cesena e Musica Insieme.
Per info e prenotazioni : 339 3194715 (dalle 18 alle
21). Ingresso: 8 euro.

Foglietta. Lappassionata storia damore tra Alda Merini e un giovane paziente


dellospedale psichiatrico in cui la poetessa stata ricoverata.
- 11-14 febbraio: 7 minuti, di Stefano Massini; uno spettacolo di Alessandro Gassmann, con Ottavia Piccolo. Un episodio realmente accaduto in una fabbrica tessile dellAlta Loira nel 2012: undici operaie riunite in un consiglio di fabbrica sono
chiamate a votare s o no allunica, apparentemente innocua, richiesta della
nuova propriet per salvare posti di lavoro e condizioni attuali.
- 31 marzo-3 aprile: Danza macabra, di August Strindberg; traduzione e adattamento di Roberto Alonge; regia di Luca Ronconi, con Adriana Asti, Giorgio Ferrara.
Due coniugi giunti al venticinquesimo anniversario, connati in unisola nella cui
guarnigione lui capitano.
Biglietteria piazza Guidazzi, Cesena: tel. 0547 355959 - info@teatrobonci.it; orari di apertura marted-sabato dalle 10 alle 12,30 e dalle 16,30 alle ore 19.

di Alejandro Amenbar
Un horror moderno e del tutto atipico. Nessun mezzo giudizio, o piace o no, prendere o
lasciare. vero che il nome di Amenbar
(autore di Tesis, Apri gli occhi e Mare
dentro) dovrebbe essere una garanzia. Ma il
suo ritorno allhorror pi apparente che
sincero: fin dalle prime battute, infatti, Regression suona come unoperazione praticona e alla moda: ad Amenbar non
interessano gli effetti (loggetto delle nostre
paure), ma le cause. Lattenzione del film si
rivolge quindi non a ci che fa paura, ma al
motivo per cui non possiamo fare a meno di
provarla.
La trama: Minnesota, anni 90. Bruce Kenner
(Ethan Hawke) il detective pi in gamba
del suo dipartimento, una stazione di polizia
di provincia, dove tutti conoscono tutti fin
dalla nascita. Una ragazzina di nome Angela
(Emma Watson) ha accusato il padre, John
Gray, di gravi abusi. Gray non nega a lungo,
anzi si assume la colpa, dicendo per di non
riuscire a ricordare nulla. Viene dunque chiamato uno psicologo, Raines, per sottoporlo a
ipnosi regressiva. I ricordi dell'uomo si mescolano, sul taccuino delle indagini di Kenner, con le parole di Angela, del fratello e
della nonna, e presto anche con i suoi stessi
incubi, sempre pi intensi e ingombranti
Nel bene e nel male, il film tutto nel titolo.
Loperazione di Regression (che significa
regressione), non quindi solo il concetto
della teoria topica psicoanalitica applicata
nel film, ma anche un evidente percorso
simbolico del regista che torna alle atmosfere amate del genere che lo ha reso famoso,
culminato in quel capolavoro di atmosfere,
paura e suspense che stato the Others. E
se ancora una volta a essere indagati sono i
meccanismi della paura, Amenbar calca
lacceleratore anche sullanalisi della mente
umana, dei suoi labirinti e della sua forza capace di condizionare e distorcere la realt.
Ispirato a eventi realmente accaduti, quando
negli anni 90 diversi casi di isteria collettiva
relativi al satanismo incendiarono gli Stati
Uniti, il film riesce bene proprio nella ricostruzione dellatmosfera di panio che colp e
sconvolse la provincia americana a seguito
dellondata di accuse e confessioni di abusi
sessuali e rituali satanici che distrussero intere famiglie; uno scenario di caos, superstizione e panico che i media e le indagini della
polizia stessa contribuirono ad alimentare.
Il problema, e questa la critica al film, che
regressione in accezione negativa significa
proprio regresso, o involuzione. E una regressione sembra esserci in Amenbar: non
tanto dal punto di vista tecnico e stilistico
quanto su quello narrativo, finendo per giustapporre molte scene non del tutto credibili
o convincenti. Le buone cose restano, lapproccio inusuale dei film da lodare e merita
considerazione. Per tachicardie e batticuori,
per, meglio rivolgersi ad altri indirizzi.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
LA MIA IDEA DI ARTE
di papa Francesco

SAN PIETRO
Segreti e meraviglie in un racconto lungo duemila anni

Edizioni Mondadori (16 euro)

di Alberto Angela - Edizioni Rizzoli (22 euro)

Per la prima volta papa Francesco parla di arte. E lo fa con


questo libro in cui espone con la consueta forza e chiarezza la sua idea sullarte, i musei e il loro rapporto con la
nostra societ: Larte, oltre a essere un testimone credibile della bellezza del creato, anche uno strumento di
evangelizzazione. Guardiamo la Cappella Sistina: cosa ha
fatto Michelangelo? Un lavoro di evangelizzazione. I
musei devono accogliere le nuove forme darte. Devono
spalancar le porte alle persone di tutto il mondo. Essere
uno strumento di dialogo tra le culture e le religioni, uno
strumento di pace. Essere vivi! Non polverose raccolte del passato solo per gli
eletti e i sapienti, ma una realt vitale che sappia custodire quel passato per
raccontarlo agli uomini di oggi, a cominciare dai pi umili. Questo il ruolo del
poeta, dellartista: contrastare la cultura dello scarto ed evangelizzare, sostiene
papa Francesco in queste pagine, prendendo come esempio lartista argentino
contemporaneo Alejandro Marmo che lavora con materiali di scarto e persone
emarginate: Questa societ ha preso labitudine, dopo lusa e getta delle cose, di
usare e scartare anche le persone, cos come butta via le loro illusioni e i loro
sogni... Niente perduto, niente scartato, tutto ha un senso allinterno della
magnifica opera di Dio. La misericordia di Dio non scarta.

Se dovessimo raccontare la Storia dellumanit utilizzando dieci


immagini, una di queste sarebbe certamente la Basilica di San Pietro: non solo un luogo simbolo della cristianit, ma rappresenta
la suprema sintesi di duemila anni di arte e scienza, creativit e potere. unimmagine per noi talmente familiare che spesso non ci
domandiamo nemmeno quali Papi e artisti labbiano voluta, progettata e costruita, n come sia diventata quellincredibile scrigno
di capolavori che, nella sua magnificenza, ogni anno torna ad affascinare sette milioni di visitatori.
Eppure seguire levoluzione di San Pietro nel tempo, come ci dimostra Alberto Angela in questo libro che abbina illustrazioni a un
racconto, un viaggio senza pari nella Storia che svela anche vicende poco note e curiosit inedite. Tutto comincia nel I secolo
d.C., quando lapostolo Pietro viene crocifisso a testa in gi sul Vaticanum: qui cera il circo di Nerone e, accanto, si stava sviluppando una vasta necropoli
che sarebbe rimasta sepolta per secoli prima di tornare alla luce nel 1939. Come fu possibile? Nel IV secolo Costantino decise di costruire una grande basilica sul luogo del martirio di Pietro e... interr la necropoli: nasceva cos la chiesa pi importante della
cristianit, ricca di tesori e teatro per secoli di ogni genere di eventi come lincoronazione
di Carlo Magno.

20

Cesena&Comprensorio

Gioved 17 dicembre 2015

Cesena | Il vescovo al Mercato

Cesena | Incontro al Lions

Bagno di Romagna
Appuntamenti
nei borghi

Il vescovo Douglas la scorsa settimana ha incontrato i soci del Lions club di


Cesena, presieduto da Claudio Cavani. Monsignor Regattieri era
accompagnato dal direttore del Corriere Cesenate, Francesco Zanotti. Tante
le domande poste dai soci al vescovo il quale ha rimarcato limportanza
della solidariet verso gli emarginati e ha parlato dellapertura dellAnno
Santo. Nella foto, da destra, Cavani, monsignor Regattieri e Zanotti.

Cesena
Corali in concerto
Tanti concerti a ingresso libero
nellattesa del Natale. Si esibiranno
venerd 18 dicembre alle 21 nella
chiesa dellOsservanza il coro
Accademia Musicaesena e lorchestra
Arcangelo Corelli; sabato 19 alle 21
nella Pieve di San Vittore il coro Vox
Animae; nella chiesa di San Bartolo il
coro Alio Modo Canticum; nella chiesa
di Diegaro il coro lirico Alessandro
Bonci. Domenica 20 dicembre alle 18
al Suffragio il coro Vox Animae; alle 21
nella chiesa di San Bartolo il coro Cai;
nella chiesa di Case Finali alle 21 il
coro Araba Fenice. Marted 22 alle 21
nella chiesa di San Domenico concerto
dorgano e degli archi del
Conservatorio. Gioved 24 alle 16 al
Suffragio il coro Alio Modo Canticum.

Lezioni allUte
Nella sala Fantini in via Renato Serra,
venerd 18 dicembre alle 15,30, Maria
Assunta Biondi e Dino Pieri
tratteranno il tema "Orrori ed errori
nella Grande Guerra, dal Diario di Aldo
Spallicci". Marted 22 alle 15,30 nella
sala Vaienti della Cisl don Giancarlo
Biguzzi parler del "Vangelo secondo
Marco".

Cinema al Victor
In visione a San Vittore due lm.
Gioved 17, sabato 19 e domenica 20
alle 21 sullo schermo "Gli ultimi
saranno ultimi" di Massimiliano
Bruno; domenica 20 alle 15 e alle 17
"Giotto, lamico dei pinguini" di Stuart
McDonald. Ingresso 3,50 euro.

Gualtieri al Bonci
In programma marted 22 dicembre
alle 17,30 "Le giovani parole" di e con
Mariangela Gualtieri del teatro
Valdoca. A seguire la conversazione
con Cristian Castorri, Lorella Barlaam,
Elisabetta Bovero e Cesare Ronconi.

Interviste con la citt


E questo il titolo del libro di Elide
Giordani che sar presentato nellaula
magna della Malatestiana venerd 18
dicembre alle 17. Il volume contiene le
settanta interviste che la giornalista
ha pubblicato su "Il Resto del
Carlino".

Concerto a Borello
Nella chiesa parrocchiale mercoled 23
dicembre alle 21 la Pro loco organizza
il concerto della Intercity Gospel Train
Orchestra.

Pagina a cura di Terzo Spada

Incontro sottozero con la Caritas e i grossisti. Sabato 12 dicembre alle


7,30 il vescovo Douglas Regattieri ha incontrato gli operatori Caritas
della parrocchia di Martorano al Mercato ortofrutticolo. Qui, da tanti
anni, i volontari della zona Cervese-Ravennate ricevono dai grossisti
frutta e verdura per le famiglie bisognose. Il vescovo ha ringraziato per
la generosit gli operatori del mercato e i volontari per la costanza.

Montiano

Sarsina

Presepe meccanico

Natale in citt

Avr luogo sabato 19 dicembre


linaugurazione del presepe allestito dalla
famiglia Gualtieri alla Rocca, a cura della
Pro loco e degli Amici del presepe, con quelli
realizzati dalle scuole materne di Montiano e
Montenovo. Si potr visitare no al 24
gennaio il sabato, la domenica e i festivi
dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18. Negli altri
giorni su prenotazione al 348 5464840.

Per le feste natalizie la Pro loco ha


organizzato diversi eventi. Sabato 19
dicembre alle 17 incontri e dialoghi di arte
sacra e mostra nella sala di via IV Novembre;
rester aperta no al 10 gennaio. Alle 21 nella
Concattedrale concerto dellorchestra "Il
Giardino musicale" del conservatorio "Bruno
Maderna" di Cesena. E offerto dalla Pro loco
in collaborazione con la Concattedrale.

Cesena

Longiano

Cesena

Saggi di Natale

Musiche in teatro

NellAuditorium di Palazzo Nadiani


luned 21 dicembre alle 17,30 si
esibiranno le classi di pianoforte
dellIstituto "Arcangelo Corelli" dei
docenti Daniela Tassinari e Carlo Pari e
la classe di chitarra di Michele Ingoli.
Marted 22 alle 18,30 la classe di
pianoforte di Sabrina Alberti.

Andr in scena al Petrella domenica 20


dicembre alle 21 lo spettacolo musicale
"Casadei Secondo me" col "Simone Zanchini
Quartet" formato da Simone Zanchini alla
sarmonica, Stefano Bedetti ai saxofoni,
Stefano Senni al contrabbasso e Zeno De
Rossi alla batteria. Ingresso 20 euro.

Cesenatico
Premi di laurea

Avr luogo al museo della Marineria


marted 22 dicembre la premiazione dei
vincitori dei tre premi di laurea di 800
euro ciascuno su iniziativa del presidente
del Consiglio comunale, Angelo Soragni.
Uno dei premi offerto dalla Bcc di Sala.
Unapposita commissione ha scelto tra i
15 laureati partecipanti alla V edizione
del concorso.

Cesenatico
Musica classica

Al teatro comunale, domenica 20


dicembre alle 16, terr un concerto il
Quartetto Farnese composto da
Giovanni Paciello al auto, Kaori
Organisawa al violino, Thomas Cavuoto
alla viola e Sandro Laffranchini al
violoncello. In programma musiche di
Mozart. Ingresso 10 euro, per studenti
no ai 26 anni 5 euro.

Cesena

A San Piero, sabato 19 dicembre


dalle 18 alle 20 e domenica 20 dalle
10 alle 20 mercatini,
enogastronomia, artigianato artistico
e musica. A Bagno sabato 19 e
domenica 20 alle 21 nella discoteca
Evt musical di Natale Pora me! Che
amiche!. Domenica 20 dalle 9
viaggio al centro della Lama. Dal 22
dicembre al 6 gennaio collegamento
tra Bagno e San Piero col trenino di
Natale. Luminarie e presepi nelle vie,
gli addobbi degli alberi del concorso
Lalbero pi bello.

Gatteo

Antiquariato in fiera
Mercatini di Natale e una mostra sulle Nativit
a Cesena Fiera, sabato 19 e domenica 20
dicembre dalle 9 alle 19. Ingresso 3 euro,
gratuito no ai 14 anni e dopo i 70. Gratuito il
parcheggio.

Mostra al Bufalini
Fino al 30 gennaio 2016 il tunnel
dellospedale ospiter lesposizione di Ramona
Ranalli "Vero reale fuori da ogni schema".
Obiettivo della mostra, visitabile dal luned al
sabato dalle 7 alle 21, la domenica dalle 7 alle
13, quello di rendere pi confortevoli gli
ambienti allinterno delle strutture sanitarie.

Commedia dialettale
A Borello il circolo parrocchiale in
collaborazione con la compagnia "LArmigi de
Burl" presenter sabato 19 dicembre al
teatro della parrocchia la commedia "Lutm
pzultn" del gruppo "San Severo" di Ravenna.
Ingresso 6 euro.

Mercato Saraceno

Aspettando il Natale

Giovani attivi

Tra i numerosi appuntamenti programmati dal


Comune, sabato 19 dicembre alle 21 al teatro
"Lina Pagliughi" lo spettacolo a cura della
Scuola di musica, canto e teatro di Gatteo.
Ingresso a offerta libera. Al centro Auser di
Gatteo a Mare, domenica 20 dicembre alle
16,30 lo spettacolo di pupazzi animati
"Priscilla! Storia divertente della bambina
impertinente".

Il Comune ha pubblicato il bando rivolto ai giovani


dai 15 ai 30 anni che potranno inviare progetti
originali che riguardano diverse aree. La scadenza
per la presentazione ssata alle 13 del 22
dicembre. Le attivit dovranno essere realizzate
entro il 31 maggio 2016. In palio 1.500 euro a
progetto per un massimo di tre. Il bando pu
essere scaricato dal sito:
www.mercatosaarceno.fc.it.

Cesenatico

Spettacolo di prosa

La rassegna di prosa al Comunale si aprir


gioved 17 dicembre alle 21 con la commedia
"Lisistrata" di Aristofane, con Vanessa Gravina e
la regia di Cristiano Roccamo. Una produzione
del Plautus festival di Sarsina. Ingresso palchi e
platea 15 euro, loggione 10. Al museo della
Marineria, sabato 19 dicembre alle 21 Roberto
Mercadini racconter "Il compagno segreto" di
Conrad. Ingresso libero.

Cesena

Incontro sullEndometriosi

Sculture e scatti

Si terr venerd 18 dicembre dalle 20


nella sede del quartiere Oltresavio in
piazza Anna Magnani lincontro sul
tema "Endometriosi: una malattia che
lascia il segno, conosciamola".
Relatori i dottori Davide Lucchi,
Giuseppe Mignemi, Tiziana Viotti e
Loretta Acquaroli.

Fino al 24 dicembre nello Studio di Leonardo


Lucchi in piazza del Popolo la mostra di
bronzi dellartista cesenate si unisce agli
scatti di Marco Zavalloni. La musica
accompagna i visitatori. Orari di visita: dal
luned al venerd dalle 9 alle 12,30 e dalle 16
alle 19; sabato e domenica dalle 16 alle 19.

Longiano
Gospel al Petrella
Si terr mercoled 23 dicembre alle 21 il
concerto gospel di Natale delle "Serenity
singers", gruppo di Baltimora, per la
prima volta in Italia. Ingresso 20 euro.

Presepe dautore
Saranno inaugurati, a cura della
Fondazione Balestra, sabato 19 dicembre
alle 17 nellex chiesa della Madonna di
Loreto al Castello malatestiano, il
"Presepe geometrico" dellartista
napoletano Lucio Del Pozzo e la mostra di
oltre 100 sue opere.

3Montiband in concerto
Due i concerti che la Band di Montiano,
diretta da Alessandro Fattori, eseguir a
Longiano. Venerd 18 dicembre alle 20,30
al teatro Petrella; mercoled 23 alle 21 al
Rio Parco di Budrio in collaborazione con
lAuser e il Quartiere.

Sport

Gioved 17 dicembre 2015

21

Ciclismo La compagine di Savignano sul Rubicone traccia un bilancio del 2015


Molto soddisfatto il presidente Tonino Buda che ringrazia famiglie, tecnici e sponsor

Fiumicinese: annata da incorniciare


La squadra degli Allievi

on le ultime feste di
fine stagione per la
categoria allievi e
giovanissimi si
chiusa lannata agonistica
2015 per ciclisti della
Fiumicinese di Savignano sul
Rubicone.
"La fine stagione il
momento in cui si tirano le
somme dellanno - spiega il
presidente Tonino Buda - e il
bilancio certamente
positivo per tutta la nostra
attivit sia in termini di
risultati agonistici, sia in
termini di attivit svolta ed
organizzata".
Per questo Buda non manca
di ringraziare i collaboratori e
gli sponsor: "Grazie allaiuto
di tutti, dai collaboratori il cui
supporto imprescindibile,
agli sponsor che in questi
momenti di difficolt cercano
di fare il massimo per
sostenerci, alle famiglie dei
nostri ragazzi che ci aiutano
nel gestire lattivit e
condividere con i loro figli la
passione per lo sport
pedalato, anche nel 2015
siamo riusciti nellimpresa di
tagliare lennesimo traguardo
di una stagione ricca di
soddisfazioni e divertimento
da parte di tutti".
La squadra giovanissimi,
composta da circa una
quarantina di ragazzi, si
distinta su molti fronti
partecipando a tutte le
manifestazioni locali su
strada e fuori strada nonch
ai vari meeting provinciali,

regionali e nazionali
risultando sempre una delle
pi numerose squadre
partecipanti anche con ottimi
risultati agonistici.
A seguire i piccoli canarini
lesperta guida di Gabriele
Arfilli e di Romano Stefani
con la collaborazione di
Giuliano Lasagni e Tonino
Lucchi e la supervisione del
presidente Buda e del
segretario Giancarlo Bisacchi.

Immancabile il contributo
delle famiglie dei ragazzi che
hanno condiviso tanti
momenti di divertimento e
svago con lattivit svolta in
giro per la Romagna e non
solo, visto le esperienze
vissute al meeting nazionale
di Pineto degli Abruzzi.
La squadra allievi 2015
composta da 16 atleti ha
nuovamente confermato la
societ del Rubicone fra le

migliori a livello nazionale,


consuetudine che negli ultimi
anni si rivelata una
piacevole certezza.
Questanno un undicesimo
posto nella classifica
nazionale su oltre 300 societ
della categoria.
La parte del leone in termini
di vittorie lha fatta il cesenate
Emanuele Paolini, tre volte
trionfatore su strada, ma la
vera bandiera della squadra

Calcio serie B, prossimo impegno del Cesena contro la Ternana


Azione
in Cesena-Trapani
dell8 dicembre
(Pippofoto)

Bianconeri in crisi
Sabato si cerca il riscatto
Il periodo negativo del Cesena continua,
e dopo la sconfitta per 2-0 rimediata a
Vercelli, tempo di tornare alla vittoria.
Il Cesena lo vuole fare sabato 19
dicembre, quando al Manuzzi Orogel
Stadium alle 15 arriva la Ternana.
Dicembre si sta dimostrando sinora un
mese deficitario per i bianconeri di
Romagna: un solo punto interno col
Trapani in tre partite, sono un magro
bottino, che confermano i romagnoli
molto precari in trasferta.

Sabato scorso a Vercelli, contro la Pro, il


Cesena uscito di nuovo sconfitto
lontano dalle mura amiche, e nelle
ultime 7 partite ha raccolto solo 5 punti.
Per di pi giunta anche la cattiva
notizia di un punto di penalizzazione
per un parametro amministrativo non
rispettato, per il quale la societ cesenate
ha comunque annunciato ricorso. Il
tutto ha portato la squadra allenata da
Massimo Drago a scivolare in settima
posizione con 27 punti dopo 18 giornate

in termini di continuit
stato il montianese Simone
Buda, due vittorie ma sempre
protagonista in tutte le
manifestazioni, sia locali che
nazionali. Una vittoria per
Lorenzo Casadei e per il
primo anno Andrea Cantoni.
Piazzamenti di rilievo per
Federico Zanni, Leonardo
Casadei, Federico Caputo
(campione provinciale strada)
mentre hanno completato la
squadra Andrea Alma,
Lorenzo Bisacchi, Pietro
Ciccioni, Samuele Facja,
Franz Gao, Nicol Malucelli,
Francesco Pizzino, Matteo
Vescaveo e Marcello Vigilante.
Titoli regionali per Lorenzo
Casadei, campione regionale
a cronometro su strada
mentre su pista ha saputo
conquistare il titolo regionale
nella velocit e nel keirin.
Conclude il presidente Buda:
"La societ onorata di aver
visto crescere tra le proprie
fila tre ragazzi della zona che
hanno raggiunto il passaggio
al professionismo come
Manuel Belletti, Manuel
Senni e Luca Pacioni. Se per
Belletti ormai gli anni di
professionismo sono gi
importanti con vittorie di
prestigio, ci auguriamo che
Senni e Pacioni sappiano
togliersi quelle soddisfazioni
che meritano perch si sono
sempre mostrati ragazzi
dotati, ma anche molto
intelligenti e rispettosi. E non
si sono dimenticati di chi li ha
aiutati a crescere".

In vendita
Calendario benefico

di campionato. Un campionato di serie B


sempre caratterizzato dal grande
equilibrio, che in vetta vede scappare
Crotone e Cagliari, inseguite via via da
Bari, Novara, Brescia e Pescara. Tutte
compagini che precedono in graduatoria
il Cesena, che allundicesima giornata
era addirittura in testa al plotone. A
Vercelli, dove le reti di Rossi al 10 e Di
Roberto al 24 su rigore hanno
condannato Cascione e compagni, sono
emerse ancora una volta tutte le
difficolt lontano dalla Romagna. Un
fattore che sta pesando non poco
sullandamento in classifica: il Cesena ha
vinto infatti solo ad Ascoli il 19
settembre.
Sabato contro la Ternana, limperativo
tornare a raccogliere i tre punti. Cosa
non certo scontata contro un avversario
scorbutico come quello umbro. I
rossoverdi sono al 14esimo posto con 22
punti sinora conquistati, a 5 lunghezze
dal Cesena.
Sabato scorso al Liberati di Terni, le
"fere" hanno surclassato il fanalino di
coda Como per 4-0. Un risultato
roboante che ha gonfiato il petto agli
umbri in vista dellimpegno romagnolo.
Il ritmo a spron battuto del torneo
cadetto, proceder poi senza soste per le
festivit natalizie. Dopo la Ternana, il
Cesena affronter il Novara in trasferta il
23 dicembre in notturna e lAvellino al
Manuzzi il 27 dicembre. La gara contro
gli irpini sancir la fine del girone
dandata.
Eric Malatesta

E stato presentato la scorsa settimana il


calendario 2016 che il Cesena calcio ha
legato alla saga di Star wars. Il ricavato
delle vendite sar destinato al progetto
Pediatria a misura di bambino dellAsl di
Cesena. Il calendario pu essere
acquistato (offerta minima 6 euro) allo
stadio il 19 e 27 dicembre oppure al
Centro coordinamento club in via Veneto
19 a Cesena. Sotto, nella foto di Mauro
Armuzzi, un momento della
presentazione.

Calcio serie D

Ravenna-Romagna Centro 1-1


Il Romagna Centro domenica scorsa ha sorato
limpresa nel derby giocato al Benelli contro il
Ravenna. I biancazzurri di Martorano hanno
pareggiato 1-1 pur creando molte palle gol. I
biancazzurri sono ora quintultimi a pari punti
col Mezzolara (18) a un turno dal termine del
girone dandata. Il prossimo impegno sar
allOrogel Stadium Manuzzi domenica 20
dicembre alle 14,30 con il San Marino.

22

Sport Csi

Gioved 17 dicembre 2015

il saggio di dicembre
a cura del presidente Csi Luciano Morosi
Nel Csi (Centro
Sportivo Italiano)
il presidente
paragonabile
al capitano
di una nave.
Egli segue
con competenza
e sicurezza
la rotta.
Non si spaventa
della tempesta o
della burrasca,
ma, in qualsiasi
condizione
del mare,
porta tutto
lequipaggio
e i passeggeri
al sicuro
presso il porto
stabilito.

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

Corsa campestre
A San Piero in Bagno
Cross della Giovent

l Centro Sportivo Italiano


di Cesena, con la
Polisportiva San Pietro, la
scuola media Manara
Valgimigli di San Piero in
Bagno e la collaborazione
dellAvis comunale di San
Piero in Bagno e lAsd Bagno
di Romagna Calcio, ha
organizzato sabato 28
novembre, presso lo stadio
comunale Locatelli di
Bagno di Romagna, il Cross
della Giovent, gara di corsa
campestre, giunta alla quarta
edizione.
Liniziativa ha coinvolto
giovani studenti della scuola
media di Bagno di Romagna,

che, coordinati dalla


professoressa Raffaella
DElia, si sono presentati ai
nastri di partenza divisi per
classi e nelle rispettive
categorie, maschile e
femminile.
Al termine di ogni singola
gara i partecipanti sono stati
premiati con medaglia
ricordo e un ristoro offerto
dallAvis comunale.
Da elogiare lintera
organizzazione, che si
dimostrata perfetta in ogni
dettaglio e la numerosa
partecipazione degli
studenti. Liniziativa intende
animare la cultura sportiva

AlPaul Morphynuovo incontro


del Torneo di cioccolato

el pomeriggio di sabato 12 dicembre,


come consuetudine mensile, si
svolto il torneo del cioccolato nella
sede del circolo Paul Morphy di scacchi
(affiliato al comitato cesenate del Csi), in
via Canonico Lugaresi 202, a Cesena.
La competizione non era riservata solo ai
ragazzi, ma a tutti, adulti compresi, che,
provenienti da diverse citt romagnole, si
cimentano in questo affascinante gioco e
fanno esperienza, migliorando la loro
tecnica.
Al torneo di dicembre hanno aderito 23
persone, tra cui due simpatiche signore
che si sono avvicinate da poco a tale
disciplina.
La classifica finale ha visto al primo posto
Carlo Rossi di Cesena, che ha preceduto
nellordine Rino Giovanardi di Gambettola

e Marco Landi di Ravenna.


Lattivit del circolo scacchistico
cesenate prosegue intensa pi che mai e
interessa anche il periodo natalizio: il
giorno di Santo Stefano (26 dicembre),
si svolger il torneo semilampo, sempre
nella sede del circolo. Alle 15,25
verranno chiuse le iscrizioni e alle 15,30
si dar inizio alla gara, mentre alle 18,30
sono previste le premiazioni. I turni di
gioco contemplati dal regolamento sono
sei e il tempo di riflessione di 15
minuti per completare la partita. I premi
consistono in cesti o dolci natalizi.
Per informazioni e preiscrizioni: Patrizio
Di Piazza, segretario del circolo
scacchistico Paul Morphy, tel. 0547
24125, p.dipiazza@libero.it
Patrizio Di Piazza

tra i giovani, e per il


futuro il proposito quello
di ampliare la
manifestazione a diversi
istituti scolastici; questo
uno dei principali obiettivi
che si posto il presidente
della Polisportiva San Pietro,
Giovanni Pretolani,
di recente nominato
responsabile provinciale
della commissione
di atletica del Centro

Sportivo Italiano di Cesena.


Si ringrazia per la loro disponibilit il coordinatore didattico, la professoressa Raffaella
DElia Raffaella, la professoressa Daniela Corzani, il presidente e i collaboratori dellAvis comunale di San Piero
in Bagno e i signori Castagnoli e Rossi dellAsd Bagno
di Romagna calcio, nonch
tutti i collaboratori.
Commissione Atletica

Scacchi

NELLA FOTO, DA SINISTRA: RINO GIOVANARDI DI GAMBETTOLA, CARLO ROSSI DI CESENA E MARCO
LANDI DI RAVENNA

Mountain Bike e non solo

Cena sociale allHobby Bike


di Gambettola
a serata da lupi, vento, pioggia e freddo di sabato 21 novembre non hanno scoraggiato
LdellHobby
la partecipazione numerosa dei soci e delle rispettive famiglie alla cena sociale
Bike, storica societ ciclistica gambettolese attiva da quasi trentanni,
principalmente nella disciplina della Mountain Bike, attualmente affiliata con orgoglio al
Csi. Levento si svolto presso una grande, funzionale e accogliente sala concessa
gentilmente dallattuale presidente della Societ e instancabile organizzatore Bruno
Nanni.
La cena, degna della miglior ristorazione marinara, stata preparata con passione e
bravura dalla famiglia Nanni insieme ad altri preziosi collaboratori, tutti soci del gruppo,
che in sala e in cucina hanno dato il meglio di s. La serata trascorsa nel migliore dei
modi, con grande soddisfazione dei quasi cento partecipanti, bambini compresi; grandi e
piccoli insieme si sono divertiti giocando no a tarda notte. La presenza del presidente Csi
di Cesena Luciano Morosi e di alcuni suoi collaboratori, oltre ai rappresentanti di altri Club
Mountain Bike del territorio, hanno rafforzato la collaborazione e lamicizia.
Un grande televisore ha trasmesso i lmati pi signicativi dei numerosi eventi organizzati
e partecipati dai soci, riscuotendo calorosi apprezzamenti e suscitando nostalgici ricordi.
A ne serata, prima del momento dei saluti e degli auguri per le festivit natalizia e di ne
anno, avvenuta la consegna da parte del presidente del comitato cesenate del Csi di una
targa di riconoscimento, esposta dagli organizzatori della serata.
Tiziano Placucci

Pagina aperta

Il direttore risponde

Gioved 17 dicembre 2015

23

LOcchio indiscreto

Ancora un appello per la giovane Nicole e la sua famiglia


La generosit tanta. Servono nuovi aiuti

aro direttore, grazie al contributo e alla


sensibilit del suo giornale, la solidariet
verso Nicole e la sua famiglia sta dando
ottimi risultati. In agosto avevamo lanciato un
appello ed evidenziato le difficolt di Nicole,
ammalata di sclerosi multipla, della mamma
Antonella, anchessa affetta da problematiche di
salute serie, e della sorella Michelle che
abbandon la scuola per aiutare la sua famiglia
in uno dei periodi pi critici. Purtroppo non
sono diminuite le difficolt, anzi, la malattia ha
costretto la mamma ad abbandonare il lavoro
che aveva, unica fonte di reddito e, poco dopo il
compimento del diciottesimo anno di Nicole,
lInps ha smesso di erogarle lassegno di
accompagnamento. Inoltre, per errore, aveva
erogato pi del dovuto ed ora la famiglia si
trova in debito di ulteriori 2mila euro che non
riesce ancora a restituire con il rischio di trovarsi
lagenzia di Equitalia alla porta per riscuotere
su mandato Inps. A nulla sono valse, per ora, le
richieste di dilazione del debito.
La gara della solidariet, comunque,
fortunatamente, continua e dopo lappello
dellagosto scorso, sono stati raccolti 6.800 euro
oltre a pi di 2mila euro grazie alla partita di
calcio di beneficenza Dammi un cinque per
Nicole fra la Nazionale cantanti e una squadra
con politici e sportivi del nostro territorio. Si
potuto cos pagare le rate arretrate del mutuo e
far fronte alle necessit quotidiane prioritarie,
oltre a pagare sistematicamente le utenze,
medicine e cure indispensabili in questo ultimo
periodo.
Siamo per ancora lontani da una situazione di
stabilit economica. Ancora non c un lavoro
stabile per qualcuno dei componenti la
famiglia. Sono state attivate alcune borse
lavoro, ma con introiti insufficienti e limitati
nel tempo.

doveroso comunque ringraziare tutti quelli


che hanno contribuito fino ad oggi: privati
cittadini e aziende, associazioni di volontariato
locali quali la Caritas, la Var, lIstituto don
Ghinelli, lassociazione Amigos Para Siempre, le
suore della scuola materna M. Ghiselli,
Telemaco, laboratorio musica e teatro di Gatteo,
associazione il Castello di Gatteo e altre fuori
Comune, quali la Croce Rossa di Cesenatico e la
parrocchia di Tipano che con una donazione di
1.500 euro ha contribuito a sostenere questa
famiglia in un momento di grave difficolt.
attivo anche un conto corrente intestato alla
Var Associazione Ragazzi Onlus presso la Banca
di Credito Cooperativo di Gatteo; Iban: IT04X
0857467823008000526490. Causale del
versamento: erogazione liberale a favore di
Nicole.
Grazie della disponibilit.
Silvana Montalti
presidente Var Associazione Ragazzi onlus
Gatteo
Carissima Silvana, siamo noi che la
ringraziamo per questa segnalazione. Se poi
pu servire, siamo ancora pi felici. Lo siamo
per voi della Var che tanto vi state impegnando
per Nicole. Ma soprattutto lo siamo per la
stessa Nicole e per la sua famiglia. Chi ha due
tuniche ne dia a chi non ne ha, e chi ha da
mangiare faccia altrettanto, cos siamo stati
richiamati domenica scorsa dal Vangelo
secondo san Luca. Il Natale ormai vicino e
lAnno Santo straordinario dedicato alla
misericordia ci sollecitano ancora di pi. Altro
non aggiungerei. Tenetici aggiornati e noi
daremo conto della generosit che, siamo certi,
non mancher. A presto, quindi.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

La matematica ci conduce a Dio?


Egregio direttore,
questanno (2015) ricorre il centenario della teoria della relativit di Einstein, le cui equazioni hanno
consentito la comprensione delle leggi che governano luniverso. In particolare, ci ha fatto capire che
luniverso ha avuto un inizio, il big bang, 14 miliardi di anni fa, probabilmente a partire da una minuscola pallina di luce, di densit e temperatura elevatissime. Di qui la formazione delle galassie e lespansione delluniverso. La matematica, che governa le leggi della fisica, ci consente di capire tutto ci. Non
solo, la matematica un potentissimo mezzo a disposizione delluomo che ci porta oltre le nostre caratteristiche naturali, creando modelli che cambiano continuamente e che tendono al raggiungimento
della verit.
Ma torniamo al momento del big bang: la formula di Einstein F=mc2, cessa di valere in corrispondenza
di quella che viene definita una singolarit. La massa della pallina di luce iniziale praticamente nulla,
mentre lenergia elevatissima! C qualcosa che non si spiega razionalmente. Ma da dove veniva questa piccola pallina di luce? Da dove venivano le condizioni per dare inizio al tutto? La matematica ci ha
condotti fin l, in corrispondenza di un ambito che va oltre la nostra esperienza e la nostra visuale. La
meccanica quantistica ci conferma, in fondo, che tutto ci che viviamo una realt immaginaria governata dallimprecisione statistica. Dice Neil Turok: Dio un matematico di altissimo ordine, che nella
costruzione delluniverso si serv di una matematica molto avanzata.
Come Einstein, molti scienziati credono in un Dio creatore delluniverso, secondo una visione deterministica. Stephen Hawking sostiene che Dio, dopo avere creato luniverso e stabilito le sue leggi, pare che
non se ne sia pi interessato. Daltra parte se luniverso fosse una realt autonoma, che ruolo avrebbe
Dio? E chi ha creato il creatore? Una teoria unificata, che metta armonia tra la relativit generale e la
meccanica quantistica, nascer per lintelligenza umana o opera di una mente superiore? Arriveremo,
attraverso di essa, a fare prevalere la ragione umana e a conoscere il pensiero di Dio? O Dio stato in
grado di creare il tutto partendo dal niente, o meglio dal solo suo pensiero?
Grazie per lospitalit.
Marco Guiduzzi (Cesena)

Un sorriso... nella
rassegnazione.
Mentre non accennano a diminuire
in tutto il territorio
cesenate le segnalazioni di furti in
abitazioni, bar, negozi e chioschi di
piadina, con la foto
di questa settimana
segnaliamo lironia
di un tabaccaio di
Cesena. (foto Bab)

Stille dellanima
Lavorare per il bene comune
Se riusciamo a intravedere la luce e la bellezza della Sua gloria divina,
cercheremo di aumentare infinitamente la nostra carit che ci permetter di distinguere la strada migliore per essere sempre irreprensibili e
integri, capaci di lavorare per il bene comune e per il trionfo della giustizia, senza mai cadere nella rete dellegoismo e del cinismo.
Allora dobbiamo comprendere che pi distruggiamo la montagna del
nostro orgoglio e della nostra superbia, pi riusciamo a vedere lontano e
saremo altamente lungimiranti, capaci di capire che un mondo migliore
pu arrivare solo se nel presente sappiamo distinguere il bene dal male,
e sappiamo aiutare e proteggere i pi deboli e i sofferenti.
Mauro Bettini (Cesena)

Cesena, pranzo di solidariet a Vivere il tempo


Le famiglie di Romano Lelli e Andrea Lelli hanno
organizzato, a Cesena presso lassociazione Vivere il
Tempo, un pranzo
a base di caccia, il
cui ricavato era finalizzato a famiglie
del quartiere che
stanno vivendo un
momento di difficolt. Un centinaio
i partecipanti, con
un incasso di 1.000
euro che sono stati
immediatamente destinati, tramite le parrocchie di San Mauro in Valle e San
Paolo di Cesena. La collaborazione tra le famiglie Lelli e lassociazione Vivere
il Tempo continua ormai da alcuni anni, con risultati altrettanto significativi.
Nella foto, i cuochi del Pranzo di Solidariet.

via Marinelli, 6 - 47521 CESENA (Fc)


tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141
e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura
chiavi in mano Impianti:
PETROLCHIMICI
AGROALIMENTARI
ECOLOGIA
DEPURAZIONE
ACQUEDOTTI
METANODOTTI
in ITALIA... nel MONDO