You are on page 1of 88
a aaa a *e MICHELANGELO GALILEI IL PRIMO LIBRO D'INTAVOLATURA DI LIUTO Trascrizione in notaxione moderna di Ruggero Chiesa EDIZIONI SUVINI ZERBONI - MILANO NXDPALGROXDAOKDROXDKOAOA OX DR DKOX DADE DR DHDKDR DKOX OKDKOX DKON ONO = SSD OSS SLOTS SUIS I Ss KOXORONOMD ORO RO ROMO nae ik 232 PREFAZIONE IL LIUTO IN ITALIA NEL SECOLO XVI Le imponenti opere di Giovanni Antonio Terai, Sie ‘mone Molinaro! e Giovanni Battista Dalla Gostena®, apparse sul finire det Cinquecento, concludevano con ot+ tim auspici un secolo che aveva visto una incontrastats superiorita delle musica Tiutistica italiana. Eppure questi autori erano destinati a rappresentare gli ultimi estremi di un arco perfetto che, a partire da Francesco Spinacino, aveva esplorato ogni angolo della raffinata sensibilta ri hnascimentele. Negli stessi anni il sistema contrappunti stico, sino ad allora cardine incontrastato delle disciplina musicale, veniva scoss0 dalla nascita della monodia sc- ‘compegnate, ed i compositori furono coinvolti in una nuova esperienze, fondate sulla verticaita sonore. Sorsero uindi primi insiemi strumentali con il compito di so- stenere la voce, ed il iuto si trovd a farne parte, avvar lendosi della possibilita di formare agevolmente ogni tipo di accordo, Un ostacolo non indifferente era rappresen tato dalla. sue debole sonorité, © per questo motivo si cered di aumentere il numero dei bassi e di ingrandire Ja cassa armonica, accelerando cos) uns trasformazione che era in atto da tempo. 1! semplice e perfetta modello 1 sei ordini di corde era gid stato ritoceato da_alcuni fautori per fronteggiare Mestensione e la potenza degli strumenti a tastiera, avversari iriducibili del suo predo ‘minio, ma le nuove esigenze contribuirono ad une rapide © defintiva trasformazione della struttura originale. Nac. quero cosi Pareiliuto, il chitarrone, Ia tiorba, i quali per quasi tutto il Seicento furono impiegati in ogni forma di accompagnamento, realizzando il basso continuo. ta fortuna del nascente stile vocale fu con probability la causa determinante della crisi altrettanto improvvise della musica strumentale solistica, Bench® quel periodo fosse illuminato dalla straordinarie personalita di Frescobaldi, inizid da allore la decadenza dell'arte orga nistica ¢ clavicembalistica, e, di conseguenza, della scuola liutistica, 1 cultori di tall strumenti si adeguarono con (Di Gia, Antonio Tersi do Bergomo, inavolature di lato (ic}oe ira primo. in Venetia, Appresso Rleciando Amado, MDXEII (rstampa unesatice e cura della Antiguae Muscae Tinieae Monuments Lombards, Milano. 1986) 11 seconde libro de inavoltura di lato in Veneta, Appresso Giacomo Vincent 1598 fatica ad un processo di rinnovamento che richiedeva Vabbandono degli schemi tradizionali, ed il risultato fu ‘un deciso rallentamento della loro attvita 1 fiutist italiani furono trai primi ad avvertire le tra: sformazione stilistica avvenuta intorno 2 loro. La neces: siti di accompagnare Ia voce spinse molti esecutori verso | comoda e facile chitarra, la quale, abbandonate le velleitd solistiche, era divenute il mezzo favorito per for mare accordi alla moda. Di conseguenza le conquiste tec niche ¢ musicali realizzate in passato furono awilite da ‘une pratica strumentale estremamente semplice, ridotta & ‘modeste formule di accompagnamento, Inoltre il tentativo di rinnovamento dell'sccordatura, gi presente in Francia @ in Germania, si fermd prima di raggiungere risultati apprezzabili, Questa modifica, dovuta all'esigenza di creare combinazioni pitt idonee alla nuova struttura melodico- armonica (¢ che portd nelle due nazioni sopra citate al- aceardatura « barocce » in se minore) non venne mai realizzata, sia perché la musica profana era affidata pre- valentemente agli archi, dove si poteva sviluppere pitt facilmente il nuovo stile cantabile, sia perché, verso Te meth del Seicento, nell'esecuzione delle suites si prefer la chitarra, che aveva ripreso a svolgere compiti pid: com- plessi, La erisi del livto era perd dovuta soprattutto at nuovo indirizzo della musica strumentale italiana, che avrebbe condotto alla creazione del concerto grosso, della sonata da camera ¢ da chiesa Tuttavie agli inizi del Seicento fa decadenza dello strumento non fu clamorosamente improvvisa, L'elenco elle composizioni solistiche che ci sono pervenute in questo secolo (comprendente anche quelle serite per ciliuto, il chitarrone ¢ la tiorba) dimostra come esistesser0 ‘ancora autori e pagine di valore Giovanni Francesco Anerio Dialogo pastorate .. Con del liwto, Roma, 1600. Gagliarde a quattro voci, Intavolate per sonare sul cimbalo et sul tiulo, Roma, 1607 inravotatura del cimbalo et Intavolavure di lata di Simone Molinaro genovese libro pri ima in Venaia MOXCIX. Apprese -Riciordo. Amadina, ‘Tracrsione in nossione moderne Giuseppe Culino, Ed oni musiall Re Maur, renee 194 {e"compesivion’ di Dalle Gostenu sono contenute nein {Stetare Simone Malina, Trasrzione tn nlseione me ‘erns Gi Citncppe Culling, Edaion! moscall Re Mourr, Fr enne 1908