You are on page 1of 316

Misure Elettriche

Piero Malcovati
2 marzo 2012
Indice
Elenco delle Figure 9
Elenco delle Tabelle 17
Elenco delle Abbreviazioni 19
Elenco dei Simboli 21
1 Concetti Generali 29
1.1 Scopo di una Misurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.2 Sistema Internazionale di Unit` a di Misura . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.3 Impostazione di una Misurazione e Interpretazione dei Risultati . . . . . 33
1.4 Alcune Nozioni di Statistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
1.4.1 Distribuzione Normale (o Gaussiana) . . . . . . . . . . . . . . . 42
1.4.2 Distribuzione di Student . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
1.4.3 Distribuzione Uniforme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
1.5 Incertezza di Misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
1.5.1 Incertezza di Misura di Tipo A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
1.5.2 Incertezza di Misura di Tipo B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
1.5.3 Incertezza Composta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
1.5.4 Incertezza Estesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
1.5.5 Espressione dei Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
1.5.6 Riferibilit` a delle Misure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
2 Campioni di Laboratorio 57
2.1 Generalit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.2 Campioni di Forza Elettromotrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.3 Sorgenti di Tensione Campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
2.4 Campioni di Resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
2.5 Campioni di Capacit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
2.6 Campioni di Induttanza e Mutua Induttanza . . . . . . . . . . . . . . . . 66
2.7 Campioni di Intervallo di Tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
Piero Malcovati, Misure Elettriche 3
Indice
3 Catene di Misura 73
3.1 Generalit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
3.2 Richiami sulla Trasformata di Laplace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
3.2.1 Propriet` a della Trasformata di Laplace . . . . . . . . . . . . . . . 75
3.2.2 Risoluzione di Equazioni Dierenziali . . . . . . . . . . . . . . . 76
3.3 Funzione di Trasferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
3.3.1 Sistemi del Primo Ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
3.3.2 Sistemi del Secondo Ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
3.4 Metodo Simbolico per la Trasformata di Laplace . . . . . . . . . . . . . 81
3.5 Trasformata di Laplace in Regime Sinusoidale . . . . . . . . . . . . . . . 84
4 Strumenti Analogici 89
4.1 Generalit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
4.2 Classe di Precisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
4.3 Comportamento degli Strumenti in Regime Stazionario e in Transitorio . 91
4.4 Strumenti a Conversione Magnetoelettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
4.5 Strumenti a Conversione Elettromagnetica . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
4.6 Strumenti a Conversione Elettrodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
4.7 Strumenti ad Induzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
4.8 Contatori ad Induzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
5 Misure Industriali con Strumenti Analogici 113
5.1 Generalit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
5.2 Misure in Corrente Continua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
5.2.1 Misure di Tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
5.2.2 Misure di Corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
5.2.3 Misure di Resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
5.2.4 Misure di Potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
5.3 Misure di Tensione in Corrente Alternata . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
5.4 Misure di Corrente in Corrente Alternata . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
5.5 Misure di Potenza in Sistemi Monofase in Regime Sinusoidale . . . . . . 125
5.5.1 Misure di Potenza Attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
5.5.2 Misure di Potenza Reattiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
5.5.3 Misure di Potenza Apparente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
5.5.4 Misure di Fattore di Potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
5.5.5 Misure di Potenza in Funzione della Tensione o della Corrente . . 134
5.6 Misure di Potenza in Sistemi Polifase in Regime Sinusoidale . . . . . . . 136
5.6.1 Misure di Potenza Attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
5.6.2 Misure di Potenza Reattiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
5.6.3 Misure di Potenza Apparente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
5.7 Misure in Regime Non-Sinusoidale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
5.7.1 Misure di Tensione e Corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
5.7.2 Misure di Potenza Attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
4 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Indice
5.7.3 Misure di Potenza Reattiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
5.7.4 Misure di Potenza Apparente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
5.7.5 Teoria di Budeanu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
5.8 Misure su Circuiti Non-Lineari di Tipo Induttivo . . . . . . . . . . . . . 156
5.8.1 Apparecchio di Epstein . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
5.8.2 Misura della Cifra di Perdita con Tensione Sinusoidale . . . . . . 160
5.8.3 Separazione delle Perdite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
5.8.4 Misura della Cifra di Perdita con Tensione Non-Sinusoidale . . . 163
5.8.5 Misura del Valore di Cresta dellInduzione Magnetica . . . . . . 166
6 Metodi di Ponte 169
6.1 Generalit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
6.2 Ponte di Wheatstone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
6.3 Doppio Ponte di Thomson . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
6.4 Metodi di Ponte in Corrente Alternata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
6.4.1 Principio dei Ponti in Corrente Alternata . . . . . . . . . . . . . . 175
6.4.2 Ponte di Schering . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
6.4.3 Misure su Condensatori di Capacit` a Elevata . . . . . . . . . . . . 179
6.4.4 Misure in Alta Tensione e Regolazione dei Potenziali . . . . . . . 181
6.4.5 Ponti Automatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
7 Conversione Analogico-Digitale 185
7.1 Generalit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
7.2 Campionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
7.3 Quantizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
7.4 Blocchi Base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
7.4.1 Comparatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
7.4.2 Contatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
7.4.3 Convertitore D/A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
7.5 Convertitori A/D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
7.5.1 Convertitore A/D a Dente di Sega o a Rampa Lineare . . . . . . . 197
7.5.2 Convertitore A/D a Doppia Rampa Lineare . . . . . . . . . . . . 197
7.5.3 Convertitore A/D Incrementale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
7.5.4 Convertitore A/D ad Approssimazioni Successive . . . . . . . . . 202
7.5.5 Convertitore A/D Flash . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
7.5.6 Convertitore A/D Pipeline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
8 Strumenti Digitali 207
8.1 Generalit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
8.2 Multimetri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
8.3 Wattmetri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
8.4 Strumenti per la Misura di Tempo e Frequenza . . . . . . . . . . . . . . . 212
8.4.1 Strumenti per la Misura di Frequenza e Periodo . . . . . . . . . . 212
Piero Malcovati, Misure Elettriche 5
Indice
8.4.2 Strumenti per la Misura di Intervalli di Tempo . . . . . . . . . . . 214
8.5 Incertezza di Misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
9 Trasformatori di Misura 219
9.1 Generalit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
9.2 Trasformatore di Corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
9.2.1 Caratteristiche Nominali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
9.2.2 TA per Misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
9.2.3 TA per Protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
9.2.4 TA a Pi ` u Rapporti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
9.3 Trasformatore di Tensione Induttivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
9.3.1 Caratteristiche Nominali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
9.3.2 TVI per Misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
9.3.3 TVI per Protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
9.3.4 TVI a Pi ` u Rapporti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
9.4 Trasformatore Combinato di Tensione e Corrente . . . . . . . . . . . . . 236
9.5 Trasformatore di Tensione Capacitivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
9.5.1 Caratteristiche Nominali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
9.5.2 TVC per Misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
9.5.3 TVC per Protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
9.5.4 TVC a Pi ` u Rapporti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
9.6 Taratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
9.6.1 Taratura di un TA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
9.6.2 Taratura di un TVI o di un TVC . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
9.7 Diagramma di Moellinger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
9.8 Incertezza di Misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
9.9 Misure di Tensione Residua in Sistemi Trifase . . . . . . . . . . . . . . . 248
9.10 Misure di Potenza in Sistemi Monofase . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
10 Oscilloscopi 259
10.1 Generalit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
10.2 Tubo a Raggi Catodici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
10.2.1 Cannone Elettronico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
10.2.2 Placchette di Deessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
10.2.3 Schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
10.3 Base dei Tempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
10.3.1 Modalit` a Triggered . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
10.3.2 Modalit` a Auto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
10.3.3 Modalit` a Single-Sweep . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
10.4 Canale Verticale (Y) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
10.5 Canale Orizzontale (X) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
10.6 Oscilloscopio a Doppia Traccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
10.6.1 Modalit` a Alternate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
6 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Indice
10.6.2 Modalit` a Chopped . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
10.7 Oscilloscopio Digitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
10.8 Probe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
11 Sensori e Trasduttori 279
11.1 Generalit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
11.2 Sensori Attivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
11.2.1 Termocoppie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
11.2.2 Sensori Fotoelettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
11.2.3 Sensori Piezoelettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
11.2.4 Sensori ad Eetto Hall . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
11.3 Sensori Passivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
11.3.1 Termometri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
11.3.2 Estensimetri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 287
11.3.3 Sensori Capacitivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
11.3.4 Sensori Induttivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
A Grandezze Fondamentali 299
B Identicazione degli Strumenti 307
Indice Analitico 311
Piero Malcovati, Misure Elettriche 7
Elenco delle Figure
1.1 Tipici diagrammi di distribuzione della densit` a di probabilit` a . . . . . . 36
1.2 Tipico diagramma di probabilit` a cumulata da a x . . . . . . . . . . 37
1.3 Tipico diagramma di probabilit` a cumulata da x a . . . . . . . . . . . 38
1.4 Costruzione del diagramma di distribuzione della densit` a di probabilit` a
in un caso pratico con un numero limitato di risultati . . . . . . . . . . . 38
1.5 Costruzione del diagramma di distribuzione della densit` a di probabilit` a
in un caso pratico con un numero maggiore di risultati . . . . . . . . . . 39
1.6 Media, mediana e moda per tre diverse distribuzioni della densit` a di
probabilit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
1.7 Andamento della distribuzione di Gauss con = 5 e = 2 . . . . . . . 42
1.8 Andamento della funzione densit` a di probabilit` a della distribuzione t di
Student . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
1.9 Andamento della funzione densit` a di probabilit` a della distribuzione uni-
forme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
2.1 Pila Weston di tipo saturo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
2.2 Caratteristica tensione-corrente di un diodo Zener . . . . . . . . . . . . 60
2.3 Circuito base di impiego di un diodo Zener . . . . . . . . . . . . . . . . 60
2.4 Tensione campione con schema di ponte a due diodi, preceduto da uno
stadio in cascata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
2.5 Campione di resistenza con quattro terminali . . . . . . . . . . . . . . . 62
2.6 Campione di resistenza con avvolgimento bilare . . . . . . . . . . . . 63
2.7 Campione di resistenza variabile realizzata con una cassetta a spine . . . 63
2.8 Diagramma vettoriale di un condensatore reale . . . . . . . . . . . . . . 64
2.9 Circuiti equivalenti di un condensatore reale . . . . . . . . . . . . . . . 65
2.10 Campione di capacit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
2.11 Campione di capacit` a variabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
2.12 Campione di capacit` a per alta tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
2.13 Campione di capacit` a a gas compresso con elettrodi (anelli) di guardia . 67
2.14 Campione di induttanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
2.15 Campione di mutua induttanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
2.16 Campione di mutua induttanza variabile . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
2.17 Schema semplicato di un oscillatore a fascio di cesio . . . . . . . . . . 70
Piero Malcovati, Misure Elettriche 9
Elenco delle Figure
2.18 Schema costruttivo e circuito equivalente di un risuonatore al quarzo . . 71
2.19 Schema di principio di un oscillatore al quarzo . . . . . . . . . . . . . . 72
3.1 Schema generale di una catena di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
3.2 Ascissa di convergenza per la trasformata di Laplace . . . . . . . . . . . 74
3.3 Risoluzione di equazioni dierenziali nel dominio del tempo o nel do-
minio di Laplace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
3.4 Rappresentazione della funzione di Dirac . . . . . . . . . . . . . . . . 78
3.5 Esempio di funzioni di trasferimento in un circuito elettrico . . . . . . . 79
3.6 Esempio di sistema del primo ordine: circuito RC . . . . . . . . . . . . 79
3.7 Risposta al gradino unitario di un sistema del primo ordine . . . . . . . 80
3.8 Risposta alla rampa di un sistema del primo ordine . . . . . . . . . . . . 81
3.9 Risposta al gradino unitario di un sistema del secondo ordine . . . . . . 82
3.10 Massima sovraelongazione nella risposta al gradino unitario in un siste-
ma del secondo ordine in funzione del parametro . . . . . . . . . . . . 82
3.11 Calcolo del tempo di risposta in un sistema del secondo ordine . . . . . 83
3.12 Modulo e fase della risposta in frequenza di un sistema del primo ordine
passa-basso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
3.13 Circuito RC passa-alto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
3.14 Modulo e fase della risposta in frequenza di un sistema del primo ordine
passa-alto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
4.1 Indice degli strumenti analogici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
4.2 Andamento temporale della posizione dellindice in funzione del valore
di da 0 a 1.6 con passi di 0.2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
4.3 Strumento a conversione magnetoelettrica . . . . . . . . . . . . . . . . 93
4.4 Voltmetro magnetoelettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
4.5 Principio di funzionamento di uno strumento a conversione elettroma-
gnetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
4.6 Strumento a conversione elettromagnetica . . . . . . . . . . . . . . . . 96
4.7 Strumento a conversione elettrodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
4.8 Andamento temporale della coppia motrice in uno strumento a conver-
sione elettrodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
4.9 Strumento elettrodinamico utilizzato come wattmetro . . . . . . . . . . 100
4.10 Strumento elettrodinamico utilizzato come varmetro . . . . . . . . . . . 100
4.11 Strumento elettrodinamico utilizzato come amperometro . . . . . . . . . 101
4.12 Strumento elettrodinamico utilizzato come voltmetro . . . . . . . . . . 102
4.13 Strumento a induzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
4.14 Distribuzione dei ussi e delle correnti in uno strumento a induzione . . 103
4.15 Rotazione del disco di uno strumento a induzione . . . . . . . . . . . . 104
4.16 Diagramma vettoriale in uno strumento a induzione . . . . . . . . . . . 104
4.17 Correzione dello sfasamento in uno strumento a induzione . . . . . . . . 105
4.18 Contatore a induzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
10 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Elenco delle Figure
4.19 Diagramma vettoriale in un contatore a induzione . . . . . . . . . . . . 107
4.20 Curva di errore di un contatore a induzione . . . . . . . . . . . . . . . . 109
4.21 Dispositivi di taratura in un contatore a induzione . . . . . . . . . . . . 110
4.22 Compensazione della regolazione di velocit` a al piccolo carico in un
contatore a induzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
5.1 Voltmetro magnetoelettrico con resistenza addizionale . . . . . . . . . . 114
5.2 Voltmetro magnetoelettrico con diverse portate . . . . . . . . . . . . . . 115
5.3 Amperometro con derivatore (shunt) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
5.4 Amperometro magnetoelettrico con derivatore (shunt) a pi ` u portate . . . 117
5.5 Misura di resistenza con metodo voltamperometrico . . . . . . . . . . . 118
5.6 Misura di resistenza con metodo del confronto . . . . . . . . . . . . . . 120
5.7 Voltmetro sensibile al valore medio sul semiperiodo di una tensione
alternata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
5.8 Voltmetro sensibile al valore di cresta di una tensione alternata . . . . . 124
5.9 Amperometro elettromagnetico con due portate . . . . . . . . . . . . . 125
5.10 Andamenti della potenza istantanea e della potenza media in funzione
del tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
5.11 Possibili inserzioni del wattmetro per misure di potenza attiva in sistemi
monofase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
5.12 Diagramma vettoriale relativo a misure di potenza attiva in sistemi mo-
nofase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
5.13 Schema di inserzione di un varmetro monofase . . . . . . . . . . . . . . 130
5.14 Schemi per la misura della potenza reattiva in sistemi monofase in regi-
me sinusoidale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
5.15 Schemi per la misura della potenza apparente in sistemi monofase in
regime sinusoidale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
5.16 Misura di potenza attiva in un sistema trifase a quattro li . . . . . . . . 137
5.17 Misura di potenza attiva in un sistema trifase a tre li . . . . . . . . . . 138
5.18 Diagramma vettoriale relativo allinserzione di Aron per la misura della
potenza attiva in un sistema trifase a tre li . . . . . . . . . . . . . . . . 139
5.19 Inserzione di Aron per la misura della potenza attiva in un sistema trifase
a tre li . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
5.20 Inserzione di Aron per la misura della potenza attiva in un sistema trifase
a tre li in funzione della tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
5.21 Inserzione di un wattmetro per la misura della potenza reattiva in sistemi
trifase simmetrici ed equilibrati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
5.22 Inserzione di Righi per la misura della potenza reattiva in sistemi trifase
simmetrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
5.23 Inserzione di Barbagelata per la misura della potenza reattiva in sistemi
trifase simmetrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
5.24 Inserzione di Righi per la misura della potenza reattiva in sistemi trifase
simmetrici in funzione della tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
Piero Malcovati, Misure Elettriche 11
Elenco delle Figure
5.25 Tensione, corrente e potenza istantanea in caso si forma donda di ten-
sione sinusoidale e forma donda di corrente non-sinusoidale . . . . . . 153
5.26 Ciclo di isteresi di un materiale magnetico . . . . . . . . . . . . . . . . 156
5.27 Andamento dei campi B e H in presenza di isteresi e saturazione nel
materiale magnetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
5.28 Apparecchio di Epstein . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
5.29 Circuito per la misura della cifra di perdita con lapparecchio di Epstein 159
5.30 Ripartizione delle perdite in un materiale magnetico . . . . . . . . . . . 162
5.31 Circuito per la misura della cifra di perdita con lapparecchio di Epstein
con tensione non-sinusoidale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
5.32 Interpolazione graca per la determinazione del valore delle perdite alla
induzione magnetica di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
5.33 Interpolazione graca per la determinazione del valore ecace della
tensione corrispondente alla induzione magnetica di riferimento . . . . . 165
5.34 Andamento di tensione e induzione magnetica nel circuito per la misura
del valore massimo dellinduzione magnetica . . . . . . . . . . . . . . . 166
6.1 Ponte di Wheatstone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
6.2 Doppio ponte di Thomson . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
6.3 Schema di principio di un ponte in corrente alternata . . . . . . . . . . . 176
6.4 Ponte di Schering . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
6.5 Ponte di Schering per capacit` a elevate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
6.6 Circuito equivalente del ponte di Schering per capacit` a elevate . . . . . 180
6.7 Ponte di Schering con capacit` a parassite . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
6.8 Ponte di Schering con compensazione delleetto delle capacit` a paras-
site (metodo delle terre di Wagner) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
6.9 Ponte automatico per la misura di capacit` a e fattore di perdita . . . . . . 183
7.1 Compromesso tra risoluzione e frequenza di campionamento . . . . . . 186
7.2 Campionamento ideale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
7.3 Spettro del segnale campionato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
7.4 Fenomeno dellaliasing . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
7.5 Principio di funzionamento del sample-and-hold . . . . . . . . . . . . . 189
7.6 Quantizzazione di un segnale analogico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
7.7 Principio di funzionamento di un comparatore . . . . . . . . . . . . . . 192
7.8 Contatore di impulsi asincrono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
7.9 Contatore di impulsi sincrono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
7.10 Convertitore D/A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
7.11 Convertitore A/D a dente di sega o a rampa lineare . . . . . . . . . . . . 198
7.12 Convertitore A/D a doppia rampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
7.13 Convertitore A/D incrementale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
7.14 Convertitore A/D ad approssimazioni successive . . . . . . . . . . . . . 202
12 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Elenco delle Figure
7.15 Principio di funzionamento di un convertitore A/D ad approssimazioni
successive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
7.16 Convertitore A/D ash . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
7.17 Convertitore A/D pipeline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
8.1 Schema a blocchi di un generico strumento digitale . . . . . . . . . . . 208
8.2 Multimetro digitale palmare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
8.3 Multimetro digitale da banco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
8.4 Calcolo del valore ecace nel dominio digitale . . . . . . . . . . . . . . 210
8.5 Finestre di Hamming, Hanning e Blackman-Harris . . . . . . . . . . . . 211
8.6 Wattmetro digitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
8.7 Strumento digitale per misure di frequenza e periodo . . . . . . . . . . . 213
8.8 Incertezza nel conteggio in misurazioni di frequenza e periodo . . . . . 215
8.9 Strumento digitale per misure di intervalli di tempo . . . . . . . . . . . 215
8.10 Incertezza sulla denizione dellintervallo di tempo (walk) . . . . . . 216
8.11 Metodo del verniero temporale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
9.1 Schema di inserzione e circuito equivalente del TA . . . . . . . . . . . . 221
9.2 Diagramma vettoriale di un TA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
9.3 TA utilizzati su reti a media (a) e bassa (b) tensione . . . . . . . . . . . 225
9.4 Andamento delle correnti secondaria (i
2
), primaria (i
1
) e magnetizzante
(i
0
) in un TA quando il nucleo ` e in saturazione . . . . . . . . . . . . . . 227
9.5 TA con avvolgimento primario diviso in due sezioni connesse in serie
(a) o in parallelo (b) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
9.6 TA con un avvolgimento primario e tre avvolgimenti secondari (tre nu-
clei magnetici distinti) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
9.7 Schema di inserzione e circuito equivalente dei TVI . . . . . . . . . . . 230
9.8 Diagramma vettoriale di un TVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
9.9 TVI utilizzati su reti a media tensione per (a) inserzione tra fasi e (b)
inserzione verso terra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
9.10 TVI con avvolgimento secondario diviso in due sezioni connesse in serie
(a) o in parallelo (b) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
9.11 Schema di principio (a) e circuito equivalente secondo Thevenin (b) di
un TVC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
9.12 Andamento dellerrore di rapporto e di fase per un TA in classe 0.5 con
prestazione 20 VA, per reti a media tensione . . . . . . . . . . . . . . . 241
9.13 Andamento dellerrore di rapporto e di fase per un TVI in classe 0.5 con
prestazione 60 VA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
9.14 Schema utilizzato per la taratura di un TA . . . . . . . . . . . . . . . . 242
9.15 Schema utilizzato per la taratura di un TVI o di un TVC . . . . . . . . . 244
9.16 Diagramma di Moellinger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
9.17 Schema di inserzione di tre TVI monofase per misurare la tensione residua249
Piero Malcovati, Misure Elettriche 13
Elenco delle Figure
9.18 Formazione della tensione residua V
R
nel caso di guasto monofase a terra
netto della fase 3 dello schema di Figura 9.17 . . . . . . . . . . . . . . . 250
9.19 Schema per la misura di potenza in un sistema monofase con trasforma-
tori di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
9.20 Diagramma vettoriale delle grandezze in gioco in una misura di potenza
con trasformatori di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 251
10.1 Schema a blocchi semplicato di un oscilloscopio analogico tradizionale 260
10.2 Principio di funzionamento delloscilloscopio con base dei tempi . . . . 261
10.3 Principio di funzionamento delloscilloscopio in modalit` a XY . . . . . . 262
10.4 Tubo a raggi catodici (CRT) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
10.5 Interdizione del fascio elettronico tra una scansione e laltra dello scher-
mo tramite griglia di controllo (a) o placchette di spegnimento (b) . . . . 264
10.6 Comportamento dello schermo colpito dal fascio di elettroni . . . . . . . 265
10.7 Schema a blocchi della base dei tempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
10.8 Forme donda della base dei tempi in modalit` a di funzionamento triggered267
10.9 Schema a blocchi semplicato della base dei tempi in modalit` a auto . . . 268
10.10 Schema a blocchi del canale verticale (Y) . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
10.11 Schema a blocchi del canale orizzontale (X) . . . . . . . . . . . . . . . 270
10.12 Schema a blocchi del canale verticale (Y) di un oscilloscopio a doppia
traccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
10.13 Principio di funzionamento delloscilloscopio a doppia traccia in moda-
lit` a alternate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
10.14 Principio di funzionamento delloscilloscopio a doppia traccia in moda-
lit` a chopped . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
10.15 Schema a blocchi semplicato di un oscilloscopio digitale . . . . . . . . 275
10.16 Convertitore A/D per oscilloscopi a larga banda . . . . . . . . . . . . . 276
10.17 Circuito equivalente del probe delloscilloscopio . . . . . . . . . . . . . 277
11.1 Trasduttori, sensori e attuatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
11.2 Circuiti equivalenti di un sensore attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
11.3 Termocoppia con circuito di lettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
11.4 Forza elettromotrice in funzione della temperatura per le termocoppie
citate in Tabella 11.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
11.5 Eetto fotoelettrico in un fotodiodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
11.6 Circuito per la lettura di sensori piezoelettrici . . . . . . . . . . . . . . . 284
11.7 Sensore ad eetto Hall . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
11.8 Circuito equivalente di un sensore passivo . . . . . . . . . . . . . . . . 286
11.9 Termometro a resistenza di platino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
11.10 Sensore di temperatura a diodi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
11.11 Estensimetro a lo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
11.12 Estensimetro in congurazione a semi-ponte . . . . . . . . . . . . . . . 290
11.13 Circuito di lettura per un estensimetro in congurazione a semi-ponte . . 292
14 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Elenco delle Figure
11.14 Sensore capacitivo dierenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
11.15 Circuito per la lettura di sensori capacitivi . . . . . . . . . . . . . . . . 294
11.16 Esempio di accelerometro capacitivo MEMS . . . . . . . . . . . . . . . 296
11.17 Sensore induttivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296
Piero Malcovati, Misure Elettriche 15
Elenco delle Tabelle
1.1 Grandezze fondamentali, supplementari e derivate e relative unit` a di misura 31
1.2 Multipli e sottomultipli decimali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
1.3 Area della distribuzione normale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
1.4 Area della distribuzione t di Student . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
1.5 Espressioni dellincertezza tipo composta assoluta . . . . . . . . . . . . 52
1.6 Espressioni dellincertezza tipo composta relativa . . . . . . . . . . . . 52
3.1 Trasformate di Laplace per alcune funzioni di comune impiego . . . . . 76
3.2 Impedenze simboliche equivalenti di resistenze, induttanze e capacit` a . . 83
9.1 Limiti dellerrore di corrente (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per
i TA per misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
9.2 Limiti dellerrore di corrente (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per
i TA per misura per applicazioni speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
9.3 Limiti dellerrore di corrente (rapporto), dellerrore dangolo (fase) e
dellerrore composto per i TA per protezione . . . . . . . . . . . . . . . 228
9.4 Valori normali del fattore di tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
9.5 Limiti dellerrore di tensione (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per
i TVI per misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
9.6 Limiti dellerrore di tensione (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per
i TVI per protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
9.7 Limiti dellerrore di tensione (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per
i TVC per misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
9.8 Limiti dellerrore di tensione (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per
i TVC per protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
9.9 Errori di rapporto e di fase di un trasformatore di misura al 100% e al
25% della prestazione nominale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
11.1 Termocoppie di comune impiego . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
11.2 Espressione della capacit` a in funzione dei parametri geometrici per di-
versi tipi di condensatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293
Piero Malcovati, Misure Elettriche 17
Elenco delle Abbreviazioni
A/D Analogico-Digitale
CEE Comunit` a Economica Europea
CEI Comitato Elettrotecnico Italiano
CENELEC Comit e Europ een de Normalisation Electrotechnique
CRT Tubo a Raggi Catodici
D/A Digitale-Analogico
DCF77 Deutschland Long-Wave Signal Frankfurt 77
EN Norme Europee
IEC International Electrotechnical Commission
INRIM Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica
MEMS Micro-Electro-Mechanical System
SI Sistema Internazionale
SIT Servizio Italiano Taratura
TA Trasformatore di Corrente
TVI Trasformatore di Tensione Induttivo
TVA Trasformatore Combinato di Tensione e Corrente
TVC Trasformatore di Tensione Capacitivo
Piero Malcovati, Misure Elettriche 19
Elenco dei Simboli
A Sezione
A Ampere
B Induzione magnetica
B
S
Banda del segnale
C Capacit` a
C Coulomb
C
P
Cifra di perdita
C
m
Coppia motrice
C
p
Capacit` a equivalente parallelo di un condensatore reale
C
r
Coppia antagonista
C
s
Capacit` a equivalente serie di un condensatore reale
C
s
Coppia smorzante
D Potenza reattiva deformante
Semi-ampiezza della distribuzione uniforme
E Forza elettromotrice
E- Exa- (10
18
)
ENOB Risoluzione eettiva
F Forza
Flusso dellinduzione magnetica
F Farad
Piero Malcovati, Misure Elettriche 21
Elenco dei Simboli
F (x) Funzione di probabilit` a cumulata diretta di una distribuzione probabilistica
(x) Funzione gamma di Eulero
G- Giga- (10
9
)
G(x) Funzione di probabilit` a cumulata inversa di una distribuzione probabilistica
G
f
Gauge factor
H Campo magnetico
H Henry
Hz Hertz
I Corrente
I Valore ecace della corrente
I
1,N
Corrente primaria nominale di un trasformatore di corrente
I
2,N
Corrente secondaria nominale di un trasformatore di corrente
I
C
Valore di cresta o massimo della corrente
0 Parte immaginaria
J Momento di inerzia
J Joule
K Kelvin
L Induttanza
L Trasformata di Laplace
M Mutua induttanza
M- Mega- (10
6
)
N Costante della coppia di smorzamento
N Newton
N
bit
Risoluzione
N
c
Costante di un contatore a induzione
Ohm
22 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Elenco dei Simboli
P Potenza attiva
P- Peta- (10
15
)
P
I
Perdite
per isteresi magnetica
P
P
Perdite per correnti parassite
Pa Pascal
Q Potenza reattiva
R Resistenza
R
p
Resistenza equivalente parallelo di un condensatore reale
R
s
Resistenza equivalente serie di un condensatore reale
T Parte reale
S Potenza apparente
S Siemens
SNR Rapporto segnale-rumore
T Periodo
T Temperatura assoluta
T Tesla
T- Tera- (10
12
)
T
S
Intervallo di campionamento
U Incertezza di misura estesa assoluta

U Incertezza di misura estesa relativa


V Tensione
V Valore ecace della tensione
V Volt
V
1,N
Tensione primaria nominale di un trasformatore di tensione
V
2,N
Tensione secondaria nominale di un trasformatore di tensione
Piero Malcovati, Misure Elettriche 23
Elenco dei Simboli
V
C
Valore di cresta o massimo della tensione
V
m
Valore medio sul semiperiodo della tensione
W Energia
W Watt
X Reattanza
X
m
Media aritmetica di una serie di dati
Z Impedenza
Z Variabile normalizzata con distribuzione gaussiana
a Costante della coppia antagonista
Deviazione dellindice
a- Atto- (10
18
)
c Velocit` a della luce
c- Centi- (10
2
)
cd Candela
cos () Fattore di potenza
d Diametro
Angolo di perdita
d- Deci- (10
1
)
dB Decibel

Q
Intervallo di quantizzazione
da- Deca- (10
1
)
Errore
Peso specico

Q
Errore di quantizzazione

TA
Errore di fase di un trasformatore di corrente

TV
Errore di fase di un trasformatore di tensione
24 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Elenco dei Simboli

c,TA
Errore composto di un trasformatore di corrente

TA
Errore di rapporto di un trasformatore di corrente

TV
Errore di rapporto di un trasformatore di tensione
f Frequenza
Sfasamento
f- Femto- (10
15
)
f (x) Funzione densit` a di probabilit` a di una distribuzione probabilistica
f
S
Frequenza di campionamento
Fattore di smorzamento
h Costante di Planck
h- Etto- (10
2
)
j Variabile complessa (

1)
k Costante di Boltzmann
Coeciente di temperatura
k- Kilo- (10
3
)
k
A
Potere moltiplicatore dello shunt
k
V
Potere moltiplicatore della resistenza addizionale
k
TA,N
Rapporto di trasformazione nominale di un trasformatore di corrente
k
TA,S
Rapporto spire di un trasformatore di corrente
k
TA
Rapporto di trasformazione reale di un trasformatore di corrente
k
TV,N
Rapporto di trasformazione nominale di un trasformatore di tensione
k
TV,S
Rapporto spire di un trasformatore di tensione
k
TV
Rapporto di trasformazione reale di un trasformatore di tensione
k
a
Costante amperometrica
k
v
Costante voltmetrica
kg Kilogrammo
Piero Malcovati, Misure Elettriche 25
Elenco dei Simboli
l Lunghezza
Lunghezza donda
lm Lumen
lx Lux
m Massa
Media di una distribuzione probabilistica
m Metro
- Micro- (10
6
)
m- Milli- (10
3
)
mol Mole
n Coeciente di Steinmetz
Numero di gradi di libert` a della distribuzione t di Student

e
Numero di gradi di libert` a eettivi della distribuzione t di Student
n- Nano- (10
9
)
n
g
Numero di giri
n
s
Numero di spire
Modulo di Poisson
Pulsazione angolare

0
Pulsazione caratteristica
p- Pico- (10
12
)
ppm Parti per milione (10
6
)
q Carica dellelettrone
rad Radiante
Resistivit` a elettrica
s Scarto tipo di una serie di dati
s Variabile di Laplace
26 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Elenco dei Simboli
Deviazione standard di una distribuzione probabilistica

2
Varianza di una distribuzione probabilistica

Deviazione standard delle medie di serie di dati


s Secondo
s
2
Scarto quadratico medio di una serie di dati
s

Scarto tipo delle medie di serie di dati


s
2

Scarto quadratico medio delle medie di serie di dati


st Steradiante
t Tempo
t Variabile normalizzata con distribuzione t di Student
Costante di tempo
tan () Fattore di perdita

r
Tempo di risposta
u Incertezza di misura tipo assoluta
u Incertezza di misura tipo relativa
wb Weber
Piero Malcovati, Misure Elettriche 27
Capitolo 1
Concetti Generali
1.1 Scopo di una Misurazione
In senso generale, misurare signica stabilire il rapporto fra la grandezza in esame e la sua
unit` a di misura, cio` e fra una grandezza e una quantit` a di riferimento, con essa omogenea
(per esempio lunghezza paragonata a lunghezza o resistenza elettrica a resistenza elettri-
ca). Una misurazione pu` o riguardare un solo misurando, oppure pi ` u misurandi, per cui
essa pu` o risultare pi ` u o meno complessa. La misurazione ` e, quindi, il processo necessario
per determinare il suddetto rapporto, mentre la misura ` e il risultato della misurazione.
Per esprimere il valore di una grandezza sica si usano due simboli: un numero e
una lettera. La lettera rappresenta il simbolo dellunit` a di misura scelta, mentre il numero
esprime il rapporto tra la grandezza in esame e la quantit` a denita come unit` a di misura.
Ad esempio, lunit` a di misura della lunghezza ` e il metro, che si indica con la lettera m:
scrivere 8 m signica indicare una lunghezza pari a otto volte lunit` a di misura.
Le diverse unit` a di misura necessarie per le diverse grandezze (lunghezza, resisten-
za elettrica, tempo, volume, pressione, eccetera) formano un sistema di unit` a di misura.
In un sistema di unit` a di misura vengono assunte come assolute o fondamentali alcune
grandezze, indipendenti tra loro e nel numero pi ` u piccolo possibile, denendone le unit` a
di misura. Tutte le altre unit` a di misura del sistema, che vengono dette unit` a derivate,
si ricavano da quelle fondamentali. Per fare un esempio, la lunghezza l ` e una grandezza
fondamentale, mentre larea, essendo il prodotto di due lunghezze (l l = l
2
), rappresenta
una grandezza derivata.
1.2 Sistema Internazionale di Unit` a di Misura
Il sistema di unit` a di misura attualmente in vigore ` e il SI. Esso ` e basato su sette grandezze
fondamentali e due supplementari. In particolare, lunghezza, massa, intervallo di tempo,
intensit` a di corrente elettrica, intervallo di temperatura, intensit` a luminosa e quantit` a di
materia sono le unit` a fondamentali, mentre angolo piano e angolo solido sono le unit` a
supplementari.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 29
1. Concetti Generali
La Tabella 1.1 riporta le grandezze fondamentali, supplementari e le principali gran-
dezze derivate del SI, con il nome e il simbolo della loro unit` a.
Le unit` a del SI sono unit` a legali in Italia, in forza del Decreto del Presidente della
Repubblica n

802 del 12/08/1982, emanato in attuazione della Direttiva n

80/181 della
Comunit` a Economica Europea (CEE), di cui lItalia ` e parte. Limpiego di unit` a di misura
di vecchi sistemi non ` e, pertanto, corretto e deve, perci ` o, essere abbandonato.
NellAppendice A sono riportate le denizioni delle grandezze fondamentali e, in
modo dettagliato, le grandezze del SI, unitamente alle loro unit` a di misura. Sono, inoltre,
riportate le unit` a di misura che, pur non comprese nel SI, sono ammesse o transitoriamente
tollerate.
Luso delle sole unit` a di misura del SI non risulta sempre pratico, per cui ` e necessario
limpiego di multipli e sottomultipli decimali, formati mediante i pressi indicati in Ta-
bella 1.2. Il presso, unito al simbolo dellunit` a di misura, forma il simbolo del multiplo
o sottomultiplo di quella unit` a. Esso pu` o essere utilizzato direttamente, oppure combinato
con i simboli di altre unit` a di misura. Ad esempio,
1 mm
2
= 10
6
m
2
, 1 kV = 10
3
V, 1 mm/s = 10
3
m/s. (1.1)
Per esprimere il valore numerico di una grandezza ` e consigliabile luso dei multipli e
sottomultipli, in modo che il valore numerico stesso risulti compreso tra 0.1 e 1000. Per
esempio, conviene scrivere 6.25 mm, oppure 6.2510
3
m, invece di 0.00625 m. I pressi
hanno anche un nome e un simbolo, cos` come indicato in Tabella 1.2. Per la graa sono
valide le seguenti regole:
i nomi delle unit` a di misura devono essere scritti con caratteri minuscoli, compresa
la lettera iniziale, e senza punto nale (ad esempio volt e non Volt), e, quando
derivano da nome proprio, restano invariati al plurale;
lunit` a di misura, quando accompagna il relativo valore numerico, deve essere
espressa mediante il suo simbolo, che deve essere scritto dopo il valore numerico
senza punto nale;
luso dei simboli ` e ammesso solo quando essi sono preceduti da valore numerico;
diversamente si deve scrivere il nome dellunit` a di misura per esteso;
il simbolo dei multipli e sottomultipli di una unit` a si scrive facendo precedere il
presso al simbolo dellunit` a, senza interporre un punto o uno spazio, mentre il
simbolo delle unit` a derivate, prodotto di due o pi ` u unit` a, deve essere scritto inter-
ponendo, tra i simboli delle unit` a componenti, il punto di moltiplicazione o uno
spazio, come, ad esempio,
Nm oppure N m; (1.2)
qualora lunit` a derivi dal quoziente di due altre unit` a, il simbolo ` e formato interpo-
nendo fra il simbolo a numeratore e quello a denominatore un tratto obliquo o la
riga di frazione o usando gli esponenti negativi, come, per esempio,
m/s
2
oppure
m
s
2
oppure m s
2
. (1.3)
30 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.2. Sistema Internazionale di Unit` a di Misura
Grandezza
Unit` a SI
Nome dellUnit` a Simbolo dellUnit` a
Fondamentali
Lunghezza metro m
Massa kilogrammo kg
Intervallo di tempo secondo s
Corrente elettrica ampere A
Intervallo di temperatura kelvin K
Intensit` a luminosa candela cd
Quantit` a di sostanza mole mol
Supplementari
Angolo piano radiante rad
Angolo solido steradiante st
Derivate
Frequenza hertz Hz
Forza newton N
Pressione, tensione meccanica pascal Pa
Lavoro, energia, quantit` a di calore joule J
Potenza watt W
Carica elettrica coulomb C
Potenziale elettrico, tensione elettrica, forza
elettromotrice
volt V
Capacit` a elettrica farad F
Resistenza elettrica ohm
Conduttanza elettrica siemens S
Flusso di induzione magnetica weber Wb
Induzione magnetica tesla T
Induttanza propria, induttanza mutua henry H
Flusso luminoso lumen lm
Illuminamento lux lx
Tabella 1.1: Grandezze fondamentali, supplementari e derivate e relative unit ` a di misura
Piero Malcovati, Misure Elettriche 31
1. Concetti Generali
Fattore di Moltiplicazione
Presso
Nome Simbolo
10
18
exa E
10
15
peta P
10
12
tera T
10
9
giga G
10
6
mega M
10
3
kilo k
10
2
etto h
10
1
deca da
10
1
deci d
10
2
centi c
10
3
milli m
10
6
micro
10
9
nano n
10
12
pico p
10
15
femto f
10
18
atto a
Tabella 1.2: Multipli e sottomultipli decimali
32 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.3. Impostazione di una Misurazione e Interpretazione dei Risultati
1.3 Impostazione di una Misurazione e Interpretazione
dei Risultati
Il misurando ` e la specica quantit` a oggetto di misurazione (ad esempio, la resistenza elet-
trica di un conduttore a 20

C). Quando si specica un misurando, pu` o essere necessario


includere riferimenti ad altre quantit` a, quali tempo, temperatura, pressione e cos` via. Lo-
biettivo della misurazione ` e di determinare una stima del valore del misurando nel modo
pi ` u appropriato.
La scelta del metodo di misura, che pu` o essere fatta dalloperatore o stabilita da una
norma, ` e di fondamentale importanza. Si tenga presente che, anche dovendo operare
sullo stesso tipo di misurando (ad esempio, una potenza elettrica o una temperatura), le
sue speciche caratteristiche possono imporre luso di un metodo ed escluderne altri. In
una misura elettrica, un metodo pu` o dierire da un altro per le caratteristiche del circuito
realizzato e per gli strumenti impiegati.
Il risultato di una misurazione (o misura) deve essere interpretato, in quanto general-
mente esso si discosta dal valore vero del misurando, per ragioni legate al metodo e
agli strumenti usati, nonch e alle condizioni in cui la misura viene eettuata.
`
E, innanzi-
tutto, da osservare che il termine di valore vero deve essere considerato in senso lato,
in quanto si deve ammettere che, essendo la sua determinazione comunque ottenuta da
una misurazione, esso ` e in realt` a sempre incognito. Il ricorso ad un metodo e a strumenti
di caratteristiche misuristiche pi ` u pregiate pu` o consentire di ottenere risultati migliori di
quelli forniti da un sistema pi ` u scadente, ma lapproccio al problema non cambia.
Nella interpretazione dei risultati di una misurazione, si deve tenere presente che gli
scarti rispetto al valore vero dipendono:
da errori grossolani commessi dalloperatore, per esempio, nella lettura di uno
strumento o nella sua errata inserzione e cos` via;
da scarti di segno costante, che, se noti o determinabili mediante un processo logico,
vengono deniti eetti sistematici;
da eventi casuali, quali linterpretazione delle indicazioni di uno strumento a indice,
leetto della temperatura, la presenza di disturbi non individuabili e cos` via.
Gli errori grossolani sono in generale di ampiezza tale da essere facilmente ricono-
scibili. Quando si opera su un solo misurando, il rischio di errori grossolani pu` o essere
praticamente eliminato eettuando misure ripetute, ricorrendo, eventualmente, a operato-
ri diversi. Gli eetti sistematici noti o determinabili sono, generalmente, legati al metodo
e agli strumenti usati e, molte volte, possono essere corretti. Una volta ripuliti i risultati
dagli eventuali errori grossolani e dagli eetti sistematici, si deve passare alla valutazione
degli eetti degli eventi casuali.
Quando, nelle stesse condizioni, si ripete pi` u volte la misurazione di una stessa gran-
dezza, si ottengono, in generale, risultati diversi. Ci ` o non signica necessariamente che
la grandezza sia cambiata, ma piuttosto che le indicazioni dello strumento utilizzato sono
variate per cause accidentali o che la loro lettura ` e stata eettuata in modo imperfetto
dalloperatore. Un esempio tipico ` e la misurazione di una distanza mediante bindella
Piero Malcovati, Misure Elettriche 33
1. Concetti Generali
centimetrata. La stessa operazione, ripetuta pi ` u volte dallo stesso operatore o da operato-
ri dierenti, fornisce risultati prossimi tra loro ma diversi. Un altro esempio pu` o essere
quello della misurazione ripetuta del periodo di un pendolo, eettuata con un cronometro.
Di fronte a questa situazione, loperatore si deve porre due domande:
quale ` e il valore pi ` u attendibile del misurando?
quale ` e il signicato da dare agli scarti riscontrati?
La risposta a tali domande si trova generalmente applicando metodi probabilistici, basati
sulluso della statistica.
La miglior stima del valore del misurando, che varia casualmente e per cui n osser-
vazioni indipendenti x
k
sono state ottenute nelle stesse condizioni di misura, ` e la media
aritmetica X
m
delle n osservazioni,
X
m
=
1
n
n

k=1
x
k
. (1.4)
Si intuisce immediatamente che il valore di X
m
` e tanto pi` u attendibile, quanto maggiore ` e
il numero delle misure eettuate.
Le singole misure scartano dalla media delle quantit` a x
1
X
m
, x
2
X
m
, eccetera,
per eetto di fattori di inuenza casuali. Gli scarti assumono valori tanto pi ` u grandi,
quanto pi` u dispersi tra loro sono i dati originali. La qualit` a della misura sar` a, quindi,
tanto migliore, quanto pi ` u piccoli sono tali scarti rispetto alla media. Nasce, perci` o, la
necessit` a di dare una valutazione quantitativa di questa qualit` a, utilizzando un criterio
convenzionale.
Lincertezza di misura ` e un parametro, associato con il risultato di una misurazione,
che caratterizza la dispersione dei valori che potrebbero essere ragionevolmente attribuiti
al misurando. Analizzando le condizioni e il processo di misura, ci si pu` o rendere conto
che le cause di aleatoriet` a del risultato nale di una misurazione sono diverse e, a volte,
complesse, quali:
denizione incompleta del misurando;
conoscenza o misura inadeguata degli eetti delle condizioni ambientali;
eetti sistematici non noti nella indicazione degli strumenti analogici;
risoluzione nita di strumenti a indicazione discreta;
valori delle costanti e di altri parametri, ottenuti da fonti esterne ed usati nellalgo-
ritmo di riduzione dei dati;
variazioni del misurando in ripetute osservazioni, eettuate in condizioni apparen-
temente identiche;
imperfetta correzione di eetti sistematici, legati al metodo di misura usato.
In un rapporto di prova si dichiara, normalmente, un unico valore come stima del valo-
re del misurando, a cui viene associata unincertezza, opportunamente denita e calcolata.
In generale, si scriver` a che il valore della grandezza da misurare X ` e dato dalla sua stima
X
m
, gravata dallincertezza U (tale lettera ` e liniziale della parola inglese uncertainty,
che signica per lappunto incertezza),
X = X
m
U. (1.5)
34 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.4. Alcune Nozioni di Statistica
Lincertezza di misura U pu` o anche essere espressa in forma relativa,

U =
U
X
m
. (1.6)
Il concetto di incertezza, come attributo quanticabile di una misura, ` e relativamente
recente, sebbene errore e analisi dellerrore siano stati, a lungo, una parte importante
della scienza della metrologia. Si riconosce che, quando tutti gli eetti noti sono stati
valutati e sono state apportate le correzioni appropriate, rimane ancora unincertezza circa
la correttezza del risultato, cio` e un dubbio su quanto il risultato della misura rappresenti
il valore della quantit` a cercata.
Nellincertezza del risultato di una misura possono generalmente essere individua-
ti diversi componenti, che per comodit` a possono essere raggruppati in due categorie, a
seconda del modo in cui lincertezza stessa viene stimata:
quelli che vengono valutati applicando metodi statistici, partendo da una serie di
misure ripetute (incertezza di tipo A);
quelli che vengono valutati con altri mezzi (incertezza di tipo B).
Non esiste alcuna corrispondenza tra la classicazione dei componenti nelle categorie A
o B, se non quella di indicare due diversi criteri di valutazione dellincertezza.
In pratica, il livello di accuratezza richiesto nella stima dellincertezza e lincertezza
stessa possono essere anche molto diversi, a seconda dello scopo e del livello della misura.
1.4 Alcune Nozioni di Statistica
Per poter applicare i metodi statistici, necessari alla determinazione dellincertezza di
misura, ` e opportuno introdurre alcune denizioni. Si denisce probabilit` a di un evento,
il rapporto tra il numero di casi favorevoli a tale evento e il numero di casi possibili.
Pi ` u precisamente, si denisce probabilit` a di ottenere da un esperimento un certo risultato,
denito da un certo valore y, assunto dalla variabile casuale che caratterizza lesperimento
stesso, il rapporto tra la misura dellinsieme dei risultati che forniscono il valore y e la
misura dellinsieme comprendente tutti i risultati possibili relativi allesperimento.
Ad esempio, se si lancia un dado da gioco, la probabilit` a di ottenere il numero quattro
` e 1/6. Se si lanciano due dadi, lo stesso numero ha probabilit` a di vericarsi pari a 1/12
(combinazioni 2+2, 3+1, 1+3). Se si eettua un numero di lanci ripetuti di un solo dado,
ad esempio un centinaio, si constata che tutti i possibili valori (da 1 a 6) si presentano con
la stessa frequenza. Diversa ` e la situazione nel caso di lancio ripetuto di due dadi, in
quanto i possibili valori (da 2 a 12) hanno diverse probabilit` a di vericarsi.
Un qualunque evento casuale ` e, quindi, caratterizzato da una distribuzione probabi-
listica, che ne determina le propriet` a statistiche. Ad una distribuzione probabilistica ` e
sempre associata una funzione densit` a di probabilit` a, che esprima la probabilit` a che la
variabile casuale che caratterizza levento assuma un determinato valore. Se levento ha
come variabile casuale una grandezza misurabile, che pu` o assumere, almeno in linea teo-
rica, tutti i valori possibili, la funzione densit` a di probabilit` a assume andamento continuo,
Piero Malcovati, Misure Elettriche 35
1. Concetti Generali
f
(
x
)
x
f
(
x
)
x
Figura 1.1: Tipici diagrammi di distribuzione della densit` a di probabilit` a
anzich e discreto come negli esempi precedenti. La funzione densit` a di probabilit` a del-
levento denito dalla variabile casuale x si indica con f (x). In Figura 1.1 sono riportati
due diagrammi tipici, che rappresentano f (x) in funzione di x. Si noti che il primo di essi
presenta simmetria rispetto al valore centrale, a dierenza del secondo.
Unaltra curva di interesse si pu` o ottenere esprimendo la probabilit` a cumulata F (x) in
funzione della variabile casuale (Figura 1.2). La funzione F (x) rappresenta la probabilit` a
di ottenere tutti i valori inferiori o uguali a x ed ` e analiticamente rappresentata da
F (x) =
_
x

f (x) dx. (1.7)


Si noti che f (x) tende a zero sia per x , sia per x e, quindi,
lim
x
F (x) =
_

f (x) dx = 1. (1.8)
36 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.4. Alcune Nozioni di Statistica
0
0.5
1
F
(
x
)
x
X
m
Figura 1.2: Tipico diagramma di probabilit` a cumulata da a x
Alternativamente, si pu` o denire la funzione G(x) (Figura 1.3), che rappresenta la proba-
bilit` a di ottenere tutti i valori superiori o uguali a x ed ` e analiticamente rappresentata da
G(x) =
_

x
f (x) dx. (1.9)
`
E ovvia la relazione
G(x) = 1 F (x) . (1.10)
Sotto laspetto applicativo, si pu` o osservare che, normalmente, si ha a disposizione un
numero limitato di risultati e che la loro rappresentazione graca pu` o essere fatta ricorren-
do ad istogrammi del tipo indicato in Figura 1.4, che si riferisce al caso di una distribuzio-
ne simmetrica. La curva reale si ottiene per interpolazione tra le altezze delle canne che
costituiscono listogramma. Se si prende un campione pi ` u grande, listogramma risulta
quello di Figura 1.5, che ` e ovviamente pi ` u prossimo alla distribuzione reale.
Si presenta ora il problema di caratterizzare una distribuzione probabilistica con il
minimo numero di parametri. In Figura 1.6 sono rappresentate tre distribuzioni, di cui
vengono denite le seguenti grandezze:
media: rappresenta la somma delle varie osservazioni divisa per il numero del-
le osservazioni stesse; la media per una certa distribuzione probabilistica viene
ottenuta pesando ogni valore x con la corrispondente densit` a di probabilit` a f (x),
=
_

x f (x) dx; (1.11)


mediana: ` e denita dal valore dellosservazione che divide in due parti uguali lin-
sieme ordinato delle osservazioni (se il numero delle osservazioni ` e pari, ` e la media
Piero Malcovati, Misure Elettriche 37
1. Concetti Generali
0
0.5
1
G
(
x
)
x
X
m
Figura 1.3: Tipico diagramma di probabilit` a cumulata da x a
f
(
x
)
x
Figura 1.4: Costruzione del diagramma di distribuzione della densit` a di probabilit` a in
un caso pratico con un numero limitato di risultati
38 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.4. Alcune Nozioni di Statistica
f
(
x
)
x
Figura 1.5: Costruzione del diagramma di distribuzione della densit` a di probabilit` a in
un caso pratico con un numero maggiore di risultati
dei due valori pi` u vicini, se il numero ` e dispari, il valore dellosservazione centrale),
ovvero, il valore della variabile casuale x, per cui
F (x) = G(x) = 0.5; (1.12)
moda: ` e il valore dellosservazione che si verica pi ` u frequentemente.
Dal punto di vista pratico, avendo a disposizione un numero limitato di risultati, la media
della distribuzione, che caratterizza la variabile casuale x, pu` o essere stimata utilizzando
la media aritmetica X
m
delle osservazioni x
k
,
X
m
=
1
n
n

k=1
x
k
. (1.13)
Si pu` o dimostrare che
lim
n
X
m
= . (1.14)
Un altro parametro interessante di una distribuzione probabilistica caratterizza, invece,
la dispersione della distribuzione attorno al valore medio .
`
E ovvio che, quanto meno
la distribuzione sar` a dispersa, tanto pi` u i risultati dellesperimento saranno raggruppati
attorno a . Per quanticare la dispersione si utilizza il parametro
2
, ottenuto pesando
ogni valore di (x )
2
con la funzione densit` a di probabilit` a f (x),

2
=
_

(x )
2
f (x) dx. (1.15)
Il parametro
2
` e detto varianza della distribuzione. La sua radice quadrata,
=
_
_

(x )
2
f (x) dx, (1.16)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 39
1. Concetti Generali
J
f
(
x
)
x
J
J
J
f
(
x
)
x
J
J
J
f
(
x
)
x
M
e
d
i
a
,

M
o
d
a
,

M
e
d
i
a
n
a
M
e
d
i
a
M
o
d
a
M
e
d
i
a
n
a
M
o
d
a
M
e
d
i
a
n
a
M
e
d
i
a
Normale
Figura 1.6: Media, mediana e moda per tre diverse distribuzioni della densit` a di
probabilit` a
40 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.4. Alcune Nozioni di Statistica
prende il nome di deviazione standard della distribuzione. Dal punto di vista pratico,
avendo a disposizione un numero limitato di risultati, la varianza
2
della distribuzione,
che caratterizza la variabile casuale x, pu` o essere stimata utilizzando lo scarto quadratico
medio s
2
delle osservazioni x
k
attorno alla media aritmetica X
m
,
s
2
=
1
n 1
n

k=1
(x
k
X
m
)
2
. (1.17)
Analogamente, la deviazione standard della distribuzione pu` o essere stimata usando lo
scarto tipo s, denito come la radice quadrata positiva dello scarto quadratico medio,
s =

_
1
n 1
n

k=1
(x
k
X
m
)
2
. (1.18)
Si pu` o dimostrare che
lim
n
s
2
=
2
e lim
n
s = . (1.19)
Quando si ha a disposizione un numero limitato di risultati, assumono particolare
interesse lo scarto quadratico medio s
2

e lo scarto tipo s

della media aritmetica X


m
, dati,
rispettivamente, da
s
2

=
s
2
n
, (1.20)
s

=
s

n
. (1.21)
Questi parametri sono indicativi degli scarti tra le stime X
m
della media , ottenute da
diverse sequenze di dati, appartenenti ad una stessa distribuzione probabilistica. Ovvia-
mente,
lim
n
s
2

= 0 e lim
n
s

= 0. (1.22)
Il parametro

rappresenta la deviazione standard della distribuzione probabilistica delle


medie X
m
e, analogamente a quanto visto per s

, esso ` e dato da

n
. (1.23)
Risulta immediato vericare che
lim
n

= 0. (1.24)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 41
1. Concetti Generali
0
0.05
0.1
0.15
0.2
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
f
(
x
)
x
Figura 1.7: Andamento della distribuzione di Gauss con = 5 e = 2
1.4.1 Distribuzione Normale (o Gaussiana)
Tra le varie distribuzioni, ha un posto particolarmente rilevante la cos` detta distribuzione
normale (o di Gauss), la cui funzione densit` a di probabilit` a ` e denita da
f (x) =
1

2
e

(x)
2
2
2
. (1.25)
Questa distribuzione ha valore medio , deviazione standard ed ` e simmetrica rispetto a
. Essa ` e caratterizzata dalle seguenti probabilit` a cumulate:
F ( < x < + ) = 0.683;
F ( 2 < x < + 2) = 0.957;
F ( 3 < x < + 3) = 0.997.
Per cui, si assume comunemente che il valore x di una variabile casuale, caratterizzata
dalla distribuzione normale, ` e, in generale, compreso nellintervallo 3 attorno al va-
lore medio. Nel graco di Figura 1.7 ` e rappresentato landamento della distribuzione di
probabilit` a in cui = 5 e = 2, che equivale alla funzione
f (x) =
1
2

2
e

(x5)
2
8
. (1.26)
La distribuzione normale ` e, quindi, completamente denita da due parametri: la media e
la varianza o la deviazione standard.
Limportanza della distribuzione normale risiede nel fatto che un notevole numero di
fenomeni naturali sono normalmente distribuiti. Si citano, ad esempio, laltezza ed il
peso degli individui, gli errori nella misura della lunghezza di unasta metallica o di una
tensione elettrica e cos` via.
42 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.4. Alcune Nozioni di Statistica
La complessit` a della (1.25) ha suggerito il ricorso a tabelle in cui sono riportati para-
metri di validit` a generale. Una variabile casuale ` e detta normalizzata, quando essa ` e stata
trasformata in modo da avere media nulla e deviazione standard unitaria. Uno dei pi` u
importanti teoremi della statistica dimostra che, se x ` e una variabile casuale con media
e deviazione standard , allora la variabile
Z =
x

(1.27)
presenta valore medio nullo e deviazione standard uguale a 1. Una variabile con queste
caratteristiche ` e detta normalizzata e viene solitamente indicata con Z.
Esistono quindi tabelle che danno i valori dellarea sottesa dalla distribuzione normale
della variabile Z. Un esempio ` e riportato in Tabella 1.3.
f
(
Z
)
Z
A(Z)
Z A(Z) Z A(Z) Z A(Z) Z A(Z)
0 0.00000 1 0.34134 2 0.47725 3 0.49865
0.01 0.00399 1.01 0.34375 2.01 0.47778 3.01 0.49869
0.02 0.00798 1.02 0.34614 2.02 0.47831 3.02 0.49874
0.03 0.01197 1.03 0.34849 2.03 0.47882 3.03 0.49878
0.04 0.01595 1.04 0.35083 2.04 0.47932 3.04 0.49882
0.05 0.01994 1.05 0.35314 2.05 0.47982 3.05 0.49886
0.06 0.02392 1.06 0.35543 2.06 0.48030 3.06 0.49889
0.07 0.02790 1.07 0.35769 2.07 0.48077 3.07 0.49893
0.08 0.03188 1.08 0.35993 2.08 0.48124 3.08 0.49896
0.09 0.03586 1.09 0.36214 2.09 0.48169 3.09 0.49900
0.1 0.03983 1.1 0.36433 2.1 0.48214 3.1 0.49903
0.11 0.04380 1.11 0.36650 2.11 0.48257 3.11 0.49906
0.12 0.04776 1.12 0.36864 2.12 0.48300 3.12 0.49910
0.13 0.05172 1.13 0.37076 2.13 0.48341 3.13 0.49913
0.14 0.05567 1.14 0.37286 2.14 0.48382 3.14 0.49916
0.15 0.05962 1.15 0.37493 2.15 0.48422 3.15 0.49918
Continua. . .
Piero Malcovati, Misure Elettriche 43
1. Concetti Generali
f
(
Z
)
Z
A(Z)
Z A(Z) Z A(Z) Z A(Z) Z A(Z)
0.16 0.06356 1.16 0.37698 2.16 0.48461 3.16 0.49921
0.17 0.06749 1.17 0.37900 2.17 0.48500 3.17 0.49924
0.18 0.07142 1.18 0.38100 2.18 0.48537 3.18 0.49926
0.19 0.07535 1.19 0.38298 2.19 0.48574 3.19 0.49929
0.2 0.07926 1.2 0.38493 2.2 0.48610 3.2 0.49931
0.21 0.08317 1.21 0.38686 2.21 0.48645 3.21 0.49934
0.22 0.08706 1.22 0.38877 2.22 0.48679 3.22 0.49936
0.23 0.09095 1.23 0.39065 2.23 0.48713 3.23 0.49938
0.24 0.09483 1.24 0.39251 2.24 0.48745 3.24 0.49940
0.25 0.09871 1.25 0.39435 2.25 0.48778 3.25 0.49942
0.26 0.10257 1.26 0.39617 2.26 0.48809 3.26 0.49944
0.27 0.10642 1.27 0.39796 2.27 0.48840 3.27 0.49946
0.28 0.11026 1.28 0.39973 2.28 0.48870 3.28 0.49948
0.29 0.11409 1.29 0.40147 2.29 0.48899 3.29 0.49950
0.3 0.11791 1.3 0.40320 2.3 0.48928 3.3 0.49952
0.31 0.12172 1.31 0.40490 2.31 0.48956 3.31 0.49953
0.32 0.12552 1.32 0.40658 2.32 0.48983 3.32 0.49955
0.33 0.12930 1.33 0.40824 2.33 0.49010 3.33 0.49957
0.34 0.13307 1.34 0.40988 2.34 0.49036 3.34 0.49958
0.35 0.13683 1.35 0.41149 2.35 0.49061 3.35 0.49960
0.36 0.14058 1.36 0.41308 2.36 0.49086 3.36 0.49961
0.37 0.14431 1.37 0.41466 2.37 0.49111 3.37 0.49962
0.38 0.14803 1.38 0.41621 2.38 0.49134 3.38 0.49964
0.39 0.15173 1.39 0.41774 2.39 0.49158 3.39 0.49965
0.4 0.15542 1.4 0.41924 2.4 0.49180 3.4 0.49966
0.41 0.15910 1.41 0.42073 2.41 0.49202 3.41 0.49968
0.42 0.16276 1.42 0.42220 2.42 0.49224 3.42 0.49969
Continua. . .
44 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.4. Alcune Nozioni di Statistica
f
(
Z
)
Z
A(Z)
Z A(Z) Z A(Z) Z A(Z) Z A(Z)
0.43 0.16640 1.43 0.42364 2.43 0.49245 3.43 0.49970
0.44 0.17003 1.44 0.42507 2.44 0.49266 3.44 0.49971
0.45 0.17364 1.45 0.42647 2.45 0.49286 3.45 0.49972
0.46 0.17724 1.46 0.42785 2.46 0.49305 3.46 0.49973
0.47 0.18082 1.47 0.42922 2.47 0.49324 3.47 0.49974
0.48 0.18439 1.48 0.43056 2.48 0.49343 3.48 0.49975
0.49 0.18793 1.49 0.43189 2.49 0.49361 3.49 0.49976
0.5 0.19146 1.5 0.43319 2.5 0.49379 3.5 0.49977
0.51 0.19497 1.51 0.43448 2.51 0.49396 3.51 0.49978
0.52 0.19847 1.52 0.43574 2.52 0.49413 3.52 0.49978
0.53 0.20194 1.53 0.43699 2.53 0.49430 3.53 0.49979
0.54 0.20540 1.54 0.43822 2.54 0.49446 3.54 0.49980
0.55 0.20884 1.55 0.43943 2.55 0.49461 3.55 0.49981
0.56 0.21226 1.56 0.44062 2.56 0.49477 3.56 0.49981
0.57 0.21566 1.57 0.44179 2.57 0.49492 3.57 0.49982
0.58 0.21904 1.58 0.44295 2.58 0.49506 3.58 0.49983
0.59 0.22240 1.59 0.44408 2.59 0.49520 3.59 0.49983
0.6 0.22575 1.6 0.44520 2.6 0.49534 3.6 0.49984
0.61 0.22907 1.61 0.44630 2.61 0.49547 3.61 0.49985
0.62 0.23237 1.62 0.44738 2.62 0.49560 3.62 0.49985
0.63 0.23565 1.63 0.44845 2.63 0.49573 3.63 0.49986
0.64 0.23891 1.64 0.44950 2.64 0.49585 3.64 0.49986
0.65 0.24215 1.65 0.45053 2.65 0.49598 3.65 0.49987
0.66 0.24537 1.66 0.45154 2.66 0.49609 3.66 0.49987
0.67 0.24857 1.67 0.45254 2.67 0.49621 3.67 0.49988
0.68 0.25175 1.68 0.45352 2.68 0.49632 3.68 0.49988
0.69 0.25490 1.69 0.45449 2.69 0.49643 3.69 0.49989
Continua. . .
Piero Malcovati, Misure Elettriche 45
1. Concetti Generali
f
(
Z
)
Z
A(Z)
Z A(Z) Z A(Z) Z A(Z) Z A(Z)
0.7 0.25804 1.7 0.45543 2.7 0.49653 3.7 0.49989
0.71 0.26115 1.71 0.45637 2.71 0.49664 3.71 0.49990
0.72 0.26424 1.72 0.45728 2.72 0.49674 3.72 0.49990
0.73 0.26730 1.73 0.45818 2.73 0.49683 3.73 0.49990
0.74 0.27035 1.74 0.45907 2.74 0.49693 3.74 0.49991
0.75 0.27337 1.75 0.45994 2.75 0.49702 3.75 0.49991
0.76 0.27637 1.76 0.46080 2.76 0.49711 3.76 0.49992
0.77 0.27935 1.77 0.46164 2.77 0.49720 3.77 0.49992
0.78 0.28230 1.78 0.46246 2.78 0.49728 3.78 0.49992
0.79 0.28524 1.79 0.46327 2.79 0.49736 3.79 0.49992
0.8 0.28814 1.8 0.46407 2.8 0.49744 3.8 0.49993
0.81 0.29103 1.81 0.46485 2.81 0.49752 3.81 0.49993
0.82 0.29389 1.82 0.46562 2.82 0.49760 3.82 0.49993
0.83 0.29673 1.83 0.46638 2.83 0.49767 3.83 0.49994
0.84 0.29955 1.84 0.46712 2.84 0.49774 3.84 0.49994
0.85 0.30234 1.85 0.46784 2.85 0.49781 3.85 0.49994
0.86 0.30511 1.86 0.46856 2.86 0.49788 3.86 0.49994
0.87 0.30785 1.87 0.46926 2.87 0.49795 3.87 0.49995
0.88 0.31057 1.88 0.46995 2.88 0.49801 3.88 0.49995
0.89 0.31327 1.89 0.47062 2.89 0.49807 3.89 0.49995
0.9 0.31594 1.9 0.47128 2.9 0.49813 3.9 0.49995
0.91 0.31859 1.91 0.47193 2.91 0.49819 3.91 0.49995
0.92 0.32121 1.92 0.47257 2.92 0.49825 3.92 0.49996
0.93 0.32381 1.93 0.47320 2.93 0.49831 3.93 0.49996
0.94 0.32639 1.94 0.47381 2.94 0.49836 3.94 0.49996
0.95 0.32894 1.95 0.47441 2.95 0.49841 3.95 0.49996
0.96 0.33147 1.96 0.47500 2.96 0.49846 3.96 0.49996
Continua. . .
46 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.4. Alcune Nozioni di Statistica
f
(
Z
)
Z
A(Z)
Z A(Z) Z A(Z) Z A(Z) Z A(Z)
0.97 0.33398 1.97 0.47558 2.97 0.49851 3.97 0.49996
0.98 0.33646 1.98 0.47615 2.98 0.49856 3.98 0.49997
0.99 0.33891 1.99 0.47670 2.99 0.49861 3.99 0.49997
Tabella 1.3: Area della distribuzione normale
1.4.2 Distribuzione di Student
Nella pratica, per ragioni di tempo e di costo, le misurazioni presentano sempre una serie
limitata di valori. La variabile, che razionalizza esattamente i valori di serie limitate, ` e
stata studiata da Student ed ` e data da
t =
X
m
x
s/

n
, (1.28)
dove X
m
rappresenta la media aritmetica delle n misurazioni ed ` e una stima della media
della distribuzione, mentre s ` e lo scarto tipo della serie di misurazioni ed ` e una stima della
deviazione standard della distribuzione. Lespressione a denominatore della (1.28) ` e lo
scarto tipo della media s

.
La funzione densit` a di probabilit` a della distribuzione t di Student f (t, ) ` e data da
f (t, ) =
1

_
+1
2
_

2
_
_
1 +
t
2

_
(+1)/2
, (1.29)
dove < t < , > 0 sono i gradi di libert` a e
(n) =
_

0
x
n1
e
x
dx, (1.30)
con n > 0.
La distribuzione t di Student ha andamento analogo alla distribuzione normale, ma ` e
meno appuntita, come si nota dal graco di Figura 1.8. Per ogni valore di = n 1, con
n 2, esiste una funzione densit` a di probabilit` a di t. La Tabella 1.4 riporta, per un buon
numero di valori di n, i valori di t corrispondenti a diversi livelli di probabilit` a.
1.4.3 Distribuzione Uniforme
Un caso particolare di distribuzione probabilistica ` e rappresentato dalla distribuzione
uniforme, la cui funzione densit` a di probabilit` a ` e rappresentata in Figura 1.9. Per la
Piero Malcovati, Misure Elettriche 47
1. Concetti Generali
0
0.05
0.1
0.15
0.2
0.25
0.3
0.35
0.4
-5 -4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5
f
(
t
)
t
Normale
= 1
= 6
Figura 1.8: Andamento della funzione densit` a di probabilit` a della distribuzione t di
Student
Gradi di Libert` a Valori di t con Probabilit` a p
68.27% 90.00% 95.00% 95.45% 99.00% 99.73%
1 1.840 6.310 12.710 13.970 63.660 235.800
2 1.320 2.920 4.300 4.530 9.920 19.210
3 1.200 2.350 3.180 3.310 5.840 9.220
4 1.140 2.130 2.780 2.870 4.600 6.620
5 1.110 2.020 2.570 2.650 4.030 5.510
6 1.090 1.940 2.450 2.520 3.710 4.900
7 1.080 1.890 2.360 2.430 3.500 4.530
8 1.070 1.860 2.310 2.370 3.360 4.280
9 1.060 1.830 2.260 2.320 3.250 4.090
10 1.050 1.810 2.230 2.280 3.170 3.960
15 1.030 1.750 2.130 2.180 2.950 3.590
20 1.030 1.720 2.090 2.130 2.850 3.420
30 1.020 1.700 2.040 2.090 2.750 3.270
40 1.010 1.680 2.020 2.060 2.700 3.200
50 1.010 1.680 2.010 2.050 2.680 3.160
1.000 1.645 1.960 2.000 2.576 3.000
Tabella 1.4: Area della distribuzione t di Student
48 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.5. Incertezza di Misura
x
f
(
x
)
+
1/(2)

Figura 1.9: Andamento della funzione densit` a di probabilit` a della distribuzione uniforme
distribuzione uniforme, vale
_

_
f (x) =
1
2
per x
f (x) = 0 per x >
. (1.31)
Pertanto, la distribuzione uniforme avr` a media e varianza pari a

2
=
_

(x )
2
f (x) dx =
_

(x )
2
2
dx =

2
3
. (1.32)
La deviazione standard, quindi, sar` a data da
=

3
. (1.33)
1.5 Incertezza di Misura
Come gi` a menzionato nel Paragrafo 1.3, lincertezza di misura pu` o essere determinata
in due modi (incertezza di tipo A e incertezza di tipo B). La dierenza fra incertezza di
tipo A e incertezza di tipo B risiede solo nella procedura con cui lincertezza stessa viene
stimata, mentre il signicato da attribuire allincertezza stessa ` e lo stesso nei due casi.
1.5.1 Incertezza di Misura di Tipo A
Lincertezza di tipo A prevede la determinazione dellincertezza in base alla interpreta-
zione, con metodi statistici, di una serie di misure ripetute dello stesso misurando. Per
quanticare le dierenze fra le diverse misure x
k
e, quindi, lincertezza di misura da asso-
ciare alla singola misura x
k
, si ricorre allo scarto quadratico medio s
2
, stima della varianza
Piero Malcovati, Misure Elettriche 49
1. Concetti Generali

2
della distribuzione di probabilit` a di x, dato dalla (1.17), oppure allo scarto tipo s, stima
della deviazione standard della distribuzione di probabilit` a di x, dato dalla (1.18).
Entrambi i parametri citati possono essere usati per indicare lincertezza di misura,
ma, in generale, si preferisce usare lo scarto tipo, in quanto espresso nella stessa unit` a
di misura del misurando. Lo scarto tipo pu` o essere espresso in valore assoluto, in valore
relativo o in valore relativo percentuale. Si parler` a, allora, di scarto tipo assoluto, di scarto
tipo relativo e di scarto tipo percentuale.
Ai ni dei confronti tra i risultati di serie di misure ripetute, delle quali ` e nota la sti-
ma pi ` u attendibile del misurando X
m
, dato dalla (1.4), risulta utile esprimere lincertezza
di misura tramite lo scarto quadratico medio delle medie s
2

, stima della varianza della


distribuzione delle medie, dato dalla (1.20), o lo scarto tipo delle medie s

, stima del-
la deviazione standard della distribuzione delle medie, dato dalla (1.21). Per la stessa
ragione sopra riportata, si preferisce generalmente utilizzare il parametro s

.
Lincertezza di misura, denita tramite il parametro s oppure il parametro s

, prende
il nome di incertezza tipo e si indica con u. Nel caso in cui si consideri una distribuzione
probabilistica normale, lintervallo u copre il 68.3% dei casi.
Nel caso di incertezza di tipo A, quindi, lincertezza tipo u, da associare alla singola
misurazione x
k
, risulta essere lo scarto tipo s, mentre lincertezza tipo u, da associare alla
media aritmetica delle misure (miglior stima del misurando) X
m
, risulta essere lo scarto
tipo delle medie s

, ovvero,
u (x
k
) = s, (1.34)
u (X
m
) = s

=
s

n
, (1.35)
dove n ` e il numero di misure considerato.
1.5.2 Incertezza di Misura di Tipo B
La stima dellincertezza di tipo B deve essere determinata valutando tutte le informazioni
ottenibili, relative alla variabilit` a dei risultati e, quindi, alla loro distribuzione probabi-
listica. Queste informazioni possono includere precedenti dati di misura, speciche dei
costruttori degli strumenti e dati di taratura degli stessi, oltre che dati di incertezza sui
materiali in uso, riscontrabili nella manualistica.
Le modalit` a di determinazione dellincertezza possono, quindi, variare a seconda del-
le circostanze. In ogni caso, per` o, lincertezza di tipo B prevede la conoscenza a priori
della distribuzione probabilistica associata ai risultati della misurazione. Analogamente
a quanto fatto per lincertezza di tipo A, pertanto, per quanticare lincertezza di misu-
ra, si ricorre alla varianza della distribuzione
2
, denita dalla (1.15), o alla deviazione
standard della distribuzione , denita dalla (1.16). Per la stessa ragione discussa prece-
dentemente, per quanticare lincertezza di misura, si preferisce utilizzare la deviazione
standard.
Nel caso di misurazioni ripetute, in cui la miglior stima del misurando ` e data dalla
media aritmetica delle misure X
m
, analogamente a quanto visto per lincertezza di tipo
50 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.5. Incertezza di Misura
A, lincertezza di misura viene quanticata usando il parametro

(deviazione standard
della distribuzione delle medie), dato dalla (1.23).
Anche in questo caso, lincertezza di misura, denita tramite il parametro o il pa-
rametro

, prende il nome di incertezza tipo e si indica con u. Se la distribuzione ` e


normale, lintervallo u, anche in questo caso, ovviamente, copre il 68.3% dei casi. Nel
caso in cui si utilizzi una distribuzione uniforme, la deviazione standard pu` o essere
ricavata facilmente utilizzando la (1.33).
Nel caso di incertezza di tipo B, quindi, lincertezza tipo u, da associare alla singola
misurazione x, risulta essere la deviazione standard della distribuzione , mentre lin-
certezza tipo u, da associare alla media aritmetica delle misure X
m
, nel caso di misure
ripetute, risulta essere la deviazione standard della distribuzione delle medie

, ovvero,
u (x) = , (1.36)
u (X
m
) =

n
, (1.37)
dove n ` e il numero di misure considerato.
1.5.3 Incertezza Composta
In molti casi, le incertezze di misura, ottenute sui singoli componenti di un sistema di mi-
sura complesso, devono essere combinate tra loro, per determinare lincertezza comples-
siva (incertezza composta), che grava sulla misurazione. Se il risultato della misurazione
(y) ` e ottenuto dallelaborazione di risultati di pi ` u misure indipendenti tra loro (x
i
), cio` e
y = f (x
1
, x
2
, , x
i
, , x
n
) , (1.38)
lincertezza che grava sulla stima del misurando nale (incertezza composta) ` e legata alle
incertezze che gravano sulle singole quantit` a x
i
. Lincertezza tipo composta, espressa in
valore assoluto, ` e data da
u (y) =

_
n

i=1
_
f
x
i
_
2
u (x
i
)
2
, (1.39)
dove u (x
i
) sono le incertezze tipo (di tipo Ao di tipo B), che gravano sulle diverse quantit` a
x
i
, di cui ` e funzione il misurando nale.
Nella Tabella 1.5 ` e riportato il risultato che si ottiene dalla (1.39) per alcuni casi parti-
colari, in cui, per semplicit` a, si ` e supposto che il misurando non sia funzione di pi ` u di tre
componenti.
Nella Tabella 1.6 sono, invece, riportate, per alcuni casi particolari, le espressioni
dellincertezza tipo composta relativa,
u (y) =
u (y)
y
, (1.40)
in funzione delle singole incertezze tipo relative u (x
i
).
Per chiarire meglio il procedimento di calcolo dellincertezza composta, si possono
considerare due semplici esempi.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 51
1. Concetti Generali
Funzione Incertezza Composta Assoluta
y = A + B u (y) =
_
u (A)
2
+ u (B)
2
y = A B u (y) =
_
u (A)
2
+ u (B)
2
y = k A u (y) = k u (A)
y = A B u (y) =
_
B
2
u (A)
2
+ A
2
u (B)
2
y =
A
B
u (y) =
_
1
B
2
u (A)
2
+
A
2
B
4
u (B)
2
y = A
n
u (y) = n A
n1
u (A)
y = A + B + C u (y) =
_
u (A)
2
+ u (B)
2
+ u (C)
2
Tabella 1.5: Espressioni dellincertezza tipo composta assoluta
Funzione Incertezza Composta Relativa
y = A + B u (y) =
_
A
2
u (A)
2
+ B
2
u (B)
2
(A + B)
2
y = A B u (y) =
_
A
2
u (A)
2
+ B
2
u (B)
2
(A B)
2
y = k A u (y) = u (A)
y = A B u (y) =
_
u (A)
2
+ u (B)
2
y =
A
B
u (y) =
_
u (A)
2
+ u (B)
2
y = A
n
u (y) = n u (A)
y = A B C u (y) =
_
u (A)
2
+ u (B)
2
+ u (C)
2
Tabella 1.6: Espressioni dellincertezza tipo composta relativa
52 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.5. Incertezza di Misura
Y = A + B
Le grandezze misurate sono A
m
= A u (A) e B
m
= B u (B).
Lincertezza assoluta della somma ` e, quindi,
u (A + B) =
_
_
(A + B)
A
u (A)
_
2
+
_
(A + B)
B
u (B)
_
2
=
_
u (A)
2
+ u (B)
2
. (1.41)
Lincertezza relativa ` e, invece, data da
u (A + B) =
u (A + B)
A + B
=
_
A
2
u (A)
2
+ B
2
u (B)
2
(A + B)
2
. (1.42)
Lincertezza relativa ` e, quindi, pesata dal valore delle due grandezze in gioco e,
nella espressione di u (A + B), ha maggior peso la grandezza di maggiore ampiezza.
Y = A B
Le grandezze misurate sono A
m
= A u (A) e B
m
= B u (B).
Lincertezza assoluta del prodotto risulta
u (A B) =
_
_
(AB)
A
u (A)
_
2
+
_
(AB)
B
u (B)
_
2
=
_
B
2
u (A)
2
+ A
2
u (B)
2
. (1.43)
Lincertezza assoluta ` e, quindi, pesata dal valore delle due grandezze in gioco e,
nella espressione di u (A B), ha maggior peso la grandezza di maggiore ampiezza.
Per lincertezza relativa, invece, si ottiene
u (A B) =
u (A B)
A B
=
_
u (A)
2
+ u (B)
2
. (1.44)
Come curiosit` a, si noti che, utilizzando la (1.39) nel caso in cui y = f (x
1
, x
2
, , x
n
)
sia la media aritmetica di n misure tutte aette da incertezza u (x), ovvero,
y = X
m
=
1
n
n

k=1
x
k
, (1.45)
si ottiene
u (y) = u (X
m
) =
u (x)

n
, (1.46)
ovvero, lo stesso risultato previsto dalla (1.37).
Nel caso in cui si consideri una misurazione complessa del tipo y = f (x
1
, x
2
, , x
n
) e
si voglia utilizzare la distribuzione t di Student, la formula di Welch-Satterhwaite permette
di calcolare il numero di gradi di libert` a eettivi di y

e
=
u (y)
4
_
i
_
_
y
x
i
u (x
i
)
_
4
/
i
_. (1.47)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 53
1. Concetti Generali
Da cui, se y/x
i
= 1,

e
=
u (y)
4
_
i
_
4
/
i
_ . (1.48)
Se il valore di
e
calcolato non ` e intero, deve essere arrotondato allintero inferiore pi` u
prossimo.
1.5.4 Incertezza Estesa
Nel campo delle misure ` e raccomandabile che lincertezza estesa U (y), riportata in un
certicato o in un rapporto, sia ottenuta moltiplicando lincertezza tipo composta u (y) per
un opportuno fattore di copertura k,
U (y) = k u (y) , (1.49)
o in forma relativa,

U (y) = k u (y) , (1.50)


in modo che lincertezza dichiarata denisca un intervallo entro il quale si possa ritene-
re compreso con probabilit` a elevata il valore vero del misurando. Questa probabilit` a
prende il nome di livello di condenza.
Lassociazione dellintervallo U, denito come sopra, con uno specico livello di
condenza, e, quindi, la scelta del valore di k, richiede lassunzione implicita del tipo di
distribuzione statistica delle stime y della grandezza Y. In campo internazionale, ` e stato
deciso di adottare, se non diversamente prescritto, il fattore di copertura k = 2. Se, come
di solito avviene, la distribuzione pu` o essere considerata normale (gaussiana), ci ` o associa
i limiti dellincertezza estesa dati, da U, a un livello di condenza approssimativamente
uguale al 95%.
Nel caso in cui si utilizzi una distribuzione normale, lincertezza estesa U (y), con un
dato livello di condenza p, si determina ricavando dalla Tabella 1.3 il valore di Z che
corrisponde a p = 2A(Z), secondo la relazione
U (y) = k u (y) = Z u (y) . (1.51)
In questo caso, risulta, quindi, un fattore di copertura dato da k = Z.
Lespressione dellincertezza estesa, utilizzando la distribuzione t di Student, si ottiene
dalla (1.28) ed ` e data da
U (y) = k u (y) = t u (y) , (1.52)
dove il valore della variabile t di Student ` e riportato in Tabella 1.4 per vari livelli di pro-
babilit` a e in corrispondenza a =
e
gradi di libert` a, secondo la (1.47), per misurazioni
complesse, o = n 1, nel caso di misurazioni dirette. In questo caso, risulta, quindi, un
fattore di copertura dato da k = t.
54 Piero Malcovati, Misure Elettriche
1.5. Incertezza di Misura
1.5.5 Espressione dei Risultati
Nello scrivere il risultato numerico di una misura, si deve sempre tenere presente il grado
di approssimazione con cui esso ` e stato ottenuto, per non indicare cifre assolutamente
prive di signicato, come spesso si tende a fare, quando il risultato numerico ` e frutto di
elaborazioni e calcoli.
Lincertezza estesa della misura deve essere espressa con due cifre signicative. Per
esempio, U (y) = 0.10 V, oppure U (y) = 3.1 A, oppure U (y) = 10 , oppure U (y) =
110 W. Espressioni come U (y) = 114 W, oppure U (y) = 13.1 , hanno tre cifre
signicative e, quindi, vanno arrotondate a U (y) = 110 W, oppure U (y) = 13 .
Il risultato della misurazione deve poi essere espresso allineando le cifre decimali
del risultato stesso con quelle dellincertezza estesa, arrotondando o aggiungendo ze-
ri, a seconda dei casi. Cos`, per esempio, facendo riferimento ai casi precedentemen-
te riportati, si potr` a avere: V = 102.55 0.10 V, oppure I = 17.3 3.1 A, oppure
R = 10710 , oppure P = 1030110 W. Espressioni come P = 1035110 W, oppure
R = 107.3 10 , risultano avere troppe cifre signicative nel risultato e devono essere
arrotondate a P = 1030 110 W, oppure R = 107 10 .
1.5.6 Riferibilit` a delle Misure
Gli strumenti impiegati per eettuare misurazioni nei diversi campi delle attivit` a tecniche
e tecnologiche odierne sono tarati rispetto alle corrispondenti unit` a di misura (volt, ohm,
secondo, metro, eccetera). Per ridurre al minimo o perlomeno entro valori accettabili,
a seconda dei diversi scopi, i possibili gradi di arbitrariet` a degli apparecchi di misura
che si usano, nei paesi pi ` u industrializzati esistono laboratori, ai quali ` e stato adato il
compito di conservare, mediante campioni, materiali o esperienze rigorosamente denite,
le unit` a di misura legali. Queste unit` a di misura corrispondono a quelle denite dal SI,
entro incertezze che i laboratori nazionali curano di ridurre a valori sempre pi ` u piccoli,
mediante continui lavori di ricerca metrologica.
In Italia, questi compiti sono assegnati allIstituto Nazionale di Ricerca Metrologica
(INRIM). Per fare in modo che tutti gli apparecchi usati in un paese siano tarati in unit` a
di misura legali, o come si dice, riferite alle unit` a legali, occorre che essi siano confrontati
con i campioni delle unit` a legali.
Poich e un confronto singolo diretto comporterebbe, come facilmente immaginabile,
un lavoro enorme, la riferibilit` a alle unit` a legali si attua mediante catene di confronti, di
cui solo il primo anello, eettuabile di tanto in tanto dallo stesso laboratorio nazionale,
` e un confronto diretto. Lorganizzazione di questi confronti e, quindi, la riferibilit` a di
qualsiasi apparecchio di misura alle unit` a legali ` e adata, in Italia, al Servizio Italiano
Taratura (SIT), che consiste in una rete di centri di taratura, dei quali viene accertata, rico-
nosciuta e vericata la capacit` a metrologica in settori di misura ben deniti, ad esempio,
tensioni, correnti, potenze, temperature e cos` via.
Il compito di vericare le capacit` a metrologiche dei centri di taratura ` e adato agli
istituti metrologici nazionali (in Italia, lINRIM). I centri di taratura sono riconosciuti
Piero Malcovati, Misure Elettriche 55
1. Concetti Generali
idonei a emettere certicati garantiti dal SIT a livello nazionale, in cui sono chiaramente
specicate le incertezze di misura del centro, per le varie grandezze, rispetto alle unit` a di
misura legali.
56 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Capitolo 2
Campioni di Laboratorio
2.1 Generalit` a
Il problema della riferibilit` a delle misure, a cui si ` e fatto cenno nel Paragrafo 1.5.6, vie-
ne normalmente arontato attraverso una catena di confronti, diretti o indiretti, a partire
dalle unit` a di misura legali (campioni primari). Per questo scopo, ` e necessario utilizzare
un certo numero di campioni secondari, da vericare periodicamente presso i centri spe-
cializzati e riconosciuti, in modo da mantenere la catena di riferibit` a rispetto alle unit` a di
misura legali. Ai campioni secondari, detti campioni di laboratorio, si fa riferimento per
tutti gli altri strumenti di impiego comune.
Poich e, in pratica, ` e impossibile mantenere un campione di corrente, che ` e la grandez-
za fondamentale elettrica del SI, si ricorre solitamente a campioni di tensione e a campioni
passivi (di resistenza, di capacit` a e di induttanza).
2.2 Campioni di Forza Elettromotrice
Il classico campione di forza elettromotrice ` e la pila Weston, nelle due versioni: satura e
non satura. Il contenitore di una pila di tipo saturo ` e un recipiente di vetro neutro, a forma
di H, con saldati alle due estremit` a inferiori degli elettrodi di platino, come illustrato
in Figura 2.1. Lanodo della pila ` e costituito da mercurio, depolarizzato da uno strato
di solfato mercuroso, mescolato con cristalli nissimi di solfato di cadmio. Il catodo
della pila ` e unamalgama di cadmio. Uno strato di grossi cristalli di solfato di cadmio
ricopre le superci dellamalgama e del solfato mercuroso. Il contenitore ` e poi riempito
di elettrolita (soluzione satura di solfato di cadmio), sino a coprire interamente il braccio
trasversale della H, le cui estremit` a superiori sono poi accuratamente sigillate. La forza
elettromotrice della pila satura ` e di 1.01865 V a 20

C.
La pila di tipo non saturo ` e simile alla precedente, ma lelettrolita ` e una soluzione
di solfato di cadmio non satura a temperatura ambiente (mancano i grossi cristalli di
cadmio). La forza elettromotrice della pila non satura ` e intorno a 1.0193 V a 20

C.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 57
2. Campioni di Laboratorio
Aria
Soluzione Solfato di Cadmio
Cristalli Solfato di Cadmio
Pasta Solfato Mercuroso e
Solfato di Cadmio
Mercurio
Amalgama di Cadmio
Figura 2.1: Pila Weston di tipo saturo
La variazione della concentrazione dellelettrolita con la temperatura rende la for-
za elettromotrice della pila satura leggermente variabile con la temperatura stessa. Nel
campo di temperatura da 0

C a 40

C, la variazione di forza elettromotrice ` e di circa


40 mV/K. La pila non satura ha un coeciente di temperatura molto inferiore, dellor-
dine di 3 mV/K. La resistenza interna di una pila campione ` e intorno a un migliaio di
ohm.
La pila Weston si polarizza quando eroga corrente, compromettendo la stabilit` a del
valore della forza elettromotrice. Essa deve, quindi, essere sempre impiegata in circuiti
di misura che non richiedano corrente superiore a 100 mA per qualche secondo. Le pile
Weston sature presentano, se correttamente impiegate, elevati valori di stabilit` a nel tempo:
i migliori esemplari variano solo di frazioni di microvolt allanno, mentre pile di normale
produzione presentano, in genere, un decremento annuo contenuto in 5 mV.
Le pile non sature hanno stabilit` a inferiore e, mediamente, presentano un decremento
annuo di 30 mV 50 mV, rispetto al valore di forza elettromotrice iniziale. Le pile
campione poste in vendita dalle case costruttrici sono munite di un certicato, che fornisce
il valore della tensione generata a una determinata temperatura e la relativa incertezza,
rispetto al gruppo di pile del laboratorio che ha rilasciato il certicato stesso. In genere, il
valore di incertezza tiene conto anche dellinstabilit` a per un periodo di uno o cinque anni,
valutata per esperienza su numerosi esemplari di pile.
Per le pile di tipo saturo lincertezza ` e di 1 ppm5 ppm, se comprendente linstabilit` a
annua, e sino a 100 ppm, se comprendente linstabilit` a quinquennale. Per quelle di tipo
non saturo essa ` e pari a 50 ppm e 200 ppm per i due casi.
Le pile Weston di tipo non saturo sono pi ` u facilmente trasportabili e maneggevoli, in
quanto munite di setti porosi, che dividono i loro componenti e li mantengono in sito.
Inoltre, come si ` e visto, esse hanno un coeciente di temperatura abbastanza ridotto e,
quindi, non necessitano di essere mantenute in contenitori termostatici.
58 Piero Malcovati, Misure Elettriche
2.3. Sorgenti di Tensione Campione
2.3 Sorgenti di Tensione Campione
Si chiamano sorgenti di tensione campione quei particolari stabilizzatori in corrente conti-
nua, che forniscono ai loro morsetti di uscita, ai capi di una resistenza, una tensione avente
qualit` a paragonabili alla forza elettromotrice di una pila campione: elevata costanza nel
tempo, rispetto alla temperatura e alla sorgente di alimentazione dello stabilizzatore.
Le sorgenti in oggetto sono nate dallesigenza di poter disporre di sorgenti campione
pi ` u robuste delle tradizionali pile Weston. Per tali sorgenti, si sfruttano, di solito, le pro-
priet` a dei diodi Zener. I diodi Zener sono diodi al silicio che, nella zona negativa della
loro caratteristica I = f (V), presentano un valore di tensione V
z
, al di l` a del quale la
corrente inversa aumenta notevolmente per piccoli incrementi di tensione. La caratteri-
stica diviene, infatti, una retta quasi parallela allasse delle ordinate, come illustrato in
Figura 2.2. La resistenza dierenziale del diodo, data da
R
d
=
dV
z
dI
z
, (2.1)
assume valori dellordine di qualche decina di ohm.
I valori di V
z
sono dellordine di qualche volt. Il coeciente di temperatura dei diodi
Zener ha la singolarit` a di annullarsi per un determinato valore di V
z
; nei diodi Zener
particolarmente studiati per le sorgenti campione, il coeciente di temperatura viene reso
prossimo a zero per una certa gamma di valori di V
z
.
Il circuito base di impiego di un diodo Zener, illustrato in Figura 2.3, ` e molto sem-
plice: una tensione continua non stabilizzata V
E
` e applicata al diodo, avente resistenza
dierenziale R
d
, attraverso un resistore R
V
. Ai capi del resistore R
U
, si ottiene la ten-
sione stabilizzata V
U
. Il fattore di stabilizzazione S del circuito, cio` e il rapporto tra una
variazione di V
E
e la conseguente variazione di V
U
, ` e dato dalla relazione
S =
dV
E
V
E
V
U
dV
U
=
V
U
V
E
_
1 +
R
V
R
d
_
, (2.2)
dove S pu` o raggiungere, in pratica, valori intorno a 100.
Per ottenere valori pi` u elevati, ` e necessario porre in cascata pi ` u stadi di stabilizzazione:
con tre stadi si possono raggiungere valori notevoli di S , intorno a 70000. Questo signica
che, per una variazione di V
E
di 10%, la variazione conseguente di V
U
rimane compresa
entro 0.01%.
Valori del fattore di stabilizzazione ancora pi` u elevati, con impiego di un numero
minore di diodi Zener, si possono ottenere con schemi a ponte. La Figura 2.4 rappresenta
una sorgente di tensione campione basata su un ponte a due diodi, preceduto da uno stadio
base. Si pu` o dimostrare che, se per il ponte vale la relazione
R
1
= R
2
= R
d1
= R
d2
, (2.3)
la tensione duscita assume lespressione
V
U
=
V
z1
+ V
z2
2
R
U
R
U
+ R
d1
, (2.4)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 59
2. Campioni di Laboratorio
I
V
V
z
I
z
Figura 2.2: Caratteristica tensione-corrente di un diodo Zener
R
U
R
V
V
E
V
U
Figura 2.3: Circuito base di impiego di un diodo Zener
60 Piero Malcovati, Misure Elettriche
2.4. Campioni di Resistenza
R
2
R
V
V
E
V
U
Z
1
R
1
Z
2
R
U
Figura 2.4: Tensione campione con schema di ponte a due diodi, preceduto da uno
stadio in cascata
la quale mostra come V
U
sia indipendente dalla tensione dingresso e dalle resistenze che
formano il ponte. Il fattore di stabilizzazione di tale schema sarebbe teoricamente innito,
ma, in realt` a, risulta dellordine di 200000.
Il coeciente di temperatura di queste sorgenti di tensione campione ` e molto piccolo,
inferiore a 0.01% K
1
.
2.4 Campioni di Resistenza
Una seconda grandezza elettrica, che si presta facilmente ad essere rappresentata con un
campione sico, ` e la resistenza. I campioni di resistenza devono presentare unelevata
stabilit` a in funzione della temperatura e del tempo. I materiali che si possono impiegare
per ottenere questi requisiti non sono molti.
La manganina ` e la lega pi ` u pregiata, formata da rame (84%), manganese (12%) e
nichel (4%), con questi dati nominali:
resistivit` a: 0.43 mm
2
/m;
coeciente di Seebeck: +1 V/K rispetto al rame tra 0

C e 100

C;
coeciente di dilatazione: 0.000016 K
1
;
punto di fusione: 960

C.
La variazione di resistivit` a della manganina in funzione della temperatura, tra 10

C e
30

C, risulta 10 ppm/K.
Si usano anche altre leghe, meno pregiate, a base di nichel (75%), cromo (20%),
alluminio (2.5%) e rame (2.5%), che hanno diverse denominazioni commerciali. Le
caratteristiche nominali della lega karma, per esempio, sono le seguenti:
resistivit` a: 1.33 mm
2
/m;
coeciente di Seebeck: +0.5 V/K rispetto al rame;
coeciente di dilatazione: 0.000014 K
1
;
punto di fusione: 1400

C.
La variazione di resistivit` a di queste leghe in funzione della temperatura ` e dello stesso
ordine di grandezza di quella della manganina.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 61
2. Campioni di Laboratorio
R
C
R
C
V
R
I
Figura 2.5: Campione di resistenza con quattro terminali
Molto diusa ` e anche la costantana (rame, nichel, manganese), che ha caratteristiche
molto simili alla manganina, ma un coeciente di Seebeck rispetto al rame molto pi ` u
elevata, 40 V/K. Per questo, essa viene usata per resistori di pregio minore e di valore
piuttosto elevato (maggiore di 100 ).
I resistori campione sono costituiti da una certa lunghezza di lo o piattina di man-
ganina, avvolta su un supporto rinchiuso in una custodia metallica. I resistori avvolti con
lo hanno valori da 1 a 100 k, secondo le potenze di 10, mentre resistori di valore
inferiore (generalmente da 0.1 a 0.1 m) sono avvolti con piattina.
I resistori campione hanno quattro morsetti: due per addurre corrente, due per prele-
vare tensione e delimitare, cos`, esattamente il valore di resistenza R, come illustrato in
Figura 2.5. Solo i resistori di valore elevato hanno, talvolta, solo due morsetti, in quanto
la resistenza dei blocchetti terminali (R
C
) pu` o ritenersi trascurabile, rispetto a quella del
resistore (R).
Il supporto per lavvolgimento del lo ` e solitamente un cilindro di ottone, ricoperto
da un sottile strato isolante, in modo da facilitare la dissipazione del calore, prodotto dal
passaggio di corrente nel resistore. Per questa ragione, frequentemente, la custodia del
resistore ` e riempita di olio.
Se un resistore deve essere impiegato per misure in corrente alternata, esso deve pre-
sentare un valore di reattanza (X) trascurabile. Limpedenza di un resistore di questo tipo
viene, solitamente, denita in termini di resistenza R e di costante di tempo , essendo
=
L
R
, (2.5)
dove L rappresenta uninduttanza equivalente residua. Per ottenere valori di molto
piccoli (10
6
s 10
8
s), si impiegano svariati metodi. Il metodo pi` u diuso ` e lavvolgi-
mento bilare, nel quale il lo resistivo, di lunghezza l, viene ripiegato in due, partendo
dal punto l/2, e avvolto, mantenendo vicine o addirittura intrecciate le due met` a, come
illustrato in Figura 2.6. Poich e le due met` a del lo vengono percorse in senso opposto
dalla corrente di misura, i ussi dellinduzione magnetica da questa prodotti tendono ad
annullarsi, ottenendo, in denitiva, un valore di induttanza molto piccolo.
Se lavvolgimento bilare ` e formato con un lo di lunghezza notevole, pu` o non essere
trascurabile la capacit` a tra le due met` a del lo stesso. Con i valori di lunghezza di lo
normalmente usati per i resistori, si ha in genere una prevalenza di induttanza, per valori di
62 Piero Malcovati, Misure Elettriche
2.4. Campioni di Resistenza
Figura 2.6: Campione di resistenza con avvolgimento bilare
Figura 2.7: Campione di resistenza variabile realizzata con una cassetta a spine
resistenza R < 100 , e una prevalenza di capacit` a, per valori di R > 100 . Per ovviare
a questo inconveniente, si usano avvolgimenti formati da pi ` u sezioni di resistenza, poste
in serie o parallelo. Per esempio, per R > 100 , si usano n sezioni di resistenza di valore
R/n poste in serie: in questo caso, linduttanza totale rimane pressoch e uguale, ma viene
notevolmente diminuita la capacit` a dellavvolgimento.
Altri metodi di avvolgimento sono quelli di Chaperon, di Curtis e Grover e di Ayrton
e Perry.
Quando ` e necessario disporre di campioni di resistenza variabile, si ricorre alle cas-
sette di resistori, generalmente di legno e con coperchio di materiale isolante, dal quale
sporgono i comandi per la variazione del valore totale di resistenza del circuito.
Un tipo comune di resistenza campione variabile ` e la cassetta a spine, nella quale ogni
resistore singolo ha i capi collegati a due blocchetti di ottone disposti sopra al coperchio.
Inserendo delle spine fra blocchetti adiacenti, si eettuano i collegamenti, includendo o
cortocircuitando i resistori, a seconda della disposizione, come illustrato in Figura 2.7.
Una cassetta con 16 resistori di valore rispettivamente 1 , 2 , 2 , 5 , 10 , 20 ,
20 , 50 , 100 , 200 , 200 , 500 , 1000 , 2000 , 2000 e 5000 , disposti in
serie, permette di realizzare qualsiasi valore intero di resistenza da 1 a 11110 .
Piero Malcovati, Misure Elettriche 63
2. Campioni di Laboratorio
I
m
Re
V
I

Figura 2.8: Diagramma vettoriale di un condensatore reale


2.5 Campioni di Capacit` a
Un condensatore reale presenta, inevitabilmente, dierenze di comportamento agli eetti
esterni, rispetto al condensatore ideale, caratterizzato da I = CV, schematizzabili sotto
forma di potenza attiva dissipata. La dissipazione di potenza attiva avviene tipicamente:
per conduzione, in quanto il dielettrico non ` e perfetto e la resistivit` a non ` e innita;
per isteresi dielettrica nei materiali polari, poich e la polarizzazione delle molecole
avviene a spese di una certa energia;
per eetto Joule nei collegamenti e nelle armature;
per ossidazione delle armature;
per eetti di bordo;
per scariche parziali, legate alla eterogeneit` a del materiale.
Dal diagramma vettoriale mostrato in Figura 2.8, emerge che lo scostamento dalle condi-
zioni di funzionamento ideali pu` o essere espresso dal valore della tangente dellangolo di
perdita, chiamato fattore di perdita, denito da
tan () =
P
Q
, (2.6)
dove P e Q esprimono la potenza attiva e reattiva, assorbite da un condensatore reale.
`
E evidente che, quanto pi` u ci si approssima alle condizioni ideali, tanto pi` u piccola ` e
P, cos` come tan (). I circuiti equivalenti di un condensatore reale, riportati in Figura 2.9,
permettono di scrivere, nel caso serie,
tan () = C
s
R, (2.7)
e, nel caso parallelo,
tan () =
G
C
p
. (2.8)
64 Piero Malcovati, Misure Elettriche
2.5. Campioni di Capacit` a
G C
p
Circuito Equivalente
Parallelo
R
C
s
Circuito Equivalente
Serie
Figura 2.9: Circuiti equivalenti di un condensatore reale
I parametri nei due schemi, ovviamente, non sono gli stessi. Per il circuito equivalente
parallelo, si pu` o scrivere
Y = G + jC
p
, (2.9)
mentre, per il circuito equivalente serie, si ottiene
Z =
1
Y
=
1
G + jC
p
=
G
G
2
+
2
C
2
p
j
C
p
G
2
+
2
C
2
p
= R j
1
C
s
. (2.10)
Ai morsetti esterni del condensatore, i due schemi devono essere perfettamente equiva-
lenti. Tenuto conto della natura dei fenomeni, si preferisce, solitamente, fare riferimento
allequivalente parallelo. Se si considera che langolo di perdita ` e sempre molto piccolo,
si pu` o, peraltro, rilevare che la capacit` a equivalente serie ` e praticamente uguale alla capa-
cit` a equivalente parallelo. Infatti, essendo G < C
p
, il termine immaginario della (2.9)
coincide con linverso del termine immaginario della (2.10), ovvero, C
p
C
s
= C.
Gran parte delle cause di dissipazione ` e da attribuirsi al materiale dielettrico, per cui, i
minimi valori dellangolo di perdita (dellordine di 10
5
) si ottengono con isolanti gassosi,
notoriamente poco dissipativi. In tal modo, si realizzano capacit` a no a 0.001 F, per
tensioni no a 10 kV, con coecienti di temperatura dellordine di 2 10
12
K
1
.
I condensatori campione sono costituiti da due serie di armature metalliche, fra le quali
` e interposto un isolante. Nella forma pi` u comune, si tratta di fogli alternati, sovrapposti
nel seguente ordine (chiamando A e B i due morsetti terminali): armatura A isolante
armatura B isolante armatura A isolante armatura B, eccetera, come illustrato in
Figura 2.10.
Per capacit` a maggiori, si deve ricorrere ai dielettrici solidi: essi hanno rigidit` a dielet-
trica notevolmente pi ` u elevata, a scapito sia del coeciente di temperatura, sia dellangolo
di perdita, il cui valore sale no a 10
4
.
Gruppi di condensatori, cos` costruiti, vengono riuniti in cassette a spine, che permet-
tono il loro inserimento in parallelo per aumentare la capacit` a complessiva. Condensatori
Piero Malcovati, Misure Elettriche 65
2. Campioni di Laboratorio
A B
Figura 2.10: Campione di capacit` a
Figura 2.11: Campione di capacit` a variabile
in aria sono di uso molto comune, quando si richiede la variazione continua della ca-
pacit` a. In tal caso, si ha una serie di armature sse, fra le quali sono interposte quelle
mobili, meccanicamente collegate fra di loro e allalbero di comando, come illustrato in
Figura 2.11. Durante la rotazione, varia la supercie aacciata fra le armature e cambia,
quindi, la capacit` a. La legge di variazione dipende dal prolo assegnato alle armature.
Quando si debbono eseguire misure in alta tensione, si usano dei condensatori cam-
pione in gas compresso (Figura 2.12), che possono sopportare tensioni anche di diverse
centinaia di kilovolt. Luso del gas compresso come dielettrico ore i vantaggi di una
pi ` u elevata rigidit` a dielettrica, di minime perdite e di stabilit` a nel tempo. I gas pi ` u fre-
quentemente usati sono lazoto e lanidride carbonica, compressi a 1 MPa 1.5 MPa.
Le armature di un condensatore presentano, sempre, capacit` a parassite rispetto ad ogni
conduttore circostante. Per limitarne gli eetti e per avere capacit` a costante con la ten-
sione, si muniscono i condensatori di elettrodi (anelli) di guardia. Una delle disposizioni
preferite ` e schematizzata in Figura 2.13. Il morsetto 3 permette laccesso allelettrodo
di guardia, che minimizza leetto di bordo. Anch e lanello di guardia sia ecace, ` e
necessario che il suo potenziale sia prossimo a quello dellelettrodo. Pertanto, il morsetto
di alta tensione sar` a, indubbiamente, il morsetto l, mentre il morsetto 2 ed il morsetto 3
andranno mantenuti a potenziali prossimi a quello di terra.
2.6 Campioni di Induttanza e Mutua Induttanza
Gli induttori campione sono costituiti da lo avvolto su un supporto di materiale isolante,
per evitare il formarsi di correnti di Foucault. La bobina viene racchiusa in una scato-
66 Piero Malcovati, Misure Elettriche
2.6. Campioni di Induttanza e Mutua Induttanza
Figura 2.12: Campione di capacit` a per alta tensione
1
2 3
Figura 2.13: Campione di capacit` a a gas compresso con elettrodi (anelli) di guardia
Piero Malcovati, Misure Elettriche 67
2. Campioni di Laboratorio
Figura 2.14: Campione di induttanza
Figura 2.15: Campione di mutua induttanza
la, pure isolante, dalla quale sporgono i terminali dellavvolgimento, come illustrato in
Figura 2.14. Nellimpiego di questi campioni, bisogna tenere presente che, per quanto i
conduttori siano abbondantemente dimensionati, la resistenza ohmica non ` e mai nulla ed
il suo valore deve essere considerato nella valutazione dei parametri del circuito.
In modo analogo, sono realizzati i campioni di mutua induttanza, costituiti da due
avvolgimenti concentrici, terminanti su quattro morsetti. Un mutuo induttore, costituito
da due avvolgimenti concatenati strettamente fra di loro per minimizzare i ussi dispersi,
presenta quattro morsetti, due per ciascun avvolgimento, come mostrato in Figura 2.15,
fra i quali si determina la ben nota relazione
E
1
= jMI
2
e E
2
= jMI
1
, (2.11)
dove E
1
e I
1
sono, rispettivamente, la forza elettromotrice e la corrente del primo avvol-
gimento, E
2
e I
2
sono, rispettivamente, la forza elettromotrice e la corrente del secondo
avvolgimento e M ` e il coeciente di mutua induzione, proporzionale al prodotto del
numero di spire dei due avvolgimenti.
Qualora si connettano fra loro un morsetto del primo avvolgimento e uno del secondo
avvolgimento, linduttanza totale della serie cos` costruita sar` a
L = L
1
+ L
2
2M. (2.12)
Lalternanza del segno dipende dal verso di circolazione della corrente in un avvolgimento
rispetto allaltro. Cos`, il medesimo dispositivo pu` o essere impiegato sia come induttore,
sia come mutuo induttore.
68 Piero Malcovati, Misure Elettriche
2.7. Campioni di Intervallo di Tempo
Figura 2.16: Campione di mutua induttanza variabile
Qualora si vogliano realizzare induttanze o mutue induttanze variabili, ` e necessario
permettere la rotazione reciproca degli assi delle bobine, come mostrato in Figura 2.16.
Il valore massimo dellinduttanza (o della mutua induttanza) si ha per = 0

, mentre il
massimo negativo di M si ha per = 180

. La precisione, ottenibile con simili dispositivi,


` e abbastanza limitata, considerando la notevole entit` a dei ussi dispersi.
2.7 Campioni di Intervallo di Tempo
Costruire un campione di intervallo di tempo signica poter disporre di una sorgente di
segnali, preferibilmente elettrici, aventi periodo predeterminabile, stabile nel tempo e con
la temperatura di impiego, di piccolo ingombro ed elevata adabilit` a.
I primi campioni di intervallo di tempo, basati essenzialmente sul moto degli astri,
furono utilizzati gi` a in epoca preistorica. Nel 1875 fu adottato, come riferimento interna-
zionale, il secondo di giorno solare medio, determinato in base ad osservazioni astro-
nomiche ed, in particolare, alla rotazione della Terra su s e stessa. Gli orologi (perlopi ` u
meccanici) venivano utilizzati solo per conservare, tra una osservazione e la successiva,
lunit` a di intervallo di tempo.
I generatori di oscillazioni, che sono alla base di tutti i campioni di intervallo tem-
po, sono ancora oggi di natura prevalentemente meccanica, salvo il ricorso a fenomeni
atomici, in tecnologie particolarmente ranate e costose, che sono utilizzati per la rea-
lizzazione dei campioni primari.
`
E ben noto che latomo di una qualsiasi sostanza pu` o
assumere un certo numero di stati eccitati ben determinati, caratteristici dellelemento al
quale esso appartiene. Passando da un livello di energia ad un altro, corrispondenti a
ciascuno di questi stati, latomo cede energia quando passa ad un livello inferiore e, al
contrario, ne assorbe quando passa al livello superiore. Questo cambiamento di livello o
transizione d` a luogo allemissione o allassorbimento di una radiazione elettromagnetica,
la cui frequenza ` e direttamente proporzionale alla quantit` a di energia ed ` e determinabile
con grande precisione. Tecnicamente, si sono rivelati molto adatti a essere utilizzati come
oscillatori gli atomi di idrogeno, rubidio e cesio.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 69
2. Campioni di Laboratorio
Fornetto di Generazione
di Atomi Equamente
Distribuiti
Uscita Atomi
Scartati
Cavit Risonante
Rivelatore
Atomi di Cesio nel Livello
Energetico Inferiore
Atomi di Cesio nel Livello
Energetico Superiore
(b)
S
N S
N
(d)
(e)
(f)
(a)
(c)
Circuito di
Controllo
Ioni di Cesio
Magnete di
Selezione
Oscillatore
a Microonde
Uscita Atomi
Scartati
VCXO
Uscita a 5 MHz
Figura 2.17: Schema semplicato di un oscillatore a fascio di cesio
Il segnale di riferimento del secondo, derivato da questi oscillatori, ` e caratterizzato da
una accuratezza che, nei migliori campioni al cesio, ` e almeno diecimila volte migliore di
quella raggiungibile con le osservazioni astronomiche. Proprio su una transizione naturale
del cesio ` e basata lattuale denizione dellunit` a di intervallo di tempo, il secondo. Tale
denizione, adottata in tutto il mondo n dal 1967, a seguito delle decisioni prese dalla 13
a
Conferenza Generale dei Pesi e delle Misure, ` e cos` formulata: il secondo ` e lintervallo di
tempo che contiene 9192631770 periodi della radiazione corrispondente alla transizione
tra i due livelli iperni dello stato fondamentale dellatomo di cesio 133.
In Figura 2.17 viene illustrato lo schema semplicato di un oscillatore a fascio di
cesio. Il fornetto (a), riscaldato a circa 90

C, emette un fascio di atomi di cesio, unifor-


memente distribuiti nei sedici livelli energetici. Il selettore magnetico (b) attua la prima
selezione, garantendo limmissione nella cavit` a risonante del livello energetico inferiore
(F = 3, m
F
= 0). Nellinterno della cavit` a risonante (c), grazie allinterazione con il
segnale a microonde, avviene la transizione al livello superiore (F = 4, m
F
= 0), che
in uscita viene indirizzata sul rivelatore dal selettore magnetico (d). La rivelazione del
livello energetico superiore ` e adata ad un lo incandescente (e), in grado di produrre un
segnale elettrico, proporzionale alla quantit` a di atomi incidenti. Un circuito di controllo
provveder` a, in funzione del segnale rivelato, a generare un segnale di errore, utilizzato per
controllare losillatore comandato in tensione ( f ), che a sua volta costituisce la sorgente
delloscillatore a microonde.
70 Piero Malcovati, Misure Elettriche
2.7. Campioni di Intervallo di Tempo
(a) (b)
C
p
L R
C
Figura 2.18: Schema costruttivo e circuito equivalente di un risuonatore al quarzo
La maggior parte dei campioni di intervallo di tempo da laboratorio sono realizzati
tramite risuonatori al quarzo. Il funzionamento dei risuonatori al quarzo si basa sulleet-
to piezoelettrico, che determina un legame, biunivoco e denito, fra deformazione e forza
elettromotrice, applicate e generate alle facce di cristalli di particolare natura, fra i quali
il quarzo ` e lesponente tipico e di minor costo.
Lo schema costruttivo generale di un risuonatore al quarzo ` e riportato in Figura 2.18a,
ove una lamina di materiale piezoelettrico, tagliata da una massa cristallina, secondo piani
paralleli opportunamente orientali rispetto agli assi cristallograci, ` e interposta fra due
elettrodi, alimentati elettricamente alla frequenza di risonanza meccanica della lamina
stessa.
`
E evidente che le condizioni di risonanza (frequenza elettrica di eccitazione uguale alla
frequenza meccanica di vibrazione) vanno mantenute e rese stabili nel tempo. Le frequen-
ze di risonanza serie ( f
s
) e parallelo ( f
p
) di un cristallo di quarzo si possono determinare
usando il circuito equivalente di Figura 2.18b e risultano
f
s
=
1
2

LC
, (2.13)
f
p
=
_
1 +
C
C
p
2
_
LC
p
. (2.14)
Lo schema di principio di un oscillatore al quarzo ` e mostrato in Figura 2.19. As-
sunto il circuito equivalente del risuonatore Q, riportato in Figura 2.18b, e ricordando
che limpedenza equivalente di un circuito risonante ` e minima in condizioni di risonanza
(

Z
eq

= R), loscillatore al quarzo si pu` o considerare in funzionamento stabile solo in una


delle condizioni di risonanza di Q.
La stabilit` a in frequenza ottenuta ` e di 10
8
Hz; il campo coperto va da 5 kHz a
100 MHz circa, con limitazioni dovute alleccessivo aumento delle dimensioni verso il
basso, ed alla fragilit` a delle piastrine verso lalto.
Una caratteristica peculiare dei campioni di intervallo di tempo, che li dierenzia
da tutti gli altri campioni, ` e la possibilit` a di essere trasmessi a distanza, permettendo
Piero Malcovati, Misure Elettriche 71
2. Campioni di Laboratorio
R
Q
V
U
Figura 2.19: Schema di principio di un oscillatore al quarzo
quindi di eettuare confronti tra diversi campioni, senza la necessit` a di portarli sica-
mente nello stesso luogo. La trasmissione avviene tramite radiazioni elettromagnetiche,
la cui frequenza ` e agganciata a un campione di tempo primario. Per esempio, con lo
standard Deutschland Long-Wave Signal Frankfurt 77 (DCF77), utilizzato dalla maggior
parte degli orologi radio-controllati in Europa, la trasmissione avviene a 77.5 kHz.
72 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Capitolo 3
Catene di Misura
3.1 Generalit` a
Nel corso di una misurazione, il segnale che rappresenta la grandezza da misurare viene
trattato in modo da poter esprimere la misura con uno o pi ` u valori numerici o di fornirne
una appropriata rappresentazione. Il complesso degli elementi interposti, per ottenere
detta rappresentazione, costituisce una catena di misura, come illustrato in Figura 3.1. La
catena di misura pi` u semplice ` e costituita da un solo strumento, ma ` e assai frequente il
ricorso a catene pi ` u complesse. In termini pi ` u generali, si pu` o anche pensare che il singolo
strumento sia, dal punto di vista funzionale, assimilabile ad una catena di misura.
Il tipo di trattamento del segnale pu` o variare in relazione alla natura e allampiezza
della grandezza in esame, nonch e al tipo di misura che si desidera condurre.
`
E, comunque,
importante conseguire lunivocit` a della relazione tra la rappresentazione in uscita della
grandezza e il segnale che la rappresenta in ingresso.
Il caso pi ` u semplice di elaborazione del segnale ` e quello per il quale i due segnali in
ingresso e in uscita della catena sono della stessa natura e sono tra loro legati da un fattore
di conversione (y = k x). Sono, tuttavia, assai frequenti anche casi in cui si ha a che
fare con funzioni pi` u complesse, ad esempio relazioni di fase tra grandezze sinusoidali,
oppure in cui le grandezze in ingresso e uscita sono di diversa natura.
M e(t) u(t)
Figura 3.1: Schema generale di una catena di misura
Piero Malcovati, Misure Elettriche 73
3. Catene di Misura

j
c
Ascissa di
Convergenza
Figura 3.2: Ascissa di convergenza per la trasformata di Laplace
3.2 Richiami sulla Trasformata di Laplace
Data una funzione f (t), denita nel dominio del tempo per t > 0 e identicamente nulla
per t < 0, si denisce Trasformata di Laplace della f (t) una funzione F (s), denita nel
dominio della variabile complessa s = + j,
F (s) =
_

0
f (t) e
st
dt = L
_
f (t)
_
. (3.1)
Poich e la funzione F (s) si ottiene con un integrale esteso ad un intervallo innito, essa
pu` o convergere o non convergere.
Data una trasformata di Laplace F (s), i valori di s che rendono innito il modulo
di F (s) si dicono poli, mentre i valori di s che annullano F (s) si dicono zeri. Si pu` o
dimostrare che, se lintegrale che denisce F (s) converge per s
0
= + j, esso converge
anche per ogni valore di s la cui parte reale ` e maggiore di . Lestremo inferiore dei
valori di per cui lintegrale converge si dice ascissa di convergenza c, come illustrato in
Figura 3.2.
Con la trasformata di Laplace si ` e stabilita una corrispondenza univoca tra funzioni
reali di variabili reali trasformabili e funzioni complesse di variabile complessa.
`
E anche
possibile applicare il procedimento inverso e, cio` e, calcolare f (t), quando ` e nota F (s)
(antitrasformata di Laplace). Si ha allora
f (t) =
1
2j
_
+j
j
F (s) e
st
ds = L
1
[F (s)] , (3.2)
74 Piero Malcovati, Misure Elettriche
3.2. Richiami sulla Trasformata di Laplace
dove lintegrazione ` e eettuata lungo una retta parallela allasse immaginario di ascissa
( > 0). La corrispondenza tra f (t) e F (s) ` e biunivoca.
La funzione F (s) pu` o sempre essere ricondotta a una funzione razionale, del tipo
F (s) =
a
0
+ a
1
s + a
2
s
2
+ + a
m
s
m
b
0
+ b
1
s + b
2
s
2
+ + b
n
s
n
. (3.3)
Nel caso in cui il grado m del polinomio al numeratore fosse maggiore del grado n del
polinomio al denominatore, si pu` o eettuare il quoziente tra i due polinomi, ottenendo
una funzione
F (s) = A(s) + B(s) , (3.4)
nella quale B(s) ` e del tipo descritto dalla (3.3), mentre A(s) ` e un polinomio, che ha come
antitrasformata la funzione di Dirac (o sue derivate).
Dato che luso diretto dellintegrale di trasformazione (3.1) e di antitrasformazio-
ne (3.2) ` e complicato, si ricorre ad apposite tabelle, che riportano le coppie funzione-
trasformata di uso pi ` u comune. Prima di ricorrere a dette tabelle, pu` o essere conveniente
scomporre la funzione razionale in s in una serie di termini semplici, usando lo sviluppo
di Heavyside.
3.2.1 Propriet` a della Trasformata di Laplace
La trasformata di Laplace gode delle seguenti propriet` a:
Linearit` a:
L
_
k
1
f
1
(t) + k
2
f
2
(t)
_
= k
1
L
_
f
1
(t)
_
+ k
2
L
_
f
2
(t)
_
. (3.5)
Traslazione nel dominio del tempo: se F (s) = L
_
f (t)
_
, allora
L
_
f (t )
_
= e
s
F (s) . (3.6)
Traslazione nel dominio di Laplace: se F (s) = L
_
f (t)
_
, allora
L
_
e
at
f (t)
_
= F (s a) . (3.7)
Derivazione nel dominio di Laplace: se F (s) = L
_
f (t)
_
, allora
L
_
t f (t)
_
=
dF (s)
ds
. (3.8)
Derivazione nel dominio del tempo: se F (s) = L
_
f (t)
_
, allora
L
_
d f (t)
dt
_
= sF (s) f (0) . (3.9)
Se la funzione f (t) ` e discontinua per t = 0, ad f (0) occorre sostituire
f
_
0
+
_
= lim
t0
+
f (t) . (3.10)
La formula di derivazione ` e iterabile e pu` o, quindi, essere utile per il calcolo della
trasformata di una qualunque derivata della funzione f (t), nota la sua trasformata
F (s).
Piero Malcovati, Misure Elettriche 75
3. Catene di Misura
Funzione Trasformata di Laplace
Impulso: (t) 1
Scalino: sca (t)
1
s
Rampa: ram(t) = tsca (t)
1
s
2
Parabola: par (t) = t
2
sca (t)
1
s
3
Esponenziale: e
at
sca (t)
1
s + a
Seno: sin (t) sca (t)

s
2
+
2
Coseno: cos (t) sca (t)
s
s
2
+
2
Tabella 3.1: Trasformate di Laplace per alcune funzioni di comune impiego
Teorema del valore iniziale: se F (s) = L
_
f (t)
_
, allora
f
_
0
+
_
= lim
s
sF (s) . (3.11)
Teorema del valore nale: se F (s) = L
_
f (t)
_
e F (s) ha poli solo a parte reale
negativa e nellorigine (ma non su altri punti dellasse immaginario o nel semipiano
a parte reale positiva), allora
lim
t
f (t) = lim
s0
sF (s) . (3.12)
Nella Tabella 3.1 sono riportate le trasformate, per alcune delle funzioni duso pi ` u fre-
quente.
3.2.2 Risoluzione di Equazioni Dierenziali
Mediante la trasformata di Laplace, ` e possibile ridurre la risoluzione di equazioni dieren-
ziali lineari ed a coecienti costanti alla risoluzione di equazioni algebriche, utilizzando
il seguente procedimento:
mediante la trasformata di Laplace, il sistema di equazioni da risolvere viene tra-
sferito dal dominio del tempo al dominio di Laplace, ottenendo, in virt ` u della (3.9),
un sistema di equazioni algebriche equivalente, in cui lincognita ` e la trasformata
di Laplace dellincognita di partenza;
si risolve il problema equivalente nel dominio di Laplace, determinando la trasfor-
mata dellincognita del problema originale;
si ritorna nel dominio del tempo, mediante lantitrasformata di Laplace.
76 Piero Malcovati, Misure Elettriche
3.3. Funzione di Trasferimento
Problema
Metodi Risolutivi di
Equazioni Differenziali
Soluzione del
Problema
Trsasformazione Antitrasformazione
Problema
Equivalente
Metodi Risolutivi di
Equazioni Algebriche
Soluzione del
Problema
Equivalente
Dominio di Laplaceo
Dominio del Tempo
Figura 3.3: Risoluzione di equazioni dierenziali nel dominio del tempo o nel dominio di
Laplace
Il problema potrebbe essere risolto anche direttamente restando nel dominio del tempo.
Si pongono, cos`, le due alternative, illustrate in Figura 3.3. Il procedimento che passa
attraverso il dominio di Laplace ` e utilizzato nei casi in cui la trasformata del segnale di
ingresso ` e una funzione razionale.
3.3 Funzione di Trasferimento
Dato un sistema lineare, con un ingresso ed una uscita, si dice funzione di trasferimento
G(s) il rapporto tra la trasformata di Laplace del segnale di uscita U (s) e la trasformata
di Laplace del segnale di ingresso E (s), quando il sistema ha condizioni iniziali nulle,
G(s) =
U (s)
E (s)
. (3.13)
La funzione G(s) ha il signicato sico di trasformata di Laplace della risposta del
sistema ad un segnale di ingresso di tipo impulsivo ( di Dirac), la cui trasformata ` e uguale
Piero Malcovati, Misure Elettriche 77
3. Catene di Misura
Tempo
A
m
p
i
e
z
z
a

1/
Figura 3.4: Rappresentazione della funzione di Dirac
a 1. Si ricorda che la funzione di Dirac ` e rappresentabile con un rettangolo (t) di durata
e altezza 1/ e, quindi, di area 1. Se si fa tendere a 0, mantenendo larea uguale a 1,
lordinata 1/ tende a innito, come illustrato in Figura 3.4.
Si osserva che la risposta di un sistema ad una funzione impulsiva pu` o essere ottenuta,
sia pure con dicolt` a, anche per via sperimentale.
`
E, per` o, in generale, pi` u semplice pro-
durre leccitazione al gradino unitario (fronte innitamente ripido e poi valore costante
unitario), che altro non ` e che lintegrale dellimpulso di Dirac. La trasformata di Laplace
della risposta al gradino, moltiplicata per il fattore s, d` a ancora la funzione di trasferimen-
to G(s). Si ricordi che la funzione di trasferimento ` e una caratteristica del sistema ed ` e
indipendente dal segnale di ingresso.
In un circuito elettrico si hanno, tipicamente, pi` u funzioni di trasferimento a seconda
del punto in cui si applica la forzante E (s) e del punto in cui si rileva il segnale di uscita
U (s). Per rendersene conto, basta osservare il circuito di Figura 3.5, nel quale senza
cambiare la posizione della forzante, si assume una volta come uscita U
1
(s) e la seconda
U
2
(s).
In generale, i sistemi reali pi ` u signicativi presentano funzioni di trasferimento di due
tipi:
sistemi del primo ordine, in cui
G(s) =

1 + s
; (3.14)
sistemi del secondo ordine, in cui
G(s) =

1 +
2

0
s +
1

2
0
s
2
. (3.15)
78 Piero Malcovati, Misure Elettriche
3.3. Funzione di Trasferimento
e(t)
u
1
(t)
u
2
(t)
R
C
Figura 3.5: Esempio di funzioni di trasferimento in un circuito elettrico
e(t) u(t)
R
C
Figura 3.6: Esempio di sistema del primo ordine: circuito RC
In entrambi i casi la G(s) ` e caratterizzata da G(0) = , cio` e il sistema trasferisce, senza
alterazioni, un segnale di ingresso costante nel tempo, moltiplicandolo per il guadagno
. Poich e ` e costante, lanalisi delle due funzioni pu` o essere fatta utilizzando la forma
ridotta, ponendo = 1.
3.3.1 Sistemi del Primo Ordine
Si analizza ora la funzione di trasferimento G(s) per i sistemi del primo ordine che, dal
punto di vista elettrico, possono essere rappresentati con un circuito, in cui ci sono resi-
stenze R e induttanze L, ma non capacit` a C, oppure resistenze R e capacit` a C, ma non
induttanze L. Il parametro ` e detto costante di tempo e denisce completamente il si-
stema. Ad esempio, per il circuito di Figura 3.6, la costante di tempo ` e = RC (in
secondi).
Si esamina ora il caso in cui il seganle di ingresso e (t) ` e un gradino unitario, cio` e,
e (t) = 0 per t < 0 e e (t) = 1 per t > 0. Trasformando nel dominio di Laplace, si ottiene
E (s) =
1
s
, (3.16)
per cui si ha
U (s) = E (s) G(s) =
1
1 + s
1
s
. (3.17)
Per determinare il segnale di uscita nel dominio del tempo u (t), bisogna antitrasformare
la U (s). Conviene applicare il teorema di Heavyside, che consente di suddividere la
funzione in pi ` u termini di tipo pi ` u semplice,
U (s) =
1
1 + s
1
s
=
1
s

1/
1 + s
=
1
s

1
1/ + s
. (3.18)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 79
3. Catene di Misura

0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
1.2
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
1.2
A
m
p
i
e
z
z
a
Tempo
Figura 3.7: Risposta al gradino unitario di un sistema del primo ordine
Si pu` o ora facilmente antitrasformare, ottenendo
u (t) = L
1
[U (s)] = 1 e
t/
. (3.19)
In Figura 3.7 ` e riportata in graco questa funzione, confrontata con il gradino unitario.
Si noti il signicato geometrico di , che ` e la sottotangente, riferita allordinata e (t) = 1,
della funzione u (t). Essa rappresenta:
il tempo dopo il quale u (t) = 0.632 = e
1
;
larea compresa tra le due curve (tempo di risposta).
Se si considera, invece, la funzione a rampa e (t) = k t, la risposta ` e ancora una
rampa, con ritardo costante rispetto alla rampa applicata, dopo un tempo abbastanza
grande rispetto a , come illustrato in Figura 3.8.
3.3.2 Sistemi del Secondo Ordine
Si passa ora ad esaminare la funzione di trasferimento ridotta ( = 1) per sistemi del
secondo ordine,
G(s) =
1
1 +
2

0
s +
1

2
0
s
2
, (3.20)
nella quale rappresenta il fattore adimensionale di smorzamento, mentre
0
rappresenta
la pulsazione caratteristica del sistema.
80 Piero Malcovati, Misure Elettriche
3.4. Metodo Simbolico per la Trasformata di Laplace
A
m
p
i
e
z
z
a
Tempo

Figura 3.8: Risposta alla rampa di un sistema del primo ordine


Si consideri ora il comportamento dinamico, applicando un gradino unitario. A se-
conda se > 1, = 1 o < 1, la risposta sar` a aperiodica, critica o oscillatoria, come
mostrato in Figura 3.9. Lampiezza massima della sovraelongazione ` e data da
U
M
= 1 + e

1
2
, (3.21)
che ` e pure una funzione di , come evidenziato in Figura 3.10.
Per i sistemi del secondo ordine, ha ancora signicato il tempo di risposta (
r
), come
` e stato denito per i sistemi del primo ordine. Nel caso di risposta oscillatoria, il tempo
di risposta si calcola sommando algebricamente le aree (
r
=
1

2
+
3

4
), come
indicato in Figura 3.11.
3.4 Metodo Simbolico per la Trasformata di Laplace
Il metodo simbolico permette di passare immediatamente dalla funzione e (t) alla funzione
E (s), tenendo presente i teoremi di derivazione e integrazione della trasformata di Lapla-
ce. In un circuito elettrico, i componenti R, C e L possono essere sostituiti con impedenze
simboliche equivalenti:
Resistenze R, Capacit` a
1
sC
, Induttanze sL. (3.22)
Si veda in proposito la Tabella 3.2.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 81
3. Catene di Misura
A
m
p
i
e
z
z
a
Tempo
= 2
= 1
< 1
E(t)
Figura 3.9: Risposta al gradino unitario di un sistema del secondo ordine
0
0.4
0.8
1.2
1.6
2
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
A
m
p
i
e
z
z
a

Figura 3.10: Massima sovraelongazione nella risposta al gradino unitario in un sistema


del secondo ordine in funzione del parametro
82 Piero Malcovati, Misure Elettriche
3.4. Metodo Simbolico per la Trasformata di Laplace
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
1.2
1.4
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
1.2
1.4
A
m
p
i
e
z
z
a
Tempo

4
Figura 3.11: Calcolo del tempo di risposta in un sistema del secondo ordine
Componente
Dominio
Tempo Frequenza
Resistenza
v (t)
i (t)
= R
V (s)
I (s)
= R
Capacit` a i (t) = C
dv (t)
dt
V (s)
I (s)
=
1
sC
Induttanza v (t) = L
di (t)
dt
V (s)
I (s)
= sL
Tabella 3.2: Impedenze simboliche equivalenti di resistenze, induttanze e capacit` a
Piero Malcovati, Misure Elettriche 83
3. Catene di Misura
3.5 Trasformata di Laplace in Regime Sinusoidale
In un sistema lineare a parametri concentrati, la risposta a una eccitazione sinusoidale ` e
ancora una sinusoide, con la stessa frequenza, ma con ampiezza e fase diverse, come ` e
ben noto dallo studio dei circuiti in corrente alternata.
Si pu` o dimostrare che, in generale, lampiezza della sinusoide in uscita si ottiene
moltiplicando il segnale in ingresso per il modulo della funzione di trasferimento, cal-
colato ponendo s = j, dove = 2f ` e uguale alla pulsazione della sinusoide di in-
gresso ( f ` e la frequenza della sinusoide di ingresso), mentre lo sfasamento ` e determinato
dallargomento di G( j).
Dal punto di vista sperimentale, ` e molto pi` u comodo determinare la risposta in regime
sinusoidale che allimpulso di Dirac o al gradino unitario, in quanto esistono generatori
di funzioni sinusoidali a frequenza variabile molto semplici. Nel caso in cui tutti gli
zeri e tutti i poli della funzione di trasferimento si trovino nel semipiano negativo del
piano complesso, lampiezza e la fase della risposta in frequenza e, perci` o, il modulo e
largomento di G( j) possono essere facilmente determinati. Si consideri quale esempio
la funzione di trasferimento
G(s) =
1
1 + s
, (3.23)
con un ingresso sinusoidale e (t) = sin (t). La funzione di trasferimento G( j) assume
la forma
G( j) =
1
1 + j
, (3.24)
il cui modulo ` e dato da
G( j) =

1
1 + j

1
1 +
2

2
j

1 +
2

=
_
1 +
2

2
_
1 +
2

2
_
2
=
1

1 +
2

2
. (3.25)
Normalmente, esso viene espresso in decibel (dB) e risulta, quindi, dato da
G( j)
dB
= 20 log
_
G( j)
_
= 20 log
_
1

1 +
2

2
_
. (3.26)
Largomento di G( j) ` e, invece, dato da
= arctan () . (3.27)
Se < 1, si ottiene G( j) 1 e . Il segnale di uscita ha, quindi, la stessa
ampiezza del segnale di ingresso, ma ` e in ritardo di . Se, invece, > 1, si ottiene
G( j) 1/ () e /2, cio` e, il sistema funziona da integratore approssimato
(le due onde sono sfasate di 1/4 di periodo). Poich e il circuito facilita la trasmissione
delle frequenze basse, esso si comporta come un ltro passa-basso. La rappresentazione
graca del modulo e dellargomento di G( j) ` e riportata in Figura 3.12. Questi andamenti
corrispondono a quelli di un circuito elettrico del tipo indicato in Figura 3.6.
84 Piero Malcovati, Misure Elettriche
3.5. Trasformata di Laplace in Regime Sinusoidale
0
0.5
1
M
o
d
u
l
o
Frequenza
-90
-45
0
F
a
s
e
Frequenza
-25
-20
-15
-10
-5
0
M
o
d
u
l
o

[
d
B
]
Frequenza - Scala Logaritmica
-90
-45
0
F
a
s
e
Frequenza - Scala Logaritmica
Figura 3.12: Modulo e fase della risposta in frequenza di un sistema del primo ordine
passa-basso
Piero Malcovati, Misure Elettriche 85
3. Catene di Misura
e(t) u(t)
C
R
Figura 3.13: Circuito RC passa-alto
Se si considera invece il circuito riportato in Figura 3.13, la funzione di trasferimento
` e data da
G(s) =
s
1 + s
. (3.28)
Se si calcolano il modulo e la fase in regime sinusoidale, si ottiene
G( j) =

1 +
2

2
, (3.29)
G( j)
dB
= 20 log
_

1 +
2

2
_
, (3.30)
= arctan
_
1

_
. (3.31)
Queste funzioni hanno landamento riportato in Figura 3.14. Per < 1, si ottiene
G( j) e /2, mentre per > 1, si ottiene G( j) 1 e . Questo
circuito si comporta come un derivatore approssimato. Poich e il circuito trasmette le
frequenze pi ` u elevate, esso agisce da ltro passa-alto.
86 Piero Malcovati, Misure Elettriche
3.5. Trasformata di Laplace in Regime Sinusoidale
0
0.5
1
M
o
d
u
l
o
Frequenza
0
45
90
F
a
s
e
Frequenza
-40
-30
-20
-10
0
M
o
d
u
l
o

[
d
B
]
Frequenza - Scala Logaritmica
0
45
90
F
a
s
e
Frequenza - Scala Logaritmica
Figura 3.14: Modulo e fase della risposta in frequenza di un sistema del primo ordine
passa-alto
Piero Malcovati, Misure Elettriche 87
Capitolo 4
Strumenti Analogici
4.1 Generalit` a
Tra tutte le classicazioni possibili, per gli strumenti analogici, conviene fare riferimento
a quella per tipo di conversione:
magnetoelettrica;
elettromagnetica;
elettrodinamica;
ad induzione;
termica.
Le caratteristiche degli strumenti analogici sono riportate sulla targa attraverso dei sim-
boli. I simboli pi ` u importanti sono riportati nellAppendice B.
Negli strumenti analogici, la grandezza di uscita ` e generalmente la deviazione ango-
lare di un indice, solidale con un equipaggio, che, per eetto della grandezza incognita, ` e
forzato a ruotare intorno ad un asse.
Lequipaggio mobile ` e sottoposto ad una coppia motrice, funzione della grandezza
sotto misura. Anch e lo strumento possa fornire unindicazione in condizioni di equili-
brio statico, con lindice fermo in una posizione univocamente corrispondente alla entit` a
del misurando, sullequipaggio mobile dovr` a agire anche una coppia antagonista, funzio-
ne crescente della deviazione, di solito di natura elastica. Per smorzare le oscillazioni
intorno alla posizione di equilibrio, sempre presenti con coppie antagoniste di tipo ela-
stico, deve essere prevista una coppia smorzante, funzione della derivata della grandezza
sotto misura, di solito di natura viscosa, che riduce la durata del transitorio meccanico.
Purtroppo, ` e presente anche una coppia dattrito, che si cerca di minimizzare, poich e
attribuisce insensibilit` a e imprecisione allo strumento.
La portata di uno strumento analogico ` e la grandezza che, applicata ai suoi morsetti,
fa arrestare lindice in corrispondenza del fondo scala. La scala di uno strumento analo-
gico ` e la suddivisione dellarco di cerchio che pu` o essere percorso dallindice. Essa ` e,
solitamente, tracciata in divisioni e numerata, in modo da consentire una facile lettura.
Lindice degli strumenti pi ` u pregiati ` e a coltello o a lo e, sotto di esso, ` e previsto uno
specchio, che consente di ridurre lerrore di parallasse che si commette nella lettura, co-
Piero Malcovati, Misure Elettriche 89
4. Strumenti Analogici
Figura 4.1: Indice degli strumenti analogici
me illustrato in Figura 4.1. Uno strumento pu` o avere pi` u di una portata e la lettura non
corrisponde, necessariamente, alla ampiezza della grandezza sotto misura, ma ` e a questa
legata linearmente, secondo una costante. La costante di uno strumento ` e il rapporto tra
la grandezza di fondo scala e il numero di divisioni della scala. Nel caso di strumento a
pi ` u portate, si avranno tante costanti, quante sono le portate. Per pervenire al valore della
grandezza misurata, la lettura, fatta sulla scala, deve essere moltiplicata per la costante.
4.2 Classe di Precisione
La precisione di uno strumento ` e denita dai limiti dellerrore espresso in percento di
un valore convenzionale. Il valore convenzionale coincide, quasi sempre, con il valo-
re di fondo scala, cio` e, con la portata. Per quanto riguarda la precisione, gli strumenti
sono suddivisi in classi, contraddistinte da un numero, detto indice di classe. Le clas-
si previste dalle norme del Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI), mutuate dalle norme
dellInternational Electrotechnical Commission (IEC), sono:
Classe 0.05, errore inferiore allo 0.05% del fondo scala;
Classe 0.1, errore inferiore allo 0.1% del fondo scala;
Classe 0.2, errore inferiore allo 0.2% del fondo scala;
Classe 0.3, errore inferiore allo 0.3% del fondo scala;
Classe 0.5, errore inferiore allo 0.5% del fondo scala;
Classe 1, errore inferiore allo 1% del fondo scala;
Classe 1.5, errore inferiore allo 1.5% del fondo scala;
Classe 2.5, errore inferiore allo 2.5% del fondo scala;
Classe 3, errore inferiore allo 3% del fondo scala.
Questi indici rappresentano i limiti di errore percentuale, che uno strumento, appartenen-
te ad una certa classe, non deve superare, al fondo scala, in determinate condizioni di
riferimento, indicate dal costruttore oppure specicate dalle norme.
Lerrore assoluto dello strumento, in qualunque punto della scala, non deve essere
superiore a
=
Classe Portata
100
. (4.1)
90 Piero Malcovati, Misure Elettriche
4.3. Comportamento degli Strumenti in Regime Stazionario e in Transitorio
Ad esempio, un amperometro di classe 0.2, con portata 5 A, in qualunque punto della
scala, non deve avere un errore assoluto superiore a
=
0.2 5
100
= 0.01 A. (4.2)
Per una data lettura, lerrore relativo dello strumento risulta
=
Classe Portata
100 Lettura
. (4.3)
Dalla (4.3), si evince che lerrore relativo ` e tanto maggiore, quanto pi ` u piccola ` e la
lettura rispetto al fondo scala (portata).
`
E, quindi, sempre consigliabile scegliere oppor-
tanamente la portata, in modo da ottenere una lettura vicina al fondo scala, dove risulta
minimo.
Le condizioni di riferimento per la classe di precisione riguardano la temperatura
ambiente, la posizione dello strumento, il suo orientamento rispetto al campo magneti-
co terrestre, eventuali valori di induzione magnetica esterna, la frequenza della corren-
te in misura (se si tratta di corrente alternata), eccetera. Facendo variare queste con-
dizioni, entro i limiti indicati dalle norme, lerrore dindicazione dello strumento non
deve ulteriormente variare oltre il limite stabilito dalla classe. Ad esempio, nel caso di
un amperometro di classe 0.2, con portata 5 A, i limiti di variazione della temperatura
ambiente sono di 10

C, intorno alla temperatura di riferimento di 20

C. Lerrore as-
soluto dello strumento, a 30

C oppure a 10

C, non dovr` a, perci ` o, essere superiore a


0.01 + 0.01 = 0.02 A.
Lincertezza tipo assoluta, che possiamo attribuire a uno strumento di una data classe
di precisione, si ottiene assumendo una distribuzione uniforme (rettangolare) dellerrore,
delimitata dai limiti di classe e, utilizzando la (1.33), risulta
u =

3
=
Classe Portata
100

3
. (4.4)
Conseguentemente, lincertezza tipo relativa risulta data da
u =

3
=
Classe Portata
100

3 Lettura
. (4.5)
4.3 Comportamento degli Strumenti in Regime Staziona-
rio e in Transitorio
Quando ad uno strumento analogico viene applicata una coppia motrice costante, lin-
dice tende a porsi in movimento ed a raggiungere la condizione dequilibrio stabile, per
cui si verica la uguaglianza tra coppia motrice e coppia resistente (o antagonista). Lo
spostamento dellindice ` e retto dalla equazione del moto, nella quale per semplicit` a si ` e
trascurata la coppia di attrito,
J
d
2

dt
2
+ N
d
dt
+ a = C
m
, (4.6)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 91
4. Strumenti Analogici
dove J ` e il momento di inerzia dellequipaggio, N ` e la costante della coppia di smorza-
mento, a ` e la costante della coppia antagonista, ` e la deviazione dellindice dello stru-
mento, C
m
` e la coppia motrice, supposta indipendente da , e t ` e il tempo. Si tratta di una
equazione dierenziale del secondo ordine, che pu` o essere risolta, rispetto allincognita
, con il metodo della trasformata di Laplace, ricordando che = 0 per t = 0. Si ottiene
una funzione di trasferimento, G(s) = (s) /C
m
(s), del secondo ordine, data dalla (3.15),
caratterizzata dalla pulsazione di risonanza del sistema,

0
=
_
a
J
, (4.7)
e dal fattore di smorzamento,
=
N
2

aJ
. (4.8)
Lindice assumer` a, quindi, la posizione di regime dopo un certo tempo e lo spostamento
dellindice potr` a essere oscillante, smorzato o aperiodico, a seconda del valore di , come
illustrato in Figura 4.2. Negli strumenti analogici, normalmente, si fa in modo che sia
= 0.70.8, per cui lindice supera, sia pur di poco, la posizione di equilibrio, oscillando
brevemente intorno a questa.
Quanto ` e stato esposto, assumendo, per semplicit` a, C
m
costante, pu` o essere, facilmen-
te, esteso al caso di coppia motrice variabile nel tempo. Ad esempio, nel caso di coppia
impressa sinusoidale, di pulsazione , se si fa in modo che <
0
, la deviazione del-
lindice seguir` a e riprodurr` a, senza inerzia, la coppia motrice istantanea applicata. Nel
caso, invece, in cui >
0
, lindice dello strumento non ` e in grado di seguire landa-
mento della grandezza e rimane fermo sulla posizione di zero. Se la coppia motrice fosse
variabile, con valore medio non nullo, lindice devierebbe in ragione del valore medio.
4.4 Strumenti a Conversione Magnetoelettrica
Lequipaggio mobile di uno strumento magnetoelettrico ` e costituito da una bobina ret-
tangolare in lo di rame sottile, avvolta su un nucleo ferromagnetico di forma cilindrica,
immerso nel campo magnetico generato da un magnete permanente. Le espansioni po-
lari del magnete sono sagomate in modo da avere traferro costante, come illustrato in
Figura 4.3.
Se la bobina ` e percorsa da corrente I, sui suoi lati attivi si esercita una coppia motrice
C
m
, data da
C
m
= Bn
s
dlI = kI, (4.9)
dove B ` e linduzione magnetica, n
s
` e il numero delle spire della bobina, l ` e la lunghezza
della bobina, d ` e il diametro della bobina. Tale coppia ` e contrastata da una coppia antago-
nista C
r
, di natura elastica (una molla o i li stessi di adduzione della corrente alla bobina,
tesi fra due vincoli), che vale
C
r
= a, (4.10)
92 Piero Malcovati, Misure Elettriche
4.4. Strumenti a Conversione Magnetoelettrica
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
1.2
1.4
1.6
1.8
2
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4 1.6 1.8 2

0
t/T
0
= 0
= 1.6
Figura 4.2: Andamento temporale della posizione dellindice in funzione del valore di
da 0 a 1.6 con passi di 0.2
1) Magnete Permanente
2) Espansioni
3) Bobina Mobile
4) Nucleo Interno
5) Molla Antagonista
6) Dispositivo di Messa a Zero
7) Indice
8) Contrappesi dell'Indice
Figura 4.3: Strumento a conversione magnetoelettrica
Piero Malcovati, Misure Elettriche 93
4. Strumenti Analogici
A V
I
R
Figura 4.4: Voltmetro magnetoelettrico
dove ` e langolo di rotazione della bobina e a ` e la costante della molla. In condizioni di
equilibrio, deve valere
C
m
= C
r
, (4.11)
da cui
=
Bn
s
dl
a
I = k
a
I, (4.12)
in cui k
a
` e detta costante amperometrica dello strumento. Come si vede, il legame fra
ed I ` e lineare, per cui lineare ` e anche la scala di lettura. Lo strumento magnetoelettrico
fornisce, quindi, una indicazione quando il valore medio delle grandezze non ` e nullo e,
quindi, ` e tipicamente utilizzato per le misure in corrente continua.
Nella fase transitoria del passaggio della posizione = 0, alla posizione = k
a
I, la
bobina si muove con velocit` a angolare d/dt. Poich e i lati attivi della bobina si muovono
con velocit` a (d/2) (d/dt), entro il campo magnetico costante descritto dal vettore B, nella
bobina viene indotta una forza elettromotrice
E = Bldn
s
d
dt
. (4.13)
Se la bobina possiede una resistenza propria R
g
ed ` e chiusa su un circuito di resistenza R,
si determina una corrente
I
s
=
E
R
g
+ R
, (4.14)
che si sovrappone a quella applicata e che d` a luogo ad una coppia smorzante, data da
C
s
= Bldn
s
I
s
=
B
2
l
2
d
2
n
2
s
R
g
+ R
d
dt
= N
d
dt
. (4.15)
Tale coppia smorzante ` e nulla per R = (strumento a circuito aperto) e massima per
R = 0 (strumento in corto circuito). Essa ` e nulla anche ad indice fermo.
Come esempio, consideriamo un voltmetro magnetoelettrico. Esso ` e costituito da
una struttura del tipo di quella illustrata in Figura 4.3, ma in serie alla bobina mobile
viene posta una resistenza R, come mostrato in Figura 4.4. La deviazione dellindice ` e
proporzionale alla corrente che circola nella bobina ed ` e, quindi, data da
= k
a
I = k
a
V
R
= k
v
V, (4.16)
94 Piero Malcovati, Misure Elettriche
4.5. Strumenti a Conversione Elettromagnetica
Figura 4.5: Principio di funzionamento di uno strumento a conversione elettromagnetica
dove k
v
` e la costante voltmentrica dello strumento. Variando il valore della resistenza R,
` e possibile ottenere, con lo stesso strumento, diverse portate e diverse costanti k
v
.
4.5 Strumenti a Conversione Elettromagnetica
Negli strumenti a conversione elettromagnetica, detti anche a ferro mobile, il campo ma-
gnetico ` e generato da una bobina ssa, entro la quale si muove un pezzo di ferro dolce,
variamente sagomato, che determina la deviazione di un indice su una scala, come illu-
strato in Figura 4.5. Lenergia magnetica in gioco, nel sistema sico chiuso denito dai
conni dello strumento, ` e data da
W =
1
2
L () I
2
, (4.17)
dove L () ` e linduttanza della bobina, che dipende dalla posizione del nucleo, cio` e, della
deviazione . Il nucleo viene attirato entro la bobina e, in assenza di coppia antagonista,
raggiungerebbe la posizione per cui ` e massima lenergia magnetica immagazzinata del
sistema.
La coppia motrice che insorge ` e data da
C
m
=
1
2
dL ()
d
I
2
. (4.18)
Poich e il fenomeno descritto avviene indipendentemente dalla legge di variazione nel
tempo della corrente, questi strumenti possono funzionare sia in corrente continua, sia
in corrente alternata (entro certi limiti di frequenza), sia come voltmetri, sia come am-
perometri. La legge di variazione di L con pu` o essere predeterminata, modellando
opportunamente il pezzo di ferro dolce, per cui si pu` o ottenere una scala di lettura pros-
sima alla lineare, anche se nella formula la corrente compare al quadrato. Se la bobina
` e eccitata con corrente alternata, la coppia motrice risulta proporzionale al valore eca-
ce, sia pure non rigorosamente. Le parti mobili non sono interessate da corrente, per cui
questi strumenti sono semplici e robusti. La precisione conseguibile ` e confrontabile con
quella degli strumenti magnetoelettrici.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 95
4. Strumenti Analogici
1) Bobina
2) Nucleo Fisso
3) Nucleo Mobile
4) Molla Antagonista
5) Dispositivo di Messa a Zero
6) Smorzatore ad Aria
Figura 4.6: Strumento a conversione elettromagnetica
Una variante costruttiva di rilievo, praticamente la pi ` u usata, consiste nellutilizzare
come fonte di coppia motrice, non pi` u lattrazione, bens` la repulsione tra corpi magnetiz-
zati per induzione, come illustrato in Figura 4.6. La massima induttanza si ha quando le
due lamine (una mobile e laltra ssa), magneticamente polarizzate in maniera omologa,
si trovano alla massima distanza.
4.6 Strumenti a Conversione Elettrodinamica
Gli strumenti a conversione elettrodinamica sono costituiti da due bobine, luna ssa,
di solito sdoppiata, e laltra mobile, collegata allindice, come illustrato in Figura 4.7.
Lenergia magnetica in gioco vale
W =
1
2
L
f
I
2
f
+
1
2
L
m
I
2
m
+ M () I
f
I
m
, (4.19)
dove L
f
, L
m
e M () sono, rispettivamente, i coecienti di autoinduzione e mutua indu-
zione delle bobine. Derivando rispetto ad , si ottiene lespressione della coppia motrice,
data da
C
m
() = I
f
I
m
dM ()
d
. (4.20)
Landamento di M () in funzione di ` e sinusoidale, ma, se le deviazioni non eccedono i
45

intorno alla posizione ove la coppia ` e massima (assi delle bobine ortogonali), si pu` o
ritenere che M vari linearmente con , per cui,
dM ()
d
= k, (4.21)
e, pertanto,
96 Piero Malcovati, Misure Elettriche
4.6. Strumenti a Conversione Elettrodinamica
Figura 4.7: Strumento a conversione elettrodinamica
C
m
= kI
f
I
m
. (4.22)
Se la coppia antagonista ` e di natura elastica (C
r
= a), allequilibrio sar` a C
m
= C
r
,
cio` e, kI
f
I
m
= a, da cui
=
k
a
I
f
I
m
. (4.23)
Questa espressione ` e valida per i valori istantanei e, se le correnti sono continue, la
deviazione risulta costante.
In regime sinusoidale, se I
f
e I
m
sono isofrequenziali e sfasate dellangolo , risulta
_

_
I
f
= I
C, f
sin (t)
I
m
= I
C,m
sin (t + )
. (4.24)
La coppia motrice ` e, quindi, data da
C
m
(t) = k
I
C, f
I
C,m
2
_
cos () cos (2t + )
_
, (4.25)
che nel tempo assume landamento indicato in Figura 4.8. La (4.25) pu` o essere dimostrata
agevolmente procedendo a ritroso. Infatti,
1
2
[cos (b) cos (2a + b)] =
1
2
[cos (b) cos (2a) cos (b) + sin (2a) sin (b)] =
=
1
2
[1 cos (2a)] cos (b) + sin (2a) sin (b) =
=
1
2
__
1 cos
2
(a) + sin
2
(a)
_
cos (b) + 2 sin (a) sin (b) cos (a)
_
=
=
1
2
_
2 cos (b) sin
2
(a) + 2 sin (b) sin (a) cos (a)
_
=
= sin (a) [cos (b) sin (a) + sin (b) cos (a)] = sin (a) sin (a + b) .
(4.26)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 97
4. Strumenti Analogici
A
m
p
i
e
z
z
a
Tempo
V(t)
I(t)
C
m
(t)
Figura 4.8: Andamento temporale della coppia motrice in uno strumento a conversione
elettrodinamica
98 Piero Malcovati, Misure Elettriche
4.6. Strumenti a Conversione Elettrodinamica
Dalla (4.25) risulta che la coppia istantanea ` e costituita da un termine costante e da
un termine sinusoidale, di pulsazione doppia, rispetto quella delle grandezze impresse.
Introducendo per le correnti i valori ecaci al posto dei valori massimi, si ottiene
C
m
(t) = kI
f
I
m
_
cos () cos (2t + )
_
. (4.27)
Si pu` o osservare che il valore medio di questa funzione ` e proporzionale al prodotto scalare
delle due grandezze vettoriali,

I
f
e

I
m
,
C
m
(t) = k

I
f

I
m
. (4.28)
Si pu` o agevolmente dimostrare che, nel caso di correnti di frequenza diversa, il valore
medio risulta nullo. Per grandezze periodiche non sinusoidali, il valore medio della coppia
corrisponde alla somma dei valori medi dei prodotti relativi ad armoniche corrispondenti.
Uno strumento del tipo descritto ` e detto elettrodinamometro e deve considerarsi uno
strumento per corrente alternata, adatto per diverse applicazioni. Si deve osservare che, in
base a quanto ` e stato esposto nel Paragrafo 3.3.2, le caratteristiche dellequipaggio mobile,
in relazione alla frequenza delle correnti, determinano il comportamento dello strumen-
to in transitorio. Se la pulsazione della grandezza da misurare ` e molto piccola rispetto
alla pulsazione caratteristica propria dellequipaggio, questultimo ` e in grado di seguire
landamento della coppia istantanea e, potendosi ritenere la deviazione proporzionale alla
coppia, la deviazione dellindice risulta di tipo oscillatorio, con asse di oscillazione sul
valore medio. In caso contrario, la deviazione dellindice risulta stabilmente posizionata
sul valore medio.
Se si fa in modo che I
f
corrisponda alla corrente I di un circuito e I
m
sia proporzionale
e in fase con la tensione V del circuito stesso, la coppia media risulta
C
m
= kVI cos () . (4.29)
La proporzionalit` a tra tensione V e I
m
pu` o essere, molto semplicemente, ottenuta ponen-
do, in serie alla bobina mobile, una resistenza di adeguato valore di tipo antiinduttivo
(Paragrafo 2.4). Lo strumento assume, allora, il nome di wattmetro e lo schema di prin-
cipio ` e quello riportato in Figura 4.9. In tale applicazione, la bobina ssa ` e costituita da
poche spire di grande sezione, mentre la bobina mobile ` e realizzata con molte spire di lo
sottile.
In linea di principio, qualunque wattmetro pu` o essere trasformato in varmetro: basta
che I
m
sia in quadratura con V. In queste condizioni, si ha, infatti, una coppia motrice
media, data da
C
m
= kVI cos ( 90

) = kVI sin () . (4.30)


Si pu` o adottare lo schema indicato in Figura 4.10, per il quale
_

_
I
V
=
V
Z +
Z
m
R
Z
m
+R
I
m
= I
V
R
Z
m
+ R
= V
R
ZZ
m
+ Z
m
R + ZR
. (4.31)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 99
4. Strumenti Analogici
V
I
R
Figura 4.9: Strumento elettrodinamico utilizzato come wattmetro
V
I
f
R
I
m
Z
Z
m
Figura 4.10: Strumento elettrodinamico utilizzato come varmetro
100 Piero Malcovati, Misure Elettriche
4.6. Strumenti a Conversione Elettrodinamica
I
f
I
m
I
Figura 4.11: Strumento elettrodinamico utilizzato come amperometro
Perch e I
m
sia in quadratura con V, basta che sia nulla la parte reale del coeciente di V
nella (4.31), cio` e,
R =
0(Z) 0(Z
m
) T(Z) T(Z
m
)
T(Z) T(Z
m
)
. (4.32)
`
E stabilito, cos`, un legame che, se rispettato, rende possibile la misura diretta di
Q = k

I
m

I
f
=

V

I. (4.33)
Si osserva che il comportamento di un varmetro cos` realizzato ` e corretto solo per una ben
determinata frequenza.
Attualmente, meno frequente ` e limpiego di uno strumento elettrodinamico come am-
perometro, potendo la bobina ssa fungere da derivatore per la bobina mobile, come
illustrato in Figura 4.11. Sar` a, dunque,
_

_
I
m
= I
Z
f
Z
f
+ Z
m
I
f
= I
Z
m
Z
f
+ Z
m
= kI
m
I
f
= k
Z
f
Z
m
_
Z
f
+ Z
m
_
2
I
2
= k
a
I
2
. (4.34)
La scala di lettura risulta, in questo caso, quadratica. Ancora da rilevare, ` e linuenza
che pu` o avere la frequenza sulla precisione dellindicazione, in quanto essa inuisce sul
valore delle impedenze.
Lo strumento elettrodinamico pu` o anche essere usato come voltmetro, come illustrato
in Figura 4.12. Detta Z limpedenza equivalente della serie tra bobina ssa, bobina mobile
e resistore addizionale, si ottiene
= k
1
Z
2
V
2
= k
v
V
2
. (4.35)
Se limpedenza Z ` e sostanzialmente resistiva, lindicazione ` e, entro certi limiti, indipen-
dente dalla frequenza. In questo caso, anche la bobina ssa ` e realizzata con molte spire
di lo sottile. La scala dello strumento ` e quadratica.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 101
4. Strumenti Analogici
V
I
m
= I
f
R
Figura 4.12: Strumento elettrodinamico utilizzato come voltmetro
Figura 4.13: Strumento a induzione
4.7 Strumenti ad Induzione
Gli strumenti ad induzione funzionano in base al fenomeno dellinduzione elettromagne-
tica e, per questo motivo, possono essere utilizzati esclusivamente per misure in corrente
alternata. Anche se, in linea di principio, si possono realizzare voltmetri e amperometri,
la tipica applicazione degli strumenti a induzione ` e quella del contatore di energia, che ` e
un wattmetro integratore.
Il wattmetro ad induzione ` e costituito da un disco di rame o di alluminio, imperniato
su due pietre dure, che porta la molla antagonista e lindice. Il disco pu` o ruotare fra le
espansioni polari di due elettromagneti, i cui avvolgimenti sono percorsi, rispettivamente,
dalla corrente di misura e da una corrente proporzionale alla tensione del circuito, come
illustrato in Figura 4.13. La corrente I
v
, che uisce nellelettromagnete 1, produce un us-
so
v
, che attraversa il disco e vi genera una forza elettromotrice indotta, che d` a luogo,
a sua volta, alle correnti parassite I
1
, cos` come la corrente I
a
, che uisce nellelettroma-
gnete 2, produce un usso
a
, dando luogo a una forza elettromotrice indotta nel disco e
alle relative correnti parassite I
2
. Come ` e noto, fra un usso magnetico ed una corrente
elettrica, si esercita una azione meccanica, ossia, si generano delle forze. Lazione sul
disco si esercita per eetto del usso
v
sulla corrente I
2
e del usso
a
sulla corrente I
1
.
Poich e le correnti circolano nel disco ed i ussi fuoriescono dai magneti, che sono ssi, le
102 Piero Malcovati, Misure Elettriche
4.7. Strumenti ad Induzione
Figura 4.14: Distribuzione dei ussi e delle correnti in uno strumento a induzione
forze che si generano sulle correnti agiscono anche sul disco, che ` e sollecitato a muoversi,
contrastato dalla molla antagonista. Lo schema di distribuzione dei ussi e delle correnti
` e indicato in Figura 4.14, dove ai ussi perpendicolari al piano del disco corrispondono le
correnti con andamento circolare intorno allasse dei circuiti magnetici.
Per rendersi pi ` u chiaramente conto del funzionamento del wattmetro ad induzione,
conviene esaminare le grandezze in gioco in un istante qualsiasi, ad esempio, quando la
corrente I
v
` e positiva e sta diminuendo, mentre la corrente I
a
` e pure positiva, ma sta au-
mentando. La corrente I
v
, che sta diminuendo, induce sul disco una corrente I
1
, diretta
nello stesso senso (per la legge di Lenz tende ad opporsi alla diminuzione del usso). La
corrente I
a
, che sta aumentando, induce invece sul disco una corrente I
2
, diretta in senso
contrario (che si oppone allaumento del usso). In base alle leggi delle azioni elettro-
meccaniche, la I
2
reagisce con il usso
v
e d` a luogo ad una forza F
1
, che si pu` o scindere
in due componenti: una perpendicolare ed una tangente al disco. La componente tangente
al disco di F
1
tende a far ruotare il disco stesso e altrettanto fa la componente tangente
al disco della forza F
2
, prodotta dallinterazione tra la corrente indotta I
1
ed il usso
a
.
Facendo riferimento alla Figura 4.15, lazione combinata delle due forze produce la rota-
zione del disco, come indicato dalla freccia, se le due correnti hanno andamento diverso
(una crescente e laltra decrescente). Se entrambe le correnti, invece, sono crescenti o
decrescenti, ovvero, in fase, le due forze generate risultano uguali e contrarie ed il disco
non si muove.
Si pu` o quindi riassumere dicendo che la coppia C
m
, che si genera nel disco, per eetto
dellinterazione fra le correnti I
a
e I
v
, che percorrono gli elettromagneti, e le componen-
ti in quadratura delle correnti indotte I
1
ed I
2
sul disco stesso, ` e proporzionale al seno
dellangolo di sfasamento fra le correnti,
C
m
= k
1

a
sin () = k
2
I
v
I
a
sin () . (4.36)
In uno dei due avvolgimenti, collegato in serie, pu` o essere inviata direttamente la corrente
I del circuito (I
a
= I), mentre laltro, posto in parallelo, pu` o essere sottoposto alla tensione
Piero Malcovati, Misure Elettriche 103
4. Strumenti Analogici
Figura 4.15: Rotazione del disco di uno strumento a induzione
V
I
a

a
I
v

Figura 4.16: Diagramma vettoriale in uno strumento a induzione


del circuito, attraverso unimpedenza Z (il valore della corrente I
v
sar` a, perci` o, I
v
= V/Z).
Poich e il circuito voltmetrico presenta induttanza elevata, la corrente I
v
` e sfasata rispetto
alla tensione V applicata di un angolo assai prossimo a 90

. Facendo riferimento al dia-


gramma vettoriale di Figura 4.16, se si indica con lo sfasamento tra la tensione V e la
corrente I impresse, si ottiene
= . (4.37)
La (4.37) si pu` o, quindi, scrivere come
C
m
= k
2
V
Z
I sin ( ) . (4.38)
Se si fa in modo che sia = 90

, si ottiene
C
m
= k
3
I
a
V sin (90

) = k
3
I
a
V cos () = k
3
P. (4.39)
Uno strumento ad induzione del tipo descritto pu` o, quindi, fornire una deviazione
(angolo di rotazione del disco) proporzionale alla potenza attiva che transita nel circuito.
104 Piero Malcovati, Misure Elettriche
4.7. Strumenti ad Induzione
D
A

1

2


Figura 4.17: Correzione dello sfasamento in uno strumento a induzione
Non potendo essere la resistenza del circuito voltmetrico nulla, per ottenere lo sfasamen-
to richiesto tra tensione e corrente nella bobina voltmetrica, si deve ricorrere ad artici
circuitali. Il sistema pi` u usato ` e quello di collocare un anellino metallico in corto circuito
attorno al magnete, come illustrato in Figura 4.17, ed, inoltre, di fare sporgere il nucleo
dellelettromagnete rispetto al disco, in modo che una parte del usso si chiuda senza
interessare il disco rotante. Per eetto delle correnti indotte in questo anellino, ` e possi-
bile avere uno sfasamento, tra usso e corrente, anche superiore a 90

. Ci ` o permette, fra
laltro, di compensare anche lo sfasamento che si produce nellavvolgimento amperome-
trico per eetto della sua induttanza e che, altrimenti, darebbe luogo ad un errore di fase.
Negli strumenti pi ` u semplici, lanello viene sostituito da un dischetto metallico, che viene
applicato in posizione eccentrica al di sotto di una espansione polare: il comportamento ` e
analogo a quello visto per lanello.
Caratteristica peculiare degli strumenti a induzione ` e la stretta dipendenza dalla fre-
quenza, in quanto dalla frequenza dipendono sia i valori delle forze elettromotrici indotte,
sia quelli delle impedenze. Si tratta, tuttavia, di strumenti assai robusti, che possono sop-
portare forti sovraccarichi momentanei (la molla antagonista non ` e percorsa da corrente)
e la loro scala si pu` o sviluppare, a piacere, per quasi tutta la circonferenza. Essi non so-
no caratterizzati da autosmorzamento delle oscillazioni, per cui, sulla periferia del disco,
viene applicato anche un magnete permanente, come illustrato in Figura 4.13, che genera,
durante il movimento, delle correnti indotte, le quali hanno leetto smorzante desiderato.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 105
4. Strumenti Analogici
Figura 4.18: Contatore a induzione
4.8 Contatori ad Induzione
Il contatore ad induzione deriva direttamente dal wattmetro ad induzione, ma esso ` e privo
della molla antagonista, per cui il disco ` e libero di ruotare, trascinando il numeratore,
come illustrato in Figura 4.18. Con il disco in rotazione, il magnete permanente provoca
una coppia frenante, proporzionale alla velocit` a angolare, in quanto le correnti, da esso
indotte nel disco, sono proporzionali alla velocit` a di rotazione del disco stesso. Poich e
la potenza ` e proporzionale alla velocit` a angolare del disco, il numero di giri compiuti dal
disco stesso risulta proporzionale allenergia transitata.
Il diagramma vettoriale completo delle grandezze in gioco nel contatore ` e rappresen-
tato in Figura 4.19. Nel circuito voltmetrico, la corrente I
v
` e sfasata in ritardo rispetto alla
tensione V di quasi un quarto di periodo. Questa corrente produce, nel circuito magnetico
di tensione, un usso
v
, ad essa proporzionale, e sfasato in ritardo di un piccolo angolo

v
, a causa delle perdite nel circuito magnetico,

v
= k
1
V. (4.40)
Il usso
v
induce nel disco forze elettromotrici E
v
, proporzionali ad esso ed alla pulsa-
zione , e, quindi, delle correnti indotte.
La corrente I del circuito di corrente, che supponiamo sfasata di un angolo rispetto
alla tensione V, percorre la bobina amperometrica e genera un usso
i
, pari a

i
= k
2
I, (4.41)
sfasato in ritardo rispetto a I di un piccolo angolo
i
, a causa le perdite nel circuito magne-
tico. Questo usso induce nel disco delle forze elettromotrici, che, a loro volta, generano
delle correnti.
La coppia motrice, risultante delle due coppie parziali prodotte dai due avvolgimenti,
trascurando
v
e
i
, pu` o essere espressa come
C
m
= K
1

i
sin ( ) . (4.42)
106 Piero Malcovati, Misure Elettriche
4.8. Contatori ad Induzione
V
I

v
I
v
E
v
E
i
90
90

v
Figura 4.19: Diagramma vettoriale in un contatore a induzione
Piero Malcovati, Misure Elettriche 107
4. Strumenti Analogici
Inne, facendo in modo che langolo a fra la tensione V applicata alla bobina voltmetrica
e la corrente I
v
che la percorre sia di = 90

, la (4.42) si trasforma in
C
m
= K
1

i
sin (90

) = K
1

i
cos () . (4.43)
La coppia motrice agente sullequipaggio mobile del contatore ` e, quindi, proporzionale
al prodotto dei ussi voltmetrico e amperometrico, secondo una costante empirica K
1
.
Alla formazione della coppia antagonista concorrono pi` u fenomeni. Il disco in rota-
zione taglia il usso
F
costante, esistente nel traferro del magnete permanente (magnete
freno). Nel disco si inducono, quindi, delle forze elettromotrici, proporzionali al valore
del usso
F
ed alla velocit` a angolare
d
del disco. Proporzionali alla forza elettromotri-
ce e alla velocit` a angolare, sono anche le correnti indotte che, reagendo col usso, danno
luogo ad una coppia frenante del tipo
C
F
= k
3

2
F
. (4.44)
Le correnti indotte nel rotore dal usso voltmetrico e dal usso amperometrico danno
luogo alla coppia motrice, ma, reagendo coi ussi che le hanno provocate, danno anche
origine a due coppie frenanti, date da
C
Fv
= k
4

2
v
, (4.45)
C
Fi
= k
5

2
i
. (4.46)
Non si deve poi dimenticare la presenza di una coppia di attrito meccanico (C
A
), che,
salvo allo spunto, in prima approssimazione, pu` o essere considerata proporzionale alla
velocit` a angolare del rotore,
C
A
= k
6

d
. (4.47)
La coppia antagonista globale ` e formata dalla somma di tutti i contributi parziali e, cio` e,
C
r
= C
F
+ C
Fv
+ C
Fi
+ C
A
. (4.48)
Allequilibrio fra coppia motrice e coppia antagoniste C
m
= C
r
, la velocit` a angolare
dellequipaggio mobile ` e data da

d
= K
2

i
cos () , (4.49)
ovvero,

d
= N
c
VI cos () = N
c
P, (4.50)
nella quale N
c
` e una costante e P ` e la potenza attiva. Introducendo il tempo t nei due
termini della (4.50), si ottiene

d
t = N
c
Pt. (4.51)
Risolvendo rispetto a W = Pt, che ` e lenergia del circuito, si ottiene
W =
n
g
N
c
. (4.52)
108 Piero Malcovati, Misure Elettriche
4.8. Contatori ad Induzione
3
2
1
0
1
50 100 150 200 250 300 350 400
V = 220 V
f = 50 Hz
T = 20 C
cos = 1
cos = 0.5 ritardo


[
%
]
I/I
n
[%]
Figura 4.20: Curva di errore di un contatore a induzione
Lenergia misurata da un contatore ` e, quindi, uguale al numero n
g
di giri del disco, diviso
per la sua costante N
c
, questultima solitamente espressa in giri/kWh.
Le principali cause di errore nei contatori a induzione sono:
la non-linearit` a dei circuiti voltmetrico e amperometrico;
la coppia frenante dovuta ai ussi voltmetrico e amperometrico;
la coppia di attrito;
il fattore di potenza del circuito;
la frequenza;
la forma donda della tensione e corrente;
la temperatura.
Lerrore globale di un contatore, in funzione del carico, a tensione, frequenza e fattore
di potenza costanti, assume landamento indicato in Figura 4.20. Per correggere la curva
derrore e avvicinarla, nel miglior modo possibile, allasse di zero, il contatore, dispone
di particolari dispositivi, indicati in Figura 4.21.
Laggiustamento delle velocit` a a pieno carico si eettua variando il usso del magnete
freno che attraversa il disco, per mezzo di un sistema meccanico a vite (a). In alternativa,
si pu` o anche ricorrere ad uno shunt magnetico.
Il dispositivo per la regolazione di fase pu` o essere previsto sul circuito magnetico di
corrente o sul circuito magnetico di tensione. Il dispositivo di regolazione posto sul cir-
cuito magnetico di corrente ` e costituito da un piccolo avvolgimento, disposto sul nucleo
dellavvolgimento amperometrico, chiuso su una resistenza variabile, generalmente, un
lo doppio di nichel-cromo, munito di un cursore (b). In questo avvolgimento si indu-
ce una corrente, che tende a modicare la fase del usso amperometrico risultante. Il
Piero Malcovati, Misure Elettriche 109
4. Strumenti Analogici
a) Regolazione Velocit Pieno Carico
b) Regolazione di Fase
c) Regolazione Velocit Piccolo Carico
d) Regolazione Velocit Sovraccarico
e) Fermo di Tensione
Figura 4.21: Dispositivi di taratura in un contatore a induzione
dispositivo di regolazione posto sul circuito magnetico di tensione pu` o essere costituito
da:
un avvolgimento, attraversato da tutto il usso voltmetrico e funzionante in modo
perfettamente analogo a quello descritto per il circuito di corrente;
lamine metalliche, introdotte in traferri presenti sul circuito magnetico (c).
Il dispositivo di regolazione di velocit` a al piccolo carico ` e necessario per compensare
la coppia di attrito, che, per basse velocit` a di rotazione, non ` e pi ` u trascurabile rispetto
alla coppia motrice. Il dispositivo di regolazione produce, in eetti, una piccola coppia
motrice supplementare, facendo reagire col usso voltmetrico le correnti indotte nel disco
da un piccolo usso voltmetrico, derivato dal principale e sfasato rispetto ad esso, come
illustrato in Figura 4.22.
Il dispositivo per la regolazione di velocit` a in sovraccarico ` e necessario, in quanto
i moderni contatori sono sovraccaricabili sino a 3 4 volte il valore nominale di targa.
Esso ` e, generalmente, costituito da uno shunt magnetico saturabile, derivato sul circuito
magnetico della bobina di corrente e formato da due parti, una ssa ed una mobile (d). Le
variazioni della posizione reciproca fra parte ssa e parte mobile regolano lintensit` a del
usso derivato e, quindi, la coppia del contatore nella zona di sovraccarico.
Il dispositivo di regolazione di velocit` a al piccolo carico serve anche per vincere la
coppia dattrito di primo distacco. Poich e il dispositivo di avviamento agisce sul usso
voltmetrico, anche con carico nullo, e, quindi, il disco si metterebbe in rotazione anche in
assenza di energia, i contatori sono muniti di un fermo di tensione, costituito da due sottili
linguette sporgenti, una dallalbero del disco e una dal magnete voltmetrico, che, quando
vengono a trovarsi a distanza ravvicinata, costituiscono un blocco (e).
110 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Figura 4.22: Compensazione della regolazione di velocit` a al piccolo carico in un
contatore a induzione
4. Strumenti Analogici
112 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Capitolo 5
Misure Industriali con Strumenti
Analogici
5.1 Generalit` a
Le misure di tipo industriale sono quelle che si eettuano per il rilievo di grandezze su
apparati, macchine ed impianti, al ne di vericarne le condizioni di funzionamento o la
rispondenza a speciche tecniche. Le misure di tipo industriale consentono, in genere, in-
certezze relativamente pi` u elevate di quelle che si ammettono nelle misure di laboratorio.
Gran parte delle misure sono indirette, in quanto la stima del misurando viene ottenuta
dalla elaborazione delle indicazioni di due o pi ` u strumenti. Le misure industriali posso-
no essere eettuate con strumenti elettromeccanici analogici o con strumenti elettronici
analogici e digitali, con numerose possibili alternative.
Al giorno doggi gli strumenti elettromeccanici analogici tendono a essere rimpiazzati
da strumenti digitali. Tuttavia, le problematiche legate alluso degli strumenti analogici
sono utili per evidenziare aspetti che, con luso di strumenti digitali, si tende a trascurare.
Pertanto, conviene fare riferimento a misure eettuate con strumenti elettromeccanici ana-
logici, considerando che le argomentazioni e i metodi trattati valgono anche per le misure
eettuate con strumenti digitali, bench e alcuni aspetti diventino di secondaria importanza.
5.2 Misure in Corrente Continua
Le misure in corrente continua possono riguardare tensioni, correnti, resistenze e potenze.
Le misure di resistenza e potenza sono indirette in quanto ottenute dalla elaborazione delle
indicazioni di pi ` u strumenti. Nella misure di tensione, corrente, resistenza e potenza in
regime permanente (corrente continua), eseguite utilizzando strumenti magnetoelettrici
(Paragrafo 4.4), si presuppone che loggetto sottoposto a misura sia lineare (indipendente
dal valore delle grandezze in gioco) e non sia polarizzabile (per cui sono escluse misure
su semiconduttori e liquidi).
Piero Malcovati, Misure Elettriche 113
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
V
I
R
r V
0
V
R
V
Figura 5.1: Voltmetro magnetoelettrico con resistenza addizionale
5.2.1 Misure di Tensione
Per la misura di tensioni continue si pu` o ricorrere alluso di un voltmetro indicatore di tipo
magnetoelettrico (Paragrafo 4.4). Poich e la bobina mobile dello strumento ` e realizzata
con lo sottile di rame, la cui resistivit` a ` e funzione della temperatura, in serie alla bobina
viene sempre montato un resistore a lo (Paragrafo 2.4) di materiale avente coeciente di
temperatura trascurabile (manganina) e di valore pi ` u elevato di quello della bobina stessa,
in modo che il valore di fondo scala venga raggiunto con un ben denito valore di tensione
(per esempio 50 mV). La bobina con in serie il resistore in manganina presenta, allora,
una resistenza globale r, che prende il nome di resistenza interna dello strumento ed ` e
dellordine delle decine di ohm.
Se lo strumento deve essere predisposto per misurare tensioni pi ` u elevate di quella de-
terminata da r, si pone in serie ad r una ulteriore resistenza R, detta resistenza addizionale,
secondo lo schema rappresentato in Figura 5.1. Si pu` o allora scrivere la relazione
V = V
0
+ V
R
= (R + r) I
0
=
r + R
r
V
0
. (5.1)
La tensione applicata V ` e legata alla tensione V
0
letta dallo strumento dal coeciente
k
V
=
r + R
r
, (5.2)
che ` e detto potere moltiplicatore della resistenza addizionale.
Per facilitare limpiego dello strumento, allinterno dello stesso sono, spesso, montate
pi ` u resistenze addizionali in serie commutabili, in modo da poter disporre di pi ` u portate
(pi ` u poteri moltiplicatori), come illustrato in Figura 5.2. Normalmente non si superano
per ragioni di sicurezza i 600 V con 3 o 4 portate. Ad ogni portata ` e associata la costante
strumentale k per la quale si deve moltiplicare la lettura per ottenere la grandezza cercata,
data da
k =
Portata
Numero di Divisioni
(5.3)
e, quindi,
V
M
= kV
div
, (5.4)
dove V
div
denota la lettura in divisioni dello strumento.
114 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.2. Misure in Corrente Continua
V
I R
1
R
2
R
3
*
P
1
P
2
P
3
Figura 5.2: Voltmetro magnetoelettrico con diverse portate
I voltmetri magnetoelettrici possono appartenere a classi di precisione anche no a
0.1. Date la classe di precisione dello strumento e la portata, lincertezza tipo che grava
sulla misura si ricava direttamente dalla (4.4) e risulta, quindi,
u (V
M
) =
Classe Portata
100

3
. (5.5)
Lincertezza tipo relativa, ricavata dalla (4.5), ` e, invece, data da
u (V
M
) =
Classe Portata
100

3V
M
. (5.6)
Per determinare lincertezza estesa U (V
M
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
V = V
M
U (V
M
) , (5.7)
dove V
M
` e dato dalla (5.4). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.2.2 Misure di Corrente
Per la misura di correnti continue si possono utilizzare strumenti magnetoelettrici (Para-
grafo 4.4), ma poich e la corrente che pu` o essere sopportata dalla bobina mobile ` e molto
piccola (qualche milliampere), ` e solitamente necessario ricorrere allimpiego di derivatori
(shunt), secondo lo schema di principio di Figura 5.3. La resistenza interna dello strumen-
to r ` e costituita dalla serie della resistenza propria della bobina e di una resistenza a lo
in manganina (Paragrafo 2.4), in modo da rendere r il pi ` u possibile indipendente dalla
temperatura. Si possono scrivere le relazioni
_

_
S I
S
= rI
0
I = I
S
+ I
0
, (5.8)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 115
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
I
S
I
S
r A
I
0
Figura 5.3: Amperometro con derivatore (shunt)
da cui si ricava
I =
r + S
S
I
0
. (5.9)
La corrente da misurare I ` e legata alla corrente I
0
che attraversa lo strumento dal coe-
ciente
k
A
=
r + S
S
, (5.10)
detto potere moltiplicatore dello shunt.
Con larticio descritto, uno stesso strumento pu` o essere impiegato per misurare cor-
renti da pochi milliampere no a diverse migliaia di ampere, precisando che esso deve
essere tarato assieme ai propri shunt. Per facilitare limpiego dello strumento, allinter-
no dello stesso shunt sono, spesso, montate pi` u resistenze in serie commutabili, in modo
da poter disporre di pi ` u portate (pi ` u poteri moltiplicatori), come illustrato in Figura 5.4.
Ad ogni portata ` e associata la costante strumentale k, per la quale si deve moltiplicare la
lettura per ottenere la grandezza cercata, data da
k =
Portata
Numero di Divisioni
(5.11)
e, quindi,
I
M
= kI
div
, (5.12)
dove I
div
denota la lettura in divisioni dello strumento.
La classe di precisione di un amperometro magnetoelettrico pu` o essere elevata (classe
0.1 o 0.2). Date la classe di precisione dello strumento e la portata, lincertezza tipo che
grava sulla misura si ricava direttamente dalla (4.4) e risulta, quindi,
u (I
M
) =
Classe Portata
100

3
. (5.13)
Lincertezza tipo relativa, ricavata dalla (4.5), ` e, invece, data da
u (I
M
) =
Classe Portata
100

3I
M
. (5.14)
Per determinare lincertezza estesa U (I
M
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo opportu-
namente il livello di condenza e il fattore di copertura. Bisogna porre attenzione agli
116 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.2. Misure in Corrente Continua
I
S
3
*
A
S
2
S
1
P
1
P
2
P
3
Figura 5.4: Amperometro magnetoelettrico con derivatore (shunt) a pi` u portate
eetti delle connessioni tra shunt e strumento, che possono incidere sulla accuratezza
della misura, se la loro resistenza non ` e trascurabile rispetto a quella interna dello stru-
mento (che ` e solitamente dellordine di qualche ohm). In tal caso, la misura risulta aetta
da errore sistematico (di segno noto, si misura in meno), ma non denito in ampiezza.
Di conseguenza, risulta aumentata lincertezza che grava sulla misura. Il risultato della
misurazione sar` a, quindi,
I = I
M
U (I
M
) , (5.15)
dove I
M
` e dato dalla (5.12). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.2.3 Misure di Resistenza
Uno dei metodi pi ` u semplici per eettuare misure di resistenza ` e il metodo voltampero-
metrico, che prevede limpiego di due strumenti magnetoelettrici (Paragrafo 4.4), un volt-
metro e un amperometro. Si possono realizzare in alternativa i due schemi rappresentati
in Figura 5.5.
Si consideri per primo lo schema che prevede linserzione del voltmetro a valle del-
lamperometro. Risulta immediato constatare che, mentre il voltmetro ` e alimentato esat-
tamente dalla tensione ai capi delloggetto R
U
, del quale si vuole determinare il valore di
resistenza, la corrente misurata dallamperometro ` e la somma di quella che circola nellu-
tilizzatore e di quella assorbita dal voltmetro (autoconsumo). Nella misura di corrente si
commette, quindi, un errore di tipo sistematico dovuto allautoconsumo del voltmetro. Si
possono, infatti, scrivere le relazioni
_

_
V
M
= V
U
I
M
= I
U
+ I
V
. (5.16)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 117
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
A
V
V
U
V
I
M
R
A
R
V
A
V
V
I
M
I
U
I
V
R
A
R
V
R
U
V
M
V
A
V
M
V
U
R
U
Figura 5.5: Misura di resistenza con metodo voltamperometrico
La resistenza incognita R
U
` e data da
R
U
=
V
U
I
U
, (5.17)
mentre, invece, si misura la resistenza R
M
data da
R
M
=
V
U
I
M
=
V
U
I
U
+ I
V
. (5.18)
Quindi, essendo
I
U
< I
M
, (5.19)
appare evidente che si commette un errore sistematico di segno negativo (si misura in
meno). Lerrore ` e tanto minore, quanto minore ` e il valore di I
V
. In pratica, invece di R
U
,
si misura il parallelo tra R
V
(resistenza interna del voltmetro, R
V
= V
U
/I
V
) e R
U
, per cui
il valore di resistenza incognito risulta
R
U
=
R
V
R
M
R
V
R
M
. (5.20)
Si osservi che, se R
V
, si ottiene R
U
= R
M
.
In modo analogo si pu` o trattare il caso del circuito con lamperometro a valle del volt-
metro. Risulta immediato constatare che, mentre lamperometro ` e percorso esattamente
dalla corrente che uisce nelloggetto R
U
, del quale si vuole determinare il valore di resi-
stenza, la tensione ai capi del voltmetro ` e la somma di quella ai capi dellutilizzatore e del-
la caduta di tensione sullamperometro (autoconsumo). Nella misura di tensione si com-
mette, quindi, un errore di tipo sistematico dovuto allautoconsumo dellamperometro. Si
possono scrivere le relazioni
_

_
V
M
= V
U
+ V
A
I
M
= I
U
. (5.21)
118 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.2. Misure in Corrente Continua
La resistenza misurata risulta, quindi,
R
M
=
V
U
I
M
=
V
U
+ V
A
I
U
= R
U
+ R
A
, (5.22)
dove R
A
= V
A
/I
U
` e la resistenza interna dellamperometro. Si osservi che, se R
A
0, si
ottiene R
U
= R
M
. Il valore della resistenza incognita ` e dato da
R
U
= R
M
R
A
. (5.23)
Lerrore sistematico dovuto allautoconsumo dellamperometro ` e positivo (si misura in
pi ` u). Esso ` e tanto minore, quanto pi` u piccolo ` e il valore di R
A
rispetto a quello della
resistenza da misurare.
La scelta dello schema da utilizzare non ` e arbitraria e ci si deve orientare verso lo sche-
ma con voltmetro a valle per la misura delle resistenze di basso valore (sotto i 10 ) e allo
schema con amperometro a valle per la misura di resistenze elevate (oltre i 1000 ). Nel
campo intermedio, possono essere valide entrambe le alternative. Si osserva, inne, che,
se si eettua la misura senza correggere lerrore sistematico, ` e come se si operasse con
strumenti di classe inferiore, in quanto lerrore sistematico viene, in pratica, inglobato in
quello attribuito al caso, aumentando quindi lincertezza. In ogni occasione, ` e necessario
valutare lopportunit` a o meno di eettuare la correzione dellerrore sistematico. Lincer-
tezza che grava sulla stima della resistenza del misurando deve essere valutata in base alle
incertezze tipo relative a tensione e corrente, determinando, quindi, lincertezza composta
con le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3.
In particolare, assumendo come modello del misurando
R
U
=
V
M
I
M
, (5.24)
ovvero trascurando, in quanto praticamente ininuente per il calcolo dellincertezza, il
termine di correzione dellerrore sistematico, lincertezza tipo relativa sulla misura di
resistenza risulta
u (R
U
) =
_
u (V
M
)
2
+ u (I
M
)
2
, (5.25)
dove u (V
M
) e u (I
M
) sono date, rispettivamente, dalla (5.6) e dalla (5.14). Lincertezza
tipo assoluta risulta, quindi,
u (R
U
) = u (R
U
) R
U
. (5.26)
Per determinare lincertezza estesa U (R
U
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
R = R
U
U (R
U
) , (5.27)
dove R
U
` e dato dalla (5.20) o dalla (5.23), a seconda dello schema utilizzato. Per deter-
minare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato, occorre
seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 119
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
R
x
R
k
I I
V V
V
k
V
x
Figura 5.6: Misura di resistenza con metodo del confronto
Una variante del metodo voltamperometrico, particolarmente adatta per la misura di
resistenze di valore ridotto, ` e il cosiddetto metodo del confronto, basato sullo schema
riportato in Figura 5.6. Questo metodo si basa sul confronto tra le cadute di tensione pro-
vocate dal resistore incognito R
x
e da un resistore campione R
k
, dotati di quattro terminali
(due di tensione e due di corrente), collegati in serie fra loro attraverso i terminali di cor-
rente e facenti capo alla sorgente di alimentazione. Ai terminali di tensione di questi due
resistori sono connessi due voltmetri, che misurano le cadute di tensione V
x
e V
k
ai capi,
rispettivamente, di R
x
e R
k
. Considerando che le resistenze sono connesse in serie, vale la
relazione
V
x
R
x
=
V
k
R
k
, (5.28)
da cui si ricava
R
x
=
V
x
V
k
R
k
. (5.29)
Un resistore variabile viene generalmente inserito nel circuito in serie alla sorgente di
alimentazione: esso funge da regolatore della corrente che circola attraverso R
x
e R
k
, dato
che si tratta, in genere, di resistenze molto basse. Compatibilmente con lesigenza di non
provocare un riscaldamento di questi due resistori, la corrente deve essere mantenuta al
valore pi ` u elevato possibile, poich e in tal modo sono maggiori le cadute di tensione su
R
x
e R
k
, che, come si ` e visto, sono le grandezze che vengono valutate dai voltmetri. Si
noti che V
x
e V
k
e, quindi, la misura di resistenza risultano, in prima approssimazione,
indipendenti dalle resistenze di contatto, in quanto attraverso i terminali di tensione di
R
x
e R
k
uiscono correnti estremamente ridotte (molto minori della corrente I che uisce
attraverso i terminali di corrente).
Lincertezza tipo relativa sulla misura di resistenza risulta
u (R
x
) =
_
u (V
x
)
2
+ u (V
k
)
2
+ u (R
k
)
2
, (5.30)
dove u (V
x
) e u (V
k
) sono date dalla (5.6), mentre u (R
k
) ` e lincertezza tipo relativa della re-
sistenza campione. Laccuratezza di R
k
viene, normalmente, espressa in termine di classe
120 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.2. Misure in Corrente Continua
di precisione (data in percentuale) con distribuzione rettangolare. Pertanto, lincertezza
tipo di R
k
` e data da
u (R
k
) =
Classe
100

3
. (5.31)
Lincertezza tipo assoluta sulla misura di resistenza risulta, quindi,
u (R
x
) = u (R
x
) R
x
. (5.32)
Per determinare lincertezza estesa U (R
x
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
R = R
x
U (R
x
) , (5.33)
dove R
x
` e dato dalla (5.29). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.2.4 Misure di Potenza
Uno dei metodi pi ` u comuni per eettuare misure di potenza in circuiti in corrente continua
prevede limpiego di un voltmetro e di un amperometro magnetoelettrici (Paragrafo 4.4).
Si possono realizzare in alternativa i due schemi rappresentati in Figura 5.5.
Si consideri per primo lo schema che prevede linserzione del voltmetro a valle del-
lamperometro. La potenza da misurare ` e data da
P
U
= V
U
I
U
. (5.34)
Considerando che valgono la (5.16) e la (5.34), la potenza misurata risulta
P
M
= V
U
I
M
= V
U
(I
U
+ I
V
) = P
U
+
V
2
U
R
V
, (5.35)
nella quale R
V
denota la resistenza interna del voltmetro. Appare evidente che lerrore
sistematico ` e positivo (si misura in pi ` u) ed ` e tanto minore, quanto pi` u elevato ` e il valore
di R
V
(il voltmetro ideale ` e quello con R
V
). Lerrore sistematico pu` o essere corretto,
se ` e nota R
V
, tramite la relazione
P
U
= P
M

V
2
U
R
V
. (5.36)
In modo analogo, si pu` o trattare il caso del circuito con lamperometro a valle del volt-
metro. Considerando che valgono la (5.21) e la (5.34), la potenza misurata ` e data da
P
M
= V
M
I
U
= (V
U
+ V
A
) I
U
= P
U
+ I
2
U
R
A
, (5.37)
nella quale R
A
denota la resistenza interna dellamperometro. Lerrore sistematico che si
commette ` e positivo (si misura in pi` u) ed ` e tanto minore, quanto pi ` u piccolo ` e il valore
Piero Malcovati, Misure Elettriche 121
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
di R
A
(lamperometro ideale ` e quello con R
A
0). Il valore della potenza misurata pu` o
essere corretto, se ` e nota R
A
, tramite la relazione
P
U
= P
M
I
2
U
R
A
. (5.38)
Lincertezza che grava sulla stima della potenza deve essere valutata in base alle in-
certezze tipo relative a tensione e corrente, determinando, quindi, lincertezza composta
con le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3.
In particolare, assumendo come modello del misurando
P
U
= V
M
I
M
, (5.39)
ovvero trascurando, in quanto praticamente ininuente per il calcolo dellincertezza, il
termine di correzione dellerrore sistematico, lincertezza tipo relativa sulla misura di
potenza risulta
u (P
U
) =
_
u (V
M
)
2
+ u (I
M
)
2
, (5.40)
dove u (V
M
) e u (I
M
) sono date, rispettivamente, dalla (5.6) e dalla (5.14). Lincertezza
tipo assoluta risulta, quindi,
u (P
U
) = u (P
U
) P
U
. (5.41)
Per determinare lincertezza estesa U (P
U
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
P = P
U
U (P
U
) , (5.42)
dove P
U
` e dato dalla (5.36) o dalla (5.38), a seconda dello schema utilizzato. Per deter-
minare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato, occorre
seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.3 Misure di Tensione in Corrente Alternata
Di una tensione alternata presentano signicato tre valori: il valore ecace, il valore
medio sul semiperiodo e il valore di cresta (o valore massimo), la cui importanza varia a
seconda del fenomeno in esame. I rapporti tra i tre valori citati, se la forma donda della
tensione ` e sinusoidale, assumono valori costanti e deniti. Infatti, valgono le relazioni
V
C
=

2V e V
m
=
2

V, (5.43)
essendo
V il valore ecace;
V
C
il valore di cresta o valore massimo, V/V
C
= 1/

2 0.707 ` e detto fattore di


cresta;
V
m
il valore medio sul semiperiodo, V/V
m
= /
_
2

2
_
1.11 ` e detto fattore di
forma.
122 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.3. Misure di Tensione in Corrente Alternata
V
i
V
u
V
T
e
n
s
i
o
n
e
Tempo
V
i
Vu
Figura 5.7: Voltmetro sensibile al valore medio sul semiperiodo di una tensione
alternata
Per misurare il valore ecace di tensioni alternate (sinusoidali o meno) si pu` o ricorre-
re a strumenti indicatori di tipo elettromagnetico (Paragrafo 4.5). Analogamente a quanto
esposto per le misure in corrente continua (Paragrafo 5.2.1), alla parte fondamentale dello
strumento vengono aggiunte resistenze addizionali per ottenere pi ` u portate (e quindi pi ` u
costanti). Lo schema che si impiega ` e lo stesso di Figura 5.2. Le portate tipiche variano
da alcune decine ad alcune centinaia di volt. Per misurare tensioni pi` u elevate si pu` o ri-
correre alla interposizione di un TVI o di un TVC (descritti nel Capitolo 9). Le tipiche
classi di precisione sono 0.2 e 0.5.
Per misurare il valore medio sul semiperiodo di tensioni alternate (il valore medio di
una grandezza alternata esteso ad un intero periodo ` e nullo per denizione), si pu` o ricor-
rere alluso di uno strumento magnetoelettrico (Paragrafo 4.4), preceduto da un raddrizza-
tore. Lo schema di principio ` e illustrato in Figura 5.7. Per eetto del raddrizzatore, nella
bobina mobile dello strumento magnetoelettrico uisce una corrente unidirezionale perio-
dica, per cui, se la pulsazione di risonanza dellequipaggio mobile
0
, denita dalla (4.7),
` e notevolmente pi` u bassa della pulsazione della tensione da misurare ( = 2f ), la devia-
zione dellindice risulta proporzionale al valore medio sul semiperiodo della tensione in
ingresso (V
m
). Infatti,
V
m
=
2
T
_
T/2
0
V
C
sin (t) dt, (5.44)
dove V
C
` e il valore di cresta della tensione, T = 2/ il periodo e t il tempo. Sugli stru-
menti concepiti per misurare il valore medio sul semiperiodo della tensione, la scala ` e di
solito tracciata tenendo conto del fattore di forma /
_
2

2
_
relativo ad unonda sinusoi-
dale, in modo che la lettura dello strumento corrisponda al valore ecace della tensione
sinusoidale che ha valore medio sul semiperiodo uguale a quello della tensione misura-
ta (taratura in valore ecace). La presenza dei raddrizzatori fa s` che questi strumenti
abbiano classe di precisione non migliore di 0.5.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 123
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
V
i
V
u
I
i
= I
d
V
d
C
V
Figura 5.8: Voltmetro sensibile al valore di cresta di una tensione alternata
Il valore di cresta di una tensione alternata pu` o essere misurato, sotto certe condizio-
ni, ancora con uno strumento magnetoelettrico (Paragrafo 4.4), utilizzando lo schema di
Figura 5.8. Un condensatore, connesso alla tensione di ingresso V
i
attraverso un diodo,
tende a caricarsi al valore di cresta di V
i
(a meno della caduta di tensione V
d
dul dio-
do). Considerando la resistenza interna R dello strumento magnetoelettrico e la capacit` a
C del condensatore, se il prodotto RC risulta notevolmente superiore alla durata del pe-
riodo T = 1/ f = 2/ di V
i
, il condensatore si scarica poco durante il tempo in cui la
tensione non ` e al valore di cresta. Di conseguenza, lindicazione dello strumento risulta
praticamente proporzionale al valore di cresta stesso.
Per la determinazione dellincertezza tipo che grava su una misura di tensione in cor-
rente alternata, data la classe di precisione dello strumento utilizzato, valgono la (5.5) e la
(5.6). Per determinare lincertezza estesa U (V
M
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo op-
portunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
V = V
M
U (V
M
) . (5.45)
Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato,
occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.4 Misure di Corrente in Corrente Alternata
Per la misura delle correnti alternate ` e, in generale, richiesto il valore ecace I, per cui si
pu` o ricorrere allimpiego di strumenti elettromagnetici (Paragrafo 4.5). Negli amperome-
tri elettromagnetici, la bobina viene realizzata con poche spire di sezione relativamente
elevata. Molte volte la bobina ` e suddivisa in due parti uguali che possono essere collegate
in serie o in parallelo, per ottenere cos` uno strumento con due portate, come schema-
ticamente indicato in Figura 5.9. Gli amperometri elettromagnetici hanno normalmente
portate non superiori a 10 A. Per misurare correnti pi ` u elevate si pu` o ricorrere alla inter-
posizione di un TA (descritto nel Capitolo 9), in quanto luso di shunt non ` e possibile per
la presenza di parametri non puramente ohmici. Per misure di laboratorio no a 500 Hz,
sono abbastanza diusi amperometri elettromagnetici in classe 0.2 e 0.5.
Per la determinazione dellincertezza tipo che grava su una misura di corrente in cor-
rente alternata, data la classe di precisione dello strumento utilizzato, valgono la (5.13)
124 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.5. Misure di Potenza in Sistemi Monofase in Regime Sinusoidale
I
I
I
I
Connessione in Serie Connessione in Parallelo
I I
I/2
I/2
Figura 5.9: Amperometro elettromagnetico con due portate
e la (5.14). Per determinare lincertezza estesa U (I
M
), si ricorre poi alla (1.49), sce-
gliendo opportunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della
misurazione sar` a, quindi,
I = I
M
U (I
M
) . (5.46)
Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato,
occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.5 Misure di Potenza in Sistemi Monofase in Regime
Sinusoidale
In un circuito monofase in regime sinusoidale, la potenza istantanea (p) ` e uguale al
prodotto dei valori istantanei di tensione (v) e corrente (i),
p = vi = V
C
sin (t) I
C
sin (t + ) , (5.47)
nella quale V
C
e I
C
sono i valori di cresta delle grandezze in gioco, la pulsazione,
langolo di sfasamento esistente tra le due grandezze (ritardo della corrente sulla tensione)
e t il tempo. Sviluppando il prodotto, si ottiene la relazione
p = VI cos () + VI sin (2t + ) , (5.48)
nella quale V e I rappresentano, rispettivamente, i valori ecaci di tensione e corrente.
Dalla (5.48) si rileva che la potenza istantanea ` e formata da un termine costante
VI cos () e da un termine sinusoidale con pulsazione doppia VI sin (2t + ). La po-
tenza attiva P ` e, per denizione, il valore medio di p sul periodo, ovvero il primo termine
della (5.48), in quanto il secondo termine ha valore medio sul periodo nullo. Risulta,
pertanto,
P = VI cos () . (5.49)
Gli andamenti nel tempo della potenza istantanea e della potenza media sono rappresentati
Figura 5.10.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 125
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
T
e
n
s
i
o
n
e
,

C
o
r
r
e
n
t
e
,

P
o
t
e
n
z
a
Tempo
v
i
p
P
T
v
= T
i
= 2 T
p
Figura 5.10: Andamenti della potenza istantanea e della potenza media in funzione del
tempo
5.5.1 Misure di Potenza Attiva
Lo strumento analogico classico per la misura della potenza attiva ` e il wattmetro elet-
trodinamico, che fornisce una indicazione proporzionale al valore medio della potenza
istantanea (Paragrafo 4.6). Alla bobina ssa viene inviata la corrente (amperometrica),
mentre la bobina mobile ` e sottoposta alla tensione (voltmetrica). La Figura 5.11 illustra
le due possibili inserzioni. I wattmetri da laboratorio hanno solitamente la bobina am-
perometrica realizzata con poche spire di sezione relativamente elevata, suddivisa in due
parti uguali, che possono essere messe in serie o parallelo (due portate amperometriche).
La bobina voltmetrica ` e invece costituita da molte spire di sezione ridotta, associate alla
V
I
U
R
V
W
U V
U
R
A
V
I
U
R
V
W
U V
U
R
A
I I
Figura 5.11: Possibili inserzioni del wattmetro per misure di potenza attiva in sistemi
monofase
126 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.5. Misure di Potenza in Sistemi Monofase in Regime Sinusoidale
quale vi sono pi ` u resistenze addizionali (pi ` u portate voltmetriche). Ad ogni combinazio-
ne tra le portate amperometrica e voltmetrica corrisponde una portata wattmetrica, data
dal prodotto tra la portata amperometrica e la portata voltmetrica. La costante (k) dello
strumento ` e determinata dal rapporto tra la portata wattmetrica e il numero delle divisioni
della scala
k =
Portata
Numero di Divisioni
. (5.50)
La potenza attiva misurata ` e, quindi, data da
P
M
= kP
div
, (5.51)
dove P
div
denota la lettura in divisioni dello strumento.
La misura eettuata con il wattmetro ` e aetta da errore sistematico, la cui entit` a dipen-
de dallautoconsumo dello strumento e il cui segno ` e sempre positivo (si misura sempre
in pi` u). Con riferimento alla Figura 5.11, nel caso in cui la voltmetrica ` e derivata a valle
dellamperometrica, si pu` o osservare, in analogia con quanto esposto a proposito delle
misure in corrente continua (Paragrafo 5.2.4), che la tensione applicata allo strumento
` e esattamente quella esistente ai morsetti dellutilizzatore, mentre la corrente che ui-
sce nello strumento comprende anche la quota parte assorbita dalla bobina voltmetrica.
Il wattmetro misura, quindi, una potenza (P
M
) pi ` u grande di quella realmente assorbita
dallutilizzatore (P
U
), secondo la relazione
P
M
= P
U
+
V
2
U
R
V
, (5.52)
con un errore sistematico relativo dato da

%
= 100
V
2
U
/R
V
P
U
. (5.53)
Il valore di P
U
si pu` o trovare immediatamente, se ` e noto il valore di R
V
(correzione
dellerrore sistematico), utilizzando la relazione
P
U
= P
M

V
2
U
R
V
. (5.54)
Analogamente, si pu` o trattare lo schema che prevede lamperometrica inserita a valle
della voltmetrica. Anche in questo caso il wattmetro misura in pi ` u, secondo la relazione
P
M
= P
U
+ I
2
U
R
A
, (5.55)
con un errore sistematico relativo dato da

%
= 100
I
2
U
R
A
P
U
. (5.56)
Lerrore sistematico pu` o essere corretto, se si conosce il valore di R
A
, utilizzando la
relazione
P
U
= P
M
I
2
U
R
A
. (5.57)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 127
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
V
I

I
V

Figura 5.12: Diagramma vettoriale relativo a misure di potenza attiva in sistemi


monofase
Si noti che, a dierenza di R
V
, la resistenza R
A
non ` e indipendente dalla temperatura,
in quanto la bobina amperometrica ` e realizzata in rame. Si deve, inne, osservare che
la (5.54) e la (5.57) sono sempre valide anche quando, ad esempio, nel circuito sono in
gioco potenze reattive.
Unaltra causa di errore sistematico, che ` e per` o di dicile valutazione, ` e dovuta al
fatto che il circuito voltmetrico non ` e puramente resistivo (prevale in genere leetto in-
duttivo della bobina voltmetrica), per cui la corrente nello stesso non ` e perfettamente in
fase con la tensione. Un altro parametro, che pu` o portare a errori dello stesso tipo, ` e la
mutua induttanza esistente tra le due bobine. Anche se nella costruzione degli strumenti si
fa in modo di ridurre al minimo queste sorgenti di errore, si deve considerare, in linea ge-
nerale, la situazione rappresentata dal diagramma vettoriale di Figura 5.12. Prescindendo
dagli autoconsumi, la potenza misurata risulta
P
M
= VI cos ( ) , (5.58)
essendo langolo tra la tensione applicata alla voltmetrica e la relativa corrente. Svilup-
pando, si ottiene
P
M
= VI cos () cos () + VI sin () sin () . (5.59)
Essendo langolo molto piccolo, si pu` o assumere cos () = 1, per cui, semplicando, si
ricava
P
M
= VI cos () + VI sin () sin () = P
U
_
1 + tan () sin ()
_
. (5.60)
Lerrore sistematico percentuale risulta, quindi,

%
= 100
P
M
P
U
P
U
= 100 tan () sin () . (5.61)
128 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.5. Misure di Potenza in Sistemi Monofase in Regime Sinusoidale
Lerrore sistematico che si commette non dipende solo dallo strumento ma anche dalle
caratteristiche del circuito (sarebbe nullo per = 0 e innito per = 90

). Risulta,
pertanto, che le misure a basso fattore di potenza possono risultare critiche per quanto
riguarda laccuratezza raggiungibile. Ad esempio, per cos() = 0.05 si ha
tan ()
1
cos ()
= 20. (5.62)
Se lerrore proprio di fase del wattmetro fosse pari a 0.002 rad (0.2 crad), lerrore si-
stematico sulla misura di potenza sarebbe pari al 4% (di valore positivo se il misurando
` e induttivo, negativo se ` e capacitivo). Poich e il valore di non ` e noto e non ` e neppure
costante, ` e impossibile procedere alla correzione dei risultati, per cui il problema nisce
per ricadere nella valutazione dellincertezza da associare al risultato della misurazione.
Si deve anche rilevare che per bassi valori di cos (), la deviazione dellindice dello
strumento, date le portate voltmetrica e amperometrica, risulta molto ridotta, per cui ler-
rore relativo dello strumento, , dato dalla (4.3), risulta elevato. Assumendo di avere valo-
ri di tensione e corrente pari, rispettivamente, alle portate voltmentrica e amperometrica,
risulta
=
Classe
100 cos ()
. (5.63)
Per ovviare a questo inconveniente, si pu` o ricorrere alluso di wattmetri per basso cos (),
che sono strumenti pi ` u pregiati, nei quali la coppia antagonista ` e ridotta, in modo che
la portata wattmetrica dello strumento sia pure ridotta, mantenendo inalterate le portate
voltmetrica e amperometrica. Ad esempio, un wattmetro per cos () = 0.2 si porta a
fondo scala con una potenza attiva pari a 1/5 di quella corrispondente al prodotto VI,
essendo V la portata voltmetrica e I quella amperometrica. La portata wattmetrica di un
wattmetro per un dato cos () risulta, quindi, VI cos (). Il valore di cos (), se diverso da
1, ` e normalmente indicato sullo strumento.
I wattmetri elettrodinamici possono appartenere a classi di precisione anche no a
0.1. Date la classe di precisione dello strumento e la portata, trascurando, in quanto
praticamente ininuente, il termine di correzione dellerrore sistematico, lincertezza tipo
che grava sulla misura si ricava direttamente dalla (4.4) e risulta, quindi,
u (P
U
) = u (P
M
) =
Classe Portata
100

3
. (5.64)
Lincertezza tipo relativa, ricavata dalla (4.5), ` e, invece, data da
u (P
U
) = u (P
M
) =
Classe Portata
100

3P
U
. (5.65)
Per determinare lincertezza estesa U (P
U
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
P = P
U
U (P
U
) , (5.66)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 129
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
V
var
U
I
V
var
U
I
Figura 5.13: Schema di inserzione di un varmetro monofase
A
V
V
U
V
R
A
R
V
R
A,W
R
V,W
A
W
V
V
W
I
V
M
U
I
M
I
M
V
M
U V
U
U
I
U
Figura 5.14: Schemi per la misura della potenza reattiva in sistemi monofase in regime
sinusoidale
dove P
U
` e dato dalla (5.54) o dalla (5.57), a seconda dello schema di inserzione utilizzato.
Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato,
occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.5.2 Misure di Potenza Reattiva
Quando le grandezze sono sinusoidali, la determinazione della potenza reattiva potrebbe
essere, in linea di principio, eettuata ricorrendo ad un varmetro (Paragrafo 4.6), inserito
secondo uno degli schemi illustrati in Figura 5.13. Tuttavia, gli artici circuitali utilizzati
per realizzare un varmetro di questo tipo garantiscono una misura corretta solo per una
ben determinata frequenza.
Pertanto, generalmente, la determinazione della potenza reattiva Q viene eettuata
per via indiretta, utilizzando uno degli schemi indicati in Figura 5.14, ed elaborando le
indicazioni di wattmetro, amperometro e voltmetro (sono quindi necessari tre strumenti).
Con entrambi gli schemi, la potenza reattiva risulta data da
Q
U
=
_
(V
M
I
M
)
2
P
2
M
, (5.67)
130 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.5. Misure di Potenza in Sistemi Monofase in Regime Sinusoidale
A
V
V
U
V
R
A
A
V
V
I
V
M
U
I
M
I
M
V
M
U V
U
U
I
U
Figura 5.15: Schemi per la misura della potenza apparente in sistemi monofase in
regime sinusoidale
dove P
M
` e la potenza attiva fornita dal wattmetro, mentre V
M
e I
M
sono, rispettivamen-
te, la tensione misurata dal voltmetro e la corrente misurata dallamperometro. Questa
misurazione non ` e aetta da errori sistematici dovuti agli autoconsumi, in quanto essi
contribuiscono solo alla potenza attiva.
Lincertezza che grava sulla misura della potenza reattiva deve essere valutata in
base alle incertezze tipo relative a tensione, corrente e potenza, determinando, quindi,
lincertezza composta con le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3.
In particolare, assumendo come modello del misurando la (5.67) lincertezza tipo
assoluta sulla misura di potenza reattiva risulta
u (Q
U
) =
_
P
2
M
u (P
M
)
2
V
2
M
I
2
M
P
2
M
+
I
4
M
V
2
M
u (V
M
)
2
V
2
M
I
2
M
P
2
M
+
V
4
M
I
2
M
u (I
M
)
2
V
2
M
I
2
M
P
2
M
, (5.68)
dove u (V
M
), u (I
M
) e u (P
M
) sono date, rispettivamente, dalla (5.5), dalla (5.13) e dalla
(5.64). Per determinare lincertezza estesa U (Q
U
), si ricorre poi alla (1.49), sceglien-
do opportunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della
misurazione sar` a, quindi,
Q = Q
U
U (Q
U
) . (5.69)
Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato,
occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.5.3 Misure di Potenza Apparente
Poich e non esiste uno strumento analogico capace di fornire direttamente la potenza ap-
parente S , occorre utilizzare uno degli schemi indicati in Figura 5.15. La grandezza da
misurare viene ottenuta dal prodotto delle indicazioni di voltmetro (V
M
) e amperometro
(I
M
),
S
M
= V
M
I
M
. (5.70)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 131
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
In linea di principio, questa misurazione ` e aetta da errore sistematico. In molti casi,
tuttavia, lerrore sistematico non viene corretto, in quanto la potenza apparente presenta
importanza notevolmente ridotta rispetto alla potenza attiva.
Per poter correggere lerrore sistematico nella misura di potenza apparente, occorre
conoscere langolo di sfasamento tra tensione e corrente delloggetto sotto misura, ovvero,
occorre misurare anche la potenza attiva e la potenza reattiva, ricorrendo a uno degli
schemi indicati in Figura 5.14. La potenza attiva corretta, in questo caso, a seconda dello
schema di inserzione utilizzato, ` e data da
P
U
= P
M

V
2
U
R
V

V
2
U
R
V,W
, (5.71)
dove R
V
e R
V,W
sono, rispettivamente, le resistenze interne del voltmetro e delle voltme-
triche del wattmetro, oppure
P
U
= P
M
I
2
U
R
A
I
2
U
R
A,W
, (5.72)
dove R
A
e R
A,W
sono, rispettivamente, le resistenze interne dellamperometro e delle
amperometriche del wattmetro. La potenza apparente corretta ` e, quindi, data da
S
U
=
_
P
2
U
+ Q
2
U
, (5.73)
dove Q
U
` e la potenza reattiva data dalla (5.67). Nel caso in cui si utilizzi linserzione
con le voltmetriche del wattmetro e il voltmetro inseriti a valle dellamperometro e delle
amperometriche del wattmetro, la tensione misurata ` e eettivamente la tensione ai capi
dellutilizzatore (V
U
= V
M
), mentre la corrente che uisce nellutilizzatore ` e data da
I
U
=
S
U
V
M
, (5.74)
dove S
U
` e data dalla (5.73). Invece, nel caso in cui si utilizzi linserzione con le volt-
metriche del wattmetro e il voltmetro inseriti a monte dellamperometro e delle ampe-
rometriche del wattmetro, la corrente misurata ` e eettivamente la corrente che uisce
nellutilizzatore (I
U
= I
M
), mentre la tensione ai capi dellutilizzatore ` e data da
V
U
=
S
U
I
M
, (5.75)
dove S
U
` e ancora data dalla (5.73).
Lincertezza che grava sulla misura di potenza apparente deve essere valutata come
incertezza composta con le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3. In particolare, assumendo
come modello del misurando
S
U
= V
M
I
M
, (5.76)
ovvero trascurando, in quanto praticamente ininuente per il calcolo dellincertezza, il
termine di correzione dellerrore sistematico, lincertezza tipo relativa sulla misura di
potenza apparente risulta
u (S
U
) =
_
u (V
M
)
2
+ u (I
M
)
2
, (5.77)
132 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.5. Misure di Potenza in Sistemi Monofase in Regime Sinusoidale
dove u (V
M
) e u (I
M
) sono date, rispettivamente, dalla (5.6) e dalla (5.14). Lincertezza
tipo assoluta risulta, quindi,
u (S
U
) = u (S
U
) S
U
. (5.78)
Per determinare lincertezza estesa U (S
U
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
S = S
U
U (S
U
) , (5.79)
dove S
U
` e dato dalla (5.73). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.5.4 Misure di Fattore di Potenza
Per la misura del fattore di potenza, occorre utilizzare uno degli schemi di Figura 5.14,
utilizzando le indicazioni di wattmetro (P
M
), amperometro (I
M
) e voltmetro (V
M
). In
questo caso, il fattore di potenza ` e dato da
cos (
M
) =
P
M
S
M
=
P
M
V
M
I
M
. (5.80)
Questa misura ` e aetta da errore sistematico, per via degli autoconsumi degli strumenti.
Il fattore di potenza corretto, utilizzando la (5.73) e la (5.71) o la (5.72), a seconda dello
schema di inserzione utilizzato, risulta dato da
cos (
U
) =
P
U
S
U
. (5.81)
Lincertezza che grava sulla misura di fattore di potenza deve essere valutata come
incertezza composta con le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3. In particolare, assumendo
come modello del misurando
cos (
U
) =
P
M
V
M
I
M
, (5.82)
ovvero trascurando, in quanto praticamente ininuente per il calcolo dellincertezza, il
termine di correzione dellerrore sistematico, lincertezza tipo relativa sulla misura di
fattore di potenza risulta
u
_
cos (
U
)
_
=
_
u (V
M
)
2
+ u (I
M
)
2
+ u (P
M
)
2
, (5.83)
dove u (V
M
), u (I
M
) e u (P
M
) sono date, rispettivamente, dalla (5.6), dalla (5.14) e dalla
(5.65). Lincertezza tipo assoluta risulta, quindi,
u
_
cos (
U
)
_
= u
_
cos (
U
)
_
cos (
U
) . (5.84)
Per determinare lincertezza estesa U
_
cos (
U
)
_
, si ricorre poi alla (1.49), scegliendo op-
portunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
cos () = cos (
U
) U
_
cos (
U
)
_
, (5.85)
dove cos (
U
) ` e dato dalla (5.81). Per determinare il numero di cifre signicative da utiliz-
zare nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 133
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
5.5.5 Misure di Potenza in Funzione della Tensione o della Corrente
Le misure di potenza, soprattutto in ambito industriale, vengono spesso richieste in fun-
zione della tensione (pi ` u frequentemente) o della corrente (pi` u raramente), ovvero, si ri-
chiede di misurare le potenze (attiva, reattiva e apparente) assorbite da un utilizzatore per
un certo valore di tensione o di corrente. In questo caso, la misura pu` o essere comunque
eettuata utilizzando uno degli schemi di inserzione riportati in Figura 5.14, ma i risultati
devono poi essere riportati al valore di tensione (V
R
) o di corrente (I
R
) di riferimento.
Nel caso in cui la grandezza di riferimento sia la tensione, i valori della potenza attiva,
apparente e reattiva, riportati alla tensione V
R
, sono, rispettivamente, dati da
P
R
= P
U
V
2
R
V
2
U
, (5.86)
S
R
= S
U
V
2
R
V
2
U
, (5.87)
Q
R
= Q
U
V
2
R
V
2
U
, (5.88)
dove V
U
` e la tensione misurata dal voltmetro oppure la tensione corretta, data dalla (5.75),
a seconda dello schema di inserzione utilizzato, P
U
` e la potenza attiva corretta, data dalla
(5.71) o dalla (5.72), a seconda dello schema di inserzione utilizzato, S
U
` e la potenza ap-
parente corretta, data dalla (5.73) e Q
U
` e la potenza reattiva, data dalla (5.67). Utilizzando
le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3 e assumendo come modelli del misurandi
P
R
= P
M
V
2
R
V
2
M
, (5.89)
S
R
= S
M
V
2
R
V
2
M
, (5.90)
Q
R
= Q
U
V
2
R
V
2
M
, (5.91)
ovvero trascurando, in quanto praticamente ininuenti per il calcolo dellincertezza, i ter-
mini di correzione dellerrore sistematico, lincertezza tipo relativa che grava sulle misure
di potenza attiva e apparente risulta, rispettivamente,
u (P
R
) =
_
u (P
M
)
2
+ 4 u (V
M
)
2
, (5.92)
u (S
R
) =
_
u (V
M
)
2
+ u (I
M
)
2
, (5.93)
dove u (V
M
), u (I
M
) e u (P
M
) sono date dalla (5.6), dalla (5.14) e dalla (5.65). Lincertezza
tipo assoluta per le misure di potenza attiva e apparente risulta, quindi, rispettivamente,
pari a
u (P
R
) = u (P
R
) P
R
, (5.94)
134 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.5. Misure di Potenza in Sistemi Monofase in Regime Sinusoidale
u (S
R
) = u (S
R
) S
R
, (5.95)
mentre lincertezza tipo assoluta che grava sulla misura di potenza reattiva ` e data da
u (Q
R
) =

_
_
_
_
P
2
M
V
8
R
u (P
M
)
2
V
8
M
Q
2
R
+
I
2
M
V
8
R
u (I
M
)
2
V
4
M
Q
2
R
+
_
4P
2
M
V
4
R
V
5
M

2I
2
M
V
4
R
V
3
M
_
2
u (V
M
)
2
4Q
2
R
, (5.96)
dove u (V
M
), u (I
M
) e u (P
M
) sono date dalla (5.5), dalla (5.13) e dalla (5.64). Per determi-
nare le incertezze estese U (P
R
), U (S
R
) e U (Q
R
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo op-
portunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
P = P
R
U (P
R
) , (5.97)
S = S
R
U (S
R
) , (5.98)
Q = Q
R
U (Q
R
) , (5.99)
dove P
R
, S
R
e Q
R
sono dati, rispettivamente, dalla (5.86), dalla (5.87) e dalla (5.88). Per
determinare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato,
occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
Nel caso in cui la grandezza di riferimento sia la corrente, i valori della potenza attiva,
apparente e reattiva, riportati alla corrente I
R
, sono, rispettivamente, dati da
P
R
= P
U
I
2
R
I
2
U
, (5.100)
S
R
= S
U
I
2
R
I
2
U
, (5.101)
Q
R
= Q
U
I
2
R
I
2
U
, (5.102)
dove I
U
` e la corrente misurata dallamperometro oppure la corrente corretta, data dalla
(5.74), a seconda dello schema di inserzione utilizzato, P
U
` e la potenza attiva corretta,
data dalla (5.71) o dalla (5.72), a seconda dello schema di inserzione utilizzato, S
U
` e
la potenza apparente corretta, data dalla (5.73) e Q
U
` e la potenza reattiva, data dalla
(5.67). Utilizzando le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3 e assumendo come modelli del
misurandi
P
R
= P
M
I
2
R
I
2
M
, (5.103)
S
R
= S
M
I
2
R
I
2
M
, (5.104)
Q
R
= Q
U
I
2
R
I
2
M
, (5.105)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 135
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
ovvero trascurando, in quanto praticamente ininuenti per il calcolo dellincertezza, i ter-
mini di correzione dellerrore sistematico, lincertezza tipo relativa che grava sulle misure
di potenza attiva e apparente risulta, rispettivamente,
u (P
R
) =
_
u (P
M
)
2
+ 4 u (I
M
)
2
, (5.106)
u (S
R
) =
_
u (V
M
)
2
+ u (I
M
)
2
, (5.107)
dove u (V
M
), u (I
M
) e u (P
M
) sono date dalla (5.6), dalla (5.14) e dalla (5.65). Lincertezza
tipo assoluta per le misure di potenza attiva e apparente risulta, quindi, rispettivamente,
pari a
u (P
R
) = u (P
R
) P
R
, (5.108)
u (S
R
) = u (S
R
) S
R
, (5.109)
mentre lincertezza tipo assoluta che grava sulla misura di potenza reattiva ` e data da
u (Q
R
) =

_
_
_
_
P
2
M
I
8
R
u (P
M
)
2
I
8
M
Q
2
R
+
V
2
M
I
8
R
u (V
M
)
2
I
4
M
Q
2
R
+
_
4P
2
M
I
4
R
I
5
M

2V
2
M
I
4
R
I
3
M
_
2
u (I
M
)
2
4Q
2
R
, (5.110)
dove u (V
M
), u (I
M
) e u (P
M
) sono date dalla (5.5), dalla (5.13) e dalla (5.64). Per determi-
nare le incertezze estese U (P
R
), U (S
R
) e U (Q
R
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo op-
portunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
P = P
R
U (P
R
) , (5.111)
S = S
R
U (S
R
) , (5.112)
Q = Q
R
U (Q
R
) . (5.113)
dove P
R
, S
R
e Q
R
sono dati, rispettivamente, dalla (5.100), dalla (5.101) e dalla (5.102).
Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato,
occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.6 Misure di Potenza in Sistemi Polifase in Regime Si-
nusoidale
Per trattare le misure di potenza in sistemi polifase, conviene, per semplicit` a, fare rife-
rimento a sistemi trifase, che peraltro sono i pi ` u diusi, per poi generalizzare i risultati
ottenuti, estendendoli a sistemi aventi un numero di fasi qualunque. In un sistema trifase,
loggetto sotto misura pu` o essere collegato a triangolo o a stella, oppure essere costituito
da pi ` u carichi misti in parallelo (anche monofase), mentre il sistema di alimentazione pu` o
essere a tre o quattro li.
136 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.6. Misure di Potenza in Sistemi Polifase in Regime Sinusoidale
I
1
R
1
W
1
Z
1
1
I
2
R
2
W
2
Z
2
2
I
3
R
3
W
3
Z
3
3
N
O
Figura 5.16: Misura di potenza attiva in un sistema trifase a quattro li
5.6.1 Misure di Potenza Attiva
Un sistema trifase ` e a quattro li quando si ` e in presenza di neutro attivo, come illustrato
in Figura 5.16. In questo caso, la potenza attiva si ottiene come somma delle potenze
relative a ciascuna delle fasi. Dette E
1
, E
2
ed E
3
le tensioni di fase e I
1
, I
2
e I
3
le correnti
di linea, sfasate rispetto alle tensioni di fase degli angoli
1
,
2
e
3
, la potenza attiva ` e
data da
P = E
1
I
1
cos (
1
) + E
2
I
2
cos (
2
) + E
3
I
3
cos (
3
) . (5.114)
Per i sistemi trifase a tre li con collegamento a stella, la potenza attiva si ottiene
sempre come somma delle potenze relative a ciascuna delle fasi, come indicato per i
sistemi a quattro li, utilizzando la (5.114). Per i sistemi trifase a tre li con collegamento
a triangolo, invece, la potenza attiva ` e data da
P = V
1
I
1
cos (
1
) + V
2
I
2
cos (
2
) + V
3
I
3
cos (
3
) , (5.115)
dove V
1
, V
2
e V
3
sono le tensioni concatenate e I
1
, I
2
e I
3
le correnti di fase, sfasate rispetto
alle tensioni concatenate degli angoli
1
,
2
e
3
.
Si vuole ora dimostrare che la potenza attiva nei sistemi trifase a tre li pu` o essere
misurata con solo due wattmetri. Per semplicit` a, si fa riferimento ad un circuito collegato
Piero Malcovati, Misure Elettriche 137
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
I
1
R
1
W
1
Z
1
1
I
2
R
2
W
2
Z
2
2
I
3
R
3
W
3
Z
3
3
O
(a)
I
1
R
1
W
1
Z
1
1
I
2
R
2
W
2
Z
2
2
I
3
R
3
W
3
Z
3
3
O
(b)
O
Figura 5.17: Misura di potenza attiva in un sistema trifase a tre li
a stella, anche se la dimostrazione e i risultati hanno validit` a generale. Se si modica
lo schema di Figura 5.17a in quello di Figura 5.17b, separando cio` e il centro stella delle
voltmetriche da quello del carico, si ha, in generale, che i due centri stella non coinci-
dono elettricamente. Ci ` o pu` o essere dovuto a dissimmetrie nelle impedenze a valle della
sezione di misura o nelle resistenze addizionali dei wattmetri. Facendo riferimento al dia-
gramma vettoriale di Figura 5.18, la somma delle indicazioni dei tre wattmetri pu` o essere
scritta come
P =
_

E
1


H
_

I
1
+
_

E
2


H
_

I
2
+
_

E
3


H
_

I
3
, (5.116)
avendo indicato con

H il vettore di tensione esistente tra i due centri stella. Sviluppando
si ottiene
P =

E
1

I
1
+

E
2

I
2
+

E
3

I
3


H
_

I
1
+

I
2
+

I
3
_
. (5.117)
Essendo il sistema a tre li, la somma vettoriale delle correnti ` e per denizione nulla,
ovvero

I
1
+

I
2
+

I
3
= 0, (5.118)
per cui la potenza misurata coincide con quella assorbita dal carico, data dalla (5.114).
A questo punto, ` e possibile collegare il centro stella delle voltmetriche dei tre watt-
metri ad una delle fasi, per esempio la fase 3. La tensione applicata alle voltmentriche
138 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.6. Misure di Potenza in Sistemi Polifase in Regime Sinusoidale
O
1
2 3
V
23
V
31
V
12
E
1
E
3
E
2
O
H
I
1

1
I
2

2
I
3

3
E
3

E
1

E
2

Figura 5.18: Diagramma vettoriale relativo allinserzione di Aron per la misura della
potenza attiva in un sistema trifase a tre li
del wattmetro W
3
, quindi, diverr` a nulla, mentre alle voltmetriche dei wattmetri W
1
e W
2
sar` a applicata la tensione concatenata, invece della tensione di fase. Si otterr` a, allora, lo
schema di Figura 5.19, che prende il nome di inserzione di Aron. In questo caso, si pu` o
scrivere
P =
_

E
1


E
3
_

I
1
+
_

E
2


E
3
_

I
2
+
_

E
3


E
3
_

I
3
. (5.119)
Lultimo termine della (5.119) ` e evidentemente nullo e, pertanto, si ottiene
P =

E
1

I
1
+

E
2

I
2
+

E
3

_

I
1

I
2
_
, (5.120)
che, essendo

I
3
=

I
1

I
2
, (5.121)
diventa
P =

E
1

I
1
+

E
2

I
2
+

E
3

I
3
, (5.122)
ovvero,
P = P
1
+ P
2
, (5.123)
dove P
1
e P
2
sono rispettivamente le letture dei wattmetri W
1
e W
2
, come volevasi dimo-
strare.
Da quanto sopra esposto deriva un importante conclusione di validit` a generale: la
potenza attiva in un circuito ad N li pu` o essere misurata con N 1 wattmetri. Questa
conclusione ` e valida per qualsiasi sistema polifase (incluso il monofase che ha due li e
per il quale la misura di potenza si eettua con un wattmetro), anche se non simmetrico
nelle tensioni e non equilibrato nelle correnti.
La misura eettuata con linserzione di Aron pu` o comportare che un wattmetro for-
nisca indicazione negativa, per cui essa deve essere sottratta dallindicazione dellaltro
Piero Malcovati, Misure Elettriche 139
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
I
1
R
1
W
1
Z
1
1
I
2
R
2
W
2
Z
2
2
I
3
Z
3
3
O
Figura 5.19: Inserzione di Aron per la misura della potenza attiva in un sistema trifase a
tre li
wattmetro. Infatti, per un sistema simmetrico ed equilibrato, facendo riferimento al
diagramma vettoriale di Figura 5.18, si pu` o scrivere
_
P
1
= V
31
I
1
cos (
1
30

) = VI cos ( 30

)
P
2
= V
32
I
2
cos (
2
+ 30

) = VI cos ( + 30

)
. (5.124)
Sviluppando, si ottiene
_
P
1
= VI cos () cos (30

) + VI sin () sin (30

)
P
2
= VI cos () cos (30

) VI sin () sin (30

)
. (5.125)
Imponendo P
2
= 0, si ricava
tan () =
1
tan (30

)
=

3, (5.126)
e, quindi, si ottiene cos () = 0.5. Utilizzando la (5.125), per un sistema simmetrico ed
equilibrato ` e possibile ricavare cos () da P
1
e P
2
. Infatti, dividendo membro a membro
la (5.125), si ottiene
P
1
P
2
=
cos () cos (30

) + sin () sin (30

)
cos () cos (30

) sin () sin (30

)
, (5.127)
ovvero,
cos () cos (30

) (P
1
P
2
) = sin () sin (30

) (P
1
+ P
2
) , (5.128)
140 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.6. Misure di Potenza in Sistemi Polifase in Regime Sinusoidale
da cui
tan () =

3
P
1
P
2
P
1
+ P
2
, (5.129)
e, quindi,
cos () = cos
_
arctan
_

3
P
1
P
2
P
1
+ P
2
__
. (5.130)
In un sistema polifase, quindi, la potenza attiva assorbita dal carico U ` e data da
P
U
=
M

i=1
P
U,i
, (5.131)
dove P
U,i
` e la lettura di ciascuno degli M wattmetri utilizzati (normalmente M = N 1,
dove N ` e il numero di li), su cui ` e stata eettuata la correzione dellerrore sistemati-
co dovuto agli autoconsumi, utilizzando la (5.54) o la (5.57), a seconda dellinserzione
utilizzata per i wattmetri stessi.
Per il calcolo dellincertezza, si utilizzano le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3,
assumendo come modello del misurando
P
U
=
M

i=1
P
M,i
, (5.132)
dove P
M,i
sono le letture dei wattmetri, ovvero trascurando, in quanto praticamente inin-
uenti per il calcolo dellincertezza, i termini di correzione dellerrore sistematico. Lin-
certezza tipo assoluta che grava sulle misura di potenza attiva risulta
u (P
U
) =

_
M

i=1
u
_
P
M,i
_
2
, (5.133)
dove ciascun termine u
_
P
M,i
_
` e dato dalla (5.64). Per determinare lincertezza estesa
U (P
U
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo opportunamente il livello di condenza e il
fattore di copertura. Il risultato della misurazione sar` a, quindi,
P = P
U
U (P
U
) , (5.134)
dove P
U
` e dato dalla (5.131). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
Nel caso in cui il circuito abbia un fattore di potenza molto basso, linserzione di Aron
cade in difetto, in quanto dalla (5.125) si evince che le letture dei due wattmetri sono poco
diverse tra loro, prossime alla met` a del fondo scala e di segno opposto. Considerando la
(5.133), quindi, lincertezza tipo relativa, u (P
U
) = u (P
U
) /P
U
, risulta molto elevata, in
quanto P
U
= P
M,1
+ P
M,2
0. Poich e luso di wattmetri a basso cos () non ` e adatto
per lo schema di Figura 5.19, in quanto entrambi i wattmetri vedono cos () 0.5, per la
misura si deve ricorrere a tre wattmetri (o in generale a N wattmetri per un sistema a N
Piero Malcovati, Misure Elettriche 141
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
W
1
V
1
V
3
Z
1
1
W
2
Z
2
2
Z
3
3
O
V
2
Figura 5.20: Inserzione di Aron per la misura della potenza attiva in un sistema trifase a
tre li in funzione della tensione
li), misurando le potenze di ogni fase e sommandole. In questo caso luso di wattmetri
a basso cos () ` e possibile, poich e i wattmetri vedono il cos () eettivo del carico.
Nel caso in cui venga richiesta una misura si potenza in funzione della tensione (in
sistemi polifase, normalmente, non si eseguono misure in funzione della corrente), uti-
lizzando lo schema di Figura 5.20, la potenza attiva, riportata alla tensione di riferimento
V
R
, risulta
P
R
= P
U
V
2
R
V
2
M
, (5.135)
dove P
U
` e dato dalla (5.131). Siccome viene fornito un solo valore di V
R
, si assume
implicitamente che il sistema sia simmetrico e, pertanto, il valore di V
M
nella (5.135)
deve essere calcolato come valore medio delle tre letture dei voltmetri, ovvero,
V
M
=
V
M,1
+ V
M,2
+ V
M,3
3
. (5.136)
Utilizzando le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3, lincertezza tipo relativa che grava
sulla potenza attiva riportata alla tensione V
R
risulta
u (P
R
) =
_
u (P
U
)
2
+ 4 u (V
M
)
2
, (5.137)
dove u (P
U
) = u (P
U
) /P
U
, con u (P
U
) data dalla (5.133). Considerando che le letture
dei voltmetri saranno, inevitabilmente, diverse tra loro, per determinare u (V
M
) occorre,
innanzitutto, determinare lo scarto tipo delle tre misure, s
_
V
M,i
_
, utilizzando la (1.18),
142 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.6. Misure di Potenza in Sistemi Polifase in Regime Sinusoidale
e lincertezza tipo assoluta dei voltmetri, u
_
V
M,i
_
, utilizzando la (5.5), assumendo per
semplicit` a i tre voltmetri uguali. Se risulta che s
_
V
M,i
_
> u
_
V
M,i
_
, allora
u (V
M
) =
s
_
V
M,i
_

3
, (5.138)
ovvero, bench e il sistema non risulti eettivamente simmetrico, in quanto lo scarto tra
le tre tensioni misurate dai voltmetri eccede i limiti deniti dallincertezza di misura dei
voltmetri stessi, si assume comunque il sistema simmetrico (non si pu` o fare altrimen-
ti), ma si ricava lincertezza di V
M
dallo scarto tipo delle tensioni misurate, che risulta
maggiore dellincertezza di misura dei voltmetri (in sostanza si assume che vi siano altri
fattori, oltre allincertezza dei voltmetri, che determinano lo scarto tra le tensioni). Se,
invece, risulta che s
_
V
M,i
_
u
_
V
M,i
_
, allora
u (V
M
) =
_
3u
_
V
M,i
_
2
3
=
u
_
V
M,i
_

3
, (5.139)
in quanto il sistema ` e eettivamente simmetrico. Lincertezza tipo relativa u (V
M
) risulta,
quindi,
u (V
M
) =
u (V
M
)
V
M
, (5.140)
dove V
M
` e dato dalla (5.136). Lincertezza tipo assoluta per la misura di potenza attiva
risulta pari a
u (P
R
) = u (P
R
) P
R
. (5.141)
Per determinare lincertezza estesa U (P
R
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
P = P
R
U (P
R
) , (5.142)
dove P
R
` e dato dalla (5.135). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.6.2 Misure di Potenza Reattiva
Per misurare la potenza reattiva in un generico sistema trifase a tre li, occorre inserire un
voltmetro, un amperometro e un wattmetro su ciascun ramo del carico, procedendo poi,
per ciascun ramo, come indicato nel Paragrafo 5.5.2 per i sistemi monofase. La potenza
reattiva complessiva sar` a, quindi, data da
Q
U
=
M

i=1
Q
U,i
, (5.143)
dove M ` e il numero di rami del carico considerati, mentre ciascun termine Q
U,i
` e dato
dalla (5.67). Per esempio, se il carico ` e connesso a stella, occorre inserire le voltmetriche
Piero Malcovati, Misure Elettriche 143
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
W
c
Z
1
1
Z
2
2
Z
3
3
O
O
1
2 3
E
1
E
3
E
2
I
90
V = V
23
Figura 5.21: Inserzione di un wattmetro per la misura della potenza reattiva in sistemi
trifase simmetrici ed equilibrati
dei wattmetri e i voltmetri sulle tensioni di fase e le amperometriche dei wattmetri e gli
amperometri sulle correnti di linea, mentre, se il carico ` e connesso a triangolo, occorre
inserire le voltmetriche dei wattmetri e i voltmetri sulle tensioni concatenate e le ampero-
metriche dei wattmetri e gli amperometri sulle correnti di fase (in questi casi M = 3 per
un sistema trifase a tre li).
Lincertezza tipo assoluta che grava sulle misura di potenza reattiva, in questo caso,
risulta
u (Q
U
) =

_
M

i=1
u
_
Q
U,i
_
2
, (5.144)
dove i vari termini u
_
Q
U,i
_
sono dati dalla (5.68). Per determinare lincertezza estesa
U (Q
U
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo opportunamente il livello di condenza e il
fattore di copertura. Il risultato della misurazione sar` a, quindi,
Q = Q
U
U (Q
U
) . (5.145)
Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato,
occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
In sistemi simmetrici ed equilibrati, ` e possibile misurare la potenza reattiva utilizzan-
do un solo wattmetro, inserito come indicato in Figura 5.21. La potenza misurata dal
wattmetro risulta, infatti,
P = VI cos (90

) = VI sin () , (5.146)
144 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.6. Misure di Potenza in Sistemi Polifase in Regime Sinusoidale
dove V ` e la tensione concatenata e I la corrente di linea. Conseguentemente, considerando
che, per denizione, la potenza reattiva Q = 3EI sin () e che E = V/

3, si ricava
Q
U
=

3P
U
, (5.147)
dove P
U
` e la potenza letta sul wattmetro, su cui ` e stata eettuata la correzione dellerrore
sistematico dovuto agli autoconsumi, utilizzando la (5.54) o la (5.57), a seconda dellin-
serzione utilizzata per il wattmetro stesso. Questo metodo, che presuppone le condizioni
di simmetria ed equilibrio del sistema, pu` o essere utilizzato solamente per misure indi-
cative (ad esempio sui quadri di centrale). Per misure di precisione, non si pu` o infatti
presumere che le condizioni richieste siano vericate.
Lincertezza tipo assoluta che grava sulla misura di potenza reattiva, in questo caso,
utilizzando come modello del misurando
Q
U
=

3P
M
, (5.148)
ovvero trascurando, in quanto praticamente ininuenti per il calcolo dellincertezza, i
termini di correzione dellerrore sistematico, risulta
u (Q
U
) =

3u (P
M
) , (5.149)
dove u (P
M
) ` e data dalla (5.64). Per determinare lincertezza estesa U (Q
U
), si ricorre poi
alla (1.49), scegliendo opportunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il
risultato della misurazione sar` a, quindi,
Q = Q
U
U (Q
U
) , (5.150)
dove Q
U
` e dato dalla (5.147). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
In un sistema trifase a tre li, nel caso di carico arbitrario ma tensioni simmetriche, per
la misura della potenza reattiva si pu` o ricorrere alla inserzione di Righi o dei tre wattmetri,
illustrata in Figura 5.22. Essa viene realizzata inserendo due strumenti secondo lo schema
di Aron (Figura 5.19) ed il terzo con la bobina amperometrica sulla fase rimasta libera e
la voltmetrica derivata fra le due altre fasi. In un sistema trifase simmetrico si ha che
P =

E
1

I
1
+

E
2

I
2
+

E
3

I
3
=
=

E
1

I
1
+

E
2

_

I
1

I
3
_
+

E
3

I
3
=
=
_

E
1


E
2
_

I
1
+
_

E
2


E
2
_

I
2
+
_

E
3


E
2
_

I
3
=
=

V
12

I
1
+

V
32

I
3
=
= VI
1
cos (
1
+ 30

) + VI
3
cos (
3
30

) ,
(5.151)
mentre
Q =

E
1

I
1
+

E
2

I
2
+

E
3

I
3
=
=

E
1

I
1
+

E
2

_

I
1

I
3
_
+

E
3

I
3
=
=
_

E
1


E
2
_

I
1
+
_

E
2


E
2
_

I
2
+
_

E
3


E
2
_

I
3
=
=

V
12

I
1
+

V
32

I
3
=
= VI
1
sin (
1
+ 30

) + VI
3
sin (
3
30

) ,
(5.152)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 145
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
W
a
Z
1
1
W
b
Z
2
2
W
c
Z
3
3
O
Figura 5.22: Inserzione di Righi per la misura della potenza reattiva in sistemi trifase
simmetrici
dove V
12
= V
32
= V
13
= V sono le tensioni concatenate, I
1
, I
2
e I
3
sono le correnti di linea
e
1
,
2
e
3
gli sfasamenti tra le tensioni di fase E
1
= E
2
= E
3
= E e le correnti di linea.
Pertanto, indicando con P
a
, P
b
e P
c
le indicazioni dei tre wattmetri, si ottiene
_

_
P
a
= VI
1
cos (
1
30

)
P
b
= VI
2
cos (
2
+ 30

)
P
c
= VI
3
cos (
3
90

)
. (5.153)
Sommando P
a
e P
c
, si ricava
P
a
+ P
c
= VI
1
cos (
1
30

) + VI
3
cos (
3
90

) . (5.154)
Sostituendo
cos (
1
30

) = cos (
1
+ 30

60

) =
= cos (
1
+ 30

) cos (60

) + sin (
1
+ 30

) sin (60

) =
=
1
2
cos (
1
+ 30

) +

3
2
sin (
1
+ 30

) ,
(5.155)
e
cos (
3
90

) = cos (
3
30

60

) =
= cos (
3
30

) cos (60

) + sin (
3
30

) sin (60

) =
=
1
2
cos (
3
30

) +

3
2
sin (
3
30

) ,
(5.156)
146 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.6. Misure di Potenza in Sistemi Polifase in Regime Sinusoidale
si ottiene
P
a
+ P
c
= VI
1
_

_
1
2
cos (
1
+ 30

) +

3
2
sin (
1
+ 30

)
_

_
+
+VI
3
_

_
1
2
cos (
3
30

) +

3
2
sin (
3
30

)
_

_
=
=
1
2
_
VI
1
cos (
1
+ 30

) + VI
3
cos (
3
30

)
_
+
+

3
2
_
VI
1
sin (
1
+ 30

) + VI
3
sin (
3
30

)
_
.
(5.157)
Sostituendo la (5.151) e la (5.152) nella (5.157), si ottiene
P
a
+ P
c
=
1
2
P +

3
2
Q. (5.158)
Ricordando che, secondo la (5.123), P = P
a
+ P
b
, si pu` o scrivere
P
a
+ P
c
=
1
2
(P
a
+ P
b
) +

3
2
Q, (5.159)
e, quindi, la potenza reattiva assorbita dallutilizzatore U risulta
Q =
P
a
P
b
+ 2P
c

3
. (5.160)
La misura risulta aetta da errore sistematico dovuto agli autoconsumi dei wattmetri. La
potenza reattiva corretta risulta, quindi,
Q
U
=
P
U,a
P
U,b
+ 2P
U,c

3
, (5.161)
dove P
U,a
, P
U,b
e P
U,c
sono dati dalla (5.54) o dalla (5.57), a seconda dellinserzione
utilizzata per i wattmetri stessi.
Lincertezza tipo assoluta che grava sulla misura di potenza reattiva, in questo caso,
utilizzando come modello del misurando
Q
U
=
P
M,a
P
M,b
+ 2P
M,c

3
, (5.162)
ovvero trascurando, in quanto praticamente ininuenti per il calcolo dellincertezza, i
termini di correzione dellerrore sistematico, risulta
u (Q
U
) =
1

3
_
u
_
P
M,a
_
2
+ u
_
P
M,b
_
2
+ 4u
_
P
M,c
_
2
, (5.163)
dove u
_
P
M,a
_
, u
_
P
M,b
_
e u
_
P
M,c
_
sono date dalla (5.64). Per determinare lincertezza
estesa U (Q
U
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo opportunamente il livello di condenza
e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione sar` a, quindi,
Q = Q
U
U (Q
U
) , (5.164)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 147
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
dove Q
U
` e dato dalla (5.161). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
Una variante dellinserzione Righi ` e la cosiddetta inserzione Barbagelata, tramite la
quale ` e possibile determinare la potenza reattiva in un sistema trifase a tre li simmetrico,
utilizzando due coppie di letture successive di due wattmetri (quattro misure di potenza),
inseriti come indicato in Figura 5.23. La prima coppia di letture viene ottenuta dai due
Wattmetri inseriti secondo Aron, mentre la seconda coppia di letture viene ottenuta dagli
stessi due wattmetri in inserzione simmetrica.
`
E facile dimostrare, facendo riferimento
alla Figura 5.22, che
P
c
= P

2
P

1
. (5.165)
Infatti, si pu` o scrivere
P

2
P

1
=

V
21

I
2

V
12

I
1
=

V
12

I
2

V
12

I
1
=

V
12

I
1

I
2
_
=

V
12

I
3
= P
c
. (5.166)
Quindi, ponendo P
a
= P
1
, P
b
= P
2
e P
c
= P

2
P

1
, si pu` o utilizzare la (5.160) per
determinare la potenza reattiva Q.
La misura risulta aetta da errore sistematico dovuto agli autoconsumi dei wattmetri.
La potenza reattiva corretta risulta, quindi, data da
Q
U
=
P
U,1
P
U,2
+ 2
_
P

U,2
P

U,1
_

3
, (5.167)
dove P
U,1
, P
U,2
e P

U,1
e P

U,2
sono dati dalla (5.54) o dalla (5.57), a seconda dellinserzione
utilizzata per i wattmetri stessi.
Lincertezza tipo assoluta che grava sulla misura di potenza reattiva, in questo caso,
utilizzando come modello del misurando
Q
U
=
P
M,1
P
M,2
+ 2
_
P

M,2
P

M,1
_

3
, (5.168)
ovvero trascurando, in quanto praticamente ininuenti per il calcolo dellincertezza, i
termini di correzione dellerrore sistematico, risulta
u (Q
U
) =
1

3
_
u
_
P
M,1
_
2
+ u
_
P
M,2
_
2
+ 4u
_
P

M,2
_
2
+ 4u
_
P

M,1
_
2
, (5.169)
dove u
_
P
M,1
_
, u
_
P
M,2
_
, u
_
P

M,1
_
e u
_
P

M,2
_
sono date dalla (5.64). Per determinare lin-
certezza estesa U (Q
U
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo opportunamente il livello di
condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione sar` a, quindi,
Q = Q
U
U (Q
U
) , (5.170)
dove Q
U
` e dato dalla (5.167). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
148 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.6. Misure di Potenza in Sistemi Polifase in Regime Sinusoidale
I
1
R
1
W
1
Z
1
1
Lettura 1
P
1
P
2
P
1

P
2

I
2
R
2
W
2
Z
2
2
I
3
Z
3
3
O
I
1
R
1
W
1
Z
1
1
Lettura 2
I
2
R
2
W
2
Z
2
2
I
3
Z
3
3
O
Figura 5.23: Inserzione di Barbagelata per la misura della potenza reattiva in sistemi
trifase simmetrici
Piero Malcovati, Misure Elettriche 149
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
W
a
V
1
V
3
Z
1
1
W
b
Z
2
2
Z
3
3
O
V
2
W
c
Figura 5.24: Inserzione di Righi per la misura della potenza reattiva in sistemi trifase
simmetrici in funzione della tensione
Nel caso in cui venga richiesta una misura si potenza reattiva in funzione della ten-
sione, utilizzando lo schema di Figura 5.24, la potenza reattiva, riportata alla tensione di
riferimento V
R
, risulta
Q
R
= Q
U
V
2
R
V
2
M
, (5.171)
dove Q
U
` e dato dalla (5.161). Il valore di V
M
nella (5.171) deve essere calcolato tramite
la (5.136). Utilizzando le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3, lincertezza tipo relativa che
grava sulla potenza reattiva riportata alla tensione V
R
risulta
u (Q
R
) =
_
u (Q
U
)
2
+ 4 u (V
M
)
2
, (5.172)
dove u (Q
U
) = u (Q
U
) /Q
U
, con u (Q
U
) data dalla (5.163), mentre u (V
M
) ` e data dalla
(5.140). Lincertezza tipo assoluta per la misura di potenza reattiva risulta pari a
u (Q
R
) = u (Q
R
) Q
R
. (5.173)
Per determinare lincertezza estesa U (Q
R
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
Q = Q
R
U (Q
R
) , (5.174)
dove Q
R
` e dato dalla (5.171). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
150 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.6. Misure di Potenza in Sistemi Polifase in Regime Sinusoidale
5.6.3 Misure di Potenza Apparente
Per misurare la potenza apparente in un generico sistema trifase a tre li, occorre inserire
un voltmetro, un amperometro e un wattmetro su ciascun ramo del carico, procedendo poi,
per ciascun ramo, come indicato nel Paragrafo 5.5.3 per i sistemi monofase. La potenza
apparente complessiva sar` a, quindi, data da
S
U
=

_
_
_

_
M

i=1
P
U,i
_

_
2
+
_

_
M

i=1
Q
U,i
_

_
2
, (5.175)
dove M ` e il numero di rami del carico considerati, ciascun termine P
U,i
` e dato dalla (5.54)
o dalla (5.57), a seconda dellinserzione utilizzata per i wattmetri, e ciascun termine Q
U,i
` e
dato dalla (5.67). Per esempio, se il carico ` e connesso a stella, occorre inserire le voltme-
triche dei wattmetri e i voltmetri sulle tensioni di fase e le amperometriche dei wattmetri e
gli amperometri sulle correnti di linea, mentre, se il carico ` e connesso a triangolo, occorre
inserire le voltmetriche dei wattmetri e i voltmetri sulle tensioni concatenate e le ampero-
metriche dei wattmetri e gli amperometri sulle correnti di fase (in questi casi M = 3 per
un sistema trifase a tre li).
Se il sistema ` e simmetrico, ` e possibile misurare la potenza apparente utilizzando lin-
serzione di Righi, illustrata in Figura 5.24, o analogamente linserzione di Barbagelata.
In questo caso, la potenza apparente ` e data da
S
U
=
_
P
2
U
+ Q
2
U
, (5.176)
dove P
U
` e dato dalla (5.131), considerando P
1
= P
a
e P
2
= P
b
, mentre Q
U
` e dato dalla
(5.161).
Lincertezza tipo assoluta che grava sulla misura di potenza apparente, in questo caso,
risulta
u (S
U
) =

_
__
P
U
+
Q
U

3
_
2
u
_
P
M,a
_
2
S
2
U
+
_
P
U

Q
U

3
_
2
u
_
P
M,b
_
2
S
2
U
+
4Q
2
U
u
_
P
M,c
_
2
3S
2
U
, (5.177)
dove u
_
P
M,a
_
, u
_
P
M,b
_
e u
_
P
M,c
_
sono date dalla (5.64). Per determinare lincertezza
estesa U (S
U
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo opportunamente il livello di condenza
e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione sar` a, quindi,
S = S
U
U (S
U
) , (5.178)
Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato,
occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
Qualora sia richiesta una misura di potenza apparente in funzione della tensione V
R
,
risulta
S
R
= S
U
V
2
R
V
2
M
, (5.179)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 151
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
dove S
U
` e dato dalla (5.176), mentre V
M
` e dato dalla (5.136). Lincertezza tipo relativa
che grava sulla misura di potenza apparente, in questo caso, risulta
u (S
R
) =
_
u (S
U
)
2
+ 4 u (V
M
)
2
, (5.180)
dove u (S
U
) = u (S
U
) /S
U
, con u (S
U
) data dalla (5.177), mentre u (V
M
) ` e data dalla
(5.140). Lincertezza tipo assoluta per la misura di potenza apparente risulta pari a
u (S
R
) = u (S
R
) S
R
. (5.181)
Per determinare lincertezza estesa U (S
R
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
S = S
R
U (S
R
) , (5.182)
Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato,
occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.7 Misure in Regime Non-Sinusoidale
Si consideri un circuito in cui la tensione o la corrente o entrambe le grandezze siano
periodiche con frequenza f , ma non siano sinusoidali. Se ciascun segnale viene scompo-
sto in serie di Fourier, si ottengono tanti termini di tipo sinusoidale, detti armoniche, con
frequenza pari ai multipli interi di f , ma ampiezza e fase diverse. Non necessariamente
tutte le armoniche sono presenti, anzi nella maggioranza dei casi avviene esattamente il
contrario. La potenza istantanea (p) ` e sempre uguale al prodotto dei valori istantanei di
tensione (v) e corrente (i), qualunque sia la forma dei segnali
p = vi =
_

k=0
V
C,k
sin (kt)
_

_
_

k=0
I
C,k
sin (kt +
k
)
_

_
, (5.183)
dove = 2f , mentre V
C,k
e I
C,k
sono, rispettivamente, i valori di cresta delle armoniche
di tensione e corrente, mentre
k
` e lo sfasamento tra le armoniche di indice k di tensione
e corrente. Se si sviluppa il prodotto, si ottiene un numero di termini molto elevato (a
causa dei prodotti incrociati). A titolo desempio, in Figura 5.25 sono stati tracciati i
diagrammi di tensione, corrente e potenza istantanee per casi di tensione sinusoidale e
di corrente distorta. In Figura 5.25a la corrente ha unarmonica di terzo ordine, mentre
in Figura 5.25b la corrente ha unarmonica di quinto ordine. In entrambi i casi, il valore
medio della potenza istantanea ` e nullo, stando a signicare che non transita potenza attiva.
Il fatto che siano in gioco correnti e tensioni, per` o, implica che nel sistema ` e in gioco
potenza reattiva.
152 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.7. Misure in Regime Non-Sinusoidale
T
e
n
s
i
o
n
e
,

C
o
r
r
e
n
t
e
,

P
o
t
e
n
z
a
Tempo
v
i
p
P
T
e
n
s
i
o
n
e
,

C
o
r
r
e
n
t
e
,

P
o
t
e
n
z
a
Tempo
v
i
p
P
(a)
(b)
Figura 5.25: Tensione, corrente e potenza istantanea in caso si forma donda di tensione
sinusoidale e forma donda di corrente non-sinusoidale
Piero Malcovati, Misure Elettriche 153
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
5.7.1 Misure di Tensione e Corrente
Si consideri un circuito in cui sia la tensione, sia la corrente non siano sinusoidali. En-
trambe le grandezze possono essere espresse tramite sviluppo in serie di Fourier, come
evidenziato nella (5.183). Il valore ecace della tensione viene denito come
V =

i=0
V
2
i
, (5.184)
dove V
i
sono i valori ecaci delle singole armoniche di tensione, mentre il valore ecace
della corrente viene denito come
I =

i=0
I
2
i
, (5.185)
dove I
i
sono i valori ecaci delle singole armoniche di corrente.
Nei voltmetri o negli amperometri elettromagnetici (Paragrafo 4.5), ogni armonica
di tensione o di corrente produce una coppia motrice C
m,i
proporzionale al quadrato del
valore ecace dellarmonica stessa e lequipaggio mobile ` e globalmente sollecitato dalla
somma delle singole coppie C
m,i
. Ne consegue che il voltmetro o lamperometro sono
sempre in grado di fornire lindicazione corretta del valore ecace di tensione o corrente
(almeno nel campo delle frequenze industriali).
5.7.2 Misure di Potenza Attiva
Si consideri un circuito in cui sia la tensione, sia la corrente non siano sinusoidali. La
potenza attiva, facendo riferimento alla (5.183), viene denita come
P =

i=0
V
i
I
i
cos (
i
) , (5.186)
dove V
i
e I
i
sono, rispettivamente, i valori ecaci delle armoniche di tensione e corrente.
La potenza attiva ` e quindi costituita dalla sommatoria dei prodotti scalari (in senso vetto-
riale) di tutte le combinazioni di tensioni e correnti sinusoidali aventi la stessa frequenza
e secondo il relativo angolo di sfasamento, considerando anche eventuali componenti
costanti (in questo caso
0
= 0).
Nei wattmetri elettrodinamici (Paragrafo 4.6), ogni contributo V
i
I
i
cos (
i
) produce
una coppia motrice C
m,i
e lequipaggio mobile ` e globalmente sollecitato dalla somma
delle singole coppie C
m,i
. Ne consegue che il wattmetro ` e sempre in grado di fornire
lindicazione corretta della potenza attiva in gioco nel circuito su cui si eettua la misura
(almeno nel campo delle frequenze industriali). In un sistema polifase a N li, la misura
di potenza attiva pu` o sempre essere eettuata con N 1 wattmetri.
154 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.7. Misure in Regime Non-Sinusoidale
5.7.3 Misure di Potenza Reattiva
Si consideri ancora un circuito in cui sia la tensione, sia la corrente non siano sinusoida-
li. Anche per la potenza reattiva si possono denire i contributi delle diverse coppie di
armoniche isofrequenziali di tensione e corrente,
Q =

i=0
V
i
I
i
sin (
i
) , (5.187)
dove V
i
e I
i
sono, rispettivamente, i valori ecaci delle armoniche di tensione e corrente.
La potenza reattiva Q ` e, quindi, costituita dalla sommatoria dei prodotti vettoriali di tutte
le combinazioni di tensioni e correnti sinusoidali aventi la stessa frequenza e secondo il
relativo angolo di sfasamento (eventuali componenti costanti danno contributo nullo in
quanto
0
= 0).
5.7.4 Misure di Potenza Apparente
`
E generalmente accettato considerare, convenzionalmente, come potenza apparente, an-
che in un circuito in cui sia la tensione, sia la corrente non siano sinusoidali, il prodotto
dei valori ecaci di tensione V e corrente I
S = VI =

i=0
V
2
i

i=0
I
2
i
, (5.188)
dove V
i
e I
i
sono, rispettivamente, i valori ecaci delle armoniche di tensione e corrente.
Tale denizione non ha un chiaro signicato sico. Infatti, confrontando la (5.188) con la
(5.186) e la (5.187), si pu` o vericare che
S
2
> P
2
+ Q
2
, (5.189)
in quanto, n e la (5.186), n e la (5.187) tengono conto dei prodotti tra i termini non isofre-
quenziali della (5.183),
D
ik
= V
C,i
sin (it) I
C,k
sin (kt +
k
) , (5.190)
con i k, che, invece, sono presenti nella (5.188). Esistono diverse teorie per interpretare
i termini aggiuntivi presenti nel bilancio delle potenze in regime non-sinusoidale, tra le
quali vale le pena di citare, oltre alla teoria di Budeanu, che ` e la pi ` u diusa, anche la teoria
di Shepherd e Zakikhani, la teoria di Sharon e la teoria di Czarnescki.
5.7.5 Teoria di Budeanu
Budeanu esprime la potenza apparente S , data dalla (5.188), mediante tre componenti
mutuamente ortogonali: la potenza attiva P, data dalla (5.186), la potenza reattiva Q, data
Piero Malcovati, Misure Elettriche 155
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
Figura 5.26: Ciclo di isteresi di un materiale magnetico
dalla (5.187) e la potenza reattiva deformante D, denita come
D =

m=0

k=0
_
V
2
k
I
2
m
+ V
2
m
I
2
k
2V
k
V
m
I
k
I
m
cos (
k

m
)
_
con m k, (5.191)
dove V
i
e I
i
sono, rispettivamente, i valori ecaci delle armoniche di tensione e corrente,
mentre
i
sono gli sfasamenti tra le armoniche di indice i di tensione e corrente. La
potenza reattiva deformante D assume valore nullo quando tutte le armoniche di corrente
sono proporzionali a quelle di tensione e quando tutti gli sfasamenti relativi
i
sono uguali.
Si pu` o dimostrare che
S
2
= (VI)
2
= P
2
+ Q
2
+ D
2
, (5.192)
dove V e I sono, rispettivamente, i valori ecaci di tensione e corrente. La potenza
reattiva deformante non ha alcun signicato sico, anche se viene associata alla potenza
reattiva.
5.8 Misure su Circuiti Non-Lineari di Tipo Induttivo
Quando le misure di potenza devono essere eettuate su circuiti non-lineari, si deve porre
particolare attenzione alla interpretazione dei risultati ottenuti, come discusso nel Para-
grafo 5.7. Per chiarire i concetti, conviene fare riferimento ad una classica misurazione
che viene eettuata per determinare la cifra di perdita dei lamierini magnetici utilizzati
nelle macchine elettriche, nelle quali essi sono sottoposti a magnetizzazione alternata. I
suddetti lamierini presentano una caratteristica B = f (H) non-lineare e dipendente dalle
vicissitudini a cui gli stessi vengono sottoposti (cicli di isteresi), come si pu` o notare in
Figura 5.26. Si deve anche tenere presente che essendo B e H interdipendenti, risulta
che se B ` e sinusoidale non lo pu` o essere H e viceversa. Il primo caso ` e il pi` u comune e
corrisponde, ad esempio, allalimentazione del circuito elettrico con tensione sinusoidale
156 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.8. Misure su Circuiti Non-Lineari di Tipo Induttivo
Figura 5.27: Andamento dei campi B e H in presenza di isteresi e saturazione nel
materiale magnetico
impressa, per cui anche linduzione magnetica B risulta sinusoidale, mentre la forma del
campo H (che ` e poi quella della corrente nel circuito) ` e appuntita. Se ` e, invece, sinusoi-
dale H (corrente sinusoidale impressa), la forma di B risulta appiattita, come illustrato in
Figura 5.27.
La potenza magnetizzante (induttiva) perde allora signicato preciso, appunto perch e
B ed H non sono entrambe sinusoidali. In tal caso, considerando B sinusoidale, si pu` o,
convenzionalmente, fare riferimento al valore ecace H
E
ed assumere come potenza
magnetizzante specica per unit` a di volume
Q
V
=

2f BH
E
, (5.193)
e per unit` a di massa
Q
M
=

f BH
E
, (5.194)
dove ` e la densit` a di massa (o peso specico) e f ` e la frequenza.
Un secondo importante problema riguarda le perdite nel materiale magnetico, che
sono da attribuire a due fenomeni distinti: listeresi e le correnti parassite. A causa del
fenomeno di isteresi, durante la magnetizzazione viene fornita al materiale una energia,
che non ` e poi interamente restituita durante la smagnetizzazione. Lenergia perduta, che
si trasforma in calore, ` e rappresentata, in una certa scala e per unit` a di volume, dallarea
del ciclo di isteresi. Si pu` o, perci ` o, scrivere
W =
_
B
max
B
min
HdB, (5.195)
dove B
min
e B
max
sono, rispettivamente il valore minimo e massimo dellinduzione magne-
tica. Poich e W ` e lenergia dissipata per ogni ciclo, per passare alla potenza basta tenere
conto della frequenza. Si ` e soliti esprimere le perdite per isteresi P
I
con una relazione del
tipo
P
I
= k
I
f B
n
, (5.196)
dove k
I
` e una costante e n un parametro, detto coeciente di Steinmetz, che varia tra 1.5 e
2.5 con linduzione magnetica stessa. Per limitare le perdite per isteresi il lamierino viene
ottenuto da una lega ferro-silicio, con silicio intorno al 3.5%.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 157
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
Unaltra sorgente di perdite ` e dovuta al fatto che, per la presenza di un usso dellin-
duzione magnetica alternato, nello stesso materiale magnetico si inducono forze elettro-
motrici. Essendo poi il materiale un buon conduttore elettrico, si ha la circolazione di
correnti parassite. Le perdite per correnti parassite sono proporzionali ai quadrati di indu-
zione magnetica, frequenza e spessore del lamierino, nonch e inversamente proporzionali
alla resistivit` a del materiale. Per limitare le perdite per correnti parassite, i circuiti ma-
gnetici vengono laminati e si ricorre a leghe che permettono di aumentare la resistivit` a.
Lisolamento superciale dei lamierini ` e oggi ottenuto per ossidazione diretta, durante il
processo produttivo. Analogamente a quanto detto per le perdite per isteresi, si pu` o usare,
per le perdite per correnti parassite P
P
, una espressione del tipo
P
P
= k
P
f
2
B
2
, (5.197)
dove k
P
` e una costante.
Le perdite totali nel circuito magnetico possono, quindi, essere espresse come
P
U
= k
I
f B
n
+ k
P
f
2
B
2
. (5.198)
Normalmente, per quanticare le perdite in un materiale magnetico, viene utilizzata la
cifra di perdita, data da
C
P
=
P
U
m
, (5.199)
che rappresenta la potenza dissipata per unit` a di massa m da un materiale magnetico,
quando uniformemente eccitato a pressati valori di induzione magnetica (B) e di fre-
quenza ( f ). A titolo indicativo si pu` o ricordare che, per f = 50 Hz e B = 1.5 T, la cifra di
perdita pu` o variare da 0.8 W/kg a 2.0 W/kg. I valori pi ` u bassi sono quelli dei lamierini a
cristalli orientati, usati nei trasformatori di potenza.
5.8.1 Apparecchio di Epstein
Lapparecchio di Epstein viene utilizzato per determinare la cifra di perdita dei lamierini
magnetici. Lapparecchio si presenta come indicato in Figura 5.28. Lungo i tubi esterni
sono avvolti, insieme ed uniformemente, in modo da simulare un solenoide, due avvolgi-
menti detti, rispettivamente, primario e secondario. Ciascun avvolgimento ` e costituito da
un predeterminato numero di spire (normalmente 600 spire).
Per la prova si sceglie una pressata massa di lamierini (normalmente 10 kg), tagliati
in strisce di lunghezza e larghezza pure pressate (500 mm e 30 mm, rispettivamente).
Le strisce cos` ottenute devono essere disposte nei tubi in modo che i giunti che si for-
mano allesterno siano alternati e stretti, cos` da ridurre leetto dei traferri. Il circuito
utilizzato per la misura ` e rappresentato in Figura 5.29. Esso ` e caratterizzato dal fatto che
il voltmetro e la voltmetrica del wattmetro sono connessi allavvolgimento secondario
dellapparecchio di Epstein, ottenendo cos` due importanti vantaggi:
si escludono dalla misura della potenza le perdite dovute alla resistenza dellavvol-
gimento alimentato (primario);
158 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.8. Misure su Circuiti Non-Lineari di Tipo Induttivo
Figura 5.28: Apparecchio di Epstein
W A
~
V
f
Figura 5.29: Circuito per la misura della cifra di perdita con lapparecchio di Epstein
Piero Malcovati, Misure Elettriche 159
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
la forza elettromotrice indotta al secondario ` e direttamente legata allinduzione
magnetica nel materiale, che ` e la grandezza che interessa.
Per la misura, si devono utilizzare strumenti di buona qualit` a, che consentano di misurare
la tensione, la potenza, la corrente e la frequenza, preferibilmente di tipo digitale, in
quanto caratterizzati da autoconsumo trascurabile. Si deve anche tenere conto del fatto
che il circuito risulta fortemente induttivo, per cui ` e necessario limpiego di un wattmetro
adatto per basso fattore di potenza.
Per lalimentazione del circuito, occorre una sorgente che, per il momento, si consi-
dera in grado di fornire una tensione perfettamente sinusoidale.
5.8.2 Misura della Cifra di Perdita con Tensione Sinusoidale
Per determinare la cifra di perdita, si deve, innanzitutto, determinare la sezione A del
pacco di lamierini, per cui, detti m la massa dei lamierini, il peso specico del materiale
magnetico ed l la lunghezza totale del circuito magnetico, si ottiene
A =
m
l
, (5.200)
nella quale si pu` o assumere m = 10 kg, = 7.6 kg/dm
3
e l = 2.0 m.
Poich e lo scopo della misura ` e di determinare la cifra di perdita allinduzione magne-
tica B
R
e alla frequenza f
R
, occorre calcolare la tensione V
R
che deve apparire ai terminali
del secondario per i valori prescelti di B
R
ed f
R
, che risulta
V
R
=

2n
s
f
R
B
R
A, (5.201)
nella quale n
s
= 600 ` e il numero delle spire dellapparecchio. Le misure vengono, quin-
di, condotte rilevando un certo numero di valori di potenza assorbita, in funzione della
tensione a frequenza costante, ed eettuando linterpolazione graca dei punti risultanti,
in modo da escludere eventuali letture aette da errori grossolani. Al valore di tensione
dato dalla (5.201), si determina, quindi, la potenza misurata P
M
. Se lautoconsumo delle
voltmetriche del wattmetro e del voltmetro non ` e trascurabile, si deve utilizzare la (5.71)
per ottenere il valore della potenza corretta P
U
. Il valore della cifra di perdita C
P,U
` e dato,
inne, da
C
P,U
=
P
U
m
. (5.202)
Lincertezza che grava sulla misura di cifra di perdita deve essere valutata come in-
certezza composta, con le regole indicate nel Paragrafo 1.5.3. In particolare, assumendo
come modello del misurando
C
P,U
=
P
M
m
V
2
R
V
2
M
= P
M
2m(n
s
f
R
B
R
)
2
(lV
M
)
2
, (5.203)
ovvero trascurando, in quanto praticamente ininuente per il calcolo dellincertezza, il
termine di correzione dellerrore sistematico, assumendo una dipendenza quadratica del-
la potenza dissipata dallinduzione magnetica e, quindi, dalla tensione V
M
(si assume il
160 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.8. Misure su Circuiti Non-Lineari di Tipo Induttivo
coeciente di Steinmetz n = 2) e trascurando la dipendenza della cifra di perdita dalla
frequenza (si assume f = f
R
), lincertezza tipo relativa sulla misura di cifra di perdita
risulta
u
_
C
P,U
_
=
_
u (P
M
)
2
+ u (m)
2
+ 4 u ()
2
+ 4 u (l)
2
+ 4 u (V
M
)
2
, (5.204)
dove u (P
M
) e u (V
M
) sono date, rispettivamente, dalla (5.65) e dalla (5.6). Le incertezze
sulla massa u (m), sulla lunghezza u (l) e sul peso specico u () possono, generalmente,
essere trascurate. Lincertezza tipo assoluta risulta, quindi,
u
_
C
P,U
_
= u
_
C
P,U
_
C
P,U
. (5.205)
Per determinare lincertezza estesa U
_
C
P,U
_
, si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
C
P
= C
P,U
U
_
C
P,U
_
, (5.206)
dove C
P,U
` e dato dalla (5.202). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.8.3 Separazione delle Perdite
Se si desidera eettuare la separazione delle perdite tra perdite per isteresi e perdite
per correnti parassite, partendo dalla (5.198), si possono esprimere le perdite per ciclo
(energia)
W
U
=
P
U
f
= k
I
B
n
+ k
P
f B
2
. (5.207)
La (5.207) rappresenta una retta in funzione della frequenza, per cui, con misure in funzio-
ne di f , a induzione magnetica costante B = B
R
, si pu` o ottenere la ripartizione desiderata,
come illustrato in Figura 5.30. Il valore di P
U
corrispondente allinduzione magnetica B
R
,
per ogni valore di f , deve essere determinato secondo le modalit` a indicate nel Paragra-
fo 5.8.2 (interpolazione graca e correzione dellerrore sistematico dovuto agli autocon-
sumi degli strumenti). Sono necessarie almeno due misure a diversi valori di frequenza
per poter operare la ripartizione delle perdite. I valori dei coecienti k
I
e k
P
risultano
k
I
=
W
U

f =0
B
n
R
, (5.208)
k
P
=
W
U

f =f
R
W
U

f =0
B
2
R
f
R
, (5.209)
dove B
R
` e il valore di induzione magnetica di riferimento e f
R
` e il valore della frequenza di
riferimento. Alternativamente, considerando che il valore di n non ` e tipicamente noto, si
possono determinare i coecienti
I
e
P
, che esprimono, rispettivamente, la frazione di
perdite da attribuire allisteresi e la frazione di perdite da attribuire alle correnti parassite,
dati da
Piero Malcovati, Misure Elettriche 161
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
W
U
f
k
P
fB
2
k
I
B
n
Figura 5.30: Ripartizione delle perdite in un materiale magnetico

I
=
W
U

f =0
f
R
P
U
, (5.210)

P
=
_
W
U

f =f
R
W
U

f =0
_
f
R
P
U
. (5.211)
A questo punto, noti i coecienti
I
e
P
, ` e possibile tenere conto anche della di-
pendenza della cifra di perdita dalla frequenza nel calcolo dellincertezza. Il modello del
misurando da utilizzare per il calcolo dellincertezza che grava sulla misura della cifra di
perdita, dato dalla (5.203), infatti, pu` o essere modicato in
C
P,U
= P
M
_

I
f
R
f
M
+
P
f
2
R
f
2
M
_
2m(n
s
f
R
B
R
)
2
(lV
M
)
2
, (5.212)
dove f
M
` e la frequenza misurata. Lincertezza tipo relativa sulla misura di cifra di perdita,
assumendo f
M
= f
R
, ma considerando lincertezza tipo relativa sulla misura di frequenza
u ( f
M
), sapendo che
I
+
P
= 1 e trascurando le incertezze sulla massa u (m), sulla
lunghezza u (l) e sul peso specico u (), risulta
u
_
C
P,U
_
=
_
u (P
M
)
2
+ 4 u (V
M
)
2
+ (
I
+ 2
P
)
2
u ( f
M
)
2
, (5.213)
dove u (P
M
) e u (V
M
) sono date, rispettivamente, dalla (5.65) e dalla (5.6). Lincertezza
tipo assoluta risulta, quindi,
u
_
C
P,U
_
= u
_
C
P,U
_
C
P,U
. (5.214)
Per determinare lincertezza estesa U
_
C
P,U
_
, si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
C
P
= C
P,U
U
_
C
P,U
_
, (5.215)
dove C
P,U
` e dato dalla (5.202). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
162 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.8. Misure su Circuiti Non-Lineari di Tipo Induttivo
5.8.4 Misura della Cifra di Perdita con Tensione Non-Sinusoidale
In laboratorio ci si trova, a volte, a dover eettuare la misura della cifra di perdita con
una sorgente di tensione che presenta una forma donda non perfettamente sinusoidale.
Questo ` e dovuto, nella maggior parte dei casi, al fatto che, a causa della non-linearit` a della
relazione B = f (H) nel materiale, la corrente che circola nellavvolgimento primario
dellapparecchio di Epstein non ` e sinusoidale. Pertanto, in presenza di una resistenza non
nulla in serie alla sorgente di tensione (resistenza interna della sorgente e resistenza dei
cavi), la tensione eettivamente applicata allavvolgimento primario dellapparecchio di
Epstein risulta essere, a sua volta, non-sinusoidale.
Le perdite per isteresi e per correnti parassite che si manifestano nel materiale, seguo-
no leggi diverse:
le perdite per isteresi sono funzione del valore di cresta dellinduzione magnetica
B
C
, in conseguenza del fatto che dipendono dal ciclo di isteresi e, in aggiunta,
lesponente di Steinmetz ` e variabile con linduzione magnetica stessa;
le perdite per correnti parassite sono, per la legge di Joule, proporzionali al quadra-
to del valore ecace delle tensioni indotte nei lamierini e dipendono, quindi, dal
valore ecace dellinduzione magnetica B
E
.
Ne consegue che, se la tensione non ` e sinusoidale, non ` e pi ` u possibile eettuare di-
rettamente linterpolazione graca delle misure eettuate, per determinare le perdite in
corrispondenza del valore di induzione magnetica di riferimento B
R
. Con tensione non-
sunusoidale, infatti, risulta che B
E
B
C
/

2 e, quindi, utilizzando lo schema di Fi-


gura 5.29, in cui si misura il valore ecace della tensione, legato al valore ecace
dellinduzione magnetica B
E
, il valore di B
C
non ` e determinabile.
Sarebbe, quindi, necessario disporre di uno strumento in grado di misurare il valore
massimo dellinduzione magnetica (o una grandezza proporzionale a questa), in aggiunta
al voltmetro a valore ecace. Nel Paragrafo 5.8.5, si dimostrer` a che il valore massimo
dellinduzione magnetica ` e proporzionale al valore medio sul semiperiodo della tensione
indotta (V
m
). Pertanto, occorre inserire nel circuito anche un voltmetro a valore medio,
come indicato in Figura 5.31. Il voltmetro a valore medio ` e generalmente tarato in valore
ecace e fornisce, quindi, il valore /
_
2

2
_
V
m
1.11V
m
. Per lesecuzione delle misure
si procede come indicato nel Paragrafo 5.8.2, prendendo come riferimento le indicazioni
del voltmetro a valore medio. In questo modo, si riportano correttamente per via graca
alla tensione V
R
= /
_
2

2
_
V
m
, ovvero allinduzione magnetica B
R
= B
C
/

2, le per-
dite per isteresi, ma non quelle per correnti parassite, che sono proporzionali al valore
ecace della tensione V /
_
2

2
_
V
m
. Il contrario avverrebbe se si prendessero come
riferimento le indicazione del voltmetro a valore ecace. Conviene esprimere i risultati
in funzione della tensione fornita dal voltmetro a valore medio, in quanto lesponente di
Steinmetz non ` e costante (si opera ad induzione magnetica massima costante). Dalla in-
terpolazione graca si ottiene il valore, riportato a B
R
= B
C
/

2, delle perdite complessive


P
M
, come illustrato in Figura 5.32. Se lautoconsumo delle voltmetriche del wattmetro
e dei voltmetri non ` e trascurabile, si deve utilizzare la (5.71) per ottenere il valore della
potenza corretta P
U
.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 163
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
W A
~
V
m
V
E
f
Figura 5.31: Circuito per la misura della cifra di perdita con lapparecchio di Epstein
con tensione non-sinusoidale
P
M
1.11 V
m
P
M
V
R
Figura 5.32: Interpolazione graca per la determinazione del valore delle perdite alla
induzione magnetica di riferimento
164 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.8. Misure su Circuiti Non-Lineari di Tipo Induttivo
V
1.11 V
m
V
R,E
V
R
Figura 5.33: Interpolazione graca per la determinazione del valore ecace della
tensione corrispondente alla induzione magnetica di riferimento
Per poter procedere alla correzione dei risultati e riportarli al caso di onda sinusoidale,
` e necessario procedere alla suddivisione delle perdite, come illustrato nel Paragrafo 5.8.3.
Una volta determinati i coecienti
I
e
P
, ` e possibile riportare le perdite per correnti
parassite al valore corretto di tensione e, quindi, di induzione magnetica, tenendo conto
del fatto che le perdite per correnti parassite dipendono dal quadrato del valore ecace
dellinduzione magnetica stessa. Le perdite corrette sono date da
P
C
=
I
P
U
+
P
P
U
V
2
R
V
2
R,E
, (5.216)
dove V
R,E
` e il valore ecace della tensione che corrisponde a V
R
= /
_
2

2
_
V
m
, rica-
vato per via graca, come illustrato in Figura 5.33 (in regime sinusoidale V
R,E
= V
R
).
Nel caso in cui non sia possibile determinare sperimentalmente
I
e
P
, per esempio
perch e non ` e possibile eettuare misure in funzione della frequenza, si usa assumere,
convenzionalmente,
I
=
P
= 0.5. La cifra di perdita corretta risulta, quindi,
C
P,U
=
P
C
m
. (5.217)
Per il calcolo dellincertezza di misura si assume come modello del misurando la
(5.212), trascurando, in quanto ininuente per il calcolo dellincertezza, anche la cor-
rezione dellerrore dovuto alla tensione non-sinusoidale. Lincertezza tipo relativa sulla
misura di cifra di perdita u
_
C
P,U
_
` e data, quindi, dalla (5.213). Anche in questo caso,
Piero Malcovati, Misure Elettriche 165
5. Misure Industriali con Strumenti Analogici
T
e
n
s
i
o
n
e
,

C
o
r
r
e
n
t
e
Tempo
b
e
T/2
V
m
B
C
B
C
Figura 5.34: Andamento di tensione e induzione magnetica nel circuito per la misura del
valore massimo dellinduzione magnetica
le incertezze sulla massa u (m), sulla lunghezza u (l) e sul peso specico u () possono,
generalmente, essere trascurate. Lincertezza tipo assoluta risulta, pertanto,
u
_
C
P,U
_
= u
_
C
P,U
_
C
P,U
. (5.218)
Per determinare lincertezza estesa U
_
C
P,U
_
, si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
C
P
= C
P,U
U
_
C
P,U
_
, (5.219)
dove C
P,U
` e dato dalla (5.217). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
5.8.5 Misura del Valore di Cresta dellInduzione Magnetica
In diversi tipi di misure industriali che coinvolgono grandezze magnetiche, come per
esempio nella misura della cifra di perdita di un materiale magnetico tramite lapparec-
chio di Epstein (Paragrafo 5.8.1 e Paragrafo 5.8.4), si rende necessario determinare il
valore di cresta dellinduzione magnetica B
C
. Si pu` o dimostrare che B
C
` e proporzionale
al valore medio della tensione indotta V
m
, purch e la forma donda della induzione magne-
tica passi per lo zero due volte per periodo. Si considerino le forme donda riportate in
Figura 5.34, che rappresentano i valori istantanei dellinduzione magnetica b e della forza
elettromotrice di autoinduzione o indotta e. Si pu` o allora scrivere
166 Piero Malcovati, Misure Elettriche
5.8. Misure su Circuiti Non-Lineari di Tipo Induttivo
e = n
s
d
dt
= n
s
db
dt
A, (5.220)
dove = bA ` e il valore istantaneo del usso dellinduzione magnetica, n
s
` e il numero di
spire considerato e A ` e la sezione dei circuito magnetico, da cui si ricava
edt = n
s
Adb. (5.221)
Il valore medio della tensione V
m
riferito al semiperiodo, misurato ad esempio con un
voltmetro magnetoelettrico (Paragrafo 4.4), collegato come indicato in Figura 5.7, ` e dato
da
V
m
=
2
T
_
T/2
0
edt =
2
T
_
B
C
B
C
n
s
Adb =
2n
s
A
T
2B
C
= 4n
s
Af B
C
, (5.222)
avendo indicato con T il periodo, con f la frequenza e con B
C
il valore di cresta dellin-
duzione magnetica. Questa relazione ` e valida in quanto la forza elettromotrice indotta ` e
nulla quando ` e nulla la derivata dellinduzione magnetica, ovvero, quando questultima ` e
massima.
Si tenga presente che, se il voltmetro a valore medio ` e tarato in valore ecace per
forma donda sinusoidale, la lettura del voltmetro sar` a
V = 1.11V
m
= 4.44n
s
Af B
C
. (5.223)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 167
Capitolo 6
Metodi di Ponte
6.1 Generalit` a
Prendono il nome di metodi di ponte alcuni metodi di misura basati su reti di resistori,
induttori e condensatori, in cui il componente da misurare rappresenta il componente in-
cognito, mentre gli altri elementi sono noti. Per il funzionamento dei ponti sono necessari
una sorgente di alimentazione (in corrente continua o in corrente alternata) e uno stru-
mento di zero. Quando il ponte ` e in equilibrio, ossia quando due punti della rete sono allo
stesso potenziale, si pu` o calcolare il valore dellelemento incognito, applicando semplici
relazioni matematiche che legano i valori degli elementi noti della rete.
6.2 Ponte di Wheatstone
Il ponte di Wheatstone ` e costituito da quattro resistori, disposti come i lati di un quadrila-
tero (Figura 6.1), le cui diagonali sono costituite rispettivamente da una sorgente di forza
elettromotrice (sorgente di alimentazione) e da uno strumento di zero (galvanometro, G).
Le resistenze R
a
, R
b
ed R
c
hanno valore noto, mentre R
x
` e la resistenza in esame. In base
alla polarit` a della sorgente di alimentazione, si pu` o sapere a priori il verso di circolazione
della corrente nei due rami A-B-C e A-D-C; non ` e, invece, noto a priori il senso della
corrente che attraversa il galvanometro, percorrendo la diagonale B-D, poich e esso di-
pende dalla dierenza di potenziale fra i due nodi B e D. In particolare, la corrente sar` a
nulla se B e D si trovano al medesimo potenziale: questa ` e la condizione di equilibrio del
ponte che si deve ricercare. Lassenza di corrente sul lato B-D si verica per mezzo del
galvanometro G. Il ponte di Wheatstone ` e, infatti, un metodo di riduzione a zero.
In condizioni di equilibrio, con B e D allo stesso potenziale, senza passaggio di cor-
rente nel galvanometro, se si applica il primo principio di Kirchho ai nodi B e D, si
ottiene
_

_
I
a
= I
x
I
b
= I
c
. (6.1)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 169
6. Metodi di Ponte
E
A
B
C
D
R
G
c
R
b
R
x
R
a
R
g
Figura 6.1: Ponte di Wheatstone
Se si applica ora il secondo principio di Kirchho alle maglie A-B-D e B-C-D, si ottiene
_

_
R
a
I
a
= R
b
I
b
R
x
I
x
= R
c
I
c
. (6.2)
Si pu` o, quindi, scrivere
_

_
R
a
R
b
=
I
b
I
a
R
x
R
c
=
I
c
I
x
. (6.3)
Dividendo membro a membro la (6.1), si ottiene
I
b
I
a
=
I
c
I
x
. (6.4)
Combinando la (6.3) con la (6.4), si ricava
R
a
R
b
=
R
x
R
c
. (6.5)
La resistenza incognita risulta, quindi, data da
R
x
= R
c
R
a
R
b
. (6.6)
Questa espressione, quando il ponte ` e in equilibrio, permette di conoscere il valore del-
la resistenza incognita una volta noti i valori delle altre tre resistenze inserite nel ponte.
170 Piero Malcovati, Misure Elettriche
6.3. Doppio Ponte di Thomson
Si noti che nella (6.6) non compaiono n e le correnti circolanti, n e la forza elettromotri-
ce (che non occorre quindi conoscere), n e la resistenza della diagonale comprendente il
galvanometro (R
g
).
I lati A-B e A-D vengono chiamati bracci del ponte (resistori R
a
ed R
b
), mentre il
lato B-C ` e chiamato lato di paragone (resistore R
c
). La misura si eettua collegando il
resistore incognito al ponte e regolando i bracci ed il lato di paragone, costituiti da resistori
variabili, no al raggiungimento della condizione di equilibrio.
La condizione di maggior sensibilit` a del ponte si ottiene facendo in modo che R
a
ed
R
x
, cos` come R
b
ed R
c
, abbiano allincirca il medesimo valore. La condizione ideale
sarebbe che tutte e quattro le resistenze avessero valori uguali o perlomeno molto vicini.
Lincertezza di misura di questi ponti ` e minima, quando si misurano resistenze di valore
medio, comprese fra qualche ohm e qualche decina di kiloohm. Utilizzando la (6.6) come
modello del misurando e date le incertezze tipo relative delle resistenze note del ponte
u (R
a
), u (R
b
) e u (R
c
), lincertezza tipo composta relativa (Paragrafo 1.5.3) della resistenza
incognita R
x
risulta
u (R
x
) =
_
u (R
a
)
2
+ u (R
b
)
2
+ u (R
c
)
2
. (6.7)
Alternativamente, quando si utilizzano ponti di Wheatston commerciali, di cui il costrut-
tore fornisce la classe di precisione, lincertezza tipo relativa ` e data da
u (R
x
) =
Classe
100

3
. (6.8)
Lincertezza tipo assoluta risulta, quindi,
u (R
x
) = u (R
x
) R
x
. (6.9)
Per determinare lincertezza estesa U (R
x
), si ricorre poi alla (1.49), scegliendo oppor-
tunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della misurazione
sar` a, quindi,
R = R
x
U (R
x
) , (6.10)
dove R
x
` e dato dalla (6.6). Per determinare il numero cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
6.3 Doppio Ponte di Thomson
Il ponte di Wheatstone non si presta alla misura di resistenze molto piccole, poich e la
presenza delle resistenze di contatto, con valori dello stesso ordine di grandezza delle re-
sistenze da misurare, sarebbe fonte di errori sistemativi non noti di entit` a troppo elevata.
Per queste resistenze viene, invece, impiegato, spesso, il doppio ponte di Thomson, il qua-
le ha la caratteristica fondamentale di fornire una indicazione indipendente da eventuali
variazioni di corrente nel circuito sul quale ` e inserita la resistenza in prova (Figura 6.2) e
pure indipendente, entro certi limiti, dalle resistenze di collegamento e di contatto.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 171
6. Metodi di Ponte
R R
a
R
x
R
g
R
k
R
a
R
b

b
I
a
I
b
I
G
a
I
b

I I
A
B
D F
E
Figura 6.2: Doppio ponte di Thomson
Il metodo del doppio ponte di Thomson si basa sul confronto tra le cadute di tensione
provocate dal resistore incognito R
x
e da un resistore campione R
k
, dotati di quattro ter-
minali (due di tensione e due di corrente), collegati in serie fra loro attraverso i terminali
di corrente e facenti capo alla sorgente di alimentazione del ponte. Ai terminali di ten-
sione di questi due resistori sono collegati i li che portano ai resistori R
a
, R

a
, R
b
ed R

b
del ponte, fra i quali ` e inserito lo strumento di zero (galvanometro, G). I resistori R
a
, R

a
,
R
b
ed R

b
hanno generalmente un valore superiore a quello di R
x
e di R
k
e sono di valore
variabile (tipicamente tra 0.1 e 10 k). Poich e normalmente R
a
= R

a
e R
b
= R

b
, i
comandi di R
a
ed R

a
, a regolazione continua, sono abbinati meccanicamente in modo che
le due resistenze abbiano sempre il medesimo valore. Lo stesso vale per R
b
ed R

b
, la cui
regolazione ` e, tipicamente, a scatti.
Per lazzeramento del ponte si procede scegliendo un valore opportuno per le due re-
sistenze R
b
e R

b
(tipicamente, se R
k
ed R
x
sono dello stesso ordine di grandezza, si sceglie
R
b
= R

b
= R
a,max
, dove R
a,max
` e il massimo valore possibile per R
a
e R

a
), dopo di che si
regolano R
a
ed R

a
. Se non si raggiunge lazzeramento, oppure se si ottengono poche cifre
signicative per il valore di R
x
, si variano i valori di R
b
ed R

b
. Quando il galvanometro
segna zero (ponte in equilibrio), in esso non circola corrente e, quindi, attraverso R
a
e
R
b
circola la medesima corrente, come pure attraverso R

a
ed R

b
. Applicando il secondo
principio di Kirchho alle maglie A-B-C-D ed A-B-E-F e tenendo conto del senso delle
172 Piero Malcovati, Misure Elettriche
6.3. Doppio Ponte di Thomson
correnti su ciascun lato, si pu` o scrivere
_

_
R
a
I
a
R

a
I

a
R
x
I = 0
R
b
I
b
R

b
I

b
R
k
I = 0
, (6.11)
ossia
_

_
R
x
I = R
a
I
a
R

a
I

a
R
k
I = R
b
I
b
R

b
I

b
. (6.12)
Dividendo membro a membro la (6.12), si ottiene
R
x
R
k
=
R
a
I
a
R

a
I

a
R
b
I
b
R

b
I

b
. (6.13)
Ricordando ora che si era posta come condizione di funzionamento del ponte R
a
= R

a
ed
R
b
= R

b
, la (6.13) diventa
R
x
R
k
=
R
a
_
I
a
I

a
_
R
b
_
I
b
I

b
_. (6.14)
Quando il ponte ` e in equilibrio, I
a
= I
b
e I

a
= I

b
, per cui, si ottiene
R
x
= R
k
R
a
R
b
. (6.15)
Un resistore variabile viene generalmente inserito nel circuito, in serie alla sorgente di
alimentazione: esso funge da regolatore della corrente che circola attraverso R
x
e R
k
, dato
che si tratta, in genere, di resistenze molto basse. Compatibilmente con lesigenza di non
provocare un riscaldamento di questi due resistori, la corrente deve essere mantenuta al
valore pi ` u elevato possibile, poich e in tal modo sono maggiori le cadute di tensione su R
x
e R
k
, che, come si ` e visto, sono le grandezze che vengono valutate dal ponte per eseguire
la misura. Inoltre ` e opportuno cercare di mantenere elevato il valore della resistenza
dei quattro lati del ponte, poich e in tal modo si riduce lerrore dovuto alle resistenze di
contatto.
Utilizzando la (6.13) come modello del misurando e date le incertezze tipo relati-
ve delle resistenze note del ponte e della resistenza campione u (R
a
), u (R
b
) e u (R
k
),
lincertezza tipo composta relativa (Paragrafo 1.5.3) della resistenza incognita R
x
risulta
u (R
x
) =
_
u (R
a
)
2
+ u (R
b
)
2
+ u (R
k
)
2
. (6.16)
Alternativamente, quando si utilizza un doppio ponte di Thomson commerciale, di cui il
costruttore fornisce la classe di precisione, lincertezza tipo relativa ` e data da
u (R
x
) =
_
_
Classe
100

3
_
2
+ u (R
k
)
2
, (6.17)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 173
6. Metodi di Ponte
in cui u (R
k
) ` e la incertezza tipo relativa della resistenza campione esterna al ponte. Lac-
curatezza di R
k
viene, normalmente, espressa in termine di classe di precisione (data in
percentuale) con distribuzione rettangolare. Pertanto, lincertezza tipo di R
k
` e data da
u (R
k
) =
Classe
100

3
. (6.18)
Lincertezza tipo assoluta della resistenza incognita risulta, quindi,
u (R
x
) = u (R
x
) R
x
. (6.19)
Qualora si misurino resistori realizzati con materiali, come il rame, caratterizzati da un
elevato coeciente di temperatura , occorre specicare la temperatura T per cui ` e de-
terminato il valore di resistenza. Qualora la misura sia eettuata a una temperatura T
M
,
diversa da T, inoltre, occorre correggere il valore misurato in modo da riportarlo alla
temperatura desiderata. Il valore di resistenza corretta risulta, quindi, dato da
R
x

T
= R
x
[1 + (T T
M
)] . (6.20)
Ovviamente, anche nel calcolo dellincertezza occorre tener conto della dipendenza della
resistenza dalla temperatura. Quindi, utilizzando la (6.20) come modello del misurando,
lincertezza tipo relativa risulta
u ( R
x

T
) =
_
u (R
x
)
2
+ u [1 + (T T
M
)]
2
, (6.21)
in cui u (R
x
) ` e dato dalla (6.16) o dalla (6.17), mentre
u [1 + (T T
M
)] =
u [1 + (T T
M
)]
1 + (T T
M
)
=
u (T
M
)
1 + (T T
M
)
, (6.22)
dove u (T
M
) ` e lincertezza tipo assoluta associata alla temperatura misurata. Pertanto, si
ottiene
u ( R
x

T
) =
_
u (R
x
)
2
+
_
u (T
M
)
1 + (T T
M
)
_
2
. (6.23)
Per determinare lincertezza estesa U (R
x
) o U ( R
x

T
), si ricorre poi alla (1.49), sceglien-
do opportunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il risultato della
misurazione sar` a, quindi,
R = R
x
U (R
x
) , (6.24)
oppure
R
T
= R
x

T
U ( R
x

T
) , (6.25)
dove R
x
o R
x

T
sono dati dalla (6.13) o dalla (6.20). Per determinare il numero cifre
signicative da utilizzare nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate
nel Paragrafo 1.5.5.
174 Piero Malcovati, Misure Elettriche
6.4. Metodi di Ponte in Corrente Alternata
6.4 Metodi di Ponte in Corrente Alternata
Le misure di capacit` a e fattore di perdita tan (), denito nel Paragrafo 2.5, sono estre-
mamente importanti per determinare la qualit` a dei materiali isolanti utilizzati in corrente
alternata. La determinazione di tan (), generalmente in funzione della tensione e a fre-
quenza costante, pu` o in linea di principio essere eettuata con metodi di ponte o con
metodi wattmetrici. Quando la tensione di prova ` e elevata e tan () piuttosto piccolo,
normalmente, si utilizzano metodi di ponte in corrente alternata.
`
E tuttavia importante
ricordare che, almeno in linea di principio, la potenza dissipata in un materiale isolante
sottoposto a campo alternato pu` o essere determinata anche con altri metodi.
Come gi` a precisato nel Paragrafo 2.5, il fattore di perdita dipende dalla tensione, dalla
frequenza e, in misura a volte molto rilevante, dalla temperatura. Si tenga presente che
il tempo di applicazione della tensione di prova pu` o pure inuire sul valore di tan ().
Nella conduzione delle misure ` e, quindi, necessario fare molta attenzione a queste gran-
dezze che devono essere scrupolosamente annotate. Per quanto riguarda la temperatura, ` e
necessario ricordare che la massa delloggetto in prova pu` o richiedere un tempo conside-
revole per raggiungere il regime termico (anche alcune ore).
`
E, quindi, opportuno seguire
con molta cura quanto prescritto in proposito.
Un altro aspetto, che pu` o rivestire una certa importanza in questo tipo di misura, ` e
leetto dei bordi delle armature del condensatore da misurare. Esso si manifesta con un
aumento di tan (), per eetto delle correnti superciali e della deformazione del campo
elettrico, con la formazione di piccoli volumi in cui la forza elettrica (gradiente) ` e molto
intensa. In certi casi (ad esempio prove su brevi spezzoni di cavo, giunti e terminali), pu` o
essere necessario predisporre anelli di guardia, come si fa per i condensatori campione
(Figura 2.13).
6.4.1 Principio dei Ponti in Corrente Alternata
Si consideri lo schema di Figura 6.3 e si supponga di alimentare il sistema con una ten-
sione sinusoidale di ampiezza e frequenza costanti. I rami del ponte sono costituiti da
impedenze generiche, al limite pure resistenze, capacit` a o induttanze. Lo strumento di
zero G ` e sensibile alla corrente alternata e d` a indicazione nulla quando il ponte ` e in equi-
librio, cio` e quando i punti B e C sono allo stesso potenziale e, quindi, lo strumento non ` e
attraversato da corrente.
Delle quattro impedenze, che costituiscono i bracci del ponte, se ne consideri una
incognita e le altre note e, in parte, regolabili. Variando il valore di queste impedenze,
` e possibile ottenere le condizioni di equilibrio sopra menzionate. Sempre esaminando la
Figura 6.3, si pu` o dedurre che, in equilibrio, le correnti nelle impedenze Z
x
e Z
3
sono
uguali tra loro (I
x,3
) e cos` pure le correnti nelle impedenze Z
2
e Z
4
(I
2,4
). Si pu` o, allora,
scrivere
_

Z
x

I
x,3
=

Z
2

I
2,4

Z
3

I
x,3
=

Z
4

I
2,4
. (6.26)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 175
6. Metodi di Ponte
G
Z
x
Z
2
Z
3
Z
4
A
B
D
C
~
Figura 6.3: Schema di principio di un ponte in corrente alternata
Dividendo membro a membro, si ottiene

Z
x

Z
3
=

Z
2

Z
4
. (6.27)
Nella (6.26) e nella (6.27) le frecce sopra i simboli stanno ad indicare che si parla di gran-
dezze vettoriali e non scalari. Le grandezze diverrebbero scalari solo se i quattro bracci
del ponte fossero costituiti da un solo tipo di componente (sole resistenze, sole capacit` a o
sole induttanze). Si pu` o osservare che entrambi i rapporti

Z
x
/

Z
3
e

Z
2
/

Z
4
sono, in generale,
rappresentabili con numeri complessi, costituiti da parte reale e parte immaginaria. Ne
consegue che, per essere uguali, i due membri della (6.27) devono avere uguali le parti
reali e le parti immaginarie, ovvero,
_

_
T
_

Z
x

Z
3
_

_
= T
_

Z
2

Z
4
_

_
0
_

Z
x

Z
3
_

_
= 0
_

Z
2

Z
4
_

_
. (6.28)
Conseguentemente, per permettere di determinare agevolmente la condizione di equilibrio
del ponte, ` e preferibile che lo strumento di zero G sia in grado di misurare separatamente
la parte reale e la parte immaginaria della corrente che uisce tra i nodi C e B.
6.4.2 Ponte di Schering
Il ponte di Schering viene impiegato in corrente alternata per misure di capacit` a e tan ().
Esso ` e adatto anche per misure in alta tensione. Lo schema di principio del ponte di
176 Piero Malcovati, Misure Elettriche
6.4. Metodi di Ponte in Corrente Alternata
G
R
x
C
N
R
3
R
4
A
B
D
C
~
C
4
C
x
Figura 6.4: Ponte di Schering
Schering ` e rappresentato in Figura 6.4. Il ramo contenente R
x
e C
x
rappresenta limpe-
denza incognita, espressa tramite il circuito equivalente serie. Questa scelta ` e arbitraria,
in quanto si sarebbe potuto utilizzare indierentemente il circuito equivalente parallelo,
oppure altri schemi anche pi` u complessi, purch e equivalenti allimpedenza incognita. Il
ramo C
N
rappresenta una capacit` a pura di valore noto e sso (condensatore campione).
Le resistenze R
3
e R
4
sono regolabili a gradini, cos` come C
4
. Agendo su questi parametri,
` e possibile raggiungere la condizione di equilibrio del ponte, che ` e data da
1
R
3
_
R
x
j
1
C
x
_
= j
1
C
N
_
1
R
4
+ jC
4
_
. (6.29)
Con alcune semplicazioni, si ottiene
R
x
R
3
j
1
R
3
C
x
=
C
4
C
N
j
1
R
4
C
N
. (6.30)
La (6.30) ` e soddisfatta solo se sono uguali le parti reali,
R
x
R
3
=
C
4
C
N
, (6.31)
e le parti immaginarie,
1
R
3
C
x
=
1
R
4
C
N
, (6.32)
dei due membri. Si pu` o osservare, innanzitutto, che lequilibrio del ponte non dipende
dalla frequenza. Inoltre, la (6.31) non contiene R
4
, mentre la (6.32) non contiene C
4
.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 177
6. Metodi di Ponte
Scelto un valore di R
3
, quindi, ` e possibile agire indipendentemente su R
4
e C
4
per azzerare
la parte reale e la parte immaginaria della corrente che uisce nello strumento di zero, in
modo da trovare facilmente la condizione di equilibrio del ponte. Dalla (6.31) si ottiene
immediatamente
C
x
=
R
4
R
3
C
N
, (6.33)
mentre dalla (6.32) si ricava
R
x
=
C
4
C
N
R
3
. (6.34)
Si deve, per` o, osservare che si preferisce normalmente esprimere le perdite non con
R
x
, ma con tan (). Utilizzando la (2.7), si ottiene
tan () = R
x
C
x
. (6.35)
Se si sostituiscono ora nella (6.35) lespressione di C
x
, data dalla (6.33), e lespressione
di R
x
, data dalla (6.34), si ottiene
tan () = R
4
C
4
. (6.36)
Le due espressioni risolutive del ponte in termini di C
x
e tan () sono, quindi, date dalla
(6.33) e dalla (6.36). Si pu` o osservare che il valore di tan () ` e indipendente dal tipo di
schema equivalente assunto per Z
x
. Inoltre, normalmente, essendo tan () molto piccolo,
anche il valore di C
x
risulta indipendente dallo schema equivalente scelto per Z
x
.
Nel ponte di Schering lo strumento di zero G gioca un ruolo importante. Nelle versioni
pi ` u moderne, esso ` e di tipo elettronico con indicazione analogica o digitale. Si tratta
di uno strumento selettivo in frequenza, accordato sulla frequenza della sorgente usata
per le prove, in grado di fornire separatamente il valore della parte reale e della parte
immaginaria della corrente che lo attraversa.
Utilizzando la (6.33) e la (6.36) come modelli del misurando e date le incertezze tipo
relative dei componenti noti del ponte e del condensatore campione u (R
3
), u (R
4
), u (C
4
)
e u (C
N
), nonch e lincertezza tipo relativa della frequenza u ( f ) = u (), lincertezza tipo
composta relativa (Paragrafo 1.5.3) della capacit` a incognita C
x
risulta
u (C
x
) =
_
u (R
4
)
2
+ u (R
3
)
2
+ u (C
N
)
2
, (6.37)
mentre lincertezza tipo relativa di tan () ` e data da
u [tan ()] =
_
u (R
4
)
2
+ u (C
4
)
2
+ u ()
2
. (6.38)
Alternativamente, quando si utilizza un ponte di Schering commerciale, di cui il costrut-
tore fornisce la classe di precisione, lincertezza tipo relativa per C
x
e tan () ` e data,
rispettivamente, da
u (C
x
) =
_
_
Classe
100

3
_
2
+ u (C
N
)
2
, (6.39)
178 Piero Malcovati, Misure Elettriche
6.4. Metodi di Ponte in Corrente Alternata
u [tan ()] =
_
_
Classe
100

3
_
2
+ u ()
2
, (6.40)
in cui u (C
N
) ` e la incertezza tipo relativa del condensatore campione esterno al ponte e
u ( f ) = u () ` e lincertezza tipo relativa della frequenza, che, peraltro, nella maggior
parte dei casi ` e trascurabile. Lincertezza tipo assoluta risulta, quindi,
u (C
x
) = u (C
x
) C
x
, (6.41)
per C
x
, e
u [tan ()] = u [tan ()] tan () , (6.42)
per tan (). Per determinare le incertezze estese U (C
x
) e U [tan ()], si ricorre poi alla
(1.49), scegliendo opportunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. Il
risultato della misurazione sar` a, quindi,
C = C
x
U (C
x
) , (6.43)
tan ()
f
= tan () U [tan ()] , (6.44)
dove C
x
e tan () sono dati, rispettivamente, dalla (6.33) e dalla (6.36), mentre f evi-
denzia la frequenza a cui ` e stata eettuata la misura. Per determinare il numero cifre
signicative da utilizzare nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate
nel Paragrafo 1.5.5.
6.4.3 Misure su Condensatori di Capacit` a Elevata
Quando si eettuano misure su condensatori (ad esempio pezzature di cavi) di capacit` a
elevata in alta tensione, ` e necessario modicare lo schema originale del ponte di Schering
di Figura 6.4, in quanto la resistenza R
3
non ` e in grado di portare la corrente che circola
in C
x
. Si deve allora inserire uno shunt, che derivi buona parte della corrente. In pratica,
si realizza lo schema di Figura 6.5, nel quale con s ` e indicata la resistenza letta su un
lo resistivo (normalmente da 1 ), sul quale il cursore si pu` o spostare per ricercare la
condizione di equilibrio del ponte.
La soluzione del circuito ` e pi ` u complessa di quella descritta nel Paragrafo 6.4.2, in
quanto si deve trasformare la maglia B-G-T di Figura 6.5 da triangolo a stella, per ottenere
lo schema equivalente di Figura 6.6. In questo schema, ` e presente una resistenza r

in serie
al galvanometro, che non inuisce sulla misura, una resistenza r

in serie al condensatore
C
x
, che teoricamente va ad inuire sul valore di tan () misurato dal ponte, e una resistenza
r

, che ` e quella che interessa per determinare il valore di C


x
. Allatto pratico, dati i
valori delle resistenze in gioco, la situazione ` e meno critica di quanto teoricamente appaia.
Tralasciando le dimostrazioni, si arriva alle formule risolutive, tenendo conto che il ponte
` e stato realizzato in modo tale che sia N + R
v
+ s = 100 . Per il fattore di perdita, si
ottiene
tan () = R
4
_
C
4
C
N
100 N s
R
3
+ s
_
, (6.45)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 179
6. Metodi di Ponte
G
R
x
~
C
x
R
v
s
R
3
N
C
N
R
4
C
4
B
G
T
Figura 6.5: Ponte di Schering per capacit` a elevate
G
R
x
~
C
x
r
r
C
N
R
4
C
4
r
G
B
T
Figura 6.6: Circuito equivalente del ponte di Schering per capacit` a elevate
180 Piero Malcovati, Misure Elettriche
6.4. Metodi di Ponte in Corrente Alternata
G
R
x
~
C
x
C
N
R
4
C
4 R
3
C
1
C
2
C
0
Figura 6.7: Ponte di Schering con capacit` a parassite
che senza errori sensibili si pu` o ritenere ancora uguale a
tan () R
4
C
4
. (6.46)
Per quanto riguarda la capacit` a C
x
si ha, invece,
C
x
=
C
4
R
4
(100 + R
3
)
N (R
3
+ s)
, (6.47)
dove C
x
risulta espressa con la stessa unit` a di misura con cui ` e data C
N
, con tutte le
resistenze espresse in ohm.
6.4.4 Misure in Alta Tensione e Regolazione dei Potenziali
Quando si eettuano misure di capacit` a o tan () in alta tensione, bisogna prendere qual-
che precauzione per tenere conto delle capacit` a parassite in gioco, che sono particolar-
mente signicative a causa dei collegamenti, inevitabilmente lunghi, necessari per la rea-
lizzazione del ponte di Schering. Nello schema di Figura 6.7 sono state messe in evidenza
tre capacit` a parassite, e precisamente:
la capacit` a tra il cavo di collegamento tra C
x
e R
3
e la terra (C
1
);
la capacit` a tra il cavo di collegamento tra C
N
e R
4
e la terra (C
2
);
la capacit` a tra larmatura di bassa tensione del condensatore C
N
e gli anelli di
guardia (C
0
).
Durante la misura, ` e bene che dette capacit` a parassite abbiano un valore denito, per
cui ` e preferibile realizzare i collegamenti con cavetti schermati. La capacit` a C
1
risulta
in parallelo a R
3
, mentre C
2
e C
0
risultano in parallelo a C
4
. Quindi, i valori di tan ()
dovrebbero essere corretti sommando a C
4
i valori di C
2
e C
0
e poi detraendo il valore
R
3
C
1
. Come si vede luso del ponte tende a complicarsi.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 181
6. Metodi di Ponte
G
R
x
~
C
x
C
N
R
4
C
4 R
3
C
1
C
2
C
0
~
Figura 6.8: Ponte di Schering con compensazione delleetto delle capacit ` a parassite
(metodo delle terre di Wagner)
Esiste, per` o, la possibilit` a di eliminare gli eetti di C
1
, C
2
e C
0
, usando un cavo a
doppia schermatura, ponendo a terra la schermatura esterna e portando al potenziale dello
strumento di zero (G) quella interna. Ci ` o pu` o essere fatto utilizzando una sorgente di
tensione ausiliaria, regolabile in ampiezza e fase (regolatore di potenziale), come sche-
matizzato in Figura 6.8. Quando lo schermo intermedio ` e allo stesso potenziale dello
strumento di zero, la corrente assorbita delle capacit` a parassite non ` e pi ` u fornita del pon-
te, ma della sorgente di tensione ausiliaria utilizzata. In questo modo, le capacit` a parassite
non inuenzano pi ` u la misura. Questa soluzione prende il nome di metodo delle terre di
Wagner. Nei ponti pi` u moderni, la regolazione del potenziale viene fatta automaticamente
mediante un apposito dispositivo.
6.4.5 Ponti Automatici
Il principio di funzionamento di un ponte automatico ` e illustrato in Figura 6.9. Il con-
densatore da misurare C
x
(e quindi eventualmente anche un cavo) ` e comparato con un
condensatore campione C
N
, per mezzo di un TA dierenziale (descritto nel Capitolo 9) di
elevata precisione. I due avvolgimenti primari N
1
e N
2
di questo TA costituiscono i rami
inferiori del ponte, rispettivamente, dal lato di C
x
e di C
N
. Sul lato secondario del TA, un
avvolgimento (N
I
) ` e collegato allo strumento di zero, mentre gli avvolgimenti ausiliari N
4
e N
3
servono ad ottenere la condizione di equilibrio del ponte, rispettivamente, per C
x
e
tan (). La corrente che uisce negli avvolgimenti N
3
e N
4
pu` o essere variata in modulo e
fase a partire da una replica della corrente che uisce in N
2
, ottenuta tramite un altro TA
(TA).
I due avvolgimenti primari N
1
ed N
2
, nonch e gli avvolgimenti ausiliari N
3
e N
4
in-
ducono dei ussi magnetici nel nucleo. La combinazione tra questi ussi magnetici d` a
182 Piero Malcovati, Misure Elettriche
6.4. Metodi di Ponte in Corrente Alternata



























Microcomputer
Strumento
di Zero
TA
C
x
C
N
tan()
N
1
N
I
N
2
N
4
N
3
G
1

G
2
90

A
D
Figura 6.9: Ponte automatico per la misura di capacit` a e fattore di perdita
Piero Malcovati, Misure Elettriche 183
6. Metodi di Ponte
luogo a un usso di corrente nellavvolgimento N
I
, connesso allo strumento di zero. Tale
corrente risulta nulla allorch e il ponte ` e in equilibrio, vale a dire quando i ussi magnetici
prodotti da N
1
, N
2
, N
3
e N
4
si compensano in modulo e fase. In base alle informazioni
fornite dallo strumento di zero, per raggiungere la condizione di equilibrio del ponte, il
microcomputer agisce sul numero di spire di N
2
e sullo sfasamento per quanto riguarda
C
x
, nonch e sullo sfasamento e sul guadagno G
2
, per quanto riguarda tan (). Il numero
di spire dellavvolgimento N
1
pu` o essere variato dal microcomputer in base allordine di
grandezza della capacit` a C
x
.
I valori di C
x
e di tan (), nonch e della tensione di prova, sono calcolati a partire dai
parametri di regolazione e vengono indicati su un monitor alla ne di ciascun ciclo di
equilibratura. Il metodo descritto, che facilita notevolmente il compito degli operatori, ` e
anche adatto per prove su cavi, o spezzoni di cavo. Per mezzo della tastiera e del monitor,
loperatore pu` o programmare lapparecchio, introducendo i valori della capacit` a campio-
ne C
N
e lordine di grandezza della capacit` a C
x
(in modo da ridurre il tempo necessario
per raggiungere lequilibrio). Normalmente, lapparecchio viene inserito direttamente per
valori di corrente inferiori a 10 15 A, altrimenti si utilizza un TA esterno, il cui rapporto
di trasformazione deve essere fornito in fase di programmazione.
184 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Capitolo 7
Conversione Analogico-Digitale
7.1 Generalit` a
La conversione A/D ` e il processo di trasformazione di una grandezza analogica, continua
nel tempo e in ampiezza, in una grandezza digitale, discreta nel tempo e in ampiezza. Un
convertitore A/D richiede, quindi, due processi di discretizzazione: un processo di discre-
tizzazione nel dominio del tempo, che prende il nome di campionamento, e un processo
di discretizzazione in ampiezza, che prende il nome di quantizzazione. La frequenza f
S
,
con cui vengono prelevati i campioni del segnale di ingresso, prende il nome di frequenza
di campionamento, mentre il numero N
bit
di bit, con cui viene rappresentata la grandezza
digitale di uscita dopo la quantizzazione, prende il nome di risoluzione ed ` e un indice
della precisione con cui viene eettuata la conversione A/D stessa. Maggiore ` e N
bit
, pi ` u
preciso risulta, infatti, il convertitore A/D.
Esistono numerose tecniche circuitali per eettuare la conversione A/D. In generale,
le diverse tecniche permettono di ottenere unelevata risoluzione, con bassa frequenza di
campionamento, oppure una bassa risoluzione, con una elevata frequenza di campiona-
mento (il contenuto informativo per unit` a di tempo resta, grossomodo, costante), come
illustrato in Figura 7.1. A seconda dei casi, quindi, occorre scegliere la tecnica di con-
versione A/D, che garantisce il miglior compromesso tra frequenza di campionamento e
risoluzione.
7.2 Campionamento
Il campionamento trasforma una grandezza variabile nel tempo in modo continuo, in una
grandezza denita solo in ben determinati istanti di tempo, come illustrato in Figura 7.2.
Nel campionamento, un segnale analogico, che varia in funzione del tempo, viene molti-
plicato per una sequenza di segnali di tipo impulsivo, di ampiezza costante (ad esempio,
unitaria), che si ripetono con frequenza costante f
S
. Il periodo T
S
= 1/ f
S
` e detto interval-
lo di campionamento. Il risultato che si ottiene dal prodotto ` e rappresentato, ovviamente,
da una serie di impulsi, modulati in ampiezza. Dal punto di vista matematico, il segnale
Piero Malcovati, Misure Elettriche 185
7. Conversione Analogico-Digitale
16 bit 12 bit 8 bit
100 kHz
10 kHz
1 kHz
100 Hz
C
a
m
p
i
o
n
a
m
e
n
t
o
Risoluzione
Figura 7.1: Compromesso tra risoluzione e frequenza di campionamento
campionato x

(t) ` e dato da
x

(t) =

i=0
x (t) (t iT
S
) , (7.1)
dove (t) ` e limpulso di Dirac. Una sequenza innita di impulsi di Dirac, essendo un
segnale periodico di frequenza f
S
, pu` o essere sviluppato in serie di Fourier e, quindi,

i=0
(t iT
S
) =
1
T
S

i=0
e
ji2f
S
t
. (7.2)
La trasformata di Laplace (Paragrafo 3.2) di una sequenza innita di impulsi di Dirac
risulta, quindi,
L
_

i=
(t iT
S
)
_

_
=

i=
e
isT
S
=
1
T
S

i=
(s ji2f
S
) . (7.3)
Pertanto, la trasformata di Laplace X

(s) di x

(t) risulta
X

(s) = L [x

(t)] =

i=
x (iT
S
) e
isT
S
=

i=
X (s ji2f
S
) , (7.4)
dove X (s) ` e la trasformata di Laplace di x (t). Dalla (7.4) si evince che lo spettro del
segnale campionato ` e costituito dalla sovrapposizione di innite repliche dello spettro del
segnale tempo-continuo, come illustrato in Figura 7.3. Vale, quindi, il teorema di Shannon
o del campionamento, secondo il quale il campionamento di un segnale tempo-continuo,
186 Piero Malcovati, Misure Elettriche
7.2. Campionamento
t
t
t
Segnale Analogico
Tempo Continuo
Impulsi di Campionamento
Segnale Analogico
Campionato
X
(
t
)
S
(
t
)
X
S
(
t
)
T
S
Figura 7.2: Campionamento ideale
Piero Malcovati, Misure Elettriche 187
7. Conversione Analogico-Digitale
f
B f
S S
Spettro del Segnale Tempo-Continuo
f
B f
S S
Spettro del Segnale Campionato
2 f
S
3 f
S
4 f
S
5 f
S
Figura 7.3: Spettro del segnale campionato
f
B f
S
S
Spettro del Segnale Tempo-Continuo
f
B f
S
S
Spettro del Segnale Campionato
2 f
S
3 f
S
4 f
S
5 f
S
Figura 7.4: Fenomeno dellaliasing
con banda nita B
S
, non porta ad alcuna perdita di informazione, purch e si utilizzi una
frequenza di campionamento f
S
2B
S
. La massima banda di un segnale, che pu` o essere
campionato a frequenza f
S
, senza perdita di informazione, B
S
= f
S
/2, prende il nome di
frequenza di Nyquist.
Qualora si campioni a frequenza f
S
un segnale con componenti spettrali a frequenza
f > f
S
/2, insorge il cosiddetto fenomeno di aliasing, per cui le componenti spettrali a
frequenza f > f
S
/2 vengono ripiegate nella banda da 0 a f
S
/2, andandosi a sovrapporre
alle componenti spettrali gi` a presenti in questa banda, come illustrato in Figura 7.4. In
sostanza, le componenti spettrali del segnale tempo-continuo a frequenza f = i f
S
f
0
,
con f
0
< f
S
/2, per eetto del campionamento, si sovrappongono alle componenti spettrali
a frequenza f
0
, risultando indistinguibili e portando a uninevitabile perdita di informa-
zione. Per ovviare a questo inconveniente, generalmente, prima del campionamento un
segnale tempo-continuo viene ltrato, in modo da rimuovere tutte le componenti spet-
trali a frequenza f > f
S
/2. Il ltro utilizzato a questo scopo prende il nome di ltro
anti-aliasing.
188 Piero Malcovati, Misure Elettriche
7.3. Quantizzazione
C
S
1
S
2
V
i
V
U
V
U
t
T
S
Figura 7.5: Principio di funzionamento del sample-and-hold
In pratica, non ` e possibile generare una funzione di Dirac, ma solo impulsi di durata
nita. Pertanto, normalmente, si usano sistemi di campionamento, detti sample-and-
hold, il cui principio di funzionamento ` e illustrato in Figura 7.5. In questo circuito, il
condensatore C viene caricato al valore del segnale di ingresso V
i
, tramite linterrutto-
re S
1
(sample). Dopo un intervallo di tempo pari a T
S
/2, linterruttore S
1
viene aperto
e il condensatore C mantiene (hold), per un tempo pari ancora a T
S
/2, il valore della
tensione di ingresso, presente allapertura dellinterruttore S
1
. Prima di richiudere linter-
ruttore S
1
, per passare al campione successivo, il condensatore C viene scaricato tramite
linterruttore S
2
.
7.3 Quantizzazione
Il processo di discretizzazione in ampiezza o quantizzazione, a dierenza del campio-
namento, porta, inevitabilmente, ad una perdita di informazione. Il segnale quantizzato,
infatti, ` e, per denizione, rappresentato da un numero nito di bit (N
bit
), che identicano
2
N
bit
intervalli di quantizzazione
Q
, ciascuno di ampiezza data da

Q
=

2
N
bit
, (7.5)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 189
7. Conversione Analogico-Digitale
V
in
N
o
u
t

Intervallo di Quantizzazione (
Q
)
i
0
2 1
N
Figura 7.6: Quantizzazione di un segnale analogico
dove denota lampiezza massima del segnale o fondo scala (tipicamente, il massimo se-
gnale va da /2 a +/2), come illustrato in Figura 7.6. Pertanto, tutti i livelli analogici
compresi in un particolare intervallo
Q
, dopo la quantizzazione, risultano indistinguibili,
provocando la perdita di informazione. La dierenza tra il segnale di ingresso e il segnale
quantizzato prende il nome di errore di quantizzazione
Q
. Lentit` a dellerrore di quantiz-
zazione risulta tanto minore, quanto maggiore ` e la risoluzione del quantizzatore, denita
dal numero N
bit
di bit in uscita. In particolare, si avr` a
Q
/2
Q
+
Q
/2.
Lerrore di quantizzazione pu` o essere considerato una variabile casuale, sotto le se-
guenti ipotesi:
lerrore di quantizzazione, entro ciascun intervallo di quantizzazione, ha funzione
densit` a di probabilit` a uniforme;
tutti gli intervalli di quantizzazione hanno la medesima ampiezza, sucientemente
ridotta;
lerrore di quantizzazione non ` e correlato al segnale di ingresso.
Queste ipotesi, sono, generalmente, soddisfatte nella pratica, considerando che i segna-
li analogici sono, normalmente, aetti da altre forme di rumore elettronico, con anda-
mento casuale. Sotto queste ipotesi, la funzione densit` a di probabilit` a dellerrore di
quantizzazione risulta
_

_
f
_

Q
_
=
1

Q
, per
Q
/2
Q
+
Q
/2
f
_

Q
_
= 0, altrimenti
. (7.6)
Lincertezza dovuta allerrore di quantizzazione, data dalla deviazione standard di
Q
,
utilizzando la (1.33), risulta, quindi,
u
_

Q
_
=

12
. (7.7)
190 Piero Malcovati, Misure Elettriche
7.4. Blocchi Base
`
E possibile, a questo punto, denire il rapporto segnale-rumore (SNR), dato dal rapporto
tra il valore ecace di un segnale sinusoidale, con ampiezza pari a /2, e lincertezza
dovuta allerrore di quantizzazione,
SNR =

2u
_

Q
_
=

2
=
2
N
Bit

2
. (7.8)
Esprimendo la (7.8) in decibel, si ottiene
SNR
dB
= 6.02N
Bit
+ 1.76. (7.9)
Dalla (7.8) si evince che il SNR e la risoluzione sono legati e, quindi, rappresentano due
parametri alternativi per esprimere la precisione di un convertitore A/D. Qualora, oltre
allerrore di quantizzazione, vi siano altre fonti di incertezza nella conversione A/D, co-
me, per esempio, altre sorgenti di rumore elettronico, risulta conveniente esprimere la
precisione eettiva del convertitore A/D tramite il SNR, introducendo, per` o, a denomina-
tore della (7.8), lincertezza composta, ottenuta combinando tutti i diversi contributi con
la (1.39). Dato il SNR cos` ottenuto, si pu` o denire la risoluzione eettiva, ovvero, il
numero di bit eettivi (ENOB) del convertitore A/D, come
ENOB =
SNR
dB
6.02
1.76. (7.10)
Il ENOB rappresenta la risoluzione di un convertitore A/D ideale, aetto solo dallin-
certezza dovuta allerrore di quantizzazione, avente lo stesso SNR del convertitore A/D
considerato.
7.4 Blocchi Base
Prima di considerare alcune tecniche di conversione A/D, particolarmente adatte per gli
strumenti di misura, ` e utile esaminare alcuni blocchi base di uso comune nei convertitori
A/D. La maggior parte delle tecniche di conversione A/D si basano, infatti, su diverse
combinazioni di questi blocchi base elementari.
7.4.1 Comparatore
In ogni convertitore A/D ` e presente almeno un comparatore. Per illustrare, a livello qua-
litativo, il principio di funzionamento di un comparatore, si supponga che la grandezza di
ingresso abbia landamento descritto nel diagramma di Figura 7.7. Un comparatore riceve
in ingresso un segnale analogico V
i
(t) e fornisce in uscita un segnale digitale a singolo bit
V
U
(t) di livello logico 0, se V
i
(t) < V
T
, oppure di livello logico 1, se V
i
(t) V
T
. La
tensione di riferimento V
T
prende il nome di tensione di soglia. Il comparatore costituisce,
quindi, un quantizzatore con risoluzione di un bit.
Lincertezza legata alloperazione di comparazione dipende dalla sensibilit` a del com-
paratore, cio` e, dalla minima dierenza tra V
i
(t) e V
T
, che determina la commutazione del
Piero Malcovati, Misure Elettriche 191
7. Conversione Analogico-Digitale
t
t
V
i
(
t
)
V
U
(
t
)
V
T
0
1
Figura 7.7: Principio di funzionamento di un comparatore
livello del segnale di uscita, dalloset del comparatore, nonch e dalla rapidit` a di risposta
del comparatore stesso. La tecnologia attuale impiega nei comparatori circuiti amplica-
tori ad alto guadagno, con ingresso dierenziale, sotto forma di circuiti integrati e, quindi,
molto stabili e sensibili, con buona velocit` a di risposta.
7.4.2 Contatore
Nella conversione A/D, hanno un ruolo importante i sistemi di conteggio degli impulsi
(contatori di impulsi). Per questi sistemi si ricorre, solitamente, alluso di catene di ip-
op (FF), collegati in cascata. Per comprendere, qualitativamente, il funzionamento di
un contatore di impulsi, si pu` o fare riferimento allo schema di Figura 7.8, nella quale, per
semplicit` a, vengono considerati solo tre ip-op (contatore a 3 bit).
Il primo impulso, inviato in ingresso al primo ip-op (IN), provoca la transizione di
Q
1
, che passa dal livello logico 0 al livello logico 1, mentre Q
2
e Q
3
restano invariati.
Quando un secondo impulso viene applicato in ingresso, Q
1
passa dal livello logico 1 al
livello logico 0, Q
2
passa dal livello logico 0 al livello logico 1 e Q
3
resta invariato.
Per ogni impulso successivo, applicato in ingresso, il primo ip-op cambia la sua uscita,
mentre gli altri ip-op cambiano la loro uscita solo in corrispondenza di una transizione
1-0 delluscita del ip-op precedente. Si pu` o osservare che, in ragione del mecca-
nismo descritto, la catena di ip-op ` e in grado di contare no a 2
3
= 8 impulsi e che la
parola digitale Q
3
Q
2
Q
1
rappresenta la codica binaria del numero di impulsi ricevuti.
192 Piero Malcovati, Misure Elettriche
7.4. Blocchi Base
D
Ck
nQ
Q
FF
D
Ck
nQ
Q
FF
D
Ck
nQ
Q
FF
IN
Reset
Q
1
Q
2
Q
3
1 2 3 4 5 6 7 8 9
IN
Q
1
Q
2
Q
3
0
Figura 7.8: Contatore di impulsi asincrono
Piero Malcovati, Misure Elettriche 193
7. Conversione Analogico-Digitale
Pi ` u generalmente, un contatore con una cascata di N ip-op pu` o contare no a 2
N
impulsi. Un gruppo di ip-op, collegati funzionalmente come in Figura 7.8, costituisce
un modulo del contatore.
`
E evidente che pi ` u moduli possono essere posti in cascata,
per incrementare il fondo scala del contatore stesso. Se due moduli con N e M ip-
op, rispettivamente, vengono posti in cascata, il contatore risultante pu` o contare 2
N+M
impulsi.
Il contatore di Figura 7.8 prende il nome di contatore asincrono, in quanto ciascun
ip-op, a parte il primo, riceve come ingresso di clock (Ck) il bit di uscita negato del ip-
op precedente. Conseguentemente, in presenza di ritardi di propagazione nei ip-op,
le transizioni dei diversi bit di uscita Q
i
non avverranno contemporaneamente. Siccome
questi ritardi, soprattutto quando si devono contare impulsi a frequenza elevata, possono
portare a problemi di sincronizzazione, spesso, si ricorre al contatore sincrono, illustrato
in Figura 7.9, in cui gli impulsi da contare sono inviati, contemporaneamente, a tutti i ip-
op, provocando, cos`, la commutazione contemporanea di tutti i bit di uscita. Dal punto
di vista funzionale, il contatore sincrono ` e del tutto equivalente al contatore asincrono.
Nel contatore sincrono sono, per` o, necessarie delle porte logiche per interconnettere tra
loro i ip-op.
Nei contatori ` e, generalmente, previsto un dispositivo di azzeramento (Reset), che
consente, automaticamente o manualmente, di riportare ogni modulo alle condizioni ini-
ziali.
7.4.3 Convertitore D/A
Per la realizzazione di convertitori A/D, sono, frequentemente, necessari dei convertitori
Digitale-Analogico (D/A). La conversione D/A rappresenta, ovviamente, loperazione
inversa della conversione A/D. Per eettuare la conversione D/A di una parola digitale
D, rappresentata con N
bit
bit (D = b
N
bit
1
b
0
), occorre assegnare, a ciascuno dei 2
N
bit
possibili valori di D, un valore analogico di tensione (V
U
) o di corrente (I
U
), secondo la
relazione
V
U
=
V
r
2
N
bit
N
bit
1

i=0
b
i
2
i
, (7.11)
oppure
I
U
=
I
r
2
N
bit
N
bit
1

i=0
b
i
2
i
, (7.12)
dove V
r
e I
r
rappresentano, rispettivamente, i valori di fondo scala di tensione o di corren-
te.
Un esempio di convertitore D/A ` e illustrato nello schema a blocchi di Figura 7.10, nel
quale si riconoscono:
una sorgente di tensione continua di riferimento V
r
, fortemente stabilizzata;
N
bit
interruttori analogici;
N
bit
resistori di precisione, con valori pesati secondo le potenze di 2;
un amplicatore operazionale, congurato come sommatore.
194 Piero Malcovati, Misure Elettriche
7.4. Blocchi Base
D
Ck
nQ
Q
FF
D
Ck
nQ
Q
FF
D
Ck
nQ
Q
FF
IN
Reset
Q
1
Q
2
Q
3
1 2 3 4 5 6 7 8 9
IN
Q
1
Q
2
Q
3
0
Figura 7.9: Contatore di impulsi sincrono
Piero Malcovati, Misure Elettriche 195
7. Conversione Analogico-Digitale
2
0
R
2
1
R
2
2
R
2
(N 1)
R
R
V
U
V
r
Registro IN
Figura 7.10: Convertitore D/A
Gli interruttori analogici devono essere comandati dai bit b
i
della parola digitale da con-
vertire. Per eetto della massa virtuale dellamplicatore operazionale, in ciascuno degli
N
bit
resistori di precisione, uisce una corrente
I
i
=
V
r
2
i
R
, (7.13)
se il rispettivo interruttore ` e chiuso, oppure I
i
= 0, se il rispettivo interruttore ` e aperto, con
i = 0, , N
bit
1. Sulla resistenza R, connessa in retroazione intorno allamplicatore
operazionale, uisce una corrente data dalla somma delle correnti I
i
e, quindi, la tensione
di uscita del circuito V
U
, risulta data dalla (7.11).
7.5 Convertitori A/D
Per realizzare un convertitore A/D con N
bit
bit di risoluzione, occorre in linea di principio,
confrontare il segnale di ingresso con 2
N
bit
valori di riferimento, uno per ogni intervallo di
quantizzazione. Questi confronti possono essere eettuati in parallelo, tutti contempora-
neamente, o in serie, uno dopo laltro, o, ancora, utilizzando combinazioni serie-parallelo.
Le diverse tecniche di conversione A/D si dierenziano proprio in base al metodo utilizza-
to per eettuare i confronti necessari, che, tra laltro, determina anche la risoluzione rag-
giungibile e la frequenza di campionamento utilizzabile, secondo landamento riportato
in Figura 7.1.
196 Piero Malcovati, Misure Elettriche
7.5. Convertitori A/D
7.5.1 Convertitore A/D a Dente di Sega o a Rampa Lineare
Lo schema a blocchi di un convertitore A/D a dente di sega o a rampa lineare ` e illustrato
in Figura 7.11. La tensione di ingresso V
i
viene confrontata, tramite un comparatore, con
una tensione a dente di sega V
S
= kt. La tensione di uscita del comparatore V
C
si trova
al livello logico 1, ntanto che V
i
> V
S
, mentre passa al livello logico 0, non appena
V
i
V
S
. Un contatore di impulsi determina il numero di impulsi di clock, di periodo T
Ck
,
contenuti nellintervallo di tempo T, in cui la tensione V
C
si trova al livello logico 1,
fornendo in uscita una parola digitale D a N
bit
bit, data da
D =
T
T
Ck
=
V
i
kT
Ck
. (7.14)
La risoluzione del convertitore A/D ` e, essenzialmente, determinata dalla pendenza del
dente di sega k e dal periodo T
Ck
del clock utilizzato. In particolare, per aumentare la
risoluzione, occorre ridurre, il pi` u possibile, sia k sia T
Ck
. Supponendo di utilizzare la
massima frequenza di clock possibile (T
Ck
minimo), quindi, il tempo massimo necessario
per eettuare una conversione A/D, dato da
T
max
=
V
i,max
k
= 2
N
bit
T
Ck
, (7.15)
cresce al crescere della risoluzione richiesta (k diminuisce).
La linearit` a e la precisione della conversione A/D dipendono dalla linearit` a del dente
di sega e dalla costanza del periodo del clock. Nella maggioranza dei casi, la pendenza
della rampa, prodotta dal generatore di dente di sega, rappresenta il contributo dominante
allincertezza del convertitore A/D (oltre, ovviamente, allerrore di quantizzazione), in
quanto essa dipende, tipicamente, da una costante di tempo = RC, dicile da controllare
con precisione.
In questo caso, i 2
N
bit
confronti, idealmente necessari per ottenere una conversione
A/D a N
bit
bit, sono eettuati in serie.
7.5.2 Convertitore A/D a Doppia Rampa Lineare
Lo schema a blocchi di un convertitore A/D a doppia rampa lineare ` e illustrato in Figu-
ra 7.12. Questo convertitore A/D ` e basato sullo stesso principio di funzionamento del
convertitore A/D a dente di sega, ma ` e in grado di raggiungere prestazioni nettamente mi-
gliori, in quanto il risultato della conversione A/D viene reso indipendente dalla costante
di tempo = RC, utilizzata per generare la rampa lineare.
Il ciclo di conversione di un convertitore A/D a doppia rampa lineare ` e diviso in due
fasi distinte. In una prima fase, tramite un integratore, viene generata una rampa, con
pendenza proporzionale al segnale di ingresso, data da
V
R
=
V
i
RC
t = k
1
t. (7.16)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 197
7. Conversione Analogico-Digitale
Generatore di
Dente di Sega
V
i
Comparatore
Reset
V
S
V
C
Contatore
Ck
R
Clock
D
A V
i
V
S
V
C
Ck
t
t
T
T
Ck
D
Figura 7.11: Convertitore A/D a dente di sega o a rampa lineare
198 Piero Malcovati, Misure Elettriche
7.5. Convertitori A/D
V
i
Contatore
Ck
R
D
t
t
T
1
V
r
R
C
Comparatore
Clock
Logica di
Controllo
Enable
EOC
Reset
Reset
Enable
Switch
V
m1
V
m2
T
1
T
2
Segnale di Ingresso V
i
Segnale di Riferimento V
r
D
1
D
2
k
1
k
2
D
max
T
Ck
V
R
S
1
S
2
Figura 7.12: Convertitore A/D a doppia rampa
Piero Malcovati, Misure Elettriche 199
7. Conversione Analogico-Digitale
Allinizio della seconda fase, dopo un intervallo di tempo pressato T
1
, linterruttore
S
1
viene commutato, connettendo lingresso dellintegratore alla tensione V
r
. Luscita
dellintegratore, che nel frattempo ha raggiunto il valore
V
R,max
= V
m
=
V
i
RC
T
1
= k
1
T
1
, (7.17)
inizia, quindi, a scendere ed ` e data da
V
R
= V
m

V
r
RC
t = V
m
k
2
t. (7.18)
Contemporaneamente, viene abilitato, tramite il segnale Enable, un contatore di impulsi,
pilotato da un opportuno segnale di clock (Clock), di periodo T
Ck
. Quando la tensione V
R
raggiunge lo zero, il comparatore cambia stato ed il conteggio viene fermato. Lintervallo
di tempo, necessario a scaricare completamente la capacit` a C, risulta pari a
T =
V
m
k
2
=
k
1
T
1
k
2
=
V
i
RC
T
1
V
r
RC
=
V
i
V
r
T
1
. (7.19)
Dalla (7.19), si pu` o notare come il valore di T sia indipendente dalla costante di tempo
= RC. Scegliendo T
1
= 2
N
bit
T
Ck
, il codice digitale, che si ottiene in uscita al convertitore
A/D, risulta
D =
T
T
Ck
=
V
i
T
1
V
r
T
Ck
=
V
i
V
r
2
N
bit
. (7.20)
La precisione del convertitore A/D, quindi, in questo caso, dipende solo dalla preci-
sione con cui si realizza la tensione di riferimento V
r
, mentre la dipendenza dal periodo
del clock T
Ck
e dalla costante di tempo = RC viene eliminata. Questo miglioramento
della precisione del convertitore A/D viene ottenuto a spese di un periodo di conversione
pi ` u lungo, che non in un convertitore A/D a dente di sega. Il tempo necessario per ottenere
il codice digitale in uscita risulta, infatti, pari a
T
max
= 2
N
bit
T
Ck
+ 2
N
bit
T
Ck
= 2
N
bit
+1
T
Ck
. (7.21)
Linterruttore S
2
, controllato dal segnale Reset, permette di azzerare luscita dellinte-
gratore, prima di iniziare un ciclo di conversione. Contestualmente, viene azzerato anche
il contatore. Unopportuna logica di controllo si occupa di generare tutti i segnali ne-
cessari al funzionamento del convertitore A/D (Reset, Enable, Switch). Il segnale EOC,
fornito dal contatore alla logica di controllo, viene utilizzato per identicate listante di
tempo T
1
.
Anche in questo caso, i 2
N
bit
confronti, idealmente necessari per ottenere una conver-
sione A/D a N
bit
bit, sono eettuati in serie.
200 Piero Malcovati, Misure Elettriche
7.5. Convertitori A/D

Latch
Ck
V
i
Integratore Comparatore

+
Reset
Contatore
Reset
D
Q
U
+V
r
N
bit
V
r
V
f
Figura 7.13: Convertitore A/D incrementale
7.5.3 Convertitore A/D Incrementale
Lo schema a blocchi di un convertitore A/D incrementale ` e illustrato in Figura 7.13. Gli
elementi costitutivi di questo tipo di convertitore A/D sono gli stessi presenti in un con-
vertitore a doppia rampa lineare, ovvero, un integratore, un comparatore e un contatore.
Il principio di funzionamento ` e, tuttavia, diverso. In un convertitore A/D incrementale, la
grandezza in uscita allintegratore U (kT
Ck
), al tempo kT
Ck
, dove T
Ck
= 1/ f
Ck
` e il periodo
del segnale di clock Ck, ` e data da
_

_
U (0) = V
i
U (kT
Ck
) = U [(k 1) T
Ck
] +
_
V
i
(1)
Q[(k1)T
Ck
]+1
V
r
_
U
_
2
N
bit
T
Ck
_
= U
__
2
N
bit
1
_
T
Ck
_
(1)
Q
[(2
N
bit 1)T
Ck]
+1
V
r
, (7.22)
dove V
i
` e la tensione di ingresso e Q(kT
Ck
) ` e il bit di uscita del comparatore, che pu` o
assumere i valori 0 o 1. In pratica, in ogni periodo di clock (indice k), il comparatore
verica il segno del segnale di uscita dellintegratore U (kT
Ck
), determinando se al colpo
di clock successivo la tensione di riferimento V
r
deve essere sommata, per U (kT
Ck
) < 0,
o sottratta, per U (kT
Ck
) 0, al segnale di ingresso V
i
. Durante il primo periodo di clock,
viene integrato solo il segnale di ingresso, mentre, durante lultimo periodo di clock, viene
integrato solo il segnale
V
f
_
2
N
bit
T
Ck
_
= (1)
Q
[(2
N
bit 1)T
Ck]
+1
V
r
. (7.23)
Trattandosi di un anello di reazione negativa, con elevato guadagno per le basse frequenze,
per via dellintegratore, il segnale V
f
(kT
Ck
) tende ad uguagliare, in media, il segnale di
ingresso V
i
. Pertanto, il contatore di impulsi, accumulando il segnale digitale Q(kT
Ck
),
legato a V
f
(kT
Ck
), a meno della tensione V
r
, dopo 2
N
bit
periodi di clock, fornisce in uscita
Piero Malcovati, Misure Elettriche 201
7. Conversione Analogico-Digitale
V
i

Ck
S&H
DAC
N
bit
Registro ad
Approssimazioni
Successive
+

Comparatore
V
r

S
D
Figura 7.14: Convertitore A/D ad approssimazioni successive
una parola digitale D, data da
D =
2
N
bit 1

k=0
Q(kT
Ck
) = 2
N
bit
Q = 2
N
bit
V
f
V
r
= 2
N
bit
V
i
V
r
, (7.24)
dove Q denota il valore medio di Q(kT
Ck
), mentre V
f
` e il valore medio di V
f
(kT
Ck
).
Ovviamente, il tempo di conversione risulta pari a 2
N
bit
T
Ck
. Il segnale Reset permette
di azzerare lintegratore e il contatore prima di ogni conversione. La precisione del con-
vertitore A/D, in questo caso, dipende solo dalla precisione con cui si realizza la tensione
di riferimento V
r
.
Anche in questo caso, i 2
N
bit
confronti, idealmente necessari per ottenere una conver-
sione A/D a N
bit
bit, sono eettuati in serie.
7.5.4 Convertitore A/D ad Approssimazioni Successive
Lo schema a blocchi di un convertitore A/D ad approssimazioni successive ` e illustrato
in Figura 7.14. Il circuito ` e costituito da un sample-and-hold (S&H), un comparatore,
un convertitore D/A (DAC) e un blocco digitale, denominato registro ad approssimazio-
ni successive (SAR). Il principio di funzionamento di questo convertitore A/D ` e basato
sul metodo delle bisezioni, che permette di determinare la parola digitale a N
bit
bit, che
rappresenta il segnale di ingresso, in N
bit
periodi di clock.
Allinizio di ogni ciclo di conversione, il segnale di ingresso V
i
viene campionato dal
S&H. Successivamente, come illustrato in Figura 7.15, il segnale di ingresso viene con-
frontato con la tensione analogica fornita dal DAC, che corrisponde al bit pi ` u signicativo.
Se il segnale di ingresso ` e di ampiezza inferiore rispetto al segnale fornito dal DAC, si-
gnica che il bit pi ` u signicativo della parola digitale di uscita D deve essere posto a 0,
altrimenti, signica che esso deve essere posto a 1. Una volta stabilito il valore del
202 Piero Malcovati, Misure Elettriche
7.5. Convertitori A/D
1 0 0 0 0 0 0 0
. . .
1 1 0 0 0 0 0 0
. . .
1 1 1 0 0 0 0 0
. . .
1 1 0 1 0 0 0 0
. . .
1 1 0 1 1 0 0 0
. . .
S
S
N
S
N
Registro ad Approssimazioni Successive
MSB LSB
CK 2
CK 3
CK 4
CK 5
CK 6
Conferma?
1 1 0 1 0 1 0 0
. . .
CK 7 ?
Ipotizzato
Confermato
0 0 0 0 0 0 0 0
. . .
CK 1
Figura 7.15: Principio di funzionamento di un convertitore A/D ad approssimazioni
successive
bit pi ` u signicativo, esso viene memorizzato dal SAR e mantenuto. Si passa, quindi, al
bit successivo, confrontando la tensione fornita dal DAC con il segnale di ingresso. In
base alla decisione del comparatore, si stabilisce se il bit in questione deve essere 0 o
1, memorizzando poi il risultato nel SAR. Si procede in questo modo per N
bit
periodi di
clock, no a che non vengono determinati tutti i bit. Ovviamente, il tempo di conversione
risulta pari a N
bit
T
Ck
.
I convertitori A/D ad approssimazioni successive, a parit` a di frequenza di clock, sono
notevolmente pi` u veloci, rispetto ai convertitori A/D a rampa lineare o incrementali. Tut-
tavia, essi presentano unincertezza maggiore, legata alla precisione con cui si riescono
a realizzare le tensioni di uscita del DAC. In questo caso, infatti, invece di una sola ten-
sione di riferimento V
r
, devono essere generate N
bit
tensioni di riferimento, che devono
essere in rapporto tra loro precisamente come le potenze di 2. Con i convertitori A/D ad
approssimazioni successive ` e, pertanto, molto dicile superare i 12 bit di precisione.
In questo caso, i 2
N
bit
confronti, idealmente necessari per ottenere una conversione
A/D a N
bit
bit, sono eettuati utilizzando una combinazione serie-parallelo.
7.5.5 Convertitore A/D Flash
Lo schema a blocchi di un convertitore A/D ash ` e illustrato in Figura 7.16. Il segnale
di ingresso, in un convertitore A/D ash a N
bit
bit, viene confrontato con 2
N
bit
tensioni di
riferimento, tipicamente generate con una stringa resistiva, realizzata con 2
N
bit
resistori R
d
,
tramite 2
N
bit
1 comparatori. Le tensioni di riferimento corrispondono ai limiti dei singoli
intervalli di quantizzazione. In uscita ai comparatori, si ottengono 2
N
bit
1 segnali digitali
a singolo bit b
i
. Tutti i b
i
corrispondenti a comparatori, la cui tensione di riferimento ` e
Piero Malcovati, Misure Elettriche 203
7. Conversione Analogico-Digitale
D
N
bit
N
bit
1
N
bit
2
N
bit
3
R
d
R
d
R
d
R
d
/2
R
d
/2
b
0
b
1
b
b
b
+
-
+
-
+
-
+
-
+
-
C
o
n
v
e
r
t
i
t
o
r
e

d
a

C
o
d
i
c
e

T
e
r
m
o
m
e
t
r
i
c
o

a

C
o
d
i
c
e

B
i
n
a
r
i
o
V
r
V
i
Figura 7.16: Convertitore A/D ash
204 Piero Malcovati, Misure Elettriche
7.5. Convertitori A/D
V
i
ADC
+
Residuo
ADC
+
Residuo
ADC
+
Residuo
1 2 k
N
bit,1
N
bit,2
N
bit
N
bit,k
Residuo
Campione (n k 1) Campione (n 1) Campione n
Logica di Ricombinazione
D
Figura 7.17: Convertitore A/D pipeline
inferiore al segnale di ingresso, saranno a 0, mentre gli altri saranno a 1. Si ottiene,
quindi, una rappresentazione digitale del segnale di ingresso, secondo un codice detto ter-
mometrico (per lovvia analogia con un termometro a mercurio). Il codice termometrico
pu` o poi essere convertito, tramite un semplice circuito logico, in un codice binario, in
modo da ottenere la parola digitale di uscita D.
I convertitori A/D ash possono raggiungere velocit` a di conversione molto elevate, in
quanto richiedono un solo periodo di clock per fornire la parola digitale di uscita. Tuttavia,
per via della presenza di un numero elevato di componenti (2
N
bit
resistori R
d
e 2
N
bit
1
comparatori), ciascuno con le sue tolleranze e non-idealit` a, lincertezza associata a questi
convertitori risulta elevata. Inoltre, si pu` o notare come la complessit` a del circuito cresca
esponenzialmente con la risoluzione. Pertanto, la risoluzione massima raggiungibile con
convertitori A/D ash risulta dellordine di 6 bit.
In questo caso, i 2
N
bit
confronti, idealmente necessari per ottenere una conversione
A/D a N
bit
bit, sono eettuati in parallelo.
7.5.6 Convertitore A/D Pipeline
Lo schema a blocchi di un convertitore A/D pipeline ` e illustrato in Figura 7.17. Il conver-
titore A/D pipeline sfrutta il principio della catena di montaggio. In pratica, il segnale di
ingresso V
i
viene convertito, in passi successivi, da k stadi posti in cascata. Mentre il pri-
mo stadio elabora il campione corrente del segnale di ingresso, il secondo stadio elabora
ulteriormente il campione, gi` a elaborato dal primo stadio nel periodo di clock precedente,
e cos` via, no allultimo stadio. Ciascuno degli stadi produce un sottoinsieme N
bit,k
degli
N
bit
bit, che compongono la parola digitale di uscita D. Il convertitore pipeline, pertanto,
Piero Malcovati, Misure Elettriche 205
7. Conversione Analogico-Digitale
a parte una latenza iniziale di k periodi di clock (kT
Ck
), fornisce in uscita una nuova parola
digitale per ogni periodo di clock (T
Ck
), come il convertitore ash.
Ciascuno dei k stadi del convertitore A/D pipeline converte in digitale il proprio se-
gnale di ingresso, con una data risoluzione (N
bit,k
), e fornisce in uscita la corrispondente
parola digitale a N
bit,k
bit, nonch e un residuo, che dovr` a essere poi convertito dallo sta-
dio successivo. Il residuo si ottiene moltiplicando per 2
N
bit,k
la dierenza tra il segnale di
ingresso dello stadio e il segnale di uscita a N
bit,k
bit, convertito in analogico da un conver-
titore D/A. Il residuo ` e, quindi, sostanzialmente, lerrore di quantizzazione introdotto da
ciascuno stadio nella conversione A/D a N
bit,k
bit. I bit ottenuti in uscita dai diversi stadi
vengono poi riallineati tramite opportuni registri, in modo da costituire la parola digitale
di uscita D, corrispondente a ogni campione del segnale di ingresso. La risoluzione di
un convertitore pipeline risulta limitata dallaccuratezza con cui si riescono a realizzare
i fattori 2
N
bit,k
, necessari per generare il residuo, nonch e dalla precisione dei convertitori
A/D e D/A, presenti nei singoli stadi. La massima risoluzione ottenibile si aggira intorno
a 12 bit.
In questo caso, i 2
N
bit
confronti, idealmente necessari per ottenere una conversione
A/D a N
bit
bit, sono eettuati utilizzando una combinazione serie-parallelo.
206 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Capitolo 8
Strumenti Digitali
8.1 Generalit` a
Negli strumenti indicatori digitali, la lettura della grandezza da misurare ` e espressa in for-
ma numerica, attraverso un certo numero di cifre (digit). Quanto sia pi ` u comodo leggere
direttamente il valore cercato, invece di ricavarlo dalla posizione di un indice su una scala,
come nel caso degli strumenti analogici, ` e sensazione comunemente acquisita.
Lindicazione sotto forma numerica permette sia di aumentare considerevolmente la
velocit` a di lettura, sia di eliminare lerrore umano nella valutazione del dato. Inoltre, con
gli strumenti digitali ` e possibile pilotare direttamente sistemi di memorizzazione, di stam-
pa, di registrazione magnetica, o interfacciarsi direttamente con un personal computer, in
modo da realizzare sistemi di misura complessi.
Lo schema a blocchi di un generico strumento digitale ` e illustrato in Figura 8.1. Esso
` e costituito dai seguenti blocchi funzionali:
Condizionamento Analogico: elabora in modo analogico i segnali di ingresso, in
modo da renderli compatibili con i Convertitori A/D; pu` o contenere amplicato-
ri, ltri, convertitori corrente/tensione, convertitori da corrente alternata a corrente
continua;
Convertitori A/D: convertono i segnali analogici in segnali digitali (Capitolo 7);
Microprocessore: elabora linformazione digitale, in modo da fornire linformazio-
ne numerica corretta, con la opportuna unit` a di misura;
Base dei Tempi (Clock): fornisce la corretta temporizzazione al Microprocessore e
ai Convertitori A/D;
Memoria: memorizza i dati;
Output: converte i risultati della misurazione in un formato leggibile per lutente;
pu` o essere un display numerico o un monitor.
Il numero dei blocchi e la loro interconnessione varia con la funzione dello strumento e
con la sua classe di precisione.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 207
8. Strumenti Digitali
Condizionamento
Analogico
I
n
g
r
e
s
s
i
A
n
a
l
o
g
i
c
i
Convertitori
A/D
Riferimento
Microprocessore Output
Base dei Tempi
(Clock)
Memoria
Figura 8.1: Schema a blocchi di un generico strumento digitale
8.2 Multimetri
I multimetri sono strumenti che, sfruttando i vantaggi della tecnologia digitale, permetto-
no di misurare diverse grandezze, sia in corrente continua, sia in corrente alternata (tipica-
mente, tensione, corrente e resistenza). Essi sono realizzati secondo lo schema a blocchi
di Figura 8.1 e possono avere diverse forme e dimensioni, a seconda delluso a cui sono
destinati, come illustrato in Figura 8.2 (multimetro portatile palmare) e in in Figura 8.3
(multimetro da banco).
Per funzionare come voltmetro, il multimetro utilizza direttamente il convertitore A/D,
per tradurre la tensione di ingresso, eventualmente amplicata o attenuata dai circuiti ana-
logici di condizionamento, in forma digitale. Quando opera come amperometro, invece,
il multimetro sfrutta un convertitore corrente/tensione, per trasformare la corrente di in-
gresso in una tensione di ampiezza adeguata per essere convertita in forma digitale dal
convertitore A/D. Il convertitore corrente/tensione pu` o essere una semplice resistenza
(shunt) oppure un circuito pi ` u complesso, basato su amplicatori operazionali.
Per funzionare come ohmmetro, il multimetro dispone di una sorgente interna di cor-
rente costante e tarata, che viene fatta uire nel resistore da misurare, producendo, allin-
gresso del convertitore A/D, una caduta di tensione proporzionale al valore di resistenza.
Il valore numerico in uscita al convertitore A/D viene elaborato dal microprocessore, in
modo da determinare il corretto valore di resistenza. Il multimetro, in questo caso, misura
la resistenza tramite il metodo voltamperometrico (Paragrafo 5.2.3).
Per le misure in corrente alternata, i multimetri pi` u semplici dispongono di un circuito
raddrizzatore (eventualmente a valle del convertitore corrente/tensione, per le misure di
corrente) e misurano, tramite il convertitore A/D, il valore medio sul semiperiodo della
tensione (Paragrafo 5.3). Il dato di misura, in questo caso, viene espresso in valore ecace
moltiplicandolo automaticamente per il fattore di forma 1.11, supponendo la grandezza
sinusoidale. Il risultato ` e, perci ` o, corretto, solo se la forma donda della tensione o della
corrente non presenta distorsioni.
208 Piero Malcovati, Misure Elettriche
8.2. Multimetri
Figura 8.2: Multimetro digitale palmare
Figura 8.3: Multimetro digitale da banco
Piero Malcovati, Misure Elettriche 209
8. Strumenti Digitali
V
1
V
2
V
n
v
(
t
)
t
Figura 8.4: Calcolo del valore ecace nel dominio digitale
I multimetri pi` u moderni, invece, calcolano il valore ecace della grandezza da mi-
surare direttamente nel dominio digitale. Con il convertitore A/D si eettua il campio-
namento della forma donda di tensione (eventualmente ottenuta dal convertitore cor-
rente/tensione, per le misure di corrente), ottenendo un certo numero di campioni della
tensione v (t), periodica con periodo T (V
1
, V
2
, , V
n
), come illustrato in Figura 8.4. Il
microprocessore dello strumento viene, quindi, usato per eseguire il calcolo del valore
ecace V della tensione, in base alla denizione
V =
_
1
T
_
T
0
v (t)
2
dt, (8.1)
che, considerando il segnale campionato risulta
V =
_
_
n
i=1
V
2
i
n
, (8.2)
a condizione che gli n campioni considerati coprano un numero intero k di periodi T
della tensione v (t), ovvero nT
S
= kT. Se questa condizione non ` e vericata, il valore
ottenuto risulta errato. Per ovviare a questo inconveniente, in genere, la sequenza di
campioni viene pesata con una opportuna nestra w
1
, w
2
, , w
n
(nestratura), in modo
da rendere trascurabile il contributo dei campioni allinizio e alla ne della sequenza. Tra
le nestre pi ` u utilizzate vale la pena di citare la nestra di Hamming, la nestra di Hanning
e la nestra di Blackman-Harris, illustrate in Figura 8.5. Se si utilizza una nestra w
i
, la
(8.2) diviene
V =
_
_
n
i=1
V
2
i
w
i
_
n
i=1
w
i
. (8.3)
210 Piero Malcovati, Misure Elettriche
8.3. Wattmetri
0 8 16 24 32 40 48 56 64
0
0.1
0.2
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
1
Campione (i)
w
i


Hanning
Hamming
Blackman-Harris
Figura 8.5: Finestre di Hamming, Hanning e Blackman-Harris
8.3 Wattmetri
I wattmetri digitali o analizzatori di potenza sono strumenti che permettono di misurare
tutti i parametri legati alla potenza in gioco in un sistema monofase o trifase (potenza
attiva, potenza reattiva, potenza apparente, fattore di potenza, tensione e corrente). Essi
sono realizzati secondo lo schema a blocchi di Figura 8.1 e sfruttano due convertitori
A/D per acquisire simultaneamente un certo numero di campioni della tensione v (t) e,
tramite un convertitore corrente/tensione, della corrente i (t) del circuito (V
1
, V
2
, , V
n
e I
1
, I
2
, , I
n
). Il microprocessore eettua poi il calcolo della potenza istantanea nel
dominio del tempo e, quindi, della potenza attiva, che risulta data da
P =
_
n
i=1
V
i
I
i
n
. (8.4)
Anche in questo caso, gli n campioni considerati devono coprire un numero intero di
periodi delle grandezze in gioco e, quindi, per evitare errori, si utilizza una nestra w
i
. La
potenza attiva risulta, quindi,
P =
_
n
i=1
V
i
I
i
w
i
_
n
i=1
w
i
. (8.5)
I valori ecaci della tensione V e della corrente I, determinati tramite la (8.2) o la (8.3),
vengono utilizzati per calcolare la potenza apparente
S = VI, (8.6)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 211
8. Strumenti Digitali
Figura 8.6: Wattmetro digitale
la potenza reattiva
Q =

S
2
P
2
(8.7)
e il fattore di potenza
cos () =
P
S
. (8.8)
Gli analizzatori di potenza pi ` u moderni permettono anche di eettuare unanalisi ar-
monica delle grandezze in gioco, qualora si lavori in regime non-sinusoidale (Paragra-
fo 5.7). In questo caso, lo strumento fornisce i valori di potenza attiva, potenza reattiva,
potenza apparente, fattore di potenza, tensione e corrente per ogni armonica presente,
nonch e i valori complessivi. In Figura 8.6 ` e riportato il pannello frontale di un tipico
wattmetro digitale.
8.4 Strumenti per la Misura di Tempo e Frequenza
Gli strumenti digitali per la misura di frequenze o intervalli di tempo confrontano una
frequenza o un intervallo di tempo incogniti con una frequenza o un intervallo di tempo
noti. Laccuratezza della misura dipende essenzialmente dalla stabilit` a della frequenza o
dellintervallo di tempo noto, cio` e dalla precisione e stabilit` a della base dei tempi dello
strumento.
8.4.1 Strumenti per la Misura di Frequenza e Periodo
Lo schema a blocchi di uno strumento per la misura di frequenza o periodo ` e illustrato
in Figura 8.7. Esso ` e costituito da una base dei tempi (Clock), un circuito di condiziona-
mento del segnale di ingresso (Formatore), un interruttore (Gate), un contatore di impulsi
(Contatore) e un dispositivo di interfaccia col mondo esterno (Output). Il blocco Forma-
tore ha il compito di trasformare il segnale di ingresso in un onda quadra adatta ad essere
utilizzata per comandare il Gate e il Contatore.
212 Piero Malcovati, Misure Elettriche
8.4. Strumenti per la Misura di Tempo e Frequenza
Formatore
Clock
I
n
g
r
e
s
s
o
Contatore Output
Gate
A
B
A
B
T
B
T
A
Misurazione di Frequenza
Formatore
Clock
I
n
g
r
e
s
s
o
Contatore Output
Gate
A
B
A
B
T
B
T
A
Misurazione di Periodo
Figura 8.7: Strumento digitale per misure di frequenza e periodo
Piero Malcovati, Misure Elettriche 213
8. Strumenti Digitali
Nel caso di misurazione di frequenza, lo strumento conta il numero di periodi N del
segnale di ingresso (A, con periodo T
A
e frequenza f
A
) compresi in un periodo del segnale
di riferimento (B, con periodo T
B
e frequenza f
B
). Il numero N ` e dato da
N =
T
B
T
A
=
f
A
f
B
. (8.9)
Se T
B
= 1 s, N rappresenta direttamente la frequenza del segnale di ingresso. In questo
caso la risoluzione della misurazione ` e tanto pi ` u elevata quanto pi` u alta ` e la frequenza del
segnale di ingresso rispetto a quella del segnale di riferimento.
Nel caso di misurazione di periodo lo strumento conta il numero di periodi N del
segnale di riferimento (A, con periodo T
A
) compresi in un periodo del segnale di ingresso
(B, con periodo T
B
). Il numero N ` e dato da
N =
T
B
T
A
. (8.10)
Se T
A
= 1 s, N rappresenta direttamente il periodo del segnale di ingresso. In questo
caso la risoluzione della misurazione ` e tanto pi ` u elevata quanto pi` u alta ` e la frequenza del
segnale di riferimento rispetto a quella del segnale di ingresso.
In generale, per ottenere una misurazione di frequenza con una buona risoluzione con-
viene adottare una misurazione di periodo per frequenze no a 100 kHz e una misurazione
di frequenza per frequenze superiori. In aggiunta, va ricordato che in entrambi i casi esi-
ste una ambiguit` a naturale di 1 sullultima cifra signicativa del conteggio, dovuta allo
sfasamento esistente fra segnale di ingresso e segnale di riferimento, come illustrato in
Figura 8.8. Altri elementi di incertezza nelle misurazioni di periodo e frequenza sono
lincertezza della frequenza del segnale di riferimento e eventuali errori introdotti dal cir-
cuito Formatore nel condizionamento del segnale di ingresso. Se nello schema a blocchi
di Figura 8.7 si sostituisce alla base dei tempi (Clock) un secondo ingresso con un secon-
do circuito Formatore, si esegue la misura del rapporto esistente fra le frequenze dei due
segnali di ingresso.
8.4.2 Strumenti per la Misura di Intervalli di Tempo
La misurazione di intervalli di tempo ` e concettualmente simile alla misurazione di fre-
quenza e periodo, come illustrato in Figura 8.9. Tuttavia, in una misurazione di intervallo
di tempo, il periodo T
B
viene denito dalla combinazione di due impulsi ottenuti tra-
mite due circuiti Formatori (sostanzialmente dei comparatori) a partire da due segnali
di ingresso, che deniscono gli istanti di inizio (Start) e di ne (Stop) dellintervallo di
tempo.
Il numero di periodi N del segnale di riferimento (A), compresi nellintervallo di
tempo considerato (B), ` e dato da
N =
T
B
T
A
=
t
T
A
. (8.11)
214 Piero Malcovati, Misure Elettriche
8.4. Strumenti per la Misura di Tempo e Frequenza
N = 25
N = 24
t
B
A
1
A
2
Figura 8.8: Incertezza nel conteggio in misurazioni di frequenza e periodo
Formatore Contatore Output
G
a
t
e
B
A
A
B
T
B
= t
T
A
Formatore
V
Start
V
Stop
Clock
G
e
n
e
r
a
t
o
r
e

d
i

t
Start
Stop
Start
Stop
Figura 8.9: Strumento digitale per misure di intervalli di tempo
Piero Malcovati, Misure Elettriche 215
8. Strumenti Digitali
A
m
p
i
e
z
z
e
t
A
1
A
2
t
1
t
2
Soglia
t
p
Area di Incertezza
Figura 8.10: Incertezza sulla denizione dellintervallo di tempo (walk)
In questo caso, oltre agli elementi di incertezza gi` a citati per le misurazioni di frequenza
e periodo, occorre anche tener conto dellincertezza con cui vengono generati dai circuiti
Formatore gli impulsi di Start e Stop, la quale, tra laltro, dipende dallampiezza dei
segnali V
Start
e V
Stop
, ovvero dallentit` a degli eventi corrispondenti (fenomeno di walk),
come illustrato in Figura 8.10.
La risoluzione ottenibile in misurazioni di intervalli di tempo dipende ovviamente
dalla frequenza utilizzata per il conteggio ( f
A
= 1/T
A
). Tanto pi` u alta ` e f
A
, tanto maggiore
` e la risoluzione. Risulta, pertanto, dicile eettuare misurazioni precise di intervalli di
tempo piccoli (inferiori al nanosecondo), in quanto non ` e possibile utilizzare frequenze
f
A
sucientemente elevate. In questi casi, quindi, si ricorre al metodo del verniero
temporale, illustrato in Figura 8.11, in cui si utilizzano due contatori pilotati da segnali
di clock con frequenze leggermente diverse tra di loro ( f
1
e f
2
= f
1
+ f ). Allistante
t
Start
viene fatto partire il contatore a frequenza f
1
(Contatore 1), mentre allistante t
Stop
viene fatto partire il contatore a frequenza f
2
(Contatore 2). Il conteggio di entrambi i
contatori viene poi fermato quando gli impulsi di entrambi i segnali di clock si vericano
contemporaneamente (t
m
). Nellintervallo di tempo t = t
Stop
t
Start
, il Contatore 1 conta
n
1
impulsi, mentre tra t
Stop
e t
m
i due contatori contano, rispettivamente, n

1
e n
2
impulsi.
Pertanto, vale la relazione
t
Start
+
n
1
f
1
+
n

1
f
1
= t
Stop
+
n
2
f
2
. (8.12)
Sviluppando, si ottiene
t = t
Stop
t
Start
=
n
1
f
1
+
n

1
f
1

n
2
f
2
. (8.13)
216 Piero Malcovati, Misure Elettriche
8.5. Incertezza di Misura
t t
m
t
Stop
t
Start
t
n
1
n
1

n
2
T
1
= 1/f
1
T
2
= 1/f
2
Figura 8.11: Metodo del verniero temporale
Se f < f
1
, n

1
n
2
e, quindi,
t =
n
1
f
1
+
n
2
f
1

n
2
f
1
+ f
=
n
1
f
1
+ n
2
_
f
f
1
( f
1
+ f )
_

n
1
f
1
+
n
2
f
f
2
1
. (8.14)
Il primo termine della (8.14) rappresenta una misura grossolana dellintervallo di tempo
t, mentre il secondo temine rappresenta un ranamento della misura. La risoluzione
complessiva che si ottiene ` e la stessa che si otterrebbe usando una frequenza circa pari
a f
2
1
. Lincertezza misura in questo caso ` e determinata dagli stessi fattori citati in pre-
cedenza con, in aggiunta, lincertezza sulla rilevazione dellistante t
m
, in cui fermare il
conteggio.
8.5 Incertezza di Misura
I limiti di precisione (accuratezza) di uno strumento digitale vengono solitamente espressi
con due valori percentuali, uno riferito alla lettura (
L
) e uno alla portata (
P
). Lerrore
assoluto dello strumento () viene, quindi, determinato come
= (
L
Lettura +
P
Portata) . (8.15)
Per i wattmetri digitali, oltre ai valori di
L
e
P
, viene generalmente fornito anche il
parametro

, che tiene conto dellerrore di fase tra tensione e corrente, introdotto dal
wattmetro stesso. Considerando la (5.61), lerrore assoluto dello strumento () diviene,
quindi,
=
_

L
Lettura +
P
Portata +

Portata tan ()
_
, (8.16)
dove ` e langolo di sfasamento tra tensione e corrente. I valori di
L
,
P
e

sono, gene-
ralmente, reperibili sul manuale dello strumento. Lincertezza tipo assoluta, assumendo
distribuzione rettangolare, risulta
u =

3
, (8.17)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 217
8. Strumenti Digitali
mentre lincertezza tipo relativa ` e data da
u =

Lettura

3
. (8.18)
Ad esempio, considerando un multimetro, utilizzato come voltmetro in corrente con-
tinua, con portata pari a 300 mV, lettura pari a 250.0000 mV,
L
= 30 ppm e
P
= 8 ppm,
risulta
=
_
30 10
6
250 mV + 8 10
6
300 mV
_
= 7.5 V. (8.19)
Lincertezza tipo assoluta e relativa risultano, quindi, rispettivamente,
u =
7.5 V

3
= 4.33 V, (8.20)
u =
7.5 V
250 mV

3
= 17.32 ppm. (8.21)
218 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Capitolo 9
Trasformatori di Misura
9.1 Generalit` a
I trasformatori di misura sono condizionatori di segnale di tipo elettromagnetico che, in-
seriti su sistemi funzionanti in corrente alternata, permettono di riprodurre la grandezza
sotto misura (tensione o corrente), secondo uno determinato fattore di scala e senza ap-
prezzabile scostamento di fase. I trasformatori di misura dispongono, perci ` o, di almeno
due avvolgimenti (primario e secondario), ciascuno dei quali con almeno due terminali.
La grandezza da misurare viene applicata ai terminali del primario, mentre ai terminali
del secondario vengono collegati gli strumenti di misura o gli apparati di protezione, che
costituiscono la prestazione dellapparecchio.
I trasformatori di misura sono apparecchi che sui sistemi ad alta tensione assolvono
anche limportante funzione di separare dielettricamente lavvolgimento secondario da
quello primario, che pu` o essere a tensione elevata. Principalmente concepiti per funzio-
nare in regime semistazionario (cio` e con grandezze alternate), essi possono assicurare
anche buoni requisiti in funzionamento transitorio, quando destinati ad alimentare ap-
parecchi di protezione. Esistono diversi tipi di trasformatori di misura, a seconda della
funzione svolta e del principio di funzionamento:
Trasformatore di Corrente (TA);
Trasformatore di Tensione Induttivo (TVI);
Trasformatore Combinato di Tensione e Corrente (TVA);
Trasformatore di Tensione Capacitivo (TVC).
Ciascun tipo di apparecchio pu` o essere destinato ad alimentare strumenti di misura oppure
apparecchi di protezione, in quanto i requisiti richiesti nei due casi sono diversi. Sovente
si usano trasformatori di misura con pi ` u di due avvolgimenti, destinati a svolgere funzioni
diverse (misura o protezione), o che, pur avendo due soli avvolgimenti, possono svolgere
contemporaneamente, sia pure con qualche limitazione, le due funzioni.
Per regolamentare le caratteristiche e le prestazioni dei trasformatori di misura e i
rapporti tra costruttori e acquirenti, sono state messe a punto e sono disponibili diverse
norme della IEC e del Comit e Europ een de Normalisation Electrotechnique (CENELEC).
Piero Malcovati, Misure Elettriche 219
9. Trasformatori di Misura
Le norme emesse dal CENELEC, Norme Europee (EN), sono automaticamente trasposte
in norme nazionali dal CEI.
9.2 Trasformatore di Corrente
Il TA, nella sua forma pi` u semplice, ` e costituito da due avvolgimenti (primario e secon-
dario), tra loro isolati, avvolti intorno a un nucleo magnetico. Lavvolgimento primario
deve essere attraversato dalla corrente da misurare e, quindi, collegato in serie nel circui-
to, mentre lavvolgimento secondario deve alimentare gli strumenti di misura o le appa-
recchiature di protezione. I circuiti alimentati dal TA, inclusi i cavetti di collegamento,
costituiscono la prestazione del TA, che ne condiziona le prestazioni misuristiche.
Lo schema di inserzione del TA ` e rappresentato in Figura 9.1, assieme al modello
circuitale che ne descrive il funzionamento. In Figura 9.2 ` e invece riportato il diagramma
vettoriale delle grandezze elettriche in gioco. Con E
2
` e stata rappresentata la forza elettro-
motrice indotta nel secondario, necessaria per far circolare la corrente I
2
negli apparecchi
alimentati. Tale forza elettromotrice ` e prodotta dal usso magnetico che si stabilisce nel
nucleo magnetico, a sua volta creato da una quota parte della corrente primaria I
1
. La
componente magnetizzante I
0
cambia di valore al variare della corrente primaria e della
prestazione collegata al secondario e non ` e sinusoidale, a causa della caratteristica di ma-
gnetizzazione del circuito magnetico. La somma vettoriale della corrente I
2
rovesciata e
moltiplicata per il rapporto di trasformazione k
TA,N
e della componente magnetizzante I
0
rappresenta la corrente primaria I
1
. Pi ` u precisamente, in ogni istante deve essere vericata
la relazione
N
1

I
1
= N
2

I
2
+ N
1

I
0
, (9.1)
dove N
1
e N
2
rappresentano, rispettivamente, il numero delle spire degli avvolgimenti
primario e secondario. Dividendo per N
1
, si ottiene

I
1
=
N
2
N
1

I
2
+

I
0
= k
TA,S

I
2
+

I
0
, (9.2)
avendo indicato con k
TA,S
il rapporto tra il numero delle spire del secondario e il numero
di spire del primario. Si tenga presente che nel diagramma vettoriale di Figura 9.2 non
sono rispettate le proporzioni reali tra i moduli dei vettori (I
0
` e molto pi` u grande di quanto
si verica in realt` a). La corrente primaria I
1
` e impressa dal sistema (o pu` o essere conside-
rata tale), per cui il diagramma vettoriale di Figura 9.2 cambia al variare di I
1
stessa. La
condizione di funzionamento ideale di un TA ` e quella con lavvolgimento secondario in
cortocircuito. A secondario aperto, la corrente primaria diventa tutta magnetizzante, per
cui la tensione indotta nel secondario pu` o assumere valori molto elevati (anche migliaia di
volt). La non-linearit` a della componente magnetizzante fa s` che il rapporto tra i moduli
delle correnti primaria e secondaria, e quindi il rapporto di trasformazione reale del TA
(k
TA
), non si mantenga costante. Inoltre, la corrente secondaria rovesciata non ` e esatta-
mente in fase con la corrente primaria. Esaminando lo schema di Figura 9.1, si nota che,
220 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.2. Trasformatore di Corrente
Z
1
Z
2
I
2
I
1
I
0
Y
0
N
2
N
1
Primario Secondario
A
I
1
: Corrente primaria
I
2
: Corrente secondaria
I
0
: Quota della corrente primaria utilizzata per la
magnetizzazione del nucleo magnetico
N
1
: Numero delle spire primarie
N
2
: Numero delle spire secondarie
Z
1
: Impedenza di dispersione del primario
Z
2
: Impedenza di dispersione del secondario
Y
0
: Ammettenza equivalente
A: Prestazione alimentata
A
A
A
Figura 9.1: Schema di inserzione e circuito equivalente del TA
Piero Malcovati, Misure Elettriche 221
9. Trasformatori di Misura
I
1
I
2

k
T
A
,
N

I 2
I
0
E
2
0

TA

TA

I
1
: Corrente primaria
I
2
: Corrente secondaria
I
0
: Corrente magnetizzante
k
TA,N
: Rapporto di trasformazione nominale
E
2
: Forza elettromotrice indotta nel secondario

TA
: Errore dangolo
: Flusso magnetico nel nucleo

TA
: Errore di rapporto (valore assoluto)
: Angolo di sfasamento della prestazione
Figura 9.2: Diagramma vettoriale di un TA
222 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.2. Trasformatore di Corrente
ai ni funzionali, la resistenza e linduttanza di dispersione dellavvolgimento primario
sono prive di inuenza (essendo la corrente primaria impressa).
Lerrore di rapporto (o di corrente) di un TA ` e lerrore che il TA introduce nella misura
del modulo di una corrente sinusoidale, quando il rapporto di trasformazione si allontana
da quello nominale. Esso, denito in forma percentuale e in conformit` a con la normativa
vigente, risulta dato da

TA
=
_
k
TA,N
I
2
I
1
_
100
I
1
, (9.3)
dove k
TA,N
` e il rapporto di trasformazione nominale, I
1
la corrente primaria e I
2
la corrente
secondaria. Per via dellerrore di rapporto, k
TA
risulta diverso dal rapporto di trasforma-
zione nominale (k
TA,N
), che a sua volta, generalmente, non coincide con il rapporto tra le
spire degli avvolgimenti (k
TA,S
), come indicato dalla (9.2).
Si denisce errore dangolo (o di fase) di un TA la dierenza di fase tra la corrente
primaria e la corrente secondaria, assumendo il verso dei vettori in modo che langolo sia
nullo per un trasformatore ideale. Nel diagramma vettoriale di Figura 9.2, la dierenza
di fase suddetta ` e rappresentata dallangolo
TA
. Lerrore dangolo ` e convenzionalmente
considerato positivo allorch e il vettore della corrente secondaria rovesciata risulta in anti-
cipo rispetto a quello della corrente primaria. Lerrore dangolo ` e usualmente espresso in
centiradianti o in minuti. Tenendo presente che per angoli molto piccoli lespressione di

TA
in radianti pu` o essere confusa con la corrispondente funzione sin (
TA
), lerrore di fase
pu` o anche essere indicato con 100 sin (
TA
).
Le denizioni degli errori di rapporto e di fase valgono rigorosamente solo se le cor-
renti primaria e secondaria sono sinusoidali (non sarebbe altrimenti possibile tracciare il
diagramma vettoriale). Questa condizione ` e generalmente vericata, salvo nel caso di
misure di correnti fortemente distorte.
9.2.1 Caratteristiche Nominali
Ogni TA ` e caratterizzato da un certo numero di grandezze nominali, che ne deniscono la
funzionalit` a. La frequenza nominale ` e quella a cui tutte le caratteristiche funzionali sono
riferite e per la quale il TA ` e stato dimensionato. Essa viene considerata costante, salvo
casi eccezionali.
La corrente primaria nominale (I
1,N
) ` e quella a cui sono riferiti gli errori di rapporto e
di fase e i limiti di sovratemperatura ammessi. Si assegnano normalmente valori interi (ad
esempio 10 A, 20 A, 100 A, 500 A, 1000 A, 5000 A). La corrente secondaria nominale
(I
2,N
) viene scelta in relazione alle caratteristiche delle apparecchiature da alimentare e
sono normalizzati i valori di 5 A, 2 A, 1 A (il valore pi ` u frequentemente usato ` e 5 A). Il
rapporto di trasformazione nominale ` e dato dal rapporto tra la corrente primaria nominale
e la corrente secondaria nominale (k
TA,N
= I
1,N
/I
2,N
).
La prestazione nominale ` e il valore di prestazione a cui si fa riferimento per denire
i limiti della classe di precisione. Essa si esprime in siemens o in voltampere riferiti
alla corrente secondaria nominale. La classe di precisione, che denisce i limiti massimi
Piero Malcovati, Misure Elettriche 223
9. Trasformatori di Misura
dellerrore di rapporto e di fase, assume signicato diverso a seconda se il TA ` e destinato
ad alimentare strumenti di misura o apparecchi di protezione.
I TA sono anche caratterizzati dai livelli di isolamento assegnati agli avvolgimenti
primario e secondario (il primo molto pi ` u importante del secondo), in relazione alle ca-
ratteristiche della rete su cui essi possono essere impiegati. Il livello di isolamento del
primario pu` o imporre particolari soluzioni costruttive, che possono incidere in misura
notevole sulle prestazioni misuristiche. Infatti, al crescere della tensione del sistema sul
quale il TA deve essere installato, ` e necessario aumentare la distanza tra gli avvolgimenti
e verso massa, introducendo anche una maggior quantit` a di isolante. Il sistema isolante
principale tra primario e secondario pu` o essere costituito da:
isolante secco con conduttori smaltati e nastri di carta o di poliesteri per le basse
tensioni;
resine epossidiche o poliuretaniche per la media tensione (sempre meno frequente
luso di carta impregnata di olio minerale);
carta impregnata sotto vuoto con olio minerale o gas compresso (normalmente esa-
uoruro di zolfo) per lalta tensione; linvolucro per questi TA ` e solitamente di
porcellana per consentire linstallazione allesterno.
Ogni TA deve essere in grado di sopportare, sotto gli aspetti termico e dinamico,
correnti elevate per tempi brevi, in caso di guasto (cortocircuiti in rete). Si individuano
cos` la corrente termica di breve durata nominale e la corrente dinamica nominale. La
corrente dinamica nominale, espressa con il valore di picco, corrisponde normalmente a
2.5 volte la corrente termica di breve durata nominale, espressa in valore ecace. Non
` e raro che queste correnti siano dellordine di 100 volte la corrente nominale, mentre la
durata che si considera convenzionalmente ` e di 1 s.
Le principali caratteristiche del TA devono essere riportate sulla targa, applicata in
modo visibile su di esso, mentre i morsetti primari e secondari devono essere contrasse-
gnati senza ambiguit` a. Sulla targa ` e anche indicata la norma secondo il quale il TA ` e stato
progettato, in modo da consentire di risalire alle prescrizioni che, per ragioni di spazio,
non possono essere riportate. In Figura 9.3 sono rappresentati due diversi TA destinati ad
impianti a media e bassa tensione (le dimensioni non sono in proporzione reale).
9.2.2 TA per Misura
I TA per misura sono destinati ad alimentare strumenti di misura e sono caratterizzati
dalla classe di precisione, che viene convenzionalmente indicata con il limite di errore di
rapporto che il TA non deve superare con prestazione compresa tra il 25% e il 100% della
prestazione nominale, con fattore di potenza cos () = 0.8 ritardo (per certe particolari
applicazioni il fattore di potenza della prestazione pu` o essere unitario).
Le classi di precisione normalizzate per i TA sono 0.1, 0.2, 0.5, 1, 3, i cui limiti
di errore di rapporto e di fase, ssati dalle norme IEC e CEI vigenti, sono riportati in
Tabella 9.1 e Tabella 9.2. Si noti che gli errori relativi di rapporto e di fase tendono
a crescere con il diminuire della percentuale della corrente nominale. I limiti di errore
sono prescritti per un campo di corrente compreso tra il 5% e il 120% della corrente
224 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.2. Trasformatore di Corrente
(a) (b)
Figura 9.3: TA utilizzati su reti a media (a) e bassa (b) tensione
Piero Malcovati, Misure Elettriche 225
9. Trasformatori di Misura
Classe
Errore di Corrente (Rapporto) Errore dAngolo (Fase)
in Funzione della Percentuale in Funzione della Percentuale
della Corrente Nominale [%] della Corrente Nominale [crad]
5 20 100 120 5 20 100 120
0.1 0.4 0.2 0.1 0.1 0.45 0.24 0.15 0.15
0.2 0.75 0.35 0.2 0.2 0.9 0.45 0.3 0.3
0.5 1.5 0.75 0.5 0.5 2.7 1.35 0.9 0.9
1.0 3.0 1.5 1.0 1.0 5.4 2.7 1.8 1.8
Tabella 9.1: Limiti dellerrore di corrente (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per i
TA per misura
Classe
Errore di Corrente (Rapporto) Errore dAngolo (Fase)
in Funzione della Percentuale in Funzione della Percentuale
della Corrente Nominale [%] della Corrente Nominale [crad]
1 5 20 100 120 1 5 20 100 120
0.2S 0.75 0.35 0.2 0.2 0.2 0.9 0.45 0.3 0.3 0.3
0.5S 1.5 0.75 0.5 0.5 0.5 2.7 1.35 0.9 0.9 0.9
Tabella 9.2: Limiti dellerrore di corrente (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per i
TA per misura per applicazioni speciali
nominale, con prestazione compresa tra il 25% e il 100% della prestazione nominale. Le
norme impongono ulteriori requisiti di precisione nel caso di particolari applicazioni (ad
esempio, misure di grandi quantit` a di energia scambiate tra societ` a elettriche).
La prestazione nominale pu` o essere compresa tra 5 VA e 30 VA, con fattore di potenza
pari a 0.8 ritardo, con tendenza verso i valori pi` u bassi, essendo sempre pi ` u diusa la
tendenza ad usare apparecchiature elettroniche, il cui autoconsumo ` e molto modesto (il
costo di un TA ` e fortemente inuenzato, a parit` a di altre condizioni, dal valore della
prestazione nominale).
Al ne di garantire una certa protezione per gli strumenti alimentati in caso di elevate
sovracorrenti, ` e opportuno che il nucleo magnetico del TA entri in saturazione. Viene,
perci ` o, prescritto un coeciente di sicurezza che limita il valore della corrente in caso
di guasto a 10 volte la corrente nominale. Per ottenere TA con elevate prestazioni mi-
suristiche, sono importanti le caratteristiche del materiale magnetico utilizzato ed il suo
grado di sfruttamento (induzione di lavoro), nonch e un buon accoppiamento tra primario
e secondario. Per ottenere i migliori risultati il prodotto N
1
I
1
alla corrente nominale deve
essere di almeno 800 A, mentre linduzione di lavoro non deve superare 0.3 T. Per i TA
di precisione pi` u elevata si utilizzano leghe ferromagnetiche speciali, che presentano ca-
ratteristiche B-H molto ripide con saturazione molto netta (caratteristica di forma quasi
rettangolare).
226 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.2. Trasformatore di Corrente
i
1
i
2
i
0
Figura 9.4: Andamento delle correnti secondaria (i
2
), primaria (i
1
) e magnetizzante (i
0
)
in un TA quando il nucleo ` e in saturazione
9.2.3 TA per Protezione
La funzione dei TA per protezione si dierenzia sostanzialmente da quelli per misura,
in quanto per i TA per protezione ` e richiesto il rispetto dei limiti di errore no a valori
di corrente pari a 10 volte la corrente nominale (corrente limite primaria nominale), allo
scopo di assicurare un minimo di precisione anche in presenza di correnti elevate, come
quelle di cortocircuito.
Per quanto riguarda il comportamento in transitorio alle correnti elevate, essendo la
componente magnetizzante della corrente fortemente distorta per eetto della saturazione,
per caratterizzare il comportamento del TA non ` e pi ` u possibile fare ricorso al diagramma
vettoriale di Figura 9.2 per denire gli errori di rapporto e di fase. Si denisce, quindi,
convenzionalmente lerrore composto
c,TA
, dato da

c,TA
=
100
I
1
_
1
T
_
T
0
_
k
TA,N
i
2
i
1
_
2
dt, (9.4)
dove k
TA,N
` e il rapporto di trasformazione nominale, I
1
` e il valore ecace della corrente
primaria, i
1
` e il valore istantaneo della corrente primaria, i
2
` e il valore istantaneo della
corrente secondaria e T = 1/ f ` e il periodo. Landamento delle correnti in presenza di
onde non sinusoidali ` e illustrato in Figura 9.4.
Nei TA per protezione viene richiesto il rispetto dei limiti di errore indicati in Tabel-
la 9.3 che, come si vede, corrispondono a classi di precisione piuttosto scadenti. Nei TA
per protezione, il nucleo magnetico non ` e pi ` u realizzato con leghe speciali, ma con nor-
mali lamierini in lega ferro-silicio, la cui caratteristica di magnetizzazione presenta una
saturazione meno marcata e pi` u progressiva. Esso deve essere dimensionato per consen-
tire una buona risposta anche per correnti elevate (il nucleo non deve saturare). I limiti
dellerrore composto alla corrente limite nominale vengono generalmente vericati con
prove a prestazione aumentata, in modo da aumentare la forza elettromotrice indotta sul
secondario e simulare le condizioni di sovracorrente.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 227
9. Trasformatori di Misura
Classe
Errore di Corrente Errore dAngolo Errore Composto
(Rapporto) (Fase) alla Corrente
alla Corrente alla Corrente Limite
Nominale [%] Nominale [crad] Nominale [%]
5P 1 1.8 5
10P 3 10
Tabella 9.3: Limiti dellerrore di corrente (rapporto), dellerrore dangolo (fase) e
dellerrore composto per i TA per protezione
(a) (b)
A
A
I
1
I
1
Figura 9.5: TA con avvolgimento primario diviso in due sezioni connesse in serie (a) o
in parallelo (b)
9.2.4 TA a Pi ` u Rapporti
Per allargare il campo di impiego dei singoli TA, si ricorre sovente a TA a pi` u rapporti.
Per mantenere le stesse caratteristiche di precisione, la migliore soluzione consiste nel
suddividere lavvolgimento primario in due sezioni, che possono essere collegate in serie
o in parallelo, come illustrato in Figura 9.5. Il TA ` e in questo modo caratterizzato da
due correnti primarie nominali, una doppia dellaltra, per le quali si ha lo stesso valore di
forza magnetomotrice totale. In queste condizioni gli errori di rapporto e di fase restano
invariati, a parit` a di valore percentuale della corrente nominale.
In alcuni casi, peraltro piuttosto rari, le sezioni sono addirittura sei, con la possibilit` a
di ottenere tre rapporti di trasformazione nominali. Per ottenere TA a pi ` u rapporti, si pu` o
anche agire sul numero di spire dellavvolgimento primario. Tuttavia, questa soluzione
trova giusticazione solamente per TA con correnti primarie nominali modeste (non oltre
i 50 A) e viene a volte usata sui sistemi a bassa tensione.
La soluzione di agire sullavvolgimento secondario, cambiandone il numero di spire e
facendo cos` lavorare a dierenti induzioni il nucleo magnetico, ` e pure a volte utilizzata,
228 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.3. Trasformatore di Tensione Induttivo
S
1
S
2
S
3
I
1
P
Figura 9.6: TA con un avvolgimento primario e tre avvolgimenti secondari (tre nuclei
magnetici distinti)
anche se sconsigliabile, in quanto le caratteristiche di precisione risultano compromesse
o penalizzate da una eccessiva riduzione della prestazione nominale.
Nei TA da utilizzare su reti ad alta tensione, per ragioni economiche, ` e possibile mon-
tare nello stesso involucro pi ` u nuclei magnetici con caratteristiche diverse, ad esempio
per misura e protezione. Questa soluzione prevede per il TA un solo avvolgimento pri-
mario che eccita tanti nuclei quanti sono gli avvolgimenti secondari, come illustrato in
Figura 9.6.
9.3 Trasformatore di Tensione Induttivo
Il TVI, nella sua forma pi ` u semplice, ` e dotato di due avvolgimenti (primario e secon-
dario), tra loro isolati, e da un nucleo magnetico attorno al quale gli avvolgimenti sono
avvolti. La tensione da misurare deve essere applicata ai terminali dellavvolgimento pri-
mario, che deve essere quindi collegato in derivazione nel circuito, mentre ai terminali
dellavvolgimento secondario devono essere connessi gli strumenti di misura o le appa-
recchiature di protezione da alimentare. I circuiti alimentati dal secondario del trasforma-
tore di tensione, costituiscono la prestazione del TVI. Lo schema tipico di inserzione del
TVI ` e illustrato in Figura 9.7, assieme al modello circuitale che pu` o essere utilizzato per
discutere il funzionamento del TVI.
In Figura 9.8 ` e riportato il diagramma vettoriale delle grandezze elettriche in gioco
in un TVI. Con E
2
` e stata rappresentata la forza elettromotrice indotta nel secondario,
mentre I
2
` e la corrente assorbita dalla prestazione. La forza elettromotrice E
2
` e prodotta
dal usso magnetico che si stabilisce nel nucleo magnetico, a sua volta creato dalla
corrente magnetizzante I
0
, fornita dalla rete di alimentazione. La corrente primaria com-
plessiva I
1
` e rappresentata dalla somma vettoriale della corrente magnetizzante I
0
e della
corrente secondaria I
2
riportata a primario secondo il rapporto inverso delle spire dei due
avvolgimenti. Le correnti secondaria e primaria producono a loro volta cadute di tensione
sulle rispettive impedenze di dispersione, provocando variazioni del rapporto di trasfor-
mazione reale del TVI (k
TV
), in funzione della tensione e della prestazione. Poich e nel
Piero Malcovati, Misure Elettriche 229
9. Trasformatori di Misura
Z
1
V
1
V
2
I
1
N
1
N
2
I
0
Y
0
I
2
Z
2
V
V
1
: Tensione primaria
V
2
: Tensione secondaria
I
0
: Corrente magnetizzante
I
1
: Corrente primaria
I
2
: Corrente secondaria
N
1
: Numero delle spire primarie
N
2
: Numero delle spire secondarie
Z
1
: Impedenza di dispersione del primario
Z
2
: Impedenza di dispersione del secondario
Y
0
: Ammettenza equivalente
V: Prestazione alimentata
V
Figura 9.7: Schema di inserzione e circuito equivalente dei TVI
230 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.3. Trasformatore di Tensione Induttivo
A
B
Z
2
I
2
Z
1
I
1
I
2
I
1

I
2

N
2
/
N
1
V
2
V
1
E
2
I
0
E
1

=

E
2

N
1
/
N
2
K
TV,N
V
2
0

T
V

TV

V
1
: Tensione primaria
V
2
: Tensione secondaria
E
1
: Forza elettromotrice primaria
E
2
: Forza elettromotrice secondaria
Z
1
: Impedenza primaria
Z
2
: Impedenza secondaria
k
TV,N
: Rapporto di trasformazione nominale
: Flusso magnetico nel nucleo
I
1
: Corrente primaria
I
2
: Corrente secondaria
I
0
: Corrente magnetizzante

TV
: Errore dangolo

TV
: Errore di rapporto (valore assoluto)
: Angolo di sfasamento della prestazione

Figura 9.8: Diagramma vettoriale di un TVI


Piero Malcovati, Misure Elettriche 231
9. Trasformatori di Misura
circuito la tensione primaria ` e impressa (o pu` o essere considerata tale), la condizione di
funzionamento ideale di un TVI ` e quella con secondario aperto.
Lerrore di rapporto (o di tensione) di un TVI ` e lerrore che il TVI introduce nella
misura del modulo di una tensione sinusoidale, quando il rapporto di trasformazione si
allontana da quello nominale. Esso, denito in forma percentuale e in conformit` a con la
normativa vigente, risulta dato da

TV
=
_
k
TV,N
V
2
V
1
_
100
V
1
, (9.5)
dove k
TV,N
` e il rapporto di trasformazione nominale, V
1
la tensione primaria e V
2
la ten-
sione secondaria. Per via dellerrore di rapporto, k
TV
risulta diverso dal rapporto di tra-
sformazione nominale (k
TV,N
), che a sua volta, generalmente, non coincide con il rapporto
tra le spire degli avvolgimenti (k
TV,S
= N
1
/N
2
)
Si denisce errore di angolo (o di fase) di un TVI la dierenza di fase tra la tensioni
primaria e la tensione secondaria, assumendo il senso dei vettori in modo che langolo sia
nullo per un trasformatore ideale. Nel diagramma vettoriale di Figura 9.8 la dierenza
di fase suddetta ` e rappresentata dallangolo
TV
. Lerrore dangolo ` e considerato positivo
allorch e il vettore della tensione secondaria rovesciata risulta in anticipo rispetto a quello
della tensione primaria. Lerrore dangolo ` e usualmente espresso in centiradianti o in
minuti. Tenendo presente che per angoli molto piccoli lespressione di
TV
in radianti pu` o
essere confusa con la corrispondente funzione sin (
TV
), lerrore di fase pu` o anche essere
indicato con 100 sin (
TV
).
Le denizioni degli errori di rapporto e di fase valgono rigorosamente solo se le ten-
sioni primaria e secondaria sono sinusoidali (non sarebbe altrimenti possibile tracciare il
diagramma vettoriale). Questa condizione ` e pi` u facilmente vericata per i TVI che per i
TA, in quanto la componente magnetizzante della corrente primaria non ` e molto distor-
ta (si lavora a induzione molto bassa, non oltre 0.5 T in corrispondenza della tensione
nominale).
9.3.1 Caratteristiche Nominali
Ogni TVI ` e caratterizzato da un certo numero di grandezze nominali, che ne deniscono
la funzionalit` a. La frequenza nominale ` e quella a cui tutte le caratteristiche funzionali
sono riferite e per la quale il TVI ` e stato dimensionato. Essa viene considerata costante,
salvo casi eccezionali.
La tensione primaria nominale (V
1,N
) ` e quella a cui sono riferiti gli errori di rapporto
e di fase e i limiti di sovratemperatura ammessi. Si assegnano normalmente valori interi,
corrispondenti alle tensioni nominali delle reti, divisi per

3, quando i TVI sono pro-
gettati per essere inseriti tra fase e terra (ad esempio, 1000 V, 20000 V, 100000/

3 V,
400000/

3 V). La tensione secondaria nominale (V


2,N
) viene scelta in relazione alle ca-
ratteristiche delle apparecchiature da alimentare e sono normalizzati i valori di 100 V,
100/

3 V, 100/3 V a seconda del tipo di applicazione (pi` u raramente, in Nord-America,


232 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.3. Trasformatore di Tensione Induttivo
Fattore di Tensione
Durata
Collegamento dellAvvolgimento Primario e
Nominale Condizioni di Messa a Terra della Rete
1.2 Tra le fasi in qualsiasi rete
1.2
Tra il centro stella del trasformatore e la terra
in qualsiasi rete
1.2 Tra fase e terra in reti con neutro
1.5 30 s eettivamente a terra
1.2 Tra fase e terra in reti con neutro non eettivamente
1.9 30 s a terra e eliminazione automatica del guasto a terra
Tra fase e terra in reti con neutro isolato o
1.2 in reti collegate a terra mediante bobina
1.9 8 h destinzione senza eliminazione
automatica del guasto a terra
Tabella 9.4: Valori normali del fattore di tensione
si hanno i valori 110 V, 110/

3 V, 110/3 V, e qualche volta anche 200 V). Il rappor-


to di trasformazione nominale ` e dato dal rapporto tra la tensione primaria nominale e la
tensione secondaria nominale (k
TV,N
= V
1,N
/V
2,N
).
La prestazione nominale ` e il valore di prestazione a cui si fa riferimento per denire
i limiti della classe di precisione. Essa si esprime in ohm o in voltampere riferiti alla
tensione secondaria nominale. La classe di precisione, che denisce i limiti massimi
dellerrore di rapporto e di fase, assume signicato diverso a seconda se il TVI ` e destinato
ad alimentare strumenti di misura o apparecchi di protezione.
I TVI sono caratterizzati anche dal fattore di tensione nominale, che rappresenta la
tensione che esso deve poter sopportare per un tempo denito, quando in servizio si ve-
ricano condizioni anormali di funzionamento (ad esempio, nel caso di guasto a terra di
una fase). I valori normali del fattore di tensione sono riportati in Tabella 9.4.
I TVI sono anche caratterizzati dai livelli di isolamento assegnati agli avvolgimenti
primario e secondario (il primo molto pi ` u importante del secondo), in relazione alle ca-
ratteristiche della rete su cui essi possono essere impiegati. Il livello di isolamento del
primario pu` o imporre particolari soluzioni costruttive, che possono incidere in misura
notevole sulle prestazioni misuristiche. Infatti, al crescere della tensione del sistema sul
quale il TVI deve essere installato, ` e necessario aumentare la distanza tra gli avvolgimenti
e verso massa, introducendo anche una maggior quantit` a di isolante. Il sistema isolante
principale tra primario e secondario pu` o essere costituito da:
isolante secco con conduttori smaltati e nastri di carta o di poliesteri per le basse
tensioni;
resine epossidiche o poliuretaniche per la media tensione (sempre meno frequente
luso di carta impregnata di olio minerale);
carta impregnata sotto vuoto con olio minerale o gas compresso (normalmente esa-
uoruro di zolfo) per lalta tensione; linvolucro per questi TVI ` e solitamente di
Piero Malcovati, Misure Elettriche 233
9. Trasformatori di Misura
(a) (b)
Figura 9.9: TVI utilizzati su reti a media tensione per (a) inserzione tra fasi e (b)
inserzione verso terra
porcellana per consentire linstallazione allesterno.
Ogni TVI deve essere in grado di sopportare, senza danneggiarsi, cortocircuiti diretti
ai morsetti secondari, quando alimentato alla tensione primaria nominale, per la durata di
1 s. Questa prescrizione non ` e particolarmente severa, considerando il dimensionamento
imposto per altri requisiti, a dierenza di quanto avviene per i TA.
Le principali caratteristiche del TVI devono essere riportate sulla targa, applicata in
modo visibile su di esso, mentre i morsetti primari e secondari devono essere contras-
segnati senza ambiguit` a. Sulla targa ` e anche indicata la norma secondo il quale il TVI
` e stato progettato, in modo da consentire di risalire alle prescrizioni che, per ragioni di
spazio, non possono essere riportate. In Figura 9.9 sono rappresentati due diversi TVI
destinati ad impianti a media tensione.
9.3.2 TVI per Misura
I TVI per misura sono destinati ad alimentare strumenti di misura e sono caratterizzati
dalla classe di precisione, che viene convenzionalmente indicata con il limite di errore di
rapporto che il TVI non deve superare con prestazione compresa tra il 25% e il 100% della
prestazione nominale, con fattore di potenza cos () = 0.8 ritardo (per certe particolari
applicazioni il fattore di potenza della prestazione pu` o essere unitario).
Le classi di precisione normalizzate per i TVI sono 0.1, 0.2, 0.5, 1, 3, i cui limiti di
errore di rapporto e di fase, ssati dalle norme IEC e CEI vigenti, sono riportati in Ta-
bella 9.5. I limiti di errore sono prescritti per un campo di tensione compreso tra l80%
e il 120% della tensione nominale, con prestazione compresa tra il 25% e il 100% della
prestazione nominale. Anche per i TVI le norme prevedono ulteriori requisiti di precisio-
234 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.3. Trasformatore di Tensione Induttivo
Classe Errore di Tensione (Rapporto) [%] Errore dAngolo (Fase) [crad]
0.1 0.1 0.15
0.2 0.2 0.3
0.5 0.5 0.6
1.0 1.0 1.2
3.0 3.0
Tabella 9.5: Limiti dellerrore di tensione (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per i
TVI per misura
Classe Errore di Tensione (Rapporto) [%] Errore dAngolo (Fase) [crad]
3P 3.0 3.5
6P 6.0 7.0
Tabella 9.6: Limiti dellerrore di tensione (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per i
TVI per protezione
ne nel caso di particolari applicazioni (ad esempio, misure di grandi quantit` a di energia
scambiate tra societ` a elettriche).
Poich e il nucleo magnetico nei TVI lavora con induzione di poco variabile, le carat-
teristiche del materiale magnetico utilizzato sono meno importanti che per i TA, per cui,
generalmente, il nucleo ` e realizzato con normali lamierini magnetici in lega ferro-silicio.
9.3.3 TVI per Protezione
La funzione dei TVI per protezione ` e quella di alimentare sistemi di protezione, rispettan-
do i limiti di errore anche per tensioni molto inferiori alla tensione nominale. Le classi di
precisione normalizzate per i TVI per protezione sono 3P e 6P, con il seguente signicato:
la prima cifra rappresenta il limite di errore di rapporto ammesso per il TVI con
prestazione compresa tra il 25% e il 100% della prestazione nominale, per tensioni
comprese tra il 5% della tensione nominale e la tensione nominale moltiplicata per
fattore di tensione nominale, dato dalla Tabella 9.4;
la lettera P sta ad indicare che il TVI ` e per protezione.
I TVI per protezione devono rispettare i limiti per gli errori di rapporto e di fase indicati
in Tabella 9.6. Qualche volta viene prescritto anche il rispetto di prescrizioni sugli errori
di rapporto e di fase del TVI per protezione al 2% della tensione nominale, con valori
per i limiti doppi rispetto a quelli indicati in Tabella 9.6. Dal punto di vista costruttivo, il
nucleo magnetico in un TVI per protezione ` e molto simile a quello di un TVI per misura.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 235
9. Trasformatori di Misura
(a)
(b)
Figura 9.10: TVI con avvolgimento secondario diviso in due sezioni connesse in serie
(a) o in parallelo (b)
9.3.4 TVI a Pi ` u Rapporti
Per allargare il campo di impiego dei singoli TVI si pu` o ricorrere a TVI a pi ` u rapporti,
anche se in misura meno frequente che per i TA. In pratica, per mantenere le stesse ca-
ratteristiche di precisione, la migliore soluzione consiste nel suddividere lavvolgimento
secondario in due sezioni, che possono essere collegate in serie o in parallelo. Il trasfor-
matore ` e, in questo modo, caratterizzato da due tensioni secondarie nominali, ad esempio
100 V e 200 V, come illustrato in Figura 9.10.
Assai rari sono i casi in cui si suddivide lavvolgimento primario, sul quale, limitata-
mente ai trasformatori per bassa tensione, si possono eventualmente prevedere delle prese,
agendo cos` sul numero di spire utili. Un altro interessante aspetto da considerare riguarda
la possibilit` a di montare sullo stesso nucleo pi` u avvolgimenti secondari, ciascuno con la
propria funzione (misura o protezione). In queste condizioni, le caratteristiche di errore
si inuenzano tra di loro in quanto lavvolgimento primario ` e comune.
Una soluzione costruttiva abbastanza utilizzata ` e quella dei TVI trifase per reti a media
tensione, in cui tre TVI monofase vengono inclusi in un unico involucro, riducendo cos` i
costi.
9.4 Trasformatore Combinato di Tensione e Corrente
Per i trasformatori destinati ad impianti ad alta tensione e funzionanti allaperto, si ricorre
a volte ai TVA, nei quali, nello stesso involucro ceramico, sono contenuti due apparecchi:
un TA e un TVI. Questa soluzione, che consente la riduzione dei costi di primo acquisto
(un solo involucro isolante) e di impianto (minore spazio occupato), ` e poco praticata in
Europa. In questi apparecchi ` e, infatti, elevato il rischio di interferenza tra i due sistemi
elettromagnetici per cui le norme IEC prescrivono delle prove atte a vericare che queste
236 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.5. Trasformatore di Tensione Capacitivo
C
1
C
1
C
2
A
B D
D
V
V
(b)
(a)
V
S
V
S
V
C
V
TH
V
1,N
L
L
C
C
TVI
TVI
C
2
Figura 9.11: Schema di principio (a) e circuito equivalente secondo Thevenin (b) di un
TVC
interferenze risultino trascurabili. Esistono due possibili schemi di collegamento tra i due
apparecchi, che prevedono alternativamente il TA a monte o a valle del TVI (il primo
schema ` e solitamente preferito).
9.5 Trasformatore di Tensione Capacitivo
I TVC trovano largo impiego nei sistemi ad alta tensione (da 100 kV in su), in quanto
meno costosi dei corrispondenti TVI. Il vantaggio economico deriva anche dal fatto che
i TVC possono essere utilizzati per la trasmissione di segnali per telecomando tra sotto-
stazioni vicine, impiegando come condensatore di accoppiamento il divisore di tensione
capacitivo che fa parte del TVC stesso.
Lo schema elettrico di principio di un TVC ` e riportato in Figura 9.11, in cui sono
rappresentati solo i componenti principali. Il divisore capacitivo, che consente di ridurre
la tensione da misurare ad un valore compreso tra 10 kV e 15 kV, presenta un fattore di
Piero Malcovati, Misure Elettriche 237
9. Trasformatori di Misura
scala k
C
dato da
k
C
=
C
1
C
1
+ C
2
, (9.6)
dove C
1
e C
2
sono rispettivamente le capacit` a della sezione di alta tensione e di bassa
tensione del divisore. La tensione primaria nominale del TVC ` e normalmente quella
della rete sulla quale esso deve essere inserito, divisa per

3, in quanto il TVC viene
sempre inserito tra fase e terra. Il reattore induttivo L ` e realizzato con un avvolgimento
montato su un nucleo magnetico e deve presentare una resistenza per quanto possibile
piccola (per semplicit` a questa resistenza pu` o essere considerata nulla). Il TVI connesso
a valle del reattore ha una tensione primaria nominale pari a V
C
= V
1,N
k
C
, mentre la
tensione secondaria nominale V
S
` e normalmente pari a 100/

3 V o a 100/3 V, a seconda
dellapplicazione.
Per studiare il funzionamento del TVC conviene applicare al circuito di Figura 9.11a
il teorema di Thevenin. La tensione di Thevenin ` e allora quella che si manifesta tra i nodi
A e B (V
TH
= V
C
), mentre lo schema equivalente che si ottiene ` e riportato in Figura 9.11b.
Nella reattanza X
L
` e compresa anche limpedenza di corto circuito del trasformatore indut-
tivo, che viene per il resto considerato ideale. Si deduce facilmente che, se alla frequenza
di lavoro si verica la condizione X
L
= X
C
, il sistema ` e in condizioni di risonanza serie
e, pertanto, ai capi del TVI si ottiene la tensione V
TH
= V
C
.
Il comportamento del TVC risulta fortemente inuenzato dalle variazioni di frequen-
za. Le caratteristiche di precisione dei TVC sono inoltre inuenzate da varie cause:
i condensatori del divisore non sono perfetti, in quanto possono variare di capacit` a
per eetto della temperatura (cambia il fattore di scala del divisore) e presentano un
certo angolo di perdita, che inuenza i parametri del circuito di Thevenin;
linduttore non ` e puro per cui si dovrebbe mettere in conto la sua resistenza e i
contributi dissipativi del circuito magnetico;
il TVI non ` e ideale e presenta propri errori di rapporto e di fase.
Linduttore e il TVI, che costituiscono lunit` a elettromagnetica, sono montati in un con-
tenitore sigillato pieno di olio isolante.
Le denizioni degli errori di rapporto e di fase di un TVC sono le stesse indicate per
i TVI nel Paragrafo 9.3. Anche per i TVC il rapporto di trasformazione nominale (k
TV,N
)
non coincide generalmente con il rapporto di trasformazione reale (k
TV
).
Nei TVC, particolare cura deve essere posta nel prevenire o limitare i fenomeni oscil-
latori che si vericano durante i transitori di tensione che, in alcuni casi, possono dar
luogo a fenomeni di ferro-risonanza. Il transitorio pi` u gravoso ` e rappresentato dallaper-
tura di un cortocircuito netto ai morsetti secondari. Per questa ragione, si devono inserire
dei dispositivi di smorzamento delle oscillazioni, come spinterometri o ltri. In partico-
lare, se si provoca un cortocircuito tra i nodi C e D del circuito di Figura 9.11b, senza
opportune protezioni, la corrente risulterebbe limitata solamente dai parametri dissipativi
e, quindi, i condensatori e linduttanza verrebbero interessati da correnti e tensioni molto
elevate. Inoltre, essendo linduttanza non lineare per la presenza del ferro, si possono
innescare ferro-risonanze. Un altro transitorio durante il quale si pu` o vericare il non cor-
retto funzionamento del TVC ` e il brusco cortocircuito del primario, in seguito al quale la
238 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.5. Trasformatore di Tensione Capacitivo
tensione secondaria non si estingue immediatamente, per cui pu` o risultare compromesso
il corretto intervento delle protezioni alimentate.
9.5.1 Caratteristiche Nominali
La frequenza nominale, a cui tutte le caratteristiche funzionali sono riferite, ` e per i TVC di
fondamentale importanza, a causa della dipendenza dalla frequenza stessa dei fenomeni
di risonanza necessari per il corretto funzionamento del TVC stesso. Alla tensione pri-
maria nominale (V
1,N
) si assegnano normalmente valori interi corrispondenti alle tensioni
nominali delle reti, divisi per

3, in quanto linserzione ` e tra fase e terra (ad esempio,
100000/

3 V o 400000/

3 V). La tensione secondaria nominale (V


2,N
) viene scelta
in relazione alle caratteristiche delle apparecchiature da alimentare e sono normalizzati
i valori 100/

3 V e 100/3 V (qualche volta 200/

3 V). Il rapporto di trasformazio-


ne nominale (k
TV,N
) ` e dato dal rapporto tra la tensione primaria nominale e la tensione
secondaria nominale.
Come per i TVI, la prestazione nominale ` e quella a cui si fa riferimento per denire i
limiti della classe di precisione. Le prestazioni nominali normali sono comprese tra 10 VA
e 100 VA. Il fattore di tensione nominale, come per i TVI, rappresenta la tensione che il
TVC deve poter sopportare per un tempo denito, quando in servizio si vericano con-
dizioni anormali di funzionamento. I valori normali del fattore di tensione sono riportati
in Tabella 9.4. La classe di precisione assume diverso signicato a seconda se il TVC ` e
destinato ad alimentare strumenti di misura o apparecchi di protezione. I TVC sono anche
caratterizzati dai livelli di isolamento assegnati al divisore capacitivo e allavvolgimento
secondario.
9.5.2 TVC per Misura
I TVC per misura sono destinati ad alimentare strumenti di misura e sono caratterizzati
dalla classe di precisione, che viene convenzionalmente indicata con il limite di errore di
rapporto che lapparecchio non deve superare con prestazione compresa tra il 25% e il
100% della prestazione nominale, con fattore di potenza cos () = 0.8 ritardo (per certe
particolari applicazioni il fattore di potenza della prestazione pu` o essere unitario). Le
classi di precisione normalizzate sono 0.2, 0.5, 1, 3, i cui limiti di errore di rapporto e
di fase, ssati dalle norme IEC e CEI vigenti, sono riportati in Tabella 9.7. I limiti di
errore sono prescritti per un campo di tensione limitato tra l80% e il 120% della tensione
nominale, con prestazione compresa tra il 25% e il 100% della prestazione nominale.
In pratica, si riescono a realizzare TVC per misura in classe 0.5, che garantiscono i
requisiti di precisione indicati in Tabella 9.7, purch e le variazioni di frequenza risultino
contenute entro 0.25 Hz. I requisiti di precisione per i TVC in classe 0.2 sono raggiungi-
bili solamente in laboratorio, in quanto in servizio si vericano condizioni ambientali che
inuiscono sugli errori (per esempio, inquinamento atmosferico superciale, temperatura
ambiente, funzionamento sotto pioggia), sui cui eetti non si hanno informazioni precise.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 239
9. Trasformatori di Misura
Classe Errore di Tensione (Rapporto) [%] Errore dAngolo (Fase) [crad]
0.2 0.2 0.3
0.5 0.5 0.6
1.0 1.0 1.2
3.0 3.0
Tabella 9.7: Limiti dellerrore di tensione (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per i
TVC per misura
Classe
Errore di Tensione (Rapporto) Errore dAngolo (Fase)
in Funzione della Percentuale in Funzione della Percentuale
della Tensione Nominale [%] della Tensione Nominale [crad]
2 5 100 X 2 5 100 X
3P 6.0 3.0 3.0 3.0 7.0 3.5 3.5 3.5
6P 12.0 6.0 6.0 6.0 14.0 7.0 7.0 7.0
X ` e il fattore di tensione nominale riportato in Tabella 9.4 moltiplicato per 100
Tabella 9.8: Limiti dellerrore di tensione (rapporto) e dellerrore dangolo (fase) per i
TVC per protezione
9.5.3 TVC per Protezione
La funzione dei TVC per protezione ` e quella di alimentare sistemi di protezione, rispet-
tando i limiti di errore anche per tensioni molto inferiori alla tensione nominale. Le
classi di precisione normalizzate per i TVC per protezione sono 3P e 6P, con il seguente
signicato:
la prima cifra rappresenta il limite di errore di rapporto ammesso per il TVC alla
tensione nominale con prestazione compresa tra il 25% e il 100% della prestazione
nominale;
la lettera P sta ad indicare che il TVC ` e per protezione.
I TVC per protezione devono rispettare i limiti per gli errori di rapporto e di fase indicati
in Tabella 9.8.
9.5.4 TVC a Pi ` u Rapporti
Per allargare il campo di impiego dei singoli TVC si pu` o ricorrere a TVC a due rapporti,
dividendo lavvolgimento secondario in due sezioni, che possono essere collegate in serie
o in parallelo, analogamente a quanto previsto per i TVI (Figura 9.10). Il TVC ` e, in
questo modo, caratterizzato da due tensioni secondarie nominali, ad esempio 100/

3 V
e 200/

3 V.
240 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.6. Taratura
+1.0
1.0
+0.5
0.5
0
0 20
I
1
/I
1,N
[%]
20 VA
20 VA
5 VA
5 VA
40 60 80 100 120
100 sin(

T
A
,

1
0
0

s
i
n
(

T
A
)

TA
Figura 9.12: Andamento dellerrore di rapporto e di fase per un TA in classe 0.5 con
prestazione 20 VA, per reti a media tensione
9.6 Taratura
La classe di precisione dei trasformatori di misura determina il campo di variazione de-
gli errori di rapporto e di fase, non il loro valore eettivo. Nel caso in cui si vogliano
conoscere i valori eettivi degli errori di rapporto e di fase, in modo da poter correggere
gli eetti degli errori stessi sulle misure, occorre sottoporre i trasformatori di misura a
taratura. La taratura viene, generalmente, eettuata in fase di collaudo e pu` o poi esse-
re ripetuta, se necessario, in qualunque momento. Nella taratura al collaudo gli eettivi
valori degli errori di rapporto e di fase vengono, di norma, determinati in funzione della
corrente o della tensione primaria, per i valori di prestazione corrispondenti al 25% e al
100% della prestazione nominale con cos () = 0.8 ritardo. Alternativamente, ` e possibile
richiedere la taratura dei trasformatori di misura in condizioni di lavoro speciche, sia in
termini di tensione o corrente, sia in termini di prestazione. Quando un trasformatore di
misura viene sottoposto a taratura in un centro certicato (per esempio dal SIT), il centro
di taratura fornisce un documento, detto certicato di taratura, che riporta i valori degli
errori di rapporto e di fase,
TVTA
e
TVTA
), in funzione della percentuale della tensione o
della corrente nominale, per diversi valori di prestazione, nonch e lincertezza di misura
con cui i valori degli errori sono stati determinati, u
_

TVTA
_
e u
_

TVTA
_
. I dati vengono
generalmente forniti sia in forma graca sia in forma tabellare.
Landamento tipico degli errori di rapporto e di fase, riportato sul certicato di taratura
di un TA di classe 0.5 con prestazione nominale di 20 VA, in funzione della percentuale
della corrente nominale e della prestazione, ` e illustrato in Figura 9.12. Landamento tipico
degli errori di rapporto e di fase, riportato sul certicato di taratura di un TVI o di un
TVC di classe 0.5 con prestazione nominale di 60 VA, in funzione della percentuale della
tensione nominale e della prestazione, ` e, invece, illustrato in Figura 9.13.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 241
9. Trasformatori di Misura
+0.8
0.8
+0.4
0.4
+0.2
0.2
+0.6
0.6
0
V
1
/V
1,N
[%]
15 VA
15 VA
60 VA
60 VA
80 70 90 100 110 120 130
100 sin(
TV
)

TV

T
V
,

1
0
0

s
i
n
(

T
V
)

Figura 9.13: Andamento dellerrore di rapporto e di fase per un TVI in classe 0.5 con
prestazione 60 VA
I
1
I
2
I
2,C
TA in esame TA campione
Comparatore
Figura 9.14: Schema utilizzato per la taratura di un TA
9.6.1 Taratura di un TA
Per la taratura di un TA, si utilizza, generalmente, lo schema riportato in Figura 9.14. La
corrente I
1
, generata da una sorgente di corrente programmabile, viene fatta uire negli
avvolgimenti primari del TA in esame e di un TA campione, connessi in serie. Il TA
campione deve avere la stessa corrente primaria nominale, la stessa corrente secondaria
nominale e lo stesso rapporto di trasformazione nominale (k
TA,N
) del TA in esame, ma
caratteristiche di precisione superiori. Le correnti secondarie del TA in esame e del TA
campione, I
2
e I
2,C
, vengono confrontate tramite un apparecchio, detto comparatore, in
grado di determinare la dierenza tra i moduli e tra le fasi delle due correnti.
La dierenza tra i moduli delle correnti, risulta
I = I
2
I
2,C
=
I
1
k
TA

I
1
k
TA,C
, (9.7)
242 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.6. Taratura
dove k
TA
e k
TA,C
sono, rispettivamente, i rapporti di trasformazione del TA in esame e del
TA campione. Utilizzando la (9.3), si ottiene
I =
I
1
k
TA,N
_
1 +

TA
100
_

I
1
k
TA,N
_
1 +

TA,C
100
_
, (9.8)
dove
TA
e
TA,C
sono, rispettivamente, gli errori di rapporto del TA in esame e del TA
campione. Assumendo noto il valore di
TA,C
(tipicamente si pu` o assumere
TA,C
= 0), si
ricava

TA
=
100k
TA,N
I
I
1
+
TA,C
. (9.9)
Lincertezza di misura relativa allerrore di rapporto del TA in esame, quindi, utilizzando
la (1.39), risulta
u (
TA
) =
_
u
_

TA,C
_
2
+
_
100k
TA,N
I
_
2
I
4
1
u (I
1
)
2
+
_
100k
TA,N
I
1
_
2
u (I)
2
, (9.10)
dove u
_

TA,C
_
` e lincertezza tipo assoluta dellerrore di rapporto del TA campione, u (I
1
)
` e lincertezza tipo assoluta del generatore di corrente e u (I) ` e lincertezza tipo assoluta
del comparatore. I valori di u
_

TA,C
_
, u (I
1
) e u (I) sono, in genere, forniti dai costruttori
degli apparecchi, direttamente come incertezza tipo, oppure come errore o classe di preci-
sione, nel qual caso, per ottenere lincertezza tipo, assumendo distribuzione rettangolare,
secondo la (1.33), occorre dividere i valori forniti per

3 (Paragrafo 4.2, Paragrafo 8.5,
Paragrafo 9.8).
La dierenza tra le fasi delle correnti, risulta

I
=
TA

TA,C
, (9.11)
dove
TA
e
TA,C
sono, rispettivamente, gli errori di fase del TAin esame e del TAcampione.
Assumendo noto il valore di
TA,C
(tipicamente si pu` o assumere
TA,C
= 0), si ricava

TA
=
I
+
TA,C
. (9.12)
Lincertezza di misura relativa allerrore di fase del TA in esame, quindi, utilizzando la
(1.39), risulta
u (
TA
) =
_
u
_

TA,C
_
2
+ u (
I
)
2
, (9.13)
dove u
_

TA,C
_
` e lincertezza tipo assoluta dellerrore di fase del TAcampione e u (
I
) ` e lin-
certezza tipo assoluta del comparatore. I valori di u
_

TA,C
_
e u (
I
) sono, in genere, forniti
dai costruttori degli apparecchi, direttamente come incertezza tipo, oppure come errore o
classe di precisione, nel qual caso, per ottenere lincertezza tipo, assumendo distribuzione
rettangolare, secondo la (1.33), occorre dividere i valori forniti per

3 (Paragrafo 4.2,
Paragrafo 8.5, Paragrafo 9.8).
Piero Malcovati, Misure Elettriche 243
9. Trasformatori di Misura
V
1
V
2
V
2,C
TVI o TVC in esame TVI o TVC campione
Comparatore
Figura 9.15: Schema utilizzato per la taratura di un TVI o di un TVC
9.6.2 Taratura di un TVI o di un TVC
Per la taratura di un TVI o di un TVC, si utilizza, generalmente, lo schema riportato in
Figura 9.15. La tensione V
1
, generata da una sorgente di tensione programmabile, viene
applicata agli avvolgimenti primari del TVI o del TVC in esame e di un TVI o di un TVC
campione, connessi in parallelo. Il TVI o il TVC campione deve avere la stessa tensione
primaria nominale, la stessa tensione secondaria nominale e lo stesso rapporto di trasfor-
mazione nominale (k
TV,N
) del TVI o del TVC in esame, ma caratteristiche di precisione
superiori. Le tensioni secondarie del TVI o del TVC in esame e del TVI o del TVC cam-
pione, V
2
e V
2,C
, vengono confrontate tramite un apparecchio, detto comparatore, in grado
di determinare la dierenza tra i moduli e tra le fasi delle due tensioni.
La dierenza tra i moduli delle tensioni, risulta
V = V
2
V
2,C
=
V
1
k
TV

V
1
k
TV,C
, (9.14)
dove k
TV
e k
TV,C
sono, rispettivamente, i rapporti di trasformazione del TVI o del TVC in
esame e del TVI o del TVC campione. Utilizzando la (9.5), si ottiene
V =
V
1
k
TV,N
_
1 +

TV
100
_

V
1
k
TV,N
_
1 +

TV,C
100
_
, (9.15)
dove
TV
e
TV,C
sono, rispettivamente, gli errori di rapporto del TVI o del TVC in esame
e del TVI o del TVC campione. Assumendo noto il valore di
TV,C
(tipicamente si pu` o
assumere
TV,C
= 0), si ricava

TV
=
100k
TV,N
V
V
1
+
TV,C
. (9.16)
Lincertezza di misura relativa allerrore di rapporto del TVI o del TVC in esame, quindi,
utilizzando la (1.39), risulta
u (
TV
) =
_
u
_

TV,C
_
2
+
_
100k
TV,N
V
_
2
V
4
1
u (V
1
)
2
+
_
100k
TV,N
V
1
_
2
u (V)
2
, (9.17)
244 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.7. Diagramma di Moellinger
dove u
_

TV,C
_
` e lincertezza tipo assoluta dellerrore di rapporto del TVI o del TVC cam-
pione, u (V
1
) ` e lincertezza tipo assoluta del generatore di tensione e u (V) ` e lincertezza
tipo assoluta del comparatore. I valori di u
_

TV,C
_
, u (V
1
) e u (V) sono, in genere, forniti
dai costruttori degli apparecchi, direttamente come incertezza tipo, oppure come errore o
classe di precisione, nel qual caso, per ottenere lincertezza tipo, assumendo distribuzione
rettangolare, secondo la (1.33), occorre dividere i valori forniti per

3 (Paragrafo 4.2,
Paragrafo 8.5, Paragrafo 9.8).
La dierenza tra le fasi delle tensioni, risulta

V
=
TV

TV,C
, (9.18)
dove
TV
e
TV,C
sono, rispettivamente, gli errori di fase del TVI o del TVC in esame e del
TVI o del TVC campione. Assumendo noto il valore di
TV,C
(tipicamente si pu` o assumere

TV,C
= 0), si ricava

TV
=
V
+
TV,C
. (9.19)
Lincertezza di misura relativa allerrore di fase del TVI o del TVC in esame, quindi,
utilizzando la (1.39), risulta
u (
TV
) =
_
u
_

TV,C
_
2
+ u (
V
)
2
, (9.20)
dove u
_

TV,C
_
` e lincertezza tipo assoluta dellerrore di fase del TVI o del TVC campione
e u (
V
) ` e lincertezza tipo assoluta del comparatore. I valori di u
_

TV,C
_
e u (
V
) sono, in
genere, forniti dai costruttori degli apparecchi, direttamente come incertezza tipo, oppure
come errore o classe di precisione, nel qual caso, per ottenere lincertezza tipo, assumen-
do distribuzione rettangolare, secondo la (1.33), occorre dividere i valori forniti per

3
(Paragrafo 4.2, Paragrafo 8.5, Paragrafo 9.8).
9.7 Diagramma di Moellinger
Quando i trasformatori di misura vengono sottoposti a taratura, gli eettivi valori degli
errori di rapporto e di fase vengono determinati in funzione della corrente o della tensione
primaria, per i valori di prestazione corrispondenti al 25% e al 100% della prestazione
nominale con cos () = 0.8 ritardo. Quando si eettuano misure di grande precisione (ad
esempio misura delle perdite su circuiti a basso fattore di potenza), pu` o essere necessario
conoscere gli errori di rapporto e di fase in condizioni di prestazione diverse da quelle
per cui ` e stata eettuata la taratura. In questi casi, si pu` o procedere ad una nuova tara-
tura dei trasformatori nelle condizioni che interessano, ma, cos` facendo, si complicano
le procedure di prova, soprattutto in termini di tempo e di costi. Si pu` o allora ricorrere
ai diagrammi di Moellinger, che consentono di determinare gli errori per qualsiasi valo-
re di prestazione, noti i valori degli errori di rapporto e di fase per le prestazioni usate
nella taratura. Questi diagrammi si basano sullassunzione che il modello equivalente
dellapparecchio considerato si comporti linearmente al variare della prestazione, entro
Piero Malcovati, Misure Elettriche 245
9. Trasformatori di Misura
Percentuale della Tensione o Errori Prestazione
della Corrente Nominale [%]
TV|TA
100 sin

TV|TA

Modulo [VA] cos ()


100 +0.32 +0.12 20 1
100 0.350 0.09 5 1
Tabella 9.9: Errori di rapporto e di fase di un trasformatore di misura al 100% e al 25%
della prestazione nominale
limiti non eccedenti la prestazione nominale, per ogni data condizione di alimentazione
del primario.
Si consideri, per esempio, un trasformatore di misura che alla taratura presenti gli er-
rori riportati in Tabella 9.9. Per un determinato valore di tensione o corrente, ad esempio
la tensione o la corrente nominale, i valori degli errori vengono riportati su un diagram-
ma cartesiano, con in ordinata gli errori di fase 100 sin
_

TVTA
_
e in ascissa gli errori di
rapporto
TVTA
. Vengono, in questo modo, deniti due punti A e B come illustrato in Fi-
gura 9.16. Il segmento che unisce i punti A e B individua gli errori di fase e rapporto alla
tensione considerata, per prestazioni aventi lo stesso valore di cos () e modulo arbitrario
(il modulo della prestazione varia linearmente tra i punti A e B). Il punto corrispondente
a prestazione nulla (punto O) pu` o essere facilmente determinato per estrapolazione, pro-
lungando il segmento AB in proporzione. Per prestazioni con valore di cos () diverso da
quello per cui si hanno a disposizione i dati, si ruota il segmento OA, prendendo come
centro il punto O e muovendosi in senso antiorario se cresce ed in senso antiorario se
diminuisce, ottenendo cos` i valori di
TVTA
e
TVTA
. Per quanto riguarda lincertezza
di misura, si assumono, in generale, per u
_

TVTA
_
e u
_

TVTA
_
i valori di incertezza tipo
assoluta degli errori di rapporto e di fase forniti dal certicato di taratura di partenza.
9.8 Incertezza di Misura
Quando si eettuano misurazioni utilizzando trasformatori di misura, occorre tener conto
degli errori di rapporto e di fase dei trasformatori stessi, nonch e dellincertezza di misura
con cui gli errori di rapporto e di fase sono stati determinati. Nella pratica, per ciascun
trasformatore di misura utilizzato, si possono presentare due diverse situazioni:
si ha a disposizione il certicato di taratura del trasformatore di misura e, quindi, si
conoscono i valori degli errori di rapporto e di fase nelle condizioni di utilizzo del
trasformatore, nonch e la relativa incertezza di misura;
non si ha a disposizione il certicato di taratura e si conosce solo la classe di
precisione del trasformatore di misura.
Nel caso in cui si abbia a disposizione il certicato di taratura, gli errori di rapporto
e di fase del trasformatore di misura e la relativa incertezza si ottengono direttamente dal
certicato di taratura. Se le condizioni di lavoro del trasformatore di misura, in termini di
prestazione, sono dierenti da quelle per cui ` e stata eettuata la taratura, per determinare i
246 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.8. Incertezza di Misura
O B
A
A: Punto al 100% della prestazione nominale cos() = 1
B: Punto al 25% della prestazione nominale cos() = 1
O: Punto a prestazione nulla
: Generico argomento della prestazione

+1.0
0.5
0.5
1.0
1 0.5 +1 +0.5 0
1
0
0

s
i
n
(

T
V
|
T
A
)
0

TV|TA
Figura 9.16: Diagramma di Moellinger
Piero Malcovati, Misure Elettriche 247
9. Trasformatori di Misura
valori degli errori di rapporto e di fase e la relativa incertezza, si pu` o ricorrere ai diagram-
mi di Moellinger, come descritto nel Paragrafo 9.7. In ogni caso, in questa situazione,
si conoscono i valori di
TV
,
TV
, u (
TV
) e u (
TV
) oppure di
TA
,
TA
, u (
TA
) e u (
TA
), che
possono essere direttamente utilizzati per lelaborazione dei risultati della misurazione.
Nel caso in cui non si abbia a disposizione il certicato di taratura, il valore degli
errori di rapporto e fase non ` e noto, per cui si assume
TV
=
TV
= 0 oppure
TA
=
TA
=
0. Il campo di variazione degli errori di rapporto e di fase, identicato dalla classe di
precisione, viene, invece, utilizzato per determinare i valori di u (
TV
) e u (
TV
) oppure di
u (
TA
) e u (
TA
). Per i TVI e i TVC, nota la classe di precisione, dalla Tabella 9.5 o dalla
Tabella 9.7 si ottengono i campi di variazione di
TV
e
TV
, (
TV
) e (
TV
). Assumendo
per (
TV
) e (
TV
) una distribuzione rettangolare, si ricorre alla (1.33) per determinare le
relative incertezze tipo assolute, ottenendo
_

_
u (
TV
) =
(
TV
)

3
u (
TV
) =
(
TV
)

3
. (9.21)
Per i TA, nota la classe di precisione e la percentuale della corrente nominale a cui il
TA lavora, dalla Tabella 9.1 o dalla Tabella 9.2 per interpolazione lineare si ottengono
i campi di variazione di
TA
e
TA
, (
TA
) e (
TA
). In particolare, indicando con I
1%,i
i
valori della percentuale della corrente nominale presenti in Tabella 9.1 o in Tabella 9.2 e
con I
1%
= 100 I
1
/I
1,N
la percentuale della corrente nominale a cui il TA lavora, occorre
identicare i valori I
1%,k
e I
1%,l
tali per cui I
1%,k
I
1%
I
1%,l
. Per interpolazione, quindi,
si ottiene
_

_
(
TA
) =
k
(
TA
) +
_
I
1%
I
1%,k
_
l
(
TA
)
k
(
TA
)
I
1%,l
I
1%,k
(
TA
) =
k
(
TA
) +
_
I
1%
I
1%,k
_
l
(
TA
)
k
(
TA
)
I
1%,l
I
1%,k
, (9.22)
dove
k
(
TA
),
l
(
TA
),
k
(
TA
) e
l
(
TA
) sono, rispettivamente, i campi di variazione degli
errori di rapporto e di angolo, corrispondenti a I
1%,k
e I
1%,l
in Tabella 9.1 o Tabella 9.2.
Assumendo per (
TA
) e (
TA
) una distribuzione rettangolare, si ricorre alla (1.33) per
determinare le relative incertezze tipo assolute, ottenendo
_

_
u (
TA
) =
(
TA
)

3
u (
TA
) =
(
TA
)

3
. (9.23)
9.9 Misure di Tensione Residua in Sistemi Trifase
Per lalimentazione di particolari protezioni di terra su sistemi funzionanti con neutro
isolato, si ricorre a volte allimpiego di tre TVI monofase con i primari collegati a stella
248 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.10. Misure di Potenza in Sistemi Monofase
1
2
3
V
P
Figura 9.17: Schema di inserzione di tre TVI monofase per misurare la tensione residua
ed i secondari a triangolo aperto, secondo lo schema di Figura 9.17. Tra i terminali aperti
del triangolo (tensione V
P
), la tensione ` e nulla quando il sistema ` e in condizioni normali
di funzionamento, mentre assume un valore diverso da zero quando una fase va a terra.
Il diagramma vettoriale di Figura 9.18 illustra quanto avviene in caso di guasto mo-
nofase a terra netto della fase 3. In caso di guasto, la tensione E
3
diviene nulla (E
3,G
= 0),
mentre le tensioni E
1
ed E
2
diventano, rispettivamente, E
1,G
= E
1

3 ed E
2,G
= E
2

3.
Conseguentemente, la tensione residua V
R
risulta data da
V
R
= E
G

3 = 3E, (9.24)
dove E
G
= E
1,G
= E
2,G
e E = E
1
= E
2
= E
3
. La tensione primaria nominale dei TVI deve,
quindi, essere pari alla tensione nominale della rete considerata, divisa per

3 (V
1,N
= E,
per esempio, V
1,N
= 100000/

3 V). La tensione secondaria nominale dei TVI, invece,


per garantire in condizione di guasto una tensione
V
P
= V
R
/k
TV,N
= 3V
2,N
, (9.25)
suciente ad attivare la protezione (tipicamente 100 V), risulta V
2,N
= V
P
/3 (per esempio,
V
2,N
= 100/3 V).
9.10 Misure di Potenza in Sistemi Monofase
Lo schema circuitale che si utilizza per eettuare misure di potenza in sistemi monofase
con trasformatori di misura ` e illustrato in Figura 9.19. In questo schema, il TVI o il TVC
` e inserito in parallelo al carico, mentre il TA ` e inserito in serie al circuito, a monte del
TVI o del TVC.
`
E possibile anche realizzare lo schema duale, con il TA inserito a valle
Piero Malcovati, Misure Elettriche 249
9. Trasformatori di Misura
1
E
1
E
1,G
E
2,G
E
2
E
3
V
R
1
2
2
3
0
Figura 9.18: Formazione della tensione residua V
R
nel caso di guasto monofase a terra
netto della fase 3 dello schema di Figura 9.17
V
U
V
P
I
P
I
M
TA
TV
U
A W V
Figura 9.19: Schema per la misura di potenza in un sistema monofase con trasformatori
di misura
250 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.10. Misure di Potenza in Sistemi Monofase
V
P

T
V
V
U
I
U

P
I
P

TA
Figura 9.20: Diagramma vettoriale delle grandezze in gioco in una misura di potenza
con trasformatori di misura
del TVI o del TVC, ma questa soluzione non viene, in genere, utilizzata per i motivi
illustrati nel Paragrafo 5.5. Il voltmetro e le voltmetriche del wattmetro sono connesse al
secondario del TVI o del TVC, mentre lamperometro e le amperometriche del wattmetro
sono connesse al secondario del TA. Le letture degli strumenti, se necassario, devono
essere corrette per eliminare gli errori sistematici dovuti agli autoconsumi degli strumenti,
come descritto nel Paragrafo 5.5. In particolare, a seconda dello schema utilizzato, tramite
la (5.71) o la (5.72), la (5.74) o la (5.75) e la (5.81), a partire dai valori misurati (P
M
, I
M
e V
M
), si ottengono i dati corretti, P
U
, I
U
, V
U
e cos (
U
).
La potenza attiva P
P
assorbita dal carico, tenendo conto della presenza dei trasforma-
tori di misura, quindi, facendo riferimento al diagramma vettoriale di Figura 9.20, risulta
P
P
= V
P
I
P
cos (
P
) =
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
k
TA,N
1 +

TA
100
I
U
cos (
U
+
TA

TV
) , (9.26)
dove k
TA,N
e k
TV,N
sono i rapporti di trasformazione nominali del TA e del TVI o del TVC,
mentre
TA
,
TA
,
TV
e
TV
sono, rispettivamente, gli errori di rapporto e gli errori di fase del
TA e del TVI o del TVC, determinati come descritto nel Paragrafo 9.8. Gli angoli ,
TA
e

TV
devono essere considerati con il proprio segno ( > 0 per carichi induttivi e < 0 per
Piero Malcovati, Misure Elettriche 251
9. Trasformatori di Misura
carichi capacitivi). In Figura 9.20, gli angoli sono positivi secondo le convenzioni vigenti.
Sviluppando il temine cos (
U
+
TA

TV
), si ottiene
P
P
=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
I
U
_
cos (
U
) cos (
TA

TV
) sin (
U
) sin (
TA

TV
)
_
, (9.27)
ovvero, considerando che cos (
TA

TV
) 1 e sin (
TA

TV
)
TA

TV
,
P
P
=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
I
U
cos (
U
)
_
1 tan (
U
) (
TA

TV
)
_
. (9.28)
Considerando che P
U
= V
U
I
U
cos (
U
), si ricava
P
P
=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
P
U
_
1 tan (
U
) (
TA

TV
)
_
. (9.29)
Analogamente, per la potenza reattiva Q
P
, si ottiene
Q
P
= V
P
I
P
sin (
P
) =
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
k
TA,N
1 +

TA
100
I
U
sin (
U
+
TA

TV
) . (9.30)
Sviluppando il temine sin (
U
+
TA

TV
), si ottiene
Q
P
=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
I
U
_
cos (
U
) sin (
TA

TV
) + sin (
U
) cos (
TA

TV
)
_
, (9.31)
ovvero, considerando che cos (
TA

TV
) 1 e sin (
TA

TV
)
TA

TV
,
Q
P
=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
I
U
sin (
U
)
_
1 + cot (
U
) (
TA

TV
)
_
. (9.32)
Considerando che Q
U
= V
U
I
U
sin (
U
) =
_
V
2
U
I
2
U
P
2
U
, si ricava
Q
P
=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
Q
U
_
1 + cot (
U
) (
TA

TV
)
_
. (9.33)
La potenza apparente S
P
risulta
S
P
=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
I
U
, (9.34)
mentre il fattore di potenza cos (
P
) ` e dato da
cos (
P
) = cos (
U
)
_
1 tan (
U
) (
TA

TV
)
_
. (9.35)
252 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.10. Misure di Potenza in Sistemi Monofase
Lincertezza che grava sulla misura di potenza attiva deve essere valutata come incer-
tezza composta, utilizzando la (1.39). In particolare, ricordando che tan (
U
) = Q
U
/P
U
,
si ottiene
u (P
P
) =
_

_
_
P
P
P
U
u (P
U
)
_
2
+
_
P
P
V
U
u (V
U
)
_
2
+
_
P
P
I
U
u (I
U
)
_
2
+
+
_
P
P

TA
u (
TA
)
_
2
+
_
P
P

TV
u (
TV
)
_
2
+
_
P
P

TA
u (
TA
)
_
2
+
+
_
P
P

TV
u (
TV
)
_
2
_

_
1
2
, (9.36)
dove

P
P
P
U

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
P
U
(
TA

TV
) + Q
U
Q
U
, (9.37)

P
P
V
U

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
I
2
U
(
TA

TV
)
Q
U
, (9.38)

P
P
I
U

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
V
2
U
I
U
(
TA

TV
)
Q
U
, (9.39)

P
P

TA

=
k
TA,N
100
_
1 +

TA
100
_
2
k
TV,N
1 +

TV
100
[P
U
Q
U
(
TA

TV
)] , (9.40)

P
P

TV

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
100
_
1 +

TV
100
_
2
[P
U
Q
U
(
TA

TV
)] , (9.41)

P
P

TA

P
P

TV

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
Q
U
=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
P
U
tan (
U
) . (9.42)
Lincertezza che grava sulla misura di potenza reattiva deve essere valutata come
incertezza composta, utilizzando la (1.39). In particolare, ricordando che cot (
U
) =
P
U
/Q
U
, si ottiene
u (Q
P
) =
_

_
_
Q
P
P
U
u (P
U
)
_
2
+
_
Q
P
V
U
u (V
U
)
_
2
+
_
Q
P
I
U
u (I
U
)
_
2
+
+
_
Q
P

TA
u (
TA
)
_
2
+
_
Q
P

TV
u (
TV
)
_
2
+
_
Q
P

TA
u (
TA
)
_
2
+
+
_
Q
P

TV
u (
TV
)
_
2
_

_
1
2
, (9.43)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 253
9. Trasformatori di Misura
dove

Q
P
P
U

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
P
U
Q
U
(
TA

TV
)
Q
U
, (9.44)

Q
P
V
U

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
I
2
U
(
TA

TV
)
Q
U
, (9.45)

Q
P
I
U

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
V
2
U
I
U
(
TA

TV
)
Q
U
, (9.46)

Q
P

TA

=
k
TA,N
100
_
1 +

TA
100
_
2
k
TV,N
1 +

TV
100
[P
U
(
TA

TV
) + Q
U
] , (9.47)

Q
P

TV

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
100
_
1 +

TV
100
_
2
[P
U
(
TA

TV
) + Q
U
] , (9.48)

Q
P

TA

Q
P

TV

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
P
U
=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
Q
U
cot (
U
) . (9.49)
Lincertezza che grava sulla misura di potenza apparente deve essere valutata come
incertezza composta, utilizzando la (1.39). In particolare, si ottiene
u (S
P
) =
_
_
S
P
V
U
u (V
U
)
_
2
+
_
S
P
I
U
u (I
U
)
_
2
+
_
S
P

TA
u (
TA
)
_
2
+
_
S
P

TV
u (
TV
)
_
2
, (9.50)
dove

S
P
V
U

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
I
U
, (9.51)

S
P
I
U

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
, (9.52)

S
P

TA

=
k
TA,N
100
_
1 +

TA
100
_
2
k
TV,N
1 +

TV
100
V
U
I
U
, (9.53)

S
P

TV

=
k
TA,N
1 +

TA
100
k
TV,N
100
_
1 +

TV
100
_
2
V
U
I
U
. (9.54)
254 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.10. Misure di Potenza in Sistemi Monofase
Lincertezza che grava sulla misura di fattore di potenza deve essere valutata come
incertezza composta, utilizzando la (1.39). In particolare, si ottiene
u
_
cos (
P
)
_
=
_

_
_
cos (
P
)
P
U
u (P
U
)
_
2
+
_
cos (
P
)
V
U
u (V
U
)
_
2
+
+
_
cos (
P
)
I
U
u (I
U
)
_
2
+
_
cos (
P
)

TA
u (
TA
)
_
2
+
+
_
cos (
P
)

TV
u (
TV
)
_
2
_

_
1
2
, (9.55)
dove

cos (
P
)
P
U

=
P
U
(
TA

TV
) + Q
U
V
U
I
U
Q
U
, (9.56)

cos (
P
)
V
U

=
P
2
U
(
TA

TV
) + P
U
Q
U
V
2
U
I
U
Q
U
, (9.57)

cos (
P
)
I
U

=
P
2
U
(
TA

TV
) + P
U
Q
U
V
U
I
2
U
Q
U
, (9.58)

cos (
P
)

TA

cos (
P
)

TV

=
Q
U
V
U
I
U
=
P
U
tan (
U
)
V
U
I
U
. (9.59)
I valori di u (P
U
), u (V
U
) e u (I
U
) sono dati, rispettivamente, dalla (5.64), dalla (5.5)
e dalla (5.13) per gli strumenti analogici, oppure dalla (8.17) per gli strumenti digita-
li, mentre i valori di u (
TA
), u (
TA
), u (
TV
) e u (
TV
) si determinano come descritto nel
Paragrafo 9.8.
Per determinare le incertezze estese U (P
P
), U (Q
P
), U (S
P
) e U
_
cos (
P
)
_
, si ricorre
poi alla (1.49), scegliendo opportunamente il livello di condenza e il fattore di copertura.
I risultati della misurazione saranno, quindi,
P = P
P
U (P
P
) , (9.60)
Q = Q
P
U (Q
P
) , (9.61)
S = S
P
U (S
P
) , (9.62)
cos () = cos (
P
) U
_
cos (
P
)
_
, (9.63)
dove P
P
, Q
P
, S
P
e cos (
P
) sono dati, rispettivamente, dalla (9.29), dalla (9.33), dal-
la (9.34) e dalla (9.35). Per determinare il numero di cifre signicative da utilizzare
nellespressione del risultato, occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 255
9. Trasformatori di Misura
Nel caso in cui venga richiesta una misura di potenza in funzione della tensione (nor-
malmente in media o alta tensione non vengono eettuate misure in funzione della cor-
rente), si utilizza comunque lo schema di Figura 9.19. Le espressioni della potenza attiva,
della potenza reattiva e della potenza apparente, per` o, diventano
P
R
=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
P
U
_
1 tan (
U
) (
TA

TV
)
_
_
V
R
V
U
_
2
, (9.64)
Q
R
=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
Q
U
_
1 + cot (
U
) (
TA

TV
)
_
_
V
R
V
U
_
2
, (9.65)
S
R
=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
I
U
V
U
V
2
R
. (9.66)
Per il fattore di potenza, invece, rimane valida la (9.35).
Lincertezza che grava sulla misura di potenza attiva in funzione della tensione deve
essere valutata come incertezza composta, utilizzando la (1.39). In particolare, ricordando
che tan (
U
) = Q
U
/P
U
, si ottiene
u (P
R
) =
_

_
_
P
R
P
U
u (P
U
)
_
2
+
_
P
R
V
U
u (V
U
)
_
2
+
_
P
R
I
U
u (I
U
)
_
2
+
+
_
P
R

TA
u (
TA
)
_
2
+
_
P
R

TV
u (
TV
)
_
2
+
_
P
R

TA
u (
TA
)
_
2
+
+
_
P
R

TV
u (
TV
)
_
2
_

_
1
2
, (9.67)
dove

P
R
P
U

=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
P
U
(
TA

TV
) + Q
U
Q
U
_
V
R
V
U
_
2
, (9.68)

P
R
V
U

=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
2P
U
Q
U

_
2Q
2
U
V
2
U
I
2
U
_
(
TA

TV
)
V
U
Q
U
_
V
R
V
U
_
2
, (9.69)

P
R
I
U

=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
I
U
(
TA

TV
)
Q
U
V
2
R
, (9.70)

P
R

TA

=
k
TA,N
(100 +
TA
)
2
100 +
TV
k
TV,N
[P
U
Q
U
(
TA

TV
)]
_
V
R
V
U
_
2
, (9.71)

P
R

TV

=
k
TA,N
100 +
TA
P
U
Q
U
(
TA

TV
)
k
TV,N
_
V
R
V
U
_
2
, (9.72)
256 Piero Malcovati, Misure Elettriche
9.10. Misure di Potenza in Sistemi Monofase

P
R

TA

P
R

TV

=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
Q
U
_
V
R
V
U
_
2
=
=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
P
U
tan (
U
)
_
V
R
V
U
_
2
. (9.73)
Lincertezza che grava sulla misura di potenza reattiva in funzione della tensione deve
essere valutata come incertezza composta, utilizzando la (1.39). In particolare, ricordando
che cot (
U
) = P
U
/Q
U
, si ottiene
u (Q
R
) =
_

_
_
Q
R
P
U
u (P
U
)
_
2
+
_
Q
R
V
U
u (V
U
)
_
2
+
_
Q
R
I
U
u (I
U
)
_
2
+
+
_
Q
R

TA
u (
TA
)
_
2
+
_
Q
R

TV
u (
TV
)
_
2
+
_
Q
R

TA
u (
TA
)
_
2
+
+
_
Q
R

TV
u (
TV
)
_
2
_

_
1
2
, (9.74)
dove

Q
R
P
U

=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
P
U
Q
U
(
TA

TV
)
Q
U
_
V
R
V
U
_
2
, (9.75)

Q
R
V
U

=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
2Q
2
U
V
2
U
I
2
U
+ 2P
U
Q
U
(
TA

TV
)
V
U
Q
U
_
V
R
V
U
_
2
, (9.76)

Q
R
I
U

=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
I
U
Q
U
V
2
R
, (9.77)

Q
R

TA

=
k
TA,N
(100 +
TA
)
2
100 +
TV
k
TV,N
[P
U
(
TA

TV
) + Q
U
]
_
V
R
V
U
_
2
, (9.78)

Q
R

TV

=
k
TA,N
100 +
TA
P
U
(
TA

TV
) + Q
U
k
TV,N
_
V
R
V
U
_
2
, (9.79)

Q
R

TA

Q
R

TV

=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
P
U
_
V
R
V
U
_
2
=
=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
Q
U
cot (
U
)
_
V
R
V
U
_
2
. (9.80)
Lincertezza che grava sulla misura di potenza apparente in funzione della tensione
deve essere valutata come incertezza composta, utilizzando la (1.39). In particolare, si
ottiene
u (S
R
) =
_
_
S
R
V
U
u (V
U
)
_
2
+
_
S
R
I
U
u (I
U
)
_
2
+
_
S
R

TA
u (
TA
)
_
2
+
_
S
R

TV
u (
TV
)
_
2
, (9.81)
Piero Malcovati, Misure Elettriche 257
9. Trasformatori di Misura
dove

S
R
V
U

=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
I
U
_
V
R
V
U
_
2
, (9.82)

S
R
I
U

=
k
TA,N
100 +
TA
100 +
TV
k
TV,N
V
2
R
V
U
, (9.83)

S
R

TA

=
k
TA,N
(100 +
TA
)
2
100 +
TV
k
TV,N
I
U
V
U
V
2
R
, (9.84)

S
R

TV

=
k
TA,N
(100 +
TA
)
2
I
U
k
TV,N
V
U
V
2
R
. (9.85)
I valori di u (P
U
), u (V
U
) e u (I
U
) sono dati, rispettivamente, dalla (5.64), dalla (5.5)
e dalla (5.13) per gli strumenti analogici, oppure dalla (8.17) per gli strumenti digita-
li, mentre i valori di u (
TA
), u (
TA
), u (
TV
) e u (
TV
) si determinano come descritto nel
Paragrafo 9.8.
Per determinare le incertezze estese U (P
R
), U (Q
R
) e U (S
R
), si ricorre poi alla (1.49),
scegliendo opportunamente il livello di condenza e il fattore di copertura. I risultati della
misurazione saranno, quindi,
P = P
R
U (P
R
) , (9.86)
Q = Q
R
U (Q
R
) , (9.87)
S = S
R
U (S
R
) . (9.88)
dove P
R
, Q
R
e S
R
sono dati, rispettivamente, dalla (9.64), dalla (9.65) e dalla (9.66). Per
determinare il numero di cifre signicative da utilizzare nellespressione del risultato,
occorre seguire le regole riportate nel Paragrafo 1.5.5.
Nel caso di misure di potenza in sistemi polifase, si procede in modo analogo, esten-
dendo lo schema di Figura 9.19, per realizzare le inserzioni descritte nel Paragrafo 5.6.
258 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Capitolo 10
Oscilloscopi
10.1 Generalit` a
Loscilloscopio ` e uno strumento comunemente utilizzato per lanalisi di segnali variabili
nel tempo. In genere, il segnale misurato ` e una tensione, anche se, introducendo conver-
titori o trasduttori, ` e possibile analizzare ogni genere di grandezza. Gli oscilloscopi sono
di diversi tipi, a seconda della misura da eseguire, della frequenza e dellampiezza del
segnale da misurare. Inoltre, un segnale variabile nel tempo pu` o essere analizzato in tem-
po reale (oscilloscopio tradizionale) o memorizzato per essere ripreso successivamente
(oscilloscopio a memoria). Gli oscilloscopi possono essere analogici o digitali. Al giorno
doggi, grazie al progresso delle tecnologie integrate, gli oscilloscopi analogici per appli-
cazioni generiche, sono stati quasi completamente soppiantati dagli oscilloscopi digitali,
come ` e del resto accaduto in molti altri casi (per esempio i multimetri o gli analizzatori di
armoniche). La tecnologia digitale, infatti, ore prestazioni e funzioni indiscutibilmen-
te superiori a parit` a di costo. Tuttavia, ` e utile considerare inizialmente loscilloscopio
analogico, per comprenderne il funzionamento ed evidenziare aspetti che, con luso di
strumenti digitali, si tende a trascurare.
Lo schema a blocchi semplicato di un oscilloscopio analogico tradizionale ` e illustra-
to in Figura 10.1. Esso ` e costituito sostanzialmente da un CRT e dai circuiti necessari per
pilotarlo. Nel CRT, un fascio di elettroni traccia una curva luminosa su uno schermo, se-
guendo landamento delle coordinate X e Y fornite, sotto forma di tensione, ai morsetti di
ingresso del CRT stesso. Tramite un interruttore, ` e possibile selezionare se rappresentare
il segnale V
Y
in funzione di un altro segnale V
X
o in funzione del tempo.
Nel caso venga rappresentato il segnale V
Y
in funzione del tempo, un opportuno cir-
cuito, detto base dei tempi, genera un segnale di tensione a dente di sega V
dX
= kt, che
scandisce il CRT in direzione X. Il segnale da misurare V
Y
, invece, viene elaborato in mo-
do da ottenere una tensione V
dY
= k
Y
V
Y
, tale da deettere il fascio elettronico in direzione
Y. Sul CRT viene, quindi, rappresentata levoluzione del segnale V
Y
durante lintervallo
di tempo denito da V
dX
, come illustrato in Figura 10.2. Un opportuno segnale, detto
trigger, permette di sincronizzare la scansione verticale con quella orizzontale, in modo
Piero Malcovati, Misure Elettriche 259
10. Oscilloscopi
Canale Y V
Y
Base dei
Tempi
Canale X
V
X
CRT
Y
X
V
dY
V
dX
Figura 10.1: Schema a blocchi semplicato di un oscilloscopio analogico tradizionale
da mostrare sullo schermo un forma donda stabile (qualora, ovviamente, il segnale sia
periodico).
Nel caso in cui venga rappresentato il segnale V
Y
in funzione di un altro segnale ester-
no V
X
(modalit` a XY), si utilizza una tensione V
dX
= k
X
V
X
, invece del segnale generato
dalla base dei tempi, in modo da produrre unopportuna deessione del fascio elettro-
nico in direzione X. In questo caso, quindi, sul CRT, viene rappresentata levoluzione
del segnale V
Y
in funzione del segnale V
X
, senza alcuna informazione temporale, come
mostrato in Figura 10.3.
10.2 Tubo a Raggi Catodici
Lelemento base di un oscilloscopio per uso generale analogico o digitale ` e il CRT. In
un oscilloscopio analogico, infatti, il CRT permette di rappresentare visivamente lan-
damento di un segnale nel dominio del tempo o in funzione di un altro segnale. In un
oscilloscopio digitale, invece, esso ` e utilizzato come monitor (anche se in realt` a in que-
sto caso ` e possibile utilizzare anche display di altro tipo, come per esempio dispositivi a
cristalli liquidi).
Come illustrato in Figura 10.4, un CRT ` e costituito da un cannone elettronico, compo-
sto a sua volta da un catodo e da una serie di griglie o lenti, dalle placchette di deessione
e da uno schermo, su cui viene visualizzata la forma donda.
10.2.1 Cannone Elettronico
Allinterno del cannone elettronico, il fascio di elettroni viene generato e focalizzato. Gli
elettroni, infatti, si comportano, sotto molti aspetti, in modo simile a un raggio luminoso,
260 Piero Malcovati, Misure Elettriche
10.2. Tubo a Raggi Catodici
Y Segnale da Analizzare
X Base dei Tempi
a
b
b
a
CRT
Figura 10.2: Principio di funzionamento delloscilloscopio con base dei tempi
Piero Malcovati, Misure Elettriche 261
10. Oscilloscopi
Y Segnale da Analizzare
X Segnale da Analizzare
CRT
Figura 10.3: Principio di funzionamento delloscilloscopio in modalit` a XY
262 Piero Malcovati, Misure Elettriche
10.2. Tubo a Raggi Catodici
F
i
l
a
m
e
n
t
o
Catodo
Crossover
Luminosit
Griglia di Controllo
Primo Anodo Anodo Focalizzatore
Secondo Anodo
Fuoco Astigmatismo
Placchette di Deflessione Y
Placchette di
Deflessione X
S
c
h
e
r
m
o
Simmetria Cilindrica
0 0 V
V
A
(V
A
+ V
G
)
Figura 10.4: Tubo a raggi catodici (CRT)
in quanto essi possono essere rifratti, riessi e focalizzati tramite lenti. Le lenti elettroni-
che, per` o, a dierenza di quelle ottiche, sono costituite da campi elettrici opportunamente
sagomati, invece che da materiali con propriet` a ottiche diverse.
Gli elettroni, emessi per eetto termoionico dal catodo (a potenziale V
A
), riscaldato
da un apposito lamento, vengono accelerati verso il primo anodo (a potenziale 0) dalla
dierenza di potenziale V
A
. La griglia di controllo a potenziale (V
A
+ V
G
), posta tra
il catodo e il primo anodo, determina il numero di elettroni che costituiscono il fascio,
permettendo cos` di controllare la luminosit` a dello schermo (Luminosit ` a). La dimensione
del foro, denominato crossover, nella griglia di controllo, invece, determina la dimensione
geometrica del punto luminoso sullo schermo.
Lanodo focalizzatore (a potenziale V) ha la funzione di concentrare il fascio di
elettroni, mentre il secondo anodo (a potenziale 0) introduce unulteriore accelerazione.
Il controllo del fuoco (Fuoco) viene normalmente posto sul secondo anodo, in modo
da non interferire con lazione dellanodo focalizzatore. Il controllo dellastigmatismo
(Astigmatismo), normalmente non accessibile, ` e, invece, connesso a un ulteriore anodo.
La griglia di controllo, oltre a determinare la luminosit` a dello schermo, pu` o anche
essere utilizzata, tramite opportuni circuiti (detti circuiti dellasse Z), per bloccare il fa-
scio di elettroni tra una scansione dello schermo e la successiva (Figura 10.5a). Alter-
nativamente, questa stessa funzione pu` o essere realizzata tramite opportune placchette di
spegnimento, che deviano il fascio al di fuori dello schermo (Figura 10.5b).
Piero Malcovati, Misure Elettriche 263
10. Oscilloscopi
F
i
l
a
m
e
n
t
o
Catodo
Griglia di Controllo
Primo Anodo
Circuiti
Asse Z
Dalla Base dei Tempi
Luminosit
Impulso di Sblocco
Livello di Interdizione
S
c
h
e
r
m
o
Placchette di Spegnimento
Fascio Deviato
(a)
(b)
Figura 10.5: Interdizione del fascio elettronico tra una scansione e laltra dello schermo
tramite griglia di controllo (a) o placchette di spegnimento (b)
10.2.2 Placchette di Deessione
Il fascio di elettroni, generato e focalizzato dal cannone elettronico, deve poi essere indi-
rizzato verso le coordinate desiderate sullo schermo. Questa funzione viene svolta dalle
placchette di deessione (X e Y). Negli oscilloscopi, in genere, si utilizza la deessio-
ne elettrostatica, realizzata tramite placchette parallele, a cui ` e applicata una dierenza
di potenziale. Ovviamente, si potrebbe ottenere lo stesso risultato anche utilizzando due
coppie di bobine (deessione magnetica), come nei televisori. La deessione magnetica
risulta molto pi ` u eciente della deessione elettrostatica, ma meno precisa. Pertanto, a
pari dimensione dello schermo, i CRT basati sulla deessione magnetica hanno lunghezza
inferiore rispetto a quelli basati sulla deessione elettrostatica, ma la posizione del fascio
sullo schermo stesso risulta controllabile con accuratezza nettamente inferiore.
10.2.3 Schermo
Lo schermo di un CRT ` e costituito da una lastra di vetro (in genere il tubo a vuoto stesso),
sulla cui parete interna vengono depositate sostanze (fosfori) che, colpite dagli elettroni,
emettono radiazioni luminose visibili. Lenergia degli elettroni incidenti, infatti, in parte
viene dissipata sotto forma di calore, in parte ionizza il materiale e in parte eccita il mate-
riale, provocando unemissione luminosa per un certo periodo di tempo, come illustrato
in Figura 10.6. Lemissione luminosa in presenza di uno stimolo, ovvero quando ` e pre-
sente il fascio elettronico, prende il nome di uorescenza, mentre lemissione luminosa in
264 Piero Malcovati, Misure Elettriche
10.3. Base dei Tempi
Tempo di Formazione Tempo di Decadimento
Fluorescenza Fosforescenza
Uscita Luminosa Complessiva
t
L
u
m
i
n
o
s
i
t

100%
90%
10%
Corrente del Fascio
Figura 10.6: Comportamento dello schermo colpito dal fascio di elettroni
assenza di stimoli, ovvero quando non ` e pi ` u presente il fascio elettronico, prende il nome
di fosforescenza.
10.3 Base dei Tempi
Lo schema a blocchi della base dei tempi ` e illustrato in Figura 10.7. Il blocco pi ` u impor-
tante ` e, ovviamente, il generatore di rampa, regolabile tramite il controllo Time/Division,
che genera il segnale per il canale orizzontale (X), mentre gli altri blocchi servono per
controllare e selezionare le diverse modalit` a di funzionamento. Il circuito di prelievo ` e
in realt` a parte del canale verticale (Y). Nella base dei tempi esistono tipicamente tre mo-
dalit` a di funzionamento (triggered, auto e single-sweep), che possono essere selezionate
tramite il selettore di sweep mode.
10.3.1 Modalit` a Triggered
La modalit` a di funzionamento triggered viene, in genere, utilizzata per visualizzare segna-
li periodici. La base dei tempi, infatti, viene avviata da un opportuno segnale di trigger,
sincrono col segnale da visualizzare (V
Y
), permettendo cos` di ottenere sullo schermo una
traccia stabile. Tramite un selettore (selettore di trigger), ` e possibile scegliere se prele-
vare il segnale di trigger dal segnale V
Y
(INT), da un segnale esterno (EXT) oppure dalla
tensione di linea (LINE, per esempio 220 V, 50 Hz).
Piero Malcovati, Misure Elettriche 265
10. Oscilloscopi
Circuito di
Prelievo
Segnale di Ingresso (V
Y
)
Canale Y
EXT
INT
LINE
220 V 10 V
Generatore
di Trigger
Level
Slope
(+/)
Circuito
Auto
Generatore
di Gate
Circuito di
Ripristino
Auto / Trigger / Single
Selettore di Trigger
Selettore di Sweep Mode
Generatore
di Rampa
Circuito di
Hold-Off
Canale X
Time / Division Circuiti Asse Z
1 4
5
6
7
8
9
2 3
Figura 10.7: Schema a blocchi della base dei tempi
In questa modalit` a di funzionamento il circuito auto ` e disabilitato, mentre il genera-
tore di trigger fornisce in uscita un impulso ogni qual volta il segnale selezionato (INT,
EXT o LINE) attraversa una determinata soglia (Level) con una determinata pendenza
(Slope), come mostrato in Figura 10.8 (segnali 1 e 2). Il segnale ottenuto dal generatore
di trigger viene fornito in ingresso al generatore di gate, che ` e costituito da un circuito
bistabile (stati A e B), con uno terzo stato C metastabile, indotto dal segnale generato
dal circuito di ripristino (segnale 7). Quando nel segnale di trigger (segnale 2) compare
un impulso negativo, tale da portare la tensione in ingresso al generatore di gate al di
sotto della tensione di soglia V
1
(segnale 3), il circuito bistabile commuta dallo stato A
allo stato B, avviando cos` il generatore di rampa (segnali 4 e 5). Il segnale in uscita dal
generatore di gate viene fornito in ingresso ai circuiti dellasse Z, in modo da sbloccare
il fascio elettronico, mentre il segnale in uscita dal generatore di rampa viene fornito in
ingresso al canale orizzontale (X) e allo stesso tempo al circuito di hold-o, che a sua
volta fornisce in uscita una rampa con pendenza diversa (segnale 6). Questa rampa rap-
presenta il segnale di ingresso al circuito di ripristino, che ` e normalmente costituito da
un comparatore con isteresi, con soglie V
S
e V
R
. Quando la rampa raggiunge la tensione
V
S
, luscita del circuito di ripristino cambia di stato (segnale 7), portando il generatore di
gate nello stato C. Luscita del generatore di gate, quindi, cambia stato e il generatore di
rampa viene azzerato (segnali 3, 4 e 5). Mentre il generatore di gate si trova negli stati
B e C, gli impulsi di trigger, eventualmente sopravvenuti, vengono ignorati. A questo
punto, la rampa in uscita dal circuito di hold-o inizia a scendere (segnale 6). Quando
essa raggiunge la tensione V
R
, il circuito di ripristino cambia nuovamente stato (segnale
266 Piero Malcovati, Misure Elettriche
10.3. Base dei Tempi
Level Slope
V
1
V
2
Stato A
Stato B
Stato C
1
0
1
0
V
S
V
R
0
1
0
1
2
3
4
5
6
7
8
Stato A
Figura 10.8: Forme donda della base dei tempi in modalit` a di funzionamento triggered
Piero Malcovati, Misure Elettriche 267
10. Oscilloscopi
Generatore
di Trigger
Level Slope (+/)
Generatore
di Gate
Circuito di
Ripristino
2 3
7
9
Monostabile
T = 25 ms
8
S
1 1
0
25 ms
Circuito Auto
Figura 10.9: Schema a blocchi semplicato della base dei tempi in modalit` a auto
7), riportando cos` il generatore di gate nello stato iniziale A. Conseguentemente, quando
compare il successivo impulso nel segnale di trigger, il ciclo ricomincia, provocando una
nuova scansione orizzontale dello schermo. Nella modalit` a di funzionamento triggered,
quindi, la base dei tempi si comporta come un circuito monostabile.
10.3.2 Modalit` a Auto
La modalit` a di funzionamento auto ovvia agli inconvenienti che presenta la modalit` a di
funzionamento triggered quando il segnale di trigger ` e assente o molto lento (in genere
per frequenze inferiori a 40 Hz). In questa modalit` a di funzionamento il circuito auto ` e
attivo, come mostrato in Figura 10.9. Esso riceve in ingresso un impulso generato dal
circuito di ripristino (segnale 8 in Figura 10.8), nonch e il segnale di uscita del generatore
di trigger (segnale 2 in Figura 10.8). Qualora non compaia alcun impulso di trigger per
un determinato tempo (generalmente 25 ms, ssato da un circuito monostabile), limpul-
so generato dal circuito di ripristino viene direttamente fornito in ingresso al generatore
di gate, attraverso un interruttore (segnale 9). Pertanto, una volta terminato un ciclo di
funzionamento della base dei tempi (rampa e hold-o), inizia automaticamente un nuovo
ciclo, provocando cos` una continua scansione dello schermo. Il primo impulso al ge-
neratore di gate viene fornito manualmente quando si seleziona la modalit` a auto. Nella
modalit` a di funzionamento auto, quindi, la base dei tempi si comporta come un circuito
astabile.
10.3.3 Modalit` a Single-Sweep
La modalit` a di funzionamento single-sweep viene in genere utilizzata per visualizzare
segnali non periodici. In questo caso, infatti, in modalit` a triggered o auto si otterrebbe
una traccia non stabile sullo schermo. In modalit` a single-sweep, pertanto, vengono inibiti
tutti gli impulsi di trigger successivi al primo, provocando una singola scansione dello
schermo. Questo viene ottenuto inibendo il cambiamento di stato del segnale in uscita al
268 Piero Malcovati, Misure Elettriche
10.4. Canale Verticale (Y)
Attenuatore
Y
V
Y
AC
GND
DC
Selettore di Ingresso
V / Division Coarse
K
1
Amplificatore
Y
K
2
V
1
CRT
V
2
a
K
3
V / Division Fine
Posizione Polarit
Base dei Tempi
Figura 10.10: Schema a blocchi del canale verticale (Y)
circuito di ripristino (segnale 7 in Figura 10.8) quando la rampa in uscita dal circuito di
hold-o (segnale 6 in Figura 10.8) scende al di sotto della tensione V
R
. Il generatore di
gate, quindi, dopo la prima scansione rimane nello stato C nch e lutente non decide di
eettuare un nuova scansione.
10.4 Canale Verticale (Y)
La funzione principale del canale verticale (Y) ` e di portare il segnale dingresso al livello
di tensione necessario a deettere opportunamente il fascio elettronico. Lo schema a bloc-
chi del canale verticale (Y) ` e mostrato in Figura 10.10. Esso ` e sostanzialmente costituito
da un selettore di ingresso, che determina il tipo di accoppiamento (AC, DC o GND), e
da una catena di attenuatori e amplicatori, il cui guadagno ` e determinato dal controllo
V/Division. Lampiezza a della traccia visualizzata sullo schermo (numero di divisioni)
risulta data da
a = K
1
K
2
K
3
V
Y
, (10.1)
dove K
1
, K
2
e K
3
rappresentano il guadagno (o lattenuazione) dei diversi blocchi della
catena. Variando uno qualsiasi di questi parametri (in genere K
1
a scatti a K
2
in modo
ne), ` e quindi possibile variare lampiezza della traccia.
Laccoppiamento GND permette di connette lingresso Y a massa, in modo da de-
terminare lo zero del segnale. Tramite il controllo Posizione, ` e poi possibile aggiustare
verticalmente il livello di zero in modo da porre la forma donda da visualizzare al centro
dello schermo. Il controllo Polarit` a permette di invertire la polarit` a del segnale. Laccop-
piamento AC permette di eliminare la componente in continua del segnale da visualizza-
re, che ` e invece presente con laccoppiamento DC. Esso viene tipicamente utilizzato per
visualizzare segnali di ampiezza ridotta sovrapposti a tensioni continue di elevato valore.
Nel canale verticale (Y) ` e, in genere, presente un linea di ritardo. Essa ` e necessaria in
tutti gli oscilloscopi con banda superiore a 10 MHz per equalizzare i ritardi del canale X e
del canale Y, permettendo cos` di visualizzare il fronte di attacco del segnale. Infatti, se il
Piero Malcovati, Misure Elettriche 269
10. Oscilloscopi
V / Division Fine
Attenuatore
X
Preamplificatore
X
Amplificatore
Finale X
P
l
a
c
c
h
e
t
t
e

d
i

D
e
f
l
e
s
s
i
o
n
e
Posizione Polarit
Beam Finder
V / Division Coarse
V
X
Base dei
Tempi
Horizontal Display
Figura 10.11: Schema a blocchi del canale orizzontale (X)
ritardo del canale X fosse superiore al ritardo del canale Y, il fronte di attacco del segnale
non verrebbe visualizzato, con conseguente perdita di informazione.
10.5 Canale Orizzontale (X)
Lo schema a blocchi del canale orizzontale (X) ` e illustrato in Figura 10.11. Esso ` e co-
stituito da un attenuatore, da un preamplicatore e da un amplicatore nale. Tramite
un selettore (controllo Horizontal Display), la rampa generata dalla base dei tempi viene
connessa allamplicatore nale, in alternativa al segnale fornito dal preamplicatore. I
controlli del canale X (V/Division, Posizione e Polarit` a) sono analoghi a quelli del canale
Y e vengono utilizzati solo in modalit` a XY.
10.6 Oscilloscopio a Doppia Traccia
Nellanalisi dei segnali nel dominio del tempo, ` e spesso importante poter visualizzare due
forme donda contemporaneamente (per esempio i segnali dingresso e di uscita di un
circuito). Quasi tutti gli oscilloscopi, pertanto, prevedono questa possibilit` a (oscilloscopi
a doppia traccia). Per realizzare oscilloscopi a doppia traccia, si utilizzano in genere solu-
zioni basate su circuiti di commutazione. Lo schema a blocchi del canale verticale (Y) di
un oscilloscopio a doppia traccia con circuiti di commutazione ` e illustrato in Figura 10.12.
La struttura del circuito ` e analoga a quella di un oscilloscopio a singola traccia. Tutta-
via, i primi stadi del canale Y (selettore, attenuatore e preamplicatore) vengono duplicati
per poter prelevare i due segnale dingresso (V
Y,A
e V
Y,B
). I segnali in uscita dai due pream-
plicatori vengono poi combinati tramite un circuito di commutazione e forniti in ingresso
a una singola linea di ritardo e, quindi, a un singolo amplicatore nale. Il controllo Se-
lettore Trigger permette di selezionare il segnale di trigger da inviare alla base dei tempi
270 Piero Malcovati, Misure Elettriche
10.6. Oscilloscopio a Doppia Traccia
Selettore
di
Ingresso
Selettore
di
Ingresso
Attenuatore
A
Preamplificatore
A
V
Y, A
Attenuatore
B
Preamplificatore
B
V
Y, B
Circuito di Commutazione
Linea di
Ritardo
Amplificatore
Finale Y
P
l
a
c
c
h
e
t
t
e

d
i

D
e
f
l
e
s
s
i
o
n
e
Circuito
Pilota
Base dei Tempi (ALT) Circuiti Asse Z (CHOP)
Amplificatore
di Trigger
A
A + B
B
B
a
s
e

d
e
i

T
e
m
p
i
Selettore Trigger
V / Division A Posizione A Polarit A
V / Division B Posizione B Polarit B
Mode
A
B
ALT
CHOP
A + B
TA
Figura 10.12: Schema a blocchi del canale verticale (Y) di un oscilloscopio a doppia
traccia
Piero Malcovati, Misure Elettriche 271
10. Oscilloscopi
(A, B o A + B). Inoltre, un apposito circuito pilota gestisce la commutazione tra i segnali.
Agendo sul circuito pilota tramite il controllo Mode ` e possibile selezionare se visualizzare
il segnale V
Y,A
(modalit` a A), il segnale V
Y,B
(modalit` a B), la somma dei due segnali (mo-
dalit` a A + B) oppure entrambi i segnali utilizzando alternativamente la modalit` a alternate
(modalit` a ALT, normalmente utilizzata per frequenze superiori a 30 kHz) o la modalit` a
chopped (modalit` a CHOP, normalmente utilizzata per frequenze inferiori a 500 Hz).
`
E
possibile anche visualizzare la dierenza dei due segnali, invertendo il segnale V
Y,A
o il
segnale V
Y,B
tramite il controllo Polarit` a e selezionando la modalit` a A + B.
10.6.1 Modalit` a Alternate
In modalit` a alternate i segnali V
Y,A
e V
Y,B
vengono visualizzati alternativamente sullo
schermo in scansioni successive (durante una scansione dello schermo viene visualiz-
zato il segnale V
Y,A
e durante la scansione seguente il segnale V
Y,B
), come mostrato in
Figura 10.13.
Se i segnali sono correlati in frequenza, ` e suciente prelevate il segnale di trigger
indierentemente dal canale A o dal canale B. Se i segnali non sono correlati in frequen-
za, invece, ` e necessario prelevare il trigger dal segnale da visualizzare (A + B, come in
Figura 10.13).
In modalit` a alternate ` e comunque possibile ottenere forme donda stabili sullo scher-
mo anche in presenza di segnali scorrelati in frequenza. Un apposito segnale (TA), fornito
dalla base dei tempi provoca la commutazione del circuito dal canale A al canale B o
viceversa (tramite il circuito pilota).
10.6.2 Modalit` a Chopped
In modalit` a chopped i segnali V
Y,A
e V
Y,B
vengono visualizzati alternativamente sullo
schermo durante la medesima scansione, come mostrato in Figura 10.14. Ovviamente,
in questo caso, per avere una traccia stabile, i due segnali devono essere correlati in fre-
quenza. Inoltre, la frequenza di commutazione tra un segnale e laltro (determinata dal
circuito pilota, normalmente circa 1 MHz) deve essere molto superiore alla frequenza dei
segnali stessi. La modalit` a chopped, quindi, viene generalmente utilizzata per segnali
lenti.
Per evitare che i transitori di commutazione tra un segnale e laltro appaiano sullo
schermo, occorre inviare appositi impulsi ai circuiti dellasse Z (oltre al segnale di gate),
in modo da bloccare il fascio elettronico in corrispondenza delle commutazioni. Il segnale
Chopper viene generato dal circuito pilota.
10.7 Oscilloscopio Digitale
Il principio di funzionamento di un oscilloscopio digitale non dierisce di molto da quel-
lo di un oscilloscopio analogico (i controlli sono gli stessi, come pure i blocchi base).
272 Piero Malcovati, Misure Elettriche
10.7. Oscilloscopio Digitale
t
t
t
t
t
t
V
Y
,

A
V
Y
,

B
T
r
i
g
g
e
r
R
a
m
p
a
G
a
t
e
T
A
Figura 10.13: Principio di funzionamento delloscilloscopio a doppia traccia in
modalit ` a alternate
Piero Malcovati, Misure Elettriche 273
10. Oscilloscopi
t
t
t
t
t
V
Y
,

A
V
Y
,

B
C
h
o
p
p
e
r
R
a
m
p
a
A
s
s
e

Z
Figura 10.14: Principio di funzionamento delloscilloscopio a doppia traccia in
modalit ` a chopped
274 Piero Malcovati, Misure Elettriche
10.7. Oscilloscopio Digitale
V
Y
Circuito di
Ingresso
Convertitore
A/D
Memoria Microprocessore
Convertitori
D/A X e Y
Amplificatori
Finali X e Y
Schermo
Clock
Base dei
Tempi
Time / Division
Volt / Division
Ricostruzione e
Elaborazione
Interfaccia
Utente
f
S
Figura 10.15: Schema a blocchi semplicato di un oscilloscopio digitale
Tuttavia, le architetture interne nei due casi sono sostanzialmente diverse. Lo schema a
blocchi semplicato di un oscilloscopio digitale ` e illustrato in Figura 10.15. Esso ` e co-
stituito fondamentalmente da un circuito di ingresso (come nelloscilloscopio analogico),
da un convertitore A/D, da un microprocessore, da una memoria e dallo schermo (con i
relativi convertitori D/A e amplicatori nali).
Il segnale da analizzare viene convertito in forma digitale, memorizzato, elaborato dal
microprocessore ed inne visualizzato sullo schermo. I vantaggi di un oscilloscopio di-
gitale sono innumerevoli. Innanzitutto, grazie alla possibilit` a di memorizzare il segnale,
` e possibile visualizzare chiaramente anche forme donda non periodiche o molto lente.
Inoltre, lelaborazione digitale del segnale permette di includere nelloscilloscopio nu-
merose funzioni di misura (cursori sullo schermo, misure di frequenza, trasformata di
Fourier, operazioni matematiche, zoom), tipicamente non disponibili in oscilloscopi ana-
logici. Inne, siccome lo schermo ` e gestito direttamente dal microprocessore, ` e possibile
realizzare facilmente oscilloscopi con numerosi canali (tipicamente quattro).
La conversione A/D del segnale da analizzare, discussa nel Capitolo 7, ` e la carat-
teristica peculiare di un oscilloscopio digitale. La precisione (risoluzione) e la velocit` a
(frequenza di campionamento) del convertitore A/D, infatti, determinano le prestazioni
dellintero oscilloscopio. La banda passante B
S
di un oscilloscopio digitale risulta, in ba-
se al teorema si Shannon (Paragrafo 7.2), limitata dal massimo valore della frequenza di
Piero Malcovati, Misure Elettriche 275
10. Oscilloscopi
Convertitore
A/D
Convertitore
A/D
Convertitore
A/D
V
in
1
2
n
Unit di
Controllo
Multiplexer N
out
Figura 10.16: Convertitore A/D per oscilloscopi a larga banda
campionamento f
S
(B
S
= f
S
/2). Il segnale minimo rivelabile da un oscilloscopio digitale
` e legato alla risoluzione del convertitore A/D (Paragrafo 7.3).
In oscilloscopi a larga banda, per soddisfare il teorema di Shannon, vengono in genere
utilizzati n convertitori A/D in parallelo (time-interleaved), che campionano il segnale in
n istanti successivi, come illustrato in Figura 10.16. Gli n segnali digitali cos` ottenuti
vengono poi ricombinati in modo da produrre un unico segnale campionato a frequenza
pi ` u alta. Per gli oscilloscopi digitali vengono in genere utilizzati convertitori A/D ash
(Paragrafo 7.5.5) o pipeline (Paragrafo 7.5.6). La frequenza di campionamento pu` o essere
anche dellordine dei gigahertz.
Quando si utilizzano oscilloscopi digitali, occorre prestare particolare attenzione al
valore della frequenza di campionamento, che viene normalmente selezionata automati-
camente dallo strumento in base al valore scelto con il controllo Time/Division. Qualora
si utilizzi una valore di f
S
troppo basso rispetto alla frequenza dei segnali da analizzare,
sullo schermo vengono visualizzati segnali a frequenza diversa da quella reale, a causa
del fenomeno dellaliasing (Paragrafo 7.2). Per visualizzare segnali periodici a frequenza
molto elevata (superiore alla massima frequenza di campionamento disponibile), si pos-
sono utilizzare tecniche di sotto-campionamento oppure di campionamento casuale, che
sfruttano, in modo controllato, il fenomeno dellaliasing.
276 Piero Malcovati, Misure Elettriche
10.8. Probe
C
1
11.1 pF
R
1
9 M
C
comp
C
c
C
i
100 pF
R
i
1 M
Oscilloscopio Probe + Cavetto
Figura 10.17: Circuito equivalente del probe delloscilloscopio
10.8 Probe
Il probe o sonda di un oscilloscopio ` e costituito da un cavetto coassiale, completato ad un
estremo da un puntale e allaltro da un connettore per il collegamento allingresso dello-
scilloscopio. I1 cavo coassiale ha la funzione di proteggere dai disturbi esterni il segnale
da inviare alloscilloscopio, ma costituisce un carico per il circuito di misura e pu` o produr-
re fenomeni di attenuazione. Il circuito equivalente del probe ` e illustrato in Figura 10.17
(R
i
e C
i
sono, rispettivamente, la resistenza e la capacit` a di ingresso delloscilloscopio).
Per ridurre gli eetti della resistenza e della capacit` a introdotti dal cavetto e dallo-
scilloscopio sul segnale da analizzare, in genere, si introducono un resistore (R
1
) e un
condensatore (C
1
) in serie con il conduttore nel cavo coassiale. Con linserimento del
resistore R
1
un segnale a bassa frequenza giunge allingresso delloscilloscopio attenuato
del rapporto
k
R
=
R
i
R
1
+ R
i
. (10.2)
Di solito questo rapporto viene scelto in modo che sia un numero intero (tipicamente
k
R
= 1/10). Per ottenere una corretta risposta in funzione della frequenza (mantenere
lattenuazione costante), ` e, per` o, necessario includere nel circuito anche delle capacit` a,
come indicato in Figura 10.17. La capacit` a C
comp
, detta capacit` a di compensazione, pu` o
essere regolata tramite una vite, facendo in modo di soddisfare la relazione
k
R
=
R
i
R
1
+ R
i
=
C
1
C
1
+ C
i
+ C
c
+ C
comp
. (10.3)
In questo modo, con i valori dei parametri riportati in Figura 10.17, la resistenza di in-
gresso del probe ` e di 10 M e la capacit` a totale di 10.3 pF.
`
E evidente il vantaggio che si
ottiene, se si confrontano questi valori con quelli propri delloscilloscopio (R
i
= 1 M e
C
i
= 100 pF).
Piero Malcovati, Misure Elettriche 277
Capitolo 11
Sensori e Trasduttori
11.1 Generalit` a
Un trasduttore ` e un dispositivo che trasforma una grandezza qualsiasi in un altra grandez-
za qualsiasi. Un trasduttore che trasforma una grandezza non elettrica in una grandezza
elettrica prende il nome di sensore, mentre un trasduttore che trasforma una grandezza
elettrica in una grandezza non elettrica prende il nome di attuatore, come illustrato in
Figura 11.1.
La trasduzione in elettrica di una grandezza non elettrica ` e, quindi, di norma eseguita
da un sensore, sensibile alla grandezza che si vuole misurare, che viene collocato nel
punto di misura. I sensori possono essere distinti in
sensori attivi, che forniscono in uscita un segnale elettrico attivo (tensione, corrente)
ottenuto mediante una trasformazione di energia (per esempio, meccanica, termica
o luminosa) in forma elettrica;
sensori passivi, nei quali la grandezza da misurare inuenza una grandezza elettrica
passiva (resistenza, capacit` a), alimentata da sorgenti esterne di energia.
Grandezza
Qualsiasi
Grandezza
Qualsiasi
Grandezza
Elettrica
Trasduttore Sensore
Attuatore
Figura 11.1: Trasduttori, sensori e attuatori
Piero Malcovati, Misure Elettriche 279
11. Sensori e Trasduttori
I Y V
Z
Figura 11.2: Circuiti equivalenti di un sensore attivo
Sigla Giunzione Temperatura Massima di Impiego
T Rame/Costantana 371

C
J Ferro/Costantana 760

C
E Cromo/Costantana 871

C
K Nichel-Cromo/Alumel 1260

C
R Platino/Platino-Rodio (13%) 1482

C
S Platino/Platino-Rodio (10%) 1482

C
Tabella 11.1: Termocoppie di comune impiego
Il segnale elettrico ottenuto in uscita al sensore deve poi essere elaborato, mediante una
serie di componenti, che costituisce una vera e propria catena di misura.
11.2 Sensori Attivi
Un sensore attivo pu` o sempre essere rappresentato con uno dei circuiti equivalenti ripor-
tati in Figura 11.2, dove V = f (X), I = f (X) e X rappresenta la grandezza da misurare.
Raramente il legame fra V o I ed X ` e lineare. Tuttavia, deve sempre essere vericata la
condizione f (X) = 0 per X = 0, poich e la relazione funzionale deriva da interazioni di
tipo energetico.
11.2.1 Termocoppie
Le termocoppie sono sensori attivi di temperatura. Esse sono costituite da due li di
metalli diversi, saldati insieme ad una delle estremit` a. Per eetto termoelettrico o eetto
Seebeck, ogni giunzione tra due conduttori diversi fornisce una forza elettromotrice, che
dipende dalla dierenza di temperatura tra la giunzione stessa (giunto caldo) e gli altri
estremi dei conduttori (giunto freddo). Le termocoppie di comune impiego sono riportate
in Tabella 11.1.
Le termocoppie sono sensori assai robusti, di facile installazione e basso costo. En-
tro un certo campo di temperature, la tensione di uscita ` e ragionevolmente lineare. Lo
schema circuitale in cui il sensore ` e tipicamente inserito ` e riportato in Figura 11.3. Il
giunto freddo deve essere termostato a 0

C, per avere misure assolute nel dominio della


280 Piero Malcovati, Misure Elettriche
11.2. Sensori Attivi
G
i
u
n
t
o

C
a
l
d
o
Strumento
di
Misura
A
B
Fili
della
Termocoppia
Fili
di
Compensazione
G
i
u
n
t
o

F
r
e
d
d
o
F
i
l
i

d
i
C
o
l
l
e
g
a
m
e
n
t
o
Figura 11.3: Termocoppia con circuito di lettura
scala centigrada, oppure, in caso contrario, le variazioni di temperatura del giunto freddo
devono essere compensate automaticamente. Poich e collegamenti realizzati con materiali
diversi non inuenzano la misura se le rispettive giunzioni sono isoterme, spesso il giunto
freddo ` e contenuto allinterno dello strumento di misura e controllato in temperatura. I li
di compensazione vengono introdotti qualora la distanza fra il giunto caldo e lo strumento
di misura sia apprezzabile e sono realizzati con gli stessi materiali che costituiscono la
termocoppia.
Le cause di errore nella forza elettromotrice fornita dalle termocoppie sono fonda-
mentalmente tre:
le modalit` a di applicazione del giunto caldo alloggetto del quale si vuole rilevare
la temperatura;
la capacit` a termica del sensore;
la trasmissione del calore attraverso i conduttori, per cui la termocoppia tende a
raggiungere lequilibrio termico con tutto lambiente, non con il solo oggetto con
cui il giunto caldo ` e a contatto.
`
E, quindi, fondamentale scegliere la termocoppia da usare, non solo sulla base della gam-
ma di temperatura, ma anche sulla base del tipo di impiego previsto, che ne determina
le dimensioni siche, il grado di calibrazione, il tipo di guaina protettiva e le condizioni
ambientali duso. Lo strumento di misura deve avere impedenza dingresso molto elevata,
in quanto la corrente che uisce nella termocoppia deve essere trascurabile, sia per evi-
tare cadute di tensione sulla resistenza di uscita della termocoppia stessa, sia per evitare
di modicare la temperatura del giunto caldo per eetto Peltier (eetto duale delleetto
Seebeck).
In Figura 11.4 ` e riportato landamento della forza elettromotrice in funzione della
temperatura per le termocoppie citate in Tabella 11.1.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 281
11. Sensori e Trasduttori
B
B
B
B
B
B
B
B
J
J
J
J
J
J
J
J
H
H
H
H
H
H
F
F
F
F
F
F
F
F
F
F
F
F




















0
10
20
30
40
50
60
0 200 400 600 800 1000 1200 1400 1600 1800 2000
T
e
n
s
i
o
n
e

[
m
V
]
Temperatura [C]
B E
J J
H T
F K
R
S
Figura 11.4: Forza elettromotrice in funzione della temperatura per le termocoppie
citate in Tabella 11.1
11.2.2 Sensori Fotoelettrici
I sensori fotoelettrici vengono utilizzati per misure di intensit` a luminosa. Questi sensori
generano una corrente proporzionale alla potenza della radiazione luminosa incidente. Tra
i sensori fotoelettrici, i dispositivi pi` u comunemente utilizzati sono i fotodiodi (al silicio
o al germanio), che generano correnti speciche dellordine di 10 mA/mW con costanti
di tempo dellordine di 10 ns. Questi dispositivi sono assai sensibili alla temperatura e la
risposta ` e lineare solo se essi vengono polarizzati opportunamente.
I fotodiodi si basano sulla generazione di portatori (elettroni e lacune) nella zona
svuotata di una giunzione p-n per eetto della radiazione luminosa, come illustrato in
Figura 11.5. La corrente generata da un fotodiodo ` e data da
I =
qV
A
P

hcL
2
, (11.1)
dove c ` e la velocit` a della luce, q ` e la carica dellelettrone, P

` e la potenza luminosa inci-


dente con lunghezza donda , V
A
` e la tensione di polarizzazione inversa del fotodiodo,
` e lecenza quantica, ` e la mobilit` a dei portatori, ` e il tempo di vita medio dei porta-
tori nella zona svuotata, L ` e la distanza tra gli elettrodi del fotodiodo e h ` e la costante di
Planck.
282 Piero Malcovati, Misure Elettriche
11.2. Sensori Attivi
Fotoeccitazione
Elettrone
Campo Elettrico Applicato
Lacuna
Materiale Intrinseco Materiale Estrinseco
Fotoeccitazione
Elettrone
Campo Elettrico Applicato
Banda di
Conduzione
Banda di
Valenza
Figura 11.5: Eetto fotoelettrico in un fotodiodo
Oltre che per misure dirette di intensit` a luminosa, i sensori fotoelettrici vengono uti-
lizzati, spesso, in combinazione con emettitori di radiazione luminosa, anche per misure
indirette di posizione o velocit` a (righe ed encoder ottici) e per realizzare fotocellule.
11.2.3 Sensori Piezoelettrici
I sensori piezoelettrici convertono sforzi di trazione, compressione o di taglio in forze
elettromotrici. Sottoponendo dei cristalli opportunamente tagliati a tali sforzi, sulle facce
si originano cariche elettriche dellordine di 10
9
C/N, che producono sulla capacit` a pro-
pria del cristallo e su eventuali capacit` a esterne delle dierenze di potenziale, misurabili
con strumenti ad alta impedenza. Il materiale piezoelettrico per eccellenza ` e il quarzo, ma
esistono anche alcune ceramiche con buone caratteristiche di piezoelettricit` a.
Per un sensore piezoelettrico si denisce sensibilit` a di carica la grandezza
S
Q
=
Q
P
, (11.2)
dove Q ` e la carica prodotta e P lo sforzo applicato. Poich e
V =
Q
C
=
S
Q
C
P, (11.3)
dove V ` e la forza elettromotrice generata e C = C
S
+C
C
` e la capacit` a equivalente di tutto
ci ` o che si trova a monte del punto dove si rileva V (inclusi i cavi di collegamento e la
capacit` a di ingresso dello strumento di misura), la sensibilit` a in tensione del trasduttore ` e
data da
S
V
=
S
Q
C
=
Q
PC
=
Q
P(C
S
+ C
C
)
. (11.4)
Dalla (11.4) si vede che S
V
varia con C
C
e, quindi, con le condizioni di impiego del
sensore (cavi di collegamento e strumento di misura). Per ovviare a questo inconveniente,
si interpongono, perci ` o, frequentemente fra sensore e strumento di misura degli opportuni
amplicatori di carica (integratori), come illustrato in Figura 11.6, i quali determinano una
Piero Malcovati, Misure Elettriche 283
11. Sensori e Trasduttori
Cavo
~ Q C
S
Sensore
C
C
V
V
U
C
R
S
t
r
u
m
e
n
t
o
d
i
M
i
s
u
r
a
Amplificatore
Figura 11.6: Circuito per la lettura di sensori piezoelettrici
I I W
V
U
B
L
Figura 11.7: Sensore ad eetto Hall
tensione duscita proporzionale alla carica Q (non alla tensione V) e svincolano, cos`, il
valore di S
V
dalle variazioni di C
C
. Vale, infatti, la relazione
V
U
=
Q
C
R
. (11.5)
Questi trasduttori attivi hanno frequenze di risonanza elevate (decine di megahertz)
e, quindi, si prestano bene a rilievi in regime dinamico. Inoltre, essi sono molto robusti
e di ridotte dimensioni. Essi sono, per` o, sensibili alla temperatura ed allumidit` a e sono
dicili da calibrare in condizioni statiche.
11.2.4 Sensori ad Eetto Hall
I sensori basati sulleetto Hall vengono utilizzati per misurare campi magnetici. Un sen-
sore a eetto Hall ` e costituito da una croce di materiale conduttivo con quattro terminali,
come illustrato in Figura 11.7. Se tra due terminali opposti del sensore uisce una cor-
rente continua I, in presenza di un campo di induzione magnetica B, perpendicolare al
sensore stesso, tra gli altri due terminali si sviluppa una dierenza di potenziale V
U
. Que-
284 Piero Malcovati, Misure Elettriche
11.3. Sensori Passivi
sta dierenza di potenziale, proporzionale a B, ` e dovuta alla interazione tra B e I (forza di
Lorentz), che devia i portatori di carica. La tensione V
U
risulta data da
V
U
=
G
n
p
qt
IB, (11.6)
dove t ` e lo spessore del sensore, q la carica dellelettrone, n
p
la densit` a di portatori e G
` e un parametro che dipende dalle caratteristiche geometriche del materiale (W e L), dalla
mobilit` a dei portatori () e dal campo di induzione magnetica (B).
I sensori ad eetto Hall devono essere letti con strumenti ad alta impedenza, per evi-
tare assorbimenti di corrente. Questi sensori sono, spesso, utilizzati insieme a magneti
permanenti per eettuare misure indirette di posizione o velocit` a (encoder magnetici). In
pratica, in questo caso, si rileva il passaggio del magnete permanete sopra un sensore ad
eetto Hall.
11.3 Sensori Passivi
In un sensore passivo, la grandezza da misurare inuenza una grandezza elettrica passiva.
Supponiamo, quindi, che una grandezza elettrica passiva Y (Y = R, Y = C, Y = L, Y = M)
sia una funzione della grandezza incognita X, rappresentabile con il suo sviluppo in serie
intorno ad un determinato valore X
0
,
Y = f (X) = Y
0
[1 + k (X X
0
) + ] , (11.7)
dove Y
0
= f (X
0
). In generale, per un dato valore di X
0
, si pu` o, quindi, scrivere
Y = kX. (11.8)
Generalmente, occorre, dunque, misurare le variazioni di Y e non il suo valore assoluto. Si
dovranno, perci` o, usare metodi di misura caratterizzati da elevata sensibilit` a. Bisogner` a,
altres`, tenere conto di eventuali variazioni di Y dovute a grandezze diverse da X (per
esempio la temperatura).
Poich e il sensore ` e passivo, esso necessita, in ogni caso, un generatore ausiliario di
energia elettrica, per cui il circuito equivalente, nel caso di sensore resistivo (Y = R), ` e
quello indicato in Figura 11.8.
11.3.1 Termometri
Lo schema di un termometro (o termosonda) a resistenza di platino, illustrato in Figu-
ra 11.9, prevede un generatore di corrente costante I che alimenta la serie di R
1
, R
2
e del
resistore di platino R
Pt
. Ai morsetti di R
Pt
si preleva la caduta di tensione, che determina
la tensione di uscita V
U
. I resistori R
3
ed R
4
sono inseriti per adattare limpedenza allo
strumento rilevatore, il quale deve avere unimpedenza di ingresso assai elevata. In tali
Piero Malcovati, Misure Elettriche 285
11. Sensori e Trasduttori
V
R
i
R = f(X)
A
l
i
m
e
n
t
a
z
i
o
n
e
Figura 11.8: Circuito equivalente di un sensore passivo
V
U
I
R
Pt
R
1
R
2
R
4
R
3
Figura 11.9: Termometro a resistenza di platino
286 Piero Malcovati, Misure Elettriche
11.3. Sensori Passivi
condizioni, ad una variazione di temperatura di R
Pt
corrisponde una variazione della re-
sistenza e, quindi, di V
U
. La resistenza duscita di questi sensori va da 100 (PT100) a
1 k (PT1000). Il campo di impiego si estende no a temperature dellordine di 850

C.
Il platino altamente ranato ` e praticamente incontaminabile chimicamente, ` e meccani-
camente ed elettricamente stabile e presenta un legame lineare R = f (T), dove T ` e la
temperatura assoluta. Anche deriva ed errore di invecchiamento sono trascurabili. Il co-
sto ` e per` o ben 8 10 volte quello di una termocoppia. La lettura in uscita ` e proporzionale
alla temperatura assoluta T, per cui non sono necessarie operazioni di termostatazione.
Le dimensioni ed il montaggio determinano le condizioni di trasmissione ed accumulo
del calore e, perci ` o, la costante di tempo del sensore. Sensori in rame e nichel sono meno
costosi, ma hanno un campo di funzionamento lineare pi ` u ridotto e sono meno stabili.
I termistori sono resistori realizzati con semiconduttori aventi coeciente di tempera-
tura elevato e negativo,
R = k
1
e

k
2
TT
0
. (11.9)
Essi permettono di realizzare sensori molto sensibili e con elevata velocit` a di risposta. La
tecnologia dellinvecchiamento articiale permette di ottenere elementi di buona stabilit` a,
con resistivit` a elevate (100 1000 m). Essi, per` o, vanno tarati singolarmente perch e
dicilmente riproducibili.
I diodi a semiconduttore possono essere utilizzati come sensori di temperatura, spe-
cialmente allinterno di circuiti integrati. Infatti, qualora un diodo venga attraversato da
una corrente costante I, la caduta di tensione ai sui capi risulta
V
U
=
kT
q
ln
_
I
I
0
_
, (11.10)
dove T ` e la temperatura assoluta, k la costante di Boltzmann, q la carica dellelettrone
e I
0
= f (T) la corrente di saturazione del diodo. Per via della dipendenza da T di I
0
,
la (11.10) non ` e lineare. Pertanto al ne di ottenere una caratteristica lineare, si ricorre
spesso al circuito di Figura 11.10, in cui due diodi identici, accoppiati termicamente,
vengono polarizzati con correnti diverse (I
1
e I
2
). Assumendo I
2
= I
1
, la tensione di
uscita, prelevata ai capi dei diodi, data da
V
U
=
kT
q
ln
_
I
1
I
0
_

kT
q
ln
_
I
2
I
0
_
=
kT
q
ln () , (11.11)
risulta proporzionale alla temperatura assoluta.
11.3.2 Estensimetri
Gli estensimetri vengono impiegati per convertire una deformazione in una variazione di
resistenza. Se ne impiegano di due tipi: a lo ed a semiconduttore.
Gli estensimetri a lo o strain gauge, sono placchette da incollare direttamente sul
pezzo assoggettato a deformazione. Essi sono costruiti con li molto sottili di materiale
conduttore, con resistivit` a , che, se assoggettati a trazione, aumentano la loro resistenza
Piero Malcovati, Misure Elettriche 287
11. Sensori e Trasduttori
D
1
V
U
I
1
D
2
I
2
Figura 11.10: Sensore di temperatura a diodi
elettrica. Essi, infatti, aumentano la loro lunghezza l e vedono diminuire la loro sezione
A, per cui la loro resistenza,
R =
l
A
, (11.12)
aumenta, stabilendo un legame fra la variazione di resistenza R = R R
0
e la sollecita-
zione che lha determinata (R
0
` e il valore nominale di resistenza). Il lo viene montato
sul supporto ripiegato a griglia, come illustrato in Figura 11.11, in modo che R risulti
dalla deformazione contemporanea di pi` u sezioni aancate di conduttore. Tipicamente,
vengono impiegati materiali conduttori ad alta resistivit` a, come:
Karma (Ni + Cr + Al + Fe);
Isoelastic (Ni + Cr + Fe + Mo);
Cromel-C (Ni +Cr + Fe);
ridotti in li di sezione contenuta, tipicamente del valore di 1.13 4.9 mm
2
.
La sensibilit` a o gauge factor di questi dispositivi ` e denita come
G
f
=
R/R
l/l
. (11.13)
Assumendo che sotto sforzo non si abbiano variazioni di resistivit` a, si pu` o dimostrare che
G
f
= 1 + 2, (11.14)
dove denota il modulo di Poisson del materiale. Questo non ` e sempre vero, perch e i
valori di G
f
superano frequentemente il valore 1.51.8, che dovrebbe essere invalicabile,
poich e = 0.25 0.40 in tutti i materiali metallici. Pertanto, si deve riconoscere che, in
realt` a,
R
R
=
l
l
+ 2
l
l
+

, (11.15)
ovvero che, sotto sforzo meccanico, la resistenza del lo varia anche per eetto di una
variazione di resistivit` a (piezoresistivit` a), il cui contributo ` e considerevole. Il valore
del gauge factor ` e, pertanto,
G
f
= 1 + 2 +

l
l
. (11.16)
288 Piero Malcovati, Misure Elettriche
11.3. Sensori Passivi
F
F
Pezzo Sotto Misura
Adesivo
Supporto
Adesivo
Filo Estensimetrico
Coperchio
Figura 11.11: Estensimetro a lo
Attualmente, levoluzione della tecnologia costruttiva, ha condotto alla quasi com-
pleta sostituzione dei li con delle lamine (fogli di lamierino dello spessore di alcuni
micrometri), su cui sono incisi o fotoincisi i conduttori estensimetrici.
Gli estensimetri a semiconduttore sfruttano fondamentalmente leetto delle piezore-
sistivit` a, poich e essa ` e oltremodo accentuata per alcuni semiconduttori drogati, nei quali
la tensione meccanica determina una variazione del salto di energia fra le bande di va-
lenza e di conduzione. In questi estensimetri, il valore di G
f
` e 50 60 volte maggiore
rispetto al caso degli estensimetri a lo. Le dimensioni sono molto piccole (no a spessori
di 0.013 mm e larghezza di 0.51 mm), mentre il campo di deformazione entro cui G
f
` e
costante ` e molto ristretto e la dipendenza dalla temperatura ` e assai alta. Si possono, per` o,
con notevole cura nellinstallazione, misurare deformazioni anche di 0.1 m, cio` e cento
volte pi ` u piccole di quelle rilevabili con gli estensimetri a lo, ma non si possono superare
i 2000 m, ovvero circa un terzo del limite massimo ottenibile con gli estensimetri a lo.
Listeresi elastica dellestensimetro denisce il campo entro cui la risposta ` e lineare.
Va notato che, sotto questo aspetto, il punto debole dellestensimetro ` e ladesivo. Que-
sto, infatti, deve assolvere la funzione fondamentale di trasmettere allestensimetro stesso
la deformazione del pezzo, senza alterarla, e, quindi, esso dovrebbe avere, teoricamente,
modulo elastico innito. Inoltre, esso deve conservarsi isotropo, al ne di mantenere lo
stesso legame fra sforzo e deformazione in ogni direzione ed in un intervallo ampio di
temperature di funzionamento. Inne, esso contribuisce allisolamento verso massa del-
Piero Malcovati, Misure Elettriche 289
11. Sensori e Trasduttori
F
F
F
F
V
1
E
1
V
1
V
2
E
2
V
2
V
3
V
3
R
1
R
2
Figura 11.12: Estensimetro in congurazione a semi-ponte
lestensimetro (una resistenza nita verso massa si tramuta in una variazione apparente di
deformazione). Oggi si impiegano adesivi in grado di soddisfare questi requisiti, ciascuno
per un opportuno campo di temperature e di deformazioni.
Negli estensimetri, tipicamente, , l ed A, oltre a dipendere dallo deformazione, di-
pendono anche dalla temperatura. Al ne di minimizzare questo eetto, gli estensimetri
vengono spesso realizzati con una struttura a semi-ponte, come illustrato in Figura 11.12.
Il sensore ` e costituito da due estensimetri, E
1
e E
2
, ruotati di 90

uno rispetto allaltro.


Lestensimetro E
1
presenta una variazione di resistenza signicativa, in presenza di una
deformazione in direzione orizzontale, mentre per lestensimetro E
2
, la variazione di resi-
stenza, in corrispondenza della medesima deformazione, risulta trascurabile per via della
rotazione di 90

(lestensimetro E
2
sarebbe sensibile a una deformazione in direzione
verticale). Entrambi gli estensimetri, invece, presentano la medesima dipendenza dalla
290 Piero Malcovati, Misure Elettriche
11.3. Sensori Passivi
temperatura. Pertanto, i valori di resistenza per i due estensimetri sono dati da
_

_
R
1
= R
0
_
1 + G
f
l
l
_
(1 + T)
R
2
= R
0
(1 + T)
, (11.17)
dove ` e il coeciente di temperatura e T = T T
0
la dierenza di temperatura rispetto
alla temperatura nominale T
0
.
Lestensimetro in congurazione a semi-ponte pu` o essere utilizzato per realizzare un
ponte di Wheatstone (Paragrafo 6.2), in cui R
x
= R
1
e R
a
= R
2
(Figura 6.1). Utilizzando
la (6.6), con il ponte di Wheatstone in condizione di equilibrio, risulta
R
1
= R
2
R
c
R
b
. (11.18)
Sostituendo nella (11.18) i valori di R
1
e R
2
dati dalla (11.17), si ottiene
R
0
_
1 + G
f
l
l
_
(1 + T) = R
0
(1 + T)
R
c
R
b
, (11.19)
e, quindi,
l
l
=
1
G
f
_
R
c
R
b
1
_
. (11.20)
Il valore di deformazione l/l cos` ottenuto risulta indipendente dalla temperatura, nonch e
dal valore di R
0
.
Alternativamente, ` e possibile ottenere il valore di deformazione utilizzando il circuito
illustrato in Figura 11.13. La tensione di uscita V
U
, in questo caso, risulta data da
V
U
= V
B
R
1
+ R
2
R
2
. (11.21)
Sostituendo la (11.18) nella (11.21), si ottiene
V
U
= V
B
R
0
_
1 + G
f
l
l
_
(1 + T) + R
0
(1 + T)
R
0
(1 + T)
= V
B
_
2 + G
f
l
l
_
, (11.22)
e, quindi,
l
l
=
1
G
f
_
V
U
V
B
2
_
. (11.23)
Il valore di deformazione l/l cos` ottenuto risulta ancora indipendente dalla temperatura
e dal valore di R
0
.
Il valore della corrente che uisce nellestensimetro ` e determinato dalla quantit` a di
calore dissipabile, poich e non si possono superare temperature di esercizio che potrebbero
danneggiare supporto e adesivo.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 291
11. Sensori e Trasduttori
R
2
V
2
V
3
V
1
V
U
V
B
R
1
Figura 11.13: Circuito di lettura per un estensimetro in congurazione a semi-ponte
C
1
C
2
+V
V
0
d +F
F
F = 0 per d = 0
Figura 11.14: Sensore capacitivo dierenziale
11.3.3 Sensori Capacitivi
I sensori capacitivi convertono, generalmente, spostamenti in variazioni di capacit` a, ma
possono essere usati, indirettamente, anche per misurare accelerazioni (accelerometri e
giroscopi), pressione, velocit` a o forze. Essi possiedono svariate forme costruttive, per
cui in Tabella 11.2 sono riportate le espressioni della capacit` a in funzione dei parametri
geometrici per diversi tipi di condensatori.
Spesso, in un sensore capacitivo, unarmatura del condensatore ` e costituita dal pezzo
di cui si vuole misurare lo spostamento. In tal caso, si determina una forza attrattiva F fra
le armature che, per un condensatore piano a due armature, vale
F =
1
2
C
2
V
2
d
, (11.24)
dove V ` e la tensione applicata alle armature. Questa forza pu` o produrre uno spostamento
del pezzo, falsando la misura. Pertanto, tipicamente, si preferisce utilizzare sensori dif-
ferenziali, per i quali la forza F ` e nulla se lelemento mobile ` e centrato e minimizzabile
senza grosse dicolt` a per piccoli spostamenti, come illustrato in Figura 11.14. Inoltre,
292 Piero Malcovati, Misure Elettriche
11.3. Sensori Passivi
Tipo Capacit` a
Condensatore piano a N armature
C =
(N 1) A
d
d

A
Condensatore piano con pi ` u dielettrici
C =
A
d
1

1
+
d
2

2
d
1

1
A

2
d
2
Condensatore piano a settore circolare
C =

_
R
2
r
2
_

2d
r
R

, d
Condensatore cilindrico
C =
2l
log
_
D
d
_
con D > d
C =
l (D + d)
2 (D d)
con D d >
d
2
d
l
D

Tabella 11.2: Espressione della capacit` a in funzione dei parametri geometrici per
diversi tipi di condensatore
Piero Malcovati, Misure Elettriche 293
11. Sensori e Trasduttori
V
U
C
F
C
1
C
2
V
+V
CK
A
CK
CK
CK
CK
CK
CK
Figura 11.15: Circuito per la lettura di sensori capacitivi
in un sensore capacitivo non dierenziale, il legame tra la capacit` a C e lo spostamento d,
dato da
C =
A
d
, (11.25)
non ` e lineare. Pertanto, la variazione capacitiva C = CC
0
rispetto al valore di capacit` a
nominale C
0
, dovuta a uno spostamento d = d d
0
rispetto alla posizione di riposo d
0
,
data da
C =
A
d
0
+ d

A
d
0
=
Ad
d
2
0
+ d
0
d
, (11.26)
risulta anchessa non-lineare. Per un sensore capacitivo dierenziale, invece, la variazione
di capacit` a C = C
1
C
2
, dovuta a uno spostamento d, data da
C =
A
d
0
+ d

A
d
0
d
=
2Ad
d
2
0
(d)
2
, (11.27)
pu` o essere considerata lineare per d < d
0
e risulta
C =
2Ad
d
2
0
. (11.28)
Per la lettura dei sensori capacitivi, ` e possibile utilizzare diverse tecniche circuitali, tra
cui metodi di ponte in corrente alternata (Paragrafo 6.4) e oscillatori. Tuttavia, il circuito
maggiormente utilizzato ` e quello illustrato in Figura 11.15, che si basa sulla tecnica delle
capacit` a commutate. In questo circuito le capacit` a C
1
e C
2
rappresentano il sensore (C
1
=
294 Piero Malcovati, Misure Elettriche
11.3. Sensori Passivi
C
0
+ C e C
2
= C
0
C, se il sensore ` e dierenziale, oppure C
1
= C
0
+ C e C
2
= C
0
,
se il sensore non ` e dierenziale). Quando il segnale di clock CK ` e al livello logico alto, la
capacit` a C
F
viene scaricata, mentre le capacit` a C
1
e C
2
vengono caricate, rispettivamente,
alle tensioni +V e V e, pertanto,
_

_
Q
1,CK
= C
1
V
Q
2,CK
= C
2
V
Q
F,CK
= 0
. (11.29)
La tensione V
U
risulta, quindi, nulla. Quando il segnale di clock CK ` e al livello logico
basso (CK ` e al livello logico alto), le capacit` a C
1
e C
2
vengono scaricate e, siccome il nodo
A risulta isolato, le cariche Q
1,CK
e Q
2,CK
vengono trasferite sulla capacit` a C
F
. Pertanto,
si ottiene
_

_
Q
1,CK
= 0
Q
2,CK
= 0
Q
F,CK
= Q
1,CK
+ Q
2,CK
. (11.30)
La tensione di uscita V
U
` e, quindi, data da
V
U
=
Q
F,CK
C
F
=
C
1
V C
2
V
C
F
. (11.31)
Se si considera un sensore dierenziale, la tensione V
U
risulta
V
U
= V
C
0
+ C C
0
+ C
C
F
=
2C
C
F
V, (11.32)
mentre, se il sensore non ` e dierenziale, si ottiene
V
U
= V
C
0
+ C C
0
C
F
=
C
C
F
V. (11.33)
La tensione V
U
` e, ovviamente, signicativa solo quando il segnale CK ` e al livello logi-
co alto. Pertanto, occorre poi campionare opportunamente V
U
con un sample-and-hold,
pilotato da CK (Figura 7.5).
Tra i sensori capacitivi, attualmente, rivestono grande importanza i dispositivi realiz-
zati con tecnologia Micro-Electro-Mechanical System (MEMS), con cui ` e possibile rea-
lizzare accelerometri, giroscopi e sensori di pressione, caratterizzati da dimensioni estre-
mamente ridotte, utilizzando materiali e processi tipici dei circuiti integrati. Un esempio
di accelerometro MEMS ` e mostrato in Figura 11.16.
11.3.4 Sensori Induttivi
I sensori induttivi sono impiegati per misure di spostamento e si basano sulla variazione
di induttanza di una bobina, in funzione della riluttanza del circuito magnetico conca-
tenato, o sulla variazione di mutua induttanza fra due circuiti elettrici magneticamente
concatenati.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 295
11. Sensori e Trasduttori
Figura 11.16: Esempio di accelerometro capacitivo MEMS
~ V
U
E
1
E
2
V
l
Figura 11.17: Sensore induttivo
296 Piero Malcovati, Misure Elettriche
11.3. Sensori Passivi
Un tipico sensore induttivo ` e illustrato in Figura 11.17. In questo sensore,
V
U
= E = E
2
E
1
= kl. (11.34)
I sensori induttivi vengono impiegati per misure dierenziali e sono lineari per piccoli va-
lori di l. Essi sono frequentemente aetti da tensioni residue nel circuito magnetico, che
ne limitano la precisione. Per la lettura dei sensori induttivi occorre utilizzare strumenti
sensibili al valore ecace di una tensione sinusoidale, analogici (Paragrafo 4.5) o digitali
(Paragrafo 8.2), con cui si pu` o misurare direttamente la tensione V
U
.
Piero Malcovati, Misure Elettriche 297
Appendice A
Grandezze Fondamentali
Piero Malcovati, Misure Elettriche 299
A. Grandezze Fondamentali
300 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Piero Malcovati, Misure Elettriche 301
A. Grandezze Fondamentali
302 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Piero Malcovati, Misure Elettriche 303
A. Grandezze Fondamentali
304 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Piero Malcovati, Misure Elettriche 305
A. Grandezze Fondamentali
306 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Appendice B
Identicazione degli Strumenti
Piero Malcovati, Misure Elettriche 307
B. Identicazione degli Strumenti
308 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Piero Malcovati, Misure Elettriche 309
B. Identicazione degli Strumenti
310 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Indice Analitico
Accuratezza, 217
Aliasing, 188, 276
Amperometro
digitale, 208
elettrodinamico, 101
elettromagnetico, 95, 124, 154
magnetoelettrico, 92, 115
Analizzatore di potenza, 211
Anello di guardia, 66, 175, 181
Antitrasformata di Laplace, 74
Apparecchio di Epstein, 158
errore sistematico, 160, 165
incertezza di misura, 160, 162, 165
separazione delle perdite, 161, 165
Armonica, 152, 212
Attuatore, 279
Avvolgimento bilare, 62
Campionamento, 185, 276
Campione, 55, 57
di capacit` a, 65
per alta tensione, 66
variabile, 65
di corrente, 57
di forza elettromotrice, 57
di induttanza, 66
variabile, 69
di intervallo di tempo, 69
trasmissione, 72
di mutua induttanza, 68
variabile, 69
di resistenza, 61, 172
variabile, 63
secondario, 57
sorgente di tensione, 59
Capacit` a parassite, 66, 181
Catena di misura, 73
Cavo a doppia schermatura, 182
Cavo schermato, 181
Centro di taratura, 55, 241
Ciclo di isteresi, 156
Cifra di perdita, 158
Cifre signicative, 55
Classe di precisione, 90
Coeciente di Seebeck, 61, 62
Comparatore, 191, 242, 244
Contatore ad induzione, 106
Contatore di impulsi
asincrono, 192
sincrono, 194
Conversione
A/D, 185, 275
ad induzione, 89
D/A, 194
elettrodinamica, 89
elettromagnetica, 89
magnetoelettrica, 89
termica, 89
Convertitore A/D
a dente di sega, 197
a doppia rampa lineare, 197
a rampa lineare, 197
ad approssimazioni successive, 202
ash, 203, 276
incrementale, 201
pipeline, 205, 276
time-interleaved, 276
Convertitore D/A, 194
Coppia
antagonista, 89, 91, 92, 95, 97, 105,
108
Piero Malcovati, Misure Elettriche 311
Indice Analitico
dattrito, 89
motrice, 89, 91, 92, 95, 96, 99, 103, 106
smorzante, 89, 94, 105
Costantana, 62
Costante strumentale, 90, 114, 116, 127
Densit` a di probabilit` a, 35
Derivatore, 115
Deviazione standard, 41, 42, 50
della media, 41, 51
Diodo, 287
Zener, 59
Distribuzione statistica, 54
t di Student, 47, 54
area sottesa, 47
densit` a di probabilit` a, 47
Formula di Welch-Satterhwaite, 53
gradi di libert` a, 47, 53, 54
variabile normalizzata, 47
normale o gaussiana, 42, 54
area sottesa, 43
densit` a di probabilit` a, 42
probabilit` a cumulata, 42
variabile normalizzata, 43
uniforme, 47, 91
densit` a di probabilit` a, 47
Divisione, 89
Doppio ponte di Thomson, 171
formula risolutiva, 173
incertezza di misura, 173
Eetto
Hall, 284
Peltier, 281
piezoelettrico, 71, 283
piezoresistivo, 288
Seebeck, 280
sistematico, 33
termoelettrico, 280
Equazione dierenziale, 76
Equipaggio mobile, 89, 92
Errore di quantizzazione, 190
Errori grossolani, 33
Estensimetro
a lo, 287
a semi-ponte, 290
a semiconduttore, 289
gauge factor, 288
Fattore
di copertura, 54
di perdita, 64, 176
di smorzamento, 80
Filtro
anti-aliasing, 188
passa-alto, 86
passa-basso, 84
Finestra, 210, 211
Blackman-Harris, 210
di Hamming, 210
di Hanning, 210
Flip-op, 192
Fosfori, 264
Fotodiodo, 282
Frequenza
di campionamento, 185, 276
di Nyquist, 188
Funzione di Dirac, 75, 77, 186
Funzione di trasferimento, 77
del primo ordine, 79
del secondo ordine, 80
Galvanometro, 169, 172
Gas compresso, 66
Gradino unitario, 78
Impedenza, 81
Incertezza di misura, 34, 49
assoluta, 34
di tipo A, 35, 49
di tipo B, 35, 50
estesa assoluta, 54
estesa relativa, 54
relativa, 35
tipo assoluta, 50, 51, 91, 217
tipo relativa, 51, 91, 218
Indice, 89
a coltello, 89
312 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Indice Analitico
a lo, 89
Inserzione di Aron, 139
fattore di potenza, 141
in funzione della tensione, 142
incertezza di misura, 141, 142
potenza attiva, 139
Inserzione di Barbagelata, 148
in funzione della tensione, 150, 151
incertezza di misura, 148, 151, 152
potenza apparente, 151
potenza attiva, 148
potenza reattiva, 148
Inserzione di Righi, 145
in funzione della tensione, 150, 151
incertezza di misura, 147, 150152
potenza apparente, 151
potenza attiva, 151
potenza reattiva, 147
Intervallo di quantizzazione, 189
Istogramma, 37
Karma, 61
Livello di condenza, 54
Manganina, 61, 114, 115
Media, 37, 42, 47, 49
Media aritmetica, 34, 39, 47, 50, 53
Mediana, 37
Metodo del confronto, 120
incertezza di misura, 120
Metodo di misura, 33
Metodo di ponte
in corrente alternata, 169, 175, 294
formula risolutiva, 176
in corrente continua, 169
Metodo voltamperometrico, 117, 208
errore sistematico, 117, 118
incertezza di misura, 119
Micro-electro-mechanical system, 295
Misura, 29
industriale, 113
Misura di capacit` a
con ponte di Schering, 176
in alta tensione, 181
Misura di cifra di perdita
con apparecchio di Epstein, 160
con tensione non-sinusoidale, 163
Misura di corrente
in corrente continua, 115
incertezza di misura, 116
in regime non-sinusoidale, 154
in regime sinusoidale, 124
incertezza di misura, 124
Misura di fattore di perdita
con ponte di Schering, 176
in alta tensione, 181
Misura di frequenza, 214
Misura di induzione magnetica
valore di cresta, 163, 166
valore ecace, 163
Misura di intervalli di tempo, 214
Misura di periodo, 214
Misura di potenza in corrente continua, 121
errore sistematico, 121
incertezza di misura, 122
Misura di potenza in regime non-sinusoidale
potenza apparente, 155
potenza attiva, 154
potenza reattiva, 155
potenza reattiva deformante, 156
Misura di potenza in regime sinusoidale
con trasformatori di misura, 249
incertezza di misura, 253
fattore di potenza, 133
errore sistematico, 133
incertezza di misura, 133
in funzione della corrente, 135
incertezza di misura, 136
in funzione della tensione, 134
incertezza di misura, 134
in sistemi polifase, 136
potenza apparente, 151
potenza attiva, 137
potenza reattiva, 143
potenza apparente, 131
errore sistematico, 132
Piero Malcovati, Misure Elettriche 313
Indice Analitico
incertezza di misura, 132
potenza attiva, 126
errore sistematico, 127, 128
incertezza di misura, 129
potenza reattiva, 130
incertezza di misura, 131
Misura di resistenza
con doppio ponte di Thomson, 171
con metodo del confronto, 120
con metodo voltamperometrico, 117
con ponte di Wheatstone, 169
Misura di tensione
in corrente continua, 114
incertezza di misura, 115
in regime non-sinusoidale, 154
in regime sinusoidale, 122
incertezza di misura, 124
valore di cresta, 124
valore ecace, 123
valore medio sul semiperiodo, 123
residua, 249
Misurando, 29, 33
Misurazione, 29, 33
Moda, 39
Multimetro, 208
Oscillatore, 69
a fascio di cesio, 70
al quarzo, 71
Oscilloscopio, 259
a doppia traccia, 270
modalit` a alternate, 272
modalit` a chopped, 272
analogico, 259
base dei tempi, 265
canale orizzontale (X), 270
canale verticale (Y), 269
digitale, 272
modalit` a XY, 260
modalit` a auto, 268
modalit` a single-sweep, 268
modalit` a triggered, 265
probe, 277
Perdite
per correnti parassite, 158, 161
per isteresi magnetica, 157, 161
Pila Weston, 57
non satura, 57
satura, 57
Ponte automatico, 182
Ponte di Schering, 176
capacit` a parassite, 181
formula risolutiva, 177, 178
incertezza di misura, 178
metodo delle terre di Wagner, 182
per capacit` a elevate, 179
formula risolutiva, 179
Ponte di Wheatstone, 169, 291
formula risolutiva, 170
incertezza di misura, 171
Portata, 89, 114, 116
amperometrica, 127
voltmetrica, 127
wattmetrica, 127, 129
Prestazione, 219
Probabilit` a, 35
Probabilit` a cumulata, 36
Pulsazione caratteristica, 80
Quantizzazione, 189
incertezza di misura, 190
Quarzo, 71, 283
Rampa, 80
Rapporto segnale-rumore, 191
Resistenza addizionale, 114, 123, 127
Riferibilit` a, 55, 57
Risoluzione, 185, 276
eettiva, 191
Risposta in frequenza, 84
Sample-and-hold, 189
Scala, 89
Scarto quadratico medio, 41, 49
della media, 41, 50
Scarto tipo, 41, 47, 50
della media, 41, 47, 50
314 Piero Malcovati, Misure Elettriche
Indice Analitico
Sensore, 279
ad eetto Hall, 284
attivo, 279
capacitivo, 292
di accelerazione, 292
di campo magnetico, 284
di deformazione, 287
di radiazione luminosa, 282
di sforzo, 283
di spostamento, 292, 295
di temperatura, 280, 285
fotoelettrico, 282
induttivo, 295
passivo, 279
piezolettrico, 283
Serie di Fourier, 152, 186
Shunt, 115
Sistema
monofase, 125
polifase, 136
trifase, 136
Sistema di unit` a di misura, 29
Sistema Internazionale, 29
Strain gauge, 287
Strumento
ad induzione, 102
di zero, 169, 172, 176, 178
digitale, 207
elettrodinamico, 96
elettromagnetico, 95
magnetoelettrico, 92
per la misura di frequenza, 212
per la misura di intervalli di tempo, 214
per la misura di periodo, 212
Targa, 89
Tempo di risposta, 80, 81
Teorema di Shannon, 186, 275
Teoria di Budeanu, 155
Termistore, 287
Termocoppia, 280
giunto caldo, 280
giunto freddo, 280
Termometro, 285
a resistenza di platino, 285
Termosonda, 285
Trasduttore, 279
Trasformata di Laplace, 74, 186
acissa di convergenza, 74
in regime sinusoidale, 84
metodo simbolico, 81
poli, 74
propriet` a, 75
zeri, 74
Trasformatore combinato di tensione e cor-
rente, 236
Trasformatore di corrente, 124, 220
a pi ` u rapporti, 228
caratteristiche nominali, 223
errore composto, 227
errore di fase, 223
errore di rapporto, 223
incertezza di misura, 246
per misura, 224
per protezione, 227
rapporto di trasformazione, 220
taratura, 242
Trasformatore di misura, 219
diagramma di Moellinger, 245
incertezza di misura, 246
taratura, 241
Trasformatore di tensione, 123, 229, 237
capacitivo, 237
a pi ` u rapporti, 240
caratteristiche nominali, 239
errore di fase, 238
errore di rapporto, 238
per misura, 239
per protezione, 240
rapporto di trasformazione, 238
incertezza di misura, 246
induttivo, 229
a pi ` u rapporti, 236
caratteristiche nominali, 232
errore di fase, 232
errore di rapporto, 232
Piero Malcovati, Misure Elettriche 315
Indice Analitico
per misura, 234
per protezione, 235
rapporto di trasformazione, 229
taratura, 244
Trigger, 259
Tubo a raggi catodici, 260
Unit` a di misura, 29
legali, 55
Varianza, 39, 49, 50
Varmetro, 99, 130
Verniero temporale, 216
Voltmetro
a valore ecace, 95, 210
a valore medio, 123, 167, 208
digitale, 208
elettrodinamico, 101
elettromagnetico, 95, 123, 154
magnetoelettrico, 94, 114
Walk, 216
Wattmetro
a basso cos (), 129
ad induzione, 102
digitale, 211
elettrodinamico, 99, 126, 154
316 Piero Malcovati, Misure Elettriche